La promozione dell informazione, della comunicazione e della partecipazione dei cittadini nella ASL 4 Terni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La promozione dell informazione, della comunicazione e della partecipazione dei cittadini nella ASL 4 Terni"

Transcript

1 La promozione dell informazione, della comunicazione e della partecipazione dei cittadini nella ASL 4 Terni 16 Novembre 2011 Monica Isidori, Responsabile URP Asl 4

2 Audit civico 2010 Le criticità emerse riguardano le componenti: orientamento al cittadino e coinvolgimento delle organizzazioni civiche nelle politiche aziendali riguardano tra l altro L ACCESSIBILITA AI SERVIZI LA TUTELA DEI DIRITTI L INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

3 Informazione e comunicazione Azioni di migliorame nto 2011 Nuovo sito web aziendale (luglio 2011) Campagne di informazione nei media su alcol, donazione del sangue, diabete, vaccinazione Redazione della Carta dei servizi Attivazione del Progetto di mediazione culturale Azioni di miglioramento in programmazione per il 2012 Attivazione del Numero Verde Unico in Sanità (NUS) per informazione, disdetta e riprenotazione delle prestazioni

4 nuovo sito web aziendale Azioni di miglioramento 2011 Guida ai servizi online con informazioni su tutti i servizi ASL orari e sedi e modalità di accesso ai cittadini Tempi minimi di attesa per le prestazioni (aggiornamento mensile) modulistica scaricabile Modalità di scelta e revoca del MMG/PLS Modalità e modulistica per l accesso a protesi ed ausili Modalità e modulistica per inoltrare reclami, suggerimenti, elogi Modalità e modulistica per garantire l accesso agli atti informazioni ai cittadini attraverso posta elettronica URP Informazioni aggiornate su eventi di rilevanza per operatori e cittadini

5 Redazione della Carta dei servizi Azioni di migliorame nto Pianificazione dell impostazione della carta e raccolta delle informazioni necessarie ( ottobre dicembre 2011) Istituzione di un gruppo di lavoro aziendale con il coinvolgimento dei rappresentanti dei cittadini per la individuazione degli standard ( 2012) Partecipazione alla stesura di una guida ai servizi interistituzionale promossa dalla Prefettura di Terni ( )

6 ATTIVAZIONE DEL PROGETTO DI MEDIAZIONE CULTURALE ARACNE Tessere di Cittadinanza attiva Progetto promosso dalla Provincia di Terni con il fondo europeo per l integrazione dei cittadini di paesi terzi con la partnership dei Comuni, della ASL Terni e del FAI A partire da Gennaio 2012 Presenza di 4 mediatori linguistico culturali presso le principali sedi Cup aziendali Interpretariato telefonico tutti giorni dalle ore 8 alla 20 Presenza del mediatore linguistico culturale nei servizi su chiamata Servizi di mediazione specialistica presso i tre consultori distrettuali per 3 ore /settimana Realizzazione di opuscoli informativi plurilingue relativamente all accesso ed utilizzo dei servizi sanitari e traduzione di moduli vari

7 Promozione della partecipazione dei cittadini e tutela dei diritti Azioni di migliorame nto 2011 Stesura del nuovo Regolamento di Pubblica Tutela - Individuazione del percorso della gestione del reclamo - Istituzione della commissione mista conciliativa (2012) - Predisposizione dei report reclami Coinvolgimento delle organizzazioni civiche nei comitati per il BUON USO DEL SANGUE con rappresentante AVIS e TDM per il progetto OSPEDALE E TERRITORIO SENZA DOLORE

8 Promozione della partecipazione dei cittadini e tutela dei diritti Azioni di migliorame nto 2011 Attivazione a Terni e Orvieto del Punto Ascolto Alzheimer. Filo diretto con tutti coloro che hanno bisogno di informazioni sulla malattia di Alzheimer o sulle demenze senili in collaborazione con i rappresentanti dell Ama Coinvolgimento e partecipazione delle associazioni dei malati cronici, dei disabili e delle persone con problemi di dipendenza p. es. - Associazione Diabetici, - Centro per l Autonomia Umbra, collaborazione per l attivazione del contact center tramite link presente nel sito aziendale - Associazione alcolisti in trattamento

9 Concludendo La partecipazione alle scelte di salute è un diritto oltre che un dovere del cittadino, non solo arricchisce ma soprattutto porta una visione nuova e diversa dei problemi, spesso trascurata L esperienza dell Audit civico ha creato un occasione per ripensare e migliorare le attività di informazione, comunicazione e partecipazione dei cittadini nella gestione della salute in un ottica di Sistema Integrato di monitoraggio permanente della qualità dei servizi oltre che potenziare le esperienze di empowerment della Cittadinanza.

10 Grazie per l attenzione

La partecipazione dei cittadini: l esperienza della Regione Toscana

La partecipazione dei cittadini: l esperienza della Regione Toscana CESVOT Associazione Voglia di vivere Conoscere per scegliere: orientarsi in salute e sanità Corso di formazione per volontari La partecipazione dei cittadini: l esperienza della Regione Toscana Pistoia,

Dettagli

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA )

IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 ASPETTI RELAZIONALI IMPEGNI (OBIETTIVI DI QUALITA ) IMPEGNI E STANDARD CARTA DEI SERVIZI AZIENDA USL 4 PRATO ANNO 2013 La tabella riporta gli impegni (o obiettivi di qualità) che l Azienda vuole garantire nella erogazione dei servizi e delle prestazioni.

Dettagli

UOc Comunicazione Staff Direzione Generale

UOc Comunicazione Staff Direzione Generale 1 Gestione procedura segnalazioni (reclami, suggerimenti, osservazioni, elogi/apprezzamenti): raccolta espressioni trasmissione alla struttura interessata risposta all utente Art. 14, comma /, D.lgs 30.12.1992,

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione 194 Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione L attività prevalente su cui si è incentrata l attività dello staff Comunicazione nel

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA

ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA QUALIFICAZIONE DELL INFORMAZIONE E DEI PERCORSI DI ORIENTAMENTO E ACCESSO AI SERVIZI SANITARI E SOCIO SANITARI PER LE PERSONE STRANIERE Premesso che il Piano Sanitario Nazionale

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI PREMESSO che il D Lgs 502/1992 all art. 14 stabilisce il principio del costante adeguamento

Dettagli

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING 17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING Nel 2000 è stato istituito il Sistema Comunicazione e Marketing, in applicazione di una specifica normativa ed in attuazione del Piano Sanitario Regionale 1999-2001.

Dettagli

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione

Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione Capitolo 5 - Sistema di relazioni e strumenti di comunicazione 150 Segnaletica: bacheche e totem/espositori Bacheche Nel corso dell anno si è provveduto alla rimozione delle bacheche precedentemente collocate

Dettagli

http://www.comune.genova.it/servizi/qualita

http://www.comune.genova.it/servizi/qualita Delibera ASPL n. 34/2013 Carta dei Servizi Protezione Civile Anno 2013 PREMESSE GENERALI Corpo Polizia Municipale Settore Protezione Civile Comunicazione Operativa e Polizia Ambientale Ufficio di Protezione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI UMANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DI RICOVERO

PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI UMANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DI RICOVERO Area Dipartimentale Gestione e Sviluppo Risorse Umane UOSD Comunicazione Integrata aziendale tel 0773/6553404 - fax 0773/6553461 comunicazioneintegrata@ausl.latina.it PIANO DI MIGLIORAMENTO DEL GRADO DI

Dettagli

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria

Incontro di presentazione dei servizi attivati. 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria Incontro di presentazione dei servizi attivati 30/01/2015 Ore 16.00 18.00 Università per Stranieri Dante Alighieri Reggio Calabria L ambito del progetto Fondo FEI Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini

Dettagli

U.O.S IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI QUALITA. Attività e Procedimenti - Tipologie di procedimenti

U.O.S IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI QUALITA. Attività e Procedimenti - Tipologie di procedimenti U.O.S IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI QUALITA Attività e Procedimenti - Tipologie di procedimenti Per ciascuna tipologia di procedimento: Riferim ento normat ivo Art. 5 c.1 lett. A) d.lgs n./20 1 Responsabile

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giuseppe Scaramuzza Indirizzo Roma - Italy E-mail gius.scaramuzza@gmail.com Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

O.R.I.A. Osservatorio ricerca e innovazione aziendale Area delle Associazioni e Fondazioni di Volontariato e di Ricerca. Attività dell Associazione

O.R.I.A. Osservatorio ricerca e innovazione aziendale Area delle Associazioni e Fondazioni di Volontariato e di Ricerca. Attività dell Associazione Servizio Formazione Innovazione Clinica e Biblioteca Osservatorio ricerca e innovazione aziendale Attività dell Associazione CITTADINANZaTTIVA- Tribunale per i diritti del malato Seduta del 22 09 2010

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione

Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione Corso di Alta Formazione Comunicazione per l innovazione della Pubblica Amministrazione I contenuti La comunicazione organizzativa leva del cambiamento (I sessione) - L articolazione delle strutture nelle

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 15 2. TITOLO AZIONE Mediazione linguistica 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione. Audit Civico nella Giustizia Civile

Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione. Audit Civico nella Giustizia Civile Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione Audit Civico nella Giustizia Civile 1 AUDIT CIVICO NELLA GIUSTIZIA CIVILE PRESENTAZIONE DEI RISULTATI Roma, 23 novembre

Dettagli

Comune della Spezia Cdr 0213. SCHEDA COMUNICAZIONE UFFICIALE AL PUBBLICO (Carta dei Servizi standard)

Comune della Spezia Cdr 0213. SCHEDA COMUNICAZIONE UFFICIALE AL PUBBLICO (Carta dei Servizi standard) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO AL PUBBLICO Tipologia del servizio al pubblico: L Informa Giovani è un Servizio Pubblico che promuove l informazione, l orientamento e la partecipazione attraverso un piano integrato

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

I dati statistici relativi al 2011 vi vengono presentati in tre elaborazioni:

I dati statistici relativi al 2011 vi vengono presentati in tre elaborazioni: I dati statistici relativi al 211 vi vengono presentati in tre elaborazioni: 1. suddivisi secondo le tipologie dei centri (23 211) 2. raggruppati secondo le categorie dei centri (23 211) 3. presentazione

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE GIMBE : EVIDENZE E INNOVAZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA SANITÀ PUBBLICA

CONFERENZA NAZIONALE GIMBE : EVIDENZE E INNOVAZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA SANITÀ PUBBLICA 1 di 5 10/03/2014 12:25 Azienda Sanitaria Locale N 5 "Spezzino" Cerca gimbe Home Contatti PEC Help Mappa Elenco Siti Tematici Posta Prevenzione Home PER IL CITTADINO Emergenza e 118 Ospedale Servizi territoriali

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO ALLA SANITA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria

Dettagli

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 1) LINEA DI ATTIVITA E TITOLO DEL PROGETTO: 16-3.1.1,16-3.1.1 a/b,17-3.1.2 Consolidamento,promozione e miglioramento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

Gli effetti dell Audit civico.

Gli effetti dell Audit civico. Gli effetti dell Audit civico. Per valutare gli effetti dell Audit civico sono stati presi in considerazione cinque ambiti diversi. le azioni di adeguamento agli standard poste in atto, nel livello aziendale,

Dettagli

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COMUNICAZIONE PER L INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Corso di Alta Formazione - Pubblica Amministrazione, Sanità e No Profit Premessa E comprovato che in ogni organizzazione la formazione riveste

Dettagli

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo

Rev.1 del 30 maggio 2013. Il modello organizzativo Rev.1 del 30 maggio 2013 Il modello organizzativo INDICE 1. Premessa 2. Missione 3. Sistema di responsabilità 4. Mappa dei processi 5. Mansionario 1. Premessa Un laboratorio congiunto di ricerca sui temi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lori Barbara Nazionalità Data di nascita Italiana 30 giugno 1968 ESPERIENZA LAVORATIVA da gennaio 1989 ad

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

SERVIZI DISPONIBILI SUL SISS - SISTEMA INFORMATIVO SOCIO-SANITARIO

SERVIZI DISPONIBILI SUL SISS - SISTEMA INFORMATIVO SOCIO-SANITARIO SERVIZI DISPONIBILI SUL SISS - SISTEMA INFORMATIVO SOCIO-SANITARIO 1. Elemento chiave è il possesso della Carta Regionale dei Servizi rilasciata ad ogni cittadino. 2. L accesso ai servizi online avviene

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

800 033 033 L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna

800 033 033 L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna 800 033 033 L Informa-Tutti sui servizi per la salute in Emilia-Romagna Il servizio informativo che ti dice: dove andare cosa serve come fare quando hai bisogno di servizi e di assistenza IL NUMERO VERDE

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DI AGENDA 22

LA SPERIMENTAZIONE DI AGENDA 22 LA SPERIMENTAZIONE DI AGENDA 22 Pescara 11 ottobre 2007 COS È AGENDA 22 Agenda 22 è un metodo per la stesura di Piani relativi alle politiche sulla disabilità (DPP) che implementino le Regole Standard

Dettagli

Piani di Miglioramento Aziendali per appropriatezza e qualità dei servizi per il cittadino

Piani di Miglioramento Aziendali per appropriatezza e qualità dei servizi per il cittadino originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza Il presente documento é stato predisposto al fine di soddisfare la Direttiva Regionale Prot. 73536 del 08/10/2012

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016. Giunta regionale Giornata della trasparenza 22 dicembre 2014 Palazzo Silone L Aquila

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016. Giunta regionale Giornata della trasparenza 22 dicembre 2014 Palazzo Silone L Aquila Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Giunta regionale Giornata della trasparenza 22 dicembre 2014 Palazzo Silone L Aquila Percorso elaborazione ed approvazione PTTI 2014-2016

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MANUELA SILVESTRI

INFORMAZIONI PERSONALI MANUELA SILVESTRI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANUELA SILVESTRI Qualifica ASSISTENTE SOCIALE Amministrazione COMUNITA TERRITORIALE DELLA VAL DI FIEMME Incarico attuale RESPONSABILE SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE DGR 729 del 4 agosto 2005-08-29 REGIONE LAZIO OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alla Sanità; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI

SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI BANDO di concorso buone pratiche per l Umanizzazione delle cure Sembra assurdo che i servizi nati per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia CARTA DEI SERVIZI del placement dell Università Iuav di Venezia 1 indice 1. La Carta dei Servizi 3 2. Il placement di IUAV 4-6 2.1. servizi offerti a laureandi e laureati 2.2. servizi offerti alle imprese

Dettagli

URP MARKETING & COMUNICAZIONE PRIVACY

URP MARKETING & COMUNICAZIONE PRIVACY URP MARKETING & COMUNICAZIONE Responsabile: Dott. Domenico Masciari PRIVACY L Ufficio Relazioni con il Pubblico dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro è un servizio di comunicazione che ha come

Dettagli

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP B53I12000030003 GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti CORRELARE: partnership ed esiti del progetto Rosita Viola Provincia

Dettagli

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE Centro di riferimento della Regione Lazio per la Sclerosi Multipla [Prof. Diego Centonze] Carta dei Servizi FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE L AMBULATORIO GENERALE L AMBULATORIO

Dettagli

Il ruolo del volontariato nei processi comunicativi

Il ruolo del volontariato nei processi comunicativi Il ruolo del volontariato nei processi comunicativi Esperienza del Comitato Consultivo Misto dell Azienda Osp.Univ. di Ferrara Sabato 1 Febbraio 2014 Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Ferrara Norme

Dettagli

RIESAME DI DIREZIONE E RAPPORTO DI. ( 21.06.11) a.s. 2010-2011. Collegio Docenti 1 settembre 2011

RIESAME DI DIREZIONE E RAPPORTO DI. ( 21.06.11) a.s. 2010-2011. Collegio Docenti 1 settembre 2011 RIESAME DI DIREZIONE E RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE ( 21.06.11) a.s. 2010-2011 Collegio Docenti 1 settembre 2011 RIESAME - ALCUNI DATI Rif. 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi Processo 1 : formativo

Dettagli

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013 Le Linee Guida per i siti Web della P.A., redatte in base al art. 4 della Direttiva n. 8/2009 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione prevedono la pubblicazione periodica dei Dati

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 11 e 16 FEBBRAIO 2010 CANNOCCHIALE... 1 CANNOCCHIALE... 2 CANNOCCHIALE... 3 PANORAMA... 4 UNA PAROLA AL GIORNO...

CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 11 e 16 FEBBRAIO 2010 CANNOCCHIALE... 1 CANNOCCHIALE... 2 CANNOCCHIALE... 3 PANORAMA... 4 UNA PAROLA AL GIORNO... CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 11 e 16 FEBBRAIO 2010 CANNOCCHIALE... 1 Oncoguida... 1 CANNOCCHIALE... 2 Giornata nazionale del Braille... 2 CANNOCCHIALE... 3 droganews.it, più informazione su tossicodipendenze...

Dettagli

La Nuova Organizzazione. Associativa. Certificazione ISO e Maggiori Servizi al. Convegno Associativo per Dirigenti di Sezione - Reana del

La Nuova Organizzazione. Associativa. Certificazione ISO e Maggiori Servizi al. Convegno Associativo per Dirigenti di Sezione - Reana del La Nuova Organizzazione Certificazione ISO e Maggiori Servizi al Associativa Donatorepresented by F. Cosci Resp. Sistemi Informativi e Qualità Convegno Associativo per Dirigenti di Sezione - Reana del

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA AZIENDA ULSS 16 di PADOVA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA AZIENDA ULSS 16 di PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE DI PUBBLICA TUTELA AZIENDA ULSS 16 di PADOVA Art. 1 - Finalità del Regolamento 1.1. L Azienda ULSS 16 si impegna a garantire la tutela dei cittadini e degli utenti dei suoi servizi

Dettagli

SPORTELLO RISORSE PER IL TERRITORIO

SPORTELLO RISORSE PER IL TERRITORIO RISORSE PER IL RISORSE PER IL Il Contesto Il ricorso alle fonti di finanziamento di livello comunitario, nazionale e regionale può consentire alle Amministrazioni comunali di promuovere e sviluppare delle

Dettagli

L Assessorato alla Sanità della regione Marche ed il Coordinamento Regionale del Tribunale per la Tutela dei diritti del Malato CONVENGONO E STIPULANO

L Assessorato alla Sanità della regione Marche ed il Coordinamento Regionale del Tribunale per la Tutela dei diritti del Malato CONVENGONO E STIPULANO PROTOCOLLO D INTESA tra l Assessorato alla Tutela della salute, volontariato, veterinaria, acque minerali termali e sorgenti della Regione Marche ed il Movimento Cittadinanzattiva Tribunale per i Diritti

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Gestione delle risorse umane, tecnologiche e strutturali

Gestione delle risorse umane, tecnologiche e strutturali Gestione delle risorse umane, tecnologiche e strutturali Chiara Serpieri Direttore Amministrativo Politiche aziendali nella gestione delle risorse CAPITALE UMANO INFORMATIZZAZIONE e TECNOLOGIE STRUTTURE

Dettagli

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese.

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. Nell ottica di favorire ulteriormente l accesso alle prestazioni da parte degli utenti e facilitare le modalità di prenotazione,

Dettagli

UOS. Relazioni Pubbliche

UOS. Relazioni Pubbliche Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2013 Premessa La programmazione della comunicazione aziendale per il 2013 prende le mosse dalle più recenti

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI PROTOCOLLO DI INTESA TRA ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI E CITTADINANZATTIVA TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO Premesso che: è convinzione comune delle parti che il servizio sanitario pubblico rappresenti

Dettagli

Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed

Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed CARTA DELLA QUALITà DELLA FARMACIA 2 Questa farmacia si impegna a rispettare e divulgare i 14 diritti della Carta Europea dei Diritti del Malato, promossa da Cittadinanzattiva, ed assicura: accessibilità,

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 rilasciato da: Direttore Sanitario & data dell autorizzazione: 01.02.2013 ID: 148/13 Direttore Tecnico-Assistenziale Rev Nr. 00 revisione

Dettagli

L esperienza AO L.Sacco di Milano Quale valore aggiunto. Quali errori nei percorsi

L esperienza AO L.Sacco di Milano Quale valore aggiunto. Quali errori nei percorsi Sistemi di Gestione per la Qualità in strutture sanitarie complesse Esperienze a confronto Milano 27 gennaio 2004 L esperienza AO L.Sacco di Milano Quale valore aggiunto. Quali errori nei percorsi Dott.ssa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI Allegato ART. 1 Funzione dei CCM Le funzioni fondamentali dei Comitati Consultivi Misti stabilite al 2 comma, lettere a), b), c), d) della

Dettagli

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Obiettivo del Report è quello di fornire un quadro delle attività dell Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Ente allo scopo di valutare

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

La partnership e il nucleo del team progettuale

La partnership e il nucleo del team progettuale PROGRAM DAPHNE III " Tripudium - WOMAN IN THE DANCE OF EUROPEAN CULTURE " ****** La partnership e il nucleo del team progettuale Il progetto prevede: Costruzione di una rete stabile e sinergica livello

Dettagli

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI PAGINA 1 DI 7 GESTIONE CARTA DEI SERVIZI 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE... 3 6.1 NUCLEO PERMANENTE

Dettagli

Il Sistema di qualità. delle Unità di raccolta Avis

Il Sistema di qualità. delle Unità di raccolta Avis delle Unità di raccolta Avis La Legge 21 ottobre 2005, n. 219 ha confermato che le Associazioni dei donatori volontari del sangue possono gestire strutture incaricate della raccolta del sangue (Unità di

Dettagli

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI PER L ANNO 2012

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI PER L ANNO 2012 RELAZIONE SULLA SITUAZIONE COMPLESSIVA DEI RECLAMI PER L ANNO 2012 Marzo 2013 Società del Gruppo Indice 1. Introduzione... 3 2. Reclami / esposti pervenuti nell esercizio 2012... 4 2.1 Reclami - dati quantitativi...

Dettagli

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA DICEMBRE 2007 Caso ZETEMA ZETEMA 100% DEL COMUNE DAL 2005 Acquisita nel 2005 da parte del Comune di Roma, Zètema Progetto Cultura opera dal 1998 per favorire e sviluppare una fruizione ottimale del patrimonio

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

PREMESSE GENERALI. Uffici di Protezione Civile Via di Francia, 3 Segreteria tel. 010-5573445 fax 010-5573452 Email: protezionecivile@comune.genova.

PREMESSE GENERALI. Uffici di Protezione Civile Via di Francia, 3 Segreteria tel. 010-5573445 fax 010-5573452 Email: protezionecivile@comune.genova. Delibera ASPL n. 16/2014 Carta dei Servizi Protezione Civile Anno 2014 PREMESSE GENERALI Corpo Polizia Municipale Settore Protezione Civile, Comunicazione Operativa e Polizia Ambientale Uffici di Protezione

Dettagli

AUDIT CIVICO DEL SERVIZIO DI CALL CENTER DI SEGNALAZIONE GUASTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NEL COMUNE DI ROMA

AUDIT CIVICO DEL SERVIZIO DI CALL CENTER DI SEGNALAZIONE GUASTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NEL COMUNE DI ROMA AUDIT CIVICO DEL SERVIZIO DI CALL CENTER DI SEGNALAZIONE GUASTI DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NEL COMUNE DI ROMA (Luglio 2007) L AGENZIA PER IL CONTROLLO E LA QUALITÀ DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI DEL COMUNE

Dettagli

OPPORTUNITA PER CITTADINI E IMPRESE

OPPORTUNITA PER CITTADINI E IMPRESE Comune di Novara AZIENDA SANITARIA LOCALE N.13 NOVARA L INNOVAZIONE A NOVARA: OPPORTUNITA PER CITTADINI E IMPRESE UTILIZZI IN SANITA L ESPERIENZA NELL ASL N. 13 DI NOVARA Novara, 25 novembre 2005 Faletti

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI

PUBBLICA ASSISTENZA CROCE VERDE PIOLTELLO CARTA DEI SERVIZI COS È LA CARTA DEI SERVIZI? CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è un documento che la legge italiana, precisamente la Legge n. 328/2000, ha voluto si realizzasse nel processo di innovazione fra istituzioni

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti Antonio Brambilla Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 cosa prevede la norma nazionale per gli STP L assistenza sanitaria a favore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

CALL CENTER REGIONALE. 24 marzo 2009

CALL CENTER REGIONALE. 24 marzo 2009 CALL CENTER REGIONALE 24 marzo 2009 Agenda Lombardia Informatica Il Progetto CRS-SISS Il Call Center Regionale Il numero verde unico per le prenotazioni ospedaliere L infrastruttura Lombardia Informatica

Dettagli

A seguire vengono riportati alcuni esempi di carta intestata e buste da utilizzare per tale tipologia di comunicazione.

A seguire vengono riportati alcuni esempi di carta intestata e buste da utilizzare per tale tipologia di comunicazione. A seguire vengono riportati alcuni esempi di carta intestata e buste da utilizzare per tale tipologia di comunicazione. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse Patrimoniali e Finanziarie, Politiche

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

servizi e progetti sperimentali in materia di immigrazione per favorire l inserimento sociale e lavorativo dei cittadini stranieri

servizi e progetti sperimentali in materia di immigrazione per favorire l inserimento sociale e lavorativo dei cittadini stranieri servizi e progetti sperimentali in materia di immigrazione per favorire l inserimento sociale e lavorativo dei cittadini stranieri 1 Servizio Informazioni Stranieri (S.I.S.) - dal 1998 servizio pilota

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

ASL SALERNO VIA NIZZA 146-SALERNO Curriculum Formativo e Professionale di :

ASL SALERNO VIA NIZZA 146-SALERNO Curriculum Formativo e Professionale di : ASL SALERNO VIA NIZZA 146-SALERNO Curriculum Formativo e Professionale di : INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Marisa Caruana Telefono 089 693524 Fax 089 251629 E-mail marisa.caruana@aslsalerno2.it

Dettagli

ALLEGATO 17 GLI INTERVENTI SOCIO SANITARI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA

ALLEGATO 17 GLI INTERVENTI SOCIO SANITARI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA ALLEGATO 17 GLI INTERVENTI SOCIO SANITARI A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA Le modificazioni - avvenute in questi ultimi anni - nella struttura sociale, la crisi economica, le manifestazioni di una debolezza dei

Dettagli

PREMESSE GENERALI. Direzione Scuola, Sport e Politiche Giovanili Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254-5577350

PREMESSE GENERALI. Direzione Scuola, Sport e Politiche Giovanili Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254-5577350 Delibera n. 4/2013 Carta dei Servizi del Diritto allo Studio Anno scolastico 2012-2013 PREMESSE GENERALI Direzione Scuola, Sport e Politiche Giovanili Via di Francia 1 16149 GENOVA Segreteria tel. 010

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P I E MO NTE Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

per il Il martedì ed il venerdì dalle ore 9.00 alle ore 10.30 presso l Ospedale di Bovolone Il sabato dalle 10.00 alle 12.00 in sede ad Oppeano

per il Il martedì ed il venerdì dalle ore 9.00 alle ore 10.30 presso l Ospedale di Bovolone Il sabato dalle 10.00 alle 12.00 in sede ad Oppeano Le Associazioni di volontariato L Azienda ULSS 21 è immersa in un contesto sociale ricco e partecipato (istituzioni, enti, associazioni, media, professionisti, imprese) con il quale intrattiene molteplici

Dettagli