REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI"

Transcript

1 REGOLAMENTO DI PRIMA APPLICAZIONE PER LA TENUTA DEGLI INVENTARI

2 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Classificazione dei beni Art.3 - Beni mobili non inventariabili Art.4 Responsabile dei beni Art.5 Sede Inventariale Art.6 Consegnatario dei beni Art.7 Referente per l inventario Art.8 Criteri di valutazione Art.9 Trasferimento, dismissioni e cessioni beni mobili Art.10 Disposizioni di prima applicazione

3 Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento detta i criteri di prima applicazione per la tenuta degli inventari di beni mobili ed immobili di proprietà dell Agenzia. 2. A tale scopo, definisce le classificazioni omogenee e le categorie dei beni patrimoniali allo scopo di agevolarne la gestione. Art. 2 Classificazione dei beni 1. I beni iscritti nell inventario sono classificati come segue: - Immobilizzazioni materiali - Immobilizzazioni immateriali. 2. Le immobilizzazioni materiali sono divise nelle seguenti categorie: a) Beni immobili: - terreni; - fabbricati. b) Beni mobili: - impianti e macchinari; - attrezzature e strumentazioni tecnico-scientifiche; - attrezzature di laboratorio; - mobili e arredi; - hardware e altre macchine ordinarie d ufficio; - automezzi. 3. Le immobilizzazioni immateriali comprendono le categorie di seguenti: - costi d impianto - costi di ricerca e sviluppo - costi di pubblicità - diritti di brevetto e utilizzo opere d ingegno - concessione licenze marchi e diritti - altre immobilizzazioni immateriali. Art.3 Beni mobili non inventariabili 1. Sono esclusi dall inventario i materiali di consumo il cui valore è inferiore a 103,29 e che risultano deteriorabili entro 12 mesi, quali ad esempio materiali di cancelleria, materiali in vetro ad uso laboratorio, etc. 2. Sono comunque inventariabili alcuni beni di facile consumo, indipendentemente dal loro effettivo valore economico, in particolare: arredi da ufficio (sedie, cassettiere, attaccapanni, pedane, tendaggi, cornici, quadri) e materiale economale (calcolatrici, lampade da tavolo).

4 Art.4 Responsabile dei beni Responsabile dell inventario generale dei beni mobili e immobili è il responsabile della Sezione Patrimonio. Esso si raccorda, alla fine di ogni anno, in fase di redazione del bilancio d esercizio, con la Sezione Contabilità e Controllo di Gestione ai fini della quadratura dei dati. Art.5 Sede inventariale Ai fini del presente regolamento, per sede inventariale si intende un raggruppamento di uffici coincidente con una struttura di massima dimensione o con parte di essa, ovvero comprendente parti di più strutture, che, ai soli fini della tenuta dei registri di consistenza e della gestione dei beni, rappresenta un unico complesso organico di beni. Art.6 Consegnatario dei beni I beni mobili di proprietà dell Agenzia oggetto di inventariazione sono affidati a consegnatari, cui è affidata una o più sedi inventariali. Il consegnatario dei beni è di norma il Dirigente, o, qualora non presente, la posizione organizzativa della struttura cui appartiene la sede inventariale. E data facoltà al consegnatario, sotto la propria responsabilità, di delegare alle posizioni organizzative presenti nella propria struttura la responsabilità quali consegnatari. Il consegnatario è responsabile della corretta e regolare manutenzione e conservazione dei beni affidatigli, e ne cura la dislocazione all interno della sede inventariale, mediante un complesso di attività che garantiscano sia l integrità dei beni che la loro costante idoneità funzionale. Provvede alla ricognizione materiale dei beni, ogni dieci anni Collabora a fine esercizio con il responsabile della Sezione Patrimonio all aggiornamento dello stato di consistenza dei beni che risultano a suo carico. Art.7 Referente per l inventario Il referente per l inventario è un funzionario individuato dal consegnatario, e si occupa delle operazioni di acquisto dei beni mobili, di aggiornamento dell inventario e di apposizione delle etichette sui beni. Art.8 Criteri di valutazione In sede di prima applicazione, la registrazione dei beni immobili avverrà secondo le specifiche disposizioni di cui al Decreto Legislativo 118/2011. In sede di prima applicazione, la registrazione dei beni mobili nell inventario dovrà contenere i seguenti dati:

5 DATI IDENTIFICATIVI: Consegnatario Ubicazione del bene Centro di analitica Numero di inventario e data di carico Classificazione e codifica Descrizione CARATTERISTICHE TECNICHE: Caratteristiche tecniche Causale di acquisizione Fornitore Numero e data fattura Costo (valore di acquisto o valore attribuito) Stato di conservazione I beni mobili vengono rilevati al valore iniziale, costituito dal prezzo di acquisto maggiorato dell IVA indetraibile, nonché al lordo delle eventuali spese accessorie, di trasporto, installazione e collaudo. Ai beni acquisiti a titolo gratuito va attribuito il valore presunto di mercato del bene al momento dell acquisizione. Qualora si ignori il valore da assegnare al bene da inventariare lo stesso può essere desunto per analogia da beni dello stesso genere e tipo già stimati ovvero può essere desunto da cataloghi o listini; se non è possibile effettuare una stima, il valore assegnato è simbolicamente pari ad Euro 100,00. Si rimanda comunque, in questa prima fase di ricognizione, ai principi contabili vigenti. Art.9 Trasferimento, dismissioni e cessioni beni mobili Le attività di trasferimento, dismissioni e cessioni dei beni mobili già inventariati dovranno essere comunicate al Servizio Patrimonio da parte del consegnatario, con le modalità che verranno stabilite, con disposizioni dirigenziali interne, appositamente adottate. Art.10 Disposizioni di prima applicazione Fino alla completa informatizzazione del registro dei beni mobili, a seguito della ricognizione straordinaria in atto, prevista ogni dieci anni, ed ancora in fase di ultimazione, si rimanda, per quanto non previsto dal presente regolamento, a disposizioni interne e transitorie.

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres.

L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. L.R. 10/1997, art. 30 B.U.R. 4/11/2015, n. 44 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 ottobre 2015, n. 0225/Pres. Regolamento per la gestione dei beni mobili regionali, ai sensi dell articolo 30 della

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI IMMOBILI E MOBILI FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato C alla deliberazione n. 02/08 del Consiglio di Amministrazione del 12 maggio 2008 Modificato nella

Dettagli

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia

O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia O.S.E.A. Opere di Servizi Educativi Assistenziali Reggio Emilia Azienda pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO PER LA CATALOGAZIONE, ASSEGNAZIONE E TENUTA DEI BENI MOBILI Articolo 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni per la tenuta e la gestione dell inventario dell Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica

Allegato 1 Disposizioni per la tenuta e la gestione dell inventario dell Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica Allegati 1 e 2 P.ti OdG 8 e 9 CdA del 28/04/2016 Allegato 1 Disposizioni per la tenuta e la gestione dell inventario dell Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica CAPO I - GESTIONE IMMOBILIZZAZIONI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente.

La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni mobili ed immobili dell ente. Via Lepanto, 95 80045 POMPEI (Na) info@asfel.it 366.14.70.789 Spett.le Comune di Oggetto: servizio inventario La normativa vigente impone la redazione e l aggiornamento annuale dell inventario dei beni

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA Ministero dell'lstruzione dell'ljniversità e della Ricerca ALT'A FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI L'AQUILA EMANAZIONE REGOLAMENTO ANTIFIUMO IL PRESIDENTE VISTA la Delibera del Consiglio

Dettagli

Primo avvio del modulo: caricamenti da operare. Posizioni inventariali

Primo avvio del modulo: caricamenti da operare. Posizioni inventariali INDICAZIONI OPERATIVE PER L AVVIO E LA GESTIONE DEL MODULO INVENTARIO Primo avvio del modulo: caricamenti da operare Una volta messo a disposizione delle strutture il modulo inventario (che, solo in questa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DELL ENPALS 1 CAPO I Disposizioni generali Indice Articolo 1. Ambito di applicazione 3 Articolo 2. Normativa applicabile 3 Articolo 3. Composizione del patrimonio

Dettagli

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari

Il Patrimonio. Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari Il Patrimonio Elementi del regolamento di Amministrazione e Contabilità per la gestione del patrimonio nei dipartimenti universitari 6 e 22 febbraio 2007 a cura di Noemi Rossi 1 Inventario I beni immobili

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo di acquisto o di produzione. Nel costo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO Emanato con D.R. n. 10792 del 8.1.2007. Ultime modifiche apportate con D.R. n. 14650 del 15.05.2009. Entrato in vigore il 30.05.2009 1 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO

Dettagli

1) L acquisizione dei beni strumentali

1) L acquisizione dei beni strumentali Parte Seconda: Processi e rilevazioni della gestione caratteristica 1) L acquisizione dei beni strumentali Classificazione. Le immobilizzazioni sono costituite da tutti gli elementi del patrimonio di funzionamento

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Prot. N. 0006266 /C7 Cascina, 31/10/2015 All Albo Istituto sul Sito WEB dell Istituto Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto Art.1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA

REGOLAMENTO. DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA Fire nze 3 1-10-2012 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L'An-IVITÀ E LE RESPONSABILITÀ DEI CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE INDICE ART. 1- OGGETTO

Dettagli

LA DIRIGENTE SCOLASTICA

LA DIRIGENTE SCOLASTICA LA DIRIGENTE SCOLASTICA Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n 44, artt. 23, 24, 25, 26, 27, 28 e 39; Vista la nota del MIUR, Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie

Dettagli

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società industriale Alfa S.p.A. deve redigere il Bilancio dell esercizio 20x5 ai sensi della normativa nazionale. A tal fine, si

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

Città di CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E IMMOBILI DEL COMUNE DI CAMPOSAMPIERO

Città di CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E IMMOBILI DEL COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Città di CAMPOSAMPIERO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI E IMMOBILI DEL COMUNE DI CAMPOSAMPIERO Approvato con atto di Giunta Comunale n. 32 del 25.03.2015 INDICE

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art 14, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. Istruzioni. Vista

Dettagli

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili

Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Avvertenze e istruzioni per la gestione dei beni mobili Allegato alla direttiva n. 14 / 2011 Agenti consegnatari Le/i dirigenti sono agenti consegnatari dei beni presenti negli uffici, nei locali o nei

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO

DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI CASTENASO Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. del. Disposizioni per la gestione dell inventario del Comune di Castenaso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI DELLA PROSERVICE S.P.A. I beni patrimoniali, di cui la Proservice S.p.a ha la proprietà, devono essere descritti in separati inventari, con gli elementi

Dettagli

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi

Inventario. Certificazione ISO:9001 per l Area Servizi Servizio di inventario dei beni mobili ed immobili e determinazione del conto del Patrimonio Il patrimonio, secondo una generale accezione, è costituito dal complesso dei rapporti attivi e passivi facenti

Dettagli

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento Comune di Valsavarenche Inventario Beni Mobili ed Immobili Regolamento Indice Art. 1 Inventario dei Beni Mobili ed Immobili... pag. 3 Art. 2 Classificazione dei Beni... pag. 3 Art. 3 Inventario dei Beni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI PATRIMONIALI ART. 1 OGGETTO DELL INVENTARIO Sono assoggettate all inventario, secondo le norme del presente regolamento, tutte le immobilizzazioni

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO DI CATANIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ART. 1 GESTIONE DEL PATRIMONIO La gestione del patrimonio

Dettagli

PATRIMONIO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA CATEGORIA: MOBILI TIPOLOGIA: MOBILI PROPRI REGIME GIURIDICO: BENI MOBILI PATRIMONIALI DISPONIBILI In questo ambito sono collocati tutti i beni mobili

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale

La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale La valorizzazione e la gestione dei beni del patrimonio mobiliare dell ente locale Introduzione In questi ultimi anni il patrimonio mobiliare ed immobiliare è stato sottovalutato se non addirittura considerato

Dettagli

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA. Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Regolamento di dismissione di beni mobili comunali CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida BOZZA DI REGOLAMENTO DI DISMISSIONE DI BENI MOBILI COMUNALI

Dettagli

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO ED UTILIZZO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI sono: FATTORI PRODUTTIVI AD UTILIZZO PLURIENNALE «STRUMENTI» DEL PROCESSO PRODUTTIVO Le immobilizzazioni incorporano

Dettagli

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO

METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO ALLEGATO I METODOLOGIA DI INVENTARIAZIONE E TENUTA DEL LIBRO DEI CESPITI 1 Introduzione, finalità ed ambito di applicazione Il presente manuale è rivolto al Gestore del S.I.I. con lo scopo di fornire le

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell Istituto (Delibera Consiglio Istituto N. 24 del 29 maggio 2008) Art. 1 Oggetto ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI Federico Flora 33170 Pordenone - Via Colvera Tel. 0434.362844-0434.362845 Fax: 0434.362169 www.professionaleflorapn.it e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI DI PROPRIETA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 Regolamento concernente le istruzioni generali

Dettagli

1. (Economo regionale)

1. (Economo regionale) Allegato alla Delib.G.R. n. 37/12 del 30.7.2009 DIRETTIVE IN MATERIA DI ECONOMATO E CASSA. 1. (Economo regionale) L economo regionale ha compiti di consegnatario centrale e funzioni di coordinamento di

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art.

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio 2010, verbale n.4) Art. SCUOLA MEDIA STATALE A. GRAMSCI Via Allende n 1 - tel. 011 8211152 10036 SETTIMO TORINESE REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PER LA GESTIONE PATRIMONIALE (Deliberazione n. 8 C.d.I. del 25 febbraio

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO Corso Duca degli Abruzzi, 24 10129 Torino www.polito.it

POLITECNICO DI TORINO Corso Duca degli Abruzzi, 24 10129 Torino www.polito.it POLITECNICO DI TORINO Corso Duca degli Abruzzi, 24 10129 Torino www.polito.it REGOLAMENTO DELLA GESTIONE INVENTARIALE E PATRIMONIALE DELLE IMMOBILIZZAZIONI TITOLO I PATRIMONIO Art. 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE BR BRINDISI * * * * * * * REGOLAMENTO SULLA TENUTA DELL INVENTARIO DEL PATRIMONIO AZIENDALE

AZIENDA SANITARIA LOCALE BR BRINDISI * * * * * * * REGOLAMENTO SULLA TENUTA DELL INVENTARIO DEL PATRIMONIO AZIENDALE AZIENDA SANITARIA LOCALE BR BRINDISI * * * * * * * REGOLAMENTO SULLA TENUTA DELL INVENTARIO DEL PATRIMONIO AZIENDALE (Approvato con deliberazione n. 1724 del 06/06/2008) INDICE GENERALE TITOLO I ORDINAMENTO

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE PATRIMONIALE

MANUALE PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DIREZIONE AFFARI CONTRATTUALI E PATRIMONIALI ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE MANUALE PER LA GESTIONE PATRIMONIALE Il testo del Manuale per la gestione patrimoniale dell INFN è stato redatto al solo

Dettagli

Prima di procedere alla chiusura degli inventari è necessario che ogni Struttura verifichi quanto di seguito specificato:

Prima di procedere alla chiusura degli inventari è necessario che ogni Struttura verifichi quanto di seguito specificato: allegato alla CIRCOLARE N. 11/05 SCHEDA TECNICA n. 2 CHIUSURA INVENTARI 2005 Prima di procedere alla chiusura degli inventari è necessario che ogni Struttura verifichi quanto di seguito specificato: a)

Dettagli

La gestione dei beni strumentali

La gestione dei beni strumentali Albez edutainment production La gestione dei beni strumentali Classe IV ITC 1 In questo modulo: Le modalità di acquisizione dei beni strumentali; Beni strumentali e bilancio; Ammortamento dei beni strumentali

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 8 II) SCRITTURE DI GESTIONE G) Relative alle immobilizzazioni E sopravvenienze e insussistenze 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO. Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254, art. 17 Rinnovo degli inventari dei beni mobili di proprietà dello Stato. ISTITUTO COMPRENSIVO DI VIA PASUBIO Via Pasubio 171 36078 Valdagno (VI) Tel. 0445-410428 Fax 0445-426014 Codice Fiacale: 94006060241 Codice Ministeriale: VIIC82800V Indirizzi e-mail: viic82800v@istruzione.it;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI ========================== Anno Scolastico 2014-2015 ========================== REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI CHE COSTITUISCONO

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO

INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO INVENTARIO E CONTO DEL PATRIMONIO PRESENTAZIONE La corretta gestione del patrimonio dell ente è il primo passo verso la tenuta di una efficiente ed economica gestione delle proprie risorse. Immobilizzazioni

Dettagli

Provincia di Foggia Settore Gestione economica, finanziaria e patrimoniale Ufficio Patrimonio

Provincia di Foggia Settore Gestione economica, finanziaria e patrimoniale Ufficio Patrimonio Provincia di Foggia Settore Gestione economica, finanziaria e patrimoniale Ufficio Patrimonio Aggiornamento degli inventari e costruzione Stato patrimoniale finale al 31.12.2011 (art. 230 comma 7 D.Lgs.267/2000)

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE CONCLUSIVA REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEI BENI MOBILI PLURIENNALI AD USO ISTITUZIONALE ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina le attività relative alla gestione e

Dettagli

Prot. 10371/C14 Bagheria, 19/12/2014

Prot. 10371/C14 Bagheria, 19/12/2014 Liceo Ginnasio di Stato Francesco Scaduto Via Dante, 22 90011 Bagheria 091 961359 091 963848 Cod. Sc. PAPC01000V Cod. Fisc. 90007790828 e-mail - papc01000v@istruzione.it pec papc01000v@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona DETERMINAZIONE N. 61 Data di registrazione 13/04/2015 ORIGINALE Oggetto : AGGIORNAMENTO ANNUALE AL 31/12/2014 DELLO STATO PATRIMONIALE E DELL INVENTARIO COMUNALE

Dettagli

Calendario Corso SICOGE sistema integrato di contabilità finanziaria e economico-patrimoniale analitica

Calendario Corso SICOGE sistema integrato di contabilità finanziaria e economico-patrimoniale analitica Calendario Corso SICOGE sistema integrato di contabilità finanziaria e economico-patrimoniale analitica 1^ EDIZIONE ROMA I giorno 23 marzo ARGOMENTI Introduzione generale, principi fondamentali della contabilità

Dettagli

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO.

COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO. COMUNE DI SALERNO DISCIPLINARE PER LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI DEL COMUNE DI SALERNO Pagina 1 di 9 INDICE Premessa Art. 01 - Principi Generali Capo I Principi di Inventariazione

Dettagli

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente Parte I PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente - Nome e forma giuridica - sede legale 1 - sede operativa 1 - sede corrispondenza - rappresentante legale - Codice Fiscale - numero di iscrizione

Dettagli

Ricognizione Off-line

Ricognizione Off-line Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ricognizione Off-line Guida Operativa Versione 1.0 del 23/12/2012 RTI : HP Enterprise

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA Approvato dal Consiglio Generale con deliberazione n. 555. del 14/05/2007 CAPO I ART. 1 FINALITA E PRINCIPI Principi generali L attività amministrativa del

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L INVENTARIO DEI BENI Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 119 del 24.11.2008 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 L inventario dei beni

Dettagli

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 29 DEL 15.09.2015 Anno 2015 giorno 15 mese settembre alle ore 18.00 presso la sede di Via dell'artigliere n. 9 a seguito di regolare convocazione si è riunito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE Agosto 2011

Dettagli

FORTUNAE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO

FORTUNAE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO FORTUNAE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO L inventariazione dei beni di un ente locale è uno strumento indispensabile e pregiudiziale per una effettiva politica alla ricerca dell equilibrio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI, IMMOBILI E IMMATERIALI

REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI, IMMOBILI E IMMATERIALI REGOLAMENTO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO DEI BENI MOBILI, IMMOBILI E IMMATERIALI INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI... 4 Art. 1 - Oggetto... 4 Art. 2 - Inventario di Ateneo... 4 Art. 3 - I

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell'istituto (Del. N C.d'I. del 17 marzo 2008)

Regolamento di Gestione Patrimoniale dell'istituto (Del. N C.d'I. del 17 marzo 2008) Regolamento di Gestione Patrimoniale dell'istituto (Del. N C.d'I. del 17 marzo 2008) Art.1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto le procedure di registrazione inventariale e contabile delle attività

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO N 43 /III Sett. Data 07.05.2013 Aggiornamento annuale al 31/12/2012 dell inventario comunale dei beni mobili

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani Spoleto, 30 Marzo 2007 1 COSTI PER ATTREZZATURE DUREVOLI Le attrezzature durevoli sono beni che: non esauriscono la propria utilità dopo un utilizzo

Dettagli

OPERA PIA COIANIZ TARCENTO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE E GESTIONE OPERATIVA DELL INVENTARIO DEI BENI MATERIALI DELL OPERA PIA COIANIZ

OPERA PIA COIANIZ TARCENTO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE E GESTIONE OPERATIVA DELL INVENTARIO DEI BENI MATERIALI DELL OPERA PIA COIANIZ Azienda pubblica di servizi alla persona OPERA PIA COIANIZ TARCENTO REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE E GESTIONE OPERATIVA DELL INVENTARIO DEI BENI MATERIALI DELL OPERA PIA COIANIZ deliberazione del Consiglio

Dettagli

nliv descrliv codiceclass codiceparentclass descrclass utilizzabili 1 Categoria inventario 1 NULL Mobili, arredi, macchine d'ufficio NO

nliv descrliv codiceclass codiceparentclass descrclass utilizzabili 1 Categoria inventario 1 NULL Mobili, arredi, macchine d'ufficio NO 1 ClassificazioneInventariale.xls Record nliv descrliv codiceclass codiceparentclass descrclass utilizzabili 1 Categoria inventario 1 NULL Mobili, arredi, macchine d'ufficio NO 2 Gruppo J04 1 per la descrizione

Dettagli

Misura C SVILUPPO AZIENDALE

Misura C SVILUPPO AZIENDALE Oggetto Misura C SVILUPPO AZIENDALE Beneficiari Imprese artigiane singole o associate, anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte al Registro delle imprese ed all Albo delle Imprese Artigiane,

Dettagli

Acquisizione delle immobilizzazioni materiali: acquisto

Acquisizione delle immobilizzazioni materiali: acquisto Acquisizione delle immobilizzazioni materiali: acquisto Premessa Le immobilizzazioni, sia esse materiali che immateriali, possono entrare a far parte del patrimonio aziendale in tre modi diversi: in seguito

Dettagli

Università per Stranieri di PERUGIA USCITE (Consolidato d'ateneo)

Università per Stranieri di PERUGIA USCITE (Consolidato d'ateneo) S100 RISORSE UMANE 14.640.006 14.617.877 S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO 9.986.116 9.988.904 S111 Competenze fisse personale a tempo in 9.298.732 9.301.895 1111 Competenze fisse al personale docente

Dettagli

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI

PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI ALLEGATO 2.1 PROCEDURA DI TRASFERIMENTO DEI CESPITI Premessa Nella predisposizione del presente documento si è tenuto conto dei risultati emersi durante la prima fase del nostro lavoro che è consistita

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Emanato con Decreto Rettorale n. 33, prot. n. 1944/A3 del 4 marzo 2010 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DEI BENI MOBILI E DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI INDICE TITOLO I PATRIMONIO Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO INVENTARIALE

REGOLAMENTO INVENTARIALE REGOLAMENTO INVENTARIALE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001, n. 44 art. 23, art.24, art.25, art.26, art.27, art.28, art. 29, art. 30, art.52 Visto il D.P.R. 4 settembre 2002, n. 254,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. - Esercizio 2011 - UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

Regolamento delle immobilizzazioni e della tenuta degli inventari dell Azienda USL 4 Prato

Regolamento delle immobilizzazioni e della tenuta degli inventari dell Azienda USL 4 Prato Area Tecnica Regolamento delle immobilizzazioni e della tenuta degli inventari dell Azienda USL 4 Prato Art.1 Oggetto del regolamento Il presente documento disciplina le immobilizzazioni dell Azienda USL

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA 1 INDICE Art. 1 Scopo del Regolamento Art. 2 Compiti e attribuzione delle funzioni Art. 3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ISTITUTO COMPRENSIVO L.TONGIORGI Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO "L.TONGIORGI" Via O.Gentileschi, 10 56123 PISA Fax 050/560581 Tel. 050/560094 C.F. 93049560506 Prot. N. 4581/A5 Pisa, 26/07/2011 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto il D.I. 1 febbraio 2001,

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Sommario. Parte prima. Il modello di bilancio civilistico: aspetti economico-aziendali e giuridici. 1. Funzioni e principi del bilancio di esercizio

Sommario. Parte prima. Il modello di bilancio civilistico: aspetti economico-aziendali e giuridici. 1. Funzioni e principi del bilancio di esercizio INDICE COMPLETO Sommario Parte prima Il modello di bilancio civilistico: aspetti economico-aziendali e giuridici 1. Funzioni e principi del bilancio di esercizio Funzioni del bilancio e principi di redazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

L atto di indirizzo ha per oggetto la formazione e la tenuta dell inventario delle immobilizzazioni immateriali e dei beni mobili.

L atto di indirizzo ha per oggetto la formazione e la tenuta dell inventario delle immobilizzazioni immateriali e dei beni mobili. ATTO DI INDIRIZZO PER LA TENUTA E LA GESTIONE DELL INVENTARIO (Approvato con Delibera 7 dal CdA nella seduta del 21 giugno 2013 e parzialmente modificato dal CdA nella seduta del 29 novembre 2013) Con

Dettagli

1.SCOPO DEFINIRE DELLE PROCEDURE STANDARD PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO, DOPO CHE LO STESSO SIA LE PROCEDURE COSTITUISCONO

1.SCOPO DEFINIRE DELLE PROCEDURE STANDARD PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO, DOPO CHE LO STESSO SIA LE PROCEDURE COSTITUISCONO 1.SCOPO DEFINIRE DELLE PROCEDURE STANDARD PER LA GESTIONE DELL INVENTARIO, DOPO CHE LO STESSO SIA STATO AGGIORNATO. LE PROCEDURE COSTITUISCONO UN INSIEME DI REGOLE DA SEGUIRE NELLA GESTIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO. Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSIO SOTTO Via Libertà, 17 Osio Sotto e-mail icosiosotto@alice.it Tel. 035/881246 - Fax 035/4823732 REGOLAMENTO INVENTARIO APPROVATO NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 20/6/2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL ATENEO (emanato con decreto rettorale 17 giugno 2002, n.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL ATENEO (emanato con decreto rettorale 17 giugno 2002, n. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL ATENEO (emanato con decreto rettorale 17 giugno 2002, n. 687) INDICE Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Definizioni)

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

Ricognizione Off-line

Ricognizione Off-line Servizi di sviluppo e gestione del Sistema Informativo del Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ricognizione Off-line Guida Operativa Versione 1.0 del 23/12/2012 RTI : HP Enterprise

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. VALORI DELLE FUNZIONI - Esercizio 2014 -

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Università degli Studi di BARI USCITE (Amministrazione centrale - Interventi diritto allo studio)

Università degli Studi di BARI USCITE (Amministrazione centrale - Interventi diritto allo studio) S100 RISORSE UMANE S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO S111 Competenze fisse personale a tempo in 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo in 1112 Competenze fisse ai dirigenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012)

Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione dell inventario (Circolare n. 2233/2012) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per il Bilancio Progetto Co.Ge. Chiarimenti sulla gestione

Dettagli

Dr. Ing. Maurizio Giorgio Garbujo

Dr. Ing. Maurizio Giorgio Garbujo Spett.le Comune Piazza Roma, 7 20088 GUDO VISCONTI (MI) C.se att.ne Resp. Sett. Finanziario Lorena DONINOTTI Novate Milanese, 15 novembre 2011 Oggetto: incarico gestione inventario triennio 2012-2013-2014

Dettagli

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013 SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000141639000000 Ente Descrizione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Categoria Universita' Sotto Categoria UNIVERSITA Periodo ANNUALE 2013 Prospetto PAGAMENTI PER CODICI

Dettagli