GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO"

Transcript

1 GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI DISPENSE DI SUPPORTO ALLO STUDIO CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE DEI PROGETTI E DELLE INFRASTRUTTURE (PROF. ING. GUIDO CAPALDO, ING. ANTONELLO VOLPE) Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO Dicembre 2010

2 5.0 IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO Nei Capitoli precedenti abbiamo analizzato in dettaglio la Fase di Pianificazione del progetto. A conclusione, se pur parziale, di questa fase siamo in grado di avviare la Fase Esecutiva del progetto. Ovvero la fase in cui si realizzano gli obiettivi pianificati. Parallelamente a questa fase il team di progetto e il project manager saranno impegnati a tenere sotto controllo la progressione delle attività, dei tempi e costi rispetto alle baseline di scopo, tempi e costi pianificate. Questa fase va sotto il nome di Monitoraggio e Controllo.

3 5.1 Misurazione dell Avanzamento delle attività di progetto La misurazione dell avanzamento delle attività di progetto identifica un insieme di indicatori rivolti a tenere sotto controllo e prevedere l'andamento delle principali variabili critiche del progetto (i costi, i tempi, la qualità, le risorse, le variazioni di scopo, ecc.). Le metriche includono solitamente una serie di indicatori standard, ma possono essere estese con altri indicatori definiti ad hoc in base alla specifica natura del progetto. Lo scopo che si vuole perseguire è quello di tenere sotto controllo il programma generale e l'avanzamento del progetto, rilevando periodicamente e tempestivamente i dati a consuntivo, in termini di tempi e quantità, relativamente alle risorse previste. Il monitoraggio costituisce il momento di raccolta dei dati necessari per valutare e controllare l'avanzamento del progetto; esso precede il processo di controllo che, come fase successiva, ha lo scopo di verificare l'andamento del progetto. Si procede infatti a: raccogliere i dati di avanzamento in termini di tempi, quantità e costi; aggiornare il programma generale del progetto; identificare gli scostamenti rispetto al programma generale; affinare le stime a finire sulla base di estrapolazioni e simulazioni; elaborare indicatori di andamento parziali e globali; e quindi si passa a: individuare le azioni ed i mezzi necessari per il rispetto degli obiettivi prefissati; proporre azioni correttive per rientrare nei target temporali del progetto. Le rilevazioni effettuate in corso d opera permettono di costruire la curva che rappresenta l avanzamento del progetto nel tempo. L'efficacia del controllo, l'analisi e la ripianificazione del progetto dipendono dalla tempestività nella raccolta dei dati e dalla loro oggettività. Per ottenere un avanzamento realistico e utile al project manager per essere analizzato, si utilizzano dei semplici criteri di valutazione. L'avanzamento fisico, espresso in termini percentuali, delle attività, può essere valutato in diversi modi; in particolare si possono individuare alcuni criteri: Criterio Descrizione Applicazione L avanzamento fisico è calcolato in funzione del numero di unità completate rispetto al numero totale di unità. Viene individuato il totale delle attività espresso per quantità omogenee. Equivalent units (numero di unità finite) (ON-OFF) L avanzamento fisico viene considerato 100% quando l attività Questo criterio è applicabile solo per attività misurabili in quantità numerabili: Produzione di documenti Implementazione di software Tale criterio è applicabile normalmente quando l attività ha

4 50 50 o(20-80) risulta completata. Altrimenti è = a zero. L avanzamento fisico si considera 50% (20%) se l attività è partita, 100% se è invece completata. In particolare si utilizza quando si vuol far risultare un utilizzo di massima di risorse per quell attività. una durata breve e si svolge in un solo periodo di controllo: Approvvigionamento materiali Review del progetto Tale criterio è applicabile normalmente quando l attività ha una durata medio-breve e normalmente si svolge in due periodi di controllo: Analisi ingegneristiche di breve durata Attività di prova Interim milestone L avanzamento fisico si calcola rispetto a milestone chiaramente definite. Percentuale di completamento L avanzamento fisico viene calcolato in funzione della percentuale di lavoro effettivamente realizzato mediante una stima soggettiva. E il criterio utilizzato quando ci sono in gioco diverse risorse. Apportioned effort Sono attività non misurabili fisicamente, ma l avanzamento fisico viene calcolato come da porzione dell impegno correlato a quello dei pacchetti di lavoro a cui sono collegate. Level of effort Output proporzionale all input L avanzamento fisico è pari al valore previsto nel preventivo, essendo le attività legate all evoluzione temporale del progetto. Tale criterio è applicabile per quelle attività non perfettamente misurabili. Viene individuata la quantità totale di unità necessarie all attività. La misura delle quantità consumate sul totale determina l avanzamento fisico dell attività. Tale criterio è applicabile normalmente quando l attività è pianificata su più periodi: Analisi/progettazione lunga durata. Definizione dei requisiti Stesura di documentazione Tale criterio è applicabile qualora non risulti possibile definire delle milestone intermedie: Studi di lunga durata. Attività operative di realizzazione dei task di progetto. Attività di controllo qualita' (raramente usato) E applicato ad attività di supporto o coordinamento che non producono un ben definito prodotto misurabile fisicamente: Management Project management Amministrazione Staff Applicato in prevalenza ad attività che fanno uso di materiali.

5 L avanzamento di ogni attività deve essere rapportato al proprio peso rispetto all intero progetto (avanzamento ponderato). L espressione da utilizzare: AP i = P i * AV i AP i = avanzamento ponderato attività i-esima P i = (costo previsto dell attività i-esima) AV i = percentuale di avanzamento attività i-esima L avanzamento complessivo del progetto alla data (timenow) è dato dalla somma degli avanzamenti delle attività: AP tot = Ap i I criteri di misurazione dell Avanzamento delle attività di progetto devono essere definiti e concordati prima dell inizio del progetto. E introdotti nel project management plan. L'obiettivo da perseguire è controllare l'andamento dei costi sostenuti alla dati di controllo (timenow), e stimare quelli al completamento, per confrontare il nuovo budget aggiornato con il budget approvato del progetto. La programmazione ed il controllo dell'avanzamento sono i prerequisiti per la efficace gestione dei costi di progetto. Prendendo in esame gli elementi di costo, rilevando e valorizzando l'avanzamento fisico, sarà operato un confronto ad ogni periodo di avanzamento tra il costo aggiornato del progetto ed il budget approvato; questo al fine di rilevare eventuali scostamenti dei costi ed attuare le azioni di correzione in modo proattivo rispetto alla fine del progetto. Ad ogni avanzamento, in sincronia con la raccolta dei dati temporali e delle risorse, saranno rilevati: i dati consuntivi dell avanzamento delle attività in esecuzione; i costi a consuntivo, rilevati a livello di responsabilità/pacchetto di lavoro, secondo le voci di costo individuate nel budget, ed esprimono la spesa effettivamente sostenuta alla data dell'avanzamento; le stime a finire di quanto resta da fare; le stime di costo a finire; la stima al completamento, che può essere riferita ad un singolo pacchetto di lavoro, ad una o più attività, o all'intero progetto.

6 5.2 Metodo dell EARNED VALUE L Earned Value rappresenta uno dei sistemi più avanzati di controllo integrato dei tempi e dei costi, ossia delle due variabili che comportano sicuramente gli scostamenti più significativi tra risultati effettivi e risultati attesi. Il controllo separato dei costi sostenuti e dei tempi di realizzazione limita la possibilità di raggiungere l obiettivo preventivato; le aziende che lavorano su commessa, infatti, sempre più indirizzano l attenzione dei responsabili su un maggior controllo della variabile temporale, principale responsabile dell aumento dei costi. Come definire l Earned Value? È un metodo di analisi del progresso del progetto e della sua performance È la base per l analisi di performance di costo di un progetto e per la sua previsione a finire È l unità di misura del progresso di un progetto o di una sua parte Obiettivi dell Earned Value Misurare la performance basandosi su un gruppo oggettivo di criteri tecnici; Analizzare lo stato del progetto e le previsioni attraverso dati e non opinioni; Analizzare la spesa reale a fronte del lavoro effettivamente svolto; Quantificare i problemi tecnici (deviazioni dalla pianificazione iniziale) in termini di costi e tempi; Fornire indicazioni per realizzare una stima ragionevole e realistica di data di completamento e di costo finale; Fornire indicazioni per decidere azioni correttive; Mantenere il controllo disciplinato della baseline. Descrizione: fondamentalmente con Earned Value Analysis (o Method) si intende una tecnica che permette di controllare l avanzamento di un progetto, valutare il ritardo/anticipo delle attività e misurare lo scostamento dei costi sostenuti rispetto al budget. L Earned Value serve a determinare il valore reale (valore guadagnato, dall inglese earned ) a fronte del lavoro effettivamente eseguito fino alla data di rilevamento dello stato del progetto, cioè del valore che tecnicamente si potrebbe fatturare al cliente sulla base del contratto di fornitura se si decidesse di interrompere il progetto di comune accordo. Esso, quindi, fornisce una comparazione in real time tra il lavoro fatto e la quantità di lavoro pianificato. Il metodo dell Earned Value consente di individuare le performance del progetto sulla base dell individuazione di alcuni parametri. Tale metodo prevede il calcolo di tre valori rispetto al momento i cui si fa la verifica (timenow): Acronimo Termine Descrizione PV Valore pianificato (Planned Value) o Esprime il valore a costo di budget del (BCWS) (Budgeted Cost for Work Scheduled) lavoro pianificato. Sono i costi pianificati, suddivisi per periodo, necessari per svolgere il progetto. E il budget assegnato alle attività, la cui somma definisce il budget totale. Il loro progressivo forma la curva S, definita

7 EV (BCWP) AC (ACWP) Earned Value o (Budgeted Cost for Work Performed) Actual Cost o (Actual Cost of Work Performed) anche baseline dei costi. Esprime il valore a costo di budget del lavoro effettivamente svolto. Sono i costi per le attività effettivamente realizzate fino al timenow (valorizzate a costi di budget). Rappresenta l avanzamento effettivo in termini di budget. Esprime il valore a costo di consuntivo del lavoro effettivamente svolto. Sono i costi sostenuti (consuntivi) per le attività eseguite fino al time now. Il calcolo dell EV per le singole attività viene calcolato come: EV i(attività) = BUDGET i(attività) X PPC i(attività) PPC i(attività) = percentuale di completamento dell attività calcolata con uno dei criteri di stima visti precedentmente. Che riferito al progetto : EV (progetto) = i=1-n (EV i(attività))

8 5.3 Analisi degli scostamenti L analisi degli scostamenti con il metodo dell EV si sviluppa in seguito al confronto tra questi tre parametri, a differenza del sistema tradizionale che prevede il solo confronto tra il costo sostenuto (l AC) ed il costo preventivato (il PV) per l esecuzione di un attività. Chi gestisce la commessa sa bene che in ogni momento del progetto è previsto un certo andamento dei costi (Planned Value, PV) ed i costi sostenuti sono rappresentati dalla curva reale (Actual Cost, AC), per cui la varianza tra le due curve indica lo stato del progetto in termini di costi. Rapportando tale varianza a quella ricavata tra la quantità di lavoro pianificato e la quantità di lavoro effettivamente svolto, si ricava la performance del progetto (Earned Value, EV). Si ottengono, così, degli indicatori utili a controllare costi, durata e impegno delle risorse. Eseguita, dunque, la rilevazione fisica dell attività siamo in grado di determinare l EV. Conosciamo già il PV e possiamo acquisire i consuntivi delle attività, attraverso un processo di monitoraggio periodico, che l azienda avrà messo in piedi. Da queste rilevazioni otteniamo il valore dell AC al timenow. Attraverso tali valori si ricavano una serie di indicatori indispensabili per analizzare le performance di progetto:

9 Acronimo Termine Formula Descrizione CV Cost Variance CV = EV - AC Differenza di costo (deviazione economica) tra quanto è stato effettivamente realizzato al valore di costo di budget e lo speso (consuntivato) alla data del time now. E una misura dell efficienza dei costi di progetto. Se il risultato è positivo significa che il costo previsto a budget per effettuare il lavoro realizzato (EV) era maggiore di quanto è stato realmente speso per la stessa quantità di lavoro eseguita (AC); se il risultato è negativo il progetto, al momento della verifica, potrebbe essere sovrabudget. SV Schedule Variance SV = EV - PV Differenza di costo tra quanto è stato effettivamente realizzato al valore di costo budget e quanto era previsto spendere alla data del time now. E una misura dell efficienza della schedulazione di progetto. Se il risultato è positivo vuol dire che, al momento del controllo, il progetto è più avanti rispetto alla schedulazione, e cioè è stato realizzato di più di quanto previsto; se il risultato è negativo il progetto risulta essere in ritardo rispetto alla schedulazione. CPI SPI Cost Performance Index (Indice di performance dei costi) Schedule Performance Index (Indice di performance dei tempi) CPI = EV / AC SPI = EV / PV Indice di Efficienza dei costi, rapporto tra EV e quanto realmente speso alla data del time now. Un valore CPI < di 1 indica che i costi consuntivati sono superiori a quelli preventivati, per cui il progetto sta sforando nei costi. Il progetto è sottobudget. Un valore > 1 è indice di efficienza dei costi, indica un risparmio di costi al timenow. Il progetto è sottobudget. Indice di Efficacia, indica quanto il progetto sia in anticipo o in ritardo rispetto allo schedulazione. Un valore SPI < di 1 indica che le attività completate sono inferiori a quelle pianificate. Il progetto è in ritardo. Un valore > 1 è indice di efficienza, indica che le attività completate sono maggiori di quelle pianificate alla data. Il progetto è in anticipo, ovvero sono state completate più attività di quelle pianificate al timenow.

10 Potrebbe essere molto interessante anche venire a conoscenza anticipatamente del costo finale del progetto e del tempo necessario al suo completamento, considerati gli andamenti definiti da SPI e da CPI, per questo vengono calcolati: Acronimo Termine Formula Descrizione BAC EAC ETC Budget al completamento (Budget at completion) Stima al completamento (Estimation at completion) Stima a finire (Estimation to complete) i=1-n (Costo i(attività)) EAC=AC + ETC ETC=BAC-EV ETC= (BAC EV)/CPI ETC= (BAC-EV)/ (CPI cumulato X SPI cumulato)) E l ammontare complessivo del valore pianificato per completare tutte le attività. La stima al completamento consiste nella somma dei consuntivi al timenow + una stima a finire (ETC) dei costi. E la stima a finire del lavoro pianificato. Ci sono diversi modi per calcolare l ETC: 1) semplicemente si ipotizza che per le attività future il costo sarà quello di budget. 2) al caso precedente, si rapporta un coefficiente che sarà pari all andamento del progetto fin ora dettato dal CPI. In questo modo il fattore sarà < o > di 1 e servirà a dare una stima più accurata e credibile dei costi a finire. 3) l ultimo criterio per l ETC è equivalente al 2) ma tiene in conto anche il SPI.

11 Vediamo di evidenziare i casi che si possono verificare nell analisi degli scostamenti: Caso Grafico Indice Effetti EV> PV > CV > 0 Tempi: anticipo AC SV > 0 Costi: sottobudget EV > AC > PV SPI > 1 CPI > 1 CV > 0 SV > 0 SPI > 1 CPI > 1 E il caso ideale L EV è maggiore sia del budget che dei consuntivi. Non solo ho realizzato di più, ma ho anche speso meno del budget. Tempi: anticipo Costi: sottobudget Anche questa è una situazione favorevole. La differenza rispetto al precedente è che evidentemente ci sono stati dei costi maggiori giustificati dal maggior numero di attività realizzate

12 AC > PV > EV CV < 0 SV < 0 SPI < 1 CPI < 1 Tempi: ritardo Costi: soprabudget E il caso peggiore AC > EV > PV PV > AC > EV PV > EV > AC CV < 0 SV > 0 SPI > 1 CPI < 1 CV < 0 SV < 0 SPI < 1 CPI < 1 CV > 0 SV < 0 SPI < 1 CPI > 1 Tempi: anticipo Costi: soprabudget Siamo in anticipo sui tempi, ma si è speso più di quanto budgettato per realizzare le attività. Tempi: ritardo Costi: soprabudget Siamo in ritardo sui tempi, e si è speso più di quanto budgettato per realizzare le attività. Tempi: ritardo Costi: sottobudget Siamo in ritardo sui tempi, ma si è speso meno di quanto budgettato per realizzare le attività. Questa metodologia permette un accurata analisi del progetto, analisi che fornisce il primo segnale di allarme se le cose cominciano ad andare male, consentendo di anticipare le azioni correttive a disposizione del project manager o di alzare il livello di attenzione sul progetto. È così possibile valutare le prestazioni anche di più progetti con un approccio omogeneo e senza affidarsi alla fantasia dei responsabili di commessa. Sono notevoli quindi i vantaggi riscontrabili nell implementazione di un sistema di controllo di gestione basato sulla tecnica dell Earned Value. Va comunque evidenziato che un limite nell applicazione dell Earned Value è rappresentato dal fatto che esso non prevede la gestione ed il controllo dei costi indiretti e dei costi diretti se non quelli di produzione; la gestione e il controllo di queste tipologie di costo, infatti, è prevalentemente affidata al conto economico.

13 Facciamo un semplice esempio per capire l importanza dell Earned Value Method: Attività 0 1 m 2 m 3 m 4 m 5 m 6 m 7 m 8 m 9 m A B C D Senza il calcolo dell'earned Value Attività Costi Budget totale PV AC A BAC = 500 B PV-AC = = 30 C Avremmo dovuto spendere 340, abbiamo speso 310 D Non utilizzando l'ev, apparentemente il progetto è sottobudget. Con il calcolo dell'earned Value Aggiungiamo il fattore avanzamento dei lavori Attività Costi BUDGET % avanzamento PV al timenow AC EV A % BAC = 500 B % CV = EV - AC = = - 5 C % SV = EV - PV = = - 35 D % CPI = EV / AC = 305 / 250 = 0, SPI = EV / PV = 305 / 340 = 0,89 Applicando l'ev notiamo che il progetto è sovrabudget e in ritardo.

14 E molto importante strutturare una adeguata reportistica che dia evidenza delle analisi degli scostamenti evidenziati con l EVM, al fine di apportare le necessarie azioni correttive al progetto. Esempio di Report con l Earned Value

15 Esercizi ricapitolativi Esercitazioni N. 1 Si consideri il seguente progetto di costruzione. ID Attività Precedenze Durata (week) PV (m ) 1 Progettazione Scavi fondamenta Costruzione struttura Realizzazione impianti Realizzazione opere murarie Chiusura Costruire il reticolo di progetto e calcolarne la durata totale. In corrispondenza del termine della 25a settimana si hanno a disposizione i seguenti dati di consuntivo parziale: ID Attività % completamento AC (m ) 1 Progettazione 100 % 70 2 Scavi fondamenta 100 % Costruzione struttura 50 % 80 4 Realizzazione impianti 0 % 0 5 Realizzazione opere murarie 0 % 0 6 Chiusura 0 % 0 Calcolare gli indicatori di performance (CV, SV, CPI e SPI) al fine di determinare le performance raggiunte in corrispondenza della 25a settimana sia in termini di tempo che di costo. Calcolare le stime a finire (EAC), con un metodo a scelta più adeguato. In corrispondenza del termine della 60a settimana si hanno a disposizione i seguenti dati di consuntivo parziale: ID Attività % completamento AC (m ) 1 Progettazione 100 % 70 2 Scavi fondamenta 100 % Costruzione struttura 100 % Realizzazione impianti 100 % Realizzazione opere murarie 75 % Chiusura 0 % 0 Ri-Calcolare gli indicatori di performance (CV, SV, CPI e SPI) al fine di determinare le performance raggiunte in corrispondenza della 44a settimana sia in termini di tempo che di costo. Ri-Calcolare le stime a finire, con un metodo a scelta più adeguato. Come sta andando il progetto?

16 N.2- Si consideri lo stesso progetto di costruzione precedente, dove sono variate le logiche di precedenze delle attività: ID Attività Precedenze Durata (week) PV (m ) 1 Progettazione Scavi fondamenta Costruzione struttura Realizzazione impianti Realizzazione opere murarie Chiusura Costruire il reticolo di progetto e calcolarne la durata totale. In corrispondenza del termine della 25a settimana si hanno a disposizione i seguenti dati di consuntivo parziale: ID Attività % completamento AC (m ) 1 Progettazione 100 % 70 2 Scavi fondamenta 100 % Costruzione struttura 50 % 80 4 Realizzazione impianti 0 % 0 5 Realizzazione opere murarie 0 % 0 6 Chiusura 0 % 0 Calcolare gli indicatori di performance (CV, SV, CPI e SPI) al fine di determinare le performance raggiunte in corrispondenza della 25a settimana sia in termini di tempo che di costo. Calcolare le stime a finire (EAC), con un metodo a scelta più adeguato. In corrispondenza del termine della 47a settimana si hanno a disposizione i seguenti dati di consuntivo parziale: ID Attività % completamento AC (m ) 1 Progettazione 100 % 70 2 Scavi fondamenta 100 % Costruzione struttura 100 % Realizzazione impianti 50 % Realizzazione opere murarie 75 % Chiusura 0 % 0 Ri-Calcolare gli indicatori di performance (CV, SV, CPI e SPI) al fine di determinare le performance raggiunte in corrispondenza della 47a settimana sia in termini di tempo che di costo. Ri-Calcolare le stime a finire, con un metodo a scelta più adeguato. Come sta andando il progetto?

17 N. 3 Si consideri il seguente progetto di costruzione di un autostrada: ID Attività Precedenze Durata (week) PV (M ) 1 Progettazione Realizzazione blocco Realizzazione blocco Realizzazione blocco Realizzazione blocco Realizazzione collegamenti 2,3,4, blocchi 7 Realizzazione impianti Realizzazione finiture stradali Disegnare il diagramma reticolare. Calcolare la durata totale del progetto. In corrispondenza del termine della 70-mo mese si hanno a disposizione i seguenti dati di consuntivo parziale: ID Attività % completamento AC (m ) 1 Progettazione 100 % 70 2 Realizzazione blocco % Realizzazione blocco 2 75 % 80 4 Realizzazione blocco 3 60 % 5 5 Realizzazione blocco 4 0 % 0 6 Realizazzione collegamenti blocchi 0 % 0 7 Realizzazione impianti 8 Realizzazione finiture stradali Calcolare gli indicatori di performance (CV, SV, CPI e SPI) al fine di determinare le performance raggiunte in corrispondenza del 70-mo mese sia in termini di tempo che di costo. Calcolare le stime a finire, con un metodo a scelta più adeguato. Come sta andando il progetto? N.4 - La società di gestione delle autostrade ha deciso di realizzare una nuova galleria per migliorare la viabilità. La seguente tabella riporta alcune informazioni relative alle attività necessarie per sviluppare il progetto. ID Attività Precedenze Durata (mesi) PV (M ) 1 A - inizio B C D 2, E F 3, G 4, H

18 9 I Fine 7,8 0 0 In base ai dati forniti si calcoli durata e cammino critico Si consideri il piano appena elaborato. Dopo 13 periodi dall inizio del progetto si rileva un costo a consuntivo pari a 385 mentre le attività effettivamente svolte fino a tale giorno hanno un costo a budget complessivo pari a 360. In base a tali indicazioni si valuti l andamento del progetto e si forniscano le stime a finire. N.5 - Le due tabelle seguenti riportano i dati di preventivo e di consuntivo di un progetto rispettivamente al periodo 50 e al periodo 95. Determinate, nelle due date, i valori delle metriche di progetto (BAC, PV, EV, CV%, SV%, CPI, SPI, Avanzamento%, EAC, ETC). Tra la prima e la seconda data la situazione è migliorata o peggiorata? Perché? In che termini? Per calcolare l Earned Value, utilizzate il criterio 20/80 Al periodo 50: ID Attività Precedenze Durata (week) Budget AC(M ) Status 1 Pianificazione Completato 2 Progettazione di Completato base 3 Progettazione di Completato dettaglio 4 Realizzazione In progress cantiere 5 Realizzazione area Pianificato 6 Realizzazione area Pianificato 7 Realizzazione 5, Pianificato impianti 8 Realizzazione Pianificato finiture 9 Collaudi Pianificato 10 Verifiche finali Pianificato 11 Smontaggio cantiere Pianificato Al periodo 105: ID Attività Precedenze Durata (week) Budget AC(M ) Status 1 Pianificazione Completato 2 Progettazione di Completato base 28 3 Progettazione di Completato dettaglio 35 4 Realizzazione Completato cantiere 50

19 5 Realizzazione area Completato 6 Realizzazione area Completato 7 Realizzazione 5, Completato impianti Realizzazione Completato finiture Collaudi In progress 10 Verifiche finali Pianificato 11 Smontaggio cantiere Pianificato N.6 - In uno Stato Avanzamento Progetto è riportata la seguente tabella che riporta i parametri di progetto in vari momenti del progetto stesso. Completate la tabella calcolando i valori corrispondenti di CV%, SV%, CPI e SPI in corrispondenza di ciascuna delle 4 date, commentando se e come è mutata nel tempo la situazione in cui si trova il progetto. La situazione è migliorata o peggiorata nel tempo? Valutate il costo a finire dell intero progetto calcolato al 30/12/2010, sapendo che il BAC iniziale era stimato in 1500 m. Se rimane il trend attuale, il progetto costerà di più o di meno rispetto alla stima iniziale e verrà completato in anticipo o in ritardo? Rilevazioni Data PV AC EV 1 01/01/ /07/ /10/ /12/ N. 7 Aiuta il Project Manager del progetto EX a realizzare il seguente report (caselle celesti): Al periodo 80 si avrà la seguente situazione Attività Durata Budget % Avanzamento pianificato % avanzamento realizzato % % % % % % % % 0 TOTALE BAC EAC = AC + ETC = AC + (BAC- EV)/CPI =? PV AC EV CV SV CPI SPI N.8 - La tabella seguenti riporta i dati di preventivo e di consuntivo di un progetto al periodo 75. Determinate i valori delle metriche di progetto (BAC, PV, EV, CV%, SV%, CPI, SPI, Avanzamento%, EAC,

20 ETC). Qual è lo stato del progetto? Per calcolare l Earned Value, è utilizzato il criterio percentuale di avanzamento fisico Al periodo 75: ID Attività Precedenze Durata (week) Budget AC(M ) Avanz. % 1 Pianificazione % 2 Progettazione di % base 23 3 Progettazione di % dettaglio 35 4 Realizzazione % cantiere 45 5 Realizzazione area % 6 Realizzazione area % 7 Realizzazione 5, % impianti 8 Realizzazione % finiture 9 Collaudi % 10 Verifiche finali % 11 Smontaggio cantiere %

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Master in Project Management e Gestione dell'innovazione http://www.rieforum.org/master/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Project Management Base Modulo 3/3 Venerdì/Sabato

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Earned Value Management - EVM

Earned Value Management - EVM Earned Value Management - EVM Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it 04.12.2014 Il relatore Marco Sampietro Docente di Project Management presso SDA Bocconi, Università Bocconi, MISB e MFI Speaker

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

La gestione dei flussi di cassa

La gestione dei flussi di cassa Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2004-5 La gestione dei flussi di cassa Marco Masera, prof marco.masera@ing.unitn.it Argomenti Il programma finanziario Il

Dettagli

Programmazione e analisi dei flussi di cassa

Programmazione e analisi dei flussi di cassa Programmazione e analisi dei flussi di cassa - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/9 Programmazione e analisi dei flussi di cassa La programmazione dei flussi di cassa Il budget

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 12 CONTROLLO DEI COSTI DI COMMESSA/PROGETTO

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management

CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management PROJECT MANAGEMENT Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi Lion 3 1 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5.

Dettagli

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Master executive in Gestione della Manutenzione Industriale 1 Tecniche e Metodologie di Project Management INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Ing. A. Massaro, Ing. P. Gaiardelli Impostazioni preliminari

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni!

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni! Dal 1985 consulenza e formazione per l'eccellenza Tipo di file: MSExcel - Requisiti di sistema: Excel 9 o successivo e Windows 2000 o successivo A chi è rivolto: Project Managers, Direzione, responsabili

Dettagli

La strategia dell Earned Value Management

La strategia dell Earned Value Management OSSERVATORIO IT GOVERNANCE EARNED VALUE: UN INVESTIMENTO A BUON FINE SULLA PERFORMANCE DEI PROGETTI Origini, sviluppo e applicazioni di una disciplina in grado di trovare le parole giuste per rispondere

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Orale: Curve a S - strumenti di pianificazione e controllo con pregio di sintesi. Bastano 3 punti per costruirle. Aspetti critici:

Orale: Curve a S - strumenti di pianificazione e controllo con pregio di sintesi. Bastano 3 punti per costruirle. Aspetti critici: Orale: Tipi di contratto: -Lump sum: costi onnicomprensivi di materiali manodopera e spese. Il contractor definisce a preventivo il costo delle risorse necessarie e la quantità e si assume il rischio di

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE

IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEI SERVIZI INFRAGRUPPO IN BANCA CR FIRENZE Andrea Innocenti PMP CGEIT Banca CR Firenze - Specialista Controllo Service andrea.innocenti@carifirenze.it Monitoraggio e controllo:

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Generalità DIB 2 Progetto PROGETTO: esecuzione di un insieme di attività in un tempo e con risorse limitati per raggiungere uno specifico scopo. A causa dell

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT. Alessandro Martino

PROJECT MANAGEMENT. Alessandro Martino PROJECT MANAGEMENT Alessandro Martino 1. Introduzione 1.1. Generalità e concetti di base Molte sono le definizioni proposte in letteratura per il Project Management; in sintesi, può definirsi come l insieme

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l

Overview. Enterprise Project Control System. Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema. Piemme S.r.l Enterprise Project Control System Overview Principali caratteristiche e funzionalità del Sistema Bridge è stato realizzato da PIEMME s.r.l. di Genova Via Carducci 5/4 sn Tel. 010 4075751 «Bridge», per

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

MODI NUOVI UNIVERSITY

MODI NUOVI UNIVERSITY in collaborazione con MODI NUOVI UNIVERSITY l università degli installatori ANNO 2007 MODI NUOVI UNIVERSITY La Modi Nuovi S.a.s., dopo un ventennio di attività, ha raggiunto la leadership nella produzione

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

IT Project Management

IT Project Management 1 IT Project Management Lezione 10 Ciclo vita del progetto & deliverables Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it A.A. 2010-2011 2 Ciclo di vita del progetto Initiating Analisi dei requisiti Riunione di

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

Progettazione Integrata Gestione Appalti Direzione Lavori Collaudi e consegne

Progettazione Integrata Gestione Appalti Direzione Lavori Collaudi e consegne Progettazione Integrata Gestione Appalti Direzione Lavori Collaudi e consegne 1 LA FORZA DI UN TEAM A VANTAGGIO DEL PROGETTO è un consorzio di professionisti singoli e società di ingegneria che offre servizi

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati)

Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati) Il Processo di Preventivazione (dinamica dei costi, tempistica e monitoraggio dei k% utilizzati) Se cercate la definizione del termine preventivo, nel vocabolario Treccani trovate scritto: Che si fa in

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance

Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Sistema di incentivazione della produttività per progetti e di misurazione e valutazione della performance Approvato con Delibera di Giunta Comunale 87 del 21/04/15 Sommario Articolo 1 - Sistemi Articolo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

IL CASO DELL AZIENDA. Perché SAP. www.softwarebusiness.it

IL CASO DELL AZIENDA. Perché SAP. www.softwarebusiness.it LA SOLUZIONE SAP FOR PROFESSIONAL SERVICES IL CASO DELL AZIENDA Perché SAP Grazie a SAP siamo riusciti a pianificare meglio e ad ottenere tempestive informazioni su tempi e costi delle nostre commesse.

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Gestione di progetti Domande d esame

Gestione di progetti Domande d esame Esami modulari SVF-ASFC Edizione autunno 2010 Gestione di progetti Domande d esame Durata dell esame: 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: nessuno Incollate qui l etichetta con il vostro n. di riferimento!

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Curriculum Architettura, Costruzioni e Strutture IX Ciclo - nuova serie MONITORAGGIO AUTOMATICO

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:..

CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO. Dati quantitativi del prodotto. Descrizione Amministrazione:... Anno:.. Mese:.. CIRCE Scheda 1 I CENTRI DI RESPONSABILITA E I LORO PRODOTTO Descrizione Amministrazione:.... Anno:.. Mese:.. Dati quantitativi del prodotto (1) CdR (2) prodotto (3) Prodotto (4) Volume nell anno (5) Tempo

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE TECNICA E SICUREZZA DEI CANTIERI TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE Nicola Marotta La programmazione nel cantiere edile La programmazione dei lavori all interno di un cantiere

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10

Sommario. DOCUMENTO RISERVATO AD USO INTERNO Pagina 2 di 10 Piano di valutazione Horsa Anno 2013 Sommario Perché Horsa introduce un Piano di Valutazione... 3 I destinatari del Piano di Valutazione... 4 I criteri di acquisizione dei Punti... 4 Costi standard di

Dettagli

Sistemi di Controllo di Gestione

Sistemi di Controllo di Gestione Sistemi di Controllo di Gestione La pianificazione strategica e l impostazione del budget SISTEMI DI CONTROLLO, 2^ edizione R. Anthony, D. Hawkins, D. Macrì, K. Merchant McGraw-Hill 1 Le due attività di

Dettagli

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012)

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Il Project Management: approcci gestionali e processi (Prof. Ing. Guido Capaldo)

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli