BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO"

Transcript

1 Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno economico diretto di progetti sociali promossi e realizzati dalle organizzazioni di volontariato della provincia di Savona. Tale iniziativa viene svolta in applicazione a quanto previsto dall Accordo Nazionale del (sottoscritto da A.C.R.I., Consulta Nazionale dei Comitati di Gestione, Consulta Nazionale del Volontariato presso il Forum del Terzo Settore, ConVol, CSVnet, Forum Terzo Settore), dalle Linee Guide per l applicazione dell Accordo : modalità di utilizzo delle risorse assegnate per la progettazione sociale (sottoscritte il dai medesimi soggetti), nonché a quanto deciso in sede di Commissione Regionale di Coordinamento della Progettazione Sociale in Liguria costituita da: due componenti in rappresentanza delle Fondazioni, due componenti in rappresentanza del Volontariato, due componenti in rappresentanza dei CSV, due componenti in rappresentanza del Comitato di Gestione del fondo speciale per il volontariato. Art. 1 Risorse, dimensione dei progetti e criteri di presentazione Per il finanziamento dei progetti che verranno dichiarati ammissibili verrà utilizzato apposito impegno di spesa che ammonta ad euro Tali risorse saranno così destinate: 1) Il 52% delle risorse, pari ad , sarà destinato a progetti di piccola dimensione (importo massimo finanziabile per progetto 4.000), al fine di tutelare le realtà più piccole del volontariato provinciale; 2) la parte restante delle risorse, pari ad , sarà destinata a progetti di grande dimensione (importo massimo finanziabile per progetto ) con valenza ed impatto più ampio rispetto ai precedenti, normalmente frutto della progettualità di rete delle OdV di maggiori dimensioni. La presentazione dei progetti dovrà avvenire secondo i seguenti criteri: a) I progetti di piccola dimensione potranno essere presentati sia da organizzazioni di volontariato singole, sia da organizzazioni di volontariato in partnership tra loro e/o con altri soggetti di terzo settore 1. Tali progetti realizzeranno interventi di minor impatto sotto il profilo dei destinatari, dei volontari coinvolti e del territorio interessato. b) I progetti di grande dimensione dovranno obbligatoriamente essere presentati da un organizzazione di volontariato in rete con almeno 3 soggetti del terzo settore, di cui almeno due siano organizzazioni di volontariato. Tali reti dovranno essere operative e prevedere quindi che i partner concorrano alla realizzazione fattiva delle azioni progettuali previste. Tali progetti realizzeranno interventi di maggiore impatto sul territorio provinciale e saranno in grado di coinvolgere un numero significativo di volontari e di destinatari. Nel progetto dovrà essere descritto il ruolo operativo di ciascun partner e il suo apporto specifico al progetto. La Commissione di Valutazione di cui al successivo articolo 8 compilerà quindi 2 distinte graduatorie: una per i progetti di piccola dimensione e una per i progetti di grande dimensione. A seguito dell approvazione delle graduatorie, se all interno di una graduatoria il budget stanziato non risulterà esaurito, le somme residue potranno integrare il budget dell altra graduatoria. Le organizzazioni di volontariato che presentano un progetto devono concorrere, in misura non inferiore al 20% del finanziamento richiesto per il progetto stesso 2, alla copertura dei costi previsti per la 1 I criteri di valutazione dei progetti prevedono comunque meccanismi premiali dei partenariati. 2 Ad esempio, se il finanziamento richiesto ammonta a euro, il co-finanziamento non può essere inferiore a 200 euro.

2 Pagina 2 di 6 realizzazione del progetto. La quota a carico dei proponenti deve essere specificata nel progetto, unitamente al dettaglio delle fonti da cui derivano le risorse stesse. Il cofinanziamento potrà derivare dalle organizzazioni di volontariato capofila e partner, oppure dai partner istituzionali e/o di terzo settore. La quota di cofinanziamento potrà sostanziarsi in: contributi in denaro, apporti al progetto in beni e servizi (personale, beni strumentali, sedi, ecc.), valorizzazione del lavoro volontario 3 (secondo la tabella definita dall Allegato D); Art. 2 Ambito di intervento e durata La Commissione Regionale di Coordinamento della Progettazione Sociale in Liguria ha individuato i seguenti ambiti di intervento dei progetti ammissibili: - prevenzione e lotta alle diverse forme di bisogno sociale rappresentate da malattia, disagio, povertà, diversità, marginalità, disabilità e dipendenze mediante interventi rivolti ai soggetti svantaggiati volti alla creazione e/o allo sviluppo di servizi territoriali a loro dedicati; - inclusione sociale realizzata anche per il tramite dello sviluppo di iniziative di socializzazione e di animazione territoriale; - miglioramento della qualità della vita e prevenzione, promozione e tutela della salute; - promozione e tutela dei diritti umani e delle pari opportunità; - tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale; - prevenzione delle varie ipotesi di rischio di calamità naturali, con particolare riferimento alla protezione civile; - protezione e tutela degli animali; - tutela e valorizzazione della cultura, del patrimonio storico, artistico e monumentale; - promozione del volontariato giovanile e della cittadinanza attiva. I progetti dovranno essere relativi ad attività solidaristiche e riguardare esclusivamente i bisogni, rilevati in maniera attendibile, del territorio provinciale di riferimento del CESAVO e dovranno affrontare tematiche coerenti alla missione dell organizzazione. I progetti dovranno contenere in maniera chiara e definita l'indicazione del numero, del ruolo e delle mansioni svolte dai volontari nelle fasi di elaborazione e realizzazione del progetto e nell'eventuale continuità dello stesso. Saranno ammessi esclusivamente progetti la cui realizzazione veda il volontariato quale soggetto protagonista in tutte le fasi di svolgimento e la cui ricaduta avvenga all interno del territorio della provincia di Savona. Saranno ammissibili progetti di durata non superiore ai 12 mesi. 4 Art. 3 Destinatari del Bando Destinatarie del Bando possono essere esclusivamente le organizzazioni di volontariato. Premesso che per organizzazione di volontariato si intende ogni realtà associativa formalmente costituita e dotata di autonomia giuridica e patrimoniale, possono richiedere il sostegno economico per la realizzazione dei progetti le organizzazioni di volontariato che : - siano iscritte al registro regionale del volontariato ex L.R. 15/92; - non siano iscritte al suddetto Registro, ma dimostrino di possedere i requisiti di cui alla Legge 266/91. Tutte le organizzazioni di volontariato coinvolte devono avere sede legale documentabile nel territorio della provincia di Savona; devono essere formalmente costituite 5 da almeno due anni alla data di 3 L apporto dei volontari alla realizzazione del progetto potrà essere valorizzato solo come stima figurativa del corrispondente costo reale. La valorizzazione dell impegno volontario sarà ammissibile solo come cofinanziamento. Resta inteso che, sulla base della normativa vigente (L. 266/91), l attività di volontariato non può essere in alcun modo retribuita né dall organizzazione di volontariato, né dai destinatari. 4 Calcolati a far data dall attivazione del progetto. 5 Fa fede la data di registrazione dell atto costitutivo presso l agenzia delle entrate o la data dell atto pubblico o della scrittura privata autenticata con cui è stata costituita l associazione.

3 Pagina 3 di 6 emanazione del Bando ed avere svolto continuativamente, nello stesso periodo, una concreta e prevalente attività operativa sul territorio provinciale coerente con l azione progettuale presentata. Nella domanda di tutti i progetti dovrà risultare con precisione il nominativo dell organizzazione di volontariato capofila del progetto che sarà quella con cui il Centro di Servizio manterrà ogni tipo di rapporto e che sarà responsabile dell attuazione del progetto e destinataria del finanziamento. A valere sul presente bando, ogni organizzazione di volontariato potrà essere capofila in un solo progetto (pena la non ammissibilità di tutti i progetti in cui risulta capofila) e potrà essere partner al massimo in altri due progetti. Se la stessa organizzazione di volontariato risulterà partner in più di due progetti, verrà esclusa da tutti i progetti in cui figura come partner (la Commissione di Valutazione ne terrà conto nell assegnazione del punteggio di rete). Saranno dichiarati inammissibili i progetti di grande dimensione che, in seguito all esclusione di una o più organizzazioni di volontariato partner, vengano a perdere il requisito obbligatorio minimo previsto dall art. 1 per la presentazione di tali progetti 6. L organizzazione di volontariato capofila deve svolgere un ruolo effettivo, preponderante come soggetto protagonista della attuazione del progetto. Le funzioni di direzione, responsabilità e coordinamento del progetto non potranno essere affidate ad enti diversi dall organizzazione di volontariato capofila del progetto. Nella logica del rafforzamento delle reti territoriali, potranno essere partner nella realizzazione del progetto, oltre alle organizzazioni di volontariato, anche altre organizzazioni del Terzo Settore, le Fondazioni, le Amministrazioni locali, gli enti pubblici, le scuole e le istituzioni private 7. Non potranno presentare progetti in qualità di capofila sull attuale bando le organizzazioni che, relativamente a progetti finanziati su precedenti bandi: abbiano commesso scorrettezze o irregolarità nella presentazione della rendicontazione; non abbiano svolto correttamente tutte le attività progettuali previste e/o non abbiano portato a termine il progetto. Art. 4 Documentazione da presentare La documentazione, pena l esclusione dalla valutazione, deve essere composta da: domanda di partecipazione (su carta intestata dell Ente capofila, firmata in originale dal legale rappresentante), secondo lo schema fornito (Allegato A); progetto (e relativo piano dei costi) redatto secondo il formulario fornito dall Allegato B, compilato in ogni sua parte e firmato dal legale rappresentante dell Ente capofila; La domanda di partecipazione e il progetto contenente il piano economico dovranno essere redatti sugli appositi formulari che costituiscono parte integrante del presente Bando (All. A e B). I formulari compilati in forme diverse non saranno ammessi. Ai fini della valutazione del parternariato, e ai fini dell ammissibilità dei progetti di grande dimensione, dovranno essere allegate: le lettere di adesione formale al progetto di tutte le altre organizzazioni di volontariato partner e di tutti gli eventuali altri enti partner del progetto, nelle quali siano specificati per ciascun soggetto: il ruolo operativo e l apporto specifico fornito al progetto secondo lo schema fornito (Allegato C). 8 Inoltre, per comprovare i requisiti previsti all articolo Destinatari, al progetto dovrà essere allegata la seguente documentazione relativa a tutte le organizzazioni di volontariato (sia il capofila che i partner), pena l esclusione dalla valutazione: 6 I progetti di grande dimensione devono obbligatoriamente essere presentati da un organizzazione di volontariato capofila in rete con almeno 3 soggetti del terzo settore, di cui almeno due siano organizzazioni di volontariato. 7 Resta inteso che i Centri di servizio al Volontariato liguri e il Comitato di Gestione non possono risultare tra i soggetti partner dei progetti. 8 I progetti di grande dimensione, per risultare ammissibili, devono allegare almeno due lettere di adesione formale al progetto di due organizzazioni di volontariato diverse dal capofila e una lettera di adesione formale al progetto di una organizzazione di terzo settore. I progetti di piccola dimensione possono essere ammessi alla valutazione anche in assenza di lettere di adesione formale di partner ma, in tal caso, non possono conseguire il punteggio relativo al partenariato.

4 Pagina 4 di 6 - copia dell atto di iscrizione al registro regionale del volontariato (per le organizzazioni di volontariato iscritte al registro); - copia dell atto costitutivo e dello statuto registrati presso l Ufficio Registro Atti Civili o autenticati da un Notaio (per le organizzazioni di volontariato non iscritte al registro o per le organizzazioni di volontariato iscritte da meno di due anni); - relazione sulle attività svolte nei due anni precedenti l emanazione del Bando, e copia dell ultimo bilancio o rendiconto approvato dall assemblea dei soci (per tutte le organizzazioni di volontariato iscritte e non iscritte); - copia fotostatica del certificato di attribuzione del codice fiscale dell organizzazione di volontariato; - copia fotostatica del documento di identità del legale rappresentante. Art. 5 Termini e modalità di presentazione La documentazione prevista, a pena di esclusione, dovrà essere consegnata a mano, in busta chiusa, entro e non oltre il termine tassativo del 31 luglio 2012 alle ore 18. Farà fede il protocollo del CESAVO. Alla consegna della documentazione, verrà rilasciata ricevuta con l indicazione della data e dell ora. Sulla busta chiusa dovrà essere apposta, oltre all indicazione del mittente, la dicitura: Bando CESAVO - NON APRIRE. La documentazione dovrà essere esclusivamente consegnata a: CESAVO Centro Servizi al Volontariato via Nizza 10a, 17100, Savona. Art. 6 Costi ammissibili Saranno finanziabili esclusivamente costi riconducibili ad attività previste nel progetto e debitamente rendicontati. Tutti gli oneri indicati nel progetto dovranno essere al lordo di IVA e di ogni onere fiscale, previdenziale ed assicurativo. Sono ammissibili con vincoli stringenti di importo (vedi percentuali sotto indicate caso per caso) e solo nei casi di esclusiva pertinenza delle spese alle finalità del progetto: acquisto di macchine e attrezzature (con un limite di incidenza del 40% del contributo richiesto al CESAVO); ristrutturazioni di immobili (con un limite di incidenza del 30% del contributo richiesto al CESAVO); prestazioni onerose di professionisti inerenti attività indirette e accessorie rispetto agli obiettivi progettuali (con un limite di incidenza del 10% del contributo richiesto al CESAVO), fatta salva invece la possibilità di utilizzare senza vincoli di incidenza le prestazioni professionali necessarie all erogazione dei servizi che costituiscono oggetto specifico dell iniziativa progettuale; attività di studio e ricerca (con un limite di incidenza del 10% del contributo richiesto al CESAVO). Non saranno ammesse a finanziamento spese attinenti: acquisti di immobili; attività di formazione e comunicazione non strettamente afferenti l iniziativa progettuale proposta; attività di consulenza relative alla predisposizione e presentazione del progetto; attività di gestione ordinaria del capofila o dei partner non strettamente afferente al progetto; attività editoriale di carattere generale dell organizzazione; attività inserite nel progetto e svolte prima della comunicazione formale dell'approvazione del finanziamento; oneri già coperti da fondi e finanziamenti ottenuti da Enti Pubblici o Privati che si vadano a sovrapporre a quelli richiesti al CESAVO. Art. 7 Requisiti di ammissibilità dei progetti Per essere ammessi alla valutazione della Commissione di valutazione i progetti devono tassativamente: - corrispondere ai criteri di presentazione indicati all art 1;

5 Pagina 5 di 6 - essere pertinenti all ambito di intervento e ai requisiti indicati all art. 2; - essere presentati dai destinatari in possesso dei requisiti previsti all art. 3; - essere completi di tutta la documentazione prevista all art. 4; - pervenire nei termini e nelle modalità previste all art. 5; - presentare costi ammissibili ai sensi dell art. 6, relativamente alla quota di finanziamento richiesta a CESAVO; - essere cofinanziati, come previsto all art. 1, in misura non inferiore al 20% del finanziamento richiesto per il progetto stesso; - richiedere un finanziamento a CESAVO non superiore ad euro per i progetti di piccole dimensioni e non superiore a euro per i progetti di grande dimensione ; - avere una ricaduta all interno del territorio della provincia di Savona. Art. 8 Procedura di Valutazione dei progetti L iter di valutazione si svolge in due fasi distinte: 1) l istruttoria di ammissibilità formale: la documentazione pervenuta verrà esaminata prima sotto il profilo di ammissibilità, con riferimento a tutti i requisiti di ammissibilità previsti dal bando sia per i progetti, sia per i soggetti proponenti. Tale istruttoria è svolta dal CESAVO. 2) la valutazione: successivamente alla fase precedente si procederà alla valutazione dei progetti dichiarati ammissibili, nel rispetto dei criteri e dei punteggi indicati dal bando. Tale valutazione sarà svolta da una Commissione di valutazione nominata dalla Commissione Regionale, con la presenza paritetica dei diversi soggetti in essa rappresentati e formata in modo che in essa siano adeguatamente presenti competenze tecniche di valutazione e conoscenza storica delle caratteristiche socio-economiche del territorio, delle OdV operanti e delle progettualità da loro già realizzata. La Commissione agirà in maniera collegiale, avvalendosi, ove necessario, di ulteriori supporti di professionisti esterni. L attività di segreteria tecnica della Commissione è svolta dal CESAVO. La Commissione di valutazione, a suo insindacabile giudizio, forma le due graduatorie (la graduatoria relativa a progetti di piccola dimensione e quella relativa a progetti di grande dimensione ), e le propone al Consiglio Direttivo del CESAVO. Il Consiglio Direttivo del CESAVO verificherà che le procedure di valutazione siano state realizzate nel rispetto delle procedure stabilite nel Bando, acquisendo dalla Commissione eventuali approfondimenti o integrazioni che ritenesse necessari, evitando qualsiasi giudizio di merito sui punteggi assegnati e procederà alla approvazione della graduatoria e la renderà pubblica attraverso il sito internet del CESAVO. Risultano finanziabili i progetti che conseguono il punteggio minimo di 51 punti. I progetti vengono finanziati entro il limite delle risorse complessive messe a Bando. Art. 9 Criteri di valutazione dei Progetti Ogni progetto sarà valutato secondo i seguenti criteri e in base al relativo punteggio di ogni voce. 1. Qualità del progetto e coerenza tra bisogni rilevati, obiettivi e azioni proposte (fino a 30 punti). 2. Qualità della rete, con particolare attenzione ai partenariati tra organizzazioni di volontariato e tra queste e la Pubblica Amministrazione in un ottica di sussidiarietà orizzontale (fino a 20 punti). 3. Personale volontario coinvolto: rilevanza quantitativa e qualitativa dell attività dei volontari coinvolti nelle attività progettuali (fino a 15 punti). 4. Sostenibilità e continuità del progetto nel tempo (fino a 10 punti). 5. Coerenza del piano finanziario con gli obiettivi e le azioni (fino a 15 punti). 6. Cofinanziamento in denaro: verrà valutata positivamente la presenza di quote di cofinanziamento costituite non da valorizzazioni ma da liquidità (fino a 5 punti). 7. Monitoraggio e valutazione: sarà valutata positivamente la previsione di strumenti di monitoraggio e verifica, sia nel corso del progetto sia al termine dello stesso, con particolare riferimento ad indicatori di impatto (fino a 5 punti).

6 Pagina 6 di 6 I progetti, per essere finanziati, devono avere ottenuto complessivamente almeno 51 punti di valutazione, di cui almeno 23 ottenuti sommando i criteri indicati nei punti 1 e 3. Art. 10 Erogazione dei fondi, controllo e monitoraggio In caso di approvazione del progetto, il rapporto tra il CESAVO e l organizzazione di volontariato capofila verrà regolamentato attraverso la stipula di apposita Convenzione (All. E) che chiarirà in dettaglio gli impegni, i tempi e le modalità di realizzazione e rendicontazione del progetto. Le organizzazioni capofila dovranno sottoscrivere la convenzione con CESAVO entro 30 gg dalla comunicazione dell ammissione a finanziamento e dovranno avviare i progetti entro 30 gg dalla stipula della convenzione. L erogazione della prima tranche dei fondi, pari al 60% dell importo finanziato dal CESAVO, avverrà entro 30 gg dalla data di sottoscrizione della convenzione. Se richiesto dall organizzazione capofila, sarà possibile erogare, durante lo svolgimento del progetto, una seconda tranche pari al 20% dell importo finanziato dal CESAVO, previa verifica, da parte del CESAVO, della rendicontazione della prima tranche e della relazione in itinere sullo stato di attuazione del progetto. La tranche a saldo del finanziamento sarà erogata a seguito della verifica da parte del CESAVO della rendicontazione finale del progetto e della relazione conclusiva sull attività progettuale svolta. La rendicontazione finale corredata dalla relazione di progetto dovrà pervenire al CESAVO entro 30 gg dalla conclusione prevista del progetto. Il CESAVO potrà richiedere in qualsiasi momento al beneficiario la documentazione necessaria per dimostrare il corretto svolgimento del programma previsto e potrà svolgere tutti i controlli che riterrà opportuni. In caso di evidenti e gravi discordanze tra il progetto approvato e le attività progettuali svolte, ovvero in caso di un uso non corretto dei fondi erogati, ovvero in caso di mancata presentazione, da parte del capofila, della documentazione richiesta, il CESAVO potrà, in qualsiasi momento, disporre la revoca del finanziamento e chiedere la restituzione delle somme già versate. Eventuali variazioni progettuali, successive all ammissione al finanziamento, saranno ammissibili laddove non incidano sugli obiettivi previsti e laddove rispettino tutti i criteri previsti dal bando. Le variazioni dovranno essere comunicate per iscritto al CESAVO e dovranno ricevere l approvazione formale del CESAVO. Si allegano al presente Bando: Art. 11 Allegati ALLEGATO A: Fac-simile di domanda di partecipazione ALLEGATO B: B1: Formulario per la presentazione dei progetti di piccola dimensione B 2: Formulario per la presentazione dei progetti di grande dimensione ALLEGATO C: Fac-simile di lettere adesione partner ALLEGATO D: Tabella valorizzazione lavoro volontario ALLEGATO E: Convenzione Art. 12 Informazioni E possibile scaricare il presente Bando e gli allegati dal sito: Per informazioni e delucidazioni le organizzazioni di volontariato possono contattare il CESAVO al numero telefonico ed eventualmente richiedere un appuntamento. Il CESAVO erogherà le consulenze fino alla data del 27 luglio 2012.

Bando per il sostegno dei progetti sociali proposti dalle organizzazioni di volontariato

Bando per il sostegno dei progetti sociali proposti dalle organizzazioni di volontariato ando per il sostegno dei progetti sociali proposti dalle organizzazioni di volontariato V agina di 6 remessa l entro di ervizio al volontariato V emana il presente bando finalizzato al sostegno economico

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ ASSOCIAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI PER IL CENTRO DI SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ VIALE MELLUSI, 68 82100 BENEVENTO TEL.: 0824 310092 FAX.0824.359795 EMAIL:

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo

Art.1 Oggetto del bando. Art.2 Progetti start up. Art.3 Progetti di sviluppo Art.1 Oggetto del bando Il Bando 2013 del CSV Napoli Programm Azioni Sociali è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito OdV, della provincia di Napoli.

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Verso il welfare di comunità Assistenza sociale 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1 Ente responsabile e partenariato...

Dettagli

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA

Art. 2 SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA E REQUISITI DI AMMISSIBILITA pro Bando per il sostegno di progetti a favore dei Centri Sociali per anziani della provincia di Milano (D.G.P. atti n. 283290 13.3\2008\405 /2008 del /12/2008) ART. 1. - OGGETTO La Provincia di Milano

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Avviso provinciale per la realizzazione di un progetto per lo sviluppo di azioni di monitoraggio e analisi del fenomeno degli abbandoni scolastici e formativi nella provincia di Mantova

Dettagli

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1

Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Bando Sostegno di progetti innovativi rivolti a nuclei familiari, famiglie a rischio di fragilità e famiglie gravate da responsabilità di cura 1 Art. 1 FINALITÀ E OGGETTO La Provincia di Milano intende

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO Articolo 1 Obiettivi e finalità La Provincia di Roma, con il presente bando, intende dare attuazione all iniziativa Corsi di

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993.

Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Allegato A Bando per la concessione di contributi destinati alle cooperative sociali di tipo A e B, di cui all art. 13 della L.R. 39/1993. Anno 2014 A. Finalità La Regione Basilicata nell ambito delle

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 2 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO

TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO TENIAMOCI IN FORMA AVVISO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO 1. PREMESSA Con il presente avviso il CESV Centro Servizi per il Volontariato -, di seguito Centro,

Dettagli

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE I SOCI FONDATORI Comuni del bollatese, rhodense, sestese Bando 2010.3 Sport e solidarietà sociale 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione Comunitaria del

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI

5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI 5 Bando 2015 SOSTEGNO AI GIOVANI RICERCATORI Per il finanziamento di progetti per la valorizzazione della conoscenza scientifica OBIETTIVI DEL BANDO Sostegno ai giovani ricercatori che svolgano la loro

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

BANDO 2014/6 OLTRE IL DOPOSCUOLA Una rete scuola/famiglia/comunità per i ragazzi da 11 a 14 anni. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2014/6 OLTRE IL DOPOSCUOLA Una rete scuola/famiglia/comunità per i ragazzi da 11 a 14 anni. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2014/6 OLTRE IL DOPOSCUOLA Una rete scuola/famiglia/comunità per i ragazzi da 11 a 14 anni 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria

Dettagli

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione della Comunità

Dettagli

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE 2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore della Tutela, promozione

Dettagli

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R.

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. 9/90) Annualità 2014 (anno scolastico 2015-2016) 1 Premessa Con deliberazione n. 86/2013

Dettagli

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE FINALITÀ Gli ambiti di intervento per i quali possono essere presentate le proposte progettuali sono: 1. la prevenzione e il contrasto al disagio giovanile

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

1 Bando 2016 SOCIALE

1 Bando 2016 SOCIALE 1 Bando 2016 SOCIALE Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore dell Area Sociale OBIETTIVI DEL BANDO Individuare progetti di utilità sociale nel settore dell assistenza sociale e

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi:

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi: 1 Art.1 Oggetto del bando Il Bando per il biennio 2014/2015 del CSV Asso.Vo.Ce. Microprogettazione Sociale è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito

Dettagli

BANDO SENIOR CAPITAL

BANDO SENIOR CAPITAL BANDO SENIOR CAPITAL BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE, INTERESSATE A PRESENTARE PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI UNO SPORTELLO DELLE COMPETENZE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 6 DEL 30 GENNAIO 2006 APPALTI

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 6 DEL 30 GENNAIO 2006 APPALTI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 6 DEL 30 GENNAIO 2006 APPALTI REGIONE CAMPANIA - Assessorato alla Sanità - Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria - Settore Farmaceutico -

Dettagli

Bando per la presentazione di PROGETTI SOCIALI. proposti dalle organizzazioni di volontariato e sostenuti dal Coordinamento Solidarietà Valle d Aosta

Bando per la presentazione di PROGETTI SOCIALI. proposti dalle organizzazioni di volontariato e sostenuti dal Coordinamento Solidarietà Valle d Aosta Bando per la presentazione di PROGETTI SOCIALI proposti dalle organizzazioni di volontariato e sostenuti dal Coordinamento Solidarietà Valle d Aosta - ANNO 2016 - 1. Premesse Il bando pubblicato dal Coordinamento

Dettagli

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015

BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 BANDO 1 PER PROGETTI A RILEVANZA TERRITORIALE LOCALE 2015 1. Premessa 1.1. Il CSV della provincia di Treviso, a valere sulle disponibilità finanziarie riconosciutegli dal Fondo Speciale Regionale per il

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE

BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE BANDO PROGETTI DI FORMAZIONE 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Centro di Servizio al Volontariato San Nicola (d ora in poi denominato CSVSN) nell ambito delle proprie attività intende completare il proprio piano

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Bando. Art. 2 Obiettivi dei progetti

Art. 1 Oggetto del Bando. Art. 2 Obiettivi dei progetti Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù BANDO DI CONCORSO GIOVANI PROTAGONISTI. Art. 1 Oggetto del Bando 1. Il concorso Giovani Protagonisti è promosso e coordinato dalla Presidenza

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

BANDO CESAVO 2010: Sostegno alla Progettazione Sociale delle associazioni di volontariato Allegato 4: Guida alla compilazione degli allegati

BANDO CESAVO 2010: Sostegno alla Progettazione Sociale delle associazioni di volontariato Allegato 4: Guida alla compilazione degli allegati Indicazionigeneraliperallegato2 Istruzionipraticheedesempiperallegato2 Titolodelprogetto Il titolo deve essere riportato nella stessa dicitura su tutti i documenti e gli allegati ogniqualvolta è richiesto.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Progetto Senior Capital Sportello delle Competenze Intergenerazionali

AVVISO PUBBLICO Progetto Senior Capital Sportello delle Competenze Intergenerazionali All. 1 AVVISO PUBBLICO Progetto Senior Capital Sportello delle Competenze Intergenerazionali MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INDIVIDUAZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE

Dettagli

5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA

5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA 5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA Progetti di ricerca scientifica di particolare utilità sociale promossi da Università, Fondazioni ed Enti di ricerca. PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721 Bando n. 1 - Anno 2016 Assistenza Sociale 700.000,00 per l individuazione di progetti di utilità sociale

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

ALLEGATO C. 1) Obiettivi

ALLEGATO C. 1) Obiettivi ALLEGATO C Criteri e modalità di finanziamento per il potenziamento, adeguamento e miglioramento degli asilo nido e micro-nidi comunali ai sensi dell articolo 70 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 Disposizioni

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002

PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL LAVORO 2012-2014 CUP J42B12000070002 AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA DI VOLONTARIATO SVOLTE DA STUDENTI CHE STANNO TERMINANDO CON SUCCESSO PERCORSI DI IFP PIANO PROVINCIALE ASSE A TALENTI AL

Dettagli

BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015

BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015 BANDO AGENZIE DI CITTADINANZA 2015 Premessa Il Protocollo d Intesa tra Comune di Napoli e CSV Napoli approvato con Deliberazione di G.M. n.1278 del 01/03/12 ha dato vita alla prima sperimentazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

3 BANDO 2014 (finestra II)

3 BANDO 2014 (finestra II) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003

Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 Piano Provinciale Disabili 2011 2012 Finanziamento 2012 Attività 2013 Fondo Regionale diritto al lavoro dei disabili L.R. 13/2003 DISPOSITIVO PROVINCIALE AZIONI DI SISTEMA Isole formative presso cooperative

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU

ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORADU DE SA PROGRAMMATZIONE, BILANTZU, CREDITU E ASSENTU DE SU TERRITORIU ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO,

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1 Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA

Dettagli

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI November 4, 2015 Autore: Centro per le Famiglie (Allegato alla DD n. 2969 del 14/12/2015) SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 A. FINALITA...2

Dettagli

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00

Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00 Data pubblicazione bando: 7 luglio 2015 Data scadenza bando: 30 settembre 2015, ore 12.00 Termine massimo di conclusione del progetto: 31 maggio 2016 Termine massimo di presentazione della rendicontazione

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER IL SOSTEGNO A PROGETTI DI RETE PER L'A.S

BANDO DI CONCORSO PER IL SOSTEGNO A PROGETTI DI RETE PER L'A.S BANDO DI CONCORSO PER IL SOSTEGNO A PROGETTI DI RETE PER L'A.S. 2015/16 DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI, DELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DI TRENTO NELLA CORNICE DEL PROTOCOLLO D'INTESA CITTA'-SCUOLA

Dettagli

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO

PROGETTI SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO BANDO SERVIZIO CIVILE GIOINVOLO ANNO 2009 42 1. I progetti 1. L idea nasce dalla consapevolezza che il Servizio Civile Nazionale rappresenta per molti giovani una significativa opportunità di crescita

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI NELL AMBITO DEL SERVIZIO CIVILE REGIONALE.

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI NELL AMBITO DEL SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ALLEGATO 1 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI NELL AMBITO DEL SERVIZIO CIVILE REGIONALE. LEGGE REGIONALE 11 MAGGIO 2006, N. 11 (Istituzione e disciplina del sistema regionale del Servizio civile) 1.

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Bando. Ambiente È Sviluppo

Bando. Ambiente È Sviluppo Bando Ambiente È Sviluppo Sommario SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREA DI INTERVENTO... 3 1.1 Premessa... 3 1.2 Obiettivi e Area di intervento... 3 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO...

Dettagli

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 100.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus opera nella provincia di

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

8 BANDO 2015 TERRITORIALE PER LA VALLE TROMPIA E VALLE GOBBIA A RACCOLTA A PATRIMONIO

8 BANDO 2015 TERRITORIALE PER LA VALLE TROMPIA E VALLE GOBBIA A RACCOLTA A PATRIMONIO 8 BANDO 2015 TERRITORIALE PER LA VALLE TROMPIA E VALLE GOBBIA A RACCOLTA A PATRIMONIO OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana in coerenza con le proprie finalità istituzionali, con l'obiettivo

Dettagli