Manuale delle procedure Parte 1. SCIA telematica. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale delle procedure Parte 1. SCIA telematica. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO."

Transcript

1 Manuale delle procedure Parte 1 SCIA telematica Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato

2 Manuale delle procedure SUAP. Parte 1 SCIA telematica 1/53

3 Manuale delle procedure SUAP. Parte 1 SCIA telematica 2/53 Indice Sommario 1 Procedura di gestione della SCIA: macrofasi Macrofasi di gestione della SCIA Schema generale flusso Legenda simboli svolte dall IMPRESA (A) (A0) Presentazione SCIA (A1) Avvio attività (A2) Integrazioni (A3) Adeguamenti e conformazioni (A4) Termine attività svolte dallo SUAP (B) (B) SUAP (B1) Ricezione (B2) Avvio controllo (B3) Inoltro (B4) Ricezione degli esiti e delle richieste (B5-1) Richiesta integrazioni o conformazioni (B5-2) Ordinanza di sospensione (B6) Conclusione del controllo di merito svolte dal COMUNE ASSOCIATO (C) (C1) Controllo di merito svolte da ALTRO ENTE (D) (D1) Controllo di merito Procedura informatizzata di gestione della SCIA: microfasi RICEZIONE E AVVIO CONTROLLO (A) IMPRESA (B) SUAP (C) COMUNE ASSOCIATO INOLTRO (B) SUAP (C) COMUNE ASSOCIATO (D) ALTRO ENTE RICEZIONE ESITI E RICHIESTE (B) SUAP (C) COMUNE ASSOCIATO (D) ALTRO ENTE RICHIESTA INTEGRAZIONI O CONFORMAZIONI (A) IMPRESA (B) SUAP ORDINANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ (A) IMPRESA (B) SUAP CONCLUSIONE CONTROLLO DI MERITO (A) IMPRESA (B) SUAP Infrastruttura informatica DOTAZIONI INFORMATICHE... 47

4 Manuale delle procedure SUAP. Parte 1 SCIA telematica 3/ Casella PEC Firma digitale Protocollo informatico Servizio per la conservazione digitale e sostitutiva Sito Web SUAP Front office operativo... 50

5 Manuale delle procedure SUAP. Parte 1 SCIA telematica 4/53 1 PROCEDURA DI GESTIONE DELLA SCIA: MACROFASI 1.1 Macrofasi di gestione della SCIA Schema generale flusso

6 Manuale delle procedure SUAP. Parte 1 SCIA telematica 5/ Legenda simboli

7 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 6/ svolte dall IMPRESA (A) (A0) Presentazione SCIA (A0) Procedimento automatizzato o con SCIA La SCIA sostituisce qualsiasi atto di autorizzazione, licenza, concessione non costitutiva, permesso o nulla osta comunque denominato, comprese le domande per le iscrizioni in albi o ruoli richieste per l'esercizio dell'attività imprenditoriale, commerciale o artigianale, il cui rilascio dipenda esclusivamente dall'accertamento di requisiti e presupposti richiesti dalla legge ed è corredata dalla documentazione specificamente richiesta dalla normativa di settore. Sono esclusi dalla disciplina sulla SCIA i casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali e gli atti rilasciati dalle amministrazioni preposte alla difesa nazionale, alla pubblica sicurezza, all'immigrazione, all'asilo, alla cittadinanza, all'amministrazione della giustizia, all'amministrazione delle finanze, ivi compresi gli atti concernenti le reti di acquisizione del gettito anche derivante dal gioco, nonché quelli imposti dalla normativa comunitaria (A1) Avvio attività (A1) Avvio attività Al ricevimento della Ricevuta di ricezione della casella PEC del SUAP cui è stata presentata la segnalazione, l impresa può legittimamente iniziare l'attività se la SCIA è formalmente corretta (A2) Integrazioni (A2) Integrazioni A seguito delle verifiche e dei controlli da parte del SUAP all atto della ricezione, del Comune competente territorialmente o degli Enti preposti, possono essere richieste integrazioni documentali a quanto presentato. Contestualmente viene comunicato l avvio del procedimento per l'annullamento degli effetti della SCIA ex art. 21 nonies L. 241/90", ciò in quanto quando si chiede all'impresa una integrazione, un documento o una conformazione si avvia un procedimento che deve essere volto all'adozione di qualche provvedimento e bisogna dirlo appunto con la comunicazione di avvio del relativo procedimento.

8 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 7/ (A3) Adeguamenti e conformazioni (A3) Adeguamenti e conformazioni A seguito delle verifiche e dei controlli da parte del Comune competente territorialmente o degli Enti preposti, possono essere richiesti, tramite provvedimento espresso, adeguamenti e/o conformazioni con comunicazione di avvio del procedimento per l'annullamento degli effetti della SCIA ex art. 21 nonies L. 241/ (A4) Termine attività (A4) Termine attività A seguito del provvedimento finale l attività non ha titolo per essere esercitata: a) a seguito di SCIA mancante di ogni presupposto di correttezza formale; b) a seguito di mancata integrazione/conformazione il SUAP adotta motivato provvedimento di annullamento degli effetti della SCIA ex art. 21 nonies della legge 241/90 in caso di sussistenza dei presupposti dell'autotutela ordinando la cessazione dell'attività.

9 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 8/ svolte dallo SUAP (B) (B) SUAP (B) SUAP DPR 160/ Art. 2, 1. Per le finalità di cui all'articolo 38, comma 3, del decreto-legge, è individuato il SUAP quale unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi, e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonché cessazione o riattivazione delle suddette attività, ivi compresi quelli di cui al decreto legislativo 26 marzo 2010, n (B1) Ricezione (B1) Ricezione Lo Sportello Unico deve operare in modalità telematica per gli adempimenti soggetti a SCIA. Il rilascio di apposita ricevuta telematica, che costituisce controllo formale a seguito di presentazione della SCIA, consente al dichiarante di esercitare immediatamente l'attività imprenditoriale (DPR 160/2010, Art. 5, commi 4 e 5) (B1-T) Termini di legge (BT) Termini di legge Termini per i controlli della SCIA presentata (B2) Avvio controllo (B2) Avvio controllo L'ufficio provvede all avvio del controllo con una disamina preliminare della documentazione presentata al fine di verificarne la leggibilità e la congruità con l'oggetto della segnalazione. A conclusione della verifica l'ufficio predispone i documenti per l'inoltro e richiede le necessarie integrazioni.

10 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 9/ (B3) Inoltro (B3) Inoltro Inoltro della SCIA al Comune territorialmente competente e ad altri Enti per le verifiche ed i controlli di competenza. MODELLO C Comunicazione Enti (B4) Ricezione degli esiti e delle richieste (B4) Ricezione degli esiti e delle richieste Ricezione degli esiti o delle richieste provenienti dal Comune territorialmente competente o dagli Enti esterni a seguito delle verifiche e dei controlli effettuati (B4-0) Gestione esiti e richieste (B4-0) Gestione esiti e richieste Vengono raccolti e valutati dal Responsabile del SUAP esiti, pareri o richieste di integrazione o di conformazione ricevuti dagli altri soggetti preposti al controllo (B5) Avvio del procedimento (B5) Avvio procedimento Avvio di un procedimento (B5-1) Richiesta integrazioni o conformazioni (B5-1) Richiesta integrazioni o conformazioni Mansione assegnata a Responsabile SUAP dell utente

11 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 10/53 (B5-1) Richiesta integrazioni o conformazioni A seguito del controllo di merito e con l'avvio di un procedimento, vengono richieste integrazioni, adeguamenti o conformazioni, dando all interessato un termine non inferiore ai 30 giorni (B5-1C) Comunicazione (B5-1C) Comunicazione Richiesta di integrazioni, adeguamenti e conformazioni. Definizione evento Comunicazione MODELLO A - avvio procedimento per integrazione SCIA MODELLO A1 ulteriore richiesta di integrazione SCIA (B5-1T) Termini procedimento (B5-1T) Termini procedimento I termini del procedimento di 60 giorni vengono sospesi dalla comunicazione di richiesta di integrazione e ricominceranno a decorrere dal ricevimento delle integrazioni richieste. Definizione evento Timer (B5-2) Ordinanza di sospensione (B5-2) Ordinanza di sospensione Mansione assegnata al Responsabile SUAP dell utente In caso di esplicita mancanza di requisiti (professionali o morali) o di altri motivi ostativi all esercizio dell attività, il Responsabile SUAP procede con l emissione di un ordinanza di sospensione dell attività iniziata dall impresa, che costituisce avvio del procedimento per l annullamento degli effetti della SCIA (B5-2C) Provvedimento (B5-2C) Provvedimento Provvedimento di sospensione dell attività Definizione evento Comunicazione

12 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 11/53 (B5-2C) Provvedimento MODELLO B ordinanza di divieto di prosecuzione attività (B5-2T) Termini procedimento (B5-2T) Termini procedimento Termini del procedimento ex Legge 241/90 e sospensione degli effetti della SCIA. Definizione evento Timer (B6) Conclusione del controllo di merito (B7) Conclusione del controllo di merito Il responsabile SUAP valuta le risultanze fin qui raccolte e procede alla conclusione della fase di controllo (B6-0) Esito del controllo di merito (B6-0) Esito del controllo di merito A conclusione del controllo si procederà all archiviazione della pratica (esito positivo) o all emissione del provvedimento finale (esito negativo o mancanza di requisiti) (B6-1) Archiviazione (B6-1) Archiviazione Chiusura ed archiviazione pratica: a) a seguito di mancanza di osservazioni, richieste o conformazioni nel corso degli endoprocedimenti. L archiviazione non necessita di comunicazione finale. b) a seguito di mancata integrazione / conformazione il SUAP dispone l'archiviazione del procedimento qualora rilevi la mancanza dei presupposti per l'adozione del provvedimento di autotutela ex art. 21 nonies legge 241/90, con conseguente prosecuzione dell'attività, con comunicazione finale all imprenditore.

13 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 12/53 (B6-1) Archiviazione MODELLO E - chiusura procedimento per annullamento effetti SCIA MODELLO F - chiusura procedimento dopo ordinanza di divieto (B6-2) Provvedimento finale (B6-2) Provvedimento finale Provvedimento finale in caso di conclusione negativa del controllo e del procedimento. MODELLO D - Ordinanza chiusura esercizio commerciale

14 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 13/ svolte dal COMUNE ASSOCIATO (C) (C1) Controllo di merito (C1) Controllo di merito Verifica e controllo di merito da parte del Comune territorialmente competente.

15 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 14/ svolte da ALTRO ENTE (D) (D1) Controllo di merito (D1) Controllo di merito Verifica e controllo di merito da parte del soggetto (Ente) competente.

16 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 15/53 2 PROCEDURA INFORMATIZZATA DI GESTIONE DELLA SCIA: MICROFASI 2.1 RICEZIONE E AVVIO CONTROLLO

17 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 16/ (A) IMPRESA (A) IMPRESA (A0) PEC Impresa (A0) PEC Impresa Tipo di evento Predisposizione della SCIA. DPR 160/ Art. 2, comma 2. Le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni e le comunicazioni concernenti le attività di cui al comma 1 ed i relativi elaborati tecnici e allegati sono presentati esclusivamente in modalità telematica, secondo quanto disciplinato nei successivi articoli e con le modalità di cui all'articolo 12, commi 5 e 6, al SUAP competente per il territorio in cui si svolge l'attività o è situato l'impianto.. Comunicazione (A0-C) Presentazione telematica (A1) Inizio attività (A0-C) Presentazione Telematica Messaggio di invio della documentazione SCIA tramite PEC del mittente o dell'intermediario, anche tramite supporto di sistemi informatizzati di front-end (MUTA, Comunica, ecc.) utilizzati per la formazione della pratica. DPR 160/ Art. 5, comma 3. La segnalazione è corredata da tutte le dichiarazioni, le attestazioni, le asseverazioni, nonché dagli elaborati tecnici di cui all'articolo 19, comma 1, della legge 7 agosto 1990, n (A1) Inizio attività Tipo di evento La "Ricevuta di ricezione", rilasciata automaticamente dal sistema PEC del SUAP, è titolo valido con cui l'impresa può legittimamente iniziare l'attività segnalata. Comunicazione

18 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 17/ (B) SUAP (B) SUAP Comune designato, nella gestione associata del SUAP (B0) Casella PEC SUAP (B0) Casella PEC SUAP Tipo di evento Indirizzo dichiarato per la presentazione telematica al SUAP delle segnalazioni. Tale casella è gestita dall Ufficio Unico del SUAP che garantisce la lettura almeno una volta al giorno dei messaggi ricevuti. Comunicazione (B0-C) Ricevuta di ricezione casella PEC (B0-C) Ricevuta di ricezione casella PEC Ricevuta di ricezione emessa automaticamente dal sistema PEC del destinatario (B0-T) Termini SCIA (B0-T) Termini SCIA Tipo di evento A partire dall emissione automatica della ricevuta di ricezione della casella PEC del SUAP, partono i termini per il controllo della segnalazione ricevuta. La norma prevede 60 giorni per la verifica, fatto salvo il potere di autotutela in capo al SUAP anche successivamente ai termini indicati. Termini temporali (B1) Ricezione (B1) Ricezione Mansione assegnata all Operatore SUAP Ricezione La ricezione delle SCIA presentate avviene tramite l applicativo in dotazione al SUAP. Alla ricezione della posta in arrivo, l operatore individua la nuova pratica inserendo i dati necessari. Per il completamento dell inserimento sono necessari i riferimenti della segnatura di protocollo assegnato alla documentazione ricevuta.

19 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 18/ (B1-0) Protocollo in ingresso (B1-0) Protocollo in ingresso Call activity di servizio L operatore provvede alla protocollazione in ingresso del messaggio ricevuto e dei documenti allegati. Qualora non sia possibile richiamare l applicazione di protocollo dal sistema informatico in dotazione al SUAP, l operatore provvede alla registrazione manuale degli stessi. Per svolgere tale processo i documenti ricevuti vengono salvati temporaneamente per poterli allegare nella fase di protocollo. La segnatura di protocollo generata dal sistema sarà utilizzata per il completamento dell inserimento della nuova pratica nel sistema informatico in uso (applicativo SUAP) (B1-F) Fascicolo (B1-F) Fascicolo Apertura del fascicolo elettronico e/o cartaceo. Nel fascicolo verranno raccolti tutti i documenti, le comunicazioni e i provvedimenti formati e/o ricevuti nel corso della verifica formale e del controllo di merito (B1-1) Controllo formale assolto (B1-1) Controllo formale assolto La ricevuta automatica rilasciata dal sistema PEC in uso al SUAP, costituisce titolo per l'inizio dell'attività. Pertanto il controllo formale diventa parte integrante del controllo di merito, previsto alla fase successiva (B1-2) Assegnazione (B1-2) Assegnazione Mansione assegnata all Operatore SUAP dell utente Assegnazione al Comune territorialmente competente

20 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 19/ (B1-10C) Comunicazione assegnazione (B1-2C) Comunicazione assegnazione Comunicazione al Comune territorialmente competente per la SCIA presentata, dell avvenuta assegnazione di una nuova pratica. (B2) Avvio controllo (B2) Avvio controllo Tipo di evento Passaggio alla fase successiva Link

21 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 20/ (C) COMUNE ASSOCIATO (C) COMUNE ASSOCIATO Comune associato al SUAP territorialmente competente per la comunicazione presentata (C0) PEC AOO (C0) PEC AOO Tipo di evento Se esterno, indirizzo PEC protocollo (A00) comune associato. Se ufficio dello stesso Comune, assegnazione a UO destinataria tramite sistema di protocollo. Comunicazione

22 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 21/ INOLTRO

23 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 22/ (B) SUAP (B) SUAP Comune designato, nella gestione associata del SUAP, allo svolgimento della fase in oggetto (B3) Avvio endoprocedimento (B3) Avvio endoprocedimento Mansione assegnata all Operatore SUAP dell utente In base alla tipologia di SCIA il SUAP attiva i necessari endoprocedimenti con richiesta di pareri e conformità al Comune territorialmente competente e agli Enti preposti al controllo (B3-0) Inoltro (B3-0) Inoltro Mansione assegnata all Operatore SUAP Trasmissione/Comunicazione Inoltro della SCIA e delle richieste di pareri e conformità al Comune territorialmente competente ed agli Enti preposti al controllo (B3-T) Termini endoprocedimento (B3-T) Termini endoprocedimento I termini sono indicati nella richiesta di pareri e conformità. Definizione evento Timer (B3-10) Protocollo in uscita (B3-10) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita della comunicazione da trasmettere.

24 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 23/ (B3-10C) Trasmissione (B3-10C) Trasmissione ad altro Comune Trasmissione telematica della SCIA e della richiesta di pareri e conformità al referente SUAP del Comune associato. MODELLO C Comunicazione Enti (B3-20) Protocollo in uscita (B3-20) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita della richiesta e della documentazione da trasmettere ad altro Ente (B3-20C) Trasmissione ad altro Ente (B3-20C) Trasmissione ad altro Ente Trasmissione, telematica tramite PEC del SUAP se documento informatico o con altro mezzo se cartaceo, della SCIA e della richiesta di pareri e conformità. (B4) Ricezione esiti (B4) Ricezione esiti Tipo di evento Fase successiva Link

25 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 24/ (C) COMUNE ASSOCIATO (C) COMUNE ASSOCIATO Comune associato, territorialmente competente per la segnalazione presentata al SUAP (C0) PEC o indirizzo dichiarato (D0) PEC o Indirizzo dichiarato Tipo di evento Casella PEC istituzionale del Comune associato. La documentazione ricevuta deve essere protocollata. Comunicazione (C1) Comune associato (C1) Comune associato Mansione assegnata al Referente SUAP dell utente Ricezione della SCIA e smistamento all ufficio comunale competente.

26 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 25/ (D) ALTRO ENTE (D) ALTRO ENTE Altro Ente competente per i controlli (D0) indirizzo destinatario (D0) indirizzo destinatario Tipo di evento Casella PEC se trasmissione telematica oppure indirizzo postale se trasmissione cartacea. Comunicazione (D1) Altro Ente (D1) Altro Ente Mansione assegnata all Ufficio competente dell utente Ufficio deputato al controllo di merito.

27 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 26/ RICEZIONE ESITI E RICHIESTE

28 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 27/ (B) SUAP (B) SUAP Comune designato, nella gestione associata del SUAP, allo svolgimento della fase in oggetto (B0) Casella PEC SUAP (B0) Casella PEC SUAP Tipo di evento Ricezione sulla casella PEC del SUAP degli esiti o delle richieste provenienti da altri Enti preposti ai controlli. Comunicazione (B1-F) Fascicolo (B1-F) Fascicolo Formazione del fascicolo elettronico e/o cartaceo. Nel fascicolo verranno raccolti tutti i documenti, le comunicazioni e i provvedimenti formati e/o ricevuti nel corso della verifica formale e del controllo di merito (B4) Ricezione esiti e richieste (B4) Ricezione esiti e richieste Mansione assegnata all Operatore SUAP Ricezione Ricezione di eventuali richieste di integrazioni, di conformazione o dell'esito conclusivo del controllo di merito da parte dei Comuni e degli Enti competenti (B4-0) Protocollo in ingresso (B4-0) Protocollo in ingresso Call activity di servizio Protocollazione in ingresso.

29 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 28/ (B4-1) Esito (B4-1) Esito Azioni da intraprendere in base alla valutazione degli esiti o delle richieste ricevute. Se sono pervenute richieste di integrazione, adeguamento o conformazione o i controlli hanno dato esito negativo il Responsabile SUAP avvia il conseguente procedimento amministrativo. In caso diverso procede alla fase conclusiva del controllo di merito. (B5-1) Richiesta integrazioni e conformazioni (B5-1) Avvio procedimento Tipo di evento Fase successiva nel caso di richiesta integrazioni, adeguamenti o conformazioni Link (B5-2) Ordinanza di sospensione (B5-2) Avvio procedimento Tipo di evento Fase successiva nel caso di esito negativo dei controlli di merito Link (B6) Conclusione controllo (B6) Conclusione controllo Tipo di evento Fase successiva nel caso di esito positivo dei controlli Link

30 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 29/ (C) COMUNE ASSOCIATO (C) COMUNE ASSOCIATO (C1) Controllo di merito Comune associato (C1) Controllo di merito Comune associato Mansione assegnata all Ufficio competente dell utente Controllo di merito della documentazione ricevuta (C1-C) Esito controllo di merito (D1-C) Esito controllo di merito Mansione assegnata al Referente SUAP Comunicazione Trasmissione al SUAP competente dell'esito del controllo.

31 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 30/ (D) ALTRO ENTE (D) ALTRO ENTE (D1) Controllo di merito altro Ente (D1) Controllo di merito altro Ente Mansione assegnata all Ufficio competente dell utente Controllo di merito della documentazione ricevuta (D1-C) Esito controllo di merito (D1-C) Esito controllo di merito Comunicazione Trasmissione al SUAP competente dell'esito del controllo.

32 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 31/ RICHIESTA INTEGRAZIONI O CONFORMAZIONI

33 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 32/ (A) IMPRESA (A) IMPRESA (A2) Integrazioni e conformazioni (A2) Integrazioni e conformazioni Tipo di evento All impresa possono essere richieste integrazioni o conformazioni (A2-C) Invio integrazioni e conformazioni (A2-C) Invio integrazioni e conformazioni Invio delle integrazioni o delle conformazioni richieste

34 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 33/ (B) SUAP (B) SUAP Comune designato, nella gestione associata del SUAP, allo svolgimento della fase di ricezione (B5) Avvio del procedimento (B5) Avvio del procedimento Avvio e termini di esecuzione del procedimento. Definizione evento Timer (B5-1) Richiesta integrazioni o conformazioni (B5-1) Richiesta integrazioni o conformazioni Mansione assegnata a Operatore Suap Trasmissione/Comunicazione MODELLO A - avvio procedimento per integrazione SCIA MODELLO A1 ulteriore richiesta di integrazione SCIA Su indicazione degli uffici preposti al controllo vengono richieste integrazioni, adeguamenti o conformazioni dall'ufficio unico. Contestualmente viene comunicato l'avvio del procedimento ed i relativi termini di esecuzione (B5-1T) Termini risposta (B5-1T) Termini risposta Termini per la risposta alla richiesta inviata. Definizione evento Timer (B5-10) Protocollo in uscita (B5-10) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita della comunicazione da trasmettere

35 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 34/ (B5-10C) Richiesta integrazioni o conformazioni (B1-F) Fascicolo (B5-10C) Richiesta integrazioni o conformazioni A seguito del controllo preliminare effettuato dall'ufficio Unico o dagli esiti degli endoprocedimenti, si inoltra richiesta di integrazioni. (B1-F) Fascicolo Formazione del fascicolo elettronico e/o cartaceo. Nel fascicolo verranno raccolti tutti i documenti, le comunicazioni e i provvedimenti formati e/o ricevuti nel corso della verifica formale e del controllo di merito (B1) Ricezione (B1) Ricezione Ricezione su PEC SUAP delle integrazioni o delle conformazioni comunicate dall'impresa. Definizione evento Comunicazione (B5-11) Protocollo in ingresso (B5-11) Protocollo in ingresso Call activity di servizio Protocollazione in ingresso (B5-12) Ricezione integrazioni e conformazioni (B5-12) Ricezione integrazioni e conformazioni Mansione assegnata all Operatore SUAP Ricezione Ricezione delle integrazioni o delle conformazioni inviate dall'impresa.

36 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 35/ (B5-13) Invio ad altri soggetti (B5-13) Invio ad altri soggetti Se quanto ricevuto deve essere inoltrato ad altri soggetti (B5-13T) Termini risposta (B5-13T) Termini risposta Termini per la risposta alla richiesta inviata. Definizione evento Timer (B3) Inoltro (B3) Inoltro Ritorno alla fase di inoltro Definizione evento Link (B4) Ricezione esiti (B4) Ricezione esiti Fase di ricezione degli esiti da altri soggetti Definizione evento Link (B5-14) Esiti altri soggetti (B5-14) Esiti altri soggetti Se pervengono risposte da altri soggetti

37 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 36/ (B5-15) Conclusione procedimento (B5-15) Conclusione procedimento Mansione assegnata a Responsabile SUAP dell utente Conclusione del procedimento e comunicazione all'impresa se esito positivo (B5-16) Protocollo in uscita (B5-16) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita della comunicazione da trasmettere (B5-16C) Comunicazione esito positivo (B5-16C) Comunicazione esito positivo Comunicazione della chiusura con esito positivo del procedimento e conseguente archiviazione della pratica. MODELLO E- chiusura procedimento per annullamento effetti SCIA MODELLO F chiusura procedimento dopo ordinanza di divieto (B6) Conclusione controllo (B6) Conclusione controllo Passaggio alla fase successiva Definizione evento Link

38 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 37/ ORDINANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ

39 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 38/ (A) IMPRESA (A) IMPRESA (A3) Ordinanza di sospensione dell'attività (A3) Ordinanza di sospensione dell'attività Tipo di evento All impresa possono essere richieste integrazioni o conformazioni (A3-C) Osservazioni o contro deduzioni (A3-C) Osservazioni o contro deduzioni Invio delle integrazioni o delle conformazioni richieste

40 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 39/ (B) SUAP (B) SUAP Comune designato, nella gestione associata del SUAP, allo svolgimento della fase di ricezione (B5-0) Avvio procedimento (B5-0) Avvio procedimento Mansione assegnata a Responsabile SUAP dell utente Su decisione del SUAP o a seguito degli esiti dei controlli effettuati dal Comune territorialmente competente o dagli Enti preposti viene avviato un procedimento per l annullamento degli effetti della Scia (B5-T) Avvio del procedimento (B5-T) Avvio del procedimento Termini di esecuzione del procedimento. Definizione evento Timer (B5-2) Ordinanza di sospensione (B5-2) Ordinanza di sospensione Mansione assegnata a Responsabile SUAP Trasmissione/Comunicazione Emissione del provvedimento per la sospensione dell'attività da comunicare all'impresa. MODELLO B Ordinanza di divieto di prosecuzione (B5-20) Protocollo in uscita (B5-20) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita del provvedimento da trasmettere

41 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 40/ (B5-20C) Provvedimento di sospensione (B5-20C) Provvedimento di sospensione Trasmissione del provvedimento (B1-F) Fascicolo (B1-F) Fascicolo Formazione del fascicolo elettronico e/o cartaceo. Nel fascicolo verranno raccolti tutti i documenti, le comunicazioni e i provvedimenti formati e/o ricevuti nel corso della verifica formale e del controllo di merito (B5-21) Protocollo in ingresso (B5-21) Protocollo in ingresso Call activity di servizio Protocollazione in ingresso (B5-22) Ricezione osservazioni o contro deduzioni (B5-22) Ricezione osservazioni o contro deduzioni Mansione assegnata a Responsabile SUAP dell utente Ricezione di eventuali contro deduzioni o osservazioni inviate dall'impresa (B5-23) Invio ad altri soggetti (B5-23) Invio ad altri soggetti Se quanto ricevuto deve essere inoltrato ad altri soggetti

42 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 41/ (B5-23T) Termini risposta (B5-23T) Termini risposta Termini per la risposta alla richiesta inviata. Definizione evento Timer (B3) Inoltro (B3) Inoltro Ritorno alla fase di inoltro Definizione evento Link (B4) Ricezione esiti (B4) Ricezione esiti Fase di ricezione degli esiti da altri soggetti Definizione evento Link (B5-24) Esiti altri soggetti (B5-24) Esiti altri soggetti Se pervenute risposte da altri soggetti (B5-25) Conclusione procedimento (B5-25) Conclusione procedimento Mansione assegnata a Responsabile SUAP dell utente Se il SUAP accetta le osservazioni o le contro deduzioni inviate, si procede ala conclusione del procedimento ed alla comunicazione all'impresa dell'annullamento dell'ordinanza di sospensione. MODELLO E- chiusura procedimento per annullamento effetti SCIA MODELLO F chiusura procedimento dopo ordinanza di divieto

43 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 42/ (B5-25) Protocollo in uscita (B5-25) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita della comunicazione da trasmettere (B5-25C) Provvedimento di annullamento (B5-25C) Provvedimento di annullamento Comunicazione del provvedimento di annullamento e della chiusura con esito positivo del procedimento con conseguente archiviazione della pratica.

44 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 43/ CONCLUSIONE CONTROLLO DI MERITO

45 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 44/ (A) IMPRESA (A) IMPRESA (A4) Mancanza titolo abilitante (A4) Mancanza titolo abilitante Tipo di evento A seguito del provvedimento finale emesso dal SUAP l attività non ha titolo per essere esercitata per: a) SCIA mancante di ogni presupposto di correttezza formale; b) mancata integrazione/conformazione il SUAP adotta motivato provvedimento di annullamento degli effetti della SCIA ex art. 21 nonies della legge 241/90 in caso di sussistenza dei presupposti dell'autotutela ordinando la cessazione dell'attività Comunicazione

46 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 45/ (B) SUAP (B) SUAP Comune designato, nella gestione associata del SUAP, allo svolgimento della fase di ricezione (B6) Conclusione del controllo (B7) Conclusione del controllo Mansione assegnata al Responsabile SUAP dell utente Valutazione degli esiti dei controlli effettuati o delle richieste pervenute da altri Enti o dal Comune territorialmente competente (B6-0) Esito (B6-0) Esito Esito conclusivo dei controlli effettuati (B6-1) Archiviazione (B6-1) Archiviazione Tipo di evento Chiusura ed archiviazione pratica: a) a seguito di mancanza di osservazioni, richieste o conformazioni nel corso degli endoprocedimenti. L archiviazione non necessita di alcuna comunicazione finale. b) a seguito di mancata integrazione /conformazione il SUAP dispone l'archiviazione del procedimento qualora rilevi la mancanza dei presupposti per l'adozione del provvedimento di autotutela ex art. 21 nonies legge 241/90, con conseguente prosecuzione dell'attività. Con comunicazione all interessato. Conclusione MODELLO E - chiusura procedimento per annullamento effetti SCIA MODELLO F - chiusura procedimento dopo ordinanza di divieto

47 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 46/ (B1-F) Fascicolo (B1-F) Fascicolo Chiusura del fascicolo elettronico e/o cartaceo. Nel fascicolo sono stati raccolti tutti i documenti, le comunicazioni e i provvedimenti formati e/o ricevuti nel corso della verifica formale e del controllo di merito (B6-2) Provvedimento finale (B6-2) Provvedimento finale Mansione assegnata al Responsabile SUAP Trasmissione/Comunicazione A seguito di esito negativo dei controlli deve essere notificato al richiedente la mancanza di titolo abilitante all'esercizio dell'attività. Il provvedimento finale viene emesso nel caso di: a) SCIA mancante di ogni presupposto di correttezza formale; b) mancata integrazione/conformazione il SUAP adotta motivato provvedimento di annullamento degli effetti della SCIA ex art. 21 nonies della legge 241/90 in caso di sussistenza dei presupposti dell'autotutela ordinando la cessazione dell'attività (B6-20) Protocollo in uscita (B6-20) Protocollo in uscita Call activity di servizio Protocollazione in uscita della comunicazione da trasmettere (B6-20C) Comunicazione provvedimento (B6-20C) Comunicazione provvedimento Comunicazione del provvedimento al richiedente ex lege 241/90.

48 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 47/53 3 INFRASTRUTTURA INFORMATICA 3.1 DOTAZIONI INFORMATICHE

49 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 48/ Casella PEC Casella istituzione PEC Casella di PEC istituzionale, a cui fa riferimento il SUAP, per ricevere la documentazione dalle imprese; inviare le ricevute e gli atti relativi ai procedimenti; trasmettere atti, comunicazioni e relativi allegati alle altre amministrazioni comunque coinvolte nel procedimento e ricevere dalle stesse comunicazioni e atti in formato elettronico; Firma digitale Firma digitale Il Responsabile SUAP è dotato di certificato di firma digitale per la sottoscrizione dei documenti informatici. Il sistema in uso all ufficio deve consentire la lettura e la verifica dei documenti firmati digitalmente (file firmati in modo conforme alla deliberazione CNIPA n.45 del 21 maggio 2009) ricevuti nel corso del procedimento Protocollo informatico Protocollo informatico Sistema per la protocollazione informatica della documentazione in entrata e in uscita, per la certificazione della corrispondenza, come previsto dal DPR 445 del 28 dicembre 2000 e dal DPCM del 31 ottobre Per tutte le attività dell Ufficio unico che prevedono la registrazione di documenti e comunicazioni ricevuti o spediti, verrà utilizzato il sistema di protocollo informatico in uso al comune capofila. A tal fine verrà predisposta una apposita Area Organizzativa, composta da più Unità Operative abilitate alle funzioni richieste dallo svolgimento delle attività, all interno della AOO del Comune capofila. I documenti informatici, gli originali cartacei ed i fascicoli gestiti dal SUAP saranno classificati e gestiti secondo le regole archiviste previste nel Manuale di gestione del protocollo informatico del Comune capofila Servizio per la conservazione digitale e sostitutiva Servizio per la conservazione digitale e sostitutiva dei documenti

50 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 49/53 Servizio per la conservazione digitale e sostitutiva dei documenti I documenti elettronici ricevuti o formati durante lo svolgimento delle attività del SUAP dovranno essere conservati digitalmente secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Il sistema adottato dovrà essere conforme alle Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5-bis, 23-ter, comma 4, 43, commi 1 e 3, 44, 44 bis e 71, comma 1, del Codice dell amministrazione digitale di cui al decreto legislativo n.82 del Il sistema di conservazione dovrà assicurare la conservazione, tramite l adozione di regole, procedure e tecnologie, degli oggetti in esso archiviati, garantendo le caratteristiche di autenticità, integrità, affidabilità, leggibilità, reperibilità. Inoltre, dovrà garantire l accesso agli oggetto conservati, per il periodo prescritto dalla norma, indipendentemente dall evolversi del contesto tecnologico. I processi di conservazione possono essere attivati all interno della struttura organizzativa che produce il documento informatico o affidando tali processi a conservatori accreditati, pubblici o privati, di cui all articolo 44-bis, comma 1, del decreto legislativo n.82 del 2005, fatte salve le competenze del Ministero per i beni e le attività culturali ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n 42, e successive modificazioni Sito Web SUAP Sito Web SUAP Il servizio è realizzato tramite portale proprio (sito web del SUAP). Il sito è articolato su tre aree principali: area informativa ad accesso libero, area ad accesso autenticato per l erogazione di servizi individuali, servizio di pagamento online. del sito informativo Il portale si basa su di un infrastruttura Intra/extranet di Comunità Montana su tecnologia WEB 2.0 ed è sviluppato su piattaforma Drupal con le seguenti funzionalità: area ad accesso libero con informazioni sui procedimenti (con possibilità di scaricare la modulistica necessaria all attivazione degli stessi), sulle modalità di presentazione delle segnalazioni e delle istanze, sulle modalità di pagamento area ad accesso autenticato per le informazioni sullo stato di avanzamento delle pratiche ricerca informazioni navigazione orizzontale, gerarchica e attraverso tagging gestione documenti avanzata grazie all'interfacciamento con CMS avanzati gestione news aziendali e interaziendali georeferenziazione compatibilità con sistemi di navigazione remota

51 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 50/53 Sito Web SUAP dell area ad accesso autenticato Il sistema di autenticazione basa il suo principale servizio tramite CRS (Carta Regionale dei Servizi), qualora e in mancato possesso della stessa è possibile autenticare l utente attraverso userid e password. Il sistema di autenticazione tramite CRS utilizza il sistema IDPC (Identity Provider del Cittadino) della Regione Lombardia. del servizio di pagamento online L infrastruttura del sistema di pagamento risponde ai requisiti di sicurezza dell istituto centrale delle banche popolari italiane (ICBPI). L identificazione dell utente avviene tramite CRS unicamente nel portale utilizzando il sistema IDPC di Regione Lombardia. Il sistema permette il pagamento sicuro attraverso le tipologie comunemente utlizzate quali: RID carta di credito MAV. Il sistema permettere il monitoraggio di ogni pagamento, con il trekking del servizio e il suo relativo esito Front office operativo M.U.T.A. (Portale regionale) Lo SUAP associato adotta il sistema regionale MUTA (Modello Unico Trasmissione Atti) quale proprio strumento di front office operativo. I servizi attivi sulla piattaforma MUTA sono descritti nelle categorie sotto riportate. Gestione e controllo degli accessi. Registrazione e profilazione per: Cittadini/Imprese; Intermediari (CCIAA, Studi professionali, Agenzie delle imprese...); Enti (Comuni, SUAP, ASL, ARPA, VV.FF, Province, Regione Lombardia..). Servizi applicativi online: SCIA (include il modulo per la Procura Speciale); SCIA Agriturismo (Segnalazione Certificata di Inizio per l esercizio Agrituristica e comunicazioni varie);

52 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 51/53 M.U.T.A. (Portale regionale) DIA + Agibilità Edilizia (Denuncia di Inizio Edilizia per le attività economiche e Dichiarazione di Agibilità per edifici destinati ad attività economiche) Carta Esercizio Ambulantato (prossimo rilascio); Comunicazione Semestrale per nuove installazioni e cessazioni di apparecchi automatici per la vendita di prodotti alimentari (prossimo rilascio). Servizi di interoperabilità tra sistemi / soggetti: Acquisizione e trasmissione telematica delle pratiche (via Upload, Pec, Web Services, Cooperazione applicativa); Gestione delle notifiche ai soggetti interessati; Gestione acquisizione degli esiti dei controlli dai soggetti interessati. Monitoraggio statistico e territoriale delle pratiche: Applicativo integrato nella piattaforma MUTA per il monitoraggio statistico e cartografico in tempo reale delle pratiche gestite dalla piattaforma (prossimo rilascio).

53 MANUALE SUAP - Struttura e fasi procedimenti in gestione associata 52/53

Gestione associata SUAP

Gestione associata SUAP Gestione associata SUAP Comuni aderenti CAPRALBA CREMOSANO DOVERA MONTE CREMASCO PANDINO SPINO D'ADDA VAIANO CREMASCO Manuale delle procedure Parte 1 SCIA telematica Versione da consegnare (gennaio 2012)

Dettagli

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica

FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica FUTURE NOVITÀ SULLA SCIA IN EDILIZIA APPROVATE DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL 20 GENNAIO 2016 (NON ANCORA IN VIGORE) di Antonella Mafrica Lo scorso 20 gennaio 2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL SUAP. Tipologia Il Comune esercita le funzioni inerenti il SUAP in associazione con altri Comuni e non e' capofila

DATI IDENTIFICATIVI DEL SUAP. Tipologia Il Comune esercita le funzioni inerenti il SUAP in associazione con altri Comuni e non e' capofila Il sottoscritto Davide Colloca, codice fiscale CLLDVD71C23I968S, in qualità di Responsabile SUAP del Comune di ZERBOLO' (PV) dichiara che il Comune ha instituito lo Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti Uno strumento per la semplificazione M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti un sistema per la Pubblica Amministrazione una risorsa per le Imprese 19 aprile 2011 Videoconferenza di presentazione INDICE

Dettagli

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti MUTA Modello Unico Trasmissione Atti A cura di Elisabetta Sciacca Direzione SIRE / Responsabile Progetto Muta Milano, 15 settembre 2011 SINTESI DEI CONTENUTI 1. La piattaforma MUTA 2. I servizi 3. Scenari

Dettagli

Sportello unico attività produttive (SUAP)

Sportello unico attività produttive (SUAP) www.globogis.it Sportello unico attività produttive (SUAP) Modulo base Sessione1 Introduzione alla gestione telematica del SUAP Argomenti Logistica e contenuti del corso Normativa nazionale e regionale

Dettagli

Allegato. I requisiti tecnici e le regole di loro adozione dello Sportello Unico per le Attività Produttive

Allegato. I requisiti tecnici e le regole di loro adozione dello Sportello Unico per le Attività Produttive I requisiti tecnici e le regole di loro adozione dello Sportello Unico per le Attività Produttive Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Posso continuare a presentare le pratiche Suap anche con le tradizionali modalità cartacee?

Posso continuare a presentare le pratiche Suap anche con le tradizionali modalità cartacee? Posso continuare a presentare le pratiche Suap anche con le tradizionali modalità cartacee? Il DPR 160/2010 prescrive che la presentazione delle Segnalazioni o delle Istanze allo Sportello Unico comunale

Dettagli

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7

IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Impresa in un giorno - 13 IMPRESA IN UN GIORNO INIZIO DELL ATTIVITÀ 7 Le imprese che iniziano l attività di agente o rappresentante di commercio devono presentare la segnalazione certificata di inizio

Dettagli

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso Pratiche amministrative legate all inizio attività Maria Loreta Raso 1 L iniziativa economica privata è libera art. 41, comma1, Cost. 2 Chi è imprenditore Chi esercita professionalmente un attività economica

Dettagli

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE

DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE DIREZIONE GESTIONE TRIBUTI e MONOPOLIO GIOCHI UFFICIO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO LINEE GUIDA INDICE - CREDENZIALI DI ACCESSO E REGISTRAZIONE NELL AREA RISERVATA - COMPILAZIONE DOMANDA ISCRIZIONE - FIRMA

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP versione

Dettagli

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica

Giampietro BOSCAINO Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica Sportello Unico per le Attività Produttive (D.P.R. del 7 settembre 2010, n. 160) - Indirizzi applicativi di armonizzazione tra le procedure di prevenzione incendi ed il procedimento automatizzato di cui

Dettagli

Suap il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi

Suap il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi www.infocamere.it Suap il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi ilsuap Con Maurizio Vego Scocco Bassano del Grappa 5 giugno 2013 Consulente INFOCAMERE Camere di Commercio di Pordenone e di Vicenza

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

La Comunicazione Unica Impresa in un giorno. Verona, 19 aprile 2010

La Comunicazione Unica Impresa in un giorno. Verona, 19 aprile 2010 La Comunicazione Unica Impresa in un giorno Verona, 19 aprile 2010 La Comunicazione Unica Legge n. 40 del 2 aprile 2007 art. 9 Normativa di riferimento Origini: sportello polifunzionale Obiettivo: riduzione

Dettagli

Maurizio Vego Scocco

Maurizio Vego Scocco Suap Con il il Comune inizia la dematerializzazione dei servizi Maurizio Vego Scocco Comune di Vicenza 5 aprile 2013 Consulente INFOCAMERE Camere di Commercio di Pordenone e Vicenza 1 Sportello Unico Attività

Dettagli

INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO

INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO ALLEGATO A INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO ART.1 DEFINIZIONI Ai fini dei presenti criteri s intende: per SUAP: lo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

SU@P. Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche

SU@P. Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche SU@P Comune di AFRAGOLA Servizio S.U.A.P. Attivazione del S.U.A.P. Telematico Informazioni sulle procedure telematiche Modalità di presentazione telematica delle istanze e delle SCIA La S.C.I.A. (Segnalazione

Dettagli

IL MOMENTO LEGALE DI AVVIO DELLE ATTIVITA SOGGETTE A S.C.I.A. La prestazione di un servizio anche di natura intellettuale e/o professionale dietro

IL MOMENTO LEGALE DI AVVIO DELLE ATTIVITA SOGGETTE A S.C.I.A. La prestazione di un servizio anche di natura intellettuale e/o professionale dietro IL MOMENTO LEGALE DI AVVIO DELLE ATTIVITA SOGGETTE A S.C.I.A. La prestazione di un servizio anche di natura intellettuale e/o professionale dietro corrispettivo o remunerazione è disciplinata dalla c.d.

Dettagli

Cosa è la Comunicazione Unica?

Cosa è la Comunicazione Unica? Cosa è la Comunicazione Unica? La Comunicazione Unica permette di assolvere tutti gli adempimenti amministrativi, fiscali, previdenziali ed assicurativi necessari all'avvio di un'attività imprenditoriale

Dettagli

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e il Dlgs. 33 gli obblighi delle scuole: trasparenza, dematerializzazione, archiviazione sostitutiva Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e le Istituzioni scolastiche: dal documento

Dettagli

Allegato. Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive

Allegato. Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive Scheda relativa al funzionamento dello sportello unico per le attività produttive Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato SCHEDA RELATIVA AL

Dettagli

SERVIZIO MUTA-SCIA NOTE DI RILASCIO DELLA VERSIONE DI MARZO 2013. Revisione del Documento: 01 Data revisione: 04-03-2013

SERVIZIO MUTA-SCIA NOTE DI RILASCIO DELLA VERSIONE DI MARZO 2013. Revisione del Documento: 01 Data revisione: 04-03-2013 SERVIZIO MUTA-SCIA NOTE DI RILASCIO DELLA VERSIONE DI MARZO 2013 Revisione del Documento: 01 Data revisione: 04-03-2013 INDICE DEI CONTENUTI 1. Scopo e campo di applicazione... 3 2. Tipologia dei destinatari...

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione della sede della filiale di agenzia di viaggi Allo Sportello

Dettagli

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA

IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA GIUGNO 2014 IfinConsulting News - FOCUS FATTURA ELETTRONICA Stop alle fatture su carta! A decorrere dal 6 giugno scatta l obbligo per i fornitori della PA Centrale di fatturare con modalità elettroniche.

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

Comune. di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013]

Comune. di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013] Comune di Borgo a Mozzano GUIDA ALLA PRESENTAZIONE ON LINE DI PRATICHE SUAP [2013] - 1 - PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE È PREVISTO L OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DI TUTTE LE PRATICHE E LORO INTEGRAZIONE ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

PRESENTAZIONE PRATICHE TELEMATICHE SUAP

PRESENTAZIONE PRATICHE TELEMATICHE SUAP PRESENTAZIONE PRATICHE TELEMATICHE SUAP NOVITA NORMATIVA Dal 29 marzo 2011 sono cambiate radicalmente le procedure relative alle attività produttive in quanto, in base al nuovo D.P.R. n. 160/2010 ogni

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA. nato a: il: residente in:

Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA. nato a: il: residente in: Segnalazione certificata di inizio attività (art. 19, L. 241/1990 e succ. mod.) SEZIONE 1 SCIA Marca da bollo ( 14,62) c. a. Sportello Unico per le Attività Produttive di... Il sottoscritto 1 : nato a:

Dettagli

Agenzie di Affari. Attività sottoposte al procedimento

Agenzie di Affari. Attività sottoposte al procedimento Agenzie di Affari Attività sottoposte al procedimento Le Agenzie d Affari sono previste e regolate dall articolo 115 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.). Si tratta di quelle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Incontro con i SUAP in delega

Incontro con i SUAP in delega Incontro con i SUAP in delega Vercelli, 3 luglio 2012 Cristina Corradino Oneri di gestione SUAP Costi e gli oneri di utilizzo del programma, in termini di canone annuale, sono rapportati alle dimensioni

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DI PRATICHE EDILIZIE RESIDENZIALI PER VIA TELEMATICA

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DI PRATICHE EDILIZIE RESIDENZIALI PER VIA TELEMATICA GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DI PRATICHE EDILIZIE RESIDENZIALI PER VIA TELEMATICA INTRODUZIONE Sempre di più l evoluzione normativa è rivolta a favorire l'uso dell'informatica come strumento privilegiato nei

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Filiale Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov.

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Filiale Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov. Allo Sportello Unico per le attività produttive Comune di SALA CONSILINA OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Filiale Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 8

Dettagli

Altre attività Internet Point / Phone Center

Altre attività Internet Point / Phone Center Altre attività Internet Point / Phone Center Descrizione La Segnalazione Certificata relativa all'attività di internet point e/o phone center, redatta ai sensi dell'art. 19 della Legge n. 241/1990 e s.m.i.,

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 11,

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci

FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Dott.ssa Barbara Santucci FATTURAZIONE ELETTRONICA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Barbara Santucci 1 1. INTRODUZIONE La L. n 244/2007 e successive modificazioni ha istituito l obbligo di fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli e visualizzazione

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

DPR 160/2010 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IN FORMA TELEMATICA INDICAZIONI OPERATIVE

DPR 160/2010 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IN FORMA TELEMATICA INDICAZIONI OPERATIVE COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA Servizio Attività Produttive DPR 160/2010 SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE IN FORMA TELEMATICA INDICAZIONI OPERATIVE Lo sportello Unico per le

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata Contenuti PA digitale La Posta Elettronica Certificata Paola Cantamessa Direzione Enti Locali Cos è la PEC: E un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.)

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) INORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), previsto dal D.Lgs. n. 112/98, in attuazione della legge

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Allegato 1) al Manuale di gestione APPROVATO CON ATTO DI G.C. N. 96 DEL 28.12.2015 PIANO PER LA SICUREZZA

Dettagli

SUAP. Semplificazione per l avvio e lo sviluppo di attività produttive. www.sardegnasuap.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SUAP. Semplificazione per l avvio e lo sviluppo di attività produttive. www.sardegnasuap.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SUAP Semplificazione per l avvio e lo sviluppo di attività produttive Premesse Oggi la competizione ampliata a scala globale genera i seguenti effetti: alta pressione sui costi di produzione riduzione

Dettagli

La Fatturazione Elettronica verso la PA

La Fatturazione Elettronica verso la PA La Fatturazione Elettronica verso la PA Il 6 giugno 2014 sarà una data importante in quanto entra in vigore il D.M. 55/2013 che ha stabilito le modalità attuative per fatturazione elettronica nei confronti

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena Spett.li Clienti Loro Sedi, lì 09 Marzo 2015 OGGETTO: fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione Con la presente si trasmette circolare esplicativa delle principali disposizioni

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

Il protocollo informatico

Il protocollo informatico La dematerializzazione dei documenti amministrativi Il protocollo informatico Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it Udine 22 novembre 2012 1 1.1 L'obbligo di registrazione dei documenti amministrativi

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Allegato A Allegato A alla deliberazione 18 dicembre 2006, n. 294/06 così come modificata ed integrata con deliberazione 17 dicembre 2008 ARG/gas 185/08 DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile Circolare informativa n. 06 del 29 Maggio 2014 OBBLIGO FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Legge 244/2007 introduce l obbligo di emissione della fattura in formato elettronico

Dettagli

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde

Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde Bando Diffusione della CRS nelle scuole lombarde 1. Premesse 1.1 Per incarico della Regione Lombardia, Lombardia Informatica S.p.A. cura la realizzazione della Carta Regionale dei Servizi (CRS) e la sua

Dettagli

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click»

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» di Salvatore Mattia (*) Per professionisti e imprese arriva finalmente la svolta nella gestione di fatture e raccomandate: entra

Dettagli

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA Verona, 27 novembre 2012 Marina Coin Quadro normativo generale LEGGE 241/1990 D.P.R. 380/2001 Legge 73/2010 (art. 6 DPR 380/01) D.P.R. 160/2010 Legge 122/2010 (art.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGIO approvato con D.C.C. n 17 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Modifiche ed integrazioni introdotte dal decreto-legge 22 giugno 2012 n. 83 e 6 luglio 2012 n 95 (convertiti con modificazioni,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP

L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP L INVIO CONTESTUALE DELLE PRATICHE RI/SUAP La Comunicazione Unica La Segnalazione Certificata di Inizio Attività Il Suap Il coordinamento degli adempimenti Le modalità di predisposizione SCIA Le modalità

Dettagli

Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Formazione Professionale

Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione. Servizio Formazione Professionale Area politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale Ufficio Qualità ed Innovazione del Sistema Formativo Regionale Accreditamento Organismi Formativi Iter

Dettagli

Fatturazione Elettronica PA Specifiche del Servizio

Fatturazione Elettronica PA Specifiche del Servizio Fatturazione Elettronica PA Specifiche del Servizio Andrea Di Ceglie 25/09/2014 Premessa Data la complessità del processo e la necessità di eseguirlo tramite procedure e canali informatici, il legislatore

Dettagli

S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A

S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E A T T I V I T A P R O D U T T I V E C O M U N E D I V I C E N Z A R E G O L A M E N T O D I O R G A N I Z Z A Z I O N E E F U N Z I O N A M E N T O D E L L O S P O

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R. Approvato con atto del Direttore Generale n 102/13 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Dell A.L.E.R. DI PAVIA 1.

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Provincia di Cagliari REGOLAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P.

Provincia di Cagliari REGOLAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. Approvato con deliberazione di G:M. n. 17 del 25.01.2011 Indice e sommario Indice e sommario...

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA approvato con D.C.C. n. 15 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA

Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA Soluzioni Software e Servizi Web per la Fattura Elettronica PA TeamSystem ha rilasciato un nuovo modulo software e creato un servizio web per gestire in modo snello, guidato e sicuro l intero processo

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

2.2 Subingresso, cessazione, altre modifiche nella gestione

2.2 Subingresso, cessazione, altre modifiche nella gestione 2. Guida alla redazione della SCIA Le modalità di compilazione della SCIA varia a seconda dell'applicativo telematico adottato dallo SUAP. E' possibile, però, affermare che l'utente si troverà a rispondere

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione. Articolo 1 Definizioni

Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione. Articolo 1 Definizioni Allegato A DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD NAZIONALE DI COMUNICAZIONE TRA DISTRIBUTORI E VENDITORI DI ENERGIA ELETTRICA PER LE PRESTAZIONI DISCIPLINATE DAL

Dettagli

Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016

Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016 Prot. n 169 Salerno, lì 24 Febbraio 2016 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 38/2016. Libera professione. Nuove Tecnologie. La P.E.C. (Posta Elettronica

Dettagli

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Dematerializzazione dell iter autorizzativo ed esecutivo relativo ai mandati di pagamento disposti nell ambito delle procedure concorsuali presso le sezioni fallimentari

Dettagli

Oggetto: Art. 19 Legge n. 241/1990: la segnalazione certificata di inizio attività - Prime indicazioni applicative.

Oggetto: Art. 19 Legge n. 241/1990: la segnalazione certificata di inizio attività - Prime indicazioni applicative. RegioneLombardia Giunta Regionale Direzione Generale Semplificazione e Digitalizzazione Prot. D 1.20 l 1.2356 Milano 16 marzo 2011 Ai Comuni della Lombardia Alle Camere di Commercio, Industria, Artigianato

Dettagli

S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010)

S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010) 1 S.C.I.A. E COMUNICA CONTESTUALI (art. 25, comma 3, d.lgs. 59/2010 e art. 5, comma 2, d.p.r. 160/2010) P R E M E S S A Come è noto dal 30 settembre 2011 sono operative tutte le disposizioni contenute

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA)

IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) IL DPR 160/2010 (SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO SUAP) E IL DPR 159/2010 (AGENZIE PER LE IMPRESE) (Il procedimento automatizzato con SCIA) AMBITO DI APPLICAZIONE DEL DPR 160/2010 Art. 1 Definizioni 1. Ai fini

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA 3 DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO E SOCIO CULTURALE 2 SERVIZIO POLITICHE CULTURALI - DEL TURISMO E DELLO SPORT Cod. Fiscale 00 397 470 873 Documento informativo sui controlli

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA SULLE MODALITA DI INTEGRAZIONE TRA SCIA E COMUNICA. AI SENSI DELL ART. 5 comma 2 DEL DPR 160/2010

PRIME LINEE GUIDA SULLE MODALITA DI INTEGRAZIONE TRA SCIA E COMUNICA. AI SENSI DELL ART. 5 comma 2 DEL DPR 160/2010 PRIME LINEE GUIDA SULLE MODALITA DI INTEGRAZIONE TRA SCIA E COMUNICA AI SENSI DELL ART. 5 comma 2 DEL DPR 160/2010 A cura del sistema provinciale dei SUAP della provincia di Ravenna in accordo con la CCIAA

Dettagli

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Manuale Operativo Front Office e Back Office Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Indice 1. Configurazione Software 1.1 Configurazione della PEC in OpenSUAP 2. Front Office OpenSUAP 2.1 Utilizzo Front

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Determinazione del Direttore Generale n. 25 del 5 marzo 2013 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA?

Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Sei una Pubblica Amministrazione e a breve sarai obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Namirial ha la soluzione per la fatturazione PA - PASSIVA e la conservazione a norma di

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE s.pigliapoco@unimc.it Codice dell amministrazione digitale Il codice dell amministrazione digitale (Co.A.Di.) è contenuto

Dettagli

Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008

Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008 Gestione Informatica delle pratiche sismiche Forlì 9 ottobre 2014 Sistema Informativo Sismica (SIS) Art. 4, comma 2, L.R. n. 19/2008 La Giunta regionale promuove «lo sviluppo di un sistema integrato che

Dettagli

COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova P i a z za I V N o v e mb r e 2

COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova P i a z za I V N o v e mb r e 2 COMUNE DI CROCEFIESCHI Provincia di Genova P i a z za I V N o v e mb r e 2 Telefono 010 931215 Fax 010 931628 copia Deliberazione n. 3 Adunanza del 17 marzo 2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli