TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM"

Transcript

1 TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM Il progetto è stato ideato come un sistema per il controllo automatico di vari processi effettuati in ambito domestico e il loro controllo a distanza. I sistemi volti a un miglioramento della qualità della vita nella casa sono definiti sistemi domotici, dove per domotica s intende la contrazione della parola latina Domus (casa, abitazione) unita al sostantivo automatica, quindi un sistema di controllo per l automazione delle abitazioni. In altre parole, la domotica tende a rendere intelligenti apparecchiature, impianti, ecc., della casa al fine di rendere più agevoli le attività all interno dell abitazione (quali accensioni delle luci, gestione del riscaldamento interno, ), di aumentarne la sicurezza (controlli anti intrusione) e permetterne il monitoraggio a distanza. Il mio progetto consiste in una simulazione di un semplice sistema domotico implementante un sistema di monitoraggio e di controllo utilizzante la tecnologia GSM (Global System for Mobile communication) e l utilizzo di un Personal Computer. COMPOSIZIONE Come è stato appena detto, il progetto utilizza la tecnologia GSM quindi deve disporre di alcuni dispositivi necessari affinché una comunicazione di questo tipo possa avvenire, nel nostro caso sono necessari 2 elementi: un Mobile Equipment e una SIM card.

2 Il Mobile Equipment è l apparato mobile vero e proprio (comunemente un telefonino) comprendente tutto l hardware ed il software necessario per garantire la trasmissione e la ricezione delle informazioni. Una SIM card (Subscriber Identity Module) tipicamente è un chip dotato di un microprocessore ed una memoria, in cui sono contenuti i dati di abbonamento dell utilizzatore e gli algoritmi che consentono alla rete di riconoscere l utente. Nel nostro caso abbiamo utilizzato un modem GSM collegato tramite la porta seriale al nostro PC come riportato in figura. Questa tipo di collegamento è detto prolunga o pin to pin in quanto ogni pin della porta seriale del PC è collegato fisicamente al corrispettivo pin del modem. È evidente che il modem non può trasmettere i propri dati utilizzando il pin TX perché andrebbe in conflitto con i dati trasmessi dal PC. Per evitare ciò il modem trasmetterà i propri dati al PC utilizzando il pin RX e riceverà nel pin TX. Il Personal Computer è stato collegato, attraverso la porta parallela, ad un hardware appositamente progettato. Il nostro hardware adatterà i segnali che il PC invierà attraverso la porta parallela alle specifiche elettriche necessarie per i collegamenti alla nostra casa. Il PC, però, non può fornire la potenza necessaria e quindi si limiterà a comandare un transistor che, a sua volta, comanderà un relè che collegherà opportunamente l uscita alla tensione di alimentazione proveniente dall esterno. A questi segnali di uscita

3 è stato collegato un diodo led con lo scopo di indicazione e quindi favorire il controllo dello stato di esse. Il nostro hardware, che avrà anche la funzione di proteggere da eventuali sovratensioni che potrebbero danneggiare il PC, riceverà in ingresso anche i segnali provenienti da diversi sensori posizionati nella casa (ad esempio da una porta per rilevarne la chiusura) e li trasmetterà al PC che li elaborerà. Ovviamente i dispositivi utilizzati in questo hardware dovranno essere alimentati. Per fare ciò è stato utilizzato un opportuno alimentatore da circuito stampato che verrà collegato ad una presa elettrica dell abitazione. Abbiamo utilizzato un dispositivo (7805) che regolerà e stabilizzerà l alimentazione proveniente dalla presa ad una tensione adatta per il nostro hardware (circa 5 volt). FUNZIONAMENTO Il progetto, come detto prima, consiste nella simulazione di un sistema domotico. Per permettere di visualizzare agevolmente il funzionamento del progetto senza agire direttamente sull impianto di casa è stato sviluppato un software che permette di visualizzare su un monitor lo stato della casa e, opzionalmente, anche di modificarne lo stato attraverso dei semplici pulsanti, simulando un azione che potrebbe essere stata effettuata realmente nella casa. Con questo progetto è possibile rilevare ed eventualmente modificare lo stato della casa utilizzando un telefonino cellulare con tecnologia GSM. Infatti per poter modificare lo stato della casa è sufficiente scrivere un SMS (Short Message Service) utilizzando una semplice sintassi; basterà scrivere la funzione da svolgere (ON per attivare e OFF per disattivare l uscita) preceduta dal numero dell uscita su cui verrà effettuata la funzione richiesta.

4 Una volta compilato il messaggio è necessario inviarlo al numero di telefono corrispondente alla SIM installata nel modem GSM e in breve tempo si potrà notare sullo schermo e nell hardware, attraverso i diodi led di indicazione, l effettiva variazione dello stato delle uscite. Nel caso l SMS sia stato compilato in modo incorretto, oppure esso sia stato inviato senza alcuna riga di testo, il PC invierà un SMS indicante l effettivo stato della casa. Una linea di uscita è stata dedicata alla segnalazione di uno stato anomalo della casa facendo scattare gli allarmi, se essi sono stati attivati. Per segnalare lo stato dei sensori che rilevano l apertura o la chiusura di porte e finestre, il nostro hardware mette a disposizione delle linee di ingresso che forniranno all elaboratore la possibilità di controllare lo stato ed, eventualmente, far scattare gli allarmi. SOFTWARE L utilizzo del PC per la gestione del sistema inevitabilmente richiede l utilizzo di un opportuno software. Esso, principalmente, dovrà inizializzare il sistema, gestire la comunicazione GSM, gestire lo stato della casa e, in fase di simulazione, rappresentare tale stato su un monitor. La fase di inizializzazione dovrà controllare che la porta seriale, alla quale è stato collegato il modem GSM, sia disponibile e funzionante, successivamente attraverso i comandi AT dovrà inizializzare anche il modem GSM. Una volta che esso sarà pronto il software eseguirà il codice che gestirà la ricezione e l invio degli SMS. Infatti come si può vedere dal diagramma di flusso, dopo aver inizializzato la porta seriale il software controllerà se la scheda SIM richiede codici PIN o PUK e, se non ci sono errori, procederà con la sua registrazione in rete. Dopodiché verrà gestita la ricezione degli SMS. Questa parte di software controllerà i dati inviati dal modem e, in particolare, controllerà se il modem GSM invia un

5 comando specifico che indica la ricezione di un messaggio di testo. Infatti il modem GSM è stato configurato di fabbrica per la segnalazione automatica circa l arrivo di un messaggio di testo. Una volta ricevuto questo comando si dovrà comunicare al modem il formato con cui si desidera ricevere l SMS e attendere l invio di questo tramite la porta seriale. Completata questa operazione tale messaggio verrà controllato completamente per cercare in esso i comandi per la modifica dello stato della casa. Quando i comandi verranno trovati il software modificherà lo stato della casa, facendo variare lo stato dell array dei segnali delle uscite (DATA) e quindi non agirà direttamente sulla casa. Se non verrà trovato alcun comando o nessun comando è dato in maniera corretta il software provvederà a creare un messaggio di testo contenente lo stato della casa e lo invierà al numero di telefono dell utente che aveva inviato l SMS. In parallelo ad essa verrà eseguito un altro software che gestirà la visualizzazione su schermo dello stato della casa e, attraverso la porta parallela, potrà gestirla opportunamente. Esso controllerà lo stato dell array DATA e lo mostrerà sullo schermo. Successivamente controllerà se è stato premuto uno dei pulsanti mostrati nello schermo utilizzati per simularne alcuni che potrebbero esserci nella casa, ed eventualmente ne varierà lo stato. Al termine di questi controlli il software semplicemente scriverà il valore di questo array in modo che la casa assuma proprio lo stato previsto dalla simulazione. Infine il software controllerà lo stato dei sensori per identificare eventuali anomalie e, se l allarme anti intrusione è attivo provvederà a far scattare l allarme e quindi la sirena. MIGLIORAMENTI Microprocessore: nelle applicazioni domestiche è necessario l utilizzo di un microprocessore o di un microcontrollore perché l utilizzo di un personal computer risulterebbe uno spreco di spazio, soldi e potenza elettrica. Inoltre nella casa non sarà necessario l utilizzo del monitor utilizzato in fase di simulazione. Variazione personalizzata della sintassi degli SMS: talvolta la composizione dell SMS per la modifica dello stato della casa può risultare complicato in quanto la sintassi richiede di

6 scrivere un numero identificante un determinato dispositivo. Per ovviare a questo problema si può ricorrere all assegnazione di alcune parole chiavi sostitutive ai numeri. Sicurezza: sarà necessario attivare e disattivare l allarme attraverso dei codici di sicurezza. Per disattivare la sirena è sufficiente portare la casa allo stato in cui era prima, quindi se la sirena è stata attivata a causa dell apertura di una porta, al momento, è sufficiente chiudere la porta per spegnere la sirena. Dovranno essere implementati codici particolari, oppure la disattivazione dell allarme, per spegnere la sirena. Per una maggiore sicurezza si dovrà registrare i numeri di telefono di coloro che possono cambiare lo stato della casa attraverso gli SMS. Il software dovrà controllare se il numero di telefono del SMS ricevuto comparirà in questa lista e modificherà lo stato della casa, o lo lascerà invariato, a seconda della presenza o meno di esso. Con i numeri di telefono salvati in una lista sarà possibile inviare un messaggio che segnalerà l attivazione dell allarme. Resoconto più dettagliato: al momento non è stato possibile inviare un resoconto completo e dettagliato dello stato della casa in quanto il numero di caratteri necessari supererebbe il limite di un solo SMS (solamente 160 caratteri). FORMATTAZIONE SMS L SMS che dovrà essere compilato per la modifica dello stato della casa dovrà essere scritto seguendo questo formato: numerouscitaon/off Numero Uscita Dispositivo nella Casa 0 Irrigazione giardino 1 Tubatura gas 2 Luci casa 3 Cancello 5 Accensione antifurto 6 Caldaia 7 Luci giardino

7 APPENDICE A: TELEFONIA GSM Il Global System for Mobile Communication (GSM) è uno degli standard di telefonia mobile più diffuso del mondo. Più di 200 paesi, con un totale di utenti superiore ai 3 miliardi, utilizzano i telefoni cellulari GSM. Questa grande diffusione ha permesso la stipulazione di accordi tra la maggior parte degli operatori telefonici internazionali in modo che si potesse effettuare la commutazione automatica fra diverse reti (roaming). La sua tecnologia è significativamente diversa dalle precedenti in quanto sia il canale di identificazione che quello di conversazione sono digitali anziché analogici. Per questo motivo questa tecnologia viene anche definita come sistema di telefonia mobile di seconda generazione (2G). Esso ha permesso agli utenti non solo di effettuare conversazioni, ma anche l accesso a tutta una serie di nuovi servizi quali lo scambio di messaggi testuali e lo scambio dati. Esso è risultato a favore anche degli operatori per la possibilità di acquistare attrezzature ed infrastrutture a costi resi bassi dalla concorrenza fra i produttori. Il GSM è uno standard aperto ed è in costante evoluzione. In particolare, una novità significativa è stata introdotta con la versione 97 introducendo il GPRS e la pacchettizzazione dei dati fornendo la possibilità di utilizzare ulteriori servizi come l utilizzo del cellulare come modem per la navigazione su internet. Successivamente è stata introdotta anche la modulazione di tipo EDGE che ha permesso di aumentare la velocità di trasmissione. Negli ultimi anni è stato introdotto il protocollo di comunicazione ASCI permettendo l utilizzo dei cellulari come walkie talkie. ARCHITETTURA DELLA RETE Da questo punto di vista il sistema è da considerare come un sistema costituito da sottoinsiemi che cooperano. Ogni sottoinsieme è costituito da unità funzionali (sia hardware che software) ed ognuna di loro ha la possibilità di comunicare tramite delle interfacce standardizzate. Tipicamente nella struttura della rete GSM ci sono 3 sottoinsiemi con funzioni nettamente separate: Switching and Management SubSystem: esso si occupa della gestione del controllo delle chiamate. Inoltre esso si occupa della gestione della mobilità dell utente, del trattamento dei dati relativi agli abbonamenti sottoscritti, della sicurezza, interconnessione con altre reti e l amministrazione degli utenti.

8 Base Station Subsystem: esso si occupa della gestione della parte radio del sistema quindi dell assegnazione delle frequenze e dei timeslot per la comunicazione. Più precisamente il Base Transceiver Station è l unità funzionale con il compito di realizzare i canali di comunicazione, di traffico e di segnalazione verso la stazione mobile via radio. In altre parole si occupa di fornire la copertura alla stazione mobile. all interno del BSS fa parte anche la Base Station Controller che si occupa di controllare la parte radio della rete. Quindi essa è l unità che gestisce la parte radio e si interfaccia al sottoinsieme SMSS. Operation and Maintenance SubSystem: esso, generalmente, si occupa della manutenzione della rete GSM. TECNICA DI ACCESSO MULTIPLO Il metodo di accesso che utilizza la tecnologia GSM è sia a divisione di banda che a divisione di tempo (TDMA FDMA). Utilizzando la divisione in frequenza è stata suddivisa la banda disponibile in 124 canali da 200KHz (B=25MHz) di uplink ed altrettanti di downlink permettendo una comunicazione di tipo full duplex. All interno di ogni canale viene utilizzata la tecnica a divisione di tempo dividendola in 8 intervalli (timeslot) i quali complessivamente costituiscono un frame della comunicazione. Ogni stazione mobile può trasmettere solamente nel timeslot a lui assegnato quindi, contemporaneamente possono trasmettere 8 utenti per ogni canale per un totale di 992 utenti. Ogni utente non utilizza sempre lo stesso canale, infatti viene utilizzate la tecnica del frequency hopping. Tale tecnica prevede di trasmettere l informazione su diverse frequenza seguendo opportune sequenze di salti in frequenza. Queste sequenze di salti devono essere note al ricevitore altrimenti la ricezione della comunicazione non avviene correttamente e queste consentono di recuperare parte dell informazione attraverso particolari codici a correzione d errore. Queste sequenze di salti vengono trasmesse all apparato ricevente durante il time slot 0 di ogni frame su un particolare canale di controllo.

9 SICUREZZA Inizialmente la tecnologia GSM prevedeva un livello di sicurezza basso, utilizzando un sistema di crittografia parzialmente condiviso per autenticare l utente. La comunicazione tra utente e la stazione base può essere cifrata utilizzando ulteriori algoritmi ma la comunicazione fra la stazione base e il resto della rete risulterà comunque non protetta. Infatti è stato dimostrato che è possibile intercettare le chiamate in questo tratto violando l algoritmo di cifratura in meno di 30 minuti utilizzando un normale PC. La cifratura dei dati è una fase onerosa per le risorse di un telefonino cellulare e può causare il rallentamento della comunicazione. Al fine di evitare questo problema gran parte dei dati trasmessi, ovviamente non legati alla comunicazione dell utente, non vengono cifrati. In Europa viene utilizzato per la cifratura l algoritmo A5/1 che fornisce più protezione rispetto al suo successore A5/2 adottato in molti altri paesi. Nei telefoni GSM sono previsti meccanismi di cambio del codice di cifratura in caso di necessità soprattutto verso la versione del 2002 di questo codice (A5/3) che ad oggi non sembra essere stato violato. Dal 2004 l algoritmo A5/2 non è stato più utilizzato perché forniva una protezione di livello troppo basso

10 APPENDICE B: COMANDI AT Nei DCE di vecchia generazione la programmazione, cioè la sua configurazione per le caratteristiche desiderate, era effettuata in modo hardware in quanto si agiva direttamente su deviatori esterni o su ponticelli interni. I DCE attuali comprendono al loro interno un microprocessore e quindi è possibile programmare il DCE inviando degli opportuni comandi che il microprocessore interpreterà ed agirà di conseguenza. Una programmazione di questo tipo è detta in modo Software. Come linguaggio per la definizione dei comandi si è affermato come standard un linguaggio introdotto dalla Hayes Microcomputer Product. Con tale linguaggio i comandi sono costituiti da stringhe di caratteri ASCII che iniziano tutte, tranne 2, con AT (abbreviazione di attention); per questo motivo questi comandi sono noti anche come comandi AT. Tipicamente questi comandi AT vengono divisi in 3 categorie: Comandi non preceduti da AT Comandi AT di base: sono i comandi di base, per lo più comuni tra tutti i DCE, e consentono di controllare lo stato dei circuiti di interfaccia e la modalità con cui avviene il colloquio tra DTE e DCE, di selezionare a un modem un numero di telefono (per la chiamata automatica) o per impostare la risposta automatica Comandi AT estesi: sono comandi che permettono di impostare particolari funzioni di quel DCE (per esempio la compressione) e variano da costruttore a costruttore Un DCE può trovarsi nello stato di comando offline, di test, dati online e comando online. All accensione il DCE si porta nello stato di comando offline e attraverso degli opportuni comandi inviati dal DTE può effettuare dei test (loop test), per controllare il corretto funzionamento della rete oppure del DTE stesso, impostare valori della trasmissione (come la velocità di trasmissione), oppure portarsi nella modalità dati. Quando il DCE si porta in modalità dati ogni dato che si invia ad esso viene interpretato come dato, quindi non come comando, e viene inviato. Fa eccezione solamente 1 comando non precedutoda AT: la sequenza di escape. Essa è utilizzata per portarsi dalla modalità dati alla modalità comandi online. La modalità di comando online è utilizzata per sospendere momentaneamente la trasmissione senza abbattere la connessione.

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE

Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Modulo GPRS per la gestione a distanza via GSM degli apparecchi a pellet MANUALE UTENTE Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni riportate in questo manuale.

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326)

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione aprile 2008 (dal lotto 326) 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Vista D insieme.. Visualizzazione

Dettagli

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI

w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI w w w.pr otexital i a. it DIGICOM combinatore telefonico GSM con modulo industriale MANUALE ISTRUZIONI Edizione marzo 2008 1 INDICE Caratteristiche DIGICOM. Schema generale.. Descrizione morsetti. Programmazione

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM

EL35.002 MANUALE UTENTE. Telecontrollo GSM EL35.002 Telecontrollo GSM MANUALE UTENTE Il dispositivo EL35.002 incorpora un engine GSM Dual Band di ultima generazione. Per una corretta installazione ed utilizzo rispettare scrupolosamente le indicazioni

Dettagli

TeleButler FHS C2. Istruzioni per l uso Versione 3.0 / 1130

TeleButler FHS C2. Istruzioni per l uso Versione 3.0 / 1130 TeleButler FHS C2 Istruzioni per l uso Versione 3.0 / 1130 Indice PRIMA MESSA IN FUNZIONE... -3- DESCRIZIONE DEL PRODOTTO... -3- AVVISI DI SICUREZZA... -3- CONTENUTO DELLA CONFEZIONE... -3- CONTROLLO TRAMITE

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2, attraverso una chiamata telefonica

Dettagli

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio:

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio: La domotica è la disciplina che si occupa dell integrazione delle tecnologie che consentono di automatizzare una serie di operazioni all interno della casa. Si occupa dell integrazione dei dispositivi

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850

BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE. Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 BY10870 AVVISATORE DISTACCO/RIPRISTINO DA DISTRIBUTORE Sistema di sorveglianza e avviso GSM via SMS per sistema BY10850 (versione firmware: BY10850-M1-V2) La presente documentazione è di proprietà esclusiva

Dettagli

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 10 SUITE BY11250 (1.0.0.1) GSM Direct Monitor (1.0.0.1) IMPORTANTE Pagina 2 di 10 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento alla versione

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

TO-PASS. TO-PASS -FAQ- Telecontrollo. Quali sono gli utilizzi di TO-PASS? Quali sono le funzioni principali di TO-PASS?

TO-PASS. TO-PASS -FAQ- Telecontrollo. Quali sono gli utilizzi di TO-PASS? Quali sono le funzioni principali di TO-PASS? TO-PASS -FAQ- Telecontrollo Quali sono gli utilizzi di TO-PASS? I moduli TO-PASS sono utilizzati per: collegamenti permanenti on-line rilevazione guasti lettura dati a distanza archiviazione dati modulo

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi

Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi TELECONTROLLO BIG-WIFI CON MODULI GSM E WIFI INTEGRATI Descrizione e modalità d uso del telecontrollo big-wifi Rev.1312 Pag.1 di 9 www.carrideo.it INDICE 1. IL BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE...

Dettagli

2CSC441001B0902. Apparecchi di comando System pro M compact. Moduli GSM ATT

2CSC441001B0902. Apparecchi di comando System pro M compact. Moduli GSM ATT 2CSC441001B0902 Apparecchi di comando System pro M compact Moduli ATT Per comandare le utenze elettriche con il telefono cellulare I vantaggi La gestione delle apparecchiature elettriche da remoto è un

Dettagli

Come si usano i modem GSM

Come si usano i modem GSM Come si usano i modem GSM Le schede in questione sono dei modem GSM dual Band montati su una board aggiuntiva. I moduli GSM sono dei Siemens o dei Wavecom.Il modulo GSM è un completo cellulare in versione

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4

ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 ABB i-bus EIB / KNX KIT INTERFACCIAMENTO DOMUSLINK EIB/KNX ED 029 4 Sistemi di installazione intelligente INDICE 1 GENERALE... 4 2 CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 2.1 DATI TECNICI... 5 3 MESSA IN SERVIZIO...

Dettagli

G l o b a l C o n n e c t i o n S i s t e m a d i t e l e c o n t r o l l o G S M / G P R S

G l o b a l C o n n e c t i o n S i s t e m a d i t e l e c o n t r o l l o G S M / G P R S G l o b a l C o n n e c t i o n S i s t e m a d i t e l e c o n t r o l l o G S M / G P R S Generalità dinanet-global_connection è un apparato elettronico per il controllo e la sicurezza sia domestica

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

SENTINEL STR82 Sistema per la Supervisione Allarmi, Acquisizione Dati e Telecontrollo tramite messaggi SMS.

SENTINEL STR82 Sistema per la Supervisione Allarmi, Acquisizione Dati e Telecontrollo tramite messaggi SMS. SENTINEL STR82 Sistema per la Supervisione Allarmi, Acquisizione Dati e Telecontrollo tramite messaggi SMS. Fig.1 Visualizzatore Generico Sito Alta Montagna 1 Ricevitore Modem - Gsm Monitor Remoto di Milano

Dettagli

Free_ring control gsm based

Free_ring control gsm based Free_ring control gsm based 1. Introduzione Il free_ring è un apparecchio per la generazione di controllo remoto mediante rete GSM, di conseguenza possiamo utilizzare chiamate, sms o app. Facile da installare

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN

MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ. F444 Modem Router ADSL per guida DIN MY HOME CONTROLLO LE NOVITÀ F444 Modem Router ADSL per guida DIN MHSERVER2 WEB Server 2 fili di controllo e supervisione audio/video e di sistemi SCS MY HOME MH300 Modem Router ADSL WiFi 298 MY HOME INDICE

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Referente: PROF. Marra Antonio

Referente: PROF. Marra Antonio La Domotica Progetto Play Energy una realtà da conoscere I.C. Diso Plesso Marittima Classe III C a.s. 2013/14 Referente: PROF. Marra Antonio Cos è la domotica? La domotica, dall'unione delle parole domus

Dettagli

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI)

SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Manuale Utente SD-GSM 0-16/A72 Unità GSM per sistemi di protezione interfacce (SPI) Indice Informazioni preliminari 2 Prima accensione del dispositivo 2 Caratteristiche 2 Specifiche tecniche 3 Led di segnalazione

Dettagli

IMMS-CELL-GSM. Kit per Comunicazione Cellulare IMMS-CELL- [GSM, o GSM-E] Istruzioni per l installazione

IMMS-CELL-GSM. Kit per Comunicazione Cellulare IMMS-CELL- [GSM, o GSM-E] Istruzioni per l installazione IMMS-CELL-GSM Kit per Comunicazione Cellulare IMMS-CELL- [GSM, o GSM-E] Istruzioni per l installazione SOMMARIO... Prima dell installazione... 1 Sistemi operativi: GSM e GSM-E...2 Scheda Dati CSD (Circuit

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE

MANUALE DI PROGRAMMAZIONE w w w.pr otexital i a. it Combinatore Telefonico GSM MANUALE DI PROGRAMMAZIONE 8 numeri di telefono per canale 2 canali vocali o sms programmabili 2 teleattivazioni 2 risposte a teleattivazioni Display

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Sistema SMSWeb Monitoring

Sistema SMSWeb Monitoring scheda tecnica Sistema SMSWeb Monitoring 1 SICUREZZA ANTIFURTO Cos è il sistema SMSWebMonitoring SMSWebMonitoring è un ricevitore di segnali di tipo CONTACT ID, che consente alla clientela finale di accedere

Dettagli

Centralina Domotica Polipick. Guida per l utente

Centralina Domotica Polipick. Guida per l utente Centralina Domotica Polipick Guida per l utente DPM Elettronica srl www.dpmelettronica.it V. 3.01 08 aprile 2010 Integrato nel sistema di Domotica Pick, la centralina Polipick permette di svolgere tutte

Dettagli

EasyCon GSM. Manuale di Installazione

EasyCon GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione SOMMARIO Descrizione delle funzioni del dispositivo... pag. 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... pag. 3 Istruzioni per l installazione... pag. 3 Segnalazioni LED...

Dettagli

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0

I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 I.B.S. Intelligent Building System Ver. 1.0 Pagina 1 di 31 I.B.S. Intelligent Building System Pagina 2 di 31 INDICE I.B.S. INTELLIGENT BUILDING SYSTEM 1. Cosa è I.B.S. Descrizione pag. 4 2. Componenti

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

www.sicurcasaonline.it piattaforma sicurezza e domotica sorveglianza video anti intrusione

www.sicurcasaonline.it piattaforma sicurezza e domotica sorveglianza video anti intrusione anti intrusione sicurezza persone sorveglianza video sicurezza ambiente sicurcasaonline piattaforma sicurezza e domotica www.sicuraziendaonline.it Come funziona sicurcasaonline Gestione da remoto della

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ELITE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2 (uscita digitale U6), attraverso

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

Sistema antifurto domestico MANUALE DI USO E INSTALLAZIONE

Sistema antifurto domestico MANUALE DI USO E INSTALLAZIONE Sistema antifurto domestico MANUALE DI USO E INSTALLAZIONE GSM- SMS- APP Wireless Smart Security System Release 1.1 Ott 2014 INTRODUZIONE Si raccomanda di prendere visione di questo manuale prima di avviare

Dettagli

GSM Dialer. Ottimo dispositivo da collegare ad antifurti PSTN ma anche ad altre apparecchiature

GSM Dialer. Ottimo dispositivo da collegare ad antifurti PSTN ma anche ad altre apparecchiature COMPOSITORE GSM - DIALER Ottimo dispositivo da collegare ad antifurti PSTN ma anche ad altre apparecchiature Invia chiamate vocali a seguito di input telefonici (PSTN) oppure di semplici impulsi da altri

Dettagli

VFO esterno per Drake TR4-C di IK0XUH Boatanchors Net di Roma

VFO esterno per Drake TR4-C di IK0XUH Boatanchors Net di Roma VFO esterno per Drake TR4-C di IK0XUH Boatanchors Net di Roma Premetto che sono particolarmente affezionato al Drake TR4-C che considero un grande ricetrasmettitore ma come tutti i ricetrasmettitori, ormai

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.1009 Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS SelCONTROL-2 OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS Il SelCONTROL è la risposta a quegli utilizzatori, stampisti in particolare, che

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

SMSSHOW MANAGER V. 3-104

SMSSHOW MANAGER V. 3-104 SMSSHOW MANAGER V. 3-104 Software per la gestione del sistema informativo InfoCOM-SMS Guida all suo SMSSHOW Manager V 3.104 1 Guida all uso S MS S H O W M AN A G E R V. 3. 1 0 4 Guida all uso Elettronica

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

TOUCH SEMPLICE AFFIDABILE COMPLETO

TOUCH SEMPLICE AFFIDABILE COMPLETO TOUCH SEMPLICE AFFIDABILE COMPLETO CHECK LIST Risoluzione 0.1 C - Accuratezza 0.1 C (*) Display 7 Touch screen Registrazione continua delle temperature Illuminazione a LED Porta USB - SD - SIM con accesso

Dettagli

INNOVAZIONE FIOCCHETTI NUOVA GAMMA DI FRIGORIFERI FIOCCHETTI

INNOVAZIONE FIOCCHETTI NUOVA GAMMA DI FRIGORIFERI FIOCCHETTI INNOVAZIONE FIOCCHETTI NUOVA GAMMA DI FRIGORIFERI FIOCCHETTI Le ultime novità dell elettronica entrano nel campo del freddo medicale per garantire massime prestazioni e sicurezza ai vostri prodotti. TOUCH

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

WIN-ALARM SOFTWARE PER CENTRI SERVIZI DI TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

WIN-ALARM SOFTWARE PER CENTRI SERVIZI DI TELECONTROLLO E TELEGESTIONE WIN-ALARM SOFTWARE PER CENTRI SERVIZI DI TELECONTROLLO E TELEGESTIONE Cos'è la Telegestione La Telegestione consente il controllo continuo ed automatizzato del funzionamento di un'installazione remota,

Dettagli

Cos'è Total Remote Control

Cos'è Total Remote Control Cos'è Total Remote Control Total remote control è l'innovativo prodotto che vi permette di controllare da remoto o monitorare via mail con estrema semplicità, attraverso una comune connessione a Internet

Dettagli

Shineforce. La tecnologia che semplifica la vita DOMOTICA

Shineforce. La tecnologia che semplifica la vita DOMOTICA DOMOTICA La tecnologia che semplifica la vita Shineforce Centrodomotica Srl SEDE CENTRALE Via Cellina, 1 33080 Porcia (PN) - Italy Tel. e Fax +39 0434.593090 info@centrodomotica.it www.centrodomotica.it

Dettagli

Elettronica Innovativa. di Corrado Rossi

Elettronica Innovativa. di Corrado Rossi Elettronica Innovativa Analizziamo il firmware che gestisce il radiocontrollo Bluetooth e i due applicativi software per PC e per Smartphone. Vediamo in dettaglio le procedure per accoppiare il dispositivo

Dettagli

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso MANUALE D USO CONTROLLO ACCESSI GSM Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso Rev.0710 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. IL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI - APRICANCELLO...

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X

MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MULTIPLEXER 4 CANALI CON FUNZIONAMENTO DUPLEX E VIDEO A COLORI AXECD4X MANUALE D INSTALLAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PRESENTE MANUALE PRIMA DI METTERE IN FUNZIONE L'APPARECCHIATURA. INDICE Caratteristiche

Dettagli

G S M C O M M A N D E R Duo S

G S M C O M M A N D E R Duo S Il GSM Commander Duo S permette, di attivare indipendentemente o contemporaneamente due contatti elettrici, Contatto1 (C1) e Contatto2 (C2), attraverso una chiamata telefonica a costo zero al numero della

Dettagli

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED

Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DOCUMENTO DIVULGATIVO Descrizione di un moderno sistema di controllo del punto luce a LED DDPL04I2 rev.2 0511 Pag. 1 di 14 S O M M A R I O 1. GENERALITA 3 2. MONITORAGGI E COMANDI UTILIZZABILI NEL SISTEMA

Dettagli

ONDA Alice MOBILE software di connessione per Mac OS. Guida rapida Versione 1.2

ONDA Alice MOBILE software di connessione per Mac OS. Guida rapida Versione 1.2 ONDA Alice MOBILE software di connessione per Mac OS Guida rapida Versione 1.2 www.ondacommunication.com Le immagini, i simboli e il contenuto di questo manuale sono stati pensati per la vostra convenienza

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

i l s i s t e m a d i a u t o m a z i o n e u n i c o:

i l s i s t e m a d i a u t o m a z i o n e u n i c o: home and building automa tion Una, i l s i s t e m a d i a u t o m a z i o n e u n i c o: una sola scheda gestisce tutte le funzionalità dell impianto domotico. Eva la solidità. Eva è concreta efficienza.

Dettagli

InterCom GSM. Manuale di Installazione

InterCom GSM. Manuale di Installazione Manuale di Installazione Sommario Descrizione delle funzioni del dispositivo... Pagina 3 Descrizione dei terminali della morsettiera... Pagina 3 Vantaggi... Pagina 4 Installazione e configurazione... Pagina

Dettagli

EN0500-DIALER 1 versione 1.2

EN0500-DIALER 1 versione 1.2 Manuale di istruzioni versione 1.2 EN0500-DIALER 1 versione 1.2 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 2. Caratteristiche tecniche...3 2.1 Dimensioni...3 3. Installazione e impostazioni iniziali...4 3.1

Dettagli

ALICE. Manuale d uso

ALICE. Manuale d uso ALICE Manuale d uso Indice 1 INTRODUZIONE INDICE 2 1 INTRODUZIONE 3 2 REQUISITI DI SISTEMA 3 3 INSTALLAZIONE 4 3.1 Operazioni preliminari 4 3.2 Installazione di Alice 4 4 6 4.1 Avvio di Alice 6 4.2 Connessione

Dettagli

COMANDA LA TUA CASA ISTRUZIONI COMANDI SMS

COMANDA LA TUA CASA ISTRUZIONI COMANDI SMS COMANDA LA TUA CASA ISTRUZIONI COMANDI SMS PREPARAZIONE DELLA SIM CARD: Disabilitare il codice PIN dalla SIM Card e inserirla nel MY FIDO. Non e' necessario effettuare alcune operazione nella rubrica della

Dettagli

Fast Mobile Card. Guida all utilizzo.

Fast Mobile Card. Guida all utilizzo. Fast Mobile Card. Guida all utilizzo. M o b i l e V i d e o C o m p a n y Fast Mobile Card 3. È la scheda per PC portatili che grazie alla rete UMTS di 3 permette di collegarsi ad Internet in modalità

Dettagli

Manuale PC. MIra SEMPLICEMENTE SICUREZZA SIMPLY SECURITY. venitem.com

Manuale PC. MIra SEMPLICEMENTE SICUREZZA SIMPLY SECURITY. venitem.com Manuale PC MIra SEMPLICEMENTE SICUREZZA SIMPLY SECURITY venitem.com 2 venitem.com INDICE COLLEGAMENTO DEL CAVO TRA CENTRALE E PC ABILITARE LA CENTRALE PER IL COLLEGAMENTO AVVIARE IL COLLEGAMENTO MENU DI

Dettagli

Guida utente di PC Manager

Guida utente di PC Manager Guida utente di PC Manager INDICE Finestra principale... 3 Connessione dati... 3 Stabilire una connessione dati...4 Interrompere una connessione dati...4 Profili (configurazione dial-up)... 4 Aggiungere

Dettagli

VISUALFLEET Software Overview

VISUALFLEET Software Overview soft-in VISUALFLEET Software Overview SOFTWARE PER SISTEMI INDUSTRIALI - Strada Antica di None 2/4A - 10092 BEINASCO (TO) - ITALY Tel.: +39-011-39.87.711 - Fax: +39-011-39.87.727 1 Introduzione Il software

Dettagli

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA 01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA L impianto elettrico: da tradizionale a domotico L insegnamento della domotica KNX Sommario L impianto tradizionale L impianto domotico Il cavo bus Comandi ed attuatori

Dettagli

innovazione e genialità

innovazione e genialità innovazione e genialità TELESOCCORSO + COMBINATORE + CONTROLLO + CENTRALE TELEFONICA su GSM e LINEA FISSA in un unico prodotto la DOMOTICA alla portata di TUTTI PER CASA E UFFICIO Operatività sia su GSM

Dettagli

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4

Fig. 1. Fig. 2 Fig. 3 6 6 Alloggiamento S I M - C A R D. Fig. 4 Fig. 1 1 Morsetto a 6 Poli Uscite: Relè, On-Off, Aux1 - Aux2 2 J4: Ponticello di Reset Totale e Configurazione D e f a u l t 3 C o n n e t t o re 8 Poli: Alimentazione e I n g ressi 1-2-3 4 Relè Allarme:

Dettagli

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP e via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP è Voice over IP (Voce tramite protocollo Internet), acronimo VoIP, è una tecnologia che rende possibile effettuare una conversazione telefonica

Dettagli

LYNX-eye Manuale d uso

LYNX-eye Manuale d uso 1 LINX eye ver. 10.2 Manuale d uso Indice: 1 Come funziona. 2 Caratteristiche tecniche.. 3 Contenuto della confezione.. 4 Installazione e attivazione. 5 Pannello di controllo. 6 Comandi tramite invio di

Dettagli

COMBY GSM BUS. Combinatore GSM su BUS 485. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 13.07-M1.0-H1.0F0.0S1.2

COMBY GSM BUS. Combinatore GSM su BUS 485. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 13.07-M1.0-H1.0F0.0S1.2 COMBY GSM BUS Combinatore GSM su BUS 485 13.07-M1.0-H1.0F0.0S1.2 Manuale di installazione ed uso Made in Italy 1 PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE MANUALE.

Dettagli

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM

TEL32G Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM INDICE Sistema di Allarme e Telecontrollo su rete GSM Informazioni per utilizzo... 2 Generali... 2 Introduzione... 2 Istruzioni per la sicurezza... 2 Inserimento della SIM (operazione da eseguire con spento)...

Dettagli

Modem GSM Manuale d istruzioni

Modem GSM Manuale d istruzioni Modem GSM Manuale d istruzioni PREFAZIONE Nel ringraziarvi per la preferenza, TECNOELETTRA S.r.l. augura che l'uso di questa apparecchiatura sia per Voi motivo di piena soddisfazione. Questo manuale è

Dettagli

MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE. 392 Caratteristiche generali. Catalogo. 398 Dispositivi di controllo remoto MY HOME

MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE. 392 Caratteristiche generali. Catalogo. 398 Dispositivi di controllo remoto MY HOME CONTROLLO REMOTO INDICE DI SEZIONE 392 Caratteristiche generali Catalogo 398 Dispositivi di controllo remoto 391 Controllo remoto offre la possibilità di comandare e controllare tutte le funzioni integrate

Dettagli

Kit CE 30 GSM KIT ANTIFURTO SENZA FILI CON COMBINATORE TELEFONICO GSM

Kit CE 30 GSM KIT ANTIFURTO SENZA FILI CON COMBINATORE TELEFONICO GSM Kit CE 30 GSM KIT ANTIFURTO SENZA FILI CON COMBINATORE TELEFONICO GSM MANUALE ACCESSORI (Versione 5.0.0) [SMD] [Serie 100] [48 bit] [SPV] [AN] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle

Dettagli

E173 Pronti, partenza... online!

E173 Pronti, partenza... online! Chiavetta Internet Veloce E173 Pronti, partenza... online! Per contattarci chiama il Supporto Tecnico Gratuito al numero verde 800.17.97.97 (aperto dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 24). Ottobre 2010-0MGU20100010

Dettagli

TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. versione 6.xx

TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. versione 6.xx TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE versione 6.xx INDICE 1.1 INTRODUZIONE 2.1 STRUTTURA 2.2 CARATTERISTICHE 2.3 INFORMAZIONI PRELIMINARI 3.1 NUMERI TELEFONICI

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

l evoluzione della casa Livello 3 - Domotico Le dotazioni richieste, le funzioni domotiche. Aumento della sicurezza e del risparmio energetico.

l evoluzione della casa Livello 3 - Domotico Le dotazioni richieste, le funzioni domotiche. Aumento della sicurezza e del risparmio energetico. MART Livello 3 - Domotico Le dotazioni richieste, le funzioni domotiche. Aumento della sicurezza e del risparmio energetico. 1 Dotazioni... 2 Dotazioni... 3 Dotazioni... 4 Dotazioni... 5 Dotazioni... 6

Dettagli

ITALIANO. Centrale G-820. MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO

ITALIANO. Centrale G-820. MANUALE DELL UTENTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO ITALIANO Centrale G-820 MANUALE DELL UTE Omologazione IMQ SISTEMI DI SICUREZZA 1 e 2 LIVELLO Indice G-820 Utente Segnalazioni Segnalazioni sulla tastiera 4 Segnalazioni dirette su display..................................

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A SERVIZIO PROVVEDITORATO C. T. N. R. PER GLI APPARATIRADIOELETTRICI DELLA RETE RADIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA

C R O C E R O S S A I T A L I A N A SERVIZIO PROVVEDITORATO C. T. N. R. PER GLI APPARATIRADIOELETTRICI DELLA RETE RADIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA C A P I T O L A T O T E C N I C O PER GLI APPARATIRADIOELETTRICI DELLA RETE RADIO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA PARTE GENERALE Gli apparati radio devono essere omologati dal Ministero delle Comunicazioni

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Mac OS 10.3.x, 10.4.x e da 10.5.1 a 10.5.5 www.ondacommunication.com ONDA MT503HSA Alice MOBILE software di connessione per Mac OS Guida rapida Versione

Dettagli