Q? Regione. 'rftft* 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità. 7.2 Disturbi Muscolo - Scheletrici 7.3 Fatica Mentale. 7.4.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Q? Regione. 'rftft* 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità. 7.2 Disturbi Muscolo - Scheletrici 7.3 Fatica Mentale. 7.4."

Transcript

1 Rev. o l'ai!. I di 12 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative 7.1 Disturbi Oculo -Visivi 7.2 Disturbi Muscolo - Scheletrici 7.3 Fatica Mentale 7.4 Caratteristiche Del Posto Di Lavoro Schermo Tastiera e Disposilivi di Puntamento 7.4.3Piano di lavoro Sedile 7.5 Ambiente Illuminazione Rumore Radiazioni Parametri microclimatici 7.6 Interfaccia Elaboratore/Uomo 7.7 Uso del computer portatile 7.8 Lavoratrici gestanti 7.9 Impianto elettrico 8. Indicatori di qualità Nota: Procedura già esistente N. 22 Motivo revisione Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Revisione intero documento e prima emissione Sistema Gestione Qualità RSPP: TSLB Sonia Cavenago ASPP: TSLB Simona l'orli Consulente SPI': Dr. E. Giudici RSPP/RQ SPP: TSLB Sonia Cavenago Consulente SPP: Dr. E. Giudici RSPP: TSLB Sonia Cavenago DG. Dr. G. Michiara Emissione: 18/03/1997 Aggiornamenti: 27/09/ /01/ /06/2005 Distribuzione O o. t^avs 'rftft* C*,1»*-fO Controllata Sistema Sanitario Q? Regione Lombardia

2 Pag. 2 di OGGETTO E SCOPO Il mondo del lavoro nell ultimo ventennio ha visto la diffusione/evoluzione dei processi d informatizzazione, con una veloce e notevole crescita delle unità videoterminali. Pertanto lo scopo della presente procedura è quello di definire ed uniformare i comportamenti degli operatori al fine di garantire l impiego in sicurezza dei videoterminali. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura è applicata in tutte le Unità Operative, nei Servizi e negli uffici dove vengono utilizzate apparecchiature videoterminali dal personale, anche se non classificati Videoterminalisti. 3. RESPONSABILITÀ Gli obblighi dell applicazione della presente procedura sono in capo alle figure citate al punto 2. L adozione delle indicazioni di sicurezza descritte nel presente documento deve avvenire sistematicamente da parte di tutto il personale utilizzatore dei VDT, anche se non classificato Videoterminalista, nel rispetto delle specifiche competenze. Al Dirigente e al Coordinatore dell U.O. è demandata la divulgazione dei contenuti della procedura e la verifica periodica che il personale si attenga alle disposizioni contenute nella procedura stessa. 4. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PRAOS = procedure aziendali di sicurezza recepite dal Sistema Gestione Qualità - (Le PRAOS rappresentano la nuova impostazione delle Procedure di Sicurezza già emanate dal SPP e deliberate dal Datore di Lavoro). VDT = VIDEOTERMINALE - uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato (art. 173 D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.). PC = Personal Computer POSTO DI LAVORO: l'insieme che comprende le attrezzature munite di videoterminale, eventualmente con tastiera ovvero altro sistema di immissione dati, incluso il mouse, il software per l'interfaccia uomo-macchina, gli accessori opzionali, le apparecchiature connesse, comprendenti l'unità a dischi, il telefono, il modem, la stampante, il supporto per i documenti, la sedia, il piano di lavoro, nonché l'ambiente di lavoro immediatamente circostante (art. 173 D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.).. LAVORATORE: il lavoratore che utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per venti ore settimanali, dedotte le interruzioni di cui all'art. 175 del D.Lgs. 81/208 e s.m.i. (art. 173 D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.). 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. -- Decreto Legislativo 3 agosto 2009 n Disposizioni integrative e correttive del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro -- DM 2 ottobre 2000, Linee Guida d uso dei videoterminali -- INAIL Linea Guida Il lavoro al videoterminale edizione 2010 DVR 01 Documento di Valutazione dei Rischi Generale Introduttivo Art. 28 D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. PRAOS 03 La prevenzione del rischio elettrico

3 Pag. 3 di 12 PRAOS 39 Procedura per la tutela delle lavoratrici madri e gestanti 6. MODULI E DOCUMENTI DI REGISTRAZIONE NA 7. MODALITÀ OPERATIVE La legge di riferimento sulla tutela del lavoro a Videoterminale è il Titolo VII del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. che recepisce la direttiva particolare 90/270/CEE sulle Prescrizioni di sicurezza e di salute per le attività lavorative svolte su attrezzature munite di videoterminali. Il campo di applicazione è riferito alle attività lavorative comportanti l uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT), ai sensi dell art. 172 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Le prescrizioni minime per realizzare postazioni di lavoro idonee sono contenute nell Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., nelle linee guida per il corretto impiego dei VDT emanate con DM 2/10/2000 e nella Circolare n.16 del 25/01/2001. Tali disposizioni specificano gli standard tecnici e i contenuti dell informazione a cui hanno diritto i lavoratori con l obiettivo di prevenire le patologie più comuni legate all uso di VDT come: - i disturbi muscolo scheletrici, - affaticamento visivo, - la fatica mentale. Gli studi scientifici pubblicati nel corso degli anni permettono di escludere la presenza di radiazioni sia ionizzanti (raggi X) che non, a livelli superiori al fondo naturale di radiazioni e al di sopra dei limiti raccomandati. Pertanto hanno confermato l assenza di rischi dovuti alle radiazioni quali possibili effetti sulla gravidanza (aborti, parti prematuri, malformazioni congenite) e sull apparato visivo (cataratta). Su queste basi si può di norma escludere che l uso dei videoterminali, da parte di persone in normali condizioni di salute, possa portare a effetti nocivi, a breve e a lungo termine. Viceversa il lavoro ai videoterminali può concorrere all evidenziare l esistenza di disturbi visivi preesistenti e trascurati o non noti all operatore, oppure ad acuire lo stato patologico dei soggetti senza che il videoterminale ne sia la causa scatenante. Ai fini della sorveglianza sanitaria e degli obblighi formativi, il DM definisce operatore addetto al videoterminale quel lavoratore che indipendentemente dall articolazione dell orario di impiego, utilizza apparecchiature VDT per almeno venti ore settimanali. Il calcolo delle ore settimanali è da intendersi come media delle ore lavorate dal singolo operatore. 7.1 DISTURBI OCULO -VISIVI Si tratta di un sovraccarico dell apparato visivo. I sintomi sono bruciore, lacrimazione, secchezza oculare, senso di corpo estraneo, fastidio alla luce, dolore oculare e mal di testa, visione annebbiata o sdoppiata, frequente chiusura delle palpebre e stanchezza alla lettura. Sono disturbi reversibili e costituiscono la sindrome da fatica visiva (Astenopia).

4 Pag. 4 di 12 Le principali cause possono essere: Condizioni sfavorevoli di illuminazione - eccesso o insufficienza di illuminazione generale, - riflessi dovute alla presenza di superfici lucide, - luce diretta proveniente da finestre o da fonti artificiali non ben schermate, - presenza di superfici molto contrastate di colori bianco o nero - scarsa definizione dei caratteri dello schermo Impegno visivo statico, ravvicinato e prolungato nel tempo: gli oggetti distano a meno di un metro dagli occhi, per cui i muscoli per la messa a fuoco dell immagine sono molto sollecitati. Difetti visivi non o mal corretti: difetti come presbiopia, miopia, ipermetropia, ecc. non sono causati dall utilizzo dei VDT, ma possono contribuire a far comparire i disturbi astenopenici. Fondamentale è la correzione dei difetti, anche se lievi, per evitare ulteriori sforzi visivi durante il lavoro. Condizioni ambientali sfavorevoli: i disturbi si possono manifestare anche per - l eccessiva secchezza dell aria, - per l impianto di condizionamento poco efficiente, - per il fumo di tabacco, a tal proposito si ricorda il divieto di fumo in tutti gli ambienti della A.O., - affollamento di apparecchi fotocopiatrici o stampanti laser in locali poco aerati, - rilascio di sostanze volatili dai rivestimenti e dagli arredi. Per attenuare le cause è necessario: - un corretto posizionamento della postazione di lavoro. - Non avvicinarsi mai troppo al video per migliorare la visibilità dei caratteri (tenere presenti le corrette distanze); aumentare piuttosto il corpo dei caratteri od ingrandire la pagina sullo schermo. Soprattutto nel caso si adoperino lenti multifocali (progressive), è utile mantenere i testi cartacei alla medesima altezza rispetto al monitor, utilizzando un leggio portadocumenti posizionato il più vicino possibile al video e sempre di fronte all operatore. - Per i portatori di occhiali: gli oggetti riflettenti dell ambiente, ma soprattutto il monitor, originano riflessi sia sulla superficie esterna sia su quella interna degli occhiali. Questi riflessi si sovrappongono sulla retina alle immagini visive e creano degli aloni fastidiosi. È buona norma utilizzare lenti trattate con filtri antiriflesso. Anche talune lenti colorate possono essere utili per ridurre la luce dello sfondo e migliorare il contrasto. - Effettuare le previste pause dalle disposizioni contrattuali e comunque secondo l art. 175 comma 3, del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., quindi 15 minuti di pausa ogni 120 minuti di applicazione continuativa al VDT, durante la quale è consigliabile sgranchirsi le braccia e la schiena, senza impegnare gli occhi. Gli effetti più benefici si hanno quando, durante le pause, si rivolge lo sguardo su oggetti lontani, meglio se fuori dalla finestra. - Adeguare l illuminazione del locale, adottando luci centralizzate di intensità ridotta e, quando necessario, lampade da tavolo per illuminare i documenti.

5 Pag. 5 di 12 - Eliminare le superfici lucide. - Scegliere per le superfici dei mobili e delle pareti colori tenui. - Mantenere le tende/tapparelle chiuse. - Posizionare il videoterminale ruotando lo schermo in modo che la luce proveniente da sorgenti luminose naturali o artificiali non cada direttamente sullo schermo. - Inclinare lo schermo in modo che il bordo superiore sia appena sotto il livello degli occhi, in modo da evitare eccessive flessioni o estensioni del capo. - Regolare la luminosità ed il contrasto del video, mantenere pulito lo schermo. - Con videoterminali recenti, evitare di impiegare schermi antiriflesso. Se lo schermo di riflesso viene impiegato, deve essere mantenuto spolverato e pulito. - Sedersi in modo da mantenere lo schermo alla distanza di cm. - Sistemare l eventuale portadocumenti alla stessa distanza dello schermo. - Durante la pausa l operatore non deve leggere o impegnare la vista, deve evitare di rimanere seduto, preferibilmente deve guardare oggetti che si trovano a distanze superiori a 6 m. - Aerare in modo adeguato il locale. - Non fumare. 7.2 DISTURBI MUSCOLO - SCHELETRICI I disturbi più frequenti sono il senso di fastidio, il dolore, l intorpidimento e la rigidità al collo, alla schiena, alle spalle, alle braccia e alla mani. Le principali cause possono essere: Posizioni di lavoro inadeguate dovute alla tipologia di arredi e al posizionamento del VDT. Posizioni di lavoro fisse e mantenute per tempi prolungati anche in presenza di posti di lavoro idonei. Movimenti rapidi e ripetitivi delle mani: digitazione e uso del mouse per lunghi periodi senza interruzioni. Per attenuare le cause è necessario: - assumere la postura corretta di fronte al video, con piedi ben poggiati al pavimento e schiena poggiata allo schienale della sedia nel tratto lombare, regolando allo scopo l'altezza della sedia e l'inclinazione dello schienale. - Posizionare lo schermo del video di fronte in maniera che, anche agendo su eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo superiore dello schermo sia posto un po' più in basso dell'orizzontale che passa per gli occhi dell'operatore e ad una distanza dagli occhi pari a circa cm. (si veda la figura sotto riportata); - Disporre la tastiera davanti allo schermo (come da figura sotto riportata) ed il mouse, od eventuali altri dispositivi di uso frequente, sullo stesso piano della tastiera ed in modo che siano facilmente raggiungibili; - Eseguire la digitazione e utilizzare il mouse evitando irrigidimenti delle dita e del polso, curando di tenere gli avambracci appoggiati sul piano di lavoro in modo da alleggerire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle; - Evitare, per quanto possibile, posizioni di lavoro fisse per tempi prolungati. Nel caso ciò fosse inevitabile si raccomanda la pratica di frequenti esercizi di rilassamento (collo, schiena, arti superiori ed inferiori).

6 Pag. 6 di cm Schermo regolabile PUNTO DI APPO GG IO LIBERO Tastiera separata SPAZIO SUFFICIENTE min.28 cm) 90 5 RAZZE CON RUO TE EVENTUALE POG GIAPIEDI 7.3 FATICA MENTALE I lavoratori addetti all utilizzo di videoterminali a volte accusano disturbi da stress. Lo stress da lavoro produce, mal di testa, tensione nervosa, irritabilità, stanchezza eccessiva, insonnia, digestione difficile, ansia, depressione. Tutto ciò può derivare: da un rapporto conflittuale uomo/macchina, ad es. quando si ritiene che la macchina determina i tempi e il processo di lavoro, quando la macchina è di difficile uso o non ben funzionante, ecc. Dal contenuto e dalla complessità del lavoro, ad es. un lavoro monotono e ripetitivo o molto complesso. Dal carico di lavoro troppo elevato o troppo scarso o monotono. Dalle responsabilità troppo basse o troppo alte rispetto alle capacità personali. Rapporti coi colleghi o coi superiori che potrebbero esser assenti o conflittuali. Fattori ambientali come ambienti rumorosi, inadeguati, con microclima sfavorevole, ecc. Si segnala che per alcuni lavoratori addetti al VDT si riscontra, al contrario, una riduzione dello stress, in quanto il videoterminale rende il loro lavoro più facile o più interessante. Infine, si ricorda che la conoscenza del contesto in cui si colloca il risultato del lavoro al videoterminale, e' un elemento utile per l'attenuazione di uno dei possibili fattori di affaticamento mentale. Per attenuare le cause è necessario: - adeguare il lavoro secondo le capacità degli individui. - Utilizzare macchine adeguate dotate di software semplici. - Informare e formare i lavoratori sulle modalità di utilizzo del VDT.

7 Pag. 7 di 12 - Ripartire il lavoro ripetitivo e monotono su più operatori. - Affidare compiti adeguati alle capacità dell individuo. - Adeguare gli ambienti al tipo di attività lavorativa. 7.4 CARATTERISTICHE DEL POSTO DI LAVORO I requisiti minimi per il posto di lavoro sono dettati dall Allegato XXXIV del D.Lgs.81/2008 e s.m.i. con lo scopo di far utilizzare, ai lavoratori, il VDT non come fonte di rischio SCHERMO La risoluzione dello schermo deve essere tale da garantire una buona definizione, una forma chiara, una grandezza sufficiente dei caratteri e, inoltre, uno spazio adeguato tra essi. L'immagine sullo schermo deve essere stabile; esente da farfallamento, tremolio o da altre forme di instabilità. La brillanza e/o il contrasto di luminanza tra i caratteri e lo sfondo dello schermo devono essere facilmente regolabili da parte dell'utilizzatore del videoterminale e facilmente adattabili alle condizioni ambientali. Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente per adeguarsi facilmente alle esigenze dell'utilizzatore. Orientare il monitor in modo da eliminare riflessi dovuti a sorgenti luminose naturali o artificiali. È possibile utilizzare un sostegno separato per lo schermo o un piano regolabile purché sia stabile e solido. Sullo schermo non devono essere presenti riflessi e riverberi che possano causare disturbi all'utilizzatore durante lo svolgimento della propria attività. Gli schermi addizionali (filtri) antiriflesso possono essere utili quando non sia possibile migliorare in alcun modo la visibilità dei caratteri ma devono essere di buona qualità, mantenuti in buone condizioni di pulizia e non devono generare effetti tipo Specchio. Lo schermo deve essere posizionato di fronte all operatore in maniera che, anche agendo su eventuali meccanismi di regolazione, lo spigolo superiore dello schermo sia posto un po più in basso dell orizzontale che passa per gli occhi dell operatore e ad una distanza degli occhi pari a circa cm, per i posti di lavoro in cui va assunta preferenzialmente la posizione seduta TASTIERA E DISPOSITIVI DI PUNTAMENTO La tastiera deve essere separata dallo schermo e facilmente regolabile e dotata di meccanismo di variazione della pendenza onde consentire al lavoratore di assumere una posizione confortevole e tale da non provocare l'affaticamento delle braccia e delle mani. Lo spazio sul piano di lavoro deve consentire un appoggio degli avambracci davanti alla tastiera nel corso della digitazione, tenendo conto delle caratteristiche antropometriche dell operatore. La tastiera deve avere una superficie opaca onde evitare i riflessi.

8 Pag. 8 di 12 La disposizione della tastiera e le caratteristiche dei tasti devono agevolarne l'uso. I simboli dei tasti devono presentare sufficiente contrasto ed essere leggibili dalla normale posizione di lavoro. Il mouse o qualsiasi dispositivo di puntamento in dotazione alla postazione di lavoro deve essere posto sullo stesso piano della tastiera, in posizione facilmente raggiungibile e disporre di uno spazio adeguato per il suo uso PIANO DI LAVORO Il piano di lavoro deve avere una superficie a basso indice di riflessione (superficie opaca e colore chiaro), essere stabile, di dimensioni sufficienti a permettere una disposizione flessibile dello schermo, della tastiera, dei documenti e del materiale accessorio. L altezza del piano di lavoro fissa o regolabile deve essere indicativamente compresa fra 70 e 80 cm. Lo spazio a disposizione deve permettere l alloggiamento e il movimento degli arti inferiori, nonché l ingresso del sedile e dei braccioli se presenti. La profondità del piano di lavoro deve essere tale da assicurare un adeguata distanza visiva dallo schermo (compresa tra 50 e 70 cm), deve consentire l appoggio degli avambracci, (distanza bordo tastiera di 15 cm circa). Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile e deve essere collocato in modo tale da ridurre al minimo i movimenti della testa e degli occhi SEDILE Un sedile da lavoro deve essere solido, sicuro, ben regolabile e dimensionato, confortevole e pratico. Un sedile può risultare pericoloso se la superficie del sedile e più ampia del basamento perché ci si può ribaltare. Un sedile è mal dimensionato se è troppo stretto o troppo lungo o piatto o se impedisce la traspirazione perché rivestito in plastica o gomma. Il sedile di lavoro deve permettere all'utilizzatore libertà nei movimenti, nonché una posizione comoda. Il sedile deve avere altezza regolabile in maniera indipendente dallo schienale e dimensioni della seduta adeguate alle caratteristiche antropometriche dell utilizzatore. Regolare la sedia in modo che il ginocchio mantenga un angolo di circa 90 gradi (per i soggetti di bassa statura, utilizzare un poggiapiedi) e regolare lo schienale in modo che lo stesso sostenga la parte bassa della colonna (zona lombare). Lo schienale deve fornire un adeguato supporto alla regione dorso-lombare dell utente. Pertanto deve essere adeguato alle caratteristiche antropometriche dell utilizzatore e deve avere altezza e inclinazione regolabile. Nell ambito di tali regolazioni l utilizzatore dovrà poter fissare lo schienale nella posizione selezionata.

9 Pag. 9 di 12 Lo schienale e la seduta devono avere bordi smussati. I materiali devono presentare un livello di permeabilità tali da non compromettere il comfort dell utente devono essere di materiali traspiranti e lavabili. Il sedile deve essere dotato di un meccanismo girevole per facilitare i cambi di posizione e deve poter essere spostato agevolmente secondo le necessità dell utilizzatore. Il basamento deve essere antiribaltamento a 5 razze. Un poggiapiedi non è un elemento obbligatorio ma sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderino per far assumere una postura adeguata agli arti inferiori. Il poggiapiedi non deve spostarsi involontariamente durante il suo uso. 7.5 AMBIENTE Il posto di lavoro deve essere ben dimensionato e allestito in modo che vi sia spazio sufficiente per permettere cambiamenti di posizione e movimenti operativi ILLUMINAZIONE L'illuminazione generale e specifica (lampade da tavolo) deve garantire un illuminamento sufficiente e un contrasto appropriato tra lo schermo e l'ambiente circostante, tenuto conto delle caratteristiche del lavoro e delle esigenze visive dell'utilizzatore. Se necessario, in caso di scarsa illuminazione è da prevedere la fornitura di lampade da tavolo schermate. Posizionare la lampada da tavolo in modo da illuminare i documenti (la loro luminosità non dovrebbe essere superiore di 10 volte quella dello sfondo dello schermo). Riflessi sullo schermo, eccessivi contrasti di luminanza e abbagliamenti dell operatore devono essere evitati disponendo la postazione di lavoro in funzione dell'ubicazione delle fonti di luce naturale e artificiale. Si dovrà tener conto dell esistenza di finestre, pareti trasparenti o traslucide, pareti e attrezzature di colore chiaro che possono determinare fenomeni di abbagliamento diretto e/o indiretto e/o riflessi sullo schermo. Le finestre devono essere munite di un opportuno dispositivo di copertura regolabile (tende, tapparelle, veneziane, ecc.) per attenuare la luce diurna che illumina il posto di lavoro RUMORE Il rumore emesso dalle attrezzature presenti nel posto di lavoro non deve perturbare l'attenzione e la comunicazione verbale. Si deve porre attenzione ad acquistare macchine e/o attrezzature, comprese

10 Pag. 10 di 12 stampanti/ fotocopiatrici/ fax, non rumorose e a porre le postazioni vdt in ambienti altrettanto non rumorosi RADIAZIONI Tutte le radiazioni, eccezion fatta per la parte visibile dello spettro elettromagnetico, devono essere ridotte a livelli trascurabili dal punto di vista della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori. Si ricorda che gli schermi piatti non emettono radiazioni pericolose e anche quelli tradizionali, attualmente in commercio non destano preoccupazioni. In base alle conoscenze attuali, essi non rappresentano un pericolo per la salute, neppure per le donne in gravidanza (si veda il capitolo 7 della presente procedura). In fase di acquisto è importante verificare la presenza della marcatura CE sul VDT che garantisce che i campi elettromagnetici sono al di sotto dei limiti raccomandati e riscontrabili nei comuni ambienti di vita PARAMETRI MICROCLIMATICI Le condizioni microclimatiche non devono essere causa di discomfort per i lavoratori. Le attrezzature in dotazione al posto di lavoro non devono produrre un eccesso di calore che possa essere fonte di discomfort per i lavoratori. Sia gli schermi che le unità centrali producono calore che poi deve essere smaltito aerando adeguatamente i locali. L elevata presenza di schermi in un locale impone quindi una maggiore ventilazione naturale o artificiale. 7.6 INTERFACCIA ELABORATORE/UOMO All'atto dell'elaborazione, della scelta, dell'acquisto del software, o allorché questo venga modificato, come anche nel definire le mansioni che implicano l'utilizzazione di unità videoterminali, si dovranno considerare i seguenti fattori: - il software deve essere adeguato alla mansione da svolgere; - il software deve essere di facile uso, adeguato al livello di conoscenza e di esperienza dell'utilizzatore. Inoltre nessun dispositivo di controllo quantitativo o qualitativo può essere utilizzato all'insaputa dei lavoratori; - il software deve essere strutturato in modo tale da fornire ai lavoratori indicazioni comprensibili sul corretto svolgimento dell attività; - i sistemi devono fornire l informazione di un formato e ad un ritmo adeguato agli operatori; - i principi dell ergonomia devono essere applicati in particolare all elaborazione dell informazione da parte dell uomo. 7.7 USO DEL COMPUTER PORTATILE L uso dei computer portatili può comportare maggiori difficoltà nel mantenere una posizione ergonomica conforme a quanto contenuto in questa procedura. Pertanto si dovrebbe limitare l uso a brevi periodi. Durante l utilizzo è necessario: - regolare l inclinazione, la luminosità e il contrasto sullo schermo in modo ottimale in modo da non creare problemi di riflesso sullo schermo e di abbagliamento per l utilizzatore; - se si prevede di dover effettuare lavori prolungati è bene utilizzare una tastiera esterna e un mouse separati rispetto al PC portatile;

11 Pag. 11 di 12 - cambiare spesso posizione facendo pause molto frequenti; - evitare di piegare la schiena in avanti; - mantenere gli avambracci, i polsi e le mani allineati durante l uso della tastiera e del mouse, evitando di piegare o angolare i polsi. Al fine di evitare l affaticamento visivo è opportuno: - non effettuare attività prolungate di lettura/scrittura sulle apparecchiature informatiche portatili quali smartphone, palmari, ecc. specialmente se non hanno la possibilità di aumentare la dimensione dei caratteri. - durante la lettura è importante distogliere spesso lo sguardo dallo schermo per fissare oggetti lontani. 7.8 LAVORATRICI GESTANTI Si ricorda a tutte le lavoratrici: - di segnalare lo stato di gravidanza al Servizio Aziendale di Medicina Preventiva, Igiene ed Epidemiologia Ospedaliera. - Attenersi a quanto contenuto nella PRAOS 39 Procedura per la tutela delle lavoratrici madri e gestanti ; - valutare, d intesa con il Dirigente e il Preposto, se il lavoro consente cambiamenti frequenti delle posture; - modificare le condizioni e l'orario di lavoro (pause) - organizzare il lavoro in modo da consentire alla lavoratrice di assentarsi secondo necessità. 7.9 IMPIANTO ELETTRICO E assolutamente vietata qualsiasi manomissione dell impianto elettrico e qualsiasi intervento non autorizzato. Non smontare mai il PC e non aprire il contenitore per effettuare riparazioni o altro. Per eventuali interventi (espansioni, cambio di schede, ecc.) occorrerà rivolgersi al personale a ciò addetto o all assistenza tecnica. Non togliere la spina elettrica dalla presa di corrente tirando il filo di alimentazione. Si potrebbe rompere il cavo o l'involucro della spina rendendo accessibili le parti in tensione. Se la spina non esce, evitare di tirare con forza eccessiva, perché si potrebbe strappare la presa dal muro. Quando una spina si rompe occorre farla sostituire con una nuova marchiata ad es. IMQ (Istituto italiano del Marchio di Qualità). Non tentare di ripararla con nastro isolante o con l'adesivo. E' un rischio inutile! Richiedere la sostituzione all U.O. Tecnico Patrimoniale. Non attaccare più di un apparecchio elettrico a una sola presa. In questo modo si evita che la presa si surriscaldi con pericolo di corto circuito e incendio.

12 Pag. 12 di 12 Situazioni che vedono installati più adattatori multipli, uno sull'altro, sono espressamente vietate. Spine di tipo tedesco (Schuko) possono essere inserite in prese di tipo italiano solo tramite un adattatore che trasferisce il collegamento di terra effettuato mediante le lamine laterali ad uno spinotto centrale. E' assolutamente vietato l'inserimento a forza delle spine Schuko nelle prese di tipo italiano. Infatti, in tale caso dal collegamento verrebbe esclusa la messa a terra. 8. INDICATORI DI QUALITÀ Segnalazioni di infortuni, incidenti o incidenti mancati

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale

Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale LICEO STATALE G. TURRISI COLONNA Procedura di sicurezza Postazioni Videoterminale Revisione: 00 Data: 29/03/2011 1 A emissione OGGETTO Indicazioni riguardanti la corretta gestione delle postazioni di lavoro

Dettagli

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI

PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI PROCEDURA 05/B UTILIZZO ERGONOMIA POSTAZIONI VIDEOTERMINALI ATTREZZATURE Osservazione generale. L'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non deve essere fonte di rischio per i lavoratori. Spazio Come indicato

Dettagli

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori

Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori Requisiti e prescrizioni per la sicurezza dei lavoratori 32 Requisiti e Prescrizioni di Sicurezza Il D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. indica requisiti e prescrizioni per: - Luoghi di Lavoro; - Uso delle attrezzature

Dettagli

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sicurezza nei luoghi di lavoro Sicurezza nei luoghi di lavoro Il termine ergonomia indica l insieme delle tecniche, degli strumenti e degli accorgimenti che consentono di creare un ambiente di lavoro sicuro e confortevole. Le norme

Dettagli

Linee guida all uso dei videoterminali

Linee guida all uso dei videoterminali Linee guida all uso dei videoterminali Titolo VII - ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Capo I - Disposizioni generali Art. 172. Campo di applicazione 1. Le norme del presente titolo si applicano alle

Dettagli

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente

L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO. Redatto da Dott.Guido Perina- Medico Competente L ERGONOMIA APPLICATA AL LAVORO IN UFFICIO PATOLOGIA DA INDOOR: NON SOLO IL VIDEOTERMINALE 1) Problemi legati all'affaticamento fisico e mentale: lo stress 2) Disturbi al Sistema Muscolo-Scheletrico 3)

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE. DEL RISCHIO VIDEOTERMINALE rispetto dei requisiti minimi riportati nell'allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE. DEL RISCHIO VIDEOTERMINALE rispetto dei requisiti minimi riportati nell'allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO VIDEOTERMINALE rispetto dei requisiti minimi riportati nell'allegato IV del D.Lgs. 81/08 Azienda: Studio Geom.Benni Sede: www.testo-unico-sicurezza.com WWW.BENNI.ORG

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA VIDEOTERMINALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES (Tn) CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Modulo 4: Lavoro al Video Terminale secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali

Come. Uso di attrezzature munite di videoterminali ing. Domenico Mannelli Come Uso di attrezzature munite di videoterminali DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato

Dettagli

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE?

L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? L USO DEI VIDEOTERMINALI E CAUSA DI PATOLOGIE? RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT L USO DEL VDT NON E MAI CAUSA DELL INSORGENZA DI PATOLOGIE SPECIFICHE L USO DEL VDT PUO SLATENTIZZARE O PEGGIORARE I SINTOMI

Dettagli

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI

RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI RISCHIO DA ESPOSIZIONE A VIDEOTERMINALI I principali fattori di rischio vanno ricercati in : una scarsa conoscenza ed applicazione dei principi ergonomici; una mancanza di informazione e di consapevolezza

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP

CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011. Ing. Antonio Giorgi RSPP I.C. A. VOLTA Via Botticelli, 31 04100 Latina CORSO DI FORMAZIONE Art. 37, comma 2, D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Ing. Antonio Giorgi RSPP Videoterminali 2 VDT : CONCETTI

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma

VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma VIDEOTERMINALI: prime note al confronto tra D. Lgs. 626/94 e D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Graziano Frigeri Medico del Lavoro, Euronorma Decreto Legislativo 626/94 Titolo VI D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO

Dettagli

Formazione sicurezza studente lavoratore

Formazione sicurezza studente lavoratore Formazione sicurezza studente lavoratore ILVIDEOTERMINALE 1. Definizione del termine Videoterminale 2. Definizione del termine Vidoterminalista 3. Definizione del termine Posto di lavoro 4. Obblighi del

Dettagli

Sicurezza al videoterminale

Sicurezza al videoterminale http://magazine.paginemediche.it/it/366/dossier/medicina-del-lavoro/detail_1917_sicurezza-al-videoter... Pagina 1 di 12 Magazine paginemediche.it: attualità e approfondimento sulla salute Medicina del

Dettagli

VIDEOTERMINALI & SALUTE

VIDEOTERMINALI & SALUTE VIDEOTERMINALI & SALUTE note informative per il personale dell Istituto note informative per il personale dell Istituto Pagina 1 Il presente documento informativo è stato promosso dal Servizio di Prevenzione

Dettagli

USO DI VIDEOTERMINALI

USO DI VIDEOTERMINALI USO DI VIDEOTERMINALI In senso stretto un videoterminale (o VDT) è un apparecchio di visualizzazione simile allo schermo televisivo, che permette di vedere le informazioni immagazzinate nel nostro computer.

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie muscoloscheletriche e da agenti fisici Il rischio da Videoterminale Il rischio da Videoterminale 1 of 55 Legislazione Titolo VI del D.lgs. 626/94, che ha recepito

Dettagli

Davanti al PC - Le ultime novità

Davanti al PC - Le ultime novità Davanti al PC - Le ultime novità Le nuove regole alla luce dei cambiamenti legislativi Le linee guida d'uso dei videoterminali (Decreto 2 ottobre 2000 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale)

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE

VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE VIDEOTERMINALI E PREVENZIONE 1 USO DEI VDT: NORMATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO L uso di attrezzature munite di videoterminali (VDT) è disciplinato in Italia dal D.Lgs 81/08 TITOLO VII (art.i. 172-179).

Dettagli

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra

Sicurimpariamo al. Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra Sicurimpariamo al Ferrante Aporti Inail Sede di Torino Centro 21 marzo 2012 Funzione Prevenzione Roberto Sciarra 1 Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività 2 Principali figure della sicurezza:

Dettagli

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro

Formazione specifica Unità Didattica 1. L ambiente e le attrezzature di lavoro Formazione specifica Unità Didattica 1 L ambiente e le attrezzature di lavoro Definizione di ambiente di lavoro D.Lgs. 81/2008 Per luogo di lavoro si intende: i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro,

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

D.Lgs. 81/08 TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Presentazione informativa per chi lavora utilizzando attrezzature munite di videoterminali (VDT) inclusi gli studenti che frequentano il laboratorio didattico informatico. Ai

Dettagli

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali

FTA-I-ClimIllumn-V.ppt - ESCLUSIVO uso didattico interno - videoterminali ottobre 2008 1 elio giroletti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy tel. 038298.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro microclima, illuminazione

Dettagli

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SCHEDA TECNICA N 17 LA POSTAZIONE DI LAVORO AL VIDEOTERMINALE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1. 1 3 7 - FA X 0 5 1. 6 3.

Dettagli

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri

Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio. Tutela delle lavoratrici madri MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Rischi connessi all organizzazione del lavoro e di natura ergonomica: rischio connesso all uso dei videoterminali e movimentazione

Dettagli

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI Collana Cultura della Sicurezza LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI Quaderno informativo N. 9 Collana Cultura della Sicurezza LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI Quaderno informativo

Dettagli

Rischi trasversali. Relatore: dott.ssa Cristina Iani

Rischi trasversali. Relatore: dott.ssa Cristina Iani Rischi trasversali Movimentazione manuale carichi, utilizzo di videoterminali, principi ergonomici Relatore: dott.ssa Cristina Iani Dipartimento Scienze Sociali, Cognitive e Quantitative Riferimenti bibliografici

Dettagli

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI

UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI UTILIZZAZIONE DEI VIDEOTERMINALI Gianluca Sotis (UPP-CNR, Roma) Definizioni (art. 173) Videoterminale: schermo alfa numerico o grafico Per lavoratore che utilizza videoterminali si intende un soggetto

Dettagli

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula

APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI. Attività didattica in aula APPENDICE A MISURE DI PREVENZIONE PER DOCENTI Descrizione attività Attività didattica in aula L attività è costituita fondamentalmente dalle lezioni che l insegnate impartisce agli alunni, avvalendosi

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione

D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione 1 D.LGS. 81/08 TITOLO VII Art. 172 Campo di applicazione Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano l uso di attrezzature munite di videoterminali. Non si applicano

Dettagli

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO

REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO LINEE GUIDA PER IL CORRETTO UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI REQUISITI AMBIENTE DI LAVORO Di seguito vengono specificate le precauzioni che debbono essere adottate in funzione dell utilizzo sistematico ed abituale

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI A cura di:

Dettagli

Ambiente e Lavoro sicuro S.r.l. Consulenza, Formazione e Gestione di Sistemi per la Sicurezza sul Lavoro e Medicina del Lavoro

Ambiente e Lavoro sicuro S.r.l. Consulenza, Formazione e Gestione di Sistemi per la Sicurezza sul Lavoro e Medicina del Lavoro Consulenza, Formazione e Gestione di Sistemi per la Sicurezza sul Lavoro e Medicina del Lavoro Formazione e informazione dei dipendenti in materia di sicurezza, igiene del lavoro e protezione ambientale

Dettagli

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO

PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA ORGANIZZAZIONE DELL AREA DI LAVORO PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI PREMESSA... Lungi dal volere riportare aridamente le prescrizioni in merito all uso di attrezzature munite

Dettagli

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT

Lavoro al Videoterminale. Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Lavoro al Videoterminale Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Titolo VII Attrezzature munite di VDT Campo di applicazione (art. 172) Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative che comportano

Dettagli

15/04/2014 VIDEOTERMINALE = V.D.T.

15/04/2014 VIDEOTERMINALE = V.D.T. = V.D.T. Corso di formazione SALUTE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPARECCHIATURE DOTATE DI SCHERMO IN GRADO DI RIPRODURRE DATI ALFA-NUMERICI, GRAFICI E IMMAGINI Titolo modulo Utilizzo di attrezzature

Dettagli

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio

Addetto al Videoterminale Sett. Amministrativo/Ufficio 1 Indice LA FIGURA DEL LAVORATORE AI VIDEOTERMINALI... 7 Chi è? 7 Quale formazione? 7 IN BREVE... 8 Le istruzioni per l uso corretto del computer 8 LA LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO... 9 Significato della

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV)

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) DIRIGENTE SCOLASTICO CARPENTIERO FLORA Documento DOCUMENTO DI FORMAZIONE (ADDETTO AL VIDEO TERMINALE) D. Lgs. 3 agosto 2009 n. 106 RSPP: ING. PANNESE NICOLA Data:30/10/2013

Dettagli

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO

DEFINIZIONI USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ANALISI DEL POSTO DI LAVORO USO ED IMPIEGO DEI VIDEOTERMINALI Formazione dei lavoratori ai sensi del D.Lgs. 81/2008 DEFINIZIONI videoterminale: schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII

Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII Opuscolo Informativo per il lavoratore Il D.Lgs. 81/08 Titolo VII USO DEL VIDEOTERMINALE 1 INDICE GENERALE: Capitolo 1: Definizioni e normativa - Titolo VII D.Lgs. 81/08:.....pag. 4 Obblighi del datore

Dettagli

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a

Videoterminali LINEE GUIDA SULL USO DEI. Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò LINEE GUIDA SULL USO DEI Videoterminali Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI L uso di attrezzature munite di videoterminale ha avuto negli ultimi anni una enorme diffusione nel mondo del lavoro ed è

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI

FORMAZIONE DEI LAVORATORI FORMAZIONE DEI LAVORATORI USO DI ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI D I S P E N S A M O N O G R A F I C A 1 VIDEOTERMINALI - Sommario: 1. Definizione - 2. Fonti normative - 3. Patologia - 4. Obblighi

Dettagli

RELAZIONE. Unità Produttiva: CUSTOMER SERVICES Contact Center

RELAZIONE. Unità Produttiva: CUSTOMER SERVICES Contact Center Pag. 1 di 9 Allegato 1 al DVR RELAZIONE sulla valutazione dei rischi connessi all uso del videoterminale (secondo quanto previsto dal Titolo VII del Decreto Legislativo 81/08) Unità Produttiva: CUSTOMER

Dettagli

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni.

Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. CAMPO DI APPLICAZIONE Il D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico sulla sicurezza) si applica a tutte le imprese con lavoratori dipendenti ed alle Pubbliche Amministrazioni. FIGURE INTERESSATE Datore di Lavoro Lavoratore

Dettagli

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI Uffici VDTsch 06_2010_UPagina 1 di 11 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA GRUPPO DIPARTIMENTALE NIP CAMPO CONTENUTO N. 06 2010 OGGETTO DESCRIZIONE SCOPO ELEMENTI DI SCELTA VINCOLI LEGISLATIVI UFFICI E LAVORO

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA Artt. 36 37 D.Lgs. 81/08 e D.Lgs. 106/09 Indicazioni operative ed informazioni per un corretto approccio alle apparecchiature munite di videoterminali R.S.P.P Ing.. Pasquale

Dettagli

Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali. Guida informativa

Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali. Guida informativa 2 Studi professionali: sicurezza nell uso dei videoterminali Guida informativa Guida informativa a cura di Giuseppe Piegari* *Presidente della Commissione per gli Interpelli in Materia di Salute e Sicurezza

Dettagli

Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti

Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti Regole Lavorative per gli Operatori Videoterminalisti Manuale per un corretto uso delle Attrezzature Munite di Videoterminali, secondo il Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sui Luoghi di Lavoro Decreto

Dettagli

COMUNE DI ROMA. SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione LAVORO AL VIDEOTERMINALE.

COMUNE DI ROMA. SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione LAVORO AL VIDEOTERMINALE. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB.CC. UNITA ORGANIZZATORIA INTERSETTORIALE Servizio Prevenzione e Protezione Quaderno n 3 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Quaderno n 3 Responsabile S.P.P. P.I. A. Moglioni Data

Dettagli

VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI. 1 di 21

VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI. 1 di 21 VIDEOTERMINALI CARATTERISTICHE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO NORME COMPORTAMENTALI 1 di 21 ATTIVITA AL VIDEOTERMINALE LEGGE 29/12/2000 - N 422 MODIFICHE del D.Lgs 626/94 LAVORATORE: Il lavoratore che utilizza

Dettagli

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici

Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza. I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici Gli ambienti di lavoro: spazio, aerazione, illuminazione, illuminazione di emergenza I Servizi: Spogliatoi, Lavelli, Servizi igienici VIDEOTERMINALI Decreto Legislativo 81/2008 Decreto ministeriale 2 ottobre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Ai sensi D.Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Ai sensi D.Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001 Data 02-09-2010 Data 02-09-2010 Pagina 1 di 27 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA UTILIZZO DI APPARECCHIATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI Ai sensi D.Lgs. n. 151 del 26 marzo 2001 AZIENDA SEDE E UNITA

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT

OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT OPUSCOLO PER I LAVORATORI RISCHI CONNESSI ALL USO DEL VDT RISCHI FISICI - I VIDEOTERMINALI Definizioni (videoterminale, posto di lavoro e lavoratore) Videoterminale: uno schermo alfanumerico o grafico

Dettagli

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52 Direzione Centrale Sviluppo e Gestione Risorse Umane Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008

LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008 LAVORO AL VIDEOTERMINALE Informativa per i lavoratori ai sensi art.36 D.Lgs. n.81/2008 Medicina del Lavoro IFO ISTITUTI FISIOTERAPICI OSPITALIERI Via Elio Chianesi, 53-00144 Roma Tel. 06 5266 5904 Fax

Dettagli

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI

UFFICI E LAVORO AI VIDEOTERMINALI Scheda Tecnica 06 - Uffici e lavoro ai vdtpagina 1 di 6 AZIENDA U N I T À SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro - Unità Operativa

Dettagli

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE

LAVORARE AL VIDEOTERMINALE CORSO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORATORI ESPOSTI A VDT LAVORARE AL VIDEOTERMINALE Titolo VII del D.Lgs 81/08 I^ PARTE I rischi per la sicurezza e per gli occhi Con il Decreto Legislativo 81/08

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

APPENDICE B ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONE - STAFF DI PRESIDENZA - PERSONALE DI SEGRETERIA - ADDETTO ALLA BIBLIOTECA

APPENDICE B ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONE - STAFF DI PRESIDENZA - PERSONALE DI SEGRETERIA - ADDETTO ALLA BIBLIOTECA R o COMUNE DI PALERMO s o Istituzione l Scolastica i Scuola Secondaria di 1 Grado Cosmo Guastella n o Datore di Lavoro P i l o Prof.ssa Rita La Tona APPENDICE B ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI

Dettagli

D. Lgs. 195/2003 Modulo B B 8.5.1 RISCHI FISICI I VIDEOTERMINALI

D. Lgs. 195/2003 Modulo B B 8.5.1 RISCHI FISICI I VIDEOTERMINALI B 8.5.1 RISCHI FISICI I VIDEOTERMINALI IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE Valutazione del rischio in relazione alla normativa Attività rischiosa Tutela normativa NORMATIVA D.Lgs. n. 626/94 ( integrato dal D.

Dettagli

Videoterminali: guida all'utilizzo sicuro

Videoterminali: guida all'utilizzo sicuro Videoterminali: guida all'utilizzo sicuro Introduzione Le linee guida per l'utilizzo del videoterminale emanate con il decreto del ministero del lavoro del 2 ottobre 2000 sono state stata messe a punto

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GRUPPI OMOGENEI (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GRUPPI OMOGENEI (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.) CITTA DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE P.ZZA DELLA LIBERTA N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GRUPPI OMOGENEI (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.) Direzione Programmazione e Controllo

Dettagli

VIDEOTERMINALI COMPUTER ed ERGONOMIA

VIDEOTERMINALI COMPUTER ed ERGONOMIA VIDEOTERMINALI COMPUTER ed ERGONOMIA Per i lavoratori di uffici e servizi D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, art. 36 e D.M. 16.01.1997, art. 177 Programma e Moduli Argomenti delle lezioni Aspetti normativi e

Dettagli

Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione

Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione 31 Congresso Nazionale di Igiene Industriale Valutazione Ergonomica del rischio da videtoerminali una metodologia di valutazione Relazione a cura Ing. Diego Cerra Solve Consulting s.r.l. 31 Congresso Nazionale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE. della PROVINCIA DI MANTOVA

AZIENDA SANITARIA LOCALE. della PROVINCIA DI MANTOVA Il lavoro al videoterminale - indice Introduzione 1. Come evitare i disturbi associati all uso del videoterminale 2. Videoterminale, tastiera e mouse 3. Condizioni ambientali 4. Il corretto posizionamento

Dettagli

IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE. Aspetti normativi e prevenzione del rischio

IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE. Aspetti normativi e prevenzione del rischio IL LAVORO AL VIDEOTERMINALE Aspetti normativi e prevenzione del rischio INDICE Introduzione...Pag 3 Campo di applicazione della normativa...pag 5 Misure organizzative di prevenzione....pag 7 Concezione

Dettagli

I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. I VIDEOTERMINALI Titolo VII e Allegato XXXIV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Rossella Benatti RSPP Università di Brescia I Videoterminali 1 I VIDEOTERMINALI L uso di attrezzature munite di videoterminali si

Dettagli

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione

4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione 4 Standard Promuovere un posto di lavoro sano Ambienti di lavoro Microclima Illuminazione D.Lgs 81/08 - TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Articolo 63- Requisiti di salute e sicurezza Allegato IV Luoghi di di

Dettagli

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi

Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Lavoro al videoterminale I nove consigli per lavorare comodi Evitare riflessi e abbagliamenti Posizionare lo schermo e il tavolo parallelamente alla finestra per evitare riflessi e abbagliamenti fastidiosi

Dettagli

Non sono videoterminalisti i lavoratori addetti

Non sono videoterminalisti i lavoratori addetti Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Titolo VII Attrezzature munite

Dettagli

Utilizzo in sicurezza dell elettricità

Utilizzo in sicurezza dell elettricità Pag. 1/8 Utilizzo in sicurezza dell tà Pag. 2/8 1. SCOPO DELLA PROCEDURA Prevenire i rischi principali connessi all impiego dell tà, che corrispondono all azione delle correnti elettriche sulle due più

Dettagli

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA

SCHEMA ANALISI ERGONOMICA SCHEMA ANALISI ERGONOMICA CODICE DELLA POSTAZIONE DI LAVORO N DI MAPPA AZIENDALE COGNOME E NOME SESSO..M F... DATA DI NASCITA.DATA DI ASSUNZIONE MANSIONE. ATTIVITA' SVOLTA REPARTO. ORE DI LAVORO AL GIORNO.ORE

Dettagli

Lavori di precisione Come adattare correttamente la postazione di lavoro. Consigli per i lavoratori

Lavori di precisione Come adattare correttamente la postazione di lavoro. Consigli per i lavoratori Lavori di precisione Come adattare correttamente la postazione di lavoro Consigli per i lavoratori Adattare la postazione di lavoro per migliorare il benessere Avvertite bruciore agli occhi, mal di testa,

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

STUDIO DEL LAVORO ED ERGONOMIA

STUDIO DEL LAVORO ED ERGONOMIA STUDIO DEL LAVORO ED ERGONOMIA Contenuti della lezione Definizione di studio del lavoro definizione di ergonomia movimentazione manuale dei carichi esempi di posti di lavoro industriale il rischio da videoterminale

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro.

digitazione della tastiera; uso del mouse; frequenti spostamenti della testa; torsioni del busto rispetto al piano di lavoro. PROBLEMI MUSCOLO - SCHELETRICI Sebbene siano più frequenti i problemi di tipo visivo e oculare, da sempre l`attenzione si è principalmente concentrata su problemi di tipo muscolo-scheletrico, come ad esempio

Dettagli

Manuale informativo per operatori al VDT

Manuale informativo per operatori al VDT UFFICIO DEL MEDICO COMPETENTE Manuale informativo per operatori al VDT a cura di: Mariella Barbaresi - Alfredo Copertaro Aprile 2006 QUADERNI INDICE PREMESSA 1 QUALI SONO LE CONDIZIONI ERGONOMICHE MIGLIORI

Dettagli

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA

SOMMARIO: Motivo revisione. Redazione. Verifica. Approvazione Autorizzazione. RSPP: P.I. M. Bolchi Dr. L. Corradini PROCEDURA DI SICUREZZA Pag. 1 di 6 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

DINAMICHE INFORTUNIO ELETTRICO

DINAMICHE INFORTUNIO ELETTRICO DINAMICHE INFORTUNIO ELETTRICO LEGISLAZIONE E NORMATIVA DATI STATISTICI EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI PROTEZIONI DA SOVRACORRENTI COMPONENTI

Dettagli

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta.

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta. Lo stress Fattori di stress: Scarsa conoscenza del software e dell hardware; mancanza di informazioni sulla progettazione, sull organizzazione e sui e sui risultati del lavoro; mancanza di una propria

Dettagli

Linee Guida per le Aziende su: Prevenzione delle Disabilità e degli Infortuni alla Vista

Linee Guida per le Aziende su: Prevenzione delle Disabilità e degli Infortuni alla Vista Quaderno n.1 IRCCS Fondazione G.B. Bietti per lo Studio e la Ricerca in Oftalmologia ONLUS Linee Guida per le Aziende su: Prevenzione delle Disabilità e degli Infortuni alla Vista Istituzione Promotrice:

Dettagli

Utilizzo dei videoterminali.

Utilizzo dei videoterminali. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BENEDETTO CROCE Infanzia Primaria - Secondaria 1 viale Dante n 29 81041 VITULAZIO (CE) COD.MECC. CEIC82500B C.F. 80101560615 TEL/FA: 0823/990417 E-MAIL ceic82500b@istruzione.it

Dettagli

ADDETTI AI VIDEOTERMINALI

ADDETTI AI VIDEOTERMINALI FREELY AVAILABLE ONLINE ISSN: 2240-2594 ADDETTI AI VIDEOTERMINALI in adempimento al D.Lgs. n 81/2008 Caciari T 1, Casale T 1, Pimpinella B 1, De Sio S 1, Bonomi S 1, Monti C 1, Nardone N 1, Andreozzi G

Dettagli

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o piu lavoratori, comprese le azioni del sollevare,

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro

Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore. Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda e i principali rischi per la salute del lavoratore Dott. Carlo Valchi Medico Specialista in Medicina del Lavoro Il ruolo del medico in azienda: premesse norma2ve DECRETO

Dettagli

Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio. Sei sicuro in ufficio?

Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio. Sei sicuro in ufficio? Sei sicuro in ufficio? Vademecum della sicurezza in ufficio Sei sicuro in ufficio? 1 Indice Premesse pag. 2 1 Armonia e benessere sul posto di lavoro pag. 3 2 Cos è il decreto legislativo n. 81 pag. 4

Dettagli