l Azionista di Snam Snam Regolazione e strategie Snam 10 anni in Borsa Snam Il ritorno per gli azionisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l Azionista di Snam Snam Regolazione e strategie Snam 10 anni in Borsa Snam Il ritorno per gli azionisti"

Transcript

1 Dicmbr 2011 l Azionista La guida pr riprcorrr i ci anni Rgolazion stratgi 10 anni in Borsa Il ritorno pr gli azionisti La domani Adguamnto al Trzo Pacchtto Enrgia

2 2

3 Dicmbr 2011 Dicmbr 2011 l azionista La guida pr riprcorrr i ci anni Rgolazion stratgi 10 anni in Borsa Il ritorno pr gli azionisti La domani Adguamnto al Trzo Pacchtto Enrgia La rt domani, già oggi Contnuti Lttra agli azionisti Lttra agli azionisti Rgolazion stratgia Rgolazion stratgia La rgolazion... 6 La stratgia... 7 Il quadro rgolatorio di 4 businss anni storia 10 anni STORIA 10 anni attività... 9 I risultati prsguiti Il valor in Borsa Ritorno pr gli azionisti Trzo Pacchtto Enrgia Trzo Pacchtto Enrgia Adguamnto al Trzo Pacchtto Enrgia

4 Signori azionisti Stakholdrs, il 6 cmbr è una data important pr la nostra Socità. Essa rivoca un momnto fondamntal dlla nostra storia con la quotazion in Borsa avvnuta nl 2001, dopo il confrimnto tutt l attività svolt da in Italia nl trasporto, spacciamnto rigassificazion dl GNL. Sono passati 10 anni a mio avviso Rt Gas rapprsnta una storia succsso sia in trmini crazion valor pr i nostri azionisti ch pr lo sviluppo dl sistma Pas. Qusti risultati sono stati consguiti anch grazi alla possibilità ch abbiamo avuto oprar in un sistma rgolazion stabil, trasparnt d incntivant. Un sistma virtuoso, apprzzato a livllo intrnazional, ch abbiamo crcato smpr rafforzar attravrso un alogo continuo proattivo con il Rgolator. Crdo ch più ch l parol siano i numri la vra tstimonianza qullo ch abbiamo ralizzato: grazi ad invstimnti pr circa 7 miliar uro la rt trasporto in srcizio è passata da km a quasi km, la capacità trasporto è aumntata dl 50% d il volum gas trasportato si è incrmntato dai circa 70 miliar mtri cubi dl 2001 agli oltr 83 miliar mtri cubi dl Gstiamo 8 siti stoccaggio, 19 cntrali comprssion 50 mila chilomtri rt stribuzion. Dalla quotazion in Borsa Rt Gas ha smpr chiuso i bilanci in util stribuito vidn. Dal 2001 Rt Gas ha stribuito circa 4,7 miliar vidn, corrispondnti in ma a circa il 73% dll util ntto. Chi ha sottoscritto l azion in sd Offrta inizial ha maturato un significativo ritorno, pari a circa il 150%. Uno sforzo massiccio ch corntmnt con la nostra trazion industrial grazi alla cultura dll ccllnza ch prma tutto il nostro capital umano ci ha consntito rispondr da un lato all richist dl Pas sporr un sistma gas più sicuro più flssibil ngli approvvigionamnti; dall altro assicurar ritorni attrattivi sostnibili ai nostri azionisti. Tutto ciò mantnndo bn racata nlla nostra socità la cultura dllo sviluppo sostnibil, l attnzion massima ai tmi dlla sicurzza dlla qualità nll rogazion di srvizi. In qusto dcnnio prmtttmi ricordar anch la data dl giugno In uno scnario smpr più complsso comptitivo abbiamo acquisito da Eni l intro capital social Stogit d Italgas crando con GNL Italia un unico gruppo intgrato in grado coprir l intra filira dll attività rgolat dl businss dl gas in Italia. La sclta intgrar l quattro socità è stata fatta in lina con l aspttativ di nostri principali rfrnti: il mrcato gli azionisti, l Autorità rgolazion gli altri stakholdrs. Il procsso intgrazion, innanzitutto, va intrprtato com una risposta all incazioni ch ci provnivano dal mrcato, ch oltr a chidrci continuar a crar valor, ha partcipato con ntusiasmo all aumnto capital finalizzato allo sviluppo dl nuovo soggtto; un sgnal fiducia ch, a mio giuzio, ha rapprsntato il primo succsso dl nuovo Gruppo. Abbiamo costituito una nuova raltà ch pr capacità oprativa profilo mnsional è ladr a livllo Europo. L Autorità potrà quin alogar con un grand intrlocutor, capac far front con fficacia, sicurzza d fficinza all problmatich ch i mrcati nrgtici smpr più stsi d intgrati porranno ni prossimi anni. 4

5 Infin, ni confronti dgli altri stakholdrs il nuovo gruppo è guidato dall obbittivo consolidar la propria immagin soggtto rsponsabil trasparnt anch grazi all ultrior valorizzazion dl capital umano dl know how azindal. Grazi all impgno, alla profssionalità alla passion tutt l prson ch lavorano nl Gruppo oggi siamo in grado raccoglir i primi frutti dll sclt compiut nl In un momnto grand fficoltà com l attual, tutti i nostri incatori oprativi finanziari sono migliorati, ci consntono, anch grazi alla solità dlla nostra struttura capital, confrmar l prospttiv crazion valor sostnibil nl tmpo pr i nostri azionisti pr la collttività. Ma non vogliamo frmarci qui. Ni prossimi msi ni prossimi anni ci attndono nuov sfid nuovi traguar. Oggi la vuol porsi anch com l imprsa dlla filira ch sping l Italia a giocar la partita intrnazional dl gas, contribundo attivamnt a ralizzar un sistma gas hub nl sud Europa. Nl nostro piano invstimnti abbiamo slzionato progtti sclt ch crano l conzioni pr trasformar l Italia in Pas transito oltr ch consumo. Nll attività trasporto abbiamo avviato i progtti pr l invrsion di flussi da import ad xport ni punti intrconnssion con l Europa. Nllo stoccaggio abbiamo uno di maggiori sistmi in Europa con la prospttiva svilupparlo ultriormnt pr favorirn l utilizzo commrcial d industrial. Corntmnt con qusta ambizion uropa, oggi, abbiamo sottoposto all approvazion dll Assmbla dgli azionisti il confrimnto dl ramo d azinda trasporto alla socità oprativa ch lo gstirà a partir dal 1 gnnaio 2012 ch assumrà la dnominazion Rt Gas, tnuto conto dlla notorità dl marchio sia nll ambito spcifico businss sia nl mrcato in gnr. Si tratta una dlibra fondamntal, vrso il nuovo asstto dl Gruppo ch vdrà il nom oprar in qualità Corporat ch controlla al 100% l socità attiv nll attività trasporto, spacciamnto misura ( Rt Gas), stribuzion (Italgas), stoccaggio (Stogit) rigassificazion (GNL Italia). La nuova socità trasporto si configura com Oprator Inpndnt scondo quanto prvisto dal rcpimnto in ambito nazional dl trzo Pacchtto Enrgia dlla Commission Europa. Facciamo prtanto un ultrior passo pr favorir l armonizzazion dlla rgolazion a livllo Europo. A mio avviso, solo dotandosi un infrastruttura un mrcato Europo all intrno un contsto normativo armonizzato gli stati Mmbri possono srcitar politich riduzion di costi pr i consumatori, garantir gli approvvigionamnti vrsificandon l fonti. Sono convinto ch grazi al concorso tutt l prson ch quotianamnt lavorano nl Gruppo, al loro impgno, al loro ntusiasmo facndo lva sulla chiara vison stratgica ch ci carattrizza sul patrimonio conoscnz snza guali in Europa, saprmo sgnar ralizzar qusta nuova sfida ntusiasmant assicurando crscita valor sostnibil nl tmpo. è sinonimo trazion, continuità d innovazion. 5

6 LA REGOLAZIONE UNA REGOLAZIONE CHIARA E DEFINITA Il 15 novmbr dl 2000 nasc Rt Gas Italia S.p.A.; il 1 luglio 2001 ricv in confrimnto tutt l attività rlativ al trasporto spacciamnto gas natural rigassificazion gas natural liqufatto da, in ottmpranza al Dcrto Ltta*. Il 10 ottobr 2001 Rt Gas Italia mofica la dnominazion social in Rt Gas S.p.A. Il 6 cmbr 2001 Rt Gas si quota in borsa. Sin dalla sua costituzion Rt Gas è soggtta alla rgolazion dfinita dall Autorità pr l Enrgia Elttrica il Gas (AEEG), i cui principali lmnti sono rapprsntati da: Durata priodo rgolazion La durata dl priodo rgolazion ciascun businss è 4 anni Rgulatd Asst Bas La RAB dfinisc il valor dl capital invstito da una socità pr fornir il srvizio; il WACC idntifica il rnmnto riconosciuto al capital invstito vin calcolato scondo la mtodologia dl Capital Asst Pricing Modl (CAPM) Incntivi agli invstimnti Gli invstimnti vngono incntivati attravrso una rmunrazion aggiuntiva risptto al tasso ritorno bas (WACC) Efficinza oprativa L fficinza oprativa vin fissata attravrso un targt annual riduzion di costi oprativi pr la Socità * Il Dcrto Ltta (164/2000) imponva, ntro gnnaio 2002, la sparazion socitaria dll attività trasporto spacciamnto da tutt l altr attività dl sttor dl gas. 6

7 LA STRATEGIA...SI RIFLETTE IN UNA STRATEGIA SOLIDA E SFIDANTE Facndo lva sul quadro rgolatorio rifrimnto, Rt Gas ha smpr prsguito un modllo crscita sostnibil attravrso una stratgia businss finalizzata alla crazion valor pr gli azionisti, ad assicurar lo sviluppo dl sistma gas la sicurzza dgli approvvigionamnti, anch cornt con i rcnti obittivi sviluppo un hub italiano dl gas. INVESTIMENTI 2011/2014: 6,4 mld INVESTIMENTI 2011/2014: 6,4 mld INVESTIMENTI 2011/2014: 6,4 mld Piano stratgico socitario quadrinnal. Il piano stratgico prvd una crscita dlla RAB dl 4,3% nl quadrinnio Attravrso il proprio piano invstimnti la quota RAB incntivata è prvista aumntar dal 25% dl 2010 a circa il 40% dl Pr il 2012 la socità prvd raggiungr risparmi costi 80 milioni uro (calcolati, in trmini rali, sulla bas di costi fissi controllabili dl 2008) a parità primtro businss. 1,6 1,6 mld mld 4,8 4,8 mld mld 1,6 mld 4,8 mld RAB CONSOLIDATA* RAB CONSOLIDATA* RAB CONSOLIDATA* CAGR 4,3% CAGR 4,3% / / CAGR 4,3% % % 40% 20 25% 40% % E 2011E 2012E 2013E 2014E E 2011E 2012E 2013E 2014E RAB 2010E incntivata 2011E 2012E RAB con rmunrazion 2013E 2014E bas RAB incntivata RAB con rmunrazion bas RAB incntivata RAB con rmunrazion bas * Evoluzion dlla RAB calcolata considrando * un inflazion Evoluzion dlla annual RAB dl 2% sulla calcolata bas dl considrando quadro rgolatorio attual * un inflazion Evoluzion dlla annual RAB dl 2% sulla calcolata bas dl considrando quadro rgolatorio attual un inflazion annual dl 2% sulla bas dl quadro rgolatorio attual EFFICIENZA OPERATIVA DA PIANO * m EFFICIENZA OPERATIVA DA PIANO * m EFFICIENZA OPERATIVA DA PIANO * m Efficinza Efficinza total Attività 80 adzionali Efficinza total Attività total RiduzionAttività adzionali Riduzion costi adzionali 13 Riduzion costi 13 costi Obittivo 2012 >2012E Obittivo 2010 Risultati >2012E Obittivo 2010 Risultati >2012E * In 2010 trmini rali, Risultati basata sullo 2010 stsso primtro attività dl * In trmini rali, basata sullo stsso primtro attività dl * In trmini rali, basata sullo stsso primtro attività dl mld mld mld Crazion valor pr gli Azionisti 7

8 IL QUADRO REGOLATORIO DEI 4 BUSINESs A SUPPORTO DI un basso profilo rischio TRASPORTO DISTRIBUZIONE STOCCAGGIO RIGASSIFICAZIONE Trmin priodo Dicmbr 2013 Dicmbr 2012 Dicmbr 2014 Sttmbr 2012 RAB Costo storico rivalutato Costo storico rivalutato Costo storico rivalutato Costo storico rivalutato Mtodo paramtrico cspiti cntralizzati Dduzion Costi Ripristino riconosciuti WACC ral pr-tass 6,4% (trasporto) 6,9% (misura) 7,6% (stribuzion) 8,0% (misura) 6,7% 7,6% INCENTIVI su nuovi invstimnti +1% pr 5 anni (invstimnti in sicurzza) +2% pr 7/10 anni (invstimnti sviluppo) +3% pr 10/15 anni (invstimnti sviluppo ai punti ntrata) +2% pr 8 anni (sostituzion tubazioni in ghisa rinnovo sistmi odorizzazion gas) +4% pr 8 anni (sviluppo siti stoccaggio sistnti) +4% pr 16 anni (nuovi siti stoccaggio) +2% pr 8 anni (sviluppo capacità trminali sistnti <30%) +3% pr 16 anni (nuovi trminali o sviluppo capacità trminali sistnti >30%) EFFICIENZA X-factor 2,1% opx 3,2% opx stribuzion 3,6% opx misura 0,6% opx 0,5% opx 8

9 10 ANNI DI OPERATIONS 10 anni attivita A partir dall 1 luglio 2009 Rt Gas ha intgrato, attravrso l acquisizion da ni dl 100% dl capital social Stogit Italgas, l attività stoccaggio stribuzion gas, vntando oprator intgrato tutt l attività rgolat dl gas in Italia. 6 cmbr: cmbr: Rt Rt Gas Gas si si quota quota in in Borsa Borsa 1 luglio luglio 2009, 2009, acquisizion acquisizion Stogit Stogit Italgas: Italgas: Rt Rt Gas Gas vnta vnta oprator oprator intgrato intgrato tutt tutt l l attività attività rgolat rgolat dl dl gas gas in in Italia Italia FORNITURA FORNITURA INFRASTRUTTURE INFRASTRUTTURE VENDITA FORNITURA VENDITA FORNITURA INFRASTRUTTURE INFRASTRUTTURE VENDITA VENDITA Trasporto Trasporto spacciamnto Trasporto spacciamnto Stoccaggio Stoccaggio Trasporto spacciamnto spacciamnto Produzion Produzion domstica domstica Importazioni Importazioni Stoccaggio Stoccaggio GNL GNL Gnratori Gnratori Clinti Clinti industriali industriali Distribuzion Distribuzion Clinti Clinti rsidnziali rsidnziali Produzion Produzion domstica domstica GNL Importazioni GNL Distribuzion Importazioni rigassificazion Distribuzion rigassificazion Gnratori Gnratori Clinti Clinti industriali industriali Clinti Clinti rsidnziali rsidnziali Rt Rt Gas Gas è è il il principal principal oprator oprator trasporto trasporto spacciamnto spacciamnto gas gas natural natural d d è è l unico l unico oprator oprator italiano italiano nl nl businss businss dlla dlla rigassificazion rigassificazion dl dl Gas Gas natural natural liqufatto liqufatto (GNL) (GNL) Modllo Modllo ITO ITO 10 ANNI IN BORSA Ingrsso Ingrsso nll nll inc inc sostnibilità sostnibilità FTSE4Good FTSE4Good Dividndo Dividndo straornario straornario Aumnto Aumnto capital capital pr pr acquisizion acquisizion Italgas Italgas Stogit Stogit 6 cmbr: cmbr: quotazion quotazion in in Borsa Borsa Inizio Inizio piano piano buyback buyback Compltamnto Compltamnto piano piano buyback buyback Ingrsso Ingrsso nll inc nll inc sostnibilità sostnibilità Dow Dow Jons Jons Sustainability Sustainability Indx Indx Modllo Modllo ITO ITO

10 I RISULTATI PERSEGUITI RISULTATI II SEMESTRE 2001 (mln uro) RICAVI TOTALI 932 UTILE OPERATIVO 448 UTILE NETTO 183 INVESTIMENTI 256 EPS 0,09 uro VOLUMI DI GAS TRASPORTATI (pro-forma 2001) 70,38 miliar m 3 CHILOMETRI DI RETE DOMANDA GAS ITALIANA* 71,2 miliar m 3 * Valor pr l intro anno RISULTATI 2009*, anno dll acquisizion Stogit Italgas (mln uro) RICAVI TOTALI UTILE OPERATIVO UTILE NETTO 732 INVESTIMENTI EPS 0,28 uro VOLUMI DI GAS TRASPORTATI 76,90 miliar m 3 CHILOMETRI DI RETE DOMANDA GAS ITALIANA 78,02 miliar m 3 * Dati consolidati aggrgati, ch includono nl primtro consolidamnto Italgas Stogit a partir dal trzo trimstr

11 RISULTATI 2010 (mln uro) RICAVI TOTALI UTILE OPERATIVO UTILE NETTO INVESTIMENTI EPS 0,33 uro VOLUMI DI GAS TRASPORTATI 83,32 miliar m 3 CHILOMETRI DI RETE DOMANDA GAS ITALIANA 82,98 miliar m 3 11

12 Il valor in Borsa Andamnto dl titolo dalla quotazion ad oggi BASE = SRG FTSEMIB Eurostoxx 600 Utilitis 18/11: 3,38 6 c. 31 c. 31c. 31c. 31c. 31c. 31c. 31 c. 31 c. 31 c. 18 nov Evoluzion dlla capitalizzazion* mrcato ni 10 anni Primo anno quotazion: azioni in circolazion Compltamnto piano buyback: azioni in circolazion azioni in circolazion 12,4 12, azioni in circolazion 13,6 8,4 8,4 8,5 7,8 5,5 5,8 6,3 6,6 6,8 06/12/01 31/12/01 31/12/02 31/12/03 31/12/04 31/12/05 31/12/06 31/12/07 31/12/08 31/12/09 31/12/10 18/11/11 * Calcolata con il przzo mo dl priodo. Aumnto capital pr acquisizion Stogit Italgas 12

13 RITORNO PER GLI AZIONISTI Ni 10 anni quotazion Rt Gas ha smpr stribuito vidn ai suoi invstitori, pr un ammontar total 4,7 miliar, pari a circa il 73% dll util ntto. DIVIDEND YIELD % (DIVIDENDO ORDINARIO/PREZZO UFFICIALE A FINE ANNO) ,2 4,9 5,9 4,7 4,9 4,4 4,8 5,8 5,8 6,2 Dividndo pr azion 0,20 0,20 0,21 0,19 0,16 0,17 0,23 0,20 Politica 0,23 Crscita vidndo annual +4% 0,09 Istituzionali 31,5% 0,23 /azion Eni 59,8% Acconto 0,10 /azion Rtail 8,7% E 2012E Banca d'italia Azioni propri 1,51% TSR dal 2001 al 2011: 5,39% 148%* Eni Eni Istituzionali 59,8% Istituzionali 59,8% 31,5% Azionariato 31,5% Istituzionali Eni 30,98% 52,53% Il 6 cmbr 2001 il 40,24% dl capital vin quotato prsso il Mrcato Tlmatico Azionario. Il przzo collocamnto è stato 2,80 uro pr azion dal valor nominal 1 uro. La socità è ntrata a far part dll inc Rtail italiano MIB30 il 18 marzo Rtail Rtail 8,7% 9,59% A cmbr 2001, 8,7% con un ammontar azioni in circolazion A ottobr 2011, con un ammontar azioni in circolazion pari a , l azionariato ra così composto: pari a , l azionariato ra così composto: USA Canada Banca d'italia Azioni 3,98% propri Banca d'italia Rsto 1,51% dl mondo Azioni propri Eni 5,39% 1,51% Istituzionali UK Irlanda 0,97% 5,39% 59,8% 31,5% 10,54% Continntal Istituzionali Eni Eni 7,05% Istituzionali 30,98% 52,53% 30,98% 52,53% Italia ** 77,46% Rtail 8,7% Rtail Rtail 9,59% Ripartizion gografica 9,59% azionariato a: Ottobr dl 2002 Ottobr dl 2011 Banca d'italia USA Canada Azioni propri 1,51% 3,98% 5,39% USA Canada Rsto dl mondo 3,98% Rsto dl mondo USA UK Irlanda Canada Rsto 0,97% dl mondo UK Irlanda 0,97% 8,16% 10,54% 2,81% Istituzionali 10,54% Eni Continntal UK Irlanda Continntal 30,98% 52,53% 7,05% 4,66% 7,05% Continntal Italia ** Italia ** 11,51% 77,46% Italia** Rtail 77,46% 72,86% 9,59% USA Canada * Calcolato assumndo il 3,98% rinvstimnto di vidn nl titolo utilizzando il przzo mo priodo (1 gnnaio/18 novmbr 2011): 3,80. Rsto dl mondo ** La prcntual italiana è costituita dalla quota UK Irlanda 0,97% ni, dall azioni propri, dalla quota dlla Banca d Italia, dall USA azioni Canada dtnut da invstitori rtail da una prcntual controllata Rsto dl mondo da invstitori istituzionali (6,4% nll ottobr ,84% nll ottobr 2011). USA 10,54% Canada Rsto dl mondo 8,16% 2,81% 8,16% Continntal 2,81% UK Irlanda 7,05% UK Irlanda 4,66% 4,66% Italia ** Continntal 13

14 Adguamnto al Trzo Pacchtto Enrgia Alla luc dll implmntazion nll ornamnto italiano (D.Lgs. 1 giugno 2011, n. 93) di principi dlla rttiva 2009/73/CE (componnt il c.d. Trzo Pacchtto Enrgia ) in matria unbundling, il Gstor Trasporto Inpndnt (il Gstor ) dv conformarsi al modllo ITO - Indpndnt Transmission Oprator. A tal rifrimnto, Rt Gas S.p.A. ha avviato un progtto riorganizzazion socitaria consistnt, tra l altro, nl confrimnto dll intro complsso azindal rlativo all attività trasporto dl gas natural - con fftto a far data dal 1 gnnaio nl capital social Trasporto S.p.A., socità controllata da Rt Gas al 100%. Dalla mdsima data è prvista la variazion dnominazion social dlla Corporat in con attribuzion a Trasporto dlla dnominazion Rt Gas. Com fftto,, in qualità Corporat, dtrrà partcipazioni totalitari in quattro socità oprativ (GNL Italia, Italgas, Stogit, Trasporto), focalizzat sulla gstion sviluppo dl rispttivo businss. In rlazion all Controllat, srcitrà un ruolo inrizzo stratgico, rzion, coornamnto controllo d roghrà srvizi, nl risptto dlla sciplina dll unbundling. All sito dl confrimnto, la controllata Rt Gas sarà soggtta alla crtificazion dll AEEG qual Gstor conform al modllo ITO ( così dsignata dal Ministro dllo sviluppo conomico). Sono rquisiti ncssari: sponibilità tutt l risors (uman finanziari) ncssari allo svolgimnto dll attività trasporto dl gas. In particolar, il Gstor dovrà: - ssr propritario tutti i bni ncssari, comprsa la rt trasporto; - assumr tutto il prsonal ncssario; - sporr dll risors finanziari pr i progtti invstimnto futuri /o pr la sostituzion bni già sistnti; idntità non confonbil con qulla dll imprsa vrticalmnt intgrata (ni, sguito IVI ), attuata mant (i) una politica comunicazion marchi stinta da qull dll IVI (ii) la sparazion matrial di rispttivi uffici; inpndnza dall IVI, garantita da: - adguat rgol statutari idona organizzazion struttura gstion; - potri dcisionali ffttivi inpndnti in orn ai bni ncssari alla gstion, manutnzion sviluppo dl sistma trasporto; - vito partcipazioni azionari incrociat con parti dll IVI ch svolgano attività produzion fornitura; - controllo dll AEEG sull rlazioni commrciali finanziari con l IVI; modllo govrnanc ch prvda, con idoni rquisiti inpndnza: - Organo Sorvglianza con comptnz inrnti l adozion dll dcisioni avnti un impatto significativo sul valor dll attività dgli azionisti dl Gstor; Rsponsabili dlla gstion con comptnz inrnti l attività quotian, la gstion dlla rt l attività ncssari all laborazion dl piano dcnnal sviluppo dlla rt. Inoltr, sono prvisti un Rsponsabil dlla conformità, incaricato dl controllo dl monitoraggio sull attuazion dl programma admpimnti dl piano dcnnal sviluppo un Rvisor lgal di conti vrso da qullo incaricato dall IVI. Rdazion trasmission all autorità comptnti pr l opportun vrifich: all AEEG il programma admpimnti (rcant l misur ts a vitar condott scriminatori) pr l approvazion; all AEEG al MSE il piano dcnnal sviluppo dlla rt pr controllo monitoraggio. 14

15 S.p.A. Controllat continuranno a srcitar una gstion combinata dll attività trasporto, stribuzion, stoccaggio rigassificazion dl gas natural, in conformità al quadro normativo vignt, prsrvando l fficinz assicurat dopo l acquisizion Italgas Stogit. E prvisto l adguamnto dll rgol govrnanc S.p.A. garantndo la continuità allinamnto con l bst practic intrnazionali con i principi dl Coc Autosciplina Borsa l raccomandazioni dlla Consob, anch tramit l intgrazion di comitati con funzioni consultiv propositiv costituiti all intrno dl Consiglio Amministrazion l aggiornamnto dl comitato rzion costituito all pndnz dll Amministrator Dlgato S.p.A. L attual ramo trasporto S.p.A. opra, nlla sostanza, già in conformità all incazioni dl Trzo Pacchtto Enrgia. E la strada ch abbiamo sclto pr continuar a crscr non solo in Italia ma anch in Europa. 100% GNL ITALIA S.p.A. Rigassificazion dl gas natural liqufatto Trasporto spacciamnto dl gas natural S.p.A. Corporat 100% STOGIT S.p.A. Stoccaggio dl gas natural 100% ITALGAS S.p.A. Distribuzion dl gas natural 100% Rt Gas S.p.A. Trasporto, spacciamnto misura dl gas natural 15

16 Invstor Rlations T F La nostra sd Piazza Santa Barbara, San Donato Milans (Milano) - Italia 16

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1. Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 1 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 17 marzo 2014 (1) La Relazione è pubblicata nel sito internet della Società all indirizzo

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Mecina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE CORSO DI FORMAZIONE PRIVACY AGLI INCARICATI AL TRATTAMENTI

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I Paesi di attività di Eni

I Paesi di attività di Eni Guida dell Azionista 2012 Missione Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Progetto Certezza Più Contratto di assicurazione sulla vita in forma mista a premio annuo con garanzie complementari.

Progetto Certezza Più Contratto di assicurazione sulla vita in forma mista a premio annuo con garanzie complementari. Progetto Certezza Più Contratto assicurazione sulla vita in forma mista a premio annuo con garanzie complementari. Ed. 05/2015 Tariffa ILF24R_75 Il presente Fascicolo Informativo, contenente: a) Scheda

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati

Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Il Market Coupling tra Italia e Slovenia Fabrizio Carboni Direzione Mercati Roma, 2 dicembre 2010 2 Market Coupling: il contesto regolatorio Il terzo pacchetto dell energia (REGOLAMENTO (CE) n. 714/2009)

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli