Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla"

Transcript

1 Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015

2 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie Abitanti 39,51 Ab/kmq Estrema variabilità di abitanti per comune

3 IL TERRITORIO DELLA MARMILLA MARGINALITA E RURALITA POPOLAZIONE TOTALE ABITANTI (CALO COSTANTE DA ANNI) ALTI TASSI DI DISOCCUPAZIONE (15-19%) VOCAZIONE AGRICOLA PREVALENTE ELEVATI INDICI DI: SENILITA (264) DIPENDENZA STRUTTURALE (58) RICAMBIO GENERAZIONALE (200) BASSA DENSITA IMPRENDITORIALE CARENZE INFRASTRUTTURALI

4 PIANO DI MARKETING TERRITORIALE: ORIGINI, FINALITA, OBIETTIVI PIANO DI MARKETING TERRITORIALE DEL GAL MARMILLA: ORIGINE DEL PROGETTO, FINALITA E OBIETTIVI GAL MARMILLA Creato per fornire soluzioni ai problemi relativi alla ruralità rappresenta un vasto e complesso territorio composto da: 2 sub-regioni (Alta e Bassa Marmilla) 44 Comuni 3 Unioni di Comuni 2 Province ASSUNTI DI BASE: Il GalMarmilla come D.M.O. per coordinare le decisioni su Progettazione, Promozione e Commercializzazione dei diversi Prodotti Territoriali espressione del Capitale Identitario dell Area; Promuovere lo sviluppo sostenibile del Territorio. Favorire lo sviluppo di forme di turismo rurale sostenibile legate alla cultura, all ambiente e alle risorse archeologiche dell area È chiamato a fornire risposte per: PREDISPOSIZIONE DI UN PIANO DI MARKETING TERRITORIALE. FINALITA E OBIETTIVI: 1) Gestire il cambiamento in atto e rispondere alle sfide della Globalizzazione; 2) Aumentare l attrattività e la competitività dell area nei mercati locali, nazionali ed internazionali; 3) Combattere i problemi legati alla marginalità; 4) Favorire lo sviluppo sostenibile ed integrato del territorio. Da conseguire tramite l azione di sistema 2. Marketing Territoriale Individuare in modo netto e puntuale le risorse e i diversi Prodotti Territoriali afferenti a diversi settori produttivi per organizzarli in maniera sistemica e coordinata Ha per questo predisposto il P.S.L. Accrescimento del Tessuto imprenditoriale Potenziamento del settore turistico Valorizzazione del Capitale Identitario Finalità del PSL è rafforzare l identità dell area del Gal ad aumentare la sua attrattività come luogo di residenza, di produzione e di turismo tramite il raggiungimento di 4 obiettivi: Valorizzazione del Paesaggio Rurale (in stretta correlazione con l azione di sistema 1.) Favorire l integrazione del settore turistico con gli altri settori produttivi come l artigianato, l agroalimentare e la cultura promuovendo maggiore integrazione orizzontale e verticale tra le imprese Definire un Immagine precisa e inequivocabile dell area, riconosciuta e riconoscibile, espressione dell Identità locale, dei valori e degli aspetti qualitativi delle sue risorse e prodotti e da comunicare tramite un preciso Brand Territoriale che dovrà essere ideato e progettato nell ambito del Piano di Marketing Incentivare e favorire la creazione di filiere corte e la diffusione di metodi di produzione di qualità promuovendo best practice Favorire il coinvolgimento di tutti gli attori territoriali interessati incentivando la partecipazione dal basso per la definizione di progetti comuni Favorire lo sviluppo di nuova occupazione attraverso la valorizzazione delle produzioni locali anche introducendo metodologie innovative di produzione e promuovendo la Diversificazione e la Multifunzionalità

5 A LA STRUTTURA DEL PROGETTO MACRO FASI ANALISI CRITICA DEI DATI ESISTENTI 1 FASI Analisi criticamente motivata delle previsioni del PSL 2 Analisi dei dati territoriali, sociali ed economici 3 Verifica ed Organizzazione dei dati territoriali B INDAGINI DIRETTE E SCENARI DI ATTRATTIVITA 4 Indagini conoscitive dirette sul territorio. 5 Individuazione degli scenari per l attrattività C STRATEGIE PER LA COMPETITIVITA 6 Individuazione delle strategie per sviluppare e rafforzare la competitività D PIANO DI MARKETING TERRITORIALE 7 Definizione delle azioni di Marketing 8 Strutturazione operativa del Marketing E STRUMENTI A SUPPORTO 9 Individuazione degli strumenti e dei piani di supporto per l efficacia del Marketing

6 IL PERCORSO DEL PMT OPERAZIONE DI RICOGNIZIONE DELLE RISORSE E DEI BENI TANGIBILI E INTANGIBILI SELEZIONE DI QUELLI SU CUI FOCALIZZARSI PER LA DEFINIZIONE DEI PRODOTTI BASE DEL TERRITORIO FRANCIA (Pays Cathare) IRLANDA (Ballyhoura) SPAGNA (Montaña de Navarra) GRECIA (Sitia) AZIONI DI PROMOZIONE, COMUNICAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE ORGANIZZAZIONE E POSSIBILE STRUTTURAZIONE DEI PRODOTTI CONFRONTO CON REALTA TERRITORIALI SIMILARI DI SUCCESSO SEGMENTAZIONE DEI MERCATI TRA NAZIONALE ED ESTERO

7 ANALISI DEL TERRITORIO E DELLA SUA VOCAZIONE I CONTENUTI DEL PMT DEFINIZIONE DEGLI ELEMENTI DI FORZA IN BASE A: RURALITA IDENTITA VALENZE IRRIPRODUCIBILI ALTROVE SELEZIONE DEI «PILASTRI» SU CUI SI E INCENTRATA L AZIONE DI MARKETING PER LA COMPOSIZIONE DELL OFFERTA TERRITORIALE RURALE

8 ANDAMENTO DELL OSPITALITA TURISTICA IN MARMILLA strutture alberghiere strutture extra alberghiere posti letto Criticità emerse nel periodo : - Meno 263 posti letto - Meno 3 strutture extra alberghiere - Meno 1 struttura alberghiera

9 Strutture ricettive

10 ARRIVI, PRESENZE E PERMANENZA MEDIA. ANNO 2013 (RAS, 2015) SARDEGNA TOT ITALIANI TOT STRANIERI TOTALE ARRIVI PRESENZE PERMANENZA MEDIA 4,60 4,95 4,76 PROV ORISTANO TOT ITALIANI TOT STRANIERI TOTALE ARRIVI PRESENZE PERMANENZA MEDIA PROV MEDIO CAMPIDANO 3,11 2,99 3,07 TOT ITALIANI TOT STRANIERI TOTALE ARRIVI PRESENZE PERMANENZA MEDIA 2,35 2,40 2,37

11 PRINCIPALI MERCATI DI RIFERIMENTO MERCATI NAZIONALI POSIZIONE PAESE 1 Lombardia 2 Lazio 3 Piemonte 4 Toscana 5 Emilia Romagna 6 Veneto 7 Campania 8 Liguria 9 Puglia 10 Sicilia MERCATI STRANIERI POSIZIONE PAESE 1 Germania 2 Francia 3 Svizzera 4 Regno Unito 5 Spagna 6 Austria 7 Paesi Bassi 8 Russia 9 Svezia 10 Belgio

12 ELEMENTI DI SUPPORTO PER IL COMPARTO TURISTICO TERRITORIALE 35 PRO LOCO SUL TERRITORIO 2 AGENZIE VIAGGI E TURISMO 90 GUIDE TURISTICO SPORTIVE 3 CENTRI COMMERCIALI NATURALI 51 GUIDE AMBIENTALI ESCURSIONISTICHE 1 GUIDA SPELEOLOGICA 3 COMUNI ASSOCIATI AL BAI (Borghi Autentici Italiani)

13 ANALIZZANDO LE DIVERSE RISORSE E I BENI MATERIALI E IMMATERIALI PRESENTI, IN FUNZIONE DEL GRADO DI ATTRATTIVITA E DELLA LOCALIZZAZIONE Si è ipotizzata la strutturazione di OTTO «PERCORSI TEMATICI» O «PRODOTTI TERRITORIALI DI BASE» Che possono Rivolti al TURISMO RURALE ESSERE RAFFORZATI, IMPLEMENTATI E DOTATI DI TUTTI GLI ELEMENTI DI AGEVOLAZIONE, DI SVILUPPO E ALLARGATI, PROPRI DEI PRODOTTI TURISTICI INTERFACCIARSI E INTERSECARSI TRA DI LORO Enologico Gastronomico Naturalistico Sportivo Emozionale Culturale Religioso ecc

14 PERCORSI TURISTICI TERRITORIALI SELEZIONATI 1. PERCORSO TUR/TER BASATO SULLE EMERGENZE AMBIENTALI, PAESAGGISTICHE E NATURALISTICHE; 2. PERCORSO TUR/TER BASATO SULLE RICCHEZZE MINERARIE, GEOLOGICHE E PALEONTOLOGICHE; 3. PERCORSO TUR/TER DEDICATO ALLE TESTIMONIANZE DELL EPOCA PRE-NURAGICA E NURAGICA; 4. PERCORSO TUR/TER BASATO SULLA STORIA MEDIEVALE E SULLE TESTIMONIANZE DELL EPOCA GIUDICALE; 5. PERCORSO TUR/TER DEDICATO AGLI ELEMENTI DELLA RELIGIONE, DELLA FEDE E DELL ARTE SACRA; 6. PERCORSO TUR/TER DEDICATO ALLA SCOPERTA E ALLA VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI ENOGASTRONOMICHE; 7. PERCORSO TUR/TER BASATO SULLA VALORIZZAZIONE E LA SCOPERTA DELLE ECCELLENZE DELL ARTIGIANATO TIPICO LOCALE; 8. PERCORSO TUR/TER DEI BORGHI RURALI ALLA SCOPERTA DEI PICCOLI CENTRI STORICI E DELLE LORO ARCHITETTURE TRADIZIONALI BEN CONSERVATE.

15 SCHEMA DEI PERCORSI IPOTIZZATI

16 ANALISI SUI PRODOTTI TERRITORIALI DI BASE PER VALUTARE IL POTENZIALE ATTRATTIVO Alcuni dei parametri utilizzati ANDAMENTO A LIVELLO GLOBALE E LOCALE; CAPACITA DI DESTAGIONALIZZARE; ATTRATTIVITA NEI CONFRONTI DI MERCATI LONTANI. PRODOTTI ANDAMENTO GLOBALE ANDAMENTO LOCALE CAPACITÀ DI DESTAGIONALIZZARE CAPACITÀ DI ATTRARRE MERCATI LONTANI ATTRATTIVITÀ COMPLESSIVA Ambientale e naturalistico Mineralogico e geopaleontologico Alta Alta Archeologico Alta Medievale Media Religioso Medio-Alta Dei borghi rurali Alta Artigianale Alta Enogastronomico Alta LEGENDA: = alta = media = bassa

17 OSPITALITA TURISTICA IN MARMILLA CRITICITA Focus: STRUTTURE LIMITATE ECCESSIVA DISPERSIONE POSTI LETTO INSUFFICIENTI SCARSA COORDINAZIONE 1 Aspetti collegati: OFFERTA RICETTIVA DISOMOGENEA; STANDARD QUALITATIVI NON CONDIVISI; CENTRI STORICI MERITEVOLI DI PERCORSI A TEMA E ADATTI ALL ACCOGLIENZA DIFFUSA AZIONI: - ATTIVITA FORMATIVE RIVOLTE AGLI OPERATORI DELLA RICETTIVITA ; - PREDISPOSIZIONE DI UN CODICE/DISCIPLINARE DI IMPLEMENTAZIONE, MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLA QUALITA ; - MARKETING URBANO E INSEDIATIVO: RILEVAZIONE DELLE ABITAZIONI SFITTE NEI CENTRI STORICI E IMMISSIONE IN NUOVI MERCATI / ATTIVITA DI RICETTIVITA DIFFUSA.

18 Focus: RISORSE NON INSERITE IN RETE; MARMILLA NON PERCEPITA COME UNA DESTINAZIONE PER IL TURISMO RURALE IN MANIERA CHIARA E INEQUIVOCABILE 2 Aspetti collegati: RENDERE IL TERRITORIO VISITABILE CON ITINERARI STRUTTURATI, ORGANIZZATI E SEGNALATI; COSTRUIRE E COMUNICARE UN IMMAGINE DEL TERRITORIO CONDIVISA, COESA E CAPACE DI ATTRARRE VISITATORI; AUMENTARE E SVILUPPARE LA PRESENZA DEL TERRITORIO SUL WEB; FAVORIRE LA SUA FRUIBILITA TRAMITE STRUMENTI INFORMATIZZATI AZIONI: - 1- PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E PROMOZIONE DI ITINERARI IN RETE - 2- DIRETTIVE PER LA COSTRUZIONE DEL BRAND TERRITORIALE: MARCHIO E ATTIVITA DI BRANDING - 3- PARTECIPAZIONE A FIERE, BORSE E WORKSHOP DEDICATI E/O DI SETTORE CON ORGANIZZAZIONE DI EDUCATIONAL TOUR NEL TERRITORIO - 4- GEOPORTALE E WEB GIS PER STRUTTURARE E IMPLEMENTARE LA CONOSCENZA E CONNETTERE I DIVERSI SETTORI DELLA MARMILLA

19 AZIONI CONNESSE DI BREVE E LUNGO PERIODO - PREDISPOSIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DELLA SEGNALETICA IN PROSSIMITA DEI PUNTI DI INTERESSE E DELLE PRINCIPALI VIE DI ACCESSO; - RAZIONALIZZAZIONE DELL OFFERTA DI OSPITALITA : CREAZIONE DEL SISTEMA E DELLA RETE - ATTIVAZIONE DI AZIONI DI SINERGIA COMUNICATIVA E PROMOZIONALE CON ISTITUTI/NETWORK IMPORTANTI PER LA COMUNICAZIONE (TCI ecc.); - ATTIVAZIONE DI STRUMENTI PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL MULTIMEDIALE : SITO DEDICATO, CANALI SOCIAL E SPORTELLO INFOPOINT CENTRO DI RACCORDO/PRENOTAZIONE (CON PERIODO DI SPERIMENTAZIONE E TESTING).

Gli studi e le indagini quantitative effettuate

Gli studi e le indagini quantitative effettuate Gli studi e le indagini quantitative effettuate 1. Indagine sui turisti Incoming (attrattività e competitività) attrattività e competitività del Sistema di offerta 2. Indagine sui residenti/turisti Interni

Dettagli

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica

Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Attrattività, performance e potenzialità della Sicilia turistica Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia Presentazione dei risultati della ricerca Palermo, 11 luglio 2014 Obiettivi

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

2.1 Settore Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale

2.1 Settore Beni culturali e ambientali XGestione del territorio rurale REGIONANDO 2001 REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSESSORATO TURISMO.COMMERCIO SERVIZIO TURISMO E QUALITA AREE TURISTICHE UFFICIO QUALITA AREE TURISTICHE ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA -

Dettagli

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ITER VITIS Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri Creazione di un circuito

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali ADRIATIC IONIAN INTIATIVE: SUSTAINABLE CHILD AND YOUTH TOURISM FOR RURAL DEVELOPMENT IN ADRIATIC- IONIAN REGION Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali International

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA

VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA VIE MICAELICHE E DEI SANTI PATRONI DI SICILIA Programma di riferimento: Progetto di Eccellenza Progettazione e realizzazione di itinerari dedicati al segmento religioso (art. comma 228 della Legge 296/2006)

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

COSA E IL GAL IL GAL MURGIA PIU COSA E STATO FINANZIATO

COSA E IL GAL IL GAL MURGIA PIU COSA E STATO FINANZIATO COSA E IL GAL GAL significa Gruppo di Azione Locale. Tre parole che insieme danno il senso della missione che l Unione Europea ha affidato a questi organismi, nati per aiutare il territorio a crescere

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure

La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure La Valorizzazione turistica ed enogastronomica dell entroterra entroterra ligure Salone Sapori da Sfogliare- Genova 21.06.2013 Dott.ssa Susanna Citi_ Gal Provincia della Spezia Art.65 Reg. 1695/2005- Cooperazione

Dettagli

RELAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI ENTE TURISMO ALBA BRA LANGHE ROERO. Alba, 07 maggio 2013

RELAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI ENTE TURISMO ALBA BRA LANGHE ROERO. Alba, 07 maggio 2013 2013 RELAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI ENTE TURISMO ALBA BRA LANGHE ROERO Alba, 07 maggio 2013 UFFICIO TURISTICO Anche quest anno l Ufficio Turistico è stato visitato da molti turisti provenienti da diverse

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Il Progetto di Confindustria per competere in rete Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su programmi/progetti Superamento del localismo distrettuale

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO Facoltà di Architettura e società Laurea triennale in Urbanistica A.A. 2013/2014

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

Progetto Info Point 2006*

Progetto Info Point 2006* Progetto Info Point 2006* Attività di rilevazione Attività di informazione e accoglienza OBIETTIVO Costruire un campione statistico in grado di evidenziare le informazioni riferite al complesso della domanda

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE

Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE Regione Puglia Assessorato Turismo e Industria Alberghiera Bari, 23 maggio 2008 LE NUOVE STRATEGIE PER LO SVILUPPO TURISTICO REGIONALE CLAUDIO CIPOLLINI Direttore Generale Retecamere LA PUGLIA IERI 2 LA

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica Russia: alcuni dati statistici CAPITALE Mo sca SUPERFICIE (kmq) 17 075 200 POPOLAZIONE 143 500 000 P.I.L. 600 miliardi USD TASSO DI INFLAZIONE 11,7 MONETA

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST

STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Città di Noto STORYTELLING RACCONTA IL SUD EST Azione di promozione e di marketing internazionale del Distretto del Sud Est per l incremento e la destagionalizzazione dei flussi turistici Noto, 27 novembre

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali

Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Il turismo, fattore vincente delle politiche regionali Prof. Gianfranco Viesti Presidente dell ARTI (in collaborazione con Prof. Pierfelice Rosato, Un. Salento) Forum Regionale del Turismo Bari 24 maggio

Dettagli

Settembre 2013. Grazie alla realizzazione del DMS, il GAL, la Regione, gli stakeholders e gli addetti del settore

Settembre 2013. Grazie alla realizzazione del DMS, il GAL, la Regione, gli stakeholders e gli addetti del settore Proposta Progettuale da candidare su: ASSE 4 Attuazione dell approccio LEADER MISURA 4.1 IMPLEMENTAZIONE DELLE STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE SOTTOMISURA 4.1.3 AZIONI A SOSTEGNO DELLA QUALITA DELLA VITA

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa Le vie del cioccolato Cioccolato patrimonio storico culturale da tutelare Partendo dal presupposto che il cioccolato è un invenzione europea

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 - PROGETTO SPECIALE MULTIASSE Turismo e accoglienza Piano Operativo 2011-2013 Linea di intervento 6 Asse 1 Adattabilità

P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 - PROGETTO SPECIALE MULTIASSE Turismo e accoglienza Piano Operativo 2011-2013 Linea di intervento 6 Asse 1 Adattabilità P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 - PROGETTO SPECIALE MULTIASSE Turismo e accoglienza Piano Operativo 2011-2013 Linea di intervento 6 Asse 1 Adattabilità Asse 2 Occupabilità - determinazione dirigenziale n. 171/DL9

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

ECOLABEL IL MARCHIO EUROPEO DI QUALITÀ ECOLOGICA

ECOLABEL IL MARCHIO EUROPEO DI QUALITÀ ECOLOGICA ALLEGATO I ECOLABEL IL MARCHIO EUROPEO DI QUALITÀ ECOLOGICA Aggiornamento dati a Giugno 2007 AGGIORNAMENTO PRIMO REPORT Il termine Ecolabel individua il marchio comunitario di qualità ecologica. Si tratta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE (PSL) DELL ALTO JONIO COSENTINO FEDERICO II : Un percorso tra storia, profumi e sapori Presentazione risultati di fine programmazione

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Pompei Audience development, community engagement, networking

Pompei Audience development, community engagement, networking Pompei Audience development, community engagement, networking Mara Manente Pompei, 05/03/2013. Dati da cui partire arrivi, presenze, posti letto 2011 Arrivi Presenze Campania 4.849.622 19.554.988 Provincia

Dettagli

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ V E R S O BENVENUTI DA NOI - RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO - 16 comuni + 120 realtà ristorative + 2000 imprese + 4000 posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ RISTORANTI E AGRITURISMI AZIENDE & ARTIGIANI

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE Progettiamo insieme il piano di azione locale leader verso il 2020: partecipa anche tu!

Dettagli

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010 Progetto promo-commercializzazione TurismoFVG 2010 Obiettivi generali del progetto Progetto per la realizzazione di un programma di commercializzazione del prodotto turistico della Regione Friuli Venezia

Dettagli

I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari

I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari PROGETTI DI ECCELLENZA Schema di domanda per la presentazione delle iniziative progettuali come da Protocollo di intesa del 24 giugno 2010 I BORGHI DI ECCELLENZA identità locali, cultura e tradizioni popolari

Dettagli

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015

ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 ROMA E IL LAZIO a Expo Milano 2015 EXPO 2015: UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER LA CRESCITA E IL LAVORO Attesi 20 milioni di visitatori Già venduti 8 milioni di biglietti 23,5 miliardi di indotto previsto tra

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PO Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Formulario Progetti Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Programme de coopération transfrontalière Italie-France Maritime

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Agosto 2010 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze dei residenti in... 4 Nota metodologica... 13 Periodo

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA Annone Brianza Canzo Civate Eupilio Suello Valmadrera PER LA SALVAGUARDIA E LA VALORIZZAZIONE DEL MONTE CORNIZZOLO, MONTE RAI, CORNI DI CANZO E MOREGALLO Premesso che: con la firma

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line

Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line TRAME TERRITORIALI Chi siamo: Trame Territoriali è una Società di servizi non profit e una OLTA Tour Operator On Line Cosa facciamo: Trame valorizza il territorio attraverso l identificazione, la selezione,

Dettagli

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 MOVIMENTI TURISTICI Dati per province Periodo di riferimento Gennaio Agosto 2011 Arrivi: 522.704 Presenze: 3.364.619 Arrivi: 598.394 Presenze: 3.049.349

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA Premesso che la Sezione Operativa Assistenza Tecnica n 84 di Alcamo si è fatta promotrice di un Progetto

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Monteriggioni e la Via Francigena Work in progress. Rossana Giannettoni Assessore turismo e cultura del Comune di Monteriggioni

Monteriggioni e la Via Francigena Work in progress. Rossana Giannettoni Assessore turismo e cultura del Comune di Monteriggioni Monteriggioni e la Via Francigena Work in progress Rossana Giannettoni Assessore turismo e cultura del Comune di Monteriggioni Il contesto: Monteriggioni Monteriggioni tra Siena e Firenze e tra il Chianti,

Dettagli

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI PIACENZA FACOLTA DI ECONOMIA MASTER IN MANAGER SVILUPPO TURISTICO TERRITORIALE MUST Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po SINTESI PER IL

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI

COMUNITA MONTANA ALBURNI COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 313 Incentivazione di attività turistiche - RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA - FORNITURA E STAMPA DI MATERIALE PROMOZIONALE

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO Disegno di Legge di Iniziativa della Giunta Regionale PUNTI SALIENTI E NOVITA Venezia, 18 maggio 2011 Quanto perderebbe l economia del Veneto senza il turismo?

Dettagli