IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM"

Transcript

1 Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane

2 ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di ROBERTA SARDONE Progetto finanziato dalla Comunità Europea - Regolamento (CE) n. 2182/2002 della Commissione del 6 dicembre 2002

3 Il volume è il risultato di un attività di ricerca svolta dall INEA nell ambito del progetto «Studio socio-economico sulla possibilità di riconversione dei produttori di tabacco grezzo in Italia - Ri.P.Ta.» finanziato dall Unione Europea, in base al Regolamento (CE) n. 2182/2002. Il gruppo di lavoro è stato costituito da: Alessandro Antimiani, Gabriele Bardi, Edi Defrancesco, Annalisa De Luca, Angelo Frascarelli, Raffaella Pergamo, Gaetana Petriccione, Mariangela Perito, Fabio Pierangeli, Roberta Sardone (coordinamento), Vincenzo Sequino, Samuele Trestini, Lucia Tudini, Rossella Ugati, Annalisa Zezza. La segreteria del gruppo di lavoro è stata curata da: Giulia Foglia, Roberta Ioiò, Marta Moretti, Claudia Pasiani. La stesura delle singole parti si deve a: Capitolo 1 Roberta Sardone Capitolo 2 Angelo Frascarelli Capitolo 3 Edi Defrancesco, Samuele Trestini Capitolo 4 Lucia Tudini (4.1, 4.2, 4.3, 4.4, 4.5), Annalisa De Luca (4.6) Capitolo 5 Fabio Pierangeli (5.1, 5.2, 5.3), Raffaella Pergamo (5.4, 5.5, 5.6) Capitolo 6 Rossella Ugati (6.1, 6.2, 6.3, 6.4,), Gabriele Bardi (6.5), Vincenzo Sequino (6.6) Le elaborazioni cartografiche sono state curate da Simona Capone per la Toscana e da Francesca Pierri per l Umbria. Foto in copertina di Simona Capone Gli Autori ringraziano Simone Severini per la paziente e utile lettura critica dei testi; la responsabilità di quanto contenuto nel Volume resta comunque degli Autori. Si ringrazia Gabriele Bardi per la rilettura finale dei testi. ROBERTA SARDONE (a cura di) Il comparto del tabacco in Italia alla luce della nuova OCM Collana: Studi & Ricerche INEA Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane, 2008 pp. 320; 24 cm ISBN Copyright 2008 by Istituto Nazionale di Economia Agraria, Roma. È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico, non autorizzata.

4 INDICE PRESENTAZIONE 9 CAPITOLO I - LA RIFORMA DELL OCM TABACCO 1.1. LA NUOVA OCM PER IL COMPARTO DEL TABACCO Le spinte alla riforma dell OCM e il processo di riforma I contenuti della nuova OCM Il potenziamento dei programmi di sviluppo rurale LE NORME NAZIONALI DI APPLICAZIONE I PRIMI DATI DI APPLICAZIONE PER L ITALIA: IL FUTURO DELL OCM TABACCO 37 CAPITOLO II - DOPO LA RIFORMA: SCENARI, FABBISOGNI E INTERVENTI DELLA POLITICA DI SVILUPPO RURALE 2.1. DOPO LA RIFORMA: SINTESI DEGLI SCENARI NELLE PRINCIALI REGIONI ITALIANE I CASI AZIENDALI Caso aziendale A Caso aziendale B Caso aziendale C Caso aziendale D Caso aziendale E Caso aziendale F GLI SCENARI DAL L aumento dei prezzi di mercato La riduzione dei costi di produzione Le possibilità di revisione della PAC Considerazioni sugli scenari LE STRATEGIE DI SVILUPPO DELLE IMPRESE DOPO LA RIFORMA Il contenuto dei costi unitari di produzione Lo sviluppo del prodotto Lo sviluppo del mercato La riconversione intra ed extra settoriale I FABBISOGNI DI RICONVERSIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA FILIERA TABACCHICOLA La riconversione La ristrutturazione I fabbisogni 80 STUDI & RICERCHE INEA 5

5 2.6. STRATEGIE ED INTERVENTI DEI PROGRAMMI DI SVILUPPO RURALE PER I FABBISOGNI DELLE REGIONI TABACCHICOLE Le misure dei PSR I fabbisogni e le misure attivabili Considerazioni conclusive 94 CAPITOLO III - LA FILIERA DEL TABACCO IN VENETO 3.1. LA PRODUZIONE TABACCHICOLA NEL CONTESTO REGIONALE LE CARATTERISTICHE DELLE AZIENDE TABACCHICOLE VENETE: UN DUALISMO PRODUTTIVO L INDUSTRIA DI PRIMA TRASFORMAZIONE VENETA I RAPPORTI DI FILIERA IN UNA LOGICA DI DISTRETTO INDUSTRIALE IMPATTI ATTESI DELLA NUOVA OCM NELLA REGIONE VENETO I costi di produzione nella filiera Analisi della redditività e impatto della riforma dell OCM POSSIBILE FUNZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DEL VENETO CAPITOLO IV - LA FILIERA DEL TABACCO IN TOSCANA 4.1. LA PRODUZIONE TABACCHICOLA NEL CONTESTO REGIONALE LE CARATTERISTICHE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA I RAPPORTI LUNGO LA FILIERA LA NICCHIA PRODUTTIVA DEL KENTUCKY NELLA VALTIBERINA GLI IMPATTI ATTESI DELLA NUOVA OCM NELLA REGIONE TOSCANA Le caratteristiche delle aziende produttrici di tabacco in Toscana La metodologia utilizzata per la valutazione degli impatti attesi della nuova OCM L azienda di Sansepolcro specializzata in tabacco (A) L azienda di Anghiari specializzata in tabacco (B) L azienda con agricoltura generale (C) IL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE TOSCANA E LA PROGRAMMAZIONE A FAVORE DEL COMPARTO TABACCO L impostazione di intervento del PSR della regione Toscana La destinazione tematica e territoriale delle risorse del PSR Le strategie di impiego delle risorse sui PSR in relazione alle filiere locali del tabacco I prodotti di qualità Le produzioni biologiche Conclusioni STUDI & RICERCHE INEA

6 CAPITOLO V - LA FILIERA DEL TABACCO IN UMBRIA 5.1. LA PRODUZIONE TABACCHICOLA NEL CONTESTO REGIONALE CARATTERISTICHE DELLE AZIENDE DEDITE ALLA PRODUZIONE DI TABACCO: QUADRO REGIONALE E PROVINCIALE Trend delle superfici a tabacco: quadro regionale e provinciale Trend delle produzioni di tabacco: quadro regionale e provinciale LA PRIMA TRASFORMAZIONE LE RELAZIONI DI FILIERA La filiera del tabacco: la produzione e la commercializzazione LE AREE DI LOCALIZZAZIONE DELLA FILIERA E LA LOGICA DI DISTRETTO Il distretto dell Alta Valle del Tevere Il distretto della Media Valle del Tevere L analisi SWOT della filiera del tabacco nei due distretti IL PSR CAPITOLO VI - LA FILIERA DEL TABACCO IN CAMPANIA 6.1. LA PRODUZIONE TABACCHICOLA NEL CONTESTO REGIONALE LE CARATTERISTICHE DELLE AZIENDE TABACCHICOLE CAMPANE L INDUSTRIA DI PRIMA TRASFORMAZIONE CAMPANA RAPPORTI DI FILIERA/DISTRETTO IMPATTI ATTESI DELLA NUOVA OCM NELLA REGIONE CAMPANIA Analisi della redditività e impatto della riforma OCM POSSIBILE FUNZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA CAMPANIA RIFERIMENTI BIBLIORAFICI 315 STUDI & RICERCHE INEA 7

MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO

MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO In collaborazione con Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Verona Dipartimento Territorio e

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 IL QUADRO DELL AGROALIMENTARE VENETO 1. L EVOLUZIONE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE DEL VENETO (Davide Bortolozzo, Andrea

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura

REGIONE PUGLIA. Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Servizio Agricoltura Deliberazione della Giunta Regionale n. 903 del 15/05/2012 Linee guida per la ricerca e sperimentazione in agricoltura 2012 2014

Dettagli

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale XV Rapporto LA FILIERA DEL TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale DENIS PANTINI Nomisma Roma, 4 aprile 2012 LE VALENZE DELLA FILIERA (2010) Economica Valore delle vendite

Dettagli

ANGELO PANDOLFO VIA RAFFAELE ACERENZA, 2-85100 POTENZA Telefono 0971/25749-0971/668657 Fax 0971/668751 anpandol@regione.basilicata.

ANGELO PANDOLFO VIA RAFFAELE ACERENZA, 2-85100 POTENZA Telefono 0971/25749-0971/668657 Fax 0971/668751 anpandol@regione.basilicata. C U R R I C U L U M V I T A E E L A B O R A T O S U L L A B A S E D E L F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ANGELO PANDOLFO VIA RAFFAELE ACERENZA, 2-85100 POTENZA Telefono

Dettagli

Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria

Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria Implementazione nazionale. A che punto siamo? - 27 maggio accordo politico su importanti opzioni

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

La nuova RICA Italia

La nuova RICA Italia Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 La nuova RICA Italia Alfonso Scardera Istituto

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

PARTNER PER IL FUTURO

PARTNER PER IL FUTURO CHI SIAMO Dal 1995 forniamo servizi di consulenza strategica, con l obiettivo di accompagnare le aziende nel proprio percorso di crescita, attraverso modelli di project financing. Offriamo competenza e

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI

2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI 2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI Responsabile: Dott. Giuseppe Bursi Tel.: 0917076096 E-mail: agri1.serviziosviluppo@regione.sicilia.it Assegnazione corrispondenza

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

Programma di studio Economia e Politica Agraria CdL Produzioni Animali

Programma di studio Economia e Politica Agraria CdL Produzioni Animali Università degli Studi di Perugia Programma di studio Economia e Politica Agraria CdL Produzioni Animali Rossella Pampanini Dip. di Scienze Economico-estimative e degli alimenti, Università di Perugia

Dettagli

Lunedì 22 settembre 2014 http://www.lavocedelterritorio.it/articolo.asp?idprod=7565&idscatp=

Lunedì 22 settembre 2014 http://www.lavocedelterritorio.it/articolo.asp?idprod=7565&idscatp= http://www.lavocedelterritorio.it/articolo.asp?idprod=7565&idscatp= CONFAGRICOLTURA UMBRIA AVVIA COMUNICAZIONE PER AZIENDE ANCHE SU APP Il lancio a Todi, giovedì 25 settembre, durante al presentazione

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020

La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 La proposta di PSR della Regione Piemonte 2014-2020 Dotazione finanziaria SPESA PUBBLICA: 1.092 Meuro FEASR: 471,3 Meuro STATO: 434,5 Meuro REGIONE: 186,2 Meuro (ca. 26 Meuro/anno) 2014 2015 2016 2017

Dettagli

L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA

L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA L ATLANTE DELLE DONNE IMPEGNATE IN AGRICOLTURA Il database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Analisi Statistica del Database- Industrie : un campione preliminare

Analisi Statistica del Database- Industrie : un campione preliminare Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Coordinamento per la Formazione Esterna ed il Trasferimento Tecnologico Analisi Statistica del Database- Industrie : un campione preliminare by Roma II & Laboratori

Dettagli

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale Filippo Arfini, Michele Donati(Uniparma) Annalisa Zezza (INEA) U.O Economia ANCONA, 26-27 SETTEMBRE 2013 Unità Operativa

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PERGAMO RAFFAELLA Qualifica Indirizzo Indirizzo e-mail Dirigente Amministrativo Via Vicinale Santa Maria

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI

CARATTERISTICHE STRUTTURALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRICOLE DELLA FILIERA DELLE PIANTE OFFICINALI Corrado Ievoli Università del Molise www.ismea.it www.ismeaservizi.it ROMA 17/07/2013 L APPROCCIO E LE FONTI STATISTICHE

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "A. ZANELLI" COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO Il perito agrario è un tecnico con competenze sulla gestione del territorio, sulla gestione

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

La formazione di figure professionali qualificate per le imprese. Prof. A. Marcomini Università Ca Foscari di Venezia

La formazione di figure professionali qualificate per le imprese. Prof. A. Marcomini Università Ca Foscari di Venezia La formazione di figure professionali qualificate per le imprese Prof. A. Marcomini Università Ca Foscari di Venezia Riflessione sull impatto del REACH In Italia il regolamento REACH coinvolge circa 390

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Negozio mobile con banchi di vendita refrigerati da energia rinnovabile Descrizione estesa del risultato Sicurezza e qualità alimentare sono i concetti che hanno suggerito

Dettagli

Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria. al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura

Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria. al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura Economia, società, policy making Le tappe principali L istituto Nazionale di Economia Agraria

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Le riforme della PAC 1962-1968: periodo transitorio; 1968-1984: funzionamento delle OCM; 1984-1988: prima riforma

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA Riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e logistica Avv. Stefano Danieli, dirigente Area

Dettagli

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria INDICE DELLE ATTIVITA PER AMBITO OMOGENEO (AO) AO: Studi sull impresa Osservatorio sulla responsabilità sociale delle imprese agroalimentari Farm Accountancy cost estimation and Policy analysis La filiera

Dettagli

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB

Il Bio Distretto Cilento, nella Regione Campania Salvatore Basile, AIAB Lo stato dell arte della programmazione e dell attuazione delle misure rilevanti per l agricoltura biologica nei PSR regionali. Prime valutazioni e riflessioni. c) Le esperienze di alcune regioni italiane

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC Convegno CATAP Riflessi della nuova Politica Agricola Comune 2014-2020 sull ambiente e sul paesaggio in Italia. Roma, 19 giugno 2014 Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

INDICE. CAPITOLO I LE POLITICHE COMUNITARIE IN CAMPO ENERGETICO di Barbara Pozzo

INDICE. CAPITOLO I LE POLITICHE COMUNITARIE IN CAMPO ENERGETICO di Barbara Pozzo INDICE Introduzione di Achille Cutrera...................................... XI CAPITOLO I LE POLITICHE COMUNITARIE IN CAMPO ENERGETICO di Barbara Pozzo Introduzione... 2 I. Gli aspetti istituzionali........................................

Dettagli

Ciclo di seminari. La multifunzionalità nelle aziende agricole: l agriturismo, i servizi ambientali, la didattica e la vendita dei prodotti aziendali

Ciclo di seminari. La multifunzionalità nelle aziende agricole: l agriturismo, i servizi ambientali, la didattica e la vendita dei prodotti aziendali Ciclo di seminari La multifunzionalità nelle aziende agricole: l agriturismo, i servizi ambientali, la didattica e la vendita dei prodotti aziendali Sala Parlamentino Ministero delle Politiche Agricole

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 4 - Investimenti materiali (art. 17) La misura punta al miglioramento delle prestazioni economiche e ambientali delle aziende agricole e delle imprese rurali Finalità: rendere più efficiente il

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

La filiera del tabacco in Italia: ruolo socioeconomico della coltivazione del Burley e del Kentucky in Campania

La filiera del tabacco in Italia: ruolo socioeconomico della coltivazione del Burley e del Kentucky in Campania La filiera del tabacco in Italia: ruolo socioeconomico della coltivazione del Burley e del Kentucky in Campania Università di Napoli Federico II 26 febbraio 2008 DENIS PANTINI Coordinatore di Area Agricoltura

Dettagli

Da sempre, nel bacino del Mediterraneo, l agricoltura è stata in primo piano,

Da sempre, nel bacino del Mediterraneo, l agricoltura è stata in primo piano, Da sempre, nel bacino del Mediterraneo, l agricoltura è stata in primo piano, condizionando il commercio, la politica e, di riflesso, l evoluzione storica e culturale delle varie civiltà che ivi si sono

Dettagli

Documento Centro Studi ANCE Salerno

Documento Centro Studi ANCE Salerno Documento 1 Ance Salerno: Le aziende campane ora provano a fare sistema. Campania al decimo posto per aziende aderenti ai contratti di rete Salerno al 21 posto tra le province. La Campania si colloca al

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

LA NUOVA PAC 2014-2020

LA NUOVA PAC 2014-2020 GRUPPO 2013 LA NUOVA PAC 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

Economia dell azienda agraria e dei sistemi agroindustriali

Economia dell azienda agraria e dei sistemi agroindustriali Facoltà di Economia Università di Firenze Economia dell azienda agraria e dei sistemi agroindustriali Anno accademico 2012/2013 2 semestre GIOVANNI BELLETTI Dipartimento di Scienze dell economia e dell

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

Le Comunità europee UE

Le Comunità europee UE PAC, Misure del PSR a favore della multifunzionalità e delle fattorie didattiche CeFAP Codroipo e Pasian di Prato dicembre 2010 A cura dott. Paolo Parmegiani Le Comunità europee UE 1951 Trattato CECA trattato

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

EAFRD Financial instruments for agriculture and rural development in 2014-2020

EAFRD Financial instruments for agriculture and rural development in 2014-2020 EAFRD Financial instruments for agriculture and rural development in 2014-2020 Favorire i processi di aggregazione e cooperazione delle imprese agricole e agroindustriali in ambito di filiera Roma, 13

Dettagli

Allegato alla determinazione n 4996 del 10/07/2015. Unità Organizzative e competenze

Allegato alla determinazione n 4996 del 10/07/2015. Unità Organizzative e competenze Unità Organizzative e competenze Servizio delle Istruttorie Competitività delle aziende agricole e di trasformazione Agroambiente e spazio rurale Imprenditorialità agricola e consulenza aziendale Organizzazioni

Dettagli

La programmazione 2014-2020: scenario e attività in Regione Lombardia

La programmazione 2014-2020: scenario e attività in Regione Lombardia AGRIEST 2013 Tipicamente europeo Tipicamente friulano La programmazione 2014-2020: scenario e attività in Regione Lombardia Udine 24 gennaio 2013 Mery Pampaluna 1 Verso. Il PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel EIMA International, Bologna 7-11 Novembre 2012 PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta Colture erbacee oleaginose: potenzialità produttive di brassicacee e girasole, meccanizzazione

Dettagli

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR

Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR ARDAF e Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali di Roma Il 2 pilastro della PAC nuove prospettive per i PSR «La riforma della PAC e l attuazione del nuovo regime dei pagamenti diretti in Italia:

Dettagli

PON 2007-2013. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Distretto Scolastico n. 49 - GINOSA (TA)

PON 2007-2013. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Distretto Scolastico n. 49 - GINOSA (TA) PON 2007-2013 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Distretto Scolastico n. 49 - GINOSA (TA) Di cosa si occupa questo indirizzo? Si occupa di studiare i contenuti delle competenze economiche, giuridiche

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020

Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Incontro con il Partenariato Lo Sviluppo Rurale in Abruzzo nel 2014-2020 Dall analisi alla costruzione della strategia Emanuele Blasi e Barbara Pancino Università degli Studi della Tuscia Viterbo Venerdì

Dettagli

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Workshop 13 aprile 2011, Roma Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società RISULTATI DEL PROGETTO FILIERA CORTA Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Il progetto Filiere corte

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI

LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI Delibera n. 3/2009 composta dai Magistrati: Dott. Bartolomeo MANNA Presidente Dott. Franco FRANCESCHETTI Consigliere Dott. Ivan DE MUSSO

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Nuovi strumenti a supporto dell innovazione e la competitività Piazzola sul Brenta, 23 maggio 2015 Dipartimento Sviluppo Economico Sezione Ricerca e Innovazione

Dettagli

La Chimica nella Scuola. a cura di

La Chimica nella Scuola. a cura di A03 La Chimica nella Scuola a cura di Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-xxxx-x

Dettagli

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico Analisi fabbisogni formativi AGRI.COM - Corso per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Le attività che sono state messe in atto per l analisi dei fabbisogni formativi e sull utenza

Dettagli

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana

Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Verso la nuova PAC 2014-2020 per lo sviluppo rurale in Toscana Roberto Pagni Regione Toscana Dirigente Settore Politiche Comunitarie e Regionali per la competitività Convegno Il sistema agroalimentare

Dettagli

I libri del Fondo sociale europeo

I libri del Fondo sociale europeo I libri del Fondo sociale europeo ISSN 1590-0002 L Isfol, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, è un Ente pubblico di ricerca scientifica istituito con D.P.R. n. 478 del

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

REACH e Riciclo Vincenzo Zezza Ministero dello Sviluppo Economico

REACH e Riciclo Vincenzo Zezza Ministero dello Sviluppo Economico REACH e Riciclo ENEA, 19 ottobre 2013 Vincenzo Zezza Ministero dello Sviluppo Economico 1 Compiti del Ministero dello Sviluppo Economico (in base al DM 22 novembre 2007) L istituzione e il funzionamento

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO INDICE AUTORI PRESENTAZIONE INTRODUZIONE XIII XVII XIX PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO Capitolo Primo Scenari e modelli di competizione in Sanità 1.1 Premessa 1.2 Tipologie e caratteristiche

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Meccanizzazione della raccolta e della potatura in oliveti calabresi Descrizione estesa del risultato E' stata valutata l'opportunità d'impiego delle potatrici meccaniche

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA

ASPETTI ECONOMICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA equizoobio Efficienza, qualità e innovazione nella zootecnia biologica ASPETTI ECONOMICI DELLA ZOOTECNIA BIOLOGICA F.Ansaloni, G.Schifani*, M.Chiorri^, A.Menghi**, G.Guccione*, F.Pyszny e F. Galioto^ )

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Livio Barnabò - curriculum Vitae

Livio Barnabò - curriculum Vitae Livio Barnabò - curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Luogo e Data di nascita Auronzo di Cadore (BL), 3 febbraio 1952 ESPERIENZA PROFESSIONALE Date DA OTTOBRE 2009 Attività Libero professionista Consulenza

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Corso di Formazione ESPERTO IN LEGALITA AGRO-AMBIENTALE

Corso di Formazione ESPERTO IN LEGALITA AGRO-AMBIENTALE Corso di Formazione ESPERTO IN LEGALITA AGRO-AMBIENTALE Il 9 ottobre 2015, con la lezione di Gianni Fara Presidente dell'eurispes dedicata al tema delle agromafie, si apre, presso la Sala convegni dell

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN AMMINISTRAZIONE E FINANZA PER ENTI LOCALI

EXECUTIVE MASTER IN AMMINISTRAZIONE E FINANZA PER ENTI LOCALI EXECUTIVE MASTER IN AMMINISTRAZIONE E FINANZA PER ENTI LOCALI OBIETTIVI FORMATIVI Le riforme in chiave economico-aziendale delle Amministrazioni Pubbliche Locali e Centrali hanno comportato l introduzione

Dettagli

Il potenziale sviluppo dei Bio-Distretti con il nuovo PSR. Salvatore Basile

Il potenziale sviluppo dei Bio-Distretti con il nuovo PSR. Salvatore Basile Il potenziale sviluppo dei Bio-Distretti con il nuovo PSR Salvatore Basile Il Bio-Distretto è un area, naturalmente vocata al biologico, dove: AGRICOLTORI sono perfettamente integrati nell ambiente e nel

Dettagli

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNO 2005 A cura del prof. Roberto Fanfani Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 2005 INDICE PREFAZIONE Pag 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Prof. Andrea Marchini. Curriculum Vitae

Prof. Andrea Marchini. Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-Mail Nazionalità Data di nascita Luogo di nascita Codice Fiscale Prof. Andrea Marchini Curriculum Vitae ANDREA MARCHINI Via dell Aratro 43 06132 PERUGIA

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli