COMUNE DI CERCEMAGGIORE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CERCEMAGGIORE"

Transcript

1 COMUNE DI CERCEMAGGIORE PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del CAPO 1 Disposizioni generali Articolo 1 - Fonti normative Il presente Regolamento disciplina l esercizio delle attività commerciali al dettaglio su area pubblica nel territorio comunale di Cercemaggiore, in conformità con i seguenti provvedimenti normativi ed atti di indirizzo di fonte superiore: a) Articoli 5, 27, 28 e 29 del Decreto Legislativo n.114 del 31 Marzo 1998; b) Legge Regionale n. 33 del 27 settembre 1999 Disciplina regionale del commercio in attuazione del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 114, recante: Riforma della disciplina relativa al Settore del Commercio, a norma dell articolo 4, comma 4 della Legge 18 marzo 1997, n Articolo 2 Definizioni terminologiche Ai fini del presente Regolamento valgono le definizioni di cui all articolo 27 del Decreto Legislativo n. 114 del 31 marzo 1998 secondo le quali si intendono: a) Per commercio sulle aree pubbliche, l'attività di vendita di merci al dettaglio e la somministrazione di alimenti e bevande effettuate sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio marittimo o sulle aree private delle quali il comune abbia la disponibilità, attrezzate o meno, coperte o scoperte; b) Per aree pubbliche, le strade, i canali, le piazze, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio ed ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico;

2 c) Per posteggio, la parte di area pubblica o di area privata della quale il comune abbia la disponibilità che viene data in concessione all'operatore autorizzato all'esercizio dell'attività commerciale; d) Per mercato, l'area pubblica o privata della quale il comune abbia la disponibilità, composta da più posteggi, attrezzata o meno e destinata all'esercizio dell'attività per uno o più o tutti i giorni della settimana o del mese per l'offerta integrata di merci al dettaglio, la somministrazione di alimenti e bevande, l'erogazione di pubblici servizi; e) Per fiera, la manifestazione caratterizzata dall'afflusso, nei giorni stabiliti sulle aree pubbliche o private delle quali il comune abbia la disponibilità, di operatori autorizzati ad esercitare il commercio su aree pubbliche, in occasione di particolari ricorrenze, eventi o festività; f) Per presenze in un mercato, il numero delle volte che l'operatore si e' presentato in tale mercato prescindendo dal fatto che vi abbia potuto o meno svolgere l'attività; g) Per presenze effettive in una fiera, il numero delle volte che l'operatore ha effettivamente esercitato l'attività in tale fiera. Inoltre si intendono: a) Per mostra mercato: un mercato aperto anche alla partecipazione di soggetti che non esercitano l attività commerciale e caratterizzato da particolari specializzazioni merceologiche, quali l antiquariato, l usato, l oggettistica, i libri, le stampe, gli oggetti da collezionismo, i prodotti di artigianato, ecc; b) Per autorizzazione all esercizio del commercio su aree pubbliche: l atto rilasciato dal Comune sede di posteggio previa domanda di autorizzazione e concessione di posteggio inoltrata al competente ufficio del Comune in questione, per gli esercenti con posteggio; l atto rilasciato dal Comune di residenza dell interessato, ovvero ove ha sede legale la società, o, se trattasi di persona fisica, l atto rilasciato dal Comune di residenza del richiedente previa domanda di autorizzazione ai sensi del comma 4 dell articolo 28 del Decreto Legislativo n. 114/1998 presentata al competente ufficio comunale ove si risiede per gli operatori itineranti; c) Per miglioria: la possibilità per un operatore con concessione di posteggio in una fiera o in un mercato di sceglierne un altro purché non assegnato; d) Per scambio: la possibilità fra due esercenti concessionari di posteggio in una fiera o in un mercato di scambiarsi il posteggio; DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 2 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

3 e) Per spunta: operazione con la quale, all inizio dell orario di vendita, dopo aver verificato presenze ed assenze degli operatori titolari della concessione di posteggio, si provvede all assegnazione, solo per quella giornata, dei posteggi liberi o non ancora assegnati. Articolo 3 Esercizio del commercio su aree pubbliche Il commercio su aree pubbliche può essere svolto: a) Su posteggi dati in concessione; b) Su qualsiasi area, purché in forma itinerante. L esercizio dell attività di commercio al dettaglio su aree pubbliche è soggetta ad apposita autorizzazione rilasciata ai sensi dell articolo 28 del Decreto Legislativo 114/98 a persone fisiche o a società di persone regolarmente costituite secondo le norme vigenti. Il trasferimento in gestione o in proprietà dell azienda o di un ramo d azienda per l esercizio del commercio su aree pubbliche, per atto tra vivi o a causa di morte, comporta il trasferimento dell autorizzazione amministrativa a chi subentra purché sia in possesso dei requisisti di cui all articolo 5 del Decreto Legislativo n. 114/1998. Il subentrante deve comunicare l avvenuto sub-ingresso entro sei mesi. Il subentrante per causa di morte può continuare provvisoriamente l attività fino alla regolarizzazione prescritta dai commi precedenti. Nel caso di operatori per concessione, la re-intestazione è effettuata dal Comune sede del posteggio previa comunicazione del re-intestatario e contestuale autocertificazione del possesso dei requisiti previsti per l esercizio dell attività commerciale. Nel caso di operatori itineranti, l autorizzazione è re-intestata dal Comune di residenza del subentrante. È inoltre obbligo dell operatore comunicare ogni eventuale variazione anagrafica, anche in relazione alla figura giuridica della ditta, entro 30 giorni dall intervenuta modifica. La revoca dell autorizzazione per una delle cause di cui al comma 4 dell articolo 29 del Decreto Legislativo n. 114/1998è disposta dall ente comunale che ha rilasciato l autorizzazione. Articolo 4 Durata delle concessioni Le concessioni hanno una validità di anni 5, rinnovabili alla data di scadenza per altri 5 anni, senza ulteriori adempimenti e possono essere rinnovate. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 3 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

4 Qualora venga deciso di non procedere al rinnovo della concessione, il dirigente responsabile del servizio, dovrà dare avviso scritto agli interessati, da comunicare almeno 6 mesi prima della scadenza a mezzo lettera raccomandata a.r., precisando nella comunicazione i motivi per i quali non si procede al rinnovo della concessione. Qualora il Dirigente Responsabile del Servizio, disponga di non procedere al rinnovo della concessione del posteggio e, sei mesi prima della scadenza non venga dato preavviso al titolare della concessione, quest ultima si intende rinnovata per ulteriori 5. In tal caso il Dirigente Responsabile del servizio provvederà a richiedere all operatore la documentazione necessaria al rinnovo. La concessione del posteggio è revocata qualora il concessionario protragga l assenza dal medesimo mercato per un periodo superiore a quattro mesi continuativi.. Articolo 5 Adempimenti degli uffici comunali L ente comunale, attraverso gli appositi uffici, assicura l espletamento delle attività di carattere istituzionale e di vigilanza. Il Comando di Polizia Municipale è incaricato alla sorveglianza circa il corretto funzionamento di tutte le attività commerciali esercitate su aree pubbliche, nonché circa il rispetto delle disposizioni di legge e del presente Regolamento. È altresì compito del Comando di Polizia Municipale: a) sovraintendere agli orari di inizio e fine occupazione nonché a quelli stabiliti per le operazioni di vendita; b) registrare le presenze degli esercenti presenti nel mercato all inizio delle operazioni di spunta; c) provvedere all assegnazione dei posteggi occasionalmente liberi o non assegnati, registrando le relative presenze; d) verificare il corretto posizionamento dei banchi e dei relativi allestimenti da parte degli assegnatari. Il Comune, durante l attività di vendita,se lo ritiene necessario, può istituire un senso unico di marcia o addirittura vietare la completa circolazione ad ogni sorta di veicolo nelle strade o aree riservate al mercato, eccetto ai velocipedi purché condotti a mano e i mezzi di soccorso e di emergenza. Tali divieti saranno indicati con opportuna segnaletica a cura del Comune. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 4 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

5 Gli operatori commerciali su aree pubbliche potranno presentare istanze e osservazioni in forma scritta al Corpo della Polizia Municipale per motivi inerenti le rispettive competenze in materia di commercio su aree pubbliche. CAPO 2 Disposizioni mercatali Articolo 6 Orario di svolgimento dei mercati I mercati comunali istituiti su area pubblica si svolgono entro la fascia oraria di apertura e di chiusura così fissata: dalle ore 07,00 alle ore 13,00 I titolari di posteggio possono iniziare ad allestire i banchi sessanta minuti prima dell orario stabilito per l inizio delle operazioni di vendita e hanno l obbligo di rimuovere gli stessi entro sessanta minuti dopo l orario fissato per la cessazione delle operazioni di vendita. In casi di emergenza gli orari di svolgimento dei singoli mercati possono essere modificati dal Sindaco con apposita ordinanza comunicata tempestivamente alle associazioni di categoria ed esposta all albo pretorio. Articolo 7 Individuazione delle aree mercatali Il Comune può istituire nuovi mercati, anche temporanei o stagionali, sopprimere, trasferire o spostare di sede, ampliare o ridurre quelli esistenti e deliberare le modalità di funzionamento degli stessi. A seguito dello spostamento o del trasferimento parziale del mercato in altra sede, l Ente assegna i posteggi agli operatori titolari di concessione attenendosi ai seguenti criteri: a) Numero di presenze; b) Anzianità di iscrizione al registro delle imprese; c) Dimensioni e caratteristiche dei posteggi disponibili, in relazione alle merceologie, alimentari o non alimentari, o al tipo di attrezzatura di vendita. Il Comune può altresì prevedere lo svolgimento di mostre mercato, tenendo anche conto dell esigenza di animazione o rivitalizzazione delle zone urbane. L area di svolgimento dei mercati e la tipologia dei posteggi ammessi, sono rimessi alla potestà regolamentare del Comune da esercitare nel rispetto ed in conformità alle leggi vigenti. Nel territorio del Comune di Cercemaggiore sono individuate quali aree mercatali : Viale Mazzini Via Roma Viale Regina Margherita. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 5 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

6 La Giunta potrà, con apposito atto variare i giorni di mercato al fine di incentivare le attività mercatali, tenuto conto delle esigenze che, di volta in volta, potrebbero manifestarsi. Nell ambito del mercato i posteggi possono essere dislocati con determinazione del Dirigente del servizio competente secondo criteri di ordine merceologico in relazione alle esigenze di allacciamento alla rete idrica o fognaria e di osservanza delle condizioni igienico-sanitarie prescritte o sulla base della diversa superficie dei posteggi. Le tipologie di posteggio ammesse nei mercati sono le seguenti: a) Generi alimentari (quali formaggi e salumi, frutta e verdura, bevande, dolciumi, pasticceria, rosticceria); b) Generi non alimentari (compresi i prodotti d abbigliamento, le pelletterie e le calzature); c) Vendita e somministrazione di bevande, panini, cibi cotti e simili al fine di garantire la continuità del servizio di somministrazione nell ambito dei mercati; d) Posteggi riservati alla vendita del proprio prodotto da parte di produttori agricoli iscritti al Registro Imprese in qualità di imprenditori agricoli e/o artigiani iscritti all Albo Artigiani. È istituito in questo Comune un mercato settimanale domenicale, esteso a tutti i settori, da effettuarsi mediante posteggi assegnati nel giorno di domenica in Piazza San Rocco, Via Roma, Via Mazzini, come da DGC n. 191 del Articolo 8 Criteri e procedure per il rilascio delle autorizzazioni Il Comune, entro il di ogni anno, pubblica l elenco dei posteggi liberi e concedibili, dando così la possibilità agli interessati di inoltrare le istanze di autorizzazione. Entro 30 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione delle istanze, il Comune redigerà la graduatoria e rilascerà le autorizzazioni. Nella determinazione della graduatoria si osserveranno, nell ordine, i seguenti criteri di priorità: a) Maggior numero di presenze effettive maturate nell ambito del mercato; b) Anzianità dell attività di commercio su aree pubbliche, attestata dall iscrizione al Registro delle Imprese; c) Certificata invalidità costituente titolo per la concessione obbligatoria, ai sensi delle vigenti disposizioni sulle categorie protette. I posteggi che si rendono disponibili nel corso dell anno verranno dati in concessione utilizzando la stessa graduatoria. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 6 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

7 Articolo 9 Modalità di assegnazione e occupazione dei posteggi Qualora le richieste di partecipazione a mercati di nuova istituzione eccedano il numero effettivo di posteggi disponibili, i richiedenti vengono inseriti nella graduatoria di spunta prevista per il mercato cui si riferiscono, in base all ordine temporale di presentazione delle domande. Nessun soggetto giuridico può avere la titolarità o il possesso di più di due concessioni di posteggio per ciascun settore merceologico nella medesima area mercatale. L operatore commerciale assegnatario di posteggio deve essere presente nel giorno di svolgimento del mercato entro l orario prefissato per l inizio delle operazioni di contrattazione e deve permanervi per tutta la durata del mercato. In caso contrario, l operatore, salvo casi di forza maggiore, quali peggioramento della situazione atmosferica o improvviso malessere fisico, sarà considerato assente e perderà il diritto al posteggio per l intera giornata. Tale posteggio verrà assegnato provvisoriamente a chi, presente nel mercato, al suddetto orario, sia legittimato ad esercitare il commercio su aree pubbliche e non sia titolare di altro posteggio nel mercato stesso. Non si procede all assegnazione provvisoria quando sull area in concessione si trovino strutture o attrezzature di proprietà del titolare della concessione. I titolari di posteggio che siano anche spuntisti possono partecipare all operazione di spunta solo dopo aver già occupato il posteggio oggetto di concessione e qualora siano provvisti di ulteriore idonea attrezzatura. Esaurita l operazione di spunta, il Comando Polizia Municipale rende noti gli eventuali posteggi ancora disponibili; in tal caso, gli operatori titolari di concessione possono chiedere lo spostamento in altro posteggio non occupato, limitatamente a quella giornata di svolgimento del mercato. Non è permesso occupare passi carrabili, ostruire ingressi di abitazioni o negozi e deve essere assicurato, se necessario, il passaggio di automezzi di pronto intervento. Qualora in situazioni particolari si rendano temporaneamente indisponibili le aree pubbliche in cui ordinariamente si svolgono i mercati, il dirigente responsabile del servizio procederà ad individuare aree alternative per consentire lo svolgimento dell attività agli operatori interessati senza modificarne il numero, nel rispetto di quanto previsto dalla legge e dal presente Regolamento. Articolo 10 Dimensione dei posteggi DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 7 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

8 La dimensione del posteggio è assegnata dal Comando dei Vigili Urbani, tenendo conto delle esigenze stesse degli ambulanti. Le attrezzature devono essere collocate all interno dello spazio appositamente assegnato. L esposizione a terra è consentita esclusivamente ai venditori di calzature, piante e fiori, ferramenta ed arredamenti. I generi alimentari devono essere esposti e venduti ad altezza con le modalità prescritte dalle disposizioni vigenti in materia igienico-sanitaria. Tra un banco e l altro deve essere lasciato libero un passaggio di almeno 50 cm. Le tende di copertura del posteggio devono possedere una superficie adeguata allo spazio concesso ed essere collocate in modo tale che: a) Non siano di ostacolo al passaggio; b) Non costituiscano pericolo per alcuno; c) Non impediscano la visuale degli altri posteggi; d) Non impediscano l eventuale transito dei mezzi di sicurezza e di soccorso. Nelle aree che per dimensioni, morfologia ed accessibilità lo consentono, i posteggi possono essere utilizzati anche dagli autoveicoli attrezzati come punti di vendita. Articolo 11 Mercato riservato alla vendita diretta di prodotti agricoli a filiera corta Gli agricoltori che esercitano attività di vendita dei loro prodotti devono essere in possesso dell autorizzazione amministrativa rilasciata dal sindaco del Comune in cui sono ubicati i terreni coltivati, con specificazione delle coltivazioni in atto. Suddette autorizzazioni verranno rilasciate dando priorità: a) Ai giovani coltivatori con età inferiore ai 40 anni ed iscritti all INPS ed alla Camera di Commercio competente per territorio; b) Anzianità di iscrizione alla gestione speciale INPS dei Coltivatori Diretti; c) Pensionati Coltivatori Diretti che continuano l attività di produttori agricoli; d) Produttori agricoli iscritti solo alla Camera di Commercio. L assegnazione dei posteggi all interno del mercato riservato alla vendita diretta di prodotti agricoli denominato A filiera corta avviene a favore degli imprenditori agricoli iscritti nel Registro delle Imprese che abbiano: a) Ubicazione dell azienda agricola nell ambito territoriale del Comune di Cercemaggiore; b) Vendita diretta di prodotti agricoli provenienti dalla propria azienda, anche ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 8 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

9 In caso di assenza giornaliera dal mercato il relativo posteggio non viene assegnato in via temporanea ad altri operatori, ma resta vacante, in quanto in tali mercati non sono previste graduatorie. Articolo 12 Svolgimento del commercio in forma itinerante L esercizio del commercio in forma itinerante può essere svolto, nel rispetto di quanto prescritto dall articolo 28 comma 1 della Legge Regionale 33/1999, con l esposizione della merce esclusivamente sul mezzo adibito al trasporto della stessa e a condizione che la sosta dei veicoli sia compatibile con le disposizioni disciplinate dalla circolazione stradale. È vietata la vendita con l uso di bancarelle e l esposizione della merce esternamente al mezzo. È altresì vietato esercitare il commercio itinerante in concomitanza con lo svolgimento di mercati e fiere nelle aree urbane adiacenti quelle dove si svolge il mercato o la fiera. CAPO 3 Disposizioni comportamentali Articolo 13 Norme di comportamento ed igienico sanitarie È fatto obbligo agli operatori partecipanti ai mercati, pena il pagamento di un ammenda pari ad euro 50,00 di: a) esibire il documento che autorizza la concessione ad ogni richiesta da parte degli agenti di vigilanza; b) usare modi corretti ed educati con la clientela, con i colleghi e con gli organi di vigilanza; c) fornire agli organi di vigilanza le notizie e la collaborazione dagli stessi richiesta al fine di consentire il regolare funzionamento del mercato; d) non rifiutare le comunicazioni o gli avvisi inviati agli stessi per motivi di servizio; e) non utilizzare apparecchi per l amplificazione e diffusione di suoni, fatta eccezione per i venditori di dischi, musicassette, radio, strumenti e articoli musicali in genere, evitando comunque di recare disturbo alle attività limitrofe; f) provvedere, alla chiusura del mercato, ad una accurata pulizia del suolo pubblico in concessione. Con l uso del posteggio, il concessionario, assume tutte le responsabilità verso terzi derivanti da leggi, doveri e ragioni connesse all esercizio dell attività. I titolari di concessioni esistenti alla data di approvazione del presente Regolamento, conservano il diritto di continuare l attività di vendita sino alla fine del corrente anno solare. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag. 9 - COMUNE DI CERCEMAGGIORE

10 Si intendono, inoltre, integralmente richiamate, in quanto applicabili, le disposizioni di carattere igienico-sanitario stabilite dalle leggi, dai regolamenti e dalle ordinanze vigenti in materia. Articolo 14 Canone di posteggio La concessione di posteggio è soggetta al pagamento di un canone, in relazione all entità dell area o dello spazio pubblico occupato, secondo quanto previsto dagli atti e dai regolamenti comunali. Per i posteggi temporanei, il pagamento va effettuato sul posto mediante versamento postale o bancario su conto intestato al Comune di Cercemaggiore. Per i posteggi fissi, il pagamento va effettuato prima del rilascio dell'autorizzazione, tramite versamento su conto corrente intestato alla Tesoreria Comunale. Al momento della richiesta di ottenimento del posteggio, l interessato dovrà provvedere al versamento del relativo canone; tale versamento è riferito al primo anno di validità della concessione, con decorrenza dalla data di deposito al protocollo della richiesta stessa. Per le successive annualità, il termine di scadenza per il pagamento del canone è fissato al 31 gennaio di ogni anno, pena la revoca della concessione. Articolo 15 Diversa disciplina del mercato In occasione di particolari circostanze, quali manifestazioni civili e religiose, il mercato può essere disciplinato dal Sindaco, con apposite ordinanze. Art.16 Rinvio dinamico Le norme del presente regolamento si intendono modificate per effetto di sopravvenute norme vincolanti statali e regionali. In tali casi, in attesa della formale modificazione del presente regolamento, si applica la normativa sopraordinata. Art.17 - Rinvio alle norme di legge Per tutto quanto non previsto nel presente regolamento si fa espresso rinvio alle norme di legge statali o regionali disciplinanti il settore commerciale. Art.18 Abrogazioni Il presente atto abroga tutte le precedenti disposizioni regolamentari incompatibili con i suoi contenuti. Art.19 Entrata in vigore Il presente regolamento entra in vigore secondo i tempi e le modalità contemplate nella normativa di cui al Testo Unico sull Ordinamento degli Enti Locali n. 267/2000. DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag COMUNE DI CERCEMAGGIORE

11 DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag COMUNE DI CERCEMAGGIORE

12 DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag COMUNE DI CERCEMAGGIORE

13 Il presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto come segue: IL PRESIDENTE f.to Testa Vincenza IL SEGRETARIO f.to Iannotta Nadia Si esprime parere Favorevole in ordine alla REGOLARITÀ TECNICA, ai sensi dell art 49, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n 267 sulla proposta di deliberazione. Cercemaggiore, lì IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO f.to BONCRISTIANO NAZARIO ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ Si esprime parere Favorevole in ordine alla REGOLARITÀ CONTABILE ai sensi dell art 49, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n 267 sulla proposta di deliberazione. Cercemaggiore, lì IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO f.to Calabrese Danilo Reg. Pub. n 67 CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Il Sottoscritto Segretario, attesta che la presente deliberazione è affissa all albo pretorio del Comune per 15 giorni consecutivi dal al come prescritto dall art. 124 del D.Lgs. 267/2000. Cercemaggiore, lì IL SEGRETARIO f.to Iannotta Nadia CERTIFICATO DI ESECUTIVITÀ Il Sottoscritto Segretario, attesta che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il , poiché dichiarata immediatamente eseguibile (Art. 134, comma 4, DLgs. n 267/2000); poiché decorsi 10 (dieci) giorni dalla sua pubblicazione (Art. 134 comma 3, D.Lgs. n 267/2000). Cercemaggiore, lì IL SEGRETARIO f.to Iannotta Nadia Per copia conforme all originale, in carta libera per uso amministrativo. Cercemaggiore, lì IL SEGRETARIO Iannotta Nadia DELIBERA DI CONSIGLIO n. 6 del Pag COMUNE DI CERCEMAGGIORE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP.

Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. Città di Cosenza Settore Programmazione e Sviluppo Economico Servizio AA.EE.PP. FIERA DI SAN GIUSEPPE EDIZIONE 2010 AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA ALLEGATO A) Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 95 del 24/07/2007 REGOLAMENTO DI POLIZIA ANNONARIA Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Finalità Art. 3 - Recepimento, funzione attuativa e integrativa

Dettagli

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche

Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Allegato alla Delib.G.R. n. 15/15 del 19.4.2007 Criteri di attuazione del commercio su aree pubbliche Art. 1 Definizioni Con il presente provvedimento vengono definite le direttive ed i criteri di attuazione

Dettagli

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA

INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA REGOLAMENTO DEI MERCATI Approvato con delibera CC n. 204 del 19/11/2003 INDICE ARTICOLO TITOLO PAGINA Art. 1 Finalità... 3 Art. 2 Definizioni... 3 Art. 3 Ambito di applicazione... 4 Art. 4 Recepimento,

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali.

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. 1 Indice Art. 1 - Finalità Pag. 3 Art. 2 - Individuazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO comunale

REGOLAMENTO comunale Servizio AA.PP. REGOLAMENTO comunale per la disciplina del pagamento del C.O.S.A.P. per i posteggi ed altra area pubblica utilizzata per l esercizio di attivita economiche Approvato con deliberazione di

Dettagli

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE

LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE LISTA LINEE DI CONTROLLO NELLE IMPRESE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE commercio su aree pubbliche su posteggio Titolo abilitante (all esercizio di commercio su aree pubbliche al dettaglio su posteggio) art.

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELLE FIERE E MANIFESTAZIONI OCCASIONALI Approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 21 febbraio 2005 Indice Art. 1 Norme

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE ALLEGATO DELIB. C.C. n. / 2010 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO FIERA DEI CORPI SANTI 1) Richiami normativi. D. legislativo 114/98 riforma della disciplina del commercio a norma dell articolo 4

Dettagli

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare

Art. 1 Svolgimento. Art. 3 Circolazione pedonale e veicolare REGOLAMENTO MERCATO PIAZZALE FORO BOARIO DI VILLA POTENZA Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 9 febbraio 2010 Esecutiva il 26 febbraio 2010 Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercato del Foro Boario

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTÀ DI BRA Provincia di CUNEO REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO (approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 15/2002) 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento...... 3 Art.

Dettagli

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO

MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 REGOLAMENTO MERCATINO DELLE PULCI E DELL ANTIQUARIATO Allegato alla deliberazione consiliare n.96 del 30 novembre 2006, esecutiva dal 27 dicembre 2006 SOMMARIO NORME DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO TITOLO I CARATTERISTICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE

MERCATINO ARTISTICO. di SAN PANTALEO IL DIRIGENTE MERCATINO ARTISTICO di SAN PANTALEO ORDINANZA Disciplinante il mercatino artistico di San Pantaleo ORDINANZA n 3 del 26/01/2007 IL DIRIGENTE VISTO il D.Lgs. n 114 del 31.03.1998 Riforma della disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO

REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO REGOLAMENTO MERCATINO NATALIZIO Art. 1 Svolgimento 1. Il mercatino Natalizio è una fiera specializzata del settore alimentare e non alimentare per la vendita di prodotti tipici dell artigianato; si svolge

Dettagli

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO.

COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO. COMUNE DI TARANTO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PRODUTTIVO BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI/BOX IN CONCESSIONE/LOCAZIONE NEI MERCATI DI TARANTO. IL DIRIGENTE Considerato che: si deve procedere alla

Dettagli

Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano

Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano Comune di Abbiategrasso Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con delibera di C.C. n. 38 del 09.04.2002 e successive modificazioni: con delibera

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 14 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Commercio su area pubblica. Determinazione

Dettagli

Comune di Avigliana. Disciplinare

Comune di Avigliana. Disciplinare Comune di Avigliana Provincia di Torino Disciplinare Mercato riservato all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli gestito da Federazione Coldiretti Torino ai sensi del d.m.

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 30.04.2010 pubblicata all Albo Pretorio dal 14.05.2010

Dettagli

Comune di. San Marcello Pistoiese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE

Comune di. San Marcello Pistoiese REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE Comune di San Marcello Pistoiese PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE Anno 2015 2 INDICE TITOLO 1. NORME GENERALI... 4 Articolo 1. Ambito

Dettagli

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE

Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE Piano e Regolamento Commercio aree pubbliche PIANO E REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (art. 40 L.R.T. 7 Febbraio 2005 n. 28 e successive modifiche

Dettagli

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO

CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO DEL PICCOLO ANTIQUARIATO CITTA DI CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO MERCATINO DELL USATO E DEL PICCOLO ANTIQUARIATO approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 4 in data 17/03/2008-1 - ART. TITOLO PAG. 1

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.).

REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Città di Sondrio REGOLAMENTO RECANTE CRITERI PER LA CIRCOLAZIONE E ASSEGNAZIONE DEI POSTI - AUTO NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.). Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 75 del 31.10.2008

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE)

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI; MERCATI COSIDETTI A KM 0. (Testo integrale riportate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO

COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO Allegato A) COMUNE DI PARMA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PROMOZIONE DEL TERRITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN POSTEGGI ISOLATI approvato con Deliberazione

Dettagli

INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO. Articolo 1 Il mercato di Natale

INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO. Articolo 1 Il mercato di Natale INDICE CAPO I SEZIONI REGOLAMENTARI SEZIONE I: IL MERCATO CARATTERISTICHE DEL MERCATO Articolo 1 Il mercato di Natale Articolo 2 Orari di mercato e giornate di apertura Articolo 3 Domanda di partecipazione

Dettagli

1) E indetto Bando Comunale per la formazione di graduatorie utilizzabili per la concessione

1) E indetto Bando Comunale per la formazione di graduatorie utilizzabili per la concessione BANDO COMUNALE PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DELLA FIERA QUARESIMALE E DEL GRILLO DELL ANNO 2014. IL RESPONSABILE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE E SERVIZI Visto il Piano Comunale

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI

COMUNE DI SASSO MARCONI COMUNE DI SASSO MARCONI Provincia di Bologna SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE REGOLAMENTO "MERCATO ORDINARIO" Giugno 2000 1 art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina il mercato ordinario

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 -

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ORGANIZZAZIONE E LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI COMUNALI IN MATERIA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - 1 - COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO CHE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 96 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.56 Reg.Del./7 Prop.Del NELLA SEDUTA DEL 28/03/2011 TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Contenuto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI POSTEGGI COPERTI FRAZIONI LA CRETAZ E LES GALLIANS, LE VOISINAL, CHEZ LES BREDY E LE BOUYOZ DI PROPRIETA DEL COMUNE DI OYACE 1 2 Art. 1 Oggetto....3 Art. 2. Divieti ed obblighi....3

Dettagli

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale

COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO. Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO Regolamento della manifestazione Mercatino dell usato non professionale Approvato con Deliberazione di C.C. n. 22 del 15/03/2012 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI

ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI ALLEGATO C COMUNE DI CASTELNOVO NE MONTI REGOLAMENTO DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE (Tipologia a art. 6, comma 1, L.R. 25.6.1999 n. 12) INDICE 1. TIPOLOGIA DELLE FIERE E FIERE STRAORDINARIE 2. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUDCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE RELATIVE

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI SU AREA PUBBLICA Il presente Regolamento è stato approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 21 ottobre 2014,

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA Provincia di Reggio Emilia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 34 DEL 30-04-10 O R I G I N A L E Oggetto: SPOSTAMENTO ED AMPLIAMENTO DEL MERCATO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR.

COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. COPIA COMUNE DI GAMBASCA Provincia di CUNEO DETERMINAZIONI DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 05/SEGR. OGGETTO: Bando pubblico per l assegnazione di posti fissi del mercato settimanale della domenica mattina

Dettagli

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO R E P U B B L I C A I T A L I A N A CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO Servizio Sportello Unico Attività Produttive REGOLAMENTO del commercio al dettaglio su aree

Dettagli

AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE

AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE AREA PARTECIPAZIONE E DIRITTI DEI CITTADINI UNITA ORGANIZZATIVA COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO DELLE FIERE E SAGRE ART. 1 Tipologia commercio fiere e sagre. ART. 2 Istituzione e

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO Servizio Attività Economiche Largo della Repubblica 12 48022 Lugo Tel. 0545 38541 Fax 0545 38371 I.D. 87461 sportellounico@unione.labassaromagna.it Allegato alla Determina n. 1333 del 01/12/2011 UNIONE

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 3 marzo 1999, n. 9 art. 9, comma

Dettagli

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso)

Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Comune di Portobuffolè (Provincia di Treviso) Mercatino dell Antiquariato e del Collezionismo Istituito con deliberazione C.C. n. 80 del 23/10/1989 Confermato con deliberazione C.C. n. 4 del 21/2/2002

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Adunanza del 18/12/2014 Deliberazione n 124 Oggetto: Fiera promozionale denominata "Mercatino delle Crete" - Direttive

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 9 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : MODIFICHE ALLE TARIFFE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA E DI ISTRUTTORIA PER I PROCEDIMENTI IN MATERIA DI CIRCOLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

Comune di Serravalle Pistoiese

Comune di Serravalle Pistoiese Comune di Serravalle Pistoiese PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI SU AREE PUBBLICHE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 5 del 27/01/2014

Dettagli

COMUNE DI MONTI PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DI FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI

COMUNE DI MONTI PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DI FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI COMUNE DI MONTI PROVINCIA OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI POSTEGGI IN OCCASIONE DI FESTE O ALTRE MANIFESTAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 5 del 10.06.2014

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE

COMUNE DI ANACAPRI. (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE COMUNE DI ANACAPRI (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO DI VEICOLI SENZA CONDUCENTE Approvato con delibera di C.C. n. 23 del 21.04.2010 Art. 1 - Esercizio di noleggio

Dettagli

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale

Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale Le norme legislative che disciplinano L attivita commerciale DEFINIZIONE DI COMMERCIANTE E commerciante quel soggetto (persona fisica o società) che esercita un attività economica consistente nell acquisto

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO BANDO COMUNALE DI CONCORSO PUBBLICO PER SOLI TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N.2 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA (NCC) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo. Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE

Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo. Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE Comune di AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Regolamento per la DISCIPLINA del COMMERCIO su AREE PUBBLICHE ai sensi della Legge Regionale n 6 del 2 febbraio 2010 e del d.lgs n 59 /2010 Approvato con

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27

Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27 Città di Bari RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO Largo Chiurlia, 27 BANDO COMUNALE ASSEGNAZIONE AREE IN CONCESSIONE NEI MERCATI DI BARI (la legge regionale n. 11/2003 e successive modificazioni e integrazioni)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO AREE COMUNALI ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 5.3.2012 N. 45/86570 P.G. COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI ATTIVITA DI SPETTACOLO VIAGGIANTE PRESSO

Dettagli

Art. 3 Art. 4 Art. 5

Art. 3 Art. 4 Art. 5 Regolamento disciplinante i requisiti, i criteri e le modalità per l ottenimento della qualifica di Fattoria didattica e/o sociale in attuazione dell articolo 23 della legge regionale 4 giugno 2004, n.

Dettagli

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche

Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche Regolamento comunale per il commercio su aree pubbliche - Approvato con deliberazione C.C. n. 1 del 17 gennaio 2005 - Modificato con deliberazione C.C. n. 19 del 07 marzo 2007 a seguito dell entrata in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DELLE AREE A FAVORE DEGLI ESERCENTI LE ATTIVITA DELLO SPETTACOLO VIAGGIANTE E CIRCENSE approvato con delibera di C.C. n. 54 del 02.07.1998 Art. 1 Norme generali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA. Comune di Chiesina Uzzanese. 16 maggio 2015

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA. Comune di Chiesina Uzzanese. 16 maggio 2015 REGOLAMENTO COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREA PUBBLICA Comune di Chiesina Uzzanese 16 maggio 2015 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 DEL 28/5/2015 Sommario TITOLO I...4 CAPO I OGGETTO

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 31 marzo 2015

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 31 marzo 2015 Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2015 01337/016 Area Commercio e Attività Produttive Servizio Innovazione e Sviluppo Aree Pubbliche Sanità Amministrativa GC 4 CITTÀ DI TORINO

Dettagli

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO

COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 46 Del 15-10-13 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO - AP= PROVAZIONE L'anno

Dettagli

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei

Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Regolamento Comunale Per la disciplina dell attività dei Centri di Telefonia Internazionale Approvato con deliberazione consiliare n. 17 del 30/06/2006 ART. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO - Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 10.03.2015 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO ***************

COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** COMUNE DI FANO SETTORE SERVIZI ECONOMICI U.O. COMMERCIO *************** REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA FIERA MERCATO DELL ANTIQUARIATO Approvato con deliberazione del consiglio

Dettagli

Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento

Città di CHIOGGIA. Piano per il Commercio su Aree Pubbliche. Regolamento Città di CHIOGGIA approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 27/01/2004 modificato con delibera del Consigliio Comunale n. 93 del 30/09/2004 Piano per il Commercio su Aree Pubbliche Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI PATERNO' Provincia di Catania

COMUNE DI PATERNO' Provincia di Catania COMUNE DI PATERNO' Provincia di Catania BANDO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI DI TIPOLOGIA A SU AREE PUBBLICHE NEL COMUNE DI PATERNO'. L. R. N.18/95 e ss. mm.ii. IL CAPO U. O. AA.PP. Visto: -

Dettagli

COPIA ORDINANZA SINDACALE n. 48 DEL 09-09-2015

COPIA ORDINANZA SINDACALE n. 48 DEL 09-09-2015 COMUNE DI SAMMICHELE DI BARI Provincia di Bari COPIA ORDINANZA SINDACALE n. 48 DEL 09-09-2015 OGGETTO: ORDINANZA SINDACALE REGOLAMENTAZIONE VEICOLARE Z.T.L. CENTRO STORICO. Premesso che - risulta necessario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 4 di data 6 marzo 2014 Entrato in vigore il 6 marzo 2014

Dettagli

Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.

Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE XIV Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.it BANDO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI Il presente Regolamento ha lo scopo di definire gli ambiti autorizzatori e gli aspetti connotativi delle varie manifestazioni ricorrenti con

Dettagli

Comune di Cortazzone

Comune di Cortazzone Comune di Cortazzone REGOLAMENTO del MERCATO RISERVATO ALL ESERCIZIO DELLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Articolo 1 (Finalità ed impegni di carattere generale) 1) Il presente Regolamento

Dettagli

ART.1 ISTITUZIONE DEL MERCATINO ART. 2 SVOLGIMENTO DEL MERCATO

ART.1 ISTITUZIONE DEL MERCATINO ART. 2 SVOLGIMENTO DEL MERCATO COMUNE DI VICOPISANO REGOLAMENTO FIERA PROMOZIONALE MERCATINO DEL COLLEZIONISMO Allegato al Piano Comunale del Commercio su Aree Pubbliche (allegato 1) INDICE ART. 1 ISTITUZIONE DEL MERCATO ART. 2 SVOLGIMENTO

Dettagli

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i.

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno

COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 58 del 16.07.2015 OGGETTO: Contratto di locazione commerciale di un immobile di proprietà del Comune

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MASER PROVINCIA DI TREVISO CRITERI DI PROGRAMMAZIONE COMMERCIALE PER L INSEDIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE COMMERCIALI E NORME PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI ALL APERTO

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI ALL APERTO Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI ALL APERTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 57 del 22/12/2009 INDICE Art. 1 Art. 2 Art.

Dettagli

Controlli sulle imprese

Controlli sulle imprese Controlli sulle imprese Art. 25 del d.lgs. 33/2013 Oggetto dei controlli è la verifica della conformità delle attività esercitate a quanto autorizzato, ovvero del contenuto delle dichiarazioni rilasciate

Dettagli

COPIA DETERMINAZIONE N. 16 DEL 22/07/2010

COPIA DETERMINAZIONE N. 16 DEL 22/07/2010 SETTORE UNITA IMPEGNO 3 SERVIZI PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO COMMERCIO COPIA DETERMINAZIONE N. 16 DEL 22/07/2010 OGGETTO: ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI IN CONCESSIONE ANNUALE PER LA VENDITA AMBULANTE NEL

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

CITTA DI STRESA. (Provincia del Verbano-Cusio-Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE

CITTA DI STRESA. (Provincia del Verbano-Cusio-Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE CITTA DI STRESA (Provincia del Verbano-Cusio-Ossola) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con D.C.C. n. 2 del 02.03.2011 e n. 68 del

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

COMUNE DI BRUNATE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO IN CONCESSIONE DI PROPRIETA COMUNALE 1

COMUNE DI BRUNATE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO IN CONCESSIONE DI PROPRIETA COMUNALE 1 COMUNE DI BRUNATE Provincia di Como Tel. 031/220.301 Telefax 031/221.357 Cod. Fiscale 80010180133 Partita I.V.A. 00707370136 e-mail info@comune.brunate.co.it REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI edicole PIANO ESCLUSIVE 1 20 marzo 2007 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Aspetti di carattere generale 1. Il presente

Dettagli

OGGETTO: Domanda/Comunicazione per

OGGETTO: Domanda/Comunicazione per MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE (TIP. B) (La marca da bollo deve essere applicata solamente nel caso di richiesta di nuova autorizzazione) Marca da bollo da 14.62 AL COMUNE di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI Approvato con delibera di consiglio del Commissario Straordinario n. 17 del 18.03.2004 1 INDICE Art. 1 - Contenuto del Regolamento. Art. 2 - Definizione di passo

Dettagli