Sistemi IBM Open Power e IBM xseries

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi IBM Open Power e IBM xseries"

Transcript

1 Sistemi IBM Open Power e IBM xseries ACG Express Applicazioni Contabili Gestionali Guida Applicativa Console Amministrativa Questo documento è pubblicato sul seguente indirizzo si consiglia di verificare periodicamente la pubblicazioni di aggiornamenti

2 Copyright IBM Corp. 2005, 2006 Questa guida si riferisce alla Versione 3 Rilascio 8 livello di modifica 0 ACG Express Console Amministrativa. Java and all Java-based trademarks are trademarks of Sun Microsystem, Inc. in the United States, other counties, or both. Il software "Caravel Core Classes" e la tecnologia Caravel che vengono installati come parte del prodotto ACG Express, sono proprietà della TransTOOLS, S.A., sono protetti dal corrispondente Copyright. 2

3 Indice 1. INTRODUZIONE CARATTERISTICHE GENERALI AVVIAMENTO DI ACG EXPRESS Avvio della Console in ambiente Windows Avvio della Console in ambiente Linux Deployment dell applicazione Registrazione della licenza della framework e inserimento parametri WebSphere Application Server Impostazioni relative alla memoria utilizzata da Websphere Creazione del database DB2 e Application Server sulla stessa macchina DB2 e Application Server su macchine diverse DB2 in ambiente Windows DB2 in ambiente Linux Ripristino dei database Passo 1: parametri di connessione al database Passo 2: ripristino dei database applicativo e di sistema LE ALTRE FUNZIONALITÀ DELLA CONSOLE AMMINISTRATIVA Login Configurazione del client della Framework di sistema Client Configuration Viewer Configurazione del Server della Framework di sistema Server Configuration Viewer Locazione del modello del database di prodotto (directory Data) Utente per la connessione Azione di Login Restore dei database (Restore DB) Restore dei database iniziali Restore di una singola libreria applicativa Restore di un singolo oggetto applicativo Salvataggio dei database (Salva DB) Salvataggio dei database del prodotto Salvataggio di una libreria applicativa Salvataggio di un singolo oggetto applicativo

4 4.4 Creazione Libreria Applicativa Creazione struttura multi azienda (Librerie Dati) Password Installazione delle correzioni (PTF) Migrazione Menu della Console Amministrativa COMMENTI E COMUNICAZIONI

5 1. Introduzione Lo scopo di questa guida è descrivere le principali caratteristiche applicative e operative del prodotto ACG Express Console Amministrativa versione 3 rilascio 8 livello di modifica 0. La guida potrà essere utilizzata sia per completare l installazione del prodotto ACG Express che per eseguire alcune funzionalità di supporto al suo funzionamento. La guida contiene due capitoli fondamentali: Avviamento di ACG Express: dove sono descritti i passi da effettuare per poter rendere operativo il prodotto (deployment, creazione e caricamento dei database, codici di autorizzazione) Le altre funzionalità della Console Amministrativa: dove sono descritte le funzioni che sono necessarie per poter utilizzare il prodotto (creazione di ambienti applicativi, caricamento delle correzioni, atc.). 5

6 2. Caratteristiche generali L installazione della Console Amministrativa sul sistema avviene contestualmente alla prima fase d installazione di ACG Express eseguita dal CD fornito da IBM. Il prodotto ACG Express Console Amministrativa contiene un insieme di funzionalità che hanno l obiettivo di gestire l installazione dei database del prodotto e di fornire all utente le funzioni di amministrazione comuni ai vari moduli applicativi. Vale la pena, a questo punto, fare un breve accenno all architettura di ACG Express, per poter spiegare perché è necessario fornire certe informazioni durante la fase di avviamento del prodotto. ACG Express si basa su una Framework di sistema costruita con il software Caravel Core Classes e la tecnologia Caravel. E possibile definire il comportamento a run time della Framework impostando alcuni parametri di configurazione attraverso le funzionalità messe a disposizione dalla Console Amministrativa. La Framework, in generale, consente di impostare un architettura Client-Server nella quale più parti client chiedono servizi ad un unica parte server, dove le parti client e le parti server potrebbero risiedere su processi separati oppure coesistere nello stesso processo. E per questo che nella Console Amministrativa i parametri di configurazione sono suddivisi tra parte client e parte server. In particolare, nel caso di questo rilascio di ACG Express il processo client e il processo server della Framework coesistono nello stesso processo. Le funzioni messe a disposizione dell utente con ACG Express Console Amministrativa sono le seguenti: Deployment dell applicazione web: consiste nell installazione dell applicazione web all interno dell Application Server IBM WebSphere Impostazione dei parametri di configurazione delle parti client e server della Framework di sistema: consente di modificare le informazioni presenti nei relativi file xml attraverso un interfaccia grafica Database: consiste nella dichiarazione dell istanza del database che dovrà essere utilizzata per la creazione dei database Creazione dei database dell applicazione: consiste nella creazione dei database indicati nel file di configurazione della Framework. Di default per ACG Express vengono creati i database di sistema e applicativo: LEOSYS e LEONARDO Ripristino dei database dell applicazione: consiste nel popolamento dei database creati precedentemente, ovvero nella creazione delle tabelle e nel caricamento di una serie di dati Installazione del database di demo: ACG Express distribuisce un database con un insieme di dati di prova che possono essere usati dall utente per effettuare prove di utilizzo Inserimento codice di autorizzazione dei prodotti applicativi: ogni modulo applicativo che fa parte di ACG Express ha bisogno di un codice di autorizzazione per poter andare in esecuzione. Tale funzionalità consente di caricare sul sistema i codici di autorizzazione forniti da IBM per ciascun modulo Salvataggio/Esportazione del database dell applicazione o di sue tabelle/librerie: consente di effettuare un salvataggio su disco dell intero database, di una singola libreria o di oggetti singoli del database Creazione di una libreria applicativa : consiste nella creazione di uno schema di database che conterrà le Azioni e i Menu di Modulo Base (vedi la corrispondente Guida 6

7 Applicativa) dell ambiente applicativo relativo. Tale libreria potrebbe essere utilizzata anche per contenere i dati aziendali Creazione di una struttura multi azienda: consiste nella definizione di una terna ordinata di schema che rappresentano, nell ordine, i dati di un azienda (libreria aziendale), i dati comuni a più aziende (libreria comune), i dati che possono contenere contemporaneamente dati di più aziende (libreria di gruppo) Installazione di correzioni/aggiornamenti di prodotto (PTF): consiste nell installazione degli aggiornamenti di ACG Express. Installazione di singoli prodotti: consiste nell installazione di singoli prodotti rilasciati successivamente. 7

8 3. Avviamento di ACG Express Questa parte della guida deve essere consultata da chi ha appena eseguito la prima fase di installazione di ACG Express da CD (si veda la guida all installazione) e deve eseguire la seconda fase di installazione, che indicheremo come fase di avviamento. Anche se i passi di avviamento sono descritti in dettaglio nei paragrafi che seguono nella Guida, viene riportata una tabella riassuntiva di tali passi. NOTA: la tabella si riferisce al caso più semplice in cui il DB2 sia installato sulla stessa macchina in cui è installato WebSphere (e quindi l applicazione web ACG Express): 8

9 Passo Azione Istruzioni/Commenti 1 Avviare la console Windows : Console da Start/Programmi/ACGExpress Linux: Lancio dello script./console_acgj.sh 2 Avviare l Application Server WebSphere 3 Deployment (pagina Applicazioni della Console). Consiste nell installazione dell applicazione all interno dell Application Server 4 Avviare l applicazione web appena installata dalla console di WebSphere 5 (W) Creazione dei database di ACG Express in ambiente Windows: Consiste nella creazione dei database LEONARDO (applicativo) e LEOSYS (di sistema) 5 (L) Creazione dei database di ACG Express in ambiente Linux: Consiste nella creazione dei database LEONARDO (applicativo) e LEOSYS (di sistema) 6 Restore DB. Consiste nella creazione delle tabelle, delle viste e degli indici propri di ACG Express nei database creati nei passi precedenti 7 Login alle funzioni della Console Amministrativa 8 Immissione delle password dei moduli applicativi Immettere: il nome che si vuole dare all applicazione ACG Express che verrà installata la locazione del file acg-express.war (che si trova nella directory di installazione di ACG Express) la home directory di WebSphere il nome dell Application Server il nome del nodo dell Application Server e attendere il messaggio di completamento. Se necessario, creare un istanza di DB2 utilizzando il comando db2icrt Prendere nota di Nome dell istanza del DB2 Nome dell utente associato all istanza e la sua password Disco su cui si trova l istanza Utilizzare la pagina DB2 della Console Amministrativa, dove vanno utilizzati alcuni dei dati annotati Se necessario, creare un istanza di DB2 utilizzando il wizard grafico del DB2 (lanciare lo script $DB2DIR/instance/db2isetup da root) Prendere nota di Nome dell istanza del DB2 Nome dell utente associato all istanza e la sua password (Es. db2acgj) Nome del gruppo di appartenenza (Es. db2grp) Nome della home directory (Es. /db2home/db2acgj) Numero della porta su cui è in ascolto l istanze del DB2 creata, l utente, la password Utilizzare la pagina DB2 della Console Amministrativa, dove vanno utilizzati alcuni dei dati annotati Pagina Login: Selezionare caravel.xml.properties Selezionare system.xml.properties Configurare di system.xml.properties Selezionare directory Data Pagina Restore DB Selezionare DB applicativo e DB di sistema Lanciare tasto Restore DB Attendere messaggio di fine Dalla pagina di Login, utilizzare il tasto Login per rendere operative le altre funzionalità della Console Amministrativa Richiedere a IBM i codici di autorizzazione all uso: verranno forniti con un file di testo Dalla pagina Passwords indicare la locazione del file di testo 9

10 3.1 Avvio della Console in ambiente Windows In ambiente Windows la prima fase dell installazione crea il meanu ACG Express nel menu Start/Programmi di Windows Da questa voce è possibile selezionare la sottovoce Console che consente di utilizzare tutte le funzionalità messe a disposizione da ACG Express Console Amministrativa. Verrà visualizzato il pannello principale dell applicazione. 3.2 Avvio della Console in ambiente Linux In ambiente Linux la console (che è un tool grafico) deve essere avviata attraverso i seguenti passi: Effettuare il login come utente root Verificare il contenuto della variabile LANG con il comando: echo $LANG Se il contenuto della la variabile differisce dal valore en_us.utf-8 ed è installato un sistema operativo in inglese, eseguire il comando: export LANG=en_US.UTF-8 se invece è installato un sistema operativo in italiano, eseguire il comando: export LANG=it_IT.UTF-8 Posizionarsi nella directory di installazione di ACG Express (il comando di default è: cd /opt/acgexpress ) Lanciare la console con il comando:./console_acgj.sh Verrà visualizzato il pannello principale dell applicazione. NOTA: Qualora vi fossero problemi con l esecuzione dello script verificare i relativi permessi di esecuzione dello script a livello di sistema operativo. 10

11 3.3 Deployment dell applicazione Questo passo costituisce l installazione del prodotto all interno dell Application Server IBM WebSphere che, come precisato nel documento che riguarda la prima fase dell installazione, costituisce un prerequisito di ACG Express. AVVERTENZA: Prima di procedere con il deployment dell applicazione web sotto Websphere, verificare che l Application Server sia stato avviato. Il pannello che viene visualizzato con l avvio della console amministrativa, mostra una cartella con più pagine. La prima pagina visualizzata è quella dal titolo Login e consente di accedere a tutte le funzioni della Console Amministrativa che utilizzano i database. Poiché si sta effettuando una prima installazione e i database non sono popolati,le altre funzioni della Console non sono accessibili. La prima operazione che deve essere fatta a questo punto è il deployment dell applicazione in IBM Websphere Application Server. Questa operazione è possibile dalla pagina intitolata Applicazioni. 11

12 Immettere le informazioni richieste come segue: Nome applicazione web: indicare il nome che si intende dare all applicazione all interno dell Application Server (il nome deve essere univoco). Il nome dato creerà la cartella Nome_applicazione.ear, all interno della quale verrà installata l applicazione vera e propria Percorso dell applicazione (file.war): indicare il percorso in cui è reperibile il file acg-express.war (ovvero l applicazione web da installare) Di default viene caricato il percorso dell applicazione contenuta nella directory Repository della directory di installazione del prodotto ACG Express. Per selezionare un altro eventuale percorso utilizzare il pulsante Cerca. HOME directory dell Application Server: indicare la directory di installazione dell Application Server (per esempio C:\Programmi\IBM\WebSphere). Per selezionare la directory utilizzare il pulsante Cerca. (Prima di selezionare il percorso verificare che l Application Server sia stato avviato) Nome del server: viene visualizzato il nome dell Application Server. Qualora esistessero più Application Server allora verrebbe reso operativo il pulsante che consente di selezionare un altro server Nome del nodo: viene visualizzato il nome del nodo in cui risiede l applicazione web.. Qualora esistessero più nodi allora verrebbe reso operativo il pulsante che consente di selezionare un altro nodo Dopo aver riempito i campi del pannello è possibile utilizzare il pulsante Deploy per avviare il deployment dell applicazione. Tale operazione potrà richiedere qualche minuto di tempo. Attendere il messaggio di completamento. Dando l OK verrà visualizzato il log delle operazioni effettuate per fare una verifica del suo corretto completamento. NOTA: una volta effettuato il deployment dell applicazione sarà possibile avviarla dalla console di WebSphere. 3.4 Registrazione della licenza della framework e inserimento parametri WebSphere Application Server Dopo aver eseguito il deployment dell applicazione web occorre registrare la licenza della framework, il numero e la chiave della licenza vanno richiesti utilizzando la procedura presente sul sito sezione password. cliccare sull icona che si trova nel pannello di Login della console, affianco al bottone Configura relativo al file system.xml.properties. 12

13 Verrà visualizzato il seguente pannello: LA REGISTRAZIONE PUO AVVENIRE IN DUE MODALITA : ON-LINE (CON CONNESSIONE AD INTERNET) OPPURE OFF-LINE. PARAMETRI OBBLIGATORI NECESSARI PER ENTRAMBE LE MODALITA DI REGISTRAZIONE Cartella di output indica la cartella/directory in cui verranno generati i file relative alla licenza, utilizzare il bottone Sfoglia per selezionarla. Licenza nr indica il numero di licenza ricevuto a seguito della richiesta. Chiave nr indica la chiave della licenza ricevuta a seguito della richiesta. Azione selezionare REGISTER per la prima registrazione. Qualora ci siano future modifiche alla framework che comportino il rilascio di una nuova versione sarà necessario eseguire l aggiornamento della licenza della framework selezionado UPDATE anzichè register. Nel caso si voglia annuallare una registrazione selezionare la voce UNREGISTER. L installazione di piu applicazioni web sullo stesso server comporta una sola registrazione. 13

14 Se si desidera eseguire la registrazione on-line premere Bottone OK ed attendere il messaggio di completamento. NOTA: Si consiglia di mantenere i dati relativi alla licenza (numero e chiave) per poter eseguire in futuro operazioni di aggiornamento o reinserimento della licenza stessa. SI CONSIGLIA DI UTILIZZARE LA MODALITA ON-LINE Qualora la registrazione on-line non fosse possibile utilizzare la modalità off-line selezionando la checkbox Reg. off-line. La checkbox Reg. off-line consente di eseguire la registrazione della licenza off-line (senza connessione ad internet) in due fasi, abilitando questa voce vengono visualizzati altri due parametri: PRIMA FASE o o o o Impostare il campo Cartella di output come indicato sopra. Impostare il campo Licenza nr. come indicato sopra. Impostare il campo Azione come indicato sopra. Output file con codice licenza: impostare il path della cartella in cui verrà generato il file code.txt contenente i dati necessari per la registrazione della licenza e premere OK. Ottenuto questo file sara necessario allegarlo alla chiamata per richiesta password che occorrera aprire attraverso il sito RICEVUTO IL FILE (key.txt ) CON LA CHIAVE DI REGISTRAZIONE PASSARE ALLA SECONDA FASE 14

15 SECONDA FASE o o o Impostare il campo Cartella di output come indicato sopra. Impostare il campo Azione come indicato sopra. - Input file con chiave di registrazione: Ottenuto il file con la chiave di registrazione (key.txt) e premere il bottone OK ed attendere il messaggio di completamento. Terminata la procedura di registrazione (sia on-line che off-line) occorre riportare il percorso della cartella/directory contente i file con i dati della licenza nel file di configurazione system.xml.properties, potete utilizzare l apposita funzione descritta nel capitolo Configurazione del Server della Framework di sistema (il pannello specifico per tale funzione è il License Validation del tool di configurazione ). 15

16 3.5 Impostazioni relative alla memoria utilizzata da Websphere Si raccomanda di modificare i parametri di WAS relativi alla gestione della quantita di memoria riservata alla JVM (Dimensione di heap massima), come indicato nelle immagini seguenti per evitare di incappare nell errore : Exception in thread "main" java.lang.outofmemoryerror: Java heap space WAS 6.x La dimensione impostata è in relazione alla quantita fisica di memoria installata nella macchina ed in particolare una corretta impostazione della dimensione heap iniziale riduce il sovraccarico della raccolta di dati inutilizzati, migliorando il tempo di risposta e la velocità di elaborazione del server. Se il valore è troppo basso, il server potrebbe fornire scarse prestazioni dovute al sovraccarico di un elevato numero di raccolte di dati inutilizzati minori. Se il valore è troppo elevato, l'utilizzo della memoria verrà sottodimensionato. Una corretta impostazione della dimensione heap massima riduce il sovraccarico della raccolta di dati inutilizzati mentre si controlla la capacità del server di soddisfare la richiesta di realizzazione di nuovi oggetti. Se il server non dispone di ulteriore memoria nell'heap e ciò non è causato da un malfunzionamento, potrebbe essere necessario aumentare questo valore. Se il valore è troppo basso, il server 16

17 potrebbe fornire scarse prestazioni dovute al sovraccarico di un elevato numero di raccolte di dati inutilizzati minori oppure avere spazio insufficiente per soddisfare la richiesta. Se il valore è troppo alto, la JVM (Java Virtual Machine) potrebbe impegnare della memoria che sarebbe meglio utilizzata da altri componenti nel sistema. Salvare le modifiche della configurazione e procedere al riavvio del server WAS. 3.6 Creazione del database Una volta effettuato il deployment dell applicazione si devono creare i database utilizzati da ACG Express. Prima di ciò è necessario avere a disposizione un istanza del DB2 in cui creare i database di ACG Express. Di seguito vengono riportate alcune indicazioni in merito, per gli ambienti Windows e Linux. Fare comunque riferimento alla documentazione del DB2 e alle informazioni presenti sui siti ufficiali IBM per maggiori dettagli. Ambiente Windows Di default in windows viene creata un istanza denominata DB2 qualora si volesse creare una nuova istanza di database è necessario utilizzare la console del DB2 e lanciare il comando db2icrt fornendo in particolare il nome dell istanza da creare, la porta sulla quale tale istanza sarà in ascolto e il nome di un utente. Ambiente Linux In questo caso DB2 mette a disposizione un tool grafico di creazione di un istanza. Questo è attivabile attraverso il lancio dello script $DB2DIR/instance/db2isetup, da root, dove $DB2DIR rappresenta la directory d installazione del DB2 (es. /opt/ibm/db2/v8.2). Durante l esecuzione di questo tool verrà richiesto: Il nome di un utente (per esempio db2acg) Il nome del gruppo di appartenenza (per esempio db2grp) la home directory (per esempio /db2home/db2acg) il numero della porta sulla quale, per quell istanza, è in ascolto il DB2 In entrambi gli ambienti si consiglia di annotare il nome dell istanza, la porta di ascolto, il nome e la password dell utente, la locazione dell istanza (nel caso di Windows il disco sul quale risiede l istanza; nel caso di Linux il percorso dell istanza). Tali informazioni saranno utili nei successivi passi di avviamento di ACG Express. Una volta creata o individuata l istanza del DB2 che dovrà essere considerata, si dovranno creare i database di ACG Express. Per fare questo si potranno usare due metodi diversi a seconda che il DB2 sia installato sulla stessa macchina dell Application Server oppure su una macchina diversa. I paragrafi seguenti entreranno nel dettaglio dei due casi. 17

18 Alla fine risulteranno creati i due database denominati LEOSYS e LEONARDO nell istanza del DB2 presa in considerazione DB2 e Application Server sulla stessa macchina Nel caso in cui il DB2 sia sulla stessa macchina dell Application Server si può utilizzare la pagina DB2 della Console Amministrativa: In questa pagina: Selezionare l istanza del DB2 che si vuole usare Immettere il nome dell utente proprietario dell istanza ora selezionata In ambiente Windows: Selezionare il disco sul quale è presente l istanza del DB2 selezionata In ambiente Linux: selezionare il percorso in cui si trova l istanza del DB2 selezionata Utilizzare il tasto Crea DB per procedere alla creazione dei database In questa fase vengono creati due database: LEONARDO, che è il database applicativo LEOSYS che è il database di sistema, ovvero l insieme delle tabelle che memorizzano oggetti di gestione del sistema, quali: code messaggi, code di stampa, code dati, profili utente, etc. 18

19 3.6.2 DB2 e Application Server su macchine diverse Se il DB2 risiede su una macchina diversa da quella dell Application Server è possibile creare i database di ACG Express attraverso delle operazioni che richiedono qualche intervento manuale da parte dell utente, secondo quanto riportato di seguito. Nella directory Database della directory di installazione di ACG Express, sono presenti i seguenti file: Modello_win_createDB.db2 Modello_runCreateDB.bat Modello_linux_createDB.db2 Modello_runCreateDB.sh Questi file devono essere copiati sulla macchina in cui risiede il DB2 e il loro contenuto deve essere modificato a seconda del sistema operativo installato su tale macchina (i dettagli nei paragrafi che seguono) DB2 in ambiente Windows Se il DB2 risiede su una macchina Windows diversa da quella dell Application Server, allora bisogna trasferire su questa macchina i file Modello_win_createDB.db2 Modello_runCreateDB.bat su una directory a scelta dell utente della macchina dove risiede il DB2, dove devono poi essere ridenominati come segue: createdb.db2 runcreatedb.bat E necessario personalizzare il contenuto di questi file modificando alcune informazioni legate all installazione del DB2. In particolare devono essere impostati l utente e la locazione dell istanza del DB2 che si vuole usare. Per fare questo operare come segue: Editare il file createdb.db2 (come un file di testo) Modificare l utente: quello preimpostato nel file è db2admin, dunque bisogna effettuare una ricerca della stringa db2admin e sostituirla con il nome dell utente usato. Questa informazione è presente 4 volte nel file Modificare la locazione dell istanza DB2 che deve essere usata: la locazione preimpostata è C: e per modificarla bisogna effettuare una ricerca della stringa C: e sostituirla con il nome del disco in cui si trova l istanza del DB2 che verrà usata (per esempio D: ). Questa informazione è presente 2 volte nel file. Salvare il file con le nuove informazioni immesse Editare il file runcreatedb.bat (come file di testo) 19

20 Modificare il nome dell istanza del DB2 che si vuole usare: effettuare una ricerca della stringa DB2 e sostituirla con il nome dell istanza che verrà usata. Questa informazione è presente 1 volta nel file lanciare l applicazone runcreatedb.bat Il lancio di questa procedura comporta la creazione dei due database LEOSYS e LEONARDO nell istanza del DB2 associata all utente indicato nei file modificati manualmente DB2 in ambiente Linux Se il DB2 risiede su una macchina Linux diversa da quella dell Application Server, allora bisogna trasferire su questa macchina i file Modello_linux_createDB.db2 Modello_runCreateDB.sh su una directory a scelta dell utente della macchina dove risiede il DB2, dove devono poi essere ridenominati come segue: createdb.db2 runcreatedb.sh E necessario personalizzare il contenuto di questi file modificando alcune informazioni legate all installazione del DB2. In particolare devono essere impostati l utente e la locazione dell istanza del DB2 che si vuole usare. Per fare questo operare come segue: Editare il file createdb.db2 (come un file di testo) Modificare l utente: quello preimpostato nel file è db2admin. Se indichiamo con utente il nome dell utente che si vuole usare, bisogna effettuare una ricerca della stringa USER db2admin e sostituirla con la stringa USER utente. Questa informazione è presente 4 volte nel file Modificare la locazione dell istanza DB2 che deve essere usata: la locazione preimpostata è /db2home/db2admin e per modificarla bisogna effettuare una ricerca della stringa /db2home/db2admin e sostituirla con il nome della locazione usata. Questa informazione è presente 6 volte nel file Salvare il file con le nuove informazioni immesse Editare il file runcreatedb.sh (come file di testo) Modificare il nome della locazione dell istanza del DB2 che si vuole usare. Per modificarla bisogna effettuare una ricerca della stringa /db2home/db2admin e sostituirla con il nome della locazione usata. Questa informazione è presente 1 volta nel file Eseguire il login con l utente proprietario dell istanza del DB (es. su db2acg) Posizionarsi sulla directory dove si trovano i file che si stanno modificando lanciare lo script runcreatedb.sh Il lancio di questa procedura comporta la creazione dei due database LEOSYS e LEONARDO nell istanza del DB2 associata all utente indicato nei file modificati manualmente. 20

21 3.7 Ripristino dei database Una volta creati i database è necessario creare le tabelle, le viste e gli indici in base alle informazioni caricate sulla macchina durante la prima fase dell installazione. Alcune di queste tabelle presentano dei dati precaricati. Per fare ciò è necessario: Impostare i parametri di configurazione della Framework di sistema, utili per la connessione ai database, dalla pagina Login della Console Fare il restore dei database dalla pagina Restore DB della Console Passo 1: parametri di connessione al database Questa operazione, possibile dalla pagina Login, serve per impostare i parametri di configurazione della Framework di sistema. In particolare, la configurazione della parte client della Framework si trova nel file caravel.xml.properties, mentre la configurazione della parte server della Framework si trova nel file system.xml.properties. Dalla pagina Login 21

22 devono essere effettuati i seguenti passi: Ricerca del file caravel.xml.properties tramite il bottone Cerca. Esso si trova nella cartella classes\com\ibm\leonardo nel percorso dell applicazione web installata NOTA 1: in questa fase non è necessario effettuare la configurazione del Client in quanto i parametri contenuti sono già impostati in modo corretto per la prima installaizone di ACG Express. NOTA 2: viene proposto di default il file dell ultima applicazione di cui è stato effettuato il deployment. Ricerca del file system.xml.properties tramite il bottone Cerca. Esso si trova nella cartella classes\com\ibm\leonardo\leonardosys nel percorso dell applicazione web installata NOTA 2: viene proposto di default il file dell ultima applicazione di cui è stato effettuato il deployment. Configurazione della parte server della Framework di sistema per la connessione al database del prodotto tramite il bottone Configura che si trova in corrispondenza di system.xml. properties. Per questa operazione fare riferimento al paragrafo Server Configuration Viewer Ricerca della directory Data che si trova all interno della directory Database nella directory di installazione del prodotto. Tale directory contiene il modello del database del prodotto che deve essere creato nel DB2 22

23 3.7.2 Passo 2: ripristino dei database applicativo e di sistema Una volta eseguiti i passi descritti nel paragrafo precedente risulterà operativa la pagina Restore DB. Su questa pagina: Selezionare la voce DB applicativo per popolare il database applicativo del prodotto, di default denominato LEONARDO Selezionare la voce DB di sistema per popolare il database di sistema/amministrativo del prodotto. In questa fase esso è denominato LEOSYS Utilizzare il tasto Restore DB e attendere che l operazione termini. Quest attività potrebbe svolgersi in un tempo relativamente lungo Durante questa fase verrà visualizzato una finestra di log, dove si potrà verificare il corretto esito dell operazione di restore dei database. A questo punto, dalla pagina Login sarà possibile eseguire il login tramite il pulsante Login che consentirà di accedere a tutte le altre funzionalità della Console. In particolare, una volta completate tutte le fasi di in istallazione di ACG Express sarà necessario immettere i codici di autorizzazione dei vari moduli applicativi che fanno parte della suite acquistata, utilizzando la pagina Passwords. Fare riferimento al paragrafo Password 23

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11

Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo&Web CMS Tutorial: installazione di Museo&Web CMS Versione 0.2 del 16/05/11 Museo & Web CMS v1.5.0 beta (build 260) Sommario Museo&Web CMS... 1 SOMMARIO... 2 PREMESSE... 3 I PASSI PER INSTALLARE MUSEO&WEB

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1 UPS Communicator 1 Licenza d uso L'uso del SOFTWARE prodotto da Legrand (il PRODUTTORE) è gratuito. Procedendo di spontanea volontà all'installazione l UTENTE (persona fisica o giuridica) accetta i rischi

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli