TABLESAMPLE. Di Gianluca Negrelli. SELECT TOP 25 * FROM Prodotti ORDER BY NEWID() SET NOCOUNT ON;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TABLESAMPLE. Di Gianluca Negrelli. SELECT TOP 25 * FROM Prodotti ORDER BY NEWID() SET NOCOUNT ON;"

Transcript

1 TABLESAMPLE Di Gianluca Negrelli La clausola TABLESAMPLE, introdotta in SQL Server 2005, permette di estrarre un campione casuale di record (sample) da una qualsiasi tabella. Prima dell'arrivo di TABLESAMPLE l'estrazione di record casuali si affidava ad implementazioni manuali più o meno efficaci. Alcuni pattern di estrazione si sono progressivamente affermati per la loro affidabilità e sappiamo che nel mondo informatico gli algoritmi di riproduzione di numeri casuali non sempre lo sono. Al fine di illustrare il pattern di estrazione più famoso ipotizziamo di avere una tabella Prodotti da cui desideriamo ricavare un campione di 25 record. La risoluzione tradizionale del problema è quella di calcolare per ogni record della tabella un GUID, attraverso la funzione NEWID(), e di procedere all'ordinamento dei record basandosi su questo campo. Il campionamento è poi completato dall'uso della clausola TOP(25). SELECT TOP 25 * FROM Prodotti ORDER BY NEWID() La soluzione è semplice e pulita ed inoltre offre una campionatura su singole righe ma risente di una grossa controindicazione: le scarse prestazioni. Se la nostra tabella Prodotti contiene milioni di record, una estrazione di 25 record casuali obbliga comunque a calcolare milioni di GUID e poi a riordinarli. Quindi questo pattern di campionamento può essere considerato adeguato solo per tabelle a bassa numerosità di record. Creazione dell'ambiente di lavoro Per iniziare a sperimentare TABLESAMPLE creiamo e valorizziamo una vera tabella Prodotti. La tabella è dotata di un campo identity (ProdottiId) e di un codice memorizzato nella colonna omonima. Siccome non siamo interessati al contenuto della colonna Codice, procediamo alla sua valorizzazione attraverso una funzione che restituisca il numero dei millisecondi correnti. L'inserimento dei singoli record avviene all'interno di un ciclo WHILE. Come ultimo accorgimento fissiamo il numero di record a (vedremo poi perché è opportuno lavorare con tabelle che abbiano un certo peso) SET NOCOUNT ON;

2 -- Creazione tabella CREATE TABLE Prodotti ( ProdottoId INT IDENTITY(1,1) NOT NULL, Codice VARCHAR(50) NULL ) -- Valorizzazione tabella con i millisecondi dell'ora della scrittura WHILE (SELECT COUNT(ProdottoId) FROM Prodotti) < BEGIN INSERT INTO Prodotti(Codice) SELECT DATEPART(Ms, GETDATE()) END Estrazione di un sample dalla tabella Prodotti A questo punto possiamo procedere con l'estrazione dei campioni. TABLESAMPLE supporta un parametro che determina il numero di righe da restituire (n ROWS) o una percentuale di quelle disponibili in tabella (n PERCENT). Iniziamo a lavorare richiedendo un campione costituito da un numero di righe assoluto. SELECT * FROM Prodotti TABLESAMPLE(2500 ROWS) L'attesa è quella di un resultset casuale di righe ma, eseguendo la query più volte, ci accorgiamo di due stranezze: le righe restituite non sono mai ma, indifferentemente, un numero maggiore o inferiore e i record tendono ad essere consecutivi. Riporto qui, a puro titolo statistico, il numero di record da me ottenuti con 10 estrazioni: 1.545, 2.707, 2.326, 1.546, 3.872, 1.389, 1.933, 2.320, 1.550, Proviamo allora a richiedere la restituzione di un campione basato sulla percentuale di righe piuttosto che su un numero assoluto. SELECT * FROM Prodotti TABLESAMPLE(10 PERCENT) Utilizzando il parametro PERCENT il numero di record risultanti sembra essere altrettanto casuale che con l'utilizzo di ROWS: 3.093, 3.098, 2.712, 1.544, 1.547, 3.099, 2.321, 1.162, 5.032,

3 Cerchiamo di spiegare il perché di questo strano fenomeno. Nel primo esempio, con l'uso del parametro ROWS, SQL Server modifica il criterio di estrazione, riconducendolo comunque al PERCENT. Nel caso in oggetto righe su totali corrispondono ad un'estrazione del 10% di record. Ma il 10% di record, richiesto nel secondo esempio ed implicitamente anche nel primo, dovrebbe comunque corrispondere ad un campione risultante di righe. SQL Server non basa il suo algoritmo di selezione sui singoli record ma sulle pagine di memoria, ognuna del peso di 8KB, in cui i record di una tabella sono suddivisi. Al momento della richiesta di un sample di record, ad ognuna delle pagine della tabella, viene associato un numero casuale, che presumibilmente va da 0 a 1. Terminata questa operazione di associazione SQL Server esclude tutte quelle pagine di dati il cui numero casuale sia superiore a quello percentuale impostato dall'utente. Nel caso di un'estrazione del 25% dei record, il resultset ottenuto sarà composto da tutte le pagine che hanno ottenuto un numero casuale compreso tra 0 e 0,25, per il 10% tra 0 e 0,1. Qui si spiega il motivo per cui la tabella da cui estrarre i sample non può essere troppo piccola: è solo con dimensioni significative che il calcolo delle probabilità tende ad avvicinarsi alla descrizione reale dei fenomeni e quindi anche i numeri risultanti si avvicinano a quelli attesi. Se proviamo ad alimentare un'altra tabella, la SubProdotti, con solo un centinaio di record, otterremo delle estrazioni assolutamente non rappresentative, tanto che 10 estrazioni con una percentuale richiesta del 25% daranno un risultato simile a questo: 0, 0, 0, 100, 100, 0, 0, 100, 0, 0. Come vediamo invece di 25 record per ogni campione abbiamo ottenuto 0 o 100 record. Ciò accade perché tutti i record riescono ad essere contenuti nell'unica pagina di dati di cui è costituita la tabella. Ogniqualvolta il numero casuale attribuito a questa pagina è compreso tra 0 e 0,25, cioè circa in un quarto dei casi (33% nell'esempio reale), la pagina viene restituita completamente. Torniamo ora alla tabella Prodotti originaria e chiediamo ripetutamente il 50% dei dati con l'istruzione: SELECT * FROM Prodotti TABLESAMPLE(50 PERCENT) Analizzando i record estratti avremo la conferma che SQL Server procede alle estrazioni a pagine e non a righe.

4 Si può infatti riscontrare che il record con ProdottoId = 1, che occupa il primo posto nella propria pagina dati, viene restituito abbastanza regolarmente ogni due estrazioni. Ma quello che è importante notare è quali siano i record che immediatamente lo seguono: sono i prodotti con chiavi 2, 3, 4 ecc. cioè i record che fisicamente sono adiacenti al primo nella pagina dati. Reiterazione dell'estrazione La reiterazione dell'estrazione non garantisce la riproposizione degli stessi record perché ogniqualvolta TABLESAMPLE viene applicato ad una selezione, i numeri casuali delle pagine dati sono ricalcolati. In alcuni scenari, in cui sia necessaria la restituzione dello stesso sample anche in estrazioni differenti, TABLESAMPLE può essere istruito ad assecondare questa esigenza definendo un seed arbitrario (seme) per il calcolo delle pagine campione. La seguente query, ripetuta più volte, restituirà sempre lo stesso sample: SELECT * FROM Prodotti TABLESAMPLE(10 PERCENT) REPEATABLE (123) L'argomento di REPEATABLE, cioè il seme, è un valore di tipo int. Naturalmente, cambiando il seme tra un'estrazione e l'altra o evitando di specificarlo, anche il resultset ottenuto tornerà ad essere diverso. Esistono altre casistiche che, a parità di seme, permettono di ottenere sample differenti. Si può verificare come cambino i resultset tra un'estrazione e l'altra quanto, ad esempio, viene modificata la struttura della tabella o i dati in essa contenuti, quando si procede al rebuild degli indici o alla loro deframmentazione, al restore o all'attach del db. Una modifica alla struttura o ai dati di una tabella si riflette su una modifica delle pagine dati da cui è costituita e quindi sull'attribuzione dei numeri casuali calcolati con il risultato di restituire campioni differenti. Ambito di applicazione Fin'ora abbiamo sempre applicato TABLESAMPLE su SELECT di tabelle fisiche (Prodotti e SubProdotti) ma l'ambito di applicazione è più esteso e comprende: le tabelle temporanee locali;

5 le tabelle fisiche residenti su altri database dello stesso server db, anche se puntate via sinonimo. Per esclusione tutte le altre entità tabellari di SQL Server non supportano la clausola: tabelle derivanti da subquery; TVF (table valued functions); CTE (Common table expressions); tabelle mappate su linked server; OPENXML rowset; table variables; viste. Come estrarre un numero certo di record Non esiste un sistema per assicurarsi che il sample estratto sia dotato di un numero certo di record. Si può ricorrere comunque alla clausola TOP applicata ad un campione che però deve essere molto più grande rispetto a quello desiderato. Se ad esempio abbiamo necessità di estrarre un sample di 100 record dalla tabella Prodotti possiamo procedere con la seguente selezione: SELECT TOP 100 * FROM Prodotti TABLESAMPLE(1000 ROWS) L'estrazione di un campione di record ci rende abbastanza sicuri di riuscire poi a selezionare tutti i 100 record necessari. Ricordiamo sempre che TABLESAMPLE lavora con estrazioni di pagine e non di righe e quindi non ci garantisce neppure la restituzione di record. E' altamente improbabile, vista la numerosità dei record in tabella e di quelli richiesti, ma non impossibile, che TABLESAMPLE non estragga alcuna riga e quindi anche la nostra SELECT TOP 100 rimanga vuota. Applicazione di filtri Quale è l'ordine in cui SELECT processa un filtro rispetto alla clausola TABLESAMPLE? La questione diventa importante soprattutto nel caso di JOIN tra tabelle. TABLESAMPLE è processato come prima clausola, quindi l'estrazione del campione rappresenta la prima operazione che viene portata a termine da SQL

6 Server. Solo in seguito operano gli eventuali filtri. Il numero di record estratti applicando un sample su una tabella in JOIN con un'altra diventa quindi ancora meno deterministico in termini di righe restituite, perché oltre alla variabilità dovuta alla tecnica di estrazione del campione si aggiunge anche il fatto che righe originariamente correlate tra le due tabelle, non trovino più legami e vengano quindi escluse dalla JOIN. Ipotizzando l'esistenza di una tabella di descrizione di decodifica dei prodotti la cui chiave sia il campo Codice e ricordando che TABLESAMPLE può essere applicato alle sole tabelle fisiche e temporanee, un possibile pattern di estrazione di un sample con due tabelle in JOIN potrebbe diventare il seguente: SELECT PR.ProdottoId, PR.Codice, PD.Descrizione INTO #Prodotti FROM Prodotti PR INNER JOIN ProdottiDescrizioni PD ON PR.Codice = PD.Codice SELECT * FROM #Prodotti TABLESAMPLE(50 PERCENT) Bibliografia APress - Pro T-SQL 2008 Programmers Guide

Preparazione dell'ambiente Per effettuare qualche esperimento creiamo una tabella come quella indicata dallo script seguente.

Preparazione dell'ambiente Per effettuare qualche esperimento creiamo una tabella come quella indicata dallo script seguente. Hierarchyid Di Gianluca Negrelli Introduzione Hierarchyid è un nuovo tipo dato introdotto con SQL Server 2008 finalizzato alla gestione di dati gerarchici. Tradizionalmente la soluzione al problema della

Dettagli

I sinonimi in SQL Server

I sinonimi in SQL Server I sinonimi in SQL Server Di Gianluca Negrelli L'identificazione di un oggetto in SQL Server necessita sempre di un riferimento alla gerarchia che lo contiene. Al vertice della gerarchia si posiziona il

Dettagli

User Tools: DataBase Manager

User Tools: DataBase Manager Spazio di lavoro Per usare T-SQL Assistant selezionare il link Simple Query e spostare a piacere la piccola finestra dove un menu a tendina mostra i diversi comandi SQL selezionabili, il pulsante Preview

Dettagli

ESEMPI DI QUERY SQL. Esempi di Query SQL Michele Batocchi AS 2012/2013 Pagina 1 di 7

ESEMPI DI QUERY SQL. Esempi di Query SQL Michele Batocchi AS 2012/2013 Pagina 1 di 7 ESEMPI DI QUERY SQL Dati di esempio... 2 Query su una sola tabella... 2 Esempio 1 (Ordinamento)... 2 Esempio 2 (Scelta di alcune colonne)... 3 Esempio 3 (Condizioni sui dati)... 3 Esempio 4 (Condizioni

Dettagli

SQL -DDL. FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza)

SQL -DDL. FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza) 26/03/2013 SQL SQL -DDL Esercizio 4.3 Dare le definizioni SQL delle tre tabelle FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza) rappresentando

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite

Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Android offre

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Istruzioni DML di SQL

Istruzioni DML di SQL Istruzioni DML di SQL Pag. 99 par.4 1 Sintassi: Costrutto: INSERT INTO (Inserimento di dati in tabelle) INSERT INTO [(, ,, )] VALUES (, ,

Dettagli

Impararlo è molto semplice, esistono manuali, o meglio mattoni, su SQL, ma qui verranno illustrati tutti i comandi più utilizzati... e utili.

Impararlo è molto semplice, esistono manuali, o meglio mattoni, su SQL, ma qui verranno illustrati tutti i comandi più utilizzati... e utili. Sql è un linguaggio standard che permette di operare con i database. Per database intendo uno qualsiasi e non il solito Access, ma anche Oracle, Microsoft SQL Server, Informix, DB2, Sybase... Sql sta per

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

PHP e Structured Query Language

PHP e Structured Query Language Esercitazioni del corso di Tecnologie per la Comunicazione Aziendale PHP e Structured Query Language Marco Loregian loregian@disco.unimib.it www.siti.disco.unimib.it/didattica/tca2008 Interrogazioni (ripasso)

Dettagli

SOLUZIONI COMMENTATE

SOLUZIONI COMMENTATE Nel database Biblioteca vi sono le seguenti tabelle: SOLUZIONI COMMENTATE Utenti := < id, nome, cognome, indirizzo,città, tel_fisso,cellulare > Prestiti := < id, id_libro, id_utente, data_ora_prestito,

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Obiettivi Memorizzare ed estrarre documenti da RDBMS. Trasformare dati tabellari in dati e viceversa.

Dettagli

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A)

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Autore: Classe: Nicola Ceccon QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Dispensa La dispensa presenta i contenuti fondamentali di ASP nella

Dettagli

Remote SQL Command Execution

Remote SQL Command Execution Remote SQL Command Execution Spesso si ha a che fare con SQL Injection se ci si trova nel campo della sicurezza informatica, ma non sempre si è a conoscenza di quanto una vulnerabilità del genere può essere

Dettagli

Capitolo 13. Interrogare una base di dati

Capitolo 13. Interrogare una base di dati Capitolo 13 Interrogare una base di dati Il database fisico La ridondanza è una cosa molto, molto, molto brutta Non si devono mai replicare informazioni scrivendole in più posti diversi nel database Per

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

DATABASE. www.andreavai.it

DATABASE. www.andreavai.it Cos'è un database? Quando si usa? Differenze con i fogli elettronici Le tabelle: record, campi, tipi di dati Chiavi e indici Database relazionali (R-DBMS) Relazioni uno-a-uno Relazioni uno-a-molti Relazioni

Dettagli

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT

OR true null false true true true true null true null null false true null false NOT Il linguaggio SQL è un linguaggio standard per la definizione, manipolazione e interrogazione delle basi di dati relazionali ed ha le seguenti caratteristiche: è dichiarativo; opera su multiset di tuple,

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Le QUERY 2 Che cos è una Query? Una Query rappresenta uno strumento per interrogare un database.

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Versione elettronica: SQLd-viste.pdf DB di riferimento per gli esempi Imp Sedi CodImp Nome Sede Ruolo Stipendio Sede Responsabile Citta E001 Rossi S01 Analista

Dettagli

Create la tabella Dipendenti:

Create la tabella Dipendenti: Create la tabella Dipendenti: create table Dipendenti( id int(3) not null auto_increment, livello int(1) not null, stipendio int(4) not null, primary key(id)); mysql> describe Dipendenti; --------+------+-----+---------+----------------+

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

L interfaccia a riga di comando di MySql

L interfaccia a riga di comando di MySql L interfaccia a riga di comando di MySql Una volta completata la procedura di installazione possiamo finalmente testare le funzionalità di MySQL. Sia che ci si trovi in ambiente Linux che Windows, l'interfaccia

Dettagli

L istruzione SELECT di SQL

L istruzione SELECT di SQL L istruzione SELECT di SQL Sintassi dell istruzione SELECT... 2 Clausola WHERE... 3 Clausola ORDER BY... 5 Le funzioni di aggregazione... 6 Raggruppamenti... 9 Inner Join (giunzione naturale o join interno)...10

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System http://www.mysql.com/ DATABASE RELAZIONALI Un database è una collezione strutturata di informazioni. I database sono delle strutture nelle quali è possibile memorizzare

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Metodi per la Gestione dei Dati (lezioni di laboratorio)

Metodi per la Gestione dei Dati (lezioni di laboratorio) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze della Comunicazione e dell Economia Corso di Laurea in Comunicazione e Marketing Titolare del corso: ing. Stefano SETTI Lezioni di laboratorio

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Introduzione ai database relazionali

Introduzione ai database relazionali Introduzione ai database relazionali Tabelle Un database (DB) è costituito da un insieme di file che memorizzano dati opportunamente organizzati Nei database relazionale tale organizzazione è costituita

Dettagli

CONCETTO DI ANNIDAMENTO

CONCETTO DI ANNIDAMENTO LEZIONE14 SQL ANNIDAMENTI PAG. 1 / 5 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE14 SQL ANNIDAMENTI CONCETTO DI ANNIDAMENTO LINGUAGGIO SQL QUERY ANNIDATE Per annidamento si intende la possibilità che, all interno di

Dettagli

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (8) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.1) 1 Panoramica Trigger Creazione Tipi di trigger Tabelle inserted/deleted Esempi

Dettagli

07. Ottimizzare le istruzioni SQL

07. Ottimizzare le istruzioni SQL 07. Ottimizzare le istruzioni SQL Introduzione Union, subquery e Join Il piano di esecuzione L ottimizzatore Le statistiche Il comando EXPLAIN Gli Hint A.A. 2005 Laboratorio di basi di dati - LB 2 La UNION

Dettagli

Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF

Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF SPARC-CS-12/001 20 Gennaio 2012 Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF Abstract Vengono descritte le procedure di backup e restore dei dati memorizzati in un database di

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 6

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 6 Data Base 1 Sommario I concetti fondamentali. Database Relazionale.. Query e SQL MySql, Creazione di un db in MySQL con PHPmyAdmin Creazione database e delle Tabelle Query Inserimento Ricerca Modifica

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System II parte Progetto gestione booking prenotazioni on-line 1. Progettazione e creazione struttura database che chiameremo booking. 2. Progettazione e creazione di un form

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

Istruzioni SQL 1. Query di selezione 2 Istruzione SELECT 2 Istruzione SELECT DISTINCT 2 ORDER BY 3 WHERE 3 La condizione LIKE 4 BETWEEN AND 5

Istruzioni SQL 1. Query di selezione 2 Istruzione SELECT 2 Istruzione SELECT DISTINCT 2 ORDER BY 3 WHERE 3 La condizione LIKE 4 BETWEEN AND 5 Istruzioni SQL Istruzioni SQL 1 Query di selezione 2 Istruzione SELECT 2 Istruzione SELECT DISTINCT 2 ORDER BY 3 WHERE 3 La condizione LIKE 4 BETWEEN AND 5 Query di inserimento 5 INSERT INTO 5 Query di

Dettagli

Introduzione ad SQL. 1. Introduzione. 2. Gli operatori. 3. Istruzione SELECT. 4. Istruzione INSERT. 5. Istruzione UPDATE. 6.

Introduzione ad SQL. 1. Introduzione. 2. Gli operatori. 3. Istruzione SELECT. 4. Istruzione INSERT. 5. Istruzione UPDATE. 6. Introduzione ad SQL Guida a cura di Rio Chierego 1. Introduzione 2. Gli operatori 3. Istruzione SELECT 4. Istruzione INSERT 5. Istruzione UPDATE 6. Istruzione DELETE 7. Istruzione CREATE, ALTER e DROP

Dettagli

Database e SQL. A cura del prof. Gennaro Cavazza

Database e SQL. A cura del prof. Gennaro Cavazza Database e SQL A cura del prof. Gennaro Cavazza Introduzione ai database La base di qualsiasi esigenza pratica da parte di una qualsiasi organizzazione è quella di gestire dei dati in maniera logica e

Dettagli

Linee di evoluzione dei Database

Linee di evoluzione dei Database Linee di evoluzione dei Database DB NoSQL Linked Open Data Semantic Web Esigenze e caratteristiche Presenza di grandi volumi di dati..crescenti Struttura non regolare dei dati da gestire Elementi relativamente

Dettagli

Volumi di riferimento

Volumi di riferimento Simulazione seconda prova Esame di Stato Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso Parte prima) Un nuovo centro agroalimentare all'ingrosso intende realizzare una base di dati per l'attività di

Dettagli

Vantaggi dell'utilizzo dei database

Vantaggi dell'utilizzo dei database Vantaggi dell'utilizzo dei database Access consente di sfruttare appieno il valore dei propri dati. Un database è molto di più di un semplice elenco o tabella. Offre la possibilità di gestire appieno i

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Lavorare con MySQL Parte Prima.

Lavorare con MySQL Parte Prima. Lavorare con MySQL Parte Prima. Data la particolarità dell argomento, ho deciso di dividerlo in due lezioni. Nella prima, si parlerà diffusamente di MySQL, cos è un DBMS, cos è l SQL, i campi supportati

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013 Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9 Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013 Architettura di una applicazione Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation

Dettagli

Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica

Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica Istituto di Istruzione Superiore Alessandrini - Marino 1 Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica Descrizione Un azienda commerciale che vende prodotti IT (computers,

Dettagli

DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEM E VISTE UTILIZZO DEL DMS E DELLE VISTE IN AZIENDA

DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEM E VISTE UTILIZZO DEL DMS E DELLE VISTE IN AZIENDA DOCUMENT MANAGEMENT SYSTEM E VISTE UTILIZZO DEL DMS E DELLE VISTE IN AZIENDA DMS Il Document system management (DMS), letteralmente"sistema di gestione dei documenti" è una categoria di sistemi software

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

SQL: definizione schema

SQL: definizione schema Si Clienti(codice,nome,indirizzo,p_iva) scriva il SQL che definisce il seguente schema relazionale Prodotti(codice,nome,descrizione,prezzo) SQL: definizione schema Fatture(codice,cliente,data) RigheFattura(codice,fattura,prodotto,quantità,prezzo)

Dettagli

Transazioni - Parte 1

Transazioni - Parte 1 Basi di dati II Lezione 3 09/10/2008 Caputo Domenico Cosimo, Francesco Pichierri Transazioni - Parte 1 Le transazioni hanno a che fare con la programmabilità delle basi di dati. Prima di trattarle è necessaria

Dettagli

DATABASE. Progettare una base di dati. Database fisico e database logico

DATABASE. Progettare una base di dati. Database fisico e database logico DATABASE Progettare una base di dati Database fisico e database logico Un DB è una collezione di tabelle, le cui proprietà sono specificate dai metadati Attraverso le operazioni sulle tabelle è possibile

Dettagli

A. Veneziani - Classe V Abacus - Elementi di elaborazione Web con supporto ai DB basati su ASP e Access

A. Veneziani - Classe V Abacus - Elementi di elaborazione Web con supporto ai DB basati su ASP e Access A. Veneziani - Classe V Abacus - Elementi di elaborazione Web con supporto ai DB basati su ASP e Access Prologo Parlando di tecnologie Web legate a Microsoft è naturale integrare le funzioni di ASP 1 con

Dettagli

MS SQL Server Supporto XML. HTTP e SQL Server. SQL Server Over HTTP: Setup. Accesso HTTP verso SQL Server. OpenXML. Updategrams

MS SQL Server Supporto XML. HTTP e SQL Server. SQL Server Over HTTP: Setup. Accesso HTTP verso SQL Server. OpenXML. Updategrams Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Complementi di Informatica MS SQL Server Supporto XML Prof. Pasquale Basile pabasile@unina.it

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

Logout [ e01692 ] FAQ Cerca Iscritti Pannello di Controllo Utente. Ultimo accesso: ieri, 8:07 Oggi è 07/04/2009, 9:44

Logout [ e01692 ] FAQ Cerca Iscritti Pannello di Controllo Utente. Ultimo accesso: ieri, 8:07 Oggi è 07/04/2009, 9:44 lnx.brescianet.com Sito didattico - Prof. Sechi Marco Logout [ e01692 ] FAQ Cerca Iscritti Pannello di Controllo Utente Ultimo accesso: ieri, 8:07 Oggi è 07/04/2009, 9:44 Messaggi senza risposta Argomenti

Dettagli

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Basi di Dati Distribuite a.a. 2004/2005 XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Luca Noce - luxnox2000@yahoo.it Elisa Marino - marino_elisa@hotmail.com Obiettivi Necessità di conciliare

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC + Cosa vediamo nella lezione di oggi Oggi analizzeremo insieme una specifica tecnologia Java per l accesso e la manipolazione di basi di dati relazionali

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 10 Parte III: il computer come strumento per l interazione e la comunicazione Si è parlato di identità Parte III: il computer come strumento per l interazione

Dettagli

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new TRIGGER Regole Attive (Trigger) Programmi attivati automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinate condizioni e operazioni sulle tabelle Da un punto di vista generale, in un trigger vengono specificati

Dettagli

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con

OpenOffice.org 2.0. e i Database. Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 e i Database Introduzione all'uso dei Database con OpenOffice.org 2.0 Versione 0.99 Dicembre 2005 OpenOffice.org 2.0 & i Database - 2005 Filippo Cerulo Soft.Com Sas www.softcombn.com

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Avanzati. Programma 30 set 2015. Installazione Macchina Virtuale. Introduzione alla BI nelle Aziende.

Corso Sistemi Informativi Avanzati. Programma 30 set 2015. Installazione Macchina Virtuale. Introduzione alla BI nelle Aziende. Programma 30 set 205 Installazione Macchina Virtuale Introduzione alla BI nelle Aziende Introduzione SQL Macchina Virtuale È un emulazione di un computer su un altro computer Stesso punto di partenza per

Dettagli

Utilizzando Microsoft Access. Si crea la tabella Anagrafica degli alunni,le Materie e i voti si mettono alcuni campi

Utilizzando Microsoft Access. Si crea la tabella Anagrafica degli alunni,le Materie e i voti si mettono alcuni campi Vogliamo creare una struttura per permettere di memorizzari i voti della classe in tutte le materie Per fare questo untilizziamo tre tabelle Alunni,materie,voti Alunni Materie Voti Creo un record per ogni

Dettagli

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne Vincoli Chiavi esterne Vincoli locali e globali Triggers Leggere capitolo 7 di Garcia- Molina et al. Vincoli e Triggers Un vincolo e una relazione tra dati che il DBMS deve assicurare. Esempio: vincoli

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

Configurazione Stampe

Configurazione Stampe Configurazione Stampe Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni sono di

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC

Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC Ing. Gianluca Caminiti Riferimenti Spring http://www.springsource.org/ (scaricate il reference) Beginning Spring 2 - From Novice to Professional. APress. 2008

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

Microsoft SQL Server Integration Services

Microsoft SQL Server Integration Services Sistemi Informativi Dott.ssa Elisa Turricchia Alma Mater Studiorum - Università di Bologna elisa.turricchia2@unibo.it 1 Microsoft SQL Server Integration Services 1 SQL Server Integration Services SSIS

Dettagli

Eprogram ITIS V anno Unità 6 - PHP e MySQL

Eprogram ITIS V anno Unità 6 - PHP e MySQL Eprogram ITIS V anno Unità 6 - PHP e MySQL Compito in classe proposto Un grande magazzino utilizza un database per gestire le vendite dei prodotti. La tabella PRODOTTI contiene le informazioni relative

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Sommario del Corso

MICROSOFT ACCESS. Sommario del Corso MICROSOFT ACCESS Revisione dispense n 5 Sommario del Corso MICROSOFT ACCESS... 1 INTRODUZIONE... 2 Il Database di Microsoft Access... 2 GLI OGGETTI... 3 Gli oggetti del database... 3 Visualizzazioni degli

Dettagli

MANUALE ESSENZIALE MYSQL

MANUALE ESSENZIALE MYSQL Autore: Classe: Luciano Viviani TERZA INFORMATICA SERALE (3IS) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo MANUALE ESSENZIALE MYSQL Manuale La dispensa vuole fornire agli studenti delle classi quinte

Dettagli

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database PHP ed i database PHP 5 Accesso a database PHP funziona con molti database relazionale che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

Dispensa di database Access

Dispensa di database Access Dispensa di database Access Indice: Database come tabelle; fogli di lavoro e tabelle...2 Database con più tabelle; relazioni tra tabelle...2 Motore di database, complessità di un database; concetto di

Dettagli

MODULO 1 PARTE 3. Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.b Interazione con un database (MySQL Server)

MODULO 1 PARTE 3. Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.b Interazione con un database (MySQL Server) MODULO 1 PARTE 3 Programmazione (scripting) server-side con PHP 3.b Interazione con un database (MySQL Server) Goy - a.a. 2009/2010 Programmazione Web 1 Informazione persistente Se vogliamo tener traccia

Dettagli

Comprendere ADO.NET. La guida definitiva per comprendere a fondo ADO

Comprendere ADO.NET. La guida definitiva per comprendere a fondo ADO 060-063 Database 3-03-2005 16:23 Pagina 62 DATABASE La guida definitiva per comprendere a fondo ADO Accesso ai DB con Visual Basic.Net 2003 L ultimo articolo che ci aiuterà ad interagire con i database,

Dettagli

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 23 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Database 23 marzo, 2009 1 / 32 Uso di database lato

Dettagli

Basi Di Dati, 09/12/2003

Basi Di Dati, 09/12/2003 Basi Di Dati, 09/12/2003 Una concessionaria di auto nuove ed usate vuole automatizzare alcune delle sue attività. L attività che la concessionaria vuole automatizzare riguarda la gestione delle auto nuove,

Dettagli

ESEMPIO: RITARDI & BIGLIETTI

ESEMPIO: RITARDI & BIGLIETTI ESEMPIO: RITARDI & BIGLIETTI Fatto Ritardi: l analisi a livello volo giornaliero, considerando l aeroporto di partenza, la città e lo stato di arrivo e la compagnia Fatto Biglietti: l analisi deve considerare

Dettagli

ITIS "E. Divini" Specializzazione di INFORMATICA SAN SEVERINO MARCHE (MC) Il linguaggio SQL

ITIS E. Divini Specializzazione di INFORMATICA SAN SEVERINO MARCHE (MC) Il linguaggio SQL Il linguaggio SQL Introduzione SQL (Structured Query Language) è il linguaggio ormai assunto come standard per la trattazione di Data Base (DB) relazionali. La sua stesura è dovuta essenzialmente a E.

Dettagli

Pianificazione del data warehouse

Pianificazione del data warehouse Pianificazione del data warehouse Dalla pianificazione emergono due principali aree d interesse: area commerciale focalizzata sulle agenzie di vendita e area marketing concentrata sulle vendite dei prodotti.

Dettagli

Utilizzo Gestione dei file

Utilizzo Gestione dei file Utilizzo Gestione dei file Info su questo bollettino tecnico L'intento di questo bollettino tecnico è di aiutare gli sviluppatori FileMaker esperti a comprendere meglio e ad applicare le migliori metodologie

Dettagli

FileMaker 13. Guida SQL

FileMaker 13. Guida SQL FileMaker 13 Guida SQL 2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

Structured Query Language parte 1

Structured Query Language parte 1 Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Structured Query Language parte 1 Come interrogare una base di dati relazionale ed avere la risposta esatta Docente: Gennaro Pepe

Dettagli

CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DB RELAZIONALE IN ACCESS Definizione della chiave primaria di una tabella Creazione di relazioni fra tabelle Uso del generatore automatico di Query A) Apertura del DB e creazione

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2011/2012

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2011/2012 Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9 Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2011/2012 Architettura di una applicazione Web Browser Web HTTP Server Web PHP Dati View Control

Dettagli

Il linguaggio SQL. I Sistemi di Gestione di Basi di Dati. Data Management Software

Il linguaggio SQL. I Sistemi di Gestione di Basi di Dati. Data Management Software DB2 Data Management Software Il linguaggio SQL I Sistemi di Gestione di Paolo Avallone Sr Consulting IT Specialist DB2, Data Management Marzo 2004 LEGGERE LE SEGUENTI ATTENZIONI Le informazioni contenute

Dettagli

4 SQL : Interrogazioni nidificate

4 SQL : Interrogazioni nidificate Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale SAPIENZA Università di Roma Esercitazioni del corso di Basi di Dati Prof.ssa Catarci e Prof.ssa Scannapieco Anno Accademico 2010/2011 Andrea Marrella Ultimo aggiornamento

Dettagli