Unione dei Comuni dell Alto Cilento. Direzione Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unione dei Comuni dell Alto Cilento. Direzione Generale"

Transcript

1 Unione dei Comuni dell Alto Cilento Direzione Generale Procedura aperta per l affidamento per la realizzazione di una rete intercomunale e tecnologica del Comune di Agropoli e dell Alto Cilento Capitolato Speciale

2 INDICE A. PREMESSA B. DEFINIZIONE DELLA FORNITURA B.1 Oggetto B.2 Durata ed inizio delle attività C. DESCRIZIONE START-UP C.1 Applicativi e Basi Dati (GSW) C.2 Sistemi, reti e sicurezza (GMR, GSI, MSI, SIL,SIF) D. MODALITÀ DI GESTIONE DEL PROGETTO E CONTROLLO DEL CONTRATTO D.1 Pianificazione del progetto D.2 Esecuzione, Controllo e Rendicontazione D.3 Gestione delle informazioni relative al patrimonio applicativo e al parco macchine D.4 Documentazione della fornitura D.5 Proprietà delle Componenti D.6 Personale D.7 Controllo del contratto D.8 Responsabilità civile del Fornitore E. COLLAUDI F. OFFERTA TECNICA G. FORNITURA G.1 Hardware G.2 Software di base G3. Sistemi G4. Software applicativo

3 A. PREMESSA Il Sistema Informatico (S.I.) rappresenta da tempo per l Amministrazione uno strumento strategico per il cambiamento e per assicurare l efficienza degli uffici; l emanazione di alcuni provvedimenti legislativi, tra i quali le prescrizioni in materia di e-government e le disposizioni in materia di federalismo fiscale, che hanno impatto sui flussi informativi della gran parte delle Amministrazioni Pubbliche tra cui gli enti locali, rendono necessaria per l Amministrazione una reimpostazione strutturale del S.I., per renderlo rispondente alle nuove e più cogenti esigenze di completezza, tempestività ed affidabilità delle informazioni. In particolare l Amministrazione ha necessità di garantire l aggiornamento tecnologico dei servizi informatici ed adeguare i flussi informativi nel territorio dell Unione, nonché verso altre Amministrazioni ed utenti esterni. L Amministrazione inoltre deve assicurare che il S.I. operi sempre correttamente e sia costantemente in linea con le evoluzioni delle normative del settore dell informazione (privacy, documentazione amministrativa e protocollo informatico, codice per l amministrazione pubblica digitale, ecc.) L Amministrazione Comunale intende dotarsi di un S.I. per: consentire la gestione e conduzione dei sistemi e garantire il corretto ed efficace funzionamento delle applicazioni, dei sistemi serventi, dei sistemi periferici e delle reti di telecomunicazione; far fronte alla pianificazione dello sviluppo tecnologico dell hardware e delle applicazioni, assicurando un adeguato aggiornamento delle citate componenti in relazione alla manutenzione adeguativa e correttiva per quanto riguarda le applicazioni già operanti e alla manutenzione dei sistemi hardware necessaria a contrastare il veloce degrado di tali apparecchiature in rapporto al progresso tecnologico; Il Sistema è finalizzato al raggiungimento di una organizzazione di flusso informativo di un welfare campano, quindi per la gestione dei servizi sociali all utenza dell Unione, servizi alle imprese e ai cittadini (pratiche urbanistiche e tributarie), la gestione corretta della documentazione, del sistema contabile ai fini di un controllo di gestione, un Sistema Informativo Territoriale integrato ai dati gestiti dal sistema informativo in oggetto e un portale di informazione e formazione sia per gli enti appartenenti all Unione sia per l informazione e la formazione di studenti e imprese. in particolare i servizi di gestione del S.I. includono la gestione e conduzione di sistemi serventi e periferici, la gestione del parco applicativo e l assistenza, tramite i servizi di help-desk e di assistenza in loco agli utenti del S.I.; sono inclusi nella fornitura tutti i servizi di approvvigionamento dell hardware e delle configurazioni di rete e sei sistemi, nonché la gestione della sicurezza informatica. B. DEFINIZIONE DELLA FORNITURA B.1 Oggetto Obiettivo della fornitura è la fornitura dei sistemi, della rete dell Unione, chiavi in mano. Al Fornitore in particolare si richiedono: Fornitura applicativi e Basi Dati (GSW). Fornitura di sistemi, reti e sicurezza (GSI, MSI, GMR, SIL e SIF) Le sigle tra le parentesi indicano le classi di riferimento di fornitura delle linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT definite CNIPA. I requisiti e le modalità sono specificati nel successivo paragrafo C. B.2 Durata ed inizio delle attività Il periodo di durata contrattuale è fissato in ventiquattro mesi dalla data di inizio attività. A partire dalla data di inizio attività, che verrà comunicata dall Amministrazione a seguito dell aggiudicazione, il Fornitore dovrà procedere all acquisizione delle conoscenze necessarie per poter subentrare al Fornitore uscente nella erogazione di tutte le componenti della fornitura per l evoluzione e gestione del S.I., secondo i requisiti indicati nel successivo paragrafo C. Tale fase dovrà completarsi nel tempo massimo di 180 giorni dalla data di inizio attività.

4 L Amministrazione si riserva di ricorrere, entro i tre anni successivi alla stipulazione del contratto, a procedura negoziata per attività consistenti nella ripetizione di forniture analoghe a quelle già affidate al Fornitore, secondo quanto previsto all art. 57, comma 5, lett. b) del D. Lgs. 163/2006. C. DESCRIZIONE START-UP C.1 Applicativi e Basi Dati (GSW). Lo Start-up comprende l insieme di attività, risorse e strumenti di supporto per la presa in carico, gestione, evoluzione e terminazione di applicativi e delle loro relative basi-dati. In questo contesto viene definita applicazione una qualsiasi realizzazione software (ad-hoc o prodotto di mercato) tesa a fornire un insieme di funzionalità all Amministrazione. Solitamente una applicazione è composta da uno o più moduli software e da un database a cui l applicazione fa riferimento. Obiettivi Gli obiettivi di una fornitura GSW sono così definiti: prendere in carico l applicativo e la relativa base-dati; gestire l applicazione e le relativa base-dati dal punto di vista operativo: avvio dell applicazione; chiusura dell applicazione; abilitazione degli utenti all applicazione; back-up dei dati; restore dei dati; raccolta degli indicatori dell applicazione e relativa reportistica; raccolta e smistamento delle segnalazioni di anomalia; gestire l evoluzione dell applicazione e della base-dati: installazione di nuove versioni o aggiornamenti; tracciamento delle segnalazioni di anomalia con i relativi aggiornamenti/nuove versioni installate; gestire la terminazione dell applicazione e della base-dati; amministrare gli application server su cui le applicazioni sono installate; amministrare i data-base server su cui i data-base sono installati. La fornitura prevede la creazione, laddove necessario, e la manutenzione gli schemi logici e fisici di tutte le basi di dati dell Amministrazione sia su supporto magnetico che cartaceo. C.2 Sistemi, reti e sicurezza ( GSI, MSI, GMR, SIL, SIF) Lo Start-Up si articola in cinque funzioni principali: Avvio dei sistemi (GSI e MSI), avvio delle reti (GMR), sicurezza logica (SIL) e sicurezza fisica (SIF). Start-up dei sistemi L infrastruttura hardware e software che ospita il S.I. è di proprietà dell Amministrazione e al Fornitore è richiesto di gestire detta infrastruttura nel rispetto dei livelli di qualità definiti dall Amministrazione, impiegando i mezzi e le modalità più idonei per prestare il servizio nel rispetto dei requisiti richiesti. Lo start-up riguarda l avvio dei sistemi server centrali e periferici che costituiscono l infrastruttura hardware e software del S.I. dell Amministrazione. L architettura tecnica ed applicativa è descritta nell Allegato Tecnico del presente capitolato. Nella categoria server centrali rientrano tutti i calcolatori e tutte le periferiche (ad es. di stampa, memorie di massa) che si trovano presso gli Uffici dell Amministrazione e i server infrastrutturali utilizzati per l erogazione di servizi. Nella categoria sistemi periferici rientrano sistemi server applicativi (calcolatori e periferiche ad essi collegati) utilizzati per la fruizione di servizi applicativi e server di workgroup (quali file server, print server, ecc.) adibiti a gruppi di utenti afferenti ai sistemi informativi locali.

5 Il Fornitore dovrà prendere in carico tutti i sistemi hardware e software presenti a livello centrale ed a livello periferico, dettagliatamente descritti nell Allegato Tecnico e ubicati in locali in uso dell Amministrazione nel rispetto dei contratti in essere con i sub-fornitori. Il patrimonio applicativo dell Amministrazione è costituito dal software acquisito con questa fornitura e dalle licenze d uso relative agli applicativi acquistati da altri fornitori. Ogni altro software di ambiente a supporto degli applicativi o qualsiasi ulteriore software che il Fornitore intenda installare sui sistemi dovrà essere preventivamente concordato con l Amministrazione che provvederà ad acquisirlo, ne manterrà la proprietà e metterà a disposizione del Fornitore le licenze d uso. Comunque il Fornitore, laddove ritenesse opportuno, potrà acquistare per proprio conto e sarà proprietario di tutto il software d ambiente che ritiene utile a migliorare la propria organizzazione e l erogazione dei servizi, previa comunicazione all Amministrazione. Analogamente, si intende mantenere la proprietà di tutto l hardware in suo possesso già in esercizio o già acquistato nel periodo antecedente alla erogazione dei servizi di outsourcing da parte del Fornitore. Lo start-up dei sistemi dovrà comprendere l esecuzione di tutte le fasi connesse all avvio, ed in particolare: Gestione operativa delle malfunzioni HW e SW Gestione operativa delle prestazioni Conduzione operativa e monitoraggio (Configurazione ed Amministrazione dei server; Monitoring e fault management dei server ove consentito dal costruttore; Change management; Software distribution; Gestione stampe centralizzate; User management) Gestione operativa dello storage (Backup & Restore; Ripristino dati) Start-up delle reti Lo start-up dovrà essere progettato al fine di garantire la corretta funzionalità della connettività TLC. In particolare esso: consente la gestione di tutti gli elementi che costituiscono l infrastruttura di rete dell Amministrazione (reti locali, apparati attivi, VPN IP, ecc.); coordina ed assicura gli interventi volti al ripristino delle funzionalità della rete e/o apparati TLC; provvede alla sostituzionee di sistemi/componenti difettosi; prevede la disponibilità di mappe di rete aggiornate in grado di rendere visibile la situazione infrastrutturale delle sedi connesse; effettua il monitoraggio costante dei parametri significativi della qualità della rete; effettua il monitoraggio costante delle prestazioni; assicura l effettuazione degli interventi periodici programmati per garantire il buon funzionamento dei sistemi di interconnessione; fornisce un sistema di rendicontazione della fornitura; Sicurezza logica Lo start-up della sicurezza logica dovrà essere progettato tenuto conto dei seguenti obiettivi: reagire prontamente ed efficacemente agli eventi di sicurezza segnalati dai canali stabiliti (monitoraggio, help desk, canale esterno); fornire le statistiche sugli eventi registrati al fine di identificare carenze di sicurezza e definire le azioni necessarie alla riduzione del rischio; mettere tempestivamente in atto gli aggiornamenti necessari per l efficace funzionamento delle componenti esistenti; accogliere le richieste inoltrate dal supporto di 1 livello e risolvere i problemi di assistenza; migliorare l efficacia e l efficienza nelle modifiche alle configurazioni richieste; controllare ed analizzare, in modalità centralizzata, i dati ad esempio i log dei sistemi. Le principali attività che caratterizzano la gestione della sicurezza logica sono: Monitoraggio degli eventi significativi per la sicurezza, evidenziati durante l erogazione della fornitura;

6 Gestione delle emergenze attraverso l uso efficace degli strumenti adottati per l erogazione della fornitura; Aggiornamento delle componenti critiche per l infrastuttura. Il monitoraggio è l attività di rilevazione di eventi ed allarmi critici per la sicurezza informatica. Ogni allarme o evento ed eventuali richieste da parte dell Help Desk innescano l attività di gestione delle emergenze, che si prefigge la rapida ed efficace risoluzione delle anomalie riscontrate e il ripristino del corretto funzionamento dell infrastruttura. Altra attività importante è l aggiornamento dei sistemi della sicurezza che avviene solitamente a seguito delle disponibilità di nuovi aggiornamenti da parte dei fornitori dei prodotti. Questa attività ha l obiettivo di prevenire tempestivamente eventuali nuove minacce o di integrare i dati indispensabili al funzionamento del servizio. L aggiornamento interagisce con la Manutenzione dei sistemi. In tale contesto il Fornitore dovrà elaborare direttive in materia di protezione dei dati personali secondo la normativa del Codice della privacy da concordare con il Responsabile del contratto dell Amministrazione o suo referente. I dati raccolti durante lo svolgimento delle attività eseguite nell ambito dell erogazione della fornitura sono aggregati ed elaborati durante l attività di reporting reporting. I risultati dell attività sono utilizzati per individuare le aree di intervento nell ottica di un miglioramento continuo del servizio. I miglioramenti individuati saranno attuati nell ambito della Gestione Sistemi. In particolare la progettazione della fornitura dovrà tener conto delle considerazioni anzidette e contenere indicazioni: per attuare la politica per la sicurezza sui dispositivi di difesa perimetrale dell Amministrazione (per es. Firewall, ecc.), provvedendo anche alla loro gestione sistemistica ed alla manutenzione (gestione dei dispositivi di sicurezza perimetrale). per provvedere ad una gestione efficace delle contromisure atte a contrastare la diffusione dei codici malevoli, quali virus o worm su sistemi sia client (postazione di lavoro) che server. per provvedere alla definizione, manutenzione e controllo delle politiche di configurazione e di aggiornamento dei sistemi server rilevanti per l Amministrazione, in termini di sistema operativo e applicazioni di base. Start-up della sicurezza fisica Lo start-up della sicurezza fisica dovrà essere progettato tenuto conto dei seguenti obiettivi: proteggere le aree, impedendo accessi non autorizzati, danni e interferenze agli ambienti, danneggiamento delle informazioni e impedimento allo svolgimento dei servizi e dei processi IT; proteggere gli apparati mediante la prevenzione di perdite, danni, manomissione degli investimenti e interruzione delle attività; prevenire la possibilità di manomissione o di furto delle informazioni e degli strumenti di elaborazione; prevenire e segnalare situazioni di rischio derivanti da carenze infrastrutturali (ad esempio stato degli impianti di condizionamento o altre cause). D. MODALITÀ DI GESTIONE DEL PROGETTO E CONTROLLO DEL CONTRATTO D.1 Pianificazione del progetto Il Fornitore dovrà predisporre il Progetto relativo alla pianificazione e gestione di tutta la fornitura richiesta dal presente capitolato. Il Progetto dovrà contenere almeno le seguenti sezioni: una sezione contente le modalità di pianificazione, realizzazione, gestione ed esecuzione della fornitura in conformità alla descrizione degli stessi di cui al paragrafo D;

7 una sezione contenente l organizzazione delle risorse necessarie allo svolgimento delle attività previste, indicazione dei profili, ruoli e responsabilità del personale coinvolto (in conformità al seguente paragrafo E.6 del Personale), carichi di lavoro, ed eventuali risorse materiali; una sezione del progetto dedicata al programma temporale dello stesso (piano del progetto), con l individuazione delle attività, delle loro relazioni e per ciascuna di esse, i tempi necessari per completarle con annessa analisi dei rischi e dei problemi associati alle varie fasi; una sezione del progetto dovrà contenere indicazione degli obiettivi di qualità: - le metriche per la misura della qualità effettivamente fornita, a fronte di quella attesa, inclusi i valori di soglia per le misure da svolgere che tengano conto delle indicazioni espresse in merito ai livelli di fornitura, di cui al paragrafo D; - i controlli da svolgere internamente per assicurare la qualità della fornitura e relativi momenti di verifica, incluse le specifiche responsabilità riguardo alla gestione delle non conformità, alla gestione delle configurazioni; - metodi, tecniche, strumenti, risorse, competenze previste dal Fornitore per assicurare la qualità della fornitura in corso d opera. Il Progetto dovrà essere presentato in fase di offerta e revisionato: a valle del periodo di transizione per la taratura delle penali e azioni contrattuali; ad ogni trimestre della durata dell intera fornitura affidata. Nel corso della esecuzione del contratto il Progetto sarà utilizzato dal Fornitore come Piano della fornitura, ovvero per regolare tempi e modi di esecuzione di attività proprie dell intera fornitura. Ciascuna edizione del Piano di progetto dovrà essere sottoposta all accettazione dell Amministrazione. D.2 Esecuzione, Controllo e Rendicontazione Per tutta la fornitura che segue una modalità di erogazione basata su pianificazione preventiva (manutenzione adeguativa e correttiva, manutenzione sistemi ecc. ) il Fornitore dovrà svolgere le attività previste nel rispetto del Progetto (Piano del servizio) accettato dall Amministrazione. Con riferimento alle attività pianificate ed approvate dall Amministrazione, il Fornitore dovrà presentare con cadenza trimestrale, entro dieci giorni solari dalla scadenza di ciascun trimestre, un Rapporto di riepilogo delle prestazioni effettuate nel trimestre ovvero un documento che consenta di controllare le attività effettuate rispetto a quelle pianificate. Il documento approvato dall Amministrazione autorizzerà il pagamento dei corrispettivi per i servizi erogati in ciascun trimestre di riferimento. D.3 Gestione delle informazioni relative al patrimonio applicativo e al parco macchine Si tratta della gestione e controllo delle informazioni relative all installato. Le informazioni da gestire riguardano le componenti hardware e software e le relative informazioni di configurazione. In particolare il Fornitore dovrà: aggiornare l inventario centralizzato relativo all installato hardware e software; definire il processo necessario a garantire il costante mantenimento e aggiornamento delle informazioni relative all installato; gestire le garanzie relative ai componenti hardware; gestire le licenze relative al software, per quanto concerne gli adempimenti tecnici, gli aggiornamenti e le versioni del software sviluppato ad hoc. Il sistema software per la gestione del patrimonio informativo dell installato già in uso presso l Amministrazione potrà essere sostituito dal Fornitore previa accettazione da parte dell Amministrazione con garanzia delle seguenti prescrizioni: se la nuova piattaforma è migliorativa in termini di prestazioni, sicurezza e contenuto informativo aggiuntivo rispetto alla base dati in uso; con la garanzia della conservazione e dell integrità della base dati già in uso; il sistema di gestione dovrà permettere una verifica immediata, da parte dell Amministrazione della consistenza e dello stato di tutti i calcolatori, le periferiche, le apparecchiature di rete, il software di

8 base e d ambiente, il software applicativo ed in generale di tutte le apparecchiature ed i prodotti utilizzati dal Fornitore per l erogazione della fornitura oggetto del contratto. Referenti autorizzati dell Amministrazione dovranno potere accedere a tutte le informazioni con modalità in linea al software di gestione dell installato e ad eventuali altri software connessi con la gestione dei servizi in uso da parte del Fornitore. D.4 Documentazione della fornitura Per tutti i servizi oggetto del contratto, il Fornitore dovrà produrre, aggiornare in corso d opera, gestire e consegnare all Amministrazione entro sessanta giorni dalla data di inizio attività la documentazione di progetto definita indispensabile di cui alle singole attività di progettazione dei 5 servizi richiesti come da paragrafo D. Detta documentazione dovrà comprendere: le specifiche della fornitura, che descrivano chiaramente le sue caratteristiche; le specifiche di realizzazione, che descrivano le modalità di realizzazione della fornitura, i requisiti delle risorse hardware, software ed umane utilizzate per svolgere l appalto; le specifiche di controllo della qualità del servizio, che descrivano metodi, strumenti, risorse, per la misura delle caratteristiche di qualità della fornitura. Tutta la documentazione prodotta, in formato cartaceo e/o elettronico, dovrà essere consegnata all Amministrazione e rimarrà di proprietà della stessa con indicazione dell ubicazione fisica presso i locali dell Amministrazione. D.5 Proprietà delle Componenti Le componenti infrastrutturali (hardware, software di base, apparati di rete) operanti al momento dell affidamento dell appalto al Fornitore sono di proprietà dell Amministrazione Comunale. Le componenti del software applicativo sviluppato per la manutenzione adeguativa e correttiva (componenti di sistema, programmi di installazione / configurazione, procedure di gestione, manualistica, ecc.), rimangono di proprietà dell Amministrazione. Le componenti acquisite nel corso del contratto sono di proprietà dell Amministrazione il cui approvvigionamento è stato validato e autorizzato dalla stessa. D.6 Personale Verrà nominato da parte dell Amministrazione un Responsabile di Contratto mandatario del colloquio con i/il Responsabile di Contratto del Fornitore. All'interno di ogni attività realizzativa e di test dovrà essere possibile al Responsabile di Contratto o suo referente dell Amministrazione l'accesso a tutti gli ambienti di gestione e conduzione del S.I. e la partecipazione ai gruppi di lavoro congiuntamente con il personale del Fornitore. Il Fornitore dovrà indicare il Responsabile del contratto con inquadramento aziendale di responsabile di commessa / progetto. Tale figura avrà la responsabilità di tutte le problematiche in essere. Tutto il personale impiegato dovrà avere un regolare rapporto di lavoro nel rispetto delle vigenti normative in materia di lavoro. L offerta dovrà contenere indicazioni dell organizzazione dell appalto per assicurare la continuità dei servizi mediante sostituzioni di personale nei casi di assenza previsti nei rapporti contrattuali. D. 7 Controllo del contratto Dopo l aggiudicazione dell affidamento del servizio l Amministrazione stipulerà il contratto di fornitura con il Fornitore aggiudicatario tenuto conto del presente capitolato e del Progetto presentato dal Fornitore aggiudicatario. Il Responsabile del contratto dell Amministrazione o suo referente curerà i rapporti con il Responsabile del contratto del Fornitore incluse le attività amministrative e tecniche di gestione dei contratti con i sub-fornitori a seguito di attestazione di verifica degli interventi svolti da parte del Fornitore sugli interventi svolti dai sub-fornitori.

9 Il Responsabile del contratto dell Amministrazione o suo referente potrà dare disposizioni e indicazioni anche verbalmente in merito alle modalità e tempi di svolgimento dell appalto. Le comunicazioni formali tra le parti potranno avvenire a mezzo lettera, posta elettronica e fax. Il Fornitore rilascia all Amministrazione il Rapporto di riepilogo delle prestazione effettuate con periodicità trimestrale al fine di valutare le prestazioni raggiunte ed eventualmente applicare le penali previste. Di particolare importanza sarà il ruolo del Responsabile del contratto del Fornitore che durante le fasi di attivazione dell appalto (dalla data di inizio attività comunicata dall Amministrazione) dovrà collaborare con i referenti dell Amministrazione e con il Fornitore uscente per assicurare un veloce trasferimento delle consegne (software e hardware) entro 15 gg. dall avvio dell appalto (periodo di presa in carico). Il Fornitore dovrà dare evidenza dello stato dell appalto attraverso incontri periodici con il Responsabile del contratto dell Amministrazione e/o suoi referenti e presentare formali comunicazioni relative a richieste di approvvigionamento delle risorse strumentali, di competenza dell Amministrazione, necessarie al buon funzionamento del servizio ed al contrasto del degrado del livello di sicurezza dei sistemi informatici. Per il periodo di presa in carico dell appalto le penali non verranno applicate, per il mese successivo il degradamento del livello di qualità dei servizi non comporterà l applicazione automatica della penale che verrà esaminata dalle parti per determinare le cause e le azioni correttive adeguate (periodo di transizione). L applicazione di eventuali penali potrà avvenire soltanto trascorso il periodo di transizione. L attività di presa in carico dell appalto comprenderà in sintesi: organizzazione del personale; raccolta della documentazione tecnica; sessioni formali per il passaggio delle conoscenze e delle consegne con il Fornitore uscente e con il Responsabile del contratto dell Amministrazione. L Amministrazione si riserva la facoltà di costituire un comitato di controllo di composizione mista tra Unione dei Comuni Alto Cilento e il Fornitore con lo scopo di monitorare l andamento della fornitura, di evidenziare problemi insorgenti derivanti da nuove esigenze o dal miglioramento dell appaltoi, di proporre soluzioni preventive a potenziali controversie o, di contro, di definire in maniera trasparente i punti di accordo e di disaccordo. Per le nuove esigenze in relazione alle modalità di erogazioni dei servizi o per l incremento degli stessi il Comune potrà richiedere al Fornitore di presentare una propria proposta corredata dei corrispettivi e delle altre condizioni per l attuazione delle modifiche. Il corrispettivo dell intero servizio sarà quello indicato dal Fornitore aggiudicatario precisato nell offerta. Detto corrispettivo verrà corrisposto con cadenza trimestrale anticipata a titolo di acconto, a decorrere dalla data di inizio attività comunicata dall Amministrazione, previa presentazione di regolare fattura da liquidare entro 30 giorni dal ricevimento della stessa. In sede di liquidazione del trimestre successivo verrà svolto il controllo e le verifiche delle prestazioni effettuate con eventuale applicazioni delle penali, con esclusione del periodo transitorio, relative al trimestre trascorso. Per esigenze straordinarie dell Amministrazione potranno essere concordati periodi lavorativi eccedenti gli orari previsti come da paragrafo D e per la corresponsione e liquidazione delle prestazioni si applicheranno le stesse modalità di liquidazione delle prestazioni ordinarie come sopra citato. Il pagamento del corrispettivo verrà effettuato dietro verifica del rispetto da parte del Fornitore degli adempimenti connessi con il personale dello stesso in relazione alle prestazioni concernenti la fornitura del presente capitolato dietro presentazione della documentazione prevista ai sensi di legge. D. 8 Responsabilità civile del Fornitore Il Fornitore è responsabile e solleva l Amministrazione da ogni responsabilità per danni di qualsiasi natura, materiali o immateriali, a persone o beni, derivanti o connessi a omissioni, negligenze o altre

10 inadempienze nell esecuzione del contratto, subiti dall Amministrazione, dal suo personale nonché da terzi. A fronte di tali responsabilità, il Fornitore si obbliga a stipulare, o a depositare all Amministrazione se già stipulata, una polizza assicurativa a copertura del rischio di responsabilità civile per lo svolgimento delle attività contrattuali. Tale polizza dovrà avere la durata almeno pari a quella del contratto e dovrà essere prorogabile fino al completo adempimento delle prestazioni contrattuali. Il Fornitore resta responsabile anche per gli eventuali maggiori danni eccedenti i massimali assicurati. E. COLLAUDI I servizi oggetto del presente Capitolato saranno sottoposti a collaudo secondo modalità stabile dall Amministrazione. Le operazioni di collaudo consisteranno nella verifica del modello di funzionamento dei servizi e di quanto altro necessario per l erogazione dei suddetti servizi. Saranno oggetto di collaudo in particolare: sistemi e manutenzione adeguativi e correttiva inventario e delle configurazioni. Le attività di collaudo verranno svolte in contraddittorio con un rappresentante designato dal Fornitore. Le specifiche di collaudo, laddove previste, dovranno essere redatte dal Fornitore e sottoposte preventivamente all Amministrazione. Tale documento, una volta accettato dall Amministrazione, rappresenterà una guida per il collaudo. Ove il collaudo non risulti positivo in tutto o in parte, il Fornitore dovrà rimuovere i malfunzionamenti riscontrati nei venti giorni successivi. F. OFFERTA TECNICA I Fornitori partecipanti in sede di offerta tecnica dovranno presentare un Progetto come descritto al paragrafo E.1 che descriva in dettaglio le soluzioni proposte per lo svolgimento del servizio, nel rispetto di quanto indicato nel presente capitolato. Il Progetto dovrà contenere i servizi e le prestazioni da considerare inserite nel prezzo del servizio di base. Per favorire il lavoro della commissione si ritiene opportuno introdurre un limite massimo di pagine del Piano di Progetto pari a 200 in formato carta A4. I requisiti di ammissione e i criteri di aggiudicazione del servizio sono contenuti nel disciplinare di gara. G. FORNITURA G.1 Hardware La fornitura hardware dovrà rispettare le seguenti caratteristiche minime, quindi le marche e i modelli sono da considerarsi come riferimento. Si potranno quindi fornire attrezzature anche di marca e modelli diversi ma con caratteristiche minime equivalenti. Codice produttore Prodotto Num. AF002A HP Rack G2 Shock Pallet DL360G6 E5520,4G,SAS/SATA,P410i,DVD-R 3 KTH-PL313/8G KINGSTON - 8GB 1333MHz Reg ECC Module B21 HP 146GB 10K 6G 2.5 SAS DP HDD B21 HP NC382T PCI Express Dual Port Multif.Gigabit Server Adapter 3 UA007E Electronic HP Care Pack Next Business Day Support 5Y 1 AJ948A HP StorageWorks Modular Smart Array AJ803A HP StorageWorks MSA2300i Controller 1

11 AJ736A HP MSA2 300GB 15K rpm 3.5 inch SAS HDD 6 AF416A HP R5500 VA Intl UPS 4 J9560A#ABB HP ProCurve Switch G 2 WG Fireware PRO 1 WG Firebox X750e UTM Bundle--2 Anni. Include Xcore 750e 1 L1983A#BA0 Scanner HP Scanjet N TLP2824 Stampante barcode TLP 2824 Plus 6 XH931EA#ABZ HP Desktop All in One it 48 BK650EI APC Back-UPS CS G.2 SOFTWARE DI BASE La fornitura del software di base dovrà essere effettuata a prescindere dalle richieste tecniche delle applicazioni fornite, in quanto sono funzionali all intera gestione dei servizi informative complessivi e anche delle applicazioni già in uso dell Amministrazione. Codice produttore Prodotto Num. R Windows Svr ExtrnConn 2008 OLP NL GOVT Qualified 3 R WINDOWS SERVER CAL 2008 OLP NL GOVT USER CAL 150 VS4-STD-C VS4-STD-G-SSS-C VMWARE VSPHERE 4 STANDARD FOR 1 PROCESSOR (MAX 6 CORES PER PROCESSOR) 4 BASIC SUPPORT/SUBSCRIPTION FOR VMWARE VSPHERE STANDARD FOR 1 PROCESSOR FOR 1 YEAR 1 VCS-STD-C VMWARE VCENTER SERVER 4 STANDARD FOR VSPHERE (INCLUDES ORCHESTRATOR AND LINKED MODE) 1 VCS-STD-G-SSS-C BASIC SUPPORT/SUBSCRIPTION FOR VCENTER SERVER 4 STANDARD EXCHGSVRENT 2010 OLP NL GOV Exchange Standard CAL SA OLP NL GOVT User CAL 150 CA CA Threat Manager + 6 Year Maintance 150 Citrix Citrix XenApp5 150 G.3 START-UP SISTEMI L impresa dovrà farsi carico di tutta la installazione e configurazione dei sistemi e della loro manutenzione per due anni dalla data del contratto, sia a supporto del software fornito che per tutta l attività sistemistica dei comuni dell Unione, per la gestione della sicurezza fisica e logica, quindi la configurazioni di sistemi di dominio e Active Directory, firewall, Antivirus, ecc. rispettando i requisiti e i livelli di servizio riportati nella classe di fornitura specifica punto C.4 del capitolato. G. 4 SOFTWARE APPLICATIVO Il software applicativo deve essere strutturato su un database unico e integrato, basato su uno dei database leader di mercato (Oracle, SQL Server, Sybase, DB2) che ne garantisce la manutenzione e la continuità. Deve essere installato in cluster e mirrorato su struttura IDC del fornitore. Le informazioni devono viaggiare dai client Vs. il Database in modo esclusivamente crittografato. Le applicazioni dovranno essere disponibili su client remoti windows, Android e Mac, quindi usufruibili da apparecchiature anche in mobilità.

12 Portale Informativo e formativo multimediale La fornitura deve comprendere un portale informativo e informativo, tale che sia possibile la gestione di contenuti testuali, file PDF, File Audio/Video, con la possibilità di creare profili per eventuali redattori, che possano gestire singoli progetti, gestire lo storico delle modifiche, gestire la lavorazione e l approvazione finale, tale da poter gestire la lavorazione in diversi momenti e decidere la data di rilascio e pubblicazione finale approvata. Deve essere possibile creare dei Prodotti da erogare che contengano più progetti redazionali in modo da poter creare dei servizi di erogazione ad-hoc con contenuti specifici. Questo deve consentire, attraverso il rilascio di appositi account con uno specifico profilo, di poter far collaborare gli istituti scolastici dia qualsiasi grado, le università e le scuole di formazione per poter gestire contenuti poi utilizzabili da gruppi differenziati di utenti. Il sistema di ricerca dei contenuti deve avvenire per parole chiave, per oggetto, per materia, per data, per riferimento normativo, ecc. Tale servizio ha l'obiettivo di rendere disponibile all'utenza di riferimento un portale/community di gestione della formazione, dell'informazione, della cultura e della messa in rete delle informazioni necessarie per avvicinare la domanda e l'offerta di lavoro. Intranet dell Unione Realizzazione di una rete Intranet dell Unione che preveda un Corporate Portal come punto di ingresso ad applicazioni specifiche, disponibili su un Internet Data Center messo a disposizione dall azienda per tutta la durata del contratto: Publishing: pubblicazione, personalizzazione e visualizzazione dei contenuti sull'intranet, realizzando la comunicazione monodirezionale di contenuti verso i soggetti che ne usufruiscono. Community: supporti alla comunicazione e all'interazione tra utenti attraverso servizi interattivi (forum, mailing list, instant messaging, chat etc), finalizzati alla gestione della conoscenza implicita all'interno dell'unione; Collaborative work: supporto alla collaborazione e al teamworking (ad esempio groupware, e- room, videoconferenze etc); Servizi Sociali Deve essere fornito un gestionale per la gestione dei servizi sociali efficace per poter progettare, coordinare, avviare e programmare l offerta di possibili interventi d aiuto, in conformità alla legge 328/2000 che tende ad unificare i criteri di valutazione di coloro che richiedono agevolazioni e contributi alle Pubbliche Amministrazioni. L applicativo deve essere stato sviluppato in considerazione delle leggi emanate a favore di alcune categorie sociali (per es. L.448/1998 artt.65 e 66 - Assegno di maternità, Assegno Nucleo familiare con almeno 3 figli minori, L.431/1998 art Contributi per la Locazione, L.448/1998 art Libri di testo, L. 2/2000 art. 1- Borse di Studio, Riabilitazione e rieducazione funzionale dei disabili, cura e recupero psico-fisico dei malati mentali, Cura e recupero psico-fisico dei tossicodipendenti, Cura e riabilitazione e ricovero degli anziani non autosufficienti, Prevenzione ed assistenza materno-infantile, Attività di informazione e di prevenzione per il mantenimento della salute della popolazione). Deve gestire sia la fase di programmazione, erogazione, monitoraggio e contabilizzazione dei servizi sociali, nonché le procedure per l accreditamento delle organizzazione del terzo settore e la gestione del segretariato sociale. SITT - Sistema Informativo Territoriale Turistico Il Sistema SIT deve essere completamente integrato alla base dati territoriale urbanistica e dovrà permettere la gestione dei dati del database integrato direttamente dalla parte cartografica. Il sistema deve poter essere distribuito su tutti i client dell Unione, quindi senza vincolo di ulteriori licenze di terze

13 parti. Fermo restando la possibilità di poter gestire eventuali moduli integrabili successivamente, il progetto ha come obiettivo primario la realizzazione e validazione di un modello di gestione innovativo del sistema turistico territoriale con la creazione di una rete territoriale tra attori pubblici e privati che, attraverso l utilizzo attivo di nuove tecnologie, sia capace di promuovere, potenziare, diversificare e qualificare il potenziale endogeno e specifico dell offerta turistica. Il progetto, prevede tra gli altri la realizzazione di un indagine quali-quantitativa del potenziale endogeno locale, la definizione e condivisione allargata del modello di gestione, la definizione di una task force permanente, la formazione per gli operatori, la fase di validazione ed adeguamento sistemico e, con carattere orizzontale, attività di informazione, sensibilizzazione e disseminazione dei risultati sui target e sul grande pubblico. In particolare dovranno essere realizzate le seguenti macro-fasi: - Creazione di una rete territoriale finalizzata alla promozione del sistema locale e del potenziale endogeno specifico territoriale; - Ideazione, implementazione e validazione di un Sistema Informativo Turistico Territoriale come modello di gestione per lo sviluppo, la qualificazione e la specializzazione delle economie locali; - Sensibilizzazione e formazione degli operatori turistici alle dinamiche del turismo come fattore di sviluppo socioeconomico; - Integrazione del turismo nelle politiche attive, nella pianificazione territoriale di scenario e nella programmazione degli interventi; - Sviluppo della conoscibilità ed integrazione dell offerta tra turismi settoriali (naturistico, enogastronomico, culturale, ecc.) come processo di valorizzazione territoriale; - Definizione di un sistema consulenziale e di assistenza tecnica nella programmazione per le amministrazioni locali; - Definizione di un sistema informativo rivolto al grande pubblico per la conoscibilità in forma facilitata ed integrata dell offerta turistica; - Gestione degli itinerari turistici - Calendario eventi e notizie Le principali logiche di navigazione del portale dovranno permettere diverse modalità, quali ad esempio: navigazione tematica, per cui il turista, identificandosi in uno dei tematismi proposti dal portale, visualizza le risorse turistiche territoriali correlate al tema prescelto; navigazione territoriale, ossia una presentazione delle risorse turistiche territoriali in funzione della localizzazione geografica su cartina e di specifiche aree territoriali; navigazione temporale, grazie alla quale l utente seleziona e naviga l area perché sceglie di adottare un criterio di tipo temporale ; navigazione per servizi, selezionando la guida pratica per accedere direttamente alle risorse informative concernenti tutti gli aspetti pratici del viaggio. CityCard Il Sistema deve essere predisposto per la gestione di una CityCard (Carta del Cittadino). Ossia un sistema di gestione della carta del cittadino per l usufruizione di tutti i servizi compresi quelli turistici, trasporti, accesso a impianti sportivi, teatri, musei, biblioteche, gestione over65, mense scolastiche, ecc. Deve essere previsto il software di rilascio e sistema di ricarica del prepagato, gestione contabile.

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

FOR SCHOOL. GESTIONE BIBLIOTECA E MENSA + Controllo sul servizio bibliotecario e nel coordinamento della mensa

FOR SCHOOL. GESTIONE BIBLIOTECA E MENSA + Controllo sul servizio bibliotecario e nel coordinamento della mensa Tutti a posto con... STEP Accounting FOR SCHOOL IL GESTIONALE CLOUD INTEGRATO FACILE DA INTERROGARE PER UNA SCUOLA UNO STEP AVANTI GESTIONE SEGRETERIA SCOLASTICA + Rapidità nelle procedure di pre-iscrizione,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 597 del 23/01/2012 Proposta: DPG/2012/462 del 13/01/2012 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli