CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET"

Transcript

1 CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Sistemi informativi data base sicurezza Anno accademico 2008/2009-2^ anno Polo C Docenti: Prof. Ing. Paolo Arena Prof. Ing. Giovanni Caffarelli Vers. 4 w

2 CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Anno/Semestre Codice del corso integrato CFU SSD e contenuti disciplinari Coordinatore del corso Docenti del corso integrato I anno / II semestre, II anno / I e II semestre 8 ING-INF/05 -Elementi di Informatica (2 CFU) -Lab. Informatica e Reti Internet (6 CFU) Prof. Giovanni Caffarelli Proff. Paolo Arena, A. Barbagallo, G. Caffarelli, S. Giustiniani, O. Greco, G. La Placa, G. Milazzo, V. Mutu, A. Nicolosi, S. Pasquale, M.A. Ragusa, M.G. Rinina. OBIETTIVI DEL CORSO INTEGRATO Il settore raggruppa competenze ed ambiti di ricerca propri dell informatica e della teoria dell informazione, posti alla base dell approccio informatico, allo studio dei problemi e, congiuntamente, della progettazione, produzione ed utilizzazione di sistemi informatici per l innovazione nella Società moderna. Le competenze tecnico-scientifiche di questo settore riguardano le metodologie e gli strumenti dell informatica che forniscono la base concettuale e tecnologica per la varietà di applicazioni richieste nella società dell informazione per l organizzazione, la gestione e l accesso a informazione e conoscenze da parte di singoli e di organizzazioni e imprese private e pubbliche. Esse riguardano tutti gli aspetti istituzionali dell informatica di base. La formazione acquisita durante il percorso didattico proposto, fornisce, allo studente, una conoscenza dei concetti base di informatica riconosciuti anche dalla AICA (Associazione Italiana per l Informatica e il Calcolo Automatico), nel riconoscimento della ECDL (Patente Europea del Computer). Il percorso formativo, oltre a fornire delle conoscenze di base generali, si addentra specificatamente ad applicazioni pratiche riferite ad argomenti di specifica pertinenza medico-scientifica. Infatti la personalizzazione di argomenti specifici, durante il corso di studi, proietta lo studente verso una professionalità del medico moderno, con competenze informatiche sufficienti a comprendere le continue evoluzioni future del mercato medico-tecnologico.

3 PROGRAMMA DEL CORSO Concetti di base della tecnologia dell informazione Concetti generali Hardware Software Reti informatiche Il computer nella vita di ogni giorno Salute e sicurezza La sicurezza Copyright e leggi. I anno II semestre

4 PROGRAMMA DEL CORSO II anno I semestre Uso del computer e gestione dei file L ambiente del computer Il desktop Gestione dei file I virus Gestione della stampa Elaborazione dei testi Concetti generali Operazioni di base Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Applicazioni dei programmi di videoscrittura nella professione e nella ricerca medica Foglio elettronico Concetti generali Celle Fogli di lavoro Formule e funzioni Le funzione statistiche di Excel. Formattazione Grafici Preparazione della stampa Raccolta e gestione di dati di sperimentazioni cliniche. Elaborazione statistica dei dati clinici sperimentali mediante foglio elettronico

5 PROGRAMMA DEL CORSO. II anno II semestre Basi di dati Concetti generali Usare l applicazione Tabelle Maschere Cercare informazioni Report Preparazione della stampa Data base clinico-sanitari. La cartella clinica elettronica. Strumenti di presentazione Concetti generali Sviluppare una presentazione Testi ed immagini Grafici ed oggetti Effetti speciali Preparazione della stampa Come tradurre i dati relativi ad un fenomeno biologico in una rappresentazione grafica sotto forma di tabelle e istogrammi. Reti informatiche Concetti generali Internet Navigazione La ricerca nel WEB Posta elettronica Messaggi Gestione dei messaggi

6 PROGRAMMA DEL CORSO <segue> II anno II semestre Ricerca di informazioni mediche su Internet Criteri per formulare una ricerca efficace, operatori logici. La qualità dei siti dedicati alla medicina. Siti web in medicina e portali in sanità. Motori di ricerca orientati alla medicina. Cataloghi di Risorse mediche. Principali siti EBM, La Cochrane Library. Siti per il reperimento di linee guida. Revisioni sistematiche e metanalisi. Le principali banche dati in Internet e le modalità di reperimento. Ricerche bibliografiche su MEDLINE: Ricerca free test, Ricerca con Mesh Medline, Clinical Queries. Riviste elettroniche on-line Data base e Catalogo Unico sul sito Unict.it

7 Informatica elaborazione automatica delle informazioni Oggi il termine informatica è molto diffuso e possiamo certamente definirla come quella scienza interdisciplinare che si occupa e studia tutti gli aspetti relativi al trattamento dell'informazione mediante procedure automatizzabili. Trattamento che vuol dire: archiviazione, protezione, aggregazione, trasformazione, trasporto, diffusione,. Oggi l Informatica è strategica per una società, per un organizzazione, per una singola persona; non poterla utilizzare, qualsiasi ne sia il motivo, determina quello che viene indicato come digital divide

8 Information and Communication Technology (I.C.T.) Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione È la tecnologia ma anche lo studio, la progettazione degli strumenti a supporto dell informatica sia per quanto riguarda le applicazioni software che per i componenti hardware. Nell ICT si fondono differenti componenti, quali la computer technology, le telecomunicazioni, l elettronica e i media. Esempi in tal senso sono rappresentati dai PC, internet, telefonia mobile, TV satellitare, Digitale Terrestre, sistemi di pagamento elettronico, etc. La ICT ha finito con il legare sempre più la componente Information Technology (IT) con quella relativa alla Communication Technology. Con l avvento e la diffusione delle tecnologie a rete, la componente relativa alle comunicazioni ha assunto sempre più maggiore rilevanza e l informazione ha finito con il perdere quella caratteristica rappresentata dall elaborazione su macchine stand alone per divenire una componente condivisa con altre macchine di una rete (sia LAN che quella globale di internet).

9 Telecomunicazioni E la scienza e lo studio degli apparati che si occupano della trasmissione a distanza dei segnali con l obiettivo primario della comunicazione.. Telematica Deriva dalla fusione dei termini Telecomunicazioni ed informatica. Studia la trasmissione a distanza utilizzando le tecnologie dell I.C.T.

10 Robotica Si occupa dello studio di apparati, sistemi, macchine automatiche in grado di eseguire ed interagire con il mondo esterno sotto il controllo di elaboratori. Classici sono le macchine automatiche di certi processi industriali pilotate del tutto o quasi da computer.. Intelligenza artificiale E la scienza che studia e cerca di comprendere il funzionamento della mente umana al fine di riprodurla artificialmente.

11 Sistema Possiamo definire sistema, nella sua accezione più generica, un insieme di entità connesse tramite reciproche relazioni, che interagiscono attraverso processi, in genere per il raggiungimento di un obiettivo Realtà di tipo complesso che presenta le seguenti caratteristiche: L essere costituita da un insieme di elementi identificabili separatamente; Il manifestarsi di interazioni significative tra gli elementi costituenti il sistema stesso; La presenza di obiettivi o finalità che orientano il comportamento del sistema. Sistema Informativo Sistema Informatico

12 Sistema Informativo Il Sistema Informativo si configura come un insieme di elementi, anche molto diversi tra loro, che raccolgono, elaborano, scambiano e archiviano dati con lo scopo di produrre e distribuire le informazioni alle persone che ne hanno bisogno, nel momento in cui ne hanno bisogno, nel luogo in cui ne hanno bisogno e nel formato più utile al loro utilizzo. E costituito da più elementi: dati, procedure, mezzi, persone, ecc. tra cui avvengono interazioni determinanti ai fini del conseguimento degli obiettivi del sistema, che possiamo indicare nella produzione delle informazioni. E un insieme di informazioni che subiscono processi di memorizzazione ed elaborazione da parte di un organizzazione che persegue i propri fini. In un accezione più estesa, poiché il Sistema Informativo è anche un insieme di risorse organizzate per conseguire specifici obiettivi, possiamo parlare di Sistema Organizzativo.

13 Sistema Informatico Descrive la parte di un sistema informativo in cui le informazioni sono raccolte, elaborate e scambiate utilizzando Tecnologie per l Informazione e la Comunicazione (ICT) E quella porzione del sistema informativo direttamente supportata dalle tecnologie dell informazione e della comunicazione

14 Sistemi Informativi e organizzativi: Azienda manifatturiera, una banca, un ospedale, un ente pubblico, una scuola, uno studio professionale, una famiglia, una singola persona, Sistemi informatici: Il sistema finanziario di un azienda, di un Comune, di un Ospedale, Il sistema di gestione della popolazione (l anagrafe e l elettorale) di un Comune. Il sistema informativo automatizzato di gestione dei clienti di una Studio Professionale. La segreteria di una scuola,dell Università. Il sistema di gestione presenze di un azienda. Lo stesso Personal Computer..

15 Un azienda:la sua organizzazione, il suo sistema informativo con i flussi di informazione tra processi, i suoi sistemi informatici, il suo sistema informativo automatizzato Il sistema di gestione economica del personale Il sistema di contabilità Il sistema di produzione Flussi di informazione tra processi Il sistema di gestione vendite ed acquisti Il sistema di comunicazione interna ed esterna (posta elettronica, protocollo, sito web, ) Molto spesso, in un azienda, i vari sistemi informatici costituiscono un unico Sistema Informativo Automatizzato, con un unica Base Dati, con un unico sistema di comunicazione di rete

16 Un Sistema Informativo automatizzato, che utilizza tecnologie dell ICT, nasce dalla necessità di governare l informazione come singoli flussi (nei singoli sistemi informatici) ma soprattutto di governarla globalmente come risorsa dell Organizzazione. Informazione come risorsa di un organizzazione

17 Risorse. Ovvero risorse umane, strumentali, dati Richieste Sistema Informativo Prodotti/Servizi Processi e procedure

18 I 4 componenti fondamentali di un Sistema Informatico che possiamo anche chiamare Sistema Informativo Automatizzato sono: I dati L hardware, ovvero la parte consistente: i PC, le stampanti, gli armadi, le calcolatrici, Richieste Prodotti /Servizi Il software, ovvero la parte immateriale: le procedure Le risorse umane Esistono altri componenti che hanno un forte impatto nel sistema e lo condizionano, come l organizzazione, la cultura interna e la cultura dell ambiente circostante.

19 Processi e Procedure Possiamo definire il processo come la rappresentazione schematica della sequenza delle attività che man mano si susseguono fino all esaurimento del flusso, ovvero al raggiungimento dello scopo del processo. La procedura, invece, descrive in modo analitico ciò che accade durante il processo: chi fa, cosa fa, come fa, dove, quando, perché e chi ne è responsabile. Descrive l'insieme di norme e l aspetto organizzativo necessario per raggiungere un determinato fine Ad esempio: Il processo di stampa di un certificato. La procedura di rilascio dei certificati.

20 Dato e Informazione Il dato è una rappresentazione originaria e non interpretata di un fenomeno. Come esempio la matricola di un dipendente, la temperatura ambiente, i dati anagrafici, un immagine, un filmato, un articolo di legge, la posizione geografica (le coordinate) di una centralina di rilevamento dell inquinamento atmosferico, l informazione è l insieme di uno o più dati, memorizzati, classificati, organizzati, messi in relazione o interpretati nell ambito di un contesto in modo da avere un significato. Come esempio il curriculum di uno studente, l andamento temporale delle temperature ambiente, il grafico giornaliero dell inquinamento di CO in una determinata strada, Il dato diventa informazione nel momento in cui è comunicato/recepito al fine di una utilità pratica. Ovvero il dato o un insieme di dati che assumono un significato diventano informazione. Si può affermare che i dati sono la materia prima nel processo di formazione delle informazioni. Ma le informazioni prodotte possono essere poi dati base in un altro processo di formazione di altre informazioni ancora più aggregate. Dati Informazione Spesso i due termini vengono utilizzati senza una vera distinzione

21 BASE DATI - DBMS Data Base Management System Access, MySQL, PostgreSQL, MS SQL Server, Oracle, DB2

22 BASE DATI data base Una base di dati è un sistema informativo che deve memorizzare in modo strutturato molti dati (testi, parole, numeri, date, immagini,...) di diversa natura e diversa provenienza, correlati fra loro. È un contenitore di dati strutturati, sui quali deve essere possibile eseguire alcune operazioni fondamentali, che si possono raggruppare su tre livelli: Amministrazione (DB Administration): Progettazione, creazione e distruzione delle strutture dati; Transazione (Transaction): Inserimento, aggiornamento, cancellazione dei singoli dati; Interrogazione (Query): Consultazione (lettura) dei dati. Nel modo in cui i dati sono logicamente organizzati, possiamo individuare, anche storicamente, alcuni tipi di base dati: sequenziale, gerarchica, reticolare, relazionale (o a tabelle)

23 Il Database Relazionale si presenta all utente come un insieme di tabelle correlate mediante relazioni tra campi. Le tabelle sono costituite da: Campi o colonne o attributi che costituiscono la struttura della tabella Record o righe o tuple che costituiscono gli elementi (item) della tabella Una Tabella può non avere righe (essere vuota) ma deve avere le colonne, ovvero deve avere una struttura.

24 Le relazioni consentono di costruire insiemi di dati (record logici), aggregando campi appartenenti a tabelle diverse. Questa struttura evita di ripetere più volte lo stesso dato. Ad esempio evita di ripetere nella tabella visite tutti i dati dei clienti inserendo semplicemente il codice cliente: in questo caso il campo ID della tabella clienti. Ciò permetterà anche ricerche più semplici ed esaustive

25 Tipologia dei dati, valori di default, dominio Si è visto che le colonne determinano la struttura della tabella. Nella progettazione della colonna, oltre al nome, bisogna definire altri parametri: La tipologia del dato, la dimensione, un eventuale formato, un eventuale valore predefinito, un eventuale campo di validità (dominio), se può ammettere valori nulli (ovvero se è richiesto sempre un valore), se deve essere univoco, se deve essere indicizzato, La tipologia dei dati così come altri parametri sono in genere diversi per DBMS diversi. Di seguito si fa riferimento ad Access. E obbligatorio definire la tipologia del dato e la dimensione

26 Criteri di assegnazione dei tipi di dati Testo: si usa questo tipo di dato in un campo (standard per access) quando si devono inserire qualsiasi tipo di lettera, simboli, spazi, numeri fino ad un massimo di 255 caratteri. Memo: si usa questo tipo di dato in un campo quando si devono inserire dei testi lunghissimi fino a caratteri (testi, note, descrizioni). Numerico: si usa questo tipo di dati in un campo quando si devono inserire valori numerici utilizzati solo per eseguire dei calcoli. (Attenzione in genere non viene utilizzato per numeri telefonici, codici postali in quanto non sono utilizzati nei calcoli.) Data/ora: si usa questo tipo di dati in un campo solo per eseguire calcoli su date e ore. Valuta: si usa questo tipo di dati in un campo quando si devono inserire valori numerici con valuta in euro o altro. Contatore: si usa questo tipo di dati in un campo quando si devono inserire numeri progressivi a partire da 1 a ogni record del database. E' Access che assegna automaticamente numeri progressivi che poi non si potranno più modificare.

27 Si/No: si usa questo tipo di dati in un campo quando si dovrà fare la scelta tra due condizioni Si o No (vero o falso). Oggetto OLE: si usa questo tipo di dati in un campo modulo quando si devono inserire oggetti tipo grafica, fogli elettronici, file sonori. Collegamento ipertestuale: si usa questo tipo di dati in un campo quando di dovrà inserire un collegamento a qualsiasi cosa come ad esempio un indirizzo internet. Ricerca guidata: si usa questo tipo di dati in un campo quando, per ridurre il tasso di errore di inserimento dati, è possibile creare una lista di valori selezionati di un'altra tabella o una lista creata da noi.

28 Impostato il tipo di dato che si è scelto, si dovranno impostare alcune proprietà, (nella parte inferiore della finestra disegna tabella), che sono molto importanti perché maschere e report utilizzeranno queste proprietà, per prevenire errori, per semplificare l input dei dati. Impostazione delle proprietà: Dimensione campo: Solo per campo di tipo di testo consente un massimo di 255 caratteri, per campi di tipo numerico e contatore vedi tabella qui sotto: Dimensione campo Numero più grande Cifre decimali Byte da 0 a 255 Nessuna. Dato arrotondato Intero Intero lungo da a (2^15) da -2,147,483,648 a 2,147,483,647 Precisione singola da -3,4x10 a 3.4x10 Fino a 7 Precisione doppia da x10 a 1.797x10 Nessuna. Dato arrotondato Nessuna. Dato arrotondato Fino a 15 Decimale da 0 a 255 Disponibile

29 Formato: Stabilisce la modalità dei dati che appaiono in Visualizzazione Foglio dati. Per campi di tipo numerico vedi tabella qui sotto: Formato Numero Generico Valuta Euro Fisso Standard Percentuale Notazione scientifica Descrizione Formato Standard. Visualizza il numero come lo si digita. Utilizza la valuta impostata da windows con punto separatore Utilizza la valuta euro Il numero standard di cifre decimali è 2. Visualizza almeno una cifra e il numero viene arrotondato a secondo del numero di cifre decimali impostate. Usa il punto come separatore delle migliaia. Cifra decimale è 2 Moltiplica il numero inserito per 100. Cifra decimale è 2 Rappresenta i numeri come multipli di potenze di 10

30 Per campi di tipo data/ora vedi tabella qui sotto: Formato Descrizione Data generica Valore Standard. Data estesa Esempio: lunedì 1 maggio 2000 Data breve Esempio: 1-mag-2000 Data in cifre Esempio: 01/05/2000 Ora estesa Esempio: Ora breve 12h Esempio: ora espressa su 12 ore Ora breve 24h Esempio ora espressa su 24 ore

31 Posizioni decimali: Solo per campi Numerico e Valuta, stabilisce un certo numero di cifre decimali. Maschera di imput: Con questa proprietà è possibile impostare l'aspetto che dovranno avere i nostri dati: es. Codice fiscale, , ora, CAP, sigla della provincia, data. Etichetta: Con questa proprietà e possibile cambiare il nome (come alternativa) del campo che appare nella tabella su maschere e report. Valore predefinito: Imposta nel campo un valore specifico predefinito. Valido se: E possibile impostare un valore massimo o minimo del dato in quel campo (es. non può superare un determinato numero sia in eccesso o per difetto). Messaggio di errore: E' possibile inserire un piccolo testo che si vuole che appaia, nel caso che si violino le regole delle proprietà precedenti "valido se". Richiesto: Con questa proprietà è possibile stabilire l'obbligatorietà di inserimento dati in un report. Consenti lunghezza zero: Con questa proprietà è possibile stabilire se scrivere nel report delle virgolette (" ") nel caso che non ci siano dati da inserire. Indicizzato: Se no: non consente l'immissione di dati uguali per velocizzare la lettura dei dati di un database.

32 Esempio di memorizzazione: 5 se considerato come carattere sarà memorizzato (codifica ASCII) con la seguente stringa di bit: (numero decimale 53) se considerato come numero intero sarà memorizzato con la seguente stringa di bit:

33 Codifica A.S.C.I.I. American Standard Code for Information Interchange La sigla "ASCII" sta per: "American Standard Code for Information Interchange", cioe' "Standard americano per lo scambio di informazioni". Un codice ASCII e' la rappresentazione numerica di un carattere in quanto il computer puo' solo capire numeri e codici. Per esempio il carattere e' rappresentato dal codice ASCII "64", "Y" dall'"89", "+" dal "43", ecc. Pero' un codice ASCII puo' anche rappresentare una specifica azione, come "vai a capo", codice ASCII "10", oppure "cancella", codice "127", ecc.

34 Esercitazione1-Access 1 Come prima esercitazione, creiamo una tabella avente la seguente struttura: ID contatore (chiave primaria); Data Data/ora Data in cifre; Ora Data/ora Ora breve 24h; TipoID numerico (fa riferimento alla tipologia di visita, ovvero alla tabella Tipologia); ClienteID numerico (fa riferimento al cliente, cioè alla tabella Clienti); Incasso valuta - Euro 2 Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

35 Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

36 Imposterermo come chiave primaria il campo ID e si salverà col nome Visite Chiave Primaria (Primary Key): insieme minimo di campi che permette di identificare in modo univoco un record all interno di una tabella (in genere è un solo campo). Nell esempio, ID rappresenta univocamente una visita Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

37 Poi creeremo le tabelle: Tipologia, Clienti, Sesso. Nella tabella Sesso, che avrà un solo campo testo(1), inseriremo le due righe di valore F e M. L inserimento avverrà cliccando due volte sulla tabella, oppure selezionandola e cliccando su Apri. La tabella Sesso si creerà per facilitare l inserimento degli elementi di Clienti, attraverso una casella combinata (o elenco a discesa o combo) In una maschera di input (vedi più avanti)

38 Inserimento di alcuni elementi nella tabella Tipologia. L inserimento verrà effettuato direttamente aprendo la tabella. Essendo il campo ID un contatore, sarà Access stesso ad incrementarlo via via che inseriamo una nuova riga.

39 Creiamo adesso una maschera per l inserimento/lettura dei dati dei clienti attraverso Crea una maschera mediante una creazione guidata dell oggetto Maschere.

40 Seguiamo le indicazioni di default

41 Seguiamo le indicazioni di default Trasciniamo, cliccandoci due volte, una casella combinata sulla maschera. Servirà per scegliere il valore del sesso dalla tabella Sesso Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

42

43

44

45 Si può adesso chiudere e salvare col nome Clienti. Si è creata una maschera di nome Clienti che servirà per inserire nuovi record nella tabella Clienti e per scorrere i vari record presenti. Basta cliccare due volte sulla maschera appena creata Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

46 In modo del tutto analogo si creerà la maschera per l inserimento/lettura delle righe della tabella Visite E inutile selezionare il campo ID, in quanto essendo un contatore, verrà incrementato automaticamente da Access

47

48

49 Scegliere il campo di Visite dove memorizzare il valore ID della tabella Clienti. Il campo è chiaramente ClientiID Chiudere e salvare col nome Visite Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

50 Cliccando due volte sull oggetto maschera Visite, si aprirà la maschera per l input dei dati. Nell esempio di figura è stata inserita anche un altra casella combinata che permette di scegliere la tipologia delle visite. Per inserire questa nuova casella combinata basta selezionare la maschera Visite e cliccare su struttura. In tal modo si aprirà la maschera in visualizzazione struttura e con una procedura analoga a quella già vista precedentemente si potrà inserire la casella combinata che legge i dati dalla tabella Tipologia ed inserisce il valore ID nel campo TipoID della tabella Visite. Università Università degli degli Studi Studi Catania di Catania - Facoltà - Facoltà di Medicina Medicina e e Chirurgia Chirurgia --a.a. a.a. 2008/ /09 --prof. prof. ing. Paolo Arena, Arena, prof. prof. ing. ing. Giovanni Giovanni Caffarelli Caffarelli

51 Il modello relazionale è oggi il più diffuso. Nato all'inizio degli anni '70 si basa sul concetto matematico di relazione tra insiemi; la teoria dei DB relazionali può esprimersi in modo rigoroso usando il linguaggio della logica formale o in alternativa quello dell'insiemistica. Il modello relazionale usa come strutture dati fondamentali le tabelle e le relazioni fra esse. Da un punto di vista teorico, progettare un data-base relazionale richiede le seguenti fasi: Tracciare il diagramma entità-relazioni ERD (Entity-Relationship Diagram) del DB; Tradurre il ERD in tabelle (schemi relazionali); Individuare gli eventuali vincoli di integrità. Può essere utilizzato un linguaggio grafico per disegnare il diagramma entità-relazioni. Le entità sono rappresentate con rettangoli. Le relazioni (associazioni) sono in genere rappresentate con losanghe. Successivamente tale diagramma si tradurrà nella progettazione di tabelle Esempio di diagramma Entità-relazioni 1 N N 1 AUTORE SCRIVE LIBRO Pubblica EDITORE

52 Le entità o oggetti sono i componenti principali di un Data-Base. Un primo approccio è quello di vederle come il corrispettivo dei sostantivi della lingua comune; esempi classici di entità sono PERSONA, LUOGO, LIBRO, VISITA MEDICA, MATERIA,... così come le relazioni (o associazioni) corrispondono a forme verbali. Un entità corrisponde ad una tabella in cui le colonne (o campi) sono gli attributi titolo prezzo EditoreID ID LIBRO AutoreID ID rappresenta il campo chiave della tabella LIBRO EditoreID rappresenta il campo che relaziona con la tabella EDITORE AutoreID rappresenta il campo che relaziona con la tabella Autore ID è la Chiave Primaria (Primary Key): insieme minimo di campi che permette di identificare in modo univoco un record all interno di una tabella (in genere è un solo campo. ID rappresenta univocamente un Libro EditoreID e AutoreID sono campi che relazionano con tabelle esterne e vengono chiamate chiavi esterne (foreign key); la relazione avviene attraverso la chiave primaria delle tabelle esterne

53 In un associazione è importante stabilire la cardinalità. La cardinalità può essere di tre tipi: 1:1 (leggi uno a uno): ad ogni elemento della prima entità corrisponde uno e un solo elemento della seconda e viceversa; 1:N (leggi uno a enne o uno a molti): ad un elemento della prima entità possono corrispondere uno o più elementi della seconda entità. Ad un elemento della seconda entità corrisponde uno e un solo elemento della prima; N:M (leggi enne a emme o molti a molti): ad un elemento della prima entità possono corrispondere più elementi della seconda e viceversa; Esempi: Relazione Nazione-Capitale: ogni Nazione ha una sola Capitale; ogni capitale è tale di una sola nazione; la relazione è 1:1. Relazione padre-figlio; ad ogni padre possono corrispondere uno o più figli ma non il viceversa; l'associazione è 1:N. Relazione Film-Attore: un attore può recitare in più film; un film ha più attori. La relazione è N:M.

54 1 COMUNI È una relazione 1:N (uno a molti) perché ad una riga della tabella COMUNI possono corrispondere uno o più righe della tabella AUTORI. In questo caso nella tabella AUTORI si inserisce una colonna come chiave esterna che rappresenta la chiave primaria della tabella COMUNI È una relazione 1:N (uno a molti) perché ad una riga della tabella AUTORI possono corrispondere uno o più righe della tabella LIBRI. In questo caso nella tabella LIBRI si inserisce una colonna come chiave esterna che rappresenta la chiave primaria della tabella AUTORI 1 N AUTORI LIBRI N N 1 EDITORI

55 In una relazione tra due tabelle T1 e T2 in cui la cardinalità e 1:N, nella tabella T2 si inserisce come chiave esterna la chiave primaria della tabella T1. E il caso di COMUNI-AUTORI o AUTORI-LIBRI o EDITORI-LIBRI dell esempio precedente. 1 COMUNI N AUTORI In una relazione tra due tabelle T1 e T2 in cui la cardinalità e 1:1, in una tabella, indifferentemente, si può inserire come chiave esterna la chiave primaria dell altra tabella. Esempio : NAZIONE-CAPITALE Come esercitazione creare le due tabelle NAZIONE e CAPITALE

56 In una relazione tra due tabelle T1 e T2 in cui la cardinalità e N:M, è necessario creare una terza tabella nella quale siano presenti una chiave primaria e due chiavi esterne che sono le chiavi primarie delle due tabelle T1 e T2. Esempio Film-Attore: un attore può recitare in più film; un film ha più attori. La relazione è N:M. (come esercitazione creare le tabelle) FILM ATTORI FILM-ATTORI Nota: in effetti tra le tabelle AUTORI e LIBRI, tenendo conto che un libro può essere scritto da più autori, la relazione è N:M. Come esercitazione, modificare la relazione precedente e creare la terza tabella che di fatto realizza la relazione tra gli autori e i libri.

57 Esempio: Università Università Catania Ragusa Siracusa Sede Medicina e Chirurgia Ingegneria Facoltà Medicina e Chirurgia Scienze Motorie Corso di laurea Anatomia I Informatica Materia Materia N N 1 N Del Corso di della Facoltà presiede laurea N Presidente frequenta Studente M nella Sede 1

58 Esempio: Università Cognome Nome Matricola ID Studente LuogoNascita Residenza Descrizione ID Semestre Materia CorsoLaurea Descrizione Facoltà Descrizione Presidente Cognome Nome ID CorsoLaurea ID Facoltà Sede ID Presidente Ubicazione Descrizione I campi chiave sono sottolineati: le chiavi primarie colorate in verde, le chiavi esterne in azzuro. ID Sede CODICE COMUNI Gli altri campi sono in corsivo

59 Tra Studente e Materia esiste una relazione N:M, in tal caso si crea un altra tabella che relaziona le due. ID MaterieStudenti Materia Studente

60 Esempio: Università Ad una materia, esempio Anatomia I (ID=1), sono iscritti più studenti (Rossi Mario, Russo Francesco, Arena Paolo). Analogamente uno Studente, ad esempio Rossi Mario (ID=3) è iscritto in più materie (Anatomia I, Istologia, Informatica)

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM ECM Solution v.5.0 Il software per la gestione degli eventi ECM I provider accreditati ECM (sia Nazionali che Regionali) possono trovare in ECM Solution un valido strumento operativo per la gestione delle

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli