COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 21/10/2008Nr. Prot APPROVAZIONE DELL'AGGIORNAMENTO ANNUALE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA, AI SENSI DEL D.LGS. N. 196/2003. Nr. Progr. Data Seduta NR. Titolo Classe Sottoclasse 28 27/03/ L'anno DUEMILAOTTO questo giorno VENTISETTE del mese di MARZO alle ore 18:00 convocata con le prescritte modalità, nella Sede Municipale si è riunita la Giunta Comunale. Fatto l'appello nominale risultano: Cognome e Nome ROPA LORIS MIGNANI FABIO GHINI ELVE LAZZARI MASSIMILIANO COCCHI MIRNA ROTUNDO STEFANO SANTAGADA GIULIO Carica PRESIDENTE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE Presente S S S S S S S Totale Presenti: 7 Totali Assenti: Assenti giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente giustificato Partecipa il SEGRETARIO GENERALE del Comune, PERNA LUCIA. Il Sig. ROPA LORIS in qualità di SINDACO assume la presidenza e, constatata la legalità della adunanza, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta a deliberare sull'oggetto sopra indicato.

2 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 28 DEL 27/03/2008 OGGETTO: APPROVAZIONE DELL'AGGIORNAMENTO ANNUALE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELLA SICUREZZA, AI SENSI DEL D.LGS. N. 196/2003. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che il Decreto Legislativo , n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali, nella stesura iniziale, prevede: - all art. 34 comma 1, lett. g) ed alla regola 19 dell allegato B), l adozione, entro il 31 marzo di ogni anno, di un Documento Programmatico sulla Sicurezza (D.P.S.), da redigersi in base alle disposizioni inerenti le misure minime di sicurezza nel trattamento dei dati personali previste dagli articoli e allegato B) del codice stesso; - all art. 180 la scadenza del 30 giugno 2004 per l adozione delle misure minime di sicurezza di cui agli artt. da 33 a 35 e all. B), che non erano previste dal D.P.R. n. 318/1999; Viste e richiamate le proprie precedenti deliberazioni, con cui è stato approvato: - il piano operativo per le misure di sicurezza minime inerenti l attività di questo Ente, in ordine al trattamento dei dati personali, con deliberazione della Giunta Comunale n. 12 del , redatto in base al testo allora vigente della Legge n. 675/1996 (ora completamente rivista e confluita nel Codice di cui al D.Lgs. n. 196/2003, sopra citato); - l aggiornamento del Documento Programmatico per la Sicurezza (DPS) per l anno 2007, in ottemperanza al D.Lgs. n. 196/2003, con deliberazione n. 32/2007; Considerato che: - ogni volta che un nuovo incaricato viene inserito in organico, anche a tempo determinato, o che un esterno lavora stabilmente presso l Ente, viene consegnato a cura del Servizio Gestione del Personale un apposito manuale di istruzioni impartite agli incaricati, predisposto come estratto del D.P.S. stesso e contenente appunto le disposizioni per il corretto trattamento dei dati; - è demandato ad apposito provvedimento del Sindaco, quale titolare del trattamento dei dati dell Ente, l attribuzione, ove necessario, della qualifica di responsabile esterno nel trattamento dei dati, ai sensi dell art. 29 D.Lgs. n. 196/2003, alle aziende e/o strutture esterne individuate nel D.P.S. stesso; Dato atto che, ai sensi dell art. 180 comma 1 e della Regola 19 dell allegato B al «Codice in materia di protezione di dati personali» (D.Lgs. n. 196/2003) e successive modifiche, il Documento Programmatico sulla Sicurezza deve essere aggiornato entro il 31 marzo di ogni anno; Ritenuto, pertanto, di approvare il Documento Programmatico per la Sicurezza, aggiornato al , quale parte integrante e sostanziale del presente atto; Dato atto che è stato acquisito il parere favorevole espresso dal Direttore dell Area Amministrativo/Istituzionale in ordine alla regolarità tecnica; Con voti unanimi resi nei modi di legge D E L I B E R A

3 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 28 DEL 27/03/2008 1) Di approvare, per le motivazioni indicate in premessa, il Documento Programmatico sulla Sicurezza (D.P.S.), allegato A) alla presente deliberazione e costituente parte integrante e sostanziale della stessa, disponendo, contestualmente, che tutti i Servizi siano tenuti ad adeguarsi alle prescrizioni contenute in tale documento; 2) Di disporre, altresì, che venga consegnata, a tutto il personale assunto in servizio a tempo indeterminato e a tempo determinato, nonché ad ogni esterno che lavori stabilmente presso l Ente, copia aggiornata dell apposito manuale di istruzioni impartite agli incaricati, approvato con la deliberazione n. 32/2007, che non ha subito alcuna variazione con il presente atto; 3) Di confermare che è affidato ad apposito provvedimento del Sindaco, quale titolare del trattamento dei dati dell Ente, l attribuzione, ove necessario, della qualifica di responsabile esterno nel trattamento dei dati, ai sensi dell art. 29 D.Lgs. n. 196/2003, alle aziende e/o strutture esterne individuate nel D.P.S. stesso; 4) Di disporre - che ai sensi della Regola 26 dell allegato B al Codice e del parere espresso dal Garante per la protezione dei dati personali in data 22 marzo nella relazione di accompagnamento a ciascun Bilancio di Previsione si faccia riferimento circa l avvenuta redazione o aggiornamento del D.P.S.; Con separata ed unanime votazione si dichiara immediatamente eseguibile la presente deliberazione, ai sensi dell art comma - del Decreto Legislativo n. 267.

4 DPS - Piano di sicurezza dell ente Marzo

5 INDICE LA SICUREZZA: PREMESSA...6 PROTEZIONE CONTRO L ACCESSO INDEBITO ALLE RISORSE ED APPLICAZIONE DEL D.LGS. N. 196/ LO SCHEMA DEL PIANO DI SICUREZZA SECUREANALISYS...12 Il censimento delle banche dati dell ente Regola 19.1 dell Allegato B al Codice: elenco dei procedimenti che comportano il trattamento di dati personali, sensibili, giudiziari Tavola 1. Elenco dei trattamenti: informazioni di base Tavola 2. Elenco dei trattamenti: descrizione degli strumenti utilizzati Il censimento dei beni che rientrano nel piano di sicurezza Tavola 3.riepilogo delle sedi dell ente Tavola 4.riepilogativa del censimento dei beni che rientrano nel piano di sicurezza dell ente Analisi organizzativa dell ente Tavola 5.riepilogo degli incaricati Tavola 6.riepilogo dei profili Rapporti con professionisti ed incaricati non dipendenti dell ente Distribuzione dei compiti e delle responsabilità (regola 19.2 dell Allegato B al Codice) Tavola 7.distribuzione dei compiti e delle responsabilità L accesso alle strutture fisiche dell ente Tavola 8.: assegnazione delle chiavi di accesso ai locali dell ente Analisi tecnologica dei dati elettronici Lo schema generale della rete Analisi ambientale Casi particolari: i posti di lavoro della sede dell asilo nido Balzani Analisi del sistema di cablaggio Analisi dell architettura LAN/WAN LAN WAN Analisi delle vulnerabilità interne e dell accesso ai dati Analisi delle applicazioni: regola 19.8 dell Allegato B al Codice

6 Analisi delle comunicazioni verso Internet Analisi dei servizi pubblicati sulla rete Internet Analisi tecnologica dei dati cartacei Analisi ambientale Analisi delle vulnerabilità interne e dell accesso dei dati Le criticità dei beni informatici preposti al trattamento dei dati elettronici Il fault tolerance Tavola 9.: Tabella riepilogativa dei device presenti nell ente: censimento dei beni informatici Il disaster recovery Tavola 10.: Tabella riepilogativa dei fattori di criticità per il servizio di disaster recovery L analisi dei rischi a cui possono essere soggetti i dati elettronici e i dati cartacei: regola 19.3 dell Allegato B al Codice Analisi dei rischi dei dati elettronici Presentazione sintetica dei rischi a cui sono soggetti i dati elettronici trattati dal Comune di Anzola dell Emilia Tavola 11.: I rischi a cui sono soggetti i dati elettronici trattati dal Comune di Anzola dell Emilia sono di seguito riepilogati: Analisi dei rischi dei dati cartacei Presentazione sintetica dei rischi a cui possono essere soggetti i dati cartacei trattati dall ente Tavola 12.: I rischi a cui possono essere soggetti i dati cartacei trattati dall ente possono essere così riepilogati:.. 72 L analisi dei sistemi di videosorveglianza Tavola 13.: Tabella riepilogativa dei sistemi di videosorveglianza Adempimenti ottemperati DOVERE DI INFORMAZIONE MISURE DI SICUREZZA DURATA DELL EVENTUALE CONSERVAZIONE La definizione della politica di sicurezza dell ente Chi-fa-cosa dentro Tavola 14.: chi-fa-cosa dentro Chi-fa-cosa fuori Tavola 15.: chi-fa-cosa fuori Chi, interno, fa cosa da fuori Tavola 16.: chi, interno, fa-cosa da fuori Chi, esterno, può fare cosa da fuori o, in casi definiti, da dentro Tavola 17.: chi, esterno, può fare-cosa da fuori o, in casi definiti, da dentro Rapporti con aziende esterne all organizzazione assimilabili a titolari del trattamento: regola 19.7 dell Allegato B al 3

7 Codice SECURELAW...84 Securelaw: verifica degli adempimenti formali Dati residenti su elaboratori elettronici Tavola 18.: riepilogo adempimenti formali per dati residenti su elaboratori elettronici Securelaw: verifica degli adempimenti sostanziali Adempimenti sostanziali dati elettronici Tavola 19.: riepilogo adempimenti sostanziali per dati residenti su elaboratori elettronici Securelaw: verifica degli adempimenti formali Dati residenti su archivi cartacei Tavola 20.: riepilogo adempimenti formali per dati residenti su archivi cartacei Adempimenti sostanziali dati cartacei Tavola 21.: riepilogo adempimenti sostanziali per dati residenti su archivi cartacei Securelaw: piano formativo degli incaricati: regola 19.6 dell Allegato B al Codice Tavola 22.: piano di formazione degli utenti DPS DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI...93 Dati residenti su supporto cartaceo Analisi dei rischi Analisi dei rischi e delle azioni intraprese per cautela relativamente al trattamento dei dati cartacei: regola 19.4 dell Allegato B al Codice Tavola 23.: riepilogo dei rischi e delle azioni legate al trattamento dei dati cartacei Dati residenti su elaboratori elettronici Analisi dei rischi Analisi dei rischi e delle azioni intraprese per cautela: regola 19.4 dell Allegato B al Codice Tavola 24.: analisi dei rischi e azioni intraprese per i dati residenti su supporto elettronico Le operazioni di salvataggio dei dati: regola 19.5 dell Allegato B al Codice Tavola 25.: riepilogo delle operazioni di salvataggio dei dati I controlli anti-intrusione dall esterno Tavola 26.: riepilogo delle operazioni di controlli anti-intrusione dall esterno AZIONI INTRAPRESE PER IL FAULT TOLERANCE: REGOLA 19.5 DELL ALLEGATO B AL CODICE

8 Server Windows NT/ Switch Router PROCEDURE DA SEGUIRE IN CASO DI FAULT Server Server Windows 2000 Anzola, Anzola2, Anzola3 e Srvanzola Server Windows 2000 Biblioteca Server Windows Numero Verde Switch Router di fascia alta e firewall Router di fascia bassa Linee di collegamento AZIONI DA INTRAPRENDERE PER IL DISASTER RECOVERY PROCEDURE DA SEGUIRE PER AFFRONTARE UNA SITUAZIONE DI DISASTER RECOVERY Server Procedure da eseguire per i server di cui è presente il servizio di disaster recovery sul software di back-up dei dati 106 Tavola 27.: riepilogo procedure di disaster recovery per la sede di Anzola legate ai dati Router e Wan Link

9 La sicurezza: premessa Con l entrata in vigore del Codice in materia di protezione dei dati personali il legislatore sancisce che il diritto alla riservatezza, all identità personale e alla protezione dei dati riferiti a persone fisiche o giuridiche sono da annoverarsi tra i diritti fondamentali. Di conseguenza qualsiasi trattamento di dati personali deve svolgersi nel rispetto della dignità del soggetto interessato sottoposto al trattamento. Da quanto esposto sopra deriva la necessità di rafforzare, in un quadro di evoluzione tecnologica, le misure di sicurezza contro i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati personali, di accesso non autorizzato o di uso improprio dei dati stessi. A tal fine alle precauzioni già previste nella normativa precedente (password, codici identificativi, antivirus etc.), se ne aggiungono altre come: password di non meno di otto caratteri, autenticazione informatica, sistemi di cifratura, procedure per il ripristino dei dati, ecc., nonché la tenuta di un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza. Nonostante sia utopistico credere che possa esistere la sicurezza assoluta, questo non esime qualsiasi titolare, responsabile o incaricato del trattamento dei dati personali a predisporre un piano di sicurezza dell ente. Occorre però individuare, in via preliminare, quali sono i requisiti minimi di sicurezza di un sistema informativo basato su strumenti elettronici o su strumenti cartacei per poterli applicare al sistema stesso nella totalità o in parte. L obiettivo è quindi quello di stabilire il livello di sicurezza da raggiungere in relazione al valore del bene intangibile da proteggere (informazione) ed al rischio sostenibile, senza ridurre la possibilità di fruizione dello stesso. Un sistema informativo deve, quindi, avere un sistema di protezione contro i seguenti rischi: accesso indebito alle risorse; azioni dolose; errori operativi; manomissioni o furti; fault di servizi; eventi dannosi o disastrosi offrendo al contempo garanzia di: autenticità e integrità delle registrazioni elettroniche ed assicurando: facilità di auditing Per accesso indebito alle risorse s intende che dati, programmi e strumenti di comunicazione devono essere protetti da accessi non autorizzati, in ottemperanza al d.lgs. n. 196/2003. Per protezione da azioni dolose s intende che devono esistere procedure e strumenti per proteggere le risorse del S.I. da azioni particolari come modifica o copia di informazioni, messaggi, file, programmi da parte di persone non autorizzate, uso non autorizzato dei privilegi di sistema, dirottamento o duplicazione di informazioni o programmi da 6

10 parte di persone non autorizzate, bombe logiche, cavalli di Troia, virus. Per protezione dagli errori operativi s intende che il S.I. deve essere progettato in modo che errori operativi non arrechino danni alle risorse hardware e software, che le operazioni critiche siano attivabili solo da personale autorizzato e che devono essere previsti strumenti per ripristinare lo stato corretto del sistema nel caso vengano rilevati errori operativi. Per protezione da manomissioni o furti s intende che i server dell ente, nonché i documenti cartacei, devono essere custoditi in locali protetti in cui l accesso è permesso solo agli incaricati per lo svolgimento di compiti ad essi assegnati. Per protezione contro il fault o la caduta di alcuni servizi, s intende che è opportuno che esista una procedura in grado di far ripartire un servizio più o meno critico, più o meno importante, servizio caduto in seguito ad un guasto hardware e/o software, con i tempi ed i modi definiti dal manuale della sicurezza. Infine per protezione contro eventi dannosi o disastrosi s intende che è necessario che il sistema informativo preveda contromisure per tutelarlo da eventi dannosi (assenza di alimentazione elettrica o condizionamento) o disastrosi (incendi ecc.). La garanzia che deve essere offerta dal sistema informativo è relativa all autenticità dei dati, ovvero deve essere disponibile un meccanismo per associare ad una unità di registrazione l identificativo dell utente che l ha generata nella forma in cui essa è memorizzata, con una prova incontestabile, e all integrità del dato stesso. Per integrità dei dati gestiti e registrati a livello applicativo; si afferma che il compito del S.I. è quello di garantire l integrità logica (coerenza e consistenza) e fisica (esistenza di copie o di salvataggi) di tali dati. Per quanto riguarda i requisiti di auditing essi riguardano quelle caratteristiche del sistema informativo che possono facilitare le attività ispettive necessarie per assicurare il mantenimento del livello di sicurezza. Il primo passo da fare per decidere la politica da seguire nel garantire la sicurezza di un sistema è l analisi del rischio. L obiettivo di tale analisi è quello di identificare le minacce alle risorse critiche del sistema per valutare le perdite derivanti dal verificarsi di tali minacce e potere eventualmente giustificare i costi da sostenere per la gestione della sicurezza. Il processo è quindi il seguente: 7

11 Analisi dei rischi Identificare le risorse critiche Identificare le possibili minacce a queste risorse Calcolare la probabilità di accadimento Valutare i costi che l azienda dovrà sostenere nel caso si manifesti una di queste minacce L analisi dei rischi, oggetto del presente lavoro, non tratta in dettaglio le probabilità di accadimento dei rischi stessi, né i costi, legati al mancato uso dei sistemi, in quanto si da per scontato che tali eventi si verifichino e che i costi ad essi associati siano ingenti. 8

12 Protezione contro l accesso indebito alle risorse ed applicazione del d.lgs. n. 196/2003. In primo luogo è utile riassumere quali sono gli strumenti ordinari di sicurezza che gli utenti già utilizzano per accedere ai dati elettronici e/o ai dati cartacei. Ogni utente è dotato di uno username ed una password per l accesso alla rete dell ente. Detto username è fisso ed è assegnato dal gruppo sistemistico del servizio sistemi informativi del Comune di Anzola dell Emilia.. La password invece è gestita dall utente che deve forzatamente modificarla ogni 90 giorni. Il primo identificativo dell utente permette l accesso a tutte le risorse di rete; alcuni servizi però richiedono, per problemi tecnici legati all integrazione degli utenti nel Dominio Microsoft (il sistema di directory dell ente), un ulteriore livello di identificazione quale, per esempio, l accesso alla posta elettronica. Ciascun application server ha poi la sua applicazione: Contabilità, Gestione del Personale, Lotus Domino Notes ecc. Gli utenti hanno, a questo punto, un ulteriore livello di autenticazione sulla procedura: uno username ed una password fissi sono assegnati all utente a questo livello per ciascuna delle applicazioni software alle quali ha accesso. Per ciò che concerne le misure minime di sicurezza richieste dalla nuova normativa, l ente si è opportunamente attrezzato in base a quanto previsto dal Titolo V, Capo II del Codice in materia di protezione dei dati personali e dall Allegato B dello stesso Codice. In primo luogo occorre precisare che il Comune di Anzola dell Emilia tratta dati che si configurano sia come dati personali, sia come dati sensibili, e ancora dati giudiziari in base all interpretazione letterale del d.lgs. n. 196/2003. In secondo luogo durante le sessioni formative ai dipendenti è presentato il regolamento al quale attenersi nel trattamento dei dati nello svolgimento dei compiti assegnati. Sono stati, inoltre, definiti il responsabile del trattamento dei dati, gli incaricati autorizzati a compiere specifiche operazioni e le procedure relative alla gestione dei dati stessi. Tutti i dettagli del piano di sicurezza verranno approfonditi nei capitoli successivi. 9

13 Lo schema del piano di sicurezza 2008 Il piano di sicurezza 2008 è stato aggiornato rispetto agli anni precedenti, in quanto si vuole mettere in risalto le misure adottate dall ente, che superano di gran lunga quelle minime previste dalla nuova normativa in materia di sicurezza dell ente dei dati. L intero lavoro è denominato DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI ai sensi del d.lgs. n. 196/2003, ma si presenta come un vero e proprio PIANO DI SICUREZZA DELL ENTE. Il PIANO DI SICUREZZA DELL ENTE prevede due ambiti di analisi: un analisi interna articolata in otto punti denominata secureanalisys; un analisi legislativa per accertare il rispetto dei requisiti richiesti dalla normativa attualmente in vigore denominata securelaw. Prosegue poi con il Documento programmatico sulla sicurezza vero e proprio Secureanalisys Gli obiettivi di questa fase, come sopra anticipato, sono nove: 1. censimento delle banche dati trattati; 2. definizione e censimento di tutti i beni che rientrano nel piano di sicurezza dell ente; 3. analisi organizzativa dell ente; 4. analisi tecnologica dei dati elettronici: a. analisi ambientale; b. analisi del sistema di cablaggio; c. analisi dell architettura LAN e WAN; d. analisi delle vulnerabilità interne e dell accesso ai dati; e. analisi delle comunicazioni verso Internet; f. analisi dei servizi pubblicati sulla rete Internet. 5. analisi tecnologica dei dati cartacei: a. analisi ambientale; b. analisi delle vulnerabilità interne e dell accesso ai dati. 6. Definizione dei livelli di criticità dei beni informatici preposti al trattamento dei dati elettronici 7. l analisi dei rischi a cui possono essere soggetti i dati elettronici e i dati cartacei; 10

14 8. analisi dei sistemi di videosorveglianza; 9. Definizione di una politica di sicurezza dell ente. Securelaw Con la fase securelaw si intende verificare che tutti i requisiti normativi circa il rispetto del d.lgs. n. 196/2003 denominato Codice in materia di protezione dei dati personali siano rispettati ed assecondati. Per fare ciò è necessario affrontare i seguenti quattro punti: 1. verifica degli adempimenti formali; 2. verifica degli adempimenti sostanziali; 3. piano formativo degli incaricati; 4. predisposizione di un Documento programmatico sulla sicurezza dei dati. Si incomincia ora con l analisi dei singoli punti della secureanalisys. 11

15 Secureanalisys Il censimento delle banche dati dell ente In questa sezione del documento censiamo tutti le banche dati, personali e sensibili che sono oggetto di trattamento all interno dell ente. Regola 19.1 dell Allegato B al Codice: elenco dei procedimenti che comportano il trattamento di dati personali, sensibili, giudiziari. 12

16 Tavola 1. Elenco dei trattamenti: informazioni di base Identificativo del Trattamento Descrizione sintetica Natura dei dati trattati Struttura di riferimento Altre strutture (anche esterne) che concorrono al trattamento Descrizione degli strumenti utilizzai S G 1. REGISTRO DI PROTOCOLLO X X SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 2. ATTI DELIBERATIVI (consiglio, giunta, determinazioni, X X SERVIZIO AFFARI 3. ordinanze, decreti) GEN.LI/IST.LI Contratti X SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 4. Denunce Di Infortunio Sul Lavoro X SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 5. Concorsi (Interni Ed Esterni) X X SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 6. Denuncia annuale disabili (L. 68/1999) X SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 7. Richiesta Di Accesso All archivio Storico SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 8. Notifiche Atti SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IT.LI 9. Albo pretorio SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 10. Segnalazione mensile abusi edilizi X SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI Tutti i servizi comunali Tutti i servizi comunali Tutti i servizi comunali AUSL Altri Comuni, Servizio Personale SERVIZIO PERSONALE Cartaceielettronici Cartaceielettronici Cartaceielettronici Cartaceielettronici Cartaceielettronici Cartaceielettronici Elettronici Cartaceielettronici Cartaceielettronici SERVIZIO URBANISTICA, POLIZIA Cartacei- MUNICIPALE, PROCURA DELLA elettronici REPUBBLICA AUSER (nella persona del soggetto Cartacei delegato) SERVIZIO CONTABILITA Cartaceielettronici Cartacei- 11. Registro persone alloggiate nella foresteria comunale SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 12. Erogazioni di contributi ad enti ed associazioni SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI 13. Convocazione sedute delle commissioni consiliari SERVIZIO AFFARI GEN.LI/IST.LI elettronici 14. Concessione utilizzo sala consiliare o centri civici SERVIZIO AFFARI AUSER (nella persona del soggetto Cartacei 15. GEN.LI/IST.LI delegato) Accertamenti relativi a ditte aggiudicatarie di lavori o servizi X SERVIZIO AFFARI Cartacei, per la stipula dei contratti GEN.LI/IST.LI elettronici 16. Gestione newsletter comunale URP Elettronici 17. Gestione sito Internet URP Tutti i servizi comunali Elettronici 18. Gestione segnalazioni, reclami, proposte URP Tutti i servizi comunali Cartaceielettronici 19. Accesso agli atti URP Tutti i servizi comunali Cartacei 20. Rilascio licenze di pesca URP Cartacei- 13

17 Identificativo del Trattamento Descrizione sintetica Natura dei dati trattati Struttura di riferimento Altre strutture (anche esterne) che concorrono al trattamento Descrizione degli strumenti utilizzai S G elettronici 21. Rilascio tesserini esercizio caccia URP Regione Emilia-Romagna Cartaceielettronici 22. Rilascio tesserino per raccolta funghi URP Provincia di Bologna Cartaceielettronici 23. Tessere ATC anziani Rinnovo e rilascio URP Servizi sociali Cartaceielettronici 24. Tessere ATC abbonamenti annuali Rinnovo e rilascio URP ATC Cartaceielettronici 25. Anagrafe canina URP Polizia Municipale, Serv. Ambiente Cartaceielettronici 26. Rilascio contrassegni invalidi X URP Comune di Bologna Cartaceielettronici 27. Raccolta firme per referendum URP Servizi Demografici Cartacei 28. Rilascio certificati catastali URP Agenzia del Territorio Cartaceielettronici 29. Albo Presidenti di Seggio Servizi Demografici URP Cartaceielettronici 30. Albo Scrutatori Servizi Demografici URP Cartaceielettronici 31. Albo Giudici Popolari Servizi Demografici URP Cartaceielettronici 32. Liste elettorali Servizi Demografici Servizio AFFARI GENERALI Cartaceielettronici 33. Elezioni (amministrative, politiche, europee) e referendum Servizi Demografici Servizio AFFARI GENERALI Cartaceielettronici 34. Denuncia di morte Servizi Demografici Cartaceielettronici 35. Denuncia di nascita Servizi Demografici Cartaceielettronici 36. Matrimonio (celebrazione e scioglimento) X Servizi Demografici Cartaceielettronici 37. Leva militare Servizi Demografici Cartaceielettronici 38. Cittadinanza Servizi Demografici Cartaceielettronici 39. Tenuta registri anagrafici Servizi Demografici URP, Polizia Municipale Cartaceielettronici 40. Tenuta registro AIRE Servizi Demografici Cartacei- 14

18 Identificativo del Trattamento Descrizione sintetica Natura dei dati trattati Struttura di riferimento Altre strutture (anche esterne) che concorrono al trattamento Descrizione degli strumenti utilizzai S G elettronici 41. Provvidenze economiche a favore invalidi civili X Servizi Demografici INPS (presso Comune di Bologna) Cartaceielettronici 42. Contratti di concessione cimiteriale Servizi Demografici Servizio CONTABILITA Cartaceielettronici 43. Censimento e altre indagini statistiche Servizi Demografici Rilevatori esterni, ISTAT Cartaceielettronici 44. Archivio Fornitori Serv.Bilancio / Tutti I Servizi Comunali Elettronici Programm.Controllo 45. Archivio Clienti Serv.Bilancio / Tutti I Servizi Comunali Elettronici Programm.Controllo 46. Approvazione bilancio di previsione Serv.Bilancio / Tutti I Servizi Comunali Cartacei- Programm.Controllo elettronici 47. Approvazione rendiconto di gestione Serv.Bilancio / Tutti I Servizi Comunali Cartacei- Programm.Controllo elettronici 48. Liquidazione fatture Serv.Bilancio / Tutti I Servizi Comunali Cartacei- Programm.Controllo elettronici 49. Accertamento entrata ed emissione reversali Serv.Bilancio / Tutti I Servizi Comunali Cartacei- Programm.Controllo elettronici 50. Dichiarazione IRAP Serv.Bilancio / Servizio Personale Cartacei- Programm.Controllo elettronici 51. Rette scolastiche Servizio Economato Cartaceielettronici 52. Gestione polizze assicurative X Servizio Economato Broker (TAVERNA assicurazioni), Ente Cartaceidi Assicurazione elettronici 53. Gestione forniture di beni e servizi Servizio Economato Servizio Aff. Generali, Servizio Cartacei- Contabilità elettronici 54. Gestione oggetti ritrovati Servizio Economato Cartaceielettronici 55. Gestione cassa economale Servizio Economato Cartaceielettronici 56. Gestione economica del personale X Serv. Personale Servizio contabilità Cartaceielettronici 57. Gestione giuridica del personale X X Serv. Personale Servizio Affari Generali Cartaceielettronici 58. Trattamento giuridico ed economico degli organi istituzionali Serv. Personale Servizio Affari Generali Cartaceielettronici 59. Gestione presenze assenze X Serv. Personale Tutti i servizi comunali Cartaceielettronici 15

19 Identificativo del Trattamento Descrizione sintetica Natura dei dati trattati Struttura di riferimento Altre strutture (anche esterne) che concorrono al trattamento Descrizione degli strumenti utilizzai S G 60. Procedimenti disciplinari X Serv. Personale Direttore Generale, Direttori d Area Cartaceielettronici 61. Rilascio modello CUD Serv. Personale Cartaceielettronici 62. Compilazione modello F24 Serv. Personale Cartaceielettronici 63. Archivio Contribuenti TARIFFA RIFUITI Servizio tributi S.R.L. GEOVEST Cartacei 64. Archivio Contribuenti ICI Servizio tributi URP Cartaceielettronici 65. Siatel Servizio tributi Servizi Demografici, Polizia Municipale Elettronici 66. Insinuazione al passivo di Ditte in fallimento X Servizio tributi Cartaceielettronici 67. Comunicazione rendite catastali Servizio tributi Cartaceielettronici 68. Anagrafe Scolastica Serv. Istruzione e sport Serv.Sociali, URP, Economato, Istituto Cartacei- Comprensivo elettronici 69. Erogazione mensa scolastica X Serv. Istruzione e sport Cucina, Economato Cartacei- Istituto Comprensivo elettronici 70. Determinazione rette scolastiche Serv. Istruzione e sport Economato, Istituto comprensivo Cartaceielettronici 71. Asilo Nido Serv. Istruzione e sport Economato Cartacei- URP elettronici 72. Campo Solare Serv. Istruzione e sport Economato Cartacei- URP elettronici 73. Trasporto scolastico Serv. Istruzione e sport Economato, URP, Cartacei- Istituto Comprensivo elettronici 74. Erogazione Diritto allo Studio per portatori H X Serv. Istruzione e sport Serv. Sociali, URP, Cartacei- Istituto Comprensivo elettronici 75. Prolungamento Orario Serv. Istruzione e sport URP, Cartacei- Istituto Comprensivo, elettronici Associazione Senza il Banco 76. Albo Delle Libere Forme Associative/Volontariato Area servizi alla persona URP Cartaceielettronici 77. Informazione e orientamento professionale Area servizi alla persona Ditte private istituti scolastici - CFP Cartaceielettronici 78. Dati utenti biblioteca Biblioteca Cartaceielettronici 79. Ammissione ai Servizi Comunali per Anziani X Servizi Sociali Azienda USL Bologna Distretto di Casalecchio Cartaceielettronici 16

20 Identificativo del Trattamento Descrizione sintetica Natura dei dati trattati Struttura di riferimento Altre strutture (anche esterne) che concorrono al trattamento Descrizione degli strumenti utilizzai S G Medici di medicina generale Servizio Infermieristico Cooperativa affidataria Servizio 80. Ammissione ai Servizi di Rete per Anziani X Servizi Sociali Azienda USL Bologna Distretto di Casalecchio Servizio Assistenza Anziani distrettuale 81. Ammissione ai Servizi Comunali per Disabili X Servizi Sociali Azienda USL Bologna Distretto di Casalecchio Medici di medicina generale Servizio di salute mentale 82. Ammissione ai Servizi Integrati per Disabili (Polo Handicap) X Servizi Sociali Azienda Sanitaria Locale Bologna Distretto di Casalecchio Servizio sociale (Polo Handicap) Cartaceielettronici Cartaceielettronici Cartaceielettronici 83. Erogazione contributi e tenuta Albo dei beneficiari Servizi Sociali Servizio Contabilità Cartaceielettronici 84. Inserimento Appartamento emergenza Torresotto Servizi Sociali Cartaceielettronici 85. Procedura di Inabilitazione/interdizione X Servizi Sociali Tribunale di Bologna Cartacei- Ufficio Tutele 86. Esercizio Tutela/Curatela X X Servizi Sociali Tribunale di Bologna Ufficio Tutele elettronici Cartaceielettronici Avvocato delegato alla gestione Servizi Sociali Servizio Istruzione Cartaceielettronici 87. Relazione per Esenzione e riduzione dalle rette scolastiche di trasporto e mensa 88. Verifica e trasmissione richieste Assegno di Maternità e X Servizi Sociali INPS Cartacei- Assegno per Famiglie numerose elettronici 89. Erogazione contributi Fondo Sociale Affitti Servizi Sociali URP, Regione Emilia-Romagna, INPS Cartaceielettronici 90. Richieste tessere ATC per anziani e categorie protette X Servizi Sociali URP Cartacei- ATC BOLOGNA elettronici 91. Gestione richieste Affidi/Adozioni Servizi Sociali Azienda USL Bologna- Distretto di San Cartacei- Giovanni elettronici 92. Verifica Affido preadottivo Servizi Sociali Azienda USL Bologna Distretto di Cartacei- Casalecchio elettronici 93. Segnalazione al Tribunale per i Minorenni di situazioni di X Servizi Sociali Tribunale per i Minorenni Cartaceipregiudizio per il minore elettronici 94. Svolgimento indagini psico-sociali richieste dall Autorità X Servizi Sociali Tribunale per i Minorenni Cartacei- Giudiziaria Organi di pubblica sicurezza elettronici 17

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I NORME COMPORTAMENTALI PER GLI INCARICATI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI I DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Università - 2 - PREMESSA Scopo della presente procedura è illustrare le norme comportamentali/tecniche cui gli Incaricati devono

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli