VOICE OVER IP SICUREZZA DOCUMENTI PDF TRACCIAMENTO IN RETE LE VENTI VULNERABILITÀ PIÙ CRITICHE PER LA SICUREZZA IN INTERNET (20^ PARTE) Panoramica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOICE OVER IP SICUREZZA DOCUMENTI PDF TRACCIAMENTO IN RETE LE VENTI VULNERABILITÀ PIÙ CRITICHE PER LA SICUREZZA IN INTERNET (20^ PARTE) Panoramica"

Transcript

1 INDICE VOICE OVER IP Panoramica 1 SICUREZZA DOCUMENTI PDF 3 Difficoltà: PRINCIPIANTE TRACCIAMENTO IN RETE Difficoltà: PRINCIPIANTE 7 LE VENTI VULNERABILITÀ PIÙ CRITICHE PER LA SICUREZZA IN INTERNET (20^ PARTE) Difficoltà: INTERMEDIA 12

2 VOICE OVER IP Panoramica La rete telefonica, come noi la conosciamo, è considerata una delle reti più affidabili, nonostante sia nata con l invenzione dell apparecchio telefonico all inizio del XIX secolo. Questa ha subito, con gli anni, profonde modificazioni sia dal punto di vista tecnologico sia da quello della copertura dell intera nazione sino all inizio degli anni 90; questi anni coincidono con l avvento a livello mondiale di Internet come rete dati pubblica. Allora perché non veicolare la voce (essendo anch esso un dato) su Internet? A questa domanda si è data una pronta risposta, creando dei protocolli adatti a far veicolare la voce come dato sulle reti appartenenti ad Internet. Questa brillante idea permette di abbattere i costi telefonici tradizionali. Si tenga però presente, che in alcuni momenti la qualità della voce potrebbe risultare più bassa e con alcuni ritardi, dovuti alla natura della rete dati. Se si accettano questi due problemi, il voice over ip presenta interessanti applicazioni sia in ambito residenziale che in ambito business. La tecnologia VoIP tende essenzialmente a ridurre i costi di esercizio a quelle aziende dove questa problematica riveste particolare importanza. Le modalità con cui questa tecnologia entra a far parte di queste aziende è da ricercarsi nel : - utilizzo di software gratuiti; - utilizzo di servizi VoIP di breakin/breakout; - sostituzione del vecchio centralino con un centralino basato sulla tecnologia VoIP; - uso di architetture di PBX trunking; - remotizzazione del PBX, attraverso softswitch VoIP; - introduzione di servizi di Extended Mobility. Se l apparente semplicità e i costi ragionevoli di tale tecnologia risultano promesse allettanti, non bisogna trascurare però l aspetto sicurezza. Dato che la voce viaggia in pacchetti IP, molta gente potrebbe erroneamente pensare che inserendo questi pacchetti nella rete Internet i dati veicolati risultino non intellegibili. "Molti pensano che non serva fare altro", che basti installare un software per gestire il VoIP". Quello che sfugge è che quando si parla di VoIP le cose sono un po più complicate: ad esempio bisogna assicurarsi che il servizio sia di alta qualità, bisogna stare particolarmente attenti al rispetto della privacy delle comunicazioni, bisogna prevenire possibili attacchi DoS (Denial of Service) e tanti altri aspetti, legati alla sicurezza, che non permettano fuga di notizie. Le reti basate su tecnologia VoIP prevedono oltre i normali apparecchi telefonici che risultano comunque l end-point utente, componenti tra cui : - softswitch; - gateway; - router; - firewall. 1

3 La particolarità di questi componenti è quella di essere costruiti esclusivamente per questo tipo di tecnologia, altrimenti, in alternativa si potrebbero usare quelli usati nelle normali rete dati, ma viste le richieste di performance della VoIP si determina la necessità di aggiornamenti del software e dell hardware del networking. La convergenza crescente fra voce e trasmissione dati fa in modo che oggi i rischi di attacchi di tipo tradizionale aumentino. Le possibilità di successo di attacchi contro una rete che combina dati e voce possono paralizzare un impresa, fermare le comunicazioni richieste per la produttività, e avere come conseguenza l insoddisfazione dei clienti e la perdita del guadagno. Si tenga inoltre presente, che, a causa della natura time-critical della VoIP ed alla sua bassa tolleranza alla perdita dei pacchetti, l implementazione di alcune misure di sicurezza potrebbero causare un deterioramento della qualità del servizio: infatti esiste la possibilità di innesco di delay o addirittura dei blocchi dovuti a tempi di giacenza sui firewall, oppure dei ritardi creati dal processo di cifratura. I firewall sono considerati l elemento base per quanto riguarda la sicurezza delle attuali reti dati, l introduzione però, in una rete VoIP potrebbe complicare le cose, principalmente per effetto delle procedure di setup delle chiamate, considerando anche il fatto che il traffico VoIP avviene su porte allocate dinamicamente. Per le ragioni sopraccitate, sarebbe opportuno adottare particolari firewall (SIP-aware) in grado di tracciare lo stato delle connessioni e di respingere elementi estranei alla chiamata originaria. Per quanto riguarda, invece la cifratura può risultare utile per proteggere i dati stessi, questa potrebbe avvenire criptando i pacchetti a livello IP (IPSec) o a livello trasporto RTP sicuro (Raw Process Time). I problemi però, derivanti dalla cifratura sono facilmente riscontrabili nell ampliamento del pacchetto e nel tempo di latenza; questi due fattori determinano un degrado nella qualità della voce e sottolineano ancora più marcatamente come sia difficile la realizzazione di una rete con tecnologia VoIP su una rete dati preesistente. Al momento non esiste nessuna soluzione univoca capace di risolvere i problemi appena citati; ogni azienda/comando/ente, quindi, dovrebbe, insieme ad esperti di VoIP e di sicurezza ICT (Information and Communications Technology), cercare l assetto ideale per la propria rete. Di seguito riportiamo alcune linee guida di carattere generale, che necessitano di aggiustamenti se ricondotte ad una situazione reale : - tenere separati, se è possibile, i dati dalla voce su reti logicamente differenti; - predisporre l uso di strong authentication e controllo degli accessi a livello gateway che si interfaccia con la rete PSTN (Public Switched Telephone Network, rete telefonica pubblica commutata); - uso di firewall progettati per traffico VoIP; - uso di IPSec o SSH (Secure SHell) per tutta la gestione remota, possibilmente a livello router e non a livello endpoint. Mentre lo sviluppo del VoIP diviene sempre più diffuso, la tecnologia diventa molto più attraente per i cracker: è quindi necessario aumentare il potenziale di difesa dal cyber crime. Probabilmente si creerà un emergenza di attacchi al livello applicazione del VoIP 2

4 appena gli attackers diventeranno più esperti con la tecnologia, il cui merito di essere stata pensata per essere di facile accesso potrebbe divenire una grave fonte di rischio: i problemi a cui il VoIP potrebbe essere più facilmente soggetto sono il DoS e lo Spamming. Il 7 febbraio è stata presentata in Texas, negli Stati Uniti, VoIP Security Alliance (VOIPSA), la prima Alleanza per la sicurezza del VoIP: ad essa hanno aderito produttori, providers, ricercatori. Obiettivo dichiarato: scoprire e ridurre i rischi di sicurezza del VOIP e stendere le linee guida per combatterli. Lo scopo del VoIP Security Alliance (VOIPSA) è aiutare le organizzazioni a comprendere e prevenire i rischi di sicurezza attraverso liste di discussioni, white papers, sponsorizzazioni di progetti di ricerca sulla sicurezza e sviluppo di tool di pubblico utilizzo. VOIPSA è il primo ed unico gruppo esclusivamente dedicato alla sicurezza del VOIP sostenuto da un'ampia gamma di organizzazioni rappresentate da università, ricercatori, produttori e provider VoIP. Un esempio di problema legato alla sicurezza, è stato riscontrato nel 2004 da parte di Secunia sulle versioni dalla 1.0.*.94 alla 1.0.*.98 relativo al programma di VoIP della Skype. La falla risultava estremamente critica perché, visitando siti in rete che siano stati appositamente programmati, poteva causare agli utenti un buffer overflow con conseguente appropriamento (da remoto) del sistema attaccato da parte degli scrittori del codice maligno. Questo programma che vanta più di 100 milioni di download è arrivato alla versione e presumibilmente questa vulnerabilità legata alla sicurezza dovrebbe essere stata risolta. In conclusione, come ogni tecnologia emergente, questa deve essere compresa e devono essere compresi principalmente i rischi connessi ad essa, di conseguenza sarebbe opportuno istruire ed addestrare il proprio personale sull uso di tale tecnologia senza rimanere abbagliati solo ed esclusivamente dalla facilità d uso e dal risparmio di risorse. SICUREZZA NEI DOCUMENTI PDF Difficoltà: PRINCIPIANTE Recenti accadimenti hanno messo in luce i limiti della protezione di documenti in formato digitale, mostrando come l eccessiva confidenza in questi sistemi possa condurre a gravi ed inattese conseguenze. In particolare si è parlato molto della protezione di dati in formato Portable Digital Format, in altre parole il ben noto pdf. In questo articolo coglieremo l occasione per presentare le possibili protezioni di un documento pdf, ma soprattutto i limiti che esse possono presentare. La prova è stata fatta usando Adobe Acrobat (ver.6.0). Un documento, una volta creato od aperto con Adobe Acrobat (e non con il semplice lettore Acrobat Reader), può essere protetto sia in lettura sia contro eventuali modifiche, oltre che firmato digitalmente. 3

5 Digitando il tasto protezione (figura 1) è possibile sia impostare la configurazione di protezione sia visionare le protezioni che un documento possiede. Figura 1 Limita apertura e modifica : digitando questa voce il programma presenterà una maschera (figura 2) dove l utente potrà impostare due password, una per quanto riguarda l apertura del documento l altra per la protezione del documento da modifiche. Figura 2 Inoltre sempre con la seconda password si potrà stabilire se : - negare la stampa del documento; - consentire la stampa del documento e con quale risoluzione; - negare qualsiasi modifica; - inserire, eliminare e ruotare delle pagine; - compilare dei campi modulo e firma; - creare dei commenti, compilare dei campi modulo e firma; - negare tutto tranne l estrazione delle pagine; - abilitare la copia del testo, delle immagini e di altri contenuti; - consentire agli ipovedenti di accedere al testo tramite dispositivi di lettura dello schermo. 4

6 Cifratura per alcune identità che usano certificati : Esiste la possibilità di proteggere il documento in modo da renderlo leggibile e modificabile solo da quei destinatari in possesso di un determinato certificato (figura 3). Figura 3 Visualizza restrizione e protezione : Questa voce prevede la visualizzazione di tutte le impostazioniprecedentemente descritte come in figura 4. Figura 4 5

7 La prima password è anche detta user password (riferita al file) mentre la seconda è riferita al proprietario (owner) del file. Questo significa che per essere capaci di modificare un documento bisogna essere in possesso di entrambe le password. Esistono in rete programmi capaci di togliere la protezione al documento pdf anche non avendo a disposizione Adobe Acrobat Professional, però in questo caso bisogna essere a conoscenza delle password stessa. Ma quale è il livello di sicurezza di queste protezioni? E possibile affidarsi ad esse per salvaguardare le nostre informazioni da occhi indiscreti? La risposta chiaramente varia in funzione di cosa vogliamo proteggere e da chi. Diamo intanto per assunto che nessuno può pensare di proteggere dati classificati con questi sistemi, in quanto ciò comporterebbe una chiara violazione della normativa nazionale che regola la Tutela del Segreto di Stato. Se ciò che intendiamo ottenere è la tutela della nostra privacy, evitando che qualcuno accidentalmente apra in file e lo legga, allora la nostra password in lettura assolverà egregiamente tale compito. Se invece vogliamo concedere a pochi utenti la visione di un file liberamente accessibile a molte persone, la nostra unica e vera garanzia sarà la buona fede di esse. In altre parole chiunque, venuto in possesso del file, potrà in tutta tranquillità sottoporlo ad un attacco di brute force password cracking, cioè utilizzare un tool che provi tutte le password possibili, fino a trovare quella giusta. E solo una questione di tempo, dipendente dalla lunghezza della password e dalla tipologia di caratteri utilizzati (maiuscole, minuscole, numeri, simboli grafici, ecc.). Se il tempo dovesse essere un fattore critico, il malintenzionato potrà anche distribuire l attività di brute forcing su macchine differenti, ognuna impostata per testare un diverso range di possibili password, ottenendo così i benefici di una elaborazione parallela anche con normalissimi PC domestici. In figura 5 è mostrata la schermata di uno di questi tool, peraltro facilmente e gratuitamente reperibili in Internet. Figura 5 6

8 Da quanto detto appare ovvio che non possiamo contare sulle password di Acrobat per la reale protezione di dati sensibili: la protezione via password di file pdf deve essere intesa solo ed unicamente come garanzia aggiuntiva, per impedire l eventuale ed involontario accesso alle informazioni da parte di terzi privi della necessità di conoscerle. TRACCIAMENTO IN RETE Difficoltà: PRINCIPIANTE Che la sicurezza in rete fosse una chimera è stato dato per scontato da chiunque la usi per tutti gli scopi leciti ed illeciti. Chiunque, se non veramente esperto nel settore, può essere rintracciato e quindi perseguito se l uso che fa della rete non rientra nella legalità. Quando si naviga su internet, sì può essere sempre identificati: in altre parole sebbene sia spesso difficile sapere chi (persona fisica) esattamente sta utilizzando il computer in quel momento, tuttavia la macchina che viene utilizzata, quella da cui partono e cui arrivano le informazioni, è sempre chiaramente e costantemente identificata. La precisa identificazione del computer che sta operando è una necessità tecnologica assoluta e imprescindibile (non è una scelta o una condizione aggirabile). Ogni volta che stabiliamo un collegamento in rete, il server del fornitore di servizi internet (provider) assegna dunque un nome, detto IP (internet protocol) e tiene in memoria le indicazioni relative, tra cui : - orario di transito; - inidirizzo IP chiamante; - eventuale numero di telefono (nel caso di connessione con modem 56 k); - direzione della chiamata. I metodi di riconoscimento del mittente, nel nostro caso l indirizzo IP ed il suo proprietario, possono essere usati da qualsiasi utente che voglia risalire ad un indirizzo IP mittente, oppure venire a conoscenza di un indirizzo IP che ha spedito una . Per effettuare questo tipo di operazioni possiamo farlo in due modi : - direttamente on-line; - usando dei programmi appositi. 7

9 Esistono in rete un numero considerevole di siti che aiutano l utente a risalire al proprietario di un indirizzo IP, tra tutti questi uno dei più completi è (figura 1). Figura 1 Tra le potenzialità che questo sito offre, le più importanti sono : - whois lookup - Il comando whois è un comando che interroga i database dei NIC (Network Information Center), tramite la denominazione del dominio (es. difesa.it ). Il database interrogato risponderà, se il dominio risulta registrato, con alcune informazioni riguardanti : tipo di dominio (es. x400); organizzazione; denominazione e indirizzi IP dei server; data di creazione/scadenza del dominio; responsabili di dominio; - ipwhois lookup questo comando permette di ricavare le stesse informazioni del comando whois, partendo da un indirizzo IP (es ); - reverse dns lookup questo comando permette di effettuare la trasformazione da un indirizzo Ip ad una denominazione in chiaro (es = - abuse lookup il comando permette di venire a conoscenza, conoscendo il dominio, della denominazione esatta della casella abuse, da poter contattare in caso si vogliano denunciare degli illeciti; 8

10 - dns lookup il comando permette di visionare i server dns che risolvono il dominio digitato, con i corrispondenti tempi di realizzo; - tracert questo comando permette di venire a conoscenza dei server che la richiesta di un determinato sito attraversa prima di arrivare al server destinatario; - domain info questo comando permette di avere altre informazioni su domini con la stessa denominazione ma con un livello superiore differente, (es. difesa.it > difesa.com > difesa.net > etc). - city from ip questo comando permette di risalire dall IP alla nazione di appartenenza dello stesso ed alcune volte addirittura alla città. In tutte queste maschere digitando l indirizzo IP si potranno ricavare tutte quelle notizie utili al riconoscimento del mittente. Inoltre il sito offre la possibilità di controllare se un indirizzo esiste e se appartiene a un dominio free (es. hotmail.com). Risulterà utile sapere che in rete, esistono delle tecniche di camuffamento dell indirizzo IP per fare in modo da non poter essere letto e di conseguenza non poter risalire al mittente. Le due tecniche principali consistono nel : - trasformare l indirizzo IP dalla forma classica nella versione decimale es = ; - camuffare completamente l indirizzo IP es. All interno del sito in questione è possibile trovare le maschere che operano la conversione in forma leggibile. Come già accennato esiste anche la possibilità di 9

11 effettuare questo controllo usando dei particolari programmi per risalire all IP mittente. Tra i tanti proposti in rete VisualRoute risulta essere il più efficace e il più facile da usare (figura 2). II programma arrivato alla versione 9.3 permette, una volta digitato l indirizzo IP nella apposita barra, di vedere graficamente la località mittente, visualizzando i salti che questo ha effettuato per arrivare a destinazione. In commercio, inoltre, esistono dei programmi che dalla descrizione della (denominata header - figura 3), visualizzano graficamente l origine ed a quale indirizzo IP appartiene. Figura 2 Figura 3 Tutti questi accorgimenti per rintracciare il mittente di un attacco o di un eventuale spammer servono, in definitiva, a fare in modo che questo indirizzo IP/casella venga segnalato presso le rispettive abuse di dominio. In realtà, la prima regola per chi effettua attacchi di vario genere in Internet è quella di rimanere anonimo e non essere per niente rintracciabile; per fare questo bisogna interporre dei computer tra l indirizzo IP mittente e i luoghi (elettronici) che si sta cercando: di fatto, viene effettuato un collegamento a un altro computer (detto server proxy, per il servizio che svolge); il quale riceverà i segnali e li rimanderà a nome proprio (e quindi fungerà da schermo di copertura, fornendo la propria identità al posto di quella del vostro computer) all IP di destinazione o sito web. In sostanza il sito visitato riconoscerà l indirizzo IP del computer intermedio (proxy server), ma comunque, il provider, continuerà a tenere in memoria il passaggio della vostra macchina su quel server proxy. In pratica è possibile anche realizzare una catena di proxy (con rallentamento della velocità di navigazione) per cui il segnale passa da una serie di computer sia all'andata che al ritorno ed i passaggi vengono tutti regolarmente registrati. La pratica del proxy è perfettamente legale, ad esempio, in Internet Explorer, esiste una vera e propria configurazione aprendo: strumenti > opzioni internet > connessioni > imposta connessioni remote: impostazioni... > server proxy. 10

12 La pratica, porta ad usare dei programmi che prima di effettuare il collegamento vero e proprio, si accertano della disponibilità di server proxy anonimi facendo passare consecutivamente il traffico tramite quest ultimi. Inoltre esistono dei programmi che calcolano la percentuale di anonimato, a seconda dell affidabilità e del numero di proxy server che l utente viene ad usare. Mentre, per quanto riguarda il mittente delle caselle e- mail sono a disposizione altrettanti accorgimenti per camuffare il mittente e comunque per rendere difficoltoso il tracciamento. Esiste un servizio, quello dei "r er", che serve ad inviare posta senza mittente e senza alcuna traccia d IP Address o altro. Esistono tre categorie di r er. I R er Cypherpunk i quali spediscono il messaggio al destinatario eliminando preventivamente l'indirizzo contenuto. Non è quindi possibile rispondere, il messaggio può ovviamente anche essere crittografato: il r er lo decrittograferà e lo manderà all indirizzo del destinatario. I R er Mixmaster i quali permettono di rispondere ai messaggi: per ricevere una risposta è necessario creare blocchi di risposta ovviamente crittografati, cioè un insieme di istruzioni per raggiungere l'indirizzo reale. Sarà quindi necessario avere un programma per scrivere il messaggio. I R er Pseudonimi questi si limitano ad eliminare l'indirizzo del mittente attribuendo uno pseudonimo. Il destinatario può rispondere tramite quel r er. Per una lista completa con tutte le informazioni come: velocità,caratteristiche e affidabilità basta cercare le parole "anonymous r er" con un qualsiasi motore di ricerca sul Web. Alcuni R er Nome Balls Cyber Dustbin Exon Extropia Haystack Hidden Jam Lucifer Middle Mix 11

13 Nym Reno Replay In conclusione l anonimato assoluto non esiste in quanto tutti i passaggi vengono registrati, ma le differenze di legislazione fra paesi differenti rende difficoltoso se non impossibile perseguire eventuali colpevoli di atti illegali in Internet. LE VENTI VULNERABILITA PIU CRITICHE PER SICUREZZA IN INTERNET (20^ PARTE) Difficoltà: INTERMEDIA U10 Open Secure Sockets Layer (SSL) U10.1 Descrizione La libreria open-source OpenSSL è un popolare pacchetto che aggiunge sicurezza crittografica ad applicazioni che comunicano attraverso la rete. Per quanto quello con Apache è probabilmente l'uso più conosciuto di questo pacchetto (per supportare le connessioni https: sulla porta 443), molti altri programmi sono stati modificati per poter utilizzare OpenSSL per migliorare la sicurezza. L'uso più frequente di OpenSSL è come toolkit dove altre applicazioni utilizzano OpenSSL per fornire sicurezza a una connessione tramite la crittografia. Il risultato è che più che prendere di mira direttamente OpenSSL, gli exploit puntano alle vulnerabilità delle applicazioni che lo usano. Un popolare exploit attacca i server Apache usando OpenSSL. Ma il fatto che non stiate eseguendo Apache con il supporto OpenSSL non significa che siete al sicuro. Con una opportuna modifica l'exploit può essere in grado di attaccare Sendmail, openldap, CUPS o qualsiasi altro programma che usi OpenSSL installato sulla macchina presa di mira. 12

14 In OpenSSL sono state scoperte diverse vulnerabilità, le più gravi delle quali sono descritte in CAN , CAN , CAN e CAN Queste permettono l'esecuzione da remoto di codice arbitrario come utente delle librerie OpenSSL (che in qualche caso, come per sendmail, è l'utente 'root'). U10.2 Sistemi operativi interessati Qualsiasi sistema UNIX o Linux che esegue OpenSSL o precedente. Da notare che abbastanza spesso OpenSSL viene installato come supporto ad altri componenti. Per esempio, su Linux RedHat 9.0 i pacchetti di sistema come Apache, CUPS, Curl, OpenLDAP, Stunnel e Sendmail (assieme ad altri) usano tutti le librerie OpenSSL per rendere sicure le connessioni. U10.3 Riferimenti CVE/CAN CVE , CVE CAN , CAN , CAN , CAN , CAN , CAN , CAN , CAN U10.4 Come stabilire se siete vulnerabili Verificate il risultato del comando 'openssl version'. Se la versione non è 0.9.7a o successiva, allora siete vulnerabili. U10.5 Come proteggersi 1. Passate alla versione più recente di OpenSSL. Se OpenSSL è preinstallato con il vostro sistema operativo, recuperate la patch più recente dal produttore del sistema operativo. Tenete presente che in alcuni casi, per abilitare le librerie aggiornate può essere necessario ricompilare e/o ricollegare le applicazioni. 2. Se nel vostro ambiente è possibile, considerate l'utilizzo di ipfilter o di altri strumenti di firewalling per restringere i sistemi che possono collegarsi al server OpenSSL. Tenete presente che uno degli utilizzi più diffusi di OpenSSL è quello di rendere sicuro il traffico HTTP attraverso la pubblica Internet per operazioni di e-commerce, nelle quali la limitazioni degli host è probabilmente non proponibile. 13

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Digital Forensics Bureau www.difob.it TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Paolo DAL CHECCO, Giuseppe DEZZANI Studio DIgital Forensics Bureau di Torino 20 ottobre 2014 Da mercoledì 15 ottobre stiamo

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Panasonic. Analog Pbx System KX-TES 824 (NE) e TEA308 (NE) Chiamate senza restrizioni (PIN,Codice Conto e Cambio COS)

Panasonic. Analog Pbx System KX-TES 824 (NE) e TEA308 (NE) Chiamate senza restrizioni (PIN,Codice Conto e Cambio COS) Panasonic Analog Pbx System KX-TES 824 (NE) e TEA308 (NE) Chiamate senza restrizioni (PIN,Codice Conto e Cambio COS) Centrale Telefonica KX-TES 824 e TEA308 Informazione Tecnica N 010 Panasonic Italia

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni

Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni ab Access Key per i vostri UBS Online Services Istruzioni www.ubs.com/online ab Disponibile anche in tedesco, francese e inglese. Dicembre 2014. 83378I (L45365) UBS 2014. Il simbolo delle chiavi e UBS

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli