DAL REPERTORIO CARTOGRAFICO ALLA DISTRIBUZIONE. Studio di fattibilità tecnico-amministrativa. DistriCart

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL REPERTORIO CARTOGRAFICO ALLA DISTRIBUZIONE. Studio di fattibilità tecnico-amministrativa. DistriCart"

Transcript

1 DAL REPERTORIO CARTOGRAFICO ALLA DISTRIBUZIONE Studio di fattibilità tecnico-amministrativa

2 INDICE ACRONIMI E DEFINIZIONI NTE E CONCLUONI RIFERIMENTI NTE CONCLUONI FINALITÀ DELLO STUDIO E REQUITI DEL SERVIZIO PROBLEMI / OPPORTUNITÀ EGENZE DA SODDISFARE Coordinamento fra le Parti Cessione e tutela dei diritti di proprietà ed utilizzo Requisiti del Servizio per la progettazione di prodotti informatici della PA Requisiti di qualità del Servizio di distribuzione cartografica su web Identificabilità del venditore Identificabilità dei prodotti offerti Trasparenza Capacità tecnica di erogare il servizio Rispetto della privacy Sicurezza delle transazioni Sicurezza dell installazione (sito web) Etica e responsabilità sociale ORGANISMI OPERANTI NEL CAMPO DELLA DISTRIBUZIONE CARTOGRAFICA ORGANISMI DI COORDINAMENTO STRATEGICO Organismi di coordinamento a livello internazionale GSDI, USA FGDC e NSDI, USA ANZLIC, Australia e Nuova Zelanda...22 Pagina 1 di 114

3 Organismi di coordinamento a livello comunitario e nazionale EUROGI, UE AM-FM, Italia Intesa GIS, Italia AIPA, Italia ORGANISMI OPERATIVI NEL SETTORE DELLA DIFFUONE / DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI CARTOGRAFICI Organismi di diffusione / distribuzione a livello internazionale ERIN, Australia DATA-STORE, UK GIGATEWAY, UK GEOGRAPHY NETWORK ESRI, USA GEOCONNECTIONS, Canada Organismi di diffusione / distribuzione a livello nazionale Servizi Cartografici di Regioni e Province Autonome CIR Valutazione ANALI DELLA TUAZIONE ATTUALE AREA A - CONSULTAZIONE PRODOTTI FZ/A1 - Repertorio dei prodotti FZ/A2 - Meccanismi di ricerca dei prodotti FZ/A3 - Opportunità e modalità di consultazione dei prodotti AREA B - GESTIONE UTENTI FZ/B1 - Registrazione dell Utente e misure di privacy Modulo di registrazione User-ID e password Misure di privacy FZ/B2 - Classificazione tipologica dell Utente FZ/B3 - Regime contrattuale e tariffario per ciascuna tipologia di Utente e di prodotto AREA C ACQUIZIONE PRODOTTI FZ/C1 - Modalità di selezione dei prodotti FZ/C2 - Modalità di ordinazione dei prodotti FZ/C3 Metodi di pagamento e misure di sicurezza Pagamenti off-line Pagamenti on-line Sicurezza del pagamento FZ/C4 - Modalità di consegna dei prodotti FZ/C5 - Verifica, recesso, reclamo e contestazione FZ/C6 - Esclusività della cessione di prodotti Pagina 2 di 132

4 4. VALUTAZIONI E DIRETTRICI DI INTERVENTO OPPORTUNITÀ DERIVANTI DALLA TUAZIONE ATTUALE VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA TUAZIONE ATTUALE Valutazione del livello raggiunto e della qualità/efficacia dei servizi implementati a livello nazionale nel settore della distribuzione cartografica La politica di determinazione dei prezzi applicati alla cessione cartografica IDENTIFICAZIONE DEI VINCOLI Vincoli normativi Altri vincoli IVA Imposte sui Redditi MODELLIZZAZIONE DEI RAPPORTI FRA I SOGGETTI Modellizzazione del rapporto Fornitore-Venditore (Back-Office) Principi generali Responsabilità del Venditore Diritti del Venditore Rapporti economici fra Fornitore e Venditore Modellizzazione del rapporto Venditore-Cliente (Front Office) Responsabilità del Cliente verso il Venditore Modalità di cessione dei dati ARCHITETTURA FUNZIONALE E TECNOLOGICA DEL STEMA DI DISTRIBUZIONE CARTOGRAFICA SPECIFICHE GENERALI DEL STEMA Prodotti da distribuire Strumenti di distribuzione Le banche dati Localizzazione dei prodotti o dati cartografici Architettura funzionale del SDC Architettura applicativa del SDC AREA A - CONSULTAZIONE PRODOTTI FZ/A1 - Repertorio dei prodotti Funzioni tecnico-operative da attivare Modulo informatico FZ/A2 - Meccanismi di ricerca dei prodotti Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/A3 - Opportunità e modalità di consultazione dei prodotti Funzioni tecnico-operative da attivare...69 Pagina 3 di 132

5 Moduli informatici progettati AREA B - GESTIONE UTENTE FZ/B1 - Registrazione dell Utente e misure di privacy Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/B2 - Classificazione tipologica dell Utente Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/B3 - Regime contrattuale e tariffario per ciascuna tipologia di Utente e di prodotto Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati AREA C ACQUIZIONE PRODOTTI FZ/C1 - Modalità di selezione dei prodotti Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/C2 - Modalità di ordinazione prodotti Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/C3 - Modalità di pagamento e misure di sicurezza Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/C4 - Modalità di consegna dei prodotti Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati FZ/C5 Vincoli normativi Funzioni tecnico-operative da attivare Moduli informatici progettati IL SDC(P) Contenuto funzionale del prototipo Requisiti di integrazione INDICATORI DI PRESTAZIONE E DI LIVELLO DI SERVIZIO (KEY PERFORMANCE INDICATORS) SPECIFICHE TECNOLOGICHE Architettura tecnologica Ambiente e strumenti di sviluppo Strumenti di sviluppo Componenti hardware richiesti ATTUAZIONE DEL PROGETTO RIEPILOGO DELLE ACQUIZIONI E REALIZZAZIONI PREVISTE Pagina 4 di 132

6 6.2. FOLLOW-UP DEL PROGETTO ANALI DEL RISCHIO Fattori di rischio del progetto per tipologia Complessità gestionale Dimensione del progetto Altri fattori Incertezza dei requisiti Innovazione tecnologica Analisi del rischio Modalità di gestione del rischio Allegato 1 Allegato 2 INDAGINE SULLA DISTRIBUZIONE CARTOGRAFICA A LIVELLO REGIONALE REPERTORIO CARTOGRAFICO NAZIONALE Pagina 5 di 132

7 ACRONIMI E DEFINIZIONI Nel corso del testo sono state adottate, per ragioni di sintesi e di leggibilità, le seguenti abbreviazioni: ORGANISMI AIPA Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione CIR Centro Interregionale di coordinamento e documentazione per le informazioni territoriali PA Pubblica Amministrazione ROb1 Regioni Obiettivo 1 DOCUMENTI - SERVIZI Intesa GIS Intesa Stato-Regioni-Enti Locali sui Sistemi Informativi Geografici SDC Sistema di Distribuzione Cartografica SDC(p) Sistema di Distribuzione Cartografica (prototipo) RCN Repertorio Cartografico Nazionale SdF Studio di fattibilità LEGISLAZIONE C.C. Codice Civile DLgs Decreto Legislativo DM [ ] Decreto Ministero [nome ministero] DPCM Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri DPR Decreto del Presidente della Repubblica GU Gazzetta Ufficiale LN Legge Nazionale ALTRO ad es. AR art. All. c. Cap. CTR Dgr. Fig. FZ IMS KPI ad esempio Area di Riferimento articolo Allegato comma Capitolo Carta Tecnica Regionale Diagramma Figura Funzionalità Internet Map Server Key Performance Indicators Pagina 6 di 132

8 pag./pagg. pagina / pagine para. paragrafo / paragrafi GIS Sistemi informativi geografici Tab. Tabella v. vedasi DEFINIZIONI ESSENZIALI Nella redazione del presente SdF si è tenuto conto della specifica e-qm emessa dall ISEC (Istituto per lo Sviluppo del Commercio Elettronico), che precisa i requisiti minimi che un sito di e-commerce deve possedere ai fini della certificabilità della qualità del servizio erogato. In conformità con la terminologia adottata nella specifica e nella norma ISO 9000:2000, nel presente SdF i soggetti principali coinvolti nel Servizio di Distribuzione Cartografica (SDC) ipotizzato sono così definiti: Fornitore ente od organizzazione, pubblica o privata, proprietaria e fornitrice dei prodotti cartografici (al Venditore) Venditore soggetto giuridico responsabile dell'attività di commercio elettronico sul sito, delegato dai Fornitori ad effettuare un servizio di distribuzione, in maniera aggiuntiva (non esclusiva), dei loro prodotti cartografici Utente chi accede al sito di e-commerce per consultazione del repertorio prodotti 2 Cliente chi avvia, all interno del sito di e-commerce, la procedura di acquisto prodotti ISEC, e-qm 2001, Requisiti di qualità del servizio di commercio elettronico, rev. 04, Nello SdF si assume che la consultazione del Repertorio da parte di qualsiasi Utente sia libera. Nello SdF si assume che la procedura di acquisto dei prodotti sia preceduta dalla registrazione dell Utente (che diventa così Cliente) e dall accesso controllato (a mezzo user-id e password) ai vari listini prezzo in funzione del profilo contrattuale assegnato al nuovo Cliente. Pagina 7 di 132

9 ALTRE DEFINIZIONI Nel testo dello SdF si applicano inoltre le seguenti definizioni, di cui quelle in carattere corsivo sono tratte dalla norma ISO 9000:2000; le altre invece sono quelle contenute nella specifica e-qm Business to business (BtoB, B2B, BtB) Attività di commercio elettronico rivolta a imprese o intermediari che svolgono attività professionale. Business to consumer (BtoC, B2C, BtC) Attività di commercio elettronico rivolta ai consumatori o comunque persone che non acquistano nell ambito di una attività professionale. Commercio elettronico (o e-commerce, o EC) è costituito da operazioni che coinvolgono soggetti quali consumatori, imprese, ma anche la pubblica amministrazione, mirate allo scambio di beni, materiali o immateriali, o di servizi, a cui è assegnato un valore, dietro corrispettivo versamento, per via telematica oppure tradizionale, di una somma di denaro, attraverso un infrastruttura informatica o una rete di telecomunicazione (Definizione della Commissione dell Unione Europea 1997). Comunicazione Commerciale Tutte le forme di comunicazione destinate, in modo diretto o indiretto, a promuovere beni, servizi o l immagine di un organizzazione che esercita un attività oggetto della presente specifica (definizione adattata da quella contenuta nella direttiva 31/2000/CE). Gestione controllata (di un documento) Procedura documentata che definisce come minimo il processo di emissione e di revisione di un documento (comprese le responsabilità) e le modalità di identificazione e distribuzione del documento stesso. Identificabilità dei prodotti/servizi proposti La possibilità per il Cliente di rilevare sul sito, in maniera chiara e senza ambiguità, le caratteristiche tecniche, funzionali, di qualità, dei prodotti e dei servizi proposti. Procedura Modalità definite per eseguire un attività o un processo. Prodotto Risultato di un processo (con il termine prodotto si intendono nello SdF sia beni materiali che servizi). Registrazione Documento che indica i risultati ottenuti o fornisce evidenza delle attività eseguite. Pagina 8 di 132

10 Sicurezza dell'installazione (del sito) L insieme delle misure di tipo logico, fisico, procedurale, messe in atto per la protezione della riservatezza dei dati del Cliente da attacchi volontari di terzi e/o eventi accidentali a transazione avvenuta. Sicurezza delle transazioni Protezione da attacchi di terzi e/o da eventi accidentali della riservatezza e dell integrità degli elementi identificativi del sistema di pagamento utilizzato. Sito di commercio elettronico Sito Web che permette l interfaccia fra Cliente e Venditore e attraverso il quale avviene l attività di commercio elettronico. Sito Web Insieme di pagine elettroniche conservate su un Web Server. Utente Chiunque visiti un Sito Web, a scopo di commercio elettronico o altro. Web Server Computer che tiene in memoria pagine elettroniche di uno o più siti e le rende accessibili agli Utenti tramite Internet (World Wide Web). Pagina 9 di 132

11 0. NTE E CONCLUONI 0.1. RIFERIMENTI Il presente documento è stato preparato in attuazione del Contratto sottoscritto in data fra il Centro Interregionale di coordinamento e documentazione per le informazioni territoriali (CIR) e la Sistemi Territoriali s.r.l. L oggetto dell incarico è quello di formulare uno Studio di Fattibilità (SdF) sul tema Dal Repertorio Cartografico alla Distribuzione, al fine di: verificare la fattibilità amministrativa e tecnico-operativa di una distribuzione via Web di prodotti cartografici, 1 sia quelli disponibili presso i Servizi Cartografici delle Regioni e Province Autonome italiane che appartenenti ad altri organismi pubblici e privati; sviluppare un modello tecnologico (prototipo) del sistema di distribuzione ipotizzato, mettendone in evidenza le potenzialità e problematiche. In particolare, SdF approfondisce i tematismi sottoelencati. Stato dell arte sui sistemi di e-commerce nel settore della cartografia, con particolare riferimento alla realtà italiana. Analisi delle problematiche tecniche per la messa a regime di un sistema di distribuzione: dimensionamento della piattaforma hardware, gestione della sicurezza, ambiente software richiesto, ecc. Analisi delle problematiche amministrative, in particolare per quanto riguarda la gestione dei rapporti economici, la proprietà dei dati e la politica dei prezzi. Analisi delle modalità di distribuzione: download dei dati, trasmissione di CD-Rom e/o di materiale cartaceo, modalità di pagamento NTE Il presente documento segue le indicazioni emerse nel corso delle discussioni avute con il Committente e riflette i risultati delle attività progettuali svolte nel periodo dicembre 2002-febbraio Nello SdF si assume che per tutti i prodotti cartografici che non sono distribuibili on-line i sistemi di distribuzione off-line rimangano quelli già in adozione presso i diversi Fornitori. Pagina 10 di 132

12 Cap. 1 - Finalità dello studio Definisce lo scopo dello studio. Identifica preliminarmente i problemi e le opportunità legate allo sviluppo di un servizio associato di distribuzione cartografica. Precisa infine le esigenze collegate e la loro conversione in requisiti del servizio da erogare. Cap. 2 - Contesto dello studio Contiene i risultati di un analisi degli organismi di coordinamento della gestione e diffusione di dati geografici o direttamente impegnati in attività di distribuzione cartografica. Cap. 3 - Analisi della situazione attuale Contiene una analisi delle modalità di erogazione dei servizi di distribuzione cartografica attivati ad oggi dagli enti proprietari, sia a livello internazionale che, in particolare, in Italia. L analisi fa riferimento a 3 aree funzionali (Consultazione prodotti / Gestione utenti / Acquisizione prodotti), ognuna articolata in singole funzionalità. L approfondimento dell analisi si rivolge al CIR e ad alcuni siti web cartografici regionali esemplificativi a motivo dell articolazione diversificata del servizio in essi fornito e del contenuto relativo. Cap. 4 - Macroanalisi del SDC da implementare L analisi effettuata consente di estrapolare considerazioni operative utili per la successiva fase progettuale. Viene affrontata così la questione della identificazione e definizione delle problematiche connesse con la disponibilità e distribuzione di dati cartografici, metriche relative, misurazione della situazione attuale, identificazione ed argomentazione di vincoli di natura giuridica e di altro tipo. Segue una modellizzazione dei rapporti fra i diversi soggetti (Fornitore, Venditore, Utente, Cliente) con l individuazione di diritti e responsabilità rispettive. Cap. 5 - Soluzione progettuale Vengono descritte innanzitutto le specifiche generali del sistema (prodotti da distribuire, strumenti di distribuzione, banche dati e loro localizzazione, architettura applicativa e interfaccia utente). Segue l illustrazione dei contenuti funzionali ed applicativi del prototipo di SDC in correlazione con le considerazioni espresse nel Cap 4. Cap. 6 - Attuazione del progetto Nella parte iniziale viene schematicamente descritta la fase di follow-up che segue alla realizzazione del prototipo, relativa alla esecuzione del servizio di distribuzione cartografica; enfasi particolare viene posta ai procedimenti di validazione del servizio erogato per un conseguimento di livelli crescenti della qualità del servizio medesimo. Nella seconda parte del capitolo sono descritti i risultati dell analisi del rischio (fattori di rischio e loro gestione) connesso alla implementazione del progetto. Pagina 11 di 132

13 Allegato 1 A completamento dello studio vengono presentati in allegato, sotto forma di schede informative regionali, i risultati di una indagine sugli attuali servizi di distribuzione cartografica attivati a livello regionale in Italia. Allegato 2 Viene fornita una presentazione sintetica del Repertorio Cartografico Nazionale (RCN) attivato presso il sito web del CIR CONCLUONI A seguito dell analisi effettuata, si può constatare che la distribuzione cartografica on-line in Italia è ancora in una fase iniziale, con eccezioni non numerose. È stata anche riscontrata la difficoltà di riconoscere, per il momento, un modello di riferimento fra le attuali strutture funzionali ed applicative, essenzialmente a causa della assenza di un iter procedurale interamente on-line o delle discontinuità nelle procedure operative adottate. La scelta fra alternative si è posta pertanto all interno delle componenti principali del servizio o funzionalità ; a ciascuna di esse è stata quindi associata l opzione raccomandata. La struttura completa del SDC, così come prefigurata nello SdF ed attuata nel modello prototipale, assume inevitabilmente valenza ideale. I risultati della applicazione prototipale contribuiranno ad evidenziarne carenze e potenzialità di cui tenere conto nella evoluzione successiva del sistema. La gamma di attività svolte dal Venditore può: limitarsi alla semplice pubblicizzazione dei repertori dei Fornitori, rinviando tramite opportuni links alle specifiche procedure di acquisto fissate da ciascun Fornitore, oppure essere estesa fino a prevedere la gestione dell intera procedura di acquisto da parte del Cliente, con la sola eccezione del rilascio dei prodotti cartografici (funzione che resta affidata ai Fornitori). La sostenibilità in particolare della seconda opzione - così come illustrata nel presente SdF - da parte dei Fornitori andrebbe verificata sotto il profilo economico-finanziario mediante una analisi quantitativa dei costi e benefici monetizzabili riconducibili al SDC ipotizzato. Pagina 12 di 132

14 1. FINALITÀ DELLO STUDIO E REQUITI DEL SERVIZIO 1.1. PROBLEMI / OPPORTUNITÀ Dal punto di vista strategico, la distribuzione di prodotti cartografici, oggetto del presente documento: si inquadra nella prospettiva di un crescente sviluppo della società dell informazione nella quale i sistemi informativi geografici (GIS) costituiscono una componente importante nel disegno strategico di gestione integrata in rete dei sistemi informativi degli enti pubblici; mira a promuovere una più ampia erogazione di servizi informativi ai cittadini e alle imprese, oltre che alla / dalla stessa Pubblica Amministrazione (PA), nell ambito dei programmi nazionale e regionali di e-government; consente la sperimentazione di nuove forme di comunicazione in grado di favorire la partecipazione dei cittadini e delle imprese ai processi di pianificazione territoriale. I recenti sviluppi infrastrutturali, inoltre, consentono di creare banche dati virtuali che confederano banche dati reali esistenti alle diverse scale territoriali in una singola entità logica, attraverso la quale sia possibile non solo consultare informazioni relative ai singoli database remoti, ma anche selezionare le informazioni ed importarle (gratuitamente o a pagamento). Una iniziativa intrapresa in tale direzione può contribuire a ridurre un sovraccarico di impegni organizzativi e finanziari da parte dei diversi enti impegnati nella distribuzione cartografica; il contributo trova però un limite nella variabilità esistente fra le diverse situazioni per quanto riguarda: volume e caratteristiche delle informazioni contenute nelle banche dati, termini e condizioni di disponibilità e consegna, strategie di comunicazione, distribuzione e diffusione. La realizzazione di una banca dati virtuale in grado di gestire la pubblicizzazione, diffusione e distribuzione di informazioni disponibili nei database remoti è possibile allorché si concretizzi un rapporto di più stretta collaborazione ed integrazione fra gli enti fornitori e l ente preposto ad una distribuzione centralizzata supplementare a quella gestita dai singoli enti. Tale rapporto sarà determinato da fattori quali: la definizione accettata e condivisa dei confini di custodia fra enti fornitori ed ente preposto alla distribuzione centralizzata; Pagina 13 di 132

15 le funzioni e responsabilità volontariamente suddivise fra i summenzionati enti; le relazioni fra fornitori/distributore ed utilizzatori finali dei dati EGENZE DA SODDISFARE Coordinamento fra le Parti L Accordo sottoscritto in data , tenendo conto - fra gli altri documenti - della Intesa GIS di cui la Conferenza Stato-Regioni ha preso atto in data , aggiorna e definisce in maggior dettaglio le linee di attuazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento, già a suo tempo individuato nell ambito della Intesa GIS sopra citata. Scopo dell Accordo è la realizzazione, l aggiornamento e l utilizzo del Sistema Cartografico di Riferimento, avendo come oggetto la definizione delle linee di attuazione e la realizzazione di un sistema di cartografia integrato. Punti salienti dell Accordo (art.11) sono: i) i dati prodotti in attuazione del presente Accordo sono condivisi nell ambito della P.A. e sono detenuti e gestiti dai diversi soggetti attuatori secondo quanto previsto dall Intesa sui sistemi informativi geografici; ii) gli enti sottoscrittori dell Accordo utilizzano i dati resi disponibili nell ambito dell Accordo stesso per i propri fini istituzionali, con l impegno a non duplicarli e/o cederli a terzi a qualsiasi titolo, se non previa autorizzazione del soggetto proprietario. La cessione di dati a terzi attraverso un SDC esterno rispetto ai singoli Fornitori, richiede pertanto la formulazione e sottoscrizione di una serie di Protocolli di Intesa personalizzati fra ciascun Fornitore ed il Venditore, che regolino in dettaglio le modalità di distribuzione a terzi di informazioni disponibili presso il Fornitore e/o eventualmente, anche in parte, presso il Venditore. Il principio fondamentale, comunque, resta quello che la distribuzione dei prodotti cartografici messi a disposizione del Venditore da parte dei Fornitori rimanga sotto il controllo, diretto o indiretto, degli stessi Fornitori che hanno sottoscritto i 1 Accordo per la realizzazione del sistema cartografico di riferimento, sottoscritto in data fra Ministri di Ambiente, Difesa, Finanze, Tesoro, Presidente di turno della Conferenza, Presidenti Regioni e Province Autonome, Presidenti Regioni Basilicata e Veneto. Pagina 14 di 132

16 singoli Protocolli d Intesa, secondo modalità da precisarsi all interno dei rispettivi Protocolli d Intesa Cessione e tutela dei diritti di proprietà ed utilizzo Un secondo principio è la tutela dei diritti di proprietà ed utilizzo delle informazioni messe a disposizione del Venditore da parte dei Fornitori. L ipotesi assunta nel presente SdF è che i Fornitori, nel rispetto dei loro diritti d autore, assegnino una funzione di distribuzione dei prodotti cartografici di loro proprietà al Venditore, in forma aggiuntiva e non esclusiva, rispetto alla medesima funzione da essi svolta direttamente o a mezzo di altri distributori esterni opportunamente selezionati ed incaricati. La problematica è affrontata in dettaglio nel successivo para Requisiti del Servizio per la progettazione di prodotti informatici della PA Il Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie 1 ha individuato, con riguardo alla PA, n 7 caratteristiche principali da tener presente nella progettazione di prodotti informatici per la PA: facilità d uso riguarda i fattori, quali chiarezza delle informazioni e completezza dell offerta, che impattano sulla capacità degli utenti di accedere in modo efficiente ai servizi erogati e di completare specifiche transazioni con processi semplici; fruibilità analizza la numerosità e la disponibilità delle fonti di accesso per gli utenti ai servizi erogati; accessibilità affidabilità customer care economicità realizzazione di una struttura volta a promuovere una competitività ove possibile nella fornitura di dati e che sia in grado di assicurare un accesso a dati indispensabili o di importanza critica, ad un costo ragionevole tenuto conto 1 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie: Allegato n. 1- Front office e servizi di e-government per cittadini ed imprese, 1 Bando di e-government, Pagina 15 di 132

17 della ridotta o assente competitività di mercato nella fornitura di tali informazioni; sicurezza con riguardo alla privacy e alla sicurezza delle comunicazioni. Il prototipo del Servizio di Distribuzione Cartografica [SDC(p)] dovrebbe tener conto dei requisiti sopra descritti, consentendo fra l altro di misurare il servizio erogato Requisiti di qualità del Servizio di distribuzione cartografica su web La scelta metodologica di analizzare aspetti procedurali, normativi e gestionali del servizio di distribuzione cartografica nello scenario di un eventuale iter certificativo della qualità del servizio stesso, offre un duplice vantaggio: consente di effettuare l esame degli aspetti sopraccitati in modo sistematico e sufficientemente esaustivo; pone le basi per una strutturazione del servizio avendo in mente una futura certificabilità. In merito al secondo aspetto ed in attesa della pubblicazione di una norma ISO sulla certificazione della qualità per il settore del commercio elettronico, si fa qui riferimento alla specifica ISEC e-qm ; essa precisa infatti i requisiti minimi che un sito di e-commerce deve possedere per poter essere certificato. La finalità è quella di favorire sforzi di miglioramento della PA al fine di rafforzare al proprio interno una cultura della qualità e l adozione di buone pratiche, e al fine di affermare una crescente posizione sul mercato. La specifica e-qm 2001 individua 8 requisiti di qualità, che vengono illustrati qui di seguito e, per alcuni in maniera più ampia, nei successivi capitoli: a) Identificabilità del venditore b) Identificabilità dei prodotti offerti c) Trasparenza d) Capacità tecnica di erogare il servizio e) Rispetto della privacy 1 1 Per i dettagli v. para ISEC - e-qm Requisiti di qualità del servizio di commercio elettronico, rev Esistono altri sistemi di certificazione in ambito italiano, fra i quali merita segnalare quello elaborato da CERTICOMMERCE per lo schema di certificazione Qweb e il rilascio del marchio omonimo, schema messo a punto assieme alla Federazione CISQ. Pagina 16 di 132

18 f) Sicurezza delle transazioni g) Sicurezza dell installazione (del sito) h) Etica e responsabilità sociale. La illustrazione dei requisiti qui di seguito effettuata incorpora il testo della specifica, opportunamente adattato e/o commentato con riguardo al servizio di distribuzione cartografica Identificabilità del venditore Le informazioni relative alla identificazione del Venditore devono essere facilmente accessibili sul sito. Le informazioni devono indicare: la identità del Venditore indirizzo (sede legale e/o operativa se diversa) contatto (telefonico, posta elettronica, fax ecc.) numero di iscrizione alla Camera di Commercio e al Registro Imprese (se diverso) ragione sociale o altri estremi relativi ad autorizzazione o controllo n di partita IVA Identificabilità dei prodotti offerti Le informazioni relative ai prodotti, esposte in maniera chiara oggettiva e sufficiente, devono essere coerenti con il tipo di prodotto e le categorie di Utenti e Clienti. Esse riguarderanno: le caratteristiche essenziali del prodotto il prezzo del prodotto, indicando chiaramente tutte le imposte e tasse applicabili 1 modalità e spese di consegna modalità di pagamento Trasparenza Dovranno essere fornite informazioni chiare ed adeguate sul servizio offerto. Oltre ad una descrizione generale del servizio, andranno indicate modalità relative a: offerta ordine conferma d ordine modifiche ed annullamento dell ordine (che devono essere possibili prima della conferma ed invio definitivo dell ordine) 1 Per una politica applicabile dei prezzi v. il para Per gli aspetti fiscali, v. il para Pagina 17 di 132

19 eventuale archiviazione della documentazione relativa al contratto concluso e relative modalità di accesso da parte del Cliente (incluso l accesso all Archivio Ordini Precedenti) esercizio del diritto di recesso, termini, limitazioni e costi eventuale pagamento consegna del prodotto inoltro dei reclami fornitura della garanzia e/o assistenza (se applicabili) limitazioni del servizio gestione delle controversie. Occorre indicare altresì le disposizioni legislative o regolamentari applicate. Dovranno essere indicate eventuali limitazioni del servizio (limitazioni di tipo geografico, di orario o altro). Il Venditore dovrà dare evidenza al Cliente delle autorizzazioni concessegli dai Fornitori con riferimento ai diritti d autore Capacità tecnica di erogare il servizio Fra le esigenze elencate nella specifica, sono qui evidenziate le seguenti: funzionalità 1 aggiornamento (data di aggiornamento delle condizioni generali di servizio; data di aggiornamento del repertorio) comunicazione con il Cliente (via posta elettronica o altro mezzo di utilizzo semplice) efficienza (sistema di ricerca dei prodotti) conferma d ordine 2 fornitori struttura logistica (adeguata a garantire il livello del servizio) modalità di pagamento 3 procedure documentate (gestione offerte, ordini, consegne, assistenza e reclami) Rispetto della privacy Il Venditore deve informare il Cliente sull utilizzo che verrà fatto dei suoi dati personali, mediante la pubblicazione sul sito della relativa informativa in conformità alle disposizioni legislative applicabili (L. 675/1996; Raccomandazione UE del ). Deve inoltre nominare un Responsabile per il trattamento dei dati Cfr. KPI al para V. para V. para Pagina 18 di 132

20 Nell informativa il Venditore deve informare il Cliente della eventuale richiesta di informazioni non strettamente necessarie all esecuzione della transazione. La mancanza di assenso da parte del Cliente a fornire dette informazioni non deve pregiudicare la transazione. In particolare, il Venditore deve richiedere e ricevere esplicita autorizzazione per l utilizzo dei dati personali del Cliente per scopi diversi dalla transazione o per la loro comunicazione a soggetti terzi. Il Venditore deve inoltre dimostrare l adozione delle misure minime di sicurezza, 1 in conformità alle disposizioni legislative applicabili Sicurezza delle transazioni Il Venditore deve informare il Cliente sulle procedure di sicurezza adottate (ad es. in merito alle modalità di trasmissione dei dati anagrafici, agli elementi di identificazione di pagamento, alle possibilità di non ripudio della transazione). Tali informazioni devono essere gestite in forma controllata. Se necessario, in relazione al prodotto o alla tipologia del Cliente, il sito deve permettere l esecuzione della transazione mediante un intermediario specializzato a fornire tale servizio. In mancanza di rispondenza al suddetto requisito, il sito dovrà consentire l esecuzione della transazione almeno mediante l utilizzo di un protocollo criptato. Se necessario, in relazione al prodotto o all attività svolta dal sito, devono essere previsti il riconoscimento e l autenticazione del Cliente mediante firma digitale o altro strumento idoneo. Se necessario, devono essere comunicati al Cliente i protocolli standard di comunicazione elettronica per ordini, conferme d ordine, fatture, cui il software del sito è conforme. La transazione deve essere interamente recuperata o interamente annullata in caso di interruzioni impreviste e/o accidentali del collegamento e/o del servizio La configurazione hardware e software del sito dovrà essere adeguata per supportare i requisiti di cui sopra Sicurezza dell installazione (sito web) Il sito deve essere configurato in modo da ridurre al minimo il rischio di attacchi contro la riservatezza dei dati dei Clienti e dell installazione del sito. Deve essere 1 V. successivo para Pagina 19 di 132

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

Sistemi per il mondo che lavora

Sistemi per il mondo che lavora Sistemi per il mondo che lavora LA REALTÀ SISTEMI Sistemi, la dimensione economica. Fatturato in crescita costante: +6,1% nel 2012. Il fatturato relativo ai servizi rappresenta il 95% del fatturato totale,

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione Ornella Nicotra a.a. 2001-2002 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Guida alla Convenzione Energia Elettrica 3. - lotto 2 -

Guida alla Convenzione Energia Elettrica 3. - lotto 2 - Energia Elettrica 3 - lotto 2 - INDICE 1. Premessa... 3 2. Oggetto della Convenzione... 3 2.1 Fornitura... 3 2.2 Durata... 4 3. Modalità della Fornitura... 4 4. Condizioni Economiche... 5 4.1 Determinazione

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA)

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA RETE PER LA VALUTAZIONE SISTEMATICA DELLE TECNOLOGIE SANITARIE - HTA (RIHTA) 10/022/CR6d/C7 Accordo di collaborazione (ex art. 15 Legge 7 agosto 1990, n

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 Privacy Policy Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 BE WITH US ONLUS, considera di fondamentale importanza la "privacy" dei propri utenti e garantisce

Dettagli

CHECK LIST PER INDAGINI EFFETTUATE CON METODOLOGIA SOCIAL MEDIA RESEARCH Ottobre 2015 A) CHECK LIST (PARTE GENERALE)

CHECK LIST PER INDAGINI EFFETTUATE CON METODOLOGIA SOCIAL MEDIA RESEARCH Ottobre 2015 A) CHECK LIST (PARTE GENERALE) CHECK LIST PER INDAGINI EFFETTUATE CON METODOLOGIA SOCIAL MEDIA RESEARCH Ottobre 2015 A) CHECK LIST (PARTE GENERALE) AREA 1 - DOCUMENTAZIONE DI BASE Verifica della presenza o meno dei seguenti documenti:

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013 REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS Giugno 2013 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Poste Italiane S.p.A. (d ora innanzi indicata come POSTE ITALIANE) definisce la procedura di Conciliazione Business secondo

Dettagli

Presidenza. Roma, 24 marzo 2009 Sindaco del Comune di

Presidenza. Roma, 24 marzo 2009 Sindaco del Comune di Protocollo n. 1814 allegati 3 Risposta alla nota n. del Roma, 24 marzo 2009 Ai Sigg. e p.c Ai Ai Al Sindaco del Comune di Responsabili dell Ufficio di Statistica - dei Comuni - degli UTG - Prefetture -

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA CAPITOLATO D APPALTO PER L AGGIORNAMENTO, LA MANUTENZIONE, L HOSTING, LA GESTIONE DELLE STATISTICHE E L INTRODUZIONE DI NUOVE FUNZIONALITA DEL SITO INTERNET DEL COMUNE DI TREZZO

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor Primo servizio del Portale del SIL A cura di Grazia Strano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Reti

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

PROCEDURA UTILIZZO PORTALE DEI REFERTI LABORATORIO ANALISI AZIENDALE

PROCEDURA UTILIZZO PORTALE DEI REFERTI LABORATORIO ANALISI AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO REGIONE SARDEGNA PROCEDURA UTILIZZO PORTALE DEI REFERTI LABORATORIO ANALISI AZIENDALE Procedura Dipartimento Servizio Diagnostici di Laboratorio P.DSDL.DOC.01 Em. 0 del 24 agosto 2012

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI 1 OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 REGOLE PARTICOLARI CERTIFICAZIONE IN ACCORDO ALLE NORME DI RiFERIMENTO... 2 4.1 Referente per DNV GL...

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

a GlobalTrust Solution

a GlobalTrust Solution E-Consulting a GlobalTrust Solution E-Consulting è la soluzione ideale per i professionisti che intendono offrire consulenze on-line sia ai propri clienti abituali sia a tutti gli utenti di Internet. Descrizione

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE @PEC

LA FIRMA DIGITALE @PEC LA FIRMA DIGITALE @PEC Che cos è la Firma Digitale concetti La Firma Digitale o firma elettronica qualificata è un particolare tipo di firma elettronica che, nell'ordinamento giuridico italiano, ha lo

Dettagli

Privacy policy. Obiettivo dell avviso

Privacy policy. Obiettivo dell avviso Privacy policy Obiettivo dell avviso La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del Sito web: http://www.reteivo.eu (di seguito anche il Sito ), in riferimento al trattamento

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 24/07/2015

ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 24/07/2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 24/07/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37246-le-regole-e-specifiche-tecniche-del- documento-informatico-ai-sensi-decreto-del-presidente-del-consiglio-dei-ministri-del-13-

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO per la creazione

Dettagli

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari

LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari LE PRATICHE DI GENERE NELLA PROGRAMMAZIONE FSE 2007-2013 Il progetto In Pratica Idee alla pari Roma, 15 Maggio 2015 Dott.ssa Flavia Pesce - IRS Istituto per la Ricerca Sociale BRIGHT.LY LE FASI DEL PROGETTO

Dettagli

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA LATINA AVVISO PUBBLICO PROVINCIA LATINA Settore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale AVVISO PUBBLICO ATTIVITA FORMATIVE PER L APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE FINANZIAMENTO MODULI A, B, C 1. Premessa La Provincia

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione PRIVACY La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano. Si tratta

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.SITGROUP.IT

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.SITGROUP.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.SITGROUP.IT Vers.1/2013 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI

CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI CATASTO DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI: UN NUOVO APPROCCIO PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI A. Bampo, M. Battistutta, S. Caschi, L. Fragiacomo, C. Montefusco, M. Moretuzzo, M. Telesca,

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Fase 1: la Fatturazione Elettronica

Fase 1: la Fatturazione Elettronica GUIDA OPERATIVA ALLA DEMATERIALIZZAZIONE DEL CICLO DEGLI ACQUISTI IN EMILIA ROMAGNA Fase 1: la Fatturazione Elettronica Data: 19 giugno 2014 Versione: 3.1 Autori: Intercent-ER Par-ER INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

GeoReLink. il punto di accesso unico ai servizi di rete geografici e gli open geo-data di Regioni e Province Autonome italiane

GeoReLink. il punto di accesso unico ai servizi di rete geografici e gli open geo-data di Regioni e Province Autonome italiane GeoReLink il punto di accesso unico ai servizi di rete geografici e gli open geo-data di Regioni e Province Autonome italiane stato documento: finale versione: 1.0 data: 11/06/2015 Centro Interregionale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico INDAGINE SULLA CUSTOMER SATISFACTION DELL "HELPDESK REACH 214 Sintesi dei risultati Roma, febbraio 215 Indagine sulla customer satisfaction dell Helpdesk REACH - 214

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L AGGIORNAMENTO E LA TENUTA DEL SITO WEB ISTITUZIONALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 9/4/2014

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Vers. 1.9-01/01/12

CARTA DEI SERVIZI Vers. 1.9-01/01/12 COMeSER S.r.l. Piazza Repubblica, 20-43036 Fidenza (PR) Tel. 0524 881111 - Fax 0524 881118 E-mail: info@comeser.it - www.comeser.it C.N.T. di Ugolotti Giovanni Strada Laurano, 1/1-43024 Neviano degli Arduini

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

La PEC e interoperabilità di protocollo

La PEC e interoperabilità di protocollo La PEC e interoperabilità di protocollo Contenuti (1) La Pec La PEC nella normativa Gli attori coinvolti Utenti Gestori La rete di comunicazione Il documento informatico Il punto di vista dell utente Il

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

Comune di Lograto. Provincia di Brescia

Comune di Lograto. Provincia di Brescia Comune di Lograto Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) (approvato con la deliberazione del Consiglio

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Agenda Posta Elettronica Certificata Cos è Riferimenti normativi Soggetti Flusso dei messaggi Vantaggi PEC nella Pubblica

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 il mercato elettronico della p.a. cosa è Il Mercato Elettronico della P.A. è un mercato

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Progetto Tessera Sanitaria

Progetto Tessera Sanitaria Articolo 50 del D.L. 30 settembre 2003 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e successive modificazioni DM 2 Novembre 2011 Dematerializzazione della ricetta medica

Dettagli

InfoCert progetta e sviluppa servizi e soluzioni di alto livello per la dematerializzazione, gestione e trasmissione dei documenti.

InfoCert progetta e sviluppa servizi e soluzioni di alto livello per la dematerializzazione, gestione e trasmissione dei documenti. InfoCert progetta e sviluppa servizi e soluzioni di alto livello per la dematerializzazione, gestione e trasmissione dei documenti. Con pieno valore legale. 2 InfoCert InfoCert. Garanzia di soluzioni.

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative -

La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative - I Dossier fiscali La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative - Aprile 2014 pag. 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 Decorrenza del nuovo regime... 3 La procedura di fatturazione elettronica...

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) INDICE Pagina TITOLO I Disposizioni Generali

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane NUVV Regione Lazio L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane Premessa Il presente rapporto fa parte di un filone di attività in seno al Nucleo di valutazione degli investimenti

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli