Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale"

Transcript

1 Istituto Ortopedico Rizzoli Via Pupilli, Bologna SEZIONE DI CHEMIOTERAPIA Tel.: Fax: Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale 1

2 A cura del Personale Infermieristico Cristiana Forni Loretta Loro Teresa Mazzei Claudio Beghelli Angela Biolchini Morena Tremosini Patrizia Simoni Antonietta Triggiani Rita Boschi Cinzia Raspanti 2004 Silver/Mck Per gentile concessione di Silver/Mck Grafica: Ghinelli Cristina - II.OO.R. - Bologna 2

3 Introduzione Il suo medico ha scelto per Lei il catetere Broviac, perché grazie ad esso tutti i farmaci di cui necessita possono essere somministrati direttamente in vena, senza dover essere sottoposto in continuazione a fastidiose punture. Poiché questo catetere può essere lasciato in vena per settimane, mesi o persino anni, è importante che Lei lo conosca, sappia a cosa serve e come si utilizza, in modo da poterne trarre i maggiori benefici. Questo opuscolo vuole essere un riferimento il cui contenuto andrebbe letto prima di lasciare l ospedale in modo da essere sufficientemente preparato una volta tornati a casa. E importante tenere presente che questo è solo un riferimento. La sua migliore fonte di informazione rimangono il suo medico o l infermiera. 3

4 Cos è un Catetere Broviac Un catetere Broviac (foto 1) è un lungo tubicino, vuoto all interno, con un foro posto alla sua estremità. È realizzato in silicone, un morbido materiale simile alla gomma, viene detto catetere venoso centrale poiché è inserito nella grande vena che conduce direttamente al cuore e che si chiama vena cava superiore. Il catetere ha un adattatore a vite che può essere collegato, mediante avvitamento, al deflussore della fleboclisi o alla siringa o chiuso con un tappo particolare. Vi è anche una cuffia in dacron intorno al catetere che viene utilizzata per ancorare lo stesso sotto la pelle in modo da ridurre il rischio che il catetere si sfili ed allo stesso tempo tenere lontano i batteri dal circolo sanguigno. foto 1 4

5 In quali parti del corpo viene introdotto Il catetere è inserito, in genere, sotto la pelle della parete toracica e dentro la vena cava superiore (foto 2). Punto d inserimento è il punto in cui viene inserito il catetere mediante una piccola incisione vicino alla clavicola, è qui che la punta del catetere è infilata all interno di una vena che lo porterà, attraverso la vena cava superiore, fino al cuore. Punto di uscita è il punto nel torace da cui esce il catetere. Dal punto d inserimento viene creato un passaggio sotto la pelle in cui si fa scorrere il catetere che esce all esterno dal punto d uscita. Questo passaggio si chiama tunnel sottocutaneo. È possibile sentire il rigonfiamento della cuffia in dacron tra il punto d inserimento ed il punto d uscita. Si può sentire del dolore, simile a quello provocato da una puntura di spillo, in questi due punti. La cicatrice corrispondente al punto d inserimento si chiuderà in poco tempo, mentre quella al punto d uscita non si cicatrizza e necessiterà particolare cura che sarà spiegata più avanti in questo opuscolo. foto 2 5

6 Come si usa Medicazione del punto d uscita: Si tratta di pulire il punto d uscita e disinfettarlo una volta alla settimana o tutte le volte che si sporca, si bagna o si stacca il cerotto. Materiale necessario: - Garze sterili in confezioni monouso(almeno 6), oppure 6 batuffoli sterili e una pinza sterile. - Acqua ossigenata - Soluzione Betadine - Alcool denaturato - Cerotto medicato sterile foto 3 Esecuzione: - Pulire la parte su cui operate (tavolino) strofinando con una salvietta imbevuta di alcool quindi mettervi tutto il materiale necessario. - Lavatevi le mani accuratamente usando acqua tiepida e sapone, sciacquatevi ed asciugatevi con salviette di carta. - Rimuovere attentamente il cerotto della vecchia medicazione cominciando dal bordo superiore scendendo verso il basso per evitare che la pelle si irriti e facendo attenzione a non tirare il catetere (foto 3). 6

7 - Non usare mai forbici o altri strumenti affilati vicino al catetere (foto 4). - Controllare scrupolosamente il punto d uscita e la pelle intorno ad esso. Se nota qualcosa di insolito (se è rosso, gonfio, caldo o dolente) copra di nuovo e chiami il suo medico. foto 4 - Aprire attentamente le garze, prenderne una dagli angoli così come vi ha insegnato l infermiere di reparto, bagnarlo con alcool e togliere dalla pelle la colla rimasta del cerotto. - Con un altra garza imbevuta di acqua ossigenata (versata da una distanza di 5 cm. senza toccare con le garze la bottiglia), pulire il punto d uscita disinfettando la pelle con un solo foto 5 movimento circolare partendo dal centro verso l esterno coprendo un area di circa 5 centimetri (foto 5). Non tornare mai dall esterno verso il centro e comunque con la garza che ha toccato un qualsiasi altro punto della cute non toccate mai il punto d uscita. - Ripetere questa operazione usando una garza imbevuta di Soluzione Betadine. - Lasciare asciugare la pelle all aria dall eventuale eccesso di disinfettante per uno o due minuti. - Coprire con medicazione preconfezionata (cerotto medicato). - Controllare che il catetere non sia annodato o piegato, quindi fermarlo con del cerotto. Ciò servirà ad evitare che sia sottoposto a 7

8 piccoli movimenti che lo portano ad urtare contro il punto d uscita e ad irritare la zona. Fissare il catetere con il cappuccio orientato verso l alto (foto 6). Clampaggio del catetere: foto 6 Clampare il catetere significa chiuderlo dall esterno mediante uno strumento adatto chiamato clamp oppure morsetto (foto 7). Chiudere sempre la clamp sul tratto rinforzato lungo il catetere. foto 7 Non clampare mai sul segmento rinforzato in prossimità del tappo. Clampare il catetere quando non lo si usa e sempre quando si toglie il tappo. Se si rompe la clamp si può usare un fermaglio per la carta messo sul tratto rinforzato lungo il catetere. In alternativa si può piegare il catetere su se stesso e avvolgerlo con un elastico (foto 8 e 9). foto 8 foto 9 8

9 Lavaggio del catetere ed eparinizzazione: Il catetere deve ricevere un lavaggio con Soluzione Fisiologica e deve essere eparinato a giorni alterni o dopo ogni suo utilizzo per mantenersi aperto ed in grado di essere utilizzato al meglio. Materiale necessario: - Flacone di Soluzione Eparinata già pronta da ritirare dal reparto prima di uscire (mantenerlo in frigo fino alla data di sca d e n z a indicata nell etichetta). - Solo nel caso in cui la soluzione già pronta non sia disponibile si deve sostituire procedendo come segue: aspirare, in una siringa da 20cc, 19cc di Soluzione Fisiologica, aggiungere nella stessa siringa 1cc di Eparina. Questo composto può essere conservato se mantenuto in frigorifero per 6 giorni al massimo. Materiale occorrente: - Flacone di Soluzione Fisiologica da 100cc - Siringa da 20cc - Siringa da 5cc - Garze imbevute di Soluzione Betadine Esecuzione: - Lavarsi accuratamente le mani. - Riunire tutto il materiale già pronto in un luogo adatto. - Rimuovere il battufolo di garza dall estremità del catetere. - Pulire il tappo usando una garza imbevuta di Soluzione Betadine facendo attenzione di non toccarlo con le dita per non aumentare la possibilità di contaminarlo. - Aprire la clamp o morsetto. - Prendere una siringa da 20cc di Soluzione Fisiologica ed inserire 9

10 il cono (avvitando con mezzo giro) al centro del tappo (foto 10). foto 10 - Ripetere l operazione con 3cc di Soluzione Eparinata in una siringa da 5cc ed iniettare lentamente. - Chiudere la clamp. - Mettere sul tappo una garza. Sostituzione del tappo Il tappo può essere usato volte per cui durante la permanenza a casa non dovrebbe essere necessario sostituirlo. Attenzione!!! Quando si toglie il tappo per qualsiasi motivo deve essere sempre sostituito ed il morsetto o clamp deve essere sempre chiuso. Materiale necessario: - Un tappo nuovo - Garze Esecuzione: - Lavarsi accuratamente le mani - Riunire tutto il materiale occorrente - Rimuovere il batuffolo di garza all estremità del catetere. - Assicurarsi che la clamp o il morsetto sia chiuso. - Aprire la confezione sterile del nuovo tappo. - Disinfettare con betadine il tappo vecchio e l area in cui il cappuccio è connesso al catetere e lasciare asciugare all aria (foto 11). 10

11 - Svitare il tappo vecchio e gettarlo. - Prendere il tappo nuovo dalla parte superiore avendo cura di non toccare la parte che va a contatto con l avvitatore. - Avvitare il tappo nuovo all adattatore. - Proteggere il tappo con una garza o battufolo. foto 11 Prelievo ematico dal catetere Materiale necessario: - Siringa da 10cc - Siringa da 20cc - Siringhe da 5cc - Provetta da emocromo - Flacone con Soluzione Eparinata - Flacone con Soluzione Fisiologica - Garze imbevute di Soluzione Betadine Esecuzione: - Lavarsi accuratamente le mani. - Disinfettare il tappo con un tampone imbevuto di Soluzione Betadine liquida. - Aprire la clamp. - Inserire il cono della siringa al centro del tappo avvitando con mezzo giro. - Aspirare lentamente 5cc di sangue con una siringa almeno da 10cc e buttarlo. - Aspirare, con una siringa da 5cc, il sangue utile per l esame da effettuare e metterlo nell apposita provetta. 11

12 - Iniettare 20cc di Soluzione Fisiologica abbastanza velocemente per lavare il catetere. - Iniettare 3cc di soluzione eparinata (come a pag.11). - Chiudere la clamp. - Disinfettare il tappo con il tampone imbevuto di Soluzione Betadine liquida. - Coprire il tappo con garza. Individuare i problemi e saper cosa fare Non si aspetti problemi, ma sia preparato se dovessero verificarsi. La seguente lista mostra potenziali problemi, con specifiche informazioni su ognuno di essi. Catetere chiuso: Se quando si inietta la Soluzione Fisiologica ci sono resistenze (cioè non si riesce a spingere la soluzione dentro al catetere) non forzare!! Verificare: - che la clamp/morsetto sia aperta - provare a far muovere il braccio, tossire e respirare profondamente. Se continuate a sentire resistenze interrompete le manovre e chiamate in reparto e/o il medico curante. Non refluisce il sangue (cioè non si riesce a fare il prelievo). Succede purtroppo abbastanza frequentemente. Le cause possono essere dovute ad un ostruzione parziale del catetere (raro) o più frequentemente, la punta finale del catetere si appoggia alla parete della vena causando un effetto ventosa. Come procedere: 1. praticare un lavaggio con 20 cc di soluzione Fisiologica (se ci sono resistenze non spingere!) e provare ad aspirare. Se non è sufficiente: 2. fare tossire e respirare profondamente, fare muovere il braccio dal- 12

13 la parte dove è inserito il catetere e riprovare come dal punto 1 Se non è sufficiente: 3. provare a far muovere la persona: sedersi e sdraiarsi, mettersi su un fianco e sull altro, se possibile fare camminare per qualche minuto e poi ricominciare dal punto se continua a non defluire sangue, fare un lavaggio con 20 cc di Soluzione Fisiologica, eparinare il catetere con 3 cc di Soluzione Eparinata e chiudere la clamp. Il prelievo dovrà essere fatto dalla vena periferica. Avvertire sempre il reparto quando questo problema si verifica. Rottura del catetere o taglio accidentale: clampare (cioè chiudere) immediatamente il catetere sopra la rottura/ taglio con la clamp/morsetto o piegare il catetere e bloccarlo con nastro adesivo come nella foto. Chiamare subito in reparto e/o il proprio medico. (foto 12 e 13). foto 12 foto 13 Sospetta infezione: Se compare improvvisamente febbre alta (superiore a 38.5 ) preceduta da brivido specialmente poco dopo aver usato il catetere telefonare in 13

14 reparto e/o al proprio medico. Quando rientrerete in reparto verrà effettuata una ricerca nel catetere di eventuali batteri. Se la ricerca è positiva, spesso è sufficiente iniziare una terapia antibiotica mirata per risolvere il problema. Se la febbre rimane, potrà essere necessario togliere il catetere. Per evitare o almeno ridurre questo problema, occorre cercare di essere il più precisi e puliti possibile nell eseguire le varie manovre (medicazione, eparinizzazione e prelievi) così come indicato. Si ricordi che la cosa più importante è lavarsi sempre le mani prima di iniziare qualsiasi manovra. 14

15 Informazioni Utili Pulizia personale Quando si ha un catetere venoso centrale, farsi la doccia è sempre possibile, anzi, è INDISPENSABILE! Più accurata sarà la pulizia della persona, meno probabili saranno le infezioni. L unica attenzione sarà quella di coprire la medicazione e il catetere con un pezzo di plastica fermato con cerotto (foto 14). Finita la doccia, quando si toglie il pezzo di plastica, se la medicazione si è bagnata, cambiarla con la normale procedura. foto 14 Si consiglia la doccia ogni giorno. Quando non è possibile, lavarsi accuratamente anche intorno al catetere (torace). Unica proibizione: il bagno in vasca. Parte finale del catetere (dove c è il tappino): Tenerlo sempre coperto con garza fissandolo sempre alla medicazione. Non lasciarlo mai penzolare (le ragazze potranno tenerlo infilato nel reggiseno). 15

16 Se si dimentica di eparinare il catetere Farlo appena ci si ricorda. Se però la Soluzione Fisiologica non si riesce ad iniettare non forzare, fermarsi e chiamare il reparto e/o il proprio medico curante. Cosa succede se il catetere si sfila Non succede nulla di grave. Se è fuoriuscito totalmente medicare il punto d uscita e telefonare in reparto. Se non si è sfilato del tutto, chiami il reparto e riceverà le istruzioni necessarie. Sostanze dannose per il catetere Si ricordi che l acetone, la benzina e l etere non devono MAI essere usate sul catetere in quanto rovinano il materiale (silicone) di cui è fatto il catetere. Usi solo i disinfettanti indicati in questo libretto. Come conservare i flaconi già usati La Soluzione Eparinata, la Soluzione Fisiologica da 100cc e l Eparina pura una volta utilizzate (aperto il sigillo e perforato il tappo) vanno conservati in frigorifero per un massimo di un mese. 16

17 Promemoria EPARINI il catetere un giorno sì e un giorno no (per esempio tutti i giorni dispari) e tutte le volte che ha usato il catetere (flebo, antibiotici, prelievi ). CAMBI la medicazione una volta alla settimana e tutte le volte che si sporca, si bagna o si stacca il cerotto. Faccia la DOCCIA ogni giorno (se non ha gessi) proteggendo la medicazione con un pezzo di plastica. Tenga sempre la SOLUZIONE EPARINATA e qualsiasi altro flacone già perforato in frigo e stia attento a non rimanere senza. Se il catetere è totalmente occluso, si rechi nell ospedale più vicino portando con sé questo libretto in particolare l ultima pagina ( come disostruire il catetere utilizzando Urochinasi unità ) Avverta sempre il reparto quando: - il punto di inserzione è molto rosso o esce del liquido - non riesce ad iniettare la soluzione eparinata (catetere occluso) - ha febbre alta ( superiore ai 38.5 ) con BRIVIDO - il catetere si rompe - non riesce a fare il prelievo NUMERI UTILI Telefono: o FAX: e chieda di parlare con la capo sala /infermiere o con un medico 17

18 Istituto Ortopedico Rizzoli Via Pupilli, Bologna SEZIONE DI CHEMIOTERAPIA Tel.: Fax: Materiale occorrente per la gestione del catetere venoso centrale Garze sterili Cerotti medicati 8cm per 10cm Soluzione Betadine Acqua ossigenata Alcool Siringhe da 20ml Siringhe da 10ml Siringhe da 5ml Fiale di Soluzione Fisiologica da 10 o 20ml o 100ml Tappo con sistema antipuntura (needle-less) o lattice perforabile Si certifica che il paziente. in trattamento chemioterapico presso il nostro reparto, è portatore di Catetere Venoso Centrale, posizionato nel nostro Istituto in data Il Catetere necessita di medicazioni settimanali ed eparinizzazione a giorni alterni fino a rimozione del catetere stesso che avverrà, salvo complicazioni, al termine del programma di trattamento antiblastico. Il materiale necessario alla gestione del dispositivo suddetto è riportato nell elenco allegato. Il medico oncologo (firma e timbro) Bologna, lì. 18

19 Istituto Ortopedico Rizzoli Dipartimento di Oncologia Muscoloscheletrica SEZIONE DI CHEMIOTERAPIA Tel.: Fax: Protocollo utilizzato nella Sezione di Chemioterapia in caso di ostruzione parziale e/o completa di un catetere venoso centrale a lunga permanenza (Broviac). Come disostruire il catetere venoso centrale utilizzando urokinasi unita Obiettivo: ripristinare la normale pervietà, sia in entrata che in uscita, del catetere venoso centrale a lunga permanenza. Condizioni: tale metodica deve essere eseguita in ambiente ospedaliero e il paziente deve avere un numero di piastrine uguale o superiore a migliaia/mmc. Materiale occorrente: - urokinasi unità (flacone con solvente) - 3 siringhe da 20cc - soluzione fisiologica - 1 siringa da insulina Esecuzione: - Diluire l Urokinasi con 20cc di Soluzione Fisiologica (questa soluzione può essere conservata in frigo per 48 ore); - Con la siringa da insulina prelevare 1cc della soluzione di 19

20 Urokinasi (ogni cc infatti contiene unità); - Disinfettare il tappino (non toglierlo) e iniettare con la siringa da insulina le unità (= un cc) nel catetere lentamente. Se il catetere è totalmente occluso, dopo aver raccordato la siringa al tappino, muo vere delicatamente lo stantuffo avanti e indietro fino a riuscire ad in trodurre l intero cc di Urokinasi; - Attendere un ora o due; - Togliere il tappino del catetere e con una siringa da 20cc a s p i r a r e con delicatezza, se il risultato è positivo, eliminare la siringa e procedere ad un lavaggio con soluzione Fisiologica (almeno 20cc) e poi eparinare il catetere come spiegato in questo libretto; - Se il primo tentativo fallisce, si può ripetere la manovra a distanza di qualche ora. Il medico oncologo (firma e timbro) Bologna, lì. 20

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso.

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Guida all utilizzo dell autoiniettore one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Introduzione a one.click Questa è una guida sintetica all

Dettagli

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. )

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) MANUALE DI PRIMO SOCCORSO (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) IN OGNI CASO,PRIMA DI TUTTO CHIAMARE UN ADULTO O SE SIAMO COL BRANCO, UN VECCHIO LUPO 1) FERITE e ABRASIONI cutanee Cosa sono?

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Informazioni per il paziente domiciliare

Informazioni per il paziente domiciliare Informazioni per il paziente domiciliare Data: Infermiere assistente: Medico curante: Altri numeri utili: Informazioni sul distributore Riportare qui le informazioni per contattare il distributore 2 Introduzione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. ****

Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere IL PICC Catetere venoso centrale ad inserimento periferico Guida per il paziente e l infermiere Indice Introduzione Pag. 2 Dati paziente e Picc Pag. 3 Paziente Cos è il Picc? Pag. 4 Quando è utile tale

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL 1. Coprite l'area di lavoro con vari fogli di giornale in caso di fuoriuscite

Dettagli

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA

DIRETTORE DR.SSA LUCIA RICCI TEL. 0575/255408-255347 INSULINA NSULNA L NSULNA viene somministrata sottocute tramite iniezioni con apposite siringhe monouso o penne da insulina. COME S CONSERVA L NSULNA? L insulina di scorta si conserva nella parte bassa del frigo

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

La Rachicentesi. (Puntura Lombare) in Ematologia. Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

La Rachicentesi. (Puntura Lombare) in Ematologia. Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Informazione per pazienti La Rachicentesi (Puntura Lombare) in Ematologia Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

KIT DIDATTICO CON FUEL CELL

KIT DIDATTICO CON FUEL CELL KIT DIDATTICO CON FUEL CELL PRODURRE IDROGENO CON L ENERGIA DEL VENTO (cod. KNS12) Istruzioni di montaggio Modello No.: FCJJ-26 Attenzione Per evitare il rischio di danni materiali, lesioni gravi o morte:

Dettagli

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO Cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo Argyle Codice prodotto Descrizione del prodotto 8888160325 CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 2,5

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale Cagliari, P.O. Binaghi 24-25; 25; 26-27 27 maggio 2010 QUALITA E SICUREZZA

Dettagli

Operazioni di igiene e manutenzione

Operazioni di igiene e manutenzione OPERAZIONI DI IGIENE Operazioni di igiene dei visi del manichino Laerdal Si consiglia di fornire un singolo viso del manichino a ciascuno studente per eliminare la necessità di decontaminazione tra uno

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prelievo di urine per urinocoltura OBIETTIVO Ottenere un campione

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Procedura/Istruzione Operativa GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Codice Documento_Edxx AAA_COD_xxx_Edxx Pag. 1/12 Data emissione: gg/mm/aa Unità

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

COME TI SOSTITUISCO L'OLIO DEI FRENI

COME TI SOSTITUISCO L'OLIO DEI FRENI COME TI SOSTITUISCO L'OLIO DEI FRENI GUIDA PER CHI VUOLE CIMENTARSI NELL'ARTE DEL FAI DA TE Iniziamo con gli strumenti del mestiere Come detto più volte, è fondamentale utilizzare attrezzi di buona qualità:

Dettagli

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore

Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore Gestione pratica dell allestimento e della somministrazione dei farmaci ad alto rischio per l operatore OFFICINE H IVREA 25 GENNAIO 2012 Anna Paola Canori Carla Varola S.C. Farmacia Ospedaliera Ivrea/Ciriè

Dettagli

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia L Aspirato Midollare Informazione per pazienti e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

Tutto quello che avresti voluto sapere sul. Inf. Sara Cherti Dott.ssa Daniela Cherti

Tutto quello che avresti voluto sapere sul. Inf. Sara Cherti Dott.ssa Daniela Cherti Tutto quello che avresti voluto sapere sul Inf. Sara Cherti Dott.ssa Daniela Cherti DOCUMENTAZIONE CLINICA PREPARAZIONE DEL MATERIALE PREPARAZIONE SISTEMA DRENANTE FUNZIONAMENTO SISTEMA DRENANTE POSIZIONAMENTO

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

Modalità operative per il personale in attività. presso l Unità di manipolazione antiblastici. dell Azienda Ospedaliera OIRM - S.

Modalità operative per il personale in attività. presso l Unità di manipolazione antiblastici. dell Azienda Ospedaliera OIRM - S. Modalità operative per il personale in attività presso l Unità di manipolazione antiblastici dell Azienda Ospedaliera OIRM - S.Anna, in relazione alla tossicità dei farmaci manipolati e alla sterilità

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

IDENTIFICAZIONE COMPONENTI

IDENTIFICAZIONE COMPONENTI Connettori ottici SC OPTICAM Codici parte: FSCSCBU, FSCMCXAQ, FSCDMXAQ, FSCMC5BL, FSCMPC5BL, FSCDMC5BL, FSCMC6BL, FSCDMC6BL, FSCMPC6BL Panduit Corp. 2006 ISTRUZIONI D INSTALLAZIONE PN394C IDENTIFICAZIONE

Dettagli

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica.

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica. Gestione della PEG Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE

PIANO ATTUATIVO LOCALE REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi ASL RIETI AMBULATORIO

Dettagli

H 2 O srl Sede Operativa: Via Enrico Medi, 14 00149 Roma Via del Bel Poggio, 375 00143 Roma Capitale Sociale 10.000 tel. 06 5010699 fax 06 5000386

H 2 O srl Sede Operativa: Via Enrico Medi, 14 00149 Roma Via del Bel Poggio, 375 00143 Roma Capitale Sociale 10.000 tel. 06 5010699 fax 06 5000386 PROCEDURA DI SANIFICAZIONE EROGATORE ALLACCIATO ALLA RETE IDRICA CON SISTEMA EVERPURE MATERIALE NECESSARIO Liquido detergente (alimentare), per la pulizia esterna dell erogatore (es: Cif) Liquido disincrostante

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici

Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione degli strumenti e degli accessori endoscopici REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIBO VALENTIA Endoscopia Digestiva Diagnostica e Chirurgica Dr. A.Chirico Dr. V.Grasso Dr. L.Purita Protocollo per la pulizia, il lavaggio e la disinfezione

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Day Surgery Dott. Verter Barbieri - Responsabile Medico Fiorenza Costi - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

IDENTIFICAZIONE COMPONENTI

IDENTIFICAZIONE COMPONENTI Connettori ottici ST OPTICAM Codici parte: FSTSCBU, FSTMCXAQ, FSTMC5BL, FSTMC6BL, FSTMPC5BL,FSTMPC6BL Panduit Corp. 200/ ISTRUZIONI D INSTALLAZIONE PN402B IDENTIFICAZIONE COMPONENTI Manutenzione del Patch

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA

PAZIENTI CON PROTESI ALLA SPALLA H H UH Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

722 Isom Road San Antonio, Texas 78216 U.S.A. EC REP. Emerge Europe Molenstraat 15 2513 BH, The Hague The Netherlands

722 Isom Road San Antonio, Texas 78216 U.S.A. EC REP. Emerge Europe Molenstraat 15 2513 BH, The Hague The Netherlands DI Vidacare SIstemA PER InfusionE IntraosseA ISTRUZIONI PER L USO 722 Isom Road San Antonio, Texas 78216 U.S.A. EC REP Emerge Europe Molenstraat 15 2513 BH, The Hague The Netherlands SISTEMA PER INFUSIONE

Dettagli

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno.

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. 20. Spremere il latte 92 Sessione 20 SPREMERE IL LATTE Introduzione La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. Spremere

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

Nudo femminile di schiena -Jean Auguste Dominique Ingres LA RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI DELLA MAMMELLA. Informazioni per le pazienti

Nudo femminile di schiena -Jean Auguste Dominique Ingres LA RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI DELLA MAMMELLA. Informazioni per le pazienti Nudo femminile di schiena -Jean Auguste Dominique Ingres LA RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI DELLA MAMMELLA Informazioni per le pazienti INDICE Che cos è e a cosa serve la pag. 3 Cos è un ciclo

Dettagli

Pulire il Rame. Pulire Ottone

Pulire il Rame. Pulire Ottone Pulire il Rame La pulizia del rame viene effettuata come facevano i vecchi.si scioglie del sale con dell aceto o con del succo di limone e si strofina con uno straccio o una spugnetta non abrasiva tutta

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

Dipartimento Organi di Senso. SOD Oculistica Direttore: Prof. Ugo Menchini. Guida all Intervento. www.aou-careggi.toscana.it

Dipartimento Organi di Senso. SOD Oculistica Direttore: Prof. Ugo Menchini. Guida all Intervento. www.aou-careggi.toscana.it Dipartimento Organi di Senso Guida all Intervento SOD Oculistica Direttore: Prof. Ugo Menchini L INTERVENTO DI CATARATTA IN CHIRURGIA AMBULATORIALE www.aou-careggi.toscana.it Per la buona riuscita dell

Dettagli

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300

CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI 1.IM 300 CORPO VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE DELLA BRIANZA CORSO UTILIZZO GRUPPO ELETTROGENO LOMBARDINI.IM 300 INTRODUZIONE CON QUESTA PICCOLA MA ESAURIENTE GUIDA SI VUOLE METTERE A DISPOSIZIONE DELL UTENTE UNO STRUMENTO

Dettagli

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO

MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO MANUALE D USO PER MW600 MISURATORE PORTATILE DI OSSIGENO DISCIOLTO PREPARAZIONE DELLA SONDA Lo strumento è fornito di una batteria a 9V. Sfilare verso l esterno il coperchio del vano batterie posto nella

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE a cura di Coodinatori e infermiere CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL

Dettagli

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO Dr.ssa Roberta Boldrini Roma, 28 gennaio 2012 Le cure igieniche L igiene è la scienza della salute e del suo mantenimento L igiene personale è la cura di sé con la

Dettagli

CON ACE VINCE IL PULITO

CON ACE VINCE IL PULITO Per l igiene profonda sui colorati prova Nuova Ace Gentile Igienizzante. CON ACE VINCE IL PULITO Manuale pratico per la casa e il bucato. Cara Amica, Ace sa quanto sia impegnativa la cura della casa e

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

Schededisupporto. Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino ACCESSORI E MODIFICHE DESCRIZIONE FUNZIONE CONTROINDICAZIONI MODALITÀ DI UTILIZZO

Schededisupporto. Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino ACCESSORI E MODIFICHE DESCRIZIONE FUNZIONE CONTROINDICAZIONI MODALITÀ DI UTILIZZO Catetere a permanenza tipo Foley a palloncino In lattice o in silicone 100%, abitualmente a due vie: una per il deflusso d urina, l altra per instillare l acqua che gonfia il dispositivo a palloncino che

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

Puoi ordinare una copia qui. ****

Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

Foglio Illustrativo: Informazioni per il paziente. Lidocaina Formenti 5% cerotto medicato Lidocaina

Foglio Illustrativo: Informazioni per il paziente. Lidocaina Formenti 5% cerotto medicato Lidocaina Foglio Illustrativo: Informazioni per il paziente Lidocaina Formenti 5% cerotto medicato Lidocaina Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale, perché contiene importanti informazioni

Dettagli

APPLICATORE PER CALZE E BRACCIALI MEDICALI

APPLICATORE PER CALZE E BRACCIALI MEDICALI per punte aperte e chiuse facile da usare e da lavare compatto, leggero misure con codice colore robusto, durevole facilmente trasportabile APPLICATORE PER CALZE E BRACCIALI MEDICALI EZY-AS è un applicatore

Dettagli

LA CURA DELLE VARICI CON IL LASER NOTIZIE PREOPERATORIE

LA CURA DELLE VARICI CON IL LASER NOTIZIE PREOPERATORIE Dott. UGO BACCAGLINI SPECIALISTA IN CHIRURGIA GENERALE SPECIALISTA IN CHIRURGIA TORACO-POLMONARE LA CURA DELLE VARICI CON IL LASER NOTIZIE PREOPERATORIE 1 INDICE COME POSSO CURARE LE VENE VARICOSE? Posso

Dettagli

Per continuare il percorso riabilitativo a casa

Per continuare il percorso riabilitativo a casa Per continuare il percorso riabilitativo a casa Il trattamento riabilitativo è in grado di: determinare una riduzione dell affanno; migliorare la capacità di esercizio fisico; migliorare la qualità della

Dettagli

Finalmente sono arrivati: i primi smalti lucentissimi e resistenti ai graffi!

Finalmente sono arrivati: i primi smalti lucentissimi e resistenti ai graffi! Istruzioni passo dopo passo Finalmente sono arrivati: i primi smalti lucentissimi e resistenti ai graffi! La nuova tecnologia UV3, in attesa di brevetto, non solo si applica in modo facile come un normale

Dettagli

Corso formazione alla Cura di malati di SLA

Corso formazione alla Cura di malati di SLA Corso formazione alla Cura di malati di SLA Respirazione - Segni e Sintomi NIV Tracheostomia Aspirazione Dott. P. Bruno UOC Pneumologia Az. Osp. Sant Andrea Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Università

Dettagli

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO

FERITE. FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO FERITE PULIZIA e PUNTI DI COMPRESSIONE FRATTURE IMMOBILIZZAZIONI TOGLIERE IL CASCO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI FERITE PULIZIA e DISINFEZIONE Lavare la ferita: lavare con acqua corrente per

Dettagli

Simulatore per iniezioni intramuscolari

Simulatore per iniezioni intramuscolari P55 Simulatore per iniezioni intramuscolari Italiano Grazie di aver scelto questo prodotto 3B Scientific. Prima di mettere in funzione l apparecchio vi preghiamo di leggere con attenzione le istruzioni

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 8 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

La Cute, Ferite e Medicazioni

La Cute, Ferite e Medicazioni La Cute, Ferite e Medicazioni OBBIETTIVI Fornire cenni di Anatomia dell Apparato Tegumentario. e Fisiologia Definire i vari tipi di ferite. Apprendere le manovre per una corretta disinfezione e medicazione.

Dettagli

L igiene del paziente

L igiene del paziente L igiene del paziente a cura di Enzo VISSANI L igiene personale garantisce che la pelle sia mantenuta in buone condizioni e quindi possa svolgere le sue funzioni che sono: protezione del corpo protezione

Dettagli

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA Numero pagine: 1 di 9 Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 9 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte indicazioni di

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli