LE NUOVE DIRETTRICI DEL MARKETING: RIFLESSIONI INTRODUTTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NUOVE DIRETTRICI DEL MARKETING: RIFLESSIONI INTRODUTTIVE"

Transcript

1 1 LE NUOVE DIRETTRICI DEL MARKETING: RIFLESSIONI INTRODUTTIVE Riccardo Varaldo, Presidente della Società Italiana di Marketing Questo convegno su Il Marketing in Italia: nuove frontiere e nuove sfide assume un particolare significato per una serie di motivi diversi. E innanzitutto l occasione per la presentazione esterna della Società Italiana di Marketing, l associazione di recente costituita per dare una casa comune ai docenti ed ai migliori studenti di marketing impegnati nell Università, e per creare una cinghia di trasmissione tra teoria e pratica. Questo grazie alla presenza, come soci, accanto ai ricercatori, di manager, consulenti e professionals, operanti nel campo del marketing e dei servizi per il marketing. L impostazione del convegno odierno riflette sostanzialmente questo spirito aperto e collaborativo con la presenza, in veste di relatori, di esponenti dei diversi ambienti interessati al marketing. Questo incontro si è potuto concretizzare solo grazie alla collaborazione di tre soci onorari dell associazione, IBM, Philip Morris e Kraft, ai quali rivolgo un vivo e sentito ringraziamento. All amico Agostino Sghedoni va la mia riconoscenza; è grazie alla sua squisita collaborazione che oggi siamo qui in questo splendido auditorium IBM, inaugurato solo due mesi fa. 2. Un secondo motivo di interesse si riconnette all importanza dell argomento oggetto del convegno. L intenzione è di fare il punto su dov è e dove sta andando il marketing in Italia. E questo per trarne idee, suggestioni e implicazioni per sviluppare e qualificare le attività di ricerca e formazione nel campo, ma anche per delineare una agenda delle cose da fare e delle azioni da intraprendere per far crescere nel paese la cultura della concorrenza, del mercato e del Marketing. La domanda di marketing sta crescendo ovunque, nelle scuole e nelle università, nelle imprese e nel terzo settore del non profit, nella consulenza e nelle istituzioni pubbliche nazionali e locali. Non sempre a questa maggiore domanda corrisponde un adeguata crescita dell offerta di competenze e skills professionali, appropriate alle diverse aree applicative, per cui si creano disallineamenti e divari tra domanda e offerta di risorse umane qualificate. D altro canto, il termine marketing si è andato diffondendo, nel corso degli ultimi anni, anche al di fuori dell ambiente degli addetti ai lavori, diventando un termine di uso comune. Questa crescita di popolarità non si è accompagnata purtroppo con un adeguato sforzo di approfondimento dell effettiva natura del marketing e del ruolo che riveste ai fini del funzionamento del mercato e della concorrenza, e quindi a favore del consumatore. La conseguenza è che di frequente si ha una visione del marketing distorta e parziale che porta a dare rilievo alla componente emersa e più appariscente cioè all iceberg del marketing ed a far trascurare la parte più tacita ma più sostanziosa, che riguarda i processi di creazione di valore per il cliente. Questo avviene essenzialmente

2 2 cercando di indirizzare e modellare l innovazione e l adattamento dell offerta di beni e servizi, secondo i bisogni e le preferenze espressi e latenti della clientela. Creare e diffondere un autentica cultura di marketing e quindi una cultura del mercato, della concorrenza e del consumatore è un obiettivo a cui mirare per cercare di contrastare i pregiudizi e i difetti di immagine, conoscenza e informazione di cui il Marketing da sempre soffre, specie in Italia. 3. Un terzo motivo di interesse di questo Convegno dipende dal momento in cui cade, di massima apprensione per le sorti dell industria italiana, di fronte ai rapidi e profondi cambiamenti di scenario. La nostra epoca è caratterizzata da grandi trasformazioni: da quelle demografiche, a quelle sociali, a quelle internazionali, a quelle tecnologiche ed a quelle riguardanti la struttura industriale e distributiva. Si tratta di trasformazioni che stanno cambiando la natura dei mercati e della concorrenza, quindi il contesto delle strategie aziendali, e di conseguenza anche il marketing come primario generatore e integratore degli inputs, provenienti dal mercato e dalla clientela, che alimentano i principali processi aziendali. Il mercato è l ambiente in cui maggiormente si concretizzano e si integrano gli effetti delle grandi forze di trasformazione dell economia costituite dalla globalizzazione e dalla rivoluzione tecnologica digitale. La conseguenza è, da un lato una spinta accelerazione dell innovazione continua dei prodotti e dei processi, da un altro una forte instabilità e volatilità dei mercati e delle fonti di vantaggio competitivo. Per questo, saper governare la competitività, cioè saper mantenere la capacità di competere costantemente allineata al mutare delle condizioni di contesto, costituisce la nuova frontiera per le imprese e più in generale per i sistemi produttivi e territoriali, nonché per il Paese nel suo insieme. Tra le funzioni manageriali, il marketing è quella che subisce più delle altre il fascino e l impatto delle continue e profonde trasformazioni del contesto socio-economico, tecnologico e politico-istituzionale, alle quali non può far altro che adattarsi e, per di più, deve farlo in presa diretta. La velocità di adattamento al mutare delle condizioni di contesto sta in effetti diventando una discriminante tra le imprese dinamiche e le imprese ritardatarie, ovvero tra le imprese di successo e le imprese che arrancano. Come conseguenza della sua maggiore proiezione esterna il marketing vede estendere in misura rilevante la sua sfera di influenza dal livello della competenza funzionale al livello politico-strategico della struttura organizzativa aziendale, fino alla sfera della responsabilità sociale. Nell attuale fase di turbolenza e instabilità dei mercati, e di contrazione dei consumi, soltanto le imprese in possesso di un solido impianto della loro politica e organizzazione di marketing riescono a fronteggiare la situazione. Di fronte alla grave stasi dei consumi le imprese sono sempre più spinte ad interventi in funzione anticiclica (come leva di stimolo ai consumi ed all economia), agendo sul prezzo e sui margini (riduzioni palesi o implicite dei prezzi; politiche di trading down; ampio ricorso ad offerte speciali, ecc.).

3 3 Il marketing anticiclico è un fenomeno che gestito a sé, senza essere collocato in un disegno strategico preciso, può spingere l impresa in un circolo perverso, insabbiandola in una dannosa concorrenza di prezzo. Anziché essere un sostegno all economia, tramite una crescita dei consumi e dell output (effetti incrementativi), questo tipo di marketing può ridursi ad essere un mezzo per spostare vendite e quote da una impresa ad un altra e da marche industriali a marche private (effetti sostitutivi). Più evidenti possono essere gli effetti a breve, meno chiare le conseguenze di medio-lungo periodo del marketing anticiclico, quelle complessive sulla crescita di un impresa o meglio sul suo potenziale produttivo, i cosiddetti effetti di offerta, connessi ad una crescita della produttività e degli investimenti. In ultima analisi, un impresa può avvantaggiarsi di un marketing anticiclico soltanto se sa sfruttare gli effetti di domanda e tramutarli in effetti di offerta; se non sa fare questo può subire incontrollabili conseguenze negative. 4. Il contributo del marketing alla vitalità economica e competitiva delle imprese e dei Paesi è diventato cruciale nel quadro dei processi di integrazione economica in atto su scala mondiale. E difficile oggi sottrarsi alla legge del capitalismo senza freni e senza frontiere che caratterizza l era della globalizzazione. Essenza del nuovo capitalismo è un processo schumpeteriano di «distruzione creativa» che si sviluppa a tutto campo ed a ritmi sempre più serrati, coinvolgendo non solo i prodotti, ma anche le imprese ed i sistemi produttivi. In questo contesto le responsabilità oggettive e soggettive degli uomini di marketing sono decisamente accresciute. Di fronte all estrema velocità con cui i cambiamenti di scenario e di mercato si susseguono, gli «errori e i fallimenti del marketing» sono destinati ad incidere pesantemente e di frequente irrimediabilmente sui destini delle imprese. Si sono infatti ridotti drasticamente i tempi utili per recuperare e porre in atto azioni correttive. La nuova responsabilità del marketing deve essere stigmatizzata da una formazione approfondita e più ampia. La cultura e la professione del marketing oggi hanno bisogno di fondamentali teorici e di strumenti più raffinati e solidi di prima. C è una evidente discontinuità culturale ed anche organizzativa tra il marketing management, a cui ci siamo formati e che tuttora impera sui banchi delle business schools, ed il marketing post-moderno. Mentre il primo è ispirato ad un approccio deterministico, il nuovo marketing è figlio di una logica probabilistica. Non ci sono più punti fermi e certezze nei mercati. Per cui il marketing non può più creare certezze con i suoi strumenti tradizioni. Ciò che occorre è una managerialità del rischio, una capacità di percezione e valutazione dei rischi, allo scopo di essere pronti a fronteggiare eventi inattesi e imprevedibili. Certezze il marketing oggi non può più offrirne; può però rendersi utile se sa fronteggiare le incertezze. Di fronte alla velocità ed alla imprevedibilità dei cambiamenti il marketing oggi rischia di essere vissuto come un fatto di improvvisazione, un modo di rispondere istintivamente a situazioni contingenti e mutevoli. Si tratta di una visione distorta che non esprime la portata di un marketing di

4 4 successo. Questo è il frutto di impostazioni di fondo che danno il senso di marcia dell impresa sul mercato e che consentono di scegliere di volta in volta i migliori percorsi da seguire ed i mezzi da impiegare. Il mercato oggi è una realtà completamente nuova e le forze che gli danno forma sono sospinte dal nuovo capitalismo della globalizzazione. Per cui non è più possibile conoscere e interpretare il mercato facendo uso degli strumenti tradizionali. L uomo di marketing deve cambiare occhiali e guardare il mercato non solo nella sua dimensione economica ma attraverso una prospettiva multifocale. E questo per poter seguire e valutare l impatto dei cambiamenti indotti da una pluralità di contesti: la cultura, la politica, la tecnologia, la finanza, la sicurezza nazionale e internazionale, l ecologia e così via. Un buon uomo di marketing deve quindi imparare a fare «arbitraggio delle informazioni» che acquisisce da queste disparate prospettive, per poi integrarle e farsi un idea del mercato che non sarebbe possibile ottenere partendo da un unico punto di vista. In un mondo sempre più interconnesso, l abilità nell individuare le connessioni, di collegare i punti, è il valore aggiunto che può offrire un uomo di marketing adatto ai tempi; se non vede le connessioni, non vede il mercato ed il mondo dei consumi e dei consumatori; e quindi non riesce a dare un ordine al caos che lo circonda. Adottare una prospettiva multifocale è importante sia per i docenti, che per mestiere cercano di capire e spiegare i fatti di mercato, sia per i managers che per professione al mercato danno forma. Entrambi questi soggetti devono essere in grado di far evolvere la loro visione delle cose, considerando che oggi i confini di competenza sono sempre più labili, per cui le prospettive di collaborazione diventano più fruttuose. D altro lato, l impresa e l Università devono assumere responsabilmente il compito inderogabile di formare e addestrare la prossima generazione di ricercatori e operatori di marketing. Occorre pensare a piani di studio adatti a formare giovani in grado di assumere un atteggiamento globale, non particolare. Essi devono possedere una conoscenza approfondita dei principi e degli strumenti del marketing management, ma nel contempo essere culturalmente e professionalmente aperti e pronti a intuire e osservare le forti interazioni e gli intrecci fra le diverse dimensioni del contesto ambientale e dei mercati, per arrivare ad uno sguardo d insieme. Gli uomini di marketing formatisi ad una cultura specialistica sono insuperabili nel gestire le leve di marketing, ma di frequente hanno gravi difficoltà a cogliere lo scenario d insieme entro cui si gioca la partita del mercato. Per questo essi sanno gestire la quotidianità ma rischiano di non dare coerenza al loro operato. In mancanza di una visione d insieme che consenta di cogliere come i vari mezzi interagiscono per raggiungere o mancare i fini non ci può essere strategia. E senza strategia c è solo deriva, perché si procede fiduciosi di albero in albero, rischiando poi di perdersi nella foresta. Ciò che occorre oggi è formare uomini di marketing che posseggano una visione che comprenda ad un tempo l albero e la foresta per saper gestire il day by day ma senza perdere la bussola di orientamento.

5 5 5. D altro canto, la visione di un marketing strategico appannaggio del vertice, e di un marketing operativo, relegato ai livelli intermedi e inferiori, non risponde più ai paradigmi del nuovo marketing. Per poter cogliere il quadro d insieme è necessario attivare i meccanismi organizzativi affinché tutte le informazioni parziali possano concorrere a comporlo. E per questo che le imprese all avanguardia hanno incominciato a capire che le migliori fonti di informazioni e di stimoli non sono coloro che fanno le strategie, bensì coloro che vivono sul mercato, che sono a contatto con la clientela e conoscono come si formano e si modificano tendenze e preferenze. Si tratta a ben vedere degli operatori di marketing che per indole tendono ad essere ben informati sulle vicende del mercato e hanno una abilità naturale per fare arbitraggi e interpolazioni di dati provenienti dai vari ambienti con cui entrano in contatto e si relazionano. Il nuovo marketing dell era della globalizzazione implica pertanto una più estesa partecipazione al processo decisionale e al flusso delle informazioni, con un decentramento verso il basso del potere di iniziativa, allo scopo di promuovere la condivisione della conoscenza e la velocizzazione del processo di sperimentazione e innovazione. Solo così un organizzazione di marketing può essere messa in grado di tenere il passo con un mercato in cui i consumatori sono molto sensibili al cambiamento delle preferenze e dei comportamenti, richiedono prodotti sempre meno costosi e risposte ai loro bisogni e desideri sempre più personalizzate. I migliori marketing manager hanno già capito che il loro lavoro consiste nel tracciare le grandi linee strategiche, nel consolidare la cultura aziendale, nel far muovere la macchina nella giusta direzione, lasciando ai propri collaboratori, a chi è più vicino alla clientela e ad un mercato sempre più volatile, la responsabilità delle decisioni day by day. Per operare questa sorta di «democratizzazione del processo di marketing» occorre che la cultura, i valori e la strategia di marketing diventino un patrimonio comune e condiviso, sì da consentire a ciascun soggetto di conoscere il contesto appropriato in cui collocare le sue attività e le sue decisioni. 6. Da quanto fin qui esposto ci sono quindi vari, pregnanti motivi per ritenere che la nuova Società Italiana di Marketing avrà modo di esprimere una propria vitalità se saprà portare avanti un progetto culturale di ampio respiro, quello che i tempi attuali impongono per il bene dell Università, delle Imprese e del Sistema Paese. 16 novembre 2004

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto

Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto Revenue Management: comprendere, anticipare e influenzare l acquisto 23 luglio 2010 Pubblicato su: Bookingblog.com Alcuni giorni fa

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

BALANCED SCORECARD. Premessa

BALANCED SCORECARD. Premessa BALANCED SCORECARD Premessa Il progresso tecnologico, la globalizzazione dei mercati, l avvento dei paesi emergenti hanno provocato turbolenze e mutamenti tali da poter affermare che la più grande sfida

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Il manager delle vendite 16.3.2006

Il manager delle vendite 16.3.2006 PROFILI PROFESSIONALI IN EVOLUZIONE Il manager delle vendite 16.3.2006 ATTI DEL CONVEGNO Dopo aver studiato l evoluzione del Profilo Professionale del Financial Controller nel 2004 e l anno successivo

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé

FINESTRE. Professione: MANAGER. Professione: MANAGER. Scenari, Metafore, Cura di sé Strettamente riservato Milano, 13 aprile 2012 Non c è vento a favore per chi non conosce il porto Professione: MANAGER Professione: MANAGER INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

CAPITOLO 5. Relazioni Interorganizzative

CAPITOLO 5. Relazioni Interorganizzative CAPITOLO 5 Relazioni Interorganizzative Agenda Le relazioni interorganizzative Modello interorganizzativo Dipendenza dalle risorse Network collaborativi Ecologia delle Popolazioni Istituzionalismo 2 Le

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Information summary: Il marketing

Information summary: Il marketing Information summary: Il marketing - Copia ad esclusivo uso personale dell acquirente - Olympos Group srl Vietata ogni riproduzione, distribuzione e/o diffusione sia totale che parziale in qualsiasi forma

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

V iviamo in una civiltà evoluta che, soprattutto

V iviamo in una civiltà evoluta che, soprattutto L uomo al centro V iviamo in una civiltà evoluta che, soprattutto nell ultimo secolo, ha fatto passi da gigante attraverso un progresso tecnologico senza precedenti. Una congiuntura in costante accelerazione,

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Assemblea dei Soci. Milano, 19 giugno 2013. Relazione del Presidente Fabio Rossello. Parte pubblica

Assemblea dei Soci. Milano, 19 giugno 2013. Relazione del Presidente Fabio Rossello. Parte pubblica Assemblea dei Soci Milano, 19 giugno 2013 Relazione del Presidente Fabio Rossello Parte pubblica Buongiorno a tutti e benvenuti alla 46sima assemblea. Ringrazio le Autorità, gli ospiti e le colleghe e

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Oltre la retorica del caffè

Oltre la retorica del caffè Oltre la retorica del caffè La Ricerca Azione: strumento strategico per progettare, intervenire e investire. a cura di excursus. spazio di formazione partecipata Indice Excursus La Ricerca Azione come

Dettagli

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015

Professione: MANAGER. Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Professione: MANAGER Laboratorio Negoziazione Edizioni - 2015 Perché un laboratorio sulla negoziazione? Molti sono i fenomeni socio-economici che mettono in evidenza come la negoziazione sia diventata

Dettagli

Per la gestione e lo sviluppo di una rete di vendita

Per la gestione e lo sviluppo di una rete di vendita Formazione professionale manageriale 1 Per la gestione e lo sviluppo di una rete di vendita Il ruolo del team manager Acquisire la consapevolezza delle relazioni (verso i suoi capi, verso i suoi collaboratori,

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area)

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) ABI SPIN 2006 SWIFT ITALY I fattori del cambiamento Regolamentazione e competizione I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) Antonio Finocchiaro Vice Direttore generale della Banca

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

32 EDIZIONE 2014-2015

32 EDIZIONE 2014-2015 32 EDIZIONE 2014-2015 Il prossimo ottobre prenderà il via la diciannovesima edizione del master per capi negozio supermercati. Oramai un classico dell offerta formativa di Scuola Coop Hanno già partecipato

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti)

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) Le piccole e medie imprese svolgono un ruolo molto importante nell economia italiana e ne costituiscono una ricchezza fondamentale. Spesso il rapporto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

SETTORI E AZIONI FORMATIVE

SETTORI E AZIONI FORMATIVE L'attuale scenario economico, caratterizzato dalla contrazione del credito e da una crisi globale del sistema bancario, ha contribuito a mettere in discussione molte delle certezze basilari relative all'economia

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI

PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI PRESENTAZIONE DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN: MANAGER ASSISTANT A.A. 2011/2012 INTERVENTO DEL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERMANAGERQUADRI VINCENZO ACQUAVIVA FEDERMANAGERQUADRI A SOSTEGNO DELLA

Dettagli

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE

LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI CORSI GRATUITI 2011 Piano Formativo LO SVILUPPO DEI DIRIGENTI: COMPETENZE PER LO SCENARIO ATTUALE (FDIR 3136) QUALE FORMAZIONE PER I DIRIGENTI NEL CONTESTO ATTUALE? E risaputo

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

V01. Marketing e Vendite

V01. Marketing e Vendite Marketing e Vendite V01 La gestione del coraggio: aumentare impegno e risultati della rete di vendita rompendo le regole Come garantire all azienda maggiori risultati commerciali agendo sui punti di forza

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Una sfida possibile. Insieme, per una nuova idea di futuro.

Una sfida possibile. Insieme, per una nuova idea di futuro. Una sfida possibile. Insieme, per una nuova idea di futuro. Campagna di raccolta fondi 2015-2020. C è un idea di futuro in cui riconoscersi? Investire nei giovani: la nostra idea di futuro. Vi chiediamo

Dettagli

L impresa Significante Il Manifesto

L impresa Significante Il Manifesto L impresa Significante Il Manifesto Tetraedro del valore SINGOLA IMPRESA Qual è la visione della tua impresa? SISTEMA D IMPRESE La Visione Il nuovo rinascimento è l impresa Qual è la Missione della tua

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

L'evoluzione orizzontale

L'evoluzione orizzontale L'evoluzione orizzontale Come gestire la Complessità Roma 23 febbraio 2013 Palazzo delle Esposizioni L e

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole SOMMARIO Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE Capitolo 1 Lo scenario di riferimento 1.1 Marketing e strategie: una sfida per il presente... 3 1.2 Marketing e comunicazione: le ragioni e le opportunità

Dettagli

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda LE TEMATICHE Il contesto competitivo Le competenze delle nuove imprese Gli obiettivi di sopravvivenza e di successo Come scegliere il personale Requisiti

Dettagli

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo Educa 2012: invito ai giovani GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo 1. Il nucleo tematico Il nostro tempo è adesso, qui e ora. Il progetto è qui e ora, il futuro è qui e ora, l orizzonte

Dettagli

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani di Fabrizio Trainito esperto di marketing Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani La gestione dei progetti, uno strumento per raggiungere i propri obiettivi Ciascuno

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro

Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro Temi in preparazione alla maturità Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro di Piero BERTOGLIO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a Istituto Professionale

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

Le sfide europee in tema di diritto della famiglia e dei minori

Le sfide europee in tema di diritto della famiglia e dei minori PONTIFICIA UNIVERSITA LATERANENSE Corso Superiore di Specializzazione Universitario Diritto e tutela dei minori CERIMONIA DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Roma 13 aprile 2011 Le sfide europee in tema di diritto

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Prefazione Introduzione

Prefazione Introduzione Indice Prefazione Introduzione capitolo 1 Nuove strategie nella gestione delle risorse umane 1 1. Nuove tendenze nelle strategie aziendali...1 1.1 L azienda si trasforma... 1 1.2 Nasce la knowledge economy...

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Paolo Manzelli ; pmanzelli@gmail.com ; http://www.egoceanet.it ; http://www.edscuola.it/lre.html Convegno CNU-2009 FIRENZE Abstract

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli