Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche"

Transcript

1 a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti. Parte del materiale presentato è tratto dai libri di testo consigliati, la cui consultazione è vivamente incoraggiata. 1 / 60

2 Successioni numeriche Si chiama successione numerica ogni funzione reale definita in un insieme del tipo {n N n n 0 }, con n 0 numero naturale. Esempio: la relazione f (x) = x 2, la relazione f (x) = x 2, x [0, + ), definisce una funzione; x N, definisce una successione. Parlando di successioni, solitamente denotiamo la variabile indipendente con n il valore che la successione assume in un numero naturale n con il simbolo a n (oppure b n, x n,... ), chiamato termine n-esimo della successione l immagine della successione con {a n } n N (oppure {a n }) Il grafico di una successione è costituito da infiniti punti isolati di coordinate (n, a n ), con n N, n n 0. 2 / 60

3 Esempi di successioni numeriche (1) a n = 1 n a_n n 1.2 (2) a n = n 1 n a_n n 3 / 60

4 1 (3) a n = ( 1)n n a_n n (4) a n = ( 1) n a_n n / 60

5 0 n (5) a n = n 2 a_n (6) a n = n! a_n n 5 / 60

6 Prolungamento di una successione Diciamo che una funzione f è un prolungamento della successione {a n } se f è definita nell intervallo [n 0, + ) e si ha f (n) = a n per ogni n n 0. Esempi La funzione f : [1, + ) R tale che f (x) = 1/x è il prolungamento naturale della successione a n = 1/n, ottenuto sostituendo la variabile discreta n con la variabile continua x a_n 0.6 f(x) n x La successione a n = ( 1) n non ammette prolungamento naturale (perché?) ma ammette prolungamento; per esempio, la funzione f : [1, + ) R tale che f (x) = cos(πx). 6 / 60

7 Successioni limitate Dato che ogni successione è una funzione, ha senso parlare di successioni limitate inferiormente limitate superiormente limitate nonché di estremo inferiore ed estremo superiore minimo e massimo di una successione. Esempio Stabilire per ognuna delle successioni (1) (6) se è limitata e determinarne estremo inferiore e superiore, precisando se sono minimo e massimo. 7 / 60

8 Successioni monotone Rileggendo la definizione di funzione monotona nel caso di una successione otteniamo, per esempio, che una successione è crescente se per ogni m, n interi, con m < n, si ha a m a n. In realtà, per verificare se una successione è monotona basta confrontare tra loro termini consecutivi. Precisamente, una successione {a n } è crescente se e solo se a n a n+1 per ogni n strettamente crescente se e solo se a n < a n+1 per ogni n decrescente se e solo se a n a n+1 per ogni n strettamente decrescente se e solo se a n > a n+1 per ogni n Esempio Studiare la monotonia delle successioni (1) (6). 8 / 60

9 Osservazioni Se una funzione prolungamento di una successione è monotona, anche la successione lo è. Vale il viceversa? Si potrebbe erroneamente pensare che la presenza del termine oscillante ( 1) n implichi mancanza di monotonia; non è detto che sia così. Esempio: a n = n + ( 1)n n. Verificare... Per farsi un idea dell andamento di una successione è utile esplicitarne i primi termini; tuttavia, ciò non è sufficiente a stabilire che la successione sia monotona. Esempio: a n = 10n n! Vedi pagina seguente 9 / 60

10 n 10 n 10 n n n! n! (I valori di 10 n n! sono arrotondati alla seconda cifra decimale.) 10 / 60

11 Proprietà vere definitivamente Diciamo che una proprietà P n è vera definitivamente se P n è vera per tutti gli n sufficientemente grandi, cioè se esiste ν N tale che la proprietà P n sia vera per ogni n ν. Esempi I termini della successione {n 5} sono definitivamente positivi. I termini della successione {( 1) n } non sono definitivamente positivi. I termini della successione { } {n 2 } sono definitivamente maggiori di n La successione è definitivamente decrescente. n! Osservazione Se le proprietà P n e P n sono entrambe vere definitivamente, allora anche la proprietà P n P n è vera definitivamente. Spiegare / 60

12 Successioni infinitesime Una successione {a n } di numeri positivi si dice infinitesima se per ogni ε > 0 la disuguaglianza a n < ε è vera definitivamente. Esplicitare... Esempi La successione costante a n 0 è infinitesima. Se p > 0, la successione a n = 1 n p è infinitesima. { } 3n + 1 La successione non è infinitesima. 2n Una successione {a n } di numeri qualsiasi si dice infinitesima se la successione { a n } è infinitesima. Esplicitare... Esempio La successione { } ( 1) n n 2 è infinitesima. 12 / 60

13 Successioni convergenti La successione {a n } si dice convergente se esiste a R tale che la successione {a n a} sia infinitesima. Esplicitare... In tal caso diciamo che {a n } converge ad a. Esempi La successione costante a n a converge ad a. { } n 1 La successione converge a 1. n Osservazione Una successione non può convergere a due numeri distinti. Verifica... Osservazione Ogni successione infinitesima è convergente. A quale numero? 13 / 60

14 Interpretazione grafica Esplicitiamo ulteriormente la definizione della pagina precedente: {a n } converge ad a se per ogni ε > 0 esiste ν ε N tale che la disuguaglianza a ε < a n < a + ε sia vera per ogni n ν ε. Da un punto di vista grafico, la disuguaglianza significa che il punto (n, a n ) si trova nella striscia orizzontale S a,ε delimitata dalle rette di equazione y = a ε e y = a + ε. Pertanto, la successione {a n } converge ad a se e solo se, per ogni ε > 0, il suo grafico è racchiuso nella striscia S a,ε, a partire da un certo punto in poi a_n a_n ε = 0.3 ν ε = 4 ε = 0.15 ν ε = n n 14 / 60

15 Successioni divergenti Si dice che la successione {a n } diverge positivamente se per ogni M > 0 la disuguaglianza a n > M è vera definitivamente. Si dice che la successione {a n } diverge negativamente se per ogni M > 0 la disuguaglianza a n < M è vera definitivamente. Interpretazione grafica? Esempi { } n + 1 La successione non diverge positivamente. n Se p > 0, la successione {n p } diverge positivamente. La successione { ln ( 1 n)} diverge negativamente. 15 / 60

16 Successioni regolari e loro limiti Una successione si dice regolare se è convergente oppure divergente. Una successione non regolare si dice irregolare o indeterminata. Se la successione {a n } è regolare, diciamo che {a n } ha limite e scriviamo a se {a n } è convergente e converge ad a lim a n = + se {a n } diverge positivamente n + se {a n } diverge negativamente si legge: limite per n che tende a più infinito di a n Notazione alternativa: a n l (si legge: a n tende a l) Osservazione Il limite di una successione regolare è un elemento di R. Precisare / 60

17 Esempio (da ricordare) Sia q R. La successione {q n } n N si chiama progressione geometrica di ragione q. (Per q = 0 si pone il primo termine uguale a 1.) Se q 1, la progressione geometrica è irregolare. Se q > 1, la progressione geometrica è regolare e si ha 0 se 1 < q < 1 lim n + qn = 1 se q = 1 + se q > 1 Verifica / 60

18 Proposizione (Limiti e limitatezza) Sia {a n } una successione regolare. {a n } converge = {a n } è limitata {a n } diverge positivamente = {a n } è illimitata superiormente {a n } diverge negativamente = {a n } è illimitata inferiormente Dimostrazione: immediata Osservazione Le implicazioni precedenti non possono essere invertite, in quanto esistono successioni limitate che non convergono, esistono successioni illimitate superiormente che non divergono positivamente, esistono successioni illimitate inferiormente che non divergono negativamente. Esempi? 18 / 60

19 Teorema (Regolarità delle successioni monotone) Ogni successione monotona è regolare. Precisamente: (1) {a n } crescente = lim n + a n = sup a n (2) {a n } decrescente = lim n + a n = inf a n Dimostrazione di (1)... Corollario del teorema RSM Supponiamo che la successione {a n } sia monotona. Allora: {a n } converge {a n } è limitata {a n } diverge {a n } è illimitata Confrontare con la proposizione di pagina / 60

20 Osservazioni La monotonia è una condizione sufficiente ma non necessaria affinché una successione sia regolare. Esempio? Se una successione è definitivamente monotona, essa è regolare; non è detto però che il limite coincida con l estremo superiore [inferiore] se la successione è definitivamente crescente [decrescente]. Il teorema RSM e il suo corollario dipendono dalla proprietà dell estremo superiore e non valgono in Q. In particolare, non è detto che una successione monotona e limitata di numeri razionali abbia limite razionale. Esempi (vedere anche pagina 32) x 1 = 0.1 x 2 = x 3 = x 4 = ( lim ) n =: e n + n numero di Nepero 20 / 60

21 Limiti e operazioni algebriche Teorema (Operazioni con successioni convergenti) Supponiamo a n a R e b n b R. Allora: a n + b n a + b regola della somma a n b n a b regola della differenza λ a n λ a (λ R) regola del multiplo a n b n a b regola del prodotto 1 a n 1 a a n b n a b (a 0) regola del reciproco (b 0) regola del rapporto Dimostrazione della regola della somma e del prodotto / 60

22 Esempi Verificare che le seguenti successioni sono convergenti e determinarne i rispettivi limiti. a n = b n = ( ) n 1 n 4 n ( ) n n n c n = 3 n + 2n 3 n 22 / 60

23 Proposizione (Reciproco di una successione infinitesima) Sia {a n } una successione infinitesima. Allora: {a n } ha segno costante (definitivamente) {a n } non ha segno costante (definitivamente) Verifica... = = { 1 } diverge, a n positivamente o negativamente a seconda del segno di a n { 1 } non ha limite a n Esempi / 60

24 Teorema (Operazioni con successioni divergenti) Siano {a n } e {b n } successioni divergenti. Se le due successioni divergono con lo stesso segno, la successione somma {a n + b n } diverge con lo stesso segno. E la differenza? Se λ 0, la successione multiplo {λ a n } diverge, con lo stesso segno di {a n } se λ > 0, con segno opposto se λ < 0. La successione prodotto {a n b n } diverge, positivamente se le due successioni divergono con lo stesso segno, negativamente se le due successioni divergono con segni opposti. { 1 } La successione reciproco è infinitesima. E il rapporto? a n Verifica... Esempi Calcolare i limiti di {n n }, {n 3 2 n }, { 4n 3 }, { 1 } n n 24 / 60

25 Limiti e relazione d ordine Teorema (Permanenza del segno) Sia {a n } una successione, sia a R e si supponga a n a. (1) a > 0 = a n > 0 definitivamente a < 0 = a n < 0 definitivamente (2) a n 0 definitivamente = a 0 a n 0 definitivamente = a 0 Dimostrazione... Osservazioni Le implicazioni in (1) valgono anche se a = + e a =, rispettivamente. Le conclusioni in (2) sono le stesse anche se si suppone definitivamente a n > 0 e a n < 0, rispettivamente. Esempio? 25 / 60

26 Esercizio Dimostrare la seguente generalizzazione del teorema PS-(2): Siano {a n } e {b n } due successioni e siano a, b R. Allora: a n a b n b = a b. a n b n definitivamente Suggerimento: applicare il teorema PS e la regola della differenza alla successione c n := a n b n. 26 / 60

27 Teorema (Confronto, o convergenza obbligata, o dei Carabinieri) Siano {a n }, {b n }, {c n } tre successioni tali che a n b n c n definitivamente, {a n } e {c n } convergono a uno stesso limite a. Allora: anche {b n } converge ad a. Dimostrazione... Esempi Calcolare il limite delle successioni sin(n), n 3 + ( 1) n n 2, 2 ( 1)n n 2 n 3 Generalizzando: {a n } limitata, {b n } infinitesima = {a n b n } infinitesima { an } {a n } limitata, {b n } divergente = infinitesima b n Perché? 27 / 60

28 Teorema (Divergenza obbligata) Siano {a n } e {b n } successioni tali che a n b n definitivamente. Allora: {a n } diverge positivamente = {b n } diverge positivamente, {b n } diverge negativamente = {a n } diverge negativamente. Dimostrazione: immediata Esempi Calcolare il limite delle successioni n 3 + sin(n), ( 1) n n 4, (n 2 4) (2 + ( 1)n n ), 2n 3 5 cos(n) n Generalizzando: {a n } divergente, {b n } limitata = {a n ± b n } divergente {a n } divergente, {b n } convergente e non infinitesima = {a n b n }, {a n /b n } divergenti Perché? 28 / 60

29 Esempi Calcolare il limite delle successioni (n 3 + n)(2 + cos(n)), 2n 3 5 sin(n) 3 Generalizzando: {a n } divergente, {b n } lontana da 0 = {a n b n }, {a n /b n } divergenti Perché? Esempio Calcolare il limite della successione 2n3 + n 2 5 sin(n) 2 Generalizzando: {a n } divergente {b n } infinitesima con segno costante Perché? n 2 = { an b n } divergente 29 / 60

30 Forme di indecisione Né le regole algebriche né le loro generalizzazioni permettono di determinare a priori il limite nei seguenti casi, che chiamiamo forme di indecisione: differenza di successioni che divergono con lo stesso segno (forma + ) prodotto di una successione infinitesima per una divergente (forma 0 ) rapporto di due successioni divergenti (forma / ) rapporto di due successioni infinitesime (forma 0/0) Le forme di indecisione vengono in genere risolte manipolando algebricamente le espressioni assegnate per ricondursi a successioni alle quali sia possibile applicare le regole algebriche e le loro generalizzazioni. 30 / 60

31 Esempi Per ciascuno dei seguenti limiti, individuare e risolvere la forma di indecisione: ( lim 3n 4 2n 3 n ) arctan(n) ( lim n + n + n 4 n ) n (2n + 1)(n + 2) lim n + 3n 2 + 3n ( ) lim n + 1 n n + lim n + arctan(n) (n 4 n ) + 1 n n n lim n + n! + 3 n??? 31 / 60

32 Successioni definite per ricorrenza (1) Verificare che la successione {a n } definita ponendo a 1 = 1 a n+1 = a n + 1 a 2 n è strettamente crescente e diverge positivamente. (2) Verificare che la successione {a n } definita ponendo a 1 = 2 a n+1 = a n a n è limitata e strettamente decrescente. Determinarne il limite. 32 / 60

33 Serie numeriche Sia {a n } n N una successione di numeri reali. Definiamo la somma parziale (o ridotta) n-esima ponendo S 0 := a 0 S 1 := a 0 + a 1. S n := a 0 + a a n (= n a k ). k=0 In alternativa, per ricorrenza: S 0 := a 0 S n := S n 1 + a n n 1 La successione {S n } si chiama serie di termine a n. Nota Se la successione {a n } è definita solo per n n 0, conveniamo di porre a n = 0 per n < n 0. Ne segue che in quanto diremo non sarà restrittivo supporre che la successione {a n } sia sempre definita per ogni n N. 33 / 60

34 Per definizione, la serie di termine a n non è altro che la successione delle somme parziali S n costruite a partire da a n. Pertanto, la locuzione convergente divergente positivamente la serie di termine a n è divergente negativamente regolare indeterminata equivale alla locuzione convergente la successione delle divergente positivamente somme parziali S n è divergente negativamente costruite a partire da a n regolare indeterminata Se la serie è regolare, il limite della successione {S n } prende il nome di somma della serie e si denota con il simbolo + n=0 a n. Motivazione? 34 / 60

35 Terminologia e osservazioni generali Studiare il carattere di una serie significa stabilire se essa converge, diverge o è indeterminata. Se a n = b n definitivamente, le serie di termine a n e b n hanno lo stesso carattere. Tuttavia, se entrambe convergono, in genere le rispettive somme non sono uguali. Nella pratica si usano i simboli + a n, n=0 per denotare la serie di termine a n, indipendentemente dal fatto che essa sia regolare o no. n a n 35 / 60

36 !!! Attenzione a non confondere la convergenza della serie di termine a n con la convergenza della successione {a n }, la somma della serie con il limite della successione {a n }. Le due nozioni sono legate tramite la seguente Proposizione (Condizione necessaria per la convergenza di una serie) Se la serie di termine a n converge, allora la successione {a n } è infinitesima; l implicazione contraria è falsa. (In altre parole: la condizione a n 0 è necessaria ma non sufficiente per la convergenza della serie di termine a n.) Verifica... Esempi Le serie di termine ( 1) n e n 1 non convergono. n La serie di termine 1 potrebbe convergere; per stabilire se converge n oppure no, occorre indagare ulteriormente. 36 / 60

37 Serie telescopiche Una serie si dice telescopica se il suo termine può essere scritto nella forma a n = b n b n+1, oppure a n = b n+1 b n. In entrambi i casi, la somma parziale n-esima si ottiene facilmente: S n = (b 0 b 1 ) + (b 1 b 2 ) (b n b n+1 ) = b 0 b n+1, oppure S n = (b 1 b 0 ) + (b 2 b 1 ) (b n+1 b n ) = b n+1 b 0. Esempi La serie di termine a n = 1, detta serie di Mengoli, converge e n(n + 1) ha somma uguale a 1. ( La serie di termine a n = ln ) diverge positivamente. n Cf. la proposizione di pagina / 60

38 La serie geometrica Sia q R. Si chiama serie geometrica di ragione q la serie di termine a n = q n, con n 0. (Per q = 0 si pone il primo termine uguale a 1.) Proposizione La serie geometrica di ragione q è indeterminata per q 1; diverge positivamente per q 1; converge per 1 < q < 1 e la sua somma è q ( 1, 1) = Verifica... + n=0 q n = 1 1 q. 1 ; in simboli: 1 q Esempi: studiare il carattere delle serie n ( 1) n ( 3) n n=0 n=1 n=0 4 n + n=2 ( 3) n 4 n 38 / 60

39 Operazioni con le serie Dai teoremi sulle operazioni algebriche per successioni si deducono le seguenti proprietà: Somma di serie Se la serie di termine a n converge e ha somma A e la serie di termine b n converge e ha somma B, la serie di termine a n + b n converge e ha somma A + B. Se la serie di termine a n diverge positivamente e la serie di termine b n converge o diverge positivamente, la serie di termine a n + b n diverge positivamente. Multiplo di serie Se la serie di termine a n converge e ha somma A e λ è una costante, la serie di termine λ a n converge e ha somma λ A. Se la serie di termine a n diverge e λ 0 è una costante, la serie di termine λ a n diverge, positivamente o negativamente a seconda del modo in cui la serie di termine a n diverge e del segno di λ. 39 / 60

40 Esempi La serie La serie La serie + n=1 + n=1 + n=1 ( ( ln ) ) + 2 n n ( ( ) 1 n(n + 1) 3n+1 2 n ) 1 n(n + 1) + 2n 3 n+1 diverge positivamente. diverge negativamente. converge e ha somma 5 3. Nota Sotto opportune condizioni, si può definire il prodotto di due serie (che non è la serie di termine a n b n ); non ce ne occuperemo. 40 / 60

41 Cosa sono i criteri di convergenza e a che servono? Siano S n := n k=1 1 k e T n := n k=1 1 k 2. La seguente tabella mostra i valori (troncati e arrotondati alla quinta cifra decimale) di S n e T n per alcuni valori di n: n S n T n Si intuisce che le serie di termini n e 1 hanno caratteri diversi; n2 per verificarlo attraverso la definizione, occorre determinare l espressione esplicita di S n e T n. Ma come si fa? 41 / 60

42 Problema generale: se non si riesce a scrivere esplicitamente la somma parziale n-esima costruita a partire da una successione a n, non si può applicare la definizione di serie convergente, divergente, indeterminata per stabilire il carattere della serie di termine a n ; ammesso che la serie sia convergente, non è possibile determinarne la somma. Soluzione: si stabilisce il carattere della serie attraverso un argomento indiretto ( criterio ); stabilito che la serie è convergente, si calcola un valore approssimato della somma (mediante una stima del resto ). 42 / 60

43 Resto n-esimo di una serie Supponiamo che la serie di termine a n converga. Siano S n e S, rispettivamente, la somma parziale n-esima e la somma della serie. Definiamo il resto n-esimo: R n := S S n ( = an+1 + a n ) Esso rappresenta l errore che si commette sostituendo alla somma S la somma parziale S n. Osservazione Il resto n-esimo di una serie convergente tende a 0 per n. Esempio Sia q < 1. Il resto n-esimo della serie geometrica di ragione q è + n R n := q n q k = 1 1 q 1 qn+1 = qn+1 1 q 1 q. n=0 k=0 43 / 60

44 Stima del resto n-esimo In generale non siamo in grado di scrivere esplicitamente il resto n-esimo di una serie convergente. In alcuni casi riusciamo però a stimarlo in termini di una quantità nota; ciò è sufficiente ad approssimare la somma della serie convergente commettendo un errore controllato. Precisamente: se per un certo intero N si ha R N α, allora S S N α, ossia S N α S S N + α. Dato che S N è esplicitamente calcolabile, ( ) fornisce un intervallo al quale la somma S, incognita, appartiene. Se riusciamo a stabilire in qualche modo che S N approssima S per difetto [per eccesso], otteniamo una approssimazione migliore di S, cioè un intervallo di ampiezza minore al quale S appartiene: S N S S N + α [S N α S S N ] ( ) 44 / 60

45 Serie a termini positivi La serie di termine a n si dice a termini positivi se a n 0 per ogni n; si dice a termini strettamente positivi se a n > 0 per ogni n. Esempi? Osservazione Sia S n la somma parziale n-esima costruita a partire da una successione a n 0. Risulta: S n = S n 1 + a n S n 1, cioè la successione delle somme parziali {S n } è monotona crescente. Conseguenze: una serie a termini positivi può solo convergere oppure divergere positivamente; (teorema RSM) se la serie converge, la somma parziale S n approssima per difetto la somma S e il resto R n è positivo. 45 / 60

46 Proposizione La serie (a termini positivi) + n=1 1 n p ( ) converge se e solo se p > 1; in tal caso si ha 1 0 R n (p 1)n p 1. Lo dimostreremo in seguito, nel capitolo sul calcolo integrale. Per p = 1 la serie ( ) si chiama serie armonica; per p 1 si chiama serie armonica generalizzata di esponente p. 46 / 60

47 Esercizio Per ciascuna delle seguenti serie, stabilire se essa converge. In caso affermativo, scrivere una maggiorazione del resto n-esimo e utilizzarla per determinare un intero N tale che approssimando la somma della serie con la somma parziale S N si commetta un errore inferiore a (a) + n=1 1 n (c) + n=1 1 n 2 n (b) + n=1 1 n n (d) + n=1 1 n 5 47 / 60

48 Soluzione dell esercizio precedente p carattere stima del resto minimo N S N della serie e condizione per cui vale da imporre la condizione 1 diverge 3/2 converge R n 2 n 1/2 < N = S /2 converge R n 2 3n 3/2 < N = 17 S converge R n 1 4n 4 < N = 3 S / 60

49 Confronto tra gli esercizi (c) e (d): velocità di convergenza 1 n 5/2 1 n 5 n S n stima di R n S n stima di R n / 60

50 Teorema (Criterio del confronto) Siano {a n } e {b n } due successioni tali che 0 a n b n per ogni n ν. Vedremo anche il criterio del confronto asintotico Se la serie di termine b n converge, anche la serie di termine a n converge e si ha + + a n b n ; n=ν n=ν inoltre, detti R n e R n il resto n-esimo della serie di termine a n e b n, rispettivamente, risulta 0 R n R n. Se la serie di termine a n diverge, anche la serie di termine b n diverge. 50 / 60

51 Esempi Stabilire se la serie assegnata converge. In caso affermativo, scrivere una maggiorazione per il resto n-esimo e utilizzarla per calcolare un valore approssimato della somma della serie con un errore inferiore a (a) + n=1 n + ln(n) 2 n n (d) + n=1 ( ) 1 n sin n 4 sin(t) t per ogni t R (b) + n=1 n n (e) + n=1 3 n 2 n n (c) + n=1 n sin(n) 2 5n (f) + n=1 2 n 5 n / 60

52 Digressione: serie numeriche e rappresentazione decimale Ricordiamo che un numero decimale è un espressione della forma ± c 0. c 1 c 2 c 3... ( ) dove c 0 è un intero naturale e c 1, c 2,... {0, 1, 2,..., 8, 9}. Se il numero decimale è infinito, ( ) va intesa come ( ± c 0 + c c c ) ; l espressione tra parentesi è la somma della serie numerica di termine a n := c n 10 n. Questa serie converge? Se il numero decimale è periodico, la somma è un numero razionale? Quale? Verifichiamo (e saldiamo un debito in sospeso, vedi L insieme dei numeri reali ) / 60

53 Serie a segni alterni Teorema (Criterio di Leibniz) Supponiamo che la serie di termine a n sia a segni alterni, cioè che con b n 0. a n = ( 1) n b n, oppure a n = ( 1) n 1 b n = ( 1) n+1 b n, Se la successione {b n } è decrescente e infinitesima, allora la serie di termine a n è convergente. Inoltre, detto R n il resto n-esimo della serie, si ha Idea della dimostrazione... R n b n / 60

54 Esempio (da ricordare!) La serie armonica alternata + ( 1) n 1 1 n = converge. n=1 Esempio Stabilire in base al criterio di Leibniz che la serie + ( 1) n+1 2 n + 1 n=0 converge. Scrivere una maggiorazione per il resto n-esimo e utilizzarla per determinare un intero N tale che la somma parziale S N approssimi la somma S a meno di Stabilire se S N è una approssimazione per eccesso o per difetto di S. Scrivere un intervallo al quale S appartiene. 54 / 60

55 Osservazioni sulle ipotesi del criterio di Leibniz Se le ipotesi b n 0 e b n+1 b n sono soddisfatte definitivamente, ossia per n ν, si può ancora concludere che la serie di termine ( 1) n b n converge. Inoltre, la stima del resto è valida per n ν. Se i termini b n non sono (definitivamente) positivi, oppure la successione {b n } non è (definitivamente) decrescente, il criterio non è applicabile e la serie va studiata con altri strumenti. Se {b n } non è infinitesima, neppure {a n } lo è (perché?) e quindi si può concludere che la serie di termine a n non converge. Per provare la monotonia di {b n } non basta guardare i primi termini! Possibili strategie: ricorrere alla definizione, cioè verificare che la disuguaglianza b n+1 b n è vera (definitivamente), oppure applicare il test di monotonia a una funzione prolungamento di {b n }. lo vedremo in seguito 55 / 60

56 Convergenza assoluta Si dice che la serie di termine a n converge assolutamente se la serie di termine a n converge. Osservazione Per le serie a termini di segno costante la nozione di convergenza assoluta coincide con quella di convergenza. Teorema (Legame tra convergenza e convergenza assoluta) Se la serie di termine a n è convergente, anche la serie di termine a n lo è e si ha + + disuguaglianza triangolare a n a n con infiniti addendi n=0 n=0 Il viceversa non è vero, cioè esistono serie che convergono ma non convergono assolutamente. Esse si chiamano condizionalmente convergenti. Dimostrazione / 60

57 Esempi Stabilire se le serie assegnate sono assolutamente convergenti, condizionalmente convergenti, non convergenti. + n=1 sin(n) n n=1 ( 1) n 1 n Osservazione Per studiare la assoluta convergenza della serie di termine a n possiamo applicare alla serie di termine a n i criteri per le serie a termini positivi (del confronto, già visto; del confronto asintotico e dell integrale, che vedremo). Se, in base a questi criteri, la serie di termine a n non converge, la serie di termine a n potrebbe convergere o meno; ciò va stabilito caso per caso tramite opportune considerazioni. In alcuni casi il carattere della serie può essere determinato tramite il criterio del rapporto. Vedere pagina seguente / 60

58 Teorema (Criterio del rapporto) Sia a n 0 definitivamente e supponiamo che esista (finito o infinito) a n+1 lim =: L. n + a n Se L [0, 1), la serie di termine a n converge assolutamente. Se L (1, + ) {+ }, la serie di termine a n non converge. Dimostrazione... Esempio Studiare la convergenza delle serie + n=1 ( 2) n 3 n + n + n=1 ( 3) n 2 n + n 58 / 60

59 Osservazione Il criterio del rapporto può ovviamente essere applicato anche alle serie a termini positivi. In questo caso, le conclusioni diventano: se L [0, 1), la serie di termine a n converge; se L (1, + ) {+ }, la serie di termine a n diverge positivamente. Esempio: studiare la convergenza delle serie + n=1 2 n e n n + n=1 2 n n 2 + n Osservazione (Caso di indecisione nel criterio del rapporto) Se nel criterio del rapporto è L = 1, non si può concludere nulla sul carattere della serie. Per esempio, per la serie armonica generalizzata 1 si ha L = 1 np indipendentemente da p ; tuttavia, per alcuni valori di p essa converge e per altri diverge. 59 / 60

60 Un criterio per determinare se una successione è infinitesima Corollario del criterio del rapporto Sia {a n } una successione tale che a n 0 definitivamente. Se a n+1 lim < 1, n + a n allora la successione {a n } è infinitesima. Esempi (da ricordare) Le seguenti successioni sono infinitesime: { n p } { a n } a n (p R, a > 1) n! { n p a n} { n p } (p R, a < 1) n! (a R) (p R) { n! n n } Risolviamo la forma di indecisione in sospeso di pagina / 60

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche

Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Corso di Analisi Matematica Serie numeriche Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 25 1 Definizione e primi esempi 2 Serie a

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica.

8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica. 8. Serie numeriche Assegnata la successione di numeri complessi {a 1, a 2, a 3,...} si considera con il nome di serie numerica la nuova successione {s n } definita come s 1 = a 1, s 2 = a 1 + a 2, s 3

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente: Klaus Engel. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 Appunti di Analisi Matematica Docente: Klaus Engel Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria A.A. / http://univaq.it/~engel ( = %7E) (Versione del 4 dicembre ) Note scritte in collaborazione

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Una funzione reale di una variabile reale f di dominio A è una legge che ad ogni x A associa un numero reale che denotiamo con f(x). Se A = N, la f è detta successione di numeri reali.

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

Capitolo 2. Serie Numeriche

Capitolo 2. Serie Numeriche Capitolo 2 Serie Numeriche Iniziamo ricordando la nozione di successione e le operazioni definibili tra successioni. Questo permetterà di poter definire, con una certa semplicità la nozione di somma infinita

Dettagli

Limiti di Successione

Limiti di Successione Nicola Rossi Limiti di Successione Argomento di Portfolio IX Ciclo SSIS, Classe A049, Indirizzo F.I.M. A.A. 2008/2009 2 Introduzione Il concetto di limite è senza dubbio uno dei più importanti di tutta

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in [0, + ) ]0, + ) ]0, 1[ Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in ]0, + ).

Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in [0, + ) ]0, + ) ]0, 1[ Criterio del rapporto. Sia n a n una successione in ]0, + ). Criterio del rapporto. Si una successione in IR [0, + ) ]0, + ) ]0, [ Criterio del rapporto. Si una successione in ]0, + ). Se esiste k [0, ] ]0, [ [0, [ ]0, ] Criterio del rapporto. Si una successione

Dettagli

Analisi Matematica 3 appunti

Analisi Matematica 3 appunti Corso di Laurea in Statistica Matematica e trattamento Informatico dei Dati Analisi Matematica 3 appunti Francesca Astengo Università di Genova, A.A. 20/202 Indice Capitolo. Serie numeriche. Brevi richiami

Dettagli

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili.

16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. 16. Vari modi di convergenza delle successioni di funzioni reali misurabili. L argomento centrale di questa ultima parte del corso è lo studio in generale della convergenza delle successioni negli spazi

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013

Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 Esame di Analisi Matematica prova scritta del 23 settembre 2013 1. Determinare dominio, limiti significativi, intervalli di monotonia della funzione f (x) = (2x + 3) 2 e x/2 e tracciarne il grafico. In

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana A volte i fenomeni economici che ci interessano non variano con continuitá oppure non possono essere osservati con continuitá, ma solo a intervalli

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Analysis for Brixen. Corso Estivo A.A. 2011/12. Paolo Guiotto

Analysis for Brixen. Corso Estivo A.A. 2011/12. Paolo Guiotto Analysis for Brien Corso Estivo A.A. 0/ Paolo Guiotto Avvertenze Questa avvertenze sono rivolte direttamente all allievo/a, con la speranza di fornirgli/le qualche utile indicazione per un utilizzo proficuo

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Successioni e serie di funzioni

Successioni e serie di funzioni Successioni e serie di funzioni A. Albanese, A. Leaci, D. Pallara In questa dispensa generalizzeremo la trattazione delle successioni e delle serie al caso in cui i termini delle stesse siano non numeri

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE Prof Lonzi Marco Dispense per il Corso di ANALISI MATEMATICA SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE AA 2015/16 1 SUCCESSIONI Dicesi Successione a valori reali ogni funzione 0À Ä, avente cioè per dominio l'insieme

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale

Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Limiti e continuità delle funzioni reali a variabile reale Roberto Boggiani Versione 4.0 9 dicembre 2003 1 Esempi che inducono al concetto di ite Per introdurre il concetto di ite consideriamo i seguenti

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA:

COGNOME e NOME: FIRMA: MATRICOLA: Anno Accademico 04/ 05 Corsi di Analisi Matematica I Proff. A. Villani, R. Cirmi e F. Faraci) Prova d Esame del giorno 6 febbraio 05 Prima prova scritta compito A) Non sono consentiti formulari, appunti,

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino

Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino Esami d Analisi Matematica 1 Filippo De Mari e Marina Venturino Indice Parte 1. ANNO ACCADEMICO 1999-000 5 1. Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 5 Parte. ANNO ACCADEMICO 001-00 15 1. Corso di Studi

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

I PROBLEMI ALGEBRICI

I PROBLEMI ALGEBRICI I PROBLEMI ALGEBRICI La risoluzione di problemi è una delle attività fondamentali della matematica. Una grande quantità di problemi è risolubile mediante un modello algebrico costituito da equazioni e

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Corso di Analisi Numerica

Corso di Analisi Numerica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Analisi Numerica 8 - METODI ITERATIVI PER I SISTEMI LINEARI Lucio Demeio Dipartimento di Scienze Matematiche 1 Norme e distanze 2 3 4 Norme e distanze

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

Funzioni periodiche. Una funzione si dice periodica di periodo T se T > 0 è il più piccolo numero reale positivo tale che

Funzioni periodiche. Una funzione si dice periodica di periodo T se T > 0 è il più piccolo numero reale positivo tale che Funzioni periodiche Una funzione si dice periodica di periodo T se T > 0 è il più piccolo numero reale positivo tale che -T T In ogni intervallo di ampiezza pari a T il grafico di tale funzione si ripete.

Dettagli

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m =

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m = Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo Se f() è asintotica a m+q allora abbiamo f() m q = o(1), da cui (dividendo per ) m = f() q + 1 f() o(1) = + o(1), mentre q = f() m = o(1). Dunque si ha

Dettagli

Alcune note sulle serie di potenze 1

Alcune note sulle serie di potenze 1 Alcune note sulle serie di potenze Contents G. Falqui Preliminari 2 Serie di potenze 3 3 Rappresentazione di funzioni mediante serie di potenze 7 3. Esempi notevoli........................... 9 3.2 Formula

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE

PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE PROGRESSIONI ARITMETCHE E GEOMETRICHE Prof. Domenico RUGGIERO In questa trattazione, esponiamo i pricipali concetti ed applicazioni di particolari successioni meglio note come progressioni (aritmetiche

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie

1. Distribuzioni campionarie Università degli Studi di Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale - a.a. 2012/2013 lezioni di statistica del 3 e 6 giugno 2013 - di Massimo Cristallo - 1. Distribuzioni campionarie

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere)

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere) Che cos è una funzione? Assegnati due insiemi X e Y si ha una funzione elemento di X uno e un solo elemento di Y. f : X Y se esiste una corrispondenza che associa ad ogni Osservazioni: l insieme X è detto

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Appunti di matematica generale CTF. Alessandro Gambini Federica Ferretti

Appunti di matematica generale CTF. Alessandro Gambini Federica Ferretti Appunti di matematica generale CTF Alessandro Gambini Federica Ferretti 2 dicembre 2015 Indice 1 Concetti di base e insiemi numerici 1 1.1 Insiemi, relazioni e funzioni..................... 1 Simbologia..............................

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Alcuni complementi sulle successioni

Alcuni complementi sulle successioni Alcuni complementi sulle successioni 1 (Teorema del confronto) Siano {a n } e {b n } due successioni regolari tali che si abbia a n b n n N. (1) Allora: a n b n. (2) Dim. Sia L = a n ed L = b n. Se L =

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli