SMM: il team di C.Lab per la Provincia di Potenza #WeResilient: strategia per la comunicazione digitale... 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SMM: il team di C.Lab per la Provincia di Potenza... 6. #WeResilient: strategia per la comunicazione digitale... 7"

Transcript

1 #WeResilient Gestione comunicazione on line del meeting internazionale della Provincia di Potenza sul tema della resilienza integrale, Gennaio 2015 Il presente Report fornisce sia il resoconto della attività di social media management svolto per la Provincia di Potenza, sia le prospettive per garantirne la opportuna continuità. La attività di gestione degli account ufficiali sui social network della Provincia di Potenza dedicati al Meeting internazionale Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall'esperienza nella Provincia di Potenza, che si è svolto dal 25 al 27 Gennaio 2015, è stato realizzato dalla società CLab s.a.s. di Michele Cignarale, con un team specializzato, dal giorno 16 Gennaio al giorno 27 Gennaio 2015.

2 SOMMARIO Il Meeting Internazionale della Provincia di Potenza, oggetto del SMM di C.Lab... 2 SMM: il team di C.Lab per la Provincia di Potenza... 6 #WeResilient: strategia per la comunicazione digitale... 7 Monitoraggio dell attività di SMM Analisi netnografica

3 La Provincia di Potenza ha affidato per nr. 11 giorni lavorativi, dal 16 al 27 Gennaio 2015, il SMM a C.Lab specificatamente per la comunicazione digitale da realizzarsi in merito al meeting internazionale sul tema INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE. Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall Esperienza nella Provincia di Potenza. Sono state fornite a C.Lab credenziali per l accesso e la gestione di nr. 2 account: a. Pagina Facebook denominata Provincia Potenza Network Comuni Resilienti ; b. Account Twitter Alla data dell affidamento (16/1/2015): - Entrambi gli account risultavano esistenti. - Il primo registrava nr. 380 like. - Il secondo registrava nr. 40 followers. IL MEETING INTERNAZIONALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA, OGGETTO DEL SMM DI C.LAB Meeting Internazionale della Provincia di Potenza, oggetto del SMM di C.Lab Tema Focus Date INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE. Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall Esperienza nella Provincia di Potenza. La Provincia di Potenza ha recentemente aderito alla Campagna UNISDR "Making Cities Resilient - Rendere le Città Resilienti" - con la creazione di un Network "Provincia di Potenza Comuni, iniziativa che ha ottenuto un ampio riconoscimento internazionale dalle stesse Nazioni Unite, che hanno riconosciuto la valenza della strategicità delle azioni messe in campo e degli obiettivi prefissati, riconoscendo come best practice a livello mondiale l'adesione dei 100 Comuni della Provincia Gennaio

4 Partecipanti Margareta Wahlström, SRSG dell UNISDR 100 Sindaci dei comuni che hanno aderito al programma ONU guidato dalla Provincia di Potenza. Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale Franco Gabrielli. Autorità locali e di diverse delegazioni ufficiali provenienti da altre Province italiane e da Romania, Francia, Spagna, Slovenia, Bosnia- Herzegovina, Montenegro e Grecia. Obiettivi Stabilire una strategia condivisa e partecipata di un modello di rete che includa tutti gli stakeholders, istituzioni, comunità locali e cittadini, e che realizzi azioni concrete atte a potenziare i 10 requisiti chiave individuati dall Onu nella campagna Rendere le Città Resilienti a livello locale Rafforzare azioni e dialogo interistituzionale su DRR /DRM, CCA e Sviluppo Sostenibile Condividere conoscenze e incoraggiare nuove partnership/reti Prospettive Creare le condizioni per diffondere la cultura della consapevolezza rispetto alla dimensione del rischio e aumentare, con azioni concrete e partecipate, il livello di sicurezza del territorio. Diffondere la cultura della consapevolezza del "rischio" e aumentare, con azioni concrete e partecipate, il livello di sicurezza del territorio. La rete costituita con i Sindaci, le Istituzioni e le Comunità, con approccio "multi- stakeholders", vuole essere solo punto di partenza per l'implementazione di attività future da realizzare attraverso un costante e continuo dialogo. Proseguire il percorso che la Provincia di Potenza ha intrapreso nel 2004, segnando una tappa essenziale del viaggio verso Sendai (Giappone), dove si svolgerà il meeting internazionale dell ONU dal 14 al 16 Marzo

5 Programma del Meeting Giorno Ora Luogo e Attività Domenica 25/ Sala Consiliare della Provincia di Potenza. Incontri bilaterali riservati fra le varie istituzioni e personalità chiamate a partecipare ai lavori dei giorni seguenti. Lunedì 26/01 8:30 13:00 Potenza. Auditorium del Conservatorio Gesualdo da Venosa" Apertura dei lavori e Saluti delle competenti Autorità Locali, Regionali e Nazionali. Breve presentazione delle attività della Campagna UNISDR Making Cities Resilient (Provincia di Potenza e Rete dei Comuni). La strategia della Provincia di Potenza: dalla DRM/DRR alla Resilienza. Relazione del SRSG dell UNISDR Margareta Wahlström. Brevi interventi dei rappresentanti dei Gruppi di Interesse e delle Istituzioni/Autorità Locali selezionate. Dibattito. Cerimonia di sottoscrizione delle adesioni alla Campagna UNISDR Rendere le Città Resilienti da parte dei Sindaci dei 100 Comuni. 15:00 17:30 Potenza. Museo Provinciale in Via Lazio. Workshop in sessioni parallele: L integrazione delle politiche di Riduzione dei Rischi (DRR), di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (CCA) e di Sviluppo Sostenibile nei modelli di governance dell uso del suolo: dalla pianificazione di area vasta alla riqualificazione urbana. Il Sistema Regionale di Protezione Civile e le Organizzazioni di Volontariato nella Gestione delle Emergenze (DRM). Le esperienze interregionali e le buone pratiche nella Gestione 4

6 delle emergenze, nella mitigazione dei rischi derivanti dal Cambiamento Climatico e nella resilienza: II OPEN DAY del progetto REMIDA (smart Energy chains and communities in the med Area). 17:45 19:00 Potenza. Museo Provinciale in Via Lazio. Sessione Plenaria: Brevi comunicazioni delle istituzioni e delegazioni straniere rilevanti. Considerazioni conclusive: sintesi degli output dei workshop, nuove prospettive, opportunità di cooperazione e progetti nell implementazione della Resilienza. Martedì 27/01 9:00 13:00 Potenza. Sala del Consiglio Provinciale in Piazza Mario Pagano. 5 REMIDA Project Steering Committee (riservato ai partner del Progetto REMIDA). In data 22 Gennaio 2015, la Provincia di Potenza ha comunicato a C.Lab la modifica intercorsa al programma, dovuta alla impossibilità del SRSG dell UNISDR, Margareta Wahlström, di partecipare ai lavori il giorno 26 Gennaio La modifica è consistita nell allungamento del programma da nr. 2 a nr. 3 giornate, ossia dalla domenica 25 al martedì 27 Gennaio. 5

7 SMM: IL TEAM DI C.LAB PER LA PROVINCIA DI POTENZA Michele Cignarale / Esperto in comunicazione pubblica e d impresa Digital Champion Consulente marketing e comunicazione con particolare riferimento al settore del turismo, del design, della comunicazione istituzionale, politica e sociale, Digital Champion, CEO c.lab, coordinatore netnografica.it. Claudia Laricchia / Esperto di internazionalizzazione e mercati esteri. Dottore Commercialista, specializzata in marketing internazionale e con un alta professionalità nel campo dell assistenza tecnica e del supporto operativo ai processi di promozione all estero sia delle imprese, che della Pubblica Amministrazione. Giuseppe Mazzeo / Esperto di analisi e interpretazione dati 6

8 Ingegnere, Dottore di ricerca in Fisica, esperto di processamento, analisi e interpretazione dati, si occupa di implementazione e ottimizzazione algoritmi di monitoraggio e detection dei rischi naturali e ambientali da satellite e di Social Network Analysis. #WERESILIENT: STRATEGIA PER LA COMUNICAZIONE DIGITALE La strategia per la comunicazione digitale del Meeting internazionale della Provincia di Potenza è partita dai seguenti step: A) Individuazione degli obiettivi del Meeting e delle politiche provinciali di sviluppo delle tematiche connesse. B) Costruzione del database del target, finalizzato alla individuazione dei soggetti coinvolti a vario titolo nella realizzazione del Meeting. La costruzione del database, realizzata in stretto raccordo con la committenza, è finalizzata ad individuare i soggetti con cui puntare per le interazioni della comunicazione digitale. Il database è costituto da: Dipartimento Nazionale Protezione Civile; ISPRA; UPI Presidente Mantova; ANCI Sindaco Torino; tutte le istituzioni locali operanti in Regione, comprese le Autorità e le Strutture Operative di PC; Tutti i 100 comuni Provincia PZ. Dai referenti invitati a prendere parte al Meeting, ossia: Provincia di Gorizia; Provincia di Matera; Province contermini: tutte della Puglia, Avellino, Salerno, Cosenza. Dagli Ospiti internazionali: - Pays des Sorgues Monts de Vaucluse Municipalities Association (France) - Municipality of Rubi (Spain), Municipality of Šentrupert (Slovenia) - Municipality of Gračanica (Bosnia- Herzegovina) - Municipality of Podgorica (Montenegro) - the European Regional Framework for CO- OPERATION (Greece), - Regional Energy Agency of Ribera (Spain) - Municipality of Avrig (Romania) - Canary Islands (Spain) - City of Beirut (Lebanon) - City of Aqaba (Jordan) - Great Manchester (UK) 7

9 - City of Istanbul (Turkey). Dai soggetti interessati alle tematiche trattate durante il Meeting, con particolare riferimento a: - City of Amman (Jordan) - City of Petra (Jordan) - UNISDR Ginevra - UNISDR Brussels Seguono gli account Twitter con cui è stato pianificato di 8

10 @SustDev Seguono gli Hashtag con cui è stato pianificato di interagire maggiormente: #Road2Sendai #DRR #wcdrr #SDGs #sustainabledevelopment #climatechange #resilientcities #HFA2 #LocalGov #post2015 C) Analisi del sentiment, individuazione delle metriche di monitoraggio significative, parole chiave Per monitorare il sentiment delle persone coinvolte dalla campagna #WeResilient dai Social Network della Provincia di Potenza utilizzati, sono state scelte le seguenti metriche significative, parametrizzate su base giornaliera: Facebook Metriche di piattaforma - Numero dei fan - Numero di utenti coinvolti 9

11 - Copertura della pagina - Numero di persone che hanno interagito Metriche derivate - Ampiezza delle conversazioni - Tasso di interazioni Twitter - Numero di follower raggiunti - Numero di liste in cui l account è stato inserito Di seguito si mostra, la tag cloud delle parole più utilizzate durante le conversazioni analizzate durante la campagna #WeResilient su Twitter. La dimensione delle parole rilevate è direttamente proporzionale alla loro frequenza di utilizzo nei tweet. In tal senso vengono mostrati indifferentemente gli utenti e gli hashtag maggiormente ricorrenti nelle conversazioni, così come le parole utilizzate nei testi (più pertinenti ai concetti delle conversazioni). Sono immediatamente distinguibili le parole provpzresilient e provinciapz (account ufficiali della Provincia di Potenza), alexattolico (account del responsabile dell Ufficio Pianificazione territoriale e 10

12 Protezione Civile della Provincia di Potenza), nicolavalluzzi (account del presidente della Provincia), Unisdr (account ufficiale dell Organizzazione delle Nazioni Unite per l International Strategy for Disaster Reduction), weresilient (hashtag ufficiale della campagna). In tal caso appare evidente che analizzando semplicemente la ricorrenza dei termini i punteggi maggiori li ottengano gli account degli utenti maggiormente presenti nelle conversazioni. Analizzando il flusso di parole si riscontrano, tuttavia, anche termini semanticamente più pregni e interessanti quali resilienza, consapevolezza, comunità, territorio, network, protezione. Ciò suggerisce, dunque, una prima interpretazione sulle idee effettivamente proposte e rilanciate dalla comunità online, rispetto al tema della resilienza associata alla protezione, al territorio e alla comunità. D) Ideazione e lancio dell Hashtag Seguono le conclusioni delle riflessioni del team preposto al SMM, in relazione alla ideazione dell Hashtag per il Meeting. Il team è partito dalla individuazione di nr. 2 obiettivi distinti e complementare della comunicazione digitale del Meeting da perseguire nel corso della attività di SMM: Diffondere e divulgare gli aspetti tecnici sviluppati nell'ambito del Meeting sulla resilienza. Si tratta di informazioni sull'utilità del meeting; chi interviene su cosa e con quali focus o obiettivi; quale impatto hanno le cose che si dicono nel meeting sulla vita di chi legge. Su questo punto l obiettivo è aumentare le interazioni tra gli addetti ai lavori e spingere per uno scambio di informazioni tra loro. Evocare suggestioni ed ispirazioni connesse la tema della resilienza. Si tratta di diffondere citazioni sulla resilienza; immagini evocative e ad alto contenuto emozionale. Su questo punto l obiettivo è far leva sui sentimenti connessi con la resilienza, l'orgoglio, il riscatto, la forza, le opportunità, l'autenticità, la collettività e spingere sul concetto che tutti siamo resilienti e sui relativi fattori psicologici, solleticando l'attenzione del pubblico generico, aumentando gli effetti promozionali indiretti connessi con la promozione del meeting, a cui tali valori vanno ricondotti. Alla luce dei suddetti obiettivi e considerando che l'hashtag deve essere corto, internazionale, immediato e facile, è stato proposto alla committenza il seguente Hashtag: #WeResilient. 11

13 WeResilient significa noi siamo resilienti, in una crasi all'inglese. La frase per altro ricorda una citazione di un film indiano del 2008 (A Wednesday) sull'attentato di Bombei che dice "we are resilient by force not by choice", particolarmente indicata per i temi del Meeting. Essere resilienti non è una scelta. E' così e basta. Proprio come accade con i disastri ambientali di cui si parla al meeting o con il fatto di nascere in categorie svantaggiate (quelle coinvolte dalla Provincia di Potenza prima del meeting). La committenza ha approvato l adozione dell Hashtag in data 17/01/2015. Si segnala che il team ha proposto la modifica della immagine di intestazione e della bio dell account Twitter, che risultava solo in lingua italiana. La committenza ha approvato tali proposte. E) Proposte di sostenibilità e aumento delle interazioni interno all Hashtag Allo scopo di aumentare la visibilità degli account social, C.Lab, nel corso degli 11 giorni di gestione dei social per la Provincia di Potenza, ha proposto: - - Campagna selfie. La campagna consiste nel far postare autoscatti di relatori; stakeholder e appassionati del tema del meeting o del territorio della Provincia di Potenza. La persona che si fotografa dovrà farlo con un cartello con la scritta #WeResilient. Nell ottica del societing, l obiettivo è accrescere il senso di appartenenza della rete al tema del Meeting, ed il protagonismo di ciascuno alla costruzione delle tematiche sviluppate dalle politiche della Provincia di Potenza. La campagna è coerente con quella internazionale, già avviata per il Meeting dell ONU di Sendai (Giappone), alla quale quindi la Provincia di Potenza può agganciarsi. Campagna #WeResilient perché La campagna consiste nel mini racconto di ciascun utente delle ragioni per le quali si considera resiliente. Nell ottica del societing, l obiettivo è accrescere il senso di appartenenza della rete al tema del Meeting, ed il protagonismo di ciascuno attraverso il racconto di storie personali, finalizzate a raccontare la capacità di ognuno di reagire ad eventi traumatici con valori positivi, che siano di esempio e di ispirazione per la comunità. 12

14 Nessuna delle nr. 3 suddette proposte è stata approvata in tempo utile per la diffusione presso le tribù di riferimento. MONITORAGGIO DELL ATTIVITÀ DI SMM F) Facebook Nel presente paragrafo si forniscono alcuni parametri significativi (metriche) per la valutazione delle attività di pubblicazione dei contenuti effettuate. In particolare si mostrano: Il numero delle persone che hanno cliccato mi piace sulla pagina (il numero dei fan) L engagement: utenti unici coinvolti sulla pagina Facebook (che hanno cliccato mi piace, condiviso, cliccato su uno dei post) La copertura della pagina: il numero di persone che ha visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina L ampiezza delle conversazioni: il numero di visitatori unici esposti a un contenuto moltiplicato per il livello di coinvolgimento generato Il numero di Persone che hanno interagito con la pagina, per tipologia di interazione Tutte le analisi sono state condotte considerando due periodi temporali ex ante I - [12/18/ /15/2015] ed ex post II - [01/16/ /27/2015] l inizio della campagna #WeResilient. Informatica e ICT (livello avanzato/specialistico) Nella Figura 1 si mostra l incremento dei nuovi mi piace (in arancione), a partire dalla data di lancio della campagna #WeResilient, con un netto rafforzamento dell appeal della pagina. In particolare si nota come, a partire dal 16/01, data di affidamento a C.Lab della pagina Facebook della Provincia di Potenza, alla data di conclusione dei lavori del meeting (oggetto dell attività di SMM), la pagina abbia guadagnato costantemente nuovi fan (i mi piace totali in blu nel grafico), passando da 377 del 15/01 a 854 del 27/01, con un aumento netto di 477 nuovi fan, pari ad un incremento del 130% circa. 13

15 I Nuovi "Mi piace" "Mi piace" totali II nuovi mi piace Mi piace totali /18/ /19/ /20/ /21/ /22/ /23/ /24/ /25/ /26/ /27/ /28/ /29/ /30/ /31/2014 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/ Figura 1. Evoluzione temporale dei mi piace giornalieri e totali di pagina Nella Figura 2 si mostra, invece, l andamento temporale degli utenti coinvolti sulla pagina giornalmente (utenti univoci), ossia il numero di persone che hanno interagito con la pagina, cliccando mi piace, condividendone il contenuto, cliccando su uno dei post. Anche in questo caso le analisi sono state condotte differenziando i due periodi sopra definiti per evidenziare un diverso comportamento degli utenti. Nel periodo II (la serie di dati in blu), infatti, si osserva un rapido aumento dell engagement che in corrispondenza dell inizio campagna arriva al valore massimo osservato fino a quel momento (75 persone coinvolte). Ciò, dunque, consolida l ipotesi di eterogeneità e difformità dell audience nei due periodi di studio. Si mostra, inoltre, la linea di tendenza delle due serie temporali di dati analizzati. Sebbene l esiguità dei dati (nel periodo I in arancione) sia tale da non rendere il test completamente significativo, esse mostrano una evidente variazione di tendenza e di previsione tra i due periodi, e un aumento importante dei valori per il periodo II, a rafforzare l ipotesi di maggior coinvolgimento delle persone. 14

16 Uten~ coinvol~ al giorno sulla pagina R² = 0,56462 I II Uten~ coinvol~ II periodo Uten~ coinvol~ I periodo Lineare (Uten~ coinvol~ ) Lineare (Uten~ coinvol~ ) R² = 0, /18/ /19/ /20/ /21/ /22/ /23/ /24/ /25/ /26/ /27/ /28/ /29/ /30/ /31/2014 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/2015 1/28/2015 1/29/2015 1/30/2015 Figura 2. Evoluzione temporale in blu, degli utenti unici coinvolti, che cioè hanno cliccato mi piace, condiviso, cliccato su uno dei post. In arancione le due line di regressione per valutare l andamento e la previsione dei dati. Nella figura seguente (Figura 3a), si mostra il numero di utenti che hanno interagito disaggregato in base alla tipologia di interazione innescata dai contenuti della pagina. In questo caso il numero delle persone che hanno interagito con la pagina tiene conto solo degli utenti che hanno cliccato su di essa escludendo, le persone che hanno interagito con i contenuti solo dal proprio diario. In tal senso il dato è ancora più rilevante poiché si riferisce all utenza che ha volontariamente visto un contenuto dalla pagina della Provincia. L analisi condotta mostra come nel periodo della campagna #WeResilient il numero delle interazioni cresca sensibilmente soprattutto con riferimento ai click sulle foto, sui link e alla classe altri click, in cui ricadono interazioni sui nomi, sulle date, sui titoli dei post, etc. In questo caso spicca in modo particolare il giorno 26/01, poiché presenta le 3 tipologie d interazione (link, altri click, e foto) con i valori massimi registrati per ogni classe. 15

17 In Figura 3b si evidenziano, inoltre, il numero delle persone che hanno interagito, aggregati sui due periodi differenti dello studio. 250 I N. persone che hanno interagito per ~pologia II link clicks other clicks photo view video play a) /12/14 18/12/14 19/12/14 20/12/14 21/12/14 22/12/14 23/12/14 24/12/14 25/12/14 26/12/14 27/12/14 28/12/14 29/12/14 30/12/14 31/12/14 01/01/15 02/01/15 03/01/15 04/01/15 05/01/15 06/01/15 07/01/15 08/01/15 09/01/15 10/01/15 11/01/15 12/01/15 13/01/15 14/01/15 15/01/15 16/01/15 17/01/15 18/01/15 19/01/15 20/01/15 21/01/15 22/01/15 23/01/15 24/01/15 25/01/15 26/01/15 27/01/ I II b) link clicks other clicks photo view video play Figura 3. a) Numero di persone al giorno che hanno interagito con la pagina disaggregato in base al tipo d interazione; b) numero di persone che hanno interagito con la pagina disaggregato in base al tipo d interazione e aggregato sui due periodi differenti dello studio. Come si osserva facilmente il periodo II (in arancio) mostra un sensibile incremento di interazioni per tutte le tipologie analizzate. Nel grafico riportato in Figura 4, si mostra in blu il numero di persone (utenti univoci) che ha visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina (in tal caso si parla di copertura della pagina). In arancio, invece, si mostra il tasso percentuale di interazioni, ossia la percentuale di persone che 16

18 hanno interagito con la pagina, mostrando interesse verso i contenuti, rispetto a tutte quelle raggiunte. Osserviamo, dunque, un consistente aumento di penetrazione nel periodo II, deciso aumento di persone raggiunte, con tassi di interazione però più bassi inevitabilmente indotti dalla più vasta raggiunta. Tali valori di interazione più bassi, benché siano un punto di debolezza per l analisi statistica fatta, rappresentano una grande opportunità per favorire significativamente e aumentare ulteriormente il dialogo con le persone I Copertura totale tasso interazioni II 120% 100% copertura totale % 60% 40% tasso interazioni % 0 12/18/201 12/19/201 12/20/201 12/21/201 12/22/201 12/23/201 12/24/201 12/25/201 12/26/201 12/27/201 12/28/201 12/29/201 12/30/201 12/31/201 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/2015 0% Figura 4. Numero di utenti univoci (in blu) che ne ha visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina, in arancione, il tasso di interazioni percentuale su di essa La Figura 5, mostra, appunto, in blu l ampiezza delle discussioni, ossia il livello delle conversazioni che sono avvenute nel tempo rispetto ai contenuti pubblicati sulla pagina. Tale valore, calcolato a partire dal numero di utenti coinvolti per quelli raggiunti dai contenuti, rappresenta il segnale più evidente di quanto le persone parlino, indipendentemente da cosa dicano e da quali valutazioni facciano, della nostra iniziativa #WeResilient. In tal senso aumentare il tasso di interazioni delle persone raggiunte, come detto in precedenza, permetterebbe di aumentare ulteriormente tale metrica di feedback. 17

19 I ampiezza conversazioni II /18/ /19/ /20/ /21/ /22/ /23/ /24/ /25/ /26/ /27/ /28/ /29/ /30/ /31/2014 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/2015 Figura 5. Andamento temporale del numero di visitatori unici esposti a un contenuto moltiplicato per il livello di coinvolgimento generato. G) Twitter Per valutare le prestazioni dell account Twitter si è scelto di monitorare come metrica sintetica e significativa l andamento temporale su base giornaliera del numero di follower raggiunti. Nella Figura 6 si mostra in blu la curva di tale evoluzione. In particolare si nota come, a partire dal 16/01, data di affidamento a C.Lab dell account Twitter della Provincia di Potenza, alla data di conclusione dei lavori del meeting (oggetto dell attività di SMM), si osservi un costante e repentino aumento del numero dei follower che passano da 17, di inizio campagna, a 237, con un aumento netto di 220 follower, pari a circa il 1300% in più, nell arco di 9 giorni. Analizzando, quindi, con maggiore dettaglio la platea dei follower raggiunti si nota una preponderanza degli utenti femminili, con il 67% del totale, che mostrano quasi tutti (percentuali superiori al 50%) un maggiore interesse verso argomenti di attualità (notizie, politica, etc.). La composizione degli account più seguiti dagli stessi utenti suggerisce, inoltre, un marcato interesse per personalità politiche e opinion leader locali. 18

20 26/ follower 15/01 17 follower Figura 6. Andamento temporale del numero di follower e caratteristiche della platea dei follower dell - dati tratti dalla pagina ufficiale di Twitter sulle statistiche dell account https://analytics.twitter.com/accounts/ Va inoltre segnalato l inserimento dell account in quattro liste pubbliche, così come mostrato in Figura 7, a sottolineare l interesse suscitato dai contenuti pubblicati, e quale importante attestato di autorevolezza dell account. 19

21 Figura 7. Dettagli dell (tratti dalla pagina ufficiale di Twitter https://twitter.com/provpzresilient/memberships), dai quali si rileva l inserimento dell account in 4 liste (evidenziate dai rettangoli rossi in figura) A conclusione di quanto analizzato in dettaglio nei paragrafi precedenti, si sintetizzano nella tabella seguente le performance principali dei due social network gestiti da C.Lab nel periodo della campagna #WeResilient, suddivise per periodo di interesse. Pagina Facebook Account Twitter Periodo indagato I 12/18/ /15/2015 II 01/16/ /21/2015 Periodo indagato I 12/18/ /15/2015 II 01/16/ /27/2015 N. Fan N. Follower Tasso di incremento +130% Tasso di incremento +1300% 20

22 Tabella 1. Sintesi delle prestazioni dei social, secondo i due periodi di analisi. Evidenziate In azzurro le colonne che si riferiscono al periodo di gestione della C.Lab Pagina Facebook Account Twitter I II I II 12/18/ /15/201 01/16/ /21/201 Increment o 12/18/ /15/201 01/16/ /27/201 Increment o Utenti coinvolti % N. Follow er % Copertura totale (Media sui % periodi) Ampiezza conversazio ni % (Media sui periodi) Nuovi mi piace (Media sui % periodi) N. Fan % 2. Tabella 1. Sintesi delle prestazioni dei social, secondo i due periodi di analisi. Evidenziate In blu le colonne che si riferiscono al periodo di gestione della C.Lab. 21

23 ANALISI NETNOGRAFICA Grafo sociale di #weresilient elaborato a partire da più di 1200 conversazioni e oltre 3000 collegamenti 22

24 L analisi netnografica è stata condotta in occasione del Meeting Internazionale organizzato dalla Provincia di Potenza Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall'esperienza nella Provincia di Potenza sui temi della resilienza. In tale circostanza la C.Lab, in collaborazione con il gruppo di studio Netnografica (suo spin off sulle tematiche della Social Network Analysis), ha monitorato e analizzato tutte le conversazioni canalizzate dall hashtag ufficiale della campagna di comunicazione #WeResilient. In tale analisi si mostrano i risultati ottenuti per un intervallo di 9 giorni, tra le del 21/01/2015 e le del 28/01/2015, considerato particolarmente interessante vista la massima concentrazione delle conversazioni, così come mostrato in figura 1, e perché centrato sulle giornate del Meeting Internazionale. Figura 1. Andamento hashtag #WeResilient In tale periodo sono stati, dunque, osservati 1013 tweet, inviati da 154 utenti unici, che hanno generato una rete sociale composta da 2505 collegamenti, la cui composizione per tipologia d interazione è illustrata in figura 2. Come si osserva, la maggior parte delle interazioni è costituito da ReTweet (costituente circa il 77% delle conversazioni totali), ad indicare una comunità molto tesa all ascolto e al rilancio delle idee più interessanti, ma al contempo meno produttiva e prolifica. 23

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I fashion blogger più influenti sui social

I fashion blogger più influenti sui social I fashion blogger più influenti sui social Mercato: Italia 1 luglio 14 settembre 2014 @blogmeter Di cosa parla la nostra ricerca Blogmeter 2014 www.blogmeter.it 2 Di cosa parleremo FACEBOOK TWITTER INSTAGRAM

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano

GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE. 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano GUIDA ELETTRONICA ALLA VITA DIGITALE 5 motivi per cui gli stratagemmi del social engineering funzionano Che cos è il social engineering? Il social engineering è l arte di raggirare le persone. Si tratta

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016

Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016 Open Government Partnership Piano d azione Nazionale 2014 2016 Dicembre 2014 Sommario Introduzione...1 Le azioni del Governo italiano...2 Il processo di stesura del secondo Piano d azione OGP...3 Le Azioni...4

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive.

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Crediamo... che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Collaborazione di ampi gruppi, problem-solving e progettazione di soluzioni Conferenze,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli