SMM: il team di C.Lab per la Provincia di Potenza #WeResilient: strategia per la comunicazione digitale... 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SMM: il team di C.Lab per la Provincia di Potenza... 6. #WeResilient: strategia per la comunicazione digitale... 7"

Transcript

1 #WeResilient Gestione comunicazione on line del meeting internazionale della Provincia di Potenza sul tema della resilienza integrale, Gennaio 2015 Il presente Report fornisce sia il resoconto della attività di social media management svolto per la Provincia di Potenza, sia le prospettive per garantirne la opportuna continuità. La attività di gestione degli account ufficiali sui social network della Provincia di Potenza dedicati al Meeting internazionale Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall'esperienza nella Provincia di Potenza, che si è svolto dal 25 al 27 Gennaio 2015, è stato realizzato dalla società CLab s.a.s. di Michele Cignarale, con un team specializzato, dal giorno 16 Gennaio al giorno 27 Gennaio 2015.

2 SOMMARIO Il Meeting Internazionale della Provincia di Potenza, oggetto del SMM di C.Lab... 2 SMM: il team di C.Lab per la Provincia di Potenza... 6 #WeResilient: strategia per la comunicazione digitale... 7 Monitoraggio dell attività di SMM Analisi netnografica

3 La Provincia di Potenza ha affidato per nr. 11 giorni lavorativi, dal 16 al 27 Gennaio 2015, il SMM a C.Lab specificatamente per la comunicazione digitale da realizzarsi in merito al meeting internazionale sul tema INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE. Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall Esperienza nella Provincia di Potenza. Sono state fornite a C.Lab credenziali per l accesso e la gestione di nr. 2 account: a. Pagina Facebook denominata Provincia Potenza Network Comuni Resilienti ; b. Account Twitter Alla data dell affidamento (16/1/2015): - Entrambi gli account risultavano esistenti. - Il primo registrava nr. 380 like. - Il secondo registrava nr. 40 followers. IL MEETING INTERNAZIONALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA, OGGETTO DEL SMM DI C.LAB Meeting Internazionale della Provincia di Potenza, oggetto del SMM di C.Lab Tema Focus Date INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE. Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall Esperienza nella Provincia di Potenza. La Provincia di Potenza ha recentemente aderito alla Campagna UNISDR "Making Cities Resilient - Rendere le Città Resilienti" - con la creazione di un Network "Provincia di Potenza Comuni, iniziativa che ha ottenuto un ampio riconoscimento internazionale dalle stesse Nazioni Unite, che hanno riconosciuto la valenza della strategicità delle azioni messe in campo e degli obiettivi prefissati, riconoscendo come best practice a livello mondiale l'adesione dei 100 Comuni della Provincia Gennaio

4 Partecipanti Margareta Wahlström, SRSG dell UNISDR 100 Sindaci dei comuni che hanno aderito al programma ONU guidato dalla Provincia di Potenza. Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale Franco Gabrielli. Autorità locali e di diverse delegazioni ufficiali provenienti da altre Province italiane e da Romania, Francia, Spagna, Slovenia, Bosnia- Herzegovina, Montenegro e Grecia. Obiettivi Stabilire una strategia condivisa e partecipata di un modello di rete che includa tutti gli stakeholders, istituzioni, comunità locali e cittadini, e che realizzi azioni concrete atte a potenziare i 10 requisiti chiave individuati dall Onu nella campagna Rendere le Città Resilienti a livello locale Rafforzare azioni e dialogo interistituzionale su DRR /DRM, CCA e Sviluppo Sostenibile Condividere conoscenze e incoraggiare nuove partnership/reti Prospettive Creare le condizioni per diffondere la cultura della consapevolezza rispetto alla dimensione del rischio e aumentare, con azioni concrete e partecipate, il livello di sicurezza del territorio. Diffondere la cultura della consapevolezza del "rischio" e aumentare, con azioni concrete e partecipate, il livello di sicurezza del territorio. La rete costituita con i Sindaci, le Istituzioni e le Comunità, con approccio "multi- stakeholders", vuole essere solo punto di partenza per l'implementazione di attività future da realizzare attraverso un costante e continuo dialogo. Proseguire il percorso che la Provincia di Potenza ha intrapreso nel 2004, segnando una tappa essenziale del viaggio verso Sendai (Giappone), dove si svolgerà il meeting internazionale dell ONU dal 14 al 16 Marzo

5 Programma del Meeting Giorno Ora Luogo e Attività Domenica 25/ Sala Consiliare della Provincia di Potenza. Incontri bilaterali riservati fra le varie istituzioni e personalità chiamate a partecipare ai lavori dei giorni seguenti. Lunedì 26/01 8:30 13:00 Potenza. Auditorium del Conservatorio Gesualdo da Venosa" Apertura dei lavori e Saluti delle competenti Autorità Locali, Regionali e Nazionali. Breve presentazione delle attività della Campagna UNISDR Making Cities Resilient (Provincia di Potenza e Rete dei Comuni). La strategia della Provincia di Potenza: dalla DRM/DRR alla Resilienza. Relazione del SRSG dell UNISDR Margareta Wahlström. Brevi interventi dei rappresentanti dei Gruppi di Interesse e delle Istituzioni/Autorità Locali selezionate. Dibattito. Cerimonia di sottoscrizione delle adesioni alla Campagna UNISDR Rendere le Città Resilienti da parte dei Sindaci dei 100 Comuni. 15:00 17:30 Potenza. Museo Provinciale in Via Lazio. Workshop in sessioni parallele: L integrazione delle politiche di Riduzione dei Rischi (DRR), di Adattamento ai Cambiamenti Climatici (CCA) e di Sviluppo Sostenibile nei modelli di governance dell uso del suolo: dalla pianificazione di area vasta alla riqualificazione urbana. Il Sistema Regionale di Protezione Civile e le Organizzazioni di Volontariato nella Gestione delle Emergenze (DRM). Le esperienze interregionali e le buone pratiche nella Gestione 4

6 delle emergenze, nella mitigazione dei rischi derivanti dal Cambiamento Climatico e nella resilienza: II OPEN DAY del progetto REMIDA (smart Energy chains and communities in the med Area). 17:45 19:00 Potenza. Museo Provinciale in Via Lazio. Sessione Plenaria: Brevi comunicazioni delle istituzioni e delegazioni straniere rilevanti. Considerazioni conclusive: sintesi degli output dei workshop, nuove prospettive, opportunità di cooperazione e progetti nell implementazione della Resilienza. Martedì 27/01 9:00 13:00 Potenza. Sala del Consiglio Provinciale in Piazza Mario Pagano. 5 REMIDA Project Steering Committee (riservato ai partner del Progetto REMIDA). In data 22 Gennaio 2015, la Provincia di Potenza ha comunicato a C.Lab la modifica intercorsa al programma, dovuta alla impossibilità del SRSG dell UNISDR, Margareta Wahlström, di partecipare ai lavori il giorno 26 Gennaio La modifica è consistita nell allungamento del programma da nr. 2 a nr. 3 giornate, ossia dalla domenica 25 al martedì 27 Gennaio. 5

7 SMM: IL TEAM DI C.LAB PER LA PROVINCIA DI POTENZA Michele Cignarale / Esperto in comunicazione pubblica e d impresa Digital Champion Consulente marketing e comunicazione con particolare riferimento al settore del turismo, del design, della comunicazione istituzionale, politica e sociale, Digital Champion, CEO c.lab, coordinatore netnografica.it. Claudia Laricchia / Esperto di internazionalizzazione e mercati esteri. Dottore Commercialista, specializzata in marketing internazionale e con un alta professionalità nel campo dell assistenza tecnica e del supporto operativo ai processi di promozione all estero sia delle imprese, che della Pubblica Amministrazione. Giuseppe Mazzeo / Esperto di analisi e interpretazione dati 6

8 Ingegnere, Dottore di ricerca in Fisica, esperto di processamento, analisi e interpretazione dati, si occupa di implementazione e ottimizzazione algoritmi di monitoraggio e detection dei rischi naturali e ambientali da satellite e di Social Network Analysis. #WERESILIENT: STRATEGIA PER LA COMUNICAZIONE DIGITALE La strategia per la comunicazione digitale del Meeting internazionale della Provincia di Potenza è partita dai seguenti step: A) Individuazione degli obiettivi del Meeting e delle politiche provinciali di sviluppo delle tematiche connesse. B) Costruzione del database del target, finalizzato alla individuazione dei soggetti coinvolti a vario titolo nella realizzazione del Meeting. La costruzione del database, realizzata in stretto raccordo con la committenza, è finalizzata ad individuare i soggetti con cui puntare per le interazioni della comunicazione digitale. Il database è costituto da: Dipartimento Nazionale Protezione Civile; ISPRA; UPI Presidente Mantova; ANCI Sindaco Torino; tutte le istituzioni locali operanti in Regione, comprese le Autorità e le Strutture Operative di PC; Tutti i 100 comuni Provincia PZ. Dai referenti invitati a prendere parte al Meeting, ossia: Provincia di Gorizia; Provincia di Matera; Province contermini: tutte della Puglia, Avellino, Salerno, Cosenza. Dagli Ospiti internazionali: - Pays des Sorgues Monts de Vaucluse Municipalities Association (France) - Municipality of Rubi (Spain), Municipality of Šentrupert (Slovenia) - Municipality of Gračanica (Bosnia- Herzegovina) - Municipality of Podgorica (Montenegro) - the European Regional Framework for CO- OPERATION (Greece), - Regional Energy Agency of Ribera (Spain) - Municipality of Avrig (Romania) - Canary Islands (Spain) - City of Beirut (Lebanon) - City of Aqaba (Jordan) - Great Manchester (UK) 7

9 - City of Istanbul (Turkey). Dai soggetti interessati alle tematiche trattate durante il Meeting, con particolare riferimento a: - City of Amman (Jordan) - City of Petra (Jordan) - UNISDR Ginevra - UNISDR Brussels Seguono gli account Twitter con cui è stato pianificato di 8

10 @SustDev Seguono gli Hashtag con cui è stato pianificato di interagire maggiormente: #Road2Sendai #DRR #wcdrr #SDGs #sustainabledevelopment #climatechange #resilientcities #HFA2 #LocalGov #post2015 C) Analisi del sentiment, individuazione delle metriche di monitoraggio significative, parole chiave Per monitorare il sentiment delle persone coinvolte dalla campagna #WeResilient dai Social Network della Provincia di Potenza utilizzati, sono state scelte le seguenti metriche significative, parametrizzate su base giornaliera: Facebook Metriche di piattaforma - Numero dei fan - Numero di utenti coinvolti 9

11 - Copertura della pagina - Numero di persone che hanno interagito Metriche derivate - Ampiezza delle conversazioni - Tasso di interazioni Twitter - Numero di follower raggiunti - Numero di liste in cui l account è stato inserito Di seguito si mostra, la tag cloud delle parole più utilizzate durante le conversazioni analizzate durante la campagna #WeResilient su Twitter. La dimensione delle parole rilevate è direttamente proporzionale alla loro frequenza di utilizzo nei tweet. In tal senso vengono mostrati indifferentemente gli utenti e gli hashtag maggiormente ricorrenti nelle conversazioni, così come le parole utilizzate nei testi (più pertinenti ai concetti delle conversazioni). Sono immediatamente distinguibili le parole provpzresilient e provinciapz (account ufficiali della Provincia di Potenza), alexattolico (account del responsabile dell Ufficio Pianificazione territoriale e 10

12 Protezione Civile della Provincia di Potenza), nicolavalluzzi (account del presidente della Provincia), Unisdr (account ufficiale dell Organizzazione delle Nazioni Unite per l International Strategy for Disaster Reduction), weresilient (hashtag ufficiale della campagna). In tal caso appare evidente che analizzando semplicemente la ricorrenza dei termini i punteggi maggiori li ottengano gli account degli utenti maggiormente presenti nelle conversazioni. Analizzando il flusso di parole si riscontrano, tuttavia, anche termini semanticamente più pregni e interessanti quali resilienza, consapevolezza, comunità, territorio, network, protezione. Ciò suggerisce, dunque, una prima interpretazione sulle idee effettivamente proposte e rilanciate dalla comunità online, rispetto al tema della resilienza associata alla protezione, al territorio e alla comunità. D) Ideazione e lancio dell Hashtag Seguono le conclusioni delle riflessioni del team preposto al SMM, in relazione alla ideazione dell Hashtag per il Meeting. Il team è partito dalla individuazione di nr. 2 obiettivi distinti e complementare della comunicazione digitale del Meeting da perseguire nel corso della attività di SMM: Diffondere e divulgare gli aspetti tecnici sviluppati nell'ambito del Meeting sulla resilienza. Si tratta di informazioni sull'utilità del meeting; chi interviene su cosa e con quali focus o obiettivi; quale impatto hanno le cose che si dicono nel meeting sulla vita di chi legge. Su questo punto l obiettivo è aumentare le interazioni tra gli addetti ai lavori e spingere per uno scambio di informazioni tra loro. Evocare suggestioni ed ispirazioni connesse la tema della resilienza. Si tratta di diffondere citazioni sulla resilienza; immagini evocative e ad alto contenuto emozionale. Su questo punto l obiettivo è far leva sui sentimenti connessi con la resilienza, l'orgoglio, il riscatto, la forza, le opportunità, l'autenticità, la collettività e spingere sul concetto che tutti siamo resilienti e sui relativi fattori psicologici, solleticando l'attenzione del pubblico generico, aumentando gli effetti promozionali indiretti connessi con la promozione del meeting, a cui tali valori vanno ricondotti. Alla luce dei suddetti obiettivi e considerando che l'hashtag deve essere corto, internazionale, immediato e facile, è stato proposto alla committenza il seguente Hashtag: #WeResilient. 11

13 WeResilient significa noi siamo resilienti, in una crasi all'inglese. La frase per altro ricorda una citazione di un film indiano del 2008 (A Wednesday) sull'attentato di Bombei che dice "we are resilient by force not by choice", particolarmente indicata per i temi del Meeting. Essere resilienti non è una scelta. E' così e basta. Proprio come accade con i disastri ambientali di cui si parla al meeting o con il fatto di nascere in categorie svantaggiate (quelle coinvolte dalla Provincia di Potenza prima del meeting). La committenza ha approvato l adozione dell Hashtag in data 17/01/2015. Si segnala che il team ha proposto la modifica della immagine di intestazione e della bio dell account Twitter, che risultava solo in lingua italiana. La committenza ha approvato tali proposte. E) Proposte di sostenibilità e aumento delle interazioni interno all Hashtag Allo scopo di aumentare la visibilità degli account social, C.Lab, nel corso degli 11 giorni di gestione dei social per la Provincia di Potenza, ha proposto: - - Campagna selfie. La campagna consiste nel far postare autoscatti di relatori; stakeholder e appassionati del tema del meeting o del territorio della Provincia di Potenza. La persona che si fotografa dovrà farlo con un cartello con la scritta #WeResilient. Nell ottica del societing, l obiettivo è accrescere il senso di appartenenza della rete al tema del Meeting, ed il protagonismo di ciascuno alla costruzione delle tematiche sviluppate dalle politiche della Provincia di Potenza. La campagna è coerente con quella internazionale, già avviata per il Meeting dell ONU di Sendai (Giappone), alla quale quindi la Provincia di Potenza può agganciarsi. Campagna #WeResilient perché La campagna consiste nel mini racconto di ciascun utente delle ragioni per le quali si considera resiliente. Nell ottica del societing, l obiettivo è accrescere il senso di appartenenza della rete al tema del Meeting, ed il protagonismo di ciascuno attraverso il racconto di storie personali, finalizzate a raccontare la capacità di ognuno di reagire ad eventi traumatici con valori positivi, che siano di esempio e di ispirazione per la comunità. 12

14 Nessuna delle nr. 3 suddette proposte è stata approvata in tempo utile per la diffusione presso le tribù di riferimento. MONITORAGGIO DELL ATTIVITÀ DI SMM F) Facebook Nel presente paragrafo si forniscono alcuni parametri significativi (metriche) per la valutazione delle attività di pubblicazione dei contenuti effettuate. In particolare si mostrano: Il numero delle persone che hanno cliccato mi piace sulla pagina (il numero dei fan) L engagement: utenti unici coinvolti sulla pagina Facebook (che hanno cliccato mi piace, condiviso, cliccato su uno dei post) La copertura della pagina: il numero di persone che ha visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina L ampiezza delle conversazioni: il numero di visitatori unici esposti a un contenuto moltiplicato per il livello di coinvolgimento generato Il numero di Persone che hanno interagito con la pagina, per tipologia di interazione Tutte le analisi sono state condotte considerando due periodi temporali ex ante I - [12/18/ /15/2015] ed ex post II - [01/16/ /27/2015] l inizio della campagna #WeResilient. Informatica e ICT (livello avanzato/specialistico) Nella Figura 1 si mostra l incremento dei nuovi mi piace (in arancione), a partire dalla data di lancio della campagna #WeResilient, con un netto rafforzamento dell appeal della pagina. In particolare si nota come, a partire dal 16/01, data di affidamento a C.Lab della pagina Facebook della Provincia di Potenza, alla data di conclusione dei lavori del meeting (oggetto dell attività di SMM), la pagina abbia guadagnato costantemente nuovi fan (i mi piace totali in blu nel grafico), passando da 377 del 15/01 a 854 del 27/01, con un aumento netto di 477 nuovi fan, pari ad un incremento del 130% circa. 13

15 I Nuovi "Mi piace" "Mi piace" totali II nuovi mi piace Mi piace totali /18/ /19/ /20/ /21/ /22/ /23/ /24/ /25/ /26/ /27/ /28/ /29/ /30/ /31/2014 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/ Figura 1. Evoluzione temporale dei mi piace giornalieri e totali di pagina Nella Figura 2 si mostra, invece, l andamento temporale degli utenti coinvolti sulla pagina giornalmente (utenti univoci), ossia il numero di persone che hanno interagito con la pagina, cliccando mi piace, condividendone il contenuto, cliccando su uno dei post. Anche in questo caso le analisi sono state condotte differenziando i due periodi sopra definiti per evidenziare un diverso comportamento degli utenti. Nel periodo II (la serie di dati in blu), infatti, si osserva un rapido aumento dell engagement che in corrispondenza dell inizio campagna arriva al valore massimo osservato fino a quel momento (75 persone coinvolte). Ciò, dunque, consolida l ipotesi di eterogeneità e difformità dell audience nei due periodi di studio. Si mostra, inoltre, la linea di tendenza delle due serie temporali di dati analizzati. Sebbene l esiguità dei dati (nel periodo I in arancione) sia tale da non rendere il test completamente significativo, esse mostrano una evidente variazione di tendenza e di previsione tra i due periodi, e un aumento importante dei valori per il periodo II, a rafforzare l ipotesi di maggior coinvolgimento delle persone. 14

16 Uten~ coinvol~ al giorno sulla pagina R² = 0,56462 I II Uten~ coinvol~ II periodo Uten~ coinvol~ I periodo Lineare (Uten~ coinvol~ ) Lineare (Uten~ coinvol~ ) R² = 0, /18/ /19/ /20/ /21/ /22/ /23/ /24/ /25/ /26/ /27/ /28/ /29/ /30/ /31/2014 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/2015 1/28/2015 1/29/2015 1/30/2015 Figura 2. Evoluzione temporale in blu, degli utenti unici coinvolti, che cioè hanno cliccato mi piace, condiviso, cliccato su uno dei post. In arancione le due line di regressione per valutare l andamento e la previsione dei dati. Nella figura seguente (Figura 3a), si mostra il numero di utenti che hanno interagito disaggregato in base alla tipologia di interazione innescata dai contenuti della pagina. In questo caso il numero delle persone che hanno interagito con la pagina tiene conto solo degli utenti che hanno cliccato su di essa escludendo, le persone che hanno interagito con i contenuti solo dal proprio diario. In tal senso il dato è ancora più rilevante poiché si riferisce all utenza che ha volontariamente visto un contenuto dalla pagina della Provincia. L analisi condotta mostra come nel periodo della campagna #WeResilient il numero delle interazioni cresca sensibilmente soprattutto con riferimento ai click sulle foto, sui link e alla classe altri click, in cui ricadono interazioni sui nomi, sulle date, sui titoli dei post, etc. In questo caso spicca in modo particolare il giorno 26/01, poiché presenta le 3 tipologie d interazione (link, altri click, e foto) con i valori massimi registrati per ogni classe. 15

17 In Figura 3b si evidenziano, inoltre, il numero delle persone che hanno interagito, aggregati sui due periodi differenti dello studio. 250 I N. persone che hanno interagito per ~pologia II link clicks other clicks photo view video play a) /12/14 18/12/14 19/12/14 20/12/14 21/12/14 22/12/14 23/12/14 24/12/14 25/12/14 26/12/14 27/12/14 28/12/14 29/12/14 30/12/14 31/12/14 01/01/15 02/01/15 03/01/15 04/01/15 05/01/15 06/01/15 07/01/15 08/01/15 09/01/15 10/01/15 11/01/15 12/01/15 13/01/15 14/01/15 15/01/15 16/01/15 17/01/15 18/01/15 19/01/15 20/01/15 21/01/15 22/01/15 23/01/15 24/01/15 25/01/15 26/01/15 27/01/ I II b) link clicks other clicks photo view video play Figura 3. a) Numero di persone al giorno che hanno interagito con la pagina disaggregato in base al tipo d interazione; b) numero di persone che hanno interagito con la pagina disaggregato in base al tipo d interazione e aggregato sui due periodi differenti dello studio. Come si osserva facilmente il periodo II (in arancio) mostra un sensibile incremento di interazioni per tutte le tipologie analizzate. Nel grafico riportato in Figura 4, si mostra in blu il numero di persone (utenti univoci) che ha visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina (in tal caso si parla di copertura della pagina). In arancio, invece, si mostra il tasso percentuale di interazioni, ossia la percentuale di persone che 16

18 hanno interagito con la pagina, mostrando interesse verso i contenuti, rispetto a tutte quelle raggiunte. Osserviamo, dunque, un consistente aumento di penetrazione nel periodo II, deciso aumento di persone raggiunte, con tassi di interazione però più bassi inevitabilmente indotti dalla più vasta raggiunta. Tali valori di interazione più bassi, benché siano un punto di debolezza per l analisi statistica fatta, rappresentano una grande opportunità per favorire significativamente e aumentare ulteriormente il dialogo con le persone I Copertura totale tasso interazioni II 120% 100% copertura totale % 60% 40% tasso interazioni % 0 12/18/201 12/19/201 12/20/201 12/21/201 12/22/201 12/23/201 12/24/201 12/25/201 12/26/201 12/27/201 12/28/201 12/29/201 12/30/201 12/31/201 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/2015 0% Figura 4. Numero di utenti univoci (in blu) che ne ha visto un qualsiasi contenuto associato alla pagina, in arancione, il tasso di interazioni percentuale su di essa La Figura 5, mostra, appunto, in blu l ampiezza delle discussioni, ossia il livello delle conversazioni che sono avvenute nel tempo rispetto ai contenuti pubblicati sulla pagina. Tale valore, calcolato a partire dal numero di utenti coinvolti per quelli raggiunti dai contenuti, rappresenta il segnale più evidente di quanto le persone parlino, indipendentemente da cosa dicano e da quali valutazioni facciano, della nostra iniziativa #WeResilient. In tal senso aumentare il tasso di interazioni delle persone raggiunte, come detto in precedenza, permetterebbe di aumentare ulteriormente tale metrica di feedback. 17

19 I ampiezza conversazioni II /18/ /19/ /20/ /21/ /22/ /23/ /24/ /25/ /26/ /27/ /28/ /29/ /30/ /31/2014 1/1/2015 1/2/2015 1/3/2015 1/4/2015 1/5/2015 1/6/2015 1/7/2015 1/8/2015 1/9/2015 1/10/2015 1/11/2015 1/12/2015 1/13/2015 1/14/2015 1/15/2015 1/16/2015 1/17/2015 1/18/2015 1/19/2015 1/20/2015 1/21/2015 1/22/2015 1/23/2015 1/24/2015 1/25/2015 1/26/2015 1/27/2015 Figura 5. Andamento temporale del numero di visitatori unici esposti a un contenuto moltiplicato per il livello di coinvolgimento generato. G) Twitter Per valutare le prestazioni dell account Twitter si è scelto di monitorare come metrica sintetica e significativa l andamento temporale su base giornaliera del numero di follower raggiunti. Nella Figura 6 si mostra in blu la curva di tale evoluzione. In particolare si nota come, a partire dal 16/01, data di affidamento a C.Lab dell account Twitter della Provincia di Potenza, alla data di conclusione dei lavori del meeting (oggetto dell attività di SMM), si osservi un costante e repentino aumento del numero dei follower che passano da 17, di inizio campagna, a 237, con un aumento netto di 220 follower, pari a circa il 1300% in più, nell arco di 9 giorni. Analizzando, quindi, con maggiore dettaglio la platea dei follower raggiunti si nota una preponderanza degli utenti femminili, con il 67% del totale, che mostrano quasi tutti (percentuali superiori al 50%) un maggiore interesse verso argomenti di attualità (notizie, politica, etc.). La composizione degli account più seguiti dagli stessi utenti suggerisce, inoltre, un marcato interesse per personalità politiche e opinion leader locali. 18

20 26/ follower 15/01 17 follower Figura 6. Andamento temporale del numero di follower e caratteristiche della platea dei follower dell - dati tratti dalla pagina ufficiale di Twitter sulle statistiche dell account https://analytics.twitter.com/accounts/ Va inoltre segnalato l inserimento dell account in quattro liste pubbliche, così come mostrato in Figura 7, a sottolineare l interesse suscitato dai contenuti pubblicati, e quale importante attestato di autorevolezza dell account. 19

21 Figura 7. Dettagli dell (tratti dalla pagina ufficiale di Twitter https://twitter.com/provpzresilient/memberships), dai quali si rileva l inserimento dell account in 4 liste (evidenziate dai rettangoli rossi in figura) A conclusione di quanto analizzato in dettaglio nei paragrafi precedenti, si sintetizzano nella tabella seguente le performance principali dei due social network gestiti da C.Lab nel periodo della campagna #WeResilient, suddivise per periodo di interesse. Pagina Facebook Account Twitter Periodo indagato I 12/18/ /15/2015 II 01/16/ /21/2015 Periodo indagato I 12/18/ /15/2015 II 01/16/ /27/2015 N. Fan N. Follower Tasso di incremento +130% Tasso di incremento +1300% 20

22 Tabella 1. Sintesi delle prestazioni dei social, secondo i due periodi di analisi. Evidenziate In azzurro le colonne che si riferiscono al periodo di gestione della C.Lab Pagina Facebook Account Twitter I II I II 12/18/ /15/201 01/16/ /21/201 Increment o 12/18/ /15/201 01/16/ /27/201 Increment o Utenti coinvolti % N. Follow er % Copertura totale (Media sui % periodi) Ampiezza conversazio ni % (Media sui periodi) Nuovi mi piace (Media sui % periodi) N. Fan % 2. Tabella 1. Sintesi delle prestazioni dei social, secondo i due periodi di analisi. Evidenziate In blu le colonne che si riferiscono al periodo di gestione della C.Lab. 21

23 ANALISI NETNOGRAFICA Grafo sociale di #weresilient elaborato a partire da più di 1200 conversazioni e oltre 3000 collegamenti 22

24 L analisi netnografica è stata condotta in occasione del Meeting Internazionale organizzato dalla Provincia di Potenza Verso una Resilienza Integrale delle Comunità ai Rischi di Disastri e ai Cambiamenti Climatici: Progressi e Prospettive Future dall'esperienza nella Provincia di Potenza sui temi della resilienza. In tale circostanza la C.Lab, in collaborazione con il gruppo di studio Netnografica (suo spin off sulle tematiche della Social Network Analysis), ha monitorato e analizzato tutte le conversazioni canalizzate dall hashtag ufficiale della campagna di comunicazione #WeResilient. In tale analisi si mostrano i risultati ottenuti per un intervallo di 9 giorni, tra le del 21/01/2015 e le del 28/01/2015, considerato particolarmente interessante vista la massima concentrazione delle conversazioni, così come mostrato in figura 1, e perché centrato sulle giornate del Meeting Internazionale. Figura 1. Andamento hashtag #WeResilient In tale periodo sono stati, dunque, osservati 1013 tweet, inviati da 154 utenti unici, che hanno generato una rete sociale composta da 2505 collegamenti, la cui composizione per tipologia d interazione è illustrata in figura 2. Come si osserva, la maggior parte delle interazioni è costituito da ReTweet (costituente circa il 77% delle conversazioni totali), ad indicare una comunità molto tesa all ascolto e al rilancio delle idee più interessanti, ma al contempo meno produttiva e prolifica. 23

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011 SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC Marketing Club, Parma Febbraio 2011 ERREA REPUBLIC Nel 2010 scoppia la moda dei pantaloni Erreà Drake. La linea si evolve in nuovi modelli e in nuovi

Dettagli

Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Media: Le attività ed i loro impatti DI COSA STIAMO PARLANDO? Ricapitolando I social media:

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE

TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE TREND ANALYSIS PER IL MODERN TRADE "Non so da dove cominciare disse il Coniglio Bianco. ''Comincia dal principio disse il Re, con aria grave e vai avanti finche' non arrivi alla fine: allora fermati".

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO 1 INTRODUZIONE I social media sono diventati uno strumento essenziale di comunicazione e marketing e vengono utilizzati da utenti di ogni fascia di età: dai teenager agli

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA

OSSERVATORIO ECO-MEDIA OSSERVATORIO ECO-MEDIA Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

I SOCIAL MEDIA GESTIRE. 29 Novembre 2013 / 30 Novembre 2013 Z2112.4 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION

I SOCIAL MEDIA GESTIRE. 29 Novembre 2013 / 30 Novembre 2013 Z2112.4 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

Lo stato dell arte delle strategie regionali di ricerca e innovazione in italia Palermo, 2 dicembre 2013

Lo stato dell arte delle strategie regionali di ricerca e innovazione in italia Palermo, 2 dicembre 2013 PON GAT 2007-2013 Asse I Obiettivo Operativo I.4 Progetto «Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali)» Lo stato

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

WEB 2.0 COSA PREVEDE L ULTIMA LEZIONE? 11/04/2014 STRUMENTI E TECNICHE

WEB 2.0 COSA PREVEDE L ULTIMA LEZIONE? 11/04/2014 STRUMENTI E TECNICHE WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 5: PRIVACY ED INSERZIONI FACEBOOK, TWITTER, STRUMENTI UTILI Tina Fasulo COSA PREVEDE L ULTIMA LEZIONE? Piccola digressione su impostazioni privacy Facebook su profili

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ALLA LARGA DAI PERICOLI A.S. 2013/2014 CON IL PATROCINIO IN COLLABORAZIONE Per l anno scolastico 2013/2014 ANCI Umbria, forte di un esperienza di 5 anni nella divulgazione di

Dettagli

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Il piano operativo Quando si opera su Web non ci si deve lanciare in operazioni disorganizzate valutando solamente i costi. È fondamentale studiare

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Social PA Analisi delle performance dei Comuni e delle Regioni su Facebook e Twitter

Social PA Analisi delle performance dei Comuni e delle Regioni su Facebook e Twitter Social PA Analisi delle performance dei Comuni e delle Regioni su Facebook e Twitter Vincenzo Cosenza Social Media Strategist Blogmeter Metodologia di analisi OBIETTIVO Rilevare le performance di Comuni

Dettagli

FondItalia fa un salto da te

FondItalia fa un salto da te FONDO FORMAZIONE ITALIA Campagna informativa 2011 FondItalia fa un salto da te PREMESSA I Fondi Paritetici Interprofessionali sono stati chiamati, in questa fase di crisi economica, a svolgere una funzione

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

risorse umane Quaero Psicologi & Associati Bologna - Pavia IL METODO

risorse umane Quaero Psicologi & Associati Bologna - Pavia IL METODO 2010 IL METODO Check-list dell emergenza Emergenza e solitudine: paradosso dell emergenza Emergenza e gruppo di lavoro Quadrante della coesione Software Attenzione sviluppo ai risultati: ottimizzazioni

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO diapositiva #1/9 LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO Internet come strumento di costruzione e gestione del consenso - Marco Artusi Prof. a contratto in Università di Modena e Reggio Emilia CEO LEN STRATEGY

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 INDICE 1. LA PREMESSA... 3 2. PERCHÈ IMPIEGARE FACEBOOK PER IL PROPRIO BUSINESS?... 4 3. CHE COS È MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL... 6 4.

Dettagli

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA

LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA LEZIONI APPRESE DEGLI STAKEHOLDER DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Venezia, Palazzo Grandi Stazioni 20 dicembre 2013 Benedetta Pricolo Regione del Veneto Unità di Progetto di Cooperazione

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Social Innovation AROUND Award

Social Innovation AROUND Award Social Innovation AROUND Award Social Innovation Around Award APPuntamento e Premio dell Innovazione Sociale, quest anno alla sua prima edizione, è una iniziativa di SIS Social Innovation Society che con

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Perché queste linee guida I progetti di ricerca scientifica creano valore ed hanno un forte impatto sull economia, ma spesso trovano grosse

Dettagli

Le performance delle testate giornalistiche italiane sui social media. Vincenzo Cosenza @vincos

Le performance delle testate giornalistiche italiane sui social media. Vincenzo Cosenza @vincos Le performance delle testate giornalistiche italiane sui social media Vincenzo Cosenza @vincos Perugia, 25 aprile 2013 Metodologia Oggetto dell analisi: 56 pagine facebook e 38 profili twitter dei quotidiani

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Provincia di Varese Servizio Controllo di Gestione e Reporting Pianificare per gestire Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Pianificare per gestire Amministrazione proponente:

Dettagli

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile.

CONTENUTI. Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. PROGETTO CONTENUTI Il Progetto Be Green mira a diffondere la cultura delle buone prassi nell ambito della Mobilità Sostenibile. L iniziativa, che si compone dell organizzazione di eventi e di una campagna

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Al servizio di gente unica Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Dati aggiornati al 30/07/2012 Premessa La Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

Expo2015 Social media report. Expo2015 Social media report Marzo 2015

Expo2015 Social media report. Expo2015 Social media report Marzo 2015 Expo2015 Social media report Expo2015 Social media report Marzo 2015 Quali sono state le attività di marzo del social media team di Expo 2015? Ogni mese pubblichiamo un report sulle nostre attività. Marzo

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO

AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO 1 AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO 2 PRIMA PARTE QUALI CONTENUTI? 3 IL SITO, LA VOCE UFFICIALE L organizzazione che vuole dotarsi di un sito Internet deve entrare progressivamente nell ottica di utilizzare

Dettagli

INDEX. www.augure.com 2

INDEX. www.augure.com 2 CONTENT STYLE GUIDE INDEX AUGURE, CHI SIAMO? DI COSA CI OCCUPIAMO PER CHI SCRIVIAMO? IL NOSTRO BLOG LINEA EDITORIALE USER EXPERIENCE LA SFIDA DEL CONTENUTO PERCHÈ DOVRESTI SCRIVERE SUL NOSTRO BLOG? QUAL

Dettagli

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information Inside Marketing rappresenta il passo in avanti necessario per lavorare in un ambiente sempre più multitasking e sempre più ricco di stimoli. Il

Dettagli

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Obiettivo del Report è quello di fornire un quadro delle attività dell Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Ente allo scopo di valutare

Dettagli

SCENARIO DIGITALE, ASCOLTO DELLA RETE E DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA

SCENARIO DIGITALE, ASCOLTO DELLA RETE E DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION SCENARIO

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

SOCIAL NETWORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA. Presentazione, Linee guida e Policy d'uso

SOCIAL NETWORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA. Presentazione, Linee guida e Policy d'uso SOCIAL NETWORK UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Presentazione, Linee guida e Policy d'uso Sommario - Introduzione - Social network e università in Italia (1) - Social network e università in italia (2)

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca, 20-10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Marketing 2.0 Web & social media marketing

Marketing 2.0 Web & social media marketing 1 Marketing 2.0 Web & social media marketing Progetto per lo sviluppo di traffico UTILE sul proprio dominio. Walter Garzena Introduzione 2 Il Web-Marketing 2.0 è caratterizzato da un elevata dinamicità

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE RESILIENT INDIVIDUALS AND COMMUNITIES MAKE A SAFE AND SUSTAINABLE WORLD

INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE RESILIENT INDIVIDUALS AND COMMUNITIES MAKE A SAFE AND SUSTAINABLE WORLD INDIVIDUI E COMUNITA RESILIENTI FANNO UN MONDO SICURO E SOSTENIBILE RESILIENT INDIVIDUALS AND COMMUNITIES MAKE A SAFE AND SUSTAINABLE WORLD POTENZA(26(+(27(GENNAIO(2015 Verso(una(Resilienza(Integrale(delle(Comunità(ai(Rischi(di(Disastri(e(ai(CambiamenH(ClimaHci:((

Dettagli

DONARE. Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene

DONARE. Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene PERSONE DONARE Fa parte dei bisogni primari dell uomo e lo fa sentire bene DONATORI Fonte: ricerca Italiani Solidali, Doxa, maggio 2013 TREND DONATORI IN ITALIA Fonte: ricerca Italiani Solidali, Doxa,

Dettagli

Social tools Renzo Tondo 2013. @kornfeind

Social tools Renzo Tondo 2013. @kornfeind Social tools Renzo Tondo 2013 @kornfeind Premessa: 1. I Social Network si confermano strumento di marketing non convenzionale e di mediazione tra contenuti e utenti online. Il ruolo fino ad oggi ricoperto

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

NetComm Suisse SOCIAL MEDIA HUB. #secc15

NetComm Suisse SOCIAL MEDIA HUB. #secc15 NetComm Suisse SOCIAL MEDIA HUB #secc15 Social Media Hub Il Concept Il Social Media Hub ideato da Consulentia 3.0 è uno spazio, creato su misura per i tuoi eventi, nel quale: - Un software per il monitoraggio

Dettagli

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni Facebook in numeri mobile Più di 350 MILIONI DI UTENTI accedono a Facebook attraverso device mobili. utenti Più di 800 MILIONI DI UTENTI ATTIVI. Il 50% di loro si logga ogni giorno e ha una media di 130

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli