PROCEDURA DI PRIMO INTERVENTO PER SOCCORSO ANIMALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA DI PRIMO INTERVENTO PER SOCCORSO ANIMALI"

Transcript

1 PROCEDURA DI PRIMO INTERVENTO PER SOCCORSO ANIMALI 1) Introduzione e scopi 2) Riferimenti normativi 3) Precauzioni e prevenzione 4) Sequenza da adottare per le azioni di pronto soccorso 5) Numeri utili per emergenze e segnalazioni 6) Obiettivi del presente lavoro 1) INTRODUZIONE E SCOPI Questa ricerca voluta da me, per alcuni aspetti come novità assoluta al livello nazionale, riguardante le azioni necessarie di primo soccorso per gli animali, con le annesse misure preventive di sicurezza stradale, é stata sviluppata in collaborazione con l'essenziale competenza e professionalità del Dott. Vincenzo Appicciutoli, con il quale mi lega amicizia e stima ed é volta a fornire utili conoscenze e strumenti per far fronte ad improvvise situazioni di pericolo di sicurezza stradale per noi, ma soprattutto per la salute dei nostri amici animali in genere, quando essi vengono coinvolti in incidenti sulle strade. Infatti a seguito di incidenti stradali con animali, oltre a raffigurarsi per i conducenti alla guida situazioni pericolose e danni anche gravi ai veicoli dovuti alla collisione proprio con essi, si configurano soprattutto scenari per i quali gli animali necessitano di immediate attenzioni e primo soccorso, ancor più oggi, con la specifica introduzione della nuova disposizione in materia. Molte volte é capitato che a seguito di animali investiti, quest'ultimi siano deceduti all'istante oppure non soccorsi abbiano perso la vita in seguito, con tutte le complicazioni, quali dolore, sofferenza, agonia, disorientamento, ecc. e siano diventati poi carcassa costituendo comunque fino alla loro rimozione dalla sede stradale un ostacolo, per cui i conducenti abbiano poi intrapreso azioni non corrette od improvvise per schivare quando possibile il corpo sulla strada, generando ulteriori situazioni critiche di sicurezza ed elevando così i rischi connessi all'intera circolazione stradale. Oppure molte volte purtroppo in altre occasioni sopravvissuti, riportando i postumi dei traumi, come menomazioni, malformazioni, segni permanenti, lesioni, ecc.. Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 1 di 14

2 Queste foto testimoniano la gravità dell'argomento in questione e questo lavoro si prefigge l'intento di ridurre le probabilità di accadimento di tali eventi, fornendo soprattutto utili consigli alla guida a noi tutti ed all'occorrenza la possibilità di intervenire ed aiutare i nostri amici in modo idoneo e tempestivo. Foto canigatti.eu Feb 2009 Montorio (TE) Gen Investito e morto, nessuno sapeva cosa fare. I soccorsi sono giunti molto tardi. Spiacevole ed orribile come l'indifferenza umana. VV.F. in soccorso al cane investito Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 2 di 14

3 Cane miracolato Nov Sulla SS16 per Mola di Bari, il conducente investe il cane a circa Km/h 100 e convinto di averlo ucciso prosegue per parecchi km prima di fermarsi e controllare i danni alla vettura! Una volta disincastrato il cane é crollato stremato, non solo per l'urto violento ricevuto, ma anche per aver viaggiato in quelle condizioni. Fermiamoci sempre!!! Istantanee dai video. Foto GeaPress.org Lug 2011 Palmi (RC) Incredibile e vergognoso per il genere umano! Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 3 di 14

4 Alla gara di GP2 del 2008 in Turchia, due cani liberi e spaventati hanno cominciato a correre lungo la pista. E' entrata subito la safety car, ma non si é riusciti ad evitare l'impatto con uno di questi, che é stato preso in pieno e purtroppo poi é morto. L'altro da solo ha poi trovato un varco per uscire dalla pista. Personalmente sono stato anche Ufficiale di Gara della CSAI. Questo evento si poteva tranquillamente evitare, gestendo meglio il controllo del tracciato di gara ed avvisando i piloti contemporaneamente all'entrata della safety car del pericolo in pista via radio e con bandiere. Anche queste scene non si devono più vedere! Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 4 di 14

5 Non solo cani, gatti possono essere coinvolti in incidenti, ma anche ricci, tassi, rettili, volatili, volpi, cinghiali, lepri, ecc. Per questo ci preme sottolineare, che l'immediato soccorso e rimozione dell'animale, non vuole egoisticamente essere inteso a vantaggio della nostra sicurezza stradale pur importante, ma in primis e soprattutto aver rispetto ed amore per fornire un immediato soccorso a dei veri amici e comunque esseri viventi come noi e quando essi ormai senza vita dare la giusta considerazione e dignità ad un corpo. Io aggiungo: loro ci aiutano e ci aiuterebbero sempre! Il mio contributo si limita al contorno delle azioni medico-sanitarie, quindi sostanzialmente per le precauzioni di sicurezza stradale da tenere nelle fasi iniziali e finali della presente procedura di soccorso agli animali, riguardanti gli aspetti di sicurezza della circolazione stradale intorno al tratto di strada interessato, proprio nei momenti di aiuto ai nostri amici bisognosi di cure ed attenzioni. Naturalmente il Dott. Appicciutoli (Medico Veterinario Dirigente ASL Roma/E) ha sviluppato sinteticamente e nel modo più esauriente possibile la parte più interessante dell'argomento principe di questo lavoro, anche per chi non ha esperienze con animali, determinando una sequenza di azioni sotto il profilo medico-veterinario da eseguire nei casi cui vedremo in seguito. Insieme abbiamo voluto fornire con questa novità una sequenza di azioni essenziali, semplici ma efficaci, una sorta di manuale di buona prassi, cioé un vademècum delle azioni da effettuare in simili occasioni, utili a tutti gli utenti della strada, (ormai almeno moralmente obbligati come da disposizione in materia C.d.S. ed avere in più delle nozioni necessarie, per far fronte ai casi che tratteremo nello specifico), proprio come suggerimento nelle operazioni di soccorso ai nostri amici a quattro zampe, tranquillizzando ed aiutando anche i soccorritori meno esperti e o restii nell'affrontare situazioni del genere, senza rinunciare nel prestare immediatamente soccorso nei momenti cruciali, molto spesso determinanti per la salvezza degli animali. Generalmente i danni riportati dagli animali in azioni connesse alla guida di autoveicoli possono riguardare sia gli animali trasportati che quelli su strada, ovvero vittime di incidenti da investimento o di altra natura e provenienza, ma rinvenuti sulle carreggiate. Ci occuperemo in questa sede dei danni riportati a seguito del trasporto ed investimento. Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 5 di 14

6 2) RIFERIMENTI NORMATIVI Ai sensi ed in filosofia alle modifiche del Codice della Strada L.120/2010 all'art.31 Disposizioni in materia di sicurezza stradale. (Modifiche agli articoli 177 e 189 del decreto legislativo n. 285 del 1992, in materia di mezzi di soccorso per animali e di incidenti con danni ad animali) Art. 31. (Modifiche agli articoli 177 e 189 del decreto legislativo n. 285 del 1992, in materia di mezzi di soccorso per animali e di incidenti con danni ad animali). 1. Al comma 1 dell'articolo 177 del decreto legislativo n. 285 del 1992, dopo il secondo periodo sono aggiunti i seguenti: «L'uso dei predetti dispositivi e' altresi' consentito ai conducenti delle autoambulanze, dei mezzi di soccorso anche per il recupero degli animali o di vigilanza zoofila, nell'espletamento dei servizi urgenti di istituto, individuati con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Con il medesimo decreto sono disciplinate le condizioni alle quali il trasporto di un animale in gravi condizioni di salute puo' essere considerato in stato di necessita', anche se effettuato da privati, nonche' la documentazione che deve essere esibita, eventualmente successivamente all'atto di controllo da parte delle autorita' di polizia stradale di cui all'articolo 12, comma 1». 2. All'articolo 189 del decreto legislativo n. 285 del 1992 e' aggiunto, in fine, il seguente comma: «9-bis. L'utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o piu' animali d'affezione, da reddito o protetti, ha l'obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subito il danno. Chiunque non ottempera agli obblighi di cui al periodo precedente e' punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 389 a euro Le persone coinvolte in un incidente con danno a uno o piu' animali d'affezione, da reddito o protetti devono porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso. Chiunque non ottempera all'obbligo di cui al periodo precedente e' soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 78 a euro 311». Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 6 di 14

7 C.d.S Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 Articolo 169 Trasporto di persone, animali e oggetti sui veicoli a motore. 6. Sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dell'art. 38 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n.320, è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale del D.T.T. Più esplicitamente in Italia l'art. 169 comma 6 del Codice della Strada consente liberamente di trasportare: un solo animale in auto libero nell'abitacolo, purché non disturbi o distragga il conducente; due o più animali trasportati in auto devono viaggiare in appositi contenitori o nel vano posteriore dell'auto separato da una apposita rete divisoria o simili, (che se permanente questa come struttura fissa nel veicolo, deve essere autorizzata dal Dipartimento per i Trasporti Terrestri). Contrariamente alle predette disposizioni di trasporto animali, queste violazioni sono punite con una sanzione amministrativa che và da 68,5 a 275,10 alla quale si aggiunge la decurtazione di 1 punto dalla patente di guida. (fonte Polizia di Stato). Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 7 di 14

8 3) PRECAUZIONI E PREVENZIONE Preparazione al viaggio. Quando portiamo con noi i nostri amici a quattro zampe sulle nostre auto, é opportuno scegliergli una sistemazione idonea, nel rispetto della norma di legge e per la sicurezza di tutti i viaggiatori, in quanto in caso di urto l'animale privo di cinture di sicurezza verrebbe sbalzato violentemente da una parte all'altra all'interno dell'abitacolo, potendosi così ferire e o riportare traumi seri. Conseguentemente valutare a secondo delle dimensioni e del carattere dell'animale, oltre che dalle abitudini acquisite nel tempo, se lasciare il cane/gatto libero nell'abitacolo, perché potrebbero verificarsi situazioni di pericolo mentre si é in marcia alla guida. E' anche vero che strutture rigide di separazione dell'abitacolo potrebbero provocare ai nostri animali contusioni e ferite in caso di incidenti. Quindi rivestire tali strutture divisorie di materiale soffice o scegliere materiali come reti elastiche di separazione in corda, oppure in metallo+rete, comunque il più possibile meno traumatiche in caso di incidenti, tamponamenti, ecc.. (Ricordate di verificare l'omologazione ed il marchio CE del prodotto). Poi prima di partire ed affrontare il viaggio, per gli animali é consigliabile che siano a stomaco vuoto, ricordandoci ovviamente di portare una ciotola e sufficiente acqua per dissetarli, anche se poi le soste solitamente effettuate in aree attrezzate, presentano l'opportunità di avere acqua fresca. In marcia quasi tutti i veicoli sono dotati di climatizzatore ed i finestrini sono solitamente chiusi. Nella necessità di aprirli per far meglio circolare e ricambiare l'aria non abbassarli troppo, per evitare il pericolo che saltino giù dall'auto in corsa. Le soste vanno effettuate al massimo ogni due ore o comunque quando necessita, in modo che possano effettuare i bisogni, sgranchirsi le zampe e dissetarsi. Una buona abitudine é tenere sempre a bordo dei nostri veicoli almeno l'occorrente necessario per far fronte ad un improvviso soccorso da effettuare sugli animali ed in definitiva anche per noi umani. Una dotazione minima può essere composta da: acqua, ghiaccio secco in buste pronte per l'utilizzazione in caso di traumi, garze in buste singole 10x10 o 20x20, In viaggio. guanti di lattice o simili disinfettante a base di sali d'ammonio quaternari in quanto dotato di alto potere antisettico, ma non scatenante bruciore e fastidio. Condurre i nostri veicoli, motoveicoli ecc., (rispettando le prescritte regole del C.d.S.) con prudenza e moderando sempre la velocità, rimanendo sempre in allerta su qualsiasi tipo e tratto di strada da improvvisi attraversamenti di animali, sia domestici che selvatici, soprattutto ove indicato chiaramente dalla segnaletica specifica: Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 8 di 14

9 Segnali di pericolo: Animali domestici vaganti Animali selvatici vaganti Presegnalano un tratto di strada con probabile attraversamento, anche improvviso di animali. Solo in alcuni orari è più probabile incontrare animali lungo la strada, prevalentemente alle prime ed alle ultime ore di luce della giornata, durante le quali gli animali selvatici si spostano in cerca di cibo. Gli animali che compiono queste migrazioni giornaliere utilizzano sovènte gli stessi percorsi, perciò i gestori delle strade sono in grado di stabilire e segnalare con dei cartelli i punti dov è più probabile incontrarli in transito. Questi cartelli non vanno assolutamente trascurati ed è bene moderare ulteriormente la velocità come indicato. Quando l incontro con un animale avviene nelle ore notturne, la luce dei fari li blocca per alcuni istanti cruciali. Bisogna quindi frenare immediatamente, abbassare le luci e attendere che si allontani senza spaventarlo. Ad esempio questo valore statistico di collisioni con animali selvatici, fornisce sicuramente il reale valore per la tipologia di incidenti, a cui non é possibile non riflettere e rimanere indifferenti. Infatti solo in Germania ogni anno di questi incidenti se ne verificano circa , che nel 2005 hanno comportato feriti e in 14 casi il decesso dei conducenti o dei passeggeri dei veicoli. Quando capita di incontrare animali che transitano sulle sedi stradali frenare, frenare, frenare tempestivamente e nel caso dobbiamo proseguire farlo a velocità ridottissima a passo d'uomo e a debita distanza, proprio per non spaventarli, perché non sono dei birilli! Valutare se opportuno fermarsi immediatamente per aiutarli, oppure seguirli a distanza senza intimorirli, scortandoli e proteggerli dagli altri veicoli sopraggiungenti facendo capire le nostre intenzioni per raggiungere un luogo più sicuro per soccorrerli ed all'occorrenza avvertire le FF.OO. oppure numeri specifici per tali servizi dedicati. Allo stesso modo avvisare se qualcuno ha investito l'animale e ha proseguito senza prestare soccorso e comunque fornire tutte le indicazioni utili del caso specifico. Fare attenzione a non passare sopra con i veicoli sulle buste, sacchi e cartoni che giaciono in mezzo la carreggiata od al lato della stessa. Questi potrebbero nascondere all'interno animali, cuccioli di animali, sassi od altro! Se la circostanza vi suggerisce di controllare il contenuto, in funzione della strada, del traffico, ecc., eseguire le manovre di rallentamento e sosta nella più totale sicurezza. Se non potete fermarvi, ma avete avuto la certezza e o la sensazione del contenuto, per cui necessita un intervento, chiamare immediatamente le FF.OO e fare una segnalazione, fornendo tutte le informazioni specifiche. Sarà comunque una segnalazione utile per la sicurezza stradale. In caso di un incidente stradale tra veicoli, ma con a bordo degli animali trasportati, tranquillizzare l'animale e fare attenzione che non scappi a causa della paura vissuta, incorrendo anche in gravi pericoli, come rischiare di venire investito o di perdersi del tutto, proprio quando egli avrebbe bisogno di essere tranquillizzato e di avere eventuali e tempestive cure mediche. Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 9 di 14

10 4) SEQUENZA DA ADOTTARE PER LE AZIONI DI PRONTO SOCCORSO Le condizioni morbose che richiedono per la loro gravità un intervento immediato sono le seguenti: - insufficienza respiratoria - arresto cardiaco - emorragie massive - shock profondo - ferite penetranti - perdita di coscienza - avvelenamenti acuti - lesioni traumatiche massive dell'apparato muscolo scheletrico Ovviamente l'elenco appena redatto non rientra nelle specificità di azione di un comune guidatore/ proprietario, ma è stato fornito soltanto per illustrare un quadro delle possibilità che possono verificarsi. Senza dubbio i traumi più frequenti sono: per trasporto: - colpo di calore o di sole. per investimento: - fratture, - ferite. Innanzitutto la manovra principale propedeutica al soccorso è costituita dal corretto posizionamento in sicurezza del veicolo oggetto dell'investimento o che agisce in soccorso di terzi, oppure di allontanamento del soggetto infortunato dal sito dove si è verificato l'evento (es: estrazione del cane / gatto dall'autoveicolo in caso di colpo di calore): allorquando vediamo un animale a terra o siamo noi ad investirlo rallentare e fermarsi accostando al lato strada facendo attenzione a non creare situazioni di pericolo alla corrente di traffico che ci segue; una volta posizionato il nostro veicolo preferibilmente prima dell'animale, in funzione della dinamica incidentale (in modo da essere protetti dal nostro veicolo nelle fasi di soccorso dai veicoli sopraggiungenti), comunque nel miglior modo da essere in vista (luci posizione, luci emergenza e triangolo), ma senza essere d'intralcio, indossare il gilet riflettente, fare cenni ai veicoli che transitano di rallentare, prendere l'occorrente di primo soccorso in auto ed avvicinarsi all'animale con molta precauzione, sempre dal lato più distante dal transito veicoli; l'avvicinamento all'animale deve avvenire con grande cautela al fine di non provocare la sua fuga se nelle possibilità di farlo, od una reazione avversa (morso o graffio) in quanto il soggetto si trova in profondo stato di sofferenza e disagio sia psichico che fisico; Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 10 di 14

11 fare una prima valutazione se l'animale é vivo o morto, controllando l'attività respiratoria, comunque in ogni caso adoperarsi o chiamare i soccorsi! Nel caso spostarlo con cautela senza procurargli altri danni al lato della carreggiata più distante al transito veicolare per meglio operare in sicurezza riducendo i rischi di tipo stradale, aiutandosi con un panno, asciugamani o altro, usandoli a guisa di barella; prestare soccorso secondo le modalità descritte per i seguenti casi: Colpo di calore e o di sole (Trasporto) In caso di colpo di calore ( l'evento è sempre più improbabile grazie alla presenza di aria condizionata nelle autovetture), facilmente diagnosticabile dal guidatore in quanto l'animale si presenta fortemente ansimante ( respirazione frequente e superficiale) e con sguardo assente, ci si deve porre al più presto in posizione di ombra, estraendo subito l'animale fuori dall'autoveicolo e bagnandolo abbondantemente con acqua. Si provvederà anche a porre la busta di ghiaccio secco sulla testa dell'animale, preventivamente attivata mediante schiacciamento previsto per l'utilizzo corretto. Attendendo poi gli eventi si assicurerà comunque costantemente ombra e sufficiente ventilazione esterna. Il colpo di sole è senza dubbio meno frequente, ( provocato dall'esposizione diretta ai raggi solari) ed in caso di accertamento si procederà con la stessa modalità del colpo di calore. Per i motivi sopra esposti si deve evitare di lasciare la macchina con i finestrini chiusi, parcheggiata, con l'animale all'interno, perché la temperatura nell'abitacolo sale sensibilmente e molto rapidamente! Solo in casi eccezionali e solo per pochi minuti e di gravità lasciare i finestrini aperti e porre possibilmente l'auto all'ombra con l'animale a bordo, con la precauzione che non salti giù dal veicolo in nostra assenza. Dovrebbe essere poi soltanto il buon senso ad evitare sofferenze al proprio amico a quattro zampe ma se lo lasciate in auto in condizioni critiche, magari con l'auto posteggiata, finestrini chiusi e temperature estreme, siete passibili anche di condanna penale prevista dall'art. 727 del Codice Penale. Segnalare tempestivamente eventuali episodi alle FF.OO. Fratture (Investimento) In caso di fratture si deve, come sopra accennato, avvicinarsi con cautela, cercare di individuare l'arto fratturato ma non agire con fretta in quanto si deve innanzitutto tranquillizzare l'animale. Se possibile si può immobilizzare l'arto con materiale di fortuna ( es. usando il triangolo chiuso in dotazione dell'autovettura, un ramo sul ciglio della strada e/o cravatta ) e poi posizionare l'animale su un telo ( lenzuolo, accappatoio ecc), ove disponibile, al fine di non maneggiare troppe volte il soggetto nelle operazioni di carico e scarico dall'autoveicolo. Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 11 di 14

12 Ferite (Investimento) In caso di ferite ci si dovrà accertare circa la copiosità delle perdite ematiche e se necessario e possibile, dovrà essere posto un laccio ( corda, cravatta, foulard, striscia di tessuto, ecc) a monte della ferita se di un arto, che potrà poi essere contestualmente lavata con acqua a disposizione in macchina. Una volta completate le operazioni mediche prendere e posizionare l'animale sulla nostra vettura e trasportarlo con le dovute precauzioni alla clinica più vicina; nell'abbandonare il tratto di strada, scenario delle operazioni di soccorso all'animale ripartire in sicurezza avendo rimosso il triangolo, guidando in modo prudente considerando il danno specifico dell'animale, ma nel contempo con un'andatura sostenuta quanto basta per raggiungere prima possibile la struttura sanitaria. Per farsi riconoscere dagli altri utenti della strada che siamo in emergenza, sventolare un fazzoletto bianco dal finestrino. Se siamo soli incastrarlo al finestrino post. del lato guida, oppure farlo sventolare dai passeggeri se siamo più di una persona a bordo; raggiunta la struttura sanitaria avvertire il personale medico fornendogli in quel momento informazioni in modo sintetico sull'accaduto; attenersi poi alle indicazione dei medici per le fasi post-traumatiche e burocratiche. Adesso adoperiamoci! Ora sappiamo come aiutarli tempestivamente ed in modo idoneo! Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 12 di 14

13 5) NUMERI UTILI PER EMERGENZE E SEGNALAZIONI: Senza indugiare chiamare comunque i seguenti numeri e segnalare l'evento e nel caso farsi mettere in contatto con un pronto soccorso veterinario della zona più vicino, per l'azione più idonea da adottare: 112 Arma dei Carabinieri, oppure : numero verde sempre del Comando Carabinieri per la tutela dell'ambiente per segnalare emergenze legate ad abbandoni o maltrattamenti di animali. Si può anche scrivere a 113 Polizia di stato 1515 Corpo Forestale dello Stato 115 Corpo Nazionale Vigili del Fuoco SMS al num , numero per animali abbandonati e smarriti solo su autostrade. Sarà possibile inviare un SMS dal proprio telefono cellulare per segnalare l'avvistamento di cani abbandonati e in pericolo solo sui tratti autostradali italiani CCISS Viaggiare Informati - traffico e viabilità Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 13 di 14

14 6) OBIETTIVI DEL PRESENTE LAVORO Annullare proprio i tempi d'inattività per il mancato soccorso, nell'attesa di un probabile intervento delle autorità e delle figure competenti, ma essere in grado di agire direttamente ed iniziare sin da subito il soccorso cui necessita l'animale, per poi proseguire le cure ed eventuali esami nella struttura veterinaria. E' in fase di studio e preparazione il kit medico-veterinario pratico ed essenziale a basso costo per gli animali, da tenere a bordo su tutti i tipi di veicoli. Elaborazione statistiche incidenti avvenuti per comprendere le cause e rafforzare i punti deboli del sistema conducente-veicolo-infrastruttura. Sviluppare una mappa degli incidenti accaduti per migliorare l'infrastruttura e le protezioni sulle sedi stradali, per evitare l'attraversamento degli animali, proprio con la realizzazione di barriere anti-attraversamento, passaggi sotterranei o al di sotto del manto stradale per le sezioni stradali in rilevato. L Autore di questo sintetico ma utile lavoro, in virtù dell'evolversi delle normative del settore sicurezza e salute sulle strade e delle relative necessità pratiche, vuole farsi promotore rivendicando la paternità di proporre di introdurre come novità negli argomenti per il conseguimento patente di guida per veicoli, il primo soccorso sanitario sia per gli umani che per gli animali, con relativo kit veterinario per quest'ultimi da tenere sui veicoli, credendo sia utile tralasciare di approfondire argomenti tecnici, come il motore od altro, che non verranno praticamente quasi mai applicati dal conducente con la vettura in panne, ma solo accennare al candidato le conoscenze per questi argomenti, ostico soprattutto al gentil sesso e di introdurre invece materie più importanti e utili per la nostra ed altrui salute e sicurezza. Con tale lavoro, che é libero di essere divulgato integralmente, sia in forma cartacea che elettronica, per la sensibilizzazione di un argomento così a cuore ed importante, sono convinto di aver aggiunto assieme al Dott. Vincenzo Appicciutoli, un qualcosa in più per migliorare la convivenza con i nostri amici animali, al fine di innalzare sempre più il rispetto e l'amore nei loro riguardi! Tenete sempre sui vostri veicoli un copia formato tascabile della presente procedura o almeno le pagine ritenute da voi più utili ed interessanti al fine delle corrette azioni da eseguire. Buon viaggio ed una carezza ai nostri amici animali! Paolo Castorino Roma, luglio 2011 copyright All rights reserved Pag 14 di 14

PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA

PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA 2 Inquadramento territoriale A24: 165 km A25: 116 km 3 Parchi Nazionali (Gran Sasso e Monti della Laga, della Majella, di Abruzzo, Lazio e Molise) 1 Parco Regionale

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net www.dirittoambiente.net NESSUN LIMITE PER SALVARE UN ANIMALE IN DIFFICOLTA Giudice di Pace di Offida, sentenza n.1 del 9 gennaio 2012 a cura dell Avv. Carla Campanaro Una recentissima sentenza del Giudice

Dettagli

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici A cura di: Sandro Nicoloso Cosa dice il codice della strada? Art. 189. Comportamento in caso di incidente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE

VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE VIAGGIARE IN MACCHINA CON IL CANE Quattrozampeinfiera 7-8 giugno 2014 Novegro Manuela Michelazzi, DVM Specialista in Etologia Applicata e Benessere Animale 1) CONSIGLI PER IL VIAGGIO Verificare che la

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- ART. 189 - Comportamento in caso

Dettagli

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA Questa brochure nasce con un obiettivo importante: fornire agli automobilisti e ai cittadini consigli utili

Dettagli

Il Primo Soccorso: introduzione

Il Primo Soccorso: introduzione Il Primo Soccorso: introduzione OBIETTIVI: Primo soccorso: definizione e importanza Autoprotezione e valutazione della scena Valutazione dell'infortunato Chiamata di soccorso al 118 COS'E' IL PRIMO SOCCORSO:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Regolamento per l'accesso, l'uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani.

Regolamento per l'accesso, l'uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani. Città di Lecce Regolamento per l'accesso, l'uso e la gestione delle aree di sgambatura per cani. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 88 del 29 ottobre 2012 COMUNE DI LECCE Regolamento

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet

http://alca.intra.infocamere.it/esam/esamiquestservlet Pagina 1 di 6 NORME DI COMPORTAMENTO TAXI ED AUTONOLEGGIO CON CONDUCENTE 1) Qual è la formula assicurativa R.C.A. che premia l'assicurato che nel corso dell'anno non ha provocato danni a terzi? A [*] Bonus-Malus

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR COMUNE DI QUART VALLE D AOSTA COMMUNE DE QUART VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL PARCHEGGIO COMUNALE NON CUSTODITO PICCOLO TORINO IN LOCALITÀ BAS VILLAIR Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcooliche. 2. Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO Per primo soccorso si intende l insieme di comportamenti, manovre e cure da effettuarsi nell immediatezza di un infortunio o di un malore improvviso

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

CENNI DI LEGISLAZIONE

CENNI DI LEGISLAZIONE CENNI DI LEGISLAZIONE L articolo 593 del Codice Penale prescrive, in via generale, che ogni cittadino che trovi un corpo umano inanimato o una persona ferita o altrimenti in pericolo, deve prestare l assistenza

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

CAPITOLO 7 SICUREZZA

CAPITOLO 7 SICUREZZA CAPITOLO 7 SICUREZZA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 Attività di prevenzione e controllo Gli agenti di Polizia Locale nel 2007 in servizio diurno sono dodici, cui se ne aggiungono tre

Dettagli

..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO..

..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO.. ..GLI ARGOMENTI DEL GIORNO.. IL PRIMO SOCCORSO CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Provinciale VV.d.S. TERNI PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l insieme di azioniche un soccorritore occasionalecompie per

Dettagli

TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO

TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO SIAMO AL TUO FIANCO SEMPRE SOPRATTUTTO NEI MOMENTI DIFFICILI Sulla strada è importante essere prudenti, rispettare con

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI IL MINISTRO DELLA SALUTE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 24 gennaio 2011, n. 19 Regolamento sulle modalita' di applicazione in ambito ferroviario, del decreto 15 luglio 2003, n. 388, ai sensi dell'articolo

Dettagli

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO Cittadinanzattiva/ Active Citizenship Network ha realizzato la Carta Europea dei Diritti del Malato Questa guida vuole essere uno strumento per portare

Dettagli

Il primo soccorso veterinario ed i nuovi obblighi derivanti dalle innovazioni al codice della strada introdotte con legge 120/2010

Il primo soccorso veterinario ed i nuovi obblighi derivanti dalle innovazioni al codice della strada introdotte con legge 120/2010 Il primo soccorso veterinario ed i nuovi obblighi derivanti dalle innovazioni al codice della strada introdotte con legge 120/2010 Aspetti legislativi ed organizzativi Dr. Marino Mario Le nuove disposizioni

Dettagli

Il poggiatesta ti protegge.

Il poggiatesta ti protegge. Il poggiatesta ti protegge. Anche il conducente più attento e prudente può rimanere coinvolto in un incidente. Ma qualche semplice misura preventiva contribuisce ad attenuare le conseguenze di un incidente.

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

COMUNE di PADERNO D'ADDA

COMUNE di PADERNO D'ADDA COMUNE di PADERNO D'ADDA c.a.p. 23877 PROVINCIA DI LECCO Allegato A File: RegolparcheggioTAMBORINI\2013 REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO COMUNALE DI PALAZZO TAMBORINI Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore?

Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore? a cura del Comando di Polizia Locale del Comune di Trasacco Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore? COS E UN VEICOLO? Per veicoli si intendono tutte le macchine di qualsiasi

Dettagli

CORSO RECUPERO PUNTI PATENTE

CORSO RECUPERO PUNTI PATENTE FAQ CORSO RECUPERO PUNTI PATENTE A chi sono rivolti? I corsi organizzati dal Comune di Prato sono destinati ai titolari di patenti cat. A1, A, B e B+E, che hanno ricevuto la comunicazione dell'anagrafe

Dettagli

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico

Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM) in via n. recapito telefonico Protocollo Al Comune di COLONNA Ufficio Polizia Locale 00030 COLONNA (RM) Oggetto: Richiesta/o Rinnovo contrassegno di parcheggio per disabili. Il sottoscritto nato a ( )il / / e residente a Colonna (RM)

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Autocaravan & Assicurazione Incredibili novità

Autocaravan & Assicurazione Incredibili novità 64 Associazione Nazionale Autocaravan & Assicurazione Incredibili novità Dal 1 luglio 2009 novità notevoli e significative nella polizza STRADA incamper Nel numero scorso, da pagina 93 a pagina 99 avevamo

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi

La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi La soluzione intelligente per gestire la vostra flotta taxi Dite addio ai vostri vecchi terminali di bordo, alle ore passate vicino alle colonnine in attesa di una chiamata, alle polemiche con i colleghi

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta!

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! Premessa Premessa In auto Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! In bicicletta pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 15 pag. 21 pag. 23 In Italia, ogni anno,

Dettagli

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005

La Fondazione ANIA collabora con la Polizia Stradale al progetto ICARO dal 2005 La Fondazione Ania per la sicurezza stradale La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale nasce nel 2004 per volontà delle Compagnie di assicurazione, al fine di contribuire all impegno assunto da tutti

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ

Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ Reggio Emilia PIANO NEVE 2012-2013 INFORMAZIONI E SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE INSIEME LE NEVICATE IN CITTÁ ANCHE TU PER ESEMPIO DIVENTA VOLONTARIO PER L EMERGENZA NEVE Anche quest anno il Comune, in collaborazione

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Aggiornato con le modifiche introdotte dal DM 20.01.2015 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 29 luglio 2003 Programmi dei corsi per il recupero dei punti della patente di guida. (GU

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

I riflessi giusti in caso d incidente. I riflessi giusti in caso di guasto B-01283.1.0.I/03.13/2/PIN/MM

I riflessi giusti in caso d incidente. I riflessi giusti in caso di guasto B-01283.1.0.I/03.13/2/PIN/MM Altre domande? TCS Carta Aziendale Ci contatti: 0842 440 440 0844 888 112 azienda@tcs.ch www.tcs.ch/azienda Helpcard In caso di guasto o d incidente In Svizzera 0800 808 114 All estero +41 58 827 63 16

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SIENA DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 27/D INTEGRAZIONE DELL'ORDINANZA SINDACALE N. 40/D DEL 18 GIUGNO 1994 AI FINI DELL'ATTUAZIONE DEL SISTEMA "TELEPASS" PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti VISTO il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, come da ultimo modificato dal decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, recante Attuazione delle direttive

Dettagli

Vaudoise Assistance Sempre al vostro fianco. 0800 811 911 +41 21 618 88 88 Un servizio gratuito per aiutarvi immediatamente

Vaudoise Assistance Sempre al vostro fianco. 0800 811 911 +41 21 618 88 88 Un servizio gratuito per aiutarvi immediatamente Vaudoise Assistance Sempre al vostro fianco 0800 811 911 +41 21 618 88 88 Un servizio gratuito per aiutarvi immediatamente Prendiamo le vostre difese Juris Help La polizia vi ferma per un presunto eccesso

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE LE NORME DEL D.M. 388/03 LE RESPONSABILITA DEL PERSONALE SCOLASTICO PRESENZA

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

Lista di controllo Veicoli battipista

Lista di controllo Veicoli battipista Sicurezza realizzabile Lista di controllo Veicoli battipista Qual è il livello di sicurezza durante la guida e la manutenzione dei veicoli battipista nel servizio piste? L uso e la manutenzione dei veicoli

Dettagli

ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI

ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI ESENZIONE PEDAGGI AUTOSTRADALI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA Art.373 Pedaggi (Art.176 del codice della strada) 1. Al pagamento del pedaggio, quando esso è dovuto,

Dettagli

D.M. 20 dicembre 2005 (1). Segnaletica che deve essere apposta nelle aree sciabili attrezzate.

D.M. 20 dicembre 2005 (1). Segnaletica che deve essere apposta nelle aree sciabili attrezzate. D.M. 20 dicembre 2005 (1). Segnaletica che deve essere apposta nelle aree sciabili attrezzate. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 24 dicembre 2005, n. 299. -------- IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA MATERNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MORETTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA

REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA PROVINCIA DI CREMONA POLIZIA LOCALE Via Ponte Rino n. 9 Tel. 0373/74325 Fax 0373/74036 REGOLAMENTO COMUNALE DETENZIONE E TUTELA RAZZA CANINA Approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO. AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08

CORSO DI PRIMO SOCCORSO. AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08 CORSO DI PRIMO SOCCORSO AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08 ARGOMENTI CORSO AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO per aziende di gruppo B e C (4 ore), ex D.M. 388/2003 e D.Lgs. 81/2008 UNICA

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati. IL

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI ALLA CITTADINANZA

INFORMAZIONI UTILI ALLA CITTADINANZA N. 03/05 COMUNE DI CAMPONOGARA CORPO POLIZIA LOCALE REGIONE VENETO INFORMAZIONI UTILI ALLA CITTADINANZA CORPO POLIZIA LOCALE Piazza Mazzini, 1 30010 CAMPONOGARA (VE) Tel. 041.5139944-45 Fax 041.5139952

Dettagli

Comune di Golfo Aranci (OT)

Comune di Golfo Aranci (OT) Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2015 Sottoscrive il documento: Pier Luigi Ciolli Comune di Golfo Aranci (OT) Errare è umano. ma perseverare NUOVI DIVIETI ALLE AUTOCARAVAN L ostilità del Comune di Golfo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai:

Unità 1. Numeri di emergenza. Lavoriamo sulla comprensione. In questa unità imparerai: Unità 1 Numeri di emergenza In questa unità imparerai: I principali numeri di emergenza le parole relative alle emergenze più comuni l uso di alcuni avverbi e locuzioni avverbiali di modo ad alta frequenza:

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Il cliente che non si trova al punto di partenza 10 minuti prima del orario stabilito non vengono aspettati dall autobus. I Passeggeri che pagano andata e ritorno hanno il

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

Unità di Protezione Civile

Unità di Protezione Civile CAMELOT PIEMONTE?! E una Unità di Protezione Civile -iscritta nel registro delle Onlus di P.C. della Regione Piemonte -Si occupa di messa in sicurezza di animali da reddito e compagnia e di aiuto ai loro

Dettagli

COLPO DI CALORE: COME RICONOSCERLO E COSA FARE

COLPO DI CALORE: COME RICONOSCERLO E COSA FARE : COME RICONOSCERLO E COSA FARE Le temperature elevate estive sono PERICOLOSE per i nostri amici a quattro zampe, si rischia il COLPO DI CALORE che è un innalzamento della temperatura corporea, che nel

Dettagli

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori Regolamento

Dettagli

Legge 24 dicembre 2003, n. 363. "Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo"

Legge 24 dicembre 2003, n. 363. Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo Legge 24 dicembre 2003, n. 363 "Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 5 gennaio 2004 Capo I FINALITÀ E AMBITO

Dettagli

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO L art. 174 del CDS disciplina, come ben sappiamo, la durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose. Tale articolo, completamente rinnovato dalla

Dettagli