La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l'esperienza della Regione Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l'esperienza della Regione Lazio"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Gabriella Guasticchi, Antonella Polenta, Maurizio Di Giorgio, Paolo Giorgi Rossi La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l'esperienza della Regione Lazio [2003] Pubblicato in Aspetti sanitari della sicurezza stradale, a cura di Franco Taggi, Istituto Superiore di Sanità, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma, 2003, pp Il contenuto di questa pubblicazione può essere utilizzato citando la fonte nel modo seguente: Gabriella Guasticchi, Antonella Polenta, Maurizio Di Giorgio, Paolo Giorgi Rossi, "La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l'esperienza della Regione Lazio", in Aspetti sanitari della sicurezza stradale, a cura di Franco Taggi, Istituto Superiore di Sanità, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma, 2003, pp

2 La sorveglianza del Pronto Soccorso nella determinazione degli accessi per incidente stradale: l esperienza della Regione Lazio* Gabriella Guasticchi, Antonella Polenta, Maurizio Di Giorgio, Paolo Giorgi Rossi Agenzia di Sanità Pubblica - Regione Lazio Introduzione Nella Regione Lazio su circa 5.4 milioni di abitanti si registrano circa decessi per anno dovuti a trauma, di cui il 73.5% nella città di Roma (1). La mortalità associata agli incidenti stradali rappresenta il 6,14% della totalità dei decessi per trauma (1). Il Piano Sanitario Nazionale si pone l obiettivo di ridurre la mortalità per incidente stradale in media del 20% e comunque non meno del 20% nella fascia di età compresa fra i 15 e i 24 anni (2), il cui tasso di mortalità, rilevato dall ISTAT nell anno 1998 (3. Istat 98), è pari a 28.9 su residenti per i maschi e a 6.6 su per le femmine. Il Piano Nazionale per la Sicurezza Stradale, elaborato su iniziativa del governo, mira, invece, a una riduzione del 40% del numero dei morti e dei feriti sulle strade entro l anno 2010 (4). Nel Lazio, prima dell attivazione del sistema informativo dell emergenza sanitaria, che ha reso possibile monitorare la casistica degli accessi nei Pronto Soccorso per incidente stradale, questa tipologia di eventi era desumibile o dal registro cartaceo di Pronto Soccorso, in quanto esisteva l obbligo di registrazione degli incidenti stradali, o da altre fonti informative indirette: quali il RENCAM (Registro Nominativo delle Cause di Morte) (1) e il SIO (Sistema Informativo Ospedaliero) (5) attraverso il quale si può seguire il percorso clinico del paziente ricoverato. Si deve, inoltre, considerare che i dati riguardanti gli infortuni da incidente stradale sono rilevati da soggetti diversi (forze dell ordine, compagnie di assicurazione, ACI), ciascuno dei quali ha differenti metodi e obiettivi rispetto alla rilevazione stessa. Per questo motivo è spesso * Il presente lavoro è stato svolto nell ambito dell Accordo Quadro tra Istituto Superiore di Sanità e ASP - Lazio sui problemi degli incidenti e della violenza e fa parte delle ricerche promosse all interno del Progetto DATIS (Accordo Quadro Istituto Superiore di Sanità - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sulla sicurezza stradale). 98

3 difficile ricostruire le dinamiche che legano l incidente con le conseguenze sulla salute. Così come è spesso problematico ricostruire e descrivere gli aspetti che riguardano, oltre alla morbosità e mortalità, gli esiti in termini di disabilità e inabilità e i costi sociali e sanitari che da esse derivano. Ciò determina incompletezza nella descrizione del fenomeno e difficoltà ad avere informazioni su cui strutturare e valutare l attività di prevenzione. E utile pertanto disporre di un sistema di sorveglianza che permetta di descrivere il fenomeno degli infortuni da incidente stradale, di monitorarne l andamento e avere un punto di riferimento per la valutazione dell impatto degli interventi di prevenzione. Tale sistema si basa sull utilizzo di indicatori descrittivi di specifici aspetti del fenomeno, ricavabili da data base comuni, attendibili, facilmente e uniformemente rilevabili e omogenei nei contenuti. Nell ambito della riorganizzazione del sistema Emergenza/ Urgenza del Lazio, l esigenza di valutare le caratteristiche della domanda di cure urgenti, il processo assistenziale e i suoi esiti ha posto le basi per l istituzione del Sistema Informativo dell Emergenza Sanitaria (SIES), a integrazione del Sistema Informativo Ospedaliero (SIO). Tale sistema, preposto alla registrazione omogenea delle attività ospedaliere di PS/DEA, è stato attivato, ai sensi della DGR 7628/1999, dal 1 gennaio 1999(6). La rete di emergenza si estende sul territorio regionale con 60 strutture, suddivise, in base al grado di specializzazione, alla dotazione di attrezzature diagnostiche, al tipo di cure offerte, in PS e DEA di 1 e 2 livello. All interno di ciascuna struttura sono tenuti all adempimento dell obbligo informativo SIES sia i Pronto Soccorso generali, che eventuali Pronto Soccorso di specialità. Lo strumento informatico di supporto alle attività di PS è rappresentato da GIPSE (Gestione Informazioni Pronto Soccorso Emergenza) che consente l assolvimento dell obbligo informativo del SIES. GIPSE si articola in due moduli: GIPSE/PS, per la gestione dei PS e per la raccolta delle informazioni SIES e GIPSE/AC per l accettazione e il controllo della qualità degli archivi SIES. I dati, archiviati su supporto magnetico, vengono trasmessi, con cadenza trimestrale, all Agenzia di Sanità Pubblica (ASP), dove vengono sottoposti a procedure per verificarne la conformità, la completezza e la qualità, nonché a controlli analitici. Le aree informative del SIES sono rappresentate dall anagrafica del paziente, dalle modalità e condizioni cliniche all entrata, dalle diagnosi e procedure e dall esito dell assistenza prestata. Al fine di rendere più esaustive le informazioni raccolte, in alcuni campi, quali modalità di entrata, inviato da, problemi principali, triage, luogo del trauma, esito, sono state inserite alcune specifiche volte a conferire una descrizione più dettagliata del fenomeno. Per garantire la riservatezza dei dati personali sensibili, ai sensi degli artt. 22 e 23 della legge 675/96 (7), il trattamento dei dati avviene attraverso l uso di due file disgiunti (file A: dati anagrafici; file B: dati sanitari). Il ricongiungimento dei file avviene solo per il tempo necessario alla fase di accettazione, al termine della quale vengono prodotti dei report, indicanti, per ciascuna informazione, la percentuale di errore riscontrata. La rilevazione dei dati relativi agli accessi per trauma da incidente stradale 99

4 nelle strutture dell emergenza del Lazio consente, quindi, di descrivere l andamento del fenomeno sia per quanto riguarda la morbosità e mortalità, sia per quanto riguarda la gravità delle lesioni conseguenti al trauma. Attraverso linkage con altri sistemi informativi sanitari è possibile seguire il percorso, negli aspetti diagnostico-terapeutici e negli esiti, del paziente che dalla struttura di pronto soccorso sia stato successivamente ricoverato in reparto di degenza medica o chirurgica. Tale rilevazione, inoltre, costituisce la base per attivare, monitorare e valutare le iniziative rivolte alla prevenzione del rischio specifico. orso za) Materiali e Metodi La fonte dei dati. Sono stati utilizzati i dati del Sistema Informativo dell Emergenza Sanitaria, riferiti agli accessi in Pronto Soccorso nell anno 2000, per un totale di record. Nello studio sono state prese in considerazione le seguenti variabili: problemi principali, luogo del trauma, diagnosi principale, modalità di accesso, triage, esito, distretto corporeo. Alcune di queste variabili, quali la modalità di accesso, l esito e l ora di arrivo in Pronto Soccorso sono state, poi, rapportate al triage. Criteri di selezione degli incidenti stradali (figura 1). Sono stati utilizzati i accessi al PS del 2000 rilevati dal sistema informativo al 30/9/2001. Sono stati selezionati gli accessi dove la variabile luogo del trauma, che deve essere compilata solo in caso di trauma, riportava la modalità strada. Da questi sono stati selezionati tutti quelli con diagnosi principale o secondaria di trauma (codici ICD 9 CM ), eccetto le diagnosi di corpo estraneo in orefizio diverso dall occhio e postumi remoti di trauma (i codici ICD-9-CM sono riportati in appendice). Gli accessi senza una diagnosi di trauma sono stati scartati con l eccezione delle diagnosi che più probabilmente potevano sottendere a complicanze immediate di un trauma come, ad esempio, cervicalgia o emorragia intracranica (i codici ICD-9-CM sono riportati in appendice). Dal corpus di accessi così ottenuto sono stati esclusi i ricoveri con problemi principali in palese contrasto con l accesso per incidente stradale: ricovero programmato, febbre, intossicazione ecc. Sono stati inoltre scartati gli accessi con date di accesso anteriori al 1/1/2000 o posteriori al 31/12/2000. Per stimare la sensibilità della definizione di accesso al Pronto Soccorso per incidente stradale è stata scelta una diagnosi molto specifica dell incidente automobilistico, la distrazione della cervicale (codice 847.0) comunemente detta colpo di frusta. È stata poi calcolata la percentuale di queste diagnosi catturata dai criteri adottati per la definizione di incidente stradale. Analisi. Per stimare la copertura per area geografica (le cinque province più Roma città) è stata adottata un ipotesi di distribuzione poissoniana degli accessi per istituto per mese. Per ottenere un numero di accessi atteso è stata calcolata la media mobile di cinque mesi, il mese stesso, i due precedenti e i due successivi, degli accessi al pronto soccorso per mese per ogni istituto, da questa media sono stati esclusi i mesi con zero, 1 o 2 accessi. È stata calcolata una soglia minima di accettabilità del numero di accessi uguale alla media 100

5 meno due deviazioni standard poisson. I mesi con zero, 1 e 2 accessi e quelli sotto la soglia sono stati sostituiti con la media mobile. Per i pronto soccorso che non hanno mai inviato dati nel 2000 l atteso è stato considerato pari alla media di accessi attesi degli altri PS della stessa area geografica, escludendo le aziende ospedaliere. La variabile triage è un codice di urgenza del paziente che viene attribuito al momento dell accesso al PS, comunemente utilizzato per valutare la gravità del caso: rosso = trattamento non differibile, paziente con compromissione delle funzioni vitali; giallo = mediamente critico, priorità intermedia; verde = interventi differibili; bianco = casi non gravi non di competenza del PS. La variabile distretto corporeo è stata desunta dalle diagnosi; in caso fossero presenti altre diagnosi oltre alla principale riferite a diversi distretti, è stata attribuita la modalità multiplo. La popolazione residente utilizzata per il calcolo dei tassi è quella ISTAT Risultati Gli accessi con luogo del trauma strada sono risultati , di questi riportavano una diagnosi di trauma. Dai primi sono stati esclusi 5100 con diagnosi di corpo estraneo in orifizio, o postumi remoti di trauma; dai accessi senza alcuna diagnosi di trauma ne sono stati recuperati con diagnosi compatibili con complicanze immediate di un trauma. Sono stati poi scartati 3000 ricoveri perché il motivo principale era in contraddizione con un trauma da incidente stradale e 700 con date incongruenti. Sono stati così selezionati accessi per incidente stradale. Le diagnosi per colpo di frusta, catturate dai criteri di selezione degli incidenti stradali, sono pari al 58% (8049/14010) e rappresentano il 5.2% delle diagnosi all interno degli incidenti stradali e lo 0.3% dei restanti accessi (tabella 1). La copertura del sistema informativo, stimata attraverso l ipotesi di una distribuzione poissoniana degli accessi al pronto soccorso per mese, è dell 89.2% per l intera regione. Tutte le aree geografiche hanno una copertura stimata superiore al 90%, con l eccezione delle province di Frosinone e di Roma città, dove alcuni PS non hanno inviato dati e di altri mancano alcuni mesi (tabella 2). La tabella 3 mostra la distribuzione degli accessi per incidente stradale per esito. Nei morti sono inclusi sia i giunti cadavere, sia i deceduti al PS. L 82.8% degli accessi si risolve con una dimissione immediata, il 16.6% esita nella proposta di ricovero da parte dei medici del pronto soccorso che viene rifiutata nella metà dei casi. L incidenza di accessi al PS è di 2953/ abitanti anno, la mortalità in ambulanza o in PS è di 1.9/ abitanti anno, l incidenza di ricovero (ricoverati e trasferiti) è di 244/ abitanti anno. I maschi rappresentano il 58.7 degli accessi. La figura 2 mostra l andamento del tasso d incidenza per sesso ed età. È evidente il picco che ha il suo massimo nelle classi di età fra i 16 e i 25 anni dove nei maschi giunge a circa

6 102

7 accessi per abitanti l anno e nelle femmine a La figura 3 mostra la percentuale di accessi al pronto soccorso avvenuti con trasporto d urgenza per ogni triage. La percentuale di accessi avvenuti con trasporto d urgenza sul totale è del 23%, ma varia in base alla gravità del triage: la quasi totalità dei triage rossi, che rappresentano lo 0.5% del totale, è avvenuta con trasporto d urgenza; i triage gialli, 4% del totale, accedono per il 70% tramite trasporto d urgenza; nei triage verdi, che sono più del 70%, i trasporti d urgenza scendono a meno del 25%; nei triage bianchi, che sono il 22%, non arriva al 10%. Nel 13.7% degli accessi il triage non è stato attribuito, questi accessi hanno un percentuale di trasporto d urgenza di poco superiore alla media totale. Anche l esito è strettamente legato alla gravità del triage (figura 4): la quasi totalità degli accessi con triage rosso esita in un ricovero o in un trasferimento, mentre i triage bianchi esitano quasi tutti in dimissione a domicilio; la non adesione da parte del paziente alla proposta di ricovero avviene più spesso nei triage gialli e verdi e nei casi in cui triage non è stato attributo. La figura 5 mostra l incidenza per area geografica. Il range va da 1377/ di Frosinone a 3355/ di Latina. L incidenza dell area urbana di Roma non si discosta dalle altre. Gli arti sono il distretto corporeo interessato nel 44% degli accessi, segue il collo con il 26% e l encefalo con il 15.8%, torace e addome contribuiscono per circa l 1% ciascuno; i traumi multipli sono il 7.8%. Il 4.2% degli accessi ha una diagnosi mal definita per la localizzazione del trauma (figura 6). I distretti con una maggior quota di triage gravi sono addome, torace ed encefalo, e i traumi multipli. Le diagnosi che interessano il collo e le mal definite per la localizzazione del trauma presentano un alta proporzione di triage bianchi. Discussione L archivio SIES che, come abbiamo visto ha una copertura per l anno 2000 vicina al 90% di tutti gli accessi al pronto soccorso, ha permesso di misurare, per la prima volta nella regione Lazio, l entità delle conseguenze sanitarie dei traumi avvenuti sulla strada. Si è cercato di valutare la qualità dei criteri di selezione utilizzati per individuare e selezionare le conseguenze degli incidenti stradali all interno del dataset del SIES, i risultati ottenuti sono incoraggianti: infatti circa il 60% delle diagnosi di colpo di frusta, un trauma che supponiamo essere molto specifico dell incidente automobilistico anche se non esclusivo, sono rientrati nella definizione di incidenti stradali. Il numero di accessi per incidente stradale individuati dai criteri di selezione sono per il 2000, con un tasso di incidenza di 2769 casi per abitanti anno, e un tasso di ricoveri di 244/ La magnitudo di questi tassi è maggiore di quella riscontrata dalle rilevazioni periodiche dell ISTAT, per il feriti, cioè 433 casi / (8). La definizione di caso basata sull accesso 103

8 al pronto soccorso è sicuramente diversa da quella di ferito adottata dalla rilevazione ISTAT. È probabile che molti dei casi rilevati dal SIES siano casi non sufficientemente gravi per essere segnalati dalle fonti della rilevazione ISTAT: polizia, carabinieri e vigili urbani. Il SIES, essendo un sistema informativo sanitario, permette di valutare la gravità delle conseguenze in maniera analitica fino alla 104

9 diagnosi formulata dal medico di pronto soccorso. L accesso al pronto soccorso, e in particolar modo l accettazione o il trasporto in ambulanza, è il momento più vicino all evento incidente a cui assista un medico o un infermiere, quello dove la raccolta anamnestica delle cause esterne è più immediata. I risultati del progetto SISI (riguardante gli accessi al PS per cause accidentali e violente in tre regioni, Liguria, Marche e Molise) avevano già messo in evidenza che il fenomeno delle conseguenze sanitarie degli incidenti stradali ha dimensioni più grandi di quanto emerge dalle rilevazioni ISTAT: sono stati riscontrati nel accessi al PS/ abitanti e 270 ricoveri/ (9). Mentre il dato sui ricoveri è sostanzialmente simile a quello rilevato nella regione Lazio per il 2000, il dato sugli accessi è circa la metà. Questa differenza potrebbe essere spiegata con un aumento di incidenza del 100% del fenomeno dal 1996 al 2000; ma potrebbe, più semplicemente, essere dovuta a un differente utilizzo dei PS, ad esempio una maggiore accessibilità per i pazienti nel Lazio rispetto alle regioni interessate dal progetto SISI (9). Iniziative future Il corpus di eventi, accessi al pronto soccorso, legati a incidenti stradali così selezionato sarà la base per costruire un archivio sanitario degli incidenti stradali nella regione Lazio attraverso il linkage nominativo con il Sistema Informativo Ospedaliero (5) e il Sistema Informativo dell Assistenza Specialistica (10) che raccolgono, il primo tutti i ricoveri avvenuti nel Lazio e il secondo tutte le prestazioni ambulatoriali. Inoltre il registro nominativo delle cause di morte (REN- 105

10 106

11 CAM) (1) può completare il quadro fornendo informazioni sui decessi avvenuti in strada prima ancora di ogni intervento sanitario (figura 7). È previsto che il SIES in futuro raccolga informazioni dettagliate sulle modalità dell incidente stradale attraverso una specifica scheda aggiuntiva. APPENDICE Diagnosi non trauma incluse nella selezione codice ICD-9-CM Descrizione anemia postemorrargica acuta 286 difetti della coagulazione corpo estraneo nell'occhio e altre malattie del globo oculare 361 distacco della retina altre affezioni della retina emorragia, rottura, distacco e altre affezioni della coroide aderenze, rotture e altre alterazioni dell'iride e del corpo ciliare 369 cecità e ipovisione ;372.20;372.30; congiuntivite e blefarocongintuvite acute e non specificate iperemia emorragia e edema congiuntivale ;374.83;374.86; emorragia, edema, corpo estraneo e altre affezioni delle ;374.9 palpebre ;376.33;376.47;376.6; emorragia, edema,deformazioni, corpo estraneo e altre ;376.9 affezioni dell'orbita degenerazione, emorragia, prolasso e altre affezioni del corpo vitreo sublussazione, dislocazione, altre affezioni del cristallino 107

12 379.9 disturbi non specificati dell'occhio e degli annessi altre otiti esterne acute ; ematoma e altri disturbi non infettivi del padiglione auricolare ;380.9 altri disturbi orecchio esterno otite media acuta sanguinante ; timpanite acuta perforazione membrana timpanica disturbi non specificati della membrana timpanica ;386.11; altre vertigini periferiche vertigine di origine centrale sindromi vertiginose e disturbi del labirinto non specificati otorrea altri disturbi dell'orecchio 430;431;432.1;432.9 emorragia subaracnoidea, cerebrale, subdurale e intracranica non specificata 470 deviazione del setto nasale 512 pneumotorace 525.1;525.9 perdita e altre malattie dei denti 623.6;624.5 ematoma vaginale e della vulva affezioni non specificate dell'unghia 717 lesioni interne del ginocchio ; altre lesioni articolari,escluse anchilosi 719.0;719.1; ; versamento articolare, emartro, dolore e rigidità articolare, zoppia e altri disturbi articolari ;722.9 patologie dei dischi intervertebrali, esclusa insufficienza vertebrale postlaminectomia 723.1;723.4;723.5;725.8; cervicalgia, torcicollo e altre patologie regione cervicale 724.1;724.3; ; rachialgia dorsale, sciatalgia, dorsalgia, patologie del sacro e del coccige 108

13 109

14 110

15 111

16 727.3 borsiti ; rottura della sinovia rottura del tendine ;727.9 altre patologie della sinovia, tendine, borse 728.4;728.5 lassità legamentosa ;728.9 rottura, diastasi, contrattura e altri disturbi dei legamenti e delle fasce 729.5;729.6;729.81; dolore, corpo estraneo, edema e altri sintomi degli altri 733.0;733.1;733.4;733.9 osteoporosi, frattura patologica, necrosi asettica delle ossa e altri disturbi dell'osso e della cartilagine deformazioni acquisite del naso alterazioni della coscienza 782.2;782.3;782.9 tumefazioni, edema, altri sintomi della pelle 784.7;784.9 epistassi, tumefazioni, e altri sintomi della testa e del collo ;786.52;786.59;7866 tumefazione, dolore toracico,respirazione dolorosa Diagnosi trauma escluse dalla selezione codice ICD-9-CM Descrizione 870.4;871.5;871.6;910.6; corpo estraneo in orefizio naturale, escluso l'occhio 910.7;911.6;911.7;912.6; 912.7;913.6;913.7;914.6; 914.7;915.6;915.7;916.6; 916.7;917.7;919.6; postumi di traumatismi, avvelenamenti, effetti tossici ed altre cause esterne BIBLIOGRAFIA 1) Michelozzi P, Capon A, Barca A, Fano V, Greco A, Kierchmayer U, Peano MR, Perucci CA. La mortalità a Roma e nel Lazio, Agenzia di Sanità Pubblica Regione Lazio, Roma, ) Piano Sanitario Nazionale , G.U. della Repubblica Italiana Parte I N.201/98. 3) ISTAT- ACI. Statistica degli incidenti stradali. Anno Informazioni n., ISTAT, Roma, ) Legge 17 maggio 1999, n. 144 SO n. 99/L alla GU 22 maggio 1999, n ) Arcà M, Cesaroni G, De Pascali V, Di Lena P, Ferro S, Materia E, Papini P, Perucci CA. Rapporto sull attività di assistenza ospedaliera nel Lazio, RAD Progetto Salute, 1998; 41. 6) Deliberazione della Giunta Regionale n del Attivazione Sistema Informativo sull Emergenza Sanitaria (SIES), integrazione del Sistema Informativo Ospedaliero. 7) Legge 31 dicembre 1996, n. 685 Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. 8) ISTAT-ACI. Statistica degli incidenti stradali. Anno Informazioni n. 38, ISTAT, Roma, ) Taggi F, Di Cristofaro Longo G. I dati socio-sanitari della sicurezza stradale (progetto DATIS). ISS, Roma, ) Balducci M, Cacciani L, D Ippoliti D, Montiroli PM, Papini P, Perucci CA, Petrelli A, Saitto C, Torri C, Trifelli S, Vantaggiato G. Rapporto sull attività di assistenza specialistica nel Lazio, SIAS Agenzia di Sanità Pubblica Regione Lazio, Roma,

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio Rapporto per le Aziende Sanitarie Locali del Lazio nell ambito del Progetto regionale Programma di sorveglianza e prevenzione degli incidenti

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

L utilizzo dei dati SDO per l analisi epidemiologica: il caso degli incidenti domestici

L utilizzo dei dati SDO per l analisi epidemiologica: il caso degli incidenti domestici Rovigo, 6 ottobre 2006 L utilizzo dei dati SDO per l analisi epidemiologica: il caso degli incidenti domestici Paola Cacciatore Ministero della Salute - Direzione Generale della programmazione sanitaria,

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

Il Sistema FAST TRACK al Pronto Soccorso P.O. di «Villa Sofia»

Il Sistema FAST TRACK al Pronto Soccorso P.O. di «Villa Sofia» relatore: Ignazio Antonio Fici Infermiere Pronto Soccorso A.O. O.R. VILLA SOFIA-CERVELLO, P.O. di Villa Sofia - Palermo Il Sistema FAST TRACK al Pronto Soccorso P.O. di «Villa Sofia» Una possibile soluzione

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari. Orietta Picconi

SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari. Orietta Picconi SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari Orietta Picconi Elenco delle strutture con pronto soccorso partecipanti alla seconda fase del progetto Nome Tip. amministrativa emergenza Comune Policlinico

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte

Dettagli

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99 www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Chiara Begliomini, Franco Servadei,

Dettagli

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 2/11

Dettagli

Valutazione del numero di accessi al Pronto Soccorso in seguito ad incidente stradale: sperimentazione nella Regione Toscana di una tecnica rapida

Valutazione del numero di accessi al Pronto Soccorso in seguito ad incidente stradale: sperimentazione nella Regione Toscana di una tecnica rapida www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Francesco Cipriani, Chiara Lorini,

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Centro del Sistema. Epidemiologico. Regionale. Regione Veneto. Assessorato alla Sanità. Direzione Piani e Programmi Socio-Sanitari

Centro del Sistema. Epidemiologico. Regionale. Regione Veneto. Assessorato alla Sanità. Direzione Piani e Programmi Socio-Sanitari Infortuni e malattie professionali nei lavoratori veneti Progetti in corso 6 giugno 2006 Valutazione del carico assistenziale ospedaliero associabile agli infortuni sul lavoro Giovanni Milan,, CRRC-SER

Dettagli

Triage e percorsi brevi Fast Track in Pronto Soccorso di Padova

Triage e percorsi brevi Fast Track in Pronto Soccorso di Padova Triage e percorsi brevi Fast Track in Pronto Soccorso di Padova Gruppo di Triage Azienda Ospedaliera Università Padova Direttore: Dott. Franco Tosato Relatore: Infermiere Zaggia Valeria Triage d Accesso

Dettagli

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova.

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova. Indicatori per la valutazione degli esiti dell assistenza Gallina P*, Benetollo PP**, Saugo M, Maggi S * Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione

Dettagli

Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna

Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna Linee guida per la corretta effettuazione del triage nei Pronto Soccorso dell Emilia-Romagna 1 - Introduzione I Sistemi di triage in Emilia Romagna sono nati nei primissimi anni Novanta sulla base delle

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

XXVI CONVEGNO AIRT 2015 DONAZIONE E TRAPIANTI : UNO SGUARDO OLTRE I CONFINI. Bolzano 23-24 aprile 2015

XXVI CONVEGNO AIRT 2015 DONAZIONE E TRAPIANTI : UNO SGUARDO OLTRE I CONFINI. Bolzano 23-24 aprile 2015 XXVI CONVEGNO AIRT 2015 DONAZIONE E TRAPIANTI : UNO SGUARDO OLTRE I CONFINI Bolzano 23-24 aprile 2015 Modelli organizzativi delle rianimazioni : segnalazioni di tutte le morti encefaliche e ricerca attiva

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA DIPARTIMENTO AREA MEDICA A OPERATIVA di PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Dr. Antonello Strada DIRIGENTI MEDICI Dr. Vittorio Berruti Dr. Dante Clerici IPAS* Osservazione Breve Intensiva Dr.ssa Francesca Gelli

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

TRACCIATO RECORD S.D.O.

TRACCIATO RECORD S.D.O. TRACCIATO RECORD S.D.O. FILE A1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI All.: 2 Posizione NOME CAMPO Tipo Lung. DESCRIZIONE Codice 1-8 Codice istituto di ricovero AN 8 Valore ammesso: V codice identificativo della struttura

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Il Database del Ministero della Salute

Il Database del Ministero della Salute Il Database del Ministero della Salute Giorgio Reggiardo Medi Service Data Management Unit- Genova Dati ricavati dalle informazioni contenute nelle Schede Dimissioni Ospedaliere relative agli anni 2001

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

Delibera Giunta Regionale N 595 del 30.5.05

Delibera Giunta Regionale N 595 del 30.5.05 Delibera Giunta Regionale N 595 del 30.5.05 Percorso assistenziale per le prestazioni specialistiche di medicina fisica e riabilitazione (allegato 2b, DPCM 29 Novembre 2001). Percorso assistenziale per

Dettagli

Come documentare l entità del fenomeno

Come documentare l entità del fenomeno Si stima che in Piemonte i decessi dovuti agli incidenti domestici siano circa 740 morti all anno (Istat, 1996). La popolazione più a rischio per infortunistica domestica è costituita da bambini e anziani,

Dettagli

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete PRONTO SOCCORSO PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Dettagli

Il Volontario del 3 Millennio: compiti e responsabilità. A cura degli Istruttori della Croce Bianca Giussano

Il Volontario del 3 Millennio: compiti e responsabilità. A cura degli Istruttori della Croce Bianca Giussano Il Volontario del 3 Millennio: compiti e responsabilità A cura degli Istruttori della Croce Bianca Giussano Obiettivi Il volontariato Sanitario : la Croce Bianca Chi è il volontario del 3 millennio Perché

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

IL PROTOCOLLO TRAUMA: LA GOLDEN HOUR

IL PROTOCOLLO TRAUMA: LA GOLDEN HOUR UNITA OPERATIVA DI MEDICINA DI EMERGENZA URGENZA Pronto Soccorso - Medicina d Urgenza Centrale Operativa 118 IL PROTOCOLLO TRAUMA: LA GOLDEN HOUR Dott. Davide Sighinolfi POLITRAUMA..prognosi.prognosi dalla

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991

REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991 REGIONE LIGURIA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 4 Chiavarese Via G.B. Ghio, 9-16043 Chiavari (Ge) Codice Fiscale e P. Iva 01038700991. Profilo oggettivo DESCRIZIONE DEL FABBISOGNO Contesto organizzativo in

Dettagli

Il sovraffollamento dei servizi di emergenza: il Lazio. ... Dott. Massimo Magnanti ... Il Lazio

Il sovraffollamento dei servizi di emergenza: il Lazio. ... Dott. Massimo Magnanti ... Il Lazio Il Lazio DEA Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata - Roma 1 Dati ed elaborazione Sole24oreSanità 2 3 Attività di Pronto Soccorso delle strutture di ricovero pubbliche e delle case di cura private

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

LE COMPETENZE DELL INFERMIERE: UNA CHIVE PER IL CAMBIAMENTO GRADO 14/11/2013. See and Treat. Dipartimento Emergenza Accettazione Careggi (FI)

LE COMPETENZE DELL INFERMIERE: UNA CHIVE PER IL CAMBIAMENTO GRADO 14/11/2013. See and Treat. Dipartimento Emergenza Accettazione Careggi (FI) LE COMPETENZE DELL INFERMIERE: UNA CHIVE PER IL CAMBIAMENTO GRADO 14/11/2013 See and Treat Dipartimento Emergenza Accettazione Careggi (FI) Inf. Marco Ruggeri DEA AOU Careggi Firenze D.G.R n.958 del 17/12/2007

Dettagli

GLI ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO DELL ANNO 2014 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE

GLI ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO DELL ANNO 2014 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE GLI ACCESSI AL PRONTO SOCCORSO DELL ANNO 2014 NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE A cura di: Dott.ssa M. Gambino, Dott.ssa Ass. San. L. Balconi, Dott. S. Pisani U.O.S Sorveglianza Epidemiologica U.O.C.

Dettagli

Unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione Sanitaria Ospedale di Bussolengo. Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine

Unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione Sanitaria Ospedale di Bussolengo. Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine Unità Operativa di Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine Azienda Ulss n. 22 - Bussolengo VR Dipartimento di Urgenza - Emergenza Unità Operativa di Monoblocco Lato Ovest Direttore: Dott.

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

I risultati del progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna ISS-Regioni

I risultati del progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna ISS-Regioni XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Alimentazione e Salute nell era della Globalizzazione Milano, 28-30 ottobre 2015 I risultati del progetto pilota di sorveglianza della mortalità

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO. Compiti istituzionali Organizzazione Attività. Gabriella Guasticchi

LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO. Compiti istituzionali Organizzazione Attività. Gabriella Guasticchi LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO Compiti istituzionali Organizzazione Attività Gabriella Guasticchi Normativa di riferimento L. R. 16/1999 di Istituzione dell Agenzia di Sanità

Dettagli

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Pronto Soccorso. Guida ai Servizi

Ospedale Ca Foncello di Treviso. Pronto Soccorso. Guida ai Servizi Ospedale Ca Foncello di Treviso Pronto Soccorso Guida ai Servizi Con questa breve guida desideriamo condividere alcune informazioni relativamente alla metodologia di lavoro, all organizzazione, alle attività

Dettagli

TRIAGE INFERMIERISTICO DEL DOLORE

TRIAGE INFERMIERISTICO DEL DOLORE Nursing reumatologico nella gestione della malattia e del paziente: l infermiere del III millennio TRIAGE INFERMIERISTICO DEL DOLORE Marisa Rasi U. O. di Reumatologia - Azienda Ospedaliera Universitaria

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G)

6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) 6.2 INCIDENTI DOMESTICI (Baffoni M, Filippetti F, Morbidoni M, Tagliavento G) Fonti informative: Istat. Indagine multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana. Roma 1999. Regione Marche. Piano

Dettagli

Gipse: Gestione Integrata Pronto Soccorso Emergenza

Gipse: Gestione Integrata Pronto Soccorso Emergenza Gipse Gestione Integrata Pronto Soccorso Emergenza Vers. 2.4.5 Adeguamento SIES 1 INDICE 1 PREMESSA... 3 1.1 ANAGRAFE... 3 1.2 TRIAGE... 3 1.3 ESITO... 4 1.4 LISTE... 5 1.5 ALTRE FUNZIONI... 5 1.5.1 Inail...

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009

ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009 ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) Linee guida asl2 Lucca Dicembre 2009 Per attività fisica adattata (AFA) si intendono programmi di esercizio non sanitari svolti in gruppo appositamente predisposti per cittadini

Dettagli

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO. DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Università degli Studi di Verona Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica/ Sezione IMPAO DRG: un sistema di classificazione e finanziamento Progresso scientifico tecnologico Aumento dell età media della

Dettagli

I TRAUMI ALLA SCHIENA

I TRAUMI ALLA SCHIENA I TRAUMI ALLA SCHIENA La colonna vertebrale ( rachide ) è composta da 34-35 ossa corte, le vertebre. Si distinguono in 7 cervicali, 12 toraciche, 5 lombari, 5 sacrali (+3/4 coccigee) Funzioni Protezione

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

-- Rapporto tecnico finale progetto SINIACA-IDB --

-- Rapporto tecnico finale progetto SINIACA-IDB -- Sorveglianza di Pronto Soccorso degli Incidenti e della Violenza -- Rapporto tecnico finale progetto SINIACA-IDB -- A cura di: G. Balducci, G. Fondi A. Pitidis e gruppo lavoro SINIACA- IDB Istituto Superiore

Dettagli

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale

I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica I Registri Tumori in Campania. Il ruolo dell Osservatorio Epidemiologico Regionale R. Pizzuti, O.E.R. Campania A. Donato, R.T. Provincia di

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore DIPARTIMENTO DI SCIENZE GERONTOLOGICHE, GERIATRICHE E FISIATRICHE RELAZIONE STATO DI AVANZAMENTO LAVORI

Università Cattolica del Sacro Cuore DIPARTIMENTO DI SCIENZE GERONTOLOGICHE, GERIATRICHE E FISIATRICHE RELAZIONE STATO DI AVANZAMENTO LAVORI Università Cattolica del Sacro Cuore DIPARTIMENTO DI SCIENZE GERONTOLOGICHE, GERIATRICHE E FISIATRICHE RELAZIONE STATO DI AVANZAMENTO LAVORI VALIDAZIONE NAZIONALE DI UN INDICATORE PROGNOSTICO BASATO SU

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

Impatto epidemiologico. nel Veneto. Dott. Carlo Andrea Franchini Garda SIMG Verona

Impatto epidemiologico. nel Veneto. Dott. Carlo Andrea Franchini Garda SIMG Verona Impatto epidemiologico del dolore lombare cronico nel Veneto Dott. Carlo Andrea Franchini Garda SIMG Verona Il Mal di Schiena (Agenzia Regionale Sanità_Friuli Ven.Giulia, 2008) quasi l 80% della popolazione

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

Indice. Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03. Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP...

Indice. Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03. Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP... Indice Prefazione Presentazione e scopi da parte della Commissione...03 E. Piccotti Presentazione a cura del Presidente SIP e del Presidente SIMEUP...03 P. Di Pietro, A. Vitale Presentazione a cura del

Dettagli

1 Congresso Nazionale di Triage

1 Congresso Nazionale di Triage 1 Congresso Nazionale di Triage Le istituzioni Gabriella Guasticchi 11 giugno 2010 Introduzione In letteratura, il processo di triage è riconosciuto lo strumento più utile per identificare rapidamente

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 Verbale Il 24 novembre 2011 alle ore 10.00, presso i locali di Laziosanità-Agenzia

Dettagli

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

A cura di A. Pitidis, F. Taggi Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Ambiente Reparto Ambiente e Traumi 2006

A cura di A. Pitidis, F. Taggi Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Ambiente Reparto Ambiente e Traumi 2006 SINIACA A cura di A. Pitidis,, F. Taggi Dipartimento Ambiente Reparto Ambiente e Traumi 2006 In Italia ogni anno gli incidenti domestici causano almeno 4.500 decessi, 130.000 ricoveri ospedalieri e 1.300.000

Dettagli

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato

Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato Supporto vitale di base nel paziente traumatizzato 1 OBIETTIVO DEL CORSO Acquisire conoscenze teoriche e abilità pratiche per trattare l evento traumatico secondo linee Guida della Regione Toscana 2 EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi

Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Convegno Per uno Sport Sicuro e Salutare Dalmine, 7 Novembre 2012 Epidemiologia Degli Infortuni Sportivi Dott. Attilio Bernini Specialista in Medicina dello Sport Consulente ASL Bergamo Lo Sport in Italia

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli