2244 Capitolo X

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2244 Capitolo X 452-833"

Transcript

1 2244 Capitolo X Circ. 27 giugno 1998 n Pagamento mensile unificato delle pensioni. Nuove modalità di gestione del pagamento delle pensioni. 1. Pagamento mensile unificato. Con circolare n 125 dell 11 giugno 1998 diramata in pari data con messaggio n sono state fornite le informazioni relative alla modalità di determinazione delle rate mensili delle pensioni e al pagamento unificato di tutti i trattamenti erogati ad uno stesso pensionato. Vengono ora fornite disposizioni in merito alle modalità di gestione dei pagamenti delle pensioni, che integrano ed in parte sostituiscono quelle impartite con circolare n. 4 dell 8 gennaio Modalità di riscossione delle pensioni. Dal luglio 1998 i pagamenti di importo superiore a lire mensili sono effettuati mensilmente ed includono tutti i trattamenti pensionistici spettanti ad un soggetto. I pagamenti di importo compreso tra e lire sono effettuati semestralmente ed includono tutti i trattamenti del soggetto. Da ciò discende che non è più possibile effettuare una gestione dei pagamenti che consideri come riferimento la categoria della pensione, l unico riferimento è il soggetto e quindi eventuali frazionamenti dei pagamenti non possono che essere effettuati con riferimento al cognome del soggetto Riscossione delle pensioni presso gli istituti di credito. Per i pagamenti presso istituti di credito nulla è innovato salvo la circostanza che anche i pagamenti per contanti sono effettuati il primo giorno del mese. Si evidenzia, peraltro, come precisato al punto 1 della circolare n. 125 dell 11 giugno 1998 che le banche, possono, su richiesta, essere autorizzate dalla direzione generale a frazionare i pagamenti in contanti presso le agenzie con maggior carico di pagamenti allo sportello. Eventuali autorizzazioni saranno ovviamente portate a conoscenza delle sedi interessate Riscossione delle pensioni presso le Poste Italiane s.p.a. È in corso di formalizzazione una nuova convenzione con le Poste Italiane s.p.a. per la regolamentazione del servizio di pagamento delle pensioni e dei conseguenti rapporti finanziari. Tale convenzione formerà oggetto di apposita circolare. Si fa peraltro fin d ora presente che è prevista la possibilità di riscuotere le pensioni con le seguenti modalità: - in contanti allo sportello; - con accreditamento su conto corrente postale; - con accreditamento su libretto di risparmio postale nominativo. La gestione delle informazioni relative alle modalità di pagamento è effettuata a cura delle Poste Italiane s.p.a Pagamento in contanti allo sportello. Per le pensioni pagate in contanti allo sportello le poste sono state autorizzate a frazionare i pagamenti in più giornate, fino ad un massimo di dieci giorni bancabili e comunque non oltre il 14 di ciascun mese, dandone notizia agli interessati con i mezzi ritenuti più opportuni. In particolare, le poste Italiane hanno comunicato (circolare del 13 maggio 1998 delle Poste Italiane s.p.a.) che per i pagamenti effettuati da agenzie upe il flusso dei pagamenti sarà disponibile per tutte le pensioni il giorno 1 e che l eventuale frazionamento sarà disposto dalle singole agenzie per lettera alfabetica. Per i pagamenti effettuati da agenzie tradizionali le poste prevedono la stampa accentrata dei mandati presso i compartimenti postali e l invio degli stessi in modo da permettere l effettuazione dei pagamenti con suddivisione sulle base delle lettere alfabetiche: Pensionati con cognome dalla lettera a alla lettera f, Dal giorno 1; Pensionati con cognome dalla lettera g alla lettera p, Dal giorno 6; Pensionati con cognome dalla lettera q alla lettera z, Dal giorno 11. Consegue da ciò che i pagamenti in contanti effettuati dalle agenzie tradizionali sono frazionati a partire da tali date Accreditamento su conto corrente postale. I pensionati che desiderano riscuotere le loro spettanze con accredito sul proprio conto corrente postale devono d ora innanzi presentare richiesta direttamente all agenzia che ha in carico la pensione. La richiesta di accredito deve riguardare tutti i trattamenti pensionistici spettanti al soggetto. La gestione degli accrediti è effettuata direttamente dal centro elaborazione dati delle poste. Le sedi non devono provvedere ad effettuare alcuna variazione del codice di ufficio pagatore. Per le pensioni già in pagamento con accredito sul conto corrente postale, con messaggi n del 6 maggio 1998 e n del 26 maggio 1998 è stato richiesto alle sedi di comunicare alla direzione centrale per le pensioni i numeri dei certificati delle pensioni in precedenza gestite manualmente con accredito su conto corrente postale tramite ch16, al fine di consentire alle poste di effettuare direttamente tale accredito. Tali situazioni sono state segnalate alle poste che dalla rata di luglio provvederanno direttamente all accredito. Per la sistemazione delle situazioni anomale (numero di conto corrente non intestato al pensionato) già segnalate alle sedi, è necessario che i pensionati si rivolgano direttamente all agenzia che ha in pagamento la pensione e richiedano l accredito sul proprio conto corrente postale. L accredito viene effettuato con valuta al primo giorno del mese o al primo giorno lavorativo successivo, se il primo giorno del mese è festivo Accreditamento su libretto di risparmio postale nominativo. I pensionati che desiderano riscuotere le loro spettanze con accredito sul proprio libretto di risparmio postale nominativo devono d ora innanzi

2 Gente di mare 2245 presentare richiesta direttamente all agenzia che ha in carico la pensione. La gestione degli accrediti è effettuata direttamente dal centro elaborazione dati delle poste. La pensione o le pensioni del soggetto devono essere localizzate all agenzia delle poste presso la quale è gestito il libretto di risparmio. L accredito viene effettuato con valuta al primo giorno del mese o al primo giorno lavorativo successivo, se il primo giorno del mese è festivo, indipendentemente dal giorno in cui il pensionato si presenta allo sportello per la registrazione dell operazione sul libretto di risparmio Accreditamento su conto corrente postale o su libretto nominativo di risparmio effettuato dopo il decesso del pensionato. Le sedi non appena a conoscenza della notizia del decesso o dell evento che non consente più la riscossione della pensione, devono comunicare tale informazione all agenzia delle poste che ha in carico la pensione che deve provvedere a sospendere i pagamenti e a stornare eventuali accrediti effettuati dopo il decesso. Ulteriori precisazioni sull argomento saranno fornite con la circolare relativa alla nuova convenzione con le poste. 3 - Incarichi di pagamento Incarichi di pagamento relativi alle rate delle pensioni. A partire da luglio 1998 gli enti pagatori ricevono gli incarichi di pagamento delle rate correnti delle pensioni solo tramite i flussi mensili inviati dalla direzione centrale per la tecnologia informatica entro il giorno 20 di ogni mese. L estrazione dei dati per la preparazione di tali flussi viene effettuata di norma ogni mese a partire dal giorno 10. I flussi contengono per ogni pensionato un pagamento comprensivo oltre che della rata mensile della o delle pensioni, di tutte le somme aggiuntive fino a quel momento validate o comunque memorizzate nell archivio conguagli come pagabili, al netto degli importi determinati da eventuali piani di recupero memorizzati con la procedura recupero crediti da prestazioni o con la procedura ex 999. Per i pagamenti dei mesi di luglio e di agosto è stato comunicato (messaggio n del 1 giugno 1998) che non si provvederà al recupero degli indebiti per i quali è memorizzato un piano di ammortamento. Tale recupero riprenderà regolarmente a partire dal pagamento relativo al mese di settembre. Tale circostanza non ha influenza sull operatività delle sedi che pertanto devono continuare a memorizzare i piani di recupero. Al momento dell estrazione dei dati per la preparazione del flusso viene aggiornato il data base delle pensioni riportando il numero della rata nel campo gp1az50, l anno nel campo gp1az51 e il numero dell ultima mensilità compresa nel pagamento nel nuovo campo gp1alz5. È possibile che per situazioni particolari, ad esempio dati anagrafici non perfettamente coincidenti, lo stesso flusso contenga più di un pagamento relativo allo stesso soggetto in quanto non è stato possibile unificare le pensioni. Le sedi devono provvedere a sistemare tali situazioni nel più breve tempo possibile, non appena per un qualunque motivo ne vengano a conoscenza, per consentire il pagamento abbinato delle successive rate. Il flusso viene predisposto sulla base dei dati memorizzati sul data base delle pensioni e sull archivio conguagli al momento dell estrazione; le sedi devono acquisire con la massima tempestività le variazioni pervenute per consentire la gestione dei pagamenti sulla base di situazioni aggiornate. Si richiama in particolare l attenzione sulla necessità di provvedere all eliminazione delle pensioni con la massima tempestività non appena a conoscenza dell evento che costituisce il presupposto dell eliminazione Incarichi di pagamento relativi alle pensioni di nuova liquidazione. La rata contenente gli arretrati delle pensioni di nuova liquidazione viene trasmessa con flusso a parte. L invio di tali flussi è previsto entro il giorno 13, 20 e 30 di ogni mese, rispettivamente per il pagamento degli arretrati erogabili a partire dal giorno 20 dello stesso mese, dal giorno 1 e dal giorno 7 del mese successivo. Tali nuove date sostituiscono quelle indicate nella circolare n. 301 del 30 dicembre Se il giorno di scadenza è festivo o non bancabile, la data di pagamento viene spostata al giorno successivo. La data di pagamento degli arretrati è stabilita dall INPS ed è riportata sia nei flussi per gli enti pagatori che nelle comunicazioni di liquidazione inviate ai pensionati. La comunicazione di liquidazione viene inviata come di consueto tramite postel. Si ricorda (cfr. Predetta circolare n.301/93) che per i pagamenti localizzati presso banche il pensionato può esibire tale comunicazione per la riscossione degli arretrati, nel caso in cui non sia ancora pervenuto il certificato di pensione. I pagamenti presso le agenzie postali restano subordinati all esibizione del libretto di pensione Incarichi di pagamento relativi alle pensioni trasferite da una struttura periferica ad un altra, con variazione della chiave di pensione. La rata corrente delle pensioni trasferite viene normalmente trasmessa con il flusso mensile, relativo al pagamento delle rate correnti. Tale rata può essere contenuta nel flusso delle nuove liquidate nel caso in cui la pensione trasferita venga assunta in carico dalla nuova sede durante la fase di estrazione Regolazione finanziaria dei pagamenti. Nulla è innovato per quanto riguarda la regolazione finanziaria dei pagamenti effettuati dagli istituti di credito. Le poste Italiane rendicontano all INPS i pagamenti delle rate di pensione eseguiti allo sportello nonche i pagamenti eseguiti con accredito su conto corrente postale o su libretto di risparmio, trasmettendo file distinti per pagamenti effettuati presso le agenzie upe, presso le agenzie tradizionali e per i pagamenti eseguiti con accredito.

3 2246 Capitolo X L attuale procedura per la predisposizione dei mod. P116 sarà quanto prima opportunamente aggiornata con effetto dai pagamenti eseguiti dal luglio Pagamenti finora disposti con mod. P.1/r. A partire dal giorno 15 giugno 1998 non possono più essere trasmessi agli uffici pagatori, (poste e banche) mandati di pagamento cartacei (messaggio n del 6 giugno allegato 2). Le sedi devono gestire direttamente il pagamento dei mod. P.1/r che entro tale data non sono stati inviati agli uffici pagatori, disponendo il pagamento di quanto dovuto con la procedura pagamenti vari. Tali pagamenti dovranno continuare ad essere imputati in dare del conto gpa 51/01 mentre i mod. P.1/r devono essere utilizzati esclusivamente per la lettura ottica. Con circolare a parte viene illustrata la nuova procedura per la gestione degli arretrati registrati sull archivio conguagli. 5 - Pensioni localizzate presso uffici pagatori di sede. Con circolare n. 110 del 21 maggio 1998 diramata in pari data con messaggio n sono state fornite le istruzioni per il trasferimento agli archivi centrali dei piani di recupero relativi alle pensioni in precedenza gestite presso uffici pagatori di sede. Le tipologie di recuperi non ancora migrabili devono, in attesa del completamento della procedura, essere gestite con la procedura pagamenti vari. I flussi contenenti gli ordinativi delle pensioni ancora localizzate presso gli uffici pagatori di sede verranno trasmessi mensilmente con le consuete modalità. Da verifiche effettuate sul data base delle pensioni si è rilevato che non tutte le sedi hanno provveduto alla localizzazione delle pensioni presso gli uffici pagatori di sede previsti nella circolare n. 120 del 27 maggio 1997 si raccomanda di provvedere alla sistemazione di tali situazioni al più presto Pagamento sdoppiato delle pensioni. Con la citata circolare n.110 sono state fornite le istruzioni per il pagamento delle quote di pensione dovute a beneficiari diversi dal pensionato. Tali pagamenti vengono per il momento disposti solo con assegno circolare non trasferibile, localizzando il pagamento presso le seguenti banche che hanno dato fin d ora la disponibilità a disporre il pagamento delle seconde quote: Banca Codice abi Banca commerciale Italiana 2002 Banco ambrosiano veneto 3001 Banco di sicilia 1020 Cassa di risparmio di ravenna 6270 Cassa di risparmio di vr, vi, bl, an 6355 Cassa centrale delle cra trentine 3599 Cassa sovv. Risp. Pers. Banca d Italia 5824 Dal 1 gennaio 1999 i pagamenti in questione potranno essere localizzati presso qualsiasi banca.nel caso in cui la sede debba sospendere il pagamento della quota sdoppiata deve utilizzare le consuete modalità di comunicazione con l ente pagatore, ma deve riportare come categoria la categoria numerica Della pensione aumentata di 900, ad esempio la quota sdoppiata di una pensione so, categoria numerica uguale a 003, deve essere indicata con categoria numerica uguale a 903. Nel caso in cui la sede debba sospendere il pagamento della pensione da cui viene sottratta la quota, deve sospendere anche la quota sdoppiata. Nel caso in cui alla sospensione provveda l ente pagatore, lo stesso deve sospendere, nel caso in cui sia il gestore sia della quota principale che della quota sdoppiata, entrambe le quote. 6 - Pensioni non meccanizzate Anche il pagamento delle pensioni non meccanizzate rientra nell ambito di applicazione della delibera n Le sedi devono pertanto provvedere al loro pagamento tenendo conto delle nuove regole stabilite per la generalità delle pensioni. 7 - Sospensione dei pagamenti A partire dal luglio 1998 devono essere utilizzati per la comunicazione della sospensione i nuovi mod sosp (allegato 3), sia per gli istituti di credito che per le agenzie upe o tradizionali delle poste Italiane. Tali moduli devono essere riprodotti a cura delle sedi; i vecchi moduli non devono più essere utilizzati Sospensione dei pagamenti contenenti una sola pensione Nulla è innovato per quanto riguarda la sospensione dei pagamenti contenenti una sola pensione Sospensione dei pagamenti contenenti più pensioni. A partire dal luglio 1998 il pagamento delle pensioni da corrispondere ad uno stesso soggetto è disposto con un unico mandato di pagamento. Qualora la sede debba provvedere alla sospensione anche di una sola delle pensioni deve trasmettere la richiesta di sospensione del pagamento utilizzando il mod sosp sul quale deve essere obbligatoriamente riportato il numero della pensione di riferimento (circolare n. 125 dell 11 giugno 1998). L indicazione della pensione di riferimento consente infatti all ufficio pagatore di individuare il pagamento che deve essere sospeso. La sospensione opera sempre per l intero pagamento. Come già previsto con circolare n. 4 dell 8 gennaio 1996 la sospensione d iniziativa dell INPS opera per il solo pagamento per il quale è richiesta. La sede deve urgentemente aggiornare il data base delle pensioni se i pagamenti successivi non devono essere disposti. Qualora uno solo dei trattamenti pensionistici spettanti al pensionato non debba più essere pagato, la sede deve aggiornare i dati d archivio a questo relativi; le procedure provvedono alla disposizione del pagamento delle altre pensioni. Considerato che le sospensioni possono operare solo per le rate future, le sedi devono attenersi alle presenti disposizioni con effetto immediato, in quanto i flussi contenenti i pagamenti della prima

4 Gente di mare 2247 rata mensile unificata sono già stati inviati agli enti pagatori Sospensione di rate di pensione comprensive di conguagli. La sospensione non può che riguardare l intero importo della rata così come contenuto nel flusso trasmesso dall INPS, comprensivo quindi degli eventuali conguagli contenuti nella rata Rendicontazione delle rate sospese. Gli enti pagatori provvedono a rendicontare anche le rate non pagate a seguito sia di sospensione richiesta dall INPS che di sospensione disposta dall ente pagatore. Si ribadisce che le rate non pagate dal momento della rendicontazione, se dovute, possono essere corrisposte solo direttamente dall INPS, con predisposizione di mod. Ip.6bis ed invio alla lettura ottica del duplicato dell ordinativo di pagamento Efficacia temporale della sospensione La sospensione richiesta dall INPS ha effetto per il solo pagamento sul quale è disposta.la sospensione disposta di iniziativa dell ente pagatore ha effetto per tutti i pagamenti successivamente pervenuti. Tale sospensione deve essere disposta dopo la mancata riscossione di due rate mensili nel caso di pagamento allo sportello ovvero di restituzione dell assegno circolare emesso per il pagamento nonché quando l ente pagatore è a conoscenza di notizie significative (ad esempio della morte del pensionato) prima della sede INPS. Nel caso si tratti di titolari di più pensioni con pagamento abbinato, la sospensione di iniziativa dell ente erogatore continua ad operare su tutti i pagamenti eventualmente disposti sulla pensione di riferimento, mentre non opera sui futuri pagamenti disposti per pensioni diverse da quella che in precedenza era la pensione di riferimento Validità dei mandati di pagamento. I mandati di pagamento contenuti nei flussi per il pagamento da luglio 1998 in poi hanno validità per i due mesi successivi a quello al quale si riferiscono (fino al 30 giugno la validità era per i tre mesi successivi). I mod. P1.r giacenti presso gli enti pagatori conservano la validità di tre mesi dalla data di spedizione da parte delle sedi. Considerato che la data ultima di invio agli enti pagatori è il 15 giugno, a partire dal 1 ottobre 1998 cessa la validità di eventuali mod. P1.r giacenti presso gli uffici pagatori. 8 - Ripristino di rate di pensione Ripristino nel caso di sospensione d iniziativa INPS. Nel caso in cui il pagamento di una pensione sia stato sospeso dalla sede INPS, l invio di un nuovo pagamento è automaticamente un ripristino della pensione Ripristino nel caso di sospensione d iniziativa dell ente pagatore. Nel caso in cui il pagamento sia stato sospeso dall ente pagatore ma non ancora rendicontato tra le rate non pagate, l ente stesso può ripristinare, a richiesta del pensionato o della sede INPS, tutti i pagamenti, compreso il pagamento delle rate non ancora rendicontate come non pagate. Nel caso in cui il pagamento sia stato sospeso dall ente pagatore e già rendicontato come non pagato, l ente non può ripristinare i pagamenti. Il ripristino può essere disposto esclusivamente dalla sede INPS, inviando all ufficio pagatore il modello ripr01 per i pagamenti relativi alle rate future, mentre, per le rate già rendicontate come non pagate, le sedi devono provvedere ad effettuare direttamente il pagamento con ip6bis, provvedendo alla stampa del duplicato della rata. 9 - Riaccrediti o storni. Le rate non riscosse relative alle pensioni in pagamento presso banche vengono riaccreditate alla sede polo finanziario. A partire dal luglio 1998 anche le poste Italiane effettuano storni per i pagamenti disposti con accredito su conto corrente o su libretto di risparmio. Su tali aspetti si fa riserva di apposite istruzioni. Le istruzioni contabili relative alla gestione di rate eventualmente da pagare su richiesta dei pensionati sono contenute nella circolare n. 55 del 9 marzo Eliminazione tabulati cartacei stampati dagli istituti di credito. Considerato che tutte le informazioni di ritorno vengono trasmesse dagli enti pagatori con flussi telematici i cui dati sono visualizzabili con agenda1, dal mese di luglio 1998 gli istituti di credito non invieranno più alle sedi i tabulati delle pensioni per le quali è stato disposto il pagamento ne quelli delle pensioni sospese ne quelli delle pensioni riaccreditate Scelta dell ufficio pagatore. L archivio degli uffici pagatori utilizzato dall IN- PS è strutturato in modo che ogni ufficio pagatore è identificato univocamente soltanto dall insieme delle informazioni relative al codice sede (riferito al sistema dipartimentale as/400) e al codice ufficio pagatore attribuito. Questo comporta che il pagamento deve essere gestito dalla sede presso la quale tale ufficio è stato definito. Con circolare n. 84 del 14 aprile 1998 è stato ribadito che la pensione deve essere gestita dalla sede nel cui ambito territoriale il pensionato ha la propria residenza. Le sedi e gli enti pagatori hanno peraltro fatto presente che i pensionati spesso chiedono di poter riscuotere presso uffici pagatori localizzati in province diverse da quella di residenza. Considerato che ormai tutti i pagamenti vengono disposti con flussi telematici, si fa presente che è allo studio la fattibilità tecnico-giuridica di svincolare l ufficio pagatore dalla provincia di residenza. Ciò comporterà la completa ristrutturazione

5 2248 Capitolo X dell archivio degli uffici pagatori che dovrà essere strutturato utilizzando il codice abi e il codice cab per gli sportelli degli istituti di credito ed il frazionario delle poste Italiane per gli uffici postali. In questo modo ogni ufficio pagatore sarà definito una sola volta all interno dell archivio nazionale e il suo utilizzo sarebbe possibile ad ogni struttura INPS, indipendentemente dalla localizzazione dell ufficio pagatore stesso. La pensione dovrà comunque essere liquidata e gestita dalla sede di residenza del pensionato, il pagamento potrà essere effettuato ovunque. Per il momento, si confermano peraltro le modalità in atto Titolari di più pensioni in pagamento in province diverse. Le sedi sulle base delle segnalazioni inviate devono provvedere alla riunificazione delle pensioni presso la sede territorialmente competente con riferimento alla provincia di residenza dell interessato pensioni in pagamento accentrato presso uffici pagatori particolari. Come riportato al punto 5 della circolare n. 88 del 27 aprile 1998 diramata in pari data con messaggio n le pensioni degli ex dipendenti di alcuni istituti di credito, a seguito di particolari convenzioni, sono gestite in modo accentrato presso alcune sedi ed il loro pagamento è effettuato presso particolari uffici pagatori. Per il momento queste pensioni rimangono con gestione accentrata e non vengono unificati i pagamenti con le altre pensioni dello stesso titolare. Si riporta l elenco delle banche convenzionate: Sede Banca Codice ufficio pagatore 7000 Banca nazionale del lavoro F Banca di roma L Banca d Italia Z Credito Italiano H Banca commerciale G Banca popolare di milano P Banca popolare di novara E Nuova struttura gp8. Per evidenziare la composizione della rata posta in pagamento, che comprende, oltre alle rate delle pensioni intestate al soggetto, anche i conguagli, il gp8 è stato ristrutturato. Sono state inserite due tabelle gp8md40 e gp8md50 che contengono i nuovi codici fondo e razionalizzano l esposizione dei valori in precedenza contenuti in gp8md42 e gp8md43. Nella tabella gp8md40 sono riportati i componenti dell importo della rata di pensione, evidenziati ai fini contabili (quote di pensione a carico di fondi diversi da quello di liquidazione, le trattenute in applicazione della legge n. 335 del 1995, ecc.). Nella tabella gp8md50 sono riportati i conguagli di qualsiasi tipo che compongono l importo in pagamento. Ogni conguaglio è contraddistinto da un codice, il cui riepilogo è riportato nell allegato 4. I conguagli sono riportati su ogni pensione e su ogni rata; anche nel caso di pensioni con pagamento abbinato ogni pensione contiene i propri conguagli Agenda1. La transazione agenda1 che accede all archivio dei pagamenti consente la visualizzazione del pagamento complessivo disposto e dell ufficio pagatore al quale lo stesso è stato localizzato. Nel caso di pagamento unificato, mentre il gp8 di ogni pensione riporta l importo delle singole rate, anche se il pagamento è cumulativo, l archivio dei pagamenti contiene il pagamento disposto per la pensione di riferimento, comprensivo dei conguagli di tutte le pensioni che compongono il pagamento. Per la visualizzazione dei pagamenti relativi alle rate unificate deve essere digitato il tasto f8 (allegato 5) Archivio locale ds78. L archivio locale ds78 contiene l importo mensile lordo e netto e i componenti positivi e negativi di tali importi. L importo delle rate poste in pagamento e preparate dalla procedura di estrazione al momento della predisposizione dei dati per i flussi mensili è visualizzabile con agenda1. ALLEGATO 3 Sospensione dei pagamenti delle pensioni Mod sosp01 Sede di Data,... Ufficio pensioni All ufficio postale tradizionale Di... Via... Oggetto Richiesta di sospensione del pagamento Cognome/nome...codice fiscale...pensione...cat...pensione...cat...si invita codesto ufficio a provvedere alla sospensione del pagamento delle pensioni indicate in oggetto, per il seguente motivo - il pensionato è deceduto il... - il pagamento della rata deve essere gestito direttamente da questa sede; - la pensione n... Cat...deve essere revocata. Codesto ufficio deve restituire alla scrivente sede dell IN- PS, per le eventuali rate giacenti, la parte sinistra dell ordinativo di pagamento, unitamente a copia della presente, e alla filiale dell ente poste la parte destra. Codesto ufficio è pregato di indicare la modalità con cui viene effettuato il pagamento delle pensioni: - in contanti allo sportello - con accredito su conto corrente postale - con accredito su libretto di risparmio postale nominativo. Nel caso di pagamento con accredito codesto ufficio deve provvedere allo storno delle rate accreditate in data successiva al decesso del pensionato. Distinti saluti Il capo ufficio pensioni Sospensione dei pagamenti delle pensioni Mod sosp02 Sede di..... Data,.... Ufficio pensioni All ufficio postale elettronico Di... Via... Oggetto

6 Gente di mare 2249 Richiesta di sospensione del pagamento Cognome/nome...codice fiscale...pensione...cat... Pensione...cat... Si invita codesto ufficio a provvedere alla sospensione del pagamento delle pensioni indicate in oggetto, per il seguente motivo - il pensionato è deceduto il... - il pagamento della rata deve essere gestito direttamente da questa sede; - la pensione n... Cat...deve essere revocata. Codesto ufficio deve restituire alla scrivente sede dell IN- PS, per le eventuali rate giacenti, il mod. P.7 quinquies con la conferma dell avvenuta sospensione dei pagamenti. Codesto ufficio è pregato di indicare la modalità con cui viene effettuato il pagamento delle pensioni: - in contanti allo sportello - con accredito su conto corrente postale - con accredito su libretto di risparmio postale nominativo. Nel caso di pagamento con accredito codesto ufficio deve provvedere allo storno delle rate accreditate in data successiva al decesso del pensionato. Distinti saluti Il capo ufficio pensioni Sospensione dei pagamenti delle pensioni Mod sosp03 Sede di..... Data,..... Ufficio pensioni All Istituto di credito Filiale di... via... Oggetto Richiesta di sospensione del pagamento Cognome/nome...codice fiscale... Pensione...cat... Pensione...cat... Si invita codesto ufficio a provvedere alla sospensione del pagamento delle pensioni indicate in oggetto, per il seguente motivo - il pensionato è deceduto il... - il pagamento della rata deve essere gestito direttamente da questa sede; - la pensione n... Cat...deve essere revocata. Codesto Istituto deve inoltre provvedere al riaccredito, entro i termini previsti nell accordo, delle rate disposte e non riscosse dal pensionato e delle rate eventualmente accreditate in conto corrente successivamente alla data di morte del pensionato. Codesto ufficio è pregato di indicare la modalità con cui viene effettuato il pagamento delle pensioni: - in contanti allo sportello - con accredito su conto corrente - assegno circolare non trasferibile. ALLEGATO 4 Contenuto Campo Codice archivio Quota non cumulabile con i redditi Gp8md40 75 o 76 Quota non cumulabile con la rendita Gp8md40 74 da infortunio Quota non cumulabile con i redditi da lavoro autonomo Gp8md40 80 Quota non cumulabile con i redditi Gp8md40 87 da lavoro dipendente all estero Interessi legali Gp8md50 99 Annualità delle sentenze della corte Gp8md costituzionale Conguaglio di pensione Gp8md Recupero crediti Gp8md Sostituzione stato Gp8md Rivalsa enti locali Gp8md Recupero preventivo Gp8md Quota corrisposta ad altro contitolare Gp8md Assegno alimentare Gp8md Assegno divorzile Gp8md Cessione del quinto Gp8md Trattenute per pignoramento Gp8md Trattenuta al fondo clero Gp8md Trattenuta previdenza marinara Gp8md Indebito ex decisione CEE n. 105 Gp8md Trattenuta per legge 29/1979 Gp8md Trattenute varie Gp8md Addizionale Irpef Gp8md Conguaglio addizionale Irpef anno Gp8md precedente Saldo Irpef da modello Gp8md Saldo contributo ssn da modello Gp8md Anticipazione Irpef su tassazione Gp8md separata da modello Primo acconto Irpef da modello Gp8md Secondo acconto Irpef da modello Gp8md Interessi su saldo Irpef da modello Gp8md Interessi su saldo contributo ssn Gp8md da modello Interessi su anticipazione Irpef su Gp8md tassazione separata da modello Interessi su primo acconto Irpef da Gp8md modello Interessi su saldo Irpef da modello Gp8md Interessi su saldo contributo ssn Gp8md da modello Interessi su anticipazione Irpef su tassazione separata da modello Gp8md50 208

7 2250 Capitolo X Conten uto Campo Codice archivio Sanzioni su saldo Irpef da modello Gp8md Sanzioni su saldo contributo ssn Gp8md da modello Sanzioni su anticipazione Irpef su Gp8md tassazione separata da modello Sanzioni su primo acconto Irpef da Gp8md modello Arrotondamento pagamento precedente Gp8md Arrotondamento pagamento Gp8md Importo complessivo del pagamento (riportato solo sulla pensione di riferimento) Gp8md Si omette la trasmissione degli allegati 1,2 e 5.

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 144 del 25-10-2004.htm Importo aggiuntivo di lire 300.000 (euro 154,94) Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi

Dettagli

OGGETTOErogazione delle prestazioni spettanti agli invalidi civili in attuazione dell articolo 130

OGGETTOErogazione delle prestazioni spettanti agli invalidi civili in attuazione dell articolo 130 DIREZIONE CENTRALE ORGANIZZAZIONE, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 13/12/2007

Dettagli

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 13/12/2007

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 31 Ottobre 2002 Circolare n. 163 Allegati Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI DELLE STRUTTURE TERRITORIALI

DIREZIONE CENTRALE PENSIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI DELLE STRUTTURE TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE PENSIONI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI DELLE STRUTTURE TERRITORIALI Oggetto: Pensioni delle gestioni private. Ricostituzioni

Dettagli

Roma, 12/12/2000. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI

Roma, 12/12/2000. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Roma, 12/12/2000 DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFF. 1 NORMATIVA AA.GG. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Ai Coordinatori delle Consulenze

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 12-08-2015. Messaggio n. 5301 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2015 Messaggio n. 5301 Allegati n.2 OGGETTO: Finanziamenti estinguibili dietro cessione del quinto della pensione

Dettagli

INPS. Roma, 26 agosto 2003. Circolare n. 146

INPS. Roma, 26 agosto 2003. Circolare n. 146 INPS Roma, 26 agosto 2003 Circolare n. 146 OGGETTO: Operazione RED. Elaborazione dei modelli reddituali telematici per gli anni 1999, 2000 e 2001, rientrati a seguito di sollecito.applicazione della sanatoria

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Direzione Centrale Prestazioni. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 28 Dicembre 2007 Circolare n. 142 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie

Dettagli

Roma, 29/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 112

Roma, 29/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 112 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Assistenza e Invalidita' Civile Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 213 19.11.2013 Mini-pensioni: importo aggiuntivo 2013 I pensionati che non superano il trattamento minimo riceveranno, nel

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 27 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI CIRCOLARE N. _9_ MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza Ufficio XIV Prot. n. 0017747 (Rif. prot. entrata n. ) Roma, 18

Dettagli

La sezione Gestione eventi tutelati raggruppa i programmi che consentono la gestione degli eventi di CIG.

La sezione Gestione eventi tutelati raggruppa i programmi che consentono la gestione degli eventi di CIG. G ELABORAZIONI MENSILI GESTIONE EVENTI TUTELATI La sezione Gestione eventi tutelati raggruppa i programmi che consentono la gestione degli eventi di CIG. Per la creazione delle domande di cig esistono

Dettagli

Direzione centrale prestazioni. Direzione centrale entrate contributive Area interventi a sostegno dell occupazione

Direzione centrale prestazioni. Direzione centrale entrate contributive Area interventi a sostegno dell occupazione Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 30-11-2005 Messaggio n. 39155 OGGETTO: Fondo di solidarietà dei dipendenti delle aziende concessionarie della riscossione dei tributi erariali di cui al D.M.

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Direzione Generale. Roma, 18/10/2012

Direzione Generale. Roma, 18/10/2012 Direzione Generale Roma, 18/10/2012 Circolare n. 124 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Richiesta di variazione ufficio pagatore on line.

Richiesta di variazione ufficio pagatore on line. Direzione Centrale Convenzioni Internazionali e Comunitarie Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27-11-2014 Messaggio n. 9175 OGGETTO: Richiesta di variazione

Dettagli

Inoltre sono stati previsti nuovi canali di distribuzione dei voucher: presso il circuito delle Banche Popolari e presso gli uffici postali.

Inoltre sono stati previsti nuovi canali di distribuzione dei voucher: presso il circuito delle Banche Popolari e presso gli uffici postali. Messaggio INPS N. 003846/12 Oggetto: Lavoro occasionale accessorio: 1. Piano di efficientamento servizio di Poste Italiane pagamento voucher distribuiti dalle sedi 2. Distribuzione voucher presso gli uffici

Dettagli

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE

AI DIRETTORI REGIONALI AI DIRETTORI PROVINCIALI e SUBPROVINCIALI AI DIRETTORI DELLE AGENZIE Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 14-02-2006 Messaggio n. 4711 Allegati OGGETTO: Nuova applicazione ICRATE web per liquidazione delle

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 29 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009 Notizie Flash Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno è scaduta la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso sia pervenuto dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

MODELLO CUD 2011. Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD :

MODELLO CUD 2011. Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD : Modello CUD 2011 1 Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD : Il programma per stampare il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

Ufficio Relazioni con gli Iscritti

Ufficio Relazioni con gli Iscritti Istruzioni per la compilazione della riferita al reddito professionale prodotto nel 2013 e per il pagamento dei contributi a saldo (ai sensi degli art. 7, 10 e 11 del Regolamento dell ENPAP) Iscritti titolari

Dettagli

Roma, 14/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 37

Roma, 14/03/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 37 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 14/03/2013 Circolare n. 37 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

DOMANDA DI PENSIONE IN TOTALIZZAZIONE ai sensi del D.Lgs. n. 42/06

DOMANDA DI PENSIONE IN TOTALIZZAZIONE ai sensi del D.Lgs. n. 42/06 Associazione di Diritto Privato Via Mantova, 1 00198 - Roma C.F. 80021670585 DOMANDA DI PENSIONE IN TOTALIZZAZIONE ai sensi del D.Lgs. n. 42/06 Il/la sottoscritt / / fiscale (prov. ), Via c.a.p., tel.

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 58 del 12-05-2014. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 58 del 12-05-2014. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 58 del 12-05-2014 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 58 del 12-05-2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 12/05/2014

Dettagli

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti n. 11 - novembre 2010 Argomenti A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 2 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 2 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario ai sensi dell

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Definizione, in attuazione di quanto previsto dall articolo 4, comma 1, della deliberazione 26 settembre 2013, 405/2013/R/com, delle modalità e tempistiche delle dichiarazioni

Dettagli

Nota operativa n. 21 e, p.c.

Nota operativa n. 21 e, p.c. Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Credito, Investimenti e Patrimonio Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Sistemi informativi,

Dettagli

Roma, 29/12/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 191

Roma, 29/12/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 191 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 29/12/2014 Circolare n. 191 Ai Dirigenti

Dettagli

CHIEDO IL RISCATTO DELLA POSIZIONE PER IL SEGUENTE MOTIVO (INDICARE UNA SOLA OPZIONE):

CHIEDO IL RISCATTO DELLA POSIZIONE PER IL SEGUENTE MOTIVO (INDICARE UNA SOLA OPZIONE): Inviare il modulo a: FONDINPS VIA CESARE BECCARIA, 29 00196 ROMA MODULO DI LIQUIDAZIONE IO SOTTOSCRITTO/A CODICE FISCALE NATO/A A PROV. IL RESIDENTE A PROV. CAP VIA N. TEL. E-MAIL DATA CESSAZIONE ATTIVITA

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza,

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 123 del 18-10-2012. e, per conoscenza, Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 123 del 18-10-2012 Direzione Generale Roma, 18/10/2012 Circolare n. 123 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Sezione seconda - Determinazione del contributo Determinazione del contributo DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Per determinare il contributo dovuto per un determinato periodo d imposta l INPS deve fornire

Dettagli

Pagamento delle pensioni dei lavoratori delle gestioni pubbliche e dello spettacolo e degli sportivi professionisti con procedura INPS.

Pagamento delle pensioni dei lavoratori delle gestioni pubbliche e dello spettacolo e degli sportivi professionisti con procedura INPS. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 24-03-2014 Messaggio n. 3506 Allegati n.7

Dettagli

CIRCOLARE N. 15. Roma, 18 marzo 2003. Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI. Prot. N. 0033360 Allegati: 1. e, per conoscenza,

CIRCOLARE N. 15. Roma, 18 marzo 2003. Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI. Prot. N. 0033360 Allegati: 1. e, per conoscenza, CIRCOLARE N. 15 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DI FINANZA UFFICIO XIV Roma, 18 marzo 2003 Prot. N. 0033360 Allegati: 1 Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO

Dettagli

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è

Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è Circolare INPS del 12 aprile 2002 n. 77 Liquidazione delle pensioni in competenza dell esercizio 2002 Con circolare n. 211 del 29 novembre 2001 è stata messa a disposizione delle Sedi la funzione di acquisizione,

Dettagli

1 ANF NUOVE TABELLE VALIDE DAL 1 LUGLIO 2013 (redditi 2012)

1 ANF NUOVE TABELLE VALIDE DAL 1 LUGLIO 2013 (redditi 2012) Circolare n. 3.04.11 del 12/06/2013 (2.08.07 AlaPagWin) Per effettuare il seguente aggiornamento devono essere stati effettuati tutti gli aggiornamenti precedenti. Rammentiamo per coloro che hanno la procedura

Dettagli

Roma, 26/06/2012. e, per conoscenza, Circolare n. 89

Roma, 26/06/2012. e, per conoscenza, Circolare n. 89 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 26/06/2012 Circolare

Dettagli

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Circolare N.85 del 7 Giugno 2011 Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Giornalisti: entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla

Dettagli

Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Integrazione, Gestione ed Evoluzione nuove tecnologie nei sistemi di comunicazione con l utenza Progetto per

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-07-2015. Messaggio n. 4993

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-07-2015. Messaggio n. 4993 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27-07-2015 Messaggio n. 4993 Allegati n.1 OGGETTO: Decreto Legge 21 maggio 2015, n. 65 recante Disposizioni urgenti

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

2168 Capitolo X 452-833

2168 Capitolo X 452-833 2168 Capitolo X 452-833 668. - Circ. 28 marzo 1997 n. 82. l. 23 dicembre 1996 n. 662. ricalcolo delle pensioni ai superstiti in aliquota della pensione integrata al minimo liquidata o spettante al dante

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

Direzione centrale Pensioni. Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione centrale Pensioni. Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione centrale Pensioni Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 2 Gennaio 2009 Circolare n. 1 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

Roma, 10/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 31

Roma, 10/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 31 Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/03/2014 Circolare n. 31 Ai Dirigenti

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 1 del 2-1-2009.htm rinnovo delle pensioni per l anno 2009 Direzione centrale Pensioni Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma,

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Le regole per richiedere ed ottenere il rimborso dei crediti fiscali

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Le regole per richiedere ed ottenere il rimborso dei crediti fiscali News per i Clienti dello studio del 9 Settembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Le regole per richiedere ed ottenere il rimborso dei crediti fiscali Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE (CIRCOLARE 2012-A)

ISTRUZIONI OPERATIVE (CIRCOLARE 2012-A) ISTRUZIONI OPERATIVE (CIRCOLARE 2012-A) DOCUMENTAZIONE SOCIETARIA E CONTATTI CON IL FONDO Le regole di funzionamento del Fondo sono riportate nella sezione DOCUMENTI del sito internet del Fondo www.fondogommaplastica.it:

Dettagli

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO;

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO; DIREZIONE GENERALE CENTRALE ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE IL RESPONSABILE ROVERSI ELENA TIPO ANNO NUMERO REG. PG/2015/52015 DEL 29/01/2015

Dettagli

Art. 1 Definizioni 1. Ai fini della presente convenzione si intende per: a) modello F24, il modello di pagamento F24, di cui al capo III, sezione I,

Art. 1 Definizioni 1. Ai fini della presente convenzione si intende per: a) modello F24, il modello di pagamento F24, di cui al capo III, sezione I, CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER IL PAGAMENTO MEDIANTE IL MODELLO F24 DEI PREMI E DEI CONTRIBUTI DI SPETTANZA DELL

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

2182 Capitolo X 452-833

2182 Capitolo X 452-833 2182 Capitolo X 452-833 670. - Circ. 26 luglio 1997 n. 168. Titolarità di più pensioni integrate o integrabili al trattamento minimo al 30 settembre 1983. Sentenza della corte costituzionale n. 240 dell

Dettagli

Mini-pensioni: importo aggiuntivo 2013

Mini-pensioni: importo aggiuntivo 2013 Periodico informativo n. 111/2013 Mini-pensioni: importo aggiuntivo 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, dal prossimo mese di dicembre,

Dettagli

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI:

SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: PROCEDURA INTEGRATA GESTIONE CONDOMINIO RENT MANAGER SERVIZIO DI ASSISTENZA CLIENTI GESTIONE DELLA FISCALITA (770,UNICO, CERTIFICAZIONE COMPENSI, F24, DICHIARAZIONI 36/41%,

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 30 aprile 2015 Definizione di nuove modalita' di emissione, di natura informatica, degli ordinativi di pagamento da parte dei titolari di contabilita' speciale.

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

Quota A - pagamento contributi 2010

Quota A - pagamento contributi 2010 Flash portale giugno 2010 Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno scade la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso pervenga dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

PAGAMENTI ACCENTRATI E DECENTRATI

PAGAMENTI ACCENTRATI E DECENTRATI Allegato n. 2 DIREZIONE CENTRALE BILANCI E SERVIZI FISCALI DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGICI PAGAMENTI ACCENTRATI E DECENTRATI GESTIONE CONTABILE DEI RIACCRDITI Manuale contabile Premessa

Dettagli

Procedura di Adesione alla Ristrutturazione dei Crediti INPS. Guida all utilizzo del software gestionale AGR.

Procedura di Adesione alla Ristrutturazione dei Crediti INPS. Guida all utilizzo del software gestionale AGR. Rev. 0 Pagina 1 di 23 Procedura di Adesione alla Ristrutturazione dei Crediti INPS. Guida all utilizzo del software gestionale AGR. Indice 1. Premessa....2 2. L accesso al sistema gestionale AGR...3 3.

Dettagli

APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA :

APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA : COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA : REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER L EMISSIONE DI MANDATI INFORMATICI Approvato con deliberazione

Dettagli

CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014. 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta riduzione/non versamento;

CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014. 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta riduzione/non versamento; CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014 1. Modello 730 Integrativo: termine di trasmissione e compilazione; 2. Controllo elaborazione 730/4; 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA

PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA PENSIONI 2009: REQUISITI PREVISTI DALL ULTIMA RIFORMA La sottostante tabella riporta i requisiti, introdotti dalla nuova riforma previdenziale, necessari per ottenere la pensione di anzianità e quella

Dettagli

Tutti gli aspetti connessi all uso e al funzionamento della carta acquisti sono di competenza di Poste Italiane.

Tutti gli aspetti connessi all uso e al funzionamento della carta acquisti sono di competenza di Poste Italiane. Messaggio N. 002881 del 04/02/2009 OGGETTO: Carta acquisti. Ulteriori chiarimenti. 1. Premessa Con i messaggi n. 26673 del 28 novembre 2008 e n. 27260 del 4 dicembre 2008 sono state fornite le prime informazioni

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

Stop al pagamento in contanti delle pensioni eccedenti i 1.000 Euro

Stop al pagamento in contanti delle pensioni eccedenti i 1.000 Euro CIRCOLARE A.F. N.99 del 29 Giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Stop al pagamento in contanti delle pensioni eccedenti i 1.000 Euro Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1

Dettagli

Notizie Flash marzo 2011

Notizie Flash marzo 2011 Notizie Flash marzo 2011 Quota A - pagamento contributi 2011 Nel mese di aprile Equitalia Esatri S.p.A. di Milano avvia l attività di notifica degli avvisi di pagamento. I contributi possono essere versati

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/02/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/02/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/02/2015 Circolare n. 29 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Roma, 07/02/2012. e, per conoscenza, Circolare n. 19

Roma, 07/02/2012. e, per conoscenza, Circolare n. 19 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 07/02/2012 Circolare n. 19 Ai Dirigenti

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

Richiesta online ANTICIPAZIONI Procedura di prenotazione e validazione delle richieste di anticipazione via WEB. User guide Versione 2010.

Richiesta online ANTICIPAZIONI Procedura di prenotazione e validazione delle richieste di anticipazione via WEB. User guide Versione 2010. Richiesta online ANTICIPAZIONI Procedura di prenotazione e validazione delle richieste di anticipazione via WEB User guide Versione 2010.02 1 Premessa Si illustrano di seguito le funzionalità dell applicativo

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 19/12/2012

Direzione Centrale Credito e Welfare Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 19/12/2012 Direzione Centrale Credito e Welfare Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 19/12/2012 Circolare n. 146 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INFORMATIVA N. 187 13 MAGGIO 2015 Previdenziale FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INPS, Circolare n. 90 del 6 maggio 2015 Con Decreto interministeriale n. 83486 del

Dettagli

il Comune di, con sede in Via - C.F., legalmente rappresentato dal dott., nella sua qualità di, giusta delibera n. del premesso:

il Comune di, con sede in Via - C.F., legalmente rappresentato dal dott., nella sua qualità di, giusta delibera n. del premesso: ICI S/L (SC) 1 CONVENZIONE TRA L AGENZIA DELLE ENTRATE E IL COMUNE DI PER IL PAGAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI, DELLE SANZIONI E DEGLI INTERESSI E LA FORNITURA DEI RELATIVI FLUSSI INFORMATIVI

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Ragioneria e Finanza Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Comunicazione

Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Ragioneria e Finanza Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Ragioneria e Finanza Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Comunicazione Roma, 10-09-2012 Messaggio n. 14635 Allegati n.6 OGGETTO: Verifiche

Dettagli