REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005"

Transcript

1 REINTEGRO ANTICIPAZIONE EX ART. 11 comma 8 D. LGS. 252/2005 Il reintegro dell anticipazione è contemplato tra gli istituti tipici che caratterizzano la partecipazione alla previdenza integrativa fin dalla prima stesura del D. Lgs. 124/93, intervento legislativo istitutivo del sistema pensionistico complementare. Tuttavia nel tempo, il Legislatore è intervenuto in varie occasioni per definirne più puntualmente perimetro e modalità di applicazione. In considerazione della stratificazione degli interventi normativi riteniamo che possa giovare ad un analisi complessiva dell istituto raccogliere in un unico documento i riferimenti normativi e le conseguenti indicazioni di carattere operativo. Rileviamo infatti, sul tema del reintegro delle anticipazioni, un crescente interesse dei partecipanti alla previdenza complementare e, soprattutto, una diffusa esigenza dei Fondi Pensioni di disporre di un compendio che permetta di fornire risposte esaustive agli iscritti. Riferimenti normativi D. Lgs. 252/2005 art. 11 comma 8 Le somme percepite a titolo di anticipazione non possono mai eccedere, complessivamente, il 75 per cento del totale dei versamenti, comprese le quote del TFR, maggiorati delle plusvalenze tempo per tempo realizzate, effettuati alle forme pensionistiche complementari a decorrere dal primo momento di iscrizione alle predette forme. Le anticipazioni possono essere reintegrate, a scelta dell'aderente, in qualsiasi momento anche mediante contribuzioni annuali eccedenti il limite di 5.164,57 euro. Sulle somme eccedenti il predetto limite, corrispondenti alle anticipazioni reintegrate, e' riconosciuto al contribuente un credito d'imposta pari all'imposta pagata al momento della fruizione dell'anticipazione, proporzionalmente riferibile all'importo reintegrato. Circolare Agenzia delle Entrate n. 70/E del 18/12/2007, par Reintegro delle somme anticipate L articolo 11, comma 8, del decreto prevede che le anticipazioni possono essere reintegrate, a scelta dell aderente, in qualsiasi momento mediante contribuzioni anche annuali eccedenti il limite di 5.164,57 euro. Tale versamento contributivo ha lo scopo di ricostituire la posizione individuale esistente all atto dell anticipazione. La reintegrazione può avvenire in unica soluzione o mediante contribuzioni periodiche. La norma, al fine di agevolare coloro che decidono di reintegrare la posizione presso il fondo pensione, ha disposto che sulle somme eccedenti il predetto limite, corrispondenti alle anticipazioni reintegrate, è riconosciuto al contribuente un credito d imposta pari all imposta pagata al momento della fruizione dell anticipazione, proporzionalmente riferibile all importo reintegrato. La disciplina appena esposta in riferimento al reintegro è riferita alle sole anticipazioni erogate dal 1 gennaio 2007 e ai montanti maturati a decorrere dalla predetta data. Poiché la posizione individuale è genericamente composta da contributi dedotti, contributi non dedotti e rendimenti già tassati, le somme versate a titolo di reintegro, dovendo ripristinare la posizione contributiva esistente alla data dell anticipazione, dovranno essere imputate pro quota ai vari elementi che componevano l anticipazione, così come si è fatto in sede di erogazione della anticipazione. Si riporta di seguito l esempio riguardante un iscritto che richiede l anticipazione per spese sanitarie di euro , che si suppone costituita, per euro 7.000, da contributi dedotti, per euro3.000, da rendimenti già tassati (assunti al netto dell imposta sostitutiva). L imposta calcolata in sede di liquidazione dell anticipazione è di euro (cioè il 15 per cento di euro 7.000), sicché l importo liquidato, al netto dell imposta, è pari a euro Successivamente, ove l iscritto versi contributi che eccedono di euro l importo massimo deducibile, per reintegrare l anticipazione incassata in precedenza, tale somma, dovendo ricostituire la posizione contributiva esistente alla data dell anticipazione, andrà imputata, quanto a euro 7.000, alla contribuzione dedotta e, quanto a euro 3.000,ai rendimenti già tassati. In tal caso il credito d imposta di cui potrà fruire è euro 1.050, corrispondente esattamente all imposta applicata in sede di anticipazione. Qualora l iscritto versi contributi che eccedono di euro l importo massimo deducibile, tale somma andrà imputata in parte ai contributi dedotti e in parte ai rendimenti già tassati, in proporzione alle componenti esistenti al momento della percezione dell anticipazione, nel modo seguente : = : X X = * / = (contributi dedotti) = (rendimenti già tassati) Il credito d imposta, corrispondente al 15% di 3.500, è pertanto pari a euro 525. Ciò vuol dire che, a fronte di un reintegro eccedente la parte deducibile di euro, la forma pensionistica dovrà considerare euro come contributi dedotti ed euro come rendimenti già tassati. Poiché la reintegrazione è parziale la ricostituzione della pregressa situazione avviene, come detto, in proporzione alle componenti esistenti al momento della percezione dell anticipazione. Va evidenziato che in caso di contribuzioni eccedenti il massimale di deducibilità (come nell esempio esposto), è necessaria un espressa dichiarazione da rendere al fondo da parte dell aderente con la quale lo stesso disponga se e per quale somma la contribuzione debba intendersi come reintegro, in assenza della quale il fondo non può considerare le somme come reintegri.

2 Tale comunicazione deve essere resa entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all anno in cui è effettuato il reintegro. Il credito d imposta è riconosciuto solo sulle somme qualificate come reintegri nel senso sopra detto. Ai fini del riconoscimento del credito d imposta la documentazione probatoria sarà costituita dalla certificazione dell anticipazione erogata e delle relative ritenute e dalla comunicazione presentata dall aderente al fondo circa la volontà di reintegrare l anticipazione percepita recante l indicazione delle somme reintegrate. Il credito d imposta può essere utilizzato in compensazione ai sensi dell articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n A tal fine nella dichiarazione dei redditi dovranno essere indicati i dati necessari per evidenziare il diritto al credito e la sua misura. Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 52/E del 2 maggio Istituzione del codice tributo per l utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d imposta previsto dall articolo 11, comma 8 del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 L articolo 11, comma 8 del decreto legislativo 5 dicembre2005, n. 252 Disciplina delle forme pensionistiche complementari ha previsto che le somme percepite a titolo di anticipazione non possono mai eccedere, complessivamente, il 75 per cento del totale dei versamenti, comprese le quote del TFR, maggiorati delle plusvalenze tempo per tempo realizzate, effettuati alle forme pensionistiche complementari a decorrere dal primo momento di iscrizione alle predette forme. Le anticipazioni possono essere reintegrate, a scelta dell'aderente, in qualsiasi momento anche mediante contribuzioni annuali eccedenti il limite di 5.164,57 euro. Sulle somme eccedenti il predetto limite, corrispondenti alle anticipazioni reintegrate, è riconosciuto al contribuente un credito d'imposta pari all'imposta pagata al momento della fruizione dell'anticipazione, proporzionalmente riferibile all'importo reintegrato. L articolo 4.3 della Circolare n. 70 del 18 dicembre2007 dell Agenzia delle entrate, ha stabilito che il credito d'imposta può essere utilizzato in compensazione ai sensi dell'articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 e, a tal fine, nella dichiarazione dei redditi dovranno essere indicati i dati necessari per evidenziare il diritto al credito e la sua misura. Tutto ciò premesso, si istituisce il seguente codice tributo da indicare nel modello F24: denominato Credito d imposta reintegro somme anticipate ai sensi dell art. 11, c. 8, D.Lgs. 252/2005. In sede di compilazione del modello F24, il suddetto codice è esposto nella sezione Erario in corrispondenza delle somme indicate nella colonna Importi a credito compensati ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento del credito, nella colonna Importi a debito versati. Nel campo Anno di riferimento deve essere indicato l anno in cui è effettuato il reintegro delle anticipazioni, valorizzato nel formato AAAA D. Lgs. 124/1993 art. 7 comma 4 L iscritto al fondo da almeno otto anni può conseguire un anticipazione dei contributi accumulati per eventuali spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche, ovvero per l acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, [,] con facoltà di reintegrare la propria posizione nel fondo secondo modalità stabilite dal fondo stesso. Non sono ammesse altre anticipazioni o riscatti diversi da quello di cui all articolo 10, comma 1, lettera c). Ai fini della determinazione dell anzianità necessaria per avvalersi della facoltà di cui al presente comma sono considerati utili tutti i periodi di contribuzione a forme pensionistiche complementari maturati dall iscritto per i quali l interessato non abbia esercitato il riscatto della posizione individuale. Circolare Agenzia delle Entrate n. 29/E del 20/03/2001, par L articolo 7, comma 4, del D.Lgs. n. 124, come sostituito dall articolo 58, comma 8, lettera b), della legge 17 maggio 1999, n. 144, prevede la possibilità per l iscritto al fondo pensione di conseguire un anticipazione dei contributi accumulati ove ricorrano le situazioni di necessità ivi indicate, con facoltà di reintegrare la propria posizione nel fondo, secondo modalità stabilite dal fondo stesso. Il trattamento tributario previsto per la deduzione dei contributi versati al fondo in via ordinaria si rende applicabile anche alle somme che l iscritto versa alla forma di previdenza per reintegrare la propria posizione individuale dopo aver ottenuto anticipazioni: dette somme concorrono, alla stessa stregua dei contributi, a formare l importo annuo complessivamente deducibile nei limiti stabiliti Premessa: FINALITA DEL REINTEGRO Finalità del reintegro è la ricostituzione della posizione individuale esistente all atto dell anticipazione in vista dell ottenimento della prestazione previdenziale ad opera della forma pensionistica. CATEGORIE DI REINTEGRO Come emerge dai passaggi normativi elencati, l istituto del reintegro, rispetto ad un originaria formulazione (si veda d. Lgs. 124/93 e Circolare AE 29/E) rivolta principalmente ad attestare la facoltà dell iscritto di ripristinare la posizione erosa da un anticipazione pregressa, si è nel tempo arricchito di maggiori elementi di carattere fiscale resi pienamente operativi con l adeguamento del 730 e Modello UNICO a decorrere dall annualità 2010.

3 L evoluzione normativa dell istituto si è inoltre accompagnata alla stratificazione della disciplina della previdenza complementare rendendo di fatto del tutto pertinenti le disposizioni introdotte con il d. lgs. 252/2005 e con la Circolare AE 70/E solo per gli importi oggetto di reintegrazione imputabili al maturato post 01/01/2007. Il versamento effettuato dall iscritto a titolo di reintegro dell anticipazione può inoltre assumere diverse rappresentazioni in considerazione di come è strutturata la posizione previdenziale oggetto dell anticipazione stessa. Si possono pertanto convenzionalmente, e ricorrendo ad una semplificazione espositiva che favorisca la nostra analisi, definire 2 categorie di reintegro dell anticipazione, entrambe aventi la finalità la ricostituire la posizione individuale esistente all atto dell anticipazione: 1. REINTEGRO DELL ANTICIPAZIONE CON EFFETTI FISCALI ( REINTEGRO CON BENEFICIO FISCALE ) : riguarda le somme coinvolte nel reintegro che legittimano il lavoratore a vantare un credito d imposta nei confronti dell Erario. In questi casi la somma che l iscritto reintegra: a. deve essere imputabile alla componente di posizione previdenziale anticipata riferibile al maturato post 01/01/2007 b. deve avvenire con versamenti effettuati nell anno in misura superiore alla soglia di deducibilità dei 5.164,57 euro. 2. REINTEGRO DELL ANTICIPAZIONE PRIVO DI EFFETTI FISCALI: non comporta benefici fiscali per il lavoratore, che non gode del credito d imposta definito dalla Circolare 70/E dell Agenzia delle Entrate. In questi casi la somma che l iscritto reintegra:: a. è totalmente imputabile alla componente di posizione previdenziale anticipata riferibile al maturato prima del 01/01/2007 oppure b. pur essendo imputabile a quanto maturato post 01/01/2007 avviene con versamenti effettuati nell anno in misura INFERIORE alla soglia di deducibilità dei 5.164,57 euro. Per maggiore evidenza rappresentativa nel prospetto di seguito riportato sono riepilogate le casistiche che potenzialmente possono presentarsi agli operatori in funzione del K oggetto del reintegro: a) reintegro del cd. K1 o del cd. K2 riguardante il reintegro degli importi anticipati maturati dal lavoratore ante 31/12/2006 b) reintegro di K3 riguardante il reintegro degli importi anticipati maturati dal lavoratore post 01/01/2007 Naturalmente, come evidenziato sopra, il reintegro si categorizza nelle casistiche indicate in ragione di come è stata strutturata la precedente (o le precedenti) anticipazione sulla posizione previdenziale erogata dal Fondo Pensione. Per ognuna delle casistiche elencate è fornita evidenza della presenza del beneficio fiscale. CASISTICA Valore della posizione maturato ante 31/12/2006 CARATTERISTICHE DEL K REINTEGRATO Valore della posizione maturato Valore della posizione maturato post 01/01/2007 post 01/01/2007 (versamento di reintegro NON (versamento di reintegro eccedente soglia di deducibilità) eccedente soglia di deducibilità) BENEFICIO FISCALE 1 REINTEGRO K1 NO 2 REINTEGRO K1 e K2 NO 3 REINTEGRO K1 e K2 e K3 NO 4 REINTEGRO K1 e K2 e K3 SI 5 REINTEGRO K1 e K2 e K3 SI 6 REINTEGRO K2 NO 7 REINTEGRO K2 e K3 NO 8 REINTEGRO K2 e K3 SI 9 REINTEGRO K2 e K3 SI 10 REINTEGRO K3 NO 11 REINTEGRO K3 SI 12 REINTEGRO K3 SI

4 Giova infine ricordare che solamente per gli iscritti prima del 01/01/2007 possono teoricamente essere presenti le casistiche illustrate fino al n. 9. VALORE DEL REINTEGRO La ricostruzione della disciplina riportata all inizio del documento di analisi conferma in vari passaggi che lo scopo del versamento effettuato a titolo di reintegro è quello di ricostituire la posizione individuale esistente all atto dell anticipazione. Il riferimento è pertanto alla posizione oggetto dell anticipazione. Non rileva quindi all identificazione dei valori coinvolti nel reintegro il fatto che l iscritto abbia ottenuto, al momento dell anticipazione, un importo al netto delle ritenute di legge. L istituto del reintegro coinvolge quindi il valore lordo dell anticipazione ottenuta dall iscritto. Peraltro, la disciplina del cd. reintegro con benefici fiscali consente all iscritto di ricostituire l intero valore anticipato contemplando la peculiarità del versamento ad opera del lavoratore anche della componente dell anticipazione che è stata destinata ad imposte. Di seguito sarà approfondito prevalentemente l istituto del REINTEGRO DELL ANTICIPAZIONE CON EFFETTI FISCALI ( REINTEGRO CON BENEFICIO FISCALE ). Le considerazioni sul trattamento del reintegro senza effetti fiscali sono riportate nel successivo capitolo Aspetti in evidenza. Caratteristiche del reintegro con beneficio fiscale : BENEFICI FISCALI - Il reintegro al quale sono associati benefici fiscali (il credito d imposta) riguarda esclusivamente il capitale erogato a titolo di anticipazione che sia imputabile al maturato post 01/01/2007 (K3). La richiesta di restituzione di importi erogati prima del 31/12/2006 oppure dopo questa data, ma che non abbiano coinvolto il maturato post 01/01/2007, pur potendosi configurare civilisticamente quale reintegro di anticipazione non consente di ottenere il credito d imposta. L iscritto, in buona sostanza, restituisce più di quanto ha ottenuto dal Fondo Pensione poiché effettua un versamento per un valore lordo delle ritenute applicate in sede di anticipazione. SOGLIA DI DEDUCIBILITA Il versamento a titolo di reintegro alla quale è associato il recupero dell imposta, oltre ad avere le caratteristiche di cui sopra, riguarda inoltre solamente le somme eccedenti la soglia di deducibilità di 5.164,57 euro. Per le somme inferiori alla predetta soglia (calcolate sulla base della contribuzione annuale dell iscritto) il reintegro assumendo le caratteristiche, secondo la classificazione prima illustrata, di reintegro privo di effetti fiscali - incrementa l ammontare dei contributi potenzialmente deducibili che pertanto, in quanto dedotti, dovranno essere assoggettati a tassazione in fase di erogazione. La verifica sul superamento della soglia di deducibilità avviene ad opera del contribuente iscritto alla forma pensionistica. La partecipazione contestuale a più forme pensionistiche integrative impedisce al Fondo Pensione destinatario del versamento di effettuare questa valutazione. NON DEDOTTI - conseguenza indiretta del versamento di reintegro con beneficio fiscale riguarda la necessità di trasmettere al Fondo Pensione la dichiarazione di non deducibilità di una parte (o di tutti) i contributi aggiuntivi versati per effettuare il reintegro. Si tratta delle contribuzioni che costituiscono l eccedenza rispetto ai 5.164,57 euro annui. Si tratta dell intera componente sulla quale spetta il credito d imposta. Al riguardo si ricorda quanto stabilito dalla Risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 245/2002: [ ] la comunicazione deve essere resa dalla persona per la quale è aperta la posizione previdenziale [ ] si ritiene che il Fondo Pensione non possa sostituirsi all iscritto in tale adempimento [ ] FINALITA FISCALE - Finalità ulteriore del reintegro con beneficio fiscale è, oltre alla ricostituzione della posizione sul Fondo in vista dell ottenimento della prestazione previdenziale, l ottenimento del beneficio di una tassazione vantaggiosa in sede di erogazione finale (a titolo d prestazione previdenziale) con aliquote al massimo del 15%. MODALITA DI VERSAMENTO - Pur essendo previsto che l iscritto effettui una esplicita dichiarazione per definire quali somme versate debbano ritenersi reintegro è ragionevole, per la ratio dell istituto, che risultino sulla posizione dei versamenti aggiuntivi rispetto all ordinario piano di contribuzione. Pertanto sembra non coerente con la finalità indicata l imputazione a titolo di reintegro di una parte di contribuzione che secondo le percentuali di versamento per un adesione collettiva sarebbe comunque stata corrisposta al Fondo Pensione. Analoga considerazione potrebbe essere effettuata rispetto al piano ordinario di

5 contribuzione stabilito dall aderente a titolo individuale all atto della stipula del contratto con l attivazione del RID o bonifico permanente. Effetti del reintegro dell anticipazione: CREDITO D IMPOSTA Il versamento di reintegro, se assume le caratteristiche del reintegro con beneficio fiscale, genera un credito d imposta corrispondente alla ritenuta proporzionalmente applicata sugli importi dell anticipazione restituita (l iscritto, come gli esempi contenuti nella Circ. 70/E descrivono puntualmente, restituisce proporzionalmente o per intero anche la componente dell anticipazione che è stata versata all Erario a titolo di IRPEF) LIMITE ANTICIPABILE Il versamento di reintegro incrementa il limite normativo ex art. 11 comma 7 d. lgs. 252/2005 per le future richieste di anticipazione. Il medesimo beneficio non si ottiene con un versamento volontario. TRACCIABILITA E RIPRISTINO DELLE INFORMAZIONI Il ricorso da parte degli iscritti all istituto del reintegro, quando assume le caratteristiche del reintegro con beneficio fiscale obbliga il Fondo Pensione ad effettuare delle registrazioni aggiuntive rispetto alla semplice registrazione dell importo del versamento. Poiché infatti, come visto in precedenza, la somma corrisposta dall iscritto, determina il recupero delle ritenute versate all Erario al momento dell anticipazione annullando gli effetti fiscali, il Fondo Pensione deve disporre delle informazioni tecniche originarie per eseguire nuovamente la corretta tassazione al momento dell erogazione finale. Il versamento dell iscritto ripristina la posizione originaria (o la quota parte di essa che è reintegrata) nei vari elementi che componevano la somma oggetto di anticipazione. La somma accreditata al Fondo deve quindi (pro quota) essere registrata in base dati esplicitando i contributi dedotti, i contributi non dedotti e i rendimenti già assoggettati a tassazione ripristinati (vedi schema sottostante). Dedotto Non Dedotto Rendimento Assoggettato Posizione individuale anticipata = euro Netto Erogato = Imposte = Versamento del reintegro anticipazione = euro Anticipazione originaria Legenda Flusso di banca Posizione individuale movimentata Componente tecnica della posizione individuale Posizione individuale reintegrata = euro Reintegro Dedotto Non Dedotto Rendimento Assoggettato Aspetti in evidenza: CRITERIO PRUDENZIALE NELL IMPUTAZIONE DEL REINTEGRO Nel caso in cui il versamento di reintegro riguardi un iscritto con più anticipazioni, imputabili al maturato ante 01/01/2007 e al maturato post 01/01/2007 (o con una sola che abbia interessato i 2 montanti), è prudente ritenere che la restituzione riguardi innanzitutto quanto è stato corrisposto prioritariamente coinvolgendo il maturato ante 01/01/2007. In assenza di un indicazione precisa da parte del Legislatore che disciplini l istituto in queste fattispecie, pare preferibile associare in via prioritaria la restituzione alla componente di anticipazioni sulle quali non spetta il credito d imposta. Una diversa scelta potrebbe legittimare infatti in prospettiva, oltre al credito immediato, un futuro risparmio d imposte (si veda paragrafo finalità fiscale )

6 REINTEGRO SUL MONTANTE ANTE I versamenti effettuati a titolo di reintegro ma riferiti ad anticipazioni che hanno coinvolto solamente il maturato ante 31/12/2006, come si è detto sono da considerarsi reintegri privi di effetti fiscali. Tale versamenti, salvo per un aspetto, sono, per gli effetti che producono sulla posizione previdenziale, assimilabili alla categoria dei versamenti volontari. Infatti: a) Non consentono di beneficiare di alcuna restituzione di imposte. Di fatto quindi l iscritto restituisce al Fondo un importo superiore a quello effettivamente ottenuto (perché lordo di imposte) b) Non consentono di modificare la fiscalità già applicata che, per il periodo di maturazione fino al 2006 non possiede le caratteristiche della tassazione a titolo definitivo, ma è soggetta ad un conguaglio solamente in sede di erogazione finale ad opera della forma pensionistica. c) A differenza dei versamenti volontari ed è questa la peculiarità che li distingue - essi rilevano nel calcolo dei limiti anticipabili offrendo all iscritto l opportunità di riottenere con una futura richiesta di anticipazione l intero importo reintegrato. Nel caso di versamento volontario in senso stretto solo una percentuale dell importo corrisposto è disponibile per una futura richiesta di anticipazione. Per quanto espresso al punto c) essi dovranno essere opportunamente registrati in base dati in modo da renderli distinti dai versamenti di contributi volontari. REINTEGRO INFERIORE ALLA SOGLIA DI DEDUCIBILITA come si è detto, al versamento a titolo di reintegro inferiore alla soglia di deducibilità non si applicano i benefici di fiscalità previsti dalla disciplina del cd. reintegro con beneficio fiscale ; per questo motivo, nel limite della soglia dei 5.164,57 non è richiesta in base dati la registrazione delle informazioni aggiuntive di dettaglio di cui sopra. In questi casi il versamento è tracciato in base dati con una apposita operazione senza prevedere le componenti tecniche descritte nell esempio precedente, al solo scopo di potere utilizzare correttamente questa informazione nel computo dei nuovi limiti anticipabili. Come si richiede il reintegro: DOCUMENTAZIONE PROBATORIA - per ottenere il reintegro l iscritto deve presentare al Fondo Pensione entro la scadenza di presentazione della Dichiarazione dei Redditi dell annualità alla quale si intende imputare il reintegro la seguente documentazione probatoria: - richiesta di reintegro con evidenza dell ammontare del reintegro (vedi MODULO REINTEGRO) e dei versamenti effettuati nell anno che giustificano la domanda - certificazione dell anticipazione erogata e delle relative ritenute, suddivise nei 3 periodi fiscali. VERSAMENTO il versamento di reintegro deve essere effettuato riportando sulla causale dell operazione la seguente descrizione Reintegro anticipazione Cognome Nome codice fiscale Quale documentazione rilascia il Fondo Pensione: ATTESTAZIONE - Il Fondo Pensione, conclusa l annualità nella quale è effettuato il versamento del reintegro, entro un termine massimo di 30 giorni prima della presentazione della Dichiarazione dei Redditi ad opera del contribuente, ha facoltà di assistere l iscritto nella determinazione dell ammontare del credito spettante e di rilasciare un attestazione che riepiloghi le informazioni da riportare in 730 o UNICO (vedi ATTESTAZIONE DEL REINTEGRO). La normativa non richiede questa attestazione che tuttavia sembra essere indispensabile per consentire all iscritto la corretta compilazione del Quadro apposito della Dichiarazione ad opera del contribuente o di consulente al quale lo stesso si rivolga. Come si ottiene il credito d imposta:

7 il credito d imposta, corrispondente alla ritenuta proporzionalmente applicata sull ammontare dell anticipazione restituita, si ottiene attraverso compilazione del quadro apposito nel Modello UNICO o 730 del contribuente che ha ottenuto l anticipazione. Il credito può essere portato in compensazione nel prospetto di liquidazione del 730 o nel Quadro N del Modello UNICO. Altrimenti può essere chiesta la compensazione tramite compilazione di delega F24 nella quale riportare il credito con l apposito codice 6833 recentemente istituito. Istruzioni di compilazione del 730: QUADRO G Sezione II Modello 730 QUADRO CR Sezione V Modello UNICO

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare

Dettagli

IntegrazionePensionisticaAurora

IntegrazionePensionisticaAurora IntegrazionePensionisticaAurora Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5034 IntegrazionePensionisticaAurora Documento sul regime

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 1070 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Giugno 2015) - 1 - Le note che seguono sono una libera e parziale sintesi NON SOSTITUTIVA

Dettagli

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione Aperto DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione a L.A. PREVIDENZA Fondo Pensione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa ed è aggiornato al

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) ARCO FONDO NAZIONALE PENSIONE FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL LEGNO, SUGHERO, MOBILE ARREDAMENTO, BOSCHIVI/FORESTALI, LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO, LAPIDEI, MANIGLIE

Dettagli

UNIPOL FUTURO PRESENTE

UNIPOL FUTURO PRESENTE Unipol Futuro Presente Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Iscritto all albo tenuto dalla Covip con il n. 5050 UNIPOL FUTURO PRESENTE Documento sul regime fiscale Il presente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale

Unipol Previdenza. Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA. Documento sul regime fiscale Unipol Previdenza Fondo Pensione Aperto iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 30 UNIPOL PREVIDENZA Documento sul regime fiscale Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni Previmoda Fondo Pensione a capitalizzazione per i lavoratori dell industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda. Documento PREVIMODA FONDO PENSIONE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento espone il regime fiscale

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione

Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione Obiettivo Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo pensione 4 - Documento sul Regime fiscale Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5017 Numeri utili Pronto Allianz

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento è aggiornato alla data del 31 marzo 2012 Premessa La partecipazione a forme di previdenza complementare può idealmente scindersi, da un punto di vista

Dettagli

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14)

GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) GENERAFUTURO Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 08/14) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa Il Regime Fiscale di un Fondo Pensione è caratterizzato da tre momenti: 1. Contribuzione 2. Gestione Finanziaria

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale - Allegato alla Nota informativa - Documento sul regime fiscale Allegato alla Nota informativa Pagina 1

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE FONDO PENSIONE (iscritto al n. 1137 della Sezione Speciale I dei Fondi Preesistenti dell Albo Covip) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi Contributi versati dal 1 gennaio 2007 I contributi versati a fondi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE APERTO Helvetia Domani Fondo pensione Aperto è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 91 Il presente documento integra il contenuto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE fondo pensione aperto aviva Fondo Pensione Istituito in Forma di Patrimonio Separato da AVIVA S.p.A. (Art. 12 del Decreto Legislativo 5 Dicembre 2005, n. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento sulle anticipazioni pagina 1 di 3 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE La presente Nota informativa, redatta da PENSPLAN INVEST SGR S.p.A. in conformità allo schema predisposto dalla Covip, non è soggetta

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO FONTEDIR Fondo Pensione Complementare Dirigenti Gruppo Telecom Italia FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE DIRIGENTI GRUPPO TELECOM ITALIA in forma abbreviata FONTEDIR DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO REGIME FISCALE

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA

FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE APERTO UBI PREVIDENZA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA ASSICURAZIONI VITA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL

Dettagli

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE HELVETIA AEQUA PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Helvetia Aequa è iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5079. Helvetia Vita S.p.A.,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DC S RG FSC l presente documento integra il contenuto della ota nformativa relativa al Fondo ensione per il ersonale delle Società arabancarie e nterbancarie del Gruppo. l Fondo ensione per il ersonale

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337

FONDO PENSIONE MEDICI Iscritto all'albo COVIP con il n 1337 mod. C/P01 (Rev. Nov 2010) FONDO PENSIONE MEDICI C/P01 - PENSIONAMENTO RICHIESTA DI PRESTAZIONE PENSIONISTICA Da compilarsi e sottoscrivere a cura dell'aderente Il Sottoscritto.. nato a.. (prov....) il...

Dettagli

Aviva Top Pension. Documento sul regime fiscale. Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione

Aviva Top Pension. Documento sul regime fiscale. Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Aviva Top Pension Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita (art. 13 del

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo 6 modulo Aspetti di fiscalità dei fondi pensione Riferimento bibliografico: 4 capitolo Art. 53 della costituzione Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

UniCredit Futuro P.I.P. Aviva

UniCredit Futuro P.I.P. Aviva UniCredit Futuro P.I.P. Aviva Piano Individuale Pensionistico di Tipo Assicurativo - Fondo Pensione Forme pensionistiche complementari individuali attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Più opportunità dal tuo fondo pensione

Più opportunità dal tuo fondo pensione fondo pensione per il personale del gruppo helvetia e del gruppo nationale suisse Più opportunità dal tuo fondo pensione Più adesioni con i fiscalmente a carico, più contribuzione da parte del datore di

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il Fondo Pensione Aperto Soluzione Previdente è iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 155. Helvetia Vita S.p.A. Compagnia

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Futuro Pensione. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5049. documenti allegati

Futuro Pensione. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5049. documenti allegati Futuro Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 5049. documenti allegati Futuro Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Libero Domani. Documento sul regime fiscale

Libero Domani. Documento sul regime fiscale Società del Gruppo Sara Libero Domani Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5092 (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

Cognome Nome. Comune di nascita Prov. Residente Prov. C.A.P. Tel. indirizzo e mail RICHIEDE

Cognome Nome. Comune di nascita Prov. Residente Prov. C.A.P. Tel. indirizzo e mail RICHIEDE RICHIESTA DI RISCATTO DELLA POSIZIONE INDIVIDUALE O DI LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE PENSIONISTICA COMPLEMENTARE (a norma degli artt. 10 e 12 dello Statuto) L ISCRITTO (compilazione a cura dell iscritto)

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta.

All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta. All Agenzia delle Entrate Ufficio di Ricorso per rimborso Irpef trattenuta dal sostituto di imposta e non dovuta. Il sottoscritto nato a il 19, residente a Codice fiscale Premesso che presso la Cassa di

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente

RISOLUZIONE N. 46/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 maggio 2010 Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - ART. 51, comma 4, lett. b), Tuir - Prestiti concessi al personale dipendente Con

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Iniziamo la pubblicazione di una serie di interventi di approfondimento sulle novità del modello Cud 2008. Si parte con l analisi

Dettagli