CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI"

Transcript

1 Il seguente Regolamento Nazionale è stato approvato con O.C. N 1378 del 17 luglio 2003 CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO NAZIONALE TRUCCATORI E SIMULATORI Art. 1 (Attività di truccatori) I Truccatori ed i Simulatori della Croce Rossa Italiana sono Volontari del soccorso adeguatamente istruiti a specifiche tecniche di trucco e recitazione volte a rendere quanto più reale possibile la simulazione di un evento che produca traumi fisici sulla persona, utilizzabili in occasione di esami, corsi di formazione, manifestazioni, gare ed esercitazioni di Primo Soccorso e Protezione Civile. Art. 2 (Specializzazioni) Le specializzazioni che i Volontari possono acquisire nell ambito di questa particolare attività sono le seguenti: Truccatore; Simulatore; Istruttore di trucco; Formatore di Istruttori di trucco; Preparatore di Simulatori. Truccatori: pianificano e realizzano le simulazioni in collaborazione con i Simulatori. Simulatori: interpretano le simulazioni in collaborazione con i Truccatori. Istruttori di Trucco: formano ed aggiornano i Truccatori. Formatori di Istruttori di trucco: formano ed aggiornano gli Istruttori di trucco; formano nuovi formatori. Preparatori di Simulatori: formano ed aggiornano i Simulatori; formano nuovi Preparatori Per accedere ai diversi livelli di specializzazione è necessario frequentare un apposito Corso, previa autorizzazione dell Ispettorato nazionale V.d.S. per i corsi nazionali, dell ispettore regionale V.d.S. per i corsi regionali e dell ispettore provinciale e di gruppo V.d.S. per quelli organizzati nell ambito della provincia e superare positivamente l esame finale previsto. I Truccatori, Simulatori, Istruttori, Formatori e Preparatori non sono in alcun caso autorizzati a divulgare le tecniche di trucco e di recitazione apprese a persone non appartenenti alla CRI.

2 Art. 3 (Corsi) I Corsi per Truccatori, Istruttori di Trucco, Formatori di Istruttori di trucco, Simulatori e Preparatori di Simulatori vengono organizzati su base locale, provinciale, regionale e nazionale. I Corsi devono essere realizzati secondo le direttive del programma nazionale, con svolgimento di esami finali specifici, e devono essere tenuti esclusivamente da Istruttori, Formatori o Preparatori abilitati. Art. 4 (Corso Truccatori) Viene organizzato a livello locale/provinciale/regionale. Possono accedere al Corso Truccatori tutti i volontari del soccorso attivi che abbiano frequentato e superato un Corso di Primo Soccorso riconosciuto dall Associazione. Il Corso ha una durata di 14 ore per un massimo di 20 allievi ed è tenuto da almeno due Istruttori di trucco. La commissione esaminatrice è composta dal Presidente dell Unità di appartenenza o suo delegato e dai Docenti titolari del Corso, ed un rappresentante dell Ispettore regionale competente per territorio o suo delegato. All aspirante Truccatore, dichiarato idoneo dalla Commissione esaminatrice in sede d esame finale, viene rilasciato il relativo Attestato a firma del Presidente e dell Ispettore regionale V.d.S. Art. 5 (Corso Istruttori di trucco) Viene organizzato a livello regionale/nazionale. Possono accedere al Corso i Truccatori con almeno un anno di attività certificata. Il Corso ha una durata di 20 ore per un massimo di 20 allievi ed è tenuto da almeno 2 Formatori. La Commissione esaminatrice è composta dal Presidente dell Unità di appartenenza o suo delegato e dai Docenti titolari del Corso, dall ispettore regionale competente per territorio o suo delegato. All Aspirante Istruttore di trucco, dichiarato idoneo dalla Commissione esaminatrice in sede di esame finale, viene rilasciato il relativo Attestato a firma del Presidente e dell ispettore regionale V.d.S..

3 Art. 6 (Corso formatori istruttori di trucco) Viene organizzato a livello nazionale. Possono accedere al Corso gli Istruttori con almeno due anni di attività da Istruttore di trucco certificata. Il corso ha una durata di 24 ore per un massimo di dieci allievi ed è tenuto da almeno due Formatori. La Commissione esaminatrice viene nominata dall Ispettore nazionale V.d.S. e/o suo delegato ed è composta da un Presidente, dai Docenti titolari del Corso, da un Ispettore regionale V.d.S. o suo delegato. All Aspirante Formatore di Istruttori di trucco, dichiarato idoneo dalla Commissione esaminatrice in sede di esame finale, viene rilasciato il relativo Attestato a firma del Presidente Generale e dell Ispettore nazionale V.d.S.. Art. 7 (Corso simulatori) Viene organizzato a livello locale/provinciale/regionale. Possono accedere al Corso Simulatori tutti i volontari del soccorso attivi che abbiano frequentato e superato un Corso di Primo Soccorso riconosciuto dall Associazione. Il Corso ha una durata di 16 ore per un massimo di 15 allievi ed è tenuto da almeno due Preparatori di Simulatori con la collaborazione di un Truccatore; se il numero dei discenti risulta inferiore a sei sarà sufficiente un Preparatore di Simulatori con il supporto di un Simulatore esperto. La commissione esaminatrice è composta dal Presidente dell Unità di appartenenza o suo delegato e dai Docenti titolari del Corso, dall Ispettore regionale V.d.S. competente per territorio o suo delegato. All aspirante Simulatore, dichiarato idoneo dalla Commissione esaminatrice in sede d esame finale, viene rilasciato il relativo Attestato a firma del Presidente e dell Ispettore regionale V.d.S.. Art. 8 (Corso preparatori per simulatori) Viene organizzato a livello regionale/nazionale. Possono accedere al Corso i Simulatori con almeno un anno di attività da Simulatore certificata. Il Corso ha una durata di almeno 24 ore per un massimo di 10 allievi ed è tenuto da almeno 2 Preparatori.

4 La Commissione esaminatrice è composta dal Presidente dell Unità di appartenenza o suo delegato e dai Docenti titolari del Corso, dall ispettore regionale V.d.S. competente per territorio o suo delegato. All Aspirante Preparatore di Simulatori, dichiarato idoneo dalla Commissione esaminatrice in sede di esame finale, viene rilasciato il relativo Attestato a firma del Presidente e dell ispettore regionale V.d.S. Art. 9 (Ambiti territoriali di intervento ed utilizzo) In caso di richiesta di attivazione dei truccatori V.d.S. implicante lo svolgimento dell attività a livello locale, l autorizzazione all intervento è data dall Ispettore del Gruppo e dal Presidente del Comitato Locale compente per territorio. Il coordinamento è svolto dall Ispettore di Gruppo V.d.S. o dal delegato tecnico locale truccatori, se nominato. In caso di richiesta di attivazione dei truccatori implicante lo svolgimento dell attività all interno del territorio di una stessa Provincia, l autorizzazione all intervento è data dall Ispettore Provinciale e dal Presidente del Comitato Provinciale interessato. Il coordinamento è svolto dall Ispettore provinciale V.d.S. o dal delegato tecnico provinciale per i truccatori, se nominato. In caso di richiesta di attivazione dei truccatori implicante lo svolgimento dell attività all interno del territorio di più Province all interno di una stessa Regione, l autorizzazione all intervento è data dall Ispettore Regionale competente e dal Presidente del Comitato Provinciale d appartenenza. Il coordinamento è svolto dall Ispettore Regionale V.d.S. o dal delegato tecnico regionale per i truccatori, se nominato. In caso di richiesta di attivazione dei truccatori implicante lo svolgimento dell attività all interno del territorio di più Regioni, l autorizzazione all intervento è data dall Ispettore Nazionale V.d.S. e dal delegato tecnico nazionale se nominato e dal Presidente del Comitato Provinciale d appartenenza dei truccatori. La procedura operativa viene affidata al coordinatore nazionale dei Delegati tecnici nazionali. Per le spese del DTIN si applica la procedura in essere, mentre quelle dei DTIR, DTIP e DTIL sono a carico delle singole unità CRI di appartenenza. Per quanto non espressamente contemplato dal presente regolamento, si rimanda alle indicazioni fornite dall Ispettorato nazionale V.d.S..

5 Art. 10 (Mantenimento delle qualifiche) Ciascuna figura professionale è tenuta a mantenere la propria qualifica secondo le specifiche modalità di seguito riportate: Truccatore: 1. Partecipazione ad almeno un Corso di aggiornamento ogni due anni. 2. Svolgimento di almeno due attività di trucco ogni anno. Simulatore: 3. Partecipazione ad almeno un Corso di aggiornamento ogni due anni. 4. Svolgimento di almeno due simulazioni ogni anno. Istruttore di trucco: 5. Realizzazione di almeno un Corso di aggiornamento per Truccatori ogni anno. 6. Realizzazione di almeno un Corso per Truccatori ogni due anni. 7. Partecipazione ad almeno un Corso di aggiornamento ogni due anni. 8. Svolgimento di almeno due attività come Truccatore ogni anno. Formatore di Istruttori di trucco: 9. Realizzazione di almeno un Corso di aggiornamento per Istruttori di trucco ogni due anni. 10. Realizzazione di almeno un Corso per Istruttori di trucco ogni due anni. 11. Svolgimento di almeno due attività come Truccatore ogni anno. Preparatore di Simulatori: 12. Realizzazione di almeno un Corso di aggiornamento per Simulatori ogni anno. 13. Realizzazione di almeno un Corso per Simulatori ogni due anni. 14. Svolgimento di almeno due attività come Simulatore ogni anno. Nel caso di perdita della qualifica, è possibile il reintegro nella attività truccatori o simulatori previa frequentazione obbligatoria dei corsi così come indicato negli artt. 4,5,6, e 7. di un corso di aggiornamento. Art. 11 (Responsabili attività) I delegati tecnici, ai vari livelli territoriali, hanno i seguenti compiti: Delegato Tecnico Nazionale (D.T.N.) (deve avere la specializzazione di Formatore) Collabora con i D.T.I.R. nello svolgimento delle loro attività. Organizza, a livello nazionale, corsi di formazione e di aggiornamento, previa autorizzazione dell Ispettorato nazionala V.d.S.

6 Raccoglie ed invia tutti i censimenti regionali entro il 28 febbraio di ogni anno; Delegato Tecnico Regionale (D.T.I.R.) (possibilmente Istruttore o Preparatore) Collabora con i D.T.I.P. nello svolgimento delle loro attività. Organizza, a livello regionale, corsi di formazione e di aggiornamento, previa autorizzazione dell Ispettore Regionale V.d.S. competente per territorio. Raccoglie ed invia al D.T.N. il censimento dei truccatori regionali entro il 30 gennaio di ogni anno; Delegato Tecnico Provinciale (D.T.I.P.) (possibilmente Istruttore o Preparatore) Collabora con i D.T.I.L. nello svolgimento delle loro attività. Organizza, a livello provinciale, corsi di formazione e di aggiornamento, previa autorizzazione dell Ispettore Provinciale V.d.S. Raccoglie ed invia al D.T.R. il censimento dei truccatori provinciali entro il 20 gennaio di ogni anno. Delegato Tecnico Locale (D.T.I.L.) (possibilmente Truccatore o Simulatore) Organizza, a livello locale, corsi di specializzazione e di aggiornamento, previa autorizzazione dell Ispettore di Gruppo V.d.S. Raccoglie ed invia al D.T.P. il censimento dei truccatori locali entro il 15 gennaio di ogni anno. Art. 12 (Convocazione Nazionale) I Formatori e Preparatori sono convocati per redigere ed aggiornare i programmi per i diversi Corsi di specializzazione (Truccatori, Simulatori, Istruttori, Formatori e Preparatori), sperimentare nuovi prodotti per il trucco, elaborare e sviluppare nuove tecniche per l insegnamento, mettere a punto ed attuare nuove strategie volte ad un assiduo e costante miglioramento delle diverse specializzazioni e ad una necessaria valorizzazione dell immagine e delle attività dei Truccatori e dei Simulatori della CRI dall Ispettorato nazionale V.d.S. Art. 13 (Vestiario ed utilizzo automezzi) I V.d.S. truccatori nello svolgimento delle attività dell Istituto utilizzano la divisa della componente così come previsto dal capitolato nazionale vigente. Nell utilizzo degli automezzi CRI i truccatori applicano la procedura normalmente in essere per l autorizzazione all impiego degli stessi.

7 Art. 14 (Distintivi, pettorina, attestati) Distintivi: si conferma il simbolo distintivo dei V.d.S. truccatori attualmente in uso. Pettorina: viene utilizzata solo ed esclusivamente per il lavoro nelle diverse manifestazioni in cui i Volontari specializzati sono chiamati a svolgere detta attività. Gli oneri sono a carico dei singoli volontari. Attestati: gli attestati devono avere solo la specifica dei Corsi.

Formatore Istruttore V.d.S. Giovanni Guastella

Formatore Istruttore V.d.S. Giovanni Guastella RUOLO E COMPITI DELL ISTRUTTORE PSTI P.S.T.I. Formatore Istruttore V.d.S. Giovanni Guastella OBIETTIVO: Capire chi è l istruttore I compiti dell istruttore La formazione dell istruttore L aggiornamento

Dettagli

All Ispettorato Nazionale II.VV. OGGETTO: Corso Nazionale per Istruttori di Trucco e Simulazione. Ispettorato Nazionale Corpo Militare

All Ispettorato Nazionale II.VV. OGGETTO: Corso Nazionale per Istruttori di Trucco e Simulazione. Ispettorato Nazionale Corpo Militare Cuneo, li 9 gennaio 2014 Ufficio del DTN Truccatori e Simulatori Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Cuneo Protocollo n:...131 Allegati. OGGETTO: Corso Nazionale per Istruttori di Trucco e Simulazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile

Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile Croce Rossa Italiana Provincia di Novara - Protezione Civile Regolamento Nazionale Istruttori di Protezione Civile (O.C. n 280 del 03 Giugno 2010) Regolamento Nazionale Formatori di Protezione Civile (Delibera

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per FORMATORI PSTI

CORSO DI FORMAZIONE per FORMATORI PSTI Mod PSTI_FORM_00 CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE V.d.S. CORSO DI FORMAZIONE per FORMATORI PSTI Pagina 1 di 28 Mod PSTI_FORM_01 CROCE ROSSA ITALIANA Corso formativo per Formatori PSTI - CRI Versione

Dettagli

Progetto Formativo Attività di Simulazione, Trucco e Face Painting Prima Parte

Progetto Formativo Attività di Simulazione, Trucco e Face Painting Prima Parte Progetto Formativo Attività di Simulazione, Trucco e Face Painting Prima Parte SOMMARIO A. Introduzione pag. 1 Riunion B. Riunione Regionale Istruttori di Simulazione, Trucco e Face Painting pag. 2 B.1

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Campania

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale Campania REGOLAMENTO 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1. Il presente Regolamento disciplina, all interno dei comitati della Croce Rossa Italiana in Campania, le procedure per l attivazione, la frequenza,

Dettagli

CORSO TRUCCATORI L ATTESTATO

CORSO TRUCCATORI L ATTESTATO In questa pagine è possibile visionare i programmi dei vari corsi con gli argomenti delle lezioni e i tempi delle stesse. L'organizzazione di un corso è demandata al delegato tecnico di competenza. CORSO

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana

Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Regolamento dell Accademia Nazionale di Formazione della Croce Rossa Italiana Premessa La Croce Rossa Italiana riconosce nella formazione continua e permanente dei propri Soci il valore aggiunto dell'associazione.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI

DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lombardia Il Presidente DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI IL PRESIDENTE REGIONALE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA SEZIONE I 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 128 del 27 febbraio 2006 che approva il regolamento sulle organizzazioni di volontariato

Dettagli

Agosto 2011. educazionesanitaria@criudine.it. Ufficio di Educazione Sanitaria. Corsi di Primo Soccorso per le Aziende

Agosto 2011. educazionesanitaria@criudine.it. Ufficio di Educazione Sanitaria. Corsi di Primo Soccorso per le Aziende Ufficio di Educazione Sanitaria Agosto 2011 educazionesanitaria@criudine.it 1 / 14 Leggi italiane sulla sicurezza sul lavoro Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 o Testo unico sulla sicurezza sul

Dettagli

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691 Alla Commissione Nazionale Attività di Base FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ai Coordinatori Federali Regionali per l Attività Giovanile

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI Il progetto BLSD CRI si pone come finalità la diffusione della cultura della rianimazione cardiopolmonare e delle competenze necessarie ad intervenire su persone

Dettagli

2) Giudice Una Stella di Endurance: per Giurie in gare regionali anche in qualità di Presidente di Giuria e/o Delegato Tecnico;

2) Giudice Una Stella di Endurance: per Giurie in gare regionali anche in qualità di Presidente di Giuria e/o Delegato Tecnico; REGOLAMENTO GIUDICI DI ENDURANCE in vigore dal 01.01.2011 Art. 1) Tipologia di Giudice di Endurance I Giudici di Endurance sono, nell ordine crescente di importanza: 1) Giudice di Endurance: per Giurie

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE V.d.S. II CORSO FORMAZIONE QUADRI VOLONTARI del SOCCORSO Proposte di modifica al Regolamento Unico delle componenti civili CRI Riccione 11 novembre 2006 REGOLAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

REGOLAMENTO CORSI DI FORMAZIONE NEL SERVIZIO PSICOSOCIALE

REGOLAMENTO CORSI DI FORMAZIONE NEL SERVIZIO PSICOSOCIALE REGOLAMENTO CORSI DI FORMAZIONE NEL SERVIZIO PSICOSOCIALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Premessa 1. L Associazione Italiana della Croce Rossa (di seguito Croce Rossa Italiana o C.R.I), al fine di

Dettagli

: ATTIVITÀ VERSO LE NUOVE VULNERABILITÀ

: ATTIVITÀ VERSO LE NUOVE VULNERABILITÀ Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA PRESENTAZIONE Luogo- Data Obiettivi del Corso A. Cultura di Croce Rossa La Croce Rossa,Storia, Movimento Internazionale,Struttura B. Brevetto

Dettagli

Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS. Unione Italiana Tiro a Segno

Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS. Unione Italiana Tiro a Segno Ordinamento e Formazione degli Istruttori Istituzionali UITS Unione Italiana Tiro a Segno Ottobre 2010 ART. 1 ORDINAMENTO Gli Istruttori dell attività Istituzionale vengono distinti secondo le seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO CORSI DELL ATTIVITA E DEL SERVIZIO DI SALVATAGGIO IN ACQUA

REGOLAMENTO CORSI DELL ATTIVITA E DEL SERVIZIO DI SALVATAGGIO IN ACQUA CROCE ROSSA ITALIANA UFFICIO SOCCORSI SPECIALI SERVIZIO 12 ATTIVITA' DI EMERGENZA ED OPERAZIONI INTERNAZIONALI REGOLAMENTO CORSI DELL ATTIVITA E DEL SERVIZIO DI SALVATAGGIO IN ACQUA Capitolo 1 OPERATORE

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C.

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. Associazione Professionale di Consulenti Tecnici di Pianificazione, Coordinatori dell Emergenza ed Istruttori

Dettagli

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti

Disposizioni inerenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonché per consulenti Delibera 25 novembre 2014, n. 1410 Disposizioni concernenti i certificati di abilitazione per utilizzatori professionali e per distributori di prodotti fitosanitari nonchè per consulenti Allegato Disposizioni

Dettagli

Federazione Ginnastica d'italia

Federazione Ginnastica d'italia Federazione Ginnastica d'italia Regolamento Quadri Tecnici (approvato dalla Giunta Nazionale del C.O.N.I. il 1 marzo 2011) Premessa Il Regolamento dei Quadri Tecnici ha lo scopo di dettare una normativa

Dettagli

INFO POINT ISCRIZIONE CORSI

INFO POINT ISCRIZIONE CORSI INFO POINT ISCRIZIONE CORSI CATALOGO CORSI CORSO A: OSO Operatore Sala Operativa 26 ore Sabato 29 e domenica 30 novembre 2014, domenica 8 febbraio 2015 CORSO B: TLC Operatore TLC 16 ore Sabato 7 e domenica

Dettagli

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CORSI

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CORSI REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CORSI Norme per la disciplina del riconoscimento dei corsi di coaching 1 INDICE Art. 1 Corso di coaching riconosciuto da AICP Art. 2 Utilizzo del nome e logo AICP Art. 2 bis

Dettagli

Dalla 2 all 4 edizione

Dalla 2 all 4 edizione COMITATO REGIONALE PIEMONTE STANDARD FORMATIVO PER IL VOLONTARIO SOCCORRITORE 118 Dalla 2 all 4 edizione CORSO UNICO D ACCESSO CORSO BASE O.C. n 253/09 e O.C. n 267/09 il personale può essere impiegato

Dettagli

Gestione della formazione del personale

Gestione della formazione del personale Gestione della formazione del personale INDICE 1. GENERALITA 2. RESPONSABILITA' 3. PROCEDURA o 3.1 Personale Docente 3.1.1 Corsi interni all Istituto 3.1.2 Corsi esterni o 3.2 Personale non docente o 3.3

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI 1 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA IN AMBITO CRI PER VOLONTARI

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

VADEMECUM FORMAZIONE FEDERALE BREVETTI MONTA WESTERN 2015 2016

VADEMECUM FORMAZIONE FEDERALE BREVETTI MONTA WESTERN 2015 2016 VADEMECUM FORMAZIONE FEDERALE BREVETTI MONTA WESTERN 2015 2016 01/01/2015 Vademecum Formazione Western pag. 1 Modalità di presentazione della domanda per i corsi di formazione, aggiornamento e equiparazione

Dettagli

Lega nazionale ciclismo Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE

Lega nazionale ciclismo Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE Lega nazionale ciclismo Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE approvato dal Consiglio nazionale di lega il 28 aprile 2008 Art. 1 Ai sensi e per gli effetti degli articoli specifici dello Statuto dell UISP, è

Dettagli

1. Disposizioni di carattere generale

1. Disposizioni di carattere generale Federazione Scacchistica Italiana REGOLAMENTO ISTRUTTORI, INSEGNAMENTO E SCUOLA - RIS INDICE 1. Disposizioni di carattere generale 1.1Principi generali sull insegnamento 1.2 Abilitazione all insegnamento

Dettagli

Alle Direzioni Regionali dei VVF Loro Sedi Alle Direzioni Centrali del Dipartimento Loro Sedi Agli Uffici Centrali del Dipartimento Loro Sedi

Alle Direzioni Regionali dei VVF Loro Sedi Alle Direzioni Centrali del Dipartimento Loro Sedi Agli Uffici Centrali del Dipartimento Loro Sedi MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE Alle Direzioni Regionali dei VVF Alle Direzioni Centrali del Dipartimento

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI

TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI REGOLAMENTO QUADRI TECNICI GIOVANILI 1 TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI ARTICOLO 1 APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI DELL AREA SCUOLA FIB E DELL AREA GIOVANILE

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1113 Data: 20-12-2011 SETTORE : POLITICHE SOCIALI E DI SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1113 Data: 20-12-2011 SETTORE : POLITICHE SOCIALI E DI SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 1113-2011 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 1113 Data: 20-12-2011 SETTORE : POLITICHE SOCIALI

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015 2016 CORSO ABILITANTE al GRADO di ALLIEVO ALLENATORE 1 LIVELLO GIOVANILE

STAGIONE SPORTIVA 2015 2016 CORSO ABILITANTE al GRADO di ALLIEVO ALLENATORE 1 LIVELLO GIOVANILE STAGIONE SPORTIVA 2015 2016 CORSO ABILITANTE al GRADO di ALLIEVO ALLENATORE 1 LIVELLO GIOVANILE Novembre 2015 Il Comitato Provinciale di Padova indice per la stagione sportiva 2015 / 2016 il Corso per

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE FORMATORI ED ISTRUTTORI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO NAZIONALE FORMATORI ED ISTRUTTORI DI PROTEZIONE CIVILE Croce Rossa Italiana - Commissione Nazionale Protezione Civile REGOLAMENTO NAZIONALE FORMATORI ED ISTRUTTORI DI PROTEZIONE CIVILE Commissione Nazionale Protezione Civile REGOLAMENTO NAZIONALE FORMATORI

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA DEGLI INSEGNANTI E DEGLI ISTRUTTORI DI AUTOSCUOLA.

NUOVO REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA DEGLI INSEGNANTI E DEGLI ISTRUTTORI DI AUTOSCUOLA. NUOVO REGOLAMENTO PER L ESPLETAMENTO DEGLI ESAMI PER IL RICONOSCIMENTO DELL IDONEITA DEGLI INSEGNANTI E DEGLI ISTRUTTORI DI AUTOSCUOLA. Art. 1 FONTI NORMATIVE Per l espletamento degli esami per il conseguimento

Dettagli

REGOLAMENTO DISEGNATORI E COSTRUTTORI DI CONCORSO COMPLETO

REGOLAMENTO DISEGNATORI E COSTRUTTORI DI CONCORSO COMPLETO Regolamento Disegnatori e Costruttore di Concorso Completo dicembre 2001 1 REGOLAMENTO DISEGNATORI E COSTRUTTORI DI CONCORSO COMPLETO Commissione Tecnica 1. Il Settore Disegnatori e Costruttori di Concorso

Dettagli

Ritenuto quindi necessario adeguare la regolamentazione delle commissioni degli esami di qualifica, elaborando una nuova disciplina;

Ritenuto quindi necessario adeguare la regolamentazione delle commissioni degli esami di qualifica, elaborando una nuova disciplina; REGIONE PIEMONTE BU34 25/08/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2011, n. 31-2441 L. r. 22/2009, art. 59. Nuova disciplina sulle commissioni esaminatrici. A relazione dell'assessore Porchietto:

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI ALBIZZATE ART. 1 COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE E FINALITA Il Gruppo Comunale di volontariato di Protezione Civile del Comune

Dettagli

Corsi di formazione per: Insegnanti Elementari Istruttori di base Istruttori Giovanili Linee guida

Corsi di formazione per: Insegnanti Elementari Istruttori di base Istruttori Giovanili Linee guida Corsi di formazione per: Insegnanti Elementari Istruttori di base Istruttori Giovanili Linee guida La Federazione Scacchistica Italiana Comitato Regionale Pugliese in collaborazione con il C.O.N.I. Comitato

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - Costituzione del Gruppo Comunale. E costituito il Gruppo Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

REGIONE CALABRIA L.R.

REGIONE CALABRIA L.R. REGIONE CALABRIA L.R. 19 marzo 1999, n. 5: Disciplina della qualificazione professionale della attività di Estetista nella Regione Calabria in attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1. (B.U.R.C. 25

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

Regolamento del Programma

Regolamento del Programma Pagina 1 di 5 Regolamento del Programma Pagina 2 di 5 Il presente documento costituisce la guida tramite cui CERTIPASS fornisce le prime indicazioni necessarie per: attivare un Ei-Center nell ambito del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESAME PER IL RICONOSCIMENTO DELL' IDONEITÀ DEGLI INSEGNANTI DI TEORIA E DEGLI ISTRUTTORI DI GUIDA DI AUTOSCUOLA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESAME PER IL RICONOSCIMENTO DELL' IDONEITÀ DEGLI INSEGNANTI DI TEORIA E DEGLI ISTRUTTORI DI GUIDA DI AUTOSCUOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESAME PER IL RICONOSCIMENTO DELL' IDONEITÀ DEGLI INSEGNANTI DI TEORIA E DEGLI ISTRUTTORI DI GUIDA DI AUTOSCUOLA (Approvato con deliberazione consiliare n. 92 del 19.11.2012)

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA DI SISTEMA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE Pagina 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Inserimento di nuovo personale 4.2 Formazione e aggiornamento dei docenti 4.3 Formazione e aggiornamento del personale

Dettagli

Federazione Ciclistica Italiana

Federazione Ciclistica Italiana Federazione Ciclistica Italiana COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA NORME PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DEGLI ADDETTI AI SERVIZI TECNICI IN CORSA (approvate dal Consiglio Federale nella

Dettagli

Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice.

Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice. L. 19 luglio 1940, n. 1098 (1). Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE

CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO REGIONALE V.d.S. PIEMONTE COMMISSIONE REGIONALE FORMAZIONE V.d.S. ed EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMA DEL CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO C.R.I. Argomenti B1.

Dettagli

SARDEGNA. Cagliari, 21 novembre 2015

SARDEGNA. Cagliari, 21 novembre 2015 Per Direzione Generale dell Ufficio Scolastico della Sardegna e, p.c.: Dirigenti e Reggenti degli ambiti territoriali della Sardegna Coordinatori di educazione fisica e sportiva Prot. 245 b / IC-15 Oggetto:

Dettagli

SEGNALA Ai sensi dell art.19 della L.241/90

SEGNALA Ai sensi dell art.19 della L.241/90 COMUNICAZIONE DI SOSTITUZIONE DEL RESPONSABILE TECNICO ATTIVITA DI ESTETISTA ALLO SUAP DI MONTECCHIO EMILIA Il sottoscritto Cognome Nome Codice Fiscale nato il a Prov. residente in Prov. Via n n tel ce

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTIVITA DEI NUCLEI N.B.C.R. DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DELLA CROCE ROSSA

LINEE GUIDA PER L ATTIVITA DEI NUCLEI N.B.C.R. DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DELLA CROCE ROSSA LINEE GUIDA PER L ATTIVITA DEI NUCLEI N.B.C.R. DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DELLA CROCE ROSSA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONE DEI NUCLEI N.B.C.R. DELLA CROCE ROSSA ITALIANA 1. I Nuclei N.B.C.R.

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 - COSTITUZIONE GRUPPO E' costituito il Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile del Comune di Castelleone denominato CASTRUM

Dettagli

Come da circolare dello scrivente avente prot. 487 del 11.05.2015, il corso si terrà nei giorni di 05.06.07 Giugno p.v.

Come da circolare dello scrivente avente prot. 487 del 11.05.2015, il corso si terrà nei giorni di 05.06.07 Giugno p.v. Bresso (MI), lì 12 maggio 2015 Protocollo n:...488.../2015 Rif. Foglio n: del.. Allegati: vari Croce Rossa Italiana Oggetto: CORSO PATENTI SUPERIORI Spett.le: Croce Rossa Italiana Comitati Provinciali

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA SISTEMI 118 PERUGIA, 21 32 MAGGIO 2009

SOCIETÀ ITALIANA SISTEMI 118 PERUGIA, 21 32 MAGGIO 2009 LA GESTIONE E LA FORMAZIONE DELLE RISORSE IN TEMPI DI EVOLUZIONE DEL SISTEMA COORDINAMENTO REGIONALE ELISOCCORSO PIEMONTE 118 RESPONSABILI MEDICI E COORDINATORI INFERMIERISTICI BASI ELISOCCORSO: ALESSANDRIA

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria STATUTO DELL'ACCADEMIA COMUNALE DI MUSICA "LORENZO PEROSI"

Città di Tortona Provincia di Alessandria STATUTO DELL'ACCADEMIA COMUNALE DI MUSICA LORENZO PEROSI Città di Tortona Provincia di Alessandria STATUTO DELL'ACCADEMIA COMUNALE DI MUSICA "LORENZO PEROSI" Allegato alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 10 del 07/02/1997 Sommario ART. 1 - SCOPI DELL'ACCADEMIA

Dettagli

LIBRETTO FORMATIVO. DEL Volontario. Croce Rossa Italiana. Comitato Locale.

LIBRETTO FORMATIVO. DEL Volontario. Croce Rossa Italiana. Comitato Locale. Croce Rossa Italiana Comitato Locale. Croce Rossa Italiana LIBRETTO FORMATIVO DEL Volontario www.cri.it Croce Rossa. Persone in prima persona. Via ------------- - ------------------------------) Tel. ----------------

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICODINAMICA AD ORIENTAMENTO SOCIO-COSTRUTTIVISTA (PPSISCO)

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICODINAMICA AD ORIENTAMENTO SOCIO-COSTRUTTIVISTA (PPSISCO) REGOLAMENTO DELLA SCUOLA QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICODINAMICA AD ORIENTAMENTO SOCIO-COSTRUTTIVISTA (PPSISCO) Articolo 1 (Finalità) Il presente regolamento definisce gli organi

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 1 COMUNE DI USTICA Prov. di Palermo P R O T E Z I O N E C I V I L E REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 2 Indice Art.1 Finalità Art.2 Obiettivi Art.3 Modalità di adesione

Dettagli

Art. 2 Requisiti per il conseguimento dell abilitazione d insegnante

Art. 2 Requisiti per il conseguimento dell abilitazione d insegnante AREA AMBIENTE E MOBILITA U.O. TRASPORTI E MOTORIZZAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE D INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione di Consiglio Provinciale

Dettagli

Camera Penale Franco Bricola di Bologna

Camera Penale Franco Bricola di Bologna Camera Penale Franco Bricola di Bologna In data 22 luglio 2010 si riunisce il Consiglio Direttivo della Camera Penale Franco Bricola di Bologna. Sono presenti gli avvocati Elisabetta d Errico, Gianluca

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. 48 IL MINISTRO VISTA la legge del 3 agosto 2009, n. 115 concernente Riconoscimento della personalità giuridica alla Scuola per l Europa di Parma, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 13

Dettagli

OGGETTO: Regolamento Corsi di Radiotelefonia Aeronautica 2-edizione 2015

OGGETTO: Regolamento Corsi di Radiotelefonia Aeronautica 2-edizione 2015 AERO CLUB D'ITALIA Settore/Compil.: TO/ Roma, 18 dicembre 2015 PRESIDENTI AERO CLUB FEDERATI PRESIDENTI ENTI AGGREGATI Trasmesso via e-mail Pubblicato sul sito www.aeci.it OGGETTO: Regolamento Corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

I ASSEMBLEA DI COMITATO 05.03.2013. Comitato Locale C.R.I. CIAMPINO Via Mura dei Francesi, 172 00043 Ciampino (RM) cl.ciampino@cri.

I ASSEMBLEA DI COMITATO 05.03.2013. Comitato Locale C.R.I. CIAMPINO Via Mura dei Francesi, 172 00043 Ciampino (RM) cl.ciampino@cri. I ASSEMBLEA DI COMITATO 05.03.2013 Comitato Locale C.R.I. CIAMPINO Via Mura dei Francesi, 172 00043 Ciampino (RM) cl.ciampino@cri.it Ordine del giorno: Il Riordino dell Associazione Nuovo Regolamento per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DEI NUCLEI NBCR

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DEI NUCLEI NBCR REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DEI NUCLEI NBCR CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 DEFINIZIONE DEI NUCLEI NBCR DELLA CROCE ROSSA ITALIANA 1. I Nuclei NBCR dell Associazione Italiana della Croce Rossa, di seguito

Dettagli

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione -

PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - PROVINCIA DI TERAMO Settore B8 - Lavoro e Formazione - AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ALLIEVI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ESTETISTA INDICE Articolo 1 Riferimenti normativi pag. 2

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, che ha approvato il codice della strada e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, che ha approvato il codice della strada e successive modificazioni; D.M. 6 ottobre 2006 (1) Attuazione delle norme concernenti la formazione professionale dei conducenti dei veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose su strada, con riferimento alla direttiva 94/55/CE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2007) Regolamento per la formazione continua SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Di seguito sono presentate le attività che svolgono i Volontari della Croce Rossa del Trentino, il cui impegno riguarda 5 macro-aree di intervento:

Di seguito sono presentate le attività che svolgono i Volontari della Croce Rossa del Trentino, il cui impegno riguarda 5 macro-aree di intervento: Di seguito sono presentate le attività che svolgono i Volontari della Croce Rossa del Trentino, il cui impegno riguarda 5 macro-aree di intervento: 1. AREA ATTIVITA GIOVANILE 2. AREA SOCIO ASSISTENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SAN CESARIO SUL PANARO Provincia di Modena Settore III Lavori Pubblici - Tecnico Manutentivo REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE di VOLONTARIATO di PROTEZIONE CIVILE Approvato con Deliberazione del

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

PROGETTO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ALLENATORI ED I PREPARATORI FISICI DI PALLACANESTRO 2014-2015

PROGETTO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ALLENATORI ED I PREPARATORI FISICI DI PALLACANESTRO 2014-2015 PROGETTO DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO PER GLI ALLENATORI ED I PREPARATORI FISICI DI PALLACANESTRO 2014-2015 1. PREMESSA L acquisizione e lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze degli allenatori

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

Art. 2 Requisiti per l ammissione e modalità di presentazione delle domande di ammissione

Art. 2 Requisiti per l ammissione e modalità di presentazione delle domande di ammissione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROVE D ESAME D IDONEITÀ PER L ISCRIZIONE AL RUOLO DI AGENTI DI AFFARI IN MEDIAZIONE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità per

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 9 agosto 2002, n. 0241/Pres. Regolamento di attuazione delle disposizioni contenute nel Titolo VIII della legge regionale

Dettagli

Lega nazionale sci Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE

Lega nazionale sci Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE Lega nazionale sci Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE approvato dal Consiglio nazionale di lega il 4 ottobre 2007 Premessa: Per i candidati Operatori Sportivi Volontari sono previsti i seguenti momenti corsuali:

Dettagli

Regolamento del Settore Formazione del Tiro Dinamico

Regolamento del Settore Formazione del Tiro Dinamico Regolamento del Settore Formazione del Tiro Dinamico ultima revisione 12/09/2012 introduzione Ogni articolo elencato amplia e definisce ciò riportato nel regolamento Formazione del Tiro Dinamico, così

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

Al di là della moda lo sport è cultura Rope Skipping ovvero Salto alla Corda

Al di là della moda lo sport è cultura Rope Skipping ovvero Salto alla Corda Al di là della moda lo sport è cultura Rope Skipping ovvero Salto alla Corda Come un semplice gioco della tradizione di tutti i popoli si trasforma pratica sportiva. ROPE SKIPPING ITALIA CSEN Cosè il Rope

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli