Programma Incidenti stradali "Riduzione del danno"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Incidenti stradali "Riduzione del danno""

Transcript

1 Programma Incidenti stradali "Riduzione del danno" Coordinatore: Anna Maria Ferrari - Azienda USL Modena (Dip. Emergenza Urgenza) Componenti: Venturelli Mauro - Associazione paraplegici Pierluigi Castellini Modena Soccorso Federico Tosatti - Provincia di Modena (Politiche sociali) Paolo Lauriola - A.R.P.A Area di Epidemiologia Ambientale Carlo Alberto Goldoni - Azienda USL Modena (Dip. Sanità Pubblica) Marco Bicocchi - Azienda Ospedaliera Policlinico (Dir. Sanitaria) Luciana Orlandi - Azienda USL Modena (Educazione alla salute) Gianfranco Marzocchi - Azienda USL Modena (SERT) 25

2 IL CONTESTO Sintesi - La provincia di Modena si colloca ai primi posti in regione ed Italia per numero di incidenti stradali in rapporto alla popolazione. La tendenza e' in aumento. - Mortalità: sia in regione che in Italia la provincia si colloca nella parte alta della graduatoria. Nell'ultimo decennio vi è stato un calo vistoso, che però è avvenuto nella prima parte del periodo. - Sono la prima causa di morte sotto i 40 anni e hanno un elevato costo sociale. Gli incidenti stradali rappresentano una elevatissima fonte di mortalità e morbosità, si pensi che nella comunità europea vi sono circa morti e feriti all'anno dovuti agli incidenti stradali 1. Gli incidenti stradali rappresentano in Europa la prima causa di morte sotto i 40 anni e determinano una perdita di vita media di 40 anni (cancro: 10,5, malattie cardio-vascolari: 9,7) 2. Uno studio dell OCSE indica che nei paesi sviluppati il costo sociale del traffico è valutabile nel 2% del PIL, una quota che per l Italia nel 1995 risulta pari a circa miliardi e corrisponde al valore delle prestazioni sociali complessivamente erogate dalle amministrazioni locali, ai consumi delle famiglie per acquisto di mezzi di trasporto, al valore della spesa assistenziale (pensioni sociali, di invalidità, assistenza ecc.) nel complesso. 3 In effetti tale impegno, non solo economico, per la società deve essere considerato anche in funzione degli effetti dell inquinamento atmosferico, acustico, e generalmente socio-psicologico generato dal traffico autoveicolare 4. Più precisamente il costo stimato degli incidenti stradali nel nostro paese è salito da miliardi nel 1993 a miliardi nel 1995 fino a nel Questi costi sociali per le attuali società dovrebbero essere considerati inaccettabili in quanto se esiste un evento nefasto evitabile questo è proprio l'incidente stradale. Non è sempre vero: sono molto più evitabili gli eventi nefasti da tabagismo, alcoolismo ecc.. La tendenza generale è quella di una riduzione del numero di morti a fronte di un aumento del numero degli incidenti. Ciò è dovuto sicuramente all'aumento dei veicoli in circolazione unitamente a: miglioramenti nei dispositivi di sicurezza installati nei mezzi di trasporto, miglioramenti nella progettazione delle strade, disposizioni legislative per l alcool alla guida, i limiti di velocità, l utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e le regole restrittive per l utilizzo dei mezzi pesanti. Per gli ultimi anni in cui sono disponibili i dati di incidentalità emerge che il numero di feriti è in lieve diminuzione nella comunità europea ma crescente nel nostro paese e nella regione Emilia-Romagna, mentre le serie storiche della mortalità concordano e sono in diminuzione (Fig. 1). In particolare rispetto al 1990 la regione Emilia-Romagna presenta un calo della mortalità che si attesta tra quello dei quindici paesi europei (inferiore) e quello italiano (superiore Fig.1). 1 EUROSTAT, Statistics in Focus, 7-3/2000, Transport2 2 EUROSTAT, Statistics in Focus, 7-3/2000, Transport2 3 Ministero del Tesoro e del Bilancio, Relazione sulla situazione economica del paese, Zauli S, Vangelista R, Lauriola P, Integrazione ambiente-salute: fuori gli 26esempi, Net, In stampa 5 Putignano C., Pennisi L. I costi sociali degli incidenti stradali, ACI-ISTAT, 1998

3 Figura 1: mortalità per i.s.: variazione percentuale rispetto al 1990 Nel 1999 in tutta la provincia di Modena si sono verificati incidenti stradali, con un incremento rispetto al 1995 pari al 30%, contro il 21% regionale e il 20% nazionale. I decessi entro 30 giorni sono stati 121 (occorsi in 110 incidenti mortali), i feriti unità (in media più di 15 feriti al giorno). Riguardo alla mortalità per incidente stradale occorre sottolineare che rispetto al calo registrato nella prima metà degli anni 90, in gran parte riconducibile agli effetti positivi dovuti all'introduzione del nuovo Codice della Strada, all'utilizzo diffuso di sistemi di protezione passiva, al rinnovo del parco circolante verso veicoli più sicuri, probabilmente alla riduzione della velocità per i problemi di congestione del traffico, alla migliore risposta del sistema emergenza-urgenza, dal 1996 ad oggi è iniziata una fase caratterizzata da un numero pressoché costante di decessi (media 110 annui) che di fatto costituisce il riferimento numerico per porre gli obiettivi futuri. I valori relativi agli indicatori di gravità degli incidenti hanno fatto registrare nell'ultimo triennio una riduzione degli scarti verso i corrispondenti valori regionali e nazionali (nel passato la provincia manteneva costantemente valori più elevati) che tuttavia pongono ancora la provincia di Modena al 13 posto della graduatoria delle province italiane rispetto al valore più elevato dell'indice di danno sociale elaborato dal Ministero dei Lavori Pubblici. Anche nella nostra provincia l incidentalità stradale presenta evidenti caratteri di sistematicità e di ordinarietà. Pur evidenziando nell elevato tasso medio di incidentalità un carattere strutturale dell attuale modello di mobilità, da tale contesto emergono alcuni fattori aggravanti riguardo ad alcune fasce di età, modalità di trasporto o ambiti stradali (giovani, anziani, ciclisti, pedoni, stragi del sabato sera, aree urbane). Gli studi condotti negli ultimi anni nella provincia di Modena indicano che 27

4 i decessi provocati da incidenti stradali rappresentano la prima causa di morte sotto i 40 anni di età; infatti tra tutti i deceduti al disotto di questa soglia uno su tre è causato da incidente stradale. Le aree urbane risultano quelle a più alta frequenza di incidenti con il 76% dei casi sul totale ed un corrispondente 42% dei decessi. In tali aree si concentra la più elevata quota di incidenti a utenti deboli della strada (pedoni, ciclisti, ciclomotoristi) che in provincia di Modena costituiscono il 40% di tutti i decessi per incidente. La distribuzione territoriale degli incidenti stradali e dei decessi nel 1999 indica che il maggior numero si è registrato nel distretto di Modena, seguito da quello di Mirandola (per numero di deceduti) e Sassuolo (per numero di incidenti). Da segnalare per il distretto di Mirandola anche l incremento del fenomeno nel tempo con valori superiori all incremento medio provinciale. Serie storica incidenti stradali e feriti nel periodo in provincia di Modena Numero incidenti stradali e feriti Rapporto di Mortalità (Morti per incidenti con infortunati) ITALIA EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA * Incidenti Feriti Rapporto di mortalità (numero morti per incidenti con infortunati). Anni Distretto 1 Carpi Incidenti 675 Morti 14 Feriti 894 Di cui autostradali: Incidenti 56 Morti 4 Feriti 102 Distretto 3 Modena Incidenti Morti 48 Feriti Di cui autostradali: Incidenti 81 Morti 8 Feriti 142 Distretto 4 Sassuolo Incidenti 635 Morti 11 Feriti 861 Distretto 2 Mirandola Incidenti 352 Morti 18 Feriti 508 Distretto 7 Castelfranco Incidenti 331 Morti 12 Feriti 494 Di cui autostradali: Incidenti 63 Morti 1 Feriti 112 Distretto 6 Vignola Incidenti 249 Morti 9 Feriti 341 Feriti e deceduti nei distretti della provincia di Modena. Anno 1999 (esclusi gli incidenti in autostrada). Distretto 5 Pavullo Incidenti 106 Morti 9 Feriti

5 OBIETTIVI ED AZIONI PREMESSA La mortalità nei traumi maggiori si attesta fra il 25-40% e si presenta con queste caratteristiche temporali: Un primo picco durante i primi minuti successivi all evento di solito per lesioni talmente gravi per le quali solo pochissimi pazienti possono essere salvati e solo se trattati tempestivamente e con estrema competenza Un secondo picco nelle prime due ore dal trauma per lesioni per le quali un sistema d emergenza ben organizzato rappresenta una buona tutela per il paziente Un terzo picco più tardivo fino a giorni o settimane per sopravvenute complicanze Si può ben dire che le prime ore successive al politrauma da incidente stradale risultano essere decisive per la sopravvivenza e gli esiti invalidanti del traumatizzato grave, tanto da essere definite universalmente golden hour. E dimostrato che decisivi in questa fase sono: la tempestività dell intervento, la professionalità degli operatori sanitari, il trasporto nella sede più adatta. Nella sede stradale, in base alla tipologia ed alla gravità del trauma, si dovrà tendere, anche in rapporto alle risorse disponibili (volontari, infermieri, medici), al trasporto primario e quindi alla centralizzazione verso il Dipartimento di I e/o II livello. Nella fase intraospedaliera, inoltre, la preparazione specifica degli operatori, l esistenza di una rete integrata fra Pronti Soccorso dovranno garantire il trasporto secondario nella sede più idonea. Nelle fasi successive l esistenza e l accessibilità di strutture intensive di cura e di riabilitazione incidono ancora sulla mortalità tardiva ed in misura maggiore sulla qualità di vita di chi sopravvive. Secondo stime attendibili, ad ogni morto corrispondono mediamente 2 invalidi gravi; il 50% dei traumi cranici e dei traumi midollari sono conseguenti ad incidente stradale ed esitano mediamente in 25 nuovi casi l anno di coma vegetativo ogni abitanti, 12 di epilessia post-traumatica e di paraplegia post-traumatica. I portatori di queste patologie costituiscono poi il 70% dei soggetti che richiedono un trattamento riabilitativo (Società di riabilitazione del trauma cranico e del trauma spinale) Nella nostra Provincia la prima assistenza al trauma è garantita dal Sistema di Soccorso 118, da una rete di Pronti Soccorso e Punti di Primo Intervento Provinciali che costituiscono il Dipartimento d Emergenza Urgenza dell AUSL, e dal Pronto Soccorso dell Azienda Ospedaliera Policlinico. 29

6 L emergenza territoriale può contare su mezzi medicalizzati nel territorio di Modena (24h/24), a Formigine, Mirandola e Pavullo (nelle ore diurne). Nel restante territorio provinciale sono presenti ambulanze di soccorso avanzato con equipaggio composto da autista e da Infermiere professionale. A queste risorse si aggiunge l eliambulanza delle tre postazioni regionali, vale a dire Bologna, Parma, Ravenna, con equipaggio composto da anestesista rianimatore ed infermiere professionale. Concorrono ed integrano le risorse pubbliche mezzi del volontariato (PPAA, CRI, Misericordie), che intervengono in prima istanza in circostanza di incidenti stradali. La percentuale provinciale di intervento dei mezzi suddetti su tutti gli interventi traumatici (comprensivi degli incidenti stradali) è del 52,2 %.; la % relativa ai distretti è illustrata nel grafico allegato. Riportiamo alcuni dati riguardanti l attività delle strutture deputate all emergenza nella provincia riferendoci all anno 2000.Gli interventi del 118, su attivazioni, sono stati per il 32% per eventi traumatici, di questi circa i 2/3 si riferiscono ad incidenti stradali. L andamento giornaliero evidenzia un picco di chiamate nei giorni di venerdì, sabato e domenica, con maggiore richiesta d intervento nella fascia oraria compresa tra le ore e le ore 24.00, con picco tra le ore e e le ore e N accessi nei PS e PPI dell AUSL: di cui circa il 6% da incidenti stradali (non è possibile avere i dati di tutti i PS, ed estrapolarli completamente dai dati INAIL) N accessi al PS generale del Policlinico accessi ai PS specialistici (Pediatrico, Oculistico, Odontoiatrico, Ostetrico Ginecologico) 30

7 31

8 32

9 OBIETTIVI GENERALI: 1. Contribuire alla riduzione della mortalità del 40% entro il 2010 (rif. 1995) come da Obiettivo Commissione Europea 2. Contribuire alla riduzione della mortalità e delle menomazioni gravi permanenti conseguenti ad incidenti stradali come da Piano Sanitario Nazionale Deceduti per incidenti stradali e obiettivi Obiettivo Piano Sanitario Nazionale riduzione della mortalità del 20% entro il 2000 (rif.1993) Obiettivo Commissione Europea riduzione della mortalità del 40% entro il 2010 (rif.1995) Serie storica dei deceduti per incidente stradale in provincia di Modena e obiettivi di salute Obiettivo UE Obiettivo PSN Morti AZIONI Migliorare la tempestività e la qualità dell intervento territoriale Maggiore reperibilità di persone in grado di fornire un primo soccorso al traumatizzato (soccorritori laici) da ottenersi con l educazione della popolazione e l organizzazione di corsi per diffondere il BLS (Basic Life Support) anche a gruppi organizzati. Attività in corso: AUSL Modena per la scuola con progetti e corsi di formazione , fra cui Pronto Soccorso nella scuola, Rianimazione cardiopolmonare di base (BLS), rianimazione cardiopolmonare pediatrica (PBLS). Corsi per le aziende, legge 626/94. Analoga attività viene programmata e svolta dall Azienda Ospedaliera Policlinico e dal Servizio 118 a valenza interaziendale. La C.O.118, oltre la consueta organizzazione di incontri e visite guidate per le scuole al fine di migliorare l approccio al Sistema d emergenza 118, ha in programmazione per il 2002 corsi per la preparazione di istruttori di Associazioni di Volontariato che, vista la distribuzione capillare delle stesse sul territorio, possano informare ed educare con concetti di base gruppi di cittadini. Consentire un pronto intervento anche nelle zone più disagiate o con pesanti condizioni di traffico, attraverso modifiche delle strade, riprogettazione del traffico e utilizzo di mezzi quali l elisoccorso. 33

10 Implementare piani d intervento coordinati tra Forze dell ordine e Sistema d emergenza-urgenza, in caso di maxi incidenti stradali. Implementare l organizzazione della centrale operativa 118 e le risorse per garantire che i più adeguati mezzi di soccorso giungano il più rapidamente possibile sul luogo dell evento, o comunque entro i tempi di norma previsti, e che, successivamente, il traumatizzato venga condotto nel luogo di cura più indicato al caso specifico. Attività in corso: implementazione delle linee guida sui Percorsi Emergenza-Urgenza Provinciali, siglate dalla CO 118, da tutti i Pronti Soccorso dell AUSL di Modena 6 e dal PS dell Azienda Ospedaliera. Razionalizzazione e potenziamento del sistema d emergenza-urgenza attraverso un progetto di riorganizzazione di tutta la rete provinciale dell emergenza-urgenza, che coinvolga: Medicine d Urgenza e Pronti Soccorso, Punti di Primo Intervento ed Emergenza Territoriale (Guardia Medica compresa). E necessaria una maggiore estensione dell Automedica (in modo da garantire su tutto il territorio la possibilità di rendez-vouz con i mezzi del Volontariato), un coinvolgimento, nelle zone più isolate, dei medici convenzionati già presenti sul territorio, un adeguamento del personale sanitario nei Punti di Primo Intervento e nei Pronti Soccorso. Attività in corso: stesura di Progetto di Riorganizzazione della Rete Provinciale dell Emergenza-Urgenza a cura del Direttore del Dipartimento d Emergenza-Urgenza dell AUSL, con il concorso della Centrale Operativa 118. Migliorare l assistenza intraospedaliera Adesione al sistema integrato di assistenza ai pazienti traumatizzati (SIAT), così come contemplato dal Piano Sanitario Regionale In Regione Emilia Romagna si prevede la costituzione di tre SIAT, uno per la Romagna, uno per l Emilia occidentale ed uno per l Emilia orientale. Ciascun SIAT prevede un centro guida o centro traumi o hub e centri meno attrezzati o spoke, che ad esso fanno riferimento (hub & spoke: modello organizzativo mozzo e raggi ). Tutte le strutture che già operano nel territorio provinciale e che sono in possesso dei requisiti necessari per assicurare interventi tempestivi, continui ed appropriati nelle fasi dell assistenza, partecipano all attivazione del sistema, ricoprendo un ruolo ben definito, rapportato alle proprie possibilità d intervento. Per quanto riguarda il trattamento del traumatizzato grave, in ogni ospedale dovranno essere individuati percorsi e protocolli di intervento, che pur essendo diversificati nelle varie realtà, abbiano come riferimento il modello del trauma team, così 6 Centrale Operativa 118-Modena Soccorso: Percorsi Emergenza-Urgenza Provinciali Marzo Piano Sanitario della Regione Emilia Romagna Le reti integrate dei servizi

11 composto: medico di Pronto Soccorso, Anestesista Rianimatore, Chirurgo, capaci di gestire in modo rapido ed appropriato la fase di loro competenza, che può essere risolutiva o di stabilizzazione del paziente per garantire un adeguato trasferimento ad altro Ospedale più attrezzato. Affinché il sistema funzioni in modo appropriato è indispensabile che ogni paziente venga indirizzato presso l Ospedale più indicato in base alla gravità ed alla tipologia del trauma. Attività in corso: Implementazione di Linee Guida sul trattamento del grave traumatizzato, stilate dal Dipartimento d Emergenza Urgenza AUSL, dove vengono tracciate le linee d indirizzo per la stabilizzazione clinica del grave traumatizzato e l eventuale successivo trasferimento a DEA di I o di II livello 8. Migliorare la professionalità degli operatori che intervengono nella gestione del trauma E necessario garantire che nel sistema dell emergenza operi solo personale sanitario qualificato, a partire dall assunzione che, per i medici, deve avvenire nella disciplina di Medicina e Chirurgia d Accettazione e d Urgenza. E dimostrato inoltre che una formazione mirata all assistenza del grave traumatizzato di tutti gli operatori sanitari e non sanitari coinvolti nella gestione del trauma, è in grado di aumentare in modo significativo la percentuale di sopravvivenza nel trauma e di diminuire altrettanto significativamente gli esiti invalidanti del trauma. Esistono corsi addestrativi specifici che prendono il nome di ATLS (Advanced Trauma Life Support) per i medici, PTC avanzato (Prehospital Trauma Care) per i medici e gli infermieri addetti all emergenza sul territorio, PTC base e BLS (Basic Life Support) per volontari del soccorso ed altro personale sanitario. Attività in corso: Il DEU dell AUSL ha in corso un progetto di formazione ed aggiornamento, la cui prima fase dovrà concludersi nel Obiettivo prioritario è il raggiungimento, per tutte le categorie di operatori sanitari, di elevati standard formativi. Si prevedono corsi ATLS per tutti i medici, corsi PTC e BLS per tutto il personale infermieristico, corso PTC di base e BLS per tutto il personale ausiliario e volontario. L organizzazione e gli ambiti dei corsi di formazione che concernono il Sistema d emergenza territoriale sono definiti con la C.O.118. Tali attività ed obiettivi sono presenti anche nel Dipartimento di Emergenza Urgenza dell Azienda Ospedaliera. Maggiore utilizzo della Telemedicina: La tecnologia delle comunicazioni mette finalmente a disposizione strumenti che possono semplificare e migliorare tanti iter diagnostici/terapeutici. 8 Dipartimento d Emergenza-Urgenza AUSL Modena: Linee Guida per la gestione intraospedaliera dei pazienti con grave trauma- Giugno

12 Uno degli obiettivi principali della trasmissione di dati, immagini ed altro, è di fare viaggiare i dati anziché il paziente, con ovvio vantaggio; altro obiettivo quello di anticipare all arrivo del paziente nel luogo di cura, dati ed immagini che possono rendere più adeguato il trattamento in urgenza. La trasmissione a distanza di immagini radiologiche, con particolare riferimento alle immagini TAC, rappresenta un passo importante per la razionalizzazione dei trasferimenti dei politraumatizzati Obiettivi perseguibili sono: Trasmissione di immagini radiologiche, soprattutto TC, ad una unica Radiologia dell AUSL con possibilità di refertazione 24h/24 Trasmissione di immagini TC cerebrali in Neuroradiologia e Neurochirurgia del Policlinico. Teleconsulto fra postazioni periferiche di Soccorso, mezzi di soccorso, Pronti Soccorso di riferimento, CO118. Attività in corso: collegamento in rete dei Servizi di Radiologia dell AUSL. Collegamento in rete con Neuroradiologia e Neurochirurgia del Policlinico. Migliorare la qualità di vita dei portatori di esiti invalidanti da incidente stradale Stabilire percorsi condivisi per l accesso alle strutture di riabilitazione per chi presenta esiti invalidanti d incidente stradale. In particolare individuare l Unità Spinale di riferimento, che può garantire al medulloleso la più qualificata e moderna assistenza, compresi anche lo studio di nuove metodologie di trattamento e la prevenzione di ogni complicanza immediata, che può instaurarsi all atto dell evento lesivo o successivamente, quando la lesione può considerarsi definitivamente stabilizzata. Riabilitazione di alcolisti e soggetti a rischio di abuso. Fornire alle vittime della strada ed alle loro famiglie una migliore assistenza nelle questioni legali e sociali. Stesura di linee guida cliniche ed organizzative che regolino le attività (trattamento dei principali quadri clinici invalidanti da incidenti stradali, quali trauma cranico e trauma spinale) ed i rapporti di tutte le strutture che possono intervenire nella gestione del grave traumatizzato (Sistema d emergenza-urgenza intra ed extraospedaliero, Servizi di supporto, Chirurgia, Ortopedia, Neurochirurgia, Unità spinale, Centro ustioni, Rianimazione, Riabilitazione, etc.) 36

13 Collegamento informatico di tutte le strutture della rete dell emergenza è già in corso il progetto d informatizzazione dei Pronti Soccorso dell AUSL. Attualmente risultano informatizzati ed in rete con lo stesso software il PS dell Ospedale S.Agostino, il PS di Carpi ed il PS di Pavullo. Per gli altri PS si prevede la stessa informatizzazione entro il primo semestre Si ritiene necessaria l informatizzazione ed il collegamento in rete di tutte le strutture che operano nella rete dell emergenza. L informatizzazione della rete dell emergenza rientra negli obiettivi del progetto pilota della Provincia di Modena per la realizzazione di interventi sperimentali multisettoriali per migliorare la sicurezza stradale, a cui è stato assegnato un cofinanziamento dal Ministero dei Lavori Pubblici. Successivamente si ritiene importante un collegamento informatico tra le due Aziende Sanitarie. Introduzione sistematica dell Audit Clinico quale mezzo per implementare le linee guida e per verificare l attività svolta. In ogni Ospedale del Dipartimento d Emergenza-Urgenza dell AUSL e presso l Az. Ospedaliera Policlinico sono in corso Audit clinici per accelerare l implementazione delle linee guida sulla gestione del grave traumatizzato. E necessario inoltre definire indicatori di processo e d esito. Migliorare la conoscenza in merito agli incidenti stradali Interazione e valorizzazione delle diverse fonti Affrontando il fenomeno degli incidenti stradali (i.s.) emergono alcune caratteristiche che meritano di essere sottolineate in riferimento alle proposte di azioni che di seguito verranno riportate Il fenomeno i.s. è un fenomeno complesso sia per quanto riguarda i determinanti, che per il carico sociale. Tale caratteristica si riflette conseguentemente sulle responsabilità e competenze dei diversi settori e ai diversi livelli: trasporti-viabilità, sanità, ordine pubblico, ambiente, programmazione, controlli, governo, enti locali, istituzioni pubbliche di servizio e ricerca etc. Ciascuno degli organismi competenti è proprietario di un patrimonio di conoscenze ed informativo indispensabile per un approccio organico, sistematico e sistemico sul tema i.s. e sul traffico in generale; Gli interventi preventivi, anche per quanto riguarda gli esiti, sono sempre, se pur non esclusivamente, di tipo organizzativo. In un contesto in cui è necessario e fortemente sollecitato il raccordo tra i molti soggetti che, direttamente e indirettamente, incidono sui fattori della sicurezza stradale, un aspetto fondamentale riguarda l'organizzazione di un sistema informativo integrato sia da un punto di vista operativo che istituzionale. A 37

14 livello nazionale 9 è stata infatti enfatizzata e sollecitata la necessità di promuovere la definizione e l'attuazione di strumenti di monitoraggio della mobilità e dell'incidentalità da parte delle Amministrazioni Locali al fine di analizzare gli effetti dei trasporti sul piano dell'impatto sociale, economico e ambientale e, in particolare, per: supportare la programmazione e la pianificazione degli interventi e degli investimenti; verificare l'efficacia e l'efficienza degli interventi adottati; fornire uno strumento per tutti i soggetti interessati al problema e a supporto dei relativi processi decisionali. Attualmente la considerevole frammentazione di competenze, di ruoli e di responsabilità ai diversi livelli, porta ad un enorme segmentazione dell'informazione, sebbene ciascuno degli organismi competenti sia proprietario di un patrimonio di conoscenze parziale ma indispensabile per un approccio organico in tema di sicurezza stradale 10. Occorrerà inoltre creare le condizioni che permettano a ciascuna organizzazione il ritorno dei dati da parte del sistema informativo, a fronte degli sforzi necessari alla messa in rete ed alla disponibilità a rinunciare alla propria parte di "possesso informativo esclusivo. Si ritiene infine che questa impostazione contribuisca a perseguire quei principi di trasparenza efficacia, efficienza ed economicità dell'azione pubblica, cui tutti gli Enti devono ispirarsi 11, 12. Sintesi delle azioni proposte - Migliorare la tempestività e la professionalità del primo intervento sul trauma - Razionalizzare la rete dell emergenza - Aumentare il coordinamento interno alla rete dell emergenza e con le varie componenti esterne - Diffondere informazione e formazione - Implementare le Linee Guida condivise sul trauma e sui percorsi dell emergenza - Verificare la qualità del lavoro svolto 9 Relazione al Parlamento sullo stato della sicurezza stradale, Ministero dei Lavori Pubblici, Relazione del Gruppo di lavoro per la definizione degli obiettivi di salute del Piano sanitario Regionale M. Palamenghi Metodi di valutazione dell'efficacia degli interventi per la riduzione degli incidenti stradali 12 V. Egidi, E. Giovannini Sistemi informativi integrati per l'analisi di fenomeni complessi e multidimensionali. Quarta Conferenza Nazionale di Statistica, Roma

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

DIRETTORE SANITARIO. Legale e Risk Management.

DIRETTORE SANITARIO. Legale e Risk Management. DIRETTORE SANITARIO OGGETTO: liquidazione dei compensi del 1 trimestre 2015 spettanti ai Medici delle Commissioni per il riconoscimento della disabilità, operanti presso la Medicina Legale e Risk Management.

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti

26/03/2009 CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO MODULO DI MEDICINA D URGENZA. Prof Giovanni Ricevuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE CORSO INTEGRATO DI ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA E DEL PRIMO SOCCORSO

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO

3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3. L EVOLUZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: LE STRATEGIE PER LO SVILUPPO 3.1. Il Servizio sanitario nazionale: principi ispiratori, universalità del Servizio, equità, cooperazione Principi ispiratori

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Facoltà di MEDICINA E ODONTOIATRIA BANDO DI CONCORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015

Facoltà di MEDICINA E ODONTOIATRIA BANDO DI CONCORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 D.R. n. 3060 Facoltà di MEDICINA E ODONTOIATRIA BANDO DI CONCORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 MASTER DI I LIVELLO IN TRATTAMENTO PRE-OSPEDALIERO E INTRA-OSPEDALIERO DEL POLITRAUMA VISTA la legge n. 341 del

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Verifica dei Risultati 2012

Verifica dei Risultati 2012 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE CASTELLARANO Verifica dei Risultati 2012 e Piano Annuale Attività 2013 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N. 58 42014 CASTELLARANO (RE) Partita

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: PRONTO UNO- UNO- OTTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO L analisi territoriale e settoriale ha permesso la lettura

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze

Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze PROGRAMMA REGIONALE DIPENDENZE Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze 1 a versione anno 2010 Regione Emilia-Romagna Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli