Programma Incidenti stradali "Riduzione del danno"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma Incidenti stradali "Riduzione del danno""

Transcript

1 Programma Incidenti stradali "Riduzione del danno" Coordinatore: Anna Maria Ferrari - Azienda USL Modena (Dip. Emergenza Urgenza) Componenti: Venturelli Mauro - Associazione paraplegici Pierluigi Castellini Modena Soccorso Federico Tosatti - Provincia di Modena (Politiche sociali) Paolo Lauriola - A.R.P.A Area di Epidemiologia Ambientale Carlo Alberto Goldoni - Azienda USL Modena (Dip. Sanità Pubblica) Marco Bicocchi - Azienda Ospedaliera Policlinico (Dir. Sanitaria) Luciana Orlandi - Azienda USL Modena (Educazione alla salute) Gianfranco Marzocchi - Azienda USL Modena (SERT) 25

2 IL CONTESTO Sintesi - La provincia di Modena si colloca ai primi posti in regione ed Italia per numero di incidenti stradali in rapporto alla popolazione. La tendenza e' in aumento. - Mortalità: sia in regione che in Italia la provincia si colloca nella parte alta della graduatoria. Nell'ultimo decennio vi è stato un calo vistoso, che però è avvenuto nella prima parte del periodo. - Sono la prima causa di morte sotto i 40 anni e hanno un elevato costo sociale. Gli incidenti stradali rappresentano una elevatissima fonte di mortalità e morbosità, si pensi che nella comunità europea vi sono circa morti e feriti all'anno dovuti agli incidenti stradali 1. Gli incidenti stradali rappresentano in Europa la prima causa di morte sotto i 40 anni e determinano una perdita di vita media di 40 anni (cancro: 10,5, malattie cardio-vascolari: 9,7) 2. Uno studio dell OCSE indica che nei paesi sviluppati il costo sociale del traffico è valutabile nel 2% del PIL, una quota che per l Italia nel 1995 risulta pari a circa miliardi e corrisponde al valore delle prestazioni sociali complessivamente erogate dalle amministrazioni locali, ai consumi delle famiglie per acquisto di mezzi di trasporto, al valore della spesa assistenziale (pensioni sociali, di invalidità, assistenza ecc.) nel complesso. 3 In effetti tale impegno, non solo economico, per la società deve essere considerato anche in funzione degli effetti dell inquinamento atmosferico, acustico, e generalmente socio-psicologico generato dal traffico autoveicolare 4. Più precisamente il costo stimato degli incidenti stradali nel nostro paese è salito da miliardi nel 1993 a miliardi nel 1995 fino a nel Questi costi sociali per le attuali società dovrebbero essere considerati inaccettabili in quanto se esiste un evento nefasto evitabile questo è proprio l'incidente stradale. Non è sempre vero: sono molto più evitabili gli eventi nefasti da tabagismo, alcoolismo ecc.. La tendenza generale è quella di una riduzione del numero di morti a fronte di un aumento del numero degli incidenti. Ciò è dovuto sicuramente all'aumento dei veicoli in circolazione unitamente a: miglioramenti nei dispositivi di sicurezza installati nei mezzi di trasporto, miglioramenti nella progettazione delle strade, disposizioni legislative per l alcool alla guida, i limiti di velocità, l utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e le regole restrittive per l utilizzo dei mezzi pesanti. Per gli ultimi anni in cui sono disponibili i dati di incidentalità emerge che il numero di feriti è in lieve diminuzione nella comunità europea ma crescente nel nostro paese e nella regione Emilia-Romagna, mentre le serie storiche della mortalità concordano e sono in diminuzione (Fig. 1). In particolare rispetto al 1990 la regione Emilia-Romagna presenta un calo della mortalità che si attesta tra quello dei quindici paesi europei (inferiore) e quello italiano (superiore Fig.1). 1 EUROSTAT, Statistics in Focus, 7-3/2000, Transport2 2 EUROSTAT, Statistics in Focus, 7-3/2000, Transport2 3 Ministero del Tesoro e del Bilancio, Relazione sulla situazione economica del paese, Zauli S, Vangelista R, Lauriola P, Integrazione ambiente-salute: fuori gli 26esempi, Net, In stampa 5 Putignano C., Pennisi L. I costi sociali degli incidenti stradali, ACI-ISTAT, 1998

3 Figura 1: mortalità per i.s.: variazione percentuale rispetto al 1990 Nel 1999 in tutta la provincia di Modena si sono verificati incidenti stradali, con un incremento rispetto al 1995 pari al 30%, contro il 21% regionale e il 20% nazionale. I decessi entro 30 giorni sono stati 121 (occorsi in 110 incidenti mortali), i feriti unità (in media più di 15 feriti al giorno). Riguardo alla mortalità per incidente stradale occorre sottolineare che rispetto al calo registrato nella prima metà degli anni 90, in gran parte riconducibile agli effetti positivi dovuti all'introduzione del nuovo Codice della Strada, all'utilizzo diffuso di sistemi di protezione passiva, al rinnovo del parco circolante verso veicoli più sicuri, probabilmente alla riduzione della velocità per i problemi di congestione del traffico, alla migliore risposta del sistema emergenza-urgenza, dal 1996 ad oggi è iniziata una fase caratterizzata da un numero pressoché costante di decessi (media 110 annui) che di fatto costituisce il riferimento numerico per porre gli obiettivi futuri. I valori relativi agli indicatori di gravità degli incidenti hanno fatto registrare nell'ultimo triennio una riduzione degli scarti verso i corrispondenti valori regionali e nazionali (nel passato la provincia manteneva costantemente valori più elevati) che tuttavia pongono ancora la provincia di Modena al 13 posto della graduatoria delle province italiane rispetto al valore più elevato dell'indice di danno sociale elaborato dal Ministero dei Lavori Pubblici. Anche nella nostra provincia l incidentalità stradale presenta evidenti caratteri di sistematicità e di ordinarietà. Pur evidenziando nell elevato tasso medio di incidentalità un carattere strutturale dell attuale modello di mobilità, da tale contesto emergono alcuni fattori aggravanti riguardo ad alcune fasce di età, modalità di trasporto o ambiti stradali (giovani, anziani, ciclisti, pedoni, stragi del sabato sera, aree urbane). Gli studi condotti negli ultimi anni nella provincia di Modena indicano che 27

4 i decessi provocati da incidenti stradali rappresentano la prima causa di morte sotto i 40 anni di età; infatti tra tutti i deceduti al disotto di questa soglia uno su tre è causato da incidente stradale. Le aree urbane risultano quelle a più alta frequenza di incidenti con il 76% dei casi sul totale ed un corrispondente 42% dei decessi. In tali aree si concentra la più elevata quota di incidenti a utenti deboli della strada (pedoni, ciclisti, ciclomotoristi) che in provincia di Modena costituiscono il 40% di tutti i decessi per incidente. La distribuzione territoriale degli incidenti stradali e dei decessi nel 1999 indica che il maggior numero si è registrato nel distretto di Modena, seguito da quello di Mirandola (per numero di deceduti) e Sassuolo (per numero di incidenti). Da segnalare per il distretto di Mirandola anche l incremento del fenomeno nel tempo con valori superiori all incremento medio provinciale. Serie storica incidenti stradali e feriti nel periodo in provincia di Modena Numero incidenti stradali e feriti Rapporto di Mortalità (Morti per incidenti con infortunati) ITALIA EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA * Incidenti Feriti Rapporto di mortalità (numero morti per incidenti con infortunati). Anni Distretto 1 Carpi Incidenti 675 Morti 14 Feriti 894 Di cui autostradali: Incidenti 56 Morti 4 Feriti 102 Distretto 3 Modena Incidenti Morti 48 Feriti Di cui autostradali: Incidenti 81 Morti 8 Feriti 142 Distretto 4 Sassuolo Incidenti 635 Morti 11 Feriti 861 Distretto 2 Mirandola Incidenti 352 Morti 18 Feriti 508 Distretto 7 Castelfranco Incidenti 331 Morti 12 Feriti 494 Di cui autostradali: Incidenti 63 Morti 1 Feriti 112 Distretto 6 Vignola Incidenti 249 Morti 9 Feriti 341 Feriti e deceduti nei distretti della provincia di Modena. Anno 1999 (esclusi gli incidenti in autostrada). Distretto 5 Pavullo Incidenti 106 Morti 9 Feriti

5 OBIETTIVI ED AZIONI PREMESSA La mortalità nei traumi maggiori si attesta fra il 25-40% e si presenta con queste caratteristiche temporali: Un primo picco durante i primi minuti successivi all evento di solito per lesioni talmente gravi per le quali solo pochissimi pazienti possono essere salvati e solo se trattati tempestivamente e con estrema competenza Un secondo picco nelle prime due ore dal trauma per lesioni per le quali un sistema d emergenza ben organizzato rappresenta una buona tutela per il paziente Un terzo picco più tardivo fino a giorni o settimane per sopravvenute complicanze Si può ben dire che le prime ore successive al politrauma da incidente stradale risultano essere decisive per la sopravvivenza e gli esiti invalidanti del traumatizzato grave, tanto da essere definite universalmente golden hour. E dimostrato che decisivi in questa fase sono: la tempestività dell intervento, la professionalità degli operatori sanitari, il trasporto nella sede più adatta. Nella sede stradale, in base alla tipologia ed alla gravità del trauma, si dovrà tendere, anche in rapporto alle risorse disponibili (volontari, infermieri, medici), al trasporto primario e quindi alla centralizzazione verso il Dipartimento di I e/o II livello. Nella fase intraospedaliera, inoltre, la preparazione specifica degli operatori, l esistenza di una rete integrata fra Pronti Soccorso dovranno garantire il trasporto secondario nella sede più idonea. Nelle fasi successive l esistenza e l accessibilità di strutture intensive di cura e di riabilitazione incidono ancora sulla mortalità tardiva ed in misura maggiore sulla qualità di vita di chi sopravvive. Secondo stime attendibili, ad ogni morto corrispondono mediamente 2 invalidi gravi; il 50% dei traumi cranici e dei traumi midollari sono conseguenti ad incidente stradale ed esitano mediamente in 25 nuovi casi l anno di coma vegetativo ogni abitanti, 12 di epilessia post-traumatica e di paraplegia post-traumatica. I portatori di queste patologie costituiscono poi il 70% dei soggetti che richiedono un trattamento riabilitativo (Società di riabilitazione del trauma cranico e del trauma spinale) Nella nostra Provincia la prima assistenza al trauma è garantita dal Sistema di Soccorso 118, da una rete di Pronti Soccorso e Punti di Primo Intervento Provinciali che costituiscono il Dipartimento d Emergenza Urgenza dell AUSL, e dal Pronto Soccorso dell Azienda Ospedaliera Policlinico. 29

6 L emergenza territoriale può contare su mezzi medicalizzati nel territorio di Modena (24h/24), a Formigine, Mirandola e Pavullo (nelle ore diurne). Nel restante territorio provinciale sono presenti ambulanze di soccorso avanzato con equipaggio composto da autista e da Infermiere professionale. A queste risorse si aggiunge l eliambulanza delle tre postazioni regionali, vale a dire Bologna, Parma, Ravenna, con equipaggio composto da anestesista rianimatore ed infermiere professionale. Concorrono ed integrano le risorse pubbliche mezzi del volontariato (PPAA, CRI, Misericordie), che intervengono in prima istanza in circostanza di incidenti stradali. La percentuale provinciale di intervento dei mezzi suddetti su tutti gli interventi traumatici (comprensivi degli incidenti stradali) è del 52,2 %.; la % relativa ai distretti è illustrata nel grafico allegato. Riportiamo alcuni dati riguardanti l attività delle strutture deputate all emergenza nella provincia riferendoci all anno 2000.Gli interventi del 118, su attivazioni, sono stati per il 32% per eventi traumatici, di questi circa i 2/3 si riferiscono ad incidenti stradali. L andamento giornaliero evidenzia un picco di chiamate nei giorni di venerdì, sabato e domenica, con maggiore richiesta d intervento nella fascia oraria compresa tra le ore e le ore 24.00, con picco tra le ore e e le ore e N accessi nei PS e PPI dell AUSL: di cui circa il 6% da incidenti stradali (non è possibile avere i dati di tutti i PS, ed estrapolarli completamente dai dati INAIL) N accessi al PS generale del Policlinico accessi ai PS specialistici (Pediatrico, Oculistico, Odontoiatrico, Ostetrico Ginecologico) 30

7 31

8 32

9 OBIETTIVI GENERALI: 1. Contribuire alla riduzione della mortalità del 40% entro il 2010 (rif. 1995) come da Obiettivo Commissione Europea 2. Contribuire alla riduzione della mortalità e delle menomazioni gravi permanenti conseguenti ad incidenti stradali come da Piano Sanitario Nazionale Deceduti per incidenti stradali e obiettivi Obiettivo Piano Sanitario Nazionale riduzione della mortalità del 20% entro il 2000 (rif.1993) Obiettivo Commissione Europea riduzione della mortalità del 40% entro il 2010 (rif.1995) Serie storica dei deceduti per incidente stradale in provincia di Modena e obiettivi di salute Obiettivo UE Obiettivo PSN Morti AZIONI Migliorare la tempestività e la qualità dell intervento territoriale Maggiore reperibilità di persone in grado di fornire un primo soccorso al traumatizzato (soccorritori laici) da ottenersi con l educazione della popolazione e l organizzazione di corsi per diffondere il BLS (Basic Life Support) anche a gruppi organizzati. Attività in corso: AUSL Modena per la scuola con progetti e corsi di formazione , fra cui Pronto Soccorso nella scuola, Rianimazione cardiopolmonare di base (BLS), rianimazione cardiopolmonare pediatrica (PBLS). Corsi per le aziende, legge 626/94. Analoga attività viene programmata e svolta dall Azienda Ospedaliera Policlinico e dal Servizio 118 a valenza interaziendale. La C.O.118, oltre la consueta organizzazione di incontri e visite guidate per le scuole al fine di migliorare l approccio al Sistema d emergenza 118, ha in programmazione per il 2002 corsi per la preparazione di istruttori di Associazioni di Volontariato che, vista la distribuzione capillare delle stesse sul territorio, possano informare ed educare con concetti di base gruppi di cittadini. Consentire un pronto intervento anche nelle zone più disagiate o con pesanti condizioni di traffico, attraverso modifiche delle strade, riprogettazione del traffico e utilizzo di mezzi quali l elisoccorso. 33

10 Implementare piani d intervento coordinati tra Forze dell ordine e Sistema d emergenza-urgenza, in caso di maxi incidenti stradali. Implementare l organizzazione della centrale operativa 118 e le risorse per garantire che i più adeguati mezzi di soccorso giungano il più rapidamente possibile sul luogo dell evento, o comunque entro i tempi di norma previsti, e che, successivamente, il traumatizzato venga condotto nel luogo di cura più indicato al caso specifico. Attività in corso: implementazione delle linee guida sui Percorsi Emergenza-Urgenza Provinciali, siglate dalla CO 118, da tutti i Pronti Soccorso dell AUSL di Modena 6 e dal PS dell Azienda Ospedaliera. Razionalizzazione e potenziamento del sistema d emergenza-urgenza attraverso un progetto di riorganizzazione di tutta la rete provinciale dell emergenza-urgenza, che coinvolga: Medicine d Urgenza e Pronti Soccorso, Punti di Primo Intervento ed Emergenza Territoriale (Guardia Medica compresa). E necessaria una maggiore estensione dell Automedica (in modo da garantire su tutto il territorio la possibilità di rendez-vouz con i mezzi del Volontariato), un coinvolgimento, nelle zone più isolate, dei medici convenzionati già presenti sul territorio, un adeguamento del personale sanitario nei Punti di Primo Intervento e nei Pronti Soccorso. Attività in corso: stesura di Progetto di Riorganizzazione della Rete Provinciale dell Emergenza-Urgenza a cura del Direttore del Dipartimento d Emergenza-Urgenza dell AUSL, con il concorso della Centrale Operativa 118. Migliorare l assistenza intraospedaliera Adesione al sistema integrato di assistenza ai pazienti traumatizzati (SIAT), così come contemplato dal Piano Sanitario Regionale In Regione Emilia Romagna si prevede la costituzione di tre SIAT, uno per la Romagna, uno per l Emilia occidentale ed uno per l Emilia orientale. Ciascun SIAT prevede un centro guida o centro traumi o hub e centri meno attrezzati o spoke, che ad esso fanno riferimento (hub & spoke: modello organizzativo mozzo e raggi ). Tutte le strutture che già operano nel territorio provinciale e che sono in possesso dei requisiti necessari per assicurare interventi tempestivi, continui ed appropriati nelle fasi dell assistenza, partecipano all attivazione del sistema, ricoprendo un ruolo ben definito, rapportato alle proprie possibilità d intervento. Per quanto riguarda il trattamento del traumatizzato grave, in ogni ospedale dovranno essere individuati percorsi e protocolli di intervento, che pur essendo diversificati nelle varie realtà, abbiano come riferimento il modello del trauma team, così 6 Centrale Operativa 118-Modena Soccorso: Percorsi Emergenza-Urgenza Provinciali Marzo Piano Sanitario della Regione Emilia Romagna Le reti integrate dei servizi

11 composto: medico di Pronto Soccorso, Anestesista Rianimatore, Chirurgo, capaci di gestire in modo rapido ed appropriato la fase di loro competenza, che può essere risolutiva o di stabilizzazione del paziente per garantire un adeguato trasferimento ad altro Ospedale più attrezzato. Affinché il sistema funzioni in modo appropriato è indispensabile che ogni paziente venga indirizzato presso l Ospedale più indicato in base alla gravità ed alla tipologia del trauma. Attività in corso: Implementazione di Linee Guida sul trattamento del grave traumatizzato, stilate dal Dipartimento d Emergenza Urgenza AUSL, dove vengono tracciate le linee d indirizzo per la stabilizzazione clinica del grave traumatizzato e l eventuale successivo trasferimento a DEA di I o di II livello 8. Migliorare la professionalità degli operatori che intervengono nella gestione del trauma E necessario garantire che nel sistema dell emergenza operi solo personale sanitario qualificato, a partire dall assunzione che, per i medici, deve avvenire nella disciplina di Medicina e Chirurgia d Accettazione e d Urgenza. E dimostrato inoltre che una formazione mirata all assistenza del grave traumatizzato di tutti gli operatori sanitari e non sanitari coinvolti nella gestione del trauma, è in grado di aumentare in modo significativo la percentuale di sopravvivenza nel trauma e di diminuire altrettanto significativamente gli esiti invalidanti del trauma. Esistono corsi addestrativi specifici che prendono il nome di ATLS (Advanced Trauma Life Support) per i medici, PTC avanzato (Prehospital Trauma Care) per i medici e gli infermieri addetti all emergenza sul territorio, PTC base e BLS (Basic Life Support) per volontari del soccorso ed altro personale sanitario. Attività in corso: Il DEU dell AUSL ha in corso un progetto di formazione ed aggiornamento, la cui prima fase dovrà concludersi nel Obiettivo prioritario è il raggiungimento, per tutte le categorie di operatori sanitari, di elevati standard formativi. Si prevedono corsi ATLS per tutti i medici, corsi PTC e BLS per tutto il personale infermieristico, corso PTC di base e BLS per tutto il personale ausiliario e volontario. L organizzazione e gli ambiti dei corsi di formazione che concernono il Sistema d emergenza territoriale sono definiti con la C.O.118. Tali attività ed obiettivi sono presenti anche nel Dipartimento di Emergenza Urgenza dell Azienda Ospedaliera. Maggiore utilizzo della Telemedicina: La tecnologia delle comunicazioni mette finalmente a disposizione strumenti che possono semplificare e migliorare tanti iter diagnostici/terapeutici. 8 Dipartimento d Emergenza-Urgenza AUSL Modena: Linee Guida per la gestione intraospedaliera dei pazienti con grave trauma- Giugno

12 Uno degli obiettivi principali della trasmissione di dati, immagini ed altro, è di fare viaggiare i dati anziché il paziente, con ovvio vantaggio; altro obiettivo quello di anticipare all arrivo del paziente nel luogo di cura, dati ed immagini che possono rendere più adeguato il trattamento in urgenza. La trasmissione a distanza di immagini radiologiche, con particolare riferimento alle immagini TAC, rappresenta un passo importante per la razionalizzazione dei trasferimenti dei politraumatizzati Obiettivi perseguibili sono: Trasmissione di immagini radiologiche, soprattutto TC, ad una unica Radiologia dell AUSL con possibilità di refertazione 24h/24 Trasmissione di immagini TC cerebrali in Neuroradiologia e Neurochirurgia del Policlinico. Teleconsulto fra postazioni periferiche di Soccorso, mezzi di soccorso, Pronti Soccorso di riferimento, CO118. Attività in corso: collegamento in rete dei Servizi di Radiologia dell AUSL. Collegamento in rete con Neuroradiologia e Neurochirurgia del Policlinico. Migliorare la qualità di vita dei portatori di esiti invalidanti da incidente stradale Stabilire percorsi condivisi per l accesso alle strutture di riabilitazione per chi presenta esiti invalidanti d incidente stradale. In particolare individuare l Unità Spinale di riferimento, che può garantire al medulloleso la più qualificata e moderna assistenza, compresi anche lo studio di nuove metodologie di trattamento e la prevenzione di ogni complicanza immediata, che può instaurarsi all atto dell evento lesivo o successivamente, quando la lesione può considerarsi definitivamente stabilizzata. Riabilitazione di alcolisti e soggetti a rischio di abuso. Fornire alle vittime della strada ed alle loro famiglie una migliore assistenza nelle questioni legali e sociali. Stesura di linee guida cliniche ed organizzative che regolino le attività (trattamento dei principali quadri clinici invalidanti da incidenti stradali, quali trauma cranico e trauma spinale) ed i rapporti di tutte le strutture che possono intervenire nella gestione del grave traumatizzato (Sistema d emergenza-urgenza intra ed extraospedaliero, Servizi di supporto, Chirurgia, Ortopedia, Neurochirurgia, Unità spinale, Centro ustioni, Rianimazione, Riabilitazione, etc.) 36

13 Collegamento informatico di tutte le strutture della rete dell emergenza è già in corso il progetto d informatizzazione dei Pronti Soccorso dell AUSL. Attualmente risultano informatizzati ed in rete con lo stesso software il PS dell Ospedale S.Agostino, il PS di Carpi ed il PS di Pavullo. Per gli altri PS si prevede la stessa informatizzazione entro il primo semestre Si ritiene necessaria l informatizzazione ed il collegamento in rete di tutte le strutture che operano nella rete dell emergenza. L informatizzazione della rete dell emergenza rientra negli obiettivi del progetto pilota della Provincia di Modena per la realizzazione di interventi sperimentali multisettoriali per migliorare la sicurezza stradale, a cui è stato assegnato un cofinanziamento dal Ministero dei Lavori Pubblici. Successivamente si ritiene importante un collegamento informatico tra le due Aziende Sanitarie. Introduzione sistematica dell Audit Clinico quale mezzo per implementare le linee guida e per verificare l attività svolta. In ogni Ospedale del Dipartimento d Emergenza-Urgenza dell AUSL e presso l Az. Ospedaliera Policlinico sono in corso Audit clinici per accelerare l implementazione delle linee guida sulla gestione del grave traumatizzato. E necessario inoltre definire indicatori di processo e d esito. Migliorare la conoscenza in merito agli incidenti stradali Interazione e valorizzazione delle diverse fonti Affrontando il fenomeno degli incidenti stradali (i.s.) emergono alcune caratteristiche che meritano di essere sottolineate in riferimento alle proposte di azioni che di seguito verranno riportate Il fenomeno i.s. è un fenomeno complesso sia per quanto riguarda i determinanti, che per il carico sociale. Tale caratteristica si riflette conseguentemente sulle responsabilità e competenze dei diversi settori e ai diversi livelli: trasporti-viabilità, sanità, ordine pubblico, ambiente, programmazione, controlli, governo, enti locali, istituzioni pubbliche di servizio e ricerca etc. Ciascuno degli organismi competenti è proprietario di un patrimonio di conoscenze ed informativo indispensabile per un approccio organico, sistematico e sistemico sul tema i.s. e sul traffico in generale; Gli interventi preventivi, anche per quanto riguarda gli esiti, sono sempre, se pur non esclusivamente, di tipo organizzativo. In un contesto in cui è necessario e fortemente sollecitato il raccordo tra i molti soggetti che, direttamente e indirettamente, incidono sui fattori della sicurezza stradale, un aspetto fondamentale riguarda l'organizzazione di un sistema informativo integrato sia da un punto di vista operativo che istituzionale. A 37

14 livello nazionale 9 è stata infatti enfatizzata e sollecitata la necessità di promuovere la definizione e l'attuazione di strumenti di monitoraggio della mobilità e dell'incidentalità da parte delle Amministrazioni Locali al fine di analizzare gli effetti dei trasporti sul piano dell'impatto sociale, economico e ambientale e, in particolare, per: supportare la programmazione e la pianificazione degli interventi e degli investimenti; verificare l'efficacia e l'efficienza degli interventi adottati; fornire uno strumento per tutti i soggetti interessati al problema e a supporto dei relativi processi decisionali. Attualmente la considerevole frammentazione di competenze, di ruoli e di responsabilità ai diversi livelli, porta ad un enorme segmentazione dell'informazione, sebbene ciascuno degli organismi competenti sia proprietario di un patrimonio di conoscenze parziale ma indispensabile per un approccio organico in tema di sicurezza stradale 10. Occorrerà inoltre creare le condizioni che permettano a ciascuna organizzazione il ritorno dei dati da parte del sistema informativo, a fronte degli sforzi necessari alla messa in rete ed alla disponibilità a rinunciare alla propria parte di "possesso informativo esclusivo. Si ritiene infine che questa impostazione contribuisca a perseguire quei principi di trasparenza efficacia, efficienza ed economicità dell'azione pubblica, cui tutti gli Enti devono ispirarsi 11, 12. Sintesi delle azioni proposte - Migliorare la tempestività e la professionalità del primo intervento sul trauma - Razionalizzare la rete dell emergenza - Aumentare il coordinamento interno alla rete dell emergenza e con le varie componenti esterne - Diffondere informazione e formazione - Implementare le Linee Guida condivise sul trauma e sui percorsi dell emergenza - Verificare la qualità del lavoro svolto 9 Relazione al Parlamento sullo stato della sicurezza stradale, Ministero dei Lavori Pubblici, Relazione del Gruppo di lavoro per la definizione degli obiettivi di salute del Piano sanitario Regionale M. Palamenghi Metodi di valutazione dell'efficacia degli interventi per la riduzione degli incidenti stradali 12 V. Egidi, E. Giovannini Sistemi informativi integrati per l'analisi di fenomeni complessi e multidimensionali. Quarta Conferenza Nazionale di Statistica, Roma

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, CENTRALE OPERATIVA 118 Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, dal territorio sino alla definitiva

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

Organizzazione del 118 Toscana

Organizzazione del 118 Toscana Organizzazione del 118 Toscana Sistema 118 in Toscana Sistema complesso ed integrato d.p.r. 27 marzo 1992 la creazione di un sistema di Emergenza Urgenza Sanitaria strutturato: Fase di Allarme e prima

Dettagli

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze,

Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace nelle emergenze-urgenze, 5.b Sistema dell Emergenza Territoriale Centrale Operativa 118 Modena Soccorso Il Sistema di Emergenza-Urgenza si pone come obiettivo principale quello di assicurare un'assistenza tempestiva ed efficace

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA EMERGENZA TERRITORIALE: UN ESPERIENZA EMILIANA

ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA EMERGENZA TERRITORIALE: UN ESPERIENZA EMILIANA ORGANIZZAZIONE DELL URGENZA EMERGENZA TERRITORIALE: UN EPERIENZA EMILIANA CENNI TORICI In Emilia l organizzazione delle emergenze extraospedaliere in un sistema integrato nasce a Bologna nel 1982 con la

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Superficie: 7855 Km 2 Abitanti: 1.202.870 Montagna: 43% Collina: 19% Pianura: 38% Udine Trieste Gorizia

Dettagli

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi

Accreditamento. Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Accreditamento Accreditamento delle strutture Soccorso e trasporto infermi Riferimenti legislativi Regione Emilia-Romagna Delibera Giunta n. 44 del 26.01.2009 Requisiti per l accreditamenti Determinazione

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES Manifesto FIMEUC per le forze politiche scese in campo per il rinnovo del governo ORGANICI In

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2

AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 AVAP FORMIGINE - CORPO VOLONTARI PRONTO SOCCRSO CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 2 SOMMARIO Pag. 3 PRESENTAZIONE Pag. 4 Parte I: PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE Pag. 5 Parte II: LE NOSTRE ATTIVITÀ Pag. 7 Parte

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont Perugia 2009 Il Trauma Grave e la Rete Clinica Assistenziale 118 Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte C oordinatore 118-em ergenza sanitaria Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Roma 10 Aprile 2015 La salute nella Persona con Lesione Midollare stabilizzata: la rete dei servizi territoriali nella centralità del progetto individuale:

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE La Golden Hour nel Trauma Maggiore: percorso clinico-assistenziale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE

PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE PUBBLICA ASSISTENZA CHIUSI 118 NUMERO UNICO GRATUITO PER LE EMERGENZE SANITARIE D.P.R. 27 MARZO 1992 ISTITUISCE LE CENTRALI OPERATIVE 118 UNICHE PER L ALLARME SANITARIO Il sistema di allarme sanitario

Dettagli

IO LAVORO E GUIDO SICURO

IO LAVORO E GUIDO SICURO IO LAVORO E GUIDO SICURO Misano Word Circuit Marco Simoncelli Workshop 22 Marzo 2013 Azienda USL Rimini Pierpaolo Neri Dott. Ing. Pierpaolo Neri 1 Gli argomenti 1. Responsabilità amministrativa delle aziende

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99

Epidemiologia del trauma cranico in Romagna ed effetti della legge 472/99 www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Chiara Begliomini, Franco Servadei,

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Modena Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO D INTESA TRA PREFETTURA UTG DI MODENA, AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE, DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO, INAIL, AZIENDA USL DI MODENA E AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI MODENA SULLE INIZIATIVE

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso Sicurezza stradale Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso velocità, semaforo rosso, uso del casco, uso telefono cellulare e cinture di sicurezza, sono sviluppate attraverso azioni

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza

Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza Struttura: SITRO (ambito territoriale Casale/Valenza) Responsabile: Dott.ssa Maria Elisena FOCATI PISANI Prot. PO Pagina 1 di 7 Progetto di C.A.P. Distretto di Valenza REDAZIONE, EMISSIONE, APPROVAZIONE,

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia C.P.S.I. Gian Luca Vergano S.O.R.E.U. Pianura A.A.T. 118 Pavia A.R.E.U. Regione Lombardia Congresso Regionale S.I.M.E.U. Fondazione I.R.C.C.S.

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna

e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna LA RETE PER L ICTUS L COME PARADIGMA DELLA CONTINUITA DELL ASSISTENZA La rete per l ictus l e le gravi cerebrolesioni in Provincia di Ferrara ed in Emilia Romagna TORINO 3 GIUGNO 2013 Relatore Dott. Paolo

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

Volontario Soccorritore ANPAS

Volontario Soccorritore ANPAS APPUNTI PER IL Volontario Soccorritore ANPAS Segreteria Provinciale per la Formazione Pubbliche Assistenze Viale Corassori, 54 41100 Tel. 059 2929322 Fax 059 2925841 A.N.P.AS. Associazione Nazionale Pubbliche

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE RISPOSTA TELEFONICA, LINGUAGGIO RADIO E RELATIVI PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Obiettivi Formativi: 1) Decodificare e formulare

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

IL SISTEMA DELL URGENZA-EMERGENZA NELL IPOTESI DELL OSPEDALE UNICO DELL IMPERIESE. DIPARTIMENTO EMERGENZA ACCETTAZIONE Direttore: Gianni Oddone

IL SISTEMA DELL URGENZA-EMERGENZA NELL IPOTESI DELL OSPEDALE UNICO DELL IMPERIESE. DIPARTIMENTO EMERGENZA ACCETTAZIONE Direttore: Gianni Oddone IL SISTEMA DELL URGENZA-EMERGENZA NELL IPOTESI DELL OSPEDALE UNICO DELL IMPERIESE DIPARTIMENTO EMERGENZA ACCETTAZIONE Direttore: Gianni Oddone Necessità di rapido confronto fra due sistemi dell emergenza:

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006)

Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Osservatorio Regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro (LR 4/2006) Programma triennale di attività 2008-2010 Il quadro normativo e progettuale della prevenzione nei luoghi di lavoro

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

OBIETTIVI DEFINIRE :

OBIETTIVI DEFINIRE : TRASPORTO SANITARIO OBIETTIVI DEFINIRE : il Trasporto Sanitario Semplice; nozioni giuridiche relative al Trasporto Sanitario Semplice; nozioni utili ad instaurare una corretta relazione con tutti gli interlocutori.

Dettagli

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: 15656 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 29 marzo 2016, n. 4 Consiglio sanitario regionale. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE

Dettagli

118 SERVIZIO DI URGENZA EMERGENZA MEDICA (SUEM)

118 SERVIZIO DI URGENZA EMERGENZA MEDICA (SUEM) 118 SERVIZIO DI URGENZA EMERGENZA MEDICA (SUEM) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI EMERGENZA TERRITORIALE OBIETTIVI 118 o 112 SISTEMA di EMERGENZA TERRITORIALE (norme e leggi, struttura territoriale)

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS)

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS) CARTA DEI SERVIZI Erogazione di servizi di soccorso di base all interno del servizio di emergenza territoriale 118 Servizio trasporto ammalati e disabili Assistenza sanitaria durante attività sportive

Dettagli

Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione. Mauro Manfredini

Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione. Mauro Manfredini 1 Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione 24 novembre 2010 Mauro Manfredini Punti di forza 2 Grande attenzione alle competenze Dettagliata e ampia

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato

Tutte le chiamate sono registrate Il numero del chiamante è sempre identificato 1 Comporre su qualsiasi telefono il numero 118 La chiamata è gratuita Non occorre gettone o tessera Non è possibile chiamare il 118 da telefoni cellulari privi di scheda, in queste situazioni è possibile

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

Numero telefonico unico di chiamata del Servizio di Continuità Assistenziale 116 117

Numero telefonico unico di chiamata del Servizio di Continuità Assistenziale 116 117 Numero telefonico unico di chiamata del Servizio di Continuità Assistenziale 116 117 Animatore di formazione: dottor Michele Di Paolantonio Docente: dottor Walter Palumbo Il passato prossimo I riferimenti

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 913 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, CAPONE, CARDINALE, CARRA, COCCIA, D INCECCO, GRASSI, GULLO, MARIANO, MAR-

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

atente CRI di cat.b Be per ambulanze Diploma di Licenza Media

atente CRI di cat.b Be per ambulanze Diploma di Licenza Media atente CRI di cat.b Be per ambulanze Diploma di Licenza Media Di essere stato volontario del gruppo interc.le VOLONTARI DEL PRONTO SOCCORSO NICO SOCCORSO di Migliarino (Fe), diventando poi dipendente come

Dettagli

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA Non si è raggiunto l obiettivo! E necessario inaugurare un grande cantiere fatto di: Cultura della sicurezza Tecnologia della sicurezza Prevenzione Controlli

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli