Fiera Milano. Prove tecniche di sold out 16 Maggio Leisure Goods & Services. Rating: NEUTRAL, LR TP: 9.6

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiera Milano. Prove tecniche di sold out 16 Maggio 2006. Leisure Goods & Services. Rating: NEUTRAL, LR TP: 9.6"

Transcript

1 Equity Research Reuters: FIMI.MI Bloomberg: FM.IM Leisure Goods & Services Fiera Milano Initiation of coverage Davide Faraldi Prove tecniche di sold out 16 Maggio 2006 Rating: NEUTRAL, LR TP: 9.6 Price (16 Maggio 2006): 8,98 52-Weeks Range: Market Cap ( mn): 294 Shares out. (mn): 33,8 Last 3months perf. (ord.): -3.6% Free Float Ord (%): 35% Unico gruppo fieristico quotato in Borsa. Il Gruppo Fiera Milano, controllato da Fondazione Fiera Milano (socia al 53,1%) realizza ricavi, tramite i suoi mq di spazio espositivo, organizzando (ECO) ed ospitando (VRS + VAS) manifestazioni e congressi. Quotata dal 2002, con l inaugurazione del nuovo polo di Rho Pero rappresenta il primo polo fieristico al mondo per modernità ed il secondo per grandezza (dopo Hannover) mag giu lug ago set ott nov dic gen f eb mar apr ma Fiera Milano SpA Fiera Milano SpA Relat ive t o Mibt el (IT) mn 2005A 2006E 2007E 2008E Sales ( mn) EBITDA EBIT Net income Restated net Income EPS adj. ( ) DPS ord. ( ) P/E adj. (x) Div. yield (%) 3.3% 3.3% 3.3% 4.5% FCF yield (%) 6.5% 6.7% 1.6% 8.2% EV/EBITDA (x) EV/EBIT (x) Un modello di business privo di rischio, con ampia visibilità su costi e ricavi. Con costi di affitto dello spazio espositivo (versati alla controllante) definiti fino al 2024 e con ricavi futuri caratterizzati dall ampia visibilità, l unico elemento che dà variabilità ai risultati (ed ai margini) è la stagionalità degli eventi che tende a premiare gli anni pari. A parte questo, un fisiologico capitale circolante netto negativo unito ad un limitato capitale investito permettono sia l autofinanziamento sia un pay out costante con rendimenti interessanti (3.5%). Insomma, una sorta di ricavi tariffati a costi costanti. Nonostante lo sviluppo si presti sia a politiche di M&A sia di crescita interna, la prudenza del management (a nostro avviso eccessiva) non lascia presagire, almeno nel breve, maxidividendo, acquisizioni, diluizioni nella proprietà (e conseguente scalabilità) né tanto meno operazioni immobiliari (non avendo la proprietà degli spazi). Il trigger semmai, a nostro avviso, deve essere ricercato nella maggiore rotazione degli spazi (ora a 2 Ml mq), con effetti positivi anche nei prezzi, grazie alla crescita del PIL. Una spinta ulteriore sarà data dall integrazione del portafoglio manifestazioni negli anni dispari. L unicità dell essere il solo gruppo fieristico quotato rappresenta pregio e difetto del titolo. FDM non può esser valutato tramite multipli di mercato, né come un real estate. Ha una ciclicità annuale più marcata. Quindi non è assimilabile ad una utility tariffata con una visibilità fino al Le società che controlla non hanno peers quotati. Riteniamo dunque più idoneo ricorrere ad un DCF calcolato su quattro anni. Sulla base di queste valutazioni avviamo la copertura di Fiera Mi con rating Neutral, LR e target di 9.6 per azione.

2 Fiera Milano: overview Il Gruppo Fiera Milano è organizzato in tre aree di business: A) Spazi e servizi correlati (Venues & related service, VRS): vendita degli spazi (intesi in mq) ed organizzazione dei servizi connessi (pulizia, riscaldamento, aerazione, etc); B) Servizi a valore aggiunto (Value added services, VAS): allestimenti, catering, editoriali; C) Organizzazione manifestazioni e congressi (Exhibition & congress organization, ECO). I ricavi: manifestazioni ospitate e gestite direttamente. Company data. Iaas principles Osservate sotto il profilo del contributo al P&L, le prime due aree rappresentano i ricavi derivanti da fiere ospitate, per le quali Fiera Mi percepisce, dagli organizzatori, un compenso che assomma vendita del metro quadrato più servizi ad esso riconducibili. La terza organizzazione manifestazioni e congressi rappresenta invece le manifestazioni organizzate direttamente dalle società del Gruppo, i cui ricavi vanno dall ideazione alla gestione ed organizzazione di tutta la filiera espositiva. Da un confronto tra le due (VRS + VAS vs ECO) emerge ovviamente il diverso marketing mix, con una marginalità più elevata a vantaggio della seconda. Precisiamo al fine di togliere ogni dubbio come le entrate derivanti da visitatori abbiano attinenza solo con gli eventi organizzati direttamente (dal momento che, per le ospitate, tutto è carico degli organizzatori) e, peraltro, con un peso sui ricavi estremamente limitato (1,5% circa sul consolidato). A giugno

3 (a tale data si chiude l esercizio economico di Fiera Mi) fatturato ed Ebitda erano così suddivisi: Company data. Iaas principles Il mix: fatturato prevalente dell ospitato (64%) ma maggiore redditività del direttamente organizzato» Volendo evidenziare ancora meglio la marginalità delle due aree, illustriamo un confronto tra giugno 2004 e giugno Ebitda margin (%) Ebit margin (%) 25% 20% 15% 10% 5% 15.1% 19.2% 11.8% 11.9% 20% 15% 10% 5% 7.7% 2.6% 15.4% 5.4% 0% VRS +VAS ECO 03/'04 04/'05 0% VRS +VAS ECO Company data. Italian GAAP profondamente legato alla stagionalità degli eventi (tra anni pari e dispari).pur mitigato dalla diversificazione settoriale Quello che contraddistingue il business è la sua stagionalità; non solo a livello trimestrale (il 60% del fatturato si concentra negli ultimi due trimestri, da gennaio a giugno; il 40% dell Ebitda nell ultimo) ma, soprattutto, a livello annuale. E soprattutto la stagionalità annua che caratterizza la variabilità dei ricavi del business di FDM e, ovviamente, della sua redditività. Nonostante una saggia politica di diversificazione intrapresa dal management al fine di rendere il portafoglio manifestazioni il più equilibrato possibile, evitando l eccessiva dipendenza da alcuni settori merceologici, rimane comunque la cadenza degli eventi (alcuni in anni pari, altri in quelli dispari) e, di conseguenza, il relativo impatto su ricavi e marginalità. Nei progetti della società è volontà primaria integrare maggiormente il portafoglio manifestazioni in modo da smussare la stagionalità agendo contemporaneamente su: 3

4 A) inserimento in portafoglio di nuovi settori (alimentare, edilizia, medical devices); B) annualizzazione (laddove possibile) delle manifestazioni biennali (motori). Company data. Iaas principles. L evoluzione 2004/2006: la fase di transizione Al fine di meglio comprendere l effetto sul conto economico, ricorriamo al confronto tra l ospitato ed il gestito direttamente tra il 2003/2004 (pari) ed il 2004/2005 (dispari) fino al 3Q Indicando, non solo il mq venduto ma anche il numero di espositori. Seasonality '04/'06 FY giu '04 Q1' 05 Q2 '05 1H '05 Q3 '05 9 Months Q4' 05 FY' giu 05 Q1' 06 Q2 '06 1H '06 Q3 '06 9 Months Sqm rented out A) Hosted B) Directly managed % 70.4% 49.6% 72.1% 38.0% 35.2% 36.8% 72.0% 57.3% 42.9% 60.8% 59.4% 42.0% 50.3% % 29.6% 50.4% 27.9% 62.0% 64.8% 63.2% 28.0% 42.7% 57.1% 39.2% 40.6% 58.0% 49.7% % (YonY) -56.8% 74.1% 106.5% 54.9% 104.8% 2.8% % quarter on Year 19.0% 21.2% 40.8% 30.6% 71.4% 28.7% Sqm Price ( ) before infragroup elisions A) Hosted B) Directly managed Sqm Price ( ) net of elisions N exhibitors A) Hosted n.a n.a B) Directly managed n.a n.a Average revenues ( ) for exhibitor before infragroup elisions A) Hosted n.a n.a B) Directly managed n.a n.a Net average revenues ( ) for exhibitor (aver. A+B) n.a n.a Sqm rentable (commercial capacity) Fonte: company data Rotation index

5 Un modello di business a bassa rischiosità.. Dal confronto prettamente numerico, è possibile evidenziare, da un lato, i punti salienti di ricavi e marginalità e, dall altro, illustrare le linee guida di sviluppo perseguibili dal management. Mentre nel 2004 il mix dei metri quadrati (mq) era prevalentemente orientato a favore dell ospitato, con una proporzione di 70 a 30 (per mq) e con un numero di espositori doppio rispetto all organizzato, il 2005 e prossimamente il 2006 vedranno il management impegnato a diluire il peso ad un più equilibrato 60 vs 40, basandosi su due principi di massima: A) Aumentare l esposizione sul segmento direttamente organizzato e B) continuare a mantenere il minimo garantito, pari al 90% dei ricavi dell area VRS. Riguardo al punto A, il Gruppo Fiera Milano tende a muoversi secondo due direttrici; nel caso di eventi già rodati, tende a mantenere una quota di maggioranza (almeno il 51%) al fine di fidelizzare l evento spesso creato in precedenza dal socio di minoranza. Nel caso invece di manifestazioni nuove il Gruppo tende a possederne il 100% della proprietà. Esempi in tal senso sono rappresentati dagli eventi relativi all edilizia (Build up) e all alimentare (Cibus). con una peculiarità: il capitale circolante negativo. Il secondo punto prevede secondo una prassi del settore che gli organizzatori di un evento (sia esso ospitato o gestito) assicurino a Fiera Milano che li ospita metri quadrati pari al 90%, calcolati sull edizione precedente. Questo di per sé introduce ad una peculiarità di Fiera Mi (e del comparto in generale): una sorta di floor delle entrate che agisce in due modi. 1. Dal punto di vista dello stato patrimoniale, la rara situazione del capitale circolante netto negativo, in quanto le anticipazioni fornite dai clienti permette in assenza di operazioni straordinarie un miglioramento della posizione finanziaria netta (che infatti è cash!); 2. visto da conto economico, visibilità sui ricavi futuri (e sui ai margini) a livello di gestione industriale e interessi positivi su quella finanziaria. Il tutto all insegna di un Roce elevato in assenza di rischi. Company data. Iaas principles 5

6 Se dunque la visibilità sui ricavi ha nel peggiore dei casi un impatto biennale (tra anni pari e dispari), una proiezione assai più semplice è quella relativa ai costi. Quello principale e cioè lo spazio espositivo è locato da parte di Fondazione Milano con durata prevista fino al Secondo tale accordo, l affitto è pari a 13 Eur ml annui per lo spazio relativo alla vecchia Fiera (fieramilanocity) più, a partire dal 2007, 45 Eur ml annui per la nuova (fieramilano) pari al 6% dei 755 Eur ml sostenuti da Fondazione Milano per la costruzione del nuovo polo fieristico di Rho Pero; il quale, con uno spazio espositivo totale di mq ( mq esterni), fa di Fiera Milano, il secondo polo fieristico mondiale dopo Hannover (con mq).. Company data. Iaas principles Il 2005: l integrazione tra vecchio e nuovo Il 2005 è stato dunque l inizio della transizione; si è passati da 1,704 mq ml venduta nel 2004 ai 1,373 mq ml dell ultimo anno. Complici l assenza di alcuni grandi eventi (tra cui MCE) e la necessaria fase di transizione operativa e funzionale nella nuova sede, i risultati dello scorso giugno non sono stati esaltanti. Gli sviluppi dal 2006 Diverso è il discorso relativo al 2006 (di cui peraltro siamo a terzo trimestre concluso); prevediamo pressoché raggiunto l obiettivo dei 2,0 mq ml di spazio espositivo venduto. Con un indice di rotazione (inteso come mq venduti/ mq vendibili) pari a 4,2 x (3,9x nel 2005), ma con una superficie espositiva che è passata da mq a (escludendo i outdoor). Con un incremento quindi del 35% YoY. Maggiore chiarezza a partire dal Dal 2006 il passo successivo consisterà nell annualizzare eventi che, ad oggi, hanno una cadenza biennale (vedi moto, ad esempio) ed integrare il portafoglio con nuovi eventi (Tuuttofood, Build up e Milano Check up). Il 2006/2007 si preannuncia tranquillo dal punto di vista ordinario e poco attivo da quello straordinario. In tal senso l assetto proprietario (con Fondazione Milano al 53% circa) non lascia intravedere cambiamenti. Idem dicasi per potenziali operazioni di M&A che possano modificare conto economico o, tanto meno, diluire la maggioranza di 6

7 Fondazione. Il settore fieristico, di cui peraltro Fiera Mi è l unico esempio quotato, non si caratterizza per un intensa politica di acquisizioni, essenzialmente per due ragioni: A) la dimensione spesso locale degli espositori; B) la difficoltà nel creare nuove manifestazioni che non siano già presenti nel portafoglio di qualche altro competitor fieristico. Per contro, il business rimane, per la sua stessa natura, a basso profilo di rischio: capitale investito basso, cash flow positivo e costante, ottima visibilità sui ricavi. Non crediamo peraltro probabile un possibile maxi dividendo; la cautela con cui il management si muove sembra avallare una crescita puramente interna, con flussi costanti di dividendo ed una sempre meno accentuata stagionalità dei margini. La valutazione Sì è detto finora delle specificità di Fiera Mi: la visibilità sui ricavi, prevedibilità nei costi, le limitate necessità di capitale richieste. Se dunque non appare particolarmente difficile stimare il conto economico, non altrettanto può dirsi relativamente alla valutazione del titolo. Per due ordini di ragioni: A) assenza di peers quotati e B) ciclicità del business. Relativamente al punto A, non esistono società comparabili. Per lo meno quotate stand alone. Più spesso esistono holding come l inglese Reed Elsevier che incorporano unità simili, ma per le quali è piuttosto complesso estrapolare il valore; o società simili come la francese Unibail e la svizzera MCH Swiss Exhibition che non sono invece quotate. Un altro problema è dato dalla natura di Fiera Mi in quanto locataria e non proprietaria degli spazi; ciò implica l impossibilità di valutare la società come un real estate puro. Idem dicasi per le controllate del Gruppo Fiera Milano; non esistono società comparabili attive nell allestimento, gestione ed organizzazione di eventi. Ciò nonostante, i multipli espressi sarebbero in sé interessanti: sul 2007 avremmo un Ev/Ebitda di 8,5x, Un Ev/Ebit di 15,9x. Sul 2008, anno pari, rispettivamente 4,3x e 5,5x. Rimane l utilizzo del Dcf. E probabilmente il metodo più prudente ma, anche qui, è doveroso puntualizzare alcuni elementi. Innanzitutto, data l attuale alternanza (per lo meno presente nelle nostre stime fino al 2008) di ricavi e margini a fisarmonica (più alti negli anni pari, meno in quelli dispari), abbiamo usato un tasso di crescita terminale dell uno per cento. Inoltre, pur essendo per i motivi precedentemente esposti, una sorta di business tariffato, non ci sembra comunque plausibile (e soprattutto così prevedibile, rispetto ad esempio ad una utility) proiettarlo fino al 2024 (data di scadenza del contratto di affitto con Fondazione Fiera Milano). Motivo per cui il periodo utilizzato per le stime esplicite si limita al triennio 2006/

8 Utilizzando un tasso di crescita terminale dell 1%, un Beta di 0.8, un Risk free di 4,4% ed un Risk premium del 4% otteniamo un WACC del 6,7%. Applicato al periodo 2006/2008 ricaviamo un target price di 9,6 per azione. Di conseguenza iniziamo la copertura del Gruppo Fiera Milano con un rating Neutral, LR. Gruppo Fiera Milano E 2006E 2007E 2008E Ebita Amortization & Depreciation Change in Working Capital (59.4) 52.0 (47.3) Capex (22.4) (39.2) (21.0) (21.0) (16.0) Tax Rate 48.6% 68.0% 45.0% 45.0% 45.0% Tax (17.9) (9.0) (20.3) (7.8) (21.6) Free Cash Flow (43.7) 55.3 (24.0) Discounting Factor Discounted Free Cash Flow (38.6) 46.2 (18.9) WACC 6.4% 5.9% 6.4% 6.2% 6.2% Net Cash (Debt) Debt Weight 19.2% 24.4% 20.8% 26.3% 26.2% Cost of debt 6.0% 6.0% 6.0% 6.0% 6.0% Tax Rate 48.6% 68.0% 45.0% 45.0% 45.0% Risk Free 4.4% 4.4% 4.4% 4.4% 4.4% Risk Premium 4.0% 4.0% 4.0% 4.0% 4.0% Beta Actual value factor Terminal Growth 1.0% Actual Value Free Cash Flow 61 Terminal Value 463 Actual Terminal Value 365 Total Value Net Cash (Debt) 24.7 Minorities (124) Total Value 326 N. of shares 33.8 Total Value per Share 9.64 Potential Upside 7.6% 8

9 Income statement ( m) 2005A 2006E 2007E 2008E Sales 261,7 341,2 331,3 383,7 EBITDA 37,8 57,0 32,1 61,0 EBIT 11,7 44,9 17,2 47,9 Pretax income 13,2 45,0 17,2 48,0 Net income 2,1 17,5 6,7 18,7 Restated net Income 2,1 17,5 6,7 18,7 Balance sheet ( m) 2005A 2006E 2007E 2008E Net working capital -35,5 23,9-28,2 19,2 Net fixed capital 154,1 166,3 152,4 198,0 Provisions -14,8-82,0-11,5-102,7 Net invested capital 103,7 108,2 112,8 114,5 Net debt 24,7 34,8 29,6 40,8 Net equity 112,0 119,4 116,0 121,2 Minorities 16,4 23,6 26,4 34,1 Cash Flow statement ( m) 2005A 2006E 2007E 2008E Cash income 28,3 29,6 17,3 31,6 Change in net working capital 30,5 11,7 4,3 9,0 Change in provisions 0,0 0,0 4,3 0,1 Capex -39,2-21,0-21,0-16,0 Operating free cash flow 19,6 20,3 4,9 24,7 Capital increase 0,0 0,0 0,0 0,0 Dividend payment -10,1-10,1-10,1-13,5 Others 0,0 0,0 0,0 0,0 Change in net financial position 9,5 10,1-5,3 11,2 Financial ratios (%) 2005A 2006E 2007E 2008E EBITDA margin 14,5% 16,7% 9,7% 15,9% EBIT margin 4,5% 13,2% 5,2% 12,5% Interest coverage (x) Cash Cash Cash Cash Tax rate 68,0% 45,0% 45,0% 45,0% Net profit margin 0,8% 5,1% 2,0% 4,9% ROCE 11,2% 41,5% 15,2% 41,9% ROE adjusted 1,9% 14,7% 5,8% 15,5% Debt-to-Equity Cash Cash Cash Cash Payout ratio 481,5% 57,9% 151,2% 72,2% Growth rates (%) 2005A 2006E 2007E 2008E Sales -10,3% 30,4% -2,9% 15,8% EBITDA -35,8% 50,7% -43,8% 90,2% EBIT -67,0% 285,7% -61,8% 179,3% Net income -82,6% 735,8% -61,7% 179,1% Restated net Income -83,2% 733,9% -61,7% 178,8% Per share figures ( ) 2005A 2006E 2007E 2008E No. of shares (m - y/e) 33,6 33,8 33,8 33,8 EPS stated 0,06 0,52 0,20 0,55 EPS restated 0,06 0,52 0,20 0,55 CEPS 0,84 0,88 0,38 0,93 BVPS 3,33 3,53 3,43 3,58 DPS 0,30 0,30 0,30 0,40 Market valuation & ratios (x) 2005A 2006E 2007E 2008E Price ( - current/average) 8,95 8,95 8,95 8,95 Market cap. ( m) Enterprise value ( m) P/E reported 143,7 17,3 45,1 16,2 P/E adjusted 143,3 17,3 45,1 16,2 P/CEPS 10,6 10,2 23,3 9,6 P/BV 2,7 2,5 2,6 2,5 Dividend yield (%) 3,4% 3,4% 3,4% 4,5% Free cash flow yield (%) 6,5% 6,7% 1,6% 8,2% EV/EBITDA 7,3 4,7 8,5 4,3 EV/EBIT 23,7 6,0 15,9 5,5 9

10 ANALYST CERTIFICATION Questa pubblicazione è stata realizzata da DAVIDE FARALDI. Si certifica che le opinioni espresse sulle società menzionate nel presente documento rispecchiano le personali opinioni dell analista e che nessuna diretta o indiretta ricompensa è stata, né verrà, ricevuta dall analista a seguito delle suddette opinioni espresse. DISCLAIMER Il presente documento è stato redatto da Centrosim, Società di Intermediazione Mobiliare iscritta al n. 32 dell albo di cui all art. 20 comma 1 del D. Lgs n. 58/98 (delibera Consob n del 22/12/98), in conformità a quanto previsto dall art.69 del Regolamento Consob n /99 e successive modifiche e della Comunicazione Consob n del 20 aprile Centrosim non ha uno specifico interesse riguardo all emittente, agli strumenti finanziari o alle operazioni oggetto di analisi. Le notizie e i dati utilizzati nel presente documento, provengono da informazioni fornite al pubblico dalla società in oggetto e/o da altra documentazione di pubblico dominio. Centrosim SpA non risponde dell accuratezza, completezza, precisione e imparzialità di tali dati e notizie. Il presente documento è stato redatto in via autonoma e indipendente e senza la collaborazione della società oggetto di analisi ovvero di società ad essa collegate da un rapporto di partecipazione o di controllo. Il presente documento è stato redatto da un analista finanziario dell Equity Reasearch Department di Centrosim SpA, il cui nominativo è ivi indicato. In nessun caso la società e l analista, in qualità di autore dello studio, potranno essere ritenuti responsabili (per colpa o altrimenti) per danni derivanti dall utilizzo delle informazioni ovvero opinioni in esso riportate. Il presente documento ha esclusivamente finalità informative e non può essere riprodotto, ridistribuito, direttamente o indirettamente, a terzi, né pubblicato, in tutto o in parte, per qualsiasi finalità. Questo documento non costituisce proposta di acquisto, né intende sollecitare l acquisto o la vendita dei titoli in oggetto. I destinatari del presente documento sono vincolati ad osservare le limitazioni sopra riportate. Con il presente studio Centrosim avvia la copertura del titolo Fiera Milano. Centrosim intende dare copertura al titolo con continuità, secondo una cadenza temporale dipendente dalle circostanze ritenute rilevanti (eventi societari, cambi di raccomandazione, ecc.). La tabella successiva illustra le raccomandazioni emesse sul titolo nel corso degli ultimi 12 mesi. Le versioni italiana ed inglese di questo studio sono state distribuite tramite posta elettronica a partire dalla data indicata sul documento a circa 600 investitori professionali italiani ed esteri. Il documento è disponibile in formato elettronico sul sito Internet di Centrosim, nella sezione accessibile esclusivamente tramite password ad investitori istituzionali italiani ed esteri. 10

11 RATING SYSTEM Per ogni livello di rischio: il rating BUY viene assegnato qualora esista un scostamento tra prezzo corrente e target price superiore al tasso benchmark decennale lordo più un livello fisso di extra-rendimento richiesto (crescente all aumentare del grado di rischio che l analista attribuisce al titolo); il rating SELL viene assegnato qualora esista un scostamento tra prezzo corrente e target price inferiore al tasso benchmark decennale lordo; il rating NEUTRAL viene assegnato qualora lo scostamento tra prezzo corrente e target price si collochi all interno delle fasce individuate secondo i criteri precedenti. La logica di fondo della metodologia utilizzata per l assegnazione del rating: 1. collega parzialmente la definizione del rating da assegnare al titolo al livello corrente dei tassi di mercato; 2. individua una fascia ristretta entro la quale l analista esprime una raccomandazione neutrale. La griglia dei rating è riportata dalla successiva tabella (FRR = Free Risk Rate, approssimato dal tasso benchmark decennale lordo). Rating table High Risk Medium Risk Low Risk upside potential HR MR LR Buy > FRR+10% > FRR+5% > FRR+3,5% Neutral FRR - FRR+10% FRR - FRR+5% FRR - FRR+3,5% Sell < FRR < FRR < FRR Il rating è determinato sulla base del ritorno assoluto atteso a 12 mesi e non sulla base dell over/underperformance stimata rispetto a un indice di mercato. In questo modo, una volta definita la classe di rischio nella quale l analista fa rientrare un titolo, è possibile legare direttamente il rating allo scostamento percentuale atteso tra prezzo corrente e target price. 11

Amplifon. Volume al massimo. Healthcare. Rating: Neutral, LR TP: 41.0. Reuters: AMP.MI Bloomberg: AMP IM

Amplifon. Volume al massimo. Healthcare. Rating: Neutral, LR TP: 41.0. Reuters: AMP.MI Bloomberg: AMP IM Equity Research Initiating coverage Reuters: AMP.MI Bloomberg: AMP IM Healthcare Amplifon Alessandro Poggi a.poggi@centrosim.it Tel. 0039-02-72261347 Volume al massimo 2 Febbraio 2005 Rating: Neutral,

Dettagli

Centrale del Latte di Torino & C. RATING: NEUTRAL 19 novembre 2013

Centrale del Latte di Torino & C. RATING: NEUTRAL 19 novembre 2013 REPORT DI AGGIORNAMENTO SUI RISULTATI 3Q 2013 della CENTRALE LATTE TORINO & C. redatto da BIM in qualità di SPECIALIST Prezzo: 1.83 euro (18/11/2013) n. azioni: 10 mln Capitalizzazione: 18.3 mln euro Flottante:

Dettagli

Mondadori. Utili 2004 verso i 100mln. Media - Publishing. Rating: Buy, LR TP: Reuters: MNDI.MI Bloomberg: MN IM

Mondadori. Utili 2004 verso i 100mln. Media - Publishing. Rating: Buy, LR TP: Reuters: MNDI.MI Bloomberg: MN IM Equity Research Reuters: MNDI.MI Bloomberg: MN IM Media - Publishing Mondadori Company Update Giorgio Iannella g.iannella@centrosim.it Tel. +39 02 72261 398 Rating: Buy, LR TP: 8.64 Price, Nov. 12 th 2004

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA

INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA INFORMATIVA SINTETICA SULL ATTIVITÀ DI RICERCA RATING SYSTEM Le raccomandazioni si conformano al seguente rating system, avendo come riferimenti il prezzo di mercato e il target price: BUY: se il target

Dettagli

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating :

Pagella Redditività : Solidità : Crescita : Rischio : Rating : Analisi Diasorin Introduzione I buoni risultati del I trimestre non bastano ad esprimere un giudizio positivo su Diasorin, il titolo è reduce da un forte apprezzamento e quota a multipli elevati, notizie

Dettagli

La Valutazione di una Start-up

La Valutazione di una Start-up La Valutazione di una Start-up I metodi di valutazione più utilizzati sono: Discounted Cash Flow e Multipli di Mercato, cui vanno applicati dei correttivi per riflettere le specificità della start-up All

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE Dott. Lorenzo Batacchi Banca popolare dell Emilia Romagna lorenzo.batacchi@bper.it METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE I più utilizzati nella pratica: Metodo finanziario: DCF,

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati

Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Strumenti e metodologie per investire consapevolmente nel mercato dei certificati Agenda Parte Prima L evoluzione del mercato primario e secondario dei certificati di investimento negli ultimi anni La

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

EQUITY UPDATE BUY RGI. 20 giugno 2008. Lo sviluppo Internazionale. 35. Technology, Software. Bloomberg: RGI IM

EQUITY UPDATE BUY RGI. 20 giugno 2008. Lo sviluppo Internazionale. 35. Technology, Software. Bloomberg: RGI IM 20 giugno 2008 EQUITY UPDATE RGI 35. Technology, Software BUY OLD NEW Rating Buy Buy Risk Rating Medium Medium Target 2,60 2,70 Market Data Target Price ( ) 2,7 Close Price ( ) 1,85 Share Outstanding (m)

Dettagli

VERISIGN. domenica 12 aprile 2015 1

VERISIGN. domenica 12 aprile 2015 1 VERISIGN domenica 12 aprile 2015 1 Fundamental Analysis Verisign è sul mercato dal 1995 e si occupa principalmente della gestione dei domini.com e.net, oltre che di sicurezza informatica. In particolare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: risultato operativo consolidato dei primi nove mesi 2005 a 131,3 milioni (+6,5% sul 2004).

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012

COMUNICATO STAMPA. Nel trimestre ricavi a 598 milioni di euro, in calo del 3,8% EBIT a 13,9 milioni di euro, rispetto ai 20,9 milioni del periodo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Indesit Company ha esaminato i dati del primo trimestre 2013 e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione In un contesto di arretramento del mercato

Dettagli

ANIMA. Idee di investimento

ANIMA. Idee di investimento ANIMA Idee di investimento ANIMA Evoluzione degli Asset in gestione Asset under Management Miliardi di Euro, Dati a fine periodo 35,0 40,7 46,6 57,1 63,9 2011 2012 2013 2014 2015 agosto Fonte: ANIMA -

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO

I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica I FONDI DI FONDI DI PRIVATE EQUITY: UN INVESTIMENTO DECORRELATO FRANCO MOSCA 16 Marzo, Milano Sommario Non è vero che il private

Dettagli

Intesa Sanpaolo. Un buon punto di partenza. Banks. Target price Reuters: ISP.MI Bloomberg: ISP IM

Intesa Sanpaolo. Un buon punto di partenza. Banks. Target price Reuters: ISP.MI Bloomberg: ISP IM Equity Research Reuters: ISP.MI Bloomberg: ISP IM Banks Intesa Sanpaolo 1Q07 Results Luca Comi l.comi@centrosim.it Tel. 0039-02-72261276 Un buon punto di partenza 18 Maggio 2007 Rating NEUTRAL, MR Target

Dettagli

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA

BANCA ALETTI & C. S.p.A. BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES DI TIPO QUANTO CONDIZIONI DEFINITIVE D OFFERTA BANCA ALETTI & C. S.p.A. in qualità di emittente e responsabile del collocamento del Programma di offerta al pubblico e/o di quotazione di investment certificates denominati BONUS CERTIFICATE e BONUS CERTIFICATES

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 2015

Assemblea degli Azionisti 2015 1 Assemblea degli Azionisti 2015 Mario Greco Amministratore Delegato di Gruppo A Gennaio 2013 Generali ha lanciato un ambizioso piano triennale 2 Una strategia al 2015 impostata su e caratterizzata da

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet. La soluzione più semplice per investire con metodo

Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet. La soluzione più semplice per investire con metodo Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet La soluzione più semplice per investire con metodo PIANO DI ACCUMULO: DEFINIZIONE COS E Il PAC è una modalità di investimento che prevede l acquisto di

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Analisi Fondamentale Buzzi Unicem

Analisi Fondamentale Buzzi Unicem Analisi Fondamentale Buzzi Unicem Dati Societari Azioni in circolazione: 206,061 mln. Pagella Redditività : Solidità : Capitalizzazione: 3.067,40 mln. EURO Crescita : Rischio : Rating : HOLD Profilo Societario

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

INVESTMENT MANAGEMENT. BNP Paribas REIM SGR p.a. BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso

INVESTMENT MANAGEMENT. BNP Paribas REIM SGR p.a. BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso INVESTMENT MANAGEMENT BNP Paribas REIM SGR p.a. BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Resoconto intermedio

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (Ateco 29)

Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (Ateco 29) Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (Ateco 29) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Ottobre 2015 Indicatori congiunturali Indice della Produzione industriale

Dettagli

I criteri di giudizio della convenienza dei progetti

I criteri di giudizio della convenienza dei progetti Corso di laurea specialistica in architettura Indirizzo architettura per la città Laboratorio integrato ClaMARCH 3 - Cattedra B Valutazione economica del progetto I criteri di giudizio della convenienza

Dettagli

Equity Research. Nuovi drivers di creazione del valore. Prezzo ord: 9.41

Equity Research. Nuovi drivers di creazione del valore. Prezzo ord: 9.41 Equity Research Company Update SpA Outperform Prezzo ord: 9.41 12.00 Price and relative price performance 11.50 11.00 10.50 10.00 9.50 9.00 8.50 8.00 7.50 7.00 M A M J J A S O N D J F M ITALGAS Mibtel

Dettagli

La valutazione dei beni destinati a reddito(investimenti immobiliari)

La valutazione dei beni destinati a reddito(investimenti immobiliari) La valutazione dei beni destinati a reddito(investimenti immobiliari) Venezia, novembre 2014 Prof. Antonella Faggiani valutareilprogetto2@gmail.com Corso di Estimo aa. 2014_2015 Laurea Magistrale Architettura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI 4 appello del 1 Ottobre 2014 Tempo max: 2h N O T E Si ricorda che durante la prova scritta non sono consultabili appunti o

Dettagli

Indice BNL Report Febbraio 2009. Marzo 2009

Indice BNL Report Febbraio 2009. Marzo 2009 Indice BNL Report Febbraio 2009 Marzo 2009 225.000.000 200.000.000 175.000.000 150.000.000 125.000.000 100.000.000 75.000.000 50.000.000 25.000.000 0 Capitalizzazione e volume di scambio (intero mercato)

Dettagli

I fondi a cedola di Pictet. Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero

I fondi a cedola di Pictet. Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero I fondi a cedola di Pictet Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero Aggiornamento al 28 Aprile 2014 Come Banca Pictet intende la distribuzione dei proventi Cedola predefinita Le percentuali di

Dettagli

Lorenzo Di Mattia Fund Manager HI Sibilla Macro Fund

Lorenzo Di Mattia Fund Manager HI Sibilla Macro Fund Lorenzo Di Mattia Fund Manager HI Sibilla Macro Fund Milano, 19 novembre 2013 La strategia Global Macro Caratterizzata da ampio mandato, in grado di generare alpha tramite posizioni lunghe e corte, a livello

Dettagli

Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015. Napoli, 21 Settembre 2015 abstract

Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015. Napoli, 21 Settembre 2015 abstract Relazione finanziaria semestrale del Gruppo Isaia al 30.06.2015 Napoli, 21 Settembre 2015 abstract Situazione Economica e Patrimoniale al 30 Giugno 2015 a. Principali dati economico finanziari consolidati

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 1 Le banche cercano di orientare i risparmiatori verso quei conti correnti

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015

AIM INVESTOR DAY. II Edizione. Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 AIM INVESTOR DAY II Edizione Palazzo Mezzanotte 15 aprile 2015 0 Agenda INDICE Chi siamo pag. 2 Business model pag. 3 I nostri punti di forza pag. 4 Strategia pag. 10 Business Plan 2015-2017 pag. 12 Dividend

Dettagli

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015

Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 Approvata la Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2015 rispetto allo stesso periodo 2014: forte incremento del fatturato consolidato (+23,1%) e dell ingresso ordini di Gruppo (+25,7%) utile netto più che

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 aprile 2013

COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 aprile 2013 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 aprile 2013 Proposto all assemblea un dividendo unitario di 0,45 per azione

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Fastweb. Cresce in un clima di scetticismo TELECOMS. Rating: BUY, HR TP: Reuters: FWB.MI Bloomberg: FWB IM

Fastweb. Cresce in un clima di scetticismo TELECOMS. Rating: BUY, HR TP: Reuters: FWB.MI Bloomberg: FWB IM Equity Research Reuters: FWB.MI Bloomberg: FWB IM TELECOMS Company Update 2Q05 Preview Fastweb Edoardo Bonanno e.bonanno@centrosim.it Tel. 0039-02-72261290 Rating: BUY, HR TP: 46.3 Price (July 4 th 2005):

Dettagli

Approvati risultati al 30 settembre 2015

Approvati risultati al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati risultati al 30 settembre 2015 Risultati record nei primi nove mesi, con il miglior trimestre di sempre Utile netto: 148,8 milioni ( 109,3 milioni al 30 settembre 2014, +36,2%)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia ha costituito quattro Fondi

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 30 settembre 2009

First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 - Berenice al 30 settembre 2009 COMUNICATO STAMPA First Atlantic RE SGR S.p.A. approva il rendiconto di gestione del Fondo Atlantic 2 Berenice al 30 settembre 2009 Milano, 28 ottobre 2009 Il Consiglio di Amministrazione di First Atlantic

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

Allianz Euro Bond Strategy

Allianz Euro Bond Strategy Allianz Euro Bond Strategy Dieci validi motivi per investire Il punto di riferimento per investire nel mercato obbligazionario euro Il mercato obbligazionario negli ultimi anni ha registrato profonde trasformazioni:

Dettagli

Initial Coverage Price 10.4. Bloomberg ELN.IM Rel. Perf. RealTick 1gELN vs Numtel

Initial Coverage Price 10.4. Bloomberg ELN.IM Rel. Perf. RealTick 1gELN vs Numtel BUY Initial Coverage Price 10.4 Dati euro (mln) 2001 A 2002 E 2003 E Sales 27.8 50.8 64.7 Ebitda 3.9 6.4 8.9 Ebit 2.6 3.1 5.0 EPS adj 0.5 0.7 0.9 EV/Sales 0.7 x 0.6 x 0.5 x EV/Ebitda 4.7 x 4.4 x 3.5 x

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi

Valutazione delle obbligazioni e delle. dott. Matteo Rossi Valutazione delle obbligazioni e delle azioni dott. Matteo Rossi Argomenti trattati Valutazione di un obbligazione Come vengono negoziate le azioni Come valutare le azioni Tasso di capitalizzazione Prezzo

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI

AIFI. Il mercato del private equity e venture capital. Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI AIFI Il mercato del private equity e venture capital Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali, AIFI Milano, 18 novembre 2015 Il ruolo di AIFI AIFI, Associazione Italiana del

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO 1 1. Il modello di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato L Autorità,

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali

La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali La strategia d impresa ed i beni di proprietà industriale: gli operatori d azienda tra problematiche valutative, finanziarie e fiscali Angelo Cattaneo Milano, 22 febbraio 2010 INDICE Pirelli RE Immobilizzazioni

Dettagli

Analisi Fondamentale Mediaset

Analisi Fondamentale Mediaset Analisi Fondamentale Mediaset Dati Societari Azioni in circolazione: 1181,228 mln. Pagella Redditività : Solidità : Capitalizzazione: 4.689,48 mln. EURO Crescita : Rischio : Rating : HOLD Profilo Societario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento...

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... 4 GLI INDICI DI LIQUIDITA L analisi procede con la costruzione

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli