REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c FROSINONE Tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821"

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Via A. Fabi, s.n.c FROSINONE Tel Protocollo Aziendale per la determinazione del tasso ematico di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope in soggetti coinvolti in incidenti stradali e/o fermati per controlli stradali Scopo del Documento Con sempre maggiore frequenza le Forze dell Ordine si rivolgono ai Pronto Soccorso della nostra Azienda, allo scopo di accertare in individui coinvolti in incidenti stradali, il tasso alcoolemico e la presenza di psicofarmaci e droghe d abuso, che in alcune occasioni, come previsto dal Comma III dell Art. 187 del CDS, possono essere richiesti anche in soggetti i quali, ad un semplice controllo stradale, appaiono in stato di ebbrezza alcoolica o alterazione psico-fisica. Ai sensi dall Art. 12 comma 1 del Nuovo Codice della Strada, và precisato che sono considerate Forze dell Ordine: Polizia di Stato, Polizia Stradale, Arma dei Carabinieri, Corpo della Guardia di Finanza, Corpi e Servizi di Polizia Provinciale e di Polizia Municipale nell ambito del Territorio di competenza, Funzionari del Ministero dell Interno addetti al Servizio di Polizia Stradale, Corpo di Polizia penitenziaria e Corpo Forestale dello Stato in relazione ai compiti di Istituto. La normativa, riguardante la circolazione dei veicoli, prevede una serie di adempimenti sanitari, in ausilio alla attività delle forze dell ordine, tra cui gli accertamenti per alcool, sostanze stupefacenti e psicofarmaci. Trattandosi di prestazioni, i cui esiti hanno rilievo sia clinico che giudiziario, è necessario documentare accuratamente ogni passaggio e provvedere ad una custodia garantita di documenti e bio-campioni. Di qui l assoluta esigenza di standardizzare la prassi dei Servizi e degli Operatori coinvolti e di predisporre una procedura aziendale improntata a comportamenti univoci, con particolare attenzione alla tracciabilità dell intero percorso. Struttura Semplice di Staff di Direzione Generale Protocolli Assistenziali e Linee Guida Via A.Fabi, s.n.c Frosinone Tel

2 Le fonti del diritto DL n. 285 del 30/04/1992 nuovo codice della strada DM n. 196 del 25/05/1990 definizione delle procedure e degli strumenti per l accertamento dello stato di ebrezza. DR n. 495 del 16/12/1992 regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo C.d.S. DL. n. 360 del 10/09/1993 disposizioni integrative e correttive del C.d.S. DPR n. 610 del 16/09/1996 regolamento recante modifiche del DPR nr. 495/1992. DPR 309 e succ. modificazioni.: Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza Legge n. 472 del 07/12/1999 interventi nel settore dei trasporti Legge n, 85 del 22/03/2001 delega al governo per la revisione del C.d.S. DL n. 9 del 15/01/2002 disposizioni integrative e correttive del C.d.S DL n. 151 del 27/06/2003 modifiche e integrazione del C.d.S. Legge nr. 214 del 01/08/2003 conversione in legge con modificazione del DL n. 151 del 27/06/2003 recante modifiche e integrazioni del C.d.S. DM trasporti 30/09/2003 disposizioni comunitarie in materia di patenti di guida e recepimento delle direttive 200/56/CE (decreto 4 ottobre) Direttive n. 300/A/1/42175/109/42 del 29/12/2005 del Ministro degli Interni finalizzate agli strumenti di accertamento dello stato di ebrezza alcolica e dell uso di sostanze stupefacenti e psicotrope. Linee guida per protocolli per alcool e droghe del Ministero della Sanità versione febbraio Epidemiologia Allo stato attuale, sono interessati a tale diagnostica i Laboratori di Patologia clinica di Frosinone (Tabelle 1 e 2), Cassino (tabelle 3 e 4) e Sora (tabelle 5 e 6), che ricevono prelievi effettuati anche presso gli altri P.O.

3 Aziendali, i cui campioni vengono trasferiti utilizzando il Sistema Aziendale di Trasporto. La statistica, relativa all anno 2008, si riferisce esclusivamente alle analisi richieste dalle forze dell ordine e non considera quelle motivate da esigenze cliniche. Tab. 1. Totale Esami effettuati e totale positività Laboratorio di Patologia Clinica P.O. di Frosinone Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,6 % Droghe e psicofarmaci ,00% Tab. 2. Dettaglio positività per droghe e psicofarmaci Laboratorio Patologia Clinica P.O. Frosinone Antidepressivi triciclici 6 Barbiturici 7 Benzodiazepine 50 Cannabinoidi 18 Cocaina 21 Anfetamine 2 Metamfetamine 7 Metadone 12 Metilidrossimetanfetamine 1 Oppiacei 10 Tab. 3. Totale Esami effettuati e totale positività Laboratorio di Patologia Clinica del P.O. di Cassino Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,40% Droghe e psicofarmaci ,02%

4 Tab. 4. Dettaglio positività per droghe e psicofarmaci Laboratorio di Patologia Clinica del P.O. di Cassino Barbiturici 7 Cannabinoidi 6 Cocaina 14 Metadone 5 Oppiacei 14 Tab. 5. Totale Esami effettuati e totale positività Laboratorio di Patologia Clinica del P.O. di Sora Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,53,60% Droghe e psicofarmaci ,50% Tab. 6. Dettaglio positività per droghe e psicofarmaci Laboratorio di Patologia Clinica del P.O. di Sora Cannabinoidi 1 Nella tabella 7, sono presentati il totale degli esami effettuati, il totale delle positività e le relative percentuali, dei tre Presidi Ospedalieri della ASL di Frosinone che effettuano tali prestazioni. Tab. 7. Totale prelievi e positività per alcoolemia, droghe e psicofarmaci Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,55% Droghe e psicofarmaci ,70% Complessivamente i campioni biologici esaminati dai tre Laboratori di Patologia Clinica, per l individuazione di alcool, droghe e psicofarmaci, sono stati 991, numero destinato a crescere, con il tempo, visto l incremento del

5 consumo di tali sostanze nel nostro Territorio, soprattutto nei giorni prefestivi e festivi. Sul totale di 991 campioni esaminati, 745, pari al 75,17%, erano finalizzati alla valutazione dell alcoolemia e 246, pari al 24,83% alla ricerca di droghe e psicofarmaci. Dei 745 prelievi per l individuazione dell alcoolemia, le positività sono state 317, pari al 42,55%. Viceversa 110, pari al 44,70%, sono stati i campioni positivi, su un totale di 246 esaminati per lo screening di droghe e psicofarmaci. Un ultimo breve commento è legato alla lettura delle tabelle 2,4 e 6, da cui si evince che le positività in dettaglio per droghe e psicofarmaci, superano il numero dei pazienti positivi, per la sussistenza di positività plurime in uno stesso campione. Allo scopo di valutare l impatto sugli Operatori Sanitari e sulle Forze di Polizia e di verificare le eventuali variazioni, sia sul numero complessivo dei prelievi effettuati sia sulle positività delle sostanze d abuso, è stata preparata la statistica, relativa all anno 2010, che si riferisce esclusivamente alle analisi richieste dalle forze dell ordine e non considera quelle motivate da esigenze cliniche. Anche nel 2010, sono stati interessati a tale diagnostica i Laboratori di Patologia clinica di Frosinone (Tabelle 8 e 9), Cassino (tabelle 10 e 11) e Sora (tabella 12), che ricevono prelievi effettuati anche presso gli altri P.O. Tab. 8. Totale Esami effettuati, totale e percentuale di positività del Laboratorio di Patologia Clinica P.O. di Frosinone Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,13 % Droghe e psicofarmaci ,31% Tab. 9. Dettaglio positività per droghe e psicofarmaci del Laboratorio di Patologia Clinica P.O. Frosinone Buprenorfina Urinaria 1 Benzodiazepine urinarie 35 Cannabinoidi urinari 22 Cocaina Urinaria 23 Anfetamine urinarie 2 Metadone urinario 8 Ketamina urinaria 1 Oppiacei urinari 11

6 Tab. 10. Totale Esami effettuati, totale e percentuale di positività del Laboratorio di Patologia Clinica P.O. di Cassino Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,98 % Droghe e psicofarmaci ,50% Tab. 11. Dettaglio positività per droghe e psicofarmaci del Laboratorio di Patologia Clinica P.O. Frosinone Benzodiazepine urinarie 15 Cannabinoidi urinari 6 Cocaina Urinaria 33 Metadone urinario 12 Oppiacei urinari 15 Tab. 12. Totale Esami effettuati, totale e percentuale di positività del Laboratorio di Patologia Clinica P.O. di Sora Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia Droghe e psicofarmaci Nella tabella 13, sono presentati il totale degli esami effettuati, il totale delle positività e le relative percentuali, dei tre Presidi Ospedalieri della ASL di Frosinone che effettuano tali prestazioni. Tab. 13. Totale prelievi, totale e percentuale di positività per alcoolemia, droghe e psicofarmaci dei P.O. di Frosinone, Cassino e Sora Totale prelievi per: Totale positivi: Percentuale: Alcoolemia ,31% Droghe e psicofarmaci ,47% L analisi dei dati ci porta ad affermare che, nel corso del 2010, dopo l attivazione del Protocollo Aziendale per la determinazione del tasso ematico delle sostanze d abuso e la stipula del Protocollo d intesa ASL-

7 Prefettura di Frosinone sulla sua applicazione, le Forze dell Ordine hanno accresciuto l azione di controllo e prevenzione su tutto il territorio provinciale. E infatti cresciuto del 17,01% il numero dei soggetti fermati e, di conseguenza, controllati nei nostri Presidi Ospedalieri sotto il profilo del consumo di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope, pari a n 1194 contro n 991 dell anno Molto interessante è la positività dei casi del 2010, pari al 33,50% (n 400 soggetti sui 1194 prelievi effettuati) che, raffrontata con quella del 2008, pari al 43,08% (n 427 su 991 prelievi effettuati), mostra un calo complessivo del 9,58%. Considerazione degna di nota è la differenziazione delle positività tra alcool e sostanze stupefacenti, rispetto a quelle dell anno La positività per alcool nel corso del 2010, pari al 26,31%, è in calo del 16,24%, rispetto a quella del 2008, pari al 42,55%. Questo fa supporre che, il giro di vite imposto dai controlli stradali da parte delle Forze di Polizia, in particolare nei fine settimana e comunque nei prefestivi e festivi, ha forse fatto scattare da parte del cittadino un meccanismo di maggiore autocontrollo sul consumo di sostanze alcooliche, oppure che si sia applicato lo stratagemma, in base al quale, a rotazione, uno del gruppo si comporti da astemio. Al contrario, a fronte di un aumento dei controlli del 17,01%, la positività per sostanze stupefacenti e psicotrope è, purtroppo, cresciuta del 4,77%, rispetto al Sicuramente, però, tanto le Forze di Polizia quanto gli Operatori Sanitari, non si aspettavano un calo di positività, in quanto il tossicodipendente è un consumatore abituale e non occasionale, come talvolta può succedere con i consumatori di alcool. L elaborazione, da parte della ASL di Frosinone, di un Percorso ben definito sulla problematica delle sostanze d abuso in soggetti alla guida coinvolti, o meno in incidenti stradali, ha consentito per un verso di sistematizzare ed ottimizzare le attività di competenza sanitaria e per l altro alle Forze di Polizia di svolgere una attività di prevenzione e controllo più efficace e veloce possibile. Aspetti giurisprudenziali e Legislativi I fondi necessari per l espletamento degli accertamenti conseguenti ad incidenti stradali sono reperiti nell ambito dei fondi destinati al Piano Nazionale della sicurezza stradale di cui all articolo 32 Legge 17 maggio, n Tale normativa apre una possibilità alle Aziende Sanitarie, di realizzare una copertura economica efficace degli impegni di sua competenza. A monte il problema è disciplinato da due articoli del Codice della Strada, il 186 che tratta la responsabilità dei soggetti alla guida in stato di ebrezza alcoolica ed il 187 che si occupa delle persone in preda ad alterazione psicofisica, per uso di droghe e/o psicofarmaci. Entrambi gli articoli prevedono sanzioni amministrative, sospensione e/o ritiro della patente, arresto da tre mesi a un anno con raddoppio della durata in caso di aggravanti e contestualmente impongono la necessità della

8 determinazione del tasso ematico e/o urinario dell alcool e delle sostanze stupefacenti. Le forze dell Ordine, anche nel posto ove viene intercettato il soggetto, avendo a disposizione le tecnologie adeguate nel rispetto della riservatezza personale e senza pregiudizio per l integrità fisica, possono sottoporre i conducenti ad accertamenti qualitativi non invasivi o a prove, anche attraverso apparecchi portatili (art.12 com.1 e 2). Quando gli accertamenti risultano positivi o quando vi è ragionevole dubbio gli agenti, fatti salvo gli ulteriori obblighi previsti dalla legge, accompagnano il conducente presso le strutture sanitarie pubbliche o anche accreditate o comunque equiparate, per il prelievo di campioni di liquidi biologici ai fini dell effettuazione degli esami necessari ad accertare la presenza di alcool, stupefacenti e sostanze psicotrope e per la relativa visita medica. Le medesime disposizioni si applicano in caso d incidenti, compatibilmente con le attività di rilevamento e pronto soccorso. Le strutture sanitarie, su richiesta degli organi di polizia effettuano altresì gli accertamenti su conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti alle cure mediche; essi possono contestualmente riguardare anche il tasso alcolemico e/o delle sostanze stupefacenti e psicotrope. Naturalmente le strutture sanitarie rilasciano agli organi di polizia la certificazione, estesa alla prognosi delle lesioni accertate, assicurando il rispetto della riservatezza dei dati in base alle vigenti disposizioni di legge ; in caso di rifiuto dell accertamento il conducente è punito con le medesime sanzioni previste per lo stato di ebrezza o da assunzione di stupefacenti, salvo che il fatto costituisca più grave reato. La legge n. 214 del 01/08/2003 ha modificato gli articoli 186 e 187 del codice della strada e tale materia è stato oggetto di una direttiva del Ministero dell Interno (n. 300/A/1/42175/109/4 del 29/12/2005), emanata dagli organi di sua competenza, che è utile conoscere nelle linee essenziali per un puntuale atteggiamento comportamentale degli operatori sanitari. Guida in stato di ebrezza alcoolica La completa riscrittura dell articolo 186 non ha interessato la definizione di guida in stato di ebrezza da alcool, ma ha mutato i presupposti e le modalità di accertamento. Al solo scopo di acquisire elementi utili per motivare un controllo con l etilometro, la nuova disposizione stabilisce che si possono sottoporre tutti i conducenti ad accertamenti qualitativi non invasivi o a prove anche attraverso apparecchi portatili. Ne consegue che gli accertamenti e le prove non possono consistere in esami clinici e di laboratorio sul sangue prelevato al conducente, anche in presenza di personale medico attrezzato con laboratori mobili.

9 Per il conducente è obbligatorio sottoporsi all accertamento e l esito positivo degli accertamenti non costituisce fonte di prova, ma rende legittimo il successivo accertamento con l etilometro (strumentazione omologata ). Nel caso d incidente stradale, in cui il conducente sia rimasto ferito e sia ricorso a cure mediche, l accertamento del tasso alcolemico dovrà essere effettuato dalle strutture sanitarie. Guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti e psicotrope Le nuove disposizioni hanno mutato i presupposti e le modalità d accertamento, ampliando i poteri degli organi di polizia. Peraltro in ragione della complessità dei sintomi, non sembra consentirsi all operatore di polizia una valutazione sulla base di dati comportamentali, prevedendo che ciò sia compiuto da personale sanitario. La nuova formulazione del comma 2 dell articolo 187, consente comunque di effettuare accertamenti preliminari non invasivi su tutti i conducenti, per accertare positività anche in assenza di sintomi caratteristici. La verifica qualitativa prevista non è un esame analitico o diagnostico e può essere effettuata da parte degli agenti di polizia. Tali test di screening sono solo preordinati ed acquisiscono elementi utili per motivare il conducente a sottoporsi ad accertamenti più accurati, che dovranno essere svolti solo in ambito ospedaliero o in altre strutture fisse o mobili equiparate. Gli operatori di polizia stradale possono accompagnare i conducenti presso Strutture Sanitarie, senza che ciò richieda formalità o l attivazione di garanzia difensiva. La definizione delle modalità di presentazione della richiesta, delle tecniche di svolgimento dell esame e delle successive trasmissioni dei risultati, dovranno costituire oggetto d intesa con la Direzione Sanitaria del Polo Ospedaliero delle strutture interessate. Accertamento in caso d incidente stradale La formulazione del comma 4 dell articolo 187, non prevede espressamente la facoltà di accompagnare il conducente, coinvolto in un incidente stradale, presso strutture sanitarie. Prevede, però, che le strutture sanitarie effettuino gli accertamenti in questione sui conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti a cure Mediche; prevede altresì la possibilità di consentire l accertamento del tasso alcolemico. Occorre precisare che la norma non esclude la possibilità di effettuare, in caso d incidente, accertamenti preliminari di screening con metodi non invasivi.

10 Anche la previsione del comma 8 dell articolo 187, rinviando integralmente alle sanzioni previste dell articolo 186, ha introdotto i poteri di reato, relativo al rifiuto di sottoporsi ad accertamenti. Viene punito non solo chi rifiuta di sottoporsi ad accertamenti in sede ospedaliera, ma anche chi rifiuta di sottoporsi ad un test preliminare. In ambito ospedaliero viene punito non solo chi si rifiuta direttamente agli organi di polizia, ma anche se il rifiuto viene opposto ai sanitari che, incaricati dalle Autorità di effettuare i controlli, prestano cure mediche. In tal caso il sanitario dovrà documentare il rifiuto. Si ritiene inoltre che gli esami previsti (accertamento con etilometro, esami clinici presso strutture ospedaliere e sanitarie) debbono ricondursi agli atti di polizia giudiziaria urgenti e indifferibili previsti dall articolo 354 comma 3 c.p.p.. Per tali atti la vigente normativa (art. 114 disp. Att. c.p.p.) impone d informare la persona della possibilità di avvalersi dell assistenza di un legale, che ha facoltà di presenziare, senza peraltro avere diritto di essere preventivamente avvisato (art. 356 c.p.p.). Raccolta del consenso Si tratta preliminarmente tale aspetto, perché rappresenta una delle fasi più delicate di tale materia. Infatti, in maniera singolare ed inusuale, il medico di pronto soccorso o di altra struttura si trova a chiederlo, non in funzione di tutela della salute del soggetto, ma per motivi legali e la stessa natura delle richieste e delle informazioni da esprimere non sono quindi di natura sanitaria ma giuridica, in un contesto che, per forza di cose, può essere anche condizionato da esigenze di medicina. Il medico che ha preso in carico il paziente raccoglie il consenso su apposito modulo per alcool e droghe (Allegato 2 ) Si possono verificare quattro possibilità: 1. Il paziente non consente il test; si acquisisce su modulo la sua firma; se è in grado di intendere e di volere, ma impossibilitato a firmare fisicamente, sottoscrive, in sua vece, un sanitario che dà atto dell impedimento. In questo caso, non essendo espressa la volontà ad effettuare il prelievo e ad eseguire gli esami, il medico di Pronto Soccorso dovrà compilare il Documento relativo al Consenso Informato (All.to 2), unitamente, se l interessato lo consente, all esito della visita medica utile a documentare l eventuale presenza di segni clinici correlati all abuso di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope, utilizzando la specifica modulistica prevista per l esame clinico (All.to 3 ), e consegnare rapidamente entrambi gli allegati 2 e 3 alla Direzione Sanitaria, che li invierà nel più breve tempo possibile alle Forze dell Ordine richiedenti, per consentire l iter previsto dal CDS. Il paziente, però, è stato avvisato che ai sensi degli articoli 186 comma 3 del DL30/4/1992 n. 285 (alcool ) e degli articoli 187 comma 5 del DL 30/4/1992 in caso di rifiuto all accertamento di cui al comma 2, il conducente è punito, salvo che il fatto costituisca più grave reato con

11 l arresto fino a un mese e con l ammenda da 258,00 fino a 1.035, Il paziente acconsente all esecuzione dell esame; si acquisisce su modulo la sua firma; se è in grado di intendere e di volere, ma impossibilitato fisicamente a firmare, firma in sua vece un sanitario che dà atto all impedimento. 3. Il paziente acconsente al test solo per fini clinici; si acquisisce sul modulo la sua firma; se è in grado di intendere e di volere ma impossibilitato fisicamente a firmare, firma in sua vece un sanitario che dà atto dell impedimento. L esito del test può essere utilizzato solo per finalità cliniche e non può essere oggetto di comunicazione esterna, a meno che vi sia denuncia all autorità giudiziaria per reato perseguibile d ufficio o vi sia espressa richiesta delle A.G. 4. Il paziente, per motivi clinici, non è in grado di dare il consenso. 4.1 Se sussiste indicazione clinica, il medico procede comunque al prelievo e a richiedere esecuzione del test, il cui risultato può essere utilizzato per soli scopi clinici, a meno che vi sia denuncia dell AG, per reato perseguibile d ufficio e vi sia espressa richiesta di acquisire l esito da parte dell AG. 4.2 Se non sussiste esigenza clinica, il medico procede al solo prelievo, ma il laboratorio si astiene dal procedere all indagine fino al consenso del paziente o di un suo legale rappresentante o si attiene a disposizioni dell A.G. Le linee guida In tema di sicurezza stradale, nella legislazione italiana, la prevenzione dei danni connessi all abuso di sostanze illecite ha registrato negli ultimi anni interventi sempre più incisivi. Dalle emanazioni del nuovo codice della strada numerosi sono stati gli aggiornamenti finalizzati ad armonizzare il codice con le norme comunitarie e a definire gli strumenti operativi utilizzabili. Circa la criteriologia d intervento e la scelta del campione biologico da utilizzare in armonia con la salvaguardia dei diritti costituzionali del cittadino, si è svolto un intenso dibattito, scientifico e giuridico, cui si è cercato di dare una risposta attraverso una regolamentazione molto dettagliata delle procedure previste per l applicazione delle normative vigenti, includendole in un documento tecnico elaborato da una commissione nominata dal Ministro della/salute nel 1998 e licenziato nel Tale documento è stato successivamente rielaborato da un tavolo tecnico interministeriale (Istituto Superiore di Sanità, Ministeri della Sanità, Trasporti, Interni) e si è così giunti, nel febbraio 2005, all emanazione di protocolli operativi per gli accertamenti richiesti dalle normative interne di sicurezza stradale.

12 Protocollo operativo alcool 1.0 Si attua sui conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti a cure mediche presso strutture sanitarie, su richiesta degli organi di polizia stradale (Art. 186 del D.L. 30/04/1992 n. 285 e successive modifiche). La richiesta di accertamento, da parte delle forze di polizia, và effettuata attraverso la specifica modulistica (Allegato 1), presentata alla fine del testo unitamente agli altri. 1.1 L accertamento può essere effettuato con l Etilometro, di cui le forze di polizia sono dotate, dispositivo in grado di misurare la concentrazione dell alcool nel sangue, attraverso l espirato. Tali apparecchi devono essere approvati dal Ministero della Salute o immessi in commercio conformemente alle indicazioni sui dispositivi medici della Direttiva 93/42/CEE o approvati per mutuo riconoscimento in altro stato della Unione Europea. 1.2 Le Strutture Sanitarie possono effettuare l accertamento, previo Consenso Informato, da somministrare all interessato utilizzando lo specifico modulo (Allegato 2 ), presentato alla fine del testo unitamente agli altri, eseguendo l esame su un campione di sangue prelevato per l analisi specifica. 1.3 Il Medico di Pronto Soccorso, se l interessato lo consente, deve documentare l eventuale presenza di segni clinici correlati all abuso di alcool, compilando la specifica modulistica prevista per l esame clinico (Allegato 3 ). 1.4 La richiesta di accertamento sulla presenza di alcool è inviata dall organo di polizia alla Direzione Sanitaria del Polo Ospedaliero, anche a mezzo FAX utilizzando l apposito modulo ( Allegato 1). 1.5 Sono documentate, attraverso apposita modulistica ( Allegato 4 ), tutte le fasi manipolative cui è sottoposto ciascun campione, come: prelievo esecuzione dei test preliminari, di conferma ed eventuali controanalisi e condizioni di conservazione finalità di ogni intervento analitico trasferimento del campione in strutture diverse da quelle in cui è stato effettuato il prelievo. 1.6 Quando insieme all alcool è richiesto contestualmente l accertamento della presenza di sostanze stupefacenti e psicotrope del sangue, si applicano, quando compatibili, le procedure previste per tali sostanze. 2 Prelievo di un campione di sangue 2.1 Per il prelievo del campione di sangue sul quale effettuano gli accertamenti, sono necessari almeno 15 ml da sottoporre ad analisi. Il prelievo è effettuato sotto il diretto controllo medico nella struttura dove il soggetto si trova. 2.2 Il campione prelevato è suddiviso in tre provette da 5 ml, già predisposte per essere etichettate e sigillate; ciascuna di essa è corredata da:

13 a) dati anagrafici del soggetto da testare b) dati temporali indicativi e descrittivi delle circostanze del prelievo. c) dati temporali indicativi e descrittivi delle modalità del prelievo. 2.3 La prima provetta è destinata all accertamento analitico del test preliminare, la seconda provetta è destinata alla eventuale conferma, la terza è idoneamente conservata per le eventuali successive contro analisi. 2.4 Il prelievo ematico ( in provette eparinate o con fluoruro di sodio da 5ml ciascuna), va eseguito secondo le seguenti modalità: Utilizzare provette sottovuoto Non usare disinfettanti alcolici Mantenere i campioni tappati ermeticamente fino alla consegna in laboratorio. 2.5 Tutte le operazioni devono essere eseguite alla presenza dell interessato, il quale deve sottoscrivere una dichiarazione circa la corretta esecuzione delle fasi del prelievo, del campionamento e dell etichettatura. Nel caso in cui il soggetto interessato non possa firmare; (es. incidente con lesività grave), un medico ne assume la tutela e firma in sua vece. Nel caso in cui il soggetto sia impossibilitato ad esprimere il consenso, il campione biologico viene comunque prelevato e conservato secondo le modalità previste, in attesa del consenso stesso, che verrà espresso in presenza del Direttore Sanitario del P.O. o di un suo delegato. 2.6 I contenitori dei prelievi devono essere a perfetta tenuta stagna e devono essere preservati da possibili manipolazioni o rotture durante il trasferimento. Se l analisi di screening non può essere effettuata in breve tempo, la provetta di sangue deve essere conservata in congelatore a -18. La seconda provetta, se non utilizzata, e la terza, destinata al test di conferma, vanno opportunamente sigillate e devono essere conservate immediatamente in congelatore a I campioni prelevati devono essere conservati in modo che sia tutelata la riservatezza della persona e sia sempre possibile effettuare sugli stessi opportune verifiche. I laboratori interessati dovranno essere dotati di frigoriferi a-18, provvisti di serratura e l allocazione dei campioni identificata. 3 Analisi sul campione di sangue deve essere 3.1 Le analisi di screening devono essere effettuate possibilmente subito dopo il prelievo dei campioni biologici, con metodiche di affidabilità e particolarità, idonee a tale tipo di esecuzione. 3.2 Le metodiche analitiche utilizzate, devono consentire l identificazione ed il dosaggio dell alcool etilico presente nel sangue. 3.3 Le procedure di esecuzione del test e i relativi esiti, vanno documentati in un apposito modulo di laboratorio ( Allegato 5 ), che va trasmesso alla D. S. di P. O., che è tenuta a custodirlo per almeno 10 anni.

14 3.4 Per eventuali esigenze legali, la terza provetta deve essere conservata in idonea condizione, per un periodo di tempo non inferiore ad un anno. 4 Esito dell accertamento sul campione di sangue Le Direzioni Sanitarie dei Poli Ospedalieri, cui sono trasmessi gli esiti delle analisi dal Responsabile del Laboratorio presso cui sono effettuati gli esami, devono trasmettere i Referti, alle Forze dell Ordine richiedenti, con la metodologia prevista e nel rispetto della seguente tempistica : 4.1 Invio del Test di primo livello o screening, nel più breve tempo possibile e comunque entro il quinto giorno dalla consegna dei biocampioni in Laboratorio, fornendo le comunicazioni richieste attraverso la compilazione dell apposito modulo di risposta, allegato al presente protocollo (All.to 5), unitamente all esito della visita medica finalizzata a documentare l eventuale presenza di segni clinici correlati all abuso di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope, compilando la specifica modulistica prevista per l esame clinico (All.to 3 ), per consentire l iter previsto dal CDS. 4.2 Invio del Test di controllo o di conferma, nel più breve tempo possibile e comunque entro il decimo giorno dalla consegna del referto di screening, fornendo le comunicazioni attraverso la compilazione dell apposito modulo di risposta, allegato al presente protocollo (All.to 5). 4.3 Invio, nel più breve tempo possibile, del modulo relativo al Consenso Informato (All.to 2), nel caso in cui non venga rilasciato dall interessato il consenso all esecuzione del prelievo, unitamente al modulo di visita medica (All.to 3), sempre se l interessato consenta di sottoporsi a visita, finalizzata a documentare l eventuale presenza di segni clinici correlati all abuso di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope. Protocollo operativo droghe Si attua su conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti a cure mediche presso strutture sanitarie dietro richiesta degli organi di polizia stradale (Art. 187 del DL 30/04/1992 n. 285 e successive modifiche) che, si presume, siano in stato di alterazione psicofisica, conseguente all uso di sostanze stupefacenti e psicotrope. 1.0 Accertamento preliminare 1.1 L accertamento preliminare di cui all articolo 187 comma 2 del D.L. 30/04/1992 n. 285 e successive modifiche, non ha contenuto analitico e diagnostico e può essere effettuato direttamente da parte degli organi di polizia di cui all articolo 12 comma 1 e 2 dello stesso decreto e successive modifiche.

15 Può avvenire mediante test monouso o apparecchi portatili, su campioni biologici quali urine, saliva o traspirato. 2.0 Prescrizioni generali per accertamento clinico e tossicologico dello stato di alterazione da stupefacenti e sostanze psicotrope 2.1 L accertamento deve basarsi sull analisi qualitativa e semiquantitativa delle sostanze su campioni biologici quali sangue, urine L analisi deve essere eseguita su campione di urine o sangue 2.3. L accertamento è compiuto sulla base di una richiesta scritta da parte delle Forze dell Ordine ( Allegato 1 ), indirizzata, anche a mezzo FAX, alla Direzione Sanitaria del P.O., presso la quale la persona è stata accompagnata o in cui si trova a seguito d incidente stradale. 3.0 Visita medica 3.1 Il medico di Pronto Soccorso, se l interessato lo consente, deve effettuare la valutazione Clinica, finalizzata a documentare l eventuale presenza di segni clinici correlati all abuso di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope, compilando la scheda di esame clinico per sostanze d abuso (Allegato 3), che la Direzione Sanitaria dovrà trasmettere, alle Forze dell Ordine richiedenti, unitamente al referto di screening (All. to 5), per consentire l iter previsto dal CDS. 3.2 Nel caso in cui il soggetto sia stato sottoposto ad intervento medico a seguito dell incidente stradale in cui è rimasto coinvolto, la valutazione clinica, ove possibile, può essere desunta anche dagli atti medici, diagnostici e terapeutici effettuati. 4.0 Prelievo dei campioni biologici 4.1 Il prelievo di ogni campione biologico da sottoporre ad analisi è svolto sotto il diretto controllo del medico incaricato o di altro operatore sanitario individuato. 4.2 Il prelievo va effettuato in condizioni di sicurezza ed affidabilità descrivendo in apposito modulo (Allegato 4) il campionamento e tutti i dati relativi al soggetto e alle condizioni di campionamento. 4.3 I campioni di sangue o urine prelevati sono suddivisi in tre provette: a) la prima è dedicata all'accertamento analitico preliminare mediante test di screening. b) la seconda provetta è destinata al test di conferma. c) la terza provetta è conservata per eventuali contro-analisi, richieste a scopo giudiziario. 4.4 Ciascuna provetta dei campioni biologici prelevati è corredata da: a) dati anagrafici del soggetto. b) dati temporali identificativi delle circostanze del prelievo. c) dati temporali e descrittivi delle modalità del prelievo. 4.5 Sono documentate, attraverso apposita modulistica (Allegato 4),

16 tutte le fasi manipolative cui è sottoposto ciascun campione, come: prelievo esecuzione dei test preliminari,di conferma ed eventuali contro-analisi condizioni di conservazione finalità di ogni intervento analitico trasferimento del campione in strutture diverse 4.6 Per il campione di urine sono necessari almeno 30 ml ripartiti in tre provette. 4.7 Per il campione di sangue sono necessari almeno 15 ml ripartiti in tre provette da 5 ml. 4.8 Il prelievo ematico deve essere eseguito detergendo la cute con prodotti non alcolici e utilizzando provette eparinate. 4.9 Tutte le operazioni devono essere eseguite alla presenza dell'interessato che, dopo aver sottoscritto il Consenso Informato (Allegato 2 ), ne sottoscrive la corretta esecuzione. Nel caso in cui il soggetto non possa, per le sue condizioni, firmare (es. incidente con lesività grave), firma in sua vece il medico interessato ( Allegato 4 ). Nel caso in cui il soggetto sia impossibilitato ad esprimere il consenso, i campioni vengono comunque prelevati e conservati in attesa della possibilità di valida manifestazione dello stesso, che verrà raccolto dal Direttore Sanitario del P.O. o da un suo delegato (Allegato 2 ) I contenitori dei prelievi devono essere a tenuta stagna, idonei ad impedire possibili manipolazioni o rotture, conservati rapidamente in congelatore a La seconda e terza provetta devono essere immediatamente congelate e deve essere bene identificata la loro allocazione. 5.0 Prescrizioni generali per l'effettuazione delle analisi 5.1 Le analisi di screening, vanno effettuate, presso le strutture sanitarie individuate dall'articolo 187 D.L. 30/04/1992 n. 285 e necessarie modifiche, devono essere eseguite, possibilmente subito dopo il prelievo dei campioni biologici, con metodiche affidabili e quantificabili per tale tipo di accertamento ed il referto di screening va trasmesso, alle Forze dell Ordine richiedenti, il più rapidamente possibile e comunque entro cinque giorni dalla effettuazione del prelievo. 5.2 Le analisi di conferma devono essere eseguite nel più breve tempo possibile, in modo da garantire l invio delle risposte, alle Forze dell Ordine richiedenti, entro i dieci giorni dall invio del referto di screening. 5.3 Le metodiche analitiche utilizzate per gli accertamenti di cui sopra devono consentire l'identificazione e il dosaggio nei campioni testati, delle sostanze stupefacenti e psicotrope e dei loro metaboliti, presenti da soli o in combinazione tra loro, ai fini di una valutazione tossicologica globale. 5.4 I campioni prelevati devono essere conservati in modo che sia tutelata la riservatezza della persona e che sia possibile effettuare, su di essi,

17 tutte le opportune verifiche, richieste dalle autorità giudiziaria procedente. 5.5 Le modalità degli accertamenti, di cui ai precedenti punti, devono rispettare i requisiti di affidabilità di seguito elencati e si aggiorneranno, ovviamente in relazione all'acquisizione di nuove conoscenze scientifiche in materia. 6.0 Piano analitico 6.1 Sulle provette dei campioni biologici prelevati è applicato il seguente piano analitico: Matrice utilizzata: sangue a) se è disponibile un campione di sangue fornito con il consenso dell'interessato: Test di screening preliminare sulla prima provetta di sangue Analisi di conferma sulla seconda provetta, ogni qualvolta risulti positiva la prima Eventuale conservazione della terza b) se non è disponibile un campione di sangue: Test di screening preliminare sulla prima provetta di urine. Analisi di conferma sulla seconda provetta, ogni qualvolta risulti positiva la prima Eventuale conservazione della terza provetta di urine 7.0 Test di screening preliminari 7.1 I test di screening preliminari sulle urine devono riguardare almeno le sostanze indicate nella tabella I test possono altresì riguardare sostanze non comprese nella tabella ma che rappresentano significativo oggetto di abuso. Nelle tabelle 8 e 9 vengono presentate due proposte di valori cut-off (valore soglia di positività su urine in nanogrammi per millilitro), codificate in documenti ufficiali e sostanzialmente sovrapponibili ed adottabili. Tab. 8. Valori cut-off ( ng/ml), da Linee Guida del Ministero della Sanità, versione 2.3 febbraio 2005 sostanze test screening test conferma* oppiacei e metaboliti cocaina e mataboliti metabolita acido del THC anfetamine/metamfetamine MDMA analoghi e omologhi metadone** * valori soglia validi solo su matrice urinaria analizzata in CG-MS. ** al di fuori dell'uso terapeutico.

18 Tab. 9. Valori espressi in ng/ml, da Linee Guida Nazionali ed Internazionali, recepite dalla Regione Lazio, per accertamenti su lavoratori, in applicazione del provv. n 99/CU 30/10/2007 ( versione 29 aprile 2009) oppiacei e metaboliti 300 cocaina e metaboliti 300 cannabinoidi di metaboliti (THCCOOH) 50 anfetamina e metanfetamina 500 MDMA 500 Metadone 300 Ferma restando la necessità di un protocollo univoco in tutta l Azienda Sanitaria è da preferirsi la adozione della Tabella 9 in quanto più recente. 7.3 I test qualitativi di screening possono essere eseguiti con metodiche dirette di tipo immunochimico che forniscono risposte del tipo positivo/negativo. 7.4 Per i test di screening preliminari su urine, la risposta è da considerarsi positiva al di sopra dei valori soglia fissati nella tabella. 7.5 Le procedure d' esecuzione dei test qualitativi di screening preliminari sul sangue, urine ed i relativi esiti vanno documentate secondo quando indicato nell'apposito modulo ( Allegato 5 ). 8.0 Analisi di conferma a verifica 8.1 Le analisi di conferma devono essere eseguite da laboratori di analisi tossicologiche, formalmente accreditati o equiparati. 8.2 Le analisi di conferma su sangue e urine effettuate sulla seconda provetta dei campioni biologici prelevati, vanno documentate su apposito modulo e sono eseguite con metodiche cromatografiche accoppiate di norma alla spettrometria di massa (GLC-HPLC). L'esito della conferma è documentato su apposito modulo. 8.3 Le analisi di conferma sul sangue devono documentare l'assenza di sostanze stupefacenti e psicotrope; non sono pertanto prevedibili valori soglia né possono essere portati a riferimento quelli prima indicati nella tabella per le analisi sulle urine. 8.4 L'analisi di conferma su urine viene considerata positiva quando il risultato supera i valori soglia fissati sulle tabelle precedenti, come riferimenti per il dosaggio in spettrofotometria di massa. Allo stato attuale le urine si devono considerare la matrice di scelta, perché esistono in commercio Kit e strumentazioni certificati alla esecuzione delle analisi. Diverso è il caso del sangue che, se da un lato è da preferirsi perché meglio esprime un dato più attinente al momento dell incidente,

19 dall altro trova ostacolo nella mancanza in commercio di metodiche certificate. Tale materia è peraltro in rapida evoluzione. 9.0 Esito dell'accertamento 9.1 Ai fini della valutazione globale dello stato di alterazione psicofisico, in caso di positività sia su sangue che urine, nel referto analitico dovrà essere indicata la concentrazione di ciascuna sostanza identificata nelle analisi di conferma e si deve tenere conto anche di eventuali farmaci assunti a scopo terapeutico, purché regolarmente documentati da prescrizioni mediche, come indicato nella scheda clinica sullo stato psicofisico. 9.2 Il responsabile del laboratorio presso il quale sono effettuate le analisi, deve comunicare l esito del test di screening, alla Direzione Sanitaria del P.O., nel più breve tempo possibile e, comunque, nei termini utili per consentirne la trasmissione alle Forze dell Ordine richiedenti, entro il quinto giorno dal prelievo dei biocampioni, utilizzando lo specifico modulo di risposta ( Allegato 5 ). 9.3 La Direzione Sanitaria del P.O. presso il cui Laboratorio è stato effettuato il prelievo dei biocampioni dovrà inviare, alle Forze dell Ordine richiedenti, il referto del Test di controllo o di conferma, nel più breve tempo possibile e comunque entro il decimo giorno dalla consegna del referto di screening, compilando l apposito modulo di risposta, allegato al presente protocollo (All.to 5). 9.4 Nel caso in cui il Consenso Informato non venga sottoscritto in Pronto Soccorso dall interessato e, pertanto, non sia espressa la volontà ad effettuare il prelievo e ad eseguire gli esami, la Direzione Sanitaria dovrà trasmettere rapidamente il Documento (All.to 2), unitamente, qualora l interessato lo consenta, all esito della visita medica, finalizzata a documentare l eventuale presenza di segni clinici correlati all abuso di alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope, compilando la specifica modulistica prevista per l esame clinico (All.to 3 ), per consentire l iter previsto dal CDS. 9.5 Copia del referto medico, del referto analitico e della scheda clinica per sostanze d'abuso relativa al soggetto, nonché i relativi moduli di laboratorio allegati, devono essere conservati dalla Direzione Sanitaria del P.O. per almeno dieci anni Accertamento contestuale della presenza di alcool, droghe e sostanze psicotrope nel Sangue 10.1 Qualora insieme alla ricerca di sostanze stupefacenti o psicotrope, sia richiesto, dalle forze di polizia ( Allegato 1 ), il contestuale accertamento della presenza di alcool nel sangue, l'accertamento è effettuato su campione ematico, avendo acquisito il consenso informato ( Allegato 2 ) da parte dell interessato.

20 10.2 La conferma viene effettuata su campione ematico, con il consenso dell interessato L'analisi di screening è ovviamente effettuata con metodi immunochimici e l eventuale conferma, secondo le indicazioni del Ministero della Sanità, andrebbe effettuata utilizzando metodiche gascromatografiche con campionamento dello spazio di testa Quando per qualsiasi causa non è possibile effettuare gli accertamenti di cui sopra, il sanitario incaricato deve documentare l'eventuale presenza di segni clinici, correlabili all'abuso di alcool nella scheda clinica sullo stato psicofisico ( Allegato 3 ). Indicazioni operative relative ai Test di conferma per alcool, droghe e psicofarmaci In caso di positività di un campione biologico, ai fini di effettuare il test di conferma, nelle more dell entrata a regime della Struttura Aziendale di Tossicologia e in ossequio alle normative nazionali vigenti, l Azienda Sanitaria di Frosinone ha formalizzato, in base al disposto tariffario, un protocollo attuativo con una Struttura Pubblica Accreditata Regionale, il Laboratorio di Patologia Clinica del Policlinico di Tor Vergata, presso cui inviare i campioni biologici, utilizzando il Sistema Aziendale di Trasporto. Strutture Specialistiche Aziendali cointeressate nel processo Il Dipartimento 3D (Disagio, Devianza e Dipendenza), è presente sul territorio aziendale per affrontare situazioni di uso ed abuso di sostanze stupefacenti, psicotrope o alcooliche, che possono produrre danni alla salute degli individui. Sulla base del presente Protocollo Operativo, i soggetti che fruiscono delle Strutture Ospedaliere in condizioni di emergenza per patologie droga o alcol o correlate, potrebbero trovare proprio nel Pronto Soccorso il punto di aggancio con il Dipartimento 3D, in grado di erogare consulenze e trattamenti per tali problemi. L accesso al Pronto Soccorso, da parte di utilizzatori di sostanze d abuso, per accertamenti clinico-tossicologici, può rappresentare: Una opportunità di primo aggancio sia per i consumatori abituali di sostanze psicoattive, non in trattamento presso Servizi specifici, sia per gli utilizzatori occasionali. Sono soprattutto questi ultimi che, nella convinzione di una facile gestione dell uso, in assenza di dipendenza fisica, non si rivolgono ai Servizi tradizionali. Una occasione di verifica e ridefinizione dei programmi terapeutici e riabilitativi, per gli utilizzatori di sostanze, in trattamento attuale o in precedente trattamento presso i servizi specifici per la tossicodipendenza.

PROTOCOLLO OPERATIVO DROGA

PROTOCOLLO OPERATIVO DROGA PROTOCOLLO OPERATIVO DROGA Protocollo operativo per gli accertamenti richiesti dall art 187 del DL.vo 30.4.1992 n. 285 e successive modificazioni sui conducenti in che si presume siano in stato di alterazione

Dettagli

Coro di formazione dipartimentale nuovi e vecchi marcatori dei liquidi biologici nelle sostanze d abuso - Arezzo 27 sett. 2010

Coro di formazione dipartimentale nuovi e vecchi marcatori dei liquidi biologici nelle sostanze d abuso - Arezzo 27 sett. 2010 Coro di formazione dipartimentale nuovi e vecchi marcatori dei liquidi biologici nelle sostanze d abuso - Arezzo 27 sett. 2010 Dott. Marco Becattini Ser.T. Arezzo Dipartimento delle Dipendenze Dir.Dott

Dettagli

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T.

Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011. Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Alcol, droghe. Guida sicura 2010/2011 Ce.Do.S.T.Ar. Centro di Documentazione e Ricerca sul Fenomeno delle Dipendenze Patologiche del Ser.T. Arezzo L ambiente strada I fattori che intervengono nella guida:

Dettagli

Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza. dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico

Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza. dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico 1 Normativa DPR 309/1990 Art 125 obbligo di sottoporre

Dettagli

Campagna di Informazione e Prevenzione degli Abusi di Prodotti Alcolici per chi Guida

Campagna di Informazione e Prevenzione degli Abusi di Prodotti Alcolici per chi Guida e e Reparto Incidenti Stradali - Centrale operativa Campagna di Informazione e Prevenzione degli Abusi di Prodotti Alcolici per chi Guida Questo opuscolo specifico per i partecipanti al Corso per Sommelier

Dettagli

ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA. Cronologico atti da espletare

ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA. Cronologico atti da espletare ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA Cronologico atti da espletare 1. Fermare i veicoli da sottoporre a controllo nei modi previsti dalla Legge; 2. farsi consegnare i documenti di guida del

Dettagli

PROCEDURE PER GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA O DI ASSUNZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE NEI LAVORATORI

PROCEDURE PER GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA O DI ASSUNZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE NEI LAVORATORI Procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a mansioni che comportano particolari rischi per la sicurezza,

Dettagli

DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA

DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA CARTA DEI SERVIZI DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA Rev.2 del 03/01/08 Pagina 1 di 11 Indice 1. Presentazione della Carta dei Servizi 2. Principi della

Dettagli

Dipendenze e lavoro. Claudio Arlati 1

Dipendenze e lavoro. Claudio Arlati 1 Dipendenze e lavoro Claudio Arlati 1 Dipendenze e lavoro Alcool e tossicodipendenze L accertamento delle tossicodipendenze nelle mansioni a rischio La posizione del sindacato confederale Il nostro ruolo

Dettagli

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P.

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. VV La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso

Dettagli

Roma, 19 novembre 2008. Circ. n. 359/SI/Ig.Pa

Roma, 19 novembre 2008. Circ. n. 359/SI/Ig.Pa Circ. n. 359/SI/Ig.Pa Roma, 19 novembre 2008 Ai Sigg. Presidenti e Ai Sigg. Amministratori Delegati e Ai Sigg. Direttori delle Aziende e degli Enti Associati Loro Sedi OGGETTO: Procedure per gli accertamenti

Dettagli

Procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a

Procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a Effetti di alcol e stupefacenti sul comportamento umano sul lavoro e sorveglianza sanitaria per le mansioni a rischio per terzi Procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o

Dettagli

COCAINA : Emergenza e sommerso L ESPERIENZA della MEDICINA d URGENZA

COCAINA : Emergenza e sommerso L ESPERIENZA della MEDICINA d URGENZA Azienda Sanitaria Firenze COCAINA : Emergenza e sommerso L ESPERIENZA della MEDICINA d URGENZA Dr. Roberto VANNINI Medicina d Urgenza Ospedale del Mugello Dr. Roberto BARONTI Laboratorio di Sanità Pubblica

Dettagli

Mezzi a disposizione per i controlli on-site

Mezzi a disposizione per i controlli on-site Controlli su strada e percorsi del consumo: esperienze con i giovani sul territorio LE PROCEDURE DI CONTROLLO SULLA STRADA Forze di Polizia autorizzate al controllo dei guidatori per le violazioni degli

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 LA QUESTIONE DELLA SALUTE VERSO TERZI: ASPETTI BIOETICI, MEDICO -LEGALI, GIURIDICI, SANITARI ED ORGANIZZATIVI

DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 LA QUESTIONE DELLA SALUTE VERSO TERZI: ASPETTI BIOETICI, MEDICO -LEGALI, GIURIDICI, SANITARI ED ORGANIZZATIVI Associazione NA ZI ON A L E ASSI ST ENTI S A N I T A R I DECRETO LEGISLATIVO 81/2008 LA QUESTIONE DELLA SALUTE VERSO TERZI: ASPETTI BIOETICI, MEDICO -LEGALI, GIURIDICI, SANITARI ED ORGANIZZATIVI Organizzazione

Dettagli

Il ruolo dei Servizi delle Dipendenze Patologiche

Il ruolo dei Servizi delle Dipendenze Patologiche La gestione delle dipendenze da alcool e droga nei luoghi di lavoro I Il ruolo dei Servizi delle Dipendenze Patologiche Angiolina Dodi 10.06.2015 I servizi per le dipendenze (Ser.T) Svolgono attività di

Dettagli

I CONTRIBUTI PROFESSIONALI

I CONTRIBUTI PROFESSIONALI I QUADERNI ANVU I CONTRIBUTI PROFESSIONALI ARTICOLO 186 CODICE DELLA STRADA: DISPOSIZIONI OPERATIVE E PROSPETTIVE FUTURE a cura di Marco Massavelli Vice Comandante Polizia Municipale di Druento (TO) ANVU

Dettagli

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool.

Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Le difficoltà applicative e le ambiguità interpretative delle normative su stupefacenti ed alcool. Linee di indirizzo regionali e legittimità procedurali STUPEFACENTI, ALCOOL E STRESS: A CHE PUNTO SIAMO

Dettagli

La Sorveglianza Sanitaria

La Sorveglianza Sanitaria La Sorveglianza Sanitaria (medico competente e testo unico) D.P.R. 19 Marzo 1956 n. 303 Art. 33 Visite Mediche. Nelle lavorazioni industriali che espongano all azione di sostanze tossiche o infettanti

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA ALCOL E LAVORO PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA Marco Chiaravalli, Laura Guzzetti, Mario Tavani PIANO D AZIONE EUROPEO

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

ANISAP Lombardia Sottogruppo Medicina del Lavoro

ANISAP Lombardia Sottogruppo Medicina del Lavoro ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Osservazioni in merito al provvedimento 178 del 19.10.08 accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento

Dettagli

Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza. Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati

Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza. Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Bevande alcoliche: a) lecite b) vietate solo in alcuni casi in determinate situazioni

Dettagli

1. ADEMPIMENTI PROCEDURALI A CARICO DELLE A.S.S.

1. ADEMPIMENTI PROCEDURALI A CARICO DELLE A.S.S. Allegato 1 Procedure adottate dalla Regione Friuli Venezia Giulia per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL

REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL COORDINAMENTO MEDICI COMPETENTI GRUPPO HERA REGOLAMENTO AZIENDALE IN TEMA DI ALCOL DOTT. SANTE TABANELLI MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN MEDICINA DEL LAVORO COORDINATORE MEDICI COMPETENTI GRUPPO HERA BREVE

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011

IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 IN VIGORE DAL 1 GIUGNO 2011 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RIFERIMENTI 5.0 DESCRIZIONE DEL PROCESSO 5.1 Modalità 5.2 Ruoli e Responsabilità 6.0 MODULISTICA ALLEGATA E ARCHIVIAZIONE

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

Alcol e droghe INDICE. Anno 2010 Alcol e droga, cosa sono e come prevenire il rischio v.01 POLISTUDIO

Alcol e droghe INDICE. Anno 2010 Alcol e droga, cosa sono e come prevenire il rischio v.01 POLISTUDIO Alcol e droghe INDICE Definizioni Normativa Effetti Patologie, rischi e danni Alcol e luoghi di lavoro Sostanze psicotrope Obblighi del datore di lavoro Obblighi del lavoratore Obblighi del medico competente

Dettagli

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014 Misure relative alla prevenzione dei rischi derivanti in ambito lavorativo dall assunzione di bevande alcoliche e sostanze psicotrope e stupefacenti (Art. 41 c. 4 bis D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

Tribunale di Brindisi. Sezione Penale

Tribunale di Brindisi. Sezione Penale Tribunale di Brindisi Sezione Penale In fatto ed in diritto.veniva tratto a giudizio da questo Tribunale a seguito di giudizio immediato (e opposizione al decreto penale di condanna)emesso dal GIP presso

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA

SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA SORVEGLIANZA SANITARIA IN EDILIZIA Per «sorveglianza sanitaria» si intende l «insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello stato di salute e sicurezza dei lavoratori, in relazione all ambiente

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DEL CICLOMOTORE

LINEE GUIDA PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DEL CICLOMOTORE LINEE GUIDA PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DEL CICLOMOTORE NORMATIVA - Decreto legislativo n. 9 del 15 gennaio 2002 art. 6 e 15 l introduzione dell obbligo del certificato

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Contributo del gruppo tecnico di lavoro del coordinamento delle Regioni di prossima pubblicazione

Contributo del gruppo tecnico di lavoro del coordinamento delle Regioni di prossima pubblicazione Azienda Sanitaria Firenze Alcol e lavoro: stato dell arte, indicazioni operative e prospettive Dr. Giuseppe Petrioli, Direttore Dipartimento di Prevenzione ARGOMENTI AFFRONTATI Considerazioni generali

Dettagli

Decreto Bianchi: nuove sanzioni per limiti di velocità, cellulari, alcool e stupefacenti Decreto Legge 03.08.2007 n. 117, G.U. 04.08.

Decreto Bianchi: nuove sanzioni per limiti di velocità, cellulari, alcool e stupefacenti Decreto Legge 03.08.2007 n. 117, G.U. 04.08. Decreto Bianchi: nuove sanzioni per limiti di velocità, cellulari, alcool e stupefacenti Decreto Legge 03.08.2007 n. 117, G.U. 04.08.2008 Il governo ha varato alcune misure, in vigore dal 4 agosto 2007,

Dettagli

INFORMAZIONI VISITA COMMISSIONE MEDICA LOCALE PATENTI SPECIALI - DLgs 285/92 e successive modifiche e integrazioni

INFORMAZIONI VISITA COMMISSIONE MEDICA LOCALE PATENTI SPECIALI - DLgs 285/92 e successive modifiche e integrazioni Attività Amministrative di Staff INFORMAZIONI VITA COMMISONE MEDICA LOCALE PATENTI SPECIALI - DLgs 285/92 e successive modifiche e integrazioni La richiesta di prenotazione per la visita in commissione

Dettagli

GUIDA SENZA PATENTE, REVOCATA O NON RINNOVATA Arresto fino a un anno, se recidivo nel biennio, oltre ad ammenda da 2.257 euro a 9.032 euro.

GUIDA SENZA PATENTE, REVOCATA O NON RINNOVATA Arresto fino a un anno, se recidivo nel biennio, oltre ad ammenda da 2.257 euro a 9.032 euro. DECRETO BIANCHI: NUOVE SANZIONI PER LIMITI DI VELOCITÀ, CELLULARI, ALCOOL E STUPEFACENTI Decreto Legge, testo coordinato 03.08.2007 n 117, G.U. 03.10.2008 Tra le numerose e rilevanti novità del Decreto

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

2. ADEMPIMENTI PROCEDURALI A CARICO DELLE AZIENDE SANITARIE REGIONALI 3. PROCEDURE A LIVELLO AZIENDALE: COMPITI E RESPONSABILITA

2. ADEMPIMENTI PROCEDURALI A CARICO DELLE AZIENDE SANITARIE REGIONALI 3. PROCEDURE A LIVELLO AZIENDALE: COMPITI E RESPONSABILITA ALLEGATO A PROCEDURE PER GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA O DI ASSUNZIONE DI SOSTANZE STUPEFACENTI O PSICOTROPE IN LAVORATORI ADDETTI A MANSIONI CHE COMPORTANO PARTICOLARI RISCHI

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

a) in fase preassuntiva; c) negli altri casi vietati dalla normativa vigente (vedasi articolo 2 a seguire).

a) in fase preassuntiva; c) negli altri casi vietati dalla normativa vigente (vedasi articolo 2 a seguire). La tossico e alcol dipendenza in ambiente lavorativo Il D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, pur citando alcuni riferimenti, non contiene alcuna novità quanto ai casi e alle modalità dei controlli, infatti all

Dettagli

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO

IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO IL MEDICO DI BASE: UN PREZIOSO PUNTO DI RIFERIMENTO MEDICO DI FAMIGLIA Molte persone si rivolgono al medico di base (o medico di famiglia ) come ad un medico che compila e fornisce ricette per farmaci

Dettagli

Il ruolo del medico competente nella gestione dell abuso di alcool e droghe. S.C. Medicina del Lavoro ASL CN 1 Dott.

Il ruolo del medico competente nella gestione dell abuso di alcool e droghe. S.C. Medicina del Lavoro ASL CN 1 Dott. Il ruolo del medico competente nella gestione dell abuso di alcool e droghe S.C. Medicina del Lavoro ASL CN 1 Dott. Simone Quaglia Droghe 2 Iter normativo Sostanze stupefacenti e Psicotrope Legge 22 dicembre

Dettagli

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei Il rispetto della privacy. Cosa comporta la presenza dell altro? Quale altro? Quando vale e per chi il segreto professionale? Cosa introduce nel processo comunicativo? E fuori dal segreto professionale

Dettagli

I REATI IN MATERIA DI CODICE DELLA STRADA 14 GENNAIO 2015 DR. EZIO DOMENICO BASSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI VERCELLI

I REATI IN MATERIA DI CODICE DELLA STRADA 14 GENNAIO 2015 DR. EZIO DOMENICO BASSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI VERCELLI I REATI IN MATERIA DI CODICE DELLA STRADA 14 GENNAIO 2015 DR. EZIO DOMENICO BASSO PROCURA DELLA REPUBBLICA DI VERCELLI Contenuto Art. 186 comma 2 C.d.S. in genere; Art. 186 C.d.S. Accertamenti strumentali;

Dettagli

Documenti e modulistica occorrente per il conseguimento della patente A1, A e B

Documenti e modulistica occorrente per il conseguimento della patente A1, A e B Documenti e modulistica occorrente per il conseguimento della patente A1, A e B Istituzione della pratica, mediante sottoscrizione e compilazione, in tutte le sue parti, dello stampato modello TT 2112

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO

ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO ALCOL NORMATIVE DI RIFERIMENTO Dott.ssa Loredana Guidi 1 LEGGE QUADRO IN MATERIA DI ALCOL E DI PROBLEMI ALCOLCORRELATI N. 125 / 30 MARZO 2001 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA SANITARIA

CARTA DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA SANITARIA CARTA DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA SANITARIA Zona Distretto Apuane Presidio Distrettuale Istituto Penitenziario MASSA Zona Distretto Apuane Presidio Distrettuale Istituto Penitenziario MASSA CARTA DEI

Dettagli

DRUG TEST DEI LAVORATORI

DRUG TEST DEI LAVORATORI 5ª Conferenza Nazionale sulle droghe DRUG TEST DEI LAVORATORI Luciano Riboldi Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena MILANO Società

Dettagli

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi r o v i n c i a d i P a d o v a DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi tt. Claudio Terranova ità Operativa Complessa di Tossicologia Forense ed Antidoping ienda Ospedaliera - Università di Padova

Dettagli

LA QUALITA NEL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA

LA QUALITA NEL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA LA QUALITA NEL LABORATORIO DI TOSSICOLOGIA Dr.ssa Maria Bertona Laboratorio Analisi Ospedale di Desio-Sezione di Tossicologia Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate Monza 29/06/2011 OSPEDALE DI DESIO

Dettagli

ART. 186 C.D.S. SINTESI DELLE PROCEDURE OPERATIVE ALLA LUCE DELLA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA. Maurizio Marchi

ART. 186 C.D.S. SINTESI DELLE PROCEDURE OPERATIVE ALLA LUCE DELLA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA. Maurizio Marchi ART. 186 C.D.S. SINTESI DELLE PROCEDURE OPERATIVE ALLA LUCE DELLA PIU RECENTE GIURISPRUDENZA Maurizio Marchi Comandate Corpo P.M. Gambettola SESSIONE SPECIALE SULPM Mercoledì 17 Settembre, pomeriggio 1

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CERTIFICAZIONE MEDICA LA CERTIFICAZIONE RAPPRESENTA PER IL MEDICO UN DOVERE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO CHE DISCENDE DAL CARATTERE PUBBLICISTICO DELLA

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

ALCOL E DROGA NELL AUTOTRASPORTO: RISCHI E NORME APPLICABILI

ALCOL E DROGA NELL AUTOTRASPORTO: RISCHI E NORME APPLICABILI ALCOL E DROGA NELL AUTOTRASPORTO: RISCHI E NORME APPLICABILI SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO PREVENZIONE INCENDI AMBIENTE SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE PROGETTAZIONE Dott. Ing. Paolo Fichera Studio associato

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

LA CATENA DI CUSTODIA

LA CATENA DI CUSTODIA All. E LA CATENA DI CUSTODIA Premesse Al momento, non sono ancora state emanate delle linee-guida ufficiali, approvate dagli Organismi Ministeriali competenti, che regolamentino le modalità di raccolta

Dettagli

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Disciplina in materia di assenze dal servizio per malattia. Artt. 34-35 del CCNL 2006-2009 I^ biennio economico 2006-2007 vigente

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008

La tutela della salute negli ambienti di lavoro. La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 La tutela della salute negli ambienti di lavoro La Sorveglianza Sanitaria ai sensi del D.Lgs. 81/2008 D.Lgs. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Art. 18. Obblighi del datore di lavoro

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA

MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA MODIFICHE ALL ART. 202 DEL CODICE DELLA STRADA Testo vigente dell art. 202, D.Lgs. 4 luglio 2006, n. 223 (Codice della Strada) (a seguito delle modifiche apportate dal D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO

LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO LA RESPONSABILITA CIVILE E PENALE DEL SOCCORRITORE VOLONTARIO ARGOMENTI DELLA LEZIONE IL RUOLO GIURIDICO DEL VOLONTARIO NEL SOCCORSO SANITARIO LE CAUSE DI NON PUNIBILITA (LO STATO DI NECESSITA E IL T.S.O.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.)

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA MEDICINA NECROSCOPICA RELATIVA AI PAZIENTI DECEDUTI IN OSPEDALE (C.O.B.) Pagina 1 di 11 REGIONE LAZIO PROCEDURA PER LA NECROSCOPICA RELATIVA AI (C.O.B.) Data Rev. Redatto Verificato e approvato 10/10/2003 01/12/2011 0 1 Dott. Luca Guerini Dirigente Medico D.S. COB Dott. Franco

Dettagli

Profili giuridici e tossicologico forensi della guida sotto l influenza di alcol, droghe e farmaci.

Profili giuridici e tossicologico forensi della guida sotto l influenza di alcol, droghe e farmaci. patrocini richiesti Profili giuridici e tossicologico forensi della guida sotto l influenza di alcol, droghe e farmaci. Ancona, 23 Maggio 2014 Auditorium Mantovani Diritti soggettivi e garanzie collettive

Dettagli

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel

I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel APPROVATO CON DELIBERAZIONE N.2002/67 DEL 3/12/2002 I dati personali degli Utenti le strutture di RETE Reggio Emilia Terza Età sono registrati in forma cartacea nella Cartella Personale Utente e nel raccoglitore

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO (DA CUI SUCCESSIVAMENTE NASCE L INAIL) DPR 547/1955 NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELLE SOSTANZE D ABUSO NELLE URINE. A cura di Simona Pichini e Roberta Pacifici

LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELLE SOSTANZE D ABUSO NELLE URINE. A cura di Simona Pichini e Roberta Pacifici LINEE GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELLE SOSTANZE D ABUSO NELLE URINE A cura di Simona Pichini e Roberta Pacifici Reparto Farmacodipendenza, Tossicodipendenza e Doping Osservatorio Fumo Alcol e Droga Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

Oggetto: vademecum in materia di assenze per malattia del personale tecnico amministrativo.

Oggetto: vademecum in materia di assenze per malattia del personale tecnico amministrativo. Ufficio Gestione Risorse Umane, Relazioni Sindacali e Procedimenti Disciplinari Circolare Rep. 23/2014 Protocollo: n. 14266 VII/11 del 16/04/2014 Al Personale Tecnico Amministrativo Ai Responsabili delle

Dettagli

Certificato del Medico Curante (Legge n 125 del 30/10/2013, Linee Guida del Ministero della Salute dell 8/08/2014)

Certificato del Medico Curante (Legge n 125 del 30/10/2013, Linee Guida del Ministero della Salute dell 8/08/2014) Intesa Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana e Federazione Regionale degli Ordini dei Medici della Toscana - 2014 RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE PER ATTIVITÀ SPORTIVA DI TIPO NON AGONISTICO Allegato

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno CIRCOLARE N. 35/07 Prot. n. M/6326/50-17 (All. n. 5) Roma, 21 settembre 2007 - AI SIGG. PREFETTI LORO SEDI - AL SIG. COMMISSARIO DI GOVERNO PER LA PROVINCIA DI TRENTO - AL SIG. COMMISSARIO DI GOVERNO PER

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n 18 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: PRESTAZIONI

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

RICHIESTA ATTI DI INCIDENTE STRADALE

RICHIESTA ATTI DI INCIDENTE STRADALE COMANDO POLIZIA LOCALE SEZIONE TRAFFICO E CIRCOLAZIONE Corso Roma 1/5 Isola del Liri (FR) Telefono 0776808048 - Fax 0776800031 e.mail poliziamunicipale@comune.isoladelliri.fr.it Ufficiale responsabile

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Consumo di bevande alcoliche

Dettagli

Le certificazioni nell ambito delle malattie professionali e il ruolo dell Inail

Le certificazioni nell ambito delle malattie professionali e il ruolo dell Inail Le certificazioni nell ambito delle malattie professionali e il ruolo dell Inail Jesi, 24 novembre 2012 Dott. Cristiano Cortucci Dirigente medico legale Inail sede di Jesi La malattia professionale (e

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

Compiti del medico competente:

Compiti del medico competente: Fulvio d Orsi Compiti del medico competente: la sorveglianza sanitaria responsabilità del datore di lavoro e del dirigente in caso di idoneità parziale o di inidoneità alla mansione PREVENZIONE DEI RISCHI

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09. Il punto di vista dei Servizi di prevenzione

Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09. Il punto di vista dei Servizi di prevenzione Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09 Il punto di vista dei Servizi di prevenzione Davide Ferrari SPSAL AUSL Modena Parma, 16 settembre 2009 1 Collaborazione alla vdr

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi L obbligo della denuncia infortunio e malattia professionale Il registro infortuni LA TUTELA ASSICURATIVA SUI LUOGHI DI LAVORO IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001 STUDIO CONSICUR dott. Luca

Dettagli

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa.

dei cittadini di un paese terzo dipendenti di un impresa stabilità in uno Stato membro o impiegati presso la stessa. LA CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE Campi di applicazione, esenzioni, obblighi, corsi di formazione, decorrenze e tutto quello che c è da sapere sulla CQC *Di Franco Medri Con la pubblicazione della

Dettagli