Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina1"

Transcript

1 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina1

2 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina2

3 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina3

4 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina4 Pubblicazione a cura di Inail Sicilia ed Adoc Sicilia INAIL SICILIA Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Direzione Regionale: V.le del Fante 58/d Palermo Tel. 091/ , Fax 091/ web nazionale: Progetto grafico ed impaginazione Salvatore Pietro Anastasio Redazione dei testi Luigi Ciotta Salvatore Pietro Anastasio 4

5 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina5 ADOC SICILIA Associazione Difesa Orientamento Consumatori Direzione Regionale: Via Enrico Albanese, Palermo Tel. 091/589322, Fax 091/ web regionale: web nazionale: Opuscolo informativo realizzato da Adoc Sicilia per il progetto La prevenzione è Sicurezza con il cofinanziamento di Inail - Direzione Regionale della Sicilia. 5

6 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina6 Prefazione Del Direttore Regionale INAIL Sicilia Giovanni Asaro Avviare percorsi di educazione alla sicurezza in tutti gli ambiti che coinvolgono cittadini, studenti e lavoratori, è sempre fondamentale ed attuale. I luoghi privilegiati dove affrontare il tema della sicurezza stradale per sviluppare, a medio e lungo termine, un effettivo coinvolgimento dei destinatari di tale messaggio sono le scuole e le piazze intesi come luogo di aggregazione e di contatto sociale. Ma oggi è sempre piu attuale avviare un dibattito ed una riflessione in funzione di azioni e soluzioni anche a breve termine nei confronti degli operatori del settore del trasporto stradale, protagonisti di eventi a volte drammatici sul luogo di lavoro strada. La sicurezza sulla strada è, infatti, un fattore fondamentale per garantire l integrita psico-fisica di cittadini e lavoratori; sul versante del lavoro, infatti, la quota d infortuni che vedono il luogo di lavoro strada come teatro della dinamica infortunistica è sempre, come già in precedenza, decisamente elevata se non addirittura potenzialmente prevalente, come confermato dall andamento infortunistico rilevato territorialmente. Inail Sicilia continua, quindi, a sostenere il proficuo lavoro svolto da ADOC in regione, affidando un nuovo progetto nel 2011 con il compito di sensibilizzare, oltre che gli studenti sullo specifico tema, anche cittadini e lavoratori, con modalita sempre piu caratterizzate da metodiche di tipo attivo, al rispetto della sicurezza stradale, e conseguentemente al rispetto delle regole e della legalità, ma anche di fornire strumenti di conoscenza per gestire al meglio l effettiva attuazione di comportamenti sicuri: in tal senso, le modifiche legislative (legge n. 120 del 29 luglio 2010) intervenute, richiedono una costante opera di aggiornamento e di conoscenza sul tema. 6

7 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina7 L azione informativo-promozionale sarà, pertanto, centrata per i giovani con percorsi ludico-didattici, per favorire in essi quei concetti già presenti nella fase realizzata del progetto, ossia lo sviluppo di una forte consapevolezza sulla tematica della sicurezza stradale, in termini di conoscenza e rispetto delle norme di legge, lo sviluppo di comportamenti corretti sulla strada nel rispetto delle regole, ma soprattutto in termini di responsabilità individuale in ordine ad un corretto stile di vita da assumere anche sulla strada, tradotto in uno stile di guida corretto e osservante delle regole. Per i lavoratori ed operatori della strada, invece, il taglio di comunicazione sarà più improntato al confronto, ed alla valutazione di aspetti non solo tecnici, ma anche socio-economici; infatti, la problematica degli incidenti stradali e la loro valenza infortunistica ha un forte impatto, oltre che sulla tutela dell integrità del lavoratore, sui costi delle aziende, e, pertanto, l adozione di politiche di sicurezza in ambito stradale, non può che incidere profondamente sul settore interessato. Giovanni Asaro 7

8 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina8 Introduzione Del Presidente Adoc Sicilia Luigi Ciotta Anche per il 2011, Inail Sicilia ha deciso, nell'ambito del vigente protocollo di collaborazione con Adoc Sicilia, di co-finanziare il progetto "La Prevenzione è Sicurezza", campagna regionale di sensibilizzazione su temi specifici legati alla sicurezza stradale dei lavoratori e dei giovani. Guida in stato di ebbrezza, utilizzo delle cinture di sicurezza, stress e colpo di sonno da stanchezza, guida sul bagnato, importanza del casco, inadeguatezza dei controlli, organizzazione dell emergenza e dei primi soccorsi, sono solo alcune condizioni che determinano situazioni di grave pericolo per i lavoratori che si recano nei luoghi di lavoro, per i lavoratori dell autotrasporto impegnati in estenuanti viaggi lungo la penisola e in ambito europeo, e per i giovani che raggiungono le scuole. Il tono della comunicazione, volutamente crudo e diretto, sia in termini d immagini proposte, sia in termini di linguaggio scelto, ha l'obiettivo di sensibilizzare e far riflettere sulle conseguenze di una guida imprudente e azzardata. Le statistiche evidenziano, infatti, come oltre il 90% degli incidenti stradali sia causato da errori e imprudenza di chi guida. 8

9 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina9 Prevenzione e Sicurezza Dal 2009, Adoc Sicilia, in collaborazione con Inail Sicilia, pubblica e distribuisce gratuitamente un opuscolo e un Dvd sulla sicurezza stradale, con l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini siciliani, a partire dai più giovani in età scolare, a modificare i principali comuni (cattivi) comportamenti di guida. Molto spesso, infatti, alcuni comportamenti di guida, altamente pericolosi, sono dovuti a luoghi comuni sbagliati che le nostre campagne hanno voluto, anche in forma intenzionalmente provocatoria, mostrare e misurare allo scopo di contribuire a correggerli. Una recente indagine, a tal proposito, è stata eseguita per individuare e "misurare" i comportamenti di guida sbagliati più comuni. Il risultato di tale iniziativa è che il pericolo maggiore è rappresentato proprio dalla mancata percezione dello stesso. Nel 2010, l opuscolo denominato Guida la Vita! è stato distribuito in oltre copie che si sono aggiunte ai Dvd contenenti immagini inedite e un gioco-test per valutare i comportamenti. La distribuzione è avvenuta in tutte le maggiori città della Sicilia, attraverso incontri nelle scuole e nelle comunità con il coinvolgimento delle Direzioni Provinciali dell Inail e alla presenza di autorità ed esperti del settore. Un camper didattico itinerante ha viaggiato per tutta l isola sostando nelle piazze principali. Tutti i maggiori quotidiani e le televisioni hanno dato ampio resoconto degli eventi sulla sicurezza e la prevenzione stradale dei lavoratori e degli studenti. Insomma, la campagna è stata gradita nei contenuti e ritenuta soddisfacente per i modi di esecuzione: semplici, diretti, coinvolgenti. 9

10 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina10 Ecco perché abbiamo chiesto a Inail Sicilia di ripetere l esperienza allargando il nostro campo informativo ai lavoratori dell autotrasporto per scoprire, verificare e discutere, direttamente con loro e con le associazioni che li rappresentano, le principali problematiche legate a un settore fondamentale per l economia italiana, ma che, per la modalità stessa di trasporto, è causa diretta e indiretta di gravi incidenti con moltissime vittime. Una Premessa... Nel 2009 sulle strade dell'unione Europea hanno perso la vita più di persone (l'equivalente di una città di media grandezza ). I feriti sono stati oltre e, secondo le stime, per ogni morto sulle strade d'europa ci sono almeno 4 invalidi permanenti (con danni irreparabili al cervello o al midollo spinale), 10 feriti gravi e 40 feriti lievi. I costi economici per la società sono stimati oltre 130 miliardi di euro all'anno. EUROPA 2010: OBIETTIVO MANCATO Purtroppo, l'obiettivo del dimezzamento della mortalità stradale entro il 2010 è stato raggiunto da pochi Stati dell'unione Europea. I maggiori risultati sono stati raggiunti in Lettonia (-54%), Spagna (-53%), Estonia (- 50%) e Portogallo (-50%). L'Italia si è fermata all'ottavo posto dietro Francia, Lituania e Slovenia, con una riduzione della mortalità stradale pari a -43%. Tuttavia, grazie alle campagne di prevenzione, i progressi sono stati comunque significativi. E diminuito il livello medio di vittime di incidenti stradali per milione di abitanti, che è passato da 113 nel 2001 a 69 nel 2009 per tutti gli attuali 27 Stati membri, e da 125 a 68 in Italia. In termini di cifre pure le vittime sono passate complessivamente dalle del 2001 alle circa del Alla luce di quanto sopra, la Commissione Europea ha adottato, il 20 luglio 2010, il IV Piano d Azione sulla Sicurezza Stradale , con l'ambizione di dimezzare il numero delle vittime della strada entro i prossimi dieci anni. Il programma definisce una serie di iniziative, a livello europeo e nazionale, intese essenzialmente a migliorare la sicurezza del veicolo, la sicurezza dell'infrastruttura e, soprattutto, il comportamento degli utenti della strada. 10

11 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina11 Per arrivare al traguardo del 2020 la Commissione Europea ha quindi indicato i punti cardine del nuovo Programma sulla Sicurezza Stradale ( ). Vediamone alcuni tra i più importanti: TECNOLOGIA PER AUTO PIU' SICURE L'obiettivo dell'ue sarà quello di estendere a tutte le automobili, ad autobus ed autocarri, le tecnologie sulla sicurezza attiva oggi presenti sulle vetture più costose, come l'esc, i sistemi di avviso di uscita di corsia, di frenaggio d'emergenza, di dispositivi che ricordano di allacciare la cintura di sicurezza e limitatori di velocità obbligatori per veicoli commerciali/furgoni leggeri come quelli già obbligatori per gli autocarri. Verrà inoltre resa più severa la normativa di omologazione sull'impatto con i pedoni, verrà studiata la possibilità di introdurre l'alcolock obbligatorio e adottate norme tecniche per la sicurezza delle auto elettriche. TRAFFICO TECNOLOGICO ED E-CALL La Commissione proporrà l'introduzione delle nuove tecnologie ITS (Intelligent Transport Systems) che permettono lo scambio di dati e di informazioni tra veicoli, e tra veicoli e infrastruttura, come ad esempio informazioni su limiti di velocità, flussi di traffico, congestione, riconoscimento di pedoni. La Commissione accelererà l'introduzione del sistema elettronico di chiamata di emergenza e-call e ne studierà l'estensione ai motociclisti, ai veicoli commerciali pesanti e agli autobus. AUTOSCUOLE L'Unione Europea, nei prossimi dieci anni, si propone che vengano formati automobilisti più preparati. Particolare attenzione verrà rivolta ai principianti. Ciò significherà innanzi tutto migliorare il sistema di formazione e di rilascio delle patenti, in particolare ampliando la direttiva sulla patente di guida UE, in modo da definire criteri minimi per gli istruttori di guida, inserire nella fase precedente il rilascio della patente un periodo di tirocinio/guida accompagnata, periodi di prova dopo l'esame di guida (durante i quali i neopatentati sono oggetto di controlli più rigorosi), la possibilità di introdurre la guida ecologica fra le prove teoriche e pratiche. 11

12 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina12 STRATEGIA DEL PROGETTO Il progetto La Prevenzione è Sicurezza si pone come obiettivo quello di sensibilizzare il target anni d età, nei confronti di un nuovo concetto di sicurezza stradale che non si frammenta nel rispetto delle singole norme, ma si pone come un valore da interiorizzare. L'azione di sensibilizzazione è quindi finalizzata al raggiungimento dell obiettivo di elevare il ruolo delle norme di sicurezza stradale da imposizione a valore personale e sociale tramite una strategia di comunicazione mirata, forte, attuale e coinvolgente. Uno degli effetti più vistosi dell'attuale società di massa è l'emergere di modelli estetici e comportamentali che, tratti dal mondo mediatico, diventano poi di moda tra i giovani. L'imitazione di tali modelli, oltre che a molti problemi, porta spesso a erronee convinzioni e mitizzazioni di stereotipi del tutto negativi, come la trasgressione a tutti i costi. 12

13 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina13 ANALISI DEL TARGET Dall analisi condotta sul target, emerge quanto, a fronte di un'analisi psico-comportamentale, i ragazzi tra i 14 e i 25 guardano con distacco alle Istituzioni in genere. Il target in oggetto si dimostra spesso poco ricettivo nei confronti di determinati tipi di comunicazione come quella sociale, principalmente a causa del modo in cui questi messaggi sono proposti. In realtà si può parlare ai giovani di ogni cosa, bisogna trovare però il modo giusto per farlo. La situazione della sicurezza stradale in Italia lascia ancora a desiderare. Sono tante, infatti, le regole ignorate dai conducenti italiani, specialmente dai giovani o da chi, come tanti, ha appena conquistato la patente. Considerando le peculiarità del target destinatario, e le delicate modalità di ricezione dei messaggi socialmente utili, solo un coinvolgimento profondo, attivo e mirato, dei soggetti cui il messaggio è rivolto, può colpire gli animi e modificare i pubblici comportamenti. Sulla base dello studio e dell'analisi condotti sul target, l'obiettivo del progetto di comunicazione, è quello di elevare il ruolo delle norme sulla sicurezza stradale, da norma perentoria, a reale valore. I giovani di oggi, dai 14 ai 25 anni, si sentono liberi, vogliono il totale controllo della propria vita, amano frequentare discoteche e locali notturni con il proprio gruppo. A questa età cominciano ad appassionarsi al mondo dei veicoli e a sperimentare la velocità. Fanno uso di sigarette per sentirsi grandi, di droghe e di alcolici per divertirsi specialmente durante il week end. Si lasciano influenzare facilmente dalle mode e da quello che credono sia il giudizio del sesso opposto nei riguardi di molti argomenti, non per ultimo l'estetica. 13

14 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina14 Prendono ad esempio i modelli fornitigli dai media, e tendono a imitarli in tutto e per tutto. Nei giovani compresi tra i 14 e i 20 anni l'idea della morte è labile. Si sentono onnipotenti e presentano un forte istinto vita/morte (l'adrenalinica sensazione che scaturisce dallo sfidare e vincere la morte, efficacemente illustrata da Freud nella descrizione delle espressioni del volto del bambino per gioco lanciato in aria dal padre e poi ripreso. Terrore, in seguito gioia, fomento). Non meno importante la florida produzione cinematografica che annovera diverse sceneggiature in cui è presente il culto della velocità e della trasgressione, Grind House a prova di morte (Q. Tarantino 2007); Velocità Massima (D. Vicari 2002); The Fast and Furious (R. Cohen 2001) etcc. I giovani concepiscono la trasgressione come margine di libertà all'interno di canoni condivisi. L'emozionale è il fulcro del loro sentire e ogni ambito del loro agire ne è intriso. Nel loro stretto rapporto con i media non accettano imposizioni, prediche, ordini o consigli che richiedano, nell'attuazione, impegno e fatica. Occorrerà, quindi, coinvolgerli ed appassionarli, questi giovani, alle argomentazioni che metteremo a disposizione della loro grande capacità d apprendimento, solo così potremo sperare che buona parte dei ns. sforzi possa giungere a destinazione. I ragazzi saranno anche chiamati a compilare un questionario anonimo, che servirà a capire il loro rapporto con le norme e i comportamenti adeguati da tenere alla guida, e il cui esito, al termine del progetto, sarà utile a tracciare un profilo delle problematiche e delle ulteriori iniziative da intraprendere per sensibilizzarli, sempre di più, sulla delicata tematica della sicurezza sulle strade. 14

15 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina15 Prevenzione degli Infortuni da incidente stradale I lavoratori dell autotrasporto Il benessere psicofisico dei conducenti è fondamentale per prevenire incidenti stradali. Esaminata anche l'efficienza dei mezzi, si è constatato che non tutti gli autisti dei mezzi pesanti circolanti in lungo e in largo per l Italia, compiono con la dovuta attenzione e periodicità il controllo dell efficienza tecnica dei loro mezzi. Questo è quanto emerge dalle indagini effettuate da alcune Università degli Studi italiane, che rivelano, inoltre, come gli autotrasportatori in viaggio sulle strade della penisola sono in larga misura sovrappeso, un fattore di propensione alla sonnolenza diurna. Sono questi alcuni dei dati rilevati dallo studio condotto su un campione di autotrasportatori e di veicoli nell ambito di convenzioni con alcune province, grazie al finanziamento delle sedi Inail regionali e alla collaborazione dell Osservatorio Nazionale della Sicurezza Stradale, della Polizia della Strada, della Motorizzazione Civile e della Croce Rossa. La conoscenza dello stato di salute dei camionisti, e dell efficienza dei loro mezzi, costituisce una base fondamentale per progettare gli interventi di prevenzione e promozione di corretti stili di vita e di efficienza degli automezzi, che garantiscano la sicurezza dei camionisti stessi e di tutti gli utenti della strada. Gli incidenti stradali provocano ogni anno in Italia circa decessi, circa ricoveri ospedalieri e prestazioni di pronto soccorso non seguite da ricovero. Questo importante e rilevante problema di salute che riguarda lavoratori e cittadini, rappresenta anche un notevole costo in termini economici. Nulla tuttavia è più insopportabile dell alto costo in vite umane, che occorre ancor più limitare attraverso coordinate azioni di prevenzione e controllo. 15

16 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina16 Individuare i problemi di salute che possono essere affrontati con gli strumenti propri della prevenzione, è diventata da anni parte integrante delle politiche delle regioni. La ricerca di strategie preventive in grado di dare risposte a una vera emergenza sanitaria rappresentata dal fenomeno degli incidenti stradali, è diventata una necessità prioritaria, convinti come siamo, che i traumi da traffico si collocano fra le patologie evitabili. In quest ambito, si collocano anche gli infortuni sul lavoro conseguenti a incidenti stradali, che rappresentano ormai in Sicilia, come nel resto d Italia, oltre il 50% di tutti gli infortuni mortali, comprendendo sia quelli in itinere che quelli che avvengono su strada durante l orario di lavoro. E quindi, almeno prioritario, mettere a punto strategie in grado di affrontare efficacemente il fenomeno degli infortuni causati da incidente stradale, attraverso percorsi di prevenzione elaborati dagli enti a ciò preposti, a cominciare dall Inail che svolge un ruolo centrale. La strada è luogo di lavoro in cui molti cittadini-lavoratori operano giornalmente con la propria attrezzatura, sia essa l auto, il pullman, il camion o il furgone. L incidente stradale in orario di lavoro, diurno come notturno, diventa per questi lavoratori, come l infortunio da prevenire, anche usando gli strumenti dell informazione, della formazione e dell organizzazione aziendale previsti dai decreti legislativi in materia. Questa semplice constazione, merita ancora maggiore attenzione da parte di Lavoratori, Imprenditori, Sindacati e di quanti si occupano di sicurezza sul lavoro, perché per prevenire efficacemente gli infortuni in ambito stradale, oltre che osservare scrupolosamente le leggi, i codici, i regolamenti, i contratti di lavoro, curare la formazione iniziale e continua dei conducenti privati e professionali, occorre innanzitutto produrre il massimo dello sforzo per modificare, radicalmente, i comportamenti e i luoghi comuni (vedi perenne lotta camionisti-automobilisti) che continuano ad esistere lungo strade e autostrade, e lottare contro le pratiche pericolose di autisti e conducenti di mezzi leggeri e pesanti. 16

17 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina17 Nell UE muoiono ogni anno in incidenti stradali circa 1000 autotrasportatori, a prova della pericolosità di questo mestiere. Gli incidenti stradali in cui sono coinvolti automezzi pesanti danneggiano l immagine e l accettazione da parte del pubblico del trasporto stradale. Non bisogna tuttavia dimenticare che tutti i lavoratori, anche quelli del trasporto stradale, hanno diritto a un posto di lavoro sicuro e sano. Violazioni più frequenti degli autisti (in ordine di frequenza): - Eccesso di velocità; - Superamento dei tempi di guida; - Guida sotto l effetto dell alcol; - Uso senza auricolare del cellulare, e del c.b., durante la guida; - Carico non a norma; - Mancata revisione e controllo periodico di sicurezza dei mezzi; - altro. 17

18 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina18 Le Imprese, l informazione, la formazione Si stima che attualmente non più del 10% dei conducenti professionali hanno seguito una formazione oltre alla patente di guida. Forse gli incidenti non hanno anche un impatto sui costi delle imprese? Le ricerche di mercato ci confermano che le imprese che adottano una politica di sicurezza stradale riducono in genere i loro costi di funzionamento. Annualmente l Inail, il Ministero dei Trasporti, i Sindacati di categoria, la Polizia Stradale, le Associazioni, promuovono progetti volti al miglioramento della sicurezza nel comparto del trasporto su strada. Esiste un Piano Nazionale della Sicurezza Stradale, nell ambito del quale è particolarmente importante ed efficace l azione della Consulta Nazionale sulla Sicurezza Stradale. Fra i settori d intervento assumono particolare rilievo il miglioramento della sicurezza nel comparto della mobilità sul lavoro, e nei tragitti casalavoro, e il miglioramento della sicurezza stradale nel comparto del trasporto merci su strada. Esistono disciplinari (già adottati da alcune regioni), ad uso di qualsiasi Azienda con dipendenti con ruolo di autista, che intenda migliorare le proprie condizioni di sicurezza rispetto al rischio di infortunio da incidente stradale. Riteniamo che coniugare i bisogni e le necessità dei lavoratori dell autotrasporto, delle imprese e di quanti operano nel comparto, con l esigenza di intraprendere percorsi virtuosi che hanno l obiettivo di prevenire gli infortuni da incidente stradale, sia la strada maestra per ridurre notevolmente le vittime della strada ed i costi che ne derivano. 18

19 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina19 CONSIGLI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA Non assumere (mai) droghe e alcolici; Rispetta gli orari di riposo, sono fondamentali per mantenere l efficienza psico-fisica; Non manomettere gli strumenti di controllo a bordo; Dormi almeno 8 ore a notte. Le apnee notturne e i colpi di sonno diurni, sono tra i principali problemi connessi alle scarse ore di sonno. Questi fenomeni sono, spesso, all'origine di tragici incidenti stradali; Combatti il sovrappeso, il tuo stato di salute se ne gioverà in ogni caso; Cura l alimentazione, assumi cibi leggeri, facilmente digeribili e nutrienti: Se devi assumere farmaci informati con il medico sugli effetti che possono manifestarsi durante la guida; Lo stress e la stanchezza sono i tuoi nemici: riposati; La guida notturna richiede un impegno notevole: se sei stanco fermati; Impara ad affrontare le emergenze tecniche, meccaniche e sanitarie; Rispettare il codice della strada vuol dire rispettare te stesso, la tua famiglia e gli altri; Accertati di avere a bordo un estintore adatto e funzionante per ogni evenienza; La tua sicurezza dipende anche dall efficienza del mezzo: cura la manutenzione e revisione periodica programmata. 19

20 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina20 L infortunio in itinere* Dopo una elaborata evoluzione giurisprudenziale sulla tematica, il legislatore ha regolamentato il c.d. infortunio in itinere con l'articolo 12 del decreto legislativo 38/2000. In tal modo, viene cosi introdotta la copertura assicurativa per gli infortuni subiti dai lavoratori assicurati durante il normale percorso di andata e ritorno dall'abitazione al posto di lavoro. Le eventuali interruzioni e deviazioni del normale percorso non rientrano nella copertura assicurativa ad eccezione delle interruzioni/deviazioni effettuate in attuazione di una direttiva del datore di lavoro, o dovute a causa di forza maggiore (es.:guasto meccanico) o per esigenze essenziali ed improrogabili (es.:soddisfacimento di esigenze fisiologiche) o nell'adempimento di obblighi penalmente rilevanti (es.:prestare soccorso a vittime di incidente stradale), o di brevi soste che non alterano le condizioni di rischio. L'assicurazione opera anche nel caso di utilizzo di un mezzo di trasporto privato, a condizione che sia necessitato l'uso, in quanto non esistono mezzi pubblici che colleghino l'abitazione del lavoratore al luogo di lavoro, o vi sia una incongruenza degli orari dei servizi pubblici con quelli lavorativi, o ancora la distanza minima del percorso sia tale da poter essere percorsa a piedi. Rimangono esclusi dall'indennizzo gli infortuni direttamente causati dall'abuso di sostanze alcoliche e di psicofarmaci, dall'uso non terapeutico di stupefacenti e allucinogeni nonché dalla mancanza della patente di guida da parte del conducente. La Corte di Cassazione Con riferimento all'art. 12 del D.Lgs. n. 38/2000, che codifica la disciplina in materia di infortunio in itinere, è stata estesa la tutela assicurativa agli eventi lesivi occorsi ai lavoratori "durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro.. La suprema Corte di Cassazione ha poi evidenziato che, attraverso una interpretazione logico sistematica dell intero art. su menzionato, é chiaro che l infortunio in itinere deve verificarsi nella pubblica strada o, comunque, non in luoghi identificabili con quelli di esclusiva (o comune) proprietà del lavoratore assicurato. 20

21 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina21 Riassumendo, l'assicurazione comprende gli infortuni occorsi alle persone assicurate durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro, anche nel caso di utilizzo del mezzo di trasporto privato, purché imposto da particolari esigenze. *Commenti tratti da Diritto dei Lavori Anno IV n. 3, novembre L Inail, l infortunio e il rischio elettivo L Inail (Circolare n. 23 del 23 aprile 2005) ha più volte affrontato anche l ipotesi dell infortunio occorso al lavoratore, per colpa di quest ultimo, giungendo ad affermare che gli aspetti soggettivi della condotta dell assicurato (negligenza, imprudenza e imperizia) non assumono rilevanza ai fini dell indennizzabilità. Poiché la colpa del lavoratore non interrompe il nesso causale tra il rischio lavorativo e il sinistro, salvo non si tratti di comportamenti così abnormi da sfociare nel rischio elettivo. Costituisce orientamento interpretativo acquisito della Suprema Corte, che il rischio elettivo, quale limite all'indennizzabilità, è ravvisabile solo in presenza di: Un comportamento abnorme, volontario ed arbitrario del lavoratore, tale da condurlo ad affrontare rischi diversi da quelli inerenti alla normale attività lavorativa (Corte di Cassazione n /2007; n /2001; n. 8269/1997; n. 6088/1995). Un ipotesi evidente di rischio elettivo potrebbe essere quella dei lavoratori che colgono l occasione del percorso abitazione-posto di lavoro per effettuare una gara di velocità; altri casi potrebbero essere quelli della guida senza patente, o degli incidenti causati dall abuso di alcolici o dall uso di sostanze stupefacenti. I lavoratori maggiormente a rischio infortunio in itinere sono i lavoratori pendolari. Il fenomeno del pendolarismo investe indistintamente le più svariate categorie di lavoratori coinvolgendo, oltre a problematiche sociologiche, urbanistiche, organizzative ed economiche, anche aspetti di natura medico-legale. 21

22 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina22 Consigli utili per limitare gli infortuni in itinere: Preferisci sempre il percorso più breve conosciuto e sicuro (e con il mezzo più idoneo e meno rischioso) per raggiungere il luogo di lavoro; Utilizza i mezzi di trasporto pubblico quando il luogo della tua abitazione è servito in maniera adeguata alle tue esigenze di orario; Usa il mezzo privato (qualunque sia) solo se è giustificato da necessità di collegamento fra l abitazione e il luogo di lavoro; Muoviti per raggiungere il luogo di lavoro solo se le tue condizioni fisiche sono tali da non determinare condizioni di pericolo per te e per gli altri; 22

23 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina23 I GIOVANI E LA PREVENZIONE Il problema della sicurezza stradale 23

24 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina24 PSICOLOGIA ED ETICA Per ogni decesso sulle strade ci sono circa 10 individui che avranno l esistenza irrimediabilmente segnata da una grave inabilità, persone che non potranno più camminare, e vivere con la stessa gioia che avevano prima dell incidente. Gli incidenti stradali, infatti, sono la prima causa di morte per i giovani tra i 15 ed i 29 anni. I progetti governativi constano di un piano nazionale per la sicurezza stradale, articolato in una serie di interventi in diversi settori, ed essenzialmente fondato su cinque linee di intervento: programmazione; regolamentazione; formazione e sperimentazione; controlli; informazione e comunicazione. In tale quadro, i Ministeri dell Interno e della Gioventù, hanno ritenuto utile avviare il maggior numero di processi partecipati, e convocare un tavolo di confronto con associazioni rappresentative della produzione, somministrazione e vendita di bevande alcoliche, e dei locali di ritrovo in generale. Si è ritenuto quindi di procedere alla definizione di un codice etico la cui sottoscrizione possa essere condivisa da tutti i soggetti interessati e allargata alle associazioni rappresentative di settore che ritengono di poter aderire agli stessi principi. 24

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con In collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESPS bere SIA WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA non

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli