Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina1"

Transcript

1 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina1

2 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina2

3 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina3

4 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina4 Pubblicazione a cura di Inail Sicilia ed Adoc Sicilia INAIL SICILIA Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Direzione Regionale: V.le del Fante 58/d Palermo Tel. 091/ , Fax 091/ web nazionale: Progetto grafico ed impaginazione Salvatore Pietro Anastasio Redazione dei testi Luigi Ciotta Salvatore Pietro Anastasio 4

5 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina5 ADOC SICILIA Associazione Difesa Orientamento Consumatori Direzione Regionale: Via Enrico Albanese, Palermo Tel. 091/589322, Fax 091/ web regionale: web nazionale: Opuscolo informativo realizzato da Adoc Sicilia per il progetto La prevenzione è Sicurezza con il cofinanziamento di Inail - Direzione Regionale della Sicilia. 5

6 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina6 Prefazione Del Direttore Regionale INAIL Sicilia Giovanni Asaro Avviare percorsi di educazione alla sicurezza in tutti gli ambiti che coinvolgono cittadini, studenti e lavoratori, è sempre fondamentale ed attuale. I luoghi privilegiati dove affrontare il tema della sicurezza stradale per sviluppare, a medio e lungo termine, un effettivo coinvolgimento dei destinatari di tale messaggio sono le scuole e le piazze intesi come luogo di aggregazione e di contatto sociale. Ma oggi è sempre piu attuale avviare un dibattito ed una riflessione in funzione di azioni e soluzioni anche a breve termine nei confronti degli operatori del settore del trasporto stradale, protagonisti di eventi a volte drammatici sul luogo di lavoro strada. La sicurezza sulla strada è, infatti, un fattore fondamentale per garantire l integrita psico-fisica di cittadini e lavoratori; sul versante del lavoro, infatti, la quota d infortuni che vedono il luogo di lavoro strada come teatro della dinamica infortunistica è sempre, come già in precedenza, decisamente elevata se non addirittura potenzialmente prevalente, come confermato dall andamento infortunistico rilevato territorialmente. Inail Sicilia continua, quindi, a sostenere il proficuo lavoro svolto da ADOC in regione, affidando un nuovo progetto nel 2011 con il compito di sensibilizzare, oltre che gli studenti sullo specifico tema, anche cittadini e lavoratori, con modalita sempre piu caratterizzate da metodiche di tipo attivo, al rispetto della sicurezza stradale, e conseguentemente al rispetto delle regole e della legalità, ma anche di fornire strumenti di conoscenza per gestire al meglio l effettiva attuazione di comportamenti sicuri: in tal senso, le modifiche legislative (legge n. 120 del 29 luglio 2010) intervenute, richiedono una costante opera di aggiornamento e di conoscenza sul tema. 6

7 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina7 L azione informativo-promozionale sarà, pertanto, centrata per i giovani con percorsi ludico-didattici, per favorire in essi quei concetti già presenti nella fase realizzata del progetto, ossia lo sviluppo di una forte consapevolezza sulla tematica della sicurezza stradale, in termini di conoscenza e rispetto delle norme di legge, lo sviluppo di comportamenti corretti sulla strada nel rispetto delle regole, ma soprattutto in termini di responsabilità individuale in ordine ad un corretto stile di vita da assumere anche sulla strada, tradotto in uno stile di guida corretto e osservante delle regole. Per i lavoratori ed operatori della strada, invece, il taglio di comunicazione sarà più improntato al confronto, ed alla valutazione di aspetti non solo tecnici, ma anche socio-economici; infatti, la problematica degli incidenti stradali e la loro valenza infortunistica ha un forte impatto, oltre che sulla tutela dell integrità del lavoratore, sui costi delle aziende, e, pertanto, l adozione di politiche di sicurezza in ambito stradale, non può che incidere profondamente sul settore interessato. Giovanni Asaro 7

8 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina8 Introduzione Del Presidente Adoc Sicilia Luigi Ciotta Anche per il 2011, Inail Sicilia ha deciso, nell'ambito del vigente protocollo di collaborazione con Adoc Sicilia, di co-finanziare il progetto "La Prevenzione è Sicurezza", campagna regionale di sensibilizzazione su temi specifici legati alla sicurezza stradale dei lavoratori e dei giovani. Guida in stato di ebbrezza, utilizzo delle cinture di sicurezza, stress e colpo di sonno da stanchezza, guida sul bagnato, importanza del casco, inadeguatezza dei controlli, organizzazione dell emergenza e dei primi soccorsi, sono solo alcune condizioni che determinano situazioni di grave pericolo per i lavoratori che si recano nei luoghi di lavoro, per i lavoratori dell autotrasporto impegnati in estenuanti viaggi lungo la penisola e in ambito europeo, e per i giovani che raggiungono le scuole. Il tono della comunicazione, volutamente crudo e diretto, sia in termini d immagini proposte, sia in termini di linguaggio scelto, ha l'obiettivo di sensibilizzare e far riflettere sulle conseguenze di una guida imprudente e azzardata. Le statistiche evidenziano, infatti, come oltre il 90% degli incidenti stradali sia causato da errori e imprudenza di chi guida. 8

9 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina9 Prevenzione e Sicurezza Dal 2009, Adoc Sicilia, in collaborazione con Inail Sicilia, pubblica e distribuisce gratuitamente un opuscolo e un Dvd sulla sicurezza stradale, con l'obiettivo di sensibilizzare i cittadini siciliani, a partire dai più giovani in età scolare, a modificare i principali comuni (cattivi) comportamenti di guida. Molto spesso, infatti, alcuni comportamenti di guida, altamente pericolosi, sono dovuti a luoghi comuni sbagliati che le nostre campagne hanno voluto, anche in forma intenzionalmente provocatoria, mostrare e misurare allo scopo di contribuire a correggerli. Una recente indagine, a tal proposito, è stata eseguita per individuare e "misurare" i comportamenti di guida sbagliati più comuni. Il risultato di tale iniziativa è che il pericolo maggiore è rappresentato proprio dalla mancata percezione dello stesso. Nel 2010, l opuscolo denominato Guida la Vita! è stato distribuito in oltre copie che si sono aggiunte ai Dvd contenenti immagini inedite e un gioco-test per valutare i comportamenti. La distribuzione è avvenuta in tutte le maggiori città della Sicilia, attraverso incontri nelle scuole e nelle comunità con il coinvolgimento delle Direzioni Provinciali dell Inail e alla presenza di autorità ed esperti del settore. Un camper didattico itinerante ha viaggiato per tutta l isola sostando nelle piazze principali. Tutti i maggiori quotidiani e le televisioni hanno dato ampio resoconto degli eventi sulla sicurezza e la prevenzione stradale dei lavoratori e degli studenti. Insomma, la campagna è stata gradita nei contenuti e ritenuta soddisfacente per i modi di esecuzione: semplici, diretti, coinvolgenti. 9

10 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina10 Ecco perché abbiamo chiesto a Inail Sicilia di ripetere l esperienza allargando il nostro campo informativo ai lavoratori dell autotrasporto per scoprire, verificare e discutere, direttamente con loro e con le associazioni che li rappresentano, le principali problematiche legate a un settore fondamentale per l economia italiana, ma che, per la modalità stessa di trasporto, è causa diretta e indiretta di gravi incidenti con moltissime vittime. Una Premessa... Nel 2009 sulle strade dell'unione Europea hanno perso la vita più di persone (l'equivalente di una città di media grandezza ). I feriti sono stati oltre e, secondo le stime, per ogni morto sulle strade d'europa ci sono almeno 4 invalidi permanenti (con danni irreparabili al cervello o al midollo spinale), 10 feriti gravi e 40 feriti lievi. I costi economici per la società sono stimati oltre 130 miliardi di euro all'anno. EUROPA 2010: OBIETTIVO MANCATO Purtroppo, l'obiettivo del dimezzamento della mortalità stradale entro il 2010 è stato raggiunto da pochi Stati dell'unione Europea. I maggiori risultati sono stati raggiunti in Lettonia (-54%), Spagna (-53%), Estonia (- 50%) e Portogallo (-50%). L'Italia si è fermata all'ottavo posto dietro Francia, Lituania e Slovenia, con una riduzione della mortalità stradale pari a -43%. Tuttavia, grazie alle campagne di prevenzione, i progressi sono stati comunque significativi. E diminuito il livello medio di vittime di incidenti stradali per milione di abitanti, che è passato da 113 nel 2001 a 69 nel 2009 per tutti gli attuali 27 Stati membri, e da 125 a 68 in Italia. In termini di cifre pure le vittime sono passate complessivamente dalle del 2001 alle circa del Alla luce di quanto sopra, la Commissione Europea ha adottato, il 20 luglio 2010, il IV Piano d Azione sulla Sicurezza Stradale , con l'ambizione di dimezzare il numero delle vittime della strada entro i prossimi dieci anni. Il programma definisce una serie di iniziative, a livello europeo e nazionale, intese essenzialmente a migliorare la sicurezza del veicolo, la sicurezza dell'infrastruttura e, soprattutto, il comportamento degli utenti della strada. 10

11 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina11 Per arrivare al traguardo del 2020 la Commissione Europea ha quindi indicato i punti cardine del nuovo Programma sulla Sicurezza Stradale ( ). Vediamone alcuni tra i più importanti: TECNOLOGIA PER AUTO PIU' SICURE L'obiettivo dell'ue sarà quello di estendere a tutte le automobili, ad autobus ed autocarri, le tecnologie sulla sicurezza attiva oggi presenti sulle vetture più costose, come l'esc, i sistemi di avviso di uscita di corsia, di frenaggio d'emergenza, di dispositivi che ricordano di allacciare la cintura di sicurezza e limitatori di velocità obbligatori per veicoli commerciali/furgoni leggeri come quelli già obbligatori per gli autocarri. Verrà inoltre resa più severa la normativa di omologazione sull'impatto con i pedoni, verrà studiata la possibilità di introdurre l'alcolock obbligatorio e adottate norme tecniche per la sicurezza delle auto elettriche. TRAFFICO TECNOLOGICO ED E-CALL La Commissione proporrà l'introduzione delle nuove tecnologie ITS (Intelligent Transport Systems) che permettono lo scambio di dati e di informazioni tra veicoli, e tra veicoli e infrastruttura, come ad esempio informazioni su limiti di velocità, flussi di traffico, congestione, riconoscimento di pedoni. La Commissione accelererà l'introduzione del sistema elettronico di chiamata di emergenza e-call e ne studierà l'estensione ai motociclisti, ai veicoli commerciali pesanti e agli autobus. AUTOSCUOLE L'Unione Europea, nei prossimi dieci anni, si propone che vengano formati automobilisti più preparati. Particolare attenzione verrà rivolta ai principianti. Ciò significherà innanzi tutto migliorare il sistema di formazione e di rilascio delle patenti, in particolare ampliando la direttiva sulla patente di guida UE, in modo da definire criteri minimi per gli istruttori di guida, inserire nella fase precedente il rilascio della patente un periodo di tirocinio/guida accompagnata, periodi di prova dopo l'esame di guida (durante i quali i neopatentati sono oggetto di controlli più rigorosi), la possibilità di introdurre la guida ecologica fra le prove teoriche e pratiche. 11

12 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina12 STRATEGIA DEL PROGETTO Il progetto La Prevenzione è Sicurezza si pone come obiettivo quello di sensibilizzare il target anni d età, nei confronti di un nuovo concetto di sicurezza stradale che non si frammenta nel rispetto delle singole norme, ma si pone come un valore da interiorizzare. L'azione di sensibilizzazione è quindi finalizzata al raggiungimento dell obiettivo di elevare il ruolo delle norme di sicurezza stradale da imposizione a valore personale e sociale tramite una strategia di comunicazione mirata, forte, attuale e coinvolgente. Uno degli effetti più vistosi dell'attuale società di massa è l'emergere di modelli estetici e comportamentali che, tratti dal mondo mediatico, diventano poi di moda tra i giovani. L'imitazione di tali modelli, oltre che a molti problemi, porta spesso a erronee convinzioni e mitizzazioni di stereotipi del tutto negativi, come la trasgressione a tutti i costi. 12

13 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina13 ANALISI DEL TARGET Dall analisi condotta sul target, emerge quanto, a fronte di un'analisi psico-comportamentale, i ragazzi tra i 14 e i 25 guardano con distacco alle Istituzioni in genere. Il target in oggetto si dimostra spesso poco ricettivo nei confronti di determinati tipi di comunicazione come quella sociale, principalmente a causa del modo in cui questi messaggi sono proposti. In realtà si può parlare ai giovani di ogni cosa, bisogna trovare però il modo giusto per farlo. La situazione della sicurezza stradale in Italia lascia ancora a desiderare. Sono tante, infatti, le regole ignorate dai conducenti italiani, specialmente dai giovani o da chi, come tanti, ha appena conquistato la patente. Considerando le peculiarità del target destinatario, e le delicate modalità di ricezione dei messaggi socialmente utili, solo un coinvolgimento profondo, attivo e mirato, dei soggetti cui il messaggio è rivolto, può colpire gli animi e modificare i pubblici comportamenti. Sulla base dello studio e dell'analisi condotti sul target, l'obiettivo del progetto di comunicazione, è quello di elevare il ruolo delle norme sulla sicurezza stradale, da norma perentoria, a reale valore. I giovani di oggi, dai 14 ai 25 anni, si sentono liberi, vogliono il totale controllo della propria vita, amano frequentare discoteche e locali notturni con il proprio gruppo. A questa età cominciano ad appassionarsi al mondo dei veicoli e a sperimentare la velocità. Fanno uso di sigarette per sentirsi grandi, di droghe e di alcolici per divertirsi specialmente durante il week end. Si lasciano influenzare facilmente dalle mode e da quello che credono sia il giudizio del sesso opposto nei riguardi di molti argomenti, non per ultimo l'estetica. 13

14 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina14 Prendono ad esempio i modelli fornitigli dai media, e tendono a imitarli in tutto e per tutto. Nei giovani compresi tra i 14 e i 20 anni l'idea della morte è labile. Si sentono onnipotenti e presentano un forte istinto vita/morte (l'adrenalinica sensazione che scaturisce dallo sfidare e vincere la morte, efficacemente illustrata da Freud nella descrizione delle espressioni del volto del bambino per gioco lanciato in aria dal padre e poi ripreso. Terrore, in seguito gioia, fomento). Non meno importante la florida produzione cinematografica che annovera diverse sceneggiature in cui è presente il culto della velocità e della trasgressione, Grind House a prova di morte (Q. Tarantino 2007); Velocità Massima (D. Vicari 2002); The Fast and Furious (R. Cohen 2001) etcc. I giovani concepiscono la trasgressione come margine di libertà all'interno di canoni condivisi. L'emozionale è il fulcro del loro sentire e ogni ambito del loro agire ne è intriso. Nel loro stretto rapporto con i media non accettano imposizioni, prediche, ordini o consigli che richiedano, nell'attuazione, impegno e fatica. Occorrerà, quindi, coinvolgerli ed appassionarli, questi giovani, alle argomentazioni che metteremo a disposizione della loro grande capacità d apprendimento, solo così potremo sperare che buona parte dei ns. sforzi possa giungere a destinazione. I ragazzi saranno anche chiamati a compilare un questionario anonimo, che servirà a capire il loro rapporto con le norme e i comportamenti adeguati da tenere alla guida, e il cui esito, al termine del progetto, sarà utile a tracciare un profilo delle problematiche e delle ulteriori iniziative da intraprendere per sensibilizzarli, sempre di più, sulla delicata tematica della sicurezza sulle strade. 14

15 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina15 Prevenzione degli Infortuni da incidente stradale I lavoratori dell autotrasporto Il benessere psicofisico dei conducenti è fondamentale per prevenire incidenti stradali. Esaminata anche l'efficienza dei mezzi, si è constatato che non tutti gli autisti dei mezzi pesanti circolanti in lungo e in largo per l Italia, compiono con la dovuta attenzione e periodicità il controllo dell efficienza tecnica dei loro mezzi. Questo è quanto emerge dalle indagini effettuate da alcune Università degli Studi italiane, che rivelano, inoltre, come gli autotrasportatori in viaggio sulle strade della penisola sono in larga misura sovrappeso, un fattore di propensione alla sonnolenza diurna. Sono questi alcuni dei dati rilevati dallo studio condotto su un campione di autotrasportatori e di veicoli nell ambito di convenzioni con alcune province, grazie al finanziamento delle sedi Inail regionali e alla collaborazione dell Osservatorio Nazionale della Sicurezza Stradale, della Polizia della Strada, della Motorizzazione Civile e della Croce Rossa. La conoscenza dello stato di salute dei camionisti, e dell efficienza dei loro mezzi, costituisce una base fondamentale per progettare gli interventi di prevenzione e promozione di corretti stili di vita e di efficienza degli automezzi, che garantiscano la sicurezza dei camionisti stessi e di tutti gli utenti della strada. Gli incidenti stradali provocano ogni anno in Italia circa decessi, circa ricoveri ospedalieri e prestazioni di pronto soccorso non seguite da ricovero. Questo importante e rilevante problema di salute che riguarda lavoratori e cittadini, rappresenta anche un notevole costo in termini economici. Nulla tuttavia è più insopportabile dell alto costo in vite umane, che occorre ancor più limitare attraverso coordinate azioni di prevenzione e controllo. 15

16 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina16 Individuare i problemi di salute che possono essere affrontati con gli strumenti propri della prevenzione, è diventata da anni parte integrante delle politiche delle regioni. La ricerca di strategie preventive in grado di dare risposte a una vera emergenza sanitaria rappresentata dal fenomeno degli incidenti stradali, è diventata una necessità prioritaria, convinti come siamo, che i traumi da traffico si collocano fra le patologie evitabili. In quest ambito, si collocano anche gli infortuni sul lavoro conseguenti a incidenti stradali, che rappresentano ormai in Sicilia, come nel resto d Italia, oltre il 50% di tutti gli infortuni mortali, comprendendo sia quelli in itinere che quelli che avvengono su strada durante l orario di lavoro. E quindi, almeno prioritario, mettere a punto strategie in grado di affrontare efficacemente il fenomeno degli infortuni causati da incidente stradale, attraverso percorsi di prevenzione elaborati dagli enti a ciò preposti, a cominciare dall Inail che svolge un ruolo centrale. La strada è luogo di lavoro in cui molti cittadini-lavoratori operano giornalmente con la propria attrezzatura, sia essa l auto, il pullman, il camion o il furgone. L incidente stradale in orario di lavoro, diurno come notturno, diventa per questi lavoratori, come l infortunio da prevenire, anche usando gli strumenti dell informazione, della formazione e dell organizzazione aziendale previsti dai decreti legislativi in materia. Questa semplice constazione, merita ancora maggiore attenzione da parte di Lavoratori, Imprenditori, Sindacati e di quanti si occupano di sicurezza sul lavoro, perché per prevenire efficacemente gli infortuni in ambito stradale, oltre che osservare scrupolosamente le leggi, i codici, i regolamenti, i contratti di lavoro, curare la formazione iniziale e continua dei conducenti privati e professionali, occorre innanzitutto produrre il massimo dello sforzo per modificare, radicalmente, i comportamenti e i luoghi comuni (vedi perenne lotta camionisti-automobilisti) che continuano ad esistere lungo strade e autostrade, e lottare contro le pratiche pericolose di autisti e conducenti di mezzi leggeri e pesanti. 16

17 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina17 Nell UE muoiono ogni anno in incidenti stradali circa 1000 autotrasportatori, a prova della pericolosità di questo mestiere. Gli incidenti stradali in cui sono coinvolti automezzi pesanti danneggiano l immagine e l accettazione da parte del pubblico del trasporto stradale. Non bisogna tuttavia dimenticare che tutti i lavoratori, anche quelli del trasporto stradale, hanno diritto a un posto di lavoro sicuro e sano. Violazioni più frequenti degli autisti (in ordine di frequenza): - Eccesso di velocità; - Superamento dei tempi di guida; - Guida sotto l effetto dell alcol; - Uso senza auricolare del cellulare, e del c.b., durante la guida; - Carico non a norma; - Mancata revisione e controllo periodico di sicurezza dei mezzi; - altro. 17

18 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina18 Le Imprese, l informazione, la formazione Si stima che attualmente non più del 10% dei conducenti professionali hanno seguito una formazione oltre alla patente di guida. Forse gli incidenti non hanno anche un impatto sui costi delle imprese? Le ricerche di mercato ci confermano che le imprese che adottano una politica di sicurezza stradale riducono in genere i loro costi di funzionamento. Annualmente l Inail, il Ministero dei Trasporti, i Sindacati di categoria, la Polizia Stradale, le Associazioni, promuovono progetti volti al miglioramento della sicurezza nel comparto del trasporto su strada. Esiste un Piano Nazionale della Sicurezza Stradale, nell ambito del quale è particolarmente importante ed efficace l azione della Consulta Nazionale sulla Sicurezza Stradale. Fra i settori d intervento assumono particolare rilievo il miglioramento della sicurezza nel comparto della mobilità sul lavoro, e nei tragitti casalavoro, e il miglioramento della sicurezza stradale nel comparto del trasporto merci su strada. Esistono disciplinari (già adottati da alcune regioni), ad uso di qualsiasi Azienda con dipendenti con ruolo di autista, che intenda migliorare le proprie condizioni di sicurezza rispetto al rischio di infortunio da incidente stradale. Riteniamo che coniugare i bisogni e le necessità dei lavoratori dell autotrasporto, delle imprese e di quanti operano nel comparto, con l esigenza di intraprendere percorsi virtuosi che hanno l obiettivo di prevenire gli infortuni da incidente stradale, sia la strada maestra per ridurre notevolmente le vittime della strada ed i costi che ne derivano. 18

19 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina19 CONSIGLI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA Non assumere (mai) droghe e alcolici; Rispetta gli orari di riposo, sono fondamentali per mantenere l efficienza psico-fisica; Non manomettere gli strumenti di controllo a bordo; Dormi almeno 8 ore a notte. Le apnee notturne e i colpi di sonno diurni, sono tra i principali problemi connessi alle scarse ore di sonno. Questi fenomeni sono, spesso, all'origine di tragici incidenti stradali; Combatti il sovrappeso, il tuo stato di salute se ne gioverà in ogni caso; Cura l alimentazione, assumi cibi leggeri, facilmente digeribili e nutrienti: Se devi assumere farmaci informati con il medico sugli effetti che possono manifestarsi durante la guida; Lo stress e la stanchezza sono i tuoi nemici: riposati; La guida notturna richiede un impegno notevole: se sei stanco fermati; Impara ad affrontare le emergenze tecniche, meccaniche e sanitarie; Rispettare il codice della strada vuol dire rispettare te stesso, la tua famiglia e gli altri; Accertati di avere a bordo un estintore adatto e funzionante per ogni evenienza; La tua sicurezza dipende anche dall efficienza del mezzo: cura la manutenzione e revisione periodica programmata. 19

20 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina20 L infortunio in itinere* Dopo una elaborata evoluzione giurisprudenziale sulla tematica, il legislatore ha regolamentato il c.d. infortunio in itinere con l'articolo 12 del decreto legislativo 38/2000. In tal modo, viene cosi introdotta la copertura assicurativa per gli infortuni subiti dai lavoratori assicurati durante il normale percorso di andata e ritorno dall'abitazione al posto di lavoro. Le eventuali interruzioni e deviazioni del normale percorso non rientrano nella copertura assicurativa ad eccezione delle interruzioni/deviazioni effettuate in attuazione di una direttiva del datore di lavoro, o dovute a causa di forza maggiore (es.:guasto meccanico) o per esigenze essenziali ed improrogabili (es.:soddisfacimento di esigenze fisiologiche) o nell'adempimento di obblighi penalmente rilevanti (es.:prestare soccorso a vittime di incidente stradale), o di brevi soste che non alterano le condizioni di rischio. L'assicurazione opera anche nel caso di utilizzo di un mezzo di trasporto privato, a condizione che sia necessitato l'uso, in quanto non esistono mezzi pubblici che colleghino l'abitazione del lavoratore al luogo di lavoro, o vi sia una incongruenza degli orari dei servizi pubblici con quelli lavorativi, o ancora la distanza minima del percorso sia tale da poter essere percorsa a piedi. Rimangono esclusi dall'indennizzo gli infortuni direttamente causati dall'abuso di sostanze alcoliche e di psicofarmaci, dall'uso non terapeutico di stupefacenti e allucinogeni nonché dalla mancanza della patente di guida da parte del conducente. La Corte di Cassazione Con riferimento all'art. 12 del D.Lgs. n. 38/2000, che codifica la disciplina in materia di infortunio in itinere, è stata estesa la tutela assicurativa agli eventi lesivi occorsi ai lavoratori "durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro.. La suprema Corte di Cassazione ha poi evidenziato che, attraverso una interpretazione logico sistematica dell intero art. su menzionato, é chiaro che l infortunio in itinere deve verificarsi nella pubblica strada o, comunque, non in luoghi identificabili con quelli di esclusiva (o comune) proprietà del lavoratore assicurato. 20

21 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina21 Riassumendo, l'assicurazione comprende gli infortuni occorsi alle persone assicurate durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro, anche nel caso di utilizzo del mezzo di trasporto privato, purché imposto da particolari esigenze. *Commenti tratti da Diritto dei Lavori Anno IV n. 3, novembre L Inail, l infortunio e il rischio elettivo L Inail (Circolare n. 23 del 23 aprile 2005) ha più volte affrontato anche l ipotesi dell infortunio occorso al lavoratore, per colpa di quest ultimo, giungendo ad affermare che gli aspetti soggettivi della condotta dell assicurato (negligenza, imprudenza e imperizia) non assumono rilevanza ai fini dell indennizzabilità. Poiché la colpa del lavoratore non interrompe il nesso causale tra il rischio lavorativo e il sinistro, salvo non si tratti di comportamenti così abnormi da sfociare nel rischio elettivo. Costituisce orientamento interpretativo acquisito della Suprema Corte, che il rischio elettivo, quale limite all'indennizzabilità, è ravvisabile solo in presenza di: Un comportamento abnorme, volontario ed arbitrario del lavoratore, tale da condurlo ad affrontare rischi diversi da quelli inerenti alla normale attività lavorativa (Corte di Cassazione n /2007; n /2001; n. 8269/1997; n. 6088/1995). Un ipotesi evidente di rischio elettivo potrebbe essere quella dei lavoratori che colgono l occasione del percorso abitazione-posto di lavoro per effettuare una gara di velocità; altri casi potrebbero essere quelli della guida senza patente, o degli incidenti causati dall abuso di alcolici o dall uso di sostanze stupefacenti. I lavoratori maggiormente a rischio infortunio in itinere sono i lavoratori pendolari. Il fenomeno del pendolarismo investe indistintamente le più svariate categorie di lavoratori coinvolgendo, oltre a problematiche sociologiche, urbanistiche, organizzative ed economiche, anche aspetti di natura medico-legale. 21

22 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina22 Consigli utili per limitare gli infortuni in itinere: Preferisci sempre il percorso più breve conosciuto e sicuro (e con il mezzo più idoneo e meno rischioso) per raggiungere il luogo di lavoro; Utilizza i mezzi di trasporto pubblico quando il luogo della tua abitazione è servito in maniera adeguata alle tue esigenze di orario; Usa il mezzo privato (qualunque sia) solo se è giustificato da necessità di collegamento fra l abitazione e il luogo di lavoro; Muoviti per raggiungere il luogo di lavoro solo se le tue condizioni fisiche sono tali da non determinare condizioni di pericolo per te e per gli altri; 22

23 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina23 I GIOVANI E LA PREVENZIONE Il problema della sicurezza stradale 23

24 Ilrischiostradale_Layout121/04/201112:42Pagina24 PSICOLOGIA ED ETICA Per ogni decesso sulle strade ci sono circa 10 individui che avranno l esistenza irrimediabilmente segnata da una grave inabilità, persone che non potranno più camminare, e vivere con la stessa gioia che avevano prima dell incidente. Gli incidenti stradali, infatti, sono la prima causa di morte per i giovani tra i 15 ed i 29 anni. I progetti governativi constano di un piano nazionale per la sicurezza stradale, articolato in una serie di interventi in diversi settori, ed essenzialmente fondato su cinque linee di intervento: programmazione; regolamentazione; formazione e sperimentazione; controlli; informazione e comunicazione. In tale quadro, i Ministeri dell Interno e della Gioventù, hanno ritenuto utile avviare il maggior numero di processi partecipati, e convocare un tavolo di confronto con associazioni rappresentative della produzione, somministrazione e vendita di bevande alcoliche, e dei locali di ritrovo in generale. Si è ritenuto quindi di procedere alla definizione di un codice etico la cui sottoscrizione possa essere condivisa da tutti i soggetti interessati e allargata alle associazioni rappresentative di settore che ritengono di poter aderire agli stessi principi. 24

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Gli incidenti stradali

Gli incidenti stradali Nel mondo ogni anno ci sono Gli incidenti stradali 1 milione 200 mila morti (1 ogni 25 secondi) 50 milioni feriti (1 al secondo circa) In Italia in un giorno ci sono 633 incidenti stradali in media con

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Progetto finanziato dal Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri Con questo breve opuscolo vogliamo darti qualche informazione rispetto ai danni che l uso e

Dettagli

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE 20 marzo 2008 AVIGLIANA 22 aprile 2008 BEINASCO VIVI LA NOTTE E un progetto attivo dal settembre 2006. Gestito dalla Cooperativa Sociale ESSERCI e finanziato

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA Non si è raggiunto l obiettivo! E necessario inaugurare un grande cantiere fatto di: Cultura della sicurezza Tecnologia della sicurezza Prevenzione Controlli

Dettagli

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate

Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate MEMO/10/343 Bruxelles, 20 luglio 2010 Programma 2011-2020 sulla sicurezza stradale: misure dettagliate La Commissione ha adottato oggi un programma ambizioso sulla sicurezza stradale inteso a dimezzare

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA

LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA LE DIMENSIONI QUANTITATIVE DEL PROBLEMA In Italia, nel 2008, gli incidenti stradali sono stati 218.963. Hanno determinato 4.731 morti e 310.739 feriti, per un costo sociale di circa 30 miliardi di Euro

Dettagli

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni

Alcol al volante. Per una guida sicura verso il futuro. upi Ufficio prevenzione infortuni Alcol al volante Per una guida sicura verso il futuro upi Ufficio prevenzione infortuni Salute! Molti incidenti stradali sono causati da un conducente in stato di ebbrezza. Sotto l influenza dell alcol

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER

Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Allegato 3 QUESTIONARIO POST PER I PEER Ti chiediamo di rispondere con la massima tranquillità e sincerità alle domande che troverai di seguito: tieni presente che il questionario è anonimo per ogni domanda,

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

NUOVI FATTORI di RISCHIO nel SETTORE TRASPORTI

NUOVI FATTORI di RISCHIO nel SETTORE TRASPORTI CONVEGNO Il PROGETTO ALCOL E LAVORO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA: tra promozione di sani stili di vita e applicazione della normativa NUOVI FATTORI di RISCHIO nel SETTORE TRASPORTI Dr.ssa Elena CHIESA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

Prevenzione e salute del Driver

Prevenzione e salute del Driver Prevenzione e salute del Driver Dalla Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro alla Prevenzione quale strumento per il miglioramento della qualità della vita del driver. Relatore: Fabio Spaggiari info@fabiospaggiari.com

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcooliche. 2. Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale I dati sulla guida in stato di ebbrezza secondo una recente

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli La scatola rosa a Milano Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli 24 novembre 2008 Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale: chi siamo La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale

Dettagli

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale

L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale L uso di bevande alcoliche e la sicurezza stradale I risultati dello Studio PASSI 2005 in Provincia di Savona Maria Paola Briata Savona 7 Maggio 2007 Consumo ed abuso di bevande alcoliche l alcol insieme

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Alcuni dati. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno.

Alcuni dati. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno. Alcuni dati In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno. Secondo fonti statistiche,sono 6500 i soli bambini che muoiono annualmente per incidenti

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini

A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini Progetto: SICUREZZA STRADALE 2007 Sede Centrale ISISS Mostra informativa sui pericoli dell alcol A cura dei ragazzi del biennio ITIS Coordinatore: prof Donato Saini per mille : questi illustri sconosciuti

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D. ARFELLI CESENATICO. Progetto Patentino

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D. ARFELLI CESENATICO. Progetto Patentino Progetto Patentino Nel 2000, nell Unione Europea, gli incidenti stradali hanno provocato la morte di oltre 40000 persone, per non parlare di feriti. La fascia di eta piu colpita è quella dei giovani tra

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE SULLA SICUREZZA STRADALE - RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO

CONSULTA NAZIONALE SULLA SICUREZZA STRADALE - RICERCHE E SERVIZI PER IL TERRITORIO Le analisi e le elaborazioni che sono alla base del presente documento sono state realizzate dalla RST, Ricerche e Servizi per il Territorio, nell ambito del Laboratorio per il Governo e la Sicurezza Stradale,

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

RIFLESSOMETRO. Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro

RIFLESSOMETRO. Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro RIFLESSOMETRO Reale Sicurezza Attiva su Strada e al Lavoro Applicazione disponibile per tutti i cellulari e tablet con sistema operativo ios e Android Sistema brevettato e protetto da copyright Per informazioni

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso Sicurezza stradale Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso velocità, semaforo rosso, uso del casco, uso telefono cellulare e cinture di sicurezza, sono sviluppate attraverso azioni

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- ART. 189 - Comportamento in caso

Dettagli

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro

Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro ISTITUTO COMPRENSIVO N 17 Informativa assunzione di alcol nei luoghi di lavoro [L. 125/01 e D.Lgs 81/08] Il lavoratore, oltre a proteggere la propria salute e sicurezza, deve tutelare quella altrui come

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2016 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori GRECO, TOMASSINI e PELLICINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 GENNAIO

Dettagli

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007 IP/07/584 Bruxelles, 27 avril 2007 Sicurezza stradale: il programma d azione europeo continua a registrare buoni risultati l obiettivo di salvare 25 000 vite sulle strade d Europa può essere raggiunto

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

OBIETTIVI DEFINIRE :

OBIETTIVI DEFINIRE : TRASPORTO SANITARIO OBIETTIVI DEFINIRE : il Trasporto Sanitario Semplice; nozioni giuridiche relative al Trasporto Sanitario Semplice; nozioni utili ad instaurare una corretta relazione con tutti gli interlocutori.

Dettagli

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE

LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Dipartimento di Psicologia Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo LA GUIDA PERICOLOSA IN ADOLESCENZA: FUNZIONI E FATTORI DI PROTEZIONE Emanuela CALANDRI, Federica GRAZIANO Laboratorio Regionale Pensare

Dettagli

PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA - LA VALUTAZIONE -

PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA - LA VALUTAZIONE - PROMUOVERE E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA - LA VALUTAZIONE - A cura di Maria Grazia Accorsi 1 La fase di valutazione è strettamente collegata - alla definizione dei risultati di apprendimento

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA. Documento di lavoro a cura di Paola Ricci. RISCHIO: Conoscere per prevenire

LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA. Documento di lavoro a cura di Paola Ricci. RISCHIO: Conoscere per prevenire LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA Documento di lavoro a cura di Paola Ricci RISCHIO: Conoscere per prevenire CONTENUTI / FINALITA / NUCLEI FONDANTI DI COMPETENZA Scuola secondaria di primo grado

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA

Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA Paolo Lauriola Direttore Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA EMILIA ROMAGNA OBIETTIVI DELLO STUDIO Analizzare la percezione del rischio di incidente stradale di un campione di giovani prima

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA Franco Taggi NORME DI COMPORTAMENTO GENERALE SULLA STRADA - I Tenete sempre in ordine il vostro mezzo (pneumatici, freni, luci, ecc.) Adeguate

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino.

Opuscolo. Soltanto sorseggiandolo piano e assaporandolo lentamente, si può apprezzare e godere appieno del gusto composito di un vino. Opuscolo Il vino con moderazione Il vino: la cultura della moderazione Da millenni la produzione e il consumo di vino fanno parte del retaggio europeo. L UE è il principale produttore di vino al mondo,

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

I VULNERABILI. di e con. Filippo Tognazzo

I VULNERABILI. di e con. Filippo Tognazzo I VULNERABILI di e con Filippo Tognazzo PER INFORMAZIONI Federica Bittante 340 936 28 03 spettacoli@zeldasrl.com NOTE Le informazioni e le statistiche riportate nel progetto sono tratte da studi pubblicati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA Siegfried Stohr Christian Sbocchi della GUIDA SICURA Informazione ai lavoratori per la sicurezza nella guida dei veicoli aziendali ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del Nuovo Codice della Strada della GUIDA

Dettagli

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda.

La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. La giusta protezione per la sicurezza della tua azienda. Catalogo Corsi Sicurezza Rischio Medio (d.lgs 81/08 e suc. mod.) Per la gamma completa di prodotti visita www.aforabruzzo.it corsi base 2 Corso

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Videocorso Guida Sicura

Videocorso Guida Sicura GUIDA SICURA Le tecniche di guida per limitare i rischi di chi lavora al volante Slide n. 1 Indice del corso La sicurezza comincia da noi Il guidatore Il veicolo Tecniche di guida Come si affronta una

Dettagli

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012 VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia semestre 2012 I primi dati del 2012 Nel primo semestre 2012 sono stati rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553

Dettagli

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen PRUEBA DE ACCESO A LA 2012 Italiano BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR Examen Criterios de Corrección y Calificación Quest'esame ha due opzioni. Deve rispondere solo

Dettagli