World Energy Outlook SINTESI. Italian translation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "World Energy Outlook SINTESI. Italian translation"

Transcript

1 World Energy Outlook SINTESI Italian translation 2014

2 AGENZIA INTERNAZIONALE PER L ENERGIA L Agenzia Internazionale per l Energia (AIE) è un organismo autonomo istituito nel novembre del Il suo compito principale era - ed è tuttora - duplice: favorire la sicurezza energetica dei paesi membri attraverso un meccanismo di risposta collettiva all interruzione fisica di forniture petrolifere e fornire ricerche e analisi autorevoli che suggeriscano ai suoi 29 paesi membri, e non solo, come garantirsi l accesso a fonti energetiche affidabili, accessibili e pulite. L AIE porta avanti un vasto programma di cooperazione energetica che coinvolge i suoi paesi membri, ciascuno dei quali ha l obbligo di detenere un livello di scorte petrolifere equivalente a 90 giorni delle rispettive importazioni nette. Alcuni dei principali obiettivi dell AIE sono: Assicurare ai paesi membri l accesso a forniture affidabili e consistenti di tutte le forme di energia; in particolare, mantenendo efficaci strumenti di risposta a situazioni di emergenza dovute a crisi degli approvvigionamenti petroliferi. Promuovere politiche energetiche sostenibili che stimolino, su scala mondiale, la crescita economica e la protezione dell ambiente - soprattutto in termini di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra che contribuiscono al cambiamento climatico. Migliorare la trasparenza dei mercati internazionali attraverso la raccolta e l analisi dei dati energetici. Supportare la collaborazione mondiale in materia di tecnologie energetiche al fine di garantire le future disponibilità di energia e mitigarne l impatto ambientale, anche grazie al miglioramento dell efficienza energetica e allo sviluppo e alla diffusione di tecnologie a basso contenuto di carbonio. Trovare soluzioni alle sfide energetiche mondiali attraverso il coinvolgimento e il dialogo con i paesi non membri, l industria, le organizzazioni internazionali e gli altri attori coinvolti. International Energy Agency 9 rue de la Fédération Paris Cedex 15, France La presente pubblicazione è soggetta a specifiche restrizioni che ne limitano l uso e la distribuzione. I termini e le condizioni sono disponibili online al seguente indirizzo web: I paesi membri dell AIE sono: Australia Austria Belgio Canada Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Giappone Grecia Irlanda Italia Lussemburgo Olanda Nuova Zelanda Norvegia Polonia Portogallo Regno Unito Repubblica Ceca Repubblica di Corea Repubblica Slovacca Spagna Svezia Svizzera Stati Uniti Turchia Ungheria Anche la Commissione Europea partecipa ai lavori dell AIE. Secure Sustainable Together

3 Sintesi Un sistema energetico sotto pressione Il sistema energetico mondiale rischia di deludere le speranze e le aspettative che su di esso sono state riposte. Le tensioni in diverse parti del Medio Oriente che rimane l unica regione con risorse di petrolio producibili a costi contenuti hanno raggiunto un livello che difficilmente è stato più elevato sin dai tempi delle crisi petrolifere degli anni Settanta. Il conflitto tra Russia e Ucraina ha riacceso i timori legati alla sicurezza delle forniture di gas. Il nucleare, che in alcuni paesi riveste un importanza strategica per garantire la sicurezza energetica (e che viene approfonditamente esaminato in questa edizione del World Energy Outlook [WEO-2014]), ha di fronte a sé un futuro incerto. Forniture energetiche moderne rimangono inaccessibili a molte persone, inclusi due terzi della popolazione dell Africa subsahariana (a cui viene dedicato il focus regionale nel WEO-2014). Il punto di partenza delle negoziazioni internazionali sul clima, che raggiungeranno il loro momento cruciale nel 2015, non è incoraggiante: un continuo aumento delle emissioni mondiali di gas responsabili dell effetto serra e un soffocante inquinamento atmosferico in molte delle città che crescono più velocemente. I progressi tecnologici e i risultati raggiunti in termini di efficienza alimentano qualche ragione di ottimismo ma saranno necessari significativi sforzi politici per migliorare i trend energetici. I segnali di stress che gravano sul sistema energetico sarebbero molto più forti in assenza dei miglioramenti di efficienza conseguiti e dei continui sforzi profusi per sostenere l innovazione e ridurre il costo delle piú moderne tecnologie energetiche, come il solare fotovoltaico (FV). Tuttavia, i trend energetici mondiali non sono facilmente modificabili e le preoccupazioni legate alla sicurezza e alla sostenibilità degli approvvigionamenti non si risolveranno da sole. E necessario che istituzioni adeguatamente informate, l industria e chiunque si occupi di energia, agiscano. Il WEO- 2014, che per la prima volta presenta proiezioni e analisi fino al 2040, fornisce elementi analitici che possono contribuire a far sì che il sistema energetico venga modificato non solo dagli eventi ma attraverso interventi strutturali mirati. Energia: la risposta a e la causa di alcuni urgenti problemi Nel nostro scenario centrale, la domanda mondiale di energia è attesa aumentare del 37% al 2040, ma il trend di crescita della popolazione e dell economia mondiale è caratterizzato da una minore intensità energetica rispetto al passato. L incremento della domanda mondiale di energia rallenta sensibilmente nel nostro scenario centrale, da una crescita media annua superiore al 2% negli ultimi due decenni all 1% dopo il 2025; ciò è il risultato delle dinamiche dei prezzi, delle politiche intraprese e della transizione strutturale dell economia mondiale verso una maggiore importanza dei servizi e dell industria a minore intensità di consumo energetico. La distribuzione geografica della domanda mondiale di energia cambia ancora più radicalmente: mentre in gran parte dell Europa, Giappone, Corea e Nord America i consumi mostrano una sostanziale stabilità, la crescita si concentra nel resto dell Asia (60% del totale), in Africa, in Medio Oriente e in America Latina. Un Sintesi 1

4 momento importante viene raggiunto all inizio del decennio 2030 quando la Cina diventa il primo consumatore petrolifero mondiale superando gli Stati Uniti, dove la domanda di petrolio diminuisce riportandosi su livelli che non si verificavano da decenni. Ma, a partire da quel momento, i principali motori della crescita della domanda mondiale di energia saranno India, Sudest asiatico, Medio Oriente e Africa sub-sahariana. Al 2040, il mix energetico mondiale si suddivide in quattro categorie di quasi egual peso: petrolio, gas, carbone e fonti a basso contenuto di carbonio. Durante l orizzonte di previsione, la disponibilità fisica delle risorse non rappresenta un vincolo ma ciascuna di queste quattro fonti su cui poggia il sistema energetico globale si trova ad affrontare un diverso insieme di sfide. Le scelte politiche e gli sviluppi di mercato che riducono la quota delle fonti fossili sulla domanda primaria di energia appena al di sotto del 75% al 2040, non bastano per arrestare l aumento delle emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) legate all energia, che crescono di un quinto. A causa di queste dinamiche, il mondo continua a muoversi lungo una traiettoria coerente con un incremento della temperatura media mondiale di lungo termine di 3.6 o C. Il Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici stima che per contenere l aumento della temperatura entro i 2 o C obiettivo concordato a livello internazionale se si vogliono evitare più ampie e gravi implicazioni legate al cambiamento climatico le emissioni mondiali di CO 2 dal 2014 in poi devono mantenersi al di sotto del livello soglia di gigatonnellate. Nel nostro scenario centrale, questo intero ammontare viene emesso nel periodo compreso fino al Dal momento che le emissioni non crolleranno a zero velocemente una volta raggiunta questa soglia, risulta evidente che il perseguimento dell obiettivo dei 2 o C richiede un azione urgente e tale da indirizzare il sistema energetico lungo un percorso più sicuro. Sarà questo il focus del Rapporto Speciale del WEO che verrà pubblicato a metà 2015, prima del cruciale avvio delle negoziazioni ONU sul clima che si terranno a Parigi. Aumentano i timori sulla sicurezza energetica Nel breve termine, il mercato petrolifero risulta ben fornito ma l attuale adeguatezza non deve nascondere le criticità a cui va incontro, in quanto aumenta la dipendenza da un numero relativamente ristretto di produttori. I trend della domanda petrolifera mostrano significative differenze a livello regionale: per ogni barile di petrolio che non viene più consumato nei paesi OCSE, due barili in più sono richiesti da quelli non-ocse. Il maggior consumo nel settore trasporti e nel comparto petrolchimico fa sì che la domanda di petrolio continui a muoversi lungo un trend di crescita, passando da 90 milioni di barili al giorno (mb/g) nel 2013 a 104 mb/g nel 2040; tuttavia, il ritmo di crescita rallenta in quanto alti prezzi e nuove misure politiche tendono a stabilizzare il livello della domanda. Per soddisfare i consumi attesi, entro il decennio 2030 è necessario investire circa 900 miliardi di dollari l anno nello sviluppo upstream di petrolio e gas; permangono tuttavia molti dubbi sulla tempestiva realizzazione di questi investimenti soprattutto in relazione al fatto che la produzione di tight oil degli Stati Uniti si stabilizzerà all inizio del decennio 2020 e che l offerta complessiva dell area inizierà a diminuire. La complessità e l alta intensità di capitale che caratterizza lo sviluppo dei giacimenti deepwater brasiliani, la difficile 2 World Energy Outlook 2014

5 replicabilità su larga scala al di fuori del Nord America dell esperienza degli USA nello sviluppo di tight oil, le questioni irrisolte che gravano sulle prospettive di crescita della produzione di sabbie bituminose in Canada, le sanzioni che limitano l accesso della Russia alle tecnologie e al mercato dei capitali e soprattutto le critiche condizioni politiche e di sicurezza dell Iraq, sono tutti fattori che potrebbero contribuire alla realizzazione di un volume di investimenti inferiore a quello necessario. La situazione in Medio Oriente è una delle principali ragioni di preoccupazione in quanto la crescita dell offerta petrolifera dipende sempre più da questa regione; questo è vero soprattutto per i paesi asiatici, attesi importare due terzi dei volumi di greggio scambiati a livello internazionale al La domanda di gas naturale aumenta di oltre il 50%, mostrando il tasso di incremento più sostenuto tra le fonti fossili, e l aumento di un commercio mondiale di gas naturale liquefatto (GNL) maggiormente flessibile fornisce una sorta di protezione contro il rischio di interruzioni delle forniture. Le principali regioni che guidano l aumento della domanda di gas sono la Cina e il Medio Oriente, ma attorno al 2030 il gas diventa anche la fonte principale nel mix energetico dell OCSE, grazie alle nuove normative adottate negli Stati Uniti volte a limitare le emissioni del settore elettrico. A differenza del petrolio, la produzione di gas aumenta quasi ovunque (l Europa rappresenta la principale eccezione) e il gas non convenzionale conta per quasi il 60% della crescita dell offerta mondiale. La principale incertezza al di fuori del Nord America è se il gas naturale può essere reso disponibile a prezzi adeguati per i consumatori e che allo stesso tempo siano in grado di stimolare i cospicui e necessari investimenti in progetti ad altà intensità di capitale; ciò rappresenta un punto cruciale in molti mercati emergenti dell area non-ocse, in particolare in India e in Medio Oriente, ed anche per il commercio internazionale. I fabbisogni di importazione sono attesi aumentare in gran parte dell Asia così come in Europa, ma i timori legati alla sicurezza della futura offerta di gas sono in parte fugati dal sempre più numeroso gruppo di produttori internazionali, dal numero di impianti di liquefazione destinato a quasi triplicarsi e da una quota crescente di GNL che può essere re-direzionata in funzione delle richieste di breve termine di mercati regionali sempre più interconnessi. Mentre le risorse di carbone sono abbondanti e l offerta sicura, il suo consumo futuro è condizionato da misure politiche volte a contrastare l inquinamento e a ridurre le emissioni di CO 2. La domanda mondiale di carbone aumenta del 15% al 2040, ma quasi i due terzi della crescita si verificano nei prossimi dieci anni. Il consumo di carbone della Cina si stabilizza attorno ad una quota di poco superiore al 50% della domanda mondiale, per poi ridursi dopo il La domanda diminuisce nell area OCSE, inclusi gli Stati Uniti, dove l uso di carbone per la generazione elettrica cala di oltre un terzo. L India supera gli Stati Uniti come secondo maggior consumatore di carbone prima del 2020 e subito dopo sorpassa la Cina come principale importatore. Gli attuali bassi prezzi del carbone hanno esercitato pressioni sui produttori affinché tagliassero i costi, e la conseguente perdita della capacità di produzione più costosa, unita ad una crescita della domanda, sono attesi supportare un incremento del prezzo sufficiente ad attirare nuovi investimenti. Al 2040, Cina, India, Indonesia e Australia contano per oltre il 70% dell offerta mondiale di carbone, il che evidenzia il ruolo centrale dell Asia sui mercati carboniferi. L adozione di tecnologie Sintesi 3

6 ad alta efficienza per la generazione elettrica a carbone e, nel più lungo termine, di sistemi di cattura e stoccaggio del carbonio, può rappresentare una strategia prudente e finalizzata ad assicurare una transizione graduale verso un sistema elettrico a basso contenuto di carbonio, riducendo al contempo il rischio che la capacità rimanga inutilizzata prima del pieno recupero dei costi di investimento. Per aumentare l efficienza del mix energetico servono prezzi e politiche adeguati L efficienza energetica è uno strumento di cruciale importanza per allentare la pressione che grava sull offerta di energia ed in parte può anche attenuare gli effetti sulla competitività generati dai differenziali dei prezzi energetici regionali. In molti paesi si sta consolidando una rinnovata attenzione politica sull efficienza e il settore trasporti è in prima linea. Con oltre i tre-quarti delle automobili vendute su scala mondiale soggetti a nuovi standard di efficienza, la domanda petrolifera del settore trasporti è attesa aumentare di appena un quarto, nonostante il numero di autovetture e di mezzi pesanti che circolano su strada più che raddoppia al I nuovi sforzi compiuti in termini di efficienza si traducono in una minor crescita della domanda di petrolio, per un volume stimato in 23 mb/g al 2040 più dell attuale produzione combinata di Arabia Saudita e Russia mentre le misure intraprese principalmente nel settore elettrico e industriale riducono la crescita della domanda di gas di 940 miliardi di metri cubi, più dell attuale produzione di gas del Nord America. Oltre a ridurre il costo delle importazioni energetiche e gli effetti benefici sull ambiente, le misure per l efficienza possono in parte contribuire ad attenuare il timore che prezzi relativamente alti di gas ed elettricità costituiscano uno svantaggio competitivo per le industrie ad alta intensità energetica, specie in alcune regioni dipendenti dalle importazioni. Tali opportunità sono presenti in settori come acciaio, alluminio e produzione di plastiche. Tuttavia, le differenze tra i prezzi energetici regionali sono attese persistere e il Nord America, in particolare, rimane una regione con costi relativamente bassi fino al 2040: negli Stati Uniti, la spesa media per un unità di energia è attesa scendere perfino al di sotto di quella della Cina nel corso del decennio I sussidi alle fonti fossili hanno raggiunto i 550 miliardi di dollari nel 2013 più di quattro volte quelli elargiti a favore delle energie rinnovabili rappresentando un ostacolo agli investimenti in efficienza e in fonti rinnovabili. In Medio Oriente, circa 2 mb/g di greggio e di prodotti raffinati vengono utilizzati per la generazione elettrica ma, in assenza di sussidi, le principali tecnologie rinnovabili sarebbero competitive rispetto alle centrali elettriche alimentate a petrolio. In Arabia Saudita, l investimento addizionale necessario per l acquisto di una autovettura due volte più efficiente rispetto alla media delle vetture circolanti attualmente è recuperabile in 16 anni: questo periodo di ritorno dell investimento si ridurrebbe a 3 anni se la benzina non fosse sussidiata. Non è facile riformare i sussidi energetici e non esiste una formula vincente univoca. Tuttavia, come mostrano i casi di studio proposti relativi a Egitto, Indonesia e Nigeria, la chiarezza sugli obiettivi e sulle tempistiche della riforma, una attenta valutazione dei relativi effetti e delle modalità con cui (se necessario) possono essere mitigati, l attuazione di procedure di 4 World Energy Outlook 2014

7 consultazione e un buon livello di comunicazione in tutte le fasi del processo, sono elementi essenziali per procedere in questa direzione. Il settore elettrico sta guidando la trasformazione del sistema energetico globale L elettricità è la forma finale di energia che mostra la crescita più sostenuta ed è il settore che contribuisce più di ogni altro alla riduzione della quota delle fonti fossili sul mix energetico mondiale. Complessivamente, entro il 2040 dovranno essere costruiti circa gigawatts (GW) di capacità per soddisfare la crescente domanda di elettricità e al contempo sostituire gli impianti esistenti che verranno dismessi (circa il 40% del parco di generazione attuale). La forte crescita delle rinnovabili in molti paesi fa sì che la quota di queste fonti sul mix mondiale di generazione si collochi attorno al 33% all orizzonte Saranno necessari adeguati segnali di prezzo se si vuole garantire la realizzazione tempestiva di investimenti in nuova capacità di generazione termoelettrica, necessaria, insieme ad investimenti in capacità rinnovabile, per mantenere l affidabilità del sistema elettrico. In alcuni casi, ciò richiederà l attuazione di riforme volte a modificare la struttura del mercato o i meccanismi di definizione del prezzo dell elettricità. Il sempre maggior ricorso a tecnologie a più alta intensità di capitale e gli alti prezzi dei combustibili fossili determinano, in gran parte dei paesi del mondo, un crescente costo medio della produzione di elettricità e, di conseguenza, dei prezzi delle forniture per i consumatori finali. Tuttavia, i miglioramenti di efficienza conseguiti negli usi finali contribuiscono a ridurre la quota di reddito spesa dalle famiglie per il loro fabbisogno elettrico. Le tecnologie energetiche rinnovabili, elemento di cruciale importanza del mix energetico mondiale, stanno rapidamente guadagnando terreno, sostenute da sussidi che nel 2013 sono ammontati su scala globale a 120 miliardi di dollari. Grazie alle rapide riduzioni di costo e ai continui incentivi, le rinnovabili contano per quasi la metà della crescita della generazione elettrica mondiale al 2040, mentre il consumo di biocarburanti più che triplica portandosi a 4,6 mb/g e l uso di rinnovabili termiche più che raddoppia. La quota di rinnovabili nella generazione elettrica aumenta nella maggioranza dei paesi OCSE dove raggiunge il 37% e assorbe l intero incremento netto della produzione elettrica dell area. Tuttavia, la generazione di elettricità da fonti rinnovabili aumenta più del doppio nei paesi non-ocse, soprattutto in Cina, India, America Latina e Africa. A livello mondiale, l eolico fornisce il contributo principale alla crescita della generazione da rinnovabili (34%), seguito dall idroelettrico (30%) e dalle tecnologie solari (18%). Poiché le quote dell eolico e del solare fotovoltaico sul mix energetico mondiale quadruplicano, la loro integrazione sia in termini tecnici che di mercato diventa più sfidante, con l eolico che raggiunge il 20% della generazione elettrica totale nell Unione Europea e il solare FV che soddisfa il 37% della domanda di picco estiva in Giappone. Un complesso insieme di fattori influenza le decisioni in materia di nucleare Le politiche relative all energia nucleare rimarranno un elemento di fondamentale importanza per le strategie energetiche nazionali, anche in quei paesi che decidono di abbandonare questa opzione e che si trovano quindi nella necessità di utilizzare Sintesi 5

8 tecnologie alternative. Nel nostro scenario centrale, la capacità nucleare mondiale aumenta di quasi il 60%, passando da 392 GW nel 2013 ad oltre 620 GW nel Tuttavia, la sua quota sulla generazione elettrica globale, che ha raggiunto il picco quasi due decenni fa, aumenta di appena un punto percentuale, portandosi al 12%. Questo trend di crescita riflette le criticità che si trovano ad affrontare tutti i tipi di nuova capacità termoelettrica in mercati elettrici competitivi, ma è anche l esito di una serie di problematiche economiche, tecniche e politiche che il nucleare, nello specifico, deve superare. La sua crescita si concentra in mercati in cui l elettricità viene fornita a prezzi regolati, in cui le utilities possono contare su aiuti di stato o nei quali i governi implementano azioni volte a favorire gli investimenti privati. La Cina conta per il 45% della crescita della generazione elettrica da nucleare durante l orizzonte di previsione, mentre India, Corea e Russia contribuiscono congiuntamente ad un altro 30%. La produzione di energia nucleare aumenta del 16% negli Stati Uniti, aumenta in Giappone (anche se non ritorna ai livelli precedenti l incidente alla centrale di Fukushima Daiichi) mentre diminuisce del 10% nell Unione Europea. Nonostante le sfide che si trova ad affrontare, l energia nucleare presenta caratteristiche specifiche alla base dell impegno di alcuni paesi di mantenerla come opzione futura. Le centrali nucleari possono contribuire all affidabilità del sistema elettrico laddove consentono una maggiore diversificazione delle tecnologie di generazione impiegate. In paesi che importano energia, il nucleare può ridurre la dipendenza da forniture estere e limitare la loro esposizione alle oscillazioni dei prezzi internazionali dei combustibili fossili. In un Low Nuclear Case in cui la capacità mondiale diminuisce del 7% rispetto al livello attuale gli indicatori di sicurezza energetica dei paesi che ricorrono alla tecnologia nucleare tendono a peggiorare. Ad esempio, in Giappone la quota della domanda di energia soddisfatta mediante forniture domestiche è inferiore (di 13 punti percentuali), così come in Corea (del 6%) e nell Unione Europea (del 4%), rispetto a quanto previsto nel nostro scenario centrale. L energia nucleare è una delle poche opzioni disponibili su larga scala che consente di ridurre le emissioni di anidride carbonica ed è, al contempo, in grado di fornire o sostituire capacità di generazione di tipo baseload. Dal 1971 ad oggi, ha evitato il rilascio di un ammontare stimato di CO 2 pari a 56 gigatonnellate, equivalente a quasi due anni di emissioni mondiali ai valori correnti. Le emissioni annuali evitate al 2040 grazie all energia nucleare (calcolate come quota delle emissione previste a quell orizzonte) raggiungono quasi il 50% in Corea, il 12% in Giappone, il 10% negli Stati Uniti, il 9% nell Unione Europea e l 8% in Cina. Il costo medio delle emissioni evitate attraverso nuova capacità nucleare dipende dal mix e dai costi dei combustibili che va a sostituire: pertanto, varia da livelli molto bassi ad oltre 80 dollari per tonnellata. Durante il periodo di proiezione, quasi 200 reattori (dei 434 operativi alla fine del 2013) verranno dismessi; gran parte di questi è concentrata in Europa, Stati Uniti, Russia e Giappone. La sostituzione del relativo ammanco di capacitá di generazione che ne consegue rappresenta una sfida particolarmente seria per l Europa. Le utilities devono iniziare a pianificare o lo sviluppo di capacitá alternativa o la continuitá operativa degli 6 World Energy Outlook 2014

9 impianti esistenti con diversi anni di anticipo rispetto al raggiungimento di fine età operativa delle centrali nucleari. Per facilitare questo processo, i governi devono fare chiarezza sull approccio che seguiranno nella proroga delle licenze e descrivere in modo dettagliato gli step regolatori da rispettare; il tutto con largo anticipo rispetto alle possibili chiusure degli impianti. Stimiamo che il costo del decommissioning delle centrali nucleari che verranno dismesse da qui al 2040 superi i 100 miliardi di dollari. Permangono significative incertezze riguardo questi costi, il che riflette la limitata esperienza, ad oggi disponibile, in merito allo smantellamento e decontaminazione dei reattori, nonché nel ripristino dei siti da destinare ad altri usi. Le autorità di regolazione e le utilities devono continuare a garantire che adeguati fondi a copertura di queste future spese vengano accantonati. Le preoccupazioni espresse dall opinione pubblica sul nucleare devono essere ascoltate ed affrontate. Le recenti esperienze hanno dimostrato come il punto di vista dell opinione pubblica in materia di energia nucleare possa cambiare velocemente e, in alcuni mercati, svolgere un ruolo determinante sul futuro di questa opzione energetica. La sicurezza è la preoccupazione principale, soprattutto in relazione ai reattori operativi, unitamente alla gestione delle scorie radioattive e alla prevenzione della proliferazione di armi nucleari. Avere fiducia nelle competenze e nell indipendenza delle autorità di regolamentazione responsabili della supervisione degli impianti nucleari è un fattore di cruciale importanza, specie se il ricorso al nucleare aumenta: nel nostro scenario centrale, il numero di paesi con reattori attivi passa da 31 a 36 in quanto i nuovi entranti superano coloro che abbandonano questa opzione. Il volume cumulato di combustibile nucleare esausto raddoppia durante il periodo di previsione, superando le 700 mila tonnellate; tuttavia, ad oggi, non è stato ancora aperto alcun sito di stoccaggio permanente per isolare le scorie di lunga durata e ad elevata radioattività prodotte dai reattori commerciali. Tutti i paesi che hanno generato scorie radioattive dovrebbero essere obbligati a trovare una soluzione per il loro stoccaggio permanente. L energia elettrica per delineare il futuro dell Africa sub-sahariana Quella parte di popolazione che non ha accesso ai servizi energetici moderni soffre della più intensa forma di insicurezza energetica. Nell Africa sub-sahariana, circa 620 milioni di persone non hanno accesso all elettricità e per coloro che possono accedervi le forniture sono spesso inadeguate, inaffidabili e tra le più costose al mondo. Nella regione, quasi 730 milioni di persone si affidano per cucinare all uso tradizionale della biomassa solida, che quando usata in ambienti chiusi con sistemi di cottura inefficienti è causa di inquinamento atmosferico responsabile di circa morti premature in Africa ogni anno. L Africa sub-sahariana concentra il 13% della popolazione mondiale ma conta solo per il 4% della domanda globale di energia (di cui più della metà è costituita da biomassa solida). La regione è ricca di risorse energetiche ma il potenziale ancora non sviluppato è molto vasto. Circa il 30% di tutte le scoperte di petrolio e gas realizzate negli ultimi 5 anni si è verificato nella regione, che dispone anche di enormi risorse di energia rinnovabile, soprattutto solare e idroelettrico, ma anche eolico e geotermico. Sintesi 7

10 Si prevede una rapida espansione del sistema energetico sub-sahariano ma, ció nonostante, molte delle criticità esistenti verranno superate solo in parte. Al 2040, l economia della regione quadruplica, la popolazione quasi raddoppia e la domanda energetica cresce dell 80% circa. La capacità di generazione elettrica aumenta di quattro volte e le rinnovabili coprono quasi la metà della crescita della produzione elettrica, affermandosi progressivamente come fonte di alimentazione dei sistemi mini e off-grid nelle aree rurali. Nel complesso, all orizzonte 2040 circa un miliardo di persone acquisiscono l accesso all elettricità ma più di mezzo miliardo ne resta ancora privo. Le produzioni di Nigeria, Angola e di diversi produttori più piccoli dimostrano che l Africa subsahariana rimane un importante centro di produzione petrolifera su scala mondiale nonostante una crescente quota venga consumata internamente. La regione emerge anche come importante attore in ambito gas, in quanto lo sviluppo delle grandi scoperte realizzate nella costa orientale al largo di Mozambico e Tanzania si aggiunge alla crescente produzione della Nigeria e di altri paesi. Il settore energetico dell Africa sub-sahariana può fornire un contributo di gran lunga superiore agendo come motore di una crescita inclusiva. Nello Scenario Secolo Africano, tre azioni implementabili in ambito energetico potrebbero - se accompagnate da più generali riforme di governance - far crescere l economia sub-sahariana di un addizionale 30% al 2040, con il conseguimento di un livello di reddito pro-capite pari a quello che, in assenza delle stesse, si avrebbe un decennio dopo: L ammodernamento del settore elettrico: investimenti addizionali al fine di dimezzare le interruzioni di corrente e consentire l accesso universale all elettricità nelle aree urbane. Una maggiore cooperazione regionale: per favorire l espansione dei mercati e lo sfruttamento di una maggiore quota del potenziale idroelettrico del continente. Una miglior gestione delle risorse e delle entrate: più efficienza e maggiore trasparenza nel finanziare i necessari miglioramenti dell infrastruttura energetica africana. Un sistema energetico moderno ed integrato consente un uso più efficiente delle risorse e rende disponibile l energia ad una maggiore quota della parte più povera della popolazione dell Africa sub-sahariana. Un azione concertata e volta a migliorare il funzionamento del settore energetico della regione risulta cruciale per trasformare il XXI secolo nel Secolo Africano'. 8 World Energy Outlook 2014

11 Questo documento è stato originariamente pubblicato in lingua inglese. Nonostante l AIE abbia compiuto ogni sforzo per assicurare che questa traduzione in italiano sia il più possible aderente al testo originale inglese, potrebbero esserci alcune lievi differenze. This publication reflects the views of the IEA Secretariat but does not necessarily reflect those of individual IEA member countries. The IEA makes no representation or warranty, express or implied, in respect of the publication s contents (including its completeness or accuracy) and shall not be responsible for any use of, or reliance on, the publication. IEA PUBLICATIONS, 9 rue de la Fédération, Paris Cedex 15 Printed in France by IEA, November 2014 Cover design: IEA, photo credits: GraphicObsession

12 World Energy Outlook 2014 L incremento dell offerta di petrolio in Nord America inaugura una nuova era di abbondanza o le rivolte in diversi paesi del Medio Oriente rendono il futuro incerto? L espansione degli scambi commerciali di GNL offre prospettive di maggiore sicurezza per l approvvigionamento mondiale di gas? In che misura l efficienza energetica può contribuire a ridurre il divario competitivo generato dalle differenze regionali dei prezzi energetici? Quali fattori dovrebbero essere tenuti in considerazione nei processi decisionali di quei paesi che usano, intendono usare o vorrebbero abbandonare l energia nucleare? In che modo il settore energetico dell Africa sub-sahariana può contribuire a migliorare il tenore di vita della sua popolazione? Quanto é vicino il mondo al superamento del limite massimo di emissioni necessario per contenere il riscaldamento globale? Le risposte a queste e a molte altre domande sono contenute nelle pagine del WEO-2014 che presenta nuove proiezioni che si estendono per la prima volta fino al Il futuro energetico dell Africa subsahariana viene analizzato approfonditamente così come lo stato dell arte e le prospettive dell energia nucleare; tutti elementi che fanno parte di un analisi sistemica, per fonte e per area, delle dinamiche energetiche globali. Maggiori informazioni sono disponibili a

Africa Energy Outlook S I N T E S I

Africa Energy Outlook S I N T E S I Africa Energy Outlook S I N T E S I Italian translation FOCUS SULLE PROSPETTIVE ENERGETICHE DELL AFRICA SUB-SAHARIANA World Energy Outlook - Rapporto Speciale AGENZIA INTERNAZIONALE PER L ENERGIA L Agenzia

Dettagli

SINTESI. Italian Translation WORLD ENERGY OUTLOOK

SINTESI. Italian Translation WORLD ENERGY OUTLOOK SINTESI Italian Translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2 0 1 3 WORLD ENERGY OUTLOOK 2013 In un mondo in cui le significative differenze tra i prezzi energetici regionali influenzano la competitività, chi sono

Dettagli

REDRAWING MAP. World Energy Outlook Special Report. SINTESI Italian translation RIDEFINIRE IL QUADRO ENERGIA-CLIMA

REDRAWING MAP. World Energy Outlook Special Report. SINTESI Italian translation RIDEFINIRE IL QUADRO ENERGIA-CLIMA REDRAWING THE ENERGY-CLIMATE MAP World Energy Outlook Special Report SINTESI Italian translation RIDEFINIRE IL QUADRO ENERGIA-CLIMA Rapporto Speciale del World Energy Outlook AGENZIA INTERNAZIONALE PER

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK SINTESI

WORLD ENERGY OUTLOOK SINTESI WORLD ENERGY 2 0 11 OUTLOOK SINTESI WORLD ENERGY 2 0 11 OUTLOOK SINTESI Italian translation AGENZIA INTERNAZIONALE PER L ENERGIA L Agenzia Internazionale per l Energia (AIE) è un organismo autonomo istituito

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

Secure Sustainable Together. World Outlook Energy SINTESI. Italian translation

Secure Sustainable Together. World Outlook Energy SINTESI. Italian translation Secure Sustainable Together World Outlook Energy 2015 SINTESI Italian translation AGENZIA INTERNAZIONALE PER L ENERGIA L Agenzia Internazionale per l Energia (AIE) è un organismo autonomo istituito nel

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

World Energy Outlo ok SINTESI

World Energy Outlo ok SINTESI World Energy Outlo ok 2010 SINTESI World Energy Outlook 2010 Il mondo sembra emergere dalla peggiore recessione economica degli ultimi decenni. Nell ambito dell Accordo di Copenhagen molti paesi hanno

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata?

Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Che cosa succede se la tecnologia CCS viene ritardata? Considerazioni tratte dal Rapporto IEA World Energy Outlook del 2011 di A. Federico e E. Pettinao, Coordinamento Osservatorio CCS Lo scenario IEA

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

spazio aperto World Energy Outlook 2004 World Energy Outlook 2004

spazio aperto World Energy Outlook 2004 World Energy Outlook 2004 World Energy Outlook 2004 INTERNATIONAL ENERGY AGENCY spazio aperto Lo studio dell IEA traccia un quadro severo dell evoluzione del sistema energetico mondiale da oggi al 2030. Ma sono possibili nuove

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile POR CALABRIA 2000/2006 - ASSE III RISORSE UMANE MISURA 3.9 SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE CON PRIORITÀ ALLE PMI GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE ENERGETICHE NEI SETTORI

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER L ENERGIA IN ITALIA E LA CREAZIONE DELLE CENTRALI NUCLEARI Azione del Governo in merito all energia nucleare e alle fonti di energia rinnovabili (Albenga, 27 aprile 2009)

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 180/7 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 617/2010 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 2010 sulla comunicazione alla Commissione

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ

ENERGIA E SOSTENIBILITÀ LE PROPOSTE DI CONFINDUSTRIA L elevato costo dell energia penalizza la competitività e riduce il potere d acquisto delle famiglie, sottraendo risorse allo sviluppo di nuove attività e agli investimenti.

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030

Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 2030 IP/3/661 Bruxelles, 12 maggio 23 Energia, tecnologia e sfide ambientali: fosche previsioni della ricerca europea per il mondo nel 23 Nel 23 il consumo mondiale di energia risulterà raddoppiato; tra le

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

WORLD ENERGY INVESTMENT OUTLOOK

WORLD ENERGY INVESTMENT OUTLOOK WORLD ENERGY INVESTMENT OUTLOOK 2003 INSIGHTS RIASSUNTO INTERNATIONAL ENERGY AGENCY RIASSUNTO L investimento totale nelle infrastrutture di approvvigionamento di energia per il periodo 2001-2030 sarà di

Dettagli

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni

Secondo le previsioni del World Energy Outlook. La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni ASSOCARBONI La sfida energetica e il ruolo del carbone Andrea Clavarino Assocarboni In un mondo assetato di e- nergia, il carbone mantiene la leadership indiscussa, rivelandosi una risorsa concorrenziale

Dettagli

Workshop Fonti Rinnovabili

Workshop Fonti Rinnovabili Workshop Fonti Rinnovabili Rinnovabili: vecchi vizi e nuove virtù. Una generazione sempre più al verde? Centro Studi SAFE Auditorium GSE Roma, 23 luglio 2012 Agenda Le rinnovabili nel mondo: quadro attuale

Dettagli

Gli scenari energetici globali

Gli scenari energetici globali Università degli studi di Milano Gli scenari energetici globali Prof. Marzio Galeotti, Ph.D. Università degli Studi di Milano, IEFE-Bocconi, lavoce.info marzio.galeotti@unibocconi.it Fondazione Silvio

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1

Canada Energia 2014. ICE Canada Energia 1 Canada Energia 2014 Nell ultima relazione della Commissione Nazionale Energetica Canadese (NEB) sono stati evidenziati i trend più importanti relativi alla produzione, al consumo, e agli interscambi di

Dettagli

Dentro i prezzi dell energia elettrica in Italia. Crescita libera senza limite?

Dentro i prezzi dell energia elettrica in Italia. Crescita libera senza limite? The Adam Smith Society Milano, Hotel dei Cavalieri Dentro i prezzi dell energia elettrica in Italia. Crescita libera senza limite? 22 Settembre 2011 Il dilemma del mix 1.1 La rivoluzione del gas non convenzionale

Dettagli

La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I

La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I Corso di formazione per tecnici comunali La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I f. loiodice 2 Il contesto internazionale Il grafico rappresenta gli usi di fonti primarie (in

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 La situazione delle fonti rinnovabili in Italia Scenari energetici al 2020 Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici Roma, 7 maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.12.2011 COM(2011) 885 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano di Sergio Portatadino, Pöyry Energy Consulting La sensazione di vivere in un periodo di cambiamento storico pervade anche i mercati energetici e l emblema

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Camera Commissione Attività Produttive Roma, 5 marzo 2014 Temi chiave 1) LA RAFFINAZIONE

Dettagli

ENERGIA RAPPORTI. (Arup) e Scottish Carbon Capture and Storage (SCC)che

ENERGIA RAPPORTI. (Arup) e Scottish Carbon Capture and Storage (SCC)che ENERGIA RAPPORTI Fondazione EnergyLab Energia Nucleare in Italia. Come Proseguire il Percorso gennaio 2011... pag.3 A che punto è il nostro Paese nel suo cammino verso un ritorno al nucleare? Una risposta

Dettagli

Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF

Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF Energia e ambiente i numeri che contano Paolo Saraceno IFSI-INAF Frascati Settembre 2009 Energia e ambiente sono legati tra loro perchè 81% dell energia mondiale è ottenuta bruciando combustibili fossili.

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti Edgardo Curcio Presidente AIEE Milano, 20 maggio 2010 La produzione di biocarburanti

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Capitolo 2: Quadro di Riferimento Programmatico. Doc. SICS 202

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Capitolo 2: Quadro di Riferimento Programmatico. Doc. SICS 202 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Campi Gas Bianca e Luisella Off-shore Adriatico Centro-Settentrionale : Quadro di Riferimento Programmatico Maggio 2013 Pag. i INDICE 2 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO...

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET)

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Sintesi del rapporto EMBARGO Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Rapporto globale sui salari 2014/15 Disparità di salario e di reddito Rapporto

Dettagli

CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza

CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy CINA E USA FULMINATI DAL CLIMA SULLA VIA DI PECHINO di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza A sorpresa è arrivata l intesa Usa-Cina

Dettagli

Senato, Presidente della Comm. Territorio, Ambiente, Beni Ambientali, On. Antonio D Alì

Senato, Presidente della Comm. Territorio, Ambiente, Beni Ambientali, On. Antonio D Alì Al Presidente del Consiglio dei Ministri, On. Silvio Berlusconi Cc: Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, On. Stefania Prestigiacomo Ministro per le Politiche Europee, On. Andrea

Dettagli

ALETTI VIEW CERTIFICATE

ALETTI VIEW CERTIFICATE ALETTI VIEW CERTIFICATE PUNTIAMO SUL TEMA VINCENTE 0 Uno strumento finanziario per investire sui temi con le migliori prospettive di crescita. Questo è Aletti View Certificate. Ritieni che le aziende appartenenti

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Prospettive in breve

Prospettive in breve OECD-FAO Agricultural Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive OCSE-FAO sull agricoltura 2009 Sintesi in italiano Prospettive in breve Il contesto macroeconomico che fa da sfondo alle presenti prospettive

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

LA GEOTERMIA. Carlo Tricoli, ENEA - Studi e Strategie Servizio Prospettive Tecnologiche per la Sostenibilità. Trieste, 24 ottobre 2012

LA GEOTERMIA. Carlo Tricoli, ENEA - Studi e Strategie Servizio Prospettive Tecnologiche per la Sostenibilità. Trieste, 24 ottobre 2012 LA GEOTERMIA Carlo Tricoli, ENEA - Studi e Strategie Servizio Prospettive Tecnologiche per la Sostenibilità Trieste, 24 ottobre 2012 1 CONTENUTO SITUAZIONE INTERNAZIONALE SCENARI E PREVISIONI IEA INVESTIMENITI

Dettagli