Ambulanze Sono state definite 3 categorie d incidente: Eventi occorsi nel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambulanze - 144. Sono state definite 3 categorie d incidente: Eventi occorsi nel 2007 4"

Transcript

1 Dispositivo di intervento sanitario in caso di incidente maggiore L organizzazione del dispositivo in caso di Incidente Maggiore ha avuto inizio nel 1995 quando venne stipulata una convenzione tra lo Stato del Canton Ticino e la Federazione Cantonale Ticinese dei Servizi Autoambulanze. Questo si rese necessario per meglio coordinare le forze sanitarie in eventi che comportano un numero importante di persone coinvolte e difficilmente gestibile da singoli servizi che operano a livello regionale. Sono state definite 3 categorie d incidente: SSC Catastrofe più di 100 feriti DIM Incidente maggiore tra 10 e 100 feriti Servizi Ambulanze Incidente individuale tra 1 e 10 feriti Nel corso degli ultimi dieci anni, anche sulla base delle esperienze maturate, sono stati apportati costanti miglioramenti per aumentare l efficacia in questa tipologia di interventi. Eventi occorsi nel Mendrisio, esplosione in industria, marzo 2. Lugano, allarme bomba, aprile 3. Airolo, incidente stradale, agosto 4. Biasca, evento con sostanze pericolose, settembre 5. Taverne, incendio in zona industriale, settembre Foto: Rescue Media (www.rescuemedia.ch) 46

2 Modularità dell allarme POLIZIA 117 POMPIERI 118 La gestione delle chiamate è di competenza della centrale di allarme e coordinamento sanitario Ticino Soccorso144 che, a dipendenza delle informazioni ricevute, sgancerà e coordinerà le forze sanitarie d intervento necessarie. Allarme: le risorse si mobilizzano verso il luogo dell evento in urgenza (con segnali prioritari) Pre-allarme: le risorse si organizzano e si tengono pronte a partire oppure si avvicinano al luogo d intervento Informazioni: tutte le basi operative vengono avvisate della situazione e creano le premesse per un eventuale impiego. Se necessario il personale fuori servizio viene richiamato in servizio. EVENTO ALLARME PRE-ALLARME INFORMAZIONI Sul luogo dell evento I primi mezzi che raggiungono il luogo devono assumere precisi e distinti ruoli: Equipe ambulanza: osserva ed informa la centrale 144 applicando il protocollo seguente: uu DIM - Comportamento primo equipaggio Considera: cpericoli visibili (fumo, liquidi, segnali ONU,...) cposteggiare a distanza di sicurezza cchiavi nel veicolo celementi di supporto DIM cidentificazione personale cprotezione della persona (casco, guanti) 1º soccorritore Radio mobile su SECURO 1 Telefono mobile acceso Comunicare a 144 ctipo d incidente - pericoli cmezzi coinvolti cnumero indicativo coinvolti cpunti d accesso, percorso consigliato, attesa mezzi e personale cestensione dell evento in metri cproblemi particolari ccontatto, consegna e collaborazione con CIR 2º soccorritore Radio mobile su SECURO 1 Schede SAP e foglio di controllo Identificare e organizzare la presa a carico di chi cammina Comunicare a 1º soccorritore cnumero di coinvolti cse possibile tipologia di lesioni dei pazienti 47

3 Situazione con diversi pazienti coinvolti Medico o infermiere specialista (automedica): inizia immediatamente il pre-triage dei pazienti coinvolti (identificare i pazienti URGENT ) che riportano lesioni che minacciano l equilibrio vitale. Seguirà un triage per determinare delle diagnosi sommarie e definire delle priorità di trattamento. (Triage = dividere, smistare, catalogare) MAX. 1 MINUTO CAMMINA? GRIDA? (RISPONDE SE CHIAMATO) RESPIRA / DOPO LIBERAZIONE A? FR ? POLSO RADIALE <120 E BEN PERCETTIBILE? EMOSTA SEMPLICE POSBILE? SORVEGLIARE FUORI DA ZONA PERICOLO ATTENDERE STOP URGENT PRE TRIAGE ESEGUE ORDINE SEMPLICE? Pre Triage ATTENDERE Cellula comando 1 capo intervento sanitario (veicolo comando): il quadro sanitario ha il compito di condurre le operazioni al fronte e sarà la persona di riferimento presso lo Stato Maggiore Enti di Primo Intervento (SMEPI) A dipendenza dello scenario che si presenta, vengono in seguito sganciati allarmi ad altre forze sanitarie: Capo Intervento Cantonale (FCTSA) Medico Intervento Cantonale (FCTSA) Medici e infermieri specialisti Soccorritori diplomati e volontari Samaritani del gruppo M Militari della Protezione Civile Militi delle forze armate (Esercito) Militi di altre società di salvataggio Al fronte è indispensabile una rapida organizzazione di un Posto Medico Avanzato (PMA) che contempla i settori principali di triage, trattamento e trasporto. Questo permetterà di intervenire in maniera coordinata rispettando delle priorità ed eviterà di caricare eccessivamente le strutture ospedaliere di pronto soccorso. uu 49

4 Triage Si suddivide in Pre-Triage (identificazione dei pazienti URGENT ) e Triage (valutazione sommaria e definizione di una priorità di trattamento). Trattamento e attese I: trattamento d urgenza immediato sul luogo: immediato IIa: trasporto immediato: IIb: trasporto 2 priorità: rapido ritardato III: presa a carico semplice sul luogo d evento: minimo IV: aspettare: sospeso Trasporto I pazienti vengono ricoverati in maniera coordinata nelle varie strutture ospedaliere cantonali, nazionali e internazionali per mezzo di mezzi terrestri o aerei. La compilazione dell apposita Scheda Accompagnamento Paziente utilizzata in tutti i settori sanitari ha lo scopo di registrare, tramite numerazione, tutti i pazienti ordinando lo svolgimento del triage, trattamento e trasporto. Tale scheda serve inoltre a raccogliere in modo semplice e rapido informazioni mediche e fornisce in breve tempo dati di carattere organizzativo e sanitario. La SAP permette di stabilire le priorità di recupero mediante il cartellino urgent, rilevare la diagnosi massima, prendere una decisione di triage, impartire un ordine di carattere medico, annotare l ospedale di destinazione e rilevare il veicolo di soccorso che effettua il trasporto. Mediante i supporti allegati si protocolla decorso, trattamento e identificazione. Si possono inoltre identificare luoghi oppure oggetti con delle etichette numerate. Sul prossimo numero di SOS verranno presentati i supporti tecnici in dotazione al Dispositivo Incidente Maggiore della FCTSA per garantire il funzionamento di un Posto Medico Avanzato. p 51

5 A undici anni dalla nascita Ticino Soccorso 144 si cambia d abito Nel corso del mese di giugno si è concretizzato il progetto di spostamento della centrale di allarme e coordinamento Ticino Soccorso 144. Il progetto ha avuto inizio con un primo studio di fattibilità nel corso dell inverno dello scorso anno, al quale è seguito un alacre lavoro di pianificazione effettuato sotto la direzione di Swisscom Immobili e di Swisscom Solutions. Oltre alle attività normalmente contemplate in ogni trasloco (chi di noi non ne ha mai affrontato uno?) traslocare una centrale di allarme alla quale convergono annualmente quasi centomila chiamate e sulla quale pesa la responsabilità di fornire una risposta sanitaria all utenza nel più breve tempo possibile, contempla operazioni estremamente complesse che necessitano di una perfetta organizzazione temporale. I lavori a metà aprile Dal punto di vista tecnico, le attività di trasloco dovevano rispettare le seguenti condizioni: nessuna interruzione della telefonia interruzione del sistema informatico durante un periodo massimo di 8 ore interruzione del sistema di radio comunicazioni per un periodo massimo di 3 giorni La precisa e dettagliata fase dei lavori preparatori, le simulazioni tecniche, il serio apporto professionale di tutte le ditte coinvolte nel trasloco, ha permesso di garantire il perfetto funzionamento della macchina organizzativa, tanto che ad appena dodici ore dall insediamento nei nuovi locali tutto era perfettamente funzionante. Affinamento del montaggio dell impianto di ventilazione Per quanto concerne gli aspetti logistici, i nuovi spazi identificati nello stabile Swisscom di Via Vergiò a Breganzona dovevano essere adattati e trasformati per permettere di creare i migliori presupposti per svolgere la nostra attività. Per questi motivi già nella fase di progettazione è stato costituito un gruppo di lavoro con gli specialisti di ogni branca che, nell arco di soli quattro mesi, hanno saputo confezionare un abito perfettamente aderente ai nostri desideri. uu Allestimento degli armadi tecnici nella sala operativa, stato al 15 maggio 53

6 Centrale operativa, quattro postazioni di lavoro completamente indipendenti ma interconnesse. Gestione mezzi, cartografia, identificazione del chiamante Atrio e ricezione visite Nella nuova sede troviamo infatti: una sala operativa (quasi 70 m2) con quattro postazioni di lavoro un locale pausa dotato di cucina un atrio con sala d attesa e possibilità di vedere gli operatori in attività attraverso pareti trasparenti sette uffici amministrativi (destinati alle diverse attività della federazione ambulanze e di ticino soccorso) una sala multiuso principalmente destinata ai corsi di formazione interni e alle riunioni dei diversi gruppi di lavoro della FCTSA ma anche tecnicamente attrezzata per fungere da centrale operativa retro in caso di evento maggiore. Grazie ad investimenti ponderati e ben pianificati, è stato possibile contenere i costi del trasloco tecnico entro limiti finanziariamente sopportabili. La buona pianificazione degli investimenti tecnici eseguita in questi ultimi anni ha permesso di utilizzare quasi per intero le apparecchiature in dotazione e di contenere al minimo l acquisto di ulteriori apparecchiature tecniche. Il trasloco ha reso inoltre possibile un controllo dell esistente, un ottimizzazione delle risorse e la messa in esercizio definitiva di sistemi quali l automatizzazione di allarmi e l impiego delle periferiche installate sui mezzi. p Locale pausa e cucina Direzione medica e controllo qualità Ticino Soccorso 144 Segretariato Corridoio Esempio di ufficio amministrativo - settore formazione - coordinatore cantonale catastrofe e progetto ticino cuore - pipades e gestione faculties Uffici direzionali- direzione FCTSA- direzione Ticino Soccorso 55

7 Un volo... con angelo custode! È la prima domenica del periodo estivo nel quale, da diversi anni, Tre Valli Soccorso in collaborazione con i Pompieri del Centro di Soccorso di Biasca, ha pianificato l aggiornamento per tutti i propri soccorritori, sull incidentistica stradale. Il suono del mio ricerca persone quale capo intervento sanitario reperibile per la regione, mi ha subito riportato al presente. Il messaggio alfanumerico indicava 29-D-02 prima dell abitato di Villa Bedretto, auto fuori dal campo stradale, sembra una donna sola ferita, non si conosce la gravità : si tratta di un incidente stradale, in valle Bedretto, una delle vetture coinvolte è uscita di strada... Sono poco meno di una decina di appuntamenti all anno investendo altrettante domeniche mattina, per allenarci in una tipologia d intervento particolarmente difficile e dove l improvvisazione rappresenta il nemico da annullare. Via, via con il passare delle estati, questa esperienza di formazione si è affinata e ne è nata una vera e propria occasione per mettere a frutto il know-how dei veterani e confrontarlo con la motivazione e le nuove tecniche d intervento apprese dai soccorritori della nuova generazione; ogni collaboratore secondo i compiti, responsabilità e ruoli dei due enti di primo intervento coinvolti. La mattinata termina di solito con un briefing di rivalutazione della simulazione d intervento con i partecipanti, volto all individuazione delle «lessons learned» cioè di quanto ciascuno di noi e, più in generale, i due team di soccorritori e pompieri, hanno imparato dall atelier pratico. Quella mattina domenicale è trascorsa in fretta. La bella giornata, la simulazione d intervento andata bene e la soddisfazione dei partecipanti, erano i migliori preamboli al gustoso pranzo in comune al deposito pompieri, godendo della loro squisita e tradizionale ospitalità. Sono le 12 e 27, appoggio il lampeggiante magnetico sul tetto dell auto di servizio e parto verso la località indicata sul ricerca persone. Sono a Biasca e penso di metterci più di 20 minuti a raggiungere la valle Bedretto. L allarme è stato trasmesso alla nostra centrale dal 117. Il tempo di trasferta mi è utile per organizzare mentalmente l intervento. Avviso la centrale Ticino Soccorso 144 della mia partenza e richiedo altre notizie sulle risorse attivate e sul luogo d intervento. L ambulanza del nostro distaccamento di Airolo è già in strada da alcuni minuti. Mi accerto che sia stato allertato l ufficiale di picchetto dei pompieri che avevo salutato pochi minuti prima. Chissà, forse aveva fatto in tempo ad addentare la prima costina... eh sì, la grigliata era il menù del primo pranzo estivo in comune con i pompieri! Passano i minuti e io devo anche pensare che sicuramente c è colonna al portale sud della galleria del San Gottardo e allora meglio che esca a Quinto per non rischiare di rimanere imbottigliato. Alle sono già in prossimità del luogo d intervento. Dalle comunicazioni provenienti dalla mia radio di bordo, capisco che l ambulanza di Airolo è ancora alla ricerca del luogo del sinistro e della donna ferita. Segni sulla strada non ne vedo neanche io e passato l abitato di Villa, mi fermo in posizione strategica sul versante sinistro per poter osservare meglio. uu 57

8 Incontro un equipaggio della polizia mobile. Ci consultiamo e decidiamo di dividerci la zona per le ricerche. Anche Lio, ufficiale dei pompieri, ci raggiunge e insieme concertiamo il da farsi con l accordo che se non avessimo trovato nulla da lì a 10 minuti avremmo esteso l allarme alla colonna del Soccorso Alpino Svizzero. La Rega è già in volo e con un occhio dall alto sicuramente avremmo avuto qualche possibilità in più di ritrovare la signora uscita di strada con la propria auto. Ma è ancora una volta grazie alla centrale Ticino Soccorso 144 che riusciamo ad individuare il posto dove era successo l incidente. L operatrice che aveva preso a carico la chiamata, era infatti rimasta per tutto quel tempo al telefono con la donna ferita, ed oltre a confortarla ed accertarsi delle sue condizioni di salute, era riuscita a farsi spiegare il luogo esatto. Un conoscente dell infortunata poi l ha raggiunta, lasciando la propria vettura all altezza delle tracce prodotte dalla sbandata dell auto uscita di strada. Sono ormai le 13 e 27 quando annunciamo alla centrale 144 che siamo finalmente sul posto d intervento. Addio periodo di platino (principio secondo il quale una persona gravemente traumatizzata, più rapidamente viene soccorsa e ospedalizzata, maggiori possibilità di guarigione mantiene); è passata più di un ora e dobbiamo ancora soccorrere e recuperare la paziente. Ma è stata al telefono fino adesso con la nostra collega operatrice del 144, e abbiamo notizie molto confortanti sulle condizioni di salute. I due soccorritori dell equipaggio di Airolo, portandosi il minimo di materiale di soccorso indispensabile, scendono dal ripido crinale di prato appena falciato, accompagnati da un agente della polizia mobile e da un pompiere; 100 metri più a valle spariscono nel bosco e comunicare con loro è possibile solo via radio. Io rimango in contatto radio sulla strada pronto a coordinare qualsiasi necessità operativa dei colleghi e fare da ponte con la centrale 144. L elicottero arriva e atterra in uno spiazzo ai bordi della strada. Raggiungo l equipaggio di Rega 6 ed insieme al medico e all alpinista cerchiamo di comprendere il problema e di definire la tattica d intervento. Le notizie dai soccorritori arrivati sul posto confermano le buone condizioni di salute della signora: molte contusioni, escoriazioni, dolori in tutto il corpo, molto spavento e per fortuna non si trova intrappolata in macchina ma già all esterno. Il problema principale non è di tipo medico sanitario ma di evacuazione. Si trovano infatti ai bordi del fiume 10 metri sopra l alveo. Di sotto una parete verticale, sopra di loro un fitto bosco di conifere e tanta strada ripida da fare in salita con una barella, il peso della paziente e il terreno impervio. Decidono per una evacuazione con il verricello dell elicottero. Prima però bisogna spostare la paziente in un luogo sicuro e con spazio sufficiente tra le piante per poterla issare accompagnata dal medico volante. Ma non mi preoccupo: Teo e Marzio sanno il fatto loro ed insieme ai pompieri dell alta Leventina sapranno risolvere la situazione. L alpinista della Rega raggiunge il nostro equipaggio di soccorritori per approntare gli ancoraggi di sicurezza per lo spostamento della donna. I pompieri stanno facendo un varco tra le piante abbattendone alcune con la motosega. I soccorritori di TVS stanno assistendo e preparando la donna per l evacuazione aerea. Tengo informata la centrale 144 sullo svolgimento dell intervento e su suggerimento di Teo, richiedo un altro equipaggio d ambulanza sul posto per non ritardare ulteriormente l ospedalizzazione della donna. Gli accertamenti diagnostici sono indispensabili dopo un esperienza di volo in automobile così drammatica e spettacolare, anche se apparentemente la signora non mostra di soffrire di traumi gravi. Ed è proprio grazie alle capacità della squadra di soccorritori nel valutare clinicamente, con pochissimi strumenti diagnostici, le condizioni dei pazienti, che è possibile decidere con accuratezza i metodi ed i materiali da utilizzare nell evacuazione. Teo e Marzio l hanno fatto correttamente come in altre mille occasioni ed hanno deciso, insieme all equipaggio Rega, di spostare la paziente con una asse per l immobilizzazione spinale ed in seguito di issarla con una imbragatura da recupero in dotazione all elicottero, fino al piazzale dove l equipaggio della seconda nostra ambulanza è in attesa. Sono le 14.10, l elicottero si alza in volo con al gancio del verricello il medico della Rega. Alle la paziente è adagiata sulla barella assistita dai colleghi. È molto scossa e la brutta esperienza di rotolare per centinaia di metri da un pendio, l ha vistosamente segnata. Ma ha il coraggio di abbozzare un sorriso e con il mio scadentissimo switzerdutsch provo a dirle che ha fatto un tremendo volo con la macchina ma... in compagnia di un angelo custode! Alle l ambulanza, con la fortunata paziente a bordo, parte e di lì a poco sarà all ospedale di zona in Leventina per gli accertamenti di routine. Mi sposto di nuovo vicino al punto dove, ormai oltre 1 ora e mezza prima, sono scomparsi nel bosco i miei 2 colleghi. Di lì a pochi minuti emergono dal pendio, affannati ma comprensibilmente felici. L intervento per noi del soccorso sanitario si conclude alle C è ancora lavoro per i pompieri, per la polizia e per coloro che dovranno recuperare la vettura. p 59

9 Un esempio per il resto della Svizzera! Prosegue, con vivo interesse ed entusiasmo, la fase di costituzione del Piano cantonale di interventi in caso di arresto cardiaco e di defibrillazione precoce promosso e gestito dalla Federazione Cantonale Ticinese Servizi Ambulanze (FCTSA) con il sostegno della Fondazione Ticino Cuore. La consegna dei 2 defibrillatori da parte di Claudio Benvenuti della fondazione cuore all aiut SM Gianferrari, capo posto Bellinzona della Polizia Militare territoriale. Come presentato nell edizione 2006 di «SOS», il dispositivo prevede l allarme da parte di Ticino Soccorso 144, tramite messaggio SMS di un determinato numero di firsts responders (agenti di polizia, pompieri,...) che, debitamente istruiti e dotati di apparecchio defibrillatore, sono abilitati a intervenire in attesa dell arrivo dell ambulanza. Il loro intervento può rivelarsi determinante per la sopravvivenza e la qualità di vita della persona colta da arresto cardiaco improvviso. Nel corso di questi ultimi mesi il dispositivo si è ulteriormente raf- forzato grazie all adesione di due importanti istituzioni: Corpo Guardie di Confine Circondario 4 Polizia Militare territoriale Sessanta agenti del Corpo delle Guardie di Confine hanno conseguito la specifica formazione BLS-DAE presso il Servizio Autoambulanze del Mendrisiotto e hanno ricevuto in dotazione 14 apparecchi defibrillatori che saranno collocati presso i valichi di confine e sui veicoli in dotazione alle pattuglie mobili. Se consideriamo che giornalmente, solo attraverso il valico doganale di Chiasso transitano oltre persone è facile capire come la possibilità di intervento sia elevata. Altro elemento importante è caratterizzato dalla sempre più frequente e costante presenza degli agenti sul territorio. Dotati di veicoli prioritari possono intervenire in tempi molto brevi e contribuire quindi alla buona riuscita di una rianimazione. Analoga la situazione della Polizia Militare territoriale del posto di Bellinzona. Dallo scorso mese di maggio, infatti, i dieci agenti della sicurezza militare, hanno conseguito la formazione 60

10 Il momento della consegna dei defibrillatori al Corpo guardie di confine circondario IV alla presenza del Comandante Fiorenzo Rossinelli, del Direttore del Servizio ambulanza del Mendrisiotto e membro della Fondazione Ticinocuore Felice Lurà e del responsabile progetto della Fondazione Claudio Benvenuti. BLS-DAE presso la Croce Verde di Bellinzona ed hanno ricevuto in dotazione 2 apparecchi defibrillatori che saranno sistemati sui veicoli di pattuglia. Il Ticino può ritenersi fiero dell adesione di queste due istituzioni dal momento che si tratta di un unicum a livello svizzero. In nessun altro cantone può, per il momento, fregiarsi di questo primato. L auspicio è che questo esempio possa essere seguito anche nel resto della Confederazione, i benefici di tale iniziativa andranno sicuramente a favore delle vittime di arresto cardiaco. La realizzazione di questa collaborazione è stata possibile grazie alla sensibilità ed all impegno che le Direzioni ticinesi di queste strutture hanno profuso nel sostenere ed argomentare oltralpe la bontà di quanto intrapreso, ai dirigenti e a tutti i collaboratori di queste istituzioni vada il nostro più sentito ringraziamento. p 61

11 Cosa fare in attesa dell arrivo dell ambulanza Nella scorsa edizione sono state illustrate le tecniche per controllare lo stato di coscienza di una persona, quelle per controllare la respirazione di un paziente. Sono state date indicazioni di come bisogna posizionare la testa di un paziente per garantire una respirazione efficace, di come si rileva il polso e come si riesce a far fronte ad un emorragia massiva. In questo numero vogliamo illustrarvi le manovre da mettere in atto in caso di soffocamento. Vi ricordiamo che lo scopo di questo articolo non è quello di creare dei soccorritori: per fare questo bisogna seguire appositi corsi che affiancano alle nozioni teoriche le esercitazioni pratiche. È però auspicabile che almeno le più elementari norme del soccorso facciano parte del bagaglio culturale di ognuno di noi. Chiunque di voi fosse interessato a seguire dei corsi avanzati di formazione di primo soccorso può consultare il nostro sito o rivolgersi al servizio ambulanza più vicino. Soffocamento L ostruzione delle vie respiratorie da corpo estraneo, pur non rappresentando una causa di morte diffusa, è comunque un evento probabile. Le cause più comuni di soffocamento negli adulti sono rappresentate dal cibo ingerito. Nei neonati e nei bambini la metà degli episodi di soffocamento riportati avvengono durante l ingestione di cibo (in particolare dolciumi), mentre la restante metà da ingestione di corpi estranei come monete o giochi. Fortunatamente è frequente che gli episodi di soffocamento avvengano in presenza di altre persone, questo consente un precoce intervento, quando la vittima è ancora cosciente. Poiché il pronto riconoscimento di un soffocamento è determinante per la sopravvivenza della vittima, è importante non confondere questa emergenza con svenimenti, attacchi cardiaci, convulsioni o altre situazioni cliniche che possono provocare improvvisa difficoltà respiratoria, cianosi o perdita di coscienza. Liberare le vie respiratorie ostruite Un corpo estraneo (cibo, tappi, dentiere...) può talvolta ostruire le vie aeree e portare all asfissia. L infortunato improvvisamente diviene incapace di respirare, tossire e parlare. Cercare di afferrare con le mani ed estrarre il corpo estraneo può essere utile, ma non sempre l oggetto è estraibile in questo modo. Inoltre si corre il rischio di spingerlo ancora più all interno. Dare dei colpi sul torace o sulla schiena può essere una valida manovra, ma non sempre è sufficiente. Più utile è la tecnica di far contemporaneamente chinare in avanti l infortunato, magari appoggiandosi allo schienale di una sedia, per sfruttare anche la forza di gravità. Nel caso di un bambino si può addirittura afferrarlo per i piedi a testa in giù e dargli dei colpetti sulla schiena. Anche se queste due manovre possono essere di aiuto, la migliore tecnica da mettere in atto in caso di soffocamento è la manovra di Heimlich. 62

12 La manovra di Heimlich nel neonato e nel bambino Se la vittima è un bambino occorre adagiarlo in posizione supina a terra. Il soccorritore si inginocchia a cavalcioni dell infortunato, gli mette le mani sull addome tra l ombelico e lo sterno e spinge dentro l addome con un rapido colpo verso l alto. Nei neonati è consigliata, in sostituzione della compressione addominale, la percussione toracica posteriore. Attenzione: dopo queste manovre una valutazione medica è sempre necessaria. La manovra di Heimlich nell adulto Il soccorritore si pone alle spalle dell infortunato e lo cinge ponendo il pugno chiuso alla bocca dello stomaco, tra lo sterno e l ombelico. A questo punto preme in modo rapido, forte e ripetuto il pugno verso la testa dell infortunato facendo contemporaneamente anche pressione sull addome verso l alto. L infortunato dovrebbe rigettare immediatamente l oggetto che gli ha ostruito le vie aeree. La manovra di Heimlich è una tecnica di liberazione delle vie respiratorie abbastanza semplice perché possa essere imparata anche da persone che non hanno una formazione sanitaria specifica. Sebbene semplice la manovra di Heimlich richiede comunque molta attenzione, perché una posizione errata della mani o una pressione esagerata potrebbe provocare danni all infortunato. Si deve ricordare che, nonostante il trattamento con successo, il corpo estraneo può permanere nel primo tratto delle vie aeree o nei segmenti inferiori delle vie respiratorie, provocando complicazioni tardive. Le vittime che presentano quindi tosse persistente, difficoltà alla deglutizione o sensazione di un corpo estraneo bloccato in gola, devono essere segnalati al medico per ulteriori accertamenti. Inoltre, le compressioni addominali possono anche causare gravi danni agli organi interni, pertanto tutte le vittime trattate con compressioni addominali devono essere valutate da un medico. In sintesi ricorda quanto segue: Allarma il 144 Rispondi a tutte le domande che ti vengono poste Rimani in linea Metti in atto le istruzioni impartite dall operatore del 144 Non metterti in situazioni di pericolo Proteggi il paziente p Nel prossimo numero di SOS vi spiegheremo come gli operatori del 144 prendono a carico le chiamate, stabiliscono il grado d urgenza e i mezzi da inviare sul posto dell intervento 63

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO

57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 57 CORSO DI PRIMO SOCCORSO 15 2016-08 ottobre 2016 programma del corso INFORMAZIONI GENERALI Per essere ammessi all esame finale è necessario aver partecipato: per i Gruppi prioritari di popolazione: a

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO CENTRALE OPERATIVA EMERGENZA URGENZA 118 - Milano PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO DISPONIBILITA L Associazione/Organizzazione di Volontariato Cooperativa Sociale (di seguito denominata A/O-C) comunica

Dettagli

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0)

Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Protocollo di intesa tra Servizio 118 e le Associazioni Convenzionate per la Gestione degli Interventi di Emergenza (rev. 0) Approvato dal comitato del Dipartimento di Interesse Regionale del Servizio

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

Sezione del militare e della protezione della popolazione. Pillole informative

Sezione del militare e della protezione della popolazione. Pillole informative Sezione del militare e della protezione della popolazione Pillole informative Pillole informative Informazioni di pubblica utilità Informazione - prevenzione - intervento Unità di soccorso e cittadini

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza Comune di Lodrino Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale in Caso di emergenza informa zioni Comunali Il Comune di Lodrino, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO

PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO REGOLAMENTO SANITARIO PUBBLICA ASSISTENZA PIANORO ASSOCIAZIONE VOLONTARIA REGOLAMENTO SANITARIO Articolo 1 - DIRETTORE SANITARIO Il Direttore Sanitario è l'unico responsabile di fronte alla legge per quanto riguarda i presidi

Dettagli

CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA.

CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA. CENTRO*EMPOLI 2010: SIMULAZIONE DI MAXIEMERGENZA A SORPRESA PER TESTARE LA MACCHINA DELL EMERGENZA. Dott.ssa Cecilia Marmai Medico EST AUSL 11 Empoli Antonella Galgani Infermiera Emergenza Urgenza Territoriale

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti

Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti Tipologia Intervento Attualmente le modalità di attivazione sono da individuarsi in: Cittadino comune tramite telefono fisso o mobile Centrali Operative di altri Enti (Autostrade per l Italia, 112, 113,

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A.

Gravità - Urgenza - Priorità. Protocollo C.E.S.I.R.A. TRIAGE Sistema di suddivisione delle vittime, per stabilirne il livello di priorità sia nel soccorso che nello sgombero. Si utilizza in caso di incidenti o di eventi catastrofici con un alto numero di

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 01 Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 01 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Proteggere le vertebre cervicali Non muovere inutilmente

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Buscate

Scuola Secondaria di I grado di Buscate ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ARCONATE E BUSCATE Scuola Secondaria di I grado di Buscate ALLEGATO 1 A.S. 2014/15 PIANO DI EMERGENZA SANITARIA E DI PRIMO SOCCORSO INDICE 1. GENERALITÀ 2. ADDETTI AL PRIMO

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con

Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Milano. BLS ed Elementi di Primo Soccorso. Il Ruolo del Soccorritore. In collaborazione con Università degli Studi di Milano BLS ed Elementi di Primo Soccorso Il Ruolo del Soccorritore In collaborazione con Obiettivo Sapere come comportarsi quando ci si trova di fronte ad un paziente colpito

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella. Simulazione d intervento in caso di calamità naturale

Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella. Simulazione d intervento in caso di calamità naturale Associazione di Protezione Civile Propyrgi - Santa Marinella Simulazione d intervento in caso di calamità naturale 1 Introduzione In questa simulazione i partecipanti assumeranno i ruoli dei principali

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso.

DIREZIONE Il Direttore del corso è un Medico o un Infermiere, designato dall Associazione promotrice del corso. PROTOCOLLO FORMATIVO DEI SOCCORRITORI VOLONTARI DI LIVELLO AVANZATO MODALITA ORGANIZZATIVE DEL CORSO ORGANIZZAZIONE I corsi di formazione sono organizzati dalle Associazioni iscritte nel Registro Regionale

Dettagli

ARGOMENTI DELLA SERATA

ARGOMENTI DELLA SERATA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale VV.F.Varese Presentazione curata dal Capo Squadra Esperto Lorenzo Canazza ARGOMENTI DELLA SERATA RUOLO E COMPETENZE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario

TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE. Ambulanza di trasporto ordinario 1 TABELLA 1 REQUISITI PER IL PERSONALE A BORDO DELLE AMBULANZE Ambulanza di trasporto ordinario In caso di trasporto ordinario è obbligatoria la presenza a bordo di: - un autista, con patente di guida

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE DISPENSA PER I DISCENTI LA RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE DI BASE 1 DEFINIZIONE E OBIETTIVO Le manovre di rianimazione cardio-polmonare di base si rendono necessarie

Dettagli

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia

Sig. Presidente del Consiglio Regionale della Puglia Consiglio Regionale della Puglia VIII Legislatura PROPOSTE E DISEGNI DI LEGGE Atto Consiglio N 243 Data di Arrivo 08/02/2008 N. Prot. Gen 1160 Iniziativa Legislativa Proposta di legge Presentatori Zullo;

Dettagli

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo

GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE. Relazione Finale Galilei 2003. Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo Esercitazione di protezione civile nell ipotesi di incidente aereo GALILEI 2003 RELAZIONE FINALE Data di stampa 15/11/2003 1 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. SCOPI ED OBIETTIVI 3. CRONOLOGIA DEGLI AVVENIMENTI

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA

IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA IL DEFIBRILLATORE NEGLI IMPIANTI SPORTIVI? IL PERCHE DI UNA SCELTA OBBLIGATA Furio Zucco Responsabile Sevizio Sanitario Stadio S. Siro Milano Convegno: In campo con il Cuore 17 maggio 2014 Milano UN PROBLEMA

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

III CORSO DI RIANIMAZIONE E PRIMO SOCCORSO IN MONTAGNA 11 e 12 APRILE 2015 RIFUGIO PARCO ANTOLA Propata (GE)

III CORSO DI RIANIMAZIONE E PRIMO SOCCORSO IN MONTAGNA 11 e 12 APRILE 2015 RIFUGIO PARCO ANTOLA Propata (GE) III CORSO DI RIANIMAZIONE E PRIMO SOCCORSO IN MONTAGNA 11 e 12 APRILE 2015 RIFUGIO PARCO ANTOLA Propata (GE) Organizzato dall Associazione Centro di Formazione New Life di Rapallo (GE), con la collaborazione

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO

LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI PERGINE LA CONVENZIONE P.A.T. C.R.I. L OPERATIVITA DELLA C.R.I. GLI APPARATI E I CANALI RADIO DELL A.P.S.S. IL RUOLO DEL SOCCORRITORE SUL LUOGO DELL EVENTO CORSO PER ASPIRANTI

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato SVT Supporto Vitale al Traumatizzato Il Soccorso Vitale di base al Traumatizzato, abbreviato anche con SVT (in inglese BTLS, Basic Trauma Life Support o PTC, Pre-hospital Trauma Care), è una tecnica di

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici OBIETTIVI DELLA LEZIONE Importanza del conoscere le

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Prot. 5469 /A35 Pompei lì, 14/11/13

Prot. 5469 /A35 Pompei lì, 14/11/13 MIUR Ministero Istruz.. Università e Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Via Parroco Federico n. 83-80045 POMPEI (NA) tel. 081/8506209 - fax 081/8506929 Codice Scuola : NAEE220002 - C.F. 82015230632

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali BASIC LIFE SUPPORT Supporto di Base delle Funzioni Vitali QUALI SONO LE FUNZIONI VITALI? Respiro Circolazione del sangue SE LE FUNZIONI VITALI NON FUNZIONANO Se il respiro è assente o non valido ci sarà

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Sapere come trattare

Dettagli

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI

ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI ALLEGATO N.08. DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI (AI SENSI DEL D.Lgs.9.04.2008/N.81) _ ATTESTATI CORSI DIPENDENTI 01.CORSO R.L.S.. 02.CORSO INFORMAZIONE/FORMAZIONE. 03.CORSO PREPOSTI. 04.CORSO ANTINCENDIO.

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO

VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO VENERABILE ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI LIVORNO CON LA COLLABORAZIONE DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIALE MISERICORDIE LIVORNO CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D ITALIA CONFERENZA REGIONALE MISERICORDIE

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza BLSD BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Manuale di BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION trattamento di base dell arresto cardio-respiratorio a cura del Centro Formazione Permanente Abruzzo Soccorso INTRODUZIONE Tra le funzioni del cuore, dei polmoni

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

Protezione Civile 07 febbraio 2013 Comitato Provinciale del Trentino

Protezione Civile 07 febbraio 2013 Comitato Provinciale del Trentino Croce Rossa Italiana Comitato Regionale di Trento Protezione Civile 07 febbraio 2013 Cosa vediamo Oggi 1) La Protezione Civile Provinciale Nazionale ruolo CRI 2) Evento Maggiore Prima macchina Cenni sul

Dettagli

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso

Progetto. Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Progetto Primo Soccorso a Scuola. A Scuola di Primo Soccorso Introduzione all organizzazione del sistema dell emergenza e ai gesti del primo soccorso per i docenti e gli studenti delle scuole della Liguria.

Dettagli

BLSD B ESECUTORE Programma

BLSD B ESECUTORE Programma Studio Infermieri Associati Auxilium Centro di Formazione IRC P.zza Martiri della Libertà, 9 50032 Borgo San Lorenzo Tel 055/8496116 Fax 055/8496023 studio.auxilium@tin.it BLSD B ESECUTORE Programma 8.30

Dettagli

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO IMPIANTO SPORTIVO Piano Sanitario Responsabilità precise Personale professionista (Medici e Infermieri E/U) Soccorritori

Dettagli

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto.

Disturbi d ansia. Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Disturbi d ansia Questo foglio descrive I disturbi d ansia e come cercare aiuto. Molte persone che soffrono di depressione, hanno anche problemi di ansia. Esempi comuni di problemi d ansia comprendono

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS)

CARTA DEI SERVIZI. Sede legale e operativa: Via Pablo Picasso 18, 09036 Guspini (VS) CARTA DEI SERVIZI Erogazione di servizi di soccorso di base all interno del servizio di emergenza territoriale 118 Servizio trasporto ammalati e disabili Assistenza sanitaria durante attività sportive

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO

GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO PRONTO SOCCORSO GESTIONE INFERMIERISTICA DEL POLITRAUMATIZZATO IN PRONTO SOCCORSO VADEMECUM 1 LA GOLDEN HOUR La corretta organizzazione nel gestire l assistenza al politraumatizzato, comporta una significativa riduzione

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Andausu ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Rispetto a: 1- Criticità Presenze turistiche: Garantire un numero maggiore

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO 2013 AUTOSOCCORSO & Soccorso Organizzato E l azione di soccorso attuata immediatamente dalle persone superstiti all evento 2 Fase di sopravvivenza Fase di asfissia

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del'attività elettrica

Dettagli

IL SISTEMA DI EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA

IL SISTEMA DI EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI IL SISTEMA DI EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA LA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO. AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08

CORSO DI PRIMO SOCCORSO. AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08 CORSO DI PRIMO SOCCORSO AGGIORNAMENTO 4 ore AI SENSI DEL D.M. 338/03 D.LGS. 81/08 ARGOMENTI CORSO AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO per aziende di gruppo B e C (4 ore), ex D.M. 388/2003 e D.Lgs. 81/2008 UNICA

Dettagli

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE A)PROCEDURA PER ASSISTERE LE PERSONE DISABILI B)PROCEDURA PER EDUCATORI/EDUCATRICI COMUNALI C)PROCEDURA SICUREZZA PER VISITATORI DELL' ISTITUTO A)PROCEDURA PER ASSISTERE

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli