REGOLAMENTO VILLA SORAGNA CENTRO CIVICO - CULTURALE -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO VILLA SORAGNA CENTRO CIVICO - CULTURALE -"

Transcript

1 1 Allegato alla delibera Consiglio Comunale n. 7 del Modificata deliberazione di G.C. n.227 del 12/10/99 all'art.8 REGOLAMENTO VILLA SORAGNA CENTRO CIVICO - CULTURALE - ART. 1 - FINALITA L Amministrazione, riconoscendo a Villa Soragna l uso pubblico rivolto a tutte le categorie produttive, agli Enti, alle Associazioni e ai gruppi, si pone la finalità di porre la struttura a servizio della vita culturale, economica, sociale e politica del paese come punto di aggregazione e di elaborazione culturale. ART. 2 - DESCRIZIONE DELL IMMOBILE Villa Soragna è costituita da quattro piani: - Seminterrato (di seguito denominato Piano A): 1) Sala Centrale (di seguito denominata Sala A) - n. 2 sale riservate allo 0/6 2) - n. 2 sale Archivio Storico 3) - Videoteca - Piano Rialzato (di seguito denominato Piano B) 1) Sala Centrale (di seguito denominata Sala B) - posti massimo n. 99 2) - Biblioteca - Primo Piano (di seguito denominato Piano C) 1) Sala Centrale (di seguito denominata Sala C) - posti massimo n. 99 2) - n. 6 salette - Secondo Piano (di seguito denominato Piano D) 1) Sala Centrale (di seguito denominata Sala D)

2 2 - posti massimo n. 99 2) - n. 6 salette 3) Nella contemporaneità d uso dei Piani, non possono essere compresenti più di 75 persone. - Torretta ART. 3 - BIBLIOTECA ED ALTRI SERVIZI Il Piano A) ospita l Archivio Storico, lo Spazio 0/6 e la Videoteca. Nel Piano B) ha sede la Biblioteca Comunale ed i servizi Informagiovani e accoglienza turistica, disciplinati da apposito regolamento. La Torretta oltre il Piano D) non è accessibile al pubblico. ART. 4 - USO DEI LOCALI Fatta salva la funzione dei servizi di cui al precedente articolo 3), i locali della Villa: Piano B) - C) e D) saranno riservati prioritariamente a manifestazioni ed iniziative organizzate, promosse e patrocinate dall Amministrazione Comunale, mentre i locali del Piano A) sono destinati esclusivamente ad iniziative organizzate e promosse dall Amministrazione Comunale. L uso sarà altresì concesso, nel rispetto delle finalità di cui all art. 1 del presente regolamento, alle categorie produttive, Enti, Associazioni e Gruppi con sede e/o che operano per finalità riconosciute di pubblico interesse per i cittadini del Comune di Collecchio. A parità di ordine cronologico della domanda di concessione, la stessa verrà assegnata a soggetti con sede nel Comune di Collecchio. E a discrezione del Sindaco e/o dell Assessore alla Cultura concedere l uso della Villa anche ad Associazioni ed Enti provenienti da altri Comuni e che operano con finalità di interesse pubblico, sempre nel rispetto di quanto stabilito dall art. 1.

3 3 ART. 5 - RICHIESTA DI CONCESSIONE Per ottenere la concessione dei locali occorre inviare domanda in carta semplice al Sindaco e per conoscenza all Assessore alla Cultura e al Funzionario responsabile del procedimento. La domanda dovrà essere presentata almeno 20 giorni prima della data richiesta e deve contenere, pena l invalidità: 1) la denominazione dell Ente - Società - Gruppo 2) il nome del Responsabile o del referente (se trattasi di persona diversa dal responsabile per la manifestazione oggetto di richiesta) 3) il numero di Partita I.V.A. e Codice Fiscale 4) il diario delle attività 5) l impegno ad osservare le norme igienico-sanitarie e di attenersi a quanto disposto nel presente regolamento 6) la firma del Responsabile 7) il versamento, infruttifero, a titolo di cauzione o di fidejussione, di =, (EURO= 258,23) anche tramite assegno circolare. Non sarà richiesta la cauzione o fidejussione quanto l affitto avviene per un solo giorno. Il concessionario pro-tempore è direttamente responsabile verso i terzi in ogni e qualsiasi modo e deve comunque esentare interamente il Comune da ogni pretesa altrui per danni o altro derivanti dall attività e dall esercizio della concessione ottenuta. ART. 6 - TARIFFE La concessione dei locali di cui trattasi, viene rilasciata nei seguenti orari: Martedì - Mercoledì - Giovedì - Venerdì: dalle ore 9.00 alle ore 15.00, dalle ore alle ore e dalle ore alle ore 24.00;

4 4 Sabato e Domenica dalle ore alle ore 13.00, dalle ore alle ore e dalle ore alle ore I locali della Villa non potranno essere utilizzati il Lunedì (giorno di chiusura della Biblioteca) salvo particolari ricorrenze. Le tariffe, a carico del concessionario, comprensive di energia elettrica, acqua e pulizia dei locali, sono fissate come segue e possono essere modificate con atto deliberativo della Giunta Comunale, previa consultazione dei capigruppo. Le tariffe si intendono sia per l uso di tutti i locali (eccetto per il piano B dove è possibile concedere solo la Sala) che per l uso della sola Sala Centrale. Sulla concessione saranno comunque specificati i locali concessi al solo fine dell allestimento e della sorveglianza. SALA B) = (EURO= 258,23) + I.V.A. PIANO C) = (EURO= 309,87) + I.V.A. PIANO D) = (EURO= 154,94) + I.V.A. E prevista la maggiorazione del 20% per il periodo in cui è in uso il riscaldamento. E altresì prevista la riduzione del 20% per l uso dopo il primo giorno e del 50% per l uso dopo il terzo giorno. Per le Associazioni, Enti e Gruppi, non a scopo di lucro, per manifestazioni senza fini di lucro, le tariffe di cui sopra sono ridotte dell 90%. Sono esenti da tali corrispettivi le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale. Le tariffe, nel caso in cui i locali siano affittati per l allestimento di mostre, saranno le seguenti: PIANO C) PIANO D) = (EURO= 25,82) + I.V.A. al giorno = (EURO= 25,82) + I.V.A. al giorno con una maggiorazione del 20% per il periodo in cui è in uso il riscaldamento. Non verranno applicate ulteriori detrazioni. La Sala B) non potrà essere utilizzata per l allestimento di mostre.

5 5 ART. 7 - PROCEDIMENTO PER LA CONCESSIONE Il Responsabile del Procedimento è il funzionario, più alto in grado, che opera nell Unità Operativa Pubblica Istruzione, Cultura e Tempo Libero. Il Responsabile del Procedimento è tenuto, dopo la verifica del calendario d uso della Villa e l acquisizione della documentazione di cui all art. 5), ad emettere, entro 5 giorni dalla presentazione della domanda, il provvedimento di concessione che sarà firmato dal Dirigente del Settore. Solo in caso di mancata disponibilità, dovrà essere data comunicazione al richiedente, entro lo stesso termine. Il provvedimento consentirà l uso dei locali (acquisirà efficacia) solo previo versamento della quota dovuta nella misura stabilita dall articolo precedente. Per le manifestazioni organizzate dall Amministrazione Comunale i Responsabili delle varie Unità Operative sono tenute a concordare le date delle stesse con il Responsabile del Procedimento, che riferirà per scritto, la disponibilità all Assessore e al Funzionario interessati. L organizzazione della manifestazione sarà a carico dell ufficio proponente, mentre l organizzazione dei servizi attinenti i locali (gas, luce, acqua, pulizie, chiusura e apertura dei locali, sorveglianza) saranno a carico del Responsabile del Procedimento. ART. 8 - MATRIMONI CIVILI I matrimoni civili saranno celebrati nella Sala del Consiglio Comunale. Tuttavia, a richiesta, potranno essere celebrati anche nella Sala B) di Villa Soragna. Il Responsabile dell Unità Operativa - Servizi Demografici - seguirà, per la richiesta dell utilizzo delle Sale, il procedimento di cui al precedente art. 7) sopra indicate. Il canone d uso della Villa per la celebrazione dei matrimoni sarà il seguente: SALA B) I.V.A.

6 6 E consentito allestire il servizio di cattering solo all esterno della Villa e previo pagamento di un ulteriore canone di I.V.A. Le pulizie sono a carico dell Amministrazione Comunale. La garanzia dei servizi, come per ogni concessione, è di competenza del Responsabile dell Unità Operativa - Pubblica Istruzione, Cultura e Tempo Libero -. Per i matrimoni è consentito, solo per gli sposi, l ingresso delle macchine nel Parco Nevicati, sino alla Villa. Il controllo sarà a carico del Comando di Polizia Municipale, avvisato dal Responsabile del Procedimento. * con delibera di G.C.n 227 del 12/10/99 il valore è stato portato a = (EURO=309,87) + I.V.A. ** con delibera di G.C.n 227 del 12/10/99 il valore è stato portato a = (EURO=516,46) + I.V.A. ART. 9 - USO PARCO NEVICATI Le concessioni dell uso della Villa, in orari in cui il Parco è chiuso al pubblico comporteranno l obbligo di apertura e chiusura del cancello del Parco a carico del custode dello stesso, avvisato dal Responsabile del Procedimento. ART INGRESSO MACCHINE NEL PARCO Oltre a quanto stabilito nei precedenti articoli potranno entrare nel Parco Nevicati le macchine degli organizzatori delle manifestazioni solo per le operazioni necessarie all allestimento delle stesse. ART RESPONSABILE DELL IMMOBILE Viene individuato in base alle vigenti disposizioni in materia. ART FIDEJUSSIONE O CAUZIONE

7 7 Il Responsabile del Procedimento, all atto della concessione, dovrà controllare lo stato dei locali, degli arredi e il buon funzionamento dei servizi. Dopo l utilizzo e previa ulteriore verifica dei locali oggetto della concessione, procederà alla restituzione al titolare della fidejussione o cauzione qualora non siano stati recati danni ai locali e agli arredi. Il non utilizzo dei locali, da parte del concessionario, per cause da imputare ai richiedenti non darà diritto alla restituzione del canone d affitto ma solo della fidejussione o cauzione. ART ONERI A CARICO DEL CONCESSIONARIO Il concessionario si assume tutti gli oneri derivanti dall eventuale arreco di danni al locale, ai servizi, agli arredi, agli impianti e alle attrezzature. L entità dell onere dei danni arrecati sarà stabilita, in contraddittorio, dal concessionario, dal Responsabile della Struttura e dal Responsabile del Procedimento, eventualmente con il supporto degli Uffici Tecnici. Inoltre tutte le installazioni suppletive messe in opera dal concessionario, previa approvazione del Responsabile del Procedimento, devono essere realizzate sotto la diretta sorveglianza del Responsabile della Struttura, sopra indicato. Il Comune è esente da ogni pretesa altrui per danni o altro derivanti dall attività svolta in virtù della concessione ottenuta. Deve inoltre osservare i regolamenti di Pubblica Sicurezza, le norme igienico-sanitarie e la normativa concernente il divieto di fumo. Sono a carico del concessionario tutti i tributi diretti ed indiretti, concernenti l esercizio della concessione, che saranno indicati sul provvedimento stesso. E fatto divieto al concessionario di utilizzare i locali in modo difforme da quanto contenuto nel provvedimento rilasciato dall Amministrazione. ART DISPONIBILITA DELLE CHIAVI Copia delle chiavi di ogni locale della Villa sarà consegnata dall Amministrazione: a) al Custode del Parco Nevicati b) al Responsabile dell Immobile

8 8 c) al Responsabile dell Ufficio Cultura - Pubblica Istruzione e Tempo Libero d) al Comando della Polizia Municipale Sarà compito del Responsabile del Procedimento consegnare copia delle chiavi ai Responsabile delle Unità Operative per le manifestazioni organizzate dall Amministrazione. Le stesse devono essere riconsegnate al Responsabile del Procedimento entro il giorno successivo allo svolgimento della manifestazione. ART NORME TRANSITORIE L art. 8) - MATRIMONI CIVILI entrerà in vigore dopo la ristrutturazione della Sala del Consiglio Comunale, sino ad allora i matrimoni saranno celebrati nella Sala B). L uso della Villa, nel periodo transitorio, sarà gratuito, così come da provvedimento Sindacale n del ART NORME FINALI Quanto non specificato nel presente regolamento è demandato alle vigenti disposizioni di legge.

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO CULTURALE COMUNALE sito in Via PONTE CAPO (Palazzo Ex Scuola Media) Approvato con deliberazione

Dettagli

FOGLIO DELLE CONDIZIONI PER L UTILIZZO DI VILLA DEI LEONI A MIRA

FOGLIO DELLE CONDIZIONI PER L UTILIZZO DI VILLA DEI LEONI A MIRA FOGLIO DELLE CONDIZIONI PER L UTILIZZO DI VILLA DEI LEONI A MIRA PREMESSO CHE: con determinazione dirigenziale n. 614 del 07.04.2011 si stabilivano i criteri di seguito riportati per l uso di Villa dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto 1.1. II presente

Dettagli

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI Delibera Consiliare n. 15 del 15/03/2011 Pubblicata dal 12/4/2011 al 26/4/2011 1 Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina le modalità di celebrazione dei matrimoni civili come regolati dalle disposizioni di cui

Dettagli

COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR

COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE sito in Farinate di Capralba Approvato

Dettagli

AUDITORIUM DI GAGGIANO REGOLAMENTO D USO AUDITORIUM COMUNALE

AUDITORIUM DI GAGGIANO REGOLAMENTO D USO AUDITORIUM COMUNALE AUDITORIUM DI GAGGIANO REGOLAMENTO D USO AUDITORIUM COMUNALE PREMESSA L Auditorium Comunale di Gaggiano, di seguitò per brevità detto Auditorium, è situato in Via Dante Alighieri ed è gestito dalla Compagnia

Dettagli

COMUNE DI SAONARA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

COMUNE DI SAONARA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE COMUNE DI SAONARA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 20.03.2013 INDICE Art. 1 OGGETTO pag. 2 Art.

Dettagli

COMUNE DI PAGNO PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE

COMUNE DI PAGNO PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE COMUNE DI PAGNO PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali - Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.3 in data 17 febbraio 2009, divenuta

Dettagli

PER L USO TEMPORANEO DELLE SALE COMUNALI

PER L USO TEMPORANEO DELLE SALE COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO TEMPORANEO DELLE SALE COMUNALI (Approvato con deliberazione consiliare n. 71/28.11.2006) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso temporaneo di tutte le

Dettagli

COMUNE DI ANDORNO MICCA. Provincia di Biella REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA RICREATIVA DENOMINATA PARCO LA SALUTE

COMUNE DI ANDORNO MICCA. Provincia di Biella REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA RICREATIVA DENOMINATA PARCO LA SALUTE COMUNE DI ANDORNO MICCA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AREA RICREATIVA DENOMINATA PARCO LA SALUTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 13 del 23.06.2014 ART. 1 Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI, DELLE STRUTTURE E DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI, DELLE STRUTTURE E DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI, DELLE STRUTTURE E DELLE ATTREZZATURE DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con atto C.C. N. 41 del 27/11/2013 1 INDICE ART. 1 OGGETTO pag. 3 ART. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO INDIRIZZI E CRITERI PER LA FRUIZIONE DEL MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA E SALE COMUNALI

REGOLAMENTO INDIRIZZI E CRITERI PER LA FRUIZIONE DEL MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA E SALE COMUNALI REGOLAMENTO INDIRIZZI E CRITERI PER LA FRUIZIONE DEL MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA E SALE COMUNALI (Delib. G.C. n. 136/2002 integrato con Delib. G.C. n. 315/2002) TIT. I MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA.

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. Art. 1 Oggetto del Disciplinare Il presente disciplinare regola l uso dei locali di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI approvato con atto di C.C. n. 19 del 28.04.2010 modificato con atto di C.C. n. 26 del 11.05.2011

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

Disciplinare comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Disciplinare comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Disciplinare comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con Deliberazione G.C. n. 10 del 10/2/2011 In vigore dal 10 febbraio 2011 Integrato con Deliberazione di G.C. n. 54 del 21/6/2012

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi

Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi Regolamento per l utilizzo delle sale dell Unione Valdera da parte di Enti Terzi ARTICOLO 1: Oggetto 1. Il presente regolamento individua i criteri generali per la in uso temporaneo degli ambienti a disposizione

Dettagli

C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE

C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA DENOMINATA STRUTTURA POLIFUNZIONALE SITA A MALFA IN VIA ROMA PIAZZA IMMACOLATA - PER SCOPI DIVERSI. C O

Dettagli

Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Responsabile del Servizio Dott.ssa Clara CERMENATI CARLESI e-mail: anagrafe@comune.bellagio.co.it SERVIZI ALLA PERSONA E DEMOGRAFICI Pratica trattata da: Dott.ssa Clara CERMENATI CARLESI Regolamento Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO CON RITO CIVILE E PER LA DISCIPLINA DELL INIZIATIVA: SI, IN

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO CON RITO CIVILE E PER LA DISCIPLINA DELL INIZIATIVA: SI, IN REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO CON RITO CIVILE E PER LA DISCIPLINA DELL INIZIATIVA: SI, IN VILLE STORICHE, CASCINE ANTICHE E STRUTTURE TURISTICO- RICETTIVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. N.0341/840.123 Fax N.0341/840.673 segreteria@comune.casargo.lc.it www.comune.casargo.lc.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana)

REGOLAMENTO. PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) C O M U N E D I A Z Z A T E Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE SALE DI PERTINENZA COMUNALE (SALA Consiliare e SALA Cav. F.Fontana) Approvato con delib. C.C. n. 18 del 10.03.2006 Pubblicato

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

COMUNE DI FORMIA (Provincia di Latina)

COMUNE DI FORMIA (Provincia di Latina) COMUNE DI FORMIA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI SALE COMUNALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento individua i criteri generali per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 28/03/2013 Indice generale Art. 1 - Oggetto Art. 2 Luogo di celebrazione Art.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI Via Vittorio Emanuele II n.1 20039 Varedo (MI) tel. 0362.5871 fax 0362.544540 - c.f. 00841910151 - p.i. 00696980960 REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLE SALE CIVICHE COMUNALI 1 CAPO I - PRINCIPI Art. 1 - INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DI SALE E SPAZI ESTERNI DEL CENTRO AGRICOLO COMMERCIALE E MERCATO ZOOTECNICO DI VILLA POTENZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DI SALE E SPAZI ESTERNI DEL CENTRO AGRICOLO COMMERCIALE E MERCATO ZOOTECNICO DI VILLA POTENZA Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DI SALE E SPAZI ESTERNI DEL CENTRO AGRICOLO COMMERCIALE E MERCATO ZOOTECNICO DI VILLA POTENZA Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI GRANZE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ---------- approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 3 del 27 marzo 2014 Indice Art. 1 Oggetto e Finalità pag.

Dettagli

Città di Olgiate Comasco

Città di Olgiate Comasco REGOLAMENTO PER L USO DEGLI STABILI COMUNALI 1 1. Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti stabili comunali: - CENTRO CIVICO MEDIOEVO, - SALA CONSILIARE, - SALONE DEL CENTRO SPORTIVO COMUNALE

Dettagli

EDIZIONE ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE DATA ESECUTIVITA

EDIZIONE ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE DATA ESECUTIVITA Regolamento per l utilizzo del complesso edilizio Visconti Venosta RO/032 CITTA DI SANTENA NORMAZIONE Edizione 2 Revisione 1 EDIZIONE ESTREMI ATTO DI DELIBERAZIONE DATA ESECUTIVITA 2 Rev. 0 C.C. n. 4 in

Dettagli

COMUNE DI VOGHIERA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI VOGHIERA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI VOGHIERA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione consiliare n. 15 del 29/05/2012 INDICE ART.1 Oggetto e finalità del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO ---------------- Servizio Demografico - Attività Economiche e Produttive REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAGRADO Provincia di Gorizia

COMUNE DI SAGRADO Provincia di Gorizia COMUNE DI SAGRADO Provincia di Gorizia REGOLAMENTO D USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 43 del 27.10.2008. - 1 - Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

Comune di Montebelluna

Comune di Montebelluna Comune di Montebelluna Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Deliberazione di G.C. n. 50 del 30.3.2009 1 Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali

Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n. 8 in data 19 agosto 2008. ART. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI FILETTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 06 DEL 18.03.

COMUNE DI FILETTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 06 DEL 18.03. COMUNE DI FILETTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 06 DEL 18.03.2014 Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Art 2 Funzioni

Dettagli

COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE

COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA ELSA MORANTE Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la concessione in uso terzi

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI SPAZI ALLE ASSOCIAZIONI PER SEDI O PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROPRIA ATTIVITA Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA Art. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Città di Novi Ligure

Città di Novi Ligure Città di Novi Ligure REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TEATRO CIVICO PAOLO GIACOMETTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 in data 5/6/2006. Articolo 1 Finalità Il Comune si avvale

Dettagli

REGOLAMENTO MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili approvato con deliberazione della Commissione Straordinaria n.11 del 08/05/2014 Pubblicato all'albo Pretorio dal 12/05/2014 al 27/05/2014 Esecutiva

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli

C O M U N E D I C I V I T A V E C C H I A

C O M U N E D I C I V I T A V E C C H I A C O M U N E D I C I V I T A V E C C H I A (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Indice generale Art. 1 - (Oggetto e finalità del regolamento) Art. 2 - (Funzioni)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE SALE ESPOSITIVE E DELLA SALA CONSIGLIARE STALLO MISERICORDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE SALE ESPOSITIVE E DELLA SALA CONSIGLIARE STALLO MISERICORDIA COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE SALE ESPOSITIVE E DELLA SALA CONSIGLIARE STALLO MISERICORDIA Approvato con delibera G.C. n. 39 del 11.05.2005 Modificato

Dettagli

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINIO, CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, VANTAGGI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI E PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DELLE

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI ALLEGATO A DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI Art. 1) Ambito di applicazione Il presente disciplinare individua e regola i criteri

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione C.C. n. 50 del 20/10/2011 Modificato con deliberazione C.C. n.57 del 29/11/2013 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti Regolamento comunale per la disciplina delle sagre, feste popolari e similari e per la concessione del patrocinio e di contributi. Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

(Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale del 20/03/2007, n. 13)

(Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale del 20/03/2007, n. 13) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEGLI AMBIENTI MONUMENTALI DI VILLA BAGLIONI (Salone dello Zucchi Salone Nobile del Tiepolo Salone consiliare) E PER L ACCESSO ALLE VISITE (Approvato con deliberazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Prot. n. 28315/I/3 del 30.9.2014 GG/AA REGOLAMENTAZIONE PER LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI UNIVERSITARI A SOGGETTI ESTERNI ALL ATENEO (Delibera Senato Accademico del 29.9.2014

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DA PARTE DI TERZI DELLE SALE COMUNALI PUBBLICHE

DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DA PARTE DI TERZI DELLE SALE COMUNALI PUBBLICHE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DA PARTE DI TERZI DELLE SALE COMUNALI PUBBLICHE Adottate con Delibera di Giunta Comunale n. 33 del 16 febbraio 2009 Modificate con Delibera di Giunta Comunale n. 91 del 27giugno

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova

COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI BENI IMMOBILI COMUNALI (Approvato con deliberazione consiliare n. 50 del 27/09/2006) 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI BENI IMMOBILI

Dettagli

COMUNE DI MONZA CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DELLO SPAZIO ESPOSITIVO DENOMINATO PUNTO ARTE DI VIA BERGAMO

COMUNE DI MONZA CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DELLO SPAZIO ESPOSITIVO DENOMINATO PUNTO ARTE DI VIA BERGAMO COMUNE DI MONZA CRITERI E MODALITA DI UTILIZZO DELLO SPAZIO ESPOSITIVO DENOMINATO PUNTO ARTE DI VIA BERGAMO Approvato con Delibera G.C. n. 750 del 23/11/2007 e integrato con Delibera G.C. n. 398 del 3/7/2012

Dettagli

(Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

(Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI TAURIANOVA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione del C.C. n 5 del 23.01.2016 Indice generale Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI PONTE NOSSA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTE NOSSA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l utilizzo della SALA CONVEGNI del Centro Polifunzionale Approvato con Deliberazione di C.C. nr.31 del 30.9.2004 Pagina 1 Indice Sommario Art. 1 Concessione, finalità e divieti nell utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO AD ENTI ED ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO AD ENTI ED ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI OULX REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO AD ENTI ED ASSOCIAZIONI DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 17.11.1997 modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA ARCHIMEDE PRIMO LEVI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA ARCHIMEDE PRIMO LEVI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA CONFERENZE DELLA BIBLIOTECA CIVICA ARCHIMEDE PRIMO LEVI ART. 1 La Fondazione Esperienze di Cultura Metropolitana (qui di seguito Fondazione),compatibilmente

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DEI LOCALI DEL CENTRO CULTURALE POLIVALENTE Approvato con delibera del Consiglio Comunale N. 13 del

Dettagli

COMUNE DI OLIVETO LARIO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DELLE SALE, DEI LOCALI E DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE

COMUNE DI OLIVETO LARIO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DELLE SALE, DEI LOCALI E DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI OLIVETO LARIO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DELLE SALE, DEI LOCALI E DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 05/03/2010 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 32 del 26.04.2012. Art.

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 32 del 26.04.2012. Art. COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 32 del 26.04.2012 Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI

SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI Allegato A COMUNE DI FAENZA Assessorato alla Cultura SALA CONFERENZE CENTRO DIDATTICO DOMENICO MALMERENDI DISCIPLINARE D USO SERVIZIO CULTURA ART. 1 DESTINAZIONE D'USO 1. La Sala Conferenze, ubicata all

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Città di Gardone Val Trompia CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Documento approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n.151 del

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO SALE CONVEGNI

REGOLAMENTO UTILIZZO SALE CONVEGNI REGOLAMENTO UTILIZZO SALE CONVEGNI DOCUMENTO APPROVATO DAL CDA IN DATA 27 GENNAIO 2014 PROT. N 459 REGOLAMENTO UTILIZZO SALE CONVEGNI INDICE Pag. 3 Articolo 1 Oggetto del regolamento Pag. 3 Articolo 2

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO (Provincia di Forlì-Cesena)

COMUNE DI BERTINORO (Provincia di Forlì-Cesena) COMUNE DI BERTINORO (Provincia di Forlì-Cesena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.12.2008 ed entrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI E DELL AULA CONSILIARE Art. 1 - Scopi. Con il presente regolamento si definiscono direttive e linee orientative per l uso dei locali comunali e dell aula

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO PUBBLICO DEL PALCO MODULARE DA ESTERNO DI PROPRIETA COMUNALE

COMUNE DI GAVORRANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO PUBBLICO DEL PALCO MODULARE DA ESTERNO DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI GAVORRANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO PUBBLICO DEL PALCO MODULARE DA ESTERNO DI PROPRIETA COMUNALE INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 OGGETTO CRITERI

Dettagli

COMUNE DI MOGLIANO VENETO

COMUNE DI MOGLIANO VENETO COMUNE DI MOGLIANO VENETO - Provincia di Treviso - Prot. n. ---------------------------------------------------------------- Convenzione per la gestione della palestra comunale G. Menegazzi e relative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) AGGIORNATO AL 12 OTTOBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento ha

Dettagli

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA Testo definitivo del Regolamento approvato con delibera di C.C. n. 7 del 13/02/09 con le modifiche ed integrazioni apportate con gli emendamenti approvati. COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONI DI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONI DI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONI DI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 12/11/2010 Art. 1 Regole Generali e Funzioni 1 La celebrazione del matrimonio è regolata

Dettagli

C O M U N E D I C O D I G O R O Provincia di Ferrara

C O M U N E D I C O D I G O R O Provincia di Ferrara C O M U N E D I C O D I G O R O Provincia di Ferrara REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N. 118 del 20/12/2011, divenuta esecutiva

Dettagli

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali

Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali Parte I: Disposizioni generali 1. Finalità L Amministrazione Comunale intende, con il presente regolamento, valorizzare l utilizzo delle sale comunali

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 -

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - Finalità Scopo del presente disciplinare è quello di regolamentare

Dettagli

COMUNE DI GALZIGNANO TERME Provincia di Padova

COMUNE DI GALZIGNANO TERME Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 55 del 24.09.2014, Pubblicato

Dettagli

ASSOCIAZIONE TURISTICA PROLOCO DI MACELLO. Via Parrocchiale, 24. 10060 MACELLO (TO) (Per recapiti telefonici si veda la rubrica telefonica allegata)

ASSOCIAZIONE TURISTICA PROLOCO DI MACELLO. Via Parrocchiale, 24. 10060 MACELLO (TO) (Per recapiti telefonici si veda la rubrica telefonica allegata) ASSOCIAZIONE TURISTICA PROLOCO DI MACELLO Via Parrocchiale, 24. 10060 MACELLO (TO) Email: prolocomacello@gmail.com (Per recapiti telefonici si veda la rubrica telefonica allegata) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE

Dettagli

PROVINCIA DI TARANTO

PROVINCIA DI TARANTO PROVINCIA DI TARANTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED ATTREZZATURE SCOLASTICHE DI COMPETENZA DELLA PROVINCIA DI TARANTO Art. 1 I Consigli d istituto sono tenuti, per legge, alla programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

Modalità di utilizzo da parte di terzi delle sale pubbliche comunali

Modalità di utilizzo da parte di terzi delle sale pubbliche comunali Modalità di utilizzo da parte di terzi delle sale pubbliche comunali approvate con Deliberazione di Giunta n.197/2011 TESTO MODIFICATO INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Sale Art. 3 Concessione Art. 4 Richieste

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MARCIGNAGO (Prov. Pavia) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con delibera C.C. n. 15 del 28.04.2011 Art. 1 Finalità Scopo del presente regolamento è quello di regolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZAZIONE DI SPAZI NEI CENTRI CIVICI E NEGLI ALTRI IMMOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE (Approvato con delibera consiliare n. 23 del 15.02.2005) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE

COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE ART. 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO SPAZI E AREE DI PROPRIETA COMUNALE. APPROVATO CON DELIBERA C.C. n. 70 del 12 novembre 2008

REGOLAMENTO UTILIZZO SPAZI E AREE DI PROPRIETA COMUNALE. APPROVATO CON DELIBERA C.C. n. 70 del 12 novembre 2008 REGOLAMENTO UTILIZZO SPAZI E AREE DI PROPRIETA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. n. 70 del 12 novembre 2008 INDICE. TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Criteri generali d'uso ART. 2 Modalità di utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE

COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 18 del 20.02.1996 e Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CASAPINTA Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI CASAPINTA Provincia di Biella REGOLAMENTO COMUNE DI CASAPINTA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO DEL SALONE EX CINEMA DI PROPRIETÀ COMUNALE NELL IMMOBILE DI VIA BASSETTI N. 3 Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO MATRIMONIO CIVILE

REGOLAMENTO MATRIMONIO CIVILE COMUNE DI POIRINO Provincia di Torino Tel. 011-945.01.14 - Fax 011-945.02.35 P.IVA 02007520014 www.comune.poirino.to.it REGOLAMENTO MATRIMONIO CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli