Ruolo e Competenze dell'energy Manager, in un contesto altamente evolutivo in termini normativi ed organizzativi. Interazioni con Maintenance Manager.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ruolo e Competenze dell'energy Manager, in un contesto altamente evolutivo in termini normativi ed organizzativi. Interazioni con Maintenance Manager."

Transcript

1 Spazio Manutenzione ed Energy saving Energy Efficiency: Manutenzione quale stakeholder per l Energy Saving Ruolo e Competenze dell'energy Manager, in un contesto altamente evolutivo in termini normativi ed organizzativi. Interazioni con Maintenance Manager. Milano IM-CRC/Alexander Weinhard Hallo Welt! 5. April 2011 geändert: 7. April 2011, LPK Entwurf Vertraulich

2 INDICE Cenni Introduttivi-Storici tti i i i Ruolo e Competenze dell'energy Manager Evoluzione Normativa Decisione 2002/358/CE, relativa all'approvazione, in nome della Comunità europea, del Protocollo di Kyoto Le norme del pacchetto Direttiva EESD 2006/32/CE e Dlgs 115/08 Certificazione energetica nell Edilizia e nell Industria. Confronto Evoluzione Organizzativa Da Energy Manager A Energy Management System UNI CEI ISO per la gestione dell efficienza energetica: Diagnosi energetica e operatività

3 Cenni Introduttivi-Storici Dalle Leggi 373/76, 308/82 e 10/91 ai giorni nostri: Evoluzione delle norme sul risparmio energetico nell Industria e negli edifici Nel 1974, guerra del Kippur tra Arabi ed Israeliani. Tutti i paesi occidentali si scoprirono improvvisamente vulnerabili a causa della propria dipendenzad dal petrolio. (Targhe alterne, Domeniche in bici a piedi..) In Italia venne introdotto il principio del risparmio energetico con L.30aprile1976,n.373(G.U.n.148del 7 giugno 1976) recante Norme per il contenimento del consumo energetico per usi termici negli edifici, poi abrogata dall art art. 37 della L. 10/91, che richiamava concetti moderni in tema di progettazione degli impianti ed isolamento termico degli edifici.

4 Cenni Introduttivi-Storici La Legge 29 maggio 1982, n. 308 Norme sul contenimento dei consumi energetici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili di energia e l esercizio di centrali elettriche alimentate con combustibili diversi dagli idrocarburi, ha introdotto alcune agevolazioni per incentivare gli interventi di risparmio energetico e delle fonti energetiche rinnovabili Ma la vera e propria svolta in materia fu data con la L. 9 gennaio 1991 n. 9 che all art art. 29 conteneva norme relative alle Agevolazioni fiscali per il contenimento dei consumi energetici e la L. 9 gennaio 1991 n Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia che tra l altro ha introdotto

5 Cenni Introduttivi-Storici Chi sono gli Energy manager. La figura dell'energy Manager nasce negli USA ai tempi della prima crisi petrolifera del In Italia questa figura è stata istituzionalizzata dalla Legge n 308 del 1982, alla quale si è ispirata la mia Tesi di Laurea nel 1984: Analisi energetiche nel Settore Industriale, Tessile in Piemonte Successivamente, nella Legge 10/1991 La figura dell'energy Manager viene definita "Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia" e ne vengono delineati ruoli e compiti; L'obbligo di nomina viene esteso a tutti gli Organismi pubblici e privati che superano determinati limiti di consumo. Negli ultimi tempi si sta affermando una nuova figura professionale: l'esperto in Gestione dell'energia, EGE, che amplia ed approfondisce le competenze dell'energy Manager, in risposta alle più recenti Direttive Europee ed all importante evoluzione dei mercati registrata negli ultimi anni. (fonte: sito FIRE).

6 Cenni Introduttivi-Storici Obbligo di nomina e comunicazione dell Energy Manager Il Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia, detto anche Energy Manager, è una figura introdotta per le Organizzazioni (enti pubblici e privati) caratterizzati da consumi importanti, espressi in tonnellate equivalenti di petrolio (tep): tep per le imprese del settore industriale; tep per i soggetti degli altri settori previsti dalla legge 10/91. Volendo fornire un termine di paragone si può considerare che tep corrispondono a circa 1,2 milioni di m3 di gas naturale o a 4,5 milioni di kwh. Gli Energy Manager operanti in Italia sono circa 2.650, di cui oltre 500 sono responsabili locali di aziende che si diramano con più sedi sul territorio nazionale e che presentano consumi superiori alle soglie indicate. Per diventare Energy Manager ed essere inseriti nell'elenco elenco (non si tratta di un albo, dunque) curato e gestito dalla FIRE per incarico del Ministero delle Attività Produttive, occorre essere nominati da un soggetto, non necessariamente sottoposto all'obbligo, seguendo le istruzioni fornite nella guida alla nomina (fonte: sito FIRE).

7 Cenni Introduttivi-Storici Chi può essere nominato Tecnico Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia e quale la sua professionalità L'idoneità a svolgere il compito di responsabile non viene specificata in dettaglio dalla normativa, sebbene la formazione tecnico-scientifica venga indicata come la più appropriata. p Il comma 17 della circolare del 2/3/1992 indica infatti, come figura ideale, un ingegnere con pluriennale esperienza nel settore della gestione dell'energia energia, dotato di competenze tecniche nel settore in cui opera, esperienza nel campo degli studi di fattibilità, buona conoscenza delle tecnologie avanzate e di una capacità organizzativa della propria struttura. tt Da una delle ultime analisi sulla scolarità degli EM nominati, considerando sia i responsabili principali p sia quelli locali, si evidenziava una presenza del 64% di laureati in materie tecniche/economiche, del 1% in umanistiche, del 30% di diplomati, del 1% di individui con licenze medie, mentre il 4% non ha fornito indicazione. (fonte: sito FIRE).

8 Cenni Introduttivi-Storici Quali sono i compiti dell'energy Manager Secondo le indicazioni di legge le funzioni che l'energy Manager deve svolgere sono sintetizzate ti t nella individuazione delle azioni, degli interventi e delle procedure necessarie per promuovere l'uso razionale dell'energia nonchè nella predisposizione dei bilanci energetici in funzione anche dei parametri economici e degli usi finali. L'Energy Manager ha perciò il compito di supporto al decisore in merito all'effettiva attuazione delle azioni e degli interventi proposti. Affinché l'energy Manager possa svolgere questi compiti, occorre che l'incarico venga conferito in via ufficiale e che i responsabili delle varie sezioni dell'impresa o dell'amministrazione siano informati di questa iniziativa. (fonte: sito FIRE).

9 Cenni Introduttivi-Storici Compiti dell'energy Manager (Fonte FIRE: Da EM a EGE) Pur rimanendo entro i limiti della definizione dell art art.19 della legge 10/91, le competenze di un Energy Manager, come suggerisce il termine, dovrebbero necessariamente svilupparsi ben oltre i compiti assegnati dalla legge. Riepilogando, le funzioni riguardano: verifica dei consumi, attraverso un monitoraggio e un controllo costante, tramite audit interni o, se disponibili, mediante i report prodotti da sistemi di telegestione, telecontrollo e automazione con la definizione di indicatori e misurazioni per tutti i consumi; ottimizzazione di questi consumi attraverso una corretta regolazione degli impianti e loro utilizzo appropriato dal punto di vista energetico; proposte di investimenti migliorativi, possibilmente in grado di migliorare i processi produttivi o le performance dei servizi collegati; promozione di comportamenti virtuosi da parte dei dipendenti e/o degli occupanti delle strutture energeticamente consapevoli; promozione della generazione di energia da fonti di energia rinnovabile; acquisto di energia elettrica, gas naturale e altri combustibili nel mercato libero,, attività con forti connotazioni finanziare nelle grandi organizzazioni; opzione meno diffusa ma non per questo secondaria è l aspetto contrattualistico, sia in merito agli acquisti di energia elettrica e degli altri vettori energetici per la riduzione dei costi di acquisto, sfruttando le opportunità offerte dal mercato libero, che la collaborazione con l ufficio acquisti per favorire procedure che promuovano gli acquisti verdi (green procurement) e l acquisto di macchinari caratterizzati da bassi consumi energetici e dunque bassi costi di gestione (life cycle cost analysis LCCA), fissando l attenzione anche sugli aspetti ambientali sia dal punto di vista normativo che in ottica di sostenibilità ambientale.

10

11 ISO Responsabilità della Direzione Rappresentante della direzione L'alta direzione deve nominare un rappresentante(i) della direzione con appropriate capacità e competenze che, a prescindere dalle altre responsabilità, ha la responsabilità ed autorità per: a) assicurare che il SGE sia stabilito, implementato, mantenuto e continuamente migliorato in conformità alla presente norma internazionale; b) identificare la(e) persona(e), autorizzata da un appropriato livello di direzione, a lavorare con il rappresentante della direzione al fine di supportare le attività ità di gestione dell'energia; c) riferire all'alta direzione in merito alle prestazioni energetiche; d) riferire all'alta direzione in merito alle prestazioni del SGE; e) assicurarsi che la pianificazione delle attività di gestione dell'energia sia progettata al fine di supportare la politica energetica dell'organizzazione; f) definire e comunicare le responsabilità e le autorità al fine di facilitare una gestione dell'energia energia efficace; g) determinare criteri e metodi necessari per assicurare che sia il funzionamento che il controllo del SGE siano efficaci; h) promuovere la consapevolezza della politica energetica e degli obiettivi a tutti i livelli dell'organizzazione.

12 HR Manager Top (Training) i Management (Investiments) Energy Manager Maintenance Manager Buyer Manager Energy Team (Operating) Projects Manager (Operability)

13 Top Management (EnMS Representative) ti ) Energy Team (Metodology) Maintenance Manager Energy Manager Buyer Manager (LCCA) HR Manager- (Training & Comunication) Projects Manager (Analisys)

14 Cenni Introduttivi-Storici I driver del cambiamento, del contesto in cui operano gli Energy Manager, sono stati, nell ordine di apparizione: la liberalizzazione dei mercati dell energia elettrica e del gas (che ha reso l acquisto di questi vettori energetici un attività via via più complessa e legata a prodotti finanziari, almeno nelle grandi aziende), l aumento deciso dei prezzi del petrolio e, conseguentemente, del gas naturale, e la crisi economico-finanziaria finanziaria. Gli ultimi due aspetti hanno ovviamente riportato in primo piano il tema dell efficienza energetica, soprattutto nelle aziende di media e grande dimensione, a cominciare dagli energy intensive. Questo cambiamento è stato accompagnato sul fronte regolatorio da un progressivo stimolo europeo all efficienza energetica, alla riduzione delle emissioni e alle fonti rinnovabili, attraverso una serie di direttive mirate: 2002/91/CE, 2004/8/CE, 2006/32/CE, 2009/28/CE, 2009/29/CE, 2009/30/CE, 2010/31/UE e l ultima Contestualmente è stata avviata la riforma del settore delle professioni, che si esprime in buona parte delle direttive con riferimenti all opportunità che i Paesi membri dell Unione promuovano la qualificazione e la certificazione degli operatori di settore. (fonte: sito FIRE)..

15

16 INDICE Cenni Introduttivi-Storici tti i i i Ruolo e Competenze dell'energy Manager Evoluzione Normativa Decisione 2002/358/CE, relativa all'approvazione, in nome della Comunità europea, del Protocollo di Kyoto Le norme del pacchetto Direttiva EESD 2006/32/CE e Dlgs 115/08 Certificazione energetica nell Edilizia e nell Industria. Confronto Evoluzione Organizzativa Da Energy Manager A Energy Management System UNI CEI ISO per la gestione dell efficienza energetica: Diagnosi energetica e operatività

17 Decisione 2002/358/CE, relativa all'approvazione, in nome della Comunità europea, del Protocollo di Kyoto Il Programma europeo sul cambiamento del clima o in sigla ECCP (European Climate Change Programme) fu lanciato nel 2000 dalla commissione dell'unione Europea. L'obiettivo dell'eccp di identificare, sviluppare e implementare tutti gli elementi necessari di una strategia europea per implementare il Protocollo di Kyoto del 1997 Il Piano del commercio delle emissioni di gas dell'unione Europea (in inglese European Union Greenhouse Gas Emission Trading Scheme) o semplicemente EU ETS è forse il più significativo contributi dell'eccp e la EU ETS è il più grande piano di questo tipo al mondo. La Direttiva 2003/87/CE, indica i punti principali della regolamentazione ETS dell'ue e descrive il programma di scambio consentito dei gas a effetto serra (GHG). Autorizzazioni alle emissioni di gas sono concesse agli Stati membri dell'unione Europea. Al fine di garantire che ogni Paese si attenga alle quote consentite, gli Stati membri devono monitorare e comunicare i dati delle emissioni. La normativa europea in materia di monitoraggio e comunicazione delle emissioni, e della successiva verifica da parte di un ispettore autorizzato è adottata entro il 31 dicembre La Decisione della Commissione 2007/589/CE descrive le origini delle emissioni (da combustione o processo) e stabilisce un numero di definizioni e regole, tra cui: definizione di monitoraggio, verbalizzazione, calcoli da utilizzare dalla portata del flusso alle emissioni GHG, categorie di installazione,..

18 QUADRO NORMATIVO (italiano?)

19

20 Dir. 2002/91/CE Rendimento energetico degli edifici NAZIONALE DD. Lgs. 192/2005 e 311/2006: Rendimento energetico in edilizia DL 115/2008: Efficienza usi finali di energia (Dir 2006/32/CE) DPR 59/2009: Attuazione e verifiche per progetto DM 26/6/2009: Linee guida per la certificazione REGIONE PIEMONTE LR 13/2007: Rendimento energetico in edilizia DGR /2009: Disposizioni attuative DGR /2009: Impianti solari termici DGR /2009: Stralcio di piano DGR 12374/2009,11-330/2010: Modifiche UNI TS 11300

21 Confronto Certificazione energetica nell edilizia e nell industria Quadro Normativo Cosa si certifica Oggetto di analisi Edilizia Regionale, Nazionale Europeo Immobile Edificio-Impianto Industria Regionale, Nazionale Europeo, Internazionale Sistema di Gestione dell Energia (*) Opifici - Flussi di vettori energetici i (*) e SGE Note In fase evolutiva (*) Un meto-do di lavoro (*) Realtà complessa Chi certifica Certificatore Energetico Organismi di Certificazione Ente Accreditato Attori/Risorse coinvolte Processo organizzativo Proprietario, Progettisti, Direzione Lavoro,., Amministratore Condominio Sopralluogo, elaborazione, raccomandazioni, i stesura e spedizione on line ACE Top Management, Energy Manager, Facilities & Oper. Mgr, Auditors int. & ext Baseline, Obtv, Audit interni (En. Mgr.) & esterni. Certificazione Ente Accredit Costi (appart. 100 mq, (Piccola e termoaut.-centraliz.) Media Impresa) Durata certificato Criticità 10 anni (salvo ristrutturazioni edificio e/o impianti) Banalizzazione 3anni, con Sorveglianza annuale Burocratizzazione Ruoli e Responsabilità frazionate Aspetti tecnici e relazionali Indicativi Rinnovo non automatico Potrebbero annul- lare i benefici

22 QUADRO NORMATIVO

23 INDICE Cenni Introduttivi-Storici tti i i i Ruolo e Competenze dell'energy Manager Evoluzione Normativa Decisione 2002/358/CE, relativa all'approvazione, in nome della Comunità europea, del Protocollo di Kyoto Le norme del pacchetto Direttiva EESD 2006/32/CE e Dlgs 115/08 Certificazione energetica nell Edilizia e nell Industria. Confronto Evoluzione Organizzativa Da Energy Manager A Energy Management System UNI CEI ISO per la gestione dell efficienza energetica: Diagnosi energetica e operatività

24

25 Con il miglioramento continuo, richiesto dalla ISO 50001, anche il Risparmio i Energetico e l Efficienza i Energetica diventano Fonti di energia, talvolta immediatamente disponibili.

26

27

28 UNI CEI TR 11428:2011

29 UNI CEI TR 11428:2011

30

31

32

33

34

35 Investimenti sui Generatori di calore In seguito a questo investimento quasi sempre gli impianti si trovano in condizioni non ottimali Impianti di distribuzione come anni sessanta Caldaie di produzione di calore HI TECH Gli interventi sugli impianti di distribuzione non sono semplici ed immediati. Gli impianti vanno adeguati quanto prima ai nuovi standard offerti dalle odierne tecnologia individuabili anche attraverso le nuove metodologie di analisi/studio

36

37 Fonte:

38 VI RINGRAZIO PER L ATTENZIONE. PER CHIARIMENTI ED APPROFONDIMENTI com

Casi ed esperienze di manutenzione industriale - Festo 2013

Casi ed esperienze di manutenzione industriale - Festo 2013 23/06/13 Casi ed esperienze di manutenzione industriale - Festo 2013 - Convegni - Convegni ed eventi - Download - Festo Casi ed esperienze di manutenzione industriale - Festo 2013 Slide del convegno organizzato

Dettagli

Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia GLI ENERGY MANAGER. Dario Di Santo, FIRE

Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia GLI ENERGY MANAGER. Dario Di Santo, FIRE GLI ENERGY MANAGER Dario Di Santo, FIRE Premessa... 2 Chi sono gli energy manager... 3 Il tecnico responsabile previsto dalla legge 10/91... 4 Gli Esperti in gestione dell energia (EGE)... 6 Energy manager

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo.

Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo. Attori e competenze per gestire al meglio l efficienza energetica nel settore industriale: Energy Manager ed ESCo. 6 a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie Enrico Biele, FIRE 14/05/13, Milano

Dettagli

Il mercato dell'energia e le opzioni dell'energy Management Daniele Forni, FIRE

Il mercato dell'energia e le opzioni dell'energy Management Daniele Forni, FIRE Il mercato dell'energia e le opzioni dell'energy Management Daniele Forni, FIRE Energy Management Conference 3 luglio 2013, Milano La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

Incentivi e fondi per l'efficientamento energetico della PA: ESCO, FTT ed energy manager

Incentivi e fondi per l'efficientamento energetico della PA: ESCO, FTT ed energy manager Incentivi e fondi per l'efficientamento energetico della PA: ESCO, FTT ed energy manager Enrico Biele, FIRE Procedure per realizzare progetti di efficientamento nella Pubblica Amministrazione: FTT, EPC

Dettagli

Dopo la diagnosi: la parola all energy management Dario Di Santo, FIRE

Dopo la diagnosi: la parola all energy management Dario Di Santo, FIRE Dopo la diagnosi: la parola all energy management Dario Di Santo, FIRE Greenbuilding - Audit energetico sostenibile 5 maggio 2011, Verona Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona

www.fire-italia.org Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona La norma ISO 50001 Valentina Bini, FIRE INFODAY Regione Marche 18 febbraio 2013, Ancona I problemi dell energy management Fondamentalmente l EM è richiesto per risparmiare sui costi aziendali. Costi sempre

Dettagli

Rapporto sugli aspetti normativi dell efficienza energetica nell industria tessile

Rapporto sugli aspetti normativi dell efficienza energetica nell industria tessile Rapporto sugli aspetti normativi dell efficienza energetica nell industria tessile Panoramica sugli aspetti normativi sull efficienza energetica in Italia di interesse per l industria tessile. Autori:

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Per una migliore qualità della vita La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Matteo Locati Federchimica Milano 27/02/2013 La società: Certiquality: Profilo Società

Dettagli

I benefici aziendali che si possono ottenere sono riconducibili a:

I benefici aziendali che si possono ottenere sono riconducibili a: Consulenza Strategica nel settore Automotive con sviluppo di piani aziendali e strategie nel settore commerciale,nel post-vendita e nell area manageriale. La consulenza è rivolta ai titolari delle CONCESSIONARIE

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società ESA ITALIA è una Società che opera sull'intero territorio nazionale. Grazie all esperienza ventennale maturata dai Soci in primarie Aziende nazionali ed internazionali è in

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: ENERGY MANAGER -EGE DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. SAVOLDELLI ROBERTO SEMINARIO ESCO-EGE-TEE 1 ENERGY MANAGER RICHIAMI:

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE degli ESPERTI IN GESTIONE DELL

Dettagli

Linee Guida Efficienza Energetica

Linee Guida Efficienza Energetica Linee Guida Efficienza Energetica SOGGETTI NORMATIVE CONTRATTI - INCENTIVI domusblog.com IL BLOG DELL ENERGIA VERDE E.S.Co. o E.S.P.Co.? Il D. Lgs. 30 Maggio 2008 n.115 Attuazione della direttiva 2006/32/CE

Dettagli

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS ( ai sensi della Legge 10/91, art. 19) SETTORE:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni

Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Sistemi di gestione dell energia e diagnosi energetiche obbligatorie : costi e benefici Ing. Raffaele Scialdoni Argomen( tra,a( Definizioni e riferimen( norma(vi su strumen( ed a,ori del risparmio energe(co

Dettagli

Ingegneria Qualità e Servizi. Engineering Process Owner

Ingegneria Qualità e Servizi. Engineering Process Owner Ingegneria Qualità e Servizi Engineering Process Owner Gestione Aziendale Sostenibilità Ambientale Efficienza Energetica Infrastrutture e Costruzioni Chi è è una società di consulenza, che opera dal 1995

Dettagli

UNI CEI 11352 - Certificazione dei servizi energetici

UNI CEI 11352 - Certificazione dei servizi energetici UNI CEI 11352 - Certificazione dei servizi energetici La norma UNI CEI 11352 "Gestione dell'energia - Società che forniscono servizi energetici (ESCo) - Requisiti generali e lista di controllo per la verifica

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e Green Building:

Sistemi di gestione dell energia e Green Building: Sistemi di gestione dell energia e Green Building: Marzo 2014 Marco Mari I temi trattati 1. Tendenze e orientamenti europei 2. La garanzia per la committenza: UNI CEI 11352:2010 Requisiti per le ESCO 1.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA Il quadro di riferimento normativo alla luce della Direttiva 2012/27/UE

EFFICIENZA ENERGETICA Il quadro di riferimento normativo alla luce della Direttiva 2012/27/UE EFFICIENZA ENERGETICA Il quadro di riferimento normativo alla luce della IL CONTESTO EUROPEO Usi e consumi energetici EUROPA 28 (2012) Gross inland consumption of primary energy 1.683 MToe Final energy

Dettagli

Le prospettive e gli sviluppi del mercato dell efficienza energetica

Le prospettive e gli sviluppi del mercato dell efficienza energetica Le prospettive e gli sviluppi del mercato dell efficienza energetica Roma 3 luglio 2015 Piazza della Repubblica 59, Roma U. DI MATTEO ISES ITALIA CHI SIAMO ISES ITALIA (Sezione Nazionale dell International

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati. Flavio Beretta,- 20 Novembre 2013 Convegno Assolombarda-EnergyLab L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati. Marzo 2011 Slide 1 ABB un

Dettagli

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012 Arch. Rovena Xhaferi 16 ottobre 2015 Grosseto Comune di Grosseto La sfida energetica e Il parco immobiliare nazionale Trasporto Industria Edifici Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca,

Dettagli

GReening business through the Enterprise Europe Network

GReening business through the Enterprise Europe Network GReening business through the Enterprise Europe Network Energy Management System UNI 14064 Audit Energetici Romano Selva, SOGESCA srl European Commission Enterprise and Industry UNI CEI EN 16001:2009 I

Dettagli

Oggetto: Decreto legislativo in attuazione della Direttiva Europea 2012/27

Oggetto: Decreto legislativo in attuazione della Direttiva Europea 2012/27 Verona, 6 maggio 2014 Spett.le X Commissione Senato della Repubblica comm10a@senato.it Spett.le X Commissione Camera dei Deputati com_attivita_produttive@camera.it Oggetto: Decreto legislativo in attuazione

Dettagli

ENERGY EFFICIENCY PERFORMANCE IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DAVIDE VITALI ALESSANDRO LAZZARI

ENERGY EFFICIENCY PERFORMANCE IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DAVIDE VITALI ALESSANDRO LAZZARI ENERGY EFFICIENCY PERFORMANCE IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DAVIDE VITALI ALESSANDRO LAZZARI CHI E ASSOEGE? (..E CHI SONO GLI EGE) Associazione degli

Dettagli

DALL ENERGY MANAGER ALLA CERTIFICAZIONE DELL ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA (EGE)

DALL ENERGY MANAGER ALLA CERTIFICAZIONE DELL ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA (EGE) Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia DALL ENERGY MANAGER ALLA CERTIFICAZIONE DELL ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA (EGE) www.fire-italia.org 1 di 43 Federazione Italiana per l uso Razionale

Dettagli

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242

PREMESSA. La norma ISO 50001, Energy management systems - Requirements with guidance for use, è stata sviluppata dall ISO Project Committee ISO/PC 242 PREMESSA. L'esigenza di una gestione più attenta e razionale dell'energia ha spinto diverse nazioni ad elaborare standard nazionali volontari, tra le quali anche gli Stati Uniti con MSE 2000:2005, introducendo

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE I nuovi incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

IL MECCANISMO VIRTUOSO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO (in vigore dal 16 febbraio 2005)

IL MECCANISMO VIRTUOSO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO (in vigore dal 16 febbraio 2005) EFFETTO SERRA IL MECCANISMO VIRTUOSO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO (in vigore dal 16 febbraio 2005) OBIETTIVO: RIDUZIONE, DA PARTE DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI, DELLE EMISSIONI DI ELEMENTI INQUINANTI (GAS SERRA)IN

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

mo sarà pur meglio che ci pensino loro.

mo sarà pur meglio che ci pensino loro. mo sarà pur meglio che ci pensino loro. GESTIONE CALORE Comfort, autonomia e risparmio energetico. Ideazione e progettazione grafica: Ufficio Comunicazione SGR Essential Foto campagna: Chico De Luigi Servizio

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team Italia, Febbraio 2012 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del

Dettagli

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Aprile 2013 1Beghelli Servizi Srl Quadro normativo Nel 2007 la Commissione Europea ha introdotto degli obiettivi quantitativi in materia di efficienza

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

I vantaggi della riqualificazione energetica

I vantaggi della riqualificazione energetica www.arcoservizi.it I vantaggi della riqualificazione energetica Nel 2010, le famiglie europee hanno consumato quasi il 13% in più di energia rispetto al 1990, generando il 25% delle emissioni di gas a

Dettagli

Dieci anni di certificati bianchi e non solo Dario Di Santo, FIRE

Dieci anni di certificati bianchi e non solo Dario Di Santo, FIRE Dieci anni di certificati bianchi e non solo Dario Di Santo, FIRE Conferenza FIRE : titoli di efficienza energetica a portata di mano Roma, 10 aprile 2014 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso

Dettagli

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Risparmi OBBLIGO NORMATIVO Il Decreto Legislativo 102/2014 obbliga le Grandi Imprese e le Imprese Energivore a svolgere una Energetica a norma entro il 5

Dettagli

Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015

Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015 Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015 Agenda 1- Il Gruppo CertiNergy e CertiNergia 2- Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica

Dettagli

Esperto in Gestione Energia Energy Manager

Esperto in Gestione Energia Energy Manager Con il Coordinamento Scientifico del dipartimento dell energia ALLEGATI Organizzano il corso di Esperto in Gestione Energia Energy Manager ALLEGATO A Presentazione Azienda ALLEGATO B Descrizione del corso

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Con il Patrocinio:

CORSO DI FORMAZIONE. Con il Patrocinio: Con il Patrocinio: CORSO DI FORMAZIONE MAGGIO 2015 - Presso la sede di ESEA AUTOMATION in Via M. Carboni,15 66100 Chieti Scalo GIUGNO 2015 - Presso la sede del GRUPPO DI COSIMO in Via Lungofiume Saline

Dettagli

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 DURATA CORSO: 30 Ore CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI RILASCIATI DAL CORSO: PERITI AGRARI 15 CFP ARCHITETTI 15 CFP PERITI INDUSTRIALI

Dettagli

Nuove prospettive per l energy manager: competenza ed esperienza al servizio dell efficienza energetica

Nuove prospettive per l energy manager: competenza ed esperienza al servizio dell efficienza energetica Nuove prospettive per l energy manager: competenza ed esperienza al servizio dell efficienza energetica Francesco Belcastro, FIRE Direttore SECEM Bioenergy 06 marzo 2014 Cremona Cos è la FIRE La Federazione

Dettagli

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE

UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE Pagina 1 UN ESIGENZA IMPROCRASTINABILE L edilizia determina il quaranta per cento dei consumi totali di energia ed è tra i settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra, della produzione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1

Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 21 giugno 2013. Laura Bano, Galileia srl. Slide 1 Normativa, vincoli e strategie per l efficienza energetica: la diagnosi energetica/audit energetico, strumento strategico per conseguire il potenziale di efficienza energetica Villa Contarini, Piazzola

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici. Guida per il cittadino. http://energia.regione.emilia-romagna.it/

La certificazione energetica degli edifici. Guida per il cittadino. http://energia.regione.emilia-romagna.it/ La certificazione energetica degli edifici Guida per il cittadino http://energia.regione.emilia-romagna.it/ Testo redatto a cura di: Mariangela Giorgini, Kristian Fabbri Filippo Padoan Ottobre 2014 SOMMARIO

Dettagli

SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI. Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino

SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI. Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino LE NUOVE DISPOSIZIONI REGIONALI SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Efficienza energetica e mercato

Efficienza energetica e mercato Efficienza energetica e mercato Valeria Amendola Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Dai condomini alla città metropolitana Firenze 20 novembre 2015 Efficienza energetica e mercato «Obiettivi

Dettagli

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Aumenta la tua consapevolezza energetica e riduci i consumi www.siemens.it/efficienzaenergetica Identificare Consulenza energetica Conforme alla ISO

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza Venerdì 23 marzo 2012 IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Relatore: Ing. Maurizio Landolfi Consumi energetici

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA MODELLO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Quadro di riferimento regionale Piano Energetico Regionale Ai consumi

Dettagli

SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI

SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Promotori di efficienza energetica SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA NEGLI EDIFICI Il nostro futuro energetico inizia adesso AMAECO s.r.l. 41043 Formigine (MO) Tel. 059.5961360 Fax 059.5961779 info@bht-amaeco.it

Dettagli

energy management solution provider ESCo accredited

energy management solution provider ESCo accredited energy management solution provider ESCo accredited Via G. Rossa, 7 35020 Ponte S. Nicolò (Pd) tel. 049 654530 fax 049 8968074 Callisto srl La divisione energy management di Callisto s.r.l. nasce per rispondere

Dettagli

OF EXPERIENCE. CHECK UP YOUR PLant INDUSTRIAL APPLICATION MORONI & PARTNERS

OF EXPERIENCE. CHECK UP YOUR PLant INDUSTRIAL APPLICATION MORONI & PARTNERS MORE THAN TWO GIGAWATTS OF EXPERIENCE CHECK UP YOUR PLant INDUSTRIAL APPLICATION MORONI & PARTNERS Il pacchetto Check Up Your Plant comprende una serie di servizi che consentono di analizzare, monitorare

Dettagli

1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti

1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti 1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti ENERGIKA S.r.l. Via Nuova circonvallazione, 57/D - 47923 RIMINI REA: 53992/1997 Assistenza clienti dalle ore 09,00-18,00 dal lunedì al venerdì: 199 44 55 10

Dettagli

SERVIZI SOLUZIONI ENERGETICHE

SERVIZI SOLUZIONI ENERGETICHE SERVIZI SOLUZIONI ENERGETICHE 1. Energy Audit L Energy Audit viene definito come una valutazione sistematica, documentata e periodica dell efficienza dell organizzazione del sistema di gestione del risparmio

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center, Sala Atelier 18 ottobre 2013

Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center, Sala Atelier 18 ottobre 2013 Conosciamo meglio i contratti di Servizio Energia, una soluzione per efficientare un immobile a basso impatto economico Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center,

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Luca Zanella - ABB Energy Efficiency Country Team Manager 6a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie - 14 Maggio 2013 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit al supporto

Dettagli

Servizi per le Imprese Energy Intensive e Industria

Servizi per le Imprese Energy Intensive e Industria energy solution Servizi per le Imprese Energy Intensive e Industria Expertise Cosa possiamo fare per la tua Azienda? NRG.it è una Energy Service Company, certificata ISO 9001/2008 e UNI CEI 11352/2010

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Evoluzione legislativa

Evoluzione legislativa Evoluzione legislativa EVOLUZIONE LEGISLATIVA Il futuro destino dell Europa in materia di salvaguardia dell ambiente si gioca sul successo delle politiche di contenimento dei consumi energetici e di sviluppo

Dettagli

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA

SCHEDA CERTIFICAZIONE FIGURA PROFESSIONALE EGE - ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE DEFINIZIONE Esperto in gestione dell energia (EGE): Soggetto che ha le conoscenze, l'esperienza e la capacità necessarie per gestire l'uso dell'energia in modo efficiente.

Dettagli

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti

L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti 37 Intervento dal titolo L efficienza energetica nelle industrie: panoramica delle tecnologie efficienti A cura di Ing. Daniele Forni F.I.R.E. - Federazion Italiana per l uso Razionale dell Energia 39

Dettagli

AVVISO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO ITS

AVVISO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO ITS AVVISO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO ITS Tecnico superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici Rif. P.A. 2015-4164/RER progetto approvato con delibera di giunta regionale n. 563/2015 del

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 112 ore in 14 giorni, di cui 40 ore di workshop ed esame di verifica

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica

Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica Rimini li 30 Marzo 2015 Perché contabilizzare i consumi termici? Perché oggi, sulla spinta delle mutate esigenze ambientali,

Dettagli

Aula: Lunedì 23/07/2012: Esami Finali dalle ore 11.00.

Aula: Lunedì 23/07/2012: Esami Finali dalle ore 11.00. Corso QUALIFICATO di ENERGY MANAGER in Audio Videoconferenza Corso qualificato ai sensi della norma ISO IEC 17024:2004, per Esperto in gestione dell'energia (EGE). Il corso avrà inizio il 21/05/2012 ed

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL CORSO

LE CARATTERISTICHE DEL CORSO LE CARATTERISTICHE DEL CORSO Obiettivo dei corsi è fornire opportunità di specializzazione nel campo della green economy, proprie di figure professionali nei settori dell'ingegneria, dell'architettura

Dettagli

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica

Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Come le Imprese Chimiche possono applicare, con successo, gli strumenti finanziari per l Efficienza Energetica Gennaio 2014 L'Organizzazione Federchimica è la Federazione Nazionale dell Industria Chimica,

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Le norme per le certificazioni connesse ai sistemi di gestione dell'energia Filippo Trifiletti Direttore Generale Roma - 15 luglio 2014 Le norme per le certificazioni

Dettagli

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: gli gli strumenti di di supporto e il il relativo impatto sul sistema energetico nazionale

Efficienza energetica e fonti rinnovabili: gli gli strumenti di di supporto e il il relativo impatto sul sistema energetico nazionale Efficienza energetica e fonti rinnovabili: gli gli strumenti di di supporto e il il relativo impatto sul sistema energetico nazionale Prof. ing. Massimo Dentice d'accadia Sezione Energetica, Termofluidodinamica

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli