Per poter meglio inquadrare la problematica del. Ripristino di sedi stradali con tecniche a basso impatto ambientale. MATERIALI Terre Rinforzate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per poter meglio inquadrare la problematica del. Ripristino di sedi stradali con tecniche a basso impatto ambientale. MATERIALI Terre Rinforzate"

Transcript

1 Ripristino di sedi stradali con tecniche a basso impatto ambientale Geologia, ambiente, strade: il suolo italiano, così come fotografato da un recente documento di Legambiente, versa in una situazione che preoccupa non poco gli Enti preposti alla gestione e alla tutela del territorio. Un dato su tutti: 7% è la superficie nazionale interessata da rischi idrogeologici, connessi a frane e alluvioni. Ed il dissesto idrogeologico, come è noto, interessa direttamente le infrastrutture stradali: frane e smottamenti possono coinvolgere pesantemente i tracciati, causandone il cedimento strutturale. Le Strade presenta un esempio di pronto intervento stradale, attraverso opere di sostegno in terra rinforzata, gestito dall Area Decentrata per l Ambiente di Frosinone, che ha permesso di rimettere in sicurezza il tratto stradale interessato dal franamento. Massimo Facchini architetto Area Decentrata per l Ambiente di Frosinone Massimiliano Nart ingegnere Ufficio Tecnico TeMa divisione ambiente srl 1. Cedimento della sottoscarpa stradale in località Roccasecca, provincia di Frosinone Per poter meglio inquadrare la problematica del dissesto stradale, è quanto mai opportuno definire le condizioni al contorno generali del problema correlato al dissesto del territorio italiano, riportando alcuni dati statistici contenuti all interno di documento da poco pubblicato da parte di Legambiente ( la difesa del suolo in Italia - 3 marzo 2006). Dal 1991 al 2001 in Italia si sono verificati circa eventi franosi ed oltre piene. Nel corso del 2003 gli eventi alluvionali hanno interessato più di persone e le risorse economiche rese necessarie per porre rimedio a situazioni oggettivamente a rischio, sono ammontate a circa milioni di euro. La superficie nazionale interessata da rischi idrogeologici legati a frane e alluvioni è pari a circa il 7,1% del totale, cioè km 2. I comuni a rischio alluvione e frane sono 5.581, cioè il 70% dei comuni italiani. Regioni quali Calabria, Umbria, Valle d Aosta risultano essere le regioni in cui il 100% dei comuni risulta a rischio, seguite da Lombardia (99%) e Toscana (98%). I dati riportati dallo studio fotografano una situazione che chiaramente appare quanto mai preoccup a n t e. Il rischio idrogeologico e il degrado in cui versano molti corsi d acqua italiani costituiscono per le amministrazioni pubbliche (comuni, province regioni), un problema prioritario che necessita segnali forti e convincenti. L abusivismo edilizio, l estrazione illegale di i n e rti dagli alvei fluviali, l agricoltura intensiva con le opere di presa e di difesa degli argini, hanno con - tribuito in maniera determinante a sconvolgere l as - setto idraulico del territorio e a cre a re situazioni sem - p re più gravi di dissesto idrogeologico (..) Già nel precedente Ecosistema Rischio 2005, Legambiente e la Protezione Civile riportava che due comuni su tre svolgevano un lavoro negativo di mitigazione delle alluvioni e frane, mentre il 36% addirittura non adottava alcun accorgimento programmatorio in materia di sicurezza del territorio. Per far fronte a questo scenario estremamente preoccupante, nel 1989 viene emanata la legge sulla difesa del suolo (legge 183/89). Tale riferimento normativo si poneva l obiettivo di preservare i beni ambientali, gestire le problematiche legate alla difesa del suolo e alla pianificazione del territorio in modo sinergico tra i diversi attori disciplinari e istituzionali presenti nel contesto naz i o n a l e. La legge istituisce le Autorità di Bacino Nazionali, con il preciso compito di predisporre dei piani di bacino quali strumenti di gestione della risorsa idrica e di prevenzione /mitigazione del dissesto idrog e o l o g i c o. Stando alle elaborazioni di Legambiente, ad oggi, dopo 17 anni dall approvazione della legge 183, l i t e r di approvazione dei piani per l assetto idrogeologico ( PA I ) risulta di fatto in netto ritardo. Soltanto 14 Autorità di Bacino, (cioè il 37%), hanno approvato il PAI e solo 6, il (16%), lo hanno adottato. 148 LE STRADE 6/2006

2 Fonte: elaborazione Legambiente su dati del progetto AVI (Aree Vulnerate Italiane) - CNR -GNDCI (Gruppo Nazionale per la DIfesa dalle Catastrofi Idrogeologiche) IL DISSESTO DELLE INFRASTRUTTURE STRADALI La sede stradale, in quanto infrastruttura inserita in un contesto territoriale, è direttamente coinvolta nelle problematiche attinenti al dissesto idrogeolog i c o. Frane, smottamenti, allagamenti possono coinvolgere direttamente il tracciati, causandone il cedimento strutturale. Le cause scatenanti sono riconducibili a volte alla mancanza di manutenzione e gestione delle opere accessorie al contorno, che inevitabilmente diminuiscono il fattore di sicurezza associato alla fruibilità del manufatto. Una causa comune del dissesto può essere ricercata nella filtrazione sotto pavimentazione delle acque provenienti da monte che tendono a instabilizzare la fondazione del tracciato. Risulta quindi necessario prevedere degli interventi rivolti a regimare la circolazione delle acque superficiali e profonde, in corrispondenza della parte di monte, riducendo in questo modo sensibilmente la probabilità che il dissesto possa manifestari. Fonte: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio/UPI, 2003 Fonte: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio/UPI, /2006 LE STRADE 149

3 2 Sostanzialmente tra il terreno e il geosintetico (geotessile tessuto o geogriglia), si genera uno stato tensionale tangenziale che, mediante i meccanismi di interazione, rende possibile il trasferimento dei carichi anche agli elementi sintetici. Jewell introdusse nel 1991 delle relazioni analitiche volte ad esprimere compiutamente i meccanismi di interazione tra terreno e geosintetico: 2 2. Possibili cause di dissesto della sede stradale 3. Possibili danneggiamenti arrecati alla sede stradale da una non adeguata regimazione delle acque 4. Particolare della struttura drenante interna del geocomposito drenante Speedrain 3 OPERE DI SOSTEGNO A BASSO I M PATTO AMBIENTALE: LE TERRA R I N F O R Z ATA Una terra rinforzata è un opera di sostegno costituita da terreno e elementi sintetici di rinforzo. L opera che si realizza associa la capacità di resistere a compressione tipica dei terreni con la capacità di resistere a trazione degli elementi sintetici. In modo sinergico, i due elementi creano un sistema composito dotato di una coesione apparente c (Schlosser e Long, 1972) pari a: σ r = tensione efficace di confinamento equivalente sviluppata dal rinforzo; σ s = resistenza a trazione del rinforzo; A s = sezione trasversale del rinforzo; ΔB e ΔH = interasse verticale e orizzontale del rinforzo. Il trasferimento delle sollecitazioni impresse dai carichi esterni al terreno, vengono trasmesse ai rinforzi mediante due meccanismi di interazione: D i rect sliding ( s c i v o l a m e n t o ) ; P o l l o u t ( s f i l a m e n t o ). 1 W r = larghezza del rinforzo; L r = lunghezza del rinforzo; σ n = tensione efficace in direzione ortogonale al piano del rinforzo; f d s = coefficiente di attrito equivalente per scorrimento; f b = coefficiente di attrito equivalente per sfilamento; φ = angolo di attrito interno. Non volendo dilungarsi eccessivamente nella trattazione teorica di queste opere, demandando ad altra sede l approfondimento degli aspetti di carattere più tecnico, si vuole in queste pagine solamente ricordare che tali manufatti devono comunque essere soggetti a verifiche di stabilità sia interne che esterne: Verifiche esterne: t r a s l a z i o n e ; r i b a l t a m e n t o ; capacità portante; stabilità globale. Verifiche interne: direct sliding; p o l l o u t ; r i s v o l t o ; rottura del rinforzo. Gli aspetti qualificanti e caratterizzanti il sistema sono: drenaggio della parte interna dell opera; terreno utilizzato (rilevato strutturale); tipo di paramento esterno adottato; i rinforzi sintetici; sistema antierosiva al fronte. IL SISTEMA DI DRENAGGIO SINTETICO A TERGO DELLE OPERE IN TERRA RINFORZATA Dato che il fattore scatenate il dissesto, nella maggior parte dei casi è rappresentato da processi di filtrazione sotto fondazione, è importante prevedere un sistema di drenaggio opportuno a tergo del manufatto. Dopo aver provveduto alla regolarizzazione del tratto oggetto dell intervento (asportazione del mate LE STRADE 6/2006

4 r iale derivante dal franamento e regolarizzazione dell area di intervento), in corrispondenza del fronte di scavo, occorre predisporre lo strato drenante sintetico. Dopo aver installato provvisoriamente il geocomposito tipo Speedrain mediante sistemi di fissaggi temporanei, occorrerà seguire alcune semplici istruzioni di installazione per inserire la tubazione drenante in modo corretto ed eseguire il posizionamento del sistema in corrispondenza del fondo scavo (vedi schema a lato). Il sistema è costituito da un geocomposito drenante tipo S P E E D R A I N, alla base del quale viene alloggiato un collettore fessurato. La tubazione ha la funzione di raccogliere il quantitativo d acqua intercettato dal sistema e convogliarlo esternamente l area di intervento. Il sistema drenante sintetico ( S P E E D R A I N ) è costituito da un anima drenante interna costituita da monofilamenti di polipropilene ( P P ) conformata a canali paralleli, accoppiata, su entrambi i lati, a due geotessile non tessuti agugliati termosaldati in P P. 4 SCHEMA INSERIMENTO TUBAZIONE DRENANTE Fase Steso in posizione orizzontale, il geotessile superiore del geocomposito, dovrà essere staccato dal monofilamento costituente l anima drenante del sistema, in funzione delle dimensioni della tubazione; Fase 4 Una volta staccato il geotessile superiore (quello cioè che non è i n- teressato dal cordolino butilico), è necessario prevedere l inserimento della t u b a z i one fessurato, in corrispondenza della stuoia tridimensionale (parte nera); Fase 5 il collettore dovrà quindi essere rivestito dal geotessile; Fase 6-7 Rivestita la tubazione, si procede eliminando la protezione dal cordolo butilico; Fase 8 Il geotessile inferiore (la parte interessata dal cordolino) verrà r i s v o l t a t o superiormente, in modo da incollarsi al geotessile superiore; Fase 9 La sovrapposizione tra i due lembi di geotessile mediante il cordolino dovrà essere realizzata per tutta la lunghezza del geocomposito (L=25 m); Fase 10 Il sistema è pronto per essere ancorato ed installato. Q = portata [l/s]; W = larghezza considerata unitaria del G C D [ m ] ; q = Q / W = portata specifica [l/s m]; k = permeabilità [m/s]; t = spessore [m]; i = gradiente idraulico [ad.]; Da cui quindi la relazione che correla portata specifica e trasmissività: Fase 1 Fase 2 Fase 3 Fase 4 θ = q/i 5 Fase 5 Il sistema può essere prodotto in larghezze da 2 fino a 4 m. Dal punto di vista tecnico, il dimensionamento dello strato sintetico avviene attraverso la conoscenza di alcune proprietà, la principale delle quali è la sua trasmissività idraulica. Per trasmissività idraulica si intende la quantità d acqua che il prodotto è in grado di trasportare longitudinalmente il proprio piano, nell unità di tempo, per unità di larghezza (l unità di misura è infatti l/s m). Il dato idraulico di un G C D (geocomposito drenante) dipende sostanzialmente da due fattori: dalla pressione di confinamento a cui è soggetto il sistema una volta che viene installato; dal gradiente idraulico. Per questo tipo di applicazioni si ritiene valido adottare la relazione di Darcy, da cui discendono le seguente considerazioni analtiche: [ l / s ] [ l / s ] [l/s m] Nel caso di interventi drenanti a tergo di manufatti in terre rinforzate, il valore relativo al gradiente idraulico è sostanzialmente pari a i=1, mentre per quanto riguarda la pressione esercitata sul prodotto, si calcola mediante le seguenti considerazioni: Detta H l al - tezza dello scavo in corrispondenza del quale verr à installato il sistema, lo sforzo orizzontale massimo di confinamento è dato dalla seguente formula: Con K A c o e fficiente di spinta attiva del terreno Nel caso fossero previsti dei sovraccarichi (temporanei o permanenti), è necessario correggere il valore dell altezza massima di scavo, mediante la seguente relazione: 6 7 Fase 6 Fase 7 Fase 8 Fase 9 [l/s m] 4 8 Fase 10 6/2006 LE STRADE 151

5 5a 5a, 5b, 5c. Casseratura in rete elettrosaldata 6. Particolare della geogriglia in PET rivestita PVC tipo X Grid 7. Geostuoia antierosiva K Mat F TIPO DI PARAMENTO ESTERNO A D O T TAT O Il ruolo del cassero è esclusivamente per regolarizzare il fronte, evitando l effetto visivo costituito dall estrusione della geogriglia + geostuoia (sganciamento) dopo aver eseguito la compattazione dello strato i-esimo. Solitamente viene utilizzato un foglio di rete elettrosaldata maglia 15 x 15 cm, dim. 8 mm, opportunamente sagomato in funzione dell inclinazione stabilita a progetto. RINFORZI SINTETICI ( G E O G R I G L I E ) L elemento di rinforzo sintetico utilizzato è rappresentato da una geogriglia tessuta in poliestere, ad alta tenacità, rivestita in P V C tipo X Grid. La scelta di elementi sintetici a maglia aperta rispetto a quelli a maglia chiusa, risiede nella loro capacità ad interagire con i grani del terreno in modo più efficace, potendo contare non solo sulla mobilizzazione di resistenza a trazione attive (barre longitudinali del rinforzo ) ma anche su quelle di natura passiva (barre traversali del rinforzo). L e ffetto cerchiante che si crea all interfaccia terreno/geosintetico, rende la geogriglia il sistema più comunemente impiegato per questo tipo di applicaz i o n e. Nel breve termine, la resistenza di un elemento di rinforzo sintetico viene calcolata in base alla norma EN ISO b La resistenza di lungo periodo viene invece calcolata, a partire dal valore nominale, applicando la seguente equazione: 5c F c r e e p = fattore di sicurezza al creep; F m 11 = fattore di sicurezza correlato alle tolleranze p r o d u t t i v e ; F m 1 2 = fattore di sicurezza correlato all etsrapolazione dei dati statistici di lungo periodo; F m 2 1 = fattore di sicurezza correlato ai danneggiamenti in fase di posa; F m 2 2 = fattore di sicurezza correlato alla natura dell ambiente in cui è inserito il rinforzo sintetico; T a l l o w = resistenza a trazione del prodotto nel lungo periodo (allow significa ammissibile) (kn/m); T n o m = resistenza a trazione nominale del prodotto, calcolata in base alla norma EN ISO ( k N / m ) ; RIVESTIMENTO ESTERNO A N T I E R O S I V O Esternamente, in posizione intermedia tra casseratura metallica e rinforzo sintetico, è fondamentale prevedere uno strato antierosivo al fine di evitare fuoriuscite di materiale fine durante le precipitazioni più i n t e n s e. Il prodotto geosintetico previsto ha una struttura tridimensionale ad elevato indice dei vuoti (superiore al 90%), ottenuta per estrusione di monofilamenti sintetici aggrovigliati e saldati nei punti di contatto in polipropilene ( P P ). 7 IL RUOLO DELL A M M I N I S T R A Z I O N E PUBBLICA NEGLI INTERVENTI DI SOMMA URGENZA A rea Decentrata per l ambiente di Fro s i n o n e L Area Decentrata per l Ambiente di Frosinone è una struttura dell Assessorato all Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio il cui scopo principale è sostanzialmente quello di avvicinare e sensibilizzare l amministrazione regionale nei confronti delle realtà provinciali locali, assicurando il supporto per tutte le attività regionali di competenza dell Assessorato di riferimento LE STRADE 4/2006

6 Dal punto di vista operativo, la struttura decentrata esegue sopralluoghi, verifiche e, all occorrenza, interventi di somma urgenza in materia ambientale su tutto il territorio provinciale (91 comuni complessivamente). Nel caso specifico, a seguito di un cedimento del sottoscarpa stradale, avvenuto in località Roccasecca, si è dovuti intervenire mediante opere di sostegno per consolidare e mettere in sicurezza il tratto interessato. L intervento dell Area Decentrata per l Ambiente si è svolto in ottemperanza e in applicazione alle attuali normative in materia di lavori pubblici, in particolare della legge regionale n. 55/ Fasi di posizionamento dei pannelli in rete elettrosaldata 11. Particolare del fronte, con in primo piano il sistema antierosivo per il contenimento delle particelle fini N ATURA DELLA PROBLEMAT I C A A seguito di un probabile inefficiente sistema di regimazione delle acque, il sottoscarpa della sede stradale comunale ha subito un dissesto diffuso, provocandone la parziale inagibilità del tratto. Questo fatto ha determinato l attivazione delle procedure di somma urgenza, previste dal LR 55/84, da cui l apertura della pratica per stabilire le modalità operative di intervento. A seguito della comunicazione da parte dell amministrazione comunale, sono state attivate le procedure previste per rendere cantierabile l area nel più breve tempo p o s s i b i l e. Eseguito preliminarmente un sopraluogo, sono state successivamente predisposte le relazioni tecniche da cui è emerso la possibilità di intervenire mediante delle opere di sostegno a basso impatto ambientale: le terre r i n f o r z a t e. La stazione appaltante ha infatti ritenuto estremamente vantaggioso sia tecnicamente che per il valore paesaggistico che simili manufatti possiedono, adottare una soluzione in cui il materiale da costruzione fosse sostanzialmente rappresentato dal terreno presente in situ, derivante dal franamento. P R I N C I PALI FASI DI LAV O R O Dopo aver eseguito i lavori di sbancamento della porzione di sottoscarpa franato, l impresa ha provveduto al posizionamento del primo strato di terra rinforzata, seguendo sostanzialmente i seguenti s t e p: Fase 1: predisposizione dei casseri a perdere in rete elett r o s a l d a t a ; Fase 2: inserimento dell elemento antierosivo al fronte, costituito da una geostuoia antierosiva in P P da 8 mm di spessore tipo K Mat F; Fase 3: inserimento della geogriglia di rinforzo (tipo X Grid 55), per una lunghezza totale Ltot pari a: L t o t = L a + *L s + *L p L a : lunghezza della base; L s : lunghezza del risvolto; L p : lunghezza dello strato i-esimo in corrispondenza del paramento frontale; S v : spessore dello strato i-esimo Fase 4: formazione dell elemento i-esimo, prevedendo il riporto di terreno in funzione dello spessore S v p r e v i- sto (50 cm). Le categorie di terreni da impiegarsi per la realizzazione dei manufatti in terre rinforzate appartengono generalmente alle classi A1, A2-4, A 2-5 ed A 3 ( s e- condo le norme italiane CNR-UNI 10006), prevedendo, in fase di posa, l esecuzione di un adeguata compattazione mediante rulli vibranti. Il valore ottimo di densità deve essere non inferiore al 90% di quella massima raggiungibile con la prova A A- S H TO m o d i f i c a t a. Fase 5: ultimato lo strato i-esimo, è necessario risvoltare sia la geogriglia X Grid che la geostuoia K Mat F; Fase 6: p r e d i s p o sizione dello strato successivo, in modo sequenziale rispetto alle fasi precedentemente i n t r o d o t t e. 6/2006 LE STRADE 153

Il capping geosintetico di una discarica

Il capping geosintetico di una discarica TeMa srl Divisione Ambiente 1-5 Campo di applicazione : Il capping geosintetico di una discarica di RSU SEPARAZIONE FUNZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE BACINI IDRICI FILTRAZIONE CANALI Titolo : Realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA In seguito agli eventi atmosferici avversi del marzo 2011, la provincia di Biella ha richiesto un finanziamento alla regione Piemonte, al fine di ripristinare

Dettagli

X GRID. Geogriglie tessute in PET rivestite PVC

X GRID. Geogriglie tessute in PET rivestite PVC X GRID Geogriglie tessute in PET rivestite PVC XGRID PET PVC geogriglie tessute in PET per applicazioni di rinforzo dei terreni Allargamento rotatorie Rilevati stradali Sostituzione di viadotti L utilizzo

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

Terra rinforzata rinverdita 33

Terra rinforzata rinverdita 33 SINONIMI Descrizione sintetica Opera di sostegno realizzata mediante l'abbinamento di materiali di rinforzo in reti sintetiche o metalliche plastificate, inerti di riempimento e rivestimento in stuoie

Dettagli

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria DCT ICAR/04 STRADE, FERROVIE, AEROPORTI Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI Ing. Nicola Baldo e-mail: nicola.baldo@unipd.it

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati. elevate prestazioni a lungo termine

Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati. elevate prestazioni a lungo termine Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati elevate prestazioni a lungo termine Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati Elevate prestazioni a lungo termine L utilizzo dei geosintetici

Dettagli

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati:

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati: Terre rinforzate Nella costruzione di strutture in terra per realizzare scarpate con angolo di inclinazione maggiore di quello permesso dal rilevato vengono utilizzate armature in strati orizzontali che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GEOTECNICA TESI DI LAUREA L uso dei Geosintetici nella Stabilizzazione dei pendii Relatore: Candidato: Ch.mo

Dettagli

Fornit. HUESKERr. Ingegneria con geosintetici SKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKERHUES SKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKERHUES

Fornit. HUESKERr. Ingegneria con geosintetici SKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKERHUES SKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKER HUESKERHUES Ingegneria con geosintetici SKER Fornit HUES r r SKER Geogriglie biassiali HUES r r SKER HUES rper il rinforzo delle r r r SKER fondazioni stradali HUES Fornit Geogriglie biassiali per il rinforzo delle

Dettagli

QUALITA NON SUPERFICIALE

QUALITA NON SUPERFICIALE QUALITA NON SUPERFICIALE STORIA GEOSINTEX opera nel mercato dei geosintetici dagli anni 80 ed ha maturato in questi anni una significativa esperienza nella commercializzazione e nell impiego di tali prodotti.

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

ALPE ADRIA TEXTIL Srl I GEOSINTETICI PER LA STABILIZZAZIONE DI STRADE E RILEVATI SU TERRENI SOFFICI

ALPE ADRIA TEXTIL Srl I GEOSINTETICI PER LA STABILIZZAZIONE DI STRADE E RILEVATI SU TERRENI SOFFICI ALPE ADRIA TEXTIL Srl I GEOSINTETICI PER LA STABILIZZAZIONE DI STRADE E RILEVATI SU TERRENI SOFFICI CONCETTI PRELIMINARI DELLA STABILIZZAZIONE DI SOTTOFONDI Il metodo più antico e semplice per stabilizzare

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

acqua Istruzioni di messa in opera Bentocell AG barriera geosintetica bentonitica rinforzata

acqua Istruzioni di messa in opera Bentocell AG barriera geosintetica bentonitica rinforzata Istruzioni di messa in opera acqua Bentocell AG barriera geosintetica bentonitica rinforzata Preparazione della superficie di posa Platea di fondazione Per la posa in orizzontale, si deve prevedere uno

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7

1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 4 GABBIONI... 6 5 MURI A SECCO... 7 1 PREMESSA... 2 2 BARRIERE PARAMASSI... 3 2.1 PRESTAZIONI... 3 2.2 CONTROLLI... 3 2.3 INTERVENTI DI MANUTENZIONE... 4 3 CONSOLIDATORI MONOANCORAGGIO... 4 3.1 PRESTAZIONI... 4 3.2 CONTROLLI... 4 3.3 INTERVENTI

Dettagli

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura.

Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. Tecco stabilizza i pendii, impedisce le fuoriuscite di materiale e si mimetizza nella natura. La rete Tecco in acciaio ad alta resistenza è una soluzione innovativa per le opere di contenimento ed è una

Dettagli

B.3: Opere di sostegno

B.3: Opere di sostegno B.3: Opere di sostegno Queste tipologie di opere riguardano il consolidamento e la stabilizzazione dei versanti attraverso opere di sostegno dei terreni. La scelta della tipologia da utilizzarsi nei singoli

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza.

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza. Tubi di Drenaggio DRENAGGIO dei TERRENI L adozione dei tubi Spirodrain è la miglior soluzione per risolvere qualsiasi problema di drenaggio dei terreni e di raccolta delle acque sotterranee. I tubi Spirodrain

Dettagli

blocco per muri di contenimento T-BLOCK

blocco per muri di contenimento T-BLOCK blocco per muri di contenimento T-BLOCK T-BLOCK Sistema integrato T-Block per muri rinforzati I sistemi per realizzare muri in terra rinforzata con geogriglie e paramento modulare in cls. costituiscono

Dettagli

2. RIFERIMENTI NORMATIVI

2. RIFERIMENTI NORMATIVI 2. RIFERIMENTI NORMATIVI 2.1 INTRODUZIONE Prima di affrontare gli aspetti tecnici riguardanti l Ingegneria Naturalistica, è utile analizzare la normativa che regola il settore delle costruzioni, ed in

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Fascicolo dell opera Pagina 1 di 7 CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

L utilizzo dei materiali sintetici nelle applicazioni geotecniche: definizioni, materiali e aspetti teorici

L utilizzo dei materiali sintetici nelle applicazioni geotecniche: definizioni, materiali e aspetti teorici ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA Corso di aggiornamento professionale Progettazione geotecnica secondo le NTC 2008 Pistoia, 13 maggio-24 giugno 2011 L utilizzo dei materiali sintetici

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

A sostegno del terreno

A sostegno del terreno A sostegno del terreno Alla base dei rilevati ferroviari che stanno sorgendo in Provincia di Bologna per il raddoppio della linea ferroviaria Bologna-Verona, sono impiegati geosintetici per aumentare la

Dettagli

STRUTTURE DI SOSTEGNO IN TERRA RINFORZATA. TSystem. sistemi di rinforzo, drenaggio, controllo dell erosione superficiale

STRUTTURE DI SOSTEGNO IN TERRA RINFORZATA. TSystem. sistemi di rinforzo, drenaggio, controllo dell erosione superficiale STRUTTURE DI SOSTEGNO IN TERRA RINFORZATA sistemi di rinforzo, drenaggio, controllo dell erosione superficiale Il funzionamento del rinforzo dei terreni Le strutture di sostegno in terra rinforzata possono

Dettagli

Neoweb sistema di stabilizzazione dei terreni

Neoweb sistema di stabilizzazione dei terreni sistema di stabilizzazione dei terreni Il problema L obiettivo principale della progettazione è quello di realizzare delle sovrastrutture in grado di possedere l adeguata resistenza alle sollecitazioni

Dettagli

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta.

PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. COSI REALIZZIAMO FONDAZIONI PROFONDE A BASSA INVASIVITÀ. Spesso ciò che non si vede è quello che conta. CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? Crepe e fessurazioni sui muri

Dettagli

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione.

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. I. Introduzione Si intende con il termine ingegneria naturalistica l insieme di tutte

Dettagli

Il contenimento del suolo tende

Il contenimento del suolo tende Contenimento del suolo Analisi delle cause e soluzioni proposte: un vademecum per risolvere i problemi di stabilità dei terreni Elena Lucchi* Il contenimento del suolo tende a frenare il naturale spostamento

Dettagli

LINEA MURI DI CONTENIMENTO

LINEA MURI DI CONTENIMENTO LINEA MURI DI CONTENIMENTO Costruisce il futuro Sistemi di contenimento dei pendii - Tipologie: I muri ottenuti tramite la posa in opera dei blocchi di contenimento della MA.CE.VI. in condizioni di : -

Dettagli

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA

LANDMARK. Il muro che abbatte le difficoltà. L a n d m a r k. s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA s i s t e m i v e r t i c a l i LANDMARK s.p.a PER LE CASE E LE PIAZZE PIÙ BELLE D ITALIA premessa L idea: la connessione positiva Un surplus tecnologico Landmark razionalizza la quantità di geogriglie

Dettagli

Criteri ingegneristici progettuali per impianti di stoccaggio di rifiuti non pericolosi

Criteri ingegneristici progettuali per impianti di stoccaggio di rifiuti non pericolosi Criteri ingegneristici progettuali per impianti di stoccaggio di rifiuti non pericolosi Seminario tecnico PROGETTARE LE DISCARICHE: ASPETTI TEORICI E PRATICI Roma, 4 maggio 2011 Ing. Mauro Fortugno ENVIRON

Dettagli

www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI.

www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. www.kappazeta.it PALI IN ACCIAIO IMMEDIATAMENTE ATTIVI. CREPE E CEDIMENTI NELLE FONDAZIONI? DA KAPPAZETA MATERIALI E TECNICHE AVANZATE PER LE VOSTRE ESIGENZE DI CONSOLIDAMENTO COME SI OTTIENE IL MIGLIOR

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

4 TECNICHE NATURALISTICHE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SOSTEGNO E CONSOLIDAMENTO PROFONDO.

4 TECNICHE NATURALISTICHE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SOSTEGNO E CONSOLIDAMENTO PROFONDO. 4 TECNICHE NATURALISTICHE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SOSTEGNO E CONSOLIDAMENTO PROFONDO. 4.1 INTRODUZIONE Nel capitolo precedente si sono analizzate tutte quelle tecniche utili per la sistemazioni

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO pull PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO - Sistema IDES-Wrap con Tessuto UNI-direzionale IDES-Wrap C-UNI/220 IDES-Wrap C-UNI/320 IDES-Wrap C-UNI/420 - Sistema IDES-Wrap con

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO drainpanel soluzione innovativa per la gestione delle acque ALTA CAPACITÀ DRENANTE RESISTENTE SOVRAPPONIBILE w w w. g e o p l

Dettagli

Esempi di applicazione

Esempi di applicazione 1 I compositi firosi vengono impiegati ogni qualvolta vi sia da assorire uno sforzo di trazione pura o di trazione prodotta dalla flessione o dal taglio. Il rinforzo a flessione viene realizzato mediante

Dettagli

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento

TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP. Giunti di dilatazione stradale. Descrizione. Normativa di riferimento TEC S.r.l. GIUNTI DI DILATAZIONE SERIE TEC VP Descrizione I giunti di dilatazione stradale della serie TEC VP assolvono alla funzione di coprigiunto filopavimento e sono progettati per rispondere alle

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA

PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA Indice Drenaggio e Protezione 1 Isolamento Termico Acustico 2 Soluzioni Sottotetto 3 Impermeabilizzazione 4 Geotecnica 5 1 Drenaggio e Protezione 3 Soluzioni Sottotetto

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE DI CALCOLO VR010A - Relazione di calcolo.doc

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

Geotessile tessuto tipo TELEVEV 70/70

Geotessile tessuto tipo TELEVEV 70/70 Geotessile tessuto tipo TELEVEV 70/70 Il geotessuto tipo Televev 70/70 o equivalente, avente la funzione di rinforzo, filtro e separatore di che sia in grado di fornire una resistenza ultima in direzione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

PROGETTARE LA COPERTURA DELLE DISCARICHE CON SISTEMI GEOSINTETICI. ing. MASSIMILIANO NART - ROMA 4 maggio 2011 1

PROGETTARE LA COPERTURA DELLE DISCARICHE CON SISTEMI GEOSINTETICI. ing. MASSIMILIANO NART - ROMA 4 maggio 2011 1 PROGETTARE LA COPERTURA DELLE DISCARICHE CON SISTEMI GEOSINTETICI ing. MASSIMILIANO NART - ROMA 4 maggio 2011 1 INDICE ARGOMENTI A. UTILIZZO DI SISTEMI GEOSINTETICI IN DISCARICA B. INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S.460 LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLE FONDAZIONI SCALZATE ED ALLARGAMENTO DELLA SEDE STRADALE DEL PONTE DI CUORGNE' AL KM 30+300 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE GEOTECNICA FONDAZIONI

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

Gas di discarica: tutti i gas generati dai rifiuti in discarica;

Gas di discarica: tutti i gas generati dai rifiuti in discarica; La discarica Art. 2, D.Lgs36/03 Discarica: Area adibita a smaltimento dei rifiuti mediante operazioni di deposito sul suolo o nel suolo, compresa la zona interna al luogo di produzione dei rifiuti adibita

Dettagli

6 PROGETTAZIONE GEOTECNICA

6 PROGETTAZIONE GEOTECNICA 6 PROGETTAZIONE GEOTECNICA 6.1 DISPOSIZIONI GENERALI 6.1.1 OGGETTO DELLE NORME Il presente capitolo riguarda il progetto e la realizzazione: delle opere di fondazione; delle opere di sostegno; delle opere

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO. (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di FIAMIGNANO Provincia di RIETI PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: POS FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione

Dettagli

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone

a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Interventi di sistemazione idraulica a protezione di un ponte sul Crati Ing. M. Ponte Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Moti di filtrazione nei terreni H 2 1 H 1 2 H Ing. M. Ponte 2 Se il moto

Dettagli

STRUTTURE DI SOSTEGNO IN TERRA RINFORZATA. TSystem. sistemi di rinforzo, drenaggio, controllo dell erosione superficiale

STRUTTURE DI SOSTEGNO IN TERRA RINFORZATA. TSystem. sistemi di rinforzo, drenaggio, controllo dell erosione superficiale STRUTTURE DI SOSTEGNO IN TERRA RINFORZATA sistemi di rinforzo, drenaggio, controllo dell erosione superficiale Il funzionamento del rinforzo dei terreni Le strutture di sostegno in terra rinforzata possono

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio

TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per Fognatura con rete di rinforzo Per drenaggio Listino Prezzi DEPOSITO DI BARI 70027 PALO DEL COLLE BARI - S.S. 96 Km. 113+200 TEL. 080 627580 - FAX 080 629648 e-mail: appa.commerciale@tiscali.it www.appartubi.it TUBI PEAD CORRUGATI Per Fognatura Per

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti

Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti FONDAZIONI SU PALI Pali di fondazione = elementi strutturali in grado di trasferire il carico applicato alla loro sommità a strati di terreno più profondi e resistenti Si ricorre a fondazioni su pali quando:

Dettagli

Prova a rottura per scorrimento su pannelli prodotti dalla Nidyon Costruzioni S.p.A. di Santarcangelo di Romagna.

Prova a rottura per scorrimento su pannelli prodotti dalla Nidyon Costruzioni S.p.A. di Santarcangelo di Romagna. DISTART DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELLE STRUTTURE, DEI TRASPORTI, DELLE ACQUE, DEL RILEVAMENTO, DEL TERRITORIO LABORATORIO PROVE STRUTTURE Bologna, 5 Febbraio 2009 POS. 212/08 Prova a rottura per scorrimento

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione Anas SpA Direzione Centrale Progettazione Ministero Infrastrutture e Trasporti RegioneLombardia Provincia di Como Camera di Commercio Como Anas SpA Direzione Centrale Progettazione INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature Approccio qualitativo per la definizione delle soluzioni integrate a protezione e rinverdimento di versanti stradali in erosione: Nuove soluzioni e ruolo della vegetazione Massimo Salmi Responsabile Ufficio

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

Enkagrid Geogriglia di rinforzo del terreno

Enkagrid Geogriglia di rinforzo del terreno Enkagrid Geogriglia di rinforzo del terreno Soil reinforcement on a roll Enkagrid La famiglia La Colbond ha sviluppato una nuova famiglia di geosintetici di rinforzo del terreno ad alte prestazioni, l

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI COMMITTENTE PROGETTO INTERVENTO DI RIDUZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO SUL VERSANTE DELLA FALESIA DEL COLLE SAN BARTOLO IN CORRISPONDENZA DEL CENTRO ABITATO DI FIORENZUOLA DI FOCARA. SETTORE NORDOVEST.

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli