Piano dell autocontrollo D.Lgs. 155/97

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano dell autocontrollo D.Lgs. 155/97"

Transcript

1 REFETTORIO SCUOLA ELEMENTARE FRATELLI RIZZI Piazza Brenna - PROSERPIO Piano dell autocontrollo D.Lgs. 155/97 Data elaborazione documento: Settembre 2012 V revisione piano del 2001 Redattore: Responsabile dell autocontrollo Assessore ELISA BOCCHINO.. o:\userdocs\ufftecnico\documenti\ufficio tecnico\scuola\piano di autocontrollo v revisione\piano autocontrollo proserpio.doc Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 1 Quinta versione

2 Indice Premessa... 3 Contenuto del documento... 3 Schede tecniche allegate... 3 Descrizione attività svolte... 4 Diagramma di Flusso delle attività svolte... 5 Identificazione delle fasi... 6 Mappa dei rischi... 7 Elenco dei CCP Schede varie fasi lavorative per attività di refettorio: Ricevimento Merci Stoccaggio dei cibi e prodotti alimentari in genere Porzionamento e servizio ai tavoli Piano di sanificazione PROCEDURA DI TRATTAMENTO DEI PRODOTTI NON CONFORMI Allegato: SCHEDA REGISTRAZIONE E GESTIONE NON CONFORMITÀ Allegato: SCHEDA REGISTRAZIONE PULIZIE Allegato: SCHEDA REGISTRAZIONE TEMPERATURE Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 2 Quinta versione

3 Premessa Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 155/1997 il Comune di Proserpio per la gestione del servizio refettorio della SCUOLA ELEMENTARE, che pertanto tratta alimenti e bevande, ha attuato un sistema di autocontrollo aziendale ispirato al metodo HACCP. Il sistema di autocontrollo può essere definito come una procedura di gestione delle prescrizioni igieniche disposte dal legislatore affinché queste siano efficaci in modo sistematico e continuativo. La pratica dell autocontrollo permette di dare risposte a una serie di interrogativi quali: Cosa può darmi dei problemi e quali sono i punti critici dal punto di vista igienico? Dove nello svolgimento del servizio questi pericoli possono concretizzarsi? Cosa posso fare per prevenire questi inconvenienti? Se nonostante questo si verificassero come posso ridurne le conseguenze? Come posso fare per dimostrare di aver agito correttamente? Contenuto del documento In attesa dell entrata in vigore dei manuali di buona pratica igienica validati dal Ministero della Sanità, il presente documento è stato redatto sulla traccia fornita alla aziende associate dall Unione Provinciale Commercio e Turismo di Como. Il documento individua i punti critici delle varie fasi di lavorazione di alimenti e bevande (trattasi di solo sporzionamento di cibi preparati da ditta esterna autorizzata G.S.I. servizi integrati S.p.a. con sede legale a Como in Via Pasquale Paoli, 37 e mescita di altri prodotti pronti e confezionati o bibite e frutta oltre a ricevimento dei prodotti e pulizia delle attrezzature e del locale), delle corrette procedure operative e delle relative misure di controllo per le attività considerate. Schede tecniche allegate Al presente manuale sono allegate schede relative ai controlli periodici quali: registrazione operazioni giornaliere o settimanali di pulizia e sanificazione registrazione temperature frigoriferi registrazione temperature cibi pronti (sia all arrivo che all atto delle operazioni di sporzionamento) Le schede sono compilate dalle due collaboratrici scolastiche (che dipendono dal provveditorato agli studi istituto comprensivo A. Rosmini di Pusiani) addette al servizio di sporzionamento dei cibi pronti che effettuano anche le operazioni di sanificazione, pulizia e i necessari controlli periodici. Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 3 Quinta versione

4 Descrizione attività svolte Principalmente nel locale del refettorio della scuola elementare di P.zza Brenna a Proserpio è svolta solo attività di porzionamento in piatti di cibi che arrivano già pronti e preparati dalla trattoria Baita Inarca s.n.c. di Colombo P e Mercurio A. con sede in Proserpio (CO) via Inarca n.16. Il locale è dotato di servizio igienico riservato alle addette del refettorio. Il locale è inoltre dotato di tavoli e sedie con finiture lavabili, lavello con due vasche in acciaio inox e erogatore con comando non manuale, il bancone di servizio in acciaio inox parzialmente armadiato, frigorifero (per la conservazione di frutta, yogurt e formaggio), pattumiera in acciaio inox con comando a pedale oltre a dosatore di sapone e distributore di serviette monouso posti sopra il lavello. Le pareti del locale sono finite con smalto lavabi atossico di colore chiaro per i primi due metri da pavimento. Qui vengono effettuate le seguenti operazioni: controllo dei cibi in arrivo, porzionamento degli stessi (prodotti preparati dalla Baita Inarca s.n.c. di Colombo P e Mercurio A. e consegnati in contenitori alimentari diversi per tipologia di cibo i prodotti caldi in contenitori termici isolati che all arrivo vengono poi mantenuti in temperatura con apposito dispositivo alimentato in sito elettricamente, i cibi freschi da conservare a bassa temperatura in contenitori isolati e in apposite confezioni per i restanti prodotti come pane, frutta ecc.), preparazione tavoli e mescita bibite, riordino e pulizia dei locali e sanificazione e pulizia delle attrezzature, conservazione in frigorifero di alcuni prodotti come frutta, formaggio e yogurt. L unica lavorazione effettuata in sito è lo porzionamento oltre al servizio e alla pulizia. Alcuni altri prodotti, come yogurt e formaggi sono conservati in frigorifero a temperatura adeguata e in confezione chiusa. Viene inoltre servita acqua minerale sempre fornita dalla Baita Inarca s.n.c. di Colombo P e Mercurio A. in bottiglie sigillate. Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 4 Quinta versione

5 Diagramma di Flusso delle attività svolte (CON EVIDENZIAZIONE DEI PUNTI CRITICI DI CONTROLLO (CCP)) CONFERIMENTO MATERIE PRIME ACQUISTI DI MATERIE PRIME AL DETTAGLIO APPROVVIGIONAMENTO MATERIE PRIME STOCCAGGIO PRODOTTI DEPERIBILI (CCP) STOCCAGGIO PRODOTTI NON DEPERIBILI APPROVVIGIONAMENTO CIBO PRONTO RICEVIMENTO E CONTROLLO CIBO PRONTO (CCP) PREPARAZIONE E RISCALDAMENTO ALIMENTI Con raffreddamento (CCP) PORZIONATURA DI ALIMENTI (CCP) STOCCAGGIO PIATTI PRONTI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI (CRUDI COTTI) Riscaldamento con scaldavivande (CCP) Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 5 Quinta versione

6 Identificazione delle fasi N. FASE LOCALE ATTREZZATURE RESPONSABILE 1a. Conferimento materie prime da fornitore 1b. Approvvigionamento materie prime al dettaglio 1c 2a. 2b. 2c Approvvigionamento cibo cotto Stoccaggio prodotti non deperibili Stoccaggio prodotti deperibili (CCP) Ricevimento e controllo cibi cotti (CCP) Cucina - Assessore Elisa Bocchino Utilizzo di appositi Assessore Elisa - contenitori o borse Bocchino termiche Cucina - Assessore Elisa Bocchino Cucina Dispensa Assessore Elisa Bocchino Cucina Frigorifero Assessore Elisa Bocchino Cucina - Assessore Elisa Bocchino Assessore Elisa Bocchino Cucina Posate e piatti Assessore Elisa 3 Preparazione alimenti Cucina Utensili da cucina 4 5a. 6a 6b Porzionatura alimenti Stoccaggio piatti pronti (raro) Raffreddamento alimenti (raro) (CCP) Riscaldamento alimenti (CCP) Cucina Cucina Cucina 7 Somministrazione alimenti Refettorio Tavolo / frigo / contenitori appositi Frigorifero Scaldavivande Tavoli con tovaglie cerate lavabili Bocchino Assessore Elisa Bocchino Assessore Elisa Bocchino Assessore Elisa Bocchino Assessore Elisa Bocchino Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 6 Quinta versione

7 Mappa dei rischi FASE RISCHIO CAUSA DEL RISCHIO CONFERIMENTO MATERIE PRIME DA FORNITORI Deperimento, degradazione organica e alterazione del prodotto Contaminazione chimica e/o microbica e/o macrobiologica. Presenza dl corpi estranei. Proliferazione microbica. Superamento data di scadenza Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Confezioni danneggiate e/o non Idonee Condizioni igieniche - sanitarie carenti per i prodotti sfusi Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Innalzamento della temperatura di conservazione per prodotti refrigerati, congelati, surgelati; Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Intossicazioni, infezioni. Presenza di microrganismi patogeni e/o tossigeni nei prodotti alimentari; Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 7 Quinta versione

8 FASE RISCHIO CAUSA DEL RISCHIO APPROVVIGIONAMENTO DIRETTO Dl MATERIE PRIME AL DETTAGLIO APPROVVIGIONAMENTO CIBO COTTO Deperimento, degradazione organica e alterazione del prodotto Contaminazione chimica e/o microbica e/o macrobiologica. Presenza dl corpi estranei. Proliferazione microbica. Superamento data di scadenza Degradazione durante Il trasporto Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Confezioni danneggiate e/o non idonee Condizioni Igieniche - sanitarie carenti per i prodotti sfusi Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Contaminazione durante il trasporto Innalzamento della temperatura di conservazione per prodotti refrigerati, congelati, surgelati; Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Intossicazioni, infezioni. Presenza di microrganismi patogeni e/o tossigeni nei prodotti alimentari; Contaminazione microbiologica e macrobiologica Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Presenza di roditori, insetti e parassiti Proliferazione microbica. Temperatura e tempo di trasporto non adeguato dei prodotti. Deperimento, degradazione organica e alterazione del prodotto Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Temperatura e tempo di trasporto non adeguato dei prodotti. Contaminazione crociata Modalità di trasporto non adeguato dei prodotti. Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile. Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 8 Quinta versione

9 FASE RISCHIO CAUSA DEL RISCHIO STOCCAGGIO PRODOTTI NON DEPERIBILI STOCCAGGIO PRODOTTI DEPERIBILI RICEVIMENTO E CONTROLLO CIBI COTTI Contaminazione microbiologica e macrobiologica Deperimento, degradazione organica e alterazione del prodotto. Contaminazione microbica. Contaminazione microbica. Proliferazione microbica Presenza di roditori, insetti e parassiti Superamento data di scadenza Carenza di pulizia e disinfezione Scarsa igiene del personale Carenza di pulizia e disinfezione Scarsa igiene del personale Innalzamento delle temperature di refrigerazione. Contaminazione microbica Temperatura e tempo di trasporto non adeguato dei prodotti. Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Contaminazione crociata Modalità di trasporto non adeguato dei prodotti. Sistema di autocontrollo del fornitore inaffidabile Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 9 Quinta versione

10 FASE RISCHIO CAUSA DEL RISCHIO PREPARAZIONE ALIMENTI Contaminazione microbica. Carenza di pulizia e disinfezione Contaminazione microbiologica e macrobiologica Scarsa igiene del personale Contatti accidentali tra rifiuti (alimentari e non) e prodotti alimentari PORZIONATURA ALIMENTI Contaminazione crociata Modalità di trattamento non adeguato dei prodotti. RISCALDAMENTO ALIMENTI RAFFREDDAMENTO ALIMENTI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI Proliferazione microbica Proliferazione microbica Deperimento, degradazione organica e alterazione del prodotto. Contaminazione microbica. Contaminazione crociata Carenza di pulizia e disinfezione Scarsa igiene del personale Temperatura di riscaldamento inadeguata o tempo di permanenza inadeguato Temperatura di raffreddamento inadeguata o tempo di permanenza inadeguato Temperatura di raffreddamento inadeguata o tempo di permanenza inadeguato Carenza di pulizia e disinfezione Scarsa igiene del personale Modalità di trattamento non adeguato dei prodotti. Carenza di pulizia e disinfezione Scarsa igiene del personale Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 10 Quinta versione

11 Elenco dei CCP CCP RISCHIO CAUSA DEL RISCHIO LIMITE CRITICO MONITORAGGIO STOCCAGGIO PRODOTTI DEPERIBILI Proliferazione microbica Innalzamento delle temperature di refrigerazione. Max + 4 C per prodotti refrigerati Giornaliero: compilazione schede di controllo temperatura RICEVIMENTO E CONTROLLO CIBI COTTI Contaminazione microbica Temperatura e tempo di trasporto non adeguato dei prodotti. Max + 4 C per prodotti refrigerati Giornaliero: compilazione schede di ricevimento merci Contaminazione crociata Modalità trasporto adeguato prodotti. di non dei PORZIONATURA ALIMENTI Contaminazione crociata Modalità di trattamento non adeguato dei prodotti. Carenza pulizia disinfezione di e Giornaliero e quindicinale: compilazione schede di pulizia Scarsa igiene del personale RAFFREDDAMENTO ALIMENTI Proliferazione microbica Temperatura di raffreddamento inadeguata o tempo di permanenza inadeguato Max + 4 C per prodotti refrigerati Giornaliero: compilazione schede di controllo temperatura Deperimento, degradazione organica alterazione prodotto. e del Temperatura di raffreddamento inadeguata o tempo di permanenza inadeguato Max + 4 C per prodotti refrigerati Giornaliero: compilazione schede di controllo temperatura Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 11 Quinta versione

12 CCP RISCHIO CAUSA DEL RISCHIO LIMITE CRITICO MONITORAGGIO RISCALDAMENTO ALIMENTI Proliferazione microbica Temperatura riscaldamento inadeguata tempo permanenza inadeguato di o di 60 C alimenti potenzialmente a rischio 63 C roast beef, pesce e uova Giornaliero: compilazione schede di controllo temperatura cibi in scaldavivande 68 C prodotti a base di maiale 75 C prodotti a base di pollame Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 12 Quinta versione

13 Scheda anagrafica Ragione Sociale: Comune di Proserpio c.f./p.iva: Sede legale: PROSERPIO (CO) - Piazza Brenna C.A.P Telefono: Attività svolta: refettorio scuola elementare Numero addetti: Due collaboratrici scolastiche Titolare o Leg. Rappresentante: SINDACO PROTEMPORE ELISABETTA FONTANA Luogo di nascita: Como Data di nascita: 24/10/1976 Residenza: Proserpio (CO) Via Roma n.15 C.A.P Responsabile Autocontrollo: ELISA BOCCHINO Luogo di nascita: Erba Data di nascita: 07/05/1972 Residenza: Proserpio (CO) Via Puecher n. 22 C.A.P Mansione svolta: Controllo Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 13 Quinta versione

14 Schede varie fasi lavorative per attività di refettorio: Ricevimento Merci FASE LAVORATIVA PERICOLI CONTROLLI LIMITI MISURE CORRETTIVE RICEVIMENTO MERCI Contaminazione microbica Contaminazione chimica Condizioni igieniche mezzo di trasporto Idonea separazione dei vari tipi di alimenti Temperature dei prodotti in arrivo a seguito di trasporto Protezione degli alimenti e delle bevande Integrità imballaggi e verifica condizione involucri contenimento delle bibite e degli alimenti Verifica dei documenti di accompagnamento, delle etichette con particolare riguardo alle date di scadenza del prodotto e di eventuali manomis_ sione delle date Pulizia e disinfezione attrezzature e reparto ricevimento merci Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 14 Quinta versione Buone pratiche di lavorazione: Temperatura trasporto alimenti freschi (piatti freddi, verdure pronte preconfezionati e conservati in confezioni ermetiche) gradi da 1 a 4 C Temperatura cibi caldi (primi e secondi piatti conservati in contenitori termici e dotati di riscaldatori elettrici incorporati) gradi C Corretta applicazione della procedura di pulizia e disinfezione dei locali adibiti a ricevimento merci, stoccaggio, lavorazione e somministrazione dei cibi. Sensibilizzazione fornitori ed eventuali contestazioni del lotto con respingimento della partita Ripetere eventualmente le pulizie e la disinfezione del locale e delle attrezzature Eliminazione dei prodotti ritenuti contaminati o inadeguati alla somministrazione

15 Stoccaggio dei cibi e prodotti alimentari in genere FASE LAVORATIVA PERICOLI CONTROLLI LIMITI MISURE CORRETTIVE STOCCAGGIO DEI CIBI E Contaminazione DEGLI ALIMENTI microbica INGENERE Contaminazione chimica Monitoraggio e registrazione giornaliera (ad inizio e fine giornata di lavoro da parte del personale addetto) del corretto funzionamento del frigorifero e scaldavivande in uso, mediante registrazione delle temperature di esercizio di tali attrezzature. (allo scopo viene utilizzata apposita scheda di registrazione) Le merci sono depositate su appositi ripiani e non sul pavimento Esecuzione sistematica delle manutenzioni del frigorifero Le merci sono separate per categorie merceologiche Gli alimenti e le bevande (che lo richiedano) sono conservati in involucri ermetici Verifica e rispetto delle date di scadenza I nuovi arrivi sono sistematicamente sistemati dietro le merci già stoccate Le derrate deperibili sono immagazzinate immediatamente, separate Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 15 Quinta versione Buone pratiche di lavorazione Temperatura di conservazione: di alimenti freschi (per lo più pane, frutta, verdura yogurt e formaggi preconfezionati e conservati in confezioni sottovuoto) - da 1 a 4 C alimenti cotti e caldi conservati in contenitori ermetici da C In caso di guasto di impianto frigorifero ripristinare la funzionalità dello stesso nel più breve tempo possibile e se del caso (impossibilità di intervenire nei tempi di mantenimento della temperatura della cella frigorifera) provvedere a spostare temporaneamente in altro frigorifero, previo confezionamento di eventuali alimenti sfusi, i prodotti che lo necessitano Qualora ci si accorgesse che, a causa di un malfunzionamento delle apparecchiature (frigorifero e/o scaldavivande), ci fosse un notevole scostamento tra le temperature rilevate sull alimento ed i limiti previsti dalla legge (vedi tabelle sopra

16 per tipologia e conservate ad idonee temperatura Le derrate alimentari sono conservate separatamente da attrezzature e prodotti di pulizia Pulizia e disinfezione dei locali, dei contenitori e delle attrezzature effettuata sistematicamente Igiene del personale addetto riportate) risulta necessario eliminare gli alimenti ritenuti a rischio. Ripetere eventualmente le pulizie e la disinfezione dei locali e delle attrezzature di stoccaggio Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 16 Quinta versione

17 Porzionamento e servizio ai tavoli FASE LAVORATIVA PERICOLI CONTROLLI/FREQUENZA LIMITI MISURE CORRETTIVE PORZIONAMENTO CIBI Contaminazione PRONTI batterica CONSERVAZIONE IN FRIGO Eventuale moltiplicazione microbica Verifica delle pulizie e disinfezione degli strumenti e delle attrezzature Verifica temperatura cibi prima del servizio Igiene personale degli addetti Verifica temperatura di conservazione in frigorifero e durata dello stoccaggio Verifica stato del prodotto e data scadenza Buone pratiche di lavorazione Mantenimento temperatura cibi caldi a C Mantenimento temperatura piatti freddi, latticini e yogurt da 1 a 4 C Buone pratiche di lavorazione Mantenimento della temperatura tra 0 e 4 C Ripetizione se del caso delle pulizie e della disinfezione dei locali e delle attrezzature di stoccaggio Igiene personale degli addetti Verifica attrezzature tecniche e eventuale ripristino temperature a C Verifica attrezzature tecniche e eventuale ripristino temperatura di conservazione Ripetizione se del caso delle pulizie e della disinfezione dei locali e delle attrezzature Igiene personale degli addetti Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 17 Quinta versione

18 Piano di sanificazione PUNTO D INTERVENTO OPERAZIONE FREQUENZA Pavimenti locale refettorio e servizio Detersione e disinfezione Giornaliera igienico Piastrelle pareti Detersione Disinfezione Settimanale Settimanale Piani di lavoro e lavelli Detersione e disinfezione Giornaliera Utensileria varia, coltelleria, ecc. Detersione e disinfezione Giornaliera Frigorifero Detersione e disinfezione Settimanale Banco servizio sporzionamento Detersione e disinfezione Disincrostazione Giornaliera Mensile Armadi e ripiani Detersione Settimanale Vetri Detersione Settimanale Infissi Detersione Mensile Contenitori portarifiuti Detersione e disinfezione Giornaliera Griglie di scarico Detersione Giornaliera Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 18 Quinta versione

19 Altre operazioni di sanificazione OPERAZIONE derattizzazione disinfezione Tinteggiatura muri se del caso semestrale biennale FREQUENZA Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 19 Quinta versione

20 PROCEDURA DI TRATTAMENTO DEI PRODOTTI NON CONFORMI Scopo Definizione di criteri e modalità operative adottate per la gestione dei prodotti non idonei al consumo umano. Responsabilità Il Responsabile dell autocontrollo è responsabile della piena applicazione delle prescrizioni del presente paragrafo E compito degli addetti e del responsabile dell autocontrollo individuare i prodotti non conformi. Azioni preventive La corretta applicazione del documento di autocontrollo può ridurre al minimo la generazione di prodotti non idonei al consumo umano. Qualora la generazione di prodotti non idonei dipendesse prevalentemente dall operatore presso la sede operativa, si deve provvedere all immediata revisione del piano di autocontrollo ovvero al ritiro e distruzione immediata del prodotto destinato ad essere consumato. I prodotti rilevati non conformi sono eliminati tassativamente e registrati nel modulo in allegato 7. se non eliminati immediatamente. I prodotti non conformi sono evidenziati e segregati per impedirne l uso involontario. Controlli Il Responsabile dell autocontrollo verificano che non siano erroneamente utilizzati i prodotti non conformi temporaneamente presenti in azienda in attesa della destinazione finale (resa al fornitore, distruzione, diversa destinazione). Vengono eseguiti controlli periodici sulle date di scadenza per la verifica della conformità dei prodotti stoccati in dispensa. Azioni correttive I prodotti per i quali si sia riscontrata la non idoneità per cause dipendenti dal fornitore vengono immediatamente resi e l evento viene annotato sulla scheda delle non conformità. Qualora la non idoneità non sia imputabile al fornitore o sussista l impossibilità di effettuare il reso, i prodotti non idonei vengono immediatamente distrutti. Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 20 Quinta versione

21 Allegato: SCHEDA REGISTRAZIONE E GESTIONE NON CONFORMITÀ N. DATA IDENTIFICAZIONE AZIONI ELIMINAZIONE VISTO NON CONFORMITÀ PREVISTE PREVISTA EFFETTIVA ELIMINAZIONE Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 21 Quinta versione

22 Allegato: SCHEDA REGISTRAZIONE PULIZIE Scheda registrazione PULIZIE N.. MESE. ANNO GIORNI Giornaliere ORDINARIE SETTIMANALI ORDINARIE MENSILI STRAORDINARIE ANNUALI STRAORDINARIE FIRMA OPERATORE ADDETTO ALLE PULIZIE FIRMA RESPONSABILE AUTOCONTROLLO Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 22 Quinta versione

23 Allegato: SCHEDA REGISTRAZIONE TEMPERATURE Sceda registrazione N'.. Mese Anno.. Orario di rilevamento Giorni Frigorifero N' 1 Firma Operatore addetto al controllo Temperature Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 23 Quinta versione

24 Allegato: PIANTA AGGIORNATA DEI LOCALI ADIBITI ALLA PREPARAZIONE, LAVORAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DEI CIBI Refettorio scuola elementare PROSERPIO. 24 Quinta versione

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE

IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE IGIENE ALIMENTARE E SISTEMA DI PREVENZIONE Nell ambito di una completa prevenzione della sute e della sicurezza sul lavoro e della gestione delle attività ambienti dell impresa sviluppate sistema informativo

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso

PESCE CRUDO Istruzioni per l uso PESCE CRUDO Istruzioni per l uso I RISCHI MICROBIOLOGICI nei prodotti della pesca Gestione del PRODOTTO FRESCO e PUNTI CRITICI Dr.ssa Priscilla D Amico Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Pisa

Dettagli

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA...

OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. / P.IVA... Al Signor Sindaco del Comune di ALPIGNANO UFFICIO POLIZIA AMMINISTRATIVA OGGETTO: D.I.A. Sanitaria MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (REG. CE/852/2004). L SOTTOSCRITT... NATO A IL... RESIDENTE A VIA... C.F. /

Dettagli

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2

MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2. 2. passi preliminari...2 MANUALE H.A.C.C.P. 1. PREMESSA...2 2. passi preliminari...2 2.1 DEFINIZIONE DEI TERMINI DI RIFERIMENTO...3 2.2 COSTITUZIONE DEL GRUPPO HA...3 2.3 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO...3 2.4 IDENTIFICAZIONE DELLA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A. differita) PER FESTE TEMPORANEE Da presentare in triplice copia al Comune dove si effettua la manifestazione. Copia della presente dovrà essere trattenuta dal richiedente con timbro e data del ricevimento. DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA

Dettagli

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO 0 04/2002 1 di 6 DICHIARAZIONE DEL TITOLARE L Amministrazione della MCS S.r.l. garantisce il livello di Qualità dei suoi prodotti, rispondendo alle richieste ed alle esigenze dei Clienti. La Qualità, secondo

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP

MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP MODULO DI RACCOLTA DATI MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA HACCP Per richiedere un preventivo per la stesura del manuale di corretta prassi igienica è necessario inserire le informazioni richieste nel

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Dir. DB2000 Sett. DB2017 Allegato n. 3 di 3 Pag. 1 ALLEGATO 3 SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE All ASL. e p.c. Al Comune di. _l_ sottoscritt in qualità di Nat a

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Manuale di buona prassi igienica

Manuale di buona prassi igienica Manuale di buona prassi igienica REVISIONE N. 1 2013 AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Revisione n. 1-2013 Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull

Dettagli

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA

DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA DELLA COMMISSIONE REGOLAMENTO COMUNALE MENSA Allegato alla deliberazione C.C. n. 29 del 30/11/2002 La Commissione Mensa, viene istituita per esercitare, nell interesse dell utenza e di concerto con l Amministrazione

Dettagli

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO

4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO 4.5 REDAZIONE DELLE MATRICI HACCP E PROCEDURE DI CONTROLLO DI PROCESSO PIANO DI AUTOCONTROLLO Pag. 19 MPE / SL / PF deteriorati Adeguata Fornitori Annuale, Controllo Documentale MPE / SL / PF contaminati

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE

L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica L IMPORTANZA DELLE TEMPERATURE 1 E fondamentale imparare a gestire correttamente le diverse temperature Tenere sempre conto della pezzatura dell alimento Evitare

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO Mediante sistema HACCP

PIANO DI AUTOCONTROLLO Mediante sistema HACCP PIANO DI AUTOCONTROLLO Mediante sistema HACCP DENOMINAZIONE SEDE LEGALE DSU Toscana Mensa Universitaria Bandini Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana - Viale Gramsci

Dettagli

SCHEDA REGISTRAZIONI CUCINA A GESTIONE INTERNA DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA REGISTRAZIONI CUCINA A GESTIONE INTERNA DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA REGISTRAZIONI CUCINA A GESTIONE INTERNA DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE E la raccolta delle schede da utilizzare per le registrazioni

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per i Servizi Sanitari n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. Oggetto: comunicazione manifestazione temporanea

Dettagli

CIRCOLO VIA N. COMUNE

CIRCOLO VIA N. COMUNE PIANO DI AUTOCONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 26 maggio 1997, n.155: CIRCOLO VIA N. COMUNE Responsabile del piano di autocontrollo: Redazione del: 1 ALCUNE DEFINIZIONI IMPORTANTI 1. pericolo

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO F MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO Allegato F Modalità operative per la gestione del servizio 1 1 Indicazioni relative all approvvigionamento e alla preparazione dei pasti 1.1 Approvvigionamento

Dettagli

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI

IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI IL CONSULENTE IN IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE L IMPLEMENTAZIONE DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO NELLE IMPRESE ALIMENTARI OBIETTIVI DELL AUTOCONTROLLO ALIMENTARE Applicando quanto previsto dal Reg. CE 852/04

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP

Autocontrollo alimentare. Il sistema HACCP Autocontrollo alimentare Il sistema HACCP 1 Obiettivi principali dell AUTOCONTROLLO Salvaguardare la SALUTE del CONSUMATORE Produrre, somministrare e vendere alimenti SANI 2 L autocontrollo aziendale prevede

Dettagli

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Allegato 3 - Guida per la valutazione uniforme dell autocontrollo INDICE I Introduzione... 1 A.... 1 B. La documentazione generale

Dettagli

DENUNCIA D INIZIO ATTIVITA

DENUNCIA D INIZIO ATTIVITA DENUNCIA D INIZIO ATTIVITA A EFFICACIA IMMEDIATA in materia di igiene dei prodotti alimentari MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Registrazione-Regolamento CE n 852/04 art. 6-DPGR n.40/r/06 COMUNE DI QUADRO A Il

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail

COGNOME: NOME: cittadinanza: nato a ( ) il / / residente nel comune di ( ) CAP via/piazza n codice fiscale tel. fax e-mail Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per l Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE per conoscenza al Comune di. triplice copia Oggetto: comunicazione manifestazione

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria

Gara per la fornitura del servizio di ristorazione per le mense obbligatorie di servizio per il personale della Polizia Penitenziaria ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SOMMARIO 1 - Stoccaggio delle derrate 2 - Tecnologie di manipolazione e di cottura 3 - Operazioni

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO (Reg. CE 852/04) Fino a tempi relativamente recenti si riteneva, da parte dei produttori di alimenti e degli organi preposti alla vigilanza, che il controllo della qualità e

Dettagli

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni:

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni: La normati di riferimento in materia del COMMERCIO ITINERANTE (commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche) è l' ORDINANZA 3 aprile 2002 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento.

ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento. ricevimento prodotti. Lo smistamento dei prodotti alimentari deperibili, viene effettuato in modo da ridurre al minimo i tempi di stazionamento. Inoltre, durante lo smistamento delle derrate, il personale

Dettagli

la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori

la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori la vigilanza e l autocontrollo negli impianti natatori Dott.ssa Agnese Dalla Riva Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Componente Comitato Tecnico Piscine Regione Veneto Istituto Superiore

Dettagli

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER)

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER) RELAZIONE TECNICA da allegare a NOTIFICA/COMUNICAZIONE con modelli A1 A1 BIS DISTRIBUTORI A1 TER Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta:

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Procedura Operativa APPROVVIGIONAMENTO E GESTIONE MAGAZZINO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 OTTOBRE 2015 INDICE Farmacista Specializzando Dott. Cataldo Procacci

Dettagli

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 PIANO HACCP FARMACIE LISTA DI CONTROLLO Commento: DATI IDENTIFICATIVI : DENOMINAZIONE RAGIONE SOCIALE Legale Rappresentante Sede Generalità E presente l intestazione? SI/_/ (nella pagina di copertina deve

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl

Chelab srl. Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive. Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007. CHELAB srl Chelab srl Il Servizio di Assistenza alla GDO: Audit e Verifiche Ispettive Simone Ballan Milano, 9 Novembre 2007 1 Esigenze della GDO Conformità A voi cosa interessa? dei prodotti e del processo di distribuzione

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Farmacia: Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Regolamento (CE) n. 852/2004 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Responsabile di questo Manuale di Autocontrollo è il dr titolare

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE

LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE manuale H.A.C.C.P. maggio 2013 rev.0/ pag. 1 LABORATORIO DI TRASFORMAZIONE AGRO-ALIMENTARE dell Istituto agrario G. Penna - Loc. Viatosto, 54-14100- Asti Responsabile H.A.C.C.P e laboratorio Prof.ssa Cantatore

Dettagli

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 L' articolo 10, comma 5, della legge 21 dicembre 1999 n. 526 " Legge comunitaria per il 1999 ", prevede

Dettagli

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI STABILIMENTI IN BASE AL RISCHIO

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI STABILIMENTI IN BASE AL RISCHIO Allegato 4 SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI STABILIMENTI IN BASE AL RISCHIO DITTA Sede legale: Via n. Tel. Comune Sede stabilimento: Via n. Comune Rappresentante legale Sig. Residente in Ispettore incaricato

Dettagli

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO

STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO STESURA E GESTIONE DEL PIANO DI AUTOCONTROLLO Seminari regionali per gestori di piscine 2007 Garda 13/04, Jesolo 03/05, Caorle 10/05, Chioggia 22/06 t.d.p. Agnese Dalla Riva Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Dettagli

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - Procedura del Sistema di Gestione della Qualità PGE 02 Rev. 01 del 23.03.2012 Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI ELENCO REVISIONI

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune di OSTRA NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Ristorante Pizzeria - Trattoria

Ristorante Pizzeria - Trattoria Relazione Tecnica (ai sensi della delibera di Giunta Regionale n. 970/07 Recepimento dei Regolamenti CE 852/2004 e 853/2004 ed ai sensi della Determina n. 9746 del 26/07/2007 del Responsabile Servizio

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 09 SANIFICAZIONE DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE NELLE AREE ALIMENTARI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO La presente procedura ha lo scopo di

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

REGOLE PER LA LAVORAZIONE

REGOLE PER LA LAVORAZIONE REGOLE PER LA LAVORAZIONE La manipolazione degli alimenti deve essere ridotta al minimo indispensabile Usare piani di lavoro ed utensili differenti per carni rosse e pollame carni e verdure crude prodotti

Dettagli

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO

BRUNCH DEL 1 AGOSTO: UN SEMPLICE AIUTO ALL AUTOCONTROLLO Schweizerischer Bauernverband Union Suisse des Paysans Unione Svizzera dei Contadini Uniun purila Svizra Laurstrasse 10 5201 Brugg AGORA Association des groupements et organisations romands de l'agriculture

Dettagli

REGISTRAZIONE DATI HACCP

REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRAZIONE DATI HACCP REGISTRO NON CONFORMITA Data Prodotto Fornitore Quantità Motivo della non conformità Azione intrapresa Firma Operatore Questo registro serve per identificare ed allontanare la

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

C O M U N E D I T O R I T T O (Provincia di Bari)

C O M U N E D I T O R I T T O (Provincia di Bari) C O M U N E D I T O R I T T O (Provincia di Bari) APPALTO : servizi di refezione scolastica scuola dell Infanzia Anni scolastici : 2008/2009 2009/2010 COMUNE DI TORITTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Al Comune di GROTTAMMARE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009) Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Al Comune di GROTTAMMARE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009) Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 (modello x manifestazioni temporanee) Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n 12 dell ASUR Al Comune di GROTTAMMARE di SAN BENEDETTO DEL TRONTO NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA

Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Manuale HACCP Per la Ditta UPEA Capo D Orlando Novembre 2003 Edizione I/ Rev. 0 Indice 1. Premessa pag. 2 2. Presentazione ditta e descrizione locali 4 3. Schema 1 - Documentazione tecnica 6 4. Formazione

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO L attività di audit del Laboratorio Chimico per la ristorazione scolastica LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre

Dettagli

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014 Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine ASL Bergamo 10 dicembre 2014 1 Riferimenti Normativi e Gestione in Autocontrollo ASL Bergamo Servizio Igiene e Sanità Pubblica 10 dicembre 2014 2 QUALE NORMATIVA

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

Raffreddamento. Capitolo 6

Raffreddamento. Capitolo 6 Capitolo 6 Raffreddamento Il raffreddamento degli alimenti, se non correttamente eseguito, rappresenta una fase molto delicata e importante per il possibile sviluppo di microrganismi patogeni. In generale,

Dettagli

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L.

'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR. Dott. Sede azienda. Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. 'RFXPHQWRDUW'/YR 0DQXDOHDXWRFRQWUROOR Azienda Sede azienda Farmacia Dott. Via Attività svolta Consulenza Farmacia Laboratorio Pacolab s.n.c. di Dott. ssa P.Novelli e Dott. ssa Contadini L. tel 0585/250783

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO Mediante sistema HACCP

PIANO DI AUTOCONTROLLO Mediante sistema HACCP PIANO DI AUTOCONTROLLO Mediante sistema HACCP DENOMINAZIONE A.R.D.S.U. Toscana - Bar Caffetteria Mascagni SEDE LEGALE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario Toscana Viale Gramsci n.

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 Regolamento CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05.

DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 Regolamento CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05. Al Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda USL per il tramite del Comune di DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 Regolamento CE n. 852/04

Dettagli

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE

HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE HACCP PER SAGRE E MANIFESTAZIONI PAESANE Pag.1 Dr.Patrizia Pacini - Dirigente Medico Responsabile S.I.A.N.- Dr.Stefania Tessari Dirigente Medico S.I.A.N. p.i. Giuliano Ferron -Tecnico della Prevenzione

Dettagli

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Reg. (CE) n 183/2005 Requisiti per l igiene dei mangimi Reg. (CE) n 767/2009 Etichettatura dei mangimi Reg. (CE) n 178/2002 Procedure sulla sicurezza alimentare Reg. (CE) n 852/2004

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti

Le malattie trasmesse da alimenti Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE

LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE ASL CITTA DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via Statuto n 5-MILANO LA SICUREZZA DEI TUOI CIBI DIPENDE ANCHE DA TE da: Linee Guida per una sana Alimentazione degli

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI

REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI Dipartimento di Prevenzione S.S. Tutela Igienico Sanitaria Alimenti di Origine Animale REQUISITI IGIENICO SANITARI PER L ATTIVITÀ DI VENDITA E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI ITTICI REQUISITI IGIENICO SANITARI

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli