Massimo Beccarello DiparLmento di Scienze Economico Aziendali e DiriNo per l economia Università degli Studi di Milano- Bicocca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Massimo Beccarello DiparLmento di Scienze Economico Aziendali e DiriNo per l economia Università degli Studi di Milano- Bicocca"

Transcript

1 L'UNIVERSITÀ BICOCCA VERSO HORIZON 2020: SFIDE, STRUMENTI, OPPORTUNITÀ Secure, Clean and Efficient Energy Massimo Beccarello DiparLmento di Scienze Economico Aziendali e DiriNo per l economia Università degli Studi di Milano- Bicocca

2 Lotta ai cambiamenti climatici: Gli sforzi europei Obiettivi di sostenibilità ambientale europei ROAD MAP al 2020 Fonti rinnovabili: + 20% sul consumo finale Emissioni CO 2 : -20% rispetto al 1990 Efficienza energetica: +20% risparmio energia primaria NUOVI OBIETTIVI 2030 Emissioni CO 2 : -40% rispetto al 1990 Fonti rinnovabili: Efficienza energetica: + 27% sul consumo finale Ambiziose politiche non vincolanti Mt CO , , ,0 0, ,5 Emissioni EU di CO 2 equivalente 4.869, , , , ,7 Target CO 2 20% al , , ,7 Target CO 2 40% al Target CO 2 80% al ,9 1

3 Lotta ai cambiamenti climatici: Gli sforzi europei Impatti economici delle scelte ambientali Considerando un abbattimento del 40% delle emissioni collegato ad ambiziosi propostiti di efficienza energetica, sono stimati i costi totali in miliardi di euro al 2030 (media annuale ) e al 2050 (media annuale ) che l Europa dovrà sostenere. Impatti economici nel sistema Costi totali del sistema energetico europeo (Mld ) considerando la media annuale 2011/30 e 2031/50 GHG 40/EE I costi totali del sistema per l intero sistema energetico includono i costi capitali per installazioni energetiche (come ad esempio impianti di produzione energetica e infrastrutture energetiche) costi di vendita dell energia (combustibili fossili + elettricità + vapore) e costi diretti degli investimenti in efficienza energetica. Fonte: Impact assessment on energy and climate policy up to 2030 European Commission 2

4 Lotta ai cambiamenti climatici: Gli sforzi europei Evoluzione delle emissioni globali di CO 2 Stima incremento emissioni mondiali Emissioni mondiali CO = + 38 % Mt CO 2 USA EU Japan China+India Others (17%) (12%) (4%) (31%) (12%) +1% (8%) - 8% (3%) - 10% % (39%) (36%) (38%) + 45% Fonte: IEA, WEO Current Policies Scenario 3

5 Lotta ai cambiamenti climatici: Gli sforzi italiani Obiettivi di sostenibilità ambientale nazionali SEN: 2020 Fonti rinnovabili: da + 17% a + 20% sul consumo finale di energia Emissioni CO 2 : da - 18% a - 21% rispetto al 2005 Efficienza energetica: da + 20% a + 24% sul consumo finale di energia Mt CO 2 Stima della riduzione delle emissioni di CO 2 in base agli obiettivi UE Anni ,0 600,0 500,0 400,0 300,0 200,0 519,0 575,0 454,0 Target CO 2 21% al ,4 Target CO 2 40% al 2030 Target CO 2 80% al ,0 103,8 0, Fonte: Elaborazioni su dati SEN, Roadmap 2050, Quadro per le politiche dell energia e del clima per il periodo dal 2020 al 2030 E stato usato il fattore moltiplicativo 2,32 per calcolare la CO2 risparmiata da ogni Mtep 4

6 SET PLAN Strategic Energy Technology Plan Piano strategico per ridurre le emissioni e accelerare lo sviluppo delle low carbon technologies mediante lo sviluppo dell innovazione tecnologica. Strumenti di gestione: Steering Group European Industrial Initiatives (EII) European Energy Research Alliance (EERA) Strumenti attuativi: Horizon 2020 European Energy Programme for Recovery (EEPR) New Entrance Reserve (NER) 300 Programma Intelligent Energy Europe (IEE) Fondi di Coesione

7 SET PLAN Investimenti pubblici e privati Gli investimenti nello sviluppo delle tecnologie del SET Plan sono stati sviluppati prevalentemente dalle industrie, con l impiego di 3,8 miliardi di euro nel Gli investimenti sviluppati dalla comunità europea risultano invece pari a 540 milioni di euro. 10% Indistrie Totale investimenti 5,4 miliardi nel % 70% Stati membri Comunità europea Gli investimenti totali presentano un trend in netta crescita, dal 2007 al 2010 vi è stato un incremento di circa il 60% passando da 3,2 miliardi di euro a 5,4 miliardi di euro. 6

8 European Industrial Initiatives Solare, Eolico, Bioenergia, CCS, Smart grids, Fissione nucleare, FCH, Smart cities (efficienza) Roadmap comune (10 anni) e Piano di implementazione (3 anni) Public funding Partners Project typology Instruments EC High EU added value FP/Horizon EC, MS, EIB EC, MS Large projects, EU added value, shared interests Localised shared interests FP/Horizon (ERA- NET), NER300, EEPR, ESI Funds EERA, ad-hoc arrangements MS EIB Supporting domestic industry Industrial scale projects national programmes EIB loans, RSFF, guarantees, equity Assessment comune, monitoraggio e Definizione di standard 7

9 Prospettive di SET Plan La Comunicazione della Commissione la Parlamento europeo COM (2013) 253 sull innovazione e le tecnologie energetiche rilancia il ruolo del SET Plan ma chiede un consolidamento e una maggiore integrazione tra le European Industrial Initiatives (EII). Obiettivi della Comunità: Puntare sui settori ad elevato valore aggiunto. Priorità ai servizi energetici maggiormente efficaci rispetto ai costi per i clienti finali in base all offerta esistente. Integrazione lungo tutta la filiera di innovazione energetica, a partire dalle fasi di ricerca fino alla commercializzazione. Implementare gli strumenti finanziari appellabili, valorizzando le sinergie con i fondi strutturali. 8

10 Roadmap integrata La Comunicazione richiede la predisposizione di una roadmap integrata che presenti una visione di sistema. Sulla base di tale roadmap, gli Stati Membri e la Commissione europea sulla base di un principio di joint co-operation dovranno elaborare una strategia d azione che programmi gli investimenti in Ricerca & Sviluppo, che dovranno essere sviluppati rispettivamente sia dagli Stati Membri che dalla UE. Obiettivi della Roadmap: Integrare l intera catena di ricerca e innovazione, dalla ricerca di base alla dimostrazione e al sostegno per l immissione sul mercato Indicare chiaramente i ruoli e i compiti che spettano: all EERA, alle EII, alle università, agli investitori. Promuovere sinergie e interazioni 9

11 Working Program: Secure, clean and efficient energy Experts, APRE & NCP Working Program 10

12 Expert: Secure, clean and efficient energy di concerto con APRE e NCP L APRE studia i progetti in via di finanziamento e ne decreta l eleggibilità al finanziamento mediante il supporto di esperti indipendenti, scelti in base ai seguenti criteri: Comprovate abilità, esperienza e conoscenze; Presenza nel database dell agenzia, esperti esterni possono essere Bilanciamento della composizione del gruppo di esperti, Assenza di conflitti di interessi I nomi degli esperti selezionati vengono pubblicati sul sito internet di riferimento. Task principali degli esperti saranno: Valutare, suggerire e assistere Valutazione delle proposte, Monitoraggio delle azioni, Implementazione Horizon 2020 Implementazione e definizione delle policy su Ricerca e Sviluppo, includendo la preparazione per futuri programmi, Valutazione delle Policy e dei programmi attuali in R&S. 11

13 Secure, clean and efficient energy Experts, APRE & NCP Il Work programme ha una durata di 2 anni Scopo: Horizon 2020 Specific program (elezione progetti e diffusione sul mercato) Approccio basato sulla competizione Approccio cross-cutting basato sulla collaborazione con le altre aree del progetto Horizion tematiche: Efficienza energetica Città intelligenti Energia a bassa CO 2 Innovazione per il settore dell energia Distribuzione investimenti divisi per tematica (Mln ) SETTORI Efficienza energetica 97,5 98,15 Città intelligenti 92,32 108,18 Energia a bassa CO2 359,1 372,33 di cui per smart grids di cui per rinnovabili Innovazione per il settore dell'energia 33,95 37,26 12

14 EU Funding for sustainable energy L Europa ha predisposto una serie di fondi che possono essere utilizzati per grandi progetti ad alto valore aggiunto in modo sinergico. Si evidenziano: Fondi di Coesione, per 23 miliardi di euro complessivi, utilizzabili nei campi dell efficienza energetica, delle energie rinnovabili innovative, delle smart grids, della mobilità intelligente. Fondi Connecting Europe Facility per circa 5,9 miliardi di euro, utilizzabili per l implementazione delle reti energetiche europee. Altri fondi European Structural and Investment (ESI). Fondi Horizon 2020, di cui 5,9 miliardi di euro destinati allo sviluppo di una energia sicura, pulita ed efficiente. 13

15 EU Funding for sustainable energy Le sinergie si sviluppano secondo tre principi base: 1. Non sostituire i finanziamenti nazionali o regionali per i progetti di innovazione tecnologica con finanziamenti centralizzati europei. I. In modo da non creare distorsioni che portano a progetti finalizzati alla esclusiva ricerca di fondi comunitari 2. Evitare il doppio finanziamento I. Due fondi EU (ad esempio Horizon 2020 and ESIF) non possono coprire il costo di uno stesso progetto. 3. Utilizzare il finanziamento combinato e sinergico al fine di adoperare differenti fondi pubblici, sia nazionali che comunitari, per sviluppare progetti e programmi. I. Le sinergie possono convogliare denaro proveniente da fondi diversi sincronizzando le quantità, le tempistiche e la logistica in modo da semplificare la predisposizione di progetti sia consecutivi (propedeutici gli uni agli altri) che paralleli. 14

16 Perché Horizon 2020 è innovativo Integrazione degli strumenti in Ricerca e Sviluppo; Enfasi sugli impatti su Società, Industria e Lavoro; Un forte approccio basato sulla competizione, permettendo ai partecipanti di avere considerabile libertà per trovare soluzioni innovative; Lista semplificata di possibili tipologie di azione; Minori prescrizioni e maggiore enfasi sugli impatti attesi; Ampiezza degli argomenti, questioni trasversali integrate (dalle scienze sociali all internazionalizzazione). 15

17 Perché puntare sulle tecnologie per l efficienza scenario italiano 1. Spread di prezzo dell energia elettrica tra la borsa elettrica italiana e le piattaforme europee (dati *) Il prezzo dell energia elettrica sulla borsa italiana non è agganciato all Europa. /MWh * dati fino al 4 agosto 2013 Fonte: REF 16

18 Perché puntare sulle tecnologie per l efficienza scenario italiano 2. Maggiore efficacia dell efficienza energetica rispetto alle fonti rinnovabili nella riduzione delle emissioni RINNOVABILI EFFICIENZA 167 Scenario consumi 2020 inerziale 20% 33,4 Previsioni Consumo Finale Lordo Anno 2020 (MTEP) 10,1 144,8 Trend PAEE 2011 con obiettivi raggiungibili al 2016 Target FR 20% su consumi finali lordi (MTEP) 20% 28,9 Effetto crisi 10,8 PAEE ,1 1,3 Risparmi non previsti 11,2 133,6 Target EE 20% al % 26,7 Risparmio incrementale per centrare target EE 20% Risparmio 77 Mt CO2-62 Mt CO2 6,7 126,9 Target EE 24% al % 25,4 Risparmio incrementale per centrare target EE 24% Risparmio 93 Mt CO2 Risparmio 59 Mt CO *Per calcolare la CO 2 risparmiata si è assunto un coefficiente di emissione pari a 2,32 tco2/tep come se il combustibile fossile risparmiato sia il gas naturale. 17

19 Perché puntare sulle tecnologie per l efficienza scenario italiano 2. Maggiore efficacia dell efficienza energetica rispetto alle fonti rinnovabili nella riduzione delle emissioni Mt CO 2 eq FR 38,8% EE 61,2% FR 38,8% 575 EE FR Obiettivo CO con FR 20% e EE 24%* Obiettivo CO con FR 17% e EE 20%* Obiettivo SEN Obiettivo UE CO Emissioni CO * E stato usato il fa:ore mol<plica<vo 2,32 per calcolare la CO 2 risparmiata da ogni Mtep Fonte: Elaborazioni su dal SEN 18

20 How & Where energy efficiency Come sviluppare efficienza energetica: Concetto di Filiera Puntare al made in Italy: rafforzare le filiere industriali di primo livello passando in molti ambiti tecnologici dalla fase pilota a quella dimostrativa molto più capital-intensive (es. smart grids in cui il consolidamento di una supply-chain diventa determinante per mantenere la leadership internazionale) Ricostituire un collegamento organico tra la produzione di conoscenze e il potenziale utilizzo industriale, identificando gli ambiti di applicazione della ricerca; necessità di una mappatura delle risorse disponibili sul territorio per calibrare gli incentivi in modo mirato Rafforzare la cooperazione intersettoriale, in particolare con il settore ICT, determinante per abilitare l integrazione tra i vari sistemi che compongono il binomio del futuro Smart Grid-Smart City 19

21 How & Where energy efficiency Dove sviluppare efficienza energetica: La Strategia energetica nazionale (SEN) individua gli ambiti di intervento che potrebbero presentare un maggior potenziale di risparmio energetico se oculatamente integrati con sistemi ad alta efficienza energetica. Residenziale Industria Terziario Trasporti 17% 27% 19% 48% 41% 16% 16% % 2020 Fonte: Elaborazioni su dati Enea 20

22 Approccio integrato Smart Cities Dal SET Plan emerge la necessità di adottare un approccio integrato, una visione unitaria e sinergica, proprio come avviene nello sviluppo delle Smart cities, dove ciascun sottosistema infrastrutture, mobilità, edilizia, ambiente, governance, inclusione sociale è trattato, in ottica sinergica, all interno di un sistema integrato. Il recente Rapporto di Confindustria Smart Energy Project sul posizionamento strategico del comparto manifatturiero dell efficienza energetica conferma come questo approccio integrato (a cluster ) possa costituire un elemento di forza per le tecnologie italiane. Lo sviluppo delle Smart cities, unitamente alle tecnologie abilitanti quali smart grids e infrastrutture digitali, può quindi diventare una priorità importante per il Paese, con progetti che rispondano alle diverse esigenze del territorio e al tempo siano competitivi e bancabili. 21

23 Smart City: gli ambiti di intervento Urban Networks Obiettivo Creazione di una città intelligente basata su llo sviluppo sostenibile (sociale, ambientale, energetico) con incremento della qualità della vita, innovazione tecnologica ed uso intelligente delle risorse. Smart City Industrial cluster Obiettivo Individuare le soluzioni tecnologiche e regolatorie finalizzate all efficientamento dei processi produttivi delle industrie. Smart Buildings Obiettivo Riqualificare il patrimonio immobiliare residenziale e terziario in un ottica smart, attraverso l applicazione di sistemi intelligenti di gestione degli edifici e riduzione dei consumi. 22

24 Approccio integrato di filiera Urban Networks Una Smart City non può prescindere da soluzioni innovative per le Smart Urban Networks che deve comprendere: ICT; Infrastrutture energetiche; Mobilità Elettrica; Smart Lighting; Active demand; Integrazione FER. Lo studio si è soffermato sui seguenti ambiti applicativi: Smart Grid, Consapevolezza ed Efficienza nei consumi Smart Lighting Teleriscaldamento Con un programma di sostegno agli investimenti in questi settori, attraverso l implementazione delle azioni di policy proposte, nel periodo si potrebbero ridurre i consumi di energia primaria per 16,8 Mtep corrispondenti ad un abbattimento delle emissioni pari a 38,5 Mt CO 2eq. In energia finale ciò si traduce in un risparmio di 8,95 Mtep ed ad un abbattimento di 20,76 Mt CO 2eq. 23

25 Approccio integrato di filiera Urban Networks Un caso esemplare di filiera made in Italy : lo sviluppo delle Smart Grids Renewable integralon Scenario analysis Planning OperaLon System management Component technologies innovalon ICT Power electronics Storage Electric vehicles PQ Environment 24

26 Approccio integrato di filiera Smart Buildings Le costruzioni nel loro ciclo di vita consumano il 50% della energia, causano oltre il 40% delle emissioni inquinanti e producono oltre il 25% dei rifiuti complessivi. Per questo un edificio sostenibile deve tendere a: Ridurre le emissioni di CO 2 Contenere il fabbisogno energetico con sistemi domotici e di automazione, pompe di calore ed elettrodomestici intelligenti Utilizzare prodotti a ridotto impatto ambientale Un sistema di incentivazione agli investimenti in riqualificazione del patrimonio immobiliare, residenziale e terziario, potrebbero determinare, nel periodo , una riduzione dei consumi primari di 37,8 Mtep e un abbattimento di 67,5 Mt CO 2eq. In energia finale ciò si traduce in un risparmio di 7,6 Mtep ed ad un abbattimento di 17,5 Mt CO 2eq. 25

27 Approccio integrato di filiera Industrial Cluster: Intensità energetica attuale Le riduzioni di consumi energetici sviluppate negli ultimi anni dalle imprese del manifatturiero italiano dimostrano la presenza di una filiera di settore ben avviata e la mole di investimenti stanziati. Tasso medio di variazione intensità energetica dal 1992 al 2010 per settori industriali nazionali -3,18% -2,95% Totale Industria Costruzioni Altre manifatturiere 0,60% -2,12% Cartaria e grafica -4,23% Chimica -2,15% Minerali non metalliferi -3,04% Tessile e abbigliamento -1,71% Alimentare -3,27% Meccanica -1,75% -0,48% Metalli non ferrosi Estrattive *Fonte: ENEA -4,74% Siderurgia 26

28 Approccio integrato di filiera Industrial Cluster: Potenziale di riduzione intensità energetica L azione di innovazione dei sistemi di efficienza energetica nell industria è indispensabile per sviluppare filiere tecnologiche e di sistema, più efficaci e competitive, per consentire alle imprese italiane di affermarsi in nuovi mercati. Le soluzioni tecnologiche su cui si è focalizzato lo studio sono: cogenerazione ad alto rendimento, teleriscaldamento teleraffrescamento motori elettrici ad alta efficienza e inverter, UPS ad alta efficienza interventi di rifasamento. Con un programma di sostegno all applicazione delle tecnologie efficienti nei processi industriali, nel periodo , si potrebbero ridurre i consumi primari di energia per 4,35 Mtep e abbattere le emissioni per 10,4 Mt CO 2. In energia finale ciò si traduce in un risparmio di 2,46 Mtep ed ad un abbattimento di 5,7 Mt CO 2eq. 27

29 Perché puntare sulle filiere per l efficienza Risultati dell analisi di impatto sul sistema energetico Business case Livello Macro valori cumulati Effetti quantitativi sul sistema energetico Energia primaria risparmiata CO 2 evitata Impatto economico sul sistema energetico Energia primaria risparmiata CO 2 evitata Mtep M ton CO 2 Mln euro Mln euro Urban Networks 16,847 38, Smart Grids 5,089 11, Efficienza energetica nei consumi 5,655 13, Smart Lighting 2,775 6, Teleriscaldamento con sorgente idrotermica bassa entalpia 3,232 6, Teleriscaldamneto abbinato a cogenerazione 0,096 0, Smart Building 37,748 67, Efficientamento edificio uso uffici 1,243 2, Efficientamento edifici residenziali unifamiliari 17,876 41, Pompe di calore Residenziale e terziario 5,913 14, Grandi elettrodomestici 3,080 6, Pompe di calore acqua calda sanitaria 0,205 0, Scalda acqua smart 0,232 0, Settore ospitalità professionale 0,700 1, Caminetti e stufe a biomassa legnosa Stufa BAT, Pellet 8,500 0, Industrial Cluster 4,346 10, ORC Cementificio 0,042 0, ORC Rete gas 0,024 0, ORC Siderurgia 0,049 0, ORC Vetreria 0,014 0, Progetto Porto di Livorno 0,134 0, ORC cogenerativo da biomasse nel settore agro-industria 0,682 1, Pompe di calore ad alta temperatura ad uso industriale 0,161 0, Motori elettrici ed inverter 3,240 7, Totale 58,94 116,

30 Perché puntare sulle filiere per l efficienza Risultati dell analisi rispetto agli obiettivi comunitari Riduzione delle emissioni dalle filiere trattate nei Business case di esempio rispetto alla totale riduzione per mezzo di interventi in Efficienza Energetica da sviluppare per raggiungere l obiettivo SEN del 24%. Mt CO 2 eq Business Case 26% EE 61,2% FR 38,8% FR 38,8% EE FR Ulteriori interventi 74% Emissioni CO Obiettivo SEN Obiettivo CO con FR 20% e EE 24%* 29

31 Perché puntare sulle filiere per l efficienza Risultati dell analisi di impatto macroeconomico sul sistema Paese Hp aumento della domanda Impatto sul sistema economico nazionale ( ) BAU (milioni di euro) Produzione (milioni di euro) Valore aggiunto (milioni di euro) Occupazione (migliaia di ULA) Produzione (var. %) Valore aggiunto (var. %) Occupazione (var. %) Urban networks ,4 1283,8 18,6 0,12 0,09 0,08 Smart building , ,3 661,9 2,92 2,54 2,83 Industrial cluster ,8 1014,8 16,6 0,10 0,07 0,07 Totale* , , ,0 701,7 3,16 2,72 3,00 Hp aumento della domanda BAT o BAU+ Incentivi (milioni di euro) Produzione (milioni di euro) Valore aggiunto (milioni di euro) Impatto sul sistema economico nazionale ( ) Occupazione (migliaia di ULA) Produzione (var. %) Valore aggiunto (var. %) Occupazione (var. %) Urban networks , ,6 124,1 0,97 0,75 0,53 Smart building , ,3 4056,8 17,30 15,20 17,34 Industrial cluster ,7 2872,4 46,5 0,28 0,21 0,20 Totale* , , , ,0 18,57 16,18 18,09 * Il totale generale non coincide con la somma degli incrementi stimati per i singoli progetti in quanto la valutazione complessiva è stata fatta imputando contemporaneamente l'aumento della domanda annua dal 2014 al 2020 in tutti i comparti interessati e ciò ha accentuato gli effetti diretti e indiretti sul sistema nazionale rispetto a quelli derivanti dalla somma dei singoli business case. 30

32 Perché puntare sulle filiere per l efficienza Effetti complessivi sul sistema economico del Paese Effetti sul bilancio statale Effetti quantitativi sul sistema energetico Impatto economico sul sistema energetico EFFETTI COMPLESSIVI SUL SISTEMA ECONOMICO ITALIANO (Valori cumulati ) TOTALE IRPEF (+occupazione) milioni di IVA milioni di Contributi statali milioni di Accise e IVA (- consumi) milioni di IRES + IRAP milioni di TOTALE milioni di Energia risparmiata (Consumi di energia primaria) Mtep 59 CO2 evitata Mt 116 Energia risparmiata (1) milioni di CO2 risparmiata (2) milioni di TOTALE milioni di IMPATTO COMPLESSIVO milioni di (1) Calcolata considerando il valore di 100 euro al barile di petrolio. (2) Calcolata considerando il valore di 16,5 /tonnellata di CO 2. 31

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 UNIONE EUROPEA Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 30 novembre 2007 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento G.Grazzini, L.LEONCINI DIEF, Università di Firenze INTRODUZIONE Un edificio è un sistema il cui uso induce impatti a livello

Dettagli

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica

RAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza Energetica Prefazione Nella prefazione al primo Rapporto Annuale sull Efficienza Energetica auspicavo che le successivi edizioni potessero registrare sempre maggiori progressi in quello che ritengo essere uno dei

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Audit sulle fonti di energia rinnovabile in Sardegna

Audit sulle fonti di energia rinnovabile in Sardegna Unione Europea REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Audit sulle fonti di energia rinnovabile in Sardegna - Stato dell arte e prospettive delle energie rinnovabili in Sardegna - Dicembre 2008 REDATTORI: Situazione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA GENNAIO 2014 Gruppo di lavoro: Assessorato Industria Servizio Energia

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI:

VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: Gli Investimenti, le Ricadute Occupazionali, le Nuove Professionalità Rapporto di Ricerca - Bozza N. 04/2010 1 Responsabile Scientifico

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA A cura di Carlo Manna Workshop ENEA PER LA TECNOLOGIA, IL SISTEMA PRODUTTIVO E IL TERRITORIO Roma, 17 maggio

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Dossier tecnico Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Primo dossier tecnico A cura della Direzione centrale cultura, sport, relazioni internazionali

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli