NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di:"

Transcript

1 Allegato NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di: 1 Caratteristiche specifiche dei contenuti informativi 2 Criteri di accettabilità degli archivi 3 Modalità di trasmissione dei dati 4 Tracciato record degli archivi analitici 3

2 1. CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENUTI INFORMATIVI (modalità di codifica) Si elencano di seguito tutte le variabili del Sistema Informativo SIES e le loro modalità di codifica. Le variabili di nuova introduzione sono evidenziate su sfondo grigio. Elenco delle variabili SIES 1. Numero cartella di PS 2. Codice Istituto 3. Specialità del PS 4. Cognome 5. Nome 6. Sesso 7. Data nascita 8. Età presunta 9. Comune nascita 10. Comune di residenza 11. Municipalità 12. Cittadinanza 13. Codice Univoco Assistito 14. Numero tessera TEAM 15. Numero progressivo di invio 16. Data entrata 17. Ora entrata 18. Inviato da 19. Istituto di provenienza 20. Modalità di arrivo 21. Identificativo Centrale Operativa 22. Codice Mezzo 23. Codice Missione 24. Problema principale 25. In caso di trauma 26. Durata sintomi 27. Pressione arteriosa 28. Frequenza cardiaca 29. Frequenza respiratoria 30. Temperatura 31. Glasgow Coma Scale 32. Triage 33. Triage rivalutato 34. Data di presa in carico 35. Ora di presa in carico 36. Codici prime 5 prestazioni 37. OBI Sospetto diagnostico 38. OBI Data di ingresso 39. OBI Ora di ingresso 40. OBI Prime 5 prestazioni 41. Codici prime 5 diagnosi 42. Appropriatezza accesso 43. Esito 44. Motivo del trasferimento 45. Ospedale di trasferimento 46. Reparto di ricovero 47. N. progressivo di ricovero 48. Referto compilato 49. Onere a carico di 50. Tipo esenzione 51. Codice esenzione 52. Importo ticket 53. Riscossione ticket 54. Tipo attestato (File Mobilità) 55. Sigla Estera (File Mobilità) 56. Cod. Cassa IEC (File Mobilità ) 57. Cod. Qualifica Beneficiario (File Mobilità ) 58. Codice Attestato (File Mobilità ) 59. Data Fine Validità attestato (File Mobilità) 60. Data uscita 61. Ora uscita 4

3 Variabili identificative della scheda di PS 1. Numero cartella di PS Numero progressivo che identifica univocamente la scheda di PS in ciascun presidio per un dato anno di arrivo del paziente in PS. Formato Il campo deve essere composto dall anno corrispondente alla data di entrata + un numero a 6 cifre. anno di entrata Numero a 6 cifre = Codice Istituto Si intende il codice dell Istituto che gestisce il primo contatto con il paziente. Formato Il codice istituto ha una lunghezza di 8 caratteri. Le prime 3 cifre indicano la regione (per il Lazio 120 uguale per tutti gli istituti). Le successive 3 cifre si riferiscono al numero progressivo attribuito in ambito regionale, le rimanenti 2 cifre si riferiscono ad un ulteriore progressivo che individua le singole strutture afferenti ad un unico complesso ospedaliero (Polo Ospedaliero), Nel caso di unica struttura, le ultime 2 cifre vanno codificate con 00. Nel caso dell Istituto S. Giuseppe di Albano Laziale codificare: 120 (Lazio) (progressivo regionale) +01 (Polo Albano Laziale) = ; Nel caso dell Istituto CTO di Roma codificare: 120 (Lazio) (codice regionale) +00 (Polo) = Specialità del PS Si riferisce alla Specialità del PS da registrare con i codici a due cifre delle specialità cliniche e discipline ospedaliere di cui al DPCM del 17 maggio 1984 e successive integrazioni e modificazioni: 18 Ematologia 19 Pediatria 34 Oculistica 35 Odontostomatologia 36 Ortopedia e Traumatologia 37 Ostetricia e Ginecologia 99 Generale : Nel caso di PS generale codificare con 99; Nel caso di PS ortopedico codificare con Numero progressivo di invio Numero progressivo contatore che identifica univocamente ciascun record. Tale campo, generato in occasione di ciascun invio dei dati, è necessario per riunire il file A Anagrafico con il file B Sanitario, separati per il trasferimento dei dati in ottemperanza alla normativa sulla privacy. Il campo è composto da un numero a 6 cifre. Per i numeri inferiori a 6 cifre allineare a destra, preceduti da zero. :

4 Dati individuali 4. Cognome Riportare per esteso il Cognome dell'assistito. E ammessa la dicitura ANONIMO per i casi coperti da riservatezza ai sensi di legge. Per il paziente ignoto è prevista per il cognome la dicitura PAZIENTE. Il campo è composto da 20 caratteri con il cognome in maiuscolo allineato a sinistra. 5. Nome Riportare per esteso il nome dell'assistito. E ammessa la dicitura ANONIMO per i casi coperti da riservatezza ai sensi di legge. Per il paziente ignoto è prevista per il nome la dicitura IGNOTO seguito o meno da un numero progressivo. Il campo è composto da 20 caratteri con il nome in maiuscolo allineato a sinistra. 6. Sesso Indicare il sesso, come nella SDO (Scheda di Dimissione Ospedaliera), utilizzando i codici di seguito riportati: M = maschio; F = femmina; S = sesso sconosciuto (solo se paziente anonimo) Il campo è composto da 1 carattere 7. Data nascita Indica la data di nascita del paziente. In caso di data di nascita sconosciuta, o paziente anonimo, utilizzare Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 agosto 1965 = Età presunta Indica l età approssimativa del paziente nel caso in cui la data di nascita è sconosciuta. Registrare la data presunta utilizzando i codici di seguito riportati: 0 = 0 30 giorni; 1 = 1 mese 12 mesi; 2 = 1 5 anni; 3 = 6 14 anni; 4 = anni; 5 = anni; 6 = > 80 anni. Il campo è composto da 1 carattere. 6

5 9. Comune nascita Per i cittadini nati in Italia indicare il codice ISTAT 1 a sei cifre del comune di nascita. In caso di nascita all'estero indicare il codice ISTAT a tre cifre dello Stato estero seguito da 999. In caso di cittadino apolide codificare con In caso di comune sconosciuto, utilizzare il codice solo se paziente anonimo o sconosciuto. Il campo è composto da 6 cifre. Si possono utilizzare anche codici di comuni soppressi, o annessi ad altri stati, o di stati esteri non più esistenti, ma esistenti al momento della nascita del paziente. 10. Comune di residenza Indicare il codice ISTAT a sei cifre del comune di residenza E NON DI DOMICILIO del paziente. In caso di residenza all'estero indicare il codice ISTAT a tre cifre dello stato estero seguito da 999. In caso di comune sconosciuto, utilizzare il codice In caso di cittadino apolide codificare con Il campo è composto da 6 cifre. NON si possono utilizzare codici di comuni soppressi, o che hanno cambiato provincia, o di stati esteri non più esistenti. 11. Municipalità Indicare il municipio di residenza nel formato RMXX, solo per i residenti nel comune di Roma. Il campo è composto da 4 caratteri. I valori ammessi sono da RM01 a RM20, escluso RM14. Nel caso di residente senza fissa dimora indicare la presunta municipalità di riferimento. Si ricorda che il comune di Roma per le persone senza fissa dimora presenti abitualmente sul territorio comunale e prive di domicilio ha istituito la posizione anagrafica Via Modesta Valenti con civico corrispondete al numero del municipio. Nel caso di residente nel primo municipio registrare: RM01 Paziente senza fissa dimora presso il 5 municipio RM05 ( Via Modesta Valenti 5 ) 12. Cittadinanza Indicare il codice ISTAT dello Stato di appartenenza del paziente. In caso di cittadino apolide codificare con 999. La lunghezza del campo è di 3 caratteri. Nel caso di cittadino Francese registrare il codice 215 (FRANCIA) 1 Tutte le tabelle Istat citate saranno rese scaricabili mediante il sistema Quasies on Line. 7

6 13. Codice Univoco Assistito Indica il codice identificativo del paziente. Nel caso di paziente italiano corrisponde al Codice Fiscale. Nel caso si tratti di paziente ignoto riempire il campo con venti X. Nel caso di Straniero Temporaneamente Presente (STP) o Europeo Non Iscritto (ENI), indicare le lettere STP/ENI seguite dal codice della tessera. Nel caso di cittadino dei 27 stati membri dell'unione Europea e di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera indicare il codice identificativo TEAM che si trova nel "campo 6" della tessera stessa. La lunghezza del campo è di 20 caratteri allineato a sinistra. 14. Numero tessera TEAM Da valorizzare per i cittadini dei 27 Stati membri dell'unione Europea e di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera e per i cittadini in possesso di altro attestato (MODELLO E106-E112-E120- E123). Indicare il numero tessera TEAM che si trova nel campo 8 della tessera stessa o il numero presente nell attestato in possesso del cittadino. La lunghezza del campo è di 20 caratteri allineato a sinistra. 15. Numero progressivo di invio Variabile di sistema, utilizzata per legare i dati anagrafici dai dati sanitari costituita da un contatore di 6 caratteri Nono record = Entrata 16. Data entrata Indicare la data dell'accesso in PS. Nel caso di effettuazione del triage tale data può coincidere con la data di inizio dell attività di triage stessa. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 gennaio 2009 = Ora entrata Indicare l'ora di arrivo in PS al momento in cui si avvia il processo del triage. Il campo è lungo 4 caratteri e scritto nel formato hhmm Per l orario 16:55 = Inviato da Indica ciò che ha determinato l accesso del paziente ad un Pronto Soccorso. Utilizzare i codici di 8

7 seguito riportati: 1 = medico di medicina generale/pediatra libera scelta; 2 = medico di continuità assistenziale; 3 = specialista; 4 = trasferito da altro istituto; 5 = trasporto urgente; 6 = altro; 7 = decisione propria. Il campo è composto da 1 carattere. Nel caso il campo inviato da è codificato con il valore 4 = trasferito, è necessario compilare il campo istituto di provenienza. Il trasporto urgente codificato con 5 indica l accesso con mezzo di soccorso attivato dalla Centrale Operativa ARES Istituto di provenienza Indica il codice dell istituto di provenienza anche in caso di ospedale ubicato in altra Regione. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso il precedente campo inviato da è stato codificato con il valore 4 = trasferito. Il codice istituto ha una lunghezza di 8 caratteri. Le prime 3 cifre indicano la Regione (Lazio uguale per tutti gli istituti). Le successive 3 cifre si riferiscono al numero progressivo attribuito in ambito regionale, le rimanenti 2 cifre si riferiscono ad un ulteriore progressivo che individua le singole strutture del complesso ospedaliero (Polo Ospedaliero). Nel caso di struttura fuori regione indicare tutte le 6 cifre identificative della regione di ubicazione seguite da 0 fino a completamento del campo. Ospedale S.Giuseppe di Albano Laziale 120 (Lazio)+044(codice regionale)+ 01 (polo); Ospedale de L Aquila 130 (Abruzzo)+001 (codice regionale) Modalità di arrivo Indica la modalità di arrivo del paziente in PS da codificare con i codici di seguito riportati: 1 Ambulanza Ambulanza pubblica 3 Ambulanza privata 4 Autonomo * 5 Elicottero Altro Elicottero 7 Mezzo di soccorso 118 di altre regioni 8 Altro** * si intende il paziente che accede al PS con mezzi propri (personali o di accompagnatori) ** si intende ambulanze di Polizia, Esercito, Vigili del Fuoco, ecc. Il campo è composto da 1 carattere. Paziente accompagnato da Vigili del Fuoco codificare con 8 9

8 21. Identificativo Centrale Operativa Indica il numero Identificativo della Centrale Operativa. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso in cui il campo 20 Modalità di arrivo è stato codificato con il valore 1 = ambulanza 118 o 5 = elicottero del Roma (RM) Frosinone (FR) Latina (LT) Rieti (RI) Viterbo (VT) Il campo è composto da 5 caratteri. Il codice Identificativo Centrale Operativa si desume dalla sigla della provincia registrata sulla scheda soccorso consegnata in PS. 22. Codice Mezzo Indica il codice Identificativo del mezzo dell autombulanza 118. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso in cui il campo 20 Modalità di arrivo è stato codificato con il valore 1 = ambulanza 118. Il campo è composto da 3 caratteri. Il Codice Mezzo si riferisce al codice del mezzo registrato dall equipaggio sulla scheda soccorso consegnata in PS. 23. Codice Missione Indica il codice che identifica univocamente la missione dell autombulanza 118 che ha trasferito il paziente al PS. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso in cui il campo 20 Modalità di arrivo è stato codificato con il valore 1 = Ambulanza 118 e 5 = Elicottero 118. Il campo è composto da 16 caratteri composti da 4 caratteri che identificano l anno di riferimento ed i restanti 12 caratteri per il numero progressivo dell intervento. Il Codice Missione viene comunicato dalla centrale operativa all equipaggio del mezzo di soccorso e registrato sulla scheda soccorso consegnata in PS. 10

9 Condizioni all ingresso 24. Problema principale Indica il problema principale (per presunta gravità clinica e impegno di risorse) rilevato al momento dell'arrivo del paziente in PS. Utilizzare i codici di seguito riportati: 01 Coma 02 Sindrome neurologica acuta 03 Altri sintomi sistema nervoso 04 Dolore addominale 05 Dolore toracico 06 Dispnea 07 Dolore precordiale 08 Shock 09 Emorragia non traumatica 10 Trauma o ustione 11 Intossicazione 12 Febbre 13 Reazione allergica 14 Alterazioni del ritmo 15 Ipertensione arteriosa 16 Stato di agitazione psicomotoria 17 Sintomi o disturbi oculistici 18 Sintomi o disturbi otorinolaringoiatrici 19 Sintomi o disturbi ostetrico-ginecologici 20 Sintomi o disturbi dermatologici 21 Sintomi o disturbi odontostomatologici 22 Sintomi o disturbi urologici 23 Altri sintomi o disturbi 24 Accertamenti medico legali 25 Problema sociale 99 Ricovero Programmato Se il problema principale è codificato con il valore 10 = trauma o ustione, compilare il campo 25 in caso di trauma. Se il problema principale è codificato con il valore 99 = Ricovero Programmato, compilare il campo 43 esito con il valore 2 = ricoverato. 25. In caso di trauma Indica il caso in cui l'accesso è il risultato immediato di un evento traumatico ( problema principale =10 Trauma o Ustione ). In questo caso è necessario indicare le circostanze del trauma utilizzando i codici di seguito riportati: 1 Aggressione 2 Autolesionismo senza tentativo di suicidio (TS) 3 Lavoro (attività fisica, manuale) 4 Lavoro (attività di concetto) 5 Incidente domestico 6 Incidente Scolastico 7 Incidente sportivo 8 Incidente stradale 9 Incidente in altri luoghi 0 Tentativo di suicidio (TS) 11

10 Il campo è composto da 1 carattere. In assenza di evento traumatico il campo non deve essere compilato e deve essere lasciato vuoto. Il codice 2 si riferisce a gesti di autolesionismo compiuti dalla persona senza una intenzionalità suicida, escludendo quindi tutti i gesti realizzati per porre fine alla propria vita. I codici 3 e 4 indicano incidenti avvenuti sul luogo di lavoro: il codice 3 si riferisce a incidenti avvenuti durante o in conseguenza dell esercizio di attività fisica e/o manuale, il codice 4 a eventi accidentali avvenuti nel corso di attività di concetto. Il codice 5 si riferisce ad incidenti domestici, inclusi quelli che si verificano all interno di comunità residenziali, escludendo gli incidenti che si riferiscono a collaboratori familiari per i quali deve essere utilizzato il codice 3. Il codice 6 indica incidenti scolastici, escludendo il personale docente e ausiliario per il quale deve essere utilizzato il codice 4. Il codice 7 si riferisce a incidenti verificatesi nel corso di attività sportive non professionali c/o strutture e impianti sportivi o all aperto. L attività sportiva a livello professionale deve essere codificata con il codice 3. Il codice 8, che codifica gli incidenti stradali, include tutti gli eventi accidentali avvenuti in strada che coinvolgono almeno un mezzo di trasporto pubblico o privato. Il codice 9 si riferisce a incidenti avvenuti in luoghi chiusi (esercizi pubblici, chiese e luoghi di culto, ristoranti, alberghi, cinema, ecc.) o in luoghi aperti (giardini, piazze) o in strada senza il coinvolgimento di mezzi di trasporto. Il codice 0 codifica tutti i gesti autolesivi compiuti dal paziente con un intenzionalità suicida, ed include quindi solo quelli per i quali si ravveda un intenzionalità più o meno esplicita di porre fine alla propria vita, indipendentemente dalla letalità del mezzo utilizzato e dalla gravità del problema principale. Le situazioni di autolesionismo e tentativo di suicidio sono da considerarsi in tutti i casi come eventi traumatici, e richiedono pertanto che il campo sia compilato. Per le strutture che partecipano alla raccolta di informazioni aggiuntive relativamente al monitoraggio degli incidenti stradali, degli infortuni domestici e di tentativo di suicidio, si ricorda che tali informazioni vanno raccolte nel caso in cui: 1) si sia verificato un incidente stradale che coinvolge: un veicolo, più veicoli fra loro, oppure un pedone e un veicolo di qualsivoglia natura. Non sono ricompresi i casi in cui un pedone cade da solo in strada; 2) si sia verificato un incidente domestico; 3) un paziente ha compiuto gesti autolesivi (cod. 2) o un tentativo di suicidio (cod. 0). Passante investito da ciclista : codice 8. Passante che inciampa sulle radici di un albero : codice 9. Soggetto che ha ingerito ipoclorito di sodio con intenzionalità suicida : codice 0 (da compilarsi modulo Datis e modulo Datis_TS a cura del consulente psichiatra) Soggetto tossicodipendente che si è procurato lesioni da taglio a scopo manipolatorio : codice 2 (da compilarsi modulo Datis ). 12

11 26 Durata sintomi Indica la durata riferita dal paziente dei sintomi. Utilizzare i codici di seguito riportati: 1 = meno di 3 ore; 2 = da 3 a 6 ore; 3 = da 6 a 12 ore; 4 = da 12 a 24 ore; 5 > 24 ore; 6 = asintomatico Il campo è composto da 1 carattere. 27. Pressione arteriosa Indicare il primo valore della pressione arteriosa sistemica sistolica/diastolica in mmhg (Intervallo di validità 0-300/0-200) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 6 carattere, i primi 3 per la pressione massima i secondi 3 per la pressione minima 28. Frequenza cardiaca Indicare primo valore della frequenza cardiaca in battiti per minuto (Intervallo di validità 0-400) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 3 caratteri. 29. Frequenza respiratoria Indicare primo valore della frequenza respiratoria in atti respiratori per minuto (intervallo di validità 0-99) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 2 caratteri. 30. Temperatura Indicare primo valore della temperatura in gradi centigradi (Intervallo di validità 20-45) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 2 caratteri. : I campi relativi ai parametri vitali pressione arteriosa, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura devono essere indicati, a prescindere dall attribuzione del codice colore del triage. 31. Glasgow Coma Scale Indica il punteggio totale della scala GCS (Intervallo di validità 3-15) assegnato al paziente al momento del triage. Se GCS non è valutabile (paziente intubato, sedato, solitamente già trattato per stabilizzazione in altra struttura o sul mezzo di soccorso, ecc.), assegnare il valore zero (0). Il campo è composto da 2 caratteri. 13

12 32. Triage Indica il livello di urgenza assegnato all assistito e quindi di priorità per la visita medica assegnata al paziente. Nel caso in cui viene effettuato il Triage, indicare il livello di urgenza utilizzando i codici di seguito riportati, da 1 a 4. Nel caso il triage non sia stato eseguito utilizzare il codice 5. 1 = rosso; 2 = giallo; 3 = verde; 4 = bianco; 5 = non eseguito Il campo è composto da 1 carattere. 33. Triage rivalutato Nel caso in cui durante il periodo di attesa di trattamento venga effettuata una rivalutazione del livello di urgenza, con conferma del livello o riattribuzione dello stesso, indicare l ultimo livello di urgenza, in ordine cronologico, utilizzando i codici di seguito riportati: 1 = rosso; 2 = giallo; 3 = verde; 4 = bianco Il campo è composto da 1 carattere. 34. Data di presa in carico Indicare la data di presa in carico del paziente da parte del medico. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 gennaio 2009 = Ora di presa in carico Indicare l'ora di presa in carico del paziente da parte del medico Il campo è lungo 4 caratteri e scritto nel formato hhmm Per l ora 7:55 = Codici prime 5 prestazioni Indicare i codici delle 5 prestazioni giudicate più importanti per gravità clinica ed impegno di risorse. La codifica delle prestazioni avviene attraverso l uso dei codici del nomenclatore regionale vigente e dei codici ICD-IX-CM versione Il campo è lungo 25 caratteri, 5 caratteri per ogni codice prestazione allineato a destra, i primi cinque caratteri formano la prestazione principale. Nel caso il paziente sia stato sottoposto alle seguenti prestazioni: emocromo, colesterolo hdl, VES ed altri esami emato-chimici, TAC del capo, radiografia faringo-esofagea ed elettroerncefalogramma, registrare i codici: 8703 (TAC); (radiografia faringo-esofagea); 8914 (elettroerncefalogramma); 90141(colesterolo hdl); (VES). La prestazione principale (formata dai primi 5 caratteri) deve essere sempre compilata; se il campo 43 esito è codificato con il valore 6 = Non risponde a chiamata, utilizzare il codice prestazione principale fittizio = non risponde a chiamata. 14

13 37. OBI Sospetto diagnostico Indica il sospetto diagnostico che ha motivato l eventuale attivazione dell Osservazione Breve Intensiva (OBI). E previsto l uso dei codici ICD-IX-CM versione Il campo è lungo 5 caratteri allineati a destra. 38. OBI Data di ingresso Indicare la data in cui il paziente entra in OBI. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 gennaio 2009 = OBI Ora di ingresso Indicare l'ora in cui il paziente entra in OBI. Il campo è lungo 4 caratteri nel formato hhmm Per l ora 8:55 = OBI Prime 5 prestazioni Indicare i codici delle 5 prestazioni giudicate più importanti, per gravità clinica ed impegno di risorse, effettuate in osservazione breve intensiva. La codifica delle prestazioni avviene attraverso l uso dei codici del nomenclatore regionale vigente e dei codici ICD-IX-CM versione 2007, analogamente al Campo 36. Il campo è lungo 25 caratteri, 5 caratteri - per ogni prestazione - allineati a destra. 41. Codici prime 5 diagnosi Indicare i codici delle 5 diagnosi giudicate più importanti (sempre per gravità clinica ed impegno di risorse). E previsto l uso dei codici ICD-IX-CM versione Il campo è lungo 25 caratteri, 5 caratteri - per ogni codice diagnosi - allineati a destra, i primi cinque caratteri formano la diagnosi principale. La diagnosi principale (formata dai primi 5 caratteri) deve essere sempre compilata; Uscita 42. Appropriatezza accesso Indicare il livello di appropriatezza dell accesso valutato dal medico dopo la visita utilizzando i codici di seguito riportati: 1 = rosso; 2 = giallo; 3 = verde; 4 = bianco Il campo è composto da 1 carattere. 15

14 43. Esito Indicare l'esito dei trattamenti effettuati in PS utilizzando i codici di seguito riportati. 1 = a domicilio; 2 = ricovero in reparto di degenza; 3 = trasferimento ad altro istituto; 4 = deceduto in PS; 5 = rifiuta ricovero; 6 = non risponde alla chiamata (il paziente abbandona il PS prima della visita medica); 7 = trasferito al PS richiedente dopo consulenza; 8 = paziente si allontana spontaneamente (il paziente abbandona il PS in corso di accertamenti e/o prima della chiusura della cartella clinica); 9 = Dimissione a strutture ambulatoriali; 0 = giunto cadavere; Il campo è composto da 1 carattere. Se l esito è 2 ricovero in reparto di degenza, compilare sempre i campi reparto di ricovero e numero progressivo di ricovero ; Se l esito è 3 trasferimento ad altro istituto compilare i campi 44 e 45; Se l esito è 7 trasferimento al PS richiedente dopo consulenza, il campo 18 inviato da deve essere codificato con il valore 4 paziente trasferito. Se l esito è 6 = Non risponde a chiamata, il campo 36 Codici prime 5 prestazioni deve essere utilizzato il codice fittizio = non risponde a chiamata. 44. Motivo del trasferimento Nel caso di esito = 3 - trasferimento ad altro istituto, indicare il motivo che ha portato al trasferimento del paziente in altro Istituto utilizzando i codici di seguito riportati. 1 In continuità di soccorso; 2 Per mancanza di posto letto; Il campo è composto da 1 carattere. 45. Ospedale di trasferimento Indicare il codice del presidio ospedaliero di trasferimento del paziente nel caso in cui il campo 43 esito è valorizzato 3 trasferimento ad altro istituto. Il codice istituto ha una lunghezza di 8 caratteri. Le prime 3 cifre indicano il codice della Regione (Lazio uguale per tutti gli istituti). Le successive 3 cifre si riferiscono al numero progressivo attribuito in ambito regionale, le rimanenti 2 cifre si riferiscono ad un ulteriore progressivo che individua le singole strutture del complesso ospedaliero (Polo Ospedaliero). Nel caso di struttura fuori regione indicare tutte le 6 cifre identificative della regione di ubicazione seguite da 0 a completamento del campo. Ospedale S.Giuseppe di Albano Laziale 120 (Lazio)+044(codice regionale)+ 01(Polo); Ospedale de L Aquila 130 (Abruzzo)+001 (codice regionale)+00 16

15 46. Reparto di ricovero Il reparto di ricovero deve essere indicato quando il campo 43 esito è valorizzato 2 - ricovero in reparto di degenza e deve corrispondere al codice di reparto di ricovero (UOR) indicato nella scheda SDO. Il campo è composto da 4 caratteri. Le prime 2 individuano il codice della specialità del reparto, le seconde due indicano l identificativo del servizio se presenti nella struttura più reparti con la stessa tipologia. Reparto di Cardiologia I: = Numero progressivo di ricovero Il numero progressivo di ricovero deve essere indicato quando il campo 43 esito è valorizzato 2 ricovero in reparto di degenza e deve corrispondere al numero progressivo di ricovero indicato nella SDO. Il campo è composto da 6 caratteri. 48. Referto compilato Indica l eventuale compilazione di referti utilizzando i codici di seguito riportati. Nel caso di più referti, indicare quello principale. 1 Inail 2 Autorità Giudiziaria 3 ASL per morso di animale (cane e canidi) 9 Altro Il campo è composto da 1 carattere. 49. Onere a carico di Se l accesso in PS non è seguito da ricovero, indicare chi si farà carico dell onere delle prestazioni, in ottemperanza a quanto previsto dalla normativa vigente. 01 = Servizio Sanitario Nazionale; 02 = Ministero degli Interni; 03 = Altro 04 = Compartecipazione alla spesa da parte dell'assistito (Ticket) : Soltanto se l accesso è seguito da ricovero questo campo va lasciato vuoto. Se il campo 42 appropriatezza è valorizzato con il valore 4 bianco e il campo 50 Tipo esenzione è valorizzato con il valore 1 non esente, utilizzare il valore 04 = Compartecipazione alla spesa da parte dell'assistito (Ticket). Se il campo 49 Onere a carico di è valorizzato con il valore 02= Ministero degli Interni il campo 13 Codice Identificativo univoco deve essere riferito ad un cittadino STP/ENI Se il campo 49 Onere a carico di è valorizzato con il valore 03 = Altro il campo 13 Codice Identificativo univoco deve essere codificato con il codice di uno dei paesi esteri che non ha convenzioni con il SSN. 17

16 50. Tipo esenzione Indica la tipologia di esenzione dell assistito secondo i codici di seguito riportati: 1 Non esente 2 Esente totale 3 Esente per età e reddito 4 Esente per patologia 5 Esente per categoria (pensionati sociali e familiari a carico, disoccupati e familiari a carico, titolari di pensioni al minimo oltre i 60 anni e loro familiari a carico) 6 Donne in stato di gravidanza 7 Esente parziale per invalidità (invalidità parziale) 8 Altre categorie (soggetti sottoposti ad accertamenti previsti per il riconoscimento di malattie rare, soggetti affetti da HIV, tossicodipendenti in trattamento di disassuefazione, donatori, detenuti, STP, militari/forze armate, ) 9 Esente, laddove previsto in relazione al codice di appropriatezza accesso. Il campo è composto da 1 carattere. 51. Codice esenzione Indicare il codice di esenzione 2 dal pagamento del ticket da parte del cittadino secondo la codifica nazionale di esenzione del Ministero della Salute riportata nella Circolare regionale prot. n1717/2005. Il campo è composto da 6 caratteri. Paziente diabetico codice: 250; paziente invalido civile codice: C04; paziente Invalido del lavoro codice: L02; paziente detenuto codice: F01; Paziente affetto da anemia ereditaria codice: RDG Importo ticket Indicare la compartecipazione alla spesa da parte dell assistito in base alla normativa vigente. Il campo è composto da 9 cifre allineate a destra di cui le ultime due cifre decimali precedute da un punto. In caso di importo nullo indicare il valore 0.00 Per una compartecipazione di 25,00 = Riscossione Ticket Indicare se il ticket è stato riscosso utilizzano i codici di seguito riportati: 0 (riscosso), 1 (non riscosso) Il campo è composto da 1 carattere 2 La tabella dei codici esenzione sarà resa scaricabile mediante il sistema Quasies on Line 18

17 54. Tipo attestato Indica la tipologia dell attestato di diritto da codificare con i codici di seguito riportati: 1 Team Italiana (IT) 2 Team non italiana (UE) 3 Altro attestato europeo(ae) 4 Tessera STP (TP) 5 Paese in convenzione (XT) 6 SASN (SA) 7 Assicurazione privata (PR) 8 Eni (En) Il campo è composto da 2 caratteri Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo può non essere compilato. 55. Sigla Estera Indica la sigla del Paese dell istituzione estera competente da codificare con i codici riportati in allegato alla DGR 20/08: Il campo è composto da 2 caratteri Istituzione Austriaca: AT Paese in convezione: Australia (AU) Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo non va compilato. 56. Codice Cassa IEC Indica il codice della cassa dell istituzione estera competente che è rilevabile dal Campo 7 della tessera TEAM stessa e dai modelli E106 - E112 E120 E123. Il campo è composto da 10 carattere 57. Codice Qualifica Beneficiario Valida solo per gli attestati riferiti ai lavoratori distaccati in Italia ed indica la tipologia lavorativa del beneficiario da codificare con i codici di seguito riportati: 1 lavoratore subordinato 2 Lavoratore autonomo 9 Lavoratore Frontaliero (Subordinato) 10 Lavoratore Frontaliero (Autonomo) 11 Lavoratore Disoccupato 19

18 Il campo è composto da 2 caratteri allineati a destra. 58. Codice Attestato Indica il codice del modello di attestato da codificare secondo la tabella Elenco degli attestati in allegato alla DGR 20/08 Il campo è composto da 5 caratteri allineati a sinistra. Certificato provvisorio sostitutivo tessera team = REPL Modello E 112 = E112 Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo non va compilato 59. Data Fine Val. attestato Indicare la data di fine di validità dell attestato. Nella tessera TEAM (o nel REPL) è il Campo 9. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 maggio 2009 = Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo non va compilato 60. Data uscita Indica la data della dimissione dal PS Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. : La data di dimissione per i pazienti ricoverati deve coincidere con la data di ricovero indicata nella scheda SDO. Nel caso di pazienti giunti cadavere la data di dimissione deve essere comunque indicata. Se il paziente abbandona il PS prima della visita medica (esito 6 ), si assumono come data (uscita) e ora (uscita), rispettivamente data e ora in cui il paziente non ha risposto alla chiamata. 3 maggio 2009 =

19 61. Ora uscita Indicare l'ora di dimissione dal PS Il campo è composto da 4 caratteri nel formato hhmm Ad esempio 21:50 =

20 2. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA DEI DATI Ai fini dell accettabilità degli archivi di dati di attività di Pronto Soccorso trasmessi dalle strutture ospedaliere le variabili da sottoporre a controllo si distinguono in: Variabili Indispensabili ; Altre Variabili Controllate. Nell ambito di questa classificazione, le informazioni possono essere assolute - in quanto indipendenti da altra situazione - o subordinate, in quanto dipendenti da informazioni contenute in altri campi. Di seguito sono definite le soglie di accettabilità per le singole informazioni sottoposte a controllo e per l intero archivio di dati. La mancata compilazione dei campi 24-31, 33, e 36-59, è prevista nei casi in cui l Esito risulta 0- giunto cadavere, e rappresenta l unica condizione in cui le informazioni possono mancare senza che il singolo record sia rifiutato. 2a. Soglie di accettabilità per le informazioni sottoposte a controllo e criteri di rifiuto dei singoli record e degli archivi Variabili Indispensabili Per le informazioni considerate indispensabili ed elencate di seguito un'informazione mancante o errata in oltre il 3% dei record comporta la restituzione dell'intero archivio. In ogni caso, anche quando non venga superata la soglia del 3%, i record sprovvisti delle informazioni indispensabili sono rifiutati e devono essere nuovamente trasmessi, dopo le necessarie correzioni, nei tempi e con le modalità illustrate nel paragrafo 3. Con il simbolo di asterisco * sono segnati i campi che avranno una soglia del 10% nella fase iniziale di avviamento del nuovo sistema. 1. Numero di RPS 2. Codice Istituto 3. Specialità di PS 4. Cognome 5. Nome 6. Sesso 7. Data nascita 8. Età presunta* (soltanto se Data di nascita = , sconosciuta ) 9. Comune nascita 10. Comune di residenza 11. Municipalità 12. Cittadinanza 13. Codice Univoco Assistito 16. Data entrata 17. Ora entrata 18. Inviato da 19. Istituto di provenienza (soltanto se Inviato da = 4 trasferito da altro istituto ) 20. Modalità di arrivo 21. Identificativo Centrale Operativa* (soltanto se Inviato da = 1- ambulanza 118 o 5 - elicottero 118 ) 23. Codice Mezzo*(soltanto se Modalità di arrivo = 1- ambulanza 118 o 5 - elicottero 118 ) 24. Problema principale 25. In caso di trauma* (soltanto se Problema principale = 10 Trauma o ustione) 32. Triage 33. Triage rivalutato* 34. Data di presa in carico* 35. Ora di presa in carico* 36. Codici prestazioni 22

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Sviluppo Software. Documentazione Tecnica Copernico Gestionale per Farmacie XX-ANAPADC

Sviluppo Software. Documentazione Tecnica Copernico Gestionale per Farmacie XX-ANAPADC Documentazione Tecnica Copernico Gestionale per Farmacie XX-ANAPADC 14/05/2010 INDICE DOCUMENTO Note programmi... 3 XX-ANAPADC... 3 Introduzione...3 Installazione....3 Esecuzione....3 Tracciati esportazione...4

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Curare (non) è permesso

Curare (non) è permesso Curare (non) è permesso Indagine sull accesso alle cure per i cittadini stranieri irregolari negli ospedali milanesi A cura di Naga Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI REGIONE ABRUZZO AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013/2014 ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI A cura di: S. Di Marco, M. Di Paolantonio, G. Salvio 1 INDICE Obiettivi

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli