NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di:"

Transcript

1 Allegato NUOVE MODALITA DI RILEVAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO (S.I.E.S.) Il presente documento è composto di: 1 Caratteristiche specifiche dei contenuti informativi 2 Criteri di accettabilità degli archivi 3 Modalità di trasmissione dei dati 4 Tracciato record degli archivi analitici 3

2 1. CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENUTI INFORMATIVI (modalità di codifica) Si elencano di seguito tutte le variabili del Sistema Informativo SIES e le loro modalità di codifica. Le variabili di nuova introduzione sono evidenziate su sfondo grigio. Elenco delle variabili SIES 1. Numero cartella di PS 2. Codice Istituto 3. Specialità del PS 4. Cognome 5. Nome 6. Sesso 7. Data nascita 8. Età presunta 9. Comune nascita 10. Comune di residenza 11. Municipalità 12. Cittadinanza 13. Codice Univoco Assistito 14. Numero tessera TEAM 15. Numero progressivo di invio 16. Data entrata 17. Ora entrata 18. Inviato da 19. Istituto di provenienza 20. Modalità di arrivo 21. Identificativo Centrale Operativa 22. Codice Mezzo 23. Codice Missione 24. Problema principale 25. In caso di trauma 26. Durata sintomi 27. Pressione arteriosa 28. Frequenza cardiaca 29. Frequenza respiratoria 30. Temperatura 31. Glasgow Coma Scale 32. Triage 33. Triage rivalutato 34. Data di presa in carico 35. Ora di presa in carico 36. Codici prime 5 prestazioni 37. OBI Sospetto diagnostico 38. OBI Data di ingresso 39. OBI Ora di ingresso 40. OBI Prime 5 prestazioni 41. Codici prime 5 diagnosi 42. Appropriatezza accesso 43. Esito 44. Motivo del trasferimento 45. Ospedale di trasferimento 46. Reparto di ricovero 47. N. progressivo di ricovero 48. Referto compilato 49. Onere a carico di 50. Tipo esenzione 51. Codice esenzione 52. Importo ticket 53. Riscossione ticket 54. Tipo attestato (File Mobilità) 55. Sigla Estera (File Mobilità) 56. Cod. Cassa IEC (File Mobilità ) 57. Cod. Qualifica Beneficiario (File Mobilità ) 58. Codice Attestato (File Mobilità ) 59. Data Fine Validità attestato (File Mobilità) 60. Data uscita 61. Ora uscita 4

3 Variabili identificative della scheda di PS 1. Numero cartella di PS Numero progressivo che identifica univocamente la scheda di PS in ciascun presidio per un dato anno di arrivo del paziente in PS. Formato Il campo deve essere composto dall anno corrispondente alla data di entrata + un numero a 6 cifre. anno di entrata Numero a 6 cifre = Codice Istituto Si intende il codice dell Istituto che gestisce il primo contatto con il paziente. Formato Il codice istituto ha una lunghezza di 8 caratteri. Le prime 3 cifre indicano la regione (per il Lazio 120 uguale per tutti gli istituti). Le successive 3 cifre si riferiscono al numero progressivo attribuito in ambito regionale, le rimanenti 2 cifre si riferiscono ad un ulteriore progressivo che individua le singole strutture afferenti ad un unico complesso ospedaliero (Polo Ospedaliero), Nel caso di unica struttura, le ultime 2 cifre vanno codificate con 00. Nel caso dell Istituto S. Giuseppe di Albano Laziale codificare: 120 (Lazio) (progressivo regionale) +01 (Polo Albano Laziale) = ; Nel caso dell Istituto CTO di Roma codificare: 120 (Lazio) (codice regionale) +00 (Polo) = Specialità del PS Si riferisce alla Specialità del PS da registrare con i codici a due cifre delle specialità cliniche e discipline ospedaliere di cui al DPCM del 17 maggio 1984 e successive integrazioni e modificazioni: 18 Ematologia 19 Pediatria 34 Oculistica 35 Odontostomatologia 36 Ortopedia e Traumatologia 37 Ostetricia e Ginecologia 99 Generale : Nel caso di PS generale codificare con 99; Nel caso di PS ortopedico codificare con Numero progressivo di invio Numero progressivo contatore che identifica univocamente ciascun record. Tale campo, generato in occasione di ciascun invio dei dati, è necessario per riunire il file A Anagrafico con il file B Sanitario, separati per il trasferimento dei dati in ottemperanza alla normativa sulla privacy. Il campo è composto da un numero a 6 cifre. Per i numeri inferiori a 6 cifre allineare a destra, preceduti da zero. :

4 Dati individuali 4. Cognome Riportare per esteso il Cognome dell'assistito. E ammessa la dicitura ANONIMO per i casi coperti da riservatezza ai sensi di legge. Per il paziente ignoto è prevista per il cognome la dicitura PAZIENTE. Il campo è composto da 20 caratteri con il cognome in maiuscolo allineato a sinistra. 5. Nome Riportare per esteso il nome dell'assistito. E ammessa la dicitura ANONIMO per i casi coperti da riservatezza ai sensi di legge. Per il paziente ignoto è prevista per il nome la dicitura IGNOTO seguito o meno da un numero progressivo. Il campo è composto da 20 caratteri con il nome in maiuscolo allineato a sinistra. 6. Sesso Indicare il sesso, come nella SDO (Scheda di Dimissione Ospedaliera), utilizzando i codici di seguito riportati: M = maschio; F = femmina; S = sesso sconosciuto (solo se paziente anonimo) Il campo è composto da 1 carattere 7. Data nascita Indica la data di nascita del paziente. In caso di data di nascita sconosciuta, o paziente anonimo, utilizzare Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 agosto 1965 = Età presunta Indica l età approssimativa del paziente nel caso in cui la data di nascita è sconosciuta. Registrare la data presunta utilizzando i codici di seguito riportati: 0 = 0 30 giorni; 1 = 1 mese 12 mesi; 2 = 1 5 anni; 3 = 6 14 anni; 4 = anni; 5 = anni; 6 = > 80 anni. Il campo è composto da 1 carattere. 6

5 9. Comune nascita Per i cittadini nati in Italia indicare il codice ISTAT 1 a sei cifre del comune di nascita. In caso di nascita all'estero indicare il codice ISTAT a tre cifre dello Stato estero seguito da 999. In caso di cittadino apolide codificare con In caso di comune sconosciuto, utilizzare il codice solo se paziente anonimo o sconosciuto. Il campo è composto da 6 cifre. Si possono utilizzare anche codici di comuni soppressi, o annessi ad altri stati, o di stati esteri non più esistenti, ma esistenti al momento della nascita del paziente. 10. Comune di residenza Indicare il codice ISTAT a sei cifre del comune di residenza E NON DI DOMICILIO del paziente. In caso di residenza all'estero indicare il codice ISTAT a tre cifre dello stato estero seguito da 999. In caso di comune sconosciuto, utilizzare il codice In caso di cittadino apolide codificare con Il campo è composto da 6 cifre. NON si possono utilizzare codici di comuni soppressi, o che hanno cambiato provincia, o di stati esteri non più esistenti. 11. Municipalità Indicare il municipio di residenza nel formato RMXX, solo per i residenti nel comune di Roma. Il campo è composto da 4 caratteri. I valori ammessi sono da RM01 a RM20, escluso RM14. Nel caso di residente senza fissa dimora indicare la presunta municipalità di riferimento. Si ricorda che il comune di Roma per le persone senza fissa dimora presenti abitualmente sul territorio comunale e prive di domicilio ha istituito la posizione anagrafica Via Modesta Valenti con civico corrispondete al numero del municipio. Nel caso di residente nel primo municipio registrare: RM01 Paziente senza fissa dimora presso il 5 municipio RM05 ( Via Modesta Valenti 5 ) 12. Cittadinanza Indicare il codice ISTAT dello Stato di appartenenza del paziente. In caso di cittadino apolide codificare con 999. La lunghezza del campo è di 3 caratteri. Nel caso di cittadino Francese registrare il codice 215 (FRANCIA) 1 Tutte le tabelle Istat citate saranno rese scaricabili mediante il sistema Quasies on Line. 7

6 13. Codice Univoco Assistito Indica il codice identificativo del paziente. Nel caso di paziente italiano corrisponde al Codice Fiscale. Nel caso si tratti di paziente ignoto riempire il campo con venti X. Nel caso di Straniero Temporaneamente Presente (STP) o Europeo Non Iscritto (ENI), indicare le lettere STP/ENI seguite dal codice della tessera. Nel caso di cittadino dei 27 stati membri dell'unione Europea e di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera indicare il codice identificativo TEAM che si trova nel "campo 6" della tessera stessa. La lunghezza del campo è di 20 caratteri allineato a sinistra. 14. Numero tessera TEAM Da valorizzare per i cittadini dei 27 Stati membri dell'unione Europea e di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera e per i cittadini in possesso di altro attestato (MODELLO E106-E112-E120- E123). Indicare il numero tessera TEAM che si trova nel campo 8 della tessera stessa o il numero presente nell attestato in possesso del cittadino. La lunghezza del campo è di 20 caratteri allineato a sinistra. 15. Numero progressivo di invio Variabile di sistema, utilizzata per legare i dati anagrafici dai dati sanitari costituita da un contatore di 6 caratteri Nono record = Entrata 16. Data entrata Indicare la data dell'accesso in PS. Nel caso di effettuazione del triage tale data può coincidere con la data di inizio dell attività di triage stessa. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 gennaio 2009 = Ora entrata Indicare l'ora di arrivo in PS al momento in cui si avvia il processo del triage. Il campo è lungo 4 caratteri e scritto nel formato hhmm Per l orario 16:55 = Inviato da Indica ciò che ha determinato l accesso del paziente ad un Pronto Soccorso. Utilizzare i codici di 8

7 seguito riportati: 1 = medico di medicina generale/pediatra libera scelta; 2 = medico di continuità assistenziale; 3 = specialista; 4 = trasferito da altro istituto; 5 = trasporto urgente; 6 = altro; 7 = decisione propria. Il campo è composto da 1 carattere. Nel caso il campo inviato da è codificato con il valore 4 = trasferito, è necessario compilare il campo istituto di provenienza. Il trasporto urgente codificato con 5 indica l accesso con mezzo di soccorso attivato dalla Centrale Operativa ARES Istituto di provenienza Indica il codice dell istituto di provenienza anche in caso di ospedale ubicato in altra Regione. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso il precedente campo inviato da è stato codificato con il valore 4 = trasferito. Il codice istituto ha una lunghezza di 8 caratteri. Le prime 3 cifre indicano la Regione (Lazio uguale per tutti gli istituti). Le successive 3 cifre si riferiscono al numero progressivo attribuito in ambito regionale, le rimanenti 2 cifre si riferiscono ad un ulteriore progressivo che individua le singole strutture del complesso ospedaliero (Polo Ospedaliero). Nel caso di struttura fuori regione indicare tutte le 6 cifre identificative della regione di ubicazione seguite da 0 fino a completamento del campo. Ospedale S.Giuseppe di Albano Laziale 120 (Lazio)+044(codice regionale)+ 01 (polo); Ospedale de L Aquila 130 (Abruzzo)+001 (codice regionale) Modalità di arrivo Indica la modalità di arrivo del paziente in PS da codificare con i codici di seguito riportati: 1 Ambulanza Ambulanza pubblica 3 Ambulanza privata 4 Autonomo * 5 Elicottero Altro Elicottero 7 Mezzo di soccorso 118 di altre regioni 8 Altro** * si intende il paziente che accede al PS con mezzi propri (personali o di accompagnatori) ** si intende ambulanze di Polizia, Esercito, Vigili del Fuoco, ecc. Il campo è composto da 1 carattere. Paziente accompagnato da Vigili del Fuoco codificare con 8 9

8 21. Identificativo Centrale Operativa Indica il numero Identificativo della Centrale Operativa. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso in cui il campo 20 Modalità di arrivo è stato codificato con il valore 1 = ambulanza 118 o 5 = elicottero del Roma (RM) Frosinone (FR) Latina (LT) Rieti (RI) Viterbo (VT) Il campo è composto da 5 caratteri. Il codice Identificativo Centrale Operativa si desume dalla sigla della provincia registrata sulla scheda soccorso consegnata in PS. 22. Codice Mezzo Indica il codice Identificativo del mezzo dell autombulanza 118. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso in cui il campo 20 Modalità di arrivo è stato codificato con il valore 1 = ambulanza 118. Il campo è composto da 3 caratteri. Il Codice Mezzo si riferisce al codice del mezzo registrato dall equipaggio sulla scheda soccorso consegnata in PS. 23. Codice Missione Indica il codice che identifica univocamente la missione dell autombulanza 118 che ha trasferito il paziente al PS. Questa informazione deve essere compilata soltanto nel caso in cui il campo 20 Modalità di arrivo è stato codificato con il valore 1 = Ambulanza 118 e 5 = Elicottero 118. Il campo è composto da 16 caratteri composti da 4 caratteri che identificano l anno di riferimento ed i restanti 12 caratteri per il numero progressivo dell intervento. Il Codice Missione viene comunicato dalla centrale operativa all equipaggio del mezzo di soccorso e registrato sulla scheda soccorso consegnata in PS. 10

9 Condizioni all ingresso 24. Problema principale Indica il problema principale (per presunta gravità clinica e impegno di risorse) rilevato al momento dell'arrivo del paziente in PS. Utilizzare i codici di seguito riportati: 01 Coma 02 Sindrome neurologica acuta 03 Altri sintomi sistema nervoso 04 Dolore addominale 05 Dolore toracico 06 Dispnea 07 Dolore precordiale 08 Shock 09 Emorragia non traumatica 10 Trauma o ustione 11 Intossicazione 12 Febbre 13 Reazione allergica 14 Alterazioni del ritmo 15 Ipertensione arteriosa 16 Stato di agitazione psicomotoria 17 Sintomi o disturbi oculistici 18 Sintomi o disturbi otorinolaringoiatrici 19 Sintomi o disturbi ostetrico-ginecologici 20 Sintomi o disturbi dermatologici 21 Sintomi o disturbi odontostomatologici 22 Sintomi o disturbi urologici 23 Altri sintomi o disturbi 24 Accertamenti medico legali 25 Problema sociale 99 Ricovero Programmato Se il problema principale è codificato con il valore 10 = trauma o ustione, compilare il campo 25 in caso di trauma. Se il problema principale è codificato con il valore 99 = Ricovero Programmato, compilare il campo 43 esito con il valore 2 = ricoverato. 25. In caso di trauma Indica il caso in cui l'accesso è il risultato immediato di un evento traumatico ( problema principale =10 Trauma o Ustione ). In questo caso è necessario indicare le circostanze del trauma utilizzando i codici di seguito riportati: 1 Aggressione 2 Autolesionismo senza tentativo di suicidio (TS) 3 Lavoro (attività fisica, manuale) 4 Lavoro (attività di concetto) 5 Incidente domestico 6 Incidente Scolastico 7 Incidente sportivo 8 Incidente stradale 9 Incidente in altri luoghi 0 Tentativo di suicidio (TS) 11

10 Il campo è composto da 1 carattere. In assenza di evento traumatico il campo non deve essere compilato e deve essere lasciato vuoto. Il codice 2 si riferisce a gesti di autolesionismo compiuti dalla persona senza una intenzionalità suicida, escludendo quindi tutti i gesti realizzati per porre fine alla propria vita. I codici 3 e 4 indicano incidenti avvenuti sul luogo di lavoro: il codice 3 si riferisce a incidenti avvenuti durante o in conseguenza dell esercizio di attività fisica e/o manuale, il codice 4 a eventi accidentali avvenuti nel corso di attività di concetto. Il codice 5 si riferisce ad incidenti domestici, inclusi quelli che si verificano all interno di comunità residenziali, escludendo gli incidenti che si riferiscono a collaboratori familiari per i quali deve essere utilizzato il codice 3. Il codice 6 indica incidenti scolastici, escludendo il personale docente e ausiliario per il quale deve essere utilizzato il codice 4. Il codice 7 si riferisce a incidenti verificatesi nel corso di attività sportive non professionali c/o strutture e impianti sportivi o all aperto. L attività sportiva a livello professionale deve essere codificata con il codice 3. Il codice 8, che codifica gli incidenti stradali, include tutti gli eventi accidentali avvenuti in strada che coinvolgono almeno un mezzo di trasporto pubblico o privato. Il codice 9 si riferisce a incidenti avvenuti in luoghi chiusi (esercizi pubblici, chiese e luoghi di culto, ristoranti, alberghi, cinema, ecc.) o in luoghi aperti (giardini, piazze) o in strada senza il coinvolgimento di mezzi di trasporto. Il codice 0 codifica tutti i gesti autolesivi compiuti dal paziente con un intenzionalità suicida, ed include quindi solo quelli per i quali si ravveda un intenzionalità più o meno esplicita di porre fine alla propria vita, indipendentemente dalla letalità del mezzo utilizzato e dalla gravità del problema principale. Le situazioni di autolesionismo e tentativo di suicidio sono da considerarsi in tutti i casi come eventi traumatici, e richiedono pertanto che il campo sia compilato. Per le strutture che partecipano alla raccolta di informazioni aggiuntive relativamente al monitoraggio degli incidenti stradali, degli infortuni domestici e di tentativo di suicidio, si ricorda che tali informazioni vanno raccolte nel caso in cui: 1) si sia verificato un incidente stradale che coinvolge: un veicolo, più veicoli fra loro, oppure un pedone e un veicolo di qualsivoglia natura. Non sono ricompresi i casi in cui un pedone cade da solo in strada; 2) si sia verificato un incidente domestico; 3) un paziente ha compiuto gesti autolesivi (cod. 2) o un tentativo di suicidio (cod. 0). Passante investito da ciclista : codice 8. Passante che inciampa sulle radici di un albero : codice 9. Soggetto che ha ingerito ipoclorito di sodio con intenzionalità suicida : codice 0 (da compilarsi modulo Datis e modulo Datis_TS a cura del consulente psichiatra) Soggetto tossicodipendente che si è procurato lesioni da taglio a scopo manipolatorio : codice 2 (da compilarsi modulo Datis ). 12

11 26 Durata sintomi Indica la durata riferita dal paziente dei sintomi. Utilizzare i codici di seguito riportati: 1 = meno di 3 ore; 2 = da 3 a 6 ore; 3 = da 6 a 12 ore; 4 = da 12 a 24 ore; 5 > 24 ore; 6 = asintomatico Il campo è composto da 1 carattere. 27. Pressione arteriosa Indicare il primo valore della pressione arteriosa sistemica sistolica/diastolica in mmhg (Intervallo di validità 0-300/0-200) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 6 carattere, i primi 3 per la pressione massima i secondi 3 per la pressione minima 28. Frequenza cardiaca Indicare primo valore della frequenza cardiaca in battiti per minuto (Intervallo di validità 0-400) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 3 caratteri. 29. Frequenza respiratoria Indicare primo valore della frequenza respiratoria in atti respiratori per minuto (intervallo di validità 0-99) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 2 caratteri. 30. Temperatura Indicare primo valore della temperatura in gradi centigradi (Intervallo di validità 20-45) rilevato al paziente al momento del triage. Il campo è composto da 2 caratteri. : I campi relativi ai parametri vitali pressione arteriosa, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura devono essere indicati, a prescindere dall attribuzione del codice colore del triage. 31. Glasgow Coma Scale Indica il punteggio totale della scala GCS (Intervallo di validità 3-15) assegnato al paziente al momento del triage. Se GCS non è valutabile (paziente intubato, sedato, solitamente già trattato per stabilizzazione in altra struttura o sul mezzo di soccorso, ecc.), assegnare il valore zero (0). Il campo è composto da 2 caratteri. 13

12 32. Triage Indica il livello di urgenza assegnato all assistito e quindi di priorità per la visita medica assegnata al paziente. Nel caso in cui viene effettuato il Triage, indicare il livello di urgenza utilizzando i codici di seguito riportati, da 1 a 4. Nel caso il triage non sia stato eseguito utilizzare il codice 5. 1 = rosso; 2 = giallo; 3 = verde; 4 = bianco; 5 = non eseguito Il campo è composto da 1 carattere. 33. Triage rivalutato Nel caso in cui durante il periodo di attesa di trattamento venga effettuata una rivalutazione del livello di urgenza, con conferma del livello o riattribuzione dello stesso, indicare l ultimo livello di urgenza, in ordine cronologico, utilizzando i codici di seguito riportati: 1 = rosso; 2 = giallo; 3 = verde; 4 = bianco Il campo è composto da 1 carattere. 34. Data di presa in carico Indicare la data di presa in carico del paziente da parte del medico. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 gennaio 2009 = Ora di presa in carico Indicare l'ora di presa in carico del paziente da parte del medico Il campo è lungo 4 caratteri e scritto nel formato hhmm Per l ora 7:55 = Codici prime 5 prestazioni Indicare i codici delle 5 prestazioni giudicate più importanti per gravità clinica ed impegno di risorse. La codifica delle prestazioni avviene attraverso l uso dei codici del nomenclatore regionale vigente e dei codici ICD-IX-CM versione Il campo è lungo 25 caratteri, 5 caratteri per ogni codice prestazione allineato a destra, i primi cinque caratteri formano la prestazione principale. Nel caso il paziente sia stato sottoposto alle seguenti prestazioni: emocromo, colesterolo hdl, VES ed altri esami emato-chimici, TAC del capo, radiografia faringo-esofagea ed elettroerncefalogramma, registrare i codici: 8703 (TAC); (radiografia faringo-esofagea); 8914 (elettroerncefalogramma); 90141(colesterolo hdl); (VES). La prestazione principale (formata dai primi 5 caratteri) deve essere sempre compilata; se il campo 43 esito è codificato con il valore 6 = Non risponde a chiamata, utilizzare il codice prestazione principale fittizio = non risponde a chiamata. 14

13 37. OBI Sospetto diagnostico Indica il sospetto diagnostico che ha motivato l eventuale attivazione dell Osservazione Breve Intensiva (OBI). E previsto l uso dei codici ICD-IX-CM versione Il campo è lungo 5 caratteri allineati a destra. 38. OBI Data di ingresso Indicare la data in cui il paziente entra in OBI. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 gennaio 2009 = OBI Ora di ingresso Indicare l'ora in cui il paziente entra in OBI. Il campo è lungo 4 caratteri nel formato hhmm Per l ora 8:55 = OBI Prime 5 prestazioni Indicare i codici delle 5 prestazioni giudicate più importanti, per gravità clinica ed impegno di risorse, effettuate in osservazione breve intensiva. La codifica delle prestazioni avviene attraverso l uso dei codici del nomenclatore regionale vigente e dei codici ICD-IX-CM versione 2007, analogamente al Campo 36. Il campo è lungo 25 caratteri, 5 caratteri - per ogni prestazione - allineati a destra. 41. Codici prime 5 diagnosi Indicare i codici delle 5 diagnosi giudicate più importanti (sempre per gravità clinica ed impegno di risorse). E previsto l uso dei codici ICD-IX-CM versione Il campo è lungo 25 caratteri, 5 caratteri - per ogni codice diagnosi - allineati a destra, i primi cinque caratteri formano la diagnosi principale. La diagnosi principale (formata dai primi 5 caratteri) deve essere sempre compilata; Uscita 42. Appropriatezza accesso Indicare il livello di appropriatezza dell accesso valutato dal medico dopo la visita utilizzando i codici di seguito riportati: 1 = rosso; 2 = giallo; 3 = verde; 4 = bianco Il campo è composto da 1 carattere. 15

14 43. Esito Indicare l'esito dei trattamenti effettuati in PS utilizzando i codici di seguito riportati. 1 = a domicilio; 2 = ricovero in reparto di degenza; 3 = trasferimento ad altro istituto; 4 = deceduto in PS; 5 = rifiuta ricovero; 6 = non risponde alla chiamata (il paziente abbandona il PS prima della visita medica); 7 = trasferito al PS richiedente dopo consulenza; 8 = paziente si allontana spontaneamente (il paziente abbandona il PS in corso di accertamenti e/o prima della chiusura della cartella clinica); 9 = Dimissione a strutture ambulatoriali; 0 = giunto cadavere; Il campo è composto da 1 carattere. Se l esito è 2 ricovero in reparto di degenza, compilare sempre i campi reparto di ricovero e numero progressivo di ricovero ; Se l esito è 3 trasferimento ad altro istituto compilare i campi 44 e 45; Se l esito è 7 trasferimento al PS richiedente dopo consulenza, il campo 18 inviato da deve essere codificato con il valore 4 paziente trasferito. Se l esito è 6 = Non risponde a chiamata, il campo 36 Codici prime 5 prestazioni deve essere utilizzato il codice fittizio = non risponde a chiamata. 44. Motivo del trasferimento Nel caso di esito = 3 - trasferimento ad altro istituto, indicare il motivo che ha portato al trasferimento del paziente in altro Istituto utilizzando i codici di seguito riportati. 1 In continuità di soccorso; 2 Per mancanza di posto letto; Il campo è composto da 1 carattere. 45. Ospedale di trasferimento Indicare il codice del presidio ospedaliero di trasferimento del paziente nel caso in cui il campo 43 esito è valorizzato 3 trasferimento ad altro istituto. Il codice istituto ha una lunghezza di 8 caratteri. Le prime 3 cifre indicano il codice della Regione (Lazio uguale per tutti gli istituti). Le successive 3 cifre si riferiscono al numero progressivo attribuito in ambito regionale, le rimanenti 2 cifre si riferiscono ad un ulteriore progressivo che individua le singole strutture del complesso ospedaliero (Polo Ospedaliero). Nel caso di struttura fuori regione indicare tutte le 6 cifre identificative della regione di ubicazione seguite da 0 a completamento del campo. Ospedale S.Giuseppe di Albano Laziale 120 (Lazio)+044(codice regionale)+ 01(Polo); Ospedale de L Aquila 130 (Abruzzo)+001 (codice regionale)+00 16

15 46. Reparto di ricovero Il reparto di ricovero deve essere indicato quando il campo 43 esito è valorizzato 2 - ricovero in reparto di degenza e deve corrispondere al codice di reparto di ricovero (UOR) indicato nella scheda SDO. Il campo è composto da 4 caratteri. Le prime 2 individuano il codice della specialità del reparto, le seconde due indicano l identificativo del servizio se presenti nella struttura più reparti con la stessa tipologia. Reparto di Cardiologia I: = Numero progressivo di ricovero Il numero progressivo di ricovero deve essere indicato quando il campo 43 esito è valorizzato 2 ricovero in reparto di degenza e deve corrispondere al numero progressivo di ricovero indicato nella SDO. Il campo è composto da 6 caratteri. 48. Referto compilato Indica l eventuale compilazione di referti utilizzando i codici di seguito riportati. Nel caso di più referti, indicare quello principale. 1 Inail 2 Autorità Giudiziaria 3 ASL per morso di animale (cane e canidi) 9 Altro Il campo è composto da 1 carattere. 49. Onere a carico di Se l accesso in PS non è seguito da ricovero, indicare chi si farà carico dell onere delle prestazioni, in ottemperanza a quanto previsto dalla normativa vigente. 01 = Servizio Sanitario Nazionale; 02 = Ministero degli Interni; 03 = Altro 04 = Compartecipazione alla spesa da parte dell'assistito (Ticket) : Soltanto se l accesso è seguito da ricovero questo campo va lasciato vuoto. Se il campo 42 appropriatezza è valorizzato con il valore 4 bianco e il campo 50 Tipo esenzione è valorizzato con il valore 1 non esente, utilizzare il valore 04 = Compartecipazione alla spesa da parte dell'assistito (Ticket). Se il campo 49 Onere a carico di è valorizzato con il valore 02= Ministero degli Interni il campo 13 Codice Identificativo univoco deve essere riferito ad un cittadino STP/ENI Se il campo 49 Onere a carico di è valorizzato con il valore 03 = Altro il campo 13 Codice Identificativo univoco deve essere codificato con il codice di uno dei paesi esteri che non ha convenzioni con il SSN. 17

16 50. Tipo esenzione Indica la tipologia di esenzione dell assistito secondo i codici di seguito riportati: 1 Non esente 2 Esente totale 3 Esente per età e reddito 4 Esente per patologia 5 Esente per categoria (pensionati sociali e familiari a carico, disoccupati e familiari a carico, titolari di pensioni al minimo oltre i 60 anni e loro familiari a carico) 6 Donne in stato di gravidanza 7 Esente parziale per invalidità (invalidità parziale) 8 Altre categorie (soggetti sottoposti ad accertamenti previsti per il riconoscimento di malattie rare, soggetti affetti da HIV, tossicodipendenti in trattamento di disassuefazione, donatori, detenuti, STP, militari/forze armate, ) 9 Esente, laddove previsto in relazione al codice di appropriatezza accesso. Il campo è composto da 1 carattere. 51. Codice esenzione Indicare il codice di esenzione 2 dal pagamento del ticket da parte del cittadino secondo la codifica nazionale di esenzione del Ministero della Salute riportata nella Circolare regionale prot. n1717/2005. Il campo è composto da 6 caratteri. Paziente diabetico codice: 250; paziente invalido civile codice: C04; paziente Invalido del lavoro codice: L02; paziente detenuto codice: F01; Paziente affetto da anemia ereditaria codice: RDG Importo ticket Indicare la compartecipazione alla spesa da parte dell assistito in base alla normativa vigente. Il campo è composto da 9 cifre allineate a destra di cui le ultime due cifre decimali precedute da un punto. In caso di importo nullo indicare il valore 0.00 Per una compartecipazione di 25,00 = Riscossione Ticket Indicare se il ticket è stato riscosso utilizzano i codici di seguito riportati: 0 (riscosso), 1 (non riscosso) Il campo è composto da 1 carattere 2 La tabella dei codici esenzione sarà resa scaricabile mediante il sistema Quasies on Line 18

17 54. Tipo attestato Indica la tipologia dell attestato di diritto da codificare con i codici di seguito riportati: 1 Team Italiana (IT) 2 Team non italiana (UE) 3 Altro attestato europeo(ae) 4 Tessera STP (TP) 5 Paese in convenzione (XT) 6 SASN (SA) 7 Assicurazione privata (PR) 8 Eni (En) Il campo è composto da 2 caratteri Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo può non essere compilato. 55. Sigla Estera Indica la sigla del Paese dell istituzione estera competente da codificare con i codici riportati in allegato alla DGR 20/08: Il campo è composto da 2 caratteri Istituzione Austriaca: AT Paese in convezione: Australia (AU) Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo non va compilato. 56. Codice Cassa IEC Indica il codice della cassa dell istituzione estera competente che è rilevabile dal Campo 7 della tessera TEAM stessa e dai modelli E106 - E112 E120 E123. Il campo è composto da 10 carattere 57. Codice Qualifica Beneficiario Valida solo per gli attestati riferiti ai lavoratori distaccati in Italia ed indica la tipologia lavorativa del beneficiario da codificare con i codici di seguito riportati: 1 lavoratore subordinato 2 Lavoratore autonomo 9 Lavoratore Frontaliero (Subordinato) 10 Lavoratore Frontaliero (Autonomo) 11 Lavoratore Disoccupato 19

18 Il campo è composto da 2 caratteri allineati a destra. 58. Codice Attestato Indica il codice del modello di attestato da codificare secondo la tabella Elenco degli attestati in allegato alla DGR 20/08 Il campo è composto da 5 caratteri allineati a sinistra. Certificato provvisorio sostitutivo tessera team = REPL Modello E 112 = E112 Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo non va compilato 59. Data Fine Val. attestato Indicare la data di fine di validità dell attestato. Nella tessera TEAM (o nel REPL) è il Campo 9. Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. 3 maggio 2009 = Qualora il paziente risulti iscritto al servizio sanitario nazionale tale campo non va compilato 60. Data uscita Indica la data della dimissione dal PS Il campo è composto da 8 caratteri nel formato ggmmaaaa senza separatori. : La data di dimissione per i pazienti ricoverati deve coincidere con la data di ricovero indicata nella scheda SDO. Nel caso di pazienti giunti cadavere la data di dimissione deve essere comunque indicata. Se il paziente abbandona il PS prima della visita medica (esito 6 ), si assumono come data (uscita) e ora (uscita), rispettivamente data e ora in cui il paziente non ha risposto alla chiamata. 3 maggio 2009 =

19 61. Ora uscita Indicare l'ora di dimissione dal PS Il campo è composto da 4 caratteri nel formato hhmm Ad esempio 21:50 =

20 2. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA DEI DATI Ai fini dell accettabilità degli archivi di dati di attività di Pronto Soccorso trasmessi dalle strutture ospedaliere le variabili da sottoporre a controllo si distinguono in: Variabili Indispensabili ; Altre Variabili Controllate. Nell ambito di questa classificazione, le informazioni possono essere assolute - in quanto indipendenti da altra situazione - o subordinate, in quanto dipendenti da informazioni contenute in altri campi. Di seguito sono definite le soglie di accettabilità per le singole informazioni sottoposte a controllo e per l intero archivio di dati. La mancata compilazione dei campi 24-31, 33, e 36-59, è prevista nei casi in cui l Esito risulta 0- giunto cadavere, e rappresenta l unica condizione in cui le informazioni possono mancare senza che il singolo record sia rifiutato. 2a. Soglie di accettabilità per le informazioni sottoposte a controllo e criteri di rifiuto dei singoli record e degli archivi Variabili Indispensabili Per le informazioni considerate indispensabili ed elencate di seguito un'informazione mancante o errata in oltre il 3% dei record comporta la restituzione dell'intero archivio. In ogni caso, anche quando non venga superata la soglia del 3%, i record sprovvisti delle informazioni indispensabili sono rifiutati e devono essere nuovamente trasmessi, dopo le necessarie correzioni, nei tempi e con le modalità illustrate nel paragrafo 3. Con il simbolo di asterisco * sono segnati i campi che avranno una soglia del 10% nella fase iniziale di avviamento del nuovo sistema. 1. Numero di RPS 2. Codice Istituto 3. Specialità di PS 4. Cognome 5. Nome 6. Sesso 7. Data nascita 8. Età presunta* (soltanto se Data di nascita = , sconosciuta ) 9. Comune nascita 10. Comune di residenza 11. Municipalità 12. Cittadinanza 13. Codice Univoco Assistito 16. Data entrata 17. Ora entrata 18. Inviato da 19. Istituto di provenienza (soltanto se Inviato da = 4 trasferito da altro istituto ) 20. Modalità di arrivo 21. Identificativo Centrale Operativa* (soltanto se Inviato da = 1- ambulanza 118 o 5 - elicottero 118 ) 23. Codice Mezzo*(soltanto se Modalità di arrivo = 1- ambulanza 118 o 5 - elicottero 118 ) 24. Problema principale 25. In caso di trauma* (soltanto se Problema principale = 10 Trauma o ustione) 32. Triage 33. Triage rivalutato* 34. Data di presa in carico* 35. Ora di presa in carico* 36. Codici prestazioni 22

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

TRACCIATO RECORD S.D.O.

TRACCIATO RECORD S.D.O. TRACCIATO RECORD S.D.O. FILE A1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI All.: 2 Posizione NOME CAMPO Tipo Lung. DESCRIZIONE Codice 1-8 Codice istituto di ricovero AN 8 Valore ammesso: V codice identificativo della struttura

Dettagli

Gipse: Gestione Integrata Pronto Soccorso Emergenza

Gipse: Gestione Integrata Pronto Soccorso Emergenza Gipse Gestione Integrata Pronto Soccorso Emergenza Vers. 2.4.5 Adeguamento SIES 1 INDICE 1 PREMESSA... 3 1.1 ANAGRAFE... 3 1.2 TRIAGE... 3 1.3 ESITO... 4 1.4 LISTE... 5 1.5 ALTRE FUNZIONI... 5 1.5.1 Inail...

Dettagli

Linee guida per la procedura informativa Scheda di Pronto Soccorso (SPS)

Linee guida per la procedura informativa Scheda di Pronto Soccorso (SPS) Linee guida per la procedura informativa Scheda di Pronto Soccorso (SPS) A cura dell Osservatorio epidemiologico provinciale Versione: ottobre 2011 (aggiornata il 14.03.2016) (Delibera della G.P. n. 1626

Dettagli

TRACCIATO RECORD FORNITURA DIRETTA DI FARMACI

TRACCIATO RECORD FORNITURA DIRETTA DI FARMACI TRACCIATO RECORD FORNITURA DIRETTA DI FARMACI FILE F1 ARCHIVIO DATI ANAGRAFICI I file inviati dovranno avere il nome strutturato come segue: ZZZMMAAF1.txt dove ZZZ = Zona territoriale inviante (Es. 110)

Dettagli

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro

La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro La Sorveglianza degli Incidenti Domestici nell ASP di Catanzaro Anni 2011-2012 A cura di: Antonella Sutera Sardo Maria Antonietta Soccio Marilena Adamo Elisa Defezza Pierina Mancuso, Vincenzo Nocera Vilma

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE Delibera di Giunta N.ro 2002/589 del 15/4/2002: Tariffa giornaliera a carico del servizio sanitario regionale per la remunerazione delle prestazioni di ricovero erogato e dai centri residenziali per le

Dettagli

Oggetto: Indicazioni tecniche relative alla trasmissione e ritorno informativo del flusso Assistenza Specialistica Ambulatoriale (ASA)

Oggetto: Indicazioni tecniche relative alla trasmissione e ritorno informativo del flusso Assistenza Specialistica Ambulatoriale (ASA) Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche sociali Prot. n. ASS/INS/02/ 21445 Bologna, 09/05/2002 Ai Referenti Informativi della Specialistica

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Assistenza sanitaria Informazioni utili ai cittadini comunitari

Assistenza sanitaria Informazioni utili ai cittadini comunitari Assistenza sanitaria Informazioni utili ai cittadini comunitari I Cittadini comunitari iscritti al SSN (possessori di TEAM - Tessera Europea di Assicurazione Malattia rilasciata in Italia) hanno diritto

Dettagli

Pronto Soccorso e sistema 118

Pronto Soccorso e sistema 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e sistema 118 1.2.3 - Tracciato record e flusso informativo per il Pronto Soccorso Nolan, Norton Italia Redatto da: Società: Verificato da: Società:

Dettagli

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio

La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio La sorveglianza degli incidenti domestici nella Regione Lazio Rapporto per le Aziende Sanitarie Locali del Lazio nell ambito del Progetto regionale Programma di sorveglianza e prevenzione degli incidenti

Dettagli

GESTIONE INFORMATIVA DEGLI UTENTI STRANIERI IN REGIME DI PRONTO SOCCORSO, DI RICOVERO E AMBULATORIALE

GESTIONE INFORMATIVA DEGLI UTENTI STRANIERI IN REGIME DI PRONTO SOCCORSO, DI RICOVERO E AMBULATORIALE U.o.s. Sistema Informativo Ospedaliero (SIO) GESTIONE INFORMATIVA DEGLI UTENTI STRANIERI IN REGIME DI PRONTO SOCCORSO, DI RICOVERO E AMBULATORIALE ACCETTAZIONE, DIMISSIONE, PRENOTAZIONE (per la corretta

Dettagli

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO

giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 1/11 DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTIVITA DI PRONTO SOCCORSO ALLEGATOA alla Dgr n. 1513 del 12 agosto 2014 pag. 2/11

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO SPECIALISTICA AMBULATORIALE TRACCIATO RECORD C

DISCIPLINARE TECNICO SPECIALISTICA AMBULATORIALE TRACCIATO RECORD C DISCIPLINARE TECNICO SPECIALISTICA AMBULATORIALE TRACCIATO RECORD C SPECIFICHE DI COMPILAZIONE PER STRUTTURE PRIVATE PROVVISORIAMENTE / DEFINITIVAMENTE ACCREDITATE Pag. 1 ver 07-2015 INDICE INDICE... 2

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Tabella A (Nuova - 3 a Revisione)

Tabella A (Nuova - 3 a Revisione) Utilizzo procedura software per la trasmissione dei dati da parte di soggetti privati in possesso di accreditamento provvisorio convenzionati con il Sistema Sanitario Regionale. Tabella A (Nuova - 3 a

Dettagli

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza

Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Descrizione epidemiologica degli accessi in pronto soccorso per violenza Sara Farchi Area del Dipartimento Tutela della Salute Workshop Percorso assistenziale in acuto della vittima di violenza Roma, 7

Dettagli

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Tutela della Salute e S.S.R. AI DIRETTORI GENERALI delle ASL del Lazio LORO SEDI

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Tutela della Salute e S.S.R. AI DIRETTORI GENERALI delle ASL del Lazio LORO SEDI REGIONE LAZIO Dipartimento Sociale Direzione Regionale Tutela della Salute e S.S.R. Are4V13 Servizio Prot. N. 70457 Roma, lì 15.06.06.. AI DIRETTORI GENERALI delle ASL del Lazio Al Direttore Generale dell

Dettagli

Direttive operative per l attivazione del S.I.A.S.: flussi informativi, formati di registrazione e controlli di qualità. Anno 1998.

Direttive operative per l attivazione del S.I.A.S.: flussi informativi, formati di registrazione e controlli di qualità. Anno 1998. Prot. S 2960 /62bis Roma, 15 Dicembre 1997 CIRCOLARE N. 60 Ai Direttori Generali delle Aziende USL del Lazio Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere del Lazio Ai Direttori Generali degli I.R.C.C.S.

Dettagli

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ.

ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI. per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO. Sez. 1 SEZ. 7 SEZ. 1 SEZ. 8 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 9 SEZ. 4 SEZ. ISTRUZIONI COMPILAZIONE DELLA SCHEDA PAZIENTI per ASSOCIAZIONI di VOLONTARIATO SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 sez. 1 Dati Servizio sez. 2 Tipologia mezzo

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

FLUSSO INFORMATIVO SDO-FAM

FLUSSO INFORMATIVO SDO-FAM FLUSSO INFORMATIVO SDO-FAM Versione 1 /2014 - Rilevazione 2014 Gennaio 2014 INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Obiettivi del documento... 2 1.2 Definizioni... 2 2. Informazioni funzionali relative ai tracciati...

Dettagli

GUIDA PRATICA PER GLI OPERATORI DEI SERVIZI SOCIOSANITARI

GUIDA PRATICA PER GLI OPERATORI DEI SERVIZI SOCIOSANITARI Direzione Regionale Politiche della Prevenzione e dell Assistenza Sanitaria Territoriale Area Programmazione dei Servizi Territoriale, delle Attività distrettuali e dell Integrazione Socio sanitaria Assistenza

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

ALLEGATO A. 1. Scheda nosologica

ALLEGATO A. 1. Scheda nosologica ALLEGATO A. Scheda nosologica Il flusso attiene alla scheda di dimissione degli Istituti di ricovero prevista dal D.M. Sanità 8..99, che istituisce la scheda di dimissione ospedaliera; dai D.M. sanità

Dettagli

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015)

MANUALE UTENTE. (Aggiornamento 08 ottobre 2015) MANUALE UTENTE contenente le specifiche tecniche necessarie per la trasmissione delle negoziazioni dei cambiavalute art. 5, comma 1, della circolare n. 24/15 (Aggiornamento 08 ottobre 2015) OAM Organismo

Dettagli

L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte

L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di studio del Piemonte WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI Roma, 20 febbraio 2015 L uso dei dati correnti di Pronto Soccorso per l identificazione dei casi con accessi ripetuti per violenze: l esperienza di

Dettagli

SDO 2016 Specifiche requisiti del sistema Liste valori. Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2

SDO 2016 Specifiche requisiti del sistema Liste valori. Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2 Sommario LISTE VALORI 2 1. TRACCIATO ANAGRAFICO 2 1.1 Tipo Movimento (variata con aggiunte) 2 1.2 Sesso (invariata) 2 1.3 Tipo Identificativo Paziente (nuova) 2 1.4 Stato Civile (invariata) 3 1.5 Livello

Dettagli

DIPARTIMENTO SOCIALE

DIPARTIMENTO SOCIALE DIPARTIMENTO SOCIALE DIREZIONE REGIONALE POLITICHE DELLA PREVENZIONE E DELL ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE SANITARIA Documento di valutazione della Stima del fabbisogno

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011

PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 PRP Lazio 2010-2012 Progetto 3.7.1 Disturbi psichiatrici - Lotta alla depressione Riunione tavolo tecnico - 24 Novembre 2011 Verbale Il 24 novembre 2011 alle ore 10.00, presso i locali di Laziosanità-Agenzia

Dettagli

Guida illustrata all uso della nuova ricetta unificata per medici prescrittori ed erogatori

Guida illustrata all uso della nuova ricetta unificata per medici prescrittori ed erogatori Guida illustrata all uso della nuova ricetta unificata per medici prescrittori ed erogatori ISTRUZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DELLA RICETTA SSN 1 Modalità di compilazione Il modello unico di ricetta

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

40% 44% 0% 2% 144 TICINO SOCCORSO Redatto da: O. Herrchen. Ripartizione missioni secondo urgenza iniziale SETTORE STATISTICA. Approvato da: 20.gen.

40% 44% 0% 2% 144 TICINO SOCCORSO Redatto da: O. Herrchen. Ripartizione missioni secondo urgenza iniziale SETTORE STATISTICA. Approvato da: 20.gen. 144 TICINO SOCCORSO Redatto da: O. Herrchen Approvato da: SETTORE STATISTICA 20.gen.15 Missioni 01.01.2014 31.12.2014 per servizio nero verde giallo arancione rosso blu Totali Croce verde Lugano 18 3773

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

Unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione Sanitaria Ospedale di Bussolengo. Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine

Unità Operativa di Pronto Soccorso e Accettazione Sanitaria Ospedale di Bussolengo. Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine Unità Operativa di Punto Primo Intervento di Caprino Veronese e di Malcesine Azienda Ulss n. 22 - Bussolengo VR Dipartimento di Urgenza - Emergenza Unità Operativa di Monoblocco Lato Ovest Direttore: Dott.

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

1 Sanità. 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 1 Sanità 1.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) Il Servizio Sanitario Nazionale è l insieme di strutture e servizi che assicurano la tutela della salute e l assistenza sanitaria a tutti i

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N.

CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N. CIRCOLARE ASSESSORATO SANITÀ REGIONE CAMPANIA N. 3857 DEL 20/02/2001 OGGETTO: CIRCOLARE N. 5 DEL 24.3.2000 MINISTERO SANITÀ SU G.U. N. 126 DELL 1.6.2000 Si indicano le modalità attuative per l assistenza

Dettagli

Regole prescrittive. Funzione Nome Firma Redazione Governo S.I. e Centro di Competenza A.Bottelli Governo S.I. e Centro di Competenza

Regole prescrittive. Funzione Nome Firma Redazione Governo S.I. e Centro di Competenza A.Bottelli Governo S.I. e Centro di Competenza LI Sistema Informativo Socio Sanitario Documento Di Pubblico Dominio Carta Regionale dei Servizi SISS - Analisi dei Processi Organizzativi - Regole prescrittive Codice documento: DC-AP-PRSCR#02 Versione:

Dettagli

La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia

La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia La Tutela della salute e l Organizzazione sanitaria in provincia di Pavia Capitolo 1 Le regole generali dell assistenza sanitaria in Italia La Costituzione italiana tutela la salute di tutti gli individui;

Dettagli

Il sovraffollamento dei servizi di emergenza: il Lazio. ... Dott. Massimo Magnanti ... Il Lazio

Il sovraffollamento dei servizi di emergenza: il Lazio. ... Dott. Massimo Magnanti ... Il Lazio Il Lazio DEA Azienda Ospedaliera San Giovanni-Addolorata - Roma 1 Dati ed elaborazione Sole24oreSanità 2 3 Attività di Pronto Soccorso delle strutture di ricovero pubbliche e delle case di cura private

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

La nuova ricetta unificata Guida rapida

La nuova ricetta unificata Guida rapida La nuova ricetta unificata Guida rapida Guida illustrata rapida all uso della nuova ricetta unificata per il medico prescrittore. 1 Cosa cambia in sintesi. Il ricettario viene consegnato a tutti i medici

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

PROCEDURE PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DI DOCUMENTAZIONE SANITARIA

PROCEDURE PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DI DOCUMENTAZIONE SANITARIA PROCEDURE PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DI DOCUMENTAZIONE SANITARIA La documentazione sanitaria può essere richiesta dall avente diritto attraverso una delle seguenti modalità: - compilando gli appositi

Dettagli

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA

DIPARTIMENTO AREA MEDICA UNITA OPERATIVA DIPARTIMENTO AREA MEDICA A OPERATIVA di PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Dr. Antonello Strada DIRIGENTI MEDICI Dr. Vittorio Berruti Dr. Dante Clerici IPAS* Osservazione Breve Intensiva Dr.ssa Francesca Gelli

Dettagli

CENTRO STUDI FIMMG ROMA

CENTRO STUDI FIMMG ROMA CENTRO STUDI FIMMG ROMA VADEMECUM NUOVA RICETTA USO DEL RICETTARIO Il ricettario è destinato alla prescrizione di prestazioni sanitarie: a- Con onere a carico del SSN erogate sia presso strutture a gestione

Dettagli

NORME DI REGISTRAZIONE RICETTE

NORME DI REGISTRAZIONE RICETTE NORME DI REGISTRAZIONE RICETTE 2007 AVVISO: Nuovo flusso ricette SSN di presidi/ prodotti di integrativa spedite dai distributori di integrativa autorizzati (es. negozi FIOTO e/o convenzionati FIOTO) 1

Dettagli

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea L immigrazione in Italia è ormai un fenomeno più che consolidato, il dossier caritas 2007 riporta 3.500000 presenze di stranieri regolari. Sempre dal DOSSIER CARITAS 2004, nella provincia di Latina, capofila

Dettagli

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO 3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO c ESENZIONE TICKET. CONDIZIONI GENERALI Soggetti esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria Beneficiari Totalmente esenti CITTADINI DI ETÀ INFERIORE A SEI ANNI e appartenenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n 18 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: PRESTAZIONI

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi ai contratti assicurativi e ai premi assicurativi IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi ai contratti assicurativi e ai premi assicurativi IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 160381/2014 Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi ai contratti assicurativi e ai premi assicurativi IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari. Orietta Picconi

SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari. Orietta Picconi SISTEMA DI SORVEGLIANZA ICTUS risultati preliminari Orietta Picconi Elenco delle strutture con pronto soccorso partecipanti alla seconda fase del progetto Nome Tip. amministrativa emergenza Comune Policlinico

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite 1 Rete delle Malattie

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE GESTIONE E RISORSE FINANZIARIE FLUSSO INFORMATIVO CURE TERMALI

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE GESTIONE E RISORSE FINANZIARIE FLUSSO INFORMATIVO CURE TERMALI REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE GESTIONE E RISORSE FINANZIARIE FLUSSO INFORMATIVO CURE TERMALI TRACCIATO RECORD E 1 INDICE INDICE... 2 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

NORMATIVA ASSISTENZA SANITARIA STRANIERI COMUNITARI

NORMATIVA ASSISTENZA SANITARIA STRANIERI COMUNITARI NORMATIVA ASSISTENZA SANITARIA STRANIERI COMUNITARI - Iscrizione Obbligatoria al SSR - Tessera Team - Formulari Comunitari - Iscrizione Volontaria al SSR - Assicurazione Sanitaria - Codice ENI (Paesi U.E.

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI Le presenti Linee Guida fanno riferimento alla normativa nazionale vigente in materia di assistenza

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it

IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14. regione.lazio.it IL LAZIO CAMBIA. RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA. Presentazione del Decreto 368/14 IL LAZIO CAMBIA I RISULTATI PIÙ IMPORTANTI DI QUESTI MESI ACCORDO CON I MMG PER PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI CRONICI

Dettagli

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE

Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Il flusso informativo regionale della psichiatria territoriale: PROSPETTIVE FUTURE Verona, 10 maggio 2007 A cura del CRRC-SER Centro Regionale di Riferimento per il Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri Direzione Amministrazione e Finanza Servizio Spedalità

Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri Direzione Amministrazione e Finanza Servizio Spedalità Guida all'assistenza sanitaria ai cittadini stranieri Direzione Amministrazione e Finanza Servizio Spedalità Cittadini stranieri non appartenenti all'ue ed apolidi e-mail: spedalita@opbg.net tel.: 06.6859.3630

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

AUDIT CIVICO 2013. Questionario - livello 2 Presidio ospedaliero

AUDIT CIVICO 2013. Questionario - livello 2 Presidio ospedaliero AUDIT CIVICO 2013 Cittadinanzattiva Lazio Questionario - livello 2 Presidio ospedaliero (per il Direttore sanitario presidio ospedaliero o suo Delegato, Responsabile Pronto Soccorso) Azienda Sanitaria.

Dettagli

Manuale per la gestione del Pronto Soccorso

Manuale per la gestione del Pronto Soccorso Manuale per la gestione del Pronto Soccorso Redatto da: Luna Coni Rivisto da: Luna Coni Approvato da: Guarnera Emilio Data di validità: 30/05/2014 N.ro versione: 1.1 N.ro pagine: 51 Distribuzione: Attenzione

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi agli interessi passivi per contratti di mutuo IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi agli interessi passivi per contratti di mutuo IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 160358/2014 Comunicazioni all'anagrafe tributaria dei dati relativi agli interessi passivi per contratti di mutuo IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE)

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO

Dettagli

Linee guida per la rilevazione delle prestazioni di specialistica interne Gennaio 2013

Linee guida per la rilevazione delle prestazioni di specialistica interne Gennaio 2013 EPIDEMIOLOGISCHE BEOBACHTUNGSSTELLE OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO Linee guida per la rilevazione delle prestazioni specialistiche, di diagnostica strumentale e di laboratorio erogate ad utenti in regime

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

PROSPETTO DEI TICKET IN VIGORE IN LOMBARDIA DAL 1 GIUGNO 2007

PROSPETTO DEI TICKET IN VIGORE IN LOMBARDIA DAL 1 GIUGNO 2007 PROSPETTO DEI TICKET IN VIGORE IN LOMBARDIA DAL 1 GIUGNO 2007 FARMACI a) Pagano un ticket di 2 euro a confezione con un massimo di 4 euro per ricetta coloro che non rientrano nelle categorie esenti (vedi

Dettagli

Linee guida per la procedura informativa Esami di Laboratorio (LAB)

Linee guida per la procedura informativa Esami di Laboratorio (LAB) Linee guida per la procedura informativa Esami di Laboratorio (LAB) Novembre 2013 A cura dell Osservatorio epidemiologico provinciale Versione: novembre 2013 (aggiornato il 18.03.2014) (Delibera della

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

SEZIONE ALLEGATI: OPERATORE TRASPORTO SANITARIO E SOCCORSO CON AMBULANZA

SEZIONE ALLEGATI: OPERATORE TRASPORTO SANITARIO E SOCCORSO CON AMBULANZA SEZIONE ALLEGATI: OPERATORE TRASPORTO SANITARIO E SOCCORSO CON AMBULANZA 1. MODULISTICA ATTIVAZIONE CORSO TS a. Lettera di attivazione, programma del Corso, elenco iscritti (all. 1) b. Lettera di richiesta

Dettagli

LINEE GUIDA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Specifiche e controlli del flusso informatico C

LINEE GUIDA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Specifiche e controlli del flusso informatico C LINEE GUIDA SPECIALISTICA AMBULATORIALE Specifiche e controlli del flusso informatico C Il debito informativo verso la Regione ha cadenza mensile e riguarda sia le strutture pubbliche che private accreditate,

Dettagli

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE

DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE DATI ANAGRAFICI DELLE STRUTTURE SANITARIE Con il modello si intende costituire, al 1 gennaio 2007, l anagrafe delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate e delle strutture sociosanitarie

Dettagli

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS2INCONTRA I mercoledì della Salute Primo soccorso.pronto Soccorso Relatori:dr. F. Diana dr. E. Rossi UOC Pronto Soccorso e Accettazione Data: 12 marzo 2014 Aula Piccolotto- Feltre Quando trovi questo

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

Nota metodologica. Avvertenze

Nota metodologica. Avvertenze 1 Nota metodologica Le informazioni sulla struttura e l attività degli istituti di cura sono elaborate dall Istat a partire dai dati rilevati dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali.

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006

Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006 Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006 Bologna 24 ottobre 2006 Sistema Informativo Salute Mentale Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche e Assistenza Sanitaria nelle Carceri Servizio

Dettagli

Esenzione sui Farmaci e sulle Prestazioni Specialistiche

Esenzione sui Farmaci e sulle Prestazioni Specialistiche Esenzione sui Farmaci e sulle Prestazioni Specialistiche ESENZIONE SUI FARMACI 2 Elenco esenzioni sui farmaci Tipologia di esenzione Codice Subcodice Ticket Cittadini di età inferiore a 6 anni e superiore

Dettagli

Codice Malattia Prestazioni Esenti. R99 Malattie Rare (D.M. 279/01) Prestazioni richieste su sospetto diagnostico di malattia rara.

Codice Malattia Prestazioni Esenti. R99 Malattie Rare (D.M. 279/01) Prestazioni richieste su sospetto diagnostico di malattia rara. ESENZIONI TICKET Tutti i cittadini sono tenuti al pagamento di una quota di partecipazione alla spesa sanitaria (ticket). Per specifiche condizioni e categorie di cittadini, tuttavia, sono previste modalità

Dettagli

IL TRASPORTO INTEROSPEDALIERO. DIRETTORE STRUTTURA di FROSINONE - ARES 118

IL TRASPORTO INTEROSPEDALIERO. DIRETTORE STRUTTURA di FROSINONE - ARES 118 IL TRASPORTO INTEROSPEDALIERO ANTONIO DE SANTIS DIRETTORE STRUTTURA di FROSINONE - ARES 118 TRASFERIMENTO INTEROSPEDALIERO: Ultimo anello della catena, determinante per il futuro del paziente: con esso

Dettagli

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica A L L E G A T O 1 Garanzie di Qualità per il cittadino anno 2009 verifica GARANZIE DI QUALITÀ PER IL CITTADINO Garanzie di qualità per il cittadini anno 2009 L Azienda Usl di Piacenza promuove il miglioramento

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE

LA CENTRALE OPERATIVA. di VARESE LA CENTRALE OPERATIVA 118 di VARESE DPR 27 marzo 1992 Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza. Art.3 comma 1 La Centrale Operativa

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA. Roma 3 dicembre 2007

METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA. Roma 3 dicembre 2007 METODI EFFICACI E PROSPETTIVE PER UNA NUOVA STRATEGIA NELLA PREVENZIONE DEL SUICIDIO: L IMPORTANZA DEI SERVIZI PER L EMERGENZA Roma 3 dicembre 2007 VALUTAZIONE CLINICA E GESTIONE DEI PAZIENTI CHE HANNO

Dettagli

N.B.: Attenzione il primo carattere della Regione Emilia Romagna non è un numero ma la lettera I come Imola Pagina 2 di 9

N.B.: Attenzione il primo carattere della Regione Emilia Romagna non è un numero ma la lettera I come Imola Pagina 2 di 9 CODIFICHE REGIONALI DELLE REGIONI -- ROMAGNA-, DELLE CONDIZIONI DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA FARMACEUTICA E SPECIALISTICA CHE PREVEDONO L UTILIZZO DEL RICETTARIO REGIONALE Tipologia di

Dettagli