COSA COSA E E CAMBIATO CAMBIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSA COSA E E CAMBIATO CAMBIA"

Transcript

1 COSA E CAMBIATO NELL INFORTUNIOSTICA STRADALE? TECNICHE DI RILEVAMENTO E STRUMENTI PER LA TUTELA DELL OPERATORE DI POLIZIA Avv. A. Bearzotti 1

2 ...ATTORNO ALLA SCENA DI UNA DISGRAZIA STRADALE L USUALE CROCCHIO DEGLI ASTANTI INCURIOSITI, I SOLITI COMMENTI DEI SAPUTONI DI COSE STRADALI, LE PRIME SENTENZE SULLA RESPONSABILITA. CHI GIUNGE SUL POSTO DOPO L EVENTO DICE DI AVER VISTO TUTTO, CHI E PRESENTE DICE DI NON AVER VISTO NULLA. L INVESTITORE, DOPO IL PRIMO ATTIMO DI APPRENSIONE, SI RIPRENDE E DIMENTICA LA VITTIMA, IL NATURALE SUO EGOISMO LO SPINGE A VERIFICARE I SUOI DANNI E A CERCARE DISPERATAMENTE IL TESTE CHE LO DISCOLPI. POI, LA SIRENA DELL AUTOLETTIGA CHE GIUNGE, CARICA E SPARISCE. LAPOLIZIA CHE INTERVIENE QUANDO Può E APPENA Può, ALLONTANA TUTTI, MISURA, FOTOGRAFA, SEGNA, CHIEDE SE QUALCUNO HA VISTO QUALCOSA. NESSUNO HA VISTO. L INVESTITORE GESTICOLA, INCOLPA, INDICA QUESTO O QUELLO, MOSTRA I DOCUMENTI, E GENTILE CON GLI AGENTI, SE LI INGRAZIA, COMPONE IL VISO A COMMOVENTE DISPERAZIONE; TUTTI SONO ATTORI IN UNA SCENA IN CUI IL PRINCIPALE PROTAGONISTA ESCE SUBITO DALLE QUINTE, TRASPORTATO IN UN LETTO DI UN GREMITO PRONTO SOCCORSO OVE GEME O, FORSE, MUORE. CI SI DOMANDA A QUESTO PUNTO: UNA SIMILE SITUAZIONE DI FATTO PUO FORNIRE ALL AUTORITA CHE INTERVIENE QUANDO E APPENA PUO, GLI ELEMENTI OBIETTIVI NECESSARI A STABILIRE ESATTAMENTE LE SINGOLE RESPONSABILITA. A PARTE QUEI DATI TECNICI RILEVABILI DALLA STATICITA DELLE COSE DOPO L INCIDENTE: POSIZIONE DEI MEZZI, LUNGHEZZA DELLE FRENATE, ENTITA DELLE DEFORMAZIONI DIPENDENTI DALLA FORZA D IMPATTO, COME STABILIRE I MOMENTI DINAMICI E PSICOLOGICI CHE INTERVENGONO NEL PRE ATTIMO IN CUI L EVENTO VIENE A CONCRETIZZARSI? SARANNO I TESTI A STABILIRLO. NEI VERBALI DELL AUTORITA INQUIRENTE IL PIU DELLE VOLTE ALLA VOCE TESTI RISULTA: NESSUN TESTE PRESENTE. IN SEDE DI DIBATTIMENTO GIUDIZIARIO, IL PIU DELLE VOLTE, APPAIONO UNO, DUE, ANCHE TRE TESTI A FAVORE DELL INVESTITORE. CHI SI TROVAVA AD UNA FINESTRA, CHI DIETRO UNA COLONNA, CHI DIETRO O DAVANTI AL MEZZO DELL INVESTITO O DELL INVESTITORE, E LO STRANO E CHE NESSUNO DI QUESTI ATTESE L ARRIVO DELLA POLIZIA, NESSUNO RISULTA NEI VERBALI DI ACCERTAMENTO IMMEDIATO, EPPURE TUTTI POSSONO GIURARE DI AVER VISTO, DI RICORDARSI IL NUMERO DELLE TARGHE, I COLORI DEI MEZZI, I NOMI ED I COGNOMI DEI PROTAGONISTI, MESE, GIORNO, ORA, MINUTI E SECONDI. SEMBRA UN DONO CARISMATICO CONCESSO DALLO SPIRITO SANTO AD ALCUNI ELETTI!... E L INFORTUNATO COME SI DIFENDERA?... 2

3 INFORTUNISTICA E UNA SCIENZA APPLICATA ALLA TUTELA DEI DIRITTI E DELLA DIGNITA DELL UOMO aspetti operativi questioni teoriche descrizioni del moto dei corpi conclusioni i del giudicante ATTENTO UN RILIEVO PLANIMETRICO DEL SINISTRO PRECISO CORRETTO PERMETTE UN SUCCESSIVO STUDIO SCIENTIFICO COMPLETO 3

4 INFORTUNISTICA FONTE PRIMARIA DI INFORMAZIONE UN ATTENTO, PRECISO, CORRETTO E COMPLETO RILIEVO PLANIMETRICO DEL SINISTRO PERMETTE UN SUCCESSIVO STUDIO SCIENTIFICO DAL CUI RISULTATO E POSSIBILE ACCERTARE LE CAUSE CHE HANNO PRODOTTO UN INCIDENTE RISALIRE AI COMPORTAMENTI DEI PROTAGONISTI STABILIRE SE, ED IN QUALE MISURA, QUESTI SIANO STATI CAUSA O CONCAUSA DELL EVENTO EVENTO 4

5 NORMA UNI ESIGENZE FINALITA UNIFORMARE A LIVELLO NAZIONALE IL RILIEVO DEGLI INCIDENTI STRADALI CREARE LE CONDIZIONI AFFINCHE IL TECNICO INCARICATO DELLA RICOSTRUZIONE POSSA OPERARE UTILIZZANDO DATI COMPLETI, CERTI E CORRETTAMENTE RILEVATI ACQUISIRE TUTTI GLI ELEMENTI BUONA RICOSTRUZIONE INCIDENTE 5

6 NORMA UNI NON ANALIZZA LA MESSA IN SICUREZZA DEL LUOGO DEL SINISTRO/SOCCORSO FERITI IL RIPRISTINO DELLA VIABILITA LA RACCOLTA DELLE SOMMARIE INFORMAZIONI DEI TESTI E DEI COINVOLTI 6

7 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 1. INDIVIDUAZIONE E MARCATURA DI TUTTE LE TRACCE VEROSIMILMENTE RICONDUCIBILI ALL INCIDENTE 2. RILIEVO FOTOGRAFICO 3. RILIEVO DELLA POSIZIONE DI QUIETE DEI VEICOLI E DELLE PERSONE RIMASTE COINVOLTE 4. RILIEVO DELLE TRACCE A TERRA 5. RILIEVO DELLE INFRASTRUTTURE 6. RACCOLTA DEI DATI RELATIVI ALLE PERSONE COINVOLTE 7. RACCOLTA DEI DATI DEI VEICOLI COINVOLTI E DESCRIZIONE DEI DANNI SUBITI 8. RILIEVO DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI 9. RILIEVO DESCRITTIVO 7

8 8

9 9

10 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 2. RILIEVO FOTOGRAFICO A) VISIONE D INSIEME = RIPRESE PANORAMICHE vanno effettuate prima di ogni intervento che possa modificare il teatro dell incidente id a seguito della rimozione dei veicoli le riprese potranno evidenziare eventuali tracce nascoste B) VISIONE DI DETTAGLIO = RIPRESE DI DETTAGLIO riproducono i particolari delle tracce e degli elementi rilevati, ovvero tutti quelli riconducibili all incidente ed anche quelli di natura dubbia riproduzione a distanze diverse al fine di permettere la contestualizzazione del dettaglio C) RIPRESE DEI MEZZI COINVOLTI quelli danneggiati devono essere ripresi frontalmente, posteriormente, lateralmente da ambo le parti e da una angolazione di 45, avvalendosi di un riferimento metrico vanno riprodotti tutti i particolari danneggiati, nonché parabrezza interno/esterno, posizione dei sedili, poggiatesta, attacchi delle cinture, pozzetto pedaliera, specchietto retrovisore interno D) RIPRESE EFFETTUATE DA ANGOLAZIONI DIVERSE, SE POSSIBILE, ANCHE DALL ALTO E) RIPRESE DALLA POSIZIONE IN CUI SI TROVAVANO EVENTUALI TESTIMONI 10

11 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 3. RILIEVO DELLA POSIZIONE DI QUIETE DEI VEICOLI E DELLE PERSONE RIMASTE COINVOLTE A) PROIEZIONE A TERRA DEL MOZZO DELLE RUOTE B) ORIENTAZIONE DEL VEICOLO C) FIANCO SU CUI E CORICATO IL VEICOLO INCIDENTATO 11

12 12

13 4. RILIEVO DELLE TRACCE A TERRA A) TRACCIA DI FRENATA NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI lunghezza inizio/fine posizione di un eventuale punto di discontinuità larghezza dettaglio della forma lasciata sulla pavimentazione quadro d insieme eventuale interesse di due tracce parallele (misurazione sui limiti esterni delle tracce) effettuate prima di ogni intervento che possa modificare il teatro dell incidente B) ABRASIONI GOMMOSE non possono essere considerate come tracce di frenata C) INCISIONI danneggiamento della pavimentazione stradale, causato dal contatto con parti metalliche dei veicoli, che penetrano nella superficie stradale e sovente sono accompagnati da asportazione di materiale D) SCALFITURE danneggiamenti superficiali della pavimentazione stradale, causati dal contatto con parti metalliche dei veicoli E) DISTRIBUZIONE DEI LIQUIDI spruzzi pozze gocciolamenti 13 F) DISTRIBUZIONE DEI DETRITI

14 14

15 15

16 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 5. RILIEVO DELLE INFRASTRUTTURE - SI INTENDONO TUTTI QUEGLI ELEMENTI CHE SI TROVANO ALL INTERNO DELLA CARREGGIATA, O IN POSIZIONE LIMITROFA, CHE SONO RIMASTI COINVOLTI O CHE POSSONO AVERE INFLUENZATO IL SINISTRO A) SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE descrizione della segnaletica presente in riferimento alla direzione dei soggetti coinvolti, allo stato di usura e/o di cattiva manutenzione o di difficile avvistamento per la presenza di ostacoli B) SISTEMI DI RITENUTA SRADALI C) ALBERI, SIEPI, EDIFICI sia che abbiano avuto un coinvolgimento, sia che possano aver influito sul sinistro D) IMPIANTO SEMAFORICO posizione e funzionamento 16

17 17

18 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 6. RACCOLTA DEI DATI RELATIVI ALLE PERSONE COINVOLTE Conducenti trasportati pedoni Informazioni fotografica dello stato dei corpi punto di quiete prima dell inizio delle manovre di soccorso 18

19 19

20 20

21 21

22 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 7. RACCOLTA DEI DATI DEI VEICOLI COINVOLTI E DESCRIZIONE DEI DANNI SUBITI A) DATI DEI VEICOLI COINVOLTI E FONTE DA CUI ESTRAPPOLARLI chilometri percorsi tipo di pneumatici marcia inserita posizione del commutatore dei fari presenza di cellulari a bordo. B) ESAME DEI DANNI AL VEICOLO tutti i danni presenti sul veicolo devono essere rilevati e localizzati, indicando altresì l entità: lieve, medio, grave utilizzazione di specifica terminologia ABRASIONE INCISIONE STRAPPO PIEGAMENTO ROTTURA SCHIACCIAMENTO SPOLVERATURA ESTROFLESSIONE SVERGOLAMENTO PASSO 22

23 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 8. RILIEVO DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI Tecnica descrittiva e/o fotografica Il rilievo planimetrico trova applicazione nel caso in cui la pavimentazione presenti delle anomalie o di sostanze che verosimilmente abbiano concorso al verificarsi del sinistro A) CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DELLA STRADA, STATO DELLA PAVIMENTAZIONE B) CONDIZIONI DEL TRAFFICO C) CONDIZIONI ATMOSFERICHE DA RILEVARE D) VISIBILITA condizioni meteo stato di pulizia parabrezza veicolo/visiera del casco E) VISUALE 23

24 NORMA UNI SEQUENZA TEMPORALE DEI RILIEVI 9. RILIEVO DESCRITTIVO Descrizione dettagliata del luogo e del teatro dell incidente così come si presentano dopo l evento Luogo orario peculiarità di tutti gli elementi tracce rilevate con altre tecniche METODOLOGIA: Stabilire un orientamento con riferimento al quale osservare e descrivere in maniera generale e sequenziale tutti gli elementi e le tracce che hanno verosimile attinenza con l incidente Descrivere in modo dettagliato le caratteristiche dell ambiente nel suo insieme delle infrastrutture, l entità il tipo di deformazione presenti sui veicoli, le posizioni e le orientazioni dei veicoli, degli oggetti e di tutte le tracce connesse con l incidente stradale, sia quelle prodotte nella fase di collisione sia in quella precedente che in quella successiva 24

25 NORMA UNI TECNICHE DI RILIEVO 1) RILIEVO DESCRITTIVO 2) RILIEVO METRICO 3) RILIEVO PLANIMETRICO - TRILATERAZIONE - MISURE ORTOGONALI in tratto rettilineo in tratto curvilineo CLASSIFICAZIONE * RILIEVO AMBIENTALE DEL LUOGO DELL INCIDENTE Può essere utilizzato il metodo della trilaterazione, delle misure ortogonali, semplici misure delle distanze qualora il luogo lo consenta gb * RILIEVO PLANIMETRICO DEGLI ELEMETI E DELLE TRACCE RELATIVI ALL INCIDENTE Dove è possibile devono essere localizzati li con la tecnica delle misure ortogonali, rispetto alla segnaletica orizzontale, in assenza, ci si riferisce al limite della carreggiata La tecnica della trilaterazione deve essere utilizzata solo quando non è possibile utilizzare il metodo delle misure ortogonali 4) RILIEVO FOTOGRAFICO 25

26 26

27 27

28 28

29 NORMA UNI IMPORTANZA DELL ACQUISIZIONE DI TUTTI GLI ELEMENTI CHE NEL TEMPO POSSONO SUBIRE ALTERAZIONI DI TUTTI GLI ELEMENTI LA CUI PERTINENZA ALL INCIDENTE POSSA SEMBRARE DUBBIA devono essere riportati a) nel verbale di accertamenti urgenti b) nel rapporto di incidente stradale 29

30 30

31 Incidente stradale: la differenza tra medico e avvocato Il signor Angelo va all ospedale a far visita al suo amico, Berto, che ha avuto un incidente con la macchina. Oh, ciao come stai? Sto meglio, sto meglio. Ma puoi alzarti? Mah, guarda, il medico dice di sì l avvocato mi dice di no! 31

32 32

PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE

PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE (Timbro lineare dell ufficio) Prot. N. PRONTUARIO PER IL RILEVAMENTO DI INCIDENTE STRADALE CON SOLI DANNI A COSE Operatori: (qualifica, cognome e nome) DATA: LOCALITÀ: ORARIO: incidente intervento OPERAZIONI

Dettagli

Guida ai danni di fine contratto.

Guida ai danni di fine contratto. Guida ai danni di fine contratto. 1 Guida per il Cliente (1/2) Gentile Cliente, con la presente guida Leasys desidera comunicarle i criteri e la valutazione dei danni di fine contratto effettuata da parte

Dettagli

il Patentino per il ciclomotore

il Patentino per il ciclomotore Marco Ferrari il Patentino per il ciclomotore Manuale di preparazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida Disposizioni e novità introdotte dai Decreti 1 e 23 marzo 2011 del Ministero

Dettagli

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI Convegno A.I.PRO.S. RICOSTRUZIONE DELLA DINAMICA DI UN INCENDIO E Roma I.S.A. - 28 settembre 2006 TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI 2 Il punto di partenza

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Analisi e Ricostruzione di Incidenti Stradali

Analisi e Ricostruzione di Incidenti Stradali CIRSS Centro Interdipartimentale di Ricerche sulla Sicurezza Stradale Università di Pavia Analisi e Ricostruzione di Incidenti Stradali Ing. Sillo Mattia Incidente Stradale Raccolta delle Informazioni

Dettagli

La denuncia di sinistro

La denuncia di sinistro Capitolo 1 La denuncia di sinistro Bibliografia: Legislazione: C. BUZZONE-M. CURTI, Formulario RC auto, Ipsoa, Milano 2006. D.P.R. n. 254/2006. La denuncia di sinistro ha lo scopo di portare all attenzione

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli:

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: parcheggiati al di fuori degli appositi stalli indicati dalla segnaletica o parcheggiati in aree

Dettagli

e viabilità stradale in seguito a sinistro

e viabilità stradale in seguito a sinistro Servizio di ripristino della sicurezza e viabilità stradale in seguito a sinistro AREA SICURA offre a Enti quali Province e Comuni un servizio ii peril PRONTO INTERVENTO in caso di incidenti stradali,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010

PROGETTO FORMATIVO 2010 PROGETTO FORMATIVO 2010 Per le citazioni qui riportate, si ringrazia, in particolare: Ugo Sergio Auteri, L'evoluzione delle tecniche di rilevamento, Atti del convegno Aspetti operativi dell attività di

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DANNI

CAPITOLATO TECNICO DANNI CAPITOLATO TECNICO DANNI 1 00156 ROMA INDICE 1. GUIDA PER IL CLIENTE 2. METODO DI ANALISI DELLO STATO D USO DEL VEICOLO 3. RESTITUZIONE DEL VEICOLO - PORTE - RUOTE - LATO (destro e sinistro) - PARTE ANTERIORE

Dettagli

CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO

CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO I CONTROLLI INIZIALI PRIMA DI METTERSI AL VOLANTE E OPPORTUNO CONTROLLARE: REGOLAZIONE DELLA POSIZIONE DI GUIDA QUANTITA DI CARBURANTE DISPONIBILE

Dettagli

INCIDENTALITA AUTOSTRADALE: FATTORI DI RISCHIO E GRAVITA DEL TRAUMA A. COSTANZO A. PITIDIS

INCIDENTALITA AUTOSTRADALE: FATTORI DI RISCHIO E GRAVITA DEL TRAUMA A. COSTANZO A. PITIDIS INCIDENTALITA AUTOSTRADALE: FATTORI DI RISCHIO E GRAVITA DEL TRAUMA A. COSTANZO A. PITIDIS OBIETTIVI Verificare l esistenza di fattori di rischio dinamico ambientali: Infrastrutture Veicoli Comportamento

Dettagli

Dott. Stefano Forte - Comandante Polizia Locale di Mogliano Veneto

Dott. Stefano Forte - Comandante Polizia Locale di Mogliano Veneto Dott. Stefano Forte - Comandante Polizia Locale di Mogliano Veneto 1 Scienza che studia i fenomeni, derivanti dall inosservanza di regole giuridiche, connessi agli infortuni derivanti dalla circolazione

Dettagli

Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO

Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO Guida per l assicurato AXA sul RISARCIMENTO DIRETTO 1 INDICE - Che cosa cambia in pratica con il risarcimento diretto? - Cosa è utile fare al momento del sinistro? - Come fare a denunciare l incidente?

Dettagli

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici A cura di: Sandro Nicoloso Cosa dice il codice della strada? Art. 189. Comportamento in caso di incidente

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

Dichiarazione sulle modalita del sinistro con veicolo

Dichiarazione sulle modalita del sinistro con veicolo Dichiarazione sulle modalita del sinistro con veicolo Alla Provincia di Lucca Cortile Carrara 55100 Lucca FAX 0583.417326 Il sottoscritto denunciante cognome nome nato a provincia il / / residente a :

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

PERCEZIONE CINEMATICA DI AVVISTAMENTO Relatività visuale nella dinamica del movimento Visuell dinamische Bewegungsrelativität

PERCEZIONE CINEMATICA DI AVVISTAMENTO Relatività visuale nella dinamica del movimento Visuell dinamische Bewegungsrelativität MAURO BALESTRA ing. auto REG A CH 6602 M u r a l t o Switzerland SIA / OTIA / CSEJ / CCEGIS Vicolo Ponte Vecchio 9 11 Cas.post. 641 Tel. 0041 91 730 16 55 Cell. 0041 79 621 55 03 www.balestra.ch studio@balestra.ch

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO

DICHIARAZIONE TESTIMONIALE. Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Io sottoscritto Cognome Nome, nato a Città il giorno/mese/anno e residente in città in indirizzo DICHIARO Che il giorno/mese/anno mi trovavo in qualità di trasportato sull autovettura marca modello targata

Dettagli

INDICE SOMMARIO. CAPITOLO 1 IL FENOMENO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE di Gianluca Aldo Corvelli

INDICE SOMMARIO. CAPITOLO 1 IL FENOMENO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE di Gianluca Aldo Corvelli INDICE SOMMARIO CAPITOLO 1 IL FENOMENO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE di Gianluca Aldo Corvelli 1. Principi generali: circolazione e Costituzione.............. 1 1.1. Il nuovo codice della strada.........................

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA Agenda Direttiva 6/2006 Effetto giroscopico La Matrice Scheda di guida Contributi Video dalla Spagna DIRETTIVA 2006/126/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Numero: 2015/M/09036 Del: 26/08/2015 Esecutiva da: 26/08/2015 Proponente: Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità,Posizione Organizzativa (P.O.) Traffico e Provvedimenti viabilita'

Dettagli

TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO

TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO SIAMO AL TUO FIANCO SEMPRE SOPRATTUTTO NEI MOMENTI DIFFICILI Sulla strada è importante essere prudenti, rispettare con

Dettagli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli La sicurezza dei TRATTORI agricoli Nozioni generali applicate ai trattori agricoli o forestali In riferimento al PIANO REGIONALE DEI CONTROLLI IN AGRICOLTURA E SILVICOLTURA Tratte da Linee Guida INAIL/ISPESL,

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

NORMA UNI /06/15

NORMA UNI /06/15 NORMA UNI 1147 In data 24 gennaio 2013 è stata pubblicata la norma Uni 11472 dedicata al rilievo degli incidenti stradali e alle sue modalità di esecuzione. Sono scritte e ridefinite nella prassi operativa

Dettagli

POLIZIA LOCALE, INTERVENITE: E' SUCCESSO UN INCIDENTE!

POLIZIA LOCALE, INTERVENITE: E' SUCCESSO UN INCIDENTE! POLIZIA LOCALE, INTERVENITE: E' SUCCESSO UN INCIDENTE! La raccolta delle prove tecniche e testimoniali dell incidente stradale Seminario organizzato da Comando Polizia Locale del Comune di Vercelli Regione

Dettagli

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria AMICI della STRADA in collaborazione con scuola famiglia polizia municipale 1.quadro normativo 2.strategie d intervento 3.modalità operative : il

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI

DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI DISEGNO DI MACCHINE APPUNTI DELLE LEZIONI Lezione 3: Proiezioni Ortogonali con il metodo europeo Francesca Campana Le proiezioni ortogonali Le proiezioni ortogonali descrivono bi-dimensionalmente un oggetto

Dettagli

Corso di preparazione nell analisi e nella ricostruzione degli incidenti stradali. Milano, 7, 8, 21, 22 giugno 2013 Centro congressi Hotel IBIS

Corso di preparazione nell analisi e nella ricostruzione degli incidenti stradali. Milano, 7, 8, 21, 22 giugno 2013 Centro congressi Hotel IBIS Corso di preparazione nell analisi e nella ricostruzione degli incidenti stradali Milano, 7, 8, 21, 22 giugno 2013 Centro congressi Hotel IBIS Introduzione: Il corso di pone l obiettivo di formare CTU

Dettagli

Decreto 10 dicembre 2012 - G.U. n. 9 del 11/01/2013

Decreto 10 dicembre 2012 - G.U. n. 9 del 11/01/2013 Decreto 10 dicembre 2012 - G.U. n. 9 del 11/01/2013 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Decreto 10 dicembre 2012 Disciplina della prova di controllo delle cognizioni e di verifica delle capacita'

Dettagli

LE PROCEDURE DI ANALISI DI SICUREZZA SULLA VIABILITA ESISTENTE

LE PROCEDURE DI ANALISI DI SICUREZZA SULLA VIABILITA ESISTENTE Provincia Regionale di Catania Unione Europea DICA Università degli Studi di Catania PROJECT TREN-03-ST-S07.31286 Identification of Hazard Location and Ranking of Measures to Improve Safety on Local Rural

Dettagli

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Convegno 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte 17 novembre 2008 La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Oggi 5 febbraio 2010, in Bari, presso la sede dell AREM, alla Via Gobetti n. 26, sono riuniti e presenti:

COMUNICATO STAMPA. Oggi 5 febbraio 2010, in Bari, presso la sede dell AREM, alla Via Gobetti n. 26, sono riuniti e presenti: COMUNICATO STAMPA Ratificata e sottoscritta la dichiarazione d intenti per l adozione di un modello unico di rapporto di rilevamento degli incidenti stradali. Importante successo per le Associazioni che

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI PARCHI GIOCO PUBBLICI

GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI PARCHI GIOCO PUBBLICI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE NEI PARCHI GIOCO PUBBLICI FACILITY MANAGEMENT GESTIONE SICUREZZA PARCHI GIOCO PUBBLICI 1 2 Premessa Ogni anno sono tanti i bambini che vengono soccorsi a causa di

Dettagli

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con Deliberazione C.C. n. 155 del 20.12.2011 PREMESSA Il presente regolamento disciplina

Dettagli

ProvinciadiTreviso. CentrodiMonitoraggioProvincialesugliIncidenti. ComandoPoliziaLocaledi

ProvinciadiTreviso. CentrodiMonitoraggioProvincialesugliIncidenti. ComandoPoliziaLocaledi ProvinciadiTreviso CentrodiMonitoraggioProvincialesugliIncidenti ComandoPoliziaLocaledi INDICE DATI GENERALI Frontespizio.. 3 Località dell incidente.. 4 Natura incidente... 5 Localizzazione incidente..

Dettagli

REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE COMUNALI

REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE COMUNALI Comune di Licata Dipartimento 5 Lavori Pubblici - Servizi Tecnologici ed Operativi e Programmazione OO.PP. Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n 3 del 23/02/2010 REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA MANUALE DI MANUTENZIONE DELL OPERA Comune di Quarrata Provincia di Pistoia Oggetto: SR 66 Interventi di messa in sicurezza nel Comune di Quarrata I dieci interventi che

Dettagli

Premessa Criterio di Valutazione Ruote Pneumatici Cristalli e luci Elementi meccanici

Premessa Criterio di Valutazione Ruote Pneumatici Cristalli e luci Elementi meccanici Manuale Stato d Uso Indice 1. Premessa 1 2. Criterio di Valutazione 2 2.1 Elementi interni 2.2 Vano di carico dei veicoli commerciali 2.3 Carrozzeria ed elementi esterni 3. Ruote 20 3.1 Coppe ruota 3.2

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA COMUNE: MARTINENGO All. RTI COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE TANGENZIALE NORD (ex accordo art. 11 L. 241/90) opere

Dettagli

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO A) Operazioni preliminari 1. Lo scarico degli elementi della barriera stradale

Dettagli

In caso di Incidente da circolazione

In caso di Incidente da circolazione 1. Il Risarcimento Diretto Dal 1 febbraio 2007 è in vigore, a seguito delle modifiche introdotte dal Codice delle Assicurazioni Private, la procedura di Risarcimento Diretto, applicabile a molte tipologie

Dettagli

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN

B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN B.4 ANALISI DI SICUREZZA DI UNA STRADA ESISTENTE IN AMBITO EXTRAURBANO B.4.1 INTRODUZIONE 1. Questo rapporto descrive un analisi di sicurezza di fase 5 condotta su una strada in esercizio (SS xx Km 78-90).

Dettagli

Cause incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione

Cause incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione Cause incidenti stradali e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione Cause incidenti stradali Quasi tutti gli incidenti stradali derivano da errori umani come disattenzione, imprudenza, inosservanza

Dettagli

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI RILIEVO DEGLI ALZATI Per collegare correttamente il rilievo altimetrico di più ambienti sovrapposti in verticale è necessario costruire un riferimento esterno all edificio al quale relazionare le quote

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice.- Con l avvento della primavera, si incrementa l

Dettagli

CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci

CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci CRAL STIAMOINCONTATTO Convenzione Fondiaria/Sai per i Soci Sconto 20% sulla tariffa RC Tasso incendio e furto 13 x mille senza franchigia ( fino a 20.000 ) Atti vandalici/eventi atmosferici compresi Cristalli

Dettagli

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Progetto esecutivo N. di progetto: MI14/012 Progettazioni Codice: 5 ESE N. Elaborato rev. 2 D T G 0 1 0 4 3 1 REV. Data Oggetto Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Contratto quadro per lavori

Dettagli

La circolazione stradale dei cittadini stranieri. 1. Le sanzioni per le violazioni delle norme del Codice della strada

La circolazione stradale dei cittadini stranieri. 1. Le sanzioni per le violazioni delle norme del Codice della strada La circolazione stradale dei cittadini stranieri 1. Le sanzioni per le violazioni delle norme del Codice della strada Tutti i conducenti di veicoli devono rispettare il Codice della strada in quanto la

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

1) Risarcimento Diretto

1) Risarcimento Diretto 1) Risarcimento Diretto Cos'è È la nuova procedura di rimborso assicurativo, in vigore dal 1 febbraio 2007, che in caso di incidente stradale ti consente di ottenere il risarcimento direttamente dalla

Dettagli

SPERIMENTAZIONE (TESTING)

SPERIMENTAZIONE (TESTING) SPERIMENTAZIONE (TESTING) Intro Laboratorio Carsim 1 LA SPERIMENTAZIONE INDOOR (1) Banchi e sale prova il 4 poster rig per la dinamica verticale ripetibilità ok (cond. ambientali poco rilevanti) condizioni

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

PROGETTO di EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE

PROGETTO di EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. FIERAMOSCA DI ROCCA D EVANDRO CE A.S 2009/2010 PROGETTO di EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE PREMESSA L innovazione prevista dalle Indicazioni Nazionali rispetto alla

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta!

Premessa. Premessa. In auto. Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! Premessa Premessa In auto Quanti seggiolini nella vita di un bambino? Attenzione! Abbiate cura della vostra bicicletta! In bicicletta pag. 2 pag. 3 pag. 5 pag. 15 pag. 21 pag. 23 In Italia, ogni anno,

Dettagli

Linee guida per la valutazione dei danni alla fine di un contratto di Locazione Finanziaria. Technical Dept. Ed. Ottobre 2009 Form Stato D'Uso

Linee guida per la valutazione dei danni alla fine di un contratto di Locazione Finanziaria. Technical Dept. Ed. Ottobre 2009 Form Stato D'Uso Linee guida per la valutazione dei danni alla fine di un contratto di Locazione Finanziaria INDICE PRINCIPI GENERALI CONDIZIONI CARROZZERIA / VETRI / FANALERIA VERIFICA STATO INTERNO VETTURA CONTROLLO

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.

COMUNE DI VILLABATE. Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali. COMUNE DI VILLABATE Corpo di Polizia Municipale Via Municipio, 90039 VILLABATE (PA) Tel. 0916141590 Fax 091492036 pm.villabate@tiscali.it Allegato A Elaborato Tecnico relativo alla gara di appalto per

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

Guida e Manuale d uso

Guida e Manuale d uso Guida e Manuale d uso Grazie per aver scelto igo, l originale smartboard. igo è un veicolo elettrico auto-bilanciato a due ruote. Prima dell utilizzo consigliamo una lettura attenta del manuale di istruzioni

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI (GU n.9 del 11-1-2013) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 dicembre 2012 Disciplina della prova di controllo delle cognizioni e di verifica delle capacita' e dei comportamenti per

Dettagli

Milano COMUNE DI MILANO. Direzione Centrale. C. A. Garbagnati Pietro - Servizio Traffico e Viabilità

Milano COMUNE DI MILANO. Direzione Centrale. C. A. Garbagnati Pietro - Servizio Traffico e Viabilità COMUNE DI MILANO C. A. Garbagnati Pietro - Italia: serie storica 1978/2009: incidenti con feriti, feriti e morti 8.537 378.492 7.498 6.980 307.258 207.556 265.402 215.405 4.237 152.953 Incidenti Feriti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Settore di Sicurezza Urbana Nucleo Infortunistica Stradale

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Settore di Sicurezza Urbana Nucleo Infortunistica Stradale CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Settore di Sicurezza Urbana Nucleo Infortunistica Stradale Novità sul fronte assicurativo per i sinistri stradali. Dal 1 giugno 2004 con la compilazione del modulo CID è possibile

Dettagli

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL

ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL ARTICOLO 186 GUIDA SOTTO L INFLUENZA DELL ALCOOL 1. È vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcooliche. 2. Chiunque guida in stato di ebbrezza è punito, ove il fatto non

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

Un Centro. della Sicurezza Stradale

Un Centro. della Sicurezza Stradale Un Centro di Ricerca e Progettazione della Sicurezza Stradale Strategie per prevenire incidenti sulle strade d Europa I Rapporti annuali DEKRA sulla Sicurezza Stradale si avvalgono di statistiche, analisi

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Identificazione di modulo B 1

Identificazione di modulo B 1 Identificazione di modulo B 1 Titolo Condizioni Competenza Certificato di competenza Livello Obiettivi Distinzione Durata Processi Attestato del livello secondario II o di una formazione equivalente Conoscenze

Dettagli

Valueconsult. Assistenza Tecnica di Direzione nell ambito Automotive. Presentazione per:

Valueconsult. Assistenza Tecnica di Direzione nell ambito Automotive. Presentazione per: Valueconsult Assistenza Tecnica di Direzione nell ambito Automotive Presentazione per: Valueconsult Pagina 2 Servizi di Assistenza Tecnica di Direzione nei Procedimenti giudiziari instaurati presso le

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...5 SINISTRI STRADALI...6 VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE...7 ACCERTAMENTI ANAGRAFICI

Dettagli

LE FOTO: ATTI IRRIPETIBILI IMPORTANTI

LE FOTO: ATTI IRRIPETIBILI IMPORTANTI LE FOTO: ATTI IRRIPETIBILI IMPORTANTI a cura di Giovanna Cristelli e Giorgia Zatelli per il sito internet www.dirittoambiente.com I rilievi fotografici sono tra i principali atti irripetibili perché congelano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

Inoltre, la informiamo che un perito effettuerà ulteriori controlli di meccanica entrando nel merito della funzionalità del motore segnalando:

Inoltre, la informiamo che un perito effettuerà ulteriori controlli di meccanica entrando nel merito della funzionalità del motore segnalando: STATO D USO Indipendentemente dal danno rilevato è necessario effettuare sempre e tempestivamente la denuncia compilando l apposito modulo di Denuncia Danni presente nell Area Utilizzatori del sito www.aldautomotive.it

Dettagli

GUIDEpratiche LE PAROLE DELL ASSICURAZIONE COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE POLIZZE AUTO L INFORMAZIONE SEMPRE A PORTATA DI MANO

GUIDEpratiche LE PAROLE DELL ASSICURAZIONE COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE POLIZZE AUTO L INFORMAZIONE SEMPRE A PORTATA DI MANO GUIDEpratiche L INFORMAZIONE SEMPRE A PORTATA DI MANO LE PAROLE DELL ASSICURAZIONE COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE POLIZZE AUTO UN UTILE GLOSSARIO PER LA POLIZZA AUTO COME ORIENTARSI NEL MONDO DELLE ASSICURAZIONI

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

ANAS S.p.A. l Italia si fa strada

ANAS S.p.A. l Italia si fa strada La manutenzione programmata delle infrastrutture Ing. Roberto Mastrangelo Direzione Centrale Esercizio e Coordinamento del Territorio PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE ORGANIZZARE UN PRECISO PIANO PER

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

L analisi delle cause degli incidenti stradali

L analisi delle cause degli incidenti stradali Seminario L importanza dei dati per la sicurezza stradale Firenze, 14 novembre 2012 L analisi delle cause degli incidenti stradali Prof. Ing. Alfonso Montella Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli