CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE"

Transcript

1 CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

2 In questi ultimi dieci anni profondi mutamenti sociali, culturali ed economici hanno ridisegnato l architettura della nostra città, la composizione della comunità che la abita, il modo di concepire il tempo e lo spazio, di costruire e di intrattenere le relazioni tra le persone. Lo spazio urbano si è esteso, la vita sociale è diventata più rapida e convulsa: hanno fatto la loro comparsa comportamenti negativi che generano, in chi li osserva, disagio e inquietudine: fretta, maleducazione, inciviltà, intolleranza, arroganza, violazione delle norme del vivere civile. In questo contesto diviene, dunque, importante far incontrare e conoscere ai cittadini cremonesi chi, ogni giorno, si fa carico di garantire il rispetto delle regole del vivere civile, a chi si possono rivolgere in caso di difficoltà, chi è chiamato a proteggerli. Doveroso spiegare chi è la Polizia Municipale e quali sono le sue numerose e delicate mansioni. Questa guida vuole essere un modo per dialogare con i cittadini e per essere vicini ai loro bisogni; uno strumento per illustrare le attività svolte dalle diverse unità di Polizia Municipale, per facilitare, attraverso recapiti telefonici e indirizzi di posta elettronica, l accesso da parte dei cittadini ai differenti servizi di Polizia Municipale, per rafforzare il legame tra Cremona ed i suoi vigili. Perché i vigili, troppo spesso ricordati come quelli che se lasci per un attimo l auto in doppia fila ti fanno la multa, sono in realtà coloro che, con professionalità e preparazione, affrontano le problematiche della sicurezza e della convivenza sociale. Ogni giorno gli agenti di Polizia Municipale regolano il traffico, contrastano i comportamenti di guida rischiosi, tutelano i consumatori e garantiscono il rispetto delle regole del commercio, tutelano l ambiente, controllano lo sviluppo edilizio e contrastano l abusivismo, presidiano lo spazio pubblico per garantire sicurezza nelle città e nel territorio. Ogni giorno la Polizia Municipale svolge la propria specifica funzione di regolatore della vita sociale. Una funzione complessa che fa della Polizia Municipale il principale strumento ordinario di regolazione e rassicurazione di ciò che avviene nello spazio pubblico delle città, una risorsa fondamentale delle politiche di miglioramento della sicurezza urbana. Comandante di Polizia Municipale FRANCO CHIARI Assessore alla Sicurezza e Polizia Municipale CIRIACO SORRENTINO 3

3 LA POLIZIA MUNICIPALE NEGLI ULTIMI 10 ANNI Il 1999 è stato un anno particolarmente significativo nella storia della Polizia Municipale del Comune di Cremona, perché è l anno in cui, senza rinunciare al ruolo istituzionale di controllo del territorio e di contrasto delle illegittimità, ha iniziato a sperimentare, soprattutto nelle periferie, un diverso servizio di presidio del territorio basato sulla prossimità, sulla vicinanza al cittadino. Nel 2001, dopo un importante intervento di riqualificazione, il comando di Polizia Municipale è stato trasferito nella nuova sede, in una posizione favorevole e adeguata rispetto alle moderne necessità di gestione del servizio, dotata di spazi ampi e tecnologicamente avanzati. La sede La polizia di prossimità I corsi di formazione La presenza della Polizia Municipale sul territorio si è ampliata ed è diventata più qualificata, anche grazie ad una nuova figura di agente di Polizia Municipale, più vicino ai cittadini, attento all ascolto delle loro esigenze e dei loro problemi, in grado di costruire una rete sociale basata sulla fiducia reciproca, con particolare attenzione al coinvolgimento di giovani e anziani. Il cambiamento culturale e organizzativo è stato reso possibile anche grazie all ampia attività di formazione professionale dedicata agli agenti e agli ufficiali di Polizia Municipale su tanti temi: Codice della Strada reati e attività di polizia giudiziaria falsificazione dei documenti tecniche operative cantieristica ed infortuni commercio e pubblici esercizi pronto soccorso sicurezza urbana NBCR (nucleare, batteriologico, chimico e radioattivo) abusi edilizi e violazioni paesaggistiche mediazione e gestione dei conflitti informatica minori e devianze minorili abuso sessuale e maltrattamento di minori immigrazione ed intercultura La Polizia Municipale ha inoltre intrapreso un percorso di miglioramento dell efficienza dei servizi di pronto intervento, di polizia stradale e di polizia giudiziaria, che ha portato a potenziare e ammodernare gli strumenti a disposizione: veicoli, sistema di comunicazione radio, nuova centrale operativa, sistema di videosorveglianza con collegamento alle centrali operative di Polizia di Stato e Carabinieri. Il 2006 e il 2008 sono altre due date particolarmente importanti del processo di trasformazione del corpo di Polizia Municipale, per la crescente attenzione dedicata dall Amministrazione comunale alla questione sicurezza. Nel 2006 è stato istituito l Ufficio Sicurezza Urbana, regia complessiva dei progetti e delle attività riconducibili alla sicurezza urbana, ed è stato incrementato il personale di Polizia Municipale con l assunzione a tempo determinato di alcuni nuovi agenti. Nel 2008, per rispondere alla maggiore richiesta di sicurezza dei cittadini, l Amministrazione comunale, dando attuazione al Pacchetto Sicurezza del Sindaco, ha potenziato ulteriormente il Corpo di Polizia Municipale con l assunzione a tempo indeterminato di 24 nuovi agenti da destinare all attività di prevenzione e di presidio del territorio. I mezzi e le dotazioni strumentali L Ufficio Sicurezza Urbana e i nuovi agenti 4 5

4 POLIZIA DI PROSSIMITÀ I vigili di quartiere Le azioni I SERVIZI DI POLIZIA DEL TERRITORIO Nati alla fine degli anni 90 come riposta ad una nuova e mutata sensibilità in tema di sicurezza, i servizi di polizia del territorio rappresentano l esperienza cremonese di polizia di prossimità. Questi servizi realizzano una nuova modalità di controllo del territorio, caratterizzata dalla vicinanza dei vigili di quartiere ai cittadini e ai loro bisogni di sicurezza. Un approccio che consente una conoscenza puntuale della realtà locale e che offre l opportunità di anticipare problemi e di intervenire in modo tempestivo e mirato rispetto ai reali bisogni della comunità. I vigili di quartiere controllano e presidiano le zone loro assegnate, spesso con servizi di pattuglia a piedi, e svolgono tutte quelle attività che favoriscono il contatto e la conoscenza della comunità: controllo del territorio, accertamenti delle residenze anagrafiche, verifiche presso gli esercizi commerciali, servizi presso la scuola, raccolta delle segnalazioni dei residenti, accertamenti delle violazioni del Codice della Strada. Le azioni di polizia di prossimità prevedono: Lavoro di rete: collaborazione con i settori comunali, le Forze dell ordine, i soggetti esterni e i cittadini per la definizione degli interventi. Diagnosi della sicurezza del territorio: raccolta di dati e di informazioni utili ad identificare i problemi e dare risposte mirate, elaborazione di documenti di zona quali strumenti per monitorare il livello di sicurezza dei quartieri della città. Presenza e visibilità sul territorio: presenza dei vigili di quartiere nelle zone centrali e periferiche della città per raccogliere segnalazioni, contattare i residenti, effettuare controlli. Vicinanza ai cittadini: contatto costante con i cittadini cremonesi, accoglienza e orientamento per i residenti stranieri, raccolta delle segnalazioni (presso l Ufficio Territorio e Unità Mobile). Analizzando i bisogni espressi dei residenti, l Ufficio di Sicurezza Urbana elabora documenti di zona che raccolgono, con un approccio scientifico, tutte le informazioni sulle risorse e le criticità del territorio interessato e possibili interventi risolutivi. I documenti di zona vengono condivisi e restituiti ai residenti dei quartieri. Attrezzato ad ufficio, l Unità Mobile funziona come punto di contatto e di incontro direttamente nelle zone di residenza, centrali e periferiche, e permette di raggiungere anche le persone con difficoltà di mobilità (anziani, ecc). L Unità Mobile, visibile e valido strumento di prevenzione di episodi microcriminali e violazioni amministrative, è presente nelle diverse zone con frequenza settimanale, in giorni e orari definiti. 436 presidi dell unita mobile e persone contattate nel 2007, 459 presidi e persone contattate nel 2008 Zaist - oratorio San Francesco ogni lunedì dalle 17 alle 19 Borgo - P.zza Ceccopieri ogni giovedì dalle 17 alle 19 Cambonino - P.zza Moro ogni venerdì dall1 7 alle 19 Po - Cristo Re ogni martedì dalle 17 alle 19 Galleria XXV APRILE ogni mercoledì e sabato dalle 9 alle 12 L Unità Mobile è presente anche negli altri quartieri cittadini, secondo le esigenze. È uno sportello rivolto ai cittadini cremonesi e ai residenti stranieri che desiderano esporre segnalazioni o che hanno bisogno di informazioni sui procedimenti amministrativi in corso sul territorio (accertamenti anagrafici, annonari, tributari, autentiche di firma, ecc). Obiettivo del servizio è creare un ulteriore punto di contatto tra la Polizia Municipale e i cittadini, offrendo un servizio giornaliero che si affianca alle attività di prossimità sul territorio. I documenti di zona 6 7 L Unità Mobile I presidi dell Unità Mobile ad orari e giorni fissi L Ufficio Territorio Ufficio Territorio e vigili di quartiere Tel

5 I SERVIZI DI POLIZIA STRADALE PRONTO INTERVENTO E CONTROLLO STRADALE (UPICS) L Unità Pronto Intervento e Controllo Stradale interviene in tutte quelle situazioni che richiedono un sollecito ed efficace intervento: azioni di polizia giudiziaria contrasto ad episodi di devianza e di microcriminalità identificazione di persone sospette controllo di stranieri nomadi tutela del patrimonio pubblico richieste di soccorso da parte di cittadini in difficoltà ausilio ad altre Forze dell ordine. Durante l anno scolasticogli agenti dell UPICS, in collaborazione con le altre Unità, tutelano la sicurezza degli studenti in prossimità degli attraversamenti pedonali più pericolosi. Alcuni di loro sono da anni impegnati nell attività di educazione stradale nelle scuole della città. L attività presso le scuole Gli agenti dell UPICS Ma non solo... Gli agenti di questa Unità: Il personale di questa unità ha una formazione professionale specifica sull utilizzo di strumenti di difesa in situazioni particolarmente rischiose per la propria e l altrui incolumità fisica. garantiscono una circolazione stradale il più possibile sicura e fluida, anche in presenza di manifestazioni, di cantieri stradali o altre situazioni di possibile disagio per la viabilità; intervengono, insieme agli operatori dell unità infortunistica, in caso di incidenti stradali; offrono il primissimo aiuto alle persone coinvolte in sinistri stradali; garantiscono agli operatori sanitari ed ai Vigili del Fuoco la possibilità di prestare soccorso in condizioni di sicurezza. Gli agenti svolgono il proprio servizio con l ausilio di motociclette e di autovetture. L unità, inoltre, è dotata di apparecchiature quali telelaser, autovelox, etilometri (detti anche pre-test). Dispone, inoltre, di un ufficio mobile e di un furgone dotato di tutte le strumentazioni necessarie per eventuali interventi di viabilità, e non solo. Le apparecchiature strumentali 485 TEST ETILOMETRICI ESEGUITI A SEGUITO DI INCIDENTE STRADALE NEL 2007, 914 NEL CONDUCENTI SOTTOPOSTI A TEST ALCOL / STUPEFACENTI NEL 2007, 1159 NEL 2008 Per richiedere il pronto intervento: Tel

6 I SERVIZI DI POLIZIA STRADALE I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA CANTIERI La sicurezza in strada L Unità Cantieri si occupa principalmente della sicurezza e della fluidità della circolazione stradale in presenza di occupazioni temporanee della sede stradale dovute a cantieri edili (ponteggi, gru, spazi di sosta riservati ai mezzi delle imprese), stradali (lavorazioni che interessano direttamente la sede stradale) o a brevi occupazioni di suolo pubblico (traslochi). 840 CANTIERI AUTORIZZATI NEL 2007, 870 NEL 2008 Gli addetti all Unità valutano ogni possibile rischio per la circolazione stradale dovuto all occupazione della sede stradale, definiscono gli interventi necessari a garantire la sicurezza di tutti gli utenti della strada (apposita segnaletica stradale, delimitazione dell area, modifica della circolazione stradale, segnaletica notturna luminosa, ecc..) e, successivamente, verificano il rispetto delle prescrizioni da parte dei responsabili dei cantieri. L Giudiziaria si occupa di quei fatti penalmente perseguibili per i quali la Polizia Municipale riceve denunce e/o querele presentate dai cittadini, oppure, di cui viene a conoscenza attraverso lo svolgimento delle proprie funzioni. Cura, inoltre, la notifica degli atti giudiziari. Gli addetti all Giudiziaria ricevono le querele e le denunce da parte di privati cittadini per presunti reati e svolgono una prima attività investigativa. Provvedono poi ad inoltrare la notizia di reato alla Autorità Giudiziaria. 342 comunicazioni di notizia di reato inoltrate all Autorità Giudiziaria nel 2007, 188 nel denunce/querele presentate da privati nel 2007, 345 nel 2008 POLIZIA GIUDIZIARIA La ricezione delle denunce La sicurezza nei cantieri L Unità Cantieri svolge anche un azione di prevenzione e repressione dei comportamenti che violano le norme di sicurezza sui luoghi di lavoro, controllando i cantieri, verificando il possesso delle autorizzazioni e dei permessi necessari, eseguendo sopralluoghi e verifiche nei cantieri edili. La sicurezza nei cantieri Di propria iniziativa o per delega dell Autorità Giudiziaria svolgono indagini di polizia giudiziaria volte ad assicurare l azione penale e la ricerca dei colpevoli. L attività investigativa Unità Cantieri Tel Giudiziaria Tel

7 I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA POLIZIA COMMERCIALE L Commerciale esercita il controllo sul commercio fisso e ambulante. L Ambientale si occupa di vigilare sull applicazione delle leggi a tutela dell ambiente e della sua salubrità, intervenendo per combattere ogni forma di inquinamento, in particolare da rifiuti, atmosferico, acustico, elettromagnetico, idrico. Fra le numerose funzioni svolte dagli agenti vi è anche quella di vigilare sul benessere degli animali e contrastare il fenomeno dell abbandono, dei maltrattamenti e dello sfruttamento. POLIZIA AMBIENTALE Il contrasto al commercio abusivo L Commerciale svolge accertamenti sulle licenze, sulle autorizzazioni e sulle concessioni necessarie allo svolgimento delle attività commerciali, sulle iscrizioni nei pubblici registri e, in genere, su tutte quelle attività che necessitano di autorizzazione. In questo modo garantisce il rispetto delle norme in materia di commercio e attività produttive e contrasta l insorgere di attività commerciali abusive. 222 pratiche evase nel 2007, 285 nel sanzioni amministrative nel 2007, 48 nel indagini nel 2007, 267 nel 2008 Il rispetto della quiete pubblica 603 controlli su commercio e attività produttive nel 2007, 606 nel 2008 Il personale dell unità di polizia commerciale verifica anche il rispetto degli orari di chiusura dei locali, con specifici servizi notturni per garantire il rispetto della quiete. Il lavoro svolto dall Unità va dal controllo sulla strada per contrastare il fenomeno delle costruzioni abusive, al controllo nei cantieri per garantirne la sicurezza; dalle verifiche nelle abitazioni dei cittadini per assicurare il rispetto del Regolamento di Polizia Municipale in materia di verde (giardini, parchi e orti privati) e di custodia degli animali, alla salvaguardia dell ambiente rurale. Commerciale Tel Ambientale Tel

8 INFORTUNISTICA L Ufficio Infortunistica I rapporti con le altre istituzioni Unità Infortunistica Tel I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA L Unità Infortunistica si occupa della rilevazione degli incidenti stradali che avvengono nel territorio del comune di Cremona e delle conseguenti attività amministrative e di polizia giudiziaria. Gli agenti di questa Unità intervengono direttamente sul luogo dell incidente per ricostruire, attraverso i rilievi e la raccolta di informazioni, la dinamica del sinistro e accertare eventuali responsabilità. 787 INCIDENTI RILEVATI NEL 2007, 677 NEL VIOLAZIONI ACCERTATE PER INCIDENTI NEL 2007, 463 NEL 2008 L Unità Infortunistica svolge la propria attività non solo in strada, ma anche presso l Ufficio Infortunistica dove riceve il pubblico (persone coinvolte nel sinistro - testimoni - legali ed incaricati dalle assicurazioni). Se necessario, attraverso ulteriori indagini più approfondite e sofisticate, completa gli accertamenti utili a giungere ad una ricostruzione dell accaduto. Ogni incidente rilevato, o per il quale è intervenuta la Polizia Municipale, viene registrato attraverso un sistema informatico che memorizza tutte le informazioni relative al sinistro (luogo, causa, modalità e dinamica, persone coinvolte ed eventuali lesioni riportate) e consente l elaborazione statistica dei dati e la georeferenziazione degli incidenti. Questa complessa attività di analisi e monitoraggio degli incidenti stradali sul territorio permette di individuare eventuali cause ricorrenti di incidenti o di circolazione difficile e pericolosa, e di poter così intervenire per eliminarle, ove possibile, o ridurle, favorendo così la prevenzione. L Unità si rapporta con Motorizzazione Civile, Ufficio Territoriale di Governo - Prefettura di Cremona e gli Uffici del Giudice di Pace. Provve, inoltre, ad inviare le statistiche all ISTAT, a Regione Lombardia, alla Provincia di Cremona, alla Prefettura di Cremona, alla Polizia Stradale e settore Mobilità, Traffico e Trasporti del Comune di Cremona. 695 accessi agli atti curati dall ufficio nel 2007, 817 nel 2008 SERVIZI DI STAFF E ORGANIZZAZIONE L Unità Centrale Operativa si occupa della gestione di tutte le segnalazioni che necessitano di pronto intervento: protezione civile (inquinamento dell aria, dell acqua, del suolo e acustico, verifica stabilità di edifici, scoppi, incendi, crolli, allagamenti, calamità naturali (alluvioni, terremoti ecc.) soccorso al cittadino (decesso, persone colte da malore, smarrite, smemorate o bisognose d aiuto) atti di microcriminalità (scippo o furto di veicoli molestie a persone (raggiri, molestie sessuali ecc.) viabilità circolazione stradale, rilievo e soccorso per incidenti stradali, intralcio alla circolazione per cantieri stradali, rilievo e soccorso stradale per incidenti, segnaletica irregolare, mancante o danneggiata, guasti semaforici o stradali ordinanze relative a trattamenti (e accertamenti) sanitari obbligatori effettuati a persone residenti sul territorio di cremona contatti nel 2007, nel interventi rilevati con l attività di videosorveglianza nel 2007, 190 nel 2008 Riceve, inoltre, le segnalazioni relative a danneggiamenti del verde pubblico e arredo ambientale, irregolarità di svolgimento di attività edilizia o commerciale, insediamenti abusivi (commercio ambulante, nomadismo ecc.), maltrattamento o abbandono di animali. La centrale operativa gestisce anche il sistema di video sorveglianza cittadino composto attualmente da circa una quarantina di telecamere. CENTRALE OPERATIVA Centrale Operativa Tel Pronto Intervento Tel

9 SERVIZI DI STAFF E ORGANIZZAZIONE SERVIZI DI SEGRETERIA E AUTORIZZAZIONE GESTIONE DEL PERSONALE L Unità Gestione del Personale si occupa dell organizzazione dei turni di servizio del personale di Polizia Municipale e provvede agli adempimenti relativi alla sicurezza sul luogo di lavoro e alla formazione del personale. L Unità svolge un ruolo importante nell organizzazione delle manifestazioni e degli eventi pubblici in stretta collaborazione con l Ufficio Autorizzazioni, attraverso l organizzazione dei servizi di controllo del territorio. L Ufficio Segreteria si occupa della gestione amministrativa e logistica della struttura, della segreteria del comandante, dell assessorato alla sicurezza e Polizia Municipale e dell Ufficio Sicurezza Urbana.Svolge inoltre una funzione di coordinamento riguardo all accesso agli atti da parte dei cittadini, alla gestione degli esposti (proposte e/o segnalazioni scritte) inoltrati al Comandante e inerenti il Codice della Strada, il Regolamento di Polizia Municipale, la tutela degli animali, la regolarità edilizia e i danni ambientali. SEGRETERIA Unità Segreteria Tel L Ufficio Autorizzazioni partecipa all organizzazione degli eventi cittadini provvedendo alla redazione delle ordinanze e delle autorizzazioni in materia di circolazione stradale necessarie al loro svolgimento. Inoltre si occupa del rilascio di: nulla osta al transito di veicoli/trasporti eccezionali sulla rete viaria comunale, a seguito di richiesta dell Amministrazione Provinciale competente del rilascio dell autorizzazione definitiva; nulla osta alla circolazione di carrelli elevatori su area pubblica a seguito di richiesta del cittadino, da inviare anche alla Motorizzazione Civile competente del rilascio dell autorizzazione definitiva. L ufficio gestisce il registro di immatricolazione dei veicoli a trazione animale e si occupa del rilascio delle targhe per questo tipo di veicolo. UFFICIO AUTORIZZAZIONI Ufficio Autorizzazioni Tel

10 SERVIZI CONTRAVVENZIONI E CONTENZIOSO CONTRAVVENZIONI All Unità Contravvenzioni fanno capo: L Ufficio Contravvenzioni/Centro Elaborazione Dati l Ufficio Contenzioso/Ricorsi l Ufficio Varchi Z.T.L. L Unità si occupa della gestione di ogni procedura legata all attività di accertamento delle sanzioni, alla gestione dei veicoli sequestrati e fermati, alla gestione dei ricorsi davanti al Giudice di Pace o al Prefetto. L Ufficio Varchi, in particolare, si occupa dell accertamento delle violazioni rilevate elettronicamente all ingresso della ZTL cittadina. Unità Contravvenzioni/ CED Tel Tel Ricorsi Tel Ufficio Varchi Tel

11 Ufficio Territorio Unità Pronto Intervento e Controllo Stradale Unità Cantieri Giudiziaria Commerciale Ambientale Unità Infortunistica Centrale Operativa Unità Contravvenzioni Unità Segreteria Ufficio Autorizzazioni Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Roberto Ferrari Tel Fax orario: da lunedì a venerdì: Mercoledì: Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Luigi Ramponi Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Nicola Bruneri Tel Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle alle Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Fabio Germanà Ballarino Tel Fax orario: l ufficio riceve solo su appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Fabio Germanà Ballarino Tel Fax orario: l ufficio riceve solo su appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Davide Spotti Tel Fax orario: l ufficio riceve solo su appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Gabriele Denti Tel Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30; il mercoledì dalle 8.30 alle Gli operatori professionali possono rivolgersi all ufficio solo il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle oppure previo appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Luigi Maurizio Orlandi Tel (pronto intervento) (centrale operativa) - Fax orario: dal lunedì alla domenica dalle 0.00 alle Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Giorgio Bodini Tel (CED) (ricorsi) (ufficio Varchi) - Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30; il mercoledì dalle 8.30 alle Ufficiale responsabile: Comandante Franco Chiari Tel Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30; il mercoledì dalle 8.30 alle Ufficiale responsabile: Comandante Franco Chiari Tel Fax A cura del Servizio Comunicazione del Comune di Cremona Stampa: Antares Società Cooperativa Sociale Onlus Maggio 2009 Progetto grafico:

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 DATI SULL ATTIVITA' DEL SERVIZIO NELL ANNO 2012 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...5 SINISTRI STRADALI...6 VIOLAZIONI AMMINISTRATIVE...7 ACCERTAMENTI ANAGRAFICI

Dettagli

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE

CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE CITTA' DI CASTENASO POLIZIA MUNICIPALE L ATTIVITA' DELLA POLIZIA MUNICIPALE NELL ANNO 2014 1 SOMMARIO: ORGANIZZAZIONE E SERVIZI...3 LA POLIZIA MUNICIPALE...4 SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE...4 INFORTUNISTICA

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI

DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI PROGRAMMA N. Area VIGILANZA Responsabile Domenico Tenca Ufficio Polizia Locale Viabilità Autorizzazioni al transito e alla sosta annuali e temporanei Autorizzazioni portatori di handicap Autorizzazioni

Dettagli

501 - POLIZIA MUNICIPALE

501 - POLIZIA MUNICIPALE 501 - POLIZIA MUNICIPALE A A POLIZIA STRADALE Bisogno: Prevenzione e repressione in materia di circolazione stradale. Regolazione del traffico, presidio punti scuola e assistenza manifestazioni. Rilevazione

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE SULL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE SVOLTA NEL 2013 RGANIZZAZIONE DEL CORPO La ricorrenza del nostro Santo Patrono, San Sebastiano, costituisce anche l'occasione

Dettagli

COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GENOVA CORPO POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE SULL ATTIVITÀ ISTITUZIONALE SVOLTA NEL 2012 RGANIZZAZIONE DEL CORPO La ricorrenza del nostro Santo Patrono, San Sebastiano, costituisce anche l'occasione

Dettagli

INTERVENTI DI POLIZIA STRADALE

INTERVENTI DI POLIZIA STRADALE 1 L ATTIVITA DELLA POLIZIA MUNICIPALE Nel corso di quest ultimo anno notevole è stato l impegno della Polizia Municipale di Livorno che, operando in molteplici ambiti di competenza, ha contribuito a garantire

Dettagli

COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE 1 COMUNE DI GELA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE CARTA DEI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI GELA. Introduzione. PREMESSA

Dettagli

AT-392/8.1 AT-392/8.2

AT-392/8.1 AT-392/8.2 AT-392/8.1 AT-392/8.2 AT-392/8.3 AT-392/8.4 AT-392/8.5 AT-392/8.6 AT-392/8.7 AT-392/8.8 AT-392/8.9 ECONOMATO - N schede economali aperte Viene rilevato il numero complessivo di schede economali aperte

Dettagli

Comune di Cagliari CORPO POLIZIA MUNICIPALE

Comune di Cagliari CORPO POLIZIA MUNICIPALE CENTRO RADIO OPERATIVO TELECOMUNICAZIONI COMUNICAZIONI RADIO RICHIESTA INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI VARIE 30112 31080 30345 RICHIESTE ACCERTAMENTI 15002 13050 11507 RICHIESTE INTERVENTO AUTOGRÙ 20201 18122

Dettagli

3.7 La Città per la sicurezza

3.7 La Città per la sicurezza 3.7 La Città per la sicurezza 3.7.1 Gli obiettivi di mandato «Vogliamo una città aperta perché libera e sicura, una città dove la sicurezza non sia rappresentata solo dal controllo del territorio esercitato

Dettagli

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare SCHEDA N 16 CENTRO DI RESPONSABILITA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE RESPONSABILE GIAN LUIGI BERNARDI PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Centro di costo e ricavo SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

LE AREE DI INTERVENTO

LE AREE DI INTERVENTO ATTIVITA ANNO 2013 LE AREE DI INTERVENTO SICUREZZA URBANA SICUREZZA STRADALE SICUREZZA DEL TERRITORIO SICUREZZA DEI CONSUMATORI e DEI LAVORATORI. IL CORPO della POLIZIA LOCALE 113 OPERATORI (-1 ) FRA CUI:

Dettagli

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Ai sensi della L. 7 marzo 1986 n. 65, il Comandante è il responsabile tecnico- operativo dei servizi del Corpo. Ad egli compete la direzione, l'organizzazione e l'addestramento degli appartenenti al Corpo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO SETTORE 3 Polizia Locale SETTORE 3 POLIZIA LOCALE RESPONSABILE: Galbusera Gabriele CENTRO DI RESPONSABILITA UFFICIO POLIZIA LOCALE La Polizia Locale agisce quotidianamente con attività di prevenzione e

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1

POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 POLIZIA MUNICIPALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2010 1 ATTIVITA UNITA SEGRETERIA NOTIFICHE - CONTENZIOSO CODICE DELLA STRADA 2009 2010 VIOLAZIONI ACCERTATE 16.292 16.721 DIVIETI DI SOSTA 15.784 15.679 PARCHEGGI

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2011 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO PATTO PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO La Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo e l Amministrazione Comunale di Grosseto VISTE le direttive e le linee

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

I nsieme per la C ittà. Polizia Municipale di Imola

I nsieme per la C ittà. Polizia Municipale di Imola I nsieme per la C ittà Polizia Municipale di Imola La Polizia Municipale di Imola cambia sede. Dopo oltre 20 anni si trasferisce dalla sede storica di via Mentana al complesso Sante Zennaro. Nella nuova

Dettagli

Comune 06/9703364 solo attività Polizia Locale 06/32090569 comune@gavigano.rm.gov.it comunegavigano@interfreepec.it

Comune 06/9703364 solo attività Polizia Locale 06/32090569 comune@gavigano.rm.gov.it comunegavigano@interfreepec.it Uffici Comunali Polizia Locale Area: Polizia Locale Responsabile U.O. Ten Campana Alessandro Sede Via Padre Angelo Cerbara,80 06/069703033 dal Lunedi al Venerdi 08,00-12,00 Comune 06/9703364 solo attività

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.2008) CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento

Dettagli

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE

Generated by Foxit PDF Creator Foxit Software http://www.foxitsoftware.com For evaluation only. COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2010 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE. Carta dei Servizi

POLIZIA MUNICIPALE. Carta dei Servizi COMUNE DI SALERNO POLIZIA MUNICIPALE Carta dei Servizi Guida ai servizi della Polizia Municipale Presentazione La Polizia Municipale sta affrontando negli ultimi anni un percorso per il miglioramento della

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE

COMUNE DI ROMANO CANAVESE COMUNE DI ROMANO CANAVESE Provincia di Torino Piazza Ruggia n.1 C.A.P. 10090 Tel. 0125-713045- 637717 Fax 0125 714107 Codice fiscale: 84003030016 Partita Iva 02387680016 SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Composizione Corpo di Polizia Municipale di Andria

Composizione Corpo di Polizia Municipale di Andria Composizione Corpo di Polizia Municipale di Andria Comandante del Corpo Dirigente del Settore Vigilanza e Protezione Civile Nr.6 Ufficiali Nr.16 Sottufficiali Nr.23 Assistenti Nr. 35 Agenti Nr. 1 Istruttore

Dettagli

Comune di Castiglione della Pescaia (Provincia di Grosseto)

Comune di Castiglione della Pescaia (Provincia di Grosseto) Numero di telefono del centralino della Polizia Municipale: 0564927251 Numero di fax della Polizia Municipale: 0564927173 Indirizzo: Strada Provinciale n 3 del Padule, km 19,00 58043 Castiglione della

Dettagli

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 27.08.2014 1 CAPO

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

INDICE. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

INDICE. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 38 del 19 settembre 2008) CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

C O M U N E D I C A P R I O L O

C O M U N E D I C A P R I O L O C O M U N E D I C A P R I O L O (provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 01.06.2012

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Determinazione Organizzativa n. 78

Determinazione Organizzativa n. 78 Classificazione: N - 20150000003 Polizia Municipale Servizio Polizia Municipale Arezzo, 20/02/2015 Determinazione Organizzativa n. 78 OGGETTO : MODIFICA DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL CORPO DELLA POLIZIA

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 INDICE CAPO I... 3 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO.

COMUNE DI RIVELLO. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. COMUNE DI RIVELLO Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI RIVELLO. Approvato con deliberazione di C.C. n. 24/2013 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PONTECAGNANO FAIANO. Carta dei Servizi della Polizia Municipale

PONTECAGNANO FAIANO. Carta dei Servizi della Polizia Municipale PONTECAGNANO FAIANO Carta dei Servizi della Polizia Municipale Introduzione INDICE PREMESSA Cos è la Carta e come funziona I principi fondamentali I nostri obiettivi IMPEGNI E GARANZIE Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

Carta dei servizi della Polizia Municipale

Carta dei servizi della Polizia Municipale Carta dei servizi della Polizia Municipale EUROPÄISCHE UNION Europäischer Sozialfonds Autonome Provinz Bozen - Südtirol Ufficio di Polizia Municipale UNIONE EUROPEA Fondo sociale europeo Provincia Autonoma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera C.C. 55 del 10/11/2008) INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3

Dettagli

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI

CERVIA CITTA SICURA. Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI CERVIA CITTA SICURA Periodo gennaio settembre 2014 SERVIZIO CENTRALE OPERATIVA - VERBALI controlli effettuati per segnalazioni ricevute 3227 veicoli fermati e sottoposti a controllo 1686 posti di controllo

Dettagli

DATI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE

DATI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE C U R R I C U L U M V I T A E DATI PERSONALI Guido Fabio ALLAIS, nato a Milano il 10 marzo 1966 ESPERIENZE LAVORATIVE Dal 4 marzo 2010 Comandante del Corpo di polizia locale di San Donato Milanese in posizione

Dettagli

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini. Indirizzo di posta elettronica: vigilanza@comunetossicia.gov.it

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini. Indirizzo di posta elettronica: vigilanza@comunetossicia.gov.it L'uffico svolge le seguenti funzioni: Viabilità e infortunistica - Vigilanza - Polizia - Commercio - Licenze e autorizzazioni - Fiere e mercati - Randagismo Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini Indirizzo

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TRISSINO (Approvato con deliberazione di C.C. N 42 del 20.12.2011) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CASARGO PROVINCIA DI LECCO Via Roma N.1/A 23831 Casargo (LC) Tel. 0341/840.123 Fax 0341/840.673 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA Testo approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 08/02/2010 Regolamento di Videosorveglianza Capo Primo Principi Generali art. 1 finalità e definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

Struttura responsabile: Reparto Segreteria Organizzazione e Programmazione Sala Operativa

Struttura responsabile: Reparto Segreteria Organizzazione e Programmazione Sala Operativa Ambito del Rischio: Videosorveglianza e viabilità Tipologia Procedimento: Carico e scarico delle immagini dal sistema di videosorveglianza Città Sicura, l archiviazione delle stesse e la loro gestione

Dettagli

SETTORE POLIZIA LOCALE

SETTORE POLIZIA LOCALE SETTORE POLIZIA LOCALE UFFICIO AUTORIZZAZIONI PER MANIFESTAZIONI DI PUBBLICO SPETTACOLO UFFICIO AUTORIZZAZIONI E CONCESSIONI STRADALI UFFICIO CASSA E VERBALI SERVIZIO COMANDO: UFFICIO RILASCIO AUTORIZZAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

2.1.8 Legalità e sicurezza

2.1.8 Legalità e sicurezza 2.1.8 Legalità e sicurezza Legalità e sicurezza Le attività finalizzate a garantire la sicurezza urbana e la civile convivenza tra i cittadini sono svolte da: Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale al

Dettagli

LA POLIZIA MUNICIPALE DI CASTENASO Relazione sull attività svolta nell anno 2010

LA POLIZIA MUNICIPALE DI CASTENASO Relazione sull attività svolta nell anno 2010 LA POLIZIA MUNICIPALE DI CASTENASO Relazione sull attività svolta nell anno 2010 La Polizia Municipale costituisce oggi uno dei più efficaci strumenti per garantire quotidianamente il rispetto autentico

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SENIGALLIA POLIZIA MUNICIPALE RESOCONTO DELL ATTIVITA OPERATIVA SVOLTA NELL ANNO 2009 RESOCONTO ATTIVITA SVOLTA IN MATERIA DI POLIZIA STRADALE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO DELLE VIOLAZIONI TOTALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 62 del 6.11.2008 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Report di Gestione e Performance. dal 1.05.2014 al 31.08.2014

Report di Gestione e Performance. dal 1.05.2014 al 31.08.2014 C O M U N E DI R O T T O F R E N O PROVINCIA DI PIACENZA POIZIA MUNICIPAE Report di Gestione e Performance dal 1.05.2014 al 31.08.2014 Macroaree Obiettivi Ordinari Azioni 1. POIZIA MUNICIPAE ATTIVITA ESTERNA

Dettagli

APS_1. Attrezzature e Servizi per la sicurezza Carabinieri. Carabinieri - pronto intervento 112 Regione Carabinieri Lombardia Comando Compagnia Crema

APS_1. Attrezzature e Servizi per la sicurezza Carabinieri. Carabinieri - pronto intervento 112 Regione Carabinieri Lombardia Comando Compagnia Crema APS_1 Carabinieri Catastale: foglio: 45 Carabinieri - pronto intervento 112 Regione Carabinieri Lombardia Comando Compagnia Crema Via Macalle', 11 tel: 0373 893700 Crema Sud mappale: 689-690 Superficie

Dettagli

La gestione della Polizia Locale in forma associata. A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L.

La gestione della Polizia Locale in forma associata. A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L. tra i comuni di Dolo, Fiesso d Artico e Fossò (VE) La gestione della Polizia Locale in forma associata A cura di: Alberto Baratto, Comandante P.L. Costituzione dell unione Difficoltà dei Comuni Deficit

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di VIDRACCO Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 15 in data 29.4.2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti

Volontariato Brescia ONLUS I SERVIZI. partecipazione alle spese per i danni subiti Associazione di volontariato ASSOARMA Croce Rossa Italiana Comitato locale di Brescia Volontariato Brescia ONLUS Associazione Nazionale Terza Età Attiva per la Solidarietà Comune di Brescia SETTORE SICUREZZA

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RETE PER LA SICUREZZA E LA QUALITA DELLA VITA tra la Prefettura di Pesaro e Urbino, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Pesaro, Urbino, Fano. Il Prefetto di Pesaro e

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA 195 196 15. SICUREZZA Progetto 15.1 Polizia Municipale Le attività della Polizia Municipale sono rivolte ad affermare e mantenere la legalità nella società civile, attraverso

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI del Reparto Contravvenzioni della Polizia Municipale Anno 2012

CARTA DEI SERVIZI del Reparto Contravvenzioni della Polizia Municipale Anno 2012 Delibera n. 22/2012 CARTA DEI SERVIZI del Reparto Contravvenzioni della Polizia Municipale Anno 2012 PREMESSE GENERALI Reparto Contravvenzioni Polizia Municipale Via di Francia 1 16149 GENOVA Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL PROGETTO SICUREZZA INTEGRATA PREFETTURA DI CASERTA

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL PROGETTO SICUREZZA INTEGRATA PREFETTURA DI CASERTA RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA SUL PROGETTO SICUREZZA INTEGRATA PREFETTURA DI CASERTA Il percorso che oggi stiamo avviando vuole costituire un momento di discontinuità

Dettagli