CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE"

Transcript

1 CHI SIAMO GUIDA AI SERVIZI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

2 In questi ultimi dieci anni profondi mutamenti sociali, culturali ed economici hanno ridisegnato l architettura della nostra città, la composizione della comunità che la abita, il modo di concepire il tempo e lo spazio, di costruire e di intrattenere le relazioni tra le persone. Lo spazio urbano si è esteso, la vita sociale è diventata più rapida e convulsa: hanno fatto la loro comparsa comportamenti negativi che generano, in chi li osserva, disagio e inquietudine: fretta, maleducazione, inciviltà, intolleranza, arroganza, violazione delle norme del vivere civile. In questo contesto diviene, dunque, importante far incontrare e conoscere ai cittadini cremonesi chi, ogni giorno, si fa carico di garantire il rispetto delle regole del vivere civile, a chi si possono rivolgere in caso di difficoltà, chi è chiamato a proteggerli. Doveroso spiegare chi è la Polizia Municipale e quali sono le sue numerose e delicate mansioni. Questa guida vuole essere un modo per dialogare con i cittadini e per essere vicini ai loro bisogni; uno strumento per illustrare le attività svolte dalle diverse unità di Polizia Municipale, per facilitare, attraverso recapiti telefonici e indirizzi di posta elettronica, l accesso da parte dei cittadini ai differenti servizi di Polizia Municipale, per rafforzare il legame tra Cremona ed i suoi vigili. Perché i vigili, troppo spesso ricordati come quelli che se lasci per un attimo l auto in doppia fila ti fanno la multa, sono in realtà coloro che, con professionalità e preparazione, affrontano le problematiche della sicurezza e della convivenza sociale. Ogni giorno gli agenti di Polizia Municipale regolano il traffico, contrastano i comportamenti di guida rischiosi, tutelano i consumatori e garantiscono il rispetto delle regole del commercio, tutelano l ambiente, controllano lo sviluppo edilizio e contrastano l abusivismo, presidiano lo spazio pubblico per garantire sicurezza nelle città e nel territorio. Ogni giorno la Polizia Municipale svolge la propria specifica funzione di regolatore della vita sociale. Una funzione complessa che fa della Polizia Municipale il principale strumento ordinario di regolazione e rassicurazione di ciò che avviene nello spazio pubblico delle città, una risorsa fondamentale delle politiche di miglioramento della sicurezza urbana. Comandante di Polizia Municipale FRANCO CHIARI Assessore alla Sicurezza e Polizia Municipale CIRIACO SORRENTINO 3

3 LA POLIZIA MUNICIPALE NEGLI ULTIMI 10 ANNI Il 1999 è stato un anno particolarmente significativo nella storia della Polizia Municipale del Comune di Cremona, perché è l anno in cui, senza rinunciare al ruolo istituzionale di controllo del territorio e di contrasto delle illegittimità, ha iniziato a sperimentare, soprattutto nelle periferie, un diverso servizio di presidio del territorio basato sulla prossimità, sulla vicinanza al cittadino. Nel 2001, dopo un importante intervento di riqualificazione, il comando di Polizia Municipale è stato trasferito nella nuova sede, in una posizione favorevole e adeguata rispetto alle moderne necessità di gestione del servizio, dotata di spazi ampi e tecnologicamente avanzati. La sede La polizia di prossimità I corsi di formazione La presenza della Polizia Municipale sul territorio si è ampliata ed è diventata più qualificata, anche grazie ad una nuova figura di agente di Polizia Municipale, più vicino ai cittadini, attento all ascolto delle loro esigenze e dei loro problemi, in grado di costruire una rete sociale basata sulla fiducia reciproca, con particolare attenzione al coinvolgimento di giovani e anziani. Il cambiamento culturale e organizzativo è stato reso possibile anche grazie all ampia attività di formazione professionale dedicata agli agenti e agli ufficiali di Polizia Municipale su tanti temi: Codice della Strada reati e attività di polizia giudiziaria falsificazione dei documenti tecniche operative cantieristica ed infortuni commercio e pubblici esercizi pronto soccorso sicurezza urbana NBCR (nucleare, batteriologico, chimico e radioattivo) abusi edilizi e violazioni paesaggistiche mediazione e gestione dei conflitti informatica minori e devianze minorili abuso sessuale e maltrattamento di minori immigrazione ed intercultura La Polizia Municipale ha inoltre intrapreso un percorso di miglioramento dell efficienza dei servizi di pronto intervento, di polizia stradale e di polizia giudiziaria, che ha portato a potenziare e ammodernare gli strumenti a disposizione: veicoli, sistema di comunicazione radio, nuova centrale operativa, sistema di videosorveglianza con collegamento alle centrali operative di Polizia di Stato e Carabinieri. Il 2006 e il 2008 sono altre due date particolarmente importanti del processo di trasformazione del corpo di Polizia Municipale, per la crescente attenzione dedicata dall Amministrazione comunale alla questione sicurezza. Nel 2006 è stato istituito l Ufficio Sicurezza Urbana, regia complessiva dei progetti e delle attività riconducibili alla sicurezza urbana, ed è stato incrementato il personale di Polizia Municipale con l assunzione a tempo determinato di alcuni nuovi agenti. Nel 2008, per rispondere alla maggiore richiesta di sicurezza dei cittadini, l Amministrazione comunale, dando attuazione al Pacchetto Sicurezza del Sindaco, ha potenziato ulteriormente il Corpo di Polizia Municipale con l assunzione a tempo indeterminato di 24 nuovi agenti da destinare all attività di prevenzione e di presidio del territorio. I mezzi e le dotazioni strumentali L Ufficio Sicurezza Urbana e i nuovi agenti 4 5

4 POLIZIA DI PROSSIMITÀ I vigili di quartiere Le azioni I SERVIZI DI POLIZIA DEL TERRITORIO Nati alla fine degli anni 90 come riposta ad una nuova e mutata sensibilità in tema di sicurezza, i servizi di polizia del territorio rappresentano l esperienza cremonese di polizia di prossimità. Questi servizi realizzano una nuova modalità di controllo del territorio, caratterizzata dalla vicinanza dei vigili di quartiere ai cittadini e ai loro bisogni di sicurezza. Un approccio che consente una conoscenza puntuale della realtà locale e che offre l opportunità di anticipare problemi e di intervenire in modo tempestivo e mirato rispetto ai reali bisogni della comunità. I vigili di quartiere controllano e presidiano le zone loro assegnate, spesso con servizi di pattuglia a piedi, e svolgono tutte quelle attività che favoriscono il contatto e la conoscenza della comunità: controllo del territorio, accertamenti delle residenze anagrafiche, verifiche presso gli esercizi commerciali, servizi presso la scuola, raccolta delle segnalazioni dei residenti, accertamenti delle violazioni del Codice della Strada. Le azioni di polizia di prossimità prevedono: Lavoro di rete: collaborazione con i settori comunali, le Forze dell ordine, i soggetti esterni e i cittadini per la definizione degli interventi. Diagnosi della sicurezza del territorio: raccolta di dati e di informazioni utili ad identificare i problemi e dare risposte mirate, elaborazione di documenti di zona quali strumenti per monitorare il livello di sicurezza dei quartieri della città. Presenza e visibilità sul territorio: presenza dei vigili di quartiere nelle zone centrali e periferiche della città per raccogliere segnalazioni, contattare i residenti, effettuare controlli. Vicinanza ai cittadini: contatto costante con i cittadini cremonesi, accoglienza e orientamento per i residenti stranieri, raccolta delle segnalazioni (presso l Ufficio Territorio e Unità Mobile). Analizzando i bisogni espressi dei residenti, l Ufficio di Sicurezza Urbana elabora documenti di zona che raccolgono, con un approccio scientifico, tutte le informazioni sulle risorse e le criticità del territorio interessato e possibili interventi risolutivi. I documenti di zona vengono condivisi e restituiti ai residenti dei quartieri. Attrezzato ad ufficio, l Unità Mobile funziona come punto di contatto e di incontro direttamente nelle zone di residenza, centrali e periferiche, e permette di raggiungere anche le persone con difficoltà di mobilità (anziani, ecc). L Unità Mobile, visibile e valido strumento di prevenzione di episodi microcriminali e violazioni amministrative, è presente nelle diverse zone con frequenza settimanale, in giorni e orari definiti. 436 presidi dell unita mobile e persone contattate nel 2007, 459 presidi e persone contattate nel 2008 Zaist - oratorio San Francesco ogni lunedì dalle 17 alle 19 Borgo - P.zza Ceccopieri ogni giovedì dalle 17 alle 19 Cambonino - P.zza Moro ogni venerdì dall1 7 alle 19 Po - Cristo Re ogni martedì dalle 17 alle 19 Galleria XXV APRILE ogni mercoledì e sabato dalle 9 alle 12 L Unità Mobile è presente anche negli altri quartieri cittadini, secondo le esigenze. È uno sportello rivolto ai cittadini cremonesi e ai residenti stranieri che desiderano esporre segnalazioni o che hanno bisogno di informazioni sui procedimenti amministrativi in corso sul territorio (accertamenti anagrafici, annonari, tributari, autentiche di firma, ecc). Obiettivo del servizio è creare un ulteriore punto di contatto tra la Polizia Municipale e i cittadini, offrendo un servizio giornaliero che si affianca alle attività di prossimità sul territorio. I documenti di zona 6 7 L Unità Mobile I presidi dell Unità Mobile ad orari e giorni fissi L Ufficio Territorio Ufficio Territorio e vigili di quartiere Tel

5 I SERVIZI DI POLIZIA STRADALE PRONTO INTERVENTO E CONTROLLO STRADALE (UPICS) L Unità Pronto Intervento e Controllo Stradale interviene in tutte quelle situazioni che richiedono un sollecito ed efficace intervento: azioni di polizia giudiziaria contrasto ad episodi di devianza e di microcriminalità identificazione di persone sospette controllo di stranieri nomadi tutela del patrimonio pubblico richieste di soccorso da parte di cittadini in difficoltà ausilio ad altre Forze dell ordine. Durante l anno scolasticogli agenti dell UPICS, in collaborazione con le altre Unità, tutelano la sicurezza degli studenti in prossimità degli attraversamenti pedonali più pericolosi. Alcuni di loro sono da anni impegnati nell attività di educazione stradale nelle scuole della città. L attività presso le scuole Gli agenti dell UPICS Ma non solo... Gli agenti di questa Unità: Il personale di questa unità ha una formazione professionale specifica sull utilizzo di strumenti di difesa in situazioni particolarmente rischiose per la propria e l altrui incolumità fisica. garantiscono una circolazione stradale il più possibile sicura e fluida, anche in presenza di manifestazioni, di cantieri stradali o altre situazioni di possibile disagio per la viabilità; intervengono, insieme agli operatori dell unità infortunistica, in caso di incidenti stradali; offrono il primissimo aiuto alle persone coinvolte in sinistri stradali; garantiscono agli operatori sanitari ed ai Vigili del Fuoco la possibilità di prestare soccorso in condizioni di sicurezza. Gli agenti svolgono il proprio servizio con l ausilio di motociclette e di autovetture. L unità, inoltre, è dotata di apparecchiature quali telelaser, autovelox, etilometri (detti anche pre-test). Dispone, inoltre, di un ufficio mobile e di un furgone dotato di tutte le strumentazioni necessarie per eventuali interventi di viabilità, e non solo. Le apparecchiature strumentali 485 TEST ETILOMETRICI ESEGUITI A SEGUITO DI INCIDENTE STRADALE NEL 2007, 914 NEL CONDUCENTI SOTTOPOSTI A TEST ALCOL / STUPEFACENTI NEL 2007, 1159 NEL 2008 Per richiedere il pronto intervento: Tel

6 I SERVIZI DI POLIZIA STRADALE I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA CANTIERI La sicurezza in strada L Unità Cantieri si occupa principalmente della sicurezza e della fluidità della circolazione stradale in presenza di occupazioni temporanee della sede stradale dovute a cantieri edili (ponteggi, gru, spazi di sosta riservati ai mezzi delle imprese), stradali (lavorazioni che interessano direttamente la sede stradale) o a brevi occupazioni di suolo pubblico (traslochi). 840 CANTIERI AUTORIZZATI NEL 2007, 870 NEL 2008 Gli addetti all Unità valutano ogni possibile rischio per la circolazione stradale dovuto all occupazione della sede stradale, definiscono gli interventi necessari a garantire la sicurezza di tutti gli utenti della strada (apposita segnaletica stradale, delimitazione dell area, modifica della circolazione stradale, segnaletica notturna luminosa, ecc..) e, successivamente, verificano il rispetto delle prescrizioni da parte dei responsabili dei cantieri. L Giudiziaria si occupa di quei fatti penalmente perseguibili per i quali la Polizia Municipale riceve denunce e/o querele presentate dai cittadini, oppure, di cui viene a conoscenza attraverso lo svolgimento delle proprie funzioni. Cura, inoltre, la notifica degli atti giudiziari. Gli addetti all Giudiziaria ricevono le querele e le denunce da parte di privati cittadini per presunti reati e svolgono una prima attività investigativa. Provvedono poi ad inoltrare la notizia di reato alla Autorità Giudiziaria. 342 comunicazioni di notizia di reato inoltrate all Autorità Giudiziaria nel 2007, 188 nel denunce/querele presentate da privati nel 2007, 345 nel 2008 POLIZIA GIUDIZIARIA La ricezione delle denunce La sicurezza nei cantieri L Unità Cantieri svolge anche un azione di prevenzione e repressione dei comportamenti che violano le norme di sicurezza sui luoghi di lavoro, controllando i cantieri, verificando il possesso delle autorizzazioni e dei permessi necessari, eseguendo sopralluoghi e verifiche nei cantieri edili. La sicurezza nei cantieri Di propria iniziativa o per delega dell Autorità Giudiziaria svolgono indagini di polizia giudiziaria volte ad assicurare l azione penale e la ricerca dei colpevoli. L attività investigativa Unità Cantieri Tel Giudiziaria Tel

7 I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA POLIZIA COMMERCIALE L Commerciale esercita il controllo sul commercio fisso e ambulante. L Ambientale si occupa di vigilare sull applicazione delle leggi a tutela dell ambiente e della sua salubrità, intervenendo per combattere ogni forma di inquinamento, in particolare da rifiuti, atmosferico, acustico, elettromagnetico, idrico. Fra le numerose funzioni svolte dagli agenti vi è anche quella di vigilare sul benessere degli animali e contrastare il fenomeno dell abbandono, dei maltrattamenti e dello sfruttamento. POLIZIA AMBIENTALE Il contrasto al commercio abusivo L Commerciale svolge accertamenti sulle licenze, sulle autorizzazioni e sulle concessioni necessarie allo svolgimento delle attività commerciali, sulle iscrizioni nei pubblici registri e, in genere, su tutte quelle attività che necessitano di autorizzazione. In questo modo garantisce il rispetto delle norme in materia di commercio e attività produttive e contrasta l insorgere di attività commerciali abusive. 222 pratiche evase nel 2007, 285 nel sanzioni amministrative nel 2007, 48 nel indagini nel 2007, 267 nel 2008 Il rispetto della quiete pubblica 603 controlli su commercio e attività produttive nel 2007, 606 nel 2008 Il personale dell unità di polizia commerciale verifica anche il rispetto degli orari di chiusura dei locali, con specifici servizi notturni per garantire il rispetto della quiete. Il lavoro svolto dall Unità va dal controllo sulla strada per contrastare il fenomeno delle costruzioni abusive, al controllo nei cantieri per garantirne la sicurezza; dalle verifiche nelle abitazioni dei cittadini per assicurare il rispetto del Regolamento di Polizia Municipale in materia di verde (giardini, parchi e orti privati) e di custodia degli animali, alla salvaguardia dell ambiente rurale. Commerciale Tel Ambientale Tel

8 INFORTUNISTICA L Ufficio Infortunistica I rapporti con le altre istituzioni Unità Infortunistica Tel I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA L Unità Infortunistica si occupa della rilevazione degli incidenti stradali che avvengono nel territorio del comune di Cremona e delle conseguenti attività amministrative e di polizia giudiziaria. Gli agenti di questa Unità intervengono direttamente sul luogo dell incidente per ricostruire, attraverso i rilievi e la raccolta di informazioni, la dinamica del sinistro e accertare eventuali responsabilità. 787 INCIDENTI RILEVATI NEL 2007, 677 NEL VIOLAZIONI ACCERTATE PER INCIDENTI NEL 2007, 463 NEL 2008 L Unità Infortunistica svolge la propria attività non solo in strada, ma anche presso l Ufficio Infortunistica dove riceve il pubblico (persone coinvolte nel sinistro - testimoni - legali ed incaricati dalle assicurazioni). Se necessario, attraverso ulteriori indagini più approfondite e sofisticate, completa gli accertamenti utili a giungere ad una ricostruzione dell accaduto. Ogni incidente rilevato, o per il quale è intervenuta la Polizia Municipale, viene registrato attraverso un sistema informatico che memorizza tutte le informazioni relative al sinistro (luogo, causa, modalità e dinamica, persone coinvolte ed eventuali lesioni riportate) e consente l elaborazione statistica dei dati e la georeferenziazione degli incidenti. Questa complessa attività di analisi e monitoraggio degli incidenti stradali sul territorio permette di individuare eventuali cause ricorrenti di incidenti o di circolazione difficile e pericolosa, e di poter così intervenire per eliminarle, ove possibile, o ridurle, favorendo così la prevenzione. L Unità si rapporta con Motorizzazione Civile, Ufficio Territoriale di Governo - Prefettura di Cremona e gli Uffici del Giudice di Pace. Provve, inoltre, ad inviare le statistiche all ISTAT, a Regione Lombardia, alla Provincia di Cremona, alla Prefettura di Cremona, alla Polizia Stradale e settore Mobilità, Traffico e Trasporti del Comune di Cremona. 695 accessi agli atti curati dall ufficio nel 2007, 817 nel 2008 SERVIZI DI STAFF E ORGANIZZAZIONE L Unità Centrale Operativa si occupa della gestione di tutte le segnalazioni che necessitano di pronto intervento: protezione civile (inquinamento dell aria, dell acqua, del suolo e acustico, verifica stabilità di edifici, scoppi, incendi, crolli, allagamenti, calamità naturali (alluvioni, terremoti ecc.) soccorso al cittadino (decesso, persone colte da malore, smarrite, smemorate o bisognose d aiuto) atti di microcriminalità (scippo o furto di veicoli molestie a persone (raggiri, molestie sessuali ecc.) viabilità circolazione stradale, rilievo e soccorso per incidenti stradali, intralcio alla circolazione per cantieri stradali, rilievo e soccorso stradale per incidenti, segnaletica irregolare, mancante o danneggiata, guasti semaforici o stradali ordinanze relative a trattamenti (e accertamenti) sanitari obbligatori effettuati a persone residenti sul territorio di cremona contatti nel 2007, nel interventi rilevati con l attività di videosorveglianza nel 2007, 190 nel 2008 Riceve, inoltre, le segnalazioni relative a danneggiamenti del verde pubblico e arredo ambientale, irregolarità di svolgimento di attività edilizia o commerciale, insediamenti abusivi (commercio ambulante, nomadismo ecc.), maltrattamento o abbandono di animali. La centrale operativa gestisce anche il sistema di video sorveglianza cittadino composto attualmente da circa una quarantina di telecamere. CENTRALE OPERATIVA Centrale Operativa Tel Pronto Intervento Tel

9 SERVIZI DI STAFF E ORGANIZZAZIONE SERVIZI DI SEGRETERIA E AUTORIZZAZIONE GESTIONE DEL PERSONALE L Unità Gestione del Personale si occupa dell organizzazione dei turni di servizio del personale di Polizia Municipale e provvede agli adempimenti relativi alla sicurezza sul luogo di lavoro e alla formazione del personale. L Unità svolge un ruolo importante nell organizzazione delle manifestazioni e degli eventi pubblici in stretta collaborazione con l Ufficio Autorizzazioni, attraverso l organizzazione dei servizi di controllo del territorio. L Ufficio Segreteria si occupa della gestione amministrativa e logistica della struttura, della segreteria del comandante, dell assessorato alla sicurezza e Polizia Municipale e dell Ufficio Sicurezza Urbana.Svolge inoltre una funzione di coordinamento riguardo all accesso agli atti da parte dei cittadini, alla gestione degli esposti (proposte e/o segnalazioni scritte) inoltrati al Comandante e inerenti il Codice della Strada, il Regolamento di Polizia Municipale, la tutela degli animali, la regolarità edilizia e i danni ambientali. SEGRETERIA Unità Segreteria Tel L Ufficio Autorizzazioni partecipa all organizzazione degli eventi cittadini provvedendo alla redazione delle ordinanze e delle autorizzazioni in materia di circolazione stradale necessarie al loro svolgimento. Inoltre si occupa del rilascio di: nulla osta al transito di veicoli/trasporti eccezionali sulla rete viaria comunale, a seguito di richiesta dell Amministrazione Provinciale competente del rilascio dell autorizzazione definitiva; nulla osta alla circolazione di carrelli elevatori su area pubblica a seguito di richiesta del cittadino, da inviare anche alla Motorizzazione Civile competente del rilascio dell autorizzazione definitiva. L ufficio gestisce il registro di immatricolazione dei veicoli a trazione animale e si occupa del rilascio delle targhe per questo tipo di veicolo. UFFICIO AUTORIZZAZIONI Ufficio Autorizzazioni Tel

10 SERVIZI CONTRAVVENZIONI E CONTENZIOSO CONTRAVVENZIONI All Unità Contravvenzioni fanno capo: L Ufficio Contravvenzioni/Centro Elaborazione Dati l Ufficio Contenzioso/Ricorsi l Ufficio Varchi Z.T.L. L Unità si occupa della gestione di ogni procedura legata all attività di accertamento delle sanzioni, alla gestione dei veicoli sequestrati e fermati, alla gestione dei ricorsi davanti al Giudice di Pace o al Prefetto. L Ufficio Varchi, in particolare, si occupa dell accertamento delle violazioni rilevate elettronicamente all ingresso della ZTL cittadina. Unità Contravvenzioni/ CED Tel Tel Ricorsi Tel Ufficio Varchi Tel

11 Ufficio Territorio Unità Pronto Intervento e Controllo Stradale Unità Cantieri Giudiziaria Commerciale Ambientale Unità Infortunistica Centrale Operativa Unità Contravvenzioni Unità Segreteria Ufficio Autorizzazioni Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Roberto Ferrari Tel Fax orario: da lunedì a venerdì: Mercoledì: Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Luigi Ramponi Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Nicola Bruneri Tel Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle alle Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Fabio Germanà Ballarino Tel Fax orario: l ufficio riceve solo su appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Fabio Germanà Ballarino Tel Fax orario: l ufficio riceve solo su appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Davide Spotti Tel Fax orario: l ufficio riceve solo su appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Gabriele Denti Tel Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30; il mercoledì dalle 8.30 alle Gli operatori professionali possono rivolgersi all ufficio solo il martedì e il giovedì dalle 9.00 alle oppure previo appuntamento Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Luigi Maurizio Orlandi Tel (pronto intervento) (centrale operativa) - Fax orario: dal lunedì alla domenica dalle 0.00 alle Ufficiale responsabile: Commissario Aggiunto Giorgio Bodini Tel (CED) (ricorsi) (ufficio Varchi) - Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30; il mercoledì dalle 8.30 alle Ufficiale responsabile: Comandante Franco Chiari Tel Fax orario: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30; il mercoledì dalle 8.30 alle Ufficiale responsabile: Comandante Franco Chiari Tel Fax A cura del Servizio Comunicazione del Comune di Cremona Stampa: Antares Società Cooperativa Sociale Onlus Maggio 2009 Progetto grafico:

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE

ORDINANZA N. 324 / 2008 DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA N. 324 / 2008 Oggetto : DISCIPLINA ACCESSO E SOSTA Z.T.L. DELIBERAZIONE G.C. N. 124 DEL 13/05/2008. IL DIRIGENTE Visto l atto deliberativo del Consiglio Comunale n

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COMUNE DI SIENA. DIREZIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MOBILITA e TRASPORTI, SEGNALETICA. Sezione Amministrativa

COMUNE DI SIENA. DIREZIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MOBILITA e TRASPORTI, SEGNALETICA. Sezione Amministrativa COMUNE DI SIENA DIREZIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO MOBILITA e TRASPORTI, SEGNALETICA Sezione Amministrativa Disciplinare per il dei permessi di accesso e circolazione in Zona a Traffico Limitato aggiornato

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli