ANNO 2015/2016 TEMA COME SFONDO INTEGRATORE: LE BONTA DI NONNO LUIGINO PROGETTO DIDATTICO : LE BONTA DI NONNO LUIGINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO 2015/2016 TEMA COME SFONDO INTEGRATORE: LE BONTA DI NONNO LUIGINO PROGETTO DIDATTICO : LE BONTA DI NONNO LUIGINO"

Transcript

1

2 ANNO 2015/2016 L AllegraBrigataoffreun articolazionedipiùprogettichecoordinatitraloropermetterannoalbambinolosviluppodiunpercorsoglobalefattodistimoliedesperienzeper ilraggiungimentopienodellasuacrescitaindividualeesocialedivertendosi Progetto didattico Progetto di psicomotricità funzionale Progetto di continuità con la scuola dell infanzia TEMA COME SFONDO INTEGRATORE: LE BONTA DI NONNO LUIGINO Filo conduttore, comune, proposto nei progetti a tutte le sezioni sarà: sperimentare assaggiando. Lasceltadeltemaèmotivatadall utilitàdiproporreattivitàeducativelegateall esperienzadell assaggiocomestrumentopervincereladiffidenzanaturaleversocibipocofamiliariorifiutatiapriori. Il primo approccio al cibo, dopo la fase dell allattamento, è un momento delicato e ricco di potenzialità e significati da curare con pazienza, gradualità e un clima sereno cheinvoglianoilbambinoallascoperta,senzaforzature.ognicostrizionerisultaquantomaipericolosapoichérischiadiandareadinfluenzarel innatacapacitàdelbambino diautoregolarsiseguendoglistimolicheregolanoicentridifameesazietà. Nonèmaitroppoprestopereducareadabitudinialimentarisaneedequilibratecome assumerefruttaeverduraseguendolastagionalità;crearemenùvariatiedinvitantianchenell aspetto;l importanzadellaprimacolazione;mangiarepianomasticandobene Mangiareèun esigenzavitaleeognibambinoèistintivamenteportatoafarlocosìcome camminare o parlare, anche se ognuno con i suoi tempi, ma mangiarenonvuoldire solonutrirsi: Tramitel allattamentosicostruisceilprimolegameaffettivo;s imparaadattenderecon fiducialasoddisfazionedeipropribisogni. L avventuradellosvezzamentoapreallascopertadigusti,sapori,consistenze,colorie formenuoveeinteressanti. I bambini al nido possono arricchire l esperienza dell essere nutriti con l attività del nutrirsidasoli,coincidente conleprimeesperienzemanipolative.e un attivitàestremamenteattraenteperilbambinopoichélegataallasuanecessitàdisicurezzanelconoscereciòconcuientraincontatto.ilbambino pasticciando colciboscopreesperimentalesensazionichecreanogliingredientieleassociazionidicolore-consistenzasapore-odoredeicibi. L acquisizionedelleabilitàmotorieutilialmangiare,implicaunacontinuaesercitazioneecoordinazionedellecapacitàraggiunteocheilbimbostaraggiungendo. Pranzareatavolaconglialtrièperilbambinofontedicomunicazioneesocializzazione. Il mangiare insieme permette di sperimentare rapporti con coetanei ed adulti basati sullareciprocità,sullacondivisionediesperienzedigiocoediesplorazionepercettiva. Infatti il bambino durante il pasto, tende a comunicare con gli amici del tavolo sia verbalmentecheattraversosuoniprovocatisbattendosultavololeposateelestoviglie. Un altro aspetto di comunicazione, che piace molto al bambino, è quello di pasticciare nelpiattodelcompagnochesiedeaccanto,ancheperchéinducereazioni dapartedelcompagnoedell adulto. Eccoperchélacucinaèunluogodiforteinteresseperibambini,costituisceunpunto di riferimento affettivo oltre che spaziale e il momento del pasto è un punto fermo e pertantorassicurante:scandisceiritmidellagiornata,sirinnovaconregolaritàdiluoghi, ditempi,digesti,silegaalcontestofamiliareeallaquotidianità PROGETTO DIDATTICO : LE BONTA DI NONNO LUIGINO Quantodettosultemasceltooffreaglieducatorispuntidiriflessioneepropostedarealizzareconibambini: Assaggiarevarialimentiemescolaregliingredientipersempliciricette(facciamoil minestrone,unatorta ) Diverse attività manuali basate su cibi di diversa consistenza(farine, frutta come bananaoverdurecomezucca ) Dall osservazione della natura e i suoi cambiamenti(collegamento con le stagioni ogni verdura ha il suo giusto tempo) alla riflessione sull importanza di curare la piantina dalla semina al raccolto in un ambiente sano e rispettoso del tempo (l attesacomel ascolto). Dalloscoprireicolorialcreareicolori Dalfareinsiemealfaredasoli Tramite il racconto le bontà di nonno Luigino punteremo alla naturale curiosità e voglia di scoprire per sperimentare insieme la gioia di preparare un buon minestrone coloratoocondividereunatorta.taliattivitàpermettonoaibambinidiconoscereun grannumerodimaterialicheconsentonodiscriminazionigustative,tattilieditrasformazionemanipolativa. Lacomponenteimitativa(tipicadell età)traedaquesteattivitàunostimoloperlosviluppodellasocializzazioneedellacooperazionetraibimbi. LA FINALITA saràpromuovereunamolteplicitàdiesperienzeintenzionaliesistematichefinalizzateallosviluppodicomportamentisemprepiùconsapevoli,improntati alrispettodise,deglialtriedell ambiente. Nell attuareilprogettositerrannoinconsiderazionegliinteressideibambini,stimolandoalcunitratticaratteristiciqualiilgusto dell esplorazioneedellascoperta,laloronaturalecreatività.

3 L OBIETTIVO principaleèquellodipromuovere,partendodaipiùpiccoli,unasana abitudine alimentare educando alla consapevolezza, alla conoscenza e al rispetto della naturadisestessiedell ambiente. Il bambino portato ad agire in autonomia sperimenterà, in un clima sereno, vissuti di autosufficienzaecompetenzaricavandoneun immaginepositivadise. Maturazioneeampliamentodellecapacitàpercettive Sollecitarecuriosità,piacerediesplorareegustodellascoperta Rafforzarel autonomia,l identitàelafiducianellepropriecapacità Sviluppoeconsolidamentodeglischemicorporei(motorieposturali) Coordinazionedeimovimenti Ampliamentodell usodellinguaggio LA METODOLOGIA: Sipartedalraccontodiunastoriella chehailvaloredifavorire,oltreallosviluppodellinguaggioedellacomunicazioneverbale,un identificazioneemotivadoveassumevaloretuttoilparaverbalecomeiltono;lo sguardo;igestidelnarratore;l ambienteincuisiraccontalastoria...percuilarelazione. NonnoLuiginoilcontadino,finitelevacanzealmare,tuttigliannicominciaconentusiasmoilsuolavoronell orto:toglieleerbaccesecche;macinalaterraconiltrattore;poi annaffiaconacquafrescaepulita.chidivoivuoleaiutarenonnoluigino? Perringraziaredell aiutononnocontadinoportaaibambiniunagrandecestaconifrutti buonidellasuaterra. Unagrossazuccaarancione,lepannocchiedimaisconiseminigialli! Etantoaltroancora.L ortodiluiginosiriempiedifogliechecadonodaglialberitrasportate dal vento burlone: è autunno e le piantine si riposano. Nonno Luigino,infreddolito, prepara nel camino una buona zuppa calda con tutte le verdure. (continua) Affiancoadunametodologiaesperienzialedoveilbambinofaesperienzachefacilital interiorizzazione, viene prediletta la manipolazione, attraverso la quale i bambini toccano conmano edhannolapossibilitàdiesplorareilmondocircostanteeimparareariconoscereleproprietàfisichedellecose,consentendoloroun enormeestensionedelcampodi ricercaediesperienza. I bambini avranno la possibilità di passare dall esplorazione non finalizzata all uso delle maniperfare,nellasuaaccezionepiùcompleta:capire,imparare,conoscere. Seascoltodimentico,sevedoricordo,sefacciocapisco! Ilmanipolarediventaunmezzoperimmaginaresituazionieperdaresignificatidiversial materiale adoperato, permettendo al bambino di entrare profondamente nell attività ed uscendonefeliceegratificato. Perquestoèimportantechenelleattivitàmanipolativenonsiadatamoltaimportanzaal prodotto,maaiprocessicreativieimmaginativicheilmaterialestimola. L azionedelpiccolostimolailpensiero,diventastrumentoperlariflessioneeperlaricercadisoluzioniaffrontandodeiproblemi. DENTRO IL PROGETTO: 1.LA SEZIONE Quest annolasezionegrandi(24/36)ècompostadadiciassettebambini. Quindici bambini che già si conoscono e due nuovi arrivati quest anno,11 maschi e 8 femmine. Duranteleattivitàibambiniverrannosuddivisiinpiccoligruppida7/8 Neimesidisettembre-ottobre,dedicatiall accoglienzaealrientrodeibambinidall estate,sonostateproposteattivitàdivariotipocheinvitanoibambiniadinteragiscecon il gruppo ed a sperimentare varie attività proposte( materiali; strumenti; suoni; movimenti ).Daquiproseguiremoconpropostesemprediverseecoinvolgenti. Allafinedell annosiconsegneràaognunounacartellinacontuttiglielaboratiprodotti. Neiprimimesidell annoscolasticoilnidoèimpegnatoadorganizzarelesezionideipari: nonsolocomespaziopersonalemaanchesoprattuttocomespaziocomunitario,condivisochefacilital appartenenzaadungruppocomerilevantepuntodiriferimentoingrado di assicurare stabilità e continuità alle relazioni e allo stesso tempo facilita l incontro tra bambinieamplialadimensionesocialediognuno. oltre ai bambini che già frequentano il nido da un po il gruppo vive l inserimento di nuovicompagnilacrescitaèunprocessocherichiedealbambinounagradualeindividuazionediséecheprevedeprogressiveseparazionidallefigurediriferimento alnidoilbambinoviveunadimensionedigruppononsoloperlospaziomaancheperi tempi.eccochenelcondividereleroutine(accoglienza,merenda,cureigieniche,pranzo, nanna )ibambinisviluppanolaloroautonomiaepotenzianoleloroabilità.comevalore prioritario, l asilo nido deve promuovere e garantire il benessere psicofisico e ambientaledeibambini,offrendolorolapossibilitàdiagireedesprimersispontaneamentee liberamente.ilpiccoloèprofondamentecoinvoltosulpianoaffettivoecognitivoinogni momentodellagiornata;quindiènecessariovivereimomentidiroutinecomepienamenteeducativi. FINALITA : Comunicareaibambini ilpiaceredifareesperienza,predisponendo:spazi,tempie materiali;

4 Incoraggiarliadascoltareecomunicareleproprieemozioni; Promuovere la scoperta in maniera attiva e gli apprendimenti mediati attraverso il gioco; Svilupparee consolidareleabilitàmotorieelemotricità,cherappresentauna base importantedellecapacitàesplorativeediricerca. 2.IL METODO: A giocare si impara...per imparare si gioca Leattivitàchedivoltainvoltaproporremoaiuterannoibambiniapotenziareleloro abilità comunicativeattraversoilgiocoelarelazioneconglialtri,perchéoccorremuoveredalvissuto,dall esperienzacreandoun atmosferaludicaerassicurante. Unclimarelazionalepositivoècaratterizzatodaaperture,accoglimentiedespansionidi quantointeressaciascunbambino.. Vengono proposte esperienze in gruppo, è dall osservazione dei coetanei che molti bambinialimentanoildesideriodifareedipartecipare. Lostimoloallacreativitàsibasasulfarecomemetodologia,affinchéibambinipossano esprimersiliberamentesenzal interferenzadegliadulti,diventandoindipendentieimparandoarisolvereiproblemidasoli. Con azioni-gioco, percepibili attraverso i sensi il bambino partecipa globalmente. Il giocononhasolofunzionecognitivamaancheunrisvoltoemotivoattraversoilquale ilbambinoèdestinatoascopriresestessoeisentimenticheanimanoisuoicomportamenti. Lacuriosità delbambinosirivolgeadogniaspetto dellarealtà,alpropriocorpoea quellodeglialtri.ilbambino,curiosopereccellenza,esploral ambienteedesercitale propriecapacità. 3.OBIETTIVI GENERALI GliobiettiviprincipalivengonoripresidalprogettogeneraledelL AllegraBrigata: Maturazionedell identitàpersonale:losvilupponelbambinodiatteggiamentidisicurezza,distimadisé,difiduciapositivanellepropriecapacità,dimotivazionealpassaggio dalla semplice curiosità all atteggiamento della ricerca. Si stimola ad imparare a vivereipropristatiaffettiviinmodocostruttivo,adesprimereepoicontrollareipropri sentimentieleproprieemozioni. Conquistadell autonomia:ilbambinos impegnaadareletturadelleesperienzepersonali,diesplorazioneediscopertaintenzionaleeorganizzatadellarealtàdivita.egli si rende, a poco a poco, disponibile all interazione costruttiva con l adulto, gli altri bambini,ildiversodaséeilnuovo. Appareimportantesvilupparenelbambinolalibertàdipensiero,anchecomerispetto delladivergenzapersonale,consentendoglidicogliereilsensodellesueazioni. Sviluppodellecompetenze:ilnidosollecitailbambinonelleprimeesperienzediscambiotraparietrabambinieadultiacquisendoesviluppandocosìabilitàsensoriali,per- Sezione: 24/36 mesi cettive,motorie,linguistiche,intellettive,sociali,estetiche,morali.analogamentevaloriz- zal intuizione,l immaginazione,ilsentimentoel intelligenzacreativacomerisorseutili peraffrontarepositivamenteogniproblemachesiincontranellavita. OBIETTIVI DELLA SEZIONE (24/36 mesi) Lafasetrai24ei36mesièunperiododiimportanticonquisteperilbambinoche imparasempremeglioadinteragireconl'adultoecostruisceun'immaginedisé.cominciaadacquisireunasemprepiùforteintenzionalità,cheloportaascontrarsiabbastanza spessoconquelladell'adulto.diventacapacediporsiobiettiviautonomiesicontrapponeall'adulto,vuolesperimentarelapropriaautonomiafacendo"tuttodasolo.verso idueanniacquisisceanchelacapacitàdiparlaredisestessoinprimapersonaedioggetticheegliriconosceedescrivecomesuoi,sidescriveesiriconosceinunruolo. Sedaunlatovuoleprovareafaretuttodasolooaimitareilcomportamentodelgenitore,.dall'altroimparaanchechealcunecosenonèancoraingradodifarleedèquesto ilmomentoincuiregoleeroutinediventanoperilbambinounbisognonecessariodi sicurezza,dilimitecontrocuipoterprovareilpropriosé.l acquisizionedellaconsapevolezzadisè nelbambino di dueannièresaevidenteanchedallacapacitàdiriconoscersiallospecchio,ossiadicapirechel'immaginechevedenellospecchioèluistesso. Il gioco di simulazione consente ai piccoli di esplorare i ruoli sociali. In genere è a questa età che una parte dei bambini comincia a raggiungere il controllodeglisfinteri anchesel interesseperraggiungerequestacompetenzapuòvariaresensibilmentedaun bambinoall altro. Ilgiocosimbolicoèpiùriccoedibambinidiquestaetàcomincianoadincludersil uno conl altroneilorogiochidisimulazione.consideraigiocattoliunapartedisestessoe pertantotrovadifficilemetterliincomune. Partecipa ai giochi di relazione, chiude il cerchio e può fare il volto, mangia con le posate,sisvesteesilavalemanieilviso.e inquestoperiodochedisolitocompaionoleprimepaureancheincoincidenzaconl iniziodellascuolamaternaedell adattamentoemotivo,socialeeintellettualedelbambino.e importantecheinquestoperiodo gli adulti abbiano la capacità di favorire l autonomia del bambino. E utile sollecitarlo adaiutareacompierepiccoliserviziperuncamminoversol acquistodiunamaggiore indipendenza. Trai2ei4anniilbambinosviluppailgiocosimbolico,ossialacapacitàdiutilizzare unoggettoalpostodiunaltro,ades.unosgabello"diventa"diuncavallo. Inquestaetàleinterazionialnidosonoprevalentementesiatrabambinoegruppodei pari,siatrabambinoeunaltrobambino(coppia).questeinterazionisonocaratterizzatedalleseguenticompetenze: Pienamanifestazionedelgiocosimbolico Iniziodellosviluppodifrasicompiute Affermazionedellapropriaautonomia(usodeipronomi io e tu ) In questa fase dello sviluppo è importante considerare i nascenti conflitti come una

5 Sezione: 24/36 mesi componentenaturaledellavitadeibambini,ricordandochetrai24ei30mesiibambiniinizianoasviluppareleprimestrategiedirisoluzionedeiconflitticomeloscambio dioggetti. Trai20ei30mesilacapacitàdiascoltare,capireecomunicarediventasignificativa,il bambinoèingradodicomprendereecomunicaresemprepiùverbalmente. ATTIVITA D ESPERIENZA Ibambiniandrannoastimolarecondivertimentoegioialeseguentiareedisviluppocol precisointentodisviluppareciascunadiqueste areesiasingolarmentecheparallelamenteesupiùlivelli. Icampidiesperienzaall internodeiqualiinseriremoleattivitàsono cosìriassumibili: 1.LACORPOREITA'(AREAMOTORIA) Perfavorirelaconoscenzadellacorporeitàinunadimensioneludica,iprocessidiattenzione alle proprie caratteristiche l identificazione sessuale, l espressione di benessere e malessere,lastimadelpericolo,l attenzioneversoglialtrieilprocessodiacquisizione dell autonomiasfintericaemotoria. Ilcorpoinmovimentoèl ambitodiesperienzadellacorporeitàedellamotricitàincuisi valorizza il corpo come strumento per comunicare, per costruire l identità personale attraversolapercezionedisé. Esperienze:Giochiacontenutomotorio(liberiestrutturati,simbolici,imitativi,conattrezziematerialiosolamentesperimentandoilpropriocorpo,giochiindividualiodi gruppo),giochiperviverelospazioconmovimentieposturediverse,percorsi,movimentiritmici,strisciare,rotolare,saltellare,lanciare. 2.L IDENTITA ELERELAZIONI(AREASOCIO-AFFETTIVA) Perfavorirelacostruzionedellapropriaidentità,lacapacitàdiinstaurarerapportisoddisfacenticonglialtriediriferirsianormedicomportamentoedirelazione,svilupparela capacitàdiriconoscereedesprimereemozioniesentimenti,sviluppareilsentimentodi appartenenza,ilcontrolloelacanalizzazionedell aggressività,ilrispettodelleregolenei giochienellavitacomunitaria,ilconsolidamentodellafiduciainse stessi. Ilséel'altroèl ambitod esperienzacheriguardalamaturazionedell identità,laconquista dell autonomiaelosviluppodellecompetenzeperlaformazionedellapersonalitàdel bambino,chesipercepisceinseritonellasferasocialegraziealsuoessereinrelazione conglialtrieconosceledifferenze. Esperienze:Giochiconregoledacomprendereerispettare,attenzioneevalorizzazione delleregoleedelleritualitàneimomentidivitaquotidiana 3.L AMBIENTEELECOSE:(AREASENSO-PERCETTIVA) Peresplorare,scoprireeorganizzareleprimeconoscenzesulmondo,stimolandole capacitàdiosservazione,esplorazione,manipolazione,l acquisizionedellacapacitàdiformulareipotesiediverificarle,ilriconoscimentodiproblemielapossibilitàdiaffrontarlie risolverli,laprimaacquisizionedelladimensionetemporaledeglieventi,ilrispetto. Laconoscenzadelmondoèl ambitod esperienzarelativoall esplorazione,scopertaeprimasistematizzazionedelleconoscenzesulmondodellarealtànaturaleedartificiale;rappresentalaprimaformazionediatteggiamentiedabilitàditiposcientifico.sirivolge,inoltre,allacapacitàdiraggruppamento,ordinamento,quantificazioneemisurazionedifattie fenomenidellarealtà,alleabilitànecessarieperinterpretarlaeperintervenireconsapevolmentesudiessa. Esperienze:Analisidellecaratteristichedicose,oggetti,animaliattraversoattivitàdiriconoscimento,esplorazione,formulazionediipotesi;acquisizionedelladimensionetemporaledeglieventiedelleesperienzemedianteattività(primafratuttel individuazionedella ripetitivitàdelciclogiornalieroalnido);osservazionedeifenomeninaturali(esperimenti conl acqua,lapartecipazionedirettadiesperienzedicucinaconlapreparazionedicibi perrilevareicambiamentichesiverificanoconillavorodellemani,lavorazionedimaterialidiversi). 4.COMUNICAZIONEELINGUAGGIO(AREAESPRESSIVA) Perfavorireilconseguimentodiunarealecapacitàdicomunicazione(usocorrettodelle regoleimplicitedellalingua,ascoltoecomprensionedeidiscorsideglialtri,capacitàdi descrivereeraccontareeventipersonaliesituazioni). Discorsieparoleèl ambitoincuiilbambinoapprendelacapacitàdicomunicazioneverbale,imparaadialogareeriflettere.attraversolaconoscenzadellaproprialinguailbambinocostruisceeconsolidalapropriaidentitàpersonaleeculturaleaprendosicosìadaltre culture. Esperienze:Conversazioniregolatedall adultonelpiccoloenelgrandegruppo,letture distorieefiabe,filastrocche,canzoni. MANIPOLAZIONE,ESPRESSIONE Perfavorirel esplorazionedeidiversimezziespressivi,losviluppodellecapacitàmanipolative,percettive,visive;valorizzareleesigenzeespressivediciascunbambino,rafforzandola fantasia,l immaginazione,lacreatività,controlloegestionedeimotiaffettiviedemotivi. Esperienze:produzionigrafico-pittoricheindividualiedigruppo. ESEMPIODIALCUNIPERCORSI: MANIINPASTA:unpercorsodoveilbambinoasuopiacerefaràesperienzedimanipolazione,scomposizioneeassemblaggiodidiversiingredienti. Com èfattaunapannocchiadimais?unavoltasvuotatocosapossofareconiltorsolo?mettiamoinsiemelatte,uova,farinaezuccherocontantefettinedimele Lemaniinpastapermettonoanchedisperimentarelerelazionilogicheematematiche diforma(rotondo,tringolare..);dimisura(piùgrande,piùpiccolo,tantoepoco);di insieme(tuttelemele,escludilecarote) etantealtrecoseancora. Ibambinipotrannorealizzareinsiemefaciliricettedallaricercadegliingredientiall elaborazioneedinfineallacondivisionedelrisultato.

6 Sezione: 24/36 mesi TUCRESCIIOCRESCO:percorsoincuiibambiniseguirannolacrescitadiuna piantinadalseminoallafogliaalfiore Potrannoprendersenecurasensibilizzandosestessiallenecessitàdellapiantina(acqua, luce,aria,cambiodelvaso )comeesserevivente. Favoriscelaconoscenzapiùconsapevolediséattraversolascopertaeilrispettodell altro. INGLESEINMUSICA:lamusicacomemezzoperesprimersiecomunicare. Siavvicinanoibambiniadalcuniterminiinglesidellaquotidianitàtramitefilastrocchee canzoncine.l attivitàmusicaleaiutailbambinoadascoltareciòchelocirconda,asviluppareilsensoritmico,arelazionarsinell ambienteinmodopiùsicuro. FESTE INCONTRI EVENTI Sonoprevistiincalendarioalcunilaboratoriconigenitoriealcunefestecollettive. Sonooccasionipervalorizzarealmassimoilrapportonido/famigliaeperconoscere inmodoapprofonditolastoriapersonalediognibambino. Gliobiettividiquestoprogettosono: aumentareleoccasionidiscambioconetraigenitori; ritrovarsiecondividereesperienzetrabambini,educatriciegenitori; darelapossibilitàaigenitoridivivereconilpropriobambinolaquotidianitàall'asilo,condividendomomentidiroutine,digiocoelavitanelgruppo.

7 Sezione: 24/36 mesi Laboratorio di Natale Festa di Natale Festa di carnevale Laboratorio mamma/bambino Laboratorio papà/bambino Festa di fine anno scolastico

8 PROGETTO DI PSICOMOTRICITA FUNZIONALE: Lapsicomotricitàfunzionale: Unascienzaapplicatachesibasasuunaconcezioneunitariaeglobaledellapersonaeneconsideral aspettostrutturale,funzionaleedevolutivo. Inprimopianocisonolerealiesigenzedell'individuonellasuaglobalitàenellasuaevoluzioneconsapevole. Losviluppodiciascunoavvieneinrelazioneconunambientefattodioggettiedaltriesseriumani.Ènellarelazioneenellacomunicazioneconl altrochel uomosirealizza. Ilprimoedimportanteambientecheilbambinoincontraèquellofamiliare,formatodamamma,papà,nonni,zii ;mentrealnidosaràacontattoconisuoiparieconaltriadulti,le educatrici.inquestiambientiilbambinosaràimpegnatoad AGGIUSTARSI indiversesituazioni,eventi,problemichesaràchiamatoarisolvere. Scopo Èagiresullosviluppofunzionaledelbambinoalfinedifacilitarglil apprendimento.ilbambinosiadattaall ambienteattraversodueprocessi 1.Assimilazionedall esterno(nutrizione,sensi,affetti) 2.Accomodamento(larispostainbaseallepropriepossibilitàmotorieaidatiprovenientidall esterno) Movimento Mezzofondamentaledieducazioneèil filoconduttore dellosviluppoedell evoluzionedellapersona.tramiteilmovimentostabiliamounarelazioneconpersoneedoggettidelmondoesterno.attraversoilmovimentolopsicomotricistaosservaibambiniliascolta,entranellorolinguaggiopiùnaturaleespontaneo;operanelrispettodellaglobalitàdell individuo. Gioco Ilgiocoèlostrumentocheilbambinousaperraggiungerelapienaconsapevolezzadiséeduncertobenessere,valorizzandoalmeglioleproprierisorsefunzionali. Lopsicomotricistafunzionale Èlospecialistachedevesaperfacilitareesperienzesignificativeaffinchéilcorporiescaasuscitareunasituazionedisénuovaattraversoattivitàdigruppoincuisiprivilegial esperienza vissutadalbambinoel unionepermanenteecontinuadelvissutocorporeoallinguaggio. OBIETTIVIGENERALI Ilpercorsodipsicomotricitàfunzionaledaràlapossibilitàalbambinodivivereilpropriocorpoattraversoilgioco,larelazioneedilmovimento. Taliesperienzeaiuterannoilbambinoa Conosceresestesso,lepropriecapacitàediproprilimiti; Affrontareesuperareipropriconflittiinternielepropriepaure; Sviluppareilpropriopensiero; Giungereallaconoscenzaattraversol esperienzacorporeafinalizzata. OBIETTIVIALUNGOTERMINE Ilcorpoinmovimento: Conquistaepadronanzadelpropriocorpoedeltonomuscolare,acquisizionedeglischemicorporeidibase,perfezionamentodellacoordinazionedeimovimentiedell equilibrio.

9 Ilcorponelmondoesterno: Simuovenellospazioinrelazionealsuonoealritmochecambia,sicoordinainrelazionealgioco,aglialtri,allospazioealtempo. ESPERIENZECONCRETE SE EL ALTRO CONOSCENZADELMONDO LINGUAGGI,CREATIVITA,ESPRESSIONE Rispettodelleregole Socializzazione Coordinazioneoculo-manuale Equilibriostatico Sviluppoapparatofonetico Capacitàsenso-percettive Concettitopologici Spazieconfini Prenderecoscienzadelleesperienzefatteeverbalizzarle Esperienzegraficheepittoriche Utilizzarematerialeinsvariatimodi Coordinazioneoculo-segmentaria Consapevolezzadiabilità Affinareschemicorporeidibase Equilibriostaticoedinamico Concettitemporali Concettieuclidei Esperienzeconl acqua Autonomia Dominanza Raggruppamentieclassificazioni PsicomotricistaLauraNardo

10 PROGETTO DI CONTINUITA CON LA SCUOLA DELL INFANZIA Il progetto nasce per facilitare il passaggio dei bambini divezzi alla scuola dell'infanzia. Nelpassaggioèimportantecheilbambinononpercepiscaunarotturatravecchioenuovo. L incontroconil nuovo spessovienevissutodalbambinocomeunmomentodiincertezza,altresìsiassociaadunsentimentodicuriosità,unaspintafiduciosaall aperturaversolanovità. Seloscartotraicontestinonèeccessivo,seesistonodellecostanticheliponeinrelazioneecheilbambinoritrovanelpassaggiodall unoall altroericonosce,ilnuovosiinnesta ed acquista senso nella familiarità dello sfondo comune e della storia che prosegue; la curiositàpuòattivarsi,isentimentiinsoddisfacentipossonoesseretollerati,ilnuovocontestopuòdiventarecontestodiapprendimento. È attraversostrategiedifamiliarizzazioneconilnuovoche tale continuità si realizza, una familiarizzazioneattuataalivellidiversi:dasemplicivisitedeibambiniallascuoladell infanziachefrequenteranno,finoadesperienzesistematichediattivitàdiversificatedacondividere. Questo accompagnamento delbambinovaaffrontatoconmodalitàprogettualieavari livelli:istituzionale,educativo-didattico,edoperativo. Necessitano: l intesaelacollaborazionetrairesponsabili ilconfrontoelacondivisionetraeducatoridelnidoedinsegnantidellascuoladell infanzia ilcoinvolgimentodellefamiglienegliobiettivieducativi lapartecipazionedeibambinidientrambeleistituzioniaritidipassaggio SVILUPPO Il progetto si articola su iniziative concordate dalle due istituzioni che valutano, quale obiettivoprioritarionellacontinuitàscolastica,ilbagagliodiconoscenze/competenzeche ilbambinoportaconsé. Sipropongonoalcuniincontritragliadulticoinvolti(responsabilideiservizi,personale educativo,genitori)emomentidiattivitàcomunifraibambinidell ultimoannodelnido edungruppodibambinichefrequentanolascuoladell infanzia. L obiettivo di questa collaborazione è il porre i bambini che stanno per affrontare il passaggiodalnidoallascuolanellecondizionidiriconoscerepersone,piccoliegrandi, pratiche,ambientidigiocoedattività,angoliresifamiliaridaesperienzediinterscambio, ediricordareancheattraversoleimmagini,ildialogoeimaterialisperimentati. Questoprogettocostituisce,inoltre,un occasionedidialogoediscambiofraistituzioni educativepresentinelterritorio,nellaconvinzionechelacondivisionedisignificatiedi obiettivi favorisca ed incrementi la qualità del servizio offerto alle famiglie e faciliti il lavorodeglioperatori. Sezione: 24/36 mesi Articolazioneindiversimomenti: Livelloistituzionale:incontrotrairesponsabilideiserviziperconcordarelacollaborazione Livelloeducativo:incontritraeducatoridelnidoedinsegnantidellascuoladell infanzia, prima e dopo la fase operativa, per definire l organizzazione(tempi, sedi, attività, o- biettivi,numerodeibambini)epervalutareeverificarel esperienza. Livello operativo: incontri tra i bambini del nido e la scuola dell infanzia secondo il calendarioelesedi(giornateopen-day). Sviluppodelleattivitàedelleesperienzeconcordate. Incontriconigenitorideibambini: Alnido->colloquiindividuali(febbraio/marzo2016) Allascuoladell infanzia->giornateopen-day(gennaio2016) ->incontrinuoviiscritti(giugno2016) Attivitàedesperienzeconcordateconlescuoledell infanzia: Scelta del filoconduttoreche i bambini ritrovano e riconoscono nel passaggio da un contestoeducativoall altro Esempidipossibiliattività: Raccontodiunastoria laboratoriodimanualitàconrisultatofinaledigruppoe/oindividuale Giococheverràripetutonellescuoledell infanzia Fotodocumentatedelleattività.Realizzazionedelraccoglitorecontenentealcunetracce delleesperienzevissutedaibambininellaboratorioespressivo(canzone,cartad identità, gruppofamiglia disegno,).contalematerialeilbambino sirecherà,asettembre,alla scuola dell infanzia e le insegnanti potranno valorizzare il contenuto nei momenti di attivitàinclasse. Scambiodeicartelloniefotodigruppotrailnidoelascuoladell infanzia,valorizzazioneinsezionedeidoniricevutitramiteosservazioneedialoghi. OBIETTIVI Sostenereunapproccioalpassaggioallascuoladell infanziaemotivamenterassicuranteecognitivamentestimolante favorireilriconoscimentoel espressionediemozioni,atteseepreoccupazionipersonali; Progettareeconsolidareritidipassaggiocomprensibili,significativiedinteressanti peribambini,rassicurantiperigenitori Promuoverelaconoscenzareciprocatrabambiniedadulti Favorireilprocessodicrescitadelbambinointesocomeintegrazionediesperienze moltepliciediversificate Favorireildialogotranidoescuoladell infanziaalfinedicondividereecontinuare ilpercorsoeducativodelbambinoelacollaborazioneconlefamiglie.

11 Sezione: 24/36 mesi Responsabile : MariaGrazia Callegaro Educatrici: Alessandra Fabris Annalisa Nordio Giovanna Girardini Roberta Galeazzo Valentina Dainese Psicomotricista: Laura Nardo Formatore: Sabrina Salmaso Pedagogista clinico

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO COMPRENSIVO G. D ANNUNZIO SCUOLA DELL INFANZIA NAUSICAA A.S.2012-13 PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA MOTIVAZIONE Il progetto alimentazione, filo conduttore di quest anno scolastico, nasce dal desiderio

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Momo alla conquista del tempo

Momo alla conquista del tempo Momo alla conquista del tempo La vita è fatta di eventi che si susseguono nel tempo che ci è dato da vivere. Vogliamo imparare con i bambini a considerare il tempo come occasione propizia per costruire

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI SCUOLA DELL INFANZIA

INDICAZIONI NAZIONALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICAZIONI NAZIONALI per la SCUOLA DELL INFANZIA E ambiente educativo, di apprendimenti riflessivi, di esperienze concrete. RICHIEDE attenzione, disponibilità, flessibilità, clima caratterizzato da simpatia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014

PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 IC 41 CONSOLE: LA SCUOLA DELL INFANZIA PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DELLE ATTIVITA A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE DELLA SCUOLA La scuola dell infanzia dell IC 41 Console e situata nel quartiere Bagnoli in

Dettagli

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI:

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: Borgoni Valter Zanotti Daniela Sacchetti Cristina Sartori Alessandra Mochi Valentina (sostegno) Spagnoli Elisa (religione) Lazzari Maria Grazia (assistente per l integrazione)

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

LA SCUOLA SI-CURA SI CURA DI ME!

LA SCUOLA SI-CURA SI CURA DI ME! SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA REATINA PERCORSO DIDATTICO SICUREZZA NELLA SCUOLA LA SCUOLA SI-CURA SI CURA DI ME! Anno scolastico 2014 2015. Il ruolo educativo e formativo della Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Dalla terra alla tavola Offrire ai bambini la possibilità di creare e curare un piccolo orto

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA Motivazione: Necessità di accogliere i bambini in modo personalizzato e di farsi carico delle

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO - DIDATTICO

PROGETTO EDUCATIVO - DIDATTICO Scuola dell Infanzia Paritaria Istituto Sacro Cuore Via Solferino 16-28100 Novara Tel. 0321/623289 - Fax. 0321/331244 In internet: www.scuolesacrocuore.it - E mail: novara@scuolesacrocuore.it PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 SCUOLA INFANZIA PARITARIA CALLORI-SOLERIO VIA M. PORRO N 4, 15049 VIGNALE MONFERRATO (AL) TEL e FAX: 0142/933046 Email: scuolacallori@libero.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 PREMESSA

Dettagli

L ORTO PARLANTE. Progetto Scuola dell Infanzia. Destinatari: Alunni Scuola dell Infanzia. Durata del Progetto: Anno Scolastico 2014-2015

L ORTO PARLANTE. Progetto Scuola dell Infanzia. Destinatari: Alunni Scuola dell Infanzia. Durata del Progetto: Anno Scolastico 2014-2015 Progetto Scuola dell Infanzia L ORTO PARLANTE Destinatari: Alunni Scuola dell Infanzia Durata del Progetto: Anno Scolastico 2014-2015 Docenti Interessati: Insegnanti Scuola dell Infanzia 1 PREMESSA L apprendimento

Dettagli

LA SCUOLA DEL BENESSERE

LA SCUOLA DEL BENESSERE SCUOLA DELL INFANZIA DON MILANI SEZIONE IC ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGETTO : LA SCUOLA DEL BENESSERE PROGETTO LA SCUOLA DEL BENESSERE Premessa: Per l'anno scolastico 2012-13 abbiamo elaborato una programmazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Madre Mazzarello. Scuola dell Infanzia Anno formativo 2013-2014

Scuola dell Infanzia Madre Mazzarello. Scuola dell Infanzia Anno formativo 2013-2014 Scuola dell Infanzia Anno formativo 2013-2014 Scuola dell Infanzia Paritaria Madre Mazzarello La mia giornata scolastica La nostra giornata scolastica è Suddivisa nei seguenti momenti: - accoglienza, gioco

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

GIOCHIAMO CON TERRA E FUOCO

GIOCHIAMO CON TERRA E FUOCO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA 2013/2014 GIOCHIAMO CON TERRA E FUOCO NIDO D INFANZIA DON DIOLI NIDO e SCUOLA DELL'INFANZIA SAN GIACOMO NIDO e SCUOLA DELL'INFANZIA G.M.PEDRIALI SCUOLA DELL'INFANZIA MARIA IMMACOLATA

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto Scheda progetto: BIBLIOTECA SCUOLA Incisa Scapaccino Leggere è bello Toselli - Familiarizzare con i libri per promuovere il piacere della lettura - Acquisire fiducia nelle proprie capacità comunicative

Dettagli

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA

PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA PROGETTO di INSERIMENTO e ACCOGLIENZA INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Scainelli Stefania e Pallotti Alessandra PREMESSA - L INGRESSO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L ingresso alla Scuola dell Infanzia è una tappa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu

PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i colori che vuoi tu PROGETTO DIDATTICO Rosso, giallo, blu e i Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2012-2013, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato giallo, blu e i tu!. Il progetto nasce dalla volontà

Dettagli

Programmazione Nido Monti 2014-2015

Programmazione Nido Monti 2014-2015 Programmazione Nido Monti 2014-2015 OBIETTIVI GENERALI L obiettivo generale è ambientare il bambino nel contesto educativo e relazionale dell Asilo Nido rispettando e valorizzando l individualità del bambino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI ISTITUTO COMPRENSIVO G. FERRARI VERCELLI Dirigente Scolastico: Dott. Fulvia Cantone Scuola dell Infanzia MOTTA DE CONTI A.S. 2015-2016 2016 CRESCERE INSIEME. PER ESSERE CITTADINI DEL MONDO: promuovere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un arte ( Francois VI Duca di Rochefaucauld )

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un arte ( Francois VI Duca di Rochefaucauld ) Il progetto educativo di quest anno accompagna i bambini in un viaggio nel mondo dell alimentazione legato all esperienza quotidiana e alla scoperta di nuovi sapori. Una corretta alimentazione è di primaria

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. Scuola dell INFANZIA Via Nigoline, n 16 SCUOLA DELL INFANZIA 25030 ADRO. Mail Segreteria : Bsic835008@istruzione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Via Nigoline, 16 25030 ADRO (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Alessandra Pallotti e Suor Laurentina Kadinde PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI BAMBINI 3 ANNI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola dell Infanzia G.Rodari FINALITA

PERCORSI DIDATTICI BAMBINI 3 ANNI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola dell Infanzia G.Rodari FINALITA PRCORSI DIDATTICI BAMBINI 3 ANNI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Scuola dell Infanzia G.Rodari N 77 Bambini nati nel 2010 Sez: COCCODRILLI GIRAFF IPPOPOTAMI SCATOL, SCATOLIN, SCATOLONI...PR GIOCAR,CONTNR, SPLORAR

Dettagli

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore Periodo Settembre - Novembre 2013 AFRODITE le rose dell amore Avviarsi comprendere /Comprendere/Pot

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014. Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO NOALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE ITALO CALVINO NOALE (VE) Anno scolastico 2013/2014 Sezione E PROGETTAZIONE DI SEZIONE Insegnanti titolari: Trevisanello Lucia Rosso Patrizia SITUAZIONE

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO Sezioni scuola dell'infanzia A,B,C. Insegnanti: Suor Cristina Milo M.Vittoria Mele Silvia A.S. 2013/2014

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. B. MAZZONI PRATO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL CAMPINO

ISTITUTO COMPRENSIVO G. B. MAZZONI PRATO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL CAMPINO ISTITUTO COMPRENSIVO G. B. MAZZONI PRATO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL CAMPINO Il Progetto Inserimento è rivolto a tutti bambini nuovi iscritti alla scuola dell infanzia e soprattutto ai bambini di tre

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROFUMO DI NATALE IO CITTADINO DEL MONDO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA CERVARO CAPOLUOGO PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI

ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI ISTITUTO COMPRENSIVO P.TACCHI VENTURI Continuità Sezione Primavera (Cesolo) Scuola Infanzia ( Cesolo ) Anno Educativo 2012-13 periodo Settembre 2012-Febbraio 2013 In linea con gli obiettivi stabiliti nel

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

'' Madonna di Lourdes'' Fossalta di Piave (VE)

'' Madonna di Lourdes'' Fossalta di Piave (VE) Scuola dell' Infanzia Paritaria '' Madonna di Lourdes'' Fossalta di Piave (VE) P.O.F. Piano dell' Offerta Formativa A.S. 2012/2013 PERCHE' SCEGLIERE LA NOSTRA SCUOLA? Perché la nostra scuola pubblica non

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

La BIBLIOTECA dei PICCOLI. di Maccarese. obiettivi principali. servizi offerti

La BIBLIOTECA dei PICCOLI. di Maccarese. obiettivi principali. servizi offerti La BIBLIOTECA dei PICCOLI di Maccarese La Biblioteca dei Piccoli di Maccarese nasce nell anno 2007 grazie all azione di volontari amanti della lettura, nell ambito del progetto locale Nati Per Leggere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «Gobetti» Via Tintoretto 9 20090 Trezzano Sul Naviglio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «Gobetti» Via Tintoretto 9 20090 Trezzano Sul Naviglio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «Gobetti» Via Tintoretto 9 20090 Trezzano Sul Naviglio I bambini imparano ciò che vivono. Se un bambino vive nella

Dettagli

"PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA.

PONTI E ALI Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. "PONTI E ALI" Progetto di continuità dal nido alla scuola dell'infanzia NATURILANDIA. Una valigia, una cartella o una scatola per portare con sé i ricordi più cari, messaggi, storie, visite, laboratori,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Santa Caterina

Scuola dell Infanzia Santa Caterina Scuola dell Infanzia Santa Caterina Figura 28 Disegno di Sergio - Scuola dell'infanzia Santa Caterina psicomotricità: Bambini in gioco Il progetto aiuta i bambini a migliorare la propria autonomia personale,

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO D'ISTITUTO PIANO OFFERTA FORMATIVA

PROGETTO EDUCATIVO D'ISTITUTO PIANO OFFERTA FORMATIVA PROGETTO EDUCATIVO D'ISTITUTO PIANO OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA Cresciamo insieme gustando le meraviglie della natura pag. 1 di 8 SOMMARIO PIANO OFFERTA FORMATIVA... 3 PRINCIPI EDUCATIVI:...

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015-16

ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGETTO CONTINUITA INSIEME A TE IMPARO, MANGIO BENE...VIVO MEGLIO!!!! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA ANNO SCOLASTICO 2015-16 GRUPPO CONTINUITA Docenti: Agnese Anna Avallone

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE".

L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE. D.D. STATALE Kennedy Scuola dell Infanzia Archimede Via Valgioie 72, Torino L ARTE NELLE STAGIONI E NELLE FAVOLE". PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SETTEMBRE-OTTOBRE ACCOGLIENZA E INSERIMENTO 1 PERCORSO ACCOGLIENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Progetto accoglienza Scuola dell infanzia

Progetto accoglienza Scuola dell infanzia Progetto accoglienza Le docenti di scuola dell infanzia del IV istituto comp. G. Verga di Siracusa hanno stilato il progetto accoglienza per i bambini iscritti all anno scolastico 2011/2012 Motivazioni

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età E la risposta al loro diritto all

Dettagli

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTI PREVISTI PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTI PREVISTI L elaborazione del curricolo vuole rispondere alla complessità della realtà in cui i bambini si trovano a vivere. Nell arco dell anno si alternano progetti trasversali a progetti laboratoriali,

Dettagli

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA

CON GESU A SCUOLA DI FELICITA PROGETTAZIONE FORMATIVA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA DELL INFANZIA CON GESU A SCUOLA DI FELICITA Insegnanti: Sonia Colarullo scuola

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli