Guida alle norme sulle infrastrutture stradali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alle norme sulle infrastrutture stradali"

Transcript

1 Domenico Crocco Maria Francesca Mattei DOWNLOAD - Prezzario Anas Quaderno AIPCR Pavimentazioni Stradali Guida alle norme sulle infrastrutture stradali con PREZZARIO ANAS 2015 Prefazione di Gianni Vittorio Armani Interventi di Ornella Segnalini Massimo Schintu

2 INDICE Prefazione di Ing. Gianni Vittorio Armani L utilità di una guida come questa di Arch. Ornella Segnalini Il ruolo strategico delle concessioni autostradali di Ing. Massimo Schintu I soggetti 1.1 Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Il CIPE ed il DIPE Il Nucleo di consulenza per l attuazione e regolazione dei servizi di pubblica utilità L Unità Tecnica Finanza di Progetto L Autorità di regolazione dei trasporti L AVCP e l ANAC L Agenzia per la coesione territoriale L ANAS SpA Le società miste ANAS-Regioni Le società concessionarie autostradali Il corpus normativo di base L introduzione della cosiddetta Convenzione Unica Il sistema tariffario Le recenti novità normative sulla regolazione del rapporto concessorio Elenco delle Norme La rete 2.1 La rete stradale ed autostradale italiana Il demanio stradale La definizione di strade ed autostrade Il trasferimento della rete stradale alle Regioni e agli Enti locali ed il fenomeno di cosiddetto ritorno La riforma del Titolo V della Costituzione Le nuove procedure previste dalla legge 120/2010 per la classificazione della rete Il federalismo demaniale Una rete integrata di trasporti a livello europeo L affermazione della politica europea dei trasporti... 67

3 La nuova rete TEN-T Attuazione della rete Riflessi sulle politiche nazionali Elenco delle Norme Progettazione, esecuzione, direzione lavori e collaudo di Opere Pubbliche 3.1 La progettazione L esecuzione La consegna dei lavori La sospensione dei lavori L accettazione dei materiali Le varianti Determinazione di nuovi prezzi La contabilità dei lavori L istituto delle riserve e l accordo bonario Il Responsabile del Procedimento La Direzione Lavori La disciplina del collaudo La nuova disciplina degli incentivi per la progettazione Elenco delle Norme Le norme per favorire il Partenariato pubblico - privato 4.1 Il partenariato pubblico privato come strumento per favorire lo sviluppo della rete TEN-T nell ambito dell Unione Europea La codificazione del PPP nell ordinamento nazionale Le misure recentemente introdotte dal legislatore per favorire il ricorso al PPP Elenco delle Norme Le norme a favore delle piccole e medie imprese 5.1 L emanazione della legge n. 180/2011 Lo Statuto delle imprese DL 201/2011, recante Disposizioni urgenti per la crescita, l equità ed il consolidamento dei conti pubblici e convertito in legge n. 214/ DL 5/2012 contenente Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni e di sviluppo, convertito in legge n. 35/ DL 83/2012 convertito in legge n. 134/2012 e recante Misure urgenti per la crescita del Paese DL 95/2015 convertito in legge n. 135/2012 e recante Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini

4 5.6 DL 179/2012 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito in legge n. 221/ DLgs 192/2012, recante Modifiche al DLgs 231/2002, per l integrale recepimento della direttiva 2011/7/UE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, a norma dell art. 10, comma 1, della legge n. 180/ DL 35/2013 recante Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della PA, per il riequilibrio finanziario degli Enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli Enti locali, convertito in legge n. 64/ DL 76/2013 recante Primi interventi urgenti per la promozione dell occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale nonché in materia di IVA e altre misure finanziarie urgenti convertito dalla legge n. 99/ DL 101/2013 recante Disposizioni urgenti per il perseguimento degli obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche Amministrazioni, convertito con modificazioni dalla legge n. 125/ DL 145/2013 recante Interventi urgenti di avvio del piano Destinazione Italia, per il contenimento delle tariffe elettriche e del gas, per la riduzione dei premi RC - auto, per l internazionalizzazione, lo sviluppo e la digitalizzazione delle imprese, nonché misure per la realizzazione di opere pubbliche ed EXPO 2015 convertito dalla legge 21 febbraio Legge n. 147/2013 recante Disposizioni per la redazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2014) DL 150/2013, recante Proroga di termini previsti da disposizioni legislative DL 34/2014, recante Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese, convertito dalla legge n. 78/ DL 47/2014, recante Misure urgenti per l emergenza abitativa, convertito dalla legge n. 80/ DL 66/2014 recante Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale. Deleghe al Governo per il completamento della revisione della struttura del bilancio dello Stato, per il riordino della disciplina per la gestione del bilancio e potenziamento della funzione del bilancio di cassa, nonché per l'adozione di un T.U. in materia di contabilità di Stato e di tesoreria convertito dalla legge n. 89/ DL 90/2014, recante Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l efficienza degli uffici giudiziari, convertito dalla legge n. 114/ Legge n. 161/2014, recante Disposizioni per l adempimento degli obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia all Unione europea Legge europea 2013 bis Il recepimento delle nuove Direttive comunitarie in materia di appalti e concessioni Elenco delle Norme

5 8 6. Le norme in materia di legalità e trasparenza 6.1 L impianto originario delineato dalla legge 575/1965, come successivamente modificato Il sistema delle cautele antimafia introdotto dal DLgs 490/1994 come modificato dal DPR 252/ Il sistema di controlli previsto per le infrastrutture strategiche nell ambito della legge Obiettivo Il Codice dei Contratti Pubblici ed i successivi interventi correttivi ed integrativi L esperienza della ricostruzione post sisma in Abruzzo e gli interventi per l EXPO 2015 di Milano La nuova disciplina della tracciabilità dei flussi finanziari prevista dalla legge n. 136/ Il Codice Antimafia Le ulteriori misure in materia contenute nei più recenti provvedimenti normativi La legge n. 190/2012 Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell illegalità nella Pubblica Amministrazione ed il DLgs 33/ L istituto delle White List I decreti correttivi al Codice Antimafia La disciplina sul monitoraggio dello stato di attuazione delle opere pubbliche (Decreti del MEF 26 febbraio 2013 e del 1 agosto 2013) Le recenti misure in materia di contrasto alla corruzione contenute nel DL 90/2014, convertito dalla legge n. 114/ Il DPCM 193/2014 sul funzionamento della Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia Il nuovo reato di autoriciclaggio Elenco delle Norme Le norme in materia di protezione dell ambiente 7.1 La cornice normativa in materia di ambiente Il quadro di riferimento comunitario Il Testo Unico in materia ambientale (DLgs 152/2006) La procedura di Valutazione di Impatto Ambientale La Valutazione Ambientale Strategica La nuova direttiva 2014/52/UE che modifica la direttiva 2011/92/UE sulla valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati La tutela paesaggistica: dalla legge n del 1939 al Testo Unico in materia paesaggistica (DLgs 42/2004) Le norme in materia di inquinamento acustico La legge quadro sull inquinamento acustico

6 7.3.2 I decreti attuativi La Direttiva 2002/49/CE sulla determinazione e la gestione del rumore ambientale attuata con il DLgs 194/ La direttiva 2000/14/CE relativa all emissione acustica ambientale delle macchine ed attrezzature destinate a funzionare all aperto ed il recepimento in Italia Elenco delle Norme Le norme tecniche e di sicurezza nella costruzione delle strade 8.1 Le norme tecniche per le costruzioni Le norme in materia di sicurezza I primi provvedimenti a livello comunitario e nazionale La normativa in materia di sicurezza delle gallerie stradali La normativa in materia di sicurezza stradale La normativa in materia di barriere stradali Le norme in materia di overdesign Elenco delle Norme Le nuove direttive UE in materia di appalti ordinari e concessioni 9.1 La semplificazione Qualità ed innovazione Le nuove procedure di gara L esecuzione del contratto aggiudicato e la sua rinegoziazione L attenzione alle piccole e medie imprese Ambiente, lavoro e finalità sociali La centralizzazione degli appalti La direttiva sulle concessioni La legge delega per il recepimento delle nuove direttive comunitarie Elenco delle Norme L esecuzione dei lavori stradali La cornice degli interventi infrastrutturali nel comparto stradale La composizione dell ufficio di Direzione Lavori La consegna dei lavori Il coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione Gli ordini di servizio Buone prassi in tema di accettazione dei materiali I processi gestionali della commessa Gli accertamenti (in particolare) contabili della Direzione Lavori Le varianti e le modifiche degli aspetti di dettaglio

7 Le riserve e l accordo bonario. Un ipotesi ricorrente: l anomalo andamento dei lavori Il collaudo. Le conseguenze dell inosservanza dei termini previsti dalla vigente normativa

8 PREFAZIONE Ing. Gianni Vittorio Armani Presidente e Amministratore Delegato ANAS SpA La rilevanza del sistema stradale nello sviluppo economico e sociale non è una scoperta dell era moderna ma è da millenni una costante del sistema di governo. Nell antica Roma l inaugurazione di una nuova strada aveva la stessa dignità della celebrazione di una grande vittoria militare. E nella ramificazione delle strade romane, veicolo d espansione dell Impero, troviamo l antesignano della attuale rete europea dei trasporti, base di ogni scambio continentale economico e sociale. Possiamo, quindi, definire la strada come un elemento permanente ed essenziale della storia, in quanto è stata percepita nei secoli, nella sua evoluzione, come un patrimonio da tutelare da parte della politica. Le rivoluzioni, le riforme, i cambiamenti anche radicali degli assetti geopolitici hanno provocato lo stravolgimento del modo di vivere e dei costumi sociali ma hanno lasciato praticamente inalterati i tracciati della antiche strade, tutt al più aggiungendo altre diramazioni. Per decenni si è parlato della necessità di costruire l Europa. Ma quel costruire va inteso innanzitutto in senso stretto, poiché senza strade e senza reti di trasporto l Europa semplicemente non sarebbe possibile. Riferendosi all Italia, il sistema delle strade è stato paragonato al sistema arterioso della Penisola. Ed è questa effettivamente l immagine della rete stradale se la guardiamo dall alto, magari atterrando in aeroplano. È una rete che rende possibile ogni scambio, una rete sempre più complessa, che è costata soldi e sacrifici e che è diventata un grande valore. In passato costruire strade era più semplice. Ora le regole per costruire strade sono diventate più complesse, perché la società stessa è diventata più complessa e la crescita di attenzione all ambiente, alla sicurezza, alla legalità, alla trasparenza, al coinvolgimento di capitali privati si è sedimentata dentro norme sempre più articolate. L attuale cornice normativa in materia di infrastrutture stradali risulta quindi particolarmente articolata, considerate, da un lato, la pluralità di Autorità ed Enti dotati di poteri regolatori del settore e, dall altro, la molteplicità di pro-

9 12 fili che necessitano di apposita regolamentazione sia a livello nazionale che comunitario: dalla stessa definizione della rete, alla normativa che regola gli affidamenti e l esecuzione dei lavori, dalla disciplina in materia di tutela ambientale alle regole tecniche ed in materia di sicurezza. L attuale contesto di crisi economica internazionale e di carenza di risorse del bilancio pubblico da destinare allo sviluppo del sistema infrastrutturale italiano ha recentemente arricchito il quadro regolamentare di riferimento di una pluralità di misure volte a favorire una più significativa partecipazione delle piccole e medie imprese nonché a facilitare forme di partenariato pubblico privato nella realizzazione e gestione delle infrastrutture, anche allo scopo di attrarre capitali privati. Sotto un diverso profilo, la recente produzione normativa ha dimostrato l attenzione del legislatore nel dettare previsioni volte non solo a contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore degli appalti pubblici ma anche a prevenirle mediante la costruzione di un sistema positivo di legalità, che vede nelle norme in materia di anticorruzione e di trasparenza il proprio punto di riferimento. In questo contesto, gli scandali che negli ultimi tempi hanno affollato le cronache giudiziarie hanno condotto ad un ulteriore inasprimento delle misure preventive e sanzionatorie al fine di contrastare i fenomeni corruttivi nel delicato settore delle opere pubbliche: basti pensare alle misure straordinarie di gestione/monitoraggio di imprese per prevenire la corruzione, alle norme sul monitoraggio finanziario dei lavori relativi a infrastrutture strategiche, all obbligo di trasmissione all Autorità Anticorruzione delle varianti in corso d opera nonché alle misure volte ad inasprire la normativa in materia di corruzione nell ambito del più ampio disegno di legge di riforma della normativa penale sostanziale e processuale. Da quanto sopra deriva un quadro normativo caratterizzato da un numero elevatissimo di disposizioni, che necessiterebbe di maggiore organicità, che causa talora difficoltà interpretative e rallentamenti dell attività delle Amministrazioni aggiudicatrici, oltre che frequenti contenziosi con le imprese, e che per questo andrebbe ora semplificato e riformato. Con l auspicio che l occasione del recepimento delle nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni venga valorizzata allo scopo di riformare l intero sistema che regola il settore dei contratti pubblici, con il varo del nuovo Codice degli Appalti al quale stanno lavorando Governo e Parlamento, particolarmente apprezzabile è lo sforzo compiuto dalla Guida alle norme sulle infrastrutture stradali di fornire agli operatori del settore una raccolta aggiornata e commentata della normativa nazionale e comunitaria di riferimento mediante la quale potersi orientare con maggiore agilità in un contesto ad oggi davvero complesso.

10 L UTILITÀ DI UNA GUIDA COME QUESTA Arch. Ornella Segnalini Direttore generale per le strade, le autostrade e per la vigilanza e sicurezza delle infrastrutture stradali del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti Difficilmente ci si trova di fronte ad un testo come quello in esame che pur non prefiggendosi di essere completamente esaustivo, riesce tuttavia ad essere rappresentativo dell ampio ventaglio di problematiche, e quindi delle norme ad esse connesse, che ineriscono la specifica materia delle infrastrutture stradali. Nel loro insieme, tali problematiche contribuiscono a fare della strada un oggetto per certi versi cangiante a seconda dell angolo di visuale con il quale lo si traguarda. Se, infatti, tale angolo mette in risalto la strada sotto l aspetto della funzione di collegamento che deve svolgere, questo libro prende in considerazione il concetto di rete, partendo dal demanio cui le strade appartengono fino a delineare l evolversi della nozione di rete a livello europeo. Se, invece, la strada è analizzata in termini di requisiti di sicurezza che deve garantire, a spiccare in primo piano è la normativa più prettamente tecnica, che il testo opportunamente tratta secondo il suo evolversi nel tempo, spaziando dalle cosiddette barriere di sicurezza alle caratteristiche geometriche che rendono più sicura l infrastruttura. Se, poi, la strada è esaminata nell accezione di opera pubblica, ecco che prende corpo la copiosa produzione legislativa che ha caratterizzato il quadro nazionale da metà degli anni Novanta ad oggi in tema di realizzazione dei lavori pubblici. Se, ancora, la strada è intesa quale opera soggetta a tariffazione, il testo e- samina l evolversi della disciplina delle concessioni di lavori pubblici, dalle prime iniziative nel campo delle autostrade in concessione fino al mutato quadro legislativo, a valle del quale è il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che svolge il ruolo di concedente fino al 2012 in capo all ANAS. Da questi primi elementi è già possibile desumere l impegno che ha richiesto questo testo nel prendere in esame le differenti materie (demanio, sicurezza stradale, appalti), i diversi soggetti coinvolti (Ministeri, ANAS, Enti territoriali e locali, concessionari autostradali, società miste), le diverse iniziative

11 14 con le quali realizzare le strade (partenariato pubblico-privato, project financing ecc.). Contrassegnato da un forte carattere interdisciplinare, il testo stesso si trasforma e in tal senso andrebbe interpretato in una rilevante occasione per rileggere l infrastruttura stradale in relazione al quadro normativo e al contesto storico in cui la stessa ricade. Non vi è dubbio che nell ambito dei soggetti trattati, l ANAS occupi un posto di rilievo, tenuto conto del ruolo svolto nel processo di infrastrutturazione del Paese dal lontano 1928 fino ad oggi, quando, alle soglie di una possibile evoluzione della società nella direzione della privatizzazione, sarebbe necessario aprire un approfondimento sulla funzione e sulle finalità cui il nuovo soggetto ANAS sarà chiamato a rispondere, ancor prima di esaminarne i pur rilevanti vantaggi che tale trasformazione potrebbe comportare in termini di riduzione della spesa pubblica. A tale ultimo riguardo, taluni degli spunti di riflessione contenuti nelle premesse ai vari capitoli di questo testo possono venirci in aiuto, laddove, in particolare, si richiamano la definizione dei beni demaniali e la configurazione giuridica delle strade, ma anche quando si esaminano le funzioni dei vari soggetti o, più in generale, si affronta da vicino il processo di programmazione degli interventi stradali. Se, da un lato, le implicazioni connesse all evoluzione legislativa degli ultimi anni scontano, come il testo mette in luce più volte, la novità di alcuni ruoli precedentemente svolti da altri soggetti (prima, fra tutte, la richiamata funzione di concedente delle autostrade da parte del Ministero), è pur vero che una disamina così completa della materia costituisce un esercizio innovativo che è valsa la pena sperimentare, se non altro per superare quel grado di settorialità che impronta da sempre la specifica materia stradale. È evidente, quindi, che, oltre ad una descrizione dettagliata del corpus normativo, l ampiezza delle casistiche affrontate e, di conseguenza, la rilevanza delle problematiche esaminate fanno sì che questo volume possa ritenersi un testo utile sotto molteplici punti di vista, non solo per chi si avvicina per la prima volta alla complessa disciplina che caratterizza il manufatto stradale, ma anche, e soprattutto, per gli addetti ai lavori, per tutti coloro, cioè, che a vario titolo e livello hanno a che fare quotidianamente con la pianificazione, la programmazione, la realizzazione e la manutenzione delle infrastrutture stradali.

12 Estratto dal CAPITOLO 1 I SOGGETTI

13 CAPITOLO 1 I SOGGETTI PREMESSA Il settore delle infrastrutture viarie in Italia presenta un articolazione complessa: da un lato, le Autorità e le Istituzioni che a diverso titolo e- spletano le funzioni regolatorie e di vigilanza in materia (il Parlamento, i competenti Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell Economia e delle Finanze, il CIPE nonché l Autorità per la Regolazione dei Trasporti, per effetto della sua recente istituzione ex art. 37 del DL 6 dicembre 2011, n. 201, dall altro, l ANAS SpA, concessionaria ex lege della rete viaria di interesse nazionale di oltre 25 mila km (mentre, come meglio si vedrà nel Capitolo 2, le strade non di interesse nazionale sono state trasferite alle Regioni), a cui si aggiungono una pluralità di concessionari privati di autostrade a pedaggio. 1.1 IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (di seguito anche MIT ), recentemente riorganizzato nei termini previsti dal DPCM 11 febbraio 2014, n. 72, ha anche il compito di realizzare per il Paese grandi opere infrastrutturali strategiche ed organizzare le grandi linee di comunicazione ferroviaria, stradale, aerea e marittima.

14 20 CAPITOLO 1 Per quanto concerne, in particolare, le infrastrutture viarie, il MIT realizza infrastrutture stradali attuando la vigilanza tecnica, finanziaria ed o- perativa sugli interventi di viabilità dell'anas e delle Concessionarie autostradali ed implementa l'archivio informatico delle strade. Il Ministero detta, al contempo, le norme tecniche costruttive per ogni settore infrastrutturale, svolgendo un delicatissimo compito in ordine alla vigilanza e al controllo sulle modalità costruttive delle opere strategiche di diretta competenza delle Amministrazioni o di quelle delle Società vigilate, senza trascurare la sicurezza e l'incolumità nel trasporto stradale (nell ambito del quale provvede all'adozione e all'attuazione del "Piano nazionale della sicurezza stradale", disciplinando anche la normativa relativa alla segnaletica stradale e sperimentando soluzioni alternative, all'attuazione e alla revisione del Codice della Strada, all'omologazione ed all'accertamento dei requisiti di idoneità alla circolazione stradale dei veicoli e dei conducenti, nonché alla disciplina normativa del trasporto di merci pericolose), nonché i profili ambientali. Detta, altresì, gli indirizzi generali in materia di politica tariffaria, salvaguardando la concorrenza e la qualità dei servizi di trasporto. Le azioni fin ora descritte hanno come obiettivo l'identificazione delle linee fondamentali dell'assetto del territorio con gli adempimenti tecnici e amministrativi relativi all'espletamento delle procedure di localizzazione di opere strategiche di rilievo nazionale, in sintonia con gli indirizzi europei e gli accordi internazionali. Il MIT, inoltre, indirizza e coordina la normativa in materia di contratti pubblici di servizi e forniture nei settori ordinari e speciali, svolgendo anche attività di supporto e consulenza in materia alle Amministrazioni aggiudicatrici e ai soggetti aggiudicatori. L assetto delle competenze in materia di gestione della rete stradale e autostradale di interesse nazionale è stato modificato per effetto dell art. 36 del DL 98/2011. In particolare, nella sua formulazione originaria, la norma prevedeva l istituzione, a decorrere dal 1 gennaio 2012, dell Agenzia per le infrastrutture stradali e autostradali presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che doveva subentrare ad ANAS SpA nelle funzioni di concedente per le convenzioni in essere e in tutti gli atti convenzionali con le società regionali nonché con i conces-

15 ISOGGETTI 21 sionari autostradali nonché la conseguente ridefinizione delle funzioni di ANAS stessa. L operatività di tale subentro era stata prorogata al 30 settembre 2012 (termine ultimo per l istituzione effettiva dell Agenzia) dal comma 78, lett. b), dell art. 12 del DL 95/2012. Nelle more dell adozione dello statuto della nuova Agenzia, l art. 11, comma 5, del DL 216/2011 (come novellato dall'art. 12, comma 78, lett. a), del DL 95/2012) ha previsto, in caso di mancata adozione entro il 30 settembre 2012 dello statuto e del DPCM di individuazione delle unità di personale da trasferire all'agenzia 1, la soppressione dell'agenzia stessa e il trasferimento al MIT, a decorrere dal 1 ottobre 2012, delle attività e dei compiti già attribuiti alla medesima. Nonostante l ottenimento del parere favorevole delle competenti commissioni parlamentari sullo schema di statuto, il Governo non ha provveduto all emanazione dello stesso nel termine previsto. Scaduto il termine, e quindi considerata soppressa l Agenzia, con il DM Infrastrutture e Trasporti 1 ottobre 2012, n. 341, il MIT ha provveduto all istituzione della Struttura di vigilanza sulle concessionarie autostradali (SVCA) 2, cui sono state affidate le competenze sulle concessioni autostradali a pedaggio fino a quel momento svolte dall ANAS. In esito alla riorganizzazione del MIT disposta dal citato DPCM n. 72/2014 adottato ai sensi dell art. 2, comma 10 ter del DL 95/2012 (convertito in legge 135/2012) al fine di assicurare la riduzione del numero delle strutture di primo livello alla luce delle misure di contenimento della finanza pubblica e di razionalizzazione degli assetti organizzativi 1 Con il DPCM 30 settembre 2014 recante il Trasferimento del personale proveniente dall'ispettorato Vigilanza concessionarie dell'anas Spa al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ai sensi dell'art. 25 del DL 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n Tabelle di equiparazione è infine stato individuato il personale proveniente dall Ispettorato vigilanza concessionarie di ANAS ( IVCA ) da trasferire al MIT, definendo altresì le tabelle di equiparazione, indicative dell area e dei profili professionali di inquadramento del personale trasferito da ANAS. 2 Dal 2006 tali funzioni erano state esercitate da ANAS attraverso l Ispettorato vigilanza concessioni autostradali (IVCA), una struttura ad hoc, separata sotto l aspetto amministrativo, finanziario e contabile dalle altre direzioni aziendali rispetto al contesto operativo dell Azienda.

16 22 CAPITOLO 1 esistenti le funzioni di vigilanza e controllo sui concessionari autostradali, ivi incluse quelle di vigilanza sull'esecuzione dei lavori di costruzione delle opere date in concessione e di controllo della gestione delle autostrade il cui esercizio è dato in concessione, già facenti capo alla predetta SVCA sono state trasferite in capo alla Direzione generale per la vigilanza sulle concessionarie autostradali, istituita ai sensi del citato art. 11 del DL 216/2011 nell ambito del Dipartimento per le Infrastrutture, i sistemi informativi e statistici. Restano invece in capo alla Direzione generale per le strade e le autostrade e per la vigilanza e la sicurezza nelle infrastrutture stradali (che ha inglobato sia la precedente Direzione generale per le infrastrutture stradali sia la Direzione generale per la vigilanza e la sicurezza nelle infrastrutture, istituite anch esse all interno del Dipartimento per le infrastrutture, i sistemi informativi e statistici), tra le altre, le funzioni di concedente della rete stradale e autostradale in concessione, di selezione dei concessionari autostradali e di approvazione delle concessioni di costruzione e gestione delle infrastrutture viarie, di indirizzo, vigilanza e controllo tecnico-operativo su ANAS SpA e sui gestori delle infrastrutture viarie appartenenti alla rete nazionale, di classificazione e declassificazione delle strade di competenza statale ai fini della programmazione, monitoraggio e vigilanza sul rispetto delle norme di sicurezza nonché di verifica del rispetto delle norme tecniche di costruzione nella fase realizzativa delle opere pubbliche e i rapporti con il CIPE in materia di infrastrutture stradali. Fanno inoltre capo alla Direzione generale per la sicurezza stradale, istituita presso il Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale, tra le altre, le funzioni di regolamentazione della circolazione stradale e coordinamento dei servizi di polizia stradale di competenza, di uso e tutela delle strade nonché di adozione ed attuazione del piano nazionale della sicurezza stradale e dei programmi operativi, d'intesa, per quanto di competenza, con la predetta Direzione generale per le strade e le autostrade e per la vigilanza e la sicurezza nelle infrastrutture stradali.

17 Estratto dal CAPITOLO 3 PROGETTAZIONE

18 CAPITOLO 3 PROGETTAZIONE, ESECUZIONE, DIREZIONE LAVORI E COLLAUDO DI OPERE PUBBLICHE 3.1. LA PROGETTAZIONE Il Codice dei Contratti Pubblici ha previsto per l attività di progettazione tre livelli successivi di approfondimento, definiti rispettivamente: progetto preliminare, progetto definitivo ed infine progetto esecutivo, rinviando al Regolamento attuativo (si veda Parte II Contratti pubblici relativi a lavori nei settori ordinari, Titolo II Progettazione e verifica del progetto, Capo I Progettazione) la precisa definizione della tipologia di elaborati appartenenti a ciascun livello. L attività di progettazione prende l avvio con la redazione del Documento Preliminare alla Progettazione (DPP) a cura del Responsabile del procedimento (art. 10 del Regolamento attuativo, lettere c), e), f) ed o), nell ambito del quale la stazione appaltante definisce i passaggi progettuali che devono essere svolti, la programmazione temporale delle attività; il modello di procedura e quello di controllo; nonché il costo dell intervento). La normativa di rango primario e secondario non indicano un modello di documento da prendere come base. Il RUP deve inoltre svolgere un azione di coordinamento delle attività alla base della redazione del progetto preliminare verificandone l aderenza alle indicazioni fornite dal DPP, verificando altresì che nella progettazione preliminare siano presenti e ben specificati, gli indirizzi da sviluppare nei successivi livelli di approfondimento progettuale.

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

Newsletter n.83 Gennaio 2011

Newsletter n.83 Gennaio 2011 Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_41 STUDI DI FATTIBILITÀ: Dal DPR 207 del 5/10/2010 disposizioni per lo sviluppo, composizione e contenuti Schema dettagliato per project financing e dialogo

Dettagli

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA È INSIEME DI FASI E ATTIVITÀ IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI CHE FANNO CAPO

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento delle direttive europee su appalti e concessioni (elaborato in collaborazione con Avv. Ilenia Filippetti) Il tema dell innovazione del quadro normativo

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013

DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 (D.P.C.M. 21 gennaio 2011) DECRETO COMMISSARIALE n. 110 del 16 aprile 2013 OGGETTO: Accordo di Programma sottoscritto il 14 dicembre 2010 tra il MATTM e la Regione Basilicata. - Intervento di Consolidamento

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_40 PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Il ruolo della PROIND SRL a supporto dei proponenti

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON L AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO D IMPRESA S.P.A. (INVITALIA) PREMESSO CHE - L art.

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

\Ä ` Ç áàüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx. \Ä ` Ç áàüé wxääëxvéçéå t x wxääx Y ÇtÇéx. di concerto con

\Ä ` Ç áàüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx. \Ä ` Ç áàüé wxääëxvéçéå t x wxääx Y ÇtÇéx. di concerto con \Ä ` Ç áàüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx di concerto con \Ä ` Ç áàüé wxääëxvéçéå t x wxääx Y ÇtÇéx VISTO il decreto legislativo 26 febbraio 1994, n. 143, recante istituzione dell Ente nazionale per le strade;

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERA OPZIONALE CONNESSA AL PORTO TURISTICO

STUDIO DI FATTIBILITA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERA OPZIONALE CONNESSA AL PORTO TURISTICO COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA PROVINCIA DI MESSINA PORTO TURISTICO PROGETTO PRELIMINARE STUDIO DI FATTIBILITA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERA OPZIONALE CONNESSA AL PORTO TURISTICO TRATTO DI VIABILITÀ

Dettagli

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001;

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001; LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE SCHEMI IDRICI REGIONE BASILICATA - OPERE PER L INTEGRAZIONE DELLE CONDOTTE MAESTRE, DELLE DIRAMAZIONI, DEI SERBATOI E DEL COMPLETAMENTO DELLE RETI

Dettagli

La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento

La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento La trasparenza sulle scelte di finanziamento e sulle risorse impiegate Programmazione, Risorse e Gestione delle spese e tempi di pagamento Giuliano PALAGI, Direttore Generale della Provincia di Pisa con

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net amministrazione@strataspa.net agi@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net amministrazione@strataspa.net agi@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma VAT 04133671000 TC 10086440152 2 Management Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467292 Enquiries and Support Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/4467376 www.strataspa.net

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON ROMA CAPITALE PREMESSO CHE: - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI. 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli

LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI. 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli LA QUALITA NELL OPERA PUBBLICA WORKSHOP VARIANTE DI CANALI 5 GIUGNO 2015 PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Dott.ssa Silvia Signorelli DIRITTO COMUNITARIO Principi trattato - Direttive PRINCIPI GENERALI IL QUADRO

Dettagli

ALLE CAMERE DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA LORO SEDI. per conoscenza: ALL UNIONCAMERE P.ZZA SALLUSTIO, 21 00184 - ROMA

ALLE CAMERE DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA LORO SEDI. per conoscenza: ALL UNIONCAMERE P.ZZA SALLUSTIO, 21 00184 - ROMA Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il Consumatore,la Vigilanza e la Normativa Tecnica Divisione XV - Strumenti di misura e metalli preziosi - Prot. n.

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163

Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Segnalazione al Governo e al Parlamento ai sensi dell art. 6, comma 7, lett. f), del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 Atto di segnalazione n.

Dettagli

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI

Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Legge 3 agosto 2007, n. 123. Prime indicazioni applicative. Ai Signori Direttori degli SPISAL delle Aziende ULSS del Veneto LORO SEDI Facendo seguito alla informativa trasmessa dalla scrivente Direzione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Urbanistica Rigenerazione Urbana DIRETTORE CARLETTI arch. RUGGERO Numero di registro Data dell'atto 723 14/05/2015 Oggetto : Approvazione in linea tecnica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it NUOVO TESTO PROPOSTO DAI RELATORI PER IL DISEGNO DI LEGGE N. 1678 NT Stefano Esposito, Pagnoncelli, relatori N.B.: In grassetto le modifiche inserite dai relatori Art. 1 1. Il Governo è delegato ad adottare

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1702 23 FEBBRAIO 2005 DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEI FONDI PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE E DEFINIZIONE DEI CRITERI DI RIPARTO 1 Indice: Capo I Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 Finalità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro per i rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante norme comuni per il

Dettagli

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna La normativa sui Lavori Pubblici Settembre 2014 Relatore: Ing. Stefano Boninsegna Il Codice degli appalti (ex Legge Merloni) Scopo: disciplina il processo attuativo che porta alla realizzazione di un opera

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento ai sensi dell art. 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre

Dettagli

SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA

SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA SEZIONE ATTIVITA IN MATERIA DI TRASPARENZA La disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni è stata oggetto di un riordino complessivo

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS 65 REGOLAMENTO RELATIVO ALL ENTITA, MODALITA E CRITERI DI RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PREVISTI DALL ART.92, COMMA 5 DEL D. LGS. 163/06 PER LE OPERE, I LAVORI E GLI ATTI DI PIANIFICAZIONE DI COMPETENZA

Dettagli

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche

Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Evoluzione Normativa Sui Contratti Pubblici E Buone Pratiche Filippo Romano Giuseppe Failla Roma, 11-14 maggio 2009 Filippo

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Piano di manutenzione delle strutture

Piano di manutenzione delle strutture Software professionale in versione Windows Vincenzo Calvo Elisabetta Scalora Piano di manutenzione delle strutture REDAZIONE DEL PIANO DI MANUTENZIONE CON IL SOFTWARE PreManStru * Manuale d uso Informazioni

Dettagli

Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone

Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone Via Trattenero 15-10053 Bussoleno (To) Tel: (+39)0122-642800 Fax: (+39)0122-642850 http://www.cmvss.it e-mail: info@cmvss.it Progettazione preliminare, definitiva

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Primo Contributo per la definizione di un nuovo quadro normativo per il settore dei lavori pubblici, in recepimento della direttiva n 2014/24/UE

Primo Contributo per la definizione di un nuovo quadro normativo per il settore dei lavori pubblici, in recepimento della direttiva n 2014/24/UE Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori; Chimici; Dottori Agronomi e Forestali; Geologi; Geometri, Ingegneri; Periti Agrari; Periti industriali; Tecnologi Alimentari Primo Contributo per

Dettagli

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001;

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001; LEGGE N. 443/2001 1 PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE SCHEMI IDRICI REGIONE CALABRIA SCHEMA IDRICO SULLA DIGA DEL TORRENTE MENTA 1 LOTTO OPERE DI PRESA, GALLERIA DI DERIVAZIONE E POZZO PIEZOMETRICO, LAVORI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE

NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE NOZIONI E DEFINIZIONI IN TEMA DI APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI TRA APPALTI INTERNI E NUOVE DIRETTIVE COMUNITARIE A cura di Maria Cristina Colombo professore a contratto al Politecnico di Milano - avvocato

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

- SI - NO precede. b) Elaborati e adempimenti specifici e ulteriori da predisporre (compresi nei corrispettivi): - SI - NO 3/5

- SI - NO precede. b) Elaborati e adempimenti specifici e ulteriori da predisporre (compresi nei corrispettivi): - SI - NO 3/5 Allegato «A»: distinta delle prestazioni oggetto dell incarico e dei corrispettivi A.1 Fase di progettazione ATTIVITA DI SUPPORTO RILIEVI PRELIMINARE DEFINITIVA ESECUTIVA Attività di supporto in fase di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FONDO PER L INCENTIVAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA Art. 1 Finalità Il presente regolamento ha come finalità l incentivazione

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 38/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Determinazione del costo globale annuo massimo per le operazioni

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici..

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Il Direttore dell esecuzione esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Stefania Gherri Reggio Emilia 12/12/2007 Il Direttore dell esecuzione..

Dettagli

LA CONTABILITA' LAVORI

LA CONTABILITA' LAVORI LA CONTABILITA' LAVORI Prof. Domenico Natale 1 Finalità Scopo della contabilità lavori è quello di definire: nel momento del progetto l importo preventivo dell opera fase progettuale preventiva a lavoro

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013

Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Segnalazione ai sensi dell art. 6, comma 7, lettera f), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Atto di segnalazione n. 1 del 27 marzo 2013 Pubblicazione cartacea degli avvisi e dei bandi ex art.

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 1: Ambito di applicazione. CAPO 1 Oggetto e soggetti Il presente Regolamento definisce

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO RISOLUZIONE N. 430/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 novembre 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Irap cuneo fiscale Imprese che svolgono

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

D.1.8 ISTRUZIONI GENERALI. Regione Toscana Giunta Regionale

D.1.8 ISTRUZIONI GENERALI. Regione Toscana Giunta Regionale Allegato 1 Regione Toscana Giunta Regionale LEGGE 11.01.1996 N 23 NORME PER L EDILIZIA SCOLASTICA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N 65 DEL 2.02.2004 III PIANO GENERALE TRIENNALE DI FINANZIAMENTO I E II PIANO

Dettagli

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Roma, 17 luglio 2015 AC 3262 Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali Ordini del giorno Sommario Fondo integrativo IMU-Tasi

Dettagli

RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP

RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP 1 RICHIESTA E INDICAZIONE DEL CIG E DEL CUP L articolo 7, comma 4, del d.l. n. 187/2010 ha sostituito il comma 5 dell articolo 3 stabilendo che, ai fini della

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera

PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06. Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera PROJECT FINANCING Alla luce del terzo decreto correttivo al Decreto Legislativo 163/06 Bologna, 7 maggio 2009 Avv. Dover Scalera 1 Le novità introdotte dal terzo decreto correttivo Project Financing Il

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli