Solar Energy Report Il sistema industriale italiano nel business dell energia solare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solar Energy Report Il sistema industriale italiano nel business dell energia solare"

Transcript

1

2

3 Solar Energy Report Il sistema industriale italiano nel business dell energia solare Aprile 2011

4

5 Indice Introduzione Executive Summary FOTOVOLTAICO La tecnologia La diffusione commerciale delle tecnologie fotovoltaiche Le dinamiche di prezzo Alcune direzioni di innovazione sulle tecnologie di prima e seconda generazione La certificazione dei moduli fotovoltaici Il fotovoltaico a concentrazione Le tecnologie degli inverter La normativa Il Terzo Conto Energia Il rendimento dell investimento nel fotovoltaico con il Terzo Conto Energia Il passaggio dal Nuovo al Terzo Conto Energia Analisi delle uscite per lo Stato dovute agli incentivi per il fotovoltaico L Autorizzazione Unica per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili Gli incentivi alla produzione di energia fotovoltaica in Europa e nel mondo Il mercato Il fotovoltaico in Europa e nel mondo Il fotovoltaico in Italia La segmentazione del mercato fotovoltaico La distribuzione geografica degli impianti Gli sviluppi futuri del fotovoltaico in Italia La filiera Il volume d affari del fotovoltaico in Italia Le marginalità I player della filiera fotovoltaica italiana Area di Business Silicio e Wafer Area di Business Celle e Moduli Area di Business Inverter & Altri Componenti Area di Business Distribuzione e Installazione Il finanziamento delle installazioni fotovoltaiche in Italia I distretti del fotovoltaico in Italia L internazionalizzazione delle imprese italiane del fotovoltaico Il Decreto Rinnovabili Le disposizioni transitorie: la sospensione del Terzo Conto Energia Le disposizioni transitorie: dopo il Terzo Conto Energia Il nuovo sistema di incentivazione in vigore dal 2013 Il fotovoltaico sui terreni agricoli Altri cambiamenti introdotti dal Decreto Rinnovabili Modifiche a livello delle procedure autorizzative Considerazioni conclusive La tecnologia La normativa Il mercato La filiera SOLARE TERMICO SOLARE TERMODINAMICO La tecnologia I principali trend tecnologici osservati nel 2010 I parabolic trough: stato dell arte ed evoluzioni attese

6 Indici I solar tower: stato dell arte ed evoluzioni attese I solar dish: stato dell arte ed evoluzioni attese Gli impianti a specchi di Fresnel: stato dell arte ed evoluzioni attese Il confronto con le tecnologie del fotovoltaico Un nuovo campo di applicazione: il mini CSP La normativa La normativa italiana per il solare termodinamico Analisi di benchmark dei meccanismi di incentivazione del solare termodinamico La filiera del solare termodinamico in Italia Gruppo di lavoro Metodologia Bibliografia Elenco delle organizzazioni intervistate Il mercato La filiera Lo scenario internazionale: Società di Ingegneria Solare e componentisti globali La School of Management e l Energy & Strategy Group Le imprese partner

7 Indice delle figure Fotovoltaico Figura 1.1 Figura 1.2 Figura 1.3 Figura 1.4 Figura 1.5 Figura 1.6 Figura 1.7 Figura 1.8 Figura 1.9 Figura 1.10 Figura 1.11 Figura 1.12 Figura 1.13 Figura 1.14 Figura 1.15 Figura 1.16 Figura 1.17 Figura 1.18 Figura 1.19 Figura 1.20 Figura 1.21 Figura 1.22 Figura 1.23 Figura 1.24 Figura 1.25 Figura 1.26 Figura 1.27 Figura 1.28 Figura 1.29 Figura 1.30 Figura 1.31 Quota di mercato al 2009 delle principali tecnologie fotovoltaiche Quota di mercato al 2010 delle principali tecnologie fotovoltaiche Quota di mercato delle principali tecnologie sulle nuove installazioni Quota di mercato al 2009 delle principali tecnologie fotovoltaiche in Italia Ripartizione dei costi chiavi in mano di un impianto fotovoltaico residenziale Andamento del prezzo sul mercato spot dei moduli fotovoltaici in silicio poli-cristallino Andamento del prezzo sul mercato spot dei moduli fotovoltaici in silicio mono-cristallino Andamento del prezzo sul mercato spot dei moduli fotovoltaici al Tellururo di Cadmio Andamento del prezzo sul mercato spot dei moduli fotovoltaici al silicio amorfo Andamento del prezzo sul mercato spot degli inverter fotovoltaici nel 2010 Andamento dell IRR dell impianto da 3 kw nello scenario pessimistico Andamento dell IRR dell impianto da 3 kw nello scenario ottimistico Andamento dell IRR dell impianto da 200 kw nello scenario pessimistico Andamento dell IRR dell impianto da 200 kw nello scenario ottimistico Andamento dell IRR dell impianto da 1 MW nello scenario pessimistico Andamento dell IRR dell impianto da 1 MW nello scenario ottimistico Distribuzione della potenza installata nel corso del 2010 in base al regime giuridico che sarebbe stato applicato con il Decreto Legislativo del 10 Settembre 2010 Potenza annuale e cumulata installata in Italia dal 2007 a oggi Segmentazione della potenza cumulata installata in Italia Potenza installata nel corso del 2009 e del 2010 (con e senza Decreto Salva Alcoa ) nelle diverse Regioni italiane Segmentazione per taglie di impianto della potenza installata nel corso del 2010 (comprensiva del Decreto Salva Alcoa ) nelle diverse Regioni italiane Potenza installata (comprensiva del Decreto Salva Alcoa ) per mille abitanti nelle diverse Regioni italiane nel corso del 2009 e del 2010 Potenza installata nel corso del 2009 e del 2010 (comprensiva del Decreto Salva Alcoa ) nelle diverse Regioni italiane in funzione della loro estensione territoriale Analisi nel medio termine dell indice WTLR in assenza di interventi di sviluppo Principali aree di business nella filiera fotovoltaica e volume d affari nel 2010 EBITDA Margin medio delle imprese operanti nelle diverse fasi della filiera fotovoltaica Le imprese nella filiera fotovoltaica italiana Capacità produttiva e produzione di celle e moduli in Italia nel 2009 e nel 2010 e prevista per il 2011 Ripartizione per tipologia dei finanziamenti agli impianti fotovoltaici installati nel 2010 in Italia Percentuale delle imprese favorevoli/contrarie alla nascita dei distretti in Italia suddivise per area di business I mercati geografici che più hanno catalizzato l attenzione dei produttori di celle e moduli italiani

8 Indici Solare termico Figura 2.1 Figura 2.2 Figura 2.3 Figura 2.4 Figura 2.5 Figura 2.6 Figura 2.7 Figura 2.8 Figura 2.9 Figura 2.10 Figura 2.11 Figura 2.12 Diffusione delle diverse tipologie di collettori nel mercato italiano Diffusione delle diverse tipologie di circolazione nel mercato italiano Distribuzione per tecnologia della potenza installata in impianti solar cooling nel mondo Taglia media degli impianti di solar cooling installati nel mondo Distribuzione della potenza installata in impianti solar cooling per tecnologia in Italia Taglia media degli impianti di solar cooling installati in Italia Andamento delle installazioni annuali nel mercato europeo del solare termico (in m² di collettori solari) Peso dei diversi Paesi europei nel mercato 2010 del solare termico Peso dei diversi Paesi europei sul totale della capacità installata in impianti solari termici Andamento delle installazioni annuali in Germania (in m² di collettori solari) Andamento delle installazioni annuali in Italia (in m² di collettori solari) Ripartizione della capacità totale installata in Italia tra Nord, Centro e Sud a fine Solare termodinamico Figura 3.1 Figura 3.2 Figura 3.3 Figura 3.4 Figura 3.5 Figura 3.6 Figura 3.7 Ripartizione per tecnologia degli impianti solari termodinamici installati Costi di generazione per i sistemi solari termodinamici parabolic trough e solar tower Concentratore parabolico mini CSP Veduta aerea degli impianti solari termodinamici Solnova Localizzazione geografica degli impianti solari termodinamici in funzione al 31 Dicembre 2010 per potenza installata Localizzazione geografica degli impianti solari termodinamici in corso di realizzazione per potenza installata Localizzazione geografica degli impianti solari termodinamici in progetto per potenza installata

9 Indice delle tabelle Fotovoltaico Tabella 1.1 Tabella 1.2 Tabella 1.3 Tabella 1.4 Tabella 1.5 Tabella 1.6 Tabella 1.7 Tabella 1.8 Tabella 1.9 Tabella 1.10 Tabella 1.11 Tabella 1.12 Tabella 1.13 Tabella 1.14 Tabella 1.15 Tabella 1.16 Tabella 1.17 Tabella 1.18 Tabella 1.19 Tabella 1.20 Tabella 1.21 Tabella 1.22 Tabella 1.23 Tabella 1.24 I principali operatori internazionali del fotovoltaico a concentrazione Impatto della variazione dell efficienza dell inverter da 5 kw sul ritorno economico dell investimento in diversi tipi di impianti Impatto della variazione dell efficienza dell inverter con taglia compresa tra 5 kw e 20 kw sul ritorno economico dell investimento in diversi tipi di impianti Valori di feed-in premium assicurati dal Terzo Conto Energia I livelli di feed-in premium assicurati agli impianti innovativi architettonicamente integrati I livelli di feed-in premium assicurati agli impianti a concentrazione Ipotesi di lavoro adottate per il calcolo del Tasso Interno di Rendimento Quadro dei regimi giuridici per l autorizzazione alla costruzione degli impianti fotovoltaici Le principali modifiche apportate alle linee guida nazionali da parte delle Regioni che le hanno già recepite Un quadro dei sistemi di tariffe feed-in in vigore nei principali Paesi europei nel 2010 Analisi dei rendimenti conseguibili nei principali Paesi europei nel 2010 con una centrale fotovoltaica da 1 MW Quadro di sintesi sulle tariffe feed-in in vigore in Israele dal 2010 Potenza annuale installata nei principali Paesi del mondo Taglia media degli impianti fotovoltaici installati in Italia in kw Il potenziale del fotovoltaico su autostrade e ferrovie I principali produttori di silicio e wafer a livello mondiale I principali produttori di celle e moduli a livello mondiale I primi 4 produttori di moduli a film sottile a livello mondiale per tecnologia I principali produttori integrati italiani I principali modulisti italiani I principali produttori di inverter a livello mondiale I principali produttori di inverter italiani I principali player italiani nella distribuzione ed installazione I principali distretti fotovoltaici italiani Solare termico Tabella 2.1 Tabella 2.2 Tabella 2.3 Costo al kw degli impianti di solar cooling raffrontato a sistemi di condizionamento tradizionali I principali operatori tradizionali I principali distributori evoluti

10 Indici Solare termodinamico Tabella 3.1 I principali produttori mondiali di componentistica 171 per impianti solari termodinamici 8

11 Indice dei box Fotovoltaico Box 1.1 Box 1.2 Box 1.3 Box 1.4 Box 1.5 Box 1.6 Box 1.7 Box 1.8 Box 1.9 Box 1.10 Box 1.11 Box 1.12 Box 1.13 Box 1.14 Box 1.15 Box 1.16 Box 1.17 Box 1.18 Box 1.19 Box 1.20 Box 1.21 Box 1.22 Box 1.23 Box 1.24 L impianto CIGS di Orgiano Roth & Rau Le attività di ricerca del Centro Portici di ENEA SolFocus I progetti di ricerca italiani sul CPV Le imprese italiane attive nel CPV L efficienza degli inverter fotovoltaici Alcune novità relative alla connessione alla rete dell impianto Il sistema di incentivazione in vigore in Israele Gruppi di acquisto fotovoltaici: il caso GAFV I limiti della rete elettrica nazionale e lo sviluppo del fotovoltaico in Italia Il potenziale del fotovoltaico su strade e ferrovie I produttori mondiali di moduli in film sottile La scommessa di 3Sun Solsonica Ferrania Solis Fronius Siel Energiebau Flag Enerways L integrazione con le attività di produzione: il caso di Saint Gobain Solar Alba Leasing La dinamica occupazionale in Italia nel Solare termico Box 2.1 Box 2.2 Box 2.3 L impianto solar cooling per l Istituto di Assistenza e Cura Santa Margherita di Pavia Il mercato del solare termico negli USA Produzione di birra con il sole Solare termodinamico Box 3.1 Box 3.2 Box 3.3 Box 3.4 Box 3.5 Box 3.6 Il progetto Tubosol di Archimede Solar Energy Il Blythe Solar Power Project Uno sguardo d assieme: a quando la grid parity nel solare termodinamico? Sopogy Il solare termodinamico in Industria 2015 Solnova 1, 3 e

12 Indici Box 3.7 Box 3.8 Box 3.9 Box 3.10 Le previsioni per il mercato italiano del solare termodinamico Cobra Energia Solar Millennium ANEST Associazione Nazionale Energia Solare Termodinamica

13 Introduzione Il Solar Energy Report è alla sua terza edizione e, con una punta di orgoglio, possiamo notare riprendendo quanto più volte riconosciuto da diversi operatori come sia ormai divenuto un appuntamento annuale intorno al quale si ritrova la comunità del solare e più in generale delle rinnovabili. Un risultato che non sarebbe stato possibile senza il supporto delle imprese partner e sponsor della ricerca, il cui numero è sensibilmente cresciuto nel corso dell ultimo anno, nonché delle associazioni che patrocinano l iniziativa. La pubblicazione del terzo Solar Energy Report che come sempre raccoglie i risultati della nostra indagine sui tre fronti del fotovoltaico, del solare termico e termodinamico cade in un momento forse decisivo soprattutto per le sorti del fotovoltaico nell ambito della politica energetica nazionale. L accelerazione a ritmi esponenziali ed inattesa delle installazioni fotovoltaiche registrata nel corso del 2010 ha portato ad un parco di impianti che assomma una potenza complessiva prossima all obiettivo fissato per il fotovoltaico dal Piano d Azione Nazionale per il Di fronte a questa vera a propria corsa alle installazioni, innescata dalla volontà di sfruttare la finestra di incentivazione più favorevole, il Governo ha improvvisamente nel marzo di quest anno posto un blocco all applicazione dell attuale sistema di incentivi, dopo poco più di due mesi dalla sua entrata in vigore. Ne è conseguito uno stallo delle attività in attesa del nuovo schema di incentivazione, promesso entro al fine di questo mese. Le sorti del fotovoltaico dipenderanno fortemente dalle scelte che verranno fatte in tal senso. L auspicio è che il Report che contiene un capitolo dedicato (l 1.5 per la precisione) a commentare i contenuti e l impatto del Decreto del 3 Marzo 2011 possa rappresentare un utile strumento di lavoro e di approfondimento per i diversi operatori che sono coinvolti nelle attività di sviluppo del solare e, più in generale delle rinnovabili, e possano trovarvi elementi di utilità anche tutti coloro che, a diverso titolo, hanno parte nell attuale processo di negoziazione per la definizione del nuovo sistema di incentivazione. Concepire una normativa efficace ed efficiente si è sempre dimostrata impresa ardua, ma, a nostro giudizio, ci sono le condizioni per trovare una soluzione equilibrata che tenga conto delle istanze delle diverse parti in gioco. Ci auguriamo che il quarto Solar Energy Report, già pianificato per l Aprile 2012, possa riportare e commentare i risultati positivi dell atteso Quarto Conto Energia. Un ultima nota relativa invece al quadro delle attività dell Energy & Strategy Group, che nel corso del 2011 pubblicherà anche la seconda edizione del Biomass Energy Report, nonché la prima edizione dell Energy Efficiency Report, risultato del nuovo filone di ricerca aperto lo scorso anno con l obiettivo di allargare il grado di copertura sui temi caldi in materia di energia. Umberto Bertelè Presidente School of Management Vittorio Chiesa Direttore Energy & Strategy Group 11

14

15 Executive Summary La pubblicazione di questa terza edizione del Solar Energy Report cade in un periodo di grande fermento per il fotovoltaico italiano. L approvazione del cosiddetto Decreto Rinnovabili da parte del Consiglio dei Ministri, avvenuta il 3 Marzo 2011, proprio mentre questo studio veniva redatto, ha radicalmente modificato le prospettive di sviluppo nel breve termine del fotovoltaico in Italia. Il Decreto fissa al 31 Maggio il limite ultimo per la connessione alla rete degli impianti fotovoltaici che possono accedere agli incentivi previsti dal cosiddetto Terzo Conto Energia, entrato in vigore solo a Gennaio Tale provvedimento ha avuto l effetto di causare uno stallo immediato del mercato fotovoltaico italiano, lasciando in uno stato di grande incertezza gli operatori del settore. Ciò almeno fino a quando non verrà emanato un successivo decreto, atteso per il 30 Aprile 2011, che dovrebbe stabilire il sistema di incentivi che si applicherà a partire da Giugno Tutto questo dopo un 2010 in cui il livello di installazioni fotovoltaiche nel nostro Paese anche per gli effetti tumultuosi del cosiddetto Decreto Salva Alcoa è cresciuto di quasi otto volte in un unico anno, con una filiera industriale che in quanto a investimenti in capacità produttiva ed avvio del processo di internazionalizzazione ha dato finalmente segno di maturità e coraggio. Un 2010 in cui è anche stato emanato il cosiddetto Terzo Conto Energia (DM 06/08/2010), nuovo sistema di feed-in premium entrato in vigore con l inizio del 2011, ma di fatto abrogato dopo pochissimi mesi con l approvazione del Decreto Rinnovabili. In questo quadro ancora così confuso, il Solar Energy Report si pone un duplice obiettivo, almeno per quanto riguarda il solare fotovoltaico. Innanzitutto intende fornire un quadro il più possibile aggiornato sull evoluzione che il business del fotovoltaico ha fatto registrare in Italia nel corso del Come nelle precedenti edizioni dello studio, l intento è stato quello di considerare le molteplici prospettive da cui il fenomeno può essere esaminato, a partire dalle tecnologie disponibili ed in fase di sperimentazione, passando per il quadro normativo che incentiva le installazioni, le dinamiche di mercato, per arrivare infine all articolazione della filiera industriale ed alle strategie competitive dei principali operatori. I risultati di questa analisi sono raccolti nei CAPITOLI , redatti prima che il Decreto Rinnovabili venisse approvato. Il secondo obiettivo della presente edizione del Solar Energy Report è stato quello di esaminare nel dettaglio il Decreto Rinnovabili e di valutare, attraverso un confronto critico con gli operatori e gli esperti del mercato, l impatto che questo potrebbe avere nell immediato futuro, oltre che nel medio-lungo termine, per lo sviluppo del fotovoltaico italiano. I risultati di questa analisi sono riportati nel CAPI- TOLO 1.5. Ovviamente anche questa edizione del Solar Energy Report non si occupa solamente di fotovoltaico, ma anche di solare termico (nei CA- PITOLI ) e termodinamico (nei CAPITOLI ). Anche se è opportuno sin da subito precisare che queste due altre forme attraverso cui è possibile sfruttare il sole come fonte rinnovabile per la produzione di energia non sono state oggetto nel 2010 di evoluzioni, almeno in Italia, di portata paragonabile a quanto accaduto per il fotovoltaico. La ricerca ha richiesto un notevole sforzo empirico, che ha comportato il censimento di oltre 800 operatori attivi sul mercato italiano, la realizzazione di più di 100 casi di studio e di oltre 140 interviste a manager ed esperti del settore. L intento di questo sommario non è quello di fornire un quadro esaustivo della varietà di argomenti che sono stati approfonditi nello studio, bensì di illustrare la molteplicità delle prospettive di analisi adottate nel Solar Energy Report, oltre ovviamente a mettere in evidenza alcune delle più importanti conclusioni cui l analisi è pervenuta. Fotovoltaico Come accennato in precedenza, il 2010 è stato un anno estremamente importante per il fotovoltaico italiano, caratterizzato da una crescita 13

16 Executive Summary impressionante delle installazioni e da momenti tumultuosi, dovuti all approvazione di alcuni provvedimenti che hanno rappresentato degli importanti momenti di discontinuità per l intero mercato. Uno su tutti, la Legge n. 129 del 13/08/2010, il cosiddetto Decreto Salva Alcoa, recante misure urgenti per garantire la sicurezza di approvvigionamento di energia elettrica. L Articolo 2-sexties di questa Legge sanciva che le tariffe incentivanti previste nel 2010 dal Nuovo Conto Energia fossero riconosciute a tutti gli impianti che avessero concluso i lavori di installazione elettrici e strutturali ed avessero inviato al GSE un opportuna dichiarazione entro il 31 Dicembre 2010, ed avessero ottenuto l allacciamento alla rete entro il 30 Giugno Questo ha ovviamente avuto un impatto dirompente sull andamento delle installazioni nel nostro Paese, che hanno fatto registrare un accelerazione impressionante nel tentativo degli investitori di poter beneficiare in extremis delle generose tariffe dal Nuovo Conto Energia, in scadenza il 31 Dicembre Il GSE ha dichiarato di aver ricevuto oltre domande per impianti che hanno inteso sfruttare l opportunità offerta dal Salva Alcoa, per un totale di circa 4 GW di potenza complessiva. Rimane il dubbio che non tutte le domande presentate al GSE siano reali, ossia che gli impianti cui esse fanno riferimento siano stati effettivamente completati e con una potenza pari a quella dichiarata. Il GSE sta conducendo in queste settimane verifiche ispettive e controlli a campione per verificare la correttezza delle stesse, che si stima possano comunque pesare per l 80-85% del totale. Nel complesso, nel corso del 2010 in Italia sono stati installati impianti per MW (+ 192% rispetto al 2009), ma si potrebbe addirittura arrivare se tutti gli impianti che hanno beneficiato del Decreto Salva Alcoa venissero effettivamente allacciati a oltre 6 GW di nuova potenza fotovoltaica (in questo caso, si registrerebbe una crescita di oltre il 740% delle installazioni annue rispetto al 2009). Anche senza considerare l effetto del Decreto Salva Alcoa, l Italia è il secondo Paese al mondo per potenza fotovoltaica installata nel 2010 (dietro la Germania, con circa 7,3 GW di nuovo installato). A fine 2010 erano in funzione in Italia circa impianti fotovoltaici (al netto dell effetto del Salva Alcoa ), per una potenza totale di MW, oltre 64 volte il valore che si registrava in Italia all inizio del 2007, prima dell entrata in vigore del Nuovo Conto Energia. Il 2010 è stato un anno d oro per il fotovoltaico anche in Europa e a livello internazionale. Basti pensare che la potenza installata ha raggiunto alla fine del 2010 il livello di 38,4 GW nel mondo, il 39% dei quali (circa 14,9 GW) installati proprio nel corso dell ultimo anno. Il progresso del mercato del fotovoltaico è ancor più impressionante se si considera che l Europa, che si conferma di gran lunga l area geografica leader per installazioni fotovoltaiche, ha superato la soglia di 25,5 GW di potenza cumulata al termine del 2010, la maggior parte dei quali e questo è il dato interessante entrata in funzione nel corso dello stesso 2010 (12 GW, pari al 47% del totale). Dal punto di vista tecnologico, nel corso del 2010 le celle di seconda generazione si sono diffuse in misura inferiore rispetto alle aspettative degli operatori, con il silicio cristallino che conta ancora per circa l 82% dell installato complessivo a livello mondiale. Tra le tecnologie di seconda generazione, il Tellururo di Cadmio ha ulteriormente accresciuto nel corso del 2010 il suo peso percentuale rispetto all installato totale (9%) e rispetto alle altre tecnologie di seconda generazione (45%), facendo registrare a fine 2010 un installato cumulato a livello internazionale che supera i MW. Anche il silicio amorfo (a-si) ha visto incrementare il proprio peso sull installato complessivo a livello internazionale (che è passato dal 5 all 8% della potenza complessiva entrata in esercizio). Questo si spiega con la crescente diffusione che hanno fatto registrare nel corso del 2010 le cosiddette celle ad eterogiunzione, che utilizzano normalmente più strati di silicio microcristallino ed amorfo, con l obiettivo di catturare uno spettro maggiore della radiazione solare incidente. La crescita del peso della tecnologia al Tellururo di Cadmio ed al silicio amorfo è andata a discapito delle tecnologie CIS/CIGS (Diseleniuro di Indio e Rame e Diseleniuro di Indio, Gallio e Rame), rispetto alle quali le aspettative nel breve periodo da parte dei principali operatori sono andate in parte raffreddandosi. Nel complesso, le stime sulle prospettive di crescita delle tecnologie di seconda generazione devono essere aggiornate al ribasso rispetto allo scorso anno, identificando in circa il 22-24% il peso delle celle a film sottile sulla nuova potenza fotovoltaica installata da qui al 2012 a livello internazionale. La tecnologia del fotovoltaico a concentrazione (o CPV - Concentrating Photo-Voltaic) continua a suscitare particolare interesse nel 2010 tra gli operatori del settore. A fine anno il costo di un sistema a concentrazione era stimabile in 4-4,5 /W, 14

17 Executive Summary ma si ritiene che possa essere ridotto a 2-2,5 /W con il raggiungimento di un maggiore livello di maturità della tecnologia, nell arco di circa 5 anni. Anche in Italia si registra un particolare fermento attorno al fotovoltaico a concentrazione, nonostante il mercato per questi impianti sia ancora ad uno stadio di sviluppo. Ciò si giustifica anche alla luce del contenuto del Terzo Conto Energia (in realtà ormai abrogato dall entrata in vigore del Decreto Rinnovabili), che nel 2010 aveva riservato 200 MW di potenza incentivabile, con feed-in premium maggiorate, agli impianti CPV. L inverter continua a giocare un ruolo fondamentale nell influenzare l efficienza complessiva dell impianto fotovoltaico. La nostra analisi mostra come, passando da un inverter considerato sufficiente ad uno buono secondo i criteri di efficienza Photon, si guadagnano indicativamente 1,5 2 punti percentuali di ritorno economico sul capitale investito, in funzione della taglia dell impianto e dell irraggiamento cui esso è sottoposto. Un altro trend interessante rilevato nel 2010 riguarda l attenzione crescente che gli operatori stanno dedicando alla messa a punto e perfezionamento dei software utilizzati per il controllo degli inverter (i cosiddetti data logger), specialmente per gli impianti di grande taglia. Dal punto di vista normativo, oltre a quanto già detto con riferimento al Decreto Rinnovabili e al quanto mai breve Terzo Conto Energia, va registrato infine il tentativo con il Decreto Ministeriale del 10 Settembre 2010 ( Le linee guida per l autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili ) di ridurre le disuniformità tra Regione e Regione che tanti problemi avevano causato alle rinnovabili ed al fotovoltaico in particolare. L obiettivo era quello di assicurare un efficiente sistema per la valutazione e concessione dell autorizzazione alla costruzione ed esercizio dell impianto che fosse comune a livello nazionale. In particolare, le linee guida cui si sono comunque apportate modifiche con il recente Decreto del 3 Marzo avevano il pregio di semplificare, estendendo il campo d azione della DIA o della semplice comunicazione, l iter autorizzativo degli impianti fotovoltaici integrati, tipicamente di minori dimensioni e dal minor impatto ambientale rispetto a quelli a terra. Il beneficio di questa semplificazione autorizzativa aveva un potenziale particolarmente significativo se si considera che, a Dicembre 2010, gli impianti integrati pesavano per oltre il 56% in numero sul totale degli impianti installati. Il processo di recepimento delle linee guida nazionali è però stato nella pratica molto farraginoso e la situazione in Italia, per quanto riguarda l autorizzazione alla costruzione degli impianti, rimane confusa. Il fatto che non tutte le Regioni abbiano ancora recepito le linee guida nazionali fa sì che i regimi giuridici, a parità di taglia e di caratteristiche dell impianto, siano molto differenti. Anche in quelle Regioni in cui il recepimento è avvenuto, poi, spesso si è utilizzata la possibilità concessa dalle linee guida di definire limitazioni specifiche per reintrodurre una eterogeneità giudicata da tutti gli operatori estremamente negativa per lo sviluppo del settore. Se sul piano normativo quindi non vanno registrate altro che occasioni mancate per supportare uno sviluppo armonico del fotovoltaico in Italia, l eccezionalità della crescita del mercato è stata invece un indubbio stimolo per la nostra filiera industriale. Nel 2010, il fotovoltaico in Italia ha generato un volume d affari compreso fra i 7,6 mld (se si considerano gli impianti effettivamente allacciati entro il 31 Dicembre 2010) ed i 21,5 mld (se si contano anche tutti gli impianti che possono beneficiare del Salva Alcoa ). La crescita rispetto all anno precedente è stata quindi pari almeno al 162% rispetto ai 2,9 mld del 2009 o, addirittura, si può parlare di un valore più che settuplicato se si considera l impatto potenziale del Salva Alcoa. Una crescita così esplosiva lascia evidentemente qualche perplessità ed ha inevitabilmente attratto sul fotovoltaico gli strali di chi è particolarmente preoccupato del diffondersi di atteggiamenti opportunistici e speculativi, in qualche modo mascherati dalla connotazione verde dell investimento in energie rinnovabili. Nonostante questi atteggiamenti non possano essere completamente esclusi, la nostra indagine ha fatto rilevare come l anno 2010 sia stato caratterizzato anche da interessanti dinamiche a livello industriale. Innanzitutto, sono circa 800 le imprese operanti lungo l intera filiera del fotovoltaico in Italia al A queste si aggiungono diverse migliaia di operatori locali, che si occupano della fase di installazione dell impianto nel segmento residenziale e piccolo commerciale, e 430 banche e istituti di credito attivi nel finanziamento degli impianti. Rispetto all anno precedente, la crescita, misurata nel numero di imprese, è stata pari a circa il 13%. E però soprattutto cresciuta la presenza italiana nelle varie fasi della filiera. Per la prima volta si è 15

18 Executive Summary registrato l ingresso di un impresa italiana (la Lux) nella produzione di wafer di silicio. Nella produzione di celle e moduli, ancora una volta una novità assoluta da quando viene effettuata la rilevazione, le imprese italiane in numero rappresentano la quota di maggioranza relativa (43%) contro il 39% dell anno La crescita degli operatori che hanno il loro headquarter nel nostro Paese è andata soprattutto a discapito delle imprese (oggi il 27%, contro il 45% del 2009) che utilizzavano il canale dell export puro per aggredire il mercato italiano. Anche negli inverter le imprese italiane o con filiale in Italia corrispondono al 63% del totale degli operatori attivi sul nostro mercato. Se si traduce la presenza numerica di imprese italiane o comunque con sede in Italia con un indicatore economico, ossia con la quota della marginalità lorda complessiva generata dal settore dagli operatori italiani e stranieri con sede in Italia, si scopre che ci si avvicina al 72%. Se si considerano i soli operatori italiani la percentuale scende al 42%, facendo segnare comunque un incremento significativo rispetto al valore del 2008 (28%). La quota di marginalità ritenuta dalle imprese italiane sta crescendo quindi in termini percentuali proprio nel momento in cui i numeri assoluti delle installazioni stanno diventando importanti. La crescita della presenza italiana nel settore si è anche tradotta in un deciso incremento della ricaduta occupazione a questo connesso. L occupazione totale diretta nel fotovoltaico ammonta, secondo le nostre analisi, a dipendenti equivalenti e sale sino a se si considera anche l indotto. Fa certo impressione pensare che solo 5 anni fa il settore contava al massimo poche centinaia di addetti. Inoltre lo sviluppo, cui si è assistito nel corso dell ultimo anno, di veri e propri distretti industriali (nelle Provincie di Monza e Brianza, Padova e nell area di Bari), con il coinvolgimento delle Pubbliche Amministrazioni e delle realtà consortili locali, non fa che rafforzare l evidenza di un settore che si sta sempre più radicando anche per meccanismo di sviluppo industriale sul nostro territorio. Il 2010, infine, nonostante paradossalmente sia stato l anno in cui il mercato interno del nostro Paese è cresciuto con maggior vigore, ha rappresentato per alcuni operatori del fotovoltaico italiano un periodo di importante sviluppo delle loro strategie di internazionalizzazione. Il quadro che emerge infatti dalla nostra indagine sulle imprese che hanno i propri headquarter in Italia è positivo e segnala l avvio di un percorso di espansione degli orizzonti di mercato che difficilmente, anche a detta degli stessi operatori, potrà arrestarsi. Le imprese italiane sono presenti in quei mercati europei (e più in generale del bacino del Mediterraneo) più promettenti, ossia la Francia in primis e poi Israele, la Grecia, la Germania, l Inghilterra e ancora la Turchia. A differenza di quanto accade per la media dei settori industriali italiani, poi, le imprese del fotovoltaico riescono a raggiungere anche mercati lontani come quello canadese e americano ed anzi è proprio in questi mercati dove si concentra l internazionalizzazione pesante, ossia quella che passa per l apertura di nuovi siti produttivi soprattutto da parte dei nostri produttori di celle e moduli. Il bilancio dell anno 2010 per le imprese italiane del fotovoltaico è quindi decisamente positivo, se misurato in termini relativi rispetto all anno precedente e se si prendono come riferimento i numeri assoluti (quali il numero di imprese, occupati, fatturati e margini). Certo rimane ancora significativo il gap con i principali player del settore a livello internazionale, con le imprese italiane che hanno risentito di una minore forza finanziaria dovuta alla crisi economica ed all estrema volatilità del mercato. Il coraggio dimostrato nel corso del 2010 deve essere confermato ed anzi rafforzato nel 2011, se si vuole giocare un ruolo di rilievo sul piano internazionale: è questa la vera sfida a cui sono chiamate le nostre imprese. Solare Termico Il solare termico, delle tre anime del solare trattate nel Solar Energy Report, rappresenta indubbiamente quella meno dinamica. Le variazioni misurate anno su anno dalla nostra indagine mostrano solo scostamenti minori. Si conferma l interesse degli operatori e di alcuni importanti enti di ricerca per la tecnologia del solar cooling, ossia per le applicazioni del solare termico ai fini del raffrescamento. Il limitato numero degli impianti esistenti e l estrema variabilità del costo di installazione lasciano intendere che siamo però ancora in uno stadio di sviluppo piuttosto embrionale per questi prodotti. Le potenzialità di questa tecnologia sono tuttavia veramente significative, specialmente in un Paese come l Italia, che rappresenta il primo mercato per apparecchi di climatizzazione a livello mondiale. La principale novità che interesserà il futuro del 16

19 Executive Summary solare termico in Italia è contenuta ancora nel Decreto Rinnovabili del 3 Marzo 2011, che riconosce pari dignità all energia termica (con la promessa di introduzione di un sistema di incentivazione ad hoc) ed all energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, in questo superando uno dei limiti principali di cui il sistema complessivo di incentivazione delle fonti rinnovabili in Italia ha sempre sofferto. Gli operatori italiani si attendono da questo finalmente un rilancio del mercato, che ha invece fatto segnare nell ultimo anno solo un 2% di crescita rispetto al 2009 (risultato comunque più positivo rispetto alla media europea) con un totale di oltre m 2 di collettori, per un volume d affari complessivo di quasi 500 mln. Bisogna tuttavia sottolineare come l efficacia del Decreto Rinnovabili dipenderà in misura sostanziale dal contenuto dei dispositivi attuativi che seguiranno e dal recepimento degli stessi da parte delle Regioni e quindi non si può che sospendere il giudizio, pur ricono scendo la bontà dei principi ispiratori. Solare Termodinamico Nel corso del 2010 la potenza installata in impianti solari termodinamici (anche chiamati con l acronimo CSP Concentrated Solar Power) si è ulteriormente ampliata sino a raggiungere quota 987 MW, contro i 655 MW della fine del Una crescita così significativa, di oltre il 50%, che addirittura doppia il pur impressionante (in un anno di crisi) 23% del 2009 rispetto al In termini economici, ed utilizzando dei dati medi di riferimento, significa un equivalente di oltre 1 mld di investimenti (anche se ovviamente distribuiti lungo un certo numero di anni) che hanno raggiunto nel 2010 la fase di produzione dell energia elettrica. I Paesi guida rimangono, ovviamente, la Spagna e gli Stati Uniti, anche se si rilevano interessanti prospettive nel medio termine anche per Cina e India. Dal punto di vista della tecnologia, l anno 2010 ha ulteriormente confermato il ruolo dominante dei parabolic trough (che pesano per l 89% degli impianti installati) e la dimensione invece decisamente marginale degli impianti a specchi di Fresnel, le cui prospettive anche nel medio termine non sembrano suscitare l interesse dei grandi player del settore. Le sfide più significative, rilanciate nel corso dell ultimo anno, fanno riferimento alla tecnologia dei solar tower per la quale è prevista una crescita della base installata (ad oggi di soli 89 MW) di circa 35 volte nel prossimo decennio e dove si concentrano le scommesse degli operatori per ottenere al 2020 un costo di generazione elettrica inferiore ai 6 c /kwh ed alla tecnologia dei solar dish rispetto alla quale ci si aspetta un balzo di efficienza che renda questi impianti fruibili anche per applicazioni di piccola e media taglia. Non si può poi non citare la battaglia che le tecnologie del solare termodinamico soprattutto sul suolo americano sono state costrette ad ingaggiare con il fotovoltaico. L aggressività dell offerta commerciale di un colosso del film sottile come First Solar e l avvicinarsi del costo di generazione elettrica fra le due fonti ha fatto sì che alcuni dei progetti di impianti CSP in California abbiano subito una battuta di arresto e le concessioni siano state rinegoziate a favore del fotovoltaico. La situazione in Italia ha certo tutto un altro respiro. Nel 2010 è finalmente entrato in funzione l unico impianto CSP italiano, ovvero l Archimede di Priolo Gargallo con una potenza complessiva di 5 MW. L impasse della normativa di riferimento, l assenza di fondi per la ricerca ( congelati insieme a molti altri del bando Industria 2015 ) e l assenza di progetti di una qualche significatività all orizzonte ha fatto sì che si prendesse coscienza nel 2010 che il peso del mercato italiano è comunque destinato a rimanere pur con qualche spazio di crescita estremamente marginale. Nonostante questo, qualche segnale positivo va registrato ancora una volta a livello della filiera industriale. Gli operatori italiani che hanno dato vita ad una associazione propria, l ANEST hanno continuato a credere nello sviluppo del Made in Italy anche in questo settore. Sebbene i numeri in gioco in termini di addetti dedicati si contino ancora in centinaia, in termini di tasso di crescita la nostra indagine ha rilevato che il peso del solare termodinamico è mediamente raddoppiato fra il 2009 ed il 2010 ed un altro raddoppio è previsto nel corso del prossimo biennio. La crescita è venuta anche dalla scelta di modelli di business alternativi, spesso rivolti a nicchie di mercato, ma dove è ancora possibile imporre una leadership italiana. Interessante da questo punto di vista l attenzione che è stata rivolta dagli operatori italiani al mini CSP, ossia all applicazione su piccola scala delle tecnologie del solare termodinamico per lo sfruttamento del potenziale termico in impieghi di processo; oppure ancora allo sviluppo di solu- 17

20 Executive Summary zioni integrate del solare termodinamico (ad esempio per la produzione di idrogeno tramite fotolisi o la desalinizzazione dell acqua) che potrebbero aprire nuovi e profittevoli segmenti di mercato. Le imprese italiane del solare termodinamico hanno dimostrato di saper cogliere le opportunità e di saper comunque percorrere sentieri di crescita, anche in assenza di una domanda interna. Un segnale certo positivo per lo sviluppo della filiera anche nel prossimo futuro. Davide Chiaroni Responsabile della Ricerca Federico Frattini Responsabile della Ricerca Lorenzo Boscherini Project Manager 18

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici SOFTWARE PV*SOL Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici Introduzione PV*SOL è un software per il dimensionamento e la simulazione dinamica,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico AUDIZIONE DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FEDERICA GUIDI PRESSO LA COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO SULLE POLITICHE DEL SUO DICASTERO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli