AVVISO PUBBLICO InnovaCultura

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO PUBBLICO InnovaCultura"

Transcript

1 AVVISO PUBBLICO InnovaCultura Sostegno all innovazione dell offerta culturale lombarda attraverso prodotti e servizi forniti dalle Imprese Culturali e Creative 1

2 Indice 1. Finalità Soggetti beneficiari Fornitori presso cui acquistare prodotti e servizi Dotazione finanziaria Spese ammissibili Importo del contributo Regime di aiuto Presentazione delle domande Istruttoria e valutazione delle domande Obblighi dei beneficiari Assegnazione del contributo Modalità di rendicontazione ed erogazione Timeline Rinuncia e revoca Ispezioni e controlli Responsabile del procedimento Trattamento dei dati personali Contatti

3 1. Finalità Il bando si inserisce nell ambito delle collaborazioni in corso tra Regione Lombardia, Sistema Camerale Lombardo e Fondazione Cariplo. Regione Lombardia e Sistema Camerale lombardo hanno stipulato nel 2006 un Accordo di Programma per lo Sviluppo Economico e la Competitività del Sistema lombardo, quale strumento per sostenere una strategia condivisa per rispondere alle necessità del sistema imprenditoriale ed economico lombardo e in particolare sull Asse 1 Competitività delle imprese sono previste iniziative condivise a supporto del settore culturale e creativo a partire dalla realizzazione di bandi, sulla base delle positive esperienze già realizzate. L Accordo di collaborazione tra Fondazione CARIPLO e Regione Lombardia per la sperimentazione di iniziative di promozione, sviluppo e sostegno delle imprese culturali e creative - è un azione strategica che definisce un programma di interventi condiviso, finalizzato a promuovere e sostenere il settore culturale e creativo e prevede due linee di intervento (realizzate attraverso Avvisi pubblici) e in particolare il Progetto IC-Innovazione Culturale per stimolare l avvio o la messa a punto di progetti imprenditoriali per la creazione di prodotti o servizi innovativi e creativi per la cultura e il progetto Imprese Culturali e Creative e Transnazionalità per favorire la crescita delle competenze tecnico professionali/manageriali di disoccupati, inoccupati e di lavoratori autonomi e imprenditori/lavoratori delle micro e piccole imprese del settore culturale e creativo lombardo, attraverso percorsi di mobilità europea. In un ottica di condivisione di questi strumenti per mettere a sistema le conoscenze acquisite e ampliare gli ambiti di collaborazione Regione Lombardia, Sistema Camerale lombardo e Fondazione CARIPLO hanno deciso di realizzare il presente bando per sostenere l innovazione dell offerta e l ampliamento del pubblico del comparto cultura (arti visive, spettacolo dal vivo e patrimonio culturale) con contributi a fondo perduto alle istituzioni culturali, per l acquisto di prodotti e servizi ad hoc forniti da una o più imprese culturali e creative. L intervento prevede anche premialità ai progetti: che vedranno coinvolte imprese culturali e creative: o costituite da meno di tre anni; o composte da giovani; che consentano una migliore fruizione da parte di diverse tipologie di pubblico: bambini, anziani, stranieri e persone con disabilità. 2. Soggetti beneficiari Possono presentare domanda di contributo: - istituzioni che abbiano la proprietà/gestione degli istituti e luoghi della cultura (musei ed ecomusei riconosciuti, biblioteche, archivi, aree e parchi 3

4 archeologici e complessi monumentali) o soggetti che siano stati da esse formalmente individuati per la loro valorizzazione prima della pubblicazione del presente bando; - soggetti che operano nella promozione e organizzazione di attività culturali, compreso lo spettacolo dal vivo; in possesso delle seguenti caratteristiche: Requisiti formali I beneficiari: - devono essere soggetti pubblici o privati no profit 1 (Nota bene: sono esplicitamente escluse le società di servizi che operano in regime di mercato); - devono avere sede legale e/o operativa in Lombardia; - devono avere nelle finalità statutarie la valorizzazione dei beni culturali e/o la promozione e organizzazione di attività culturali, compreso lo spettacolo dal vivo; - non devono aver ricevuto assegnazione di altri contributi pubblici per la quota di spese oggetto del finanziamento richiesto e comunque la somma di tutti i contributi assegnati non potrà superare le spese realmente sostenute; - non devono trovarsi in stato di liquidazione o scioglimento. Le istituzioni possono presentare domanda: singolarmente; in una rete (composta da minimo 3 istituzioni tra cui deve essere individuata quella capofila), costituita tramite accordo scritto o lettera di intenti indicante i rispettivi ruoli, oneri e benefici. Ciascun beneficiario può partecipare alla presentazione di un massimo di 1 domanda singolarmente o in rete. 3. Fornitori presso cui acquistare prodotti e servizi I prodotti e servizi per la realizzazione del progetto devono essere acquistati da micro piccole e medie 2 imprese (incluse associazioni culturali iscritte al REA Repertorio economico amministrativo) operanti nei seguenti ambiti: arti visive, patrimonio culturale, editoria, musica, radio-televisione, cinema e videogiochi, comunicazione e marketing, architettura, moda, design, ICT, prodotti e servizi digitali ad alto contenuto 1 a titolo esemplificativo associazioni, fondazioni, enti pubblici, onlus, imprese sociali, 2 Definizione di micro e piccola impresa (Allegato 1 Regolamento (CE) n 800/2008): Le microimprese: occupano meno di 10 dipendenti. Il loro fatturato annuo deve essere inferiore a 2 milioni di euro o il loro bilancio non superare i 2 milioni di euro. Le piccole imprese: occupano da 10 a 49 dipendenti. Il loro fatturato annuo deve essere inferiore a 10 milioni di euro o il loro bilancio non superare i 10 milioni di euro. Le medie imprese: occupano meno di 250 dipendenti. Il loro fatturato annuo deve essere inferiore a 50 milioni di euro o il loro bilancio non superare i 43 milioni di euro. 4

5 innovativo, trasversali a tutti i settori citati. Gli Enti e Istituzioni beneficiari non potranno avvalersi di società di servizi da loro controllate o partecipate. Gli enti cofinanziatori si riservano di valutare la coerenza tra il prodotto e/o servizio acquistato e le finalità del bando. Ogni impresa fornitrice potrà partecipare ad un massimo di 1 progetto. 4. Dotazione finanziaria Le risorse complessivamente stanziate ammontano a ,00 di cui: Regione Lombardia (DG Culture, Identità e Autonomie e DG Commercio, Turismo e Terziario) contribuisce per ,00; Fondazione Cariplo contribuisce per ,00; la Camera di Commercio di Milano 3 contribuisce per ,00; la Camera di Commercio di Monza e Brianza contribuisce per ,00; la Camera di Commercio di Lecco contribuisce per ,00. Regione Lombardia, Fondazione Cariplo e le Camere di Commercio di Lecco, Milano e Monza e Brianza al fine di garantire l allocazione ottimale delle risorse in funzione delle effettive richieste, si riservano la facoltà di: riaprire i termini di scadenza del bando prolungandone gli effetti in caso di non esaurimento delle risorse disponibili; rifinanziare il bando con ulteriori stanziamenti. 5. Spese ammissibili Sono ammissibili le spese sostenute dalle istituzioni e dai soggetti indicati al punto 2, per l acquisto di prodotti e servizi forniti dalle imprese culturali e creative (specificate al punto 3) identificate nel progetto presentato in fase di domanda. Le spese devono essere finalizzate ad un progetto di innovazione dell offerta e di ampliamento del pubblico del comparto cultura (arti visive, spettacolo dal vivo e patrimonio culturale) attraverso prodotti e servizi ad hoc da parte di una o più imprese culturali e creative. Sarà valutata la coerenza delle spese con le finalità del presente bando. Non verranno riconosciute spese di personale. Il costo per l acquisto di apparecchiature informatiche, attrezzature, allestimenti anche multimediali, non può superare il 25% del totale dei costi complessivi previsti dal progetto e in ogni caso tali prodotti dovranno essere funzionali alla realizzazione del progetto. I beni prodotti o forniti sono inalienabili per i 3 anni successivi all acquisto. Le spese sono ammissibili solo se relative ad attività realizzate a partire dalla data di pubblicazione del bando. Verranno prese in considerazione solo i progetti con spese ammissibili non inferiori a Euro ,00 più IVA. 3 le risorse delle Camere di Commercio sono destinate a progetti realizzati sul territorio di competenza. 5

6 Ai fini del calcolo del contributo tutte le spese sono da considerarsi al netto di IVA. 6. Importo del contributo L importo del contributo sarà stabilito sulla base delle spese dichiarate nella presentazione del progetto, in base all ordine di graduatoria ed entro le disponibilità indicate al punto 4. In fase di valutazione del progetto verrà verificata la coerenza e la congruità dei prezzi dei prodotti e servizi forniti e, in caso di palese incongruenza o incoerenza, il contributo assegnato sarà diverso da quello richiesto. Il contributo coprirà parzialmente le spese ammissibili di progetto al netto dell IVA nella misura dell 80% 4 per le spese relative a tutti i prodotti e servizi offerti da associazioni culturali iscritte al REA e da micro, piccole e medie imprese culturali e creative. In ogni caso il contributo complessivo al progetto non potrà essere superiore a: ,00 nel caso di progetti che coinvolgono una singola istituzione culturale; ,00 nel caso di progetti che coinvolgono più istituzioni culturali in rete. Il contributo verrà erogato da Unioncamere Lombardia a fronte di rendicontazione: - al soggetto che presenta il progetto. In caso di partecipazione in rete, il contributo assegnato sarà erogato al capofila, che si farà carico di trasferire alle altre istituzioni culturali le quote di loro competenza; - a conclusione del progetto, sulla base delle spese ammissibili effettivamente sostenute al netto dell IVA, valutata la corrispondenza con le spese previste dal progetto e ritenute ammissibili; - a fondo perduto e in un unica soluzione. Il contributo erogato ai progetti è da considerarsi al lordo della ritenuta d acconto di legge del 4%; ad esempio: in caso di contributo concesso per ,00 la quota effettivamente erogata al beneficiario sarà pari ad 9.600,00. La ritenuta d acconto del 4% verrà versata all erario per conto dei beneficiari da Unioncamere Lombardia. La relativa certificazione fiscale verrà inviata al beneficiario via posta elettronica certificata, all indirizzo indicato sul modulo di domanda di partecipazione al bando, entro il mese di marzo dell anno successivo a quello di liquidazione del contributo. È responsabilità del beneficiario utilizzare le risorse per le attività previste dal presente bando dimostrando all atto dei controlli la congruenza tra i servizi e beni acquistati e le spese sostenute per l azione di accompagnamento. I succitati requisiti e specifiche saranno oggetto delle verifiche previste dalla legge. 4 Le risorse camerali concorreranno nella misura massima del 30% delle spese sostenute presso imprese del territorio di competenza. 6

7 7. Regime di aiuto I contributi sono concessi ed erogati ai sensi della normativa comunitaria relativa agli aiuti di importanza minore ( de minimis ), in particolare in applicazione delle disposizioni previste dal Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli artt. 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell Unione europea agli aiuti d importanza minore ( de minimis ). Tale regime prevede che l importo complessivo degli aiuti de minimis concessi ad una impresa unica 5 non debba superare Euro ,00 nell arco di tre esercizi finanziari. Pertanto, il legale rappresentante di ogni impresa candidata a ricevere un aiuto in regime de minimis è tenuto a sottoscrivere una dichiarazione 6 rilasciata ai sensi dell art. 47 del DPR 445/2000 che attesti gli aiuti ottenuti in de minimis nell esercizio finanziario in corso e nei due precedenti. Il nuovo aiuto potrà essere concesso solo se, sommato a quelli già ottenuti nei tre esercizi finanziari suddetti, non superi i massimali stabiliti da ogni Regolamento di riferimento. Poiché il momento rilevante per la verifica dell ammissibilità è quello in cui avviene la concessione/assegnazione (il momento in cui sorge il diritto all agevolazione), la dichiarazione dovrà essere confermata o aggiornata su richiesta dell amministrazione, con riferimento appunto alla concessione/assegnazione. Si ricorda che, qualora fosse superato il massimale previsto, l impresa perderà il diritto non all importo in eccedenza, ma all intero aiuto in conseguenza del quale tale massimale è stato superato. Tutte le indicazioni sono contenute nell allegato al presente bando Dichiarazione de minimis Istruzioni per la compilazione, in particolare relativamente alle agevolazioni da indicare, al periodo di riferimento e all individuazione del beneficiario (concetto di impresa unica ). 8. Presentazione delle domande Le domande potranno essere presentate: a partire dalle ore del 20 ottobre 2014 fino alle ore del 17 dicembre 2014 a mezzo PEC (posta elettronica certificata) 7 al seguente indirizzo: indicando nell oggetto della Bando InnovaCultura allegando i seguenti documenti: A. il modulo di domanda scaricabile dal portale in cui andranno esplicitamente indicate le premialità per cui il progetto concorre; B. descrizione del progetto secondo quanto riportato successivamente (modulo scaricabile dal portale C. dichiarazione de minimis scaricabile dal portale D. lo statuto delle istituzioni culturali che presentano domanda; 5 Per il concetto di impresa unica cfr. articolo 2 par. 2 del Regolamento (UE) n. 1407/2013 e le Istruzioni per la compilazione allegate al presente bando 6 Compilando il modello in allegato C 7 Nota bene: fa fede data e orario di ricezione da parte di Unioncamere Lombardia. 7

8 E. accordo scritto o lettera d intenti tra le istituzioni culturali che partecipano in rete specificando ruoli, oneri e benefici di ciascuna; F. accordo preliminare con le imprese fornitrici coinvolte nella realizzazione del progetto. La descrizione del progetto (vedi allegato B) è un documento che contiene: a. presentazione del soggetto proponente e indicazione del referente interno di progetto. In caso di rete dovranno essere presentati tutti i soggetti componenti della rete e individuato il capofila referente del progetto, al quale sarà liquidato il contributo; b. l inquadramento di contesto; c. gli obiettivi che l istituzione intende perseguire e l indicazione dei bisogni che intende soddisfare; d. azioni previste, modalità di realizzazione e prodotto/servizio da sviluppare; e. eventuali apparecchiature informatiche, attrezzature, allestimenti anche multimediali, funzionali alla realizzazione del progetto; f. processo di coprogettazione del servizio: all interno delle istituzioni proponenti in termini di risorse umane dedicate (numero di persone, ruoli e competenze), durata dei contratti, competenze acquisite all interno della/e istituzioni e tra istituzioni e imprese in termini di collaborazione nella definizione del progetto; g. il cronoprogramma delle attività da realizzare; h. il piano economico dettagliato con le voci di spesa e le fonti di finanziamento del progetto, eventuale ripartizione delle risorse tra i partner della rete, eventuali soggetti cofinanziatori esterni; il piano dovrà essere redatto tenendo conto delle indicazioni riportate al punto 5 del presente bando (spese ammissibili); i. le imprese fornitrici coinvolte nella realizzazione del progetto. Gli allegati dovranno essere compilati in ogni loro parte; in particolare gli allegati A modulo di domanda, B descrizione del progetto e C dichiarazione de minimis dovranno essere sottoscritti con una delle seguenti modalità, pena la non ammissibilità della domanda: - con firma digitale forte 8 del legale rappresentante oppure - con firma autografa del legale rappresentante; in tal caso i documenti firmati dovranno essere scansionati e allegati alla PEC e dovrà essere allegata anche la scansione della carta d identità del legale rappresentante. Non saranno ammesse domande presentate in formato cartaceo, con altro tipo di firma o utilizzando una modulistica diversa da quella appositamente predisposta. Suggeriamo di inviare la domanda con congruo anticipo tenendo presente che ai fini dell ammissibilità della domanda fa fede la data di ricezione da parte di Unioncamere Lombardia. 8 Consultare la sezione come presentare la domanda del sito 8

9 Le domande incomplete in una qualsiasi parte, nonché quelle prive della documentazione richiesta, saranno dichiarate inammissibili. I promotori del bando si riservano la facoltà di richiedere al beneficiario ulteriore documentazione e/o chiarimenti ad integrazione della modulistica. Il mancato invio della stessa, entro e non oltre il termine perentorio di 7 giorni di calendario dalla data di ricevimento della richiesta, comporterà l'automatica inammissibilità della domanda. Tutte le comunicazioni ufficiali relative al bando saranno inviate via PEC all indirizzo di posta elettronica specificato nella domanda. I progetti devono essere realizzati e conclusi entro 6 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria sul sito 9. Istruttoria e valutazione delle domande L istruttoria di ammissibilità formale delle domande sarà effettuata da Unioncamere Lombardia e sarà finalizzata alla verifica dei seguenti aspetti e requisiti: rispetto dei termini per l inoltro della domanda; completezza dei contenuti, regolarità formale e sostanziale della documentazione prodotta e sua conformità rispetto a quanto richiesto dal bando; sussistenza dei requisiti formali previsti dal bando al punto 2 per gli aspiranti beneficiari. L istruttoria e valutazione di merito delle domande ritenute formalmente ammissibili sarà effettuata da un Nucleo Tecnico di Valutazione composto da rappresentanti del Sistema Camerale lombardo, Fondazione Cariplo e Regione Lombardia, con l eventuale supporto tecnico di esperti del settore culturale e creativo. La valutazione di ogni domanda sarà effettuata in base ai seguenti criteri: CRITERI DI VALUTAZIONE Relazione progettuale: struttura, chiarezza espositiva e definizione degli obiettivi/contenuti Qualità, innovatività del progetto e grado di realizzabilità del prodotto/servizio Rispondenza tra bisogni delle istituzioni culturali e i prodotti/servizi forniti dalle imprese culturali e creative Livello di coprogettazione all interno delle istituzioni e tra istituzioni e imprese PUNTEGGIO MASSIMO 10 Competenze delle imprese del settore culturale e creativo 5 incaricate della realizzazione del progetto d innovazione Congruità economica del progetto proposto 15 Composizione della eventuale rete tra istituzioni culturali istituzioni: 5 punti 6 8 istituzioni: 8 punti > 9 istituzioni: 10 punti

10 Saranno ammissibili al finanziamento solo le domande che hanno ricevuto un punteggio minimo di 60/100. I punti relativi alle premialità saranno aggiunti esclusivamente al punteggio dei progetti che avranno totalizzato un minimo di 60 punti. PREMIALITA Progetti che consentano una migliore fruizione ad una o più delle seguenti tipologie di pubblico: bambini, anziani, visitatori stranieri e persone con disabilità PUNTEGGIO 5 Progetti sviluppati con imprese culturali e creative che abbiano il titolare o almeno 2/3 degli amministratori/soci/azionisti/consiglieri 5 con età inferiore a 35 anni Progetti sviluppati con imprese culturali e creative costituite da meno di 3 anni alla data di pubblicazione del presente avviso 5 Applicazioni, siti web e altri strumenti di comunicazione realizzati in 5 almeno due lingue (ad es. italiano inglese). Progetti che abbiano una ricaduta diretta sul territorio, dimostrata dal 10 fatto che vengono realizzati con imprese fornitrici lombarde. 10. Obblighi dei beneficiari I beneficiari sono obbligati, a pena di decadenza del contributo: 1. al rispetto di tutte le condizioni previste dal bando; 2. ad assicurare che gli interventi realizzati non siano difformi da quelli individuati nella domanda presentata; 3. a fornire, nei tempi e nei modi previsti dal bando e dagli atti a questo conseguenti, tutta la documentazione e le informazioni eventualmente richieste; 4. ad assicurare che le attività previste inizino e si concludano entro i termini stabiliti dal Bando; 5. ad assicurare la puntuale e completa realizzazione delle attività in conformità alla domanda presentata ed ammessa a beneficio, salvo eventuali modifiche preventivamente autorizzate; 6.a segnalare tempestivamente e comunque prima della presentazione della rendicontazione delle spese sostenute, eventuali variazioni relative alle spese indicate nella domanda presentata; In merito si segnala che: sono consentite ai proponenti variazioni e compensazioni nella allocazione di budget tra le voci progettuali nella misura massima del 20% per voce, purché nel pieno rispetto degli obiettivi e delle attività progettuali; eventuali modifiche rilevanti, anche inerenti i fattori di premialità, o proroghe temporali ai progetti presentati saranno soggette alla approvazione del nucleo di valutazione e dovranno essere presentate e motivate a mezzo PEC (scrivendo a fermo restando il limite invalicabile di risorse assegnate in sede di valutazione e il rispetto delle finalità della progettualità presentata. 10

11 7.a conservare per un periodo di almeno 5 (cinque) anni dalla data del provvedimento di erogazione del contributo la documentazione attestante le spese sostenute e rendicontate; 8. a garantire che la quota di spese oggetto del finanziamento non sia oggetto di altri contributi pubblici e comunque la somma di tutti i contributi assegnati non superi le spese realmente sostenute; 9. a dare adeguata visibilità al finanziamento ricevuto nell'ambito del presente Bando InnovaCultura, inserendo negli strumenti di comunicazione delle iniziative realizzate grazie al presente bando (compresi strumenti digitali) la frase realizzato con il contributo di Innovacultura -Regione Lombardia, Camere di Commercio lombarde e Fondazione Cariplo. 11. Assegnazione del contributo Al termine della fase di valutazione di merito, il Nucleo di Valutazione redigerà la proposta di graduatoria finale. La graduatoria, sulla base degli esiti istruttori e dalla proposta formulata dal Nucleo di valutazione, sarà approvata con provvedimento del Direttore operativo di Unioncamere Lombardia. L approvazione della graduatoria delle proposte progettuali finanziabili avverrà entro il 15 marzo Il provvedimento di approvazione sarà di seguito pubblicato sul sito e i suoi esiti comunicati ai soggetti interessati direttamente a mezzo PEC. 12. Modalità di rendicontazione ed erogazione Entro 60 giorni dalla data di conclusione delle attività, il beneficiario dovrà presentare la rendicontazione del progetto realizzato, inviandola a mezzo PEC all indirizzo con la seguente documentazione: A. attestazione di completa e regolare esecuzione del progetto; B. relazione finale sul progetto realizzato e sui beni e servizi acquistati; C. piano dei conti a consuntivo; D. giustificativi di spesa delle imprese fornitrici coinvolte nella realizzazione del progetto da cui risulti chiaramente: - data e numero della fattura - oggetto della prestazione o fornitura. Nota bene: dev essere specificato chiaramente l importo per acquisto di apparecchiature informatiche, attrezzature, allestimenti anche multimediali, che non deve superare il 25% dei costi del progetto; - l importo della fattura. Nota bene: gli importi verranno considerati al netto dell IVA; E. immagini/rappresentazioni del progetto realizzato F. dichiarazione de minimis. A far data dalla ricezione della rendicontazione il nucleo tecnico di valutazione si riserva un periodo di 45 giorni per la valutazione e per la eventuale richiesta di 11

12 integrazioni. Il contributo sarà erogato entro 60 giorni dalla data di approvazione della rendicontazione. Entro 30 giorni dalla data di erogazione del contributo il soggetto beneficiario dovrà inviare a Unioncamere Lombardia (all indirizzo PEC anche le quietanze dei pagamenti effettuati ai fornitori. Sono ammessi solo pagamenti tracciabili con bonifici, assegni e carte di credito. 13. Timeline 20 ottobre ottobre 2014 ore dicembre 2014 ore Entro il 15 marzo 2015 Entro 6 mesi dalla pubblicazione della graduatoria Entro 60 giorni dalla data di fine progetto Entro 60 giorni dalla approvazione della rendicontazione. Entro 30 giorni dall erogazione del contributo Pubblicazione online del regolamento del bando e dei documenti rilevanti sul sito Apertura presentazione delle domande (le eventuali domande ricevute prima di tale data NON saranno ritenute valide) Chiusura presentazione delle domande (le eventuali domande ricevute dopo di tale data NON saranno ritenute valide) Approvazione e pubblicazione delle graduatorie su Conclusione dei progetti Invio delle rendicontazioni a mezzo PEC Erogazione del contributo Invio delle quietanze dei fornitori a mezzo PEC 14. Rinuncia e revoca La rinuncia deve essere motivata da cause di forza maggiore sopraggiunte successivamente alla richiesta del contributo e deve essere comunicata entro 30 giorni dalla pubblicazione della graduatoria, inviando apposita comunicazione, tramite posta elettronica, a Il contributo può essere revocato in fase di rendicontazione, in caso di mancato rispetto di tutti gli obblighi e vincoli contenuti nel presente bando, o degli impegni assunti con la presentazione della domanda, in particolare qualora non sia stata rispettata la puntuale e completa esecuzione del progetto approvato. Nel caso in cui non pervengano le quietanze dei fornitori entro 30 giorni dalla erogazione del contributo, lo stesso potrà essere revocato con obbligo di restituzione. In caso di mancata restituzione si procederà come previsto dalla legge e l istituzione sarà esclusa dai bandi camerali e regionali dei successivi 2 anni. 12

13 15. Ispezioni e controlli Le Camere di Commercio, Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia, anche tramite propri enti, possono disporre in qualsiasi momento ispezioni e controlli presso la sede del beneficiario sui progetti e sulle spese oggetto di intervento. Tali controlli, svolti su un campione minimo del 20% delle istituzioni beneficiarie del contributo, sono finalizzati a verificare: l effettiva realizzazione dei progetti oggetto di contributo; il rispetto degli obblighi previsti dal procedimento di concessione; la veridicità delle dichiarazioni e delle informazioni prodotte dal soggetto beneficiario; i documenti dichiarati (fatture, contratti,...). La tipologia delle spese sostenute dovrà essere chiaramente desumibile in fase di controllo dalla documentazione (fatture, contratti ecc.) conservata dal soggetto beneficiario. 16. Responsabile del procedimento Il responsabile del procedimento è il dottor Enzo Rodeschini, Direttore Operativo di Unioncamere Lombardia. 17. Trattamento dei dati personali I dati acquisiti verranno trattati con modalità manuale e informatica e saranno utilizzati esclusivamente per le finalità relative al procedimento amministrativo per il quale gli stessi sono stati comunicati, secondo le modalità previste dalle leggi e dai regolamenti. Ai sensi del D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 Codice in materia di protezione dei dati personali si informa che tutti i dati personali che verranno in possesso di Unioncamere Lombardia e dei soggetti eventualmente incaricati della raccolta e dell istruttoria delle candidature, saranno trattati esclusivamente per le finalità del presente Bando e nel rispetto dell art. 13 della sopraccitata legge. I dati forniti saranno trattati da Unioncamere Lombardia, quale titolare del trattamento dei dati nella persona del Segretario Generale via Oldofredi Milano. Responsabile del trattamento dei dati è il Dirigente dell Area Promozione e Sviluppo del Territorio. Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini dello svolgimento delle istruttorie per l erogazione dei contributi previsti nel presente Bando. L eventuale mancato conferimento comporta la decadenza del diritto al beneficio. Si informa, inoltre, che gli interessati possono esercitare i diritti previsti dai commi 1, 3 e 4 dell art. 7 del D.lgs. n. 196/2003, tra i quali figurano: il diritto di ottenere la conferma dell esistenza o meno di dati personali che lo riguardano; l aggiornamento, la rettifica, l integrazione dei dati; la cancellazione, la trasformazione in forma anonima dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in 13

14 relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e successivamente trattati; il diritto all attestazione che le operazioni suddette sono state portate a conoscenza di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi nonché il diritto di opporsi per motivi legittimi al trattamento di dati personali, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta e di opporsi al trattamento di dati personali ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, etc. 18. Contatti Per informazioni relative ai contenuti del bando: Web Unioncamere Lombardia indicare nell oggetto dell il codice 02 Solo per i progetti che coinvolgono micro piccole e medie imprese dei territori di Lecco, Milano e Monza e Brianza: Web Lecco Milano Monza e Brianza 14

AVVISO PUBBLICO. Sostegno all avvio di start up culturali e creative in Lombardia: accesso a fondi pre-seed

AVVISO PUBBLICO. Sostegno all avvio di start up culturali e creative in Lombardia: accesso a fondi pre-seed AVVISO PUBBLICO Sostegno all avvio di start up culturali e creative in Lombardia: accesso a fondi pre-seed 1 Indice 1. Finalità... 3 2. Ambiti di intervento... 3 3. Soggetti beneficiari... 4 4. Destinatari

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA.

BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. BANDO CONTRIBUTI PER L ATTIVAZIONE DI UN SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA. Art. 1 Finalità Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

Bandi di finanziamento

Bandi di finanziamento Bandi di finanziamento per neo -imprese e aspiranti imprenditori 1Mantova 16 ottobre 2015 DUE INTERVENTI DISTINTI 1) BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE NUOVE IMPRESE (1508 Bando Neo-Imprese) DOTAZIONE FINANZIARIA:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

Bando. per la DIFFUSIONE di STRUMENTI di MARKETING DIGITALE. nelle micro e piccole imprese di Milano e provincia

Bando. per la DIFFUSIONE di STRUMENTI di MARKETING DIGITALE. nelle micro e piccole imprese di Milano e provincia Bando per la DIFFUSIONE di STRUMENTI di MARKETING DIGITALE nelle micro e piccole imprese di Milano e provincia INDICE 1. FINALITÀ 2. FORNITORI 3. DOTAZIONE FINANZIARIA 4. SOGGETTI BENEFICIARI 5. AMBITI

Dettagli

3 BANDO 2014 (finestra II)

3 BANDO 2014 (finestra II) PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità del Novarese ONLUS si articola in tre punti: 1) perseguire l affermarsi di una cultura complessiva del dono, garantendo la definizione di servizi che

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

BANDO PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA RETE CARBURANTI

BANDO PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA RETE CARBURANTI BANDO PROMOZIONE DEL TERRITORIO CON LA RETE CARBURANTI 1 1. DESCRIZIONE E FINALITA Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia, nell ambito degli impegni assunti nell Accordo di programma per lo sviluppo

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CAGLIARI Largo C. Felice, 72 09124 Cagliari tel. 070/605121 - sito web: http//www.ca.camcom.it INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova

Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova Provincia di Mantova Bando per il sostegno alla brevettazione europea ed internazionale da parte di PMI della provincia di Mantova ART.1 FINALITA La Provincia di Mantova e la Camera di Commercio di Mantova

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA

5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA 5 BANDO 2013 RICERCA SCIENTIFICA Progetti di ricerca scientifica di particolare utilità sociale promossi da Università, Fondazioni ed Enti di ricerca. PREMESSA La missione della Fondazione della Comunità

Dettagli

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica

Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica Contributi alle imprese della provincia di Siena per l analisi dei costi sostenuti per l acquisto di energia elettrica 1. PREMESSA Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011. Art. 1 - Oggetto e finalità BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA ANNO 2011 Art. 1 - Oggetto e finalità La Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 48 del 9.03.2016 BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI SITI WEB ED ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE 2016 Art 1-

Dettagli

Bando congiunto. Per progettualità di ambito socio-assistenziale realizzate nel territorio del Comune di Novara

Bando congiunto. Per progettualità di ambito socio-assistenziale realizzate nel territorio del Comune di Novara Bando congiunto Per progettualità di ambito socio-assistenziale realizzate nel territorio del Comune di Novara Premessa Allo scopo di ottimizzare le risorse a propria disposizione, di garantire un maggiore

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI SULLE TECNOLOGIE E I SISTEMI INFORMATICI PER I SERVIZI ALL'AGRICOLTURA ART. 1

BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI SULLE TECNOLOGIE E I SISTEMI INFORMATICI PER I SERVIZI ALL'AGRICOLTURA ART. 1 1322 Allegato alla Determinazione dirigenziale n. 768 del 3/12/2013 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI SULLE TECNOLOGIE E I SISTEMI

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014

128 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 10 - Mercoledì 05 marzo 2014 128 Bollettino Ufficiale D.G. Sport e politiche per i giovani D.d.u.o. 26 febbraio 2014 - n. 1541 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

BANDI EDITORIA LAZIO 2014

BANDI EDITORIA LAZIO 2014 LHYRA srl ROMA (info@lhyra.it) BANDI EDITORIA LAZIO 2014 La Regione Lazio, ha stanziato 1,3 mln per 3 bandi finalizzati alla promozione del libro e dell'editoria. L intento della Regione, con questa iniziativa,

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

Bando Patrocini 2015

Bando Patrocini 2015 Scadenza: 16/07 Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che consentano di riconoscere e soddisfare

Dettagli

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE

2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE 2 BANDO 2016 TUTELA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE A RACCOLTA EROGAZIONE Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore della Tutela, promozione

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita:

1. PREMESSA. La somma stanziata per l erogazione dei contributi ammonta a 150.000,00 euro ed è così ripartita: Contributi alle MPMI della provincia di Varese per l banda larga (allegato alla determinazione n. 304 del 9 luglio 2014) 1. PREMESSA Nell ambito dell Accordo di Programma tra il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 di Fondimpresa Formazione PMI con corsi a catalogo 1 1 Finalità Il

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO PAG. 1 1404 Allegato alla determinazione dirigenziale n. 131/PM del 18/02/2014 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO BANDO PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L'INNOVAZIONE

Dettagli

1. FINALITA... 3 2. RISORSE FINANZIARIE... 3 3. SOGGETTI BENEFICIARI... 3 4. CARATTERISTICHE DEI CONTRIBUTI E REGIME DI AIUTO...4 5. ISTRUTTORIA...

1. FINALITA... 3 2. RISORSE FINANZIARIE... 3 3. SOGGETTI BENEFICIARI... 3 4. CARATTERISTICHE DEI CONTRIBUTI E REGIME DI AIUTO...4 5. ISTRUTTORIA... BANDO IRFA RE - START UP 1 INDICE 1. FINALITA... 3 2. RISORSE FINANZIARIE... 3 3. SOGGETTI BENEFICIARI... 3 4. CARATTERISTICHE DEI CONTRIBUTI E REGIME DI AIUTO...4 5. ISTRUTTORIA.....4 6. MODALITA E TERMINI

Dettagli

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014

Delibera di G.C. N. 15 del 7 febbraio 2014 Avviso pubblico e Regolamento per la concessione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi in provincia di Napoli in periodi di bassa e media stagione Annualità 2014 Delibera

Dettagli

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde

Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Bando per la presentazione di progetti di comunicazione digitale per il business delle MPMI Lombarde Accordo di programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo - anno 2012 Asse

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012 7 D.g.r. 4 aprile 2012 - n. IX/3225 Determinazioni in merito al settore produttivo della moda con particolare riferimento all imprenditoria giovanile e femminile. Istituzione linea di azione Start up moda

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione della Comunità

Dettagli

Startin_Canada Progetto di sviluppo in Canada per startup innovative della regione Emilia- Romagna Bando di selezione

Startin_Canada Progetto di sviluppo in Canada per startup innovative della regione Emilia- Romagna Bando di selezione Startin_Canada Progetto di sviluppo in Canada per startup innovative della regione Emilia- Romagna Bando di selezione Premessa Aster, società consortile tra la Regione Emilia-Romagna, le Università, il

Dettagli

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali

Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Direzione cultura, turismo e sport Settore biblioteche, archivi e istituti culturali Bando l assegnazione di contributi da destinare ad interventi di digitalizzazione e valorizzazione delle testate giornalistiche

Dettagli

BANDO Welcome Business

BANDO Welcome Business Il Comune di Milano e la Camera di Commercio di Milano promuovono il presente BANDO Welcome Business Incentivi ai talenti all estero che rientrino in Italia per costituire la loro impresa a Milano Art.1

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Bando Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 944 del 29/07/2011 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN

BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN 1 BANDO CREATIVITÀ: EVENTI E LUOGHI PER L INNOVAZIONE NELLA MODA E NEL DESIGN 1. Finalità... 3 2. Categorie di soggetti beneficiari... 3 3. Dotazione Finanziaria... 5 4. Linee di intervento: progetti finanziabili...

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA BANDO PER IL SOSTEGNO ALL INNOVAZIONE DELLE IMPRESE MILANESI DI PRODUZIONE AUDIOVISIVA FINALITA E RISORSE La Provincia di Milano intende rafforzare in modo particolare la competitività di alcuni settori

Dettagli

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ

VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ ASSOCIAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI PER IL CENTRO DI SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO CANTIERI DI GRATUITÀ VIALE MELLUSI, 68 82100 BENEVENTO TEL.: 0824 310092 FAX.0824.359795 EMAIL:

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Avviso provinciale per la realizzazione di un progetto per lo sviluppo di azioni di monitoraggio e analisi del fenomeno degli abbandoni scolastici e formativi nella provincia di Mantova

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2012 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore d impresa di ComoNExT Premessa Per l anno 2012, la

Dettagli

Bando Attività di Vicinato

Bando Attività di Vicinato COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo ALLEGATO B alla Delibera di Giunta Comunale P.G. 87807/06 BANDO ATTUATIVO DI CONCESSIONE CONTRIBUTI ANNO

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi a sostegno di progetti imprenditoriali innovativi in ambito culturale e di industria creativa.

Bando per l erogazione di contributi a sostegno di progetti imprenditoriali innovativi in ambito culturale e di industria creativa. Bando per l erogazione di contributi a sostegno di progetti imprenditoriali innovativi in ambito culturale e di industria creativa. Art. 1 Obiettivi del Bando Promuovere l avvio di progetti imprenditoriali

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

1103 Allegato alla Deliberazione n. 12 del 4/02/2011

1103 Allegato alla Deliberazione n. 12 del 4/02/2011 1103 Allegato alla Deliberazione n. 12 del 4/02/2011 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER LE CERTIFICAZIONI DI PRODOTTO E DI PROCESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI VOLTI ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA RINNOVABILE (Deliberazione della Giunta della Camera di Commercio di Roma n. 59 del 21/04/2008)

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI 1. Domanda: Quanti progetti risultano ammessi al co finanziamento? Risposta: Al momento i progetti ammessi al co finanziamento

Dettagli

DALL IDEA ALL IMPRESA

DALL IDEA ALL IMPRESA Premessa DALL IDEA ALL IMPRESA Bando Incubatore d impresa 2015 rivolto ad aspiranti imprenditori e imprese start up per la fruizione dei servizi dell Incubatore certificato di ComoNExT scpa Ministero dello

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO ALLEGATO 1 REGIONE LAZIO Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti di comunicazione turistica da parte dei Comuni del Lazio (DGR n.718 del 28/10/2014) A titolo esemplificativo

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DELL AZIONE DENOMINATA WEB MARKETING E

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DELL AZIONE DENOMINATA WEB MARKETING E INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DELL AZIONE DENOMINATA WEB MARKETING E LABORATORI RADIOFONICI PREVISTA DAL PIANO TERRITORIALE #JOBSTARTUP. PARTE IL LAVORO, PARTI TU! DELLA

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL TRAFFICO DI MERCI PER VIA FLUVIALE

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL TRAFFICO DI MERCI PER VIA FLUVIALE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO DEL TRAFFICO DI MERCI PER VIA FLUVIALE Art. 1 Finalità e risorse Nell ambito degli obiettivi di realizzazione di progetti innovativi infrastrutturali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI FINANZIARIE ANNUALITÀ 2013 ART. 3 LETTERA C) REGOLAMENTO CCIAA Art. 1 SCOPO DELL AVVISO PUBBLICO 1. La Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione

Dettagli

Bando per l erogazione di contributi a fondo perduto per il sostegno delle produzioni cinematografiche e dell audiovisivo realizzate in Lombardia

Bando per l erogazione di contributi a fondo perduto per il sostegno delle produzioni cinematografiche e dell audiovisivo realizzate in Lombardia Bando per l erogazione di contributi a fondo perduto per il sostegno delle produzioni cinematografiche e dell audiovisivo realizzate in Lombardia (Lombardia Film Fund) 1 INDICE 1. oggetto e finalità 2.

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli