Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7 Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Piano Esecutivo Progetto ELI-FIS CATASTO E FISCALITA Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Comma 893 della legge 27 dicembre 2006 n ottobre 2008

8 Indice 1. Razionali alla base del Piano Esecutivo Effetti della rimodulazione sui contenuti/prodotti del progetto Modalità organizzative per lo svolgimento del progetto Analisi dei singoli contesti locali dei Piloti di progetto Comune di Terni Comune di Bologna Comune di Fabbriche di Vallico Comune di Ancona Comune di Torino Provincia di Genova Modalità esecutive di svolgimento del progetto Piano di lavoro Piano di collaudo tecnico GANTT DI PROGETTO Finanziamento di ELI-FIS e controllo dei costi Piano di Monitoraggio

9 1. Razionali alla base del Piano Esecutivo Il presente Piano Esecutivo riguarda gli obiettivi concreti, le attività di progetto ed i risultati attesi del progetto ELI_FIS per la gestione integrata su piattaforme e reti digitali di servizi locali in ambito fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa. Oltre al piano di lavoro e alle modalità di gestione del progetto, viene anche indicato il piano di monitoraggio ed il rapporto con il Dipartimento di Affari Regionale ed Enti Locali (DAR) della Presidenza del Consiglio dei Ministri, organo di governo co-finanziatore del progetto. E altrettanto importante sottolineare che ELI-FIS è oggetto di una gestione unitaria e condivisa con il progetto ELI-CAT, come da accordo attuativo sottoscritto da entrambi aggregazioni, allo scopo di migliorare l efficienza nella realizzazione dei prodotti, evitando la duplicazione di alcuni componenti, sviluppare le sinergie indispensabili per un sistema integrato di servizi di fiscalità locale e servizi catastali ai cittadini ed agli stessi enti locali e per promuovere il loro adeguato posizionamento nel sistema Paese. La stesura del Piano è frutto di un attività di analisi e di approfondimento delle problematiche riguardanti la complessa realtà territoriale in cui si dovranno realizzare gli interventi di innovazione oggetto di progettazione: costituita come noto da enti locali che interessano 14 regioni (Umbria, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Calabria, Liguria, Sicilia, Basilicata, Marche, Veneto, Sardegna, Lombardia e Lazio) in qualità di enti pilota, dispiegatori o di futuri riusanti, ognuna caratterizzata dalle proprie peculiarità normative, architetturali e infrastrutturali. Il presente Piano Esecutivo è un diretto risultato di quella Analisi Generale e di Impatto contenuta nella proposta progettuale originaria,avente come obiettivo la definizione delle principali linee guida per l effettiva realizzazione di ogni singolo componente delle soluzioni ELI_FIS e per l esecuzione delle diverse attività previste. Da tale analisi sul complesso caleidoscopio di realtà locali, regionali e sub-regionali, si evince una visione abbastanza precisa dello scenario di contesto e della presenza al suo interno di alcune importanti realtà di riferimento, corrispondenti nei fatti ai diversi enti pilota già candidatisi in sede di proposta progettuale. Nella maggior parte dei casi si evidenzia come la partecipazione al Programma Elisa da parte dei singoli Enti coinvolti si inserisca in un processo già in atto in relazione al tema dell attuazione del federalismo fiscale. Da un punto di vista concettuale, il background operativo che ne risulta è sostanzialmente in linea con gli elementi cardini dell architettura applicativa e di sistema del Progetto ELI-FIS, con particolare accento alla realizzazione di cruscotti di analisi orientati al contrasto dell evasione dei tributi locali, alla partecipazione all attività di accertamento dei tributi erariali, alla messa in opera di appositi strumenti di supporto alle decisioni nel dominio delle Entrate Locali per il controllo delle entrate e l effettivo esercizio dell autonomia impositiva. Da un punto di vista concettuale, il background sul piano operativo che ne risulta è sostanzialmente in linea con i punti cardine che costituiscono l architettura applicativa e di sistema del Progetto ELI-FIS, con particolare riferimento alla necessità di costruire una vera e propria piattaforma di integrazione e analisi dei dati che consenta di disporre di strumenti conoscitivi essenziali per il manager comunale a supporto della definizione e implementazione delle politiche - 3 -

10 di natura fiscale sul territorio. A tale proposito alcuni comuni partecipanti al Progetto ELI-FIS hanno da tempo avviato la sperimentazione di strumenti che rappresentano una prima implementazione di questi concetti, allo scopo di disporre di strumenti di supporto: - conoscitivo delle caratteristiche socio-economiche del territorio attraverso l analisi dei dati reddituali e del patrimonio immobiliare - previsionale in riferimento alle entrate derivanti dall addizionale comunale e dalla compartecipazione all IRPEF - decisionale per valutare l impatto economico e sociale di manovre di finanza locale legate alla variazione delle aliquote e detrazioni applicate. E quindi necessario ed opportuno individuare una soluzione realizzativa atta a: a) implementare una nuova architettura di sistema in modo modulare (ovvero costituito da moduli aventi una propria autonomia funzionale, che consenta una adozione graduale del modello complessivo) e flessibile (in relazione alle specificità locali) per l erogazione di servizi di supporto alle decisioni in materia fiscale: realizzando una piattaforma di integrazione di oggetti di business intelligence, finalizzata alla pubblicazione in ambiente di portale dei risultati provenienti da un insieme articolato ed eterogeneo di motori analitici (OLAP, reporting, data mining, ecc.) sfruttando appieno le possibilità offerte dal modello SOA (Service Oriented Architecture) per lo sviluppo di sistemi, anche attraverso l integrazione del costituendo portale analitico con le restanti componenti di sistema previste nel contesto dei progetti ELI_FIS (orchestratori di servizi, sistemi di 1 e 2 livello, ecc.) ed ELI_CAT; patrimonializzando quanto viene realizzato in ELI-CAT, con particolare accento alle caratteristiche di data quality & integration insite nell architettura funzionale dell Anagrafe Comunale Soggetti/Oggetti/Relazioni; b) salvaguardare comunque gli investimenti già sostenuti dalle singole amministrazioni partecipanti analizzando i contesti nei quali i servizi dovranno operare al fine di consentire l integrazione, anche solo parziale, delle soluzioni già realizzate; c) definire di conseguenza una posizione di vantaggio per tali Enti, in relazione all effettivo dispiegamento delle soluzioni, grazie alla patrimonializzazione delle attività di progetto eventualmente già portate a compimento; d) consentire ai singoli progetti preesistenti un effettivo ed efficace ampliamento del proprio raggio d azione, grazie all acquisizione modulare delle nuove componenti funzionali rese disponibili dal Programma Elisa, attingendo direttamente dai prodotti ed altri risultati che verranno acquisiti.. I prodotti chiave del Progetto ELI-FIS verranno realizzati mediante affidamenti al mercato acquisiti tramite apposite procedure di gara. Tuttavia, si ritiene indispensabile, anche in funzione del tempo disponibile per la realizzazione del progetto, che l acquisizione di almeno parte di questo prodotti si basi sul riuso di prodotti o moduli già realizzati e disponibili. Tali soluzioni software dovranno possedere caratteristiche di natura sia funzionale che architetturale che li rendano idonei per essere considerati validi semilavorati suscettibili di una personalizzazione che rispetti a pieno i requisiti definiti per i singoli prodotti nel progetto. Ne consegue che il piano di lavoro sui prodotti, come dettagliato nell apposito capitolo del presente Piano Esecutivo, risponde ad un percorso progettuale così articolato: - 4 -

11 a) analisi generale preliminare e redazione del Piano Esecutivo (il presente documento) con i prodotti da realizzare e mettere in esercizio presso gli enti pilota e, poi, presso gli enti dispiegatori. Il Piano risulta anche la base per costruire il Project Management Plan (PMP) per la gestione quotidiana delle attività finalizzate ai prodotti ed altri obiettivi progettuali e per l opportuna individuazione ed implementazione di misure correttive, ogni qualvolta si rende necessario; b) predisposizione ed esecuzione delle procedure di gara (appalto concorso) per l affidamento delle attività finalizzate alla realizzazione dei prodotti ELI_FIS; c) affinamento della progettazione dei prodotti insieme alle società vincitrici delle gare con eventuale rimodulazione delle singole attività attraverso l attualizzazione del PMP, sia in termini di tempi che di costi, in rispetto comunque dei vincoli già definiti nella convenzione con il DAR e nel presente piano esecutivo, fatto salvo qualsiasi ulteriore ritocco al piano che venga concordato dall ente capofila con il DAR. d) realizzazione dei prodotti conforme al Piano Esecutivo ed il PMP; e) verifica delle funzionalità dei singoli prodotti, beta-test ed istallazione definitiva presso gli enti pilota; f) dispiegamento, ovvero istallazione dei medesimi preso gli enti dispiegatori

12 2. Effetti della rimodulazione sui contenuti/prodotti del progetto Nella stesura del presente Piano Esecutivo si rende necessario evidenziare gli effetti della rimodulazione sulle attività e sui prodotti descritti nella proposta originale del progetto ELI_FIS, dopo che è stato ridotto del 20% il co-finanziamento del DAR richiesto inizialmente, così come già anticipato sinteticamente attraverso il Documento di rimodulazione approvato in fase di costituzione della aggregazione di progetto. Oltre agli effetti riconducibili alla diminuzione della dimensione economica complessiva del progetto, è importante ribadire nel piano esecutivo i criteri di rimodulazione adottati nel sopra citato documento in relazione alle attività ed ai contenuti Sono distinte due macro categorie nei criteri di rimodulazione:: - concentrazione della realizzazione di alcuni prodotti pensati nei due progetti integrati (ELI_CAT ed ELI_FIS) su uno solo di essi, aumentando quindi le sinergie tra entrambi progetti ; - eliminazione e/o modifica di attività/prodotti (o anche soltanto di singole funzionalità presenti in un prodotto), la cui realizzazione è rimandata nel tempo in funzione dei nuovi e specifici obiettivi dell Art. 4, ambito 3, introdotti nel Avviso del Programma Elisa del 19 febbraio Riguardo alla prima categoria, si ribadisce che, avendo individuato in alcune delle soluzioni ELI_CAT ed ELI_FIS delle componenti che svolgono funzioni analoghe, esse saranno realizzati unitariamente attraverso una progettualità condivisa fra i due progetti, in modo da ottenere economie di scala ed ampliare la loro riusabilità nelle due piattaforme di progetto. In particolare il prodotto: - 8.B.9 - Orchestratore Locale non sarà realizzato nell ambito di ELI_FIS in quanto sarà acquisito tramite accordo con ELI_CAT (prodotto 8.A.8 di ELI_CAT). Le attività necessarie per condividere la progettualità e, se necessario, per i test di validazione del prodotto, saranno comunque presenti in ELI_FIS. In relazione ai prodotti: - 8.B.1 - Data Warehouse di Analisi Locale e il Cruscotto per il Recupero dell Evasione dei Tributi Locali - 8.B.2 - Cruscotto Fiscale per l Accertamento dei Tributi Erariali - 8.B.3 - Data Warehouse di Analisi Centrale per il Governo della fiscalità Si riutilizzeranno le capacità di data cleaning & integration insite nell Anagrafe Soggetti/Oggetti/Relazioni di ELI-CAT, al fine di diminuire la complessità realizzativa dei processi ETL di alimentazione compresi nel cosiddetto Livello dei Dati Riconciliati del Data Warehouse. Di contro i due prodotti: - 8.B.10 - Modulo di servizio per l interscambio informativo con l Agenzia delle Entrate - 8.B.8 - Orchestratore Centrale saranno realizzati sì in ELI_FIS, ma con attività progettuali da condividere fra i due progetti per - 6 -

13 evitarne la realizzazione in ELI_CAT. Si ribadisce inoltre che a garanzia della effettiva possibilità di realizzazione e disponibilità di questi prodotti, i Comuni di Bologna, proponente di ELI_CAT e di Terni, proponente di ELI_FIS, si sono impegnati a sottoscrivere uno specifico accordo reciproco con tale indirizzo, come da art 7, comma 2 della Convenzione mediante la quale è stata formalizzata l aggregazione, e che tale specifico accordo è stato ricompreso nel più generale Accordo attuativo tra tutti gli enti dell'aggregazione ELI_CAT ed ELI_FIS Riguardo invece alla seconda macro categoria di criteri di rimodulazione, sono stati eliminati e/o modificati quelle attività e prodotti (o anche soltanto le singole funzionalità presenti in un prodotto) che possono fare riferimento ai nuovi e specifici obiettivi dell Art. 4, ambito 3, introdotti nel nuovo Avviso del Programma Elisa del 19 febbraio 2008 e cioè: sistemi telematici di pagamento e di riscossione, attuazione del federalismo fiscale, integrazione del dato catastale con i sistemi informativi degli enti locali, anche quelli di natura cartografica e di pianificazione territoriale. A continuazione, si fa un analisi più dettagliato su alcuni dei prodotti che sono stato oggetto di modifiche in relazione alla proposta originale. Sul prodotto: - 8.B.1/a Servizi per la fiscalità provinciale sono eliminate le funzionalità relative a pagamenti e riscossioni Sul prodotto: - 8.B.3 - Data Warehouse di Analisi Centrale per il governo della fiscalità e il Cruscotto decisionale per il governo della fiscalità si mantengono soltanto le funzionalità sia sul DWH sia sul Cruscotto- relative al governo dei tributi statali e sono eliminate quelle relative al governo dei tributi locali - 7 -

14 Programma ELISA- Catasto e Fiscalità Piano Esecutivo Progetto ELI-FIS Conclusioni Nel successivo schema architetturale unitario dei due progetti ELI_CAT ed ELI_FIS, si può quindi evidenziare il risultato delle attività di rimodulazione e di integrazione fra i due progetti. Questo schema unitario sostituisce quindi i due schemi architetturali separati inseriti nelle due proposte progettuali originarie. -8-

15 3. Modalità organizzative per lo svolgimento del progetto Nel presente capitolo vengono esplicitate le modalità organizzative che saranno messe in atto per supportare lo svolgimento del progetto. In particolare viene ripreso il quadro già espresso in fase di proposta aggiornato in conseguenza delle previsioni inserite nella convenzione che regola i rapporti tra gli enti impegnati a realizzare il progetto ELI_FIS, consentendo al Comune capofila di assumere a propria volta tutti gli impegni derivanti dalla convenzione che ha stipulato col DAR. Organizzazione di progetto La complessità e la numerosità dei temi affrontati nell ambito del progetto, ma soprattutto l obiettivo di realizzare un sistema a valenza sistemica, richiedono un forte coordinamento centrale ed una regia unitaria di progetto che coinvolga tutti i livelli istituzionali. D altra parte, e come esplicitato nell accordo attuativo congiunto con gli enti che fanno parte dell aggregazione ELI_FIS, tale coordinamento e regia è unico e condiviso per i due progetti. Quindi, per progetto unitario s intende entrambi i progetti e le loro sinergie, anche se ciascuno opera in un ambito tematico diverso. Sarà pertanto attivata una Cabina di Regia Unitaria di Progetto (CRUP) costituita da 5 membri: 3 rappresentanti nominati da ANCI, UPI e UNCEM e 2 dai Comuni proponenti. Svolge le proprie attività in collaborazione con le Regioni attraverso il CINSEDO e le sue strutture tecnico/operative, in particolare il CISIS. La CRUP ha il compito di definire la linea politico istituzionale del progetto e di svolgere il ruolo di indirizzo e controllo nonché di garanzia che le azioni intraprese all interno del progetto siano coerenti con gli indirizzi nazionali sui temi della fiscalità locale e dell integrazione del dato catastale nei sistemi informativi degli EE. LL. All ANCI è affidato il compito del coordinamento della Cabina di Regia Unitaria di Progetto. L altro fattore determinante per cui si è valutata necessaria una regia unitaria tra i progetti ELI_FIS ed ELI_CAT è che i temi catasto e fiscalità, pur tra loro distinti, risultano fortemente integrati e interdipendenti sui temi delle entrate e del controllo del territorio. Si è, pertanto, ritenuto indispensabile definire un luogo titolato a fornire indicazioni sull armonizzazione dei risultati di entrambi i progetti. La natura dei servizi sul Catasto rende poi indispensabile un positivo confronto con le categorie professionali coinvolte, attraverso le loro organizzazioni (Ordini, Collegi professionali, e simili). Il successo del progetto dipenderà anche dalla capacità di porre in essere una progettazione congiunta e condivisa con i professionisti che diventeranno i principali attori di alcuni servizi (si pensi al Modello Unico Digitale dell Edilizia MUDE ). Sul piano dello sviluppo tecnico e progettuale si rende necessario prevedere un organismo centralizzato di progetto : la Struttura Centrale di Progetto, preposta a : - la definizione del modello concettuale, organizzativo e tecnico architetturale - la definizione delle linee guida per le fasi pilota; - la gestione ed il coordinamento del progetto; - la rendicontazione; - la gestione delle azioni di comunicazione che accompagneranno il progetto; - le definizione degli accordi di progetto

16 La Struttura Centrale di Progetto ha anche un ruolo di supporto diretto all Ente proponente/capofila il quale è il diretto responsabile della convenzione con il DAR per l accesso al cofinanziamento ed è garante dei risultati di progetto. Struttura Centrale di Progetto (anche denominata Struttura Tecnica di Gestione) La struttura centrale di progetto si organizza in un gruppo tecnico di progettazione ( GTP ) ed un project management office (PMO). L organismo tecnico (GTP) è composto da referenti tecnici espressione dei comuni, delle province, delle comunità montane, che svolgono un ruolo attivo nel progetto e da esperti di ANCI e di IFEL. L ANCI si farà carico direttamente, o attraverso le sue società operative, della attività di management del progetto (PMO) a livello centrale e territoriale.. Gruppo tecnico di progettazione (GTP) Il gruppo tecnico di progettazione è una struttura decisionale sul piano operativo composta dai referenti tecnici nominati dagli Enti partecipanti ai progetti ELI_CAT ed ELI_FIS che svolgono un ruolo attivo nel progetto e da esperti di ANCI e di IFEL. In caso che non sia stato anche designato un supplente, il ruolo verrà comunque ricoperto dal rappresentante (contact person) dell ente nel progetto. Il GTP ha tre funzioni principali: a) il coordinamento operativo, soprattutto a supporto del PMO, delle diverse fasi ed attività del progetto unitario, con le mansione tipiche del cosiddetto Steering Committee, anche per anticipare eventuali problemi e disallineamenti o questioni controverse sul piano strettamente tecnico/operativo; b) l attività di progettazione sia per quanto riguarda i capitolati tecnici delle gare indette dalle stazioni appaltanti del progetto unitario, sia per il confronto con le proposte in materia avanzate dalle società a cui sono stati assegnati i prodotti ELI_CAT ed ELI_FIS; c) il coordinamento tecnico e di progettazione con le regioni partecipanti al progetto unitario, con i referenti degli Ordini professionali, per gli aspetti di loro diretta e specifica competenza. Per il coordinamento operativo, il GTP verrà convocato periodicamente, in luogo fisico o in forma virtuale, dal Project Manager (PM) con l accordo degli enti proponenti/capofila di ELI_CAT ed ELI_FIS. Le decisioni verranno prese di norma su basi consensuali. Nel caso che non si riesca a raggiungere un accordo, gli enti proponenti sottoporranno la questione alla considerazione della Cabina di Regia Unitaria per risolvere in via definitiva. Per gli aspetti relativi alla definizione del modello concettuale, organizzativo e tecnicoarchitetturale del progetto, si costituiranno dei comitati tematici. I comitati tematici sono definiti dal GTP (inizialmente 7) e coordinati dagli Enti Pilota e vi

17 partecipano dei referenti tecnici individuati dagli enti partecipanti, compresi gli enti dispiegatori, con competenze di tipo specialistico sui temi della fiscalità locale e catasto, esperti di finanzia locale, di tributi e di territorio. Essi hanno il compito di analizzare e definire in dettaglio gli elementi ed aspetti tecnici dei singoli sottoprogetti che saranno realizzati e sperimentati. Il progetto prevede di attuare, per la realizzazione di alcune delle soluzioni previste, soprattutto per quanto riguarda servizi infrastrutturali di natura regionale ed interregionale, indirizzi progettuali che prevedono l adozione degli standard di cooperazione applicativa sviluppati nel progetto ICAR e nel rispetto delle regole tecniche del SPC. Dovranno quindi essere ricomprese le istanze tecniche necessarie per il riuso di quelle soluzioni di enti pilota/dispiegatori che operano in forma associata ( CSC come centro servizi condiviso ). Project Management Office ( PMO ) Il PMO supporta gli enti proponenti nella gestione del progetto unitario e dei rapporti con il DAR, anche ai fini della rendicontazione. Il PMO ha anche il compito di supportare il GTP ed i diversi Gruppi Tematici per le attività già elencate, anche ai fini della redazione del piano esecutivo. Il PMO cura la comunicazione interna del progetto e gestisce sia gli strumenti di supporto alla progettazione (repository della documentazione, ecc ) sia il sito web del progetto

18 Come previsto dalla convenzione fra gli enti, i Comuni proponenti affideranno all ANCI, mediante specifico accordo, le attività di coordinamento generale del progetto e della regia unitaria. L ANCI potrà operare direttamente o attraverso le sue società operative e comunque garantendo il coinvolgimento di UPI e di UNCEM. Di seguito, vengono rappresentati diversi organigrammi funzionali che forniscono una idea più precisa su come si intende espletare l attività decisionale e di management del progetto unitario: a) il primo è uno Schema Generale della Gestione del progetto unitario dove sono individuate le funzioni (e ruoli) di linea e quello in staff, la collaborazione a monte con i partner del progetto e quella a valle con gli enti interessati al riuso dei prodotti e metodi generati dal progetto unitario; b) il secondo rappresenta la composizione della Cabina di Regia Unitaria ed i rapporti di collaborazione al suo interno con le Regioni attraverso il CISIS (CINSEDO) e con le strutture preposte alla gestione del catasto e della fiscalità nazionale; c) il terzo rappresenta il funzionamento della Struttura Tecnica di Gestione. SCHEMA GENERALE DI GESTIONE ISTITUZIONI COINVOLTE - Agenzia Entrate - Agenzia Territorio -Regioni -DIT -CNIPA -Altri Gestione ELI-CAT (Comune di Bologna) CABINA DI REGIA (Coordinatore ANCI, UPI, UNCEM, Comune di Bologna e Comune di Terni) ENTI PILOTA ELI-CAT/ELI-FIS STRUTTURA TECNICA DI GESTIONE Gestione ELI-FIS (Comune di Terni) ENTI PER IL RIUSO -Regioni -Province - Comunità Montane - Unioni di Comuni -ALI/CST -Altri ENTI DISPIEGATORI ELI-CAT/ELI-FIS

19 CABINA DI REGIA ELI-CAT/ELI-FIS (Coordinamento, Indirizzo e Controllo)

20 STRUTTURA TECNICA DI GESTIONE Attori/Ruoli Per gli enti locali sono stati individuati i seguenti 4 ruoli. a) Proponente: l soggetto proponente/capofila è l ente locale che ha sottoposto la proposta progettuale al Dipartimento Affari Regionali in risposta all avviso. E formalmente responsabile dei risultati di progetto nei confronti del DAR ed è capofila dell aggregazione. Il proponente è anche ente pilota. b) Pilota : Ente che fa parte della struttura centrale di progetto, partecipa alla progettazione unitaria della soluzione, la sperimenta per primo nel proprio contesto e la mette a punto anche tenendo conto dei test effettuati dai dispiegatori della soluzione stessa. Può svolgere il ruolo di stazione

21 appaltante per la realizzazione di prodotti del progetto. Le attività del pilota sono parzialmente finanziate dal progetto. c) Dispiegatore: Ente che supporta l ente pilota nella fase di realizzazione, partecipa alla progettazione di dettaglio di natura applicativa del tema specifico del/dei prodotto/i oggetto del pilotaggio, può partecipare anche alla progettazione unitaria. Ha il compito di installare le realizzazioni, provarne la stabilità e contribuire in modo sostanziale nel mettere a punto il modello di dispiegamento per favorire il riuso da parte degli altri enti aderenti. Il dispiegatore può essere un ente singolo o un organizzazione di enti associati (CST, Unioni di Comuni, Comunità Montane, ecc,). Partecipa attivamente nell ambito del coordinamento territoriale alla messa a punto del piano di riuso in ambito regionale e può svolgere anche una funzione di tutoraggio sugli enti che intendono installare la soluzione. Le attività del dispiegatore sono parzialmente finanziate dal progetto. d) Riusatore Ente che partecipa al progetto in quanto intende poter fruire delle soluzioni realizzate. Le attività di riuso non sono finanziate dal progetto, ma il riusatore potrebbe beneficiare di eventuali contributi regionali per l installazione e la messa in esercizio. e) Stazioni appaltanti Gli enti pilota individuati all interno delle aggregazione ELI_FIS ed ELI_CAT per l acquisizione dei prodotti/servizi d interesse al progetto unitario tramite procedura di appalto o altra modalità prevista dalla legge, come disciplinato dall accordo attuativo fra gli enti. Altri ruoli a) Partner: Sono partner del progetto le Amministrazioni Centrali, le Regioni, le Community Network e/o soggetti pubblici di livello regionale, i consorzi e le fondazioni degli enti locali, nonché gli Ordini professionali, coinvolti nell iniziativa e che sottoscrivono una qualsiasi forma di collaborazione a supporto di obiettivi e attività specifiche previste nel progetto. Modello di spesa Attraverso la convenzione ELI_FIS e l accordo attuativo per la gestione condivisa del progetto unitario fra gli enti sono state definite le regole di compartecipazione al progetto. Ciascun ente compartecipante ha preso atto che la spesa progettuale è distinta in spesa condivisa ed in spesa di localizzazione. Si intende per spesa condivisa quella di interesse unitario di progetto, da condividere con tutti i compartecipanti secondo il dettaglio delle attività e il piano di lavoro contenuti nel Piano esecutivo. In via generale comprende: a) la spesa per il funzionamento della CRUP per le attività di indirizzo, controllo e coordinamento strategico del progetto e del suo posizionamento all interno del programma

22 Elisa nel suo complesso e per la comunicazione strategica di progetto; b) la spesa per l attività di coordinamento generale di progetto, l attività di supporto al proponente nella gestione dei rapporti con il DAR e con i livelli istituzionali centrali coinvolti nel progetto; c) la spesa per l attività di gestione organizzativa del progetto; d) il supporto addizionale all ente proponente ed alle strutture di gestione (GTP e PMO) da parte di esperti di alto profilo in sede di progettazione e realizzazione dell attività del progetto unitario, oppure di rendicontazione e/o per l espletamento di procedure tecnico e/o amministrative che richiedono di profili particolari (per esempio, in sede di monitoraggio); e) la spesa per attività inerenti i compiti e impegni specifici del Proponente, quali: la presentazione della proposta progettuale, il Piano esecutivo,il Piano di monitoraggio, la stipula della Convenzione con il DAR e conseguenti rapporti per verifica e controllo dello svolgimento delle attività, i rapporti con gli Enti e la ridistribuzione agli stessi del finanziamento. Questa spesa è direttamente amministrata e gestita dal proponente; f) la spesa relativa alla progettazione comune e alla realizzazione di componenti che possono essere sviluppate congiuntamente da più compartecipanti. Questa spesa è direttamente gestita e impegnata dagli Enti compartecipanti con il ruolo di stazioni appaltanti secondo le attività da svolgere nel progetto e assegnate direttamente. La spesa condivisa di cui ai punti precedenti a), b) c) e d) sarà oggetto di uno specifico accordo tra il Comune proponente e l ANCI, già richiamato all Art 5 della Convenzione stipulata tra gli Enti ELI_CAT e ELI_FIS. In relazione al punto d), va anche specificato che gli enti partecipanti a ELI_CAT e ELI-FIS (nell incontro tenutosi a Firenze in data ) ed in accordo con il GTP, allo scopo di garantire il necessario e continuo supporto alla struttura tecnica di gestione ed al Project Management Office, hanno deciso di individuare - utilizzando la spesa condivisa - uno staff di esperti tecnici. In particolare, sono state individuate tre aree in cui gli specialisti di settore dovranno fornire un contributo: - tematiche fiscali e catastali sotto il profilo informatico applicativo; - tematiche di integrazione di sistemi, architetture e moduli; - metodologie da eseguire per il deployment dei prodotti/servizi di ELI_CAT ed ELI_FIS nei piccoli comuni. A tale fine, gli enti partecipanti al progetto unitario hanno deciso nell accordo attuativo di impegnare una somma supplementare per questa attività fino ad un massimo del 2% del finanziamento del DAR per i due progetti, cioè pari a per ELI-FIS. Le modalità operative verranno definite dagli Enti Proponenti con il Project Management Office, in modo che sia quest ultimo a conferire i relativi incarichi e supervisionare nello specifico il lavoro svolto dai suddetti esperti. La spesa condivisa di cui al precedente punto e) è direttamente amministrata e gestita dall ente proponente. A tale fine, gli è stata assegnata dai partecipanti al progetto unitario una quota di euro ,00 (2% dell intero finanziamento del DAR)

23 La spesa condivisa di cui al precedente punto f), è stata affidata tramite l accordo attuativo di progetto e nel rispetto del Piano esecutivo, agli enti pilota che fungeranno da stazione appaltanti. L Ente Pilota/Appaltante opererà nel rispetto delle proprie discipline amministrative e del proprio regolamento di spesa, ma con il vincolo che il capitolato tecnico dell oggetto di appalto sia approvato dal Gruppo Tecnico di Progetto, condiviso da tutti gli enti secondo il modello di partecipazione, a garanzia che la realizzazione sia coerente con le restanti componenti di progetto. Si intende, invece, per spesa di localizzazione quella di dispiegamento presso gli Enti pilota e dispiegatori. In via generale comprende: le attività connesse all acquisizione di componenti in licenza d uso, alla installazione delle soluzioni realizzate, alle integrazioni con il back office, ai test e messa a punto del sistema che, una volta collaudato, potrà essere dispiegato su tutti gli enti che sono interessati al riuso. I compartecipanti, piloti e dispiegatori, si sono impegnati a garantire al comune proponente, la realizzazione della spesa necessaria e di loro competenza assicurando il proprio co-finanziamento. Ciascun compartecipante è inoltre unico responsabile della documentazione comprovante la coerenza e la legittimità degli importi di spesa impegnati e destinati alla realizzazione della spesa di progetto; in questo senso ciascun ente adotta ogni utile misura organizzativa al fine di consentire al Proponente di poter disporre, in ogni momento, delle informazioni inerenti le spese e le attività del progetto. Ciascun ente partecipante potrà infine fruire di contributi di sponsor locali inerenti le attività di progetto, previa valutazione della CRUP

24 4. Analisi dei singoli contesti locali dei Piloti di progetto In questo capitolo viene fornita una visione dello specifico scenario di contesto relativo a ciascun Pilota, fornendo un indicazione di massima di come ciascun Ente intenda partecipare operativamente al progetto per la realizzazione dei deliverables di propria competenza. Comune di Terni Nel giugno del 2007 il comune di Terni ha stipulato con la SOGEI un protocollo d intesa con la finalità, tra l altro, di sperimentare alcuni prodotti/servizi di supporto alla fiscalità locale sviluppati in via prototipale dalla SOGEI stessa. In particolare, tra i servizi sperimentati, è stato inserito il Cruscotto delle entrate tributarie (CENT), un applicazione di datawarehousing finalizzata alla conoscenza socio-economica del patrimonio immobiliare e delle caratteristiche reddituali dei residenti, attraverso l analisi dei dati degli immobili e delle dichiarazioni dei redditi trasmesse dalle agenzie del Territorio e delle Entrate. Nell ambito della collaborazione sono stati, inoltre, sviluppati strumenti di what-if analysis finalizzati ad analizzare l impatto economico e sociale di interventi legati all autonomia impositiva concessa agli enti locali in materia di addizionale IRPEF. La positiva esperienza ha indotto l Amministrazione a voler proseguire il percorso intrapreso e sfruttare le potenziali opportunità che venivano offerte dalla partecipazione al Programma Elisa, estendendo il campo d azione e facendo perno su alcuni deliverables del progetto ELI-FIS quali principali strumenti a supporto delle attività previste. Sulla base di queste premesse, l Amministrazione provvederà ad intraprendere tutte le azioni necessarie e a sovrintendere alla realizzazione dei prodotti del progetto ELI-FIS da considerarsi propedeutici al perseguimento degli obiettivi di progetto di cui al Comune di Terni è attribuita la responsabilità: a. Il Data Warehouse di Analisi Centrale per il Governo della fiscalità e Il Cruscotto Decisionale per il Governo della fiscalità (deliverable 8.B.3), uno strumento in grado di fornire un ambiente analitico integrato di supporto all accesso agli elementi patrimoniali, reddituali e tributari utili alla conoscenza del contesto territoriale e all esercizio dell autonomia impositiva; b. I moduli per l identificazione dei soggetti e degli oggetti negli archivi delle Agenzie (deliverable 8.B.4) collegati alla necessità di disporre di strumenti certificati di ricerca e identificazione e di accrescere la qualità delle basi informative filtrando i dati al momento dell acquisizione; c. I servizi di base (deliverable 8.B.5) pensati per fornire degli strumenti entry-level per la visualizzazione dei dati forniti agli enti dalle agenzie fiscali, secondo modalità e interpretazione delle informazioni standard e certificate; d. L Orchestratore centrale (prodotto 8.B.8) allo scopo di disporre una piattaforma software specificatamente progettata per gestire, attraverso l interazione con i duali Orchestratori Locali, lo scambio informativo, in ambito SPC, tra le Basi dati di interesse nazionale e quelle delle Amministrazioni Territoriali. I principali compiti del prodotto saranno: esporre i servizi (lato dominio Agenzie) per il riconoscimento delle richieste

25 provenienti dagli Enti Territoriali e attivare i corrispondenti processi di gestione delle basi informative centrali; definire ed implementare le regole che governeranno il reperimento delle informazioni dal dominio delle Agenzie; definire ed implementare le regole che governeranno l eventuale aggiornamento delle informazioni residenti nel dominio delle Agenzie; coordinare, in modalità di cooperazione applicativa, l interscambio informativo con gli Orchestratori Locali dei CST di riferimento; e. Il Modulo di Servizio per l interscambio informativo con l Agenzia delle Entrate (prodotto 8.B.10) per l interazione in modalità di cooperazione applicativa tra sistemi centrali e sistemi locali; f. I Moduli per la bonifica delle banche dati locali Tributarie e per l invio delle richieste di allineamento delle banche dati centrali (prodotto 8.B.11). Per assolvere a pieno alle responsabilità sopra elencate il Comune di Terni avrà la completa collaborazione del CRUP il quale si farà carico di individuare e coordinare tutte le azioni necessarie finalizzate al pieno coinvolgimento del Dipartimento delle Politiche Fiscali e delle Agenzie Fiscali al fine di definire e condividere: - i requisiti del soluzioni applicative; - le ontologie dei dati; - i servizi cooperativi; - le specifiche tecniche. Quanto sopra vale, in particolare, per i deliverables di cui ai precedenti punti a., b., d., e., che presuppongono la realizzazione di moduli utilizzatori di dati residenti nelle basi informative dei sistemi centrali. Pertanto dovranno essere intraprese tutte le azioni necessarie al coinvolgimento, quali partner del progetto, delle Amministrazioni centrali titolari dei dati (Dipartimento delle Finanze, Agenzia delle entrate e Agenzia del territorio). D altro canto, per i moduli di questi deliverables che, lato dominio enti locali, colloquieranno in modalità di cooperazione applicativa con i moduli centrali, dovranno essere indette gare d appalto per i relativi oggetti di fornitura. Analogamente si dovrà procedere per i deliverables che non richiedono la realizzazione di moduli connessi con l utilizzo di dati residenti nelle basi informative dei sistemi centrali. Infine verranno posti in essere gli interventi necessari per l adeguamento dei sistemi informativi dell Ente al fine di assicurare i livelli tecnologici e di standardizzazione necessari. In merito alla standardizzazione è stata realizzata la bonifica dei dati dell ICI relazionando i dati fiscali disponibili presso l ente con i dati relativi alla banca dati catastale. Questa operazione di bonifica ha consentito inoltre di creare una base dati di proprietà dell ente contenente dati catastali adeguatamente modificati, corretti e congruenti con gli altri dati fiscali, in attesa della realizzazione di opportuni servizi per riportare tali modifiche nelle banche dati di origine

26 Comune di Bologna Il Comune di Bologna ha in corso dal 2005 un Progetto denominato Servizi di ricerca evasione ICI e TARSU e di manutenzione delle relative banche dati il cui obiettivo principale, da realizzarsi entro il 2009, è quello di potenziare al massimo le attività di bonifica della banca dati tributaria e di ricerca dell evasione ai fini ICI e TARSU, al fine di consentire di passare, gradatamente, da un intervento di natura straordinaria volto al recupero dell evasione, ad un processo di gestione ordinaria profondamente rinnovato che consenta di anticipare l evasione invece che inseguirla. Il raggiungimento di questi obiettivi, oltre che da un adeguata strutturazione operativa del servizio, passa attraverso l utilizzo di un sistema informativo basato su un Sistema Operazionale e di Analisi dei Tributi Locali. Attraverso la componente Operazionale del Sistema, ovvero l Operational Data Store dei Tributi Locali (O.D.S.), è possibile organizzare in modo strutturato i dati operazionali di primo livello (Soggetti ed Oggetti) e costituire così una base impositiva integrata, fornendo quindi una visione unica e di riferimento della realtà attraverso cui implementare varie metodologie di ricerca evasione. Attraverso la componente di Analisi del Sistema, ovvero i Data Mart dei Tributi Locali, è possibile definire singole viste, opportunamente organizzate in base ad un modello multidimensionale, a partire dalle quali analizzare gli indicatori di interesse per il monitoraggio e il governo delle entrate e del servizio. Tale componente di Analisi così come identificata dal Progetto nel 2005 non ha finalità di ricerca evasione vera e propria bensì solo di monitoraggio dei fenomeni in corso. L esistente progetto di ricerca evasione ICI e TARSU del Comune di Bologna, essendo caratterizzato dalla presenza dell ODS dei Tributi Locali, è dunque già predisposto da un punto di vista di architettura logica alla creazione di un Anagrafe dei Soggetti Oggetti e Relazioni finalizzata alla ricerca evasione. Per quanto riguarda invece la componente di analisi dei data mart, non avendo questa allo stato dell arte attuale un taglio finalizzato all individuazione di potenziali evasori, attraverso la partecipazione del Comune di Bologna al Programma Elisa si ipotizza nel futuro di fornire ulteriore slancio ai processi in corso volti al recupero dell evasione facendo perno sulle piattaforme di analisi messe a disposizione dal Progetto ELI-FIS. Comune di Fabbriche di Vallico Il Comune di Fabbriche di Vallico ha ricevuto dai dispiegatori della Regione Toscana, tramite opportuna convenzione approvata dai singoli Enti, mandato per lo svolgimento di gare e per l individuazione dei fornitori dei prodotti. Sulla base di detta convenzione, il Comune di Fabbriche di Vallico si avvarrà, per il raggiungimento delle finalità previste e in particolare per l espletamento delle gare necessarie al progetto, del supporto tecnico e operativo di un tavolo tecnico del quale fanno parte anche gli Enti dispiegatori per la Toscana. Il Comune di Fabbriche di Vallico e i dispiegatori toscani, nell ambito del Progetto ELI-FIS e delle iniziative già avviate, stanno attualmente individuando le possibili e migliori modalità per

27 l individuazione dei fornitori dei prodotti, anche in considerazione del fatto che nell ambito territoriale della Toscana, è stata recentemente aggiudicata una gara comprendente, tra l altro, come parte degli oggetti di fornitura, l affidamento di servizi da erogare agli Enti della Rete Telematica Regionale Toscana (RTRT). Nel catalogo dei servizi resi disponibili dall RTI vincitrice della gara d appalto si evidenziano alcuni servizi opzionali in relazione ai seguenti temi: a) servizi per la costituzione un vero e proprio ambiente analitico volto ad individuare sacche di evasione parziale e totale ai fini sia ICI che TARSU/TIA; b) servizi mirati all estensione del suddetto ambiente analitico che consentano l individuazione di sacche di evasione dei tributi erariali, al fine di supportare il Comune nelle attività di indagine necessarie ad assicurare una sua efficace partecipazione all Accertamento Fiscale dei Tributi Erariali (compartecipazione all'accertamento fiscale incentivata mediante il riconoscimento di una quota pari al 30 per cento delle maggiori somme relative a tributi statali riscosse a titolo definitivo); Si presuppone che i servizi indicati ai punti precedenti si sviluppino attraverso l impiego di idonei strumenti di Business Intelligence indirizzati all individuazione delle posizioni più sospette sotto il profilo del recupero evasione, attraverso l analisi comparata delle molteplici fonti informative disponibili, utilizzando tecnologie specifiche volte a consentire l esecuzione di interrogazioni sui dati di tipo non predefinito. I sopra menzionati servizi si fondano sull impiego di strumenti che, concettualmente, possono essere considerati assolutamente compatibili con l architettura applicativa del Programma Elisa. Con l attivazione dei suddetti Servizi Opzionali il Comune di Fabbriche di Vallico, in concerto con le strutture di servizio della Regione Toscana, è quindi in grado di fatto di muovere sin da subito i primi passi verso gli obiettivi più generali del decentramento catastale e attuazione del federalismo fiscale in conformità alle linee guide del Programma Elisa. La scelta di attivare i suddetti Servizi Opzionali è subordinata al parere del tavolo tecnico costituito, oltre che dal Comune di Fabbriche di Vallico, anche dagli Enti dispiegatori; la soluzione di accedere ai Servizi Opzionali potrebbe essere ritenuta non percorribile o vantaggiosa e conseguentemente anche i prodotti sopra indicati verranno messi a gara. Oltre a ciò e in relazione alle premesse, nel contesto territoriale della Toscana si provvederà ad indire una gara d appalto e/o a procedere in affidamento diretto (qualora applicabile e ritenuto opportuno) nell acquisizione dei seguenti oggetti di fornitura: a) realizzazione del Data Warehouse di Analisi Locale e Cruscotto per il Recupero dell'evasione dei Tributi Locali (prodotto 8.B.1), modulo base e modulo di estensione, per come verrà meglio specificato nel successivo cap. 5 del presente Piano b) realizzazione del Cruscotto Fiscale per l Accertamento dei Tributi Erariali (prodotto 8.B.2), come ulteriore evoluzione ed integrazione del prodotto di cui al punto precedente c) servizi di installazione e avvio in esercizio in merito ai deliverables sopra menzionati d) servizi di Formazione sul territorio (cfr. prodotto 8.B.6) e di Supporto alla gestione e all'avviamento (cfr. prodotto 8.B.7), in relazione agli specifici prodotti Elisa summenzionati e) ulteriori componenti di servizio o di prodotto, al di fuori dello specifico dominio del Programma Elisa, per quanto in stretta correlazione con i deliverables ad esso relativi

28 Comune di Ancona Nel corso del 2007 il Comune di Ancona, attraverso la propria società Ancona Entrate srl (a totale capitale pubblico), ha avviato la ridefinizione del sistema informativo di gestione dei Tributi Locali e della Riscossione basato sulla costruzione di una banca dati integrata, in grado di fornire identificazione puntuale degli oggetti, dei soggetti e delle loro interazioni nel tempo. In via sperimentale una prima versione prototipale di banca dati integrata ha consentito di incrociare i dati provenienti dalla misurazione delle planimetrie catastali delle unità immobiliari con le superfici dichiarate dai contribuenti per il tributo TaRSU con riferimento ai medesimi oggetti, facendo emergere un numero significativo di situazioni di infedeltà. La costituzione in via definitiva della base dati integrata dei soggetti (denominata Anagrafe Comunale dei Soggetti, o ACS) ha poi consentito di dare un ulteriore forte impulso all attività di individuazione di potenziali evasori totali e parziali con riferimento ai tributi ICI e TARSU. Il progetto avviato prevede le seguenti attività: a) Costituzione della base dati integrata degli oggetti (denominata Anagrafe Comunale degli Oggetti, o ACO) e delle relazioni esistenti tra essi ed i soggetti (Anagrafe delle Relazioni di Utilizzo e Proprietà, o RUP), nell ambito del sistema informativo di gestione dei tributi NETTUNO che, attraverso la componente operazionale ODS ( Operational Data Store ) consente di organizzare in modo strutturato i dati operazionali di vario livello ( soggetti ed oggetti) e costituire una base dati impositiva integrata. Pertanto il sistema è già predisposto dal punto di vista dell architettura alla creazione dell Anagrafe comunale soggetti oggetti e relazioni (Anagrafe SOR). Inoltre la componente operazionale ODS, strettamente integrata al sistema informativo di gestione di Nettuno, già integra come parte delle sue funzionalità, appositi Moduli per la Bonifica delle Banche dati tributarie, indirizzati ad aumentare la qualità del dato di riferimento per le attività impositive e di recupero dell evasione. b) Costituzione e alimentazione della base dati del Data Warehouse dei Tributi Locali con contestuale rilascio delle funzionalità del Cruscotto per il governo delle entrate, Il Cruscotto di controllo e monitoraggio del territorio e strumenti di analisi del DWH. Nello specifico, attraverso il Cruscotto di controllo e monitoraggio del Territorio L Amministrazione potrà utilizzare attivamente i dati registrati nel Sistema informativo tributi, nonché quelli provenienti da ogni altro sistema applicativo disponibile (interno o esterno al Comune) per potenziare e semplificare le attività di indagine sul territorio. Attraverso il Cruscotto di governo delle entrate l Amministrazione potrà sfruttare l integrazione dei dati per ottimizzare e migliorare le sue attività tese alla conoscenza del territorio, all interpretazione dei dati di gettito, nonché alla simulazione di eventuali manovre di politica fiscale. L Amministrazione ha ritenuto di dare continuità alle attività sfruttando le opportunità derivanti dalla partecipazione al Programma Elisa, in particolare il Comune di Ancona intende estendere ulteriormente il raggio d azione delle iniziative già avviate, sia attraverso l integrazione nel costituendo data warehouse di ulteriori fonti informative (con particolare attenzione alle forniture

29 rese disponibili dall Agenzia delle Entrate), che attraverso l implementazione, dispiegamento e avvio in esercizio dei prodotti di cui è prevista la realizzazione nell ambito del Progetto ELI-FIS. In particolare il Comune Ancona aderisce alla gara della stazione appaltante per la realizzazione dei prodotti per i quali svolge il ruolo di pilota, evidenziando le seguenti necessità: a) per la realizzazione del Data Warehouse di Analisi Locale e Cruscotto per il Recupero dell'evasione dei Tributi Locali (prodotto 8.B.1), il Comune di Ancona provvederà in autonomia a fare un upgrading la soluzione di DWH già operativa presso l Ente al fine di adeguarla agli standard previsti per il Modulo Base del Data Warehouse (cfr. successivo cap. 5 del presente Piano); per quanto riguarda il Modulo di Estensione esso verrà invece acquisito sfruttando quanto realizzato nel contesto della gara indetta dal Comune di Fabbriche di Vallico, realizzazione a cui il Comune di Ancona stesso potrà partecipare attivamente in quanto coordinatore del corrispondente Comitato Tematico b) per la realizzazione del Cruscotto fiscale per l Accertamento dei tributi erariali (prodotto 8.B2) bisognerà tenere conto di assicurare che le nuove funzionalità realizzate possano essere integrate nell architettura del data Warehouse già esistente nel Comune di Ancona Una volta realizzati i sopra descritti deliverable software il Comune di Ancona procederà in autonomia per quanto riguarda le effettive attività di integrazione nell architettura del data Warehouse già esistente nonché di avvio in esercizio delle componenti software. Inoltre per i prodotti per i quali il Comune Ancona ha dichiarato di svolgere il ruolo di dispiegatore, si prevedono i servizi di dispiegamento informatico. Comune di Torino Organizzazione Con la deliberazione n /013 la Giunta Comunale di Torino ha formulato una serie di indirizzi operativi al fine di strutturare nuove forme organizzative ed azioni sistemiche per la prevenzione e il contrasto all evasione fiscale. Il problema del recupero dell inevaso è affrontato con azioni integrate: facilitazioni per l adempimento spontaneo, nuove forme di accoglienza ed aiuto al contribuente, accertamenti svolti sul territorio, cooperazione fra i vari settori comunali e con istituzioni esterne, sviluppo di un sistema informativo caratterizzato da elevata integrazione fra le banche dati disponibili. Gli indirizzi politici dell amministrazione sono fortemente indirizzati verso obiettivi di rinnovamento del tema gestione della fiscalità locale, attraverso concrete ed articolate azioni organizzative, progettuali ed esecutive. Sul fronte organizzativo è stato creato nell ambito della Divisione Servizi Tributari e Catasto il Settore Gestione Informatica Divisionale e Banche Dati D.I.A.N.A. (Dispositivo Integrato per l Attività del Nucleo di Accertamento) Progetti speciali, con precisi obiettivi finalizzati al contrasto dell evasione, attraverso l analisi e sviluppo del datawarehouse tributi, l analisi delle banche dati e dei processi per il recupero dell evasione, le bonifiche delle banche dati

Piano Esecutivo. Progetto ELI-FIS CATASTO E FISCALITA

Piano Esecutivo. Progetto ELI-FIS CATASTO E FISCALITA Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Piano Esecutivo Progetto ELI-FIS CATASTO E FISCALITA Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione

Dettagli

Catasto e tributi. L adesione al progetto ELISA

Catasto e tributi. L adesione al progetto ELISA Catasto e tributi. L adesione al progetto ELISA Giovanni Tarizzo Regione Piemonte Settore Tributi Inquadramento La Costituzione nel riformato Titolo V pone come obiettivo quello di realizzare una compiuta

Dettagli

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Deliverable 1.3 Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Preparato da: Comune di Padova (Alberto Corò) Membri: Firenze, Torino, Prato, CM Valle del Serchio, Abbadia San Salvatore,

Dettagli

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Piano Esecutivo Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale,

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale, REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 40-6859 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito sanitario delle

Dettagli

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Piano Esecutivo Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione

Dettagli

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità Il nuovo paradigma dei servizi Ing. Giuseppe Lacerenza Roma, 21 maggio 2007 Il nuovo paradigma dei servizi Indice Sogei e il Sistema informativo della

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Sant Agostino, 11 Ottobre 2011. Antonio Patta Gianfelice Lauridia

Sant Agostino, 11 Ottobre 2011. Antonio Patta Gianfelice Lauridia Anagrafe Comunale Soggetti Oggetti Relazioni & Portale Territoriale del Contribuente Progetto ELICAT-ELIFISELIFIS Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante

Dettagli

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana L anno 2011 nel giorno del mese di 2011, in Firenze, presso la sede di Uncem Toscana posta in via Cavour n 15, sono presenti,

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

CATASTO E FISCALITA' Soluzioni del Programma ELISA

CATASTO E FISCALITA' Soluzioni del Programma ELISA CATASTO E FISCALITA' Soluzioni del Programma ELISA Dario Gambino Federalismo Fiscale L'obiettivo dichiarato Creare una relazione e proporzionalità tra il livello di imposizione fiscale ed i servizi erogati

Dettagli

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni

Provincia di Genova. Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto con lo Stato e le Regioni Provincia di Genova Convegno: Le Province e il digital divide: un crocevia tra innovazione, sviluppo e territorio settembre 2006 Il ruolo degli Enti Locali nello sviluppo dello E-government, loro rapporto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali

PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali CENTRO SERVIZI FINANZA LOCALE GESTIONE ENTRATE COMUNALI PRESENTAZIONE Una gestione moderna delle entrate locali 1 Premessa L obiettivo della presentazione è quello di far conoscere un progetto innovativo

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA RUOLO

VERBALE DI RIUNIONE. Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA RUOLO Pag. 1 di 6 Verbale numero: 4/2009 Data: 18 Maggio 2009 Tema/Progetto: Riunione Fed-Fis Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA RUOLO Javier Ossandon

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

2) Senatore BARBOLINI:

2) Senatore BARBOLINI: Oggetto: Audizione del Direttore dell Agenzia del Territorio dinanzi alla VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Ulteriori elementi informativi. Come noto, in data 26 maggio 2009,

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. Tema/Progetto: Riunione GTP ELICAT/FIS e FED_FIS. Luogo: Ancitel (Via Arco di Travertino 11 - Roma) Ore: 11.00 18.

VERBALE DI RIUNIONE. Tema/Progetto: Riunione GTP ELICAT/FIS e FED_FIS. Luogo: Ancitel (Via Arco di Travertino 11 - Roma) Ore: 11.00 18. Pag. 1 di 7 Verbale numero: 2/2010 Data: 2 Febbraio 2010 Tema/Progetto: Riunione GTP ELICAT/FIS e FED_FIS Luogo: Ancitel (Via Arco di Travertino 11 - Roma) Ore: 11.00 18.00 PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE

Dettagli

Tre progetti significativi:elica-elifis-fedfis

Tre progetti significativi:elica-elifis-fedfis Un progetto di integrazione su scala nazionale:dwh Dominio degli Enti Locali Dominio Regionale Altri enti PA Mude ACI Anagrafe SIT ICI Attività Procedimenti Popolazione DB Topo Tarsu/TIA Produttive edilizi

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

CATASTO PARTECIPATO PER UN EQUITA SOSTENIBILE

CATASTO PARTECIPATO PER UN EQUITA SOSTENIBILE con il Patrocinio di : PREMESSA L Agenzia del Territorio, La Comunità Montana del Vallo di Diano e il Comune di Ferrara con il Patrocinio della Regione Emilia Romagna, di ANCI Emilia-Romagna, di UNCEM

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE CAPP Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE Iniziativa co-finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

in materia di addizionale provinciale sul consumo di energia elettrica

in materia di addizionale provinciale sul consumo di energia elettrica Protocollo d Intesa tra Unione Province Lombarde (UPL) e Agenzia delle Dogane per la Regione Lombardia in materia di addizionale provinciale sul consumo di energia elettrica Intesa sottoscritta a Milano

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

DETERMINA. RESPONSABILE DEL SERVIZIO: MISSAGIA; TIPO ATTO: DET. DA INSERIRE NELLA BANCA DATI ex art. 34 DL 223/06 NO (SI/NO)

DETERMINA. RESPONSABILE DEL SERVIZIO: MISSAGIA; TIPO ATTO: DET. DA INSERIRE NELLA BANCA DATI ex art. 34 DL 223/06 NO (SI/NO) Pagina 1 di 5 Comune di Vicenza rev. 1.0. Premesso quanto segue: IL DIRIGENTE con deliberazione di Giunta Comunale NGP 48455/244 del 19/07/2009 il Comune di Vicenza ha aderito al progetto GIT (Gestione

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

C I R C O L A R E N 2_

C I R C O L A R E N 2_ REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DEL BILANCIO E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO REGIONALE FINANZE E CREDITO SERVIZIO RISCOSSIONE C I R C O L A R E N 2_ Prot. n. 5669 Palermo, lì 02/05/2002

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

CONVENZIONE CON Associazione di volontariato San Martino PER LA GESTIONE DEL PROGETTO NONSITRATTA 2013 TRA

CONVENZIONE CON Associazione di volontariato San Martino PER LA GESTIONE DEL PROGETTO NONSITRATTA 2013 TRA CONVENZIONE CON Associazione di volontariato San Martino PER LA GESTIONE DEL PROGETTO NONSITRATTA 2013 TRA Regione Umbria (C.F. 80000130544) nella persona del rappresentante legale Carla Casciari, soggetto

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania.

Seminari di approfondimento tematico. Febbraio marzo 2014 Palermo, Enna, Messina, Catania. Convenzione tra Regione Siciliana (Dipartimento Istruzione e Formazione Professionale) e FormezPA POR FSE 2007-2013 - Regione Siciliana - Asse VII - Capacità Istituzionale Progetto: AZIONI DI SISTEMA PER

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA Tra Poste Italiane S.p.A. con sede legale in Roma, Viale Europa 190, rappresentata dall Ing. Massimo Sarmi, (omissis) nella sua qualità di Amministratore Delegato di Poste

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

I Servizi in cooperazione applicativa tra Agenzia delle Entrate - Territorio e le Istituzioni Venete

I Servizi in cooperazione applicativa tra Agenzia delle Entrate - Territorio e le Istituzioni Venete I Servizi in cooperazione applicativa tra Agenzia delle Entrate - Territorio e le Istituzioni Venete CATASTO, EDILIZIA E FISCALITÀ Da SIGMATER a ELISA alla convenzione per i servizi tributari in Emilia-Romagna

Dettagli

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU

Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU Servizi dedicati di supporto e di gestione dell IMU L entrata in vigore, dal 1 gennaio 2012, dell IMU impone ai Comuni un notevole sforzo organizzativo e strutturale. Infatti, oltre agli adempimenti formali

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

Il giorno del mese di dell'anno 2009 in., presso la sede del, sito in. Via..., sono presenti:

Il giorno del mese di dell'anno 2009 in., presso la sede del, sito in. Via..., sono presenti: LOGO P.O.R.E. LOGO AFFIDATARIO Convenzione per il finanziamento del Progetto denominato. selezionato dal Dipartimento per gli Affari Regionali nell'ambito del piano di finanziamenti di cui al Fondo per

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Danais s.r.l. Profilo Aziendale

Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Profilo Aziendale Danais s.r.l. Marzo 2013 Indice Caratteri identificativi della società... 3 Gli ambiti di competenza... 3 Edilizia... 3 Mercati di riferimento... 4 Caratteristiche distintive...

Dettagli

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Informativa SIURP - Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione e Attuazione degli Investimenti Pubblici Punto 4.d all ordine del giorno

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

A relazione dell'assessore Quaglia:

A relazione dell'assessore Quaglia: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2013, n. 8-6870 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito dell'edilizia

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827

REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 Oggetto: Coordinamento attività di acquisizione di beni e servizi per gli uffici regionali - Procedura applicativa Ai Dirigenti Generali preposti alle strutture di massima dimensione ed uffici equiparati

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. AOODPIT.REGISTRO DECRETI DIPARTIMENTALI n. 990 dell 1 ottobre 2015 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 567 del 10 ottobre 1996 e successive modificazioni che

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI Riservato Servizio Finanziario Repertorio delle determinazioni Pervenuta in data N di Rep. 237 Restituita in data del 10/7/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Protocollo d'intesa tra II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Visti: gli articoli 5, 9, 117 e 118 della Costituzione; il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 recante

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico

Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Strategie di system integration per l interoperabilità di sistemi eterogenei di Fascicolo Sanitario Elettronico Mario Ciampi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE PREMESSE

PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE PREMESSE Prot. 27396 PROTOCOLLO DI INTESA E COLLABORAZIONE NELL AMBITO DEI CONTROLLI SUL TERZO SETTORE tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta

Dettagli

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi e Legali Settore Politiche Giovanili AVVISO PUBBLICO

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi e Legali Settore Politiche Giovanili AVVISO PUBBLICO Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi e Legali Settore Politiche Giovanili AVVISO PUBBLICO per l individuazione dei beneficiari del prestito d onore relativo all istituzione del Fondo Rotativo

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli