Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;"

Transcript

1 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi & Associati ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE I VICENZA, VIA NAPOLI 66 TEL R.A. FAX Codice fiscale e partita i.v.a Indirizzo - Web-site:

2 TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI E DI VERSAMENTO DELLE IMPOSTE; COMPENSAZIONI E RATEAZIONI L estensione dell obbligo di invio telematico Le istruzioni definitive alla dichiarazione I.V.A. 2001, nonché le istruzioni a Unico 2001, contengono importanti novità riguardanti le modalità di presentazione di tutte le dichiarazioni fiscali per i soggetti tenuti alla presentazione delle dichiarazioni periodiche I.V.A. o della dichiarazione dei sostituti di imposta. A partire infatti dal 2001, sono obbligati alla presentazione in via telematica di tutte le dichiarazioni previste dal D.P.R. n. 322/1998 (cioè I.R.PE.F.-I.R.PE.G., I.R.A.P., I.V.A. e mod. 770 dei sostituti di imposta) direttamente ovvero tramite gli intermediari abilitati alla trasmissione, i contribuenti tenuti nel periodo di imposta cui si riferiscono le predette dichiarazioni alla presentazione delle dichiarazioni periodiche I.V.A. ovvero alla presentazione della dichiarazione dei sostituti di imposta, anche se contenuta nella dichiarazione unificata. In sostanza occorre verificare se nel periodo di imposta ovvero nell anno solare 2000 sussisteva l obbligo di presentazione delle dichiarazioni periodiche o dei sostituti: in caso affermativo, dal 2001 ricorre l obbligo di trasmissione telematica delle dichiarazioni annuali relative al periodo di imposta Obbligo dichiarazione I.V.A. periodica nel 2000 Obbligo dichiarazione sostituti d imposta 770/2001 Obbligo invio telematico SI NO SI NO SI SI SI SI SI NO NO NO Rimane, pertanto, sempre più esiguo il numero dei contribuenti ai quali è ancora consentito presentare in banca od in posta i modelli cartacei. Tali soggetti sono individuabili in quelli esonerati dalla presentazione della dichiarazione periodica I.V.A. (persone fisiche con volume d affari inferiore a 50 milioni, soggetti che effettuano esclusivamente operazioni esenti, agricoltori esonerati, amministrazioni pubbliche di cui all art. 88 del D.P.R. n. 917/1986, ecc.) purché non obbligati alla presentazione della dichiarazione dei sostituti d'imposta. A seguito delle citate disposizioni l obbligo di trasmissione telematica dovrà essere assolto direttamente da parte del contribuente ovvero per il tramite di un intermediario abilitato alla trasmissione telematica ex art. 3 commi 2-bis e 3 del D.P.R. n. 322/1998. Va ricordato, inoltre, che dall anno 2001 le società di capitali e gli enti di cui all art. 87 comma 1 lett. a) e b) del D.P.R. n. 917/1986 sono in ogni caso obbligati alla presentazione in via telematica delle dichiarazioni; le istruzioni non richiamano più i limiti dimensionali previsti dal D.P.R. n. 322/1998 (capitale sociale o patrimonio netto superiore a 5 miliardi) il che dovrebbe significare la volontà di generalizzare l obbligo di invio telematico per società di capitali ed enti suddetti a prescindere dalle dimensioni patrimoniali e dalla sussistenza dell obbligo di presentazione della dichiarazione I.V.A. periodica ovvero della dichiarazione dei sostituti di imposta. Riepilogo degli obblighi di presentazione delle dichiarazioni dal 2001 secondo le istruzioni della C.M. 7 febbraio 2001 n. 14: Modalità di trasmissione di tutte le dichiarazioni annuali (redditi, I.V.A., I.R.A.P. e sostituti) e periodiche I.V.A.

3 Soggetti obbligati Contribuenti tenuti nell anno 2000 alla presentazione di almeno una dichiarazione periodica I.V.A. Società di capitali ed enti indicati nell art. 87 c. 1 lett. a) e b) del Tuir Soggetti tenuti nell anno 2001 alla presentazione del 770 sia in forma unificata che autonoma Per chi è tenuto al 770/2001 nei confronti di non più di 20 sostituiti (compresi coloro che non presentano il 770/2001) Servizio telematico Internet (senza intermediario) Servizio telematico Internet (senza intermediario) Servizio telematico Internet (senza intermediario) Per chi è tenuto al 770/2001 nei confronti di un numero di soggetti superiore a 20 Servizio telematico Entratel (intermediario) Servizio telematico Entratel (intermediario) Servizio telematico Entratel (intermediario) Per coloro che sono obbligati a trasmettere la dichiarazione avvalendosi del servizio Internet l obbligo può comunque essere assolto tramite un intermediario abilitato (diverso da banche e poste) o, per i soggetti I.R.PE.G., tramite una società del gruppo abilitata. Altri soggetti obbligati al servizio telematico Entratel Intermediari abilitati di cui all art. 3 c. L obbligo sussiste solo per le dichiarazioni proprie e per quelle da loro 3 D.P.R. n. 322/98 (professionisti, predisposte ecc.) Hanno la facoltà e non l obbligo di trasmettere le dichiarazioni predisposte dal contribuente Banche convenzionate Poste Italiane S.p.A. Hanno l obbligo di trasmettere telematicamente le dichiarazioni consegnate agli sportelli dai contribuenti non tenuti alla presentazione delle stesse mediante il servizio telematico (Internet o Entratel) La presentazione della dichiarazione Unico 2001 Società di capitali La dichiarazione mod. Unico 2001 Società di capitali deve essere presentata esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite un intermediario abilitato, dai soggetti di cui all art. 87 comma 1 lett. a) e b) del D.P.R. n. 917/1986: società per azioni e in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società cooperative e le società di mutua assicurazione residenti nel territorio dello Stato; enti pubblici e privati, diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali. I soggetti di cui all art. 87 comma 1 lett. d) del D.P.R. n. 917/1986 (società ed enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato, che hanno esercitato attività in Italia mediante stabili organizzazioni) qualora non siano tenuti nell anno 2000 alla presentazione di almeno una dichiarazione periodica I.V.A. ovvero non siano tenuti nell anno 2001 alla presentazione della dichiarazione mod. 770 dei sostituti di imposta, possono presentare il mod. Unico 2001 ad un ufficio postale o ad una banca convenzionata. I contribuenti che si rivolgono ad un intermediario abilitato per la presentazione della dichiarazione, devono consegnare allo stesso la propria dichiarazione originale sottoscritta e conservare copia della dichiarazione con la firma del contribuente e dell intermediario che ha assunto l impegno di trasmettere la dichiarazione. Gli intermediari abilitati devono conservare l originale della dichiarazione, firmata dal contribuente e dall intermediario (e sarà a tale modello che l Amministrazione finanziaria farà riferimento per verificare se i dati trasmessi in via telematica corrispondono a quelli dichiarati), e rilasciare al contribuente una copia della dichiarazione, contenente l impegno a trasmettere la stessa all Agenzia delle Entrate per via telematica e la data della presentazione della dichiarazione: ciò costituisce per il contribuente la ricevuta di presentazione della dichiarazione, nonché prova di presentazione della dichiarazione stessa. L Agenzia delle entrate attesta la ricezione delle singole dichiarazioni inviate dagli utenti del servizio telematico mediante apposite ricevute trasmesse telematicamente all intermediario che ha effettuato l invio. Il contribuente può richiedere le predette ricevute sia all intermediario sia ai competenti uffici dell Agenzia delle entrate.

4 Come visto in precedenza, i soggetti non obbligati alla trasmissione telematica possono presentare il modello ad un ufficio postale o ad una banca convenzionata. In questo caso la dichiarazione, predisposta anche con l utilizzo di sistemi informatici su modelli conformi a quelli approvati dall Agenzia delle entrate, deve essere inserita nell apposita busta (senza alcuna forma di bloccaggio o cucitura) in modo che dalla finestra della busta siano visibili il tipo di modello, l anno di presentazione e di dati identificativi del contribuente. Gli uffici postali e le banche sono tenuti a rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta per ogni dichiarazione consegnata; tale ricevuta è conservata dal contribuente e costituisce prova della presentazione della dichiarazione. I termini ordinari di presentazione Per quanto riguarda i termini di presentazione delle dichiarazioni fiscali, è stata annunciata l unificazione del termine di presentazione con quello di trasmissione telematica, allungando così notevolmente il tempo a disposizione per la compilazione delle dichiarazioni. Tale modifica dovrà trovare una collocazione sistematica nell ambito del D.P.R. 322/1998, il quale prevede all art. 2 che: la trasmissione telematica per le persone fisiche e le società di persone avviene entro il 31 ottobre di ogni anno; la trasmissione telematica dei soggetti I.R.PE.G. avviene entro due mesi dall approvazione del bilancio; la trasmissione del 770 non unificato avviene entro il mese di giugno. Per quanto riguarda in particolare il modello 770, la presentazione unificata è subordinata alla presenza di cinque condizioni: 1. obbligo di presentare almeno due dichiarazioni fra quelle dei redditi, I.V.A. ed I.R.A.P.; 2. non più di 20 percipienti; 3. periodo di imposta coincidente con l anno solare (per società di persone e di capitali ed enti); 4. presentazione della dichiarazione del sostituto da parte di un unico soggetto; 5. scelta di non differire la presentazione del quadro SO. Il venir meno di uno di questi presupposti comporta l obbligo di presentare il 770 in forma autonoma. L allungamento del termine di presentazione influenza anche alcuni adempimenti conseguenti. Infatti, tutte le volte in cui le disposizioni in materia sanzionatoria (ad es. art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997) citano la possibilità di sanare comportamenti originariamente non corretti entro il termine di presentazione della dichiarazione, occorrerà fare riferimento al termine di trasmissione telematica con conseguente maggior tempo per l effettuazione del ravvedimento operoso. I termini e le modalità di versamento delle imposte Per quanto riguarda i termini di versamento delle imposte risultanti dai modelli Unico, i termini ordinari stabiliti dall art. 8 del D.P.R. n. 602/73 e, ai fini I.R.A.P., dall art. 30 del D.Lgs. 15 dicembre 1997 n. 446 sono i seguenti: per le persone fisiche il versamento del saldo I.R.PE.F. ed I.R.A.P. e del primo acconto è effettuato entro il 31 maggio; per le società di persone ed associazioni professionali il versamento del saldo I.R.A.P e del primo acconto è effettuato entro il 31 maggio; per le persone giuridiche il versamento del saldo I.R.PE.G. ed I.R.A.P. e del primo acconto è effettuato nel termine stabilito per la presentazione della dichiarazione ; quindi, i versamenti relativi alle dichiarazioni unificate, dei redditi e dell I.R.A.P., con termine di presentazione ordinariamente scadente nel periodo 1 gennaio 31 maggio sono stabiliti al 31 maggio.

5 A norma dell art. 6 del D.P.R. n. 542/99, l I.V.A. dovuta in base alla dichiarazione annuale è versata entro il 16 marzo di ogni anno ovvero entro il termine previsto per il pagamento delle somme dovute in base alla dichiarazione unificata annuale con una maggiorazione a titolo di interesse dello 0,4% per ogni mese o frazione successivo alla predetta data. Tutti i contribuenti eseguono i versamenti delle imposte risultanti dalla dichiarazione (I.R.PE.G., I.R.A.P., imposte sostitutive, I.V.A.) utilizzando la delega unica mod. F24. Il versamento può essere effettuato presso gli uffici postali, gli sportelli di qualsiasi concessionario e presso le banche convenzionate. La C.M. n. 191/1998 chiarisce che i contribuenti hanno la massima libertà di effettuare i versamenti relativi a tributi sia in Lire che in euro, indipendentemente dalla valuta usata nelle dichiarazioni. Gli importi dei modelli F24 in euro si arrotondano all unità, senza decimali (nel modello i decimali sono sostituiti da due zeri), arrotondando, secondo il criterio matematico, per eccesso se la frazione decimale è uguale o superiore a cinquanta centesimi di euro e per difetto se inferiore a detto limite. La scelta del versamento in euro, a differenza delle regole valide per la presentazione delle dichiarazioni, non vincola il contribuente relativamente ai versamenti successivi, inoltre, durante il periodo transitorio ( ), il pagamento in euro potrà essere effettuato soltanto con mezzi diversi dal contante. L importo minimo da indicare nel modello F24 relativamente ad ogni singolo codice tributo, fatte salve le particolari previsioni relative a specifici tributi (ad es. per l I.R.PE.G. e per l I.R.A.P. il versamento minimo è di Lire , pari a euro 10,33), è pari a Lire 2.000, pari a euro 1,03. La compensazione A norma del D.Lgs. n. 241/1997, può essere effettuata la compensazione tra i crediti ed i debiti tributari e contributivi risultanti dalle dichiarazioni e dalle denunce periodiche contributive, compilando gli appositi spazi del modello di pagamento F24. I crediti risultanti dal modello Unico 2001 possono essere utilizzati in compensazione dal giorno successivo a quello in cui si è chiuso il periodo di imposta per il quale deve essere presentata la dichiarazione in cui risulteranno indicati i predetti crediti. Il contribuente che opera la compensazione è obbligato a presentare il modello di pagamento anche nel caso in cui, per effetto della compensazione operata, il modello stesso presenti un saldo finale uguale a zero. Le somme a credito possono essere liberamente ripartite tra importi a rimborso e a importi da compensare. Prima di effettuare la compensazione, per gli importi a credito, il contribuente deve scegliere se: - chiederne il rimborso, indicandone l importo nella colonna 4 dei righi da RX1 a RX13; - utilizzarli in compensazione, riportandone l importo nella colonna 5 dei righi da RX1 a RX13. Gli importi indicati in questa colonna si riferiscono a tutte le possibili forme di compensazione che il contribuente può utilizzare (compreso quindi l utilizzo in detrazione per diminuire gli importi a debito risultanti dalle liquidazioni periodiche del 2001 per quanto riguarda l I.V.A. ovvero per diminuire gli acconti dovuti per l anno 2001 senza esporre la compensazione nel mod. F24). La sezione III del quadro RX permette di gestire eccedenze e crediti del precedente periodo di imposta che non possono confluire nel quadro corrispondente a quello di provenienza (perché il contribuente non è più tenuto a compilare un quadro che precedentemente chiudeva a credito ovvero la dichiarazione precedente è soggetta a rettifica a favore del contribuente per versamenti eccedenti ma l imposta non è più in vigore o comunque il quadro non prevede il riporto del credito) al fine di consentirne l utilizzo con l indicazione degli stessi nella presente dichiarazione. Le nuove scadenze per la presentazione e i versamenti risultanti dal modello Unico 2001 Con un Dpcm diffuso sulla stampa specializzata (il Sole 24ORE del 3 maggio 2001) sono state stabilite le scadenze relative al modello Unico 2001, difformi rispetto a quanto previsto dalle norme in vigore poco sopra commentate.

6 Il decreto non interviene sui termini relativi ai modelli 730, 770 e I.V.A. autonomi per i quali restano fermi i termini ordinari. Di seguito riportiamo lo schema generale di riferimento: Modello Dichiarazioni redditi e I.R.A.P., compreso Unico 2001 persone fisiche (redditi, Irap, Iva, 770) Dichiarazioni redditi e I.R.A.P., compreso Unico 2001 società di persone (redditi, Irap. Iva, 770) Unico 2001 soggetti Irpeg tenuti approvazione bilancio o rendiconto entro termine stabilito da legge o statuto Unico 2001 soggetti Irpeg non tenuti all approvazione del bilancio o del rendiconto Termine presentazione a banche o poste Termine presentazione tramite Internet, Entratel ovvero intermediari abilitati 31 luglio 31 ottobre 31 luglio 31 ottobre entro un mese dall approvazione del bilancio o rendic.; se il bilancio non è stato approvato entro un mese dalla scadenza del termine stesso. Se tale termine scade entro il 20 luglio il termine stesso è fissato al 20 luglio. Se si sceglie la trasmissione telematica il termine è il 31 ottobre. entro sei mesi dalla fine del periodo di imposta. Se tale termine scade entro il 20 luglio il termine stesso è fissato al 20 luglio. Se si sceglie la trasmissione telematica il termine è il 31 ottobre. 31 ottobre ottobre 2001 Versamenti 1 maggio 20 giugno (senza maggiorazione 21 giugno 20 luglio (con maggiorazione 0,4%) 1 maggio 20 giugno (senza maggiorazione 21 giugno 20 luglio (con maggiorazione 0,4%) Se il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi e dell I.R.A.P. o quella unificata scade tra il 1 gennaio ed il 31 maggio, entro il 20 giugno senza maggiorazione,dal 21 giugno fino al 20 luglio con la maggiorazione dello 0,4%.. Negli altri casi il versamento va fatto nei termini ordinari, e cioè entro un mese dalla data di approvazione del bilancio. Tuttavia se tale termine scade prima del 20 luglio anche tali soggetti possono versare senza maggiorazione fino al ventesimo giorno successivo al termine ordinario e con la maggiorazione dello 0,4% da tale termine e comunque entro il 20 luglio (ad es.: società che approva il bilancio il 8 maggio può versare senza maggiorazione fino al 27 giugno e con la maggiorazione dello 0,4% entro il 20 luglio una società che approva il bilancio il 30 giugno deve versare entro il termine ordinario che è il 30 luglio). Il saldo annuale I.V.A. può essere pagato entro gli stessi termini con la maggiorazione dello 0,4% a partire dal 16 marzo. entro i 20 giorni successivi alla scadenza ordinaria del termine per il versamento senza alcuna maggiorazione. Dal ventunesimo giorno successivo al termine ordinario di versamento e sino al 20 luglio 2001 con la maggiorazione dello 0,4%. Il saldo annuale I.V.A. può essere pagato entro gli stessi termini con la maggiorazione dello 0,4% a partire dal 16 marzo.

7 Modello Termine presentazione a banche o poste Termine presentazione tramite Internet, Entratel ovvero intermediari abilitati Versamenti Modello luglio nessun versamento I.V.A. 31 maggio 2 luglio 16 marzo Presentazione 730 ai Caf 31 maggio -- retribuzioni di luglio Presentazione 730 ai sostituti 30 aprile -- retribuzioni di luglio La maggiorazione dello 0,4% è applicabile ai contribuenti obbligati all Unico 2001 e che non hanno effettuato il versamento del saldo I.V.A. entro il 16 marzo intendendo provvedere allo stesso entro i termini fissati per i versamenti delle somme relative al modello Unico2001 e ai contribuenti che eseguono i versamenti dell Unico2001 in scadenza il 20 giugno, dal 21 giugno al 20 luglio; il versamento dell I.V.A. insieme ai versamenti di Unico 2001 eseguiti dal 21 giugno al 20 luglio comporta che la stessa maggiorazione dello 0,4% si applica anche al saldo dell I.V.A. aumentato della maggiorazione dovuta dal 16 marzo 2001 al 20 giugno Anche quest anno possono essere rateizzate le imposte dovute a titolo di saldo e di acconto nel mese di giugno, nonché, i contributi previdenziali. Le istruzioni ai modelli confermano che la rateizzazione è libera nel senso che possono essere versati in un numero di rate diverso gli importi dovuti in relazione a ciascun tipo di imposta dovuta a saldo o in acconto. Ad esempio è possibile versare in unica soluzione l acconto I.R.PE.G. e rateizzare il relativo saldo oppure è possibile versare in unica soluzione tutte le imposte e rateizzate l I.R.A.P.. Nel caso di rateazione dei pagamenti con il modello F24 la misura degli interessi rimane fissata nella misura dello 0,5% mensile (6% annuo), con scadenze dei versamenti entro il 16 di ciascun mese per i titolari di partita I.V.A. ed entro la fine di ciascun mese per i contribuenti non titolari di partita I.V.A. (si ricorda che il pagamento delle rate deve comunque essere completato nel mese di novembre). Inoltre, mentre le somme dovute a titolo di maggiorazione per il differimento dei versamenti (0,4%) vengono versate cumulativamente con i rispettivi tributi, le somme a titolo di interessi per la rateizzazione dei versamenti (6% annuo) devono essere versate separatamente, con i relativi codici tributo, compilando un unico rigo all interno di ciascuna sezione (codice 1668: interessi pagamento dilazionato tributi della sezione Erario ; codice 3804: interessi pagamento dilazionato tributi enti locali; codice 3805: interessi pagamento dilazionato tributi regionali).

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE IVA Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

Il punto sulle prossime scadenze dichiarative e di versamento

Il punto sulle prossime scadenze dichiarative e di versamento n. 19/2000 Pag. 2689 Le circolari dei Ragionieri Commercialisti Il punto sulle prossime scadenze dichiarative e di versamento Circolare dell Ufficio Studi del Consiglio Nazionale dei Ragionieri Commercialisti

Dettagli

F24 telematico: dal 1 ottobre 2014 obbligo esteso anche ai privati Effetti per i soggetti titolari di partita Iva

F24 telematico: dal 1 ottobre 2014 obbligo esteso anche ai privati Effetti per i soggetti titolari di partita Iva ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 22 25 OTTOBRE 2014 F24 telematico: dal 1 ottobre 2014 obbligo esteso anche ai privati Effetti

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2015 GEOMETRI

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2015 GEOMETRI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2015 GEOMETRI Aggiornato al 11/06/2015 MODELLO UNICO 2015 - SEZIONE III DEL QUADRO RR Sommario SOMMARIO 1 Presentazione... 1 2 Modello Unico 2015 PF - Quadro

Dettagli

Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di torino.

Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di torino. Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di torino. Il modello F24 consente ai contribuenti di versare con un unico modello oltre alle imposte erariali (irpef, iva etc) e ai contributi

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO Modello F24 euro 27-11-2001 14:17 Pagina 1 (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 Sono riportate le istruzioni complete riguardanti tale modello. A pagina 4 sono riportate le istruzioni specifiche relative alla SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 27 28.04.2015 Imposte da compensare L utilizzo del credito può compensare non solo IMU Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Con l

Dettagli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli

Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli Gli adempimenti fiscali delle Camere di Commercio Firenze, 11 giugno 2013 A cura del Dott. Paolo Petrangeli D.p.r. 322/1998 Sono obbligati alla presentazione per via telematica delle previste dal decreto

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Termine di versamento delle imposte di presentazione delle varie dichiarazioni

Termine di versamento delle imposte di presentazione delle varie dichiarazioni n 24 del 15 giugno 2012 circolare n 416 del 14 giugno 2012 referente BERENZI/mr Termine di versamento delle imposte di presentazione delle varie dichiarazioni Con il DPCM in corso di pubblicazione in Gazzetta

Dettagli

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Il quadro RX della dichiarazione dei redditi espone i crediti relativi alla liquidazione delle imposte in essa

Dettagli

Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di Torino.

Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di Torino. Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di Torino. Il modello F24 consente ai contribuenti di versare con un unico modello oltre alle imposte erariali (irpef, iva etc) e ai contributi

Dettagli

D.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542 - Disposizioni relative alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dell Irap e dell Iva.

D.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542 - Disposizioni relative alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dell Irap e dell Iva. Circolare Informativa n. 7/2000 Alle Società Consorziate Roma, 10 marzo 2000 Rif.: 10-260- 560.5. Oggetto: D.P.R. 14 ottobre 1999, n. 542 - Disposizioni relative alla presentazione delle dichiarazioni

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108 26 marzo 2015 36/FS/om Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 23 marzo 2015 Sintesi Primi importanti chiarimenti

Dettagli

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO " FISCO La presentazione della dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA rappresenta l adempimento

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2014 GEOMETRI

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO UNICO 2014 GEOMETRI MODELLO UNICO 2014 GEOMETRI Aggiornato al 7/05/2013 MODELLO UNICO 2014 - SEZIONE III DEL QUADRO DEL QUADRO RR Sommario SOMMARIO 1 Presentazione...... 1 2 Modello Unico 2014 PF - Quadro RR Sezione III...

Dettagli

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare

Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014. In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 14/2014 VERSAMENTO SALDI IMPOSTE 2013 E ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela n. 15/2014 dell'8 maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 SOMMARIO 1. TERMINI di VERSAMENTO... 2 2. MODALITÀ di VERSAMENTO... 3 3. RATEAZIONE... 6 4. DETERMINAZIONE

Dettagli

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 9/2011 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di. riferimento TOTALE

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di. riferimento TOTALE genzia ntrate MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CONTRIBUENTE CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data di nascita giorno mese anno DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO

Dettagli

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014

SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 Circolare informativa per la clientela Maggio 2014 SALDI d'imposta 2013 e ACCONTI 2014 In questa Circolare 1. Termini di versamento 2. Modalità di versamento 3. Rateazione 4. Determinazione degli acconti

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone Protocollo n. 2012/156146 Modifiche al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 22 ottobre 2012 di approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012 Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del di Saverio Cinieri (*) L ADEMPIMENTO L Agenzia delle Entrate ha approvato il Mod. 730/ che permette ad alcune categorie di contribuenti (per lo piu` lavoratori

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di riferimento

DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA PER L ACCREDITO ALLA TESORERIA COMPETENTE. comune (o Stato estero) di nascita. anno di riferimento genzia ntrate MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CONTRIBUENTE CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data di nascita sesso (M o F) giorno mese anno DELEGA IRREVOCABILE A: AGENZIA

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle entrate sui nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014

Chiarimenti Agenzia delle entrate sui nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 Circolare n. 18 - bis del 29 settembre 2014 Chiarimenti Agenzia delle entrate sui nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 INDICE 1 Premessa... 3 2 Finalità... 4 3 Ambito

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015 Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal al 15 novembre 2015, con il commento dei

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO MODELLO UNICO 2014 - SEZIONE III DEL QUADRO RR Versione 1.0 12/05/2014 Sommario SOMMARIO 1 Regole per la compilazione di Unico 2014 PF e per il pagamento dei contributi tramite F24...

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA 2010

DICHIARAZIONE IVA 2010 SOMMARIO FILMATO VideoFisco 20.01.2010 Info al n. 0376-775130 SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI CASI PARTICOLARI NOVITÀ NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICHIARAZIONE IVA 2010 Provv. Ag. Entrate 15.01.2010 - D.P.R.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. N. 6499/2014 Approvazione del modello di comunicazione dei dati per l accesso al finanziamento dei pagamenti dei tributi sospesi a seguito degli eventi meteorologici del novembre 2013 verificatisi

Dettagli

Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia del 23 ottobre 2007 è stato approvato il nuovo modello di versamento F24.

Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia del 23 ottobre 2007 è stato approvato il nuovo modello di versamento F24. Articolo 20, comma 1 Regolamento delle entrate del comune di Torino. Il modello F24 consente ai contribuenti di versare con un unico modello oltre alle imposte erariali (irpef, iva etc) e ai contributi

Dettagli

ntrate FORMULARIO CONTENENTE I DATI DEGLI INVESTIMENTI IN ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Premessa

ntrate FORMULARIO CONTENENTE I DATI DEGLI INVESTIMENTI IN ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Premessa genzia ntrate FORMULARIO CONTENENTE I DATI DEGLI INVESTIMENTI IN ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO Articolo 1, commi da 280 a 283, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni Decreto

Dettagli

Studio Tarcisio Bologna

Studio Tarcisio Bologna NUOVI TERMINI PER L ASSISTENZA FISCALE In attesa della pubblicazione definitiva del modello 730/2015 con le relative istruzioni, la presente Informativa ripercorre le principali scadenze, nonché i vari

Dettagli

Versamenti F24 telematici. FORUM PA 2007 Pagamenti elettronici nella PA Roma, 25 maggio 2007

Versamenti F24 telematici. FORUM PA 2007 Pagamenti elettronici nella PA Roma, 25 maggio 2007 Versamenti F24 telematici FORUM PA 2007 Pagamenti elettronici nella PA Roma, 25 maggio 2007 Argomenti trattati Il sistema del versamento unificato: evoluzione Semplificazione del rapporto fisco/cittadino:

Dettagli

Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 01.10.2014 anche per i non titolari di partita iva (privati)

Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 01.10.2014 anche per i non titolari di partita iva (privati) AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare F24 Telematico Data: 24.09.2014 Nuovi obblighi di presentazione telematica

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione. Roma, 17-07-2012. Messaggio n.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione. Roma, 17-07-2012. Messaggio n. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione Roma, 17-07-2012 Messaggio n. 12007 OGGETTO: Sisma Abruzzo del 6 aprile 2009 - ripresa degli adempimenti

Dettagli

PASSAGGIO DALLA DICHIARAZIONE CARTACEA ALLA DICHIARAZIONE TELEMATICA

PASSAGGIO DALLA DICHIARAZIONE CARTACEA ALLA DICHIARAZIONE TELEMATICA Centro Telematico PASSAGGIO DALLA DICHIARAZIONE CARTACEA ALLA DICHIARAZIONE TELEMATICA La legge 662/1996, collegata alla finanziaria 1997, ha conferito al Governo una delega per emanare decreti legislativi

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI PRESENTAZIONE DEL MOD. F24 DAL 1 OTTOBRE 2014

LE NUOVE REGOLE DI PRESENTAZIONE DEL MOD. F24 DAL 1 OTTOBRE 2014 FT Dott.ssa Federica Terzi Via Guelfa, 5 Bologna - C.F. TRZFRC69H69A944P - P.I 04145300374 Tel. 051333788 Fax 051584448 mail federica@terzifed.it Studio Commercialista e Consulenza del lavoro Iscritta

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello F24 IVA immatricolazione auto UE IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Approvazione delle modifiche al modello F24 IVA immatricolazione auto UE IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2009/120128 Approvazione delle modifiche al modello F24 IVA immatricolazione auto UE IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente

Dettagli

Più tempo per i versamenti di UNICO 2012: ufficializzata la proroga

Più tempo per i versamenti di UNICO 2012: ufficializzata la proroga Più tempo per i versamenti di UNICO 2012: ufficializzata la proroga Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stato firmato il Decreto che prevede lo spostamento dei termini, dal 18

Dettagli

Circolari per la Clientela

Circolari per la Clientela Circolari per la Clientela Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 1 PREMESSA Con l art. 11 co. 2 del DL 24.4.2014 n. 66, conv. L. 23.6.2014 n. 89, sono stati previsti

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 5 DICEMBRE 2015 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2015 Acerbi

Dettagli

Nuovi obblighi di presentazione telematica. dall 1.10.2014. Circolare n. 18. del 19 settembre 2014 INDICE

Nuovi obblighi di presentazione telematica. dall 1.10.2014. Circolare n. 18. del 19 settembre 2014 INDICE Circolare n. 18 del 19 settembre 2014 Nuovi obblighi di presentazione telematica dei modelli F24 dall 1.10.2014 INDICE 1 Premessa...2 2 Decorrenza...3 3 Finalità...3 4 Ambito soggettivo...3 5 Ambito oggettivo...4

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile

Studio Pozzato Dott. Giuseppe Commercialista Revisore Contabile Circolare informativa n. 9 del 01 ottobre 2014 NUOVE REGOLE PER IL VERSAMENTO CON MODELLO F24 Il Decreto Legge n.66/2014 ha introdotto importanti novità per i pagamenti dei modelli F24. Dal 1 ottobre non

Dettagli

N. II/1/ 20156 /2001 protocollo

N. II/1/ 20156 /2001 protocollo N. II/1/ 20156 /2001 protocollo Approvazione del modello di dichiarazione IVA periodica con le relative istruzioni. IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999,

Dettagli

DAL 1 OTTOBRE SCATTA L F24 TELEMATICO PER I PAGAMENTI SUPERIORI AD EURO 1.000

DAL 1 OTTOBRE SCATTA L F24 TELEMATICO PER I PAGAMENTI SUPERIORI AD EURO 1.000 DAL 1 OTTOBRE SCATTA L F24 TELEMATICO PER I PAGAMENTI SUPERIORI AD EURO 1.000 Abstract - Così come stabilito dall art. 11, 2 comma del DL n. 66/2014, con decorrenza 1 ottobre 2014, i versamenti di cui

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO IBERATI

STUDIO ASSOCIATO IBERATI Nicola Iberati Dottore Commercialista R.C. Piazza Castello, 9 Antonino Foti Dottore Commercialista R.C. 20121 MILANO Emanuela Civardi Dottore Commercialista R.C. Tel. +39 02 36504599 Fax. +39 02 8055678

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Sezione seconda - Determinazione del contributo Determinazione del contributo DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Per determinare il contributo dovuto per un determinato periodo d imposta l INPS deve fornire

Dettagli

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010

Oggetto: Attività di assistenza fiscale 2010 Circolare n. 16/E del 27 Marzo 2010 C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 novembre al 15 dicembre 2015, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 novembre al 15 dicembre 2015, con il commento dei termini di prossima scadenza. FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 23 del 11 Novembre 2015 PRINCIPALI SCADENZE DAL NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal al 15 dicembre

Dettagli

TUTTE LE DATE DI RIFERIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI 2005 E PER I VERSAMENTI DELLE RELATIVE IMPOSTE

TUTTE LE DATE DI RIFERIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI 2005 E PER I VERSAMENTI DELLE RELATIVE IMPOSTE Dott. Stefano Sarubbi Dottore Commercialista Revisore Contabile TUTTE LE DATE DI RIFERIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI 2005 E PER I VERSAMENTI DELLE RELATIVE IMPOSTE E' oramai tempo di dichiarazioni

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Nuove regole di utilizzo dell F24 dal 01.10.2014 Pagare le imposte sarà più complicato a partire dal 1 ottobre 2014. Le novità interessano una platea ampia di contribuenti. Dovranno attivarsi

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*)

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 54/2012 LUGLIO/8/2012 (*) 18 Luglio 2012 SCADE IL 31 LUGLIO 2012 IL

Dettagli

CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA

CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA CIRCOLARE n. 18 del 17/09/2014 MODELLI F24: DAL 1 OTTOBRE NUOVI OBBLIGHI DI PRESENTAZIONE TELEMATICA INDICE 1. PREMESSA 2. DECORRENZA 3. AMBITO OGGETTIVO 4. AMBITO SOGGETTIVO 5. FINALITÀ 6. NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo N. 12470 /2012 Approvazione del modello di dichiarazione Unico 2012 PF, con le relative istruzioni, che le persone fisiche devono presentare nell anno 2012, per il periodo d imposta 2011, ai

Dettagli

Circolare nr. 36 del 24 settembre 2014

Circolare nr. 36 del 24 settembre 2014 Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI PARTNERS AVV. OLIVIERO PERNI DOTT. LUCA DORENTI OF COUNSEL DOTT. MARCO GASPARI DOTT.SSA BARBARA BONSIGNORI Milano, 11 Giugno 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 17/2015: Proroghe

Dettagli

Il provvedimento ha approvato anche i modelli 730-1, 730-2, 730-3, 730-4, e 730-4 integrativo.

Il provvedimento ha approvato anche i modelli 730-1, 730-2, 730-3, 730-4, e 730-4 integrativo. Fiscal Flash La notizia in breve N. 150 31.05.2013 : arriva la proroga fino al 10 giugno Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 I contribuenti avranno più tempo per consegnare il modello per dichiarare

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli

Studio. Commercialisti Revisori Legali. Merati - Valla A TUTTI I CLIENTI DELLO STUDIO

Studio. Commercialisti Revisori Legali. Merati - Valla A TUTTI I CLIENTI DELLO STUDIO Studio Merati - Valla Commercialisti Revisori Legali Milano, 19 Settembre 2014 Rag. Walter Merati Dott. Massimo Valla Dott. Cinzia Morselli of counsel Dott. Camillo Cibelli A TUTTI I CLIENTI DELLO STUDIO

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Circolare N.85 del 7 Giugno 2011 Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Giornalisti: entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 29 settembre 2006

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 29 settembre 2006 DIREZIONE CENTRALE AMMINISTRAZIONE CIRCOLARE N. 30/E Roma, 29 settembre 2006 OGGETTO: articolo 37, comma 49 del decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto,

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013

Informativa n. 13 INDICE. del 12 marzo 2013 Informativa n. 13 del 12 marzo 2013 Modelli 730/2013 - Ricezione in via telematica dall Agenzia delle Entrate del risultato contabile per l effettuazione dei conguagli (modelli 730-4) - Comunicazione all

Dettagli

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014.

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 13 15.01.2014 Conversione del credito in Unico entro il 28.01 Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione I contribuenti che hanno presentato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2014/5266 Approvazione del modello per la richiesta di attribuzione del credito d imposta per i soggetti danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 (articolo 67-octies del decreto-legge 22 giugno

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE 1)COP 760/2002 27-03-2002 10:25 Pagina 1 (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE COLORE AZZURRO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI pag. 8 R1 Soggetti tenuti a utilizzare

Dettagli