STUDIO UCKMAR ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ANTONIO UCKMAR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO UCKMAR ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ANTONIO UCKMAR 1895-1959"

Transcript

1 STUDIO UCKMAR ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ANTONIO UCKMAR AVV. PROF. VICTOR UCKMAR AVV. ANTONIO UCKMAR PROF. FRANCESCO TUNDO* AVV. SARA ARMELLA AVV. FRANCESCA BALZANI AVV. GIUSEPPE CORASANITI* AVV. CATERINA CORRADO OLIVA AVV. PAOLO DE CAPITANI DI VIMERCATE** Milano, 12 febbraio 2007 ABOG. CRISTIÁN J. BILLARDI AVV. CRISTINA ZUNINO AVV. PIETRO CENCI AVV. ILARIA CHERCHI AVV. MATTEO FANNI AVV. ANDREA QUATTROCCHI AVV. STEFANO ZAGA DOTT. PAOLO STIZZA* *DOTTORE COMMERCIALISTA ** ATTORNEY IN N.Y. ASPETTI TRIBUTARI DEL PATTO DI FAMIGLIA 1. Il trattamento impositivo del patto di famiglia ai fini delle imposte dirette Come è noto, il patto di famiglia rappresenta un valido strumento attraverso cui assicurare, senza traumi, il passaggio generazionale dell impresa. Tale passaggio avviene attraverso il trasferimento a titolo non oneroso (quasi certamente con spirito di liberalità, in ogni caso, a titolo gratuito per il disponente) di complessi produttivi, ovvero delle partecipazioni societarie che li rappresentano. Ebbene, a fronte di tale nuova fattispecie negoziale, il Legislatore tributario ha omesso di predisporre una specifica disciplina, trovando pertanto applicazione gli ordinari modelli impositivi previsti ai fini delle imposte dirette. Dunque, differente sarà la rilevanza reddituale del patto di famiglia, a seconda che tale contratto abbia ad oggetto un azienda ovvero azioni o quote societarie. Tuttavia, è evidente come, invero, si tratti di una diversità di disciplina che non tiene conto, da un lato, della ratio funzionale dell istituto, quella appunto di assicurare la continuità nella gestione dell attività economica e, dall altro, del fatto che l attività economica possa indifferentemente essere esercitata direttamente ovvero indirettamente per il tramite di strutture societarie. 1.1 La rilevanza reddituale per il disponente del trasferimento dell azienda Nell ipotesi in cui il contratto abbia ad oggetto l azienda di famiglia o un ramo della stessa, trattandosi di trasferimento a titolo non oneroso, tale vicenda, ai fini dell imposizione reddituale, è regolata dall art. 58, 1 co., GENOVA - VIA BACIGALUPO TEL m.linee - FAX V.CONF MILANO - VIA AGNELLO 5 - TEL m. linee - FAX V.CONF ROMA VIA NAZIONALE 200- TEL FAX V.CONF C1003ABD BUENOS AIRES - RECONQUISTA Piso 8A - TEL FAX

2 2 del Testo Unico delle imposte dirette (d ora in avanti Tuir) approvato con d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917, in forza del quale il trasferimento di azienda, effettuato dall imprenditore persona fisica, a titolo gratuito non costituisce realizzo di plusvalenze dell azienda stessa. Tale trasferimento avverrà, difatti, in regime di continuità dei valori fiscalmente riconosciuti del complesso aziendale, senza, quindi, alcuna emersione di materia imponibile per il disponente; a tal fine il beneficiario dovrà, quindi, assumere l azienda ricevuta ai medesimi valori fiscalmente riconosciuti in capo al cedente. Allo stesso modo, anche nell ipotesi in cui i beneficiari assegnatari dell azienda siano più di uno e questi abbiano esercitato collettivamente l azienda trasferita dal disponente, dando così vita ad una società di fatto, qualora, entro i successivi cinque anni dall acquisizione, l azienda resti acquisita da uno solo di essi a seguito dello scioglimento della società esistente, non ci sarà alcuna emersione di plusvalenze, estendendosi (ex art. 58, 1 co., ult. periodo, Tuir) l applicazione del medesimo regime di neutralità fiscale prima descritto. Chiaramente, non avrà alcuna rilevanza reddituale anche l ipotesi in cui i beneficiari assegnatari decidano, diversamente, di regolarizzare la loro società di fatto, così costituita. La neutralità fiscale del passaggio generazionale dell azienda viene, quindi, realizzata attraverso il meccanismo della continuità dei valori fiscalmente riconosciuti; in tal modo, difatti, gli eventuali plusvalori maturati in capo all imprenditore rimarranno latenti, senza alcuna dispersione di valori impositivi, in quanto questi saranno poi destinati ad emergere al momento del successivo ed eventuale trasferimento dell azienda da parte dell assegnatario. In tal caso, infatti, le eventuali plusvalenze da cessione totale o parziale dell azienda concorreranno a formare la base imponibile del reddito di impresa dell assegnatario (che ha proseguito l attività di impresa del disponente, secondo le modalità di cui agli artt. 58 e 86 Tuir). Diversamente, nell ipotesi (remota e, peraltro, poco consona con la ratio dell istituito del patto di famiglia) in cui l assegnatario, dopo aver ricevuto con il contratto de quo l azienda, decida di non esercitare l attività di impresa e proceda alla cessione di quanto ricevuto, in tal caso l eventuale plusvalenza realizzata darebbe luogo ad un reddito diverso, ex art. 67, 1 co., lett. h-bis), Tuir. In estrema sintesi, il Legislatore tributario, con la previsione del regime di neutralità fiscale di cui all art. 58, 1 co., Tuir, ha inteso agevolare fiscalmente i passaggi generazionali d azienda evitando di indebolire la forza produttiva della stessa con l immediata incisione fiscale delle plusvalenze dalla stessa maturate al momento del trasferimento. Da ultimo, è opportuno segnalare come sia destinato a non assumere alcuna rilevanza reddituale per il disponente, il trasferimento (mediante patto di famiglia) al discendente prescelto dell unica azienda già data in usufrutto o in affitto. In tal caso, difatti, trattandosi di trasferimento a titolo gratuito, non sarà configurabile un reddito diverso ex art. 67, 1 co., lett. h), ult. periodo. 1.2 La rilevanza reddituale per il disponente del trasferimento di partecipazioni

3 3 L irrilevanza reddituale per il disponente del patto di famiglia avente ad oggetto un azienda o un ramo della stessa, non è, invece, destinato a trovare applicazione nell ipotesi in cui il contratto abbia ad oggetto il trasferimento di azioni o quote. Si tratta, come già detto, di una diversità di trattamento impositivo certamente non compatibile con i profili funzionali del patto di famiglia, identici, qualunque sia l oggetto dello stesso. Peraltro, la rilevanza reddituale per il disponente del trasferimento delle partecipazioni societarie sarà a sua volta differente a seconda che le partecipazioni trasferite siano possedute o meno nell esercizio dell attività di impresa. Difatti, nel caso di partecipazioni possedute nell esercizio dell attività di impresa, sebbene si tratti di trasferimento a titolo gratuito, non sarà applicabile la disciplina di neutralità fiscale di cui all art. 58 Tuir (limitato alle sole aziende). In questo caso l assegnazione delle azioni o quote effettuata con il patto di famiglia, sarà idonea a generare in capo al disponente ricavi o plusvalenze patrimoniali in conseguenza della fuoriuscita di tali beni dal circuito dei beni d impresa (realizzo a seguito di destinazione a finalità estranee all impresa), ex artt. 57, 58, 85 e 86, Tuir. Diversamente, nel caso di partecipazioni societarie non possedute dal disponente nell esercizio dell attività di impresa, il loro trasferimento non assumerà alcuna rilevanza reddituale, in quanto l art. 67, 1 co., lett. c) e c- bis), Tuir, configura un capital gain imponibile a titolo di reddito diverso solo nel caso di trasferimenti a titolo oneroso. 1.3 La possibile rilevanza reddituale per l assegnatario dell azienda Con riferimento, poi, ai possibili riflessi reddituali che il patto di famiglia potrebbe assumere per il beneficiario assegnatario dell azienda o delle partecipazioni societarie che la rappresentano, non può trascurasi quanto sostenuto dall Agenzia delle entrate nella risoluzione del 3 novembre 2005, con riferimento alla diversa - ma per certi aspetti affine ipotesi di donazione d azienda, secondo cui il regime di neutralità fiscale di cui all art. 58, 1 co. Tuir, varrebbe solo per il soggetto donante (nella specie disponente), mentre il donatario (nella specie discendente assegnatario), se ricevesse l azienda in qualità di imprenditore, realizzerebbe una sopravvenienza attiva, pari al valore fiscalmente riconosciuto della stessa, ex art. 88, 3 co., Tuir, (secondo cui concorrono alla formazione del reddito d impresa, quali sopravvenienze attive, anche i proventi in denaro e in natura conseguiti a titolo di liberalità). Tuttavia, è comunque opportuno precisare che affinché possa ritenersi configurabile in capo al soggetto beneficiario dell assegnazione un componente reddituale qualificabile quale sopravvenienza attiva, ex art. 88, 3 co., Tuir, non è sufficiente la gratuità del trasferimento, essendo anche necessario dimostrare che tale acquisto sia avvenuto nell esercizio dell attività di impresa. Trattasi, invero, di una dimostrazione ardua sebbene non possa sottovalutarsi la considerazione che nella logica del patto di famiglia un ruolo importante nella individuazione da parte del disponente del discendente assegnatario sarà svolta dalle capacità imprenditoriali che quest ultimo abbia già dimostrato di possedere. Potrebbero, pertanto, ravvisarsi delle situazioni particolari in cui il trasferimento gratuito dell azienda all interno del patto di famiglia sia

4 4 destinato ad assumere rilevanza reddituale in capo all assegnatario; ciò potrebbe accadere, ad esempio, nell ipotesi in cui l azienda (o meglio ancora il ramo d azienda) assegnata con il patto, si incorpori in un altro complesso produttivo già gestito dall assegnatario, contribuendo a renderlo più completo e funzionale. Tutto ciò vale anche nell ipotesi in cui l oggetto del contratto sia costituto da partecipazioni societarie, sebbene sia evidente come in tal caso appaia ancor più difficile l emersione di una sopravvenienza attiva in capo all assegnatario, essendo anche necessario che il disponente con il patto trasferisca la partecipazione destinandola specificatamente all impresa esercitata dall assegnatario. 1.4 L irrilevanza reddituale, per i legittimari non assegnatari, dei trasferimenti compensativi effettuati a loro favore all interno del patto di famiglia Nell esaminare i profili reddituali della vicenda negoziale del patto di famiglia, un ultimo aspetto riguarda la liquidazione compensativa, ex art. 768-quater c.c., degli altri legittimari non assegnatari effettuata dal discendente assegnatario ovvero direttamente dal disponente. Ebbene, tali attribuzioni compensative, aventi ad oggetto denaro o beni in natura, sono destinate a non assumere alcuna rilevanza impositiva ai fini dell Irpef in capo ai destinatari. Difatti, le somme o i beni in natura che i legittimari non assegnatari acquisiscono in forza del patto di famiglia, anticipando gli effetti della successione mortis causa, non possono che essere trattati fiscalmente alla stessa stregua dei beni ricevuti per successione. Si tratta chiaramente di una attribuzione patrimoniale non riconducibile ad alcuna fonte positivamente qualificata di reddito; conseguentemente, la mancanza di una fonte impedisce di collocare questo arricchimento in una delle categorie reddituali ex art. 6 del Tuir. 1.5 In merito alla (in)deducibilità per l assegnatario delle liquidazioni compensative Da quanto detto in merito alla disciplina civilistica dell istituto de quo si desume, con evidenza, che le attribuzioni compensative, aventi ad oggetto denaro o beni in natura, effettuate dall assegnatario a favore degli altri legittimari non assegnatari non costituiscono certamente un corrispettivo del complesso produttivo (o delle relative partecipazioni) assegnato, bensì un peso economico (modus) posto a carico del discendente designato per la prosecuzione dell attività di impresa, al fine di tutelare i diritti dei legittimari. Pertanto, l assenza di corrispettività tra il trasferimento dell azienda e la liquidazione delle quote spettanti ai legittimari, dovrebbe di per sé escludere la possibilità di configurare tale liquidazione come un costo inerente l acquisto dell azienda. Peraltro, quest ultima soluzione sarebbe giustificata anche da ragioni di simmetria fiscale, in quanto all irrilevanza impositiva di tali attribuzioni in capo ai beneficiari corrisponderebbe l indeducibilità della stessa per l assegnatario dell azienda. A tal riguardo, appare comunque opportuno segnalare che una parte della dottrina ha tentato di sostenere la tesi della deducibilità dal reddito di impresa di tale esborso. In tal senso è stato detto che le liquidazioni compensative effettuate dal discendente assegnatario rappresenterebbero dei costi inerenti e, dunque, deducibili, in quanto dirette ad evitare future pretese sulla titolarità dei beni

5 5 produttivi assegnati, così impedendo il verificarsi di fenomeni di frammentazione della proprietà aziendale. In particolare, tali costi potrebbero qualificarsi quali oneri pluriennali (ex art. 108, 3 co., Tuir) essendo collegati ad un programma di conservazione dell integrità aziendale. Pur apprezzandone lo sforzo interpretativo, tuttavia, tale tesi non appare del tutto condivisibile, oltre che per le ragioni sopra esposte, anche in considerazione dell irragionevole diversità di trattamento impositivo che si in tal modo si determinerebbe per l assegnatario a seconda che il patto di famiglia abbia ad oggetto l azienda o le partecipazioni che la rappresentano. Difatti, l assegnatario dell azienda potrebbe dedurre dal proprio reddito d impresa le liquidazioni compensative, quali costi inerenti; diversamente, per l assegnatario delle partecipazioni queste non darebbero luogo ad alcun costo fiscalmente deducibile, neppure in sede di successiva cessione delle partecipazioni, in quanto, ex art. 68, 6 co., terzo capoverso, Tuir l eventuale plusvalenza realizzata sarebbe costituita dalla differenza tra il corrispettivo percepito ed il costo di acquisto, rappresentato dal costo del donante, così escludendo che le liquidazioni compensative possano assumere rilevanza quale costo inerente l acquisto del bene. 2. Trattamento impositivo del patto di famiglia ai fini dell imposte indirette Per un corretto inquadramento, ai fini della fiscalità indiretta, della vicenda negoziale del patto di famiglia, occorre partire dalla natura del trasferimento dell azienda (ovvero delle azioni o quote) effettuate dal disponente a favore di uno o più dei suoi discendenti. In tal senso, muovendo come detto in precedenza dalla natura sostanzialmente liberale ed, in ogni caso, gratuita di tale attribuzione, in grado di produrre effetti sostanzialmente anticipatori rispetto alla futura successione, si deduce, con evidenza, che la trasmissione generazionale dell azienda o delle partecipazioni societarie andrà tassata similmente alla donazione di qualsiasi altro bene, rappresentando una liberalità diretta dell imprenditore a favore di un suo discendente e, come tale, integrante il presupposto oggettivo della (re)istituita imposta di donazione. Inoltre, un inquadramento impositivo in questi termini varrà anche lo si vedrà per qualsiasi altro trasferimento disposto in forza del patto di famiglia, trattandosi, in ogni caso, di attribuzioni patrimoniali a titolo gratuito. 2.1 La nuova imposta di donazione ed il patto di famiglia. La previsione di uno specifico regime di esclusione dall imposizione A tal riguardo si rammenta che in sede di conversione del d.l. 262/2006 (con L. 286 del 24/11/2006) è stata (re)istituita l imposta di successione e donazione sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito e sulla costituzione di vincoli di destinazione, così ripristinando, salvo le nuove modifiche in tale sede introdotte, le disposizioni di cui al d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, nel testo vigente alla sostanziale abrogazione operata nel Prescindendo dai notevoli e molteplici dubbi interpretativi e dalle perplessità che la disciplina della nuova imposta pone, in specie con riferimento all estensione del presupposto impositivo anche agli atti a titolo gratuito ed alla costituzione di vincoli di destinazione, l unico aspetto del dibattito accesosi in dottrina su cui sembrerebbe esserci maggior consenso e che potrebbe essere di interesse in questa sede, è costituito dalla

6 definizione dell effettiva capacità contributiva che il nuovo tributo intenderebbe programmaticamente incidere: lo stabile e definitivo arricchimento a favore di una determinata sfera patrimoniale. Ciò detto e ritornando allo specifico trattamento impositivo del patto di famiglia, sebbene - come anticipato in precedenza l assegnazione dell azienda ovvero delle partecipazioni che la rappresentano, integri, potenzialmente, il presupposto oggettivo della nuova imposta di donazione, tuttavia, la predetta attribuzione patrimoniale è stata, da ultimo, specificatamente ricompresa tra i trasferimenti non soggetti all imposta di cui all art. 3 del ripristinato d.lgs. n. 346 del Difatti, con il comma 78, lett. a), dell art. 1 della L. n. 296 del 2006 (Legge finanziaria per il 2007) è stato aggiunto, al citato art. 3, il comma 4-ter in cui si afferma che i trasferimenti, effettuati anche tramite i patti di famiglia di cui agli articoli 768-bis e seguenti del codice civile a favore dei discendenti, di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni non sono soggetti all imposta. Tale disposizione è destinata ad applicarsi a tutti i patti di famiglia stipulati a decorrere dal 1 gennaio 2007 (ex comma 79, art. 1, L. n. 296 del 2006). Con questa previsione, il Legislatore ha, quindi, inteso agevolare fiscalmente i passaggi generazionali di imprese (gestite direttamente o per il tramite di strutture societarie), qualunque sia lo strumento negoziale a tal fine utilizzato, sia inter vivos che mortis causa, purché, chiaramente, si tratti di trasferimenti potenzialmente soggetti all imposta (e, quindi, gratuiti); in particolare, ha ritenuto opportuno specificare sebbene non ce ne fosse stato bisogno che il predetto regime di esclusione da imposta si applica anche nel caso in cui il trasferimento avvenga attraverso il nuovo istituto del patto di famiglia. Esaminando nello specifico il regime di esclusione da imposizione introdotto dalla norma de qua, emerge una prima diversità di disciplina, con riferimento ai patti di famiglia in cui l assegnazione abbia ad oggetto quote sociali ed azioni. Difatti, in forza del nuovo comma 4-ter dell art. 3 del d.lgs. n. 346 del 1990, il trasferimento avente ad oggetto quote sociali o azioni in soggetti di cui all art. 73, 1 co., lett. a) del Tuir, ossia società di capitali, società cooperative e società di mutua assicurazione residenti nel territorio dello Stato, sarà qualificabile per il beneficio dell esclusione da imposta solo laddove vengano trasferite partecipazioni tali da consentire all assegnatario di acquisire o integrare il controllo ai sensi dell art. 2359, primo comma, n. 1), c.c., ossia nella forma che consente a questi di esercitare la maggioranza dei voti nell assemblea. Diversamente, il trasferimento avente ad oggetto partecipazioni negli altri residuali tipi sociali, ossia società di persone, società ed enti di ogni tipo non residenti nel territorio dello Stato, sarà sempre qualificabile per il beneficio dell esclusione da imposta, qualunque sia la quota trasferita. Il requisito dell integrazione dovrebbe essere inteso con riguardo non soltanto a partecipazioni che insieme a quelle già detenute dall assegnatario consentono il raggiungimento del possesso della maggioranza dei diritti di voto esercitabili in assemblea, ma anche a quelle partecipazioni che rafforzano una partecipazione di maggioranza già detenuta dall assegnatario. Inoltre, in forza del dato testuale della norma, sembrerebbe essere del tutto irrilevante ai fini dell applicabilità del regime esonerativo de quo, la 6

7 circostanza che il controllo sussista in capo al disponente, purché l effetto finale sia quello richiesto dalla norma. Allo stesso modo, il beneficio della non imposizione dovrebbe spettare anche nel caso in cui il disponente trasferisca una partecipazione in grado di assicurare il controllo della società, non già ad un solo discendente, bensì a più discendenti per quote tali che nessuno di essi acquisisca singolarmente il controllo della società; tale ricostruzione sembrerebbe trovare un implicita conferma nello stesso dato testuale, laddove, con il riferimento all onere della detenzione del controllo per almeno un quinquennio, la norma sembra presupporre che i detentori del controllo possano essere anche più assegnatari (ad es. più figli dell imprenditore). Peraltro, la stessa Agenzia delle entrate nelle risposte rese in occasione di Telefisco 2007, ha precisato che nell ipotesi in cui la partecipazione di controllo posseduta dal dante causa sia frazionata tra più discendenti, l agevolazione in oggetto spetti esclusivamente per l attribuzione che consenta l acquisizione o l integrazione del controllo; spetta sempre, invece, l agevolazione per il trasferimento della partecipazione di controllo a favore di più discendenti in comproprietà (ex art c.c.). Il comma 4-ter, pone poi ulteriori condizioni per poter beneficiare di tale regime di non imposizione. Il beneficio è, infatti, accordato a condizione che gli assegnatari proseguano l esercizio dell attività d impresa o detengano il controllo per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data di trasferimento ( ). Inoltre, è richiesto che venga resa in atto una apposita dichiarazione in tal senso. Se in presenza di tale dichiarazione la predetta condizione quinquennale non dovesse essere rispettata, sarà dovuta l imposta con i relativi interessi di mora decorrenti dalla data in cui l imposta si sarebbe dovuta pagare; si applicherà, in aggiunta, la sanzione per omesso versamento, nella misura del 30% del tributo dovuto. Esaminando nello specifico la condizione quinquennale poco innanzi indicata, la sua interpretazione pone non poche perplessità. Nel caso in cui il patto di famiglia abbia ad oggetto il trasferimento di un azienda, la norma si limita a richiedere, sic et simpliciter, la prosecuzione, per almeno un quinquennio, nella gestione dell impresa. Conseguentemente, al fine di evitare la decadenza dal beneficio de quo, dovrebbe ritenersi sufficiente che sia garantita la sola continuità aziendale, essendo, invece, irrilevante la sopravvenienza, nel lasso di tempo considerato, di eventuali mutamenti nella titolarità della gestione aziendale; questo perché lo scopo agevolativo della norma dovrebbe essere solo quello della sopravvivenza dell attività di impresa per almeno un quinquennio. Quindi, la condizione dovrebbe per tale ragione ritenersi comunque soddisfatta anche nell ipotesi in cui nel corso del quinquennio l eventuale società costituita tra gli assegnatari dell azienda dovesse sciogliersi e tale attività di impresa dovesse continuare ad essere svolta soltanto da uno di essi. Nell ipotesi in cui il patto di famiglia abbia ad oggetto, invece, il trasferimento di azioni o quote, la norma de qua richiede che gli assegnatari (l utilizzo del plurale farebbe desumere - come detto - che il controllo può benissimo essere conseguito anche collettivamente dai discendenti) mantengano il controllo della società per almeno un quinquennio. Conseguentemente, non si avrà decadenza dal beneficio nel caso in cui uno degli assegnatari venda una quota di partecipazione nel quinquennio senza 7

8 8 far perdere il controllo agli altri assegnatari; diversamente, qualora tale cessione faccia perdere il controllo anche agli altri assegnatari, l imposta sarà dovuta da tutti i beneficiari, tenendo comunque conto della franchigia di Euro spettante a ciascun assegnatario. Quanto poi ad eventuali successive operazioni societarie, sempre che queste non facciano venir meno il controllo sulla società o sull azienda (ad esempio il conferimento in società da parte del beneficiario dell azienda assegnata con il patto di famiglia), non dovrebbero comportare alcuna decadenza dal regime agevolativo. Tuttavia, appare opportuno segnalare che con riferimento a tali ultime ipotesi l Agenzia delle entrate potrebbe richiedere l utilizzo dello strumento dell interpello disapplicativo di cui all art. 37-bis, 8 co., d.p.r. n. 600 del L esenzione dalle imposte ipotecarie e catastali E opportuno inoltre segnalare che qualora il complesso aziendale assegnato con il patto di famiglia comprenda beni immobili o diritti reali immobiliari, il trasferimento sarà esente anche dalle imposte ipotecaria e catastale. Difatti, con riferimento all imposta ipotecaria, in forza del 2 co., art. 1, d.lgs. n. 347 del 1990 non sono soggetti all imposta le formalità ( ) relative ai trasferimenti di cui all art. 3 del testo unico sull imposta sulle successioni e donazioni ( ). Si è visto in precedenza come il Legislatore abbia inserito il regime di esclusione dall imposta di donazione appunto nel nuovo comma 4-ter dell art. 3 del testo unico sull imposta sulle successioni e donazioni. Allo stesso modo, con riferimento all imposta catastale, il 3 co. dell art. 10, del d.lgs. n. 347 del 1990, dispone che non sono soggetti all imposta le volture ( ) relative ai trasferimenti di cui all art. 3 del testo unico sull imposta sulle successioni e donazioni ( ). Dunque, tutte le volte in cui sussistano le condizioni precedentemente indicate ai fini dell applicabilità del beneficio dell esclusione dall imposta di donazione di cui all art. 3, co. 4-ter, d.lgs. n. 346 del 1990, troverà applicazione anche il regime di esenzione dalle imposte ipotecarie e catastali. 3.3 Il trattamento impositivo delle attribuzioni compensative Un ultimo profilo da esaminare concerne il trattamento impositivo delle liquidazioni (con pagamento di una somma di denaro o anche in natura) delle quote degli altri legittimari non assegnatari. E già stato evidenziato in precedenza il carattere non oneroso di tali attribuzioni patrimoniali, comportando uno stabile arricchimento patrimoniale dei beneficiari, con effetti, quindi, sostanzialmente anticipatori della vicenda successoria. Pertanto, anche questi trasferimenti effettuati all interno del patto di famiglia sono destinati ad essere soggetti all imposta di donazione. Peraltro, in tali casi non potrà trovare applicazione il regime di non imposizione prima descritto, nell eventuale e certamente rara ipotesi in cui l oggetto di questi trasferimenti sia a sua volta costituito da partecipazioni societarie o, addirittura, da aziende o rami aziendali, in quanto tale beneficio è comunque limitato ai trasferimenti a favore dei soli discendenti. Troveranno, quindi, applicazione le ordinarie regole impositive: i) nel caso di liquidazione effettuata dall assegnatario a favore di fratelli o sorelle si applicherà l aliquota del 6% sulla quota eccedente, per ciascun beneficiario,

9 9 la franchigia di Euro ; se a favore di altri parenti fino al quarto grado, si applicherà l aliquota del 6%; ii) diversamente, nel caso di liquidazione effettuata direttamente dal disponente a favore del coniuge o degli altri figli non assegnatari, si applicherà l aliquota del 4% sul valore eccedente la franchigia di 1 milione di Euro. Per quanto concerne poi la determinazione della base imponibile, ai sensi dell art. 56, d.lgs. n. 346 del 1990, il valore dei beni e dei diritti donati è determinato a norma degli artt. da 14 a 19 e dall art. 34 commi 3, 4 e 5 del medesimo decreto (ossia in base alle disposizioni relative all imposta di successione). In particolare, il valore dell azienda o delle partecipazioni non quotate trasferite è pari al valore del patrimonio netto contabile, senza considerare l avviamento e senza alcuna rivalutazione delle immobilizzazioni, da considerare al costo storico ammortizzato. Per i titoli quotati, si farà invece riferimento alla media fatti nell ultimo trimestre alla data del trasferimento. Inoltre, il richiamo all art. 34 comporta l applicazione dei criteri di valutazione automatica, risultando pertanto confermati i previgenti limiti al potere di rettifica dei valori dichiarati sia per le donazioni sia per le successioni. Infine, se l oggetto del trasferimento è costituito da beni immobili o diritti reali immobiliari, si applicheranno ordinariamente anche le imposte ipotecarie e catastali. Giuseppe Corasaniti

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

R Roma, 29 maggio 2013

R Roma, 29 maggio 2013 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa R Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: La tassazione degli atti notarili - Guida operativa - Testo unico dell imposta di registro, approvato con decreto del Presidente

Dettagli

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI

TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI TRUST, PATTO DI FAMIGLIA E SUCCESSIONE GENERAZIONALE DI IMPRESE E PATRIMONI prof. avv. DARIO STEVANATO Piacenza, 25 marzo 2006 1 IL PATTO DI FAMIGLIA Il nuovo patto di di famiglia (art. 768-bis c.c.) risponde

Dettagli

Direzione Centrale Normativa

Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 75/E Roma, 26 luglio 2010 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali

Dettagli

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 341/E

RISOLUZIONE N. 341/E RISOLUZIONE N. 341/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Donazione di azienda e continuazione dell attività d impresa in forma societaria

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE

DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE D AZIENDA DONAZIONE, SUCCESSIONE E CESSIONE DI PARTECIPAZIONE SOCIETARIA PATTI DI FAMIGLIA TABELLE PRATICHE Imposte indirette Imposte dirette Imposte ipotecaria e catastale

Dettagli

Risoluzione del 26/07/2010 n. 75 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 26/07/2010 n. 75 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 26/07/2010 n. 75 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dallimposta sulle successioni e donazioni

Dettagli

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte

Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Fiscalità e adempimenti nella successione delle attività imprenditoriali e professionali. Questioni aperte PROF. DOTT. ALBERTO

Dettagli

4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015

4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015 4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015 RELATORE GIOVANNI POZZANI dottore commercialista e revisore legale COSA SI INTENDE PER PASSAGGIO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

Profili fiscali del passaggio generazionale d impresaistituto della donazione d azienda

Profili fiscali del passaggio generazionale d impresaistituto della donazione d azienda ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 27/10/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37483-profili-fiscali-del-passaggio-generazionale-dimpresa-istituto-della-donazione-d-azienda Autore: Cantatore Claudio

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

Esposizione del quesito

Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 30/E Roma, 31 gennaio 2002 Oggetto: Istanza di interpello n../2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dalla Banca XY società cooperativa per azioni a responsabilità

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità

Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Il passaggio generazionale nella Famiglia e nell Impresa Passaggio generazionale: fiscalità tra vincoli ed opportunità Paolo Ludovici Bergamo, 2 luglio 2013 Imposta sulle successioni e donazioni: aliquote

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Successioni e donazioni

Successioni e donazioni Successioni e donazioni Evoluzione normativa dal 1991 alla finanziaria 2007 L imposizione fiscale su successioni e donazioni ha sinora subìto numerose variazioni. Analizziamo brevemente le modifiche avvenute

Dettagli

Profili fiscali del passaggio generazionale d impresa

Profili fiscali del passaggio generazionale d impresa CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 36-2011/T Profili fiscali del passaggio generazionale d impresa Approvato della Commissione Studi tributari il 15 luglio 2011 Sommario: Premessa; 1. La tassazione

Dettagli

TABELLA ALIQUOTE IN VIGORE... 8 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE... 9

TABELLA ALIQUOTE IN VIGORE... 8 TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE... 9 MAGGIO 2007 RTRABACE IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI EVOLUZIONE - TABELLE - TERMINI EVOLUZIONE NORMATIVA... 1 TABELLA ALIQUOTE (A)... 3 TABELLA ALIQUOTE (B)... 5 TABELLA ALIQUOTE (C)... 7 TABELLA

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 96/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 agosto 2006. OGGETTO: Interpello - Cessione di immobile strumentale -

RISOLUZIONE N. 96/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 agosto 2006. OGGETTO: Interpello - Cessione di immobile strumentale - RISOLUZIONE N. 96/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 agosto 2006 OGGETTO: Interpello - Cessione di immobile strumentale - La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza di interpello

Dettagli

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente

Risoluzione n.125/e. Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione del D.P.R. n. 131 del 1986, è stato esposto il seguente Risoluzione n.125/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - riacquisto di prima casa a titolo gratuito Decadenza dai benefici di cui alla nota II-bis

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo 2014 LE NOVITA DELL IMPOSIZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo 2014 LE NOVITA DELL IMPOSIZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI \ CIRCOLARE n. 8 del 24 marzo LE NOVITA DELL IMPOZIONE INDIRETTA SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI INDICE 1. PREMESSA 2. LE IMPOSTE INDIRETTE APPLICABILI 1 GENNAIO 3. L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA 3.1 Trasferimento

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Il trasferimento della sede dall estero all Italia

Il trasferimento della sede dall estero all Italia Il trasferimento della sede dall estero all Italia Trasferimento di sede della società estera in Italia L ordinamento giuridico-societario di provenienza può prevedere che il trasferimento di sede all

Dettagli

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL REGIME FISCALE DEI TRASFERIMENTI. Bibliografia

CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL REGIME FISCALE DEI TRASFERIMENTI. Bibliografia Legge Finanziaria 2007: le modifiche relative ai trasferimenti gratuiti a favore di discendenti di aziende, quote sociali ed azioni Senato della Repubblica - Disposizioni per la formazione del bilancio

Dettagli

Neutralità fiscale. Donazione di azienda. Problematiche in capo al donatario. il fisco. ATTUALITÀ il fisco n. 44/2002 fasc n.

Neutralità fiscale. Donazione di azienda. Problematiche in capo al donatario. il fisco. ATTUALITÀ il fisco n. 44/2002 fasc n. ATTUALITÀ n. 44/2002 fasc n.1 16439 7001 Donazione di azienda Neutralità fiscale Problematiche in capo al donatario di Giuseppe Rebecca Dottore commercialista in Vicenza partner Synergia Consulting Group

Dettagli

Fiscal News N. 137. Il computo del quinquennio nella cessione di fabbricati. La circolare di aggiornamento professionale 12.05.2014.

Fiscal News N. 137. Il computo del quinquennio nella cessione di fabbricati. La circolare di aggiornamento professionale 12.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 137 12.05.2014 Il computo del quinquennio nella cessione di fabbricati Categoria: IRPEF Sottocategoria: Immobili L art. 67 del Tuir disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010

Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 Plusvalenze immobiliari in UNICO 2010 di Paolo Parisi (*) L ADEMPIMENTO " UNICO PF: Quadro RL Ai fini delle imposte sui redditi, la cessione a titolo oneroso di immobili posseduti al di fuori dell ambito

Dettagli

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale Redditi di capitale Redditi di capitale - art. 44, co. 1 L art. 44 individua i redditi di capitale con una elencazione esaustiva, ma al tempo stesso si chiude (alla lett. h) del comma 1) con una fattispecie

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale Legge 21 novembre 2000, n. 342 Misure in materia fiscale Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2000 - Supplemento Ordinario Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Art.

Dettagli

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI Gli aggiornamenti più recenti dichiarazione di successione imposte ipotecaria e catastale aggiornamento gennaio 2015 ALIQUOTE FRANCHIGIA MODELLO 4 PRIMA CASA IMPOSTA

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

La donazione di aziende e di beni mobili

La donazione di aziende e di beni mobili CORSO DI DIRITTO TRIBUTARIO IL REGIME FISCALE DEI TRASFERIMENTI La donazione di aziende e di beni mobili Franco Formica Notaio in Roma Componente Commissione Studi Tributari Consiglio Nazionale del Notariato

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI.

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. La legge 14 febbraio 2006, n. 55 ha introdotto l istituto del patto di famiglia. Il nuovo istituto

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

Aspetti fiscali del fondo patrimoniale

Aspetti fiscali del fondo patrimoniale Aspetti fiscali del fondo patrimoniale GLI ASPETTI FISCALI DEL FONDO PATRIMONIALE IMPOSTA DI DONAZIONE E REGISTRO IPOTECARIE E CATASTALI IMPOSIZIONE DIRETTA Come concetto generale FONDO PATRIMONIALE è

Dettagli

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE SCHEDA MONOGRAFICA TMG ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE Data aggiornamento scheda 18 gennaio 2016 Redattore Davide David

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

CircolariABI serie Tributaria n. 10-12 maggio 2008 IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (Pos. 447/1) PATTO DI FAMIGLIA TRUST

CircolariABI serie Tributaria n. 10-12 maggio 2008 IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (Pos. 447/1) PATTO DI FAMIGLIA TRUST CircolariABI serie Tributaria n. 10-12 maggio 2008 IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI (Pos. 447/1) PATTO DI FAMIGLIA TRUST Circolare Agenzia delle Entrate - Direzione normativa e contenzioso del 22

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio

RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI. Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio RIVALUTAZIONE QUOTE SOCIALI Noventa di Piave - 23 febbraio 2012 Dott. Giorgio Zerio Normativa Art.7 co. 2 del DL 13.5.2011 n. 70, convertito nella L.12.7.2011 n. 106: Termine per la rivalutazione delle

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Quesito

Risoluzione n. 78/E. Quesito Risoluzione n. 78/E Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 31 marzo 2003 Oggetto: Determinazione della plusvalenza derivante dalla cessione di immobili acquistati per usucapione IRPEF DPR 22

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain

Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti. Unico PF 2012: dividendi e capital gain Focus di pratica professionale di Paolo Meneghetti Unico PF 2012: dividendi e capital gain Nel corso del 2011 sono state apportate modifiche rilevanti alla fiscalità finanziaria: il D.L. n.138/11 ha cambiato

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Roma, 28 gennaio 2009

Roma, 28 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 23/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 plusvalenza da cessione di immobile allo stato

Dettagli

BREVI CENNI IN TEMA DI FISCALITÀ DEI TRUSTS IN ITALIA. Avv. Fabio Colferai - Avv. Fabio Palisi

BREVI CENNI IN TEMA DI FISCALITÀ DEI TRUSTS IN ITALIA. Avv. Fabio Colferai - Avv. Fabio Palisi Studio Legale Palisi & Colferai Law Firm. Ogni diritto sui contenuti del presente testo è riservato ai sensi della normativa vigente.la riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale,

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

Imposta di successione

Imposta di successione Imposta di successione Oggetto di tassazione Sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte avvenuti a decorrere dal 3 ottobre 2006 è dovuta l'imposta sulle successioni e donazioni. Base imponibile

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014

Gli aspetti fiscali del recesso del socio. Trento, 9 maggio 2014 Gli aspetti fiscali del recesso del socio Trento, 9 maggio 2014 La disciplina fiscale del recesso del socio è caratterizzatadadiversevariabili: -modalitàdirecesso; -modalità scelte per la liquidazione

Dettagli

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008 Informativa n. 25 dell 8 ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE 1 La proroga della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni...

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

La successione per causa di morte

La successione per causa di morte L impresa di famiglia alla prova del passaggio generazionale: l importanza della pianificazione La successione dell imprenditore: destino o pianificazione? La successione per causa di morte Relatori notai

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI A) VENDITE DI FABBRICATI DA PRIVATI: 1) Prima casa e/o relative pertinenze - vendita da privato - Imposta di registro:

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 186 10.07.2014 Bonus investimenti Investimenti da effettuare nel periodo 25.06.2014 30.06.2015 Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie L

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli