Valvola di allarme ad umido

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valvola di allarme ad umido"

Transcript

1 MANUALE VALVOLA UMIDO 1 Manuale di installazione e manutenzione Valvola di allarme ad umido MODELLO H da

2 MANUALE VALVOLA UMIDO 2 Valvole di allarme ad umido AG modello H Panoramica... 3 Dati tecnici... 4 Dimensioni valvola di allarme 3 "(TIPO A )... 5 Dimensioni valvola di allarme 3 "(tipo B), 4", 6 "e 8"... 6 Assieme valvola di ritegno allarme 3 "- 4" e 6 "- lista dei componenti... 7 Assieme valvola di ritegno allarme 8 - lista dei componenti... 7 Prove... 8 Manutenzione Riarmo del sistema Trim verticale modello H da 3"per pressione variabile (TIPO A) Trim verticale modello H da 3"per pressione variabile e costante (TIPO B ) Eurotrim verticale modello H da 3"per pressione variabile e costante (TIPO B) Trim verticale modello H da 3"per pressione costante Trim orizzontale modello H da 3"per pressione variabile e costante Eurotrim orizzontale modello H da 3"per pressione variabile e costante Trim verticale modello H da 4"-6-8 per pressione variabile e costante Eurotrim verticale modello H da 4"-6-8 per pressione variabile e costante Trim orizzontale modello H da 4"-6 per pressione variabile e costante Eurotrim orizzontale modello H da 4"-6 per pressione variabile e costante Trim opzionale pressostato di allarme Valvola di sicurezza sovrapressioni di rete... 24

3 MANUALE VALVOLA UMIDO 3 Panoramica Le valvole di ritegno e di allarme AG sono utilizzati nei sistemi antincendio sprinkler del tipo ad umido. La funzione di questo tipo di valvola è duplice: è in grado di impedire il flusso in direzione opposta(anti-ritorno) alla direzione di scarica quindi lo svuotamento dell impianto in caso di mancanza di alimentazione idrica e fornire un allarme idraulico che non dipende da energia elettrica per funzionare. Installando la camera idraulica ritardo, si ottiene un ritardo per eliminare i falsi allarmi causati da variazioni di pressione dell alimentazione idrica. Quando si lavora con una pressione costante di acqua (come nel caso di alimentazioni da gruppi di pompaggio o serbatoi sopraelevati), l installazione della camera di ritardo potrebbe essere omessa. Per la necessità comando di altri dispositivi allarme remoti aggiuntivi i, possono essere utilizzati i pressostati di allarme. Le valvole di allarme e AG sono progettate e realizzate per soddisfare gli standard e / o Underwriters Laboratories Inc., EN , e approvate Factory Mutual; Pianificazione Dipartimento Città di New York, e conforme ai requisiti di progettazione ed utilizzo previste nella NFPA 13. Note importanti Sarà fondamentale per assicurare il corretto funzionamento esaminare e pulire periodicamente per ogni valvola di allarme controllo. E 'estremamente importante assicurare una fonte di acqua pulita senza rifiuti e particelle solide quali sabbia, ghiaia o fango. Se, durante l ispezione annuale delle valvole di allarme si riscontrasse un sedimento notevole con particelle estranee questo richiederà un ulteriore esame delle componenti interne della valvola. Tutti i componenti funzionali e le connessioni devono essere puliti da tutti i depositi e risciacquare con un spruzzi d'acqua. In caso di difficoltà in termini di prestazioni, contattare il fabbricante o il suo rappresentante autorizzato, se è necessario apportare eventuali modifiche sul campo.

4 Dati tecnici MANUALE VALVOLA UMIDO 4

5 Dimensioni valvola di allarme 3 "TIPO A MANUALE VALVOLA UMIDO 5

6 Dimensioni valvola di allarme 3 " 4", 6 "e 8" TIPO B MANUALE VALVOLA UMIDO 6

7 MANUALE VALVOLA UMIDO 7 Assieme valvola di ritegno allarme 3 "- 4" e 6 "- lista dei componenti

8 MANUALE VALVOLA UMIDO 8 Collaudo e manutenzione Riferimento La norma NFPA 25 regola le procedure di ispezione, collaudo e manutenzione dei sistemi antincendio ad acqua. Prove Prima di procedere con un test che coinvolga il flusso di acqua, prendere qualche precauzione. 1. Controllare il luogo dove si scarica la connessione di prova per assicurarsi che sia libero e non vi è alcuna possibilità di danni o lesioni a causa del flusso. 2. Controllare il terminale di connessione per assicurare che i test non sia occluso. Per un test di successo, ci deve essere un flusso senza ostacoli quando la valvola di prova è completamente aperta. 3. Controllare se esiste un collegamento ad una centrale d'allarme o vigili del fuoco. Se tale connessione esiste, dobbiamo dare adeguata comunicazione alla stazione ricevente il segnale prima di procedere con il test. Nota: Un test potrebbe anche innescare allarmi locali, a meno che non vengano messi fuori servizio momentaneamente. Test della valvola di allarme e dispositivi di allarme del flusso idraulico NFPA 25 raccomanda il collaudo funzionale della valvola di allarme e dei suoi dispositivi di allarme idraulico. Il modo principale per testare questi dispositivi si ha aprendo il dispositivo di prova (sprikler di prova o inspector test). Questo dispositivo, è tipicamente situato nel punto idraulicamente più sfavorito ( più alto o piu lontano) rispetto alla posizione della valvola di allarme; è costituito da un foro di prova calibrato e una valvola. L'apertura della valvola con il conseguente scarico delle acque attraverso il foro calibrato simula il funzionamento diuno sprinkler. Tutti dispositivi devono suonare l'allarme e / o funzione all apertura della valvoladi prova. Un modo alternativo per verificare l'allarme flusso d'acqua è quello di aprire la valvola di prova allarme posta direttamente sul trim della valvola. Si noti tuttavia che l'apertura di questa valvola esegue solo una verifica dell'allarme, non simula il funzionamento della valvola di allarme con l apertura del clapet. Pertanto, questa forma di test deve essere usato solo quando le condizioni esterne o altre circostanze non permettono l'uso del dispositivo di prova remoto. Nota: Se l'allarme è collegato ad un allarme incendio remoto, informare il la stazione ricevente all inizio ed alla fine del test.

9 MANUALE VALVOLA UMIDO 9 Test di flusso dalla valvola di scarico principale (prova dal drenaggio principale) NFPA 25 raccomanda che sia effettuata una prova trimestrale con flusso di acqua dalla valvola di drenaggio principale a valle del montante del sistema. Lo scopo di questo test è quello di verificare se vi è una normale alimentazione di acqua disponibile al sistema. Confrontando le letture della pressione statica con quelle della pressione residua si può evidenziare subito se ci sono delle valvole nel sistema di alimentazione chiuse o parzialmente aperte od ostruite. La procedura per l'esecuzione del test di scarico principale è la seguente: 1. Con la valvola di scarico principale chiusa, registrare la lettura visualizzata sul manometro inferiore della valvola di allarme. 2. Aprire la valvola di scarico principale lentamente fino a completa apertura. Poi verificare che il flusso di acqua sia continuo attraverso lo scarico principale. Nota: Se si scarica un notevole flusso, controllare che il sistema principale di drenaggio sia libero da possibili ostacoli. 3. Permettere all'acqua di scorrere fino a quando la lettura sul manometro diminuisca e si stabilizzi. Prendere nota della lettura. Nota: La prima lettura sarà la più alta e misurerà la pressione statica, la seconda lettura sarà inferiore (pressione residua e funzione del coefficiente creato dalla valvola di drenaggio. 4. Chiudere lentamente la valvola di scarico principale. Attenzione: se l'allarme è disattivato temporaneamente, è necessario rimettere in servizio. Se l'allarme è collegato ad un allarme incendio remoto, informare il la stazione ricevente all inizio ed alla fine del test. 5. Confrontare le due letture di letture di pressione o con valori precedentemente stabiliti o normalmente rilavati. Nota: Se le letture reggono bene il confronto, la fornitura d'acqua può essere ritenuta soddisfacente. Tuttavia, se le letture della pressione variano in modo significativo, deve essere analizzato per determinarne la causa. Alcune delle possibili cause possibili sono: - Valvole di controllo di sistema completamente o parzialmente chiuse. - Rete principale bloccati o acqua congelata. - Gravi perdite delle valvole o dalla rete di alimentazione.

10 MANUALE VALVOLA UMIDO 10 Manutenzione La valvola di allarme e dispositivi associati devono essere esaminati periodicamente per garantire un funzionamento corretto e senza problemi. Alcuni dei componenti che necessitano di ispezioni regolari sono: Clappet: Sarà necessario per ispezionare la guarnizione di gomma del clapet per rilevare usura o danneggiamento ed a verificare che sia esente da polvere e altri corpi estranei. Se sono danneggiati o usurati (per esempio, Corpi estranei incorporati nel di superficie), il rivestimento deve essere sostituito. Se c'è sporcizia, allora abbiamo eseguire la pulizia, ma non usare sostanze che potrebbero danneggiare la gomma. Sede di tenuta:l'anello di sede deve essere ispezionato per danneggiamento o presenza di pietre, polvere o altro materiale estraneo incorporato nelle scanalature o fori. Pulirlo con attenzione. Se l'anello di tenuta è molto danneggiato, sarà necessaria la completa sostituzione del gruppo valvola o restituirlo al fabbricante AG per verificare una possibile revisione. Valvola di ritegno di by-pass. Esaminare la valvola ¾ "posta nel by-pass esterno ed osservare lo stato del clapet e della relativa guarnizione. Camera di ritardo: le connessioni di entrata ed il tappo di scarico, che devono essere ispezionati per evitare intasamento. Le maglie del filtro devono essere pulite accuratamente. Valvola di drenaggio principale e connessione di prova. Tutte le valvole che sono normalmente chiuse quando la valvola d'allarme è in posizione armata devono essere controllate per assicurarsi che siano completamente chiusi e non abbiano perdite. Corpo valvola di allarme e interno. Saranno ispezionati per cercare eventuali perdite e visibili e possibili danni fisici alla valvola e connessioni (es. manometri danneggiati). Riarmo del sistema La valvola di controllo ed allarme AG si riarma automaticamente dopo aver effettuate le prove ed il caricamento del sistema. Tuttavia, quando gli sprinkler entrano in funzione ci sono alcune procedure da seguire per rimettere il sistema in funzione. 1. Chiudere la valvola di controllo del sistema (saracinesca,valvola a farfalla o altro) Attenzione: In caso di incendio, la valvola di controllo del sistema deve essere chiusa solo dopo aver verificato che il fuoco si spento. 2. Aprire la valvola di drenaggio principale.

11 MANUALE VALVOLA UMIDO 11 Nota: Procedere per svuotare il sistema per permettere la sostituzione degli sprinkler senza ulteriori fuoriuscite d acqua. 3. Sostituzione degli sprinkler che sono entrati in funzione. 4. Chiudere la valvola principale di scarico. 5. Aprire la valvola di prova remota (sprinkler di prova o inspector test). Nota: l'apertura di questa valvola per permettere all'aria di uscire dal sistema, mentresi riempe d acqua. 6. Aprire la valvola di controllo del sistema (saracinesca,valvola a farfalla o altro) lentamente. Attenzione:tenere la valvola parzialmente aperta quando l'acqua comincia a fluire nel sistema. Non aprire completamente a quel punto, ciò potrebbe causare colpi d'ariete che potrebbero danneggiare le tubazioni o intrappolare grandi volumi di aria all'interno del sistema. Nota: E 'normale che durante il riempimento ci sia flusso d'acqua dal drenaggio attraverso il circuito di prova ed allarme allarme, anche se la valvola di drenaggio principale è completamente chiusa fino a quando l'intero circuito sia pressurizzato e il clapet principale della valvola chiuso.

12 MANUALE VALVOLA UMIDO Continuare a riempire il sistema finché l'acqua scaricata dalla valvola di prova remota (sprinkler di prova o inspector test) abbia un flusso omogeneo e continuo. 8. Chiudere la valvola valvola di prova remota. 9. Aprire completamente la valvola di controllo del sistema (saracinesca,valvola a farfalla o altro), allo stesso tempo osservare i manometri. Nota: Il sistema sarà riempito quando entrambi i manometri saranno fermi e indichino lo stesso valore. 10. Eseguire il test con flusso di acqua dalla valvola di drenaggio principale per garantire che l'approvvigionamento idrico sia soddisfacente (vedi test pag.9). 11. Aprire il volantino della piccola valvola di prova ed allarme posta sulla valvola di drenaggio principale. 12. Eseguire un test dei dispositivi di allarme (vedi pag.8). 13. Bloccare le valvole di alimentazione principale e quelle che che regolano l'allarme automatico in posizione aperta (NFPA 25). Il sistema è pronto per l'uso. 14. Se l'allarme è collegato ad un allarme incendio remoto, informare il la stazione ricevente che la valvola è in funzione.

13 Trim verticale modello H da 3"per pressione variabile (TIPO A) MANUALE VALVOLA UMIDO 13

14 MANUALE VALVOLA UMIDO 14 Trim verticale modello H da 3"per pressione variabile e costante (TIPO B )

15 MANUALE VALVOLA UMIDO 15 Eurotrim verticale modello H da 3"per pressione variabile e costante (TIPO B)

16 Trim verticale modello H da 3"per pressione costante MANUALE VALVOLA UMIDO 16

17 Trim orizzontale modello H da 3"per pressione variabile e costante MANUALE VALVOLA UMIDO 17

18 Eurotrim orizzontale modello H da 3"per pressione variabile e costante MANUALE VALVOLA UMIDO 18

19 Trim verticale modello H da 4"-6-8 per pressione variabile e costante MANUALE VALVOLA UMIDO 19

20 MANUALE VALVOLA UMIDO 20 Eurotrim verticale modello H da 4"-6-8 per pressione variabile e costante

21 Trim orizzontale modello H da 4"-6 per pressione variabile e costante MANUALE VALVOLA UMIDO 21

22 MANUALE VALVOLA UMIDO 22 Eurotrim orizzontale modello H da 4"-6 per pressione variabile e costante

23 Trim opzionale pressostato di allarme MANUALE VALVOLA UMIDO 23

24 MANUALE VALVOLA UMIDO 24 Valvola di sicurezza sovrapressioni di rete TRIM 3 TIPO A TRIM 3 TIPO B TRIM 4,6, 8

Istruzioni di Installazione, Funzionamento, Uso e Manutenzione

Istruzioni di Installazione, Funzionamento, Uso e Manutenzione Istruzioni di Installazione, Funzionamento, Uso e Manutenzione Bullettino 408 Rev.J Valvola di Allarme Modello E 2½ 3 con trim modello E1 Listata Underwriters Laboratories, Inc. Approvata Factory Mutual

Dettagli

Stazioni delle valvole di ritegno allarme europee FireLock

Stazioni delle valvole di ritegno allarme europee FireLock AFFIGGERE QUESTE ISTRUZIONI SULLA VALVOLA INSTALLATA PER UTILIZZARLE COME RIFERIMENTO IN FUTURO ATTENZIONE ATTENZIONE La mancata osservanza delle istruzioni e avvertenze può causare il guasto del prodotto,

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali I sistemi a preazione ad azione interdipendente a singola attuazione Supertrol sono progettati per quelle aree che richiedono una protezione dal rischio di fuoriuscite d acqua accidentali.

Dettagli

SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE. Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore. Guida all installazione, uso e manutenzione

SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE. Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore. Guida all installazione, uso e manutenzione SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore Guida all installazione, uso e manutenzione SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Guida all installazione, uso

Dettagli

Guida all installazione, uso e manutenzione

Guida all installazione, uso e manutenzione REG N. FM 38224 BS EN ISO 9001-2008 SCAMBIATORI DI CALORE PER PISCINE Per l impiego con caldaie, pannelli solari e pompe di calore Guida all installazione, uso e manutenzione Prefazione Gentile cliente,

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO GRUPPO IDRAULICO per SOLAR SYSTEM (COD. A00.650053)

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO GRUPPO IDRAULICO per SOLAR SYSTEM (COD. A00.650053) DATA: 07.11.08 PAG: 1 DI: 12 Il Gruppo idraulico racchiude tutti gli elementi idraulici necessari al funzionamento del circuito solare (circolatore, valvola di sicurezza a 6 bar, misuratore e regolatore

Dettagli

Figura 1 Clapet in posizione chiusa aperta con blocco a leva completamente aperta. Informazioni generali

Figura 1 Clapet in posizione chiusa aperta con blocco a leva completamente aperta. Informazioni generali Informazioni generali Le valvole a diluvio Reliable Modello B e BX sono valvole differenziali con funzionamento idraulico progettate per l uso come valvole di controllo principale in sistemi antincendio

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

OFFICINE OROBICHE S.p.A. 1/5

OFFICINE OROBICHE S.p.A. 1/5 OFFICINE OROBICHE S.p.A. 1/5 MANUALE ISTRUZIONI PER FLUSSIMETRI Serie RV 1. DESCRIZIONE Il flussimetro RV è un misuratore economico per grandi e grandissime portate del tipo a diaframma. Dotato di un tubo

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi Sprinkler giunti StAffAggio 25

firing SP rin KL er idr Anti SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi Sprinkler giunti StAffAggio 25 Sprinkler firing IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 25 Valvola AD UMIDO I sistemi sprinkler ad umido sono progettati per essere utilizzati in applicazioni dove la temperatura

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

MANUALE SEMPLIFICATO DI SOLA MANUTENZIONE ORDINARIA PER ABBATTITORI DI FULIGGINE MOD. SMOKI

MANUALE SEMPLIFICATO DI SOLA MANUTENZIONE ORDINARIA PER ABBATTITORI DI FULIGGINE MOD. SMOKI da Viola Gianfranco SMOKI srl Intertek Conforms to UL std. 73, 4005827 Certified to CSA Std. C22.2 No. 68 macchina conforme alle direttive di costruzione USA-CANADA macchina conforme alle direttive di

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

Consigli per la sua piscina: Preparazione per la nuova stagione

Consigli per la sua piscina: Preparazione per la nuova stagione Consigli per la sua piscina: Preparazione per la nuova stagione Perdite Evaporazione Illuminazione Filtrazione Disinfezione e Manutenzione Svernaggio 1 La messa in funzione all inizio della stagione All

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

MANUALE SEMPLIFICATO DI SOLA MANUTENZIONE ORDINARIA PER ABBATTITORI DI FULIGGINE MOD. SMOKI-JUNIOR

MANUALE SEMPLIFICATO DI SOLA MANUTENZIONE ORDINARIA PER ABBATTITORI DI FULIGGINE MOD. SMOKI-JUNIOR Intertek Conforms to UL std. 73, 4005827 Certified to CSA Std. C22.2 No. 68 Macchina conforme alle direttive di costruzione USA-CANADA Macchina conforme alle direttive di costruzione CE MANUALE SEMPLIFICATO

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

IMPIANTI DI SPEGNIMENTO SPRINKLER. Lo standard UNI 12845

IMPIANTI DI SPEGNIMENTO SPRINKLER. Lo standard UNI 12845 IMPIANTI DI SPEGNIMENTO SPRINKLER Lo standard UNI 12845 PROGRAMMA Parte 1 Nozioni sui materiali Norma UNI NFPA Elementi di progetto Esempi di progetto Parte 2 Norma UNI 12845 Magazzini intensivi con sprinkler

Dettagli

Come si monta uno scambiatore di calore a piastre?

Come si monta uno scambiatore di calore a piastre? Pagina 1 di 5 Come si monta uno scambiatore di calore a piastre? Gli scambiatori a piastre saldobrasati devono essere installati in maniera da lasciare abbastanza spazio intorno agli stessi da permettere

Dettagli

Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw

Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw Gruppi Frigo a Pompa di Calore Digital Scroll 230/400V 05 16 Kw 1 2 3 4 5 1. Adotta refrigerante R410A, amico del nostro ambiente. 2. Design compatto: Unità con pompa acqua e vaso di espansione, basta

Dettagli

SISTEMA AD UMIDO. Manuale Tecnico d uso e Manutenzione

SISTEMA AD UMIDO. Manuale Tecnico d uso e Manutenzione Manuale Tecnico d uso e Manutenzione Ottobre 2008 Form No. F_010508 Pagina II Ottobre 15, 2008 Indice Pagina I. DESCRIZIONE DEL SISTEMA 4 II. APPLICAZIONI DEL SISTEMA 6 III. REQUISITI DEL SISTEMA 27 A.

Dettagli

QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE

QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE 1. CARATTERISTICHE DELL IMMOBILE Indirizzo: Corso Torino, 154 Anno o periodo di costruzione: 1970/1980 È soggetto a vincoli si no Sono

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

pressione pompa inferiore a 9 atm guarnizione sottocoppa sporca o consumata filtro usurato con i fori più grossi pressione pompa eccessiva

pressione pompa inferiore a 9 atm guarnizione sottocoppa sporca o consumata filtro usurato con i fori più grossi pressione pompa eccessiva ! griglia poggia tazze in basso a destra) dalla vite, facendole fare un giro completo verso -. N.B. non portare la lancetta del manometro al di sotto di 1.3. Nella tazza vi sono molti fondi. pressione

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS

Istruzioni per l uso ed il montaggio. Montaggio ADS ADS La serie ADS è stata progettata sulla base della comprovata serie di ammortizzatori per carichi pesanti LDS da utilizzare su ascensori per persone e carichi. La prova di omologazione garantisce che

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONE IDRAFLOW2 GRUPPO PER LAVAGGIO IMPIANTI TERMICI

MANUALE DI ISTRUZIONE IDRAFLOW2 GRUPPO PER LAVAGGIO IMPIANTI TERMICI MANUALE DI ISTRUZIONE IDRAFLOW2 GRUPPO PER LAVAGGIO IMPIANTI TERMICI PRECAUZIONI PRELIMINARI Assicurarsi che l apparecchio non abbia subito danneggiamenti durante il trasporto; alla consegna, estrarre

Dettagli

MANUALE REVISIONE Indice:

MANUALE REVISIONE Indice: MANUALE REVISIONE Indice: 1.0 SMONTAGGIO GENERALE 1.1 SOSTITUZIONE OLIO 1.2 RIVALVOLARE IL PISTONE 1.3 REVISIONARE IL COVER 1.4 RIASSEMBLAGGIO 1.0 SMONTAGGIO GENERALE 1 Rimuovere la molla e il portamolla.

Dettagli

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45

firing SP rin KL er idr Anti Schiuma SCH iuma watermi St gas tubi e r ACCordi giunti StAffAggio 45 Schiuma firing SPRINKLER IDRANTI SCHIUMA watermist GAS tubi e raccordi Giunti staffaggio 45 Impianti schiuma Una soluzione definitiva in applicazioni dove l acqua non basta. Per la progettazione degli

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

ASCOTECH SPRINKLER FIRE & SECURITY

ASCOTECH SPRINKLER FIRE & SECURITY HIGH-VALUE PROPERTY PROTECTION SYSTEM ASCOTECH SPRINKLER FIRE & SECURITY IMPIANTI ANTINCENDIO AUTOMATICI PER MACCHINE ELETTRICHE IMPIANTI ANTINCENDIO AUTOMATICI PER MACCHINE ELETTRICHE A) Valvola a diluvio

Dettagli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli

Comportamento degli ascensori in caso di incendio. Ing. Paolo Tattoli EN 81-73 Comportamento degli ascensori in caso di incendio Ing. Paolo Tattoli Premessa Questa norma si applica a tutti gli ascensori Deve esserci una chiara separazione tra il sistema di controllo dell

Dettagli

Sprinkler modello F1 LO Sprinkler a incasso a risposta standard modello F1 LO

Sprinkler modello F1 LO Sprinkler a incasso a risposta standard modello F1 LO Bulletin 117 Rev. X_IT Sprinkler modello F1 LO Sprinkler a incasso a risposta standard modello F1 LO Bulletin 117 Rev. X_IT Sprinkler The Designer modello F1 LO Upright standard Pendent standard Pendent

Dettagli

I-769P-DPA-ITA Valvola a preazione FireLock NXT con attuatore pneumatico/pneumatico serie 798

I-769P-DPA-ITA Valvola a preazione FireLock NXT con attuatore pneumatico/pneumatico serie 798 (A INTERLOCK DOPPIO, RILASCIO PNEUMATICO/PNEUMATICO) APPENDERE QUESTE ISTRUZIONI SULLA VALVOLA INSTALLATA PER UTILIZZARLE COME RIFERIMENTO IN FUTURO ATTENZIONE ATTENZIONE La mancata osservanza delle istruzioni

Dettagli

Procedura di Analisi del Guasto

Procedura di Analisi del Guasto Procedura di Analisi del Guasto Circolatori Elettronici (ETC, EFC, EFCG) 1) Applicazioni del circolatore Circolazione d'acqua in impianti di riscaldamento, condizionamento e refrigerazione Movimentazione

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

Istruzioni per l installazione, il funzionamento la cura e la manutenzione

Istruzioni per l installazione, il funzionamento la cura e la manutenzione Istruzioni per l installazione, il funzionamento la cura e la manutenzione Caratteristiche: Impianto bassa pressione, da 8 psi a 40 psi (da 0,6 a 2,8 bar) Nota: Per l aggiornamento di installazioni esistenti

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 1 di 5 Impianto di produzione e distribuzione Acqua alta Qualità FONTANELLO ACQUA CR-ISTAL MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 2 di 5 1. INTRODUZIONE

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 FB 800 SPECIFICHE TECNICHE Alimentazione: 220 V Frequenza: 50 Hz Max. Variazioni: tensione: + / - 5% del valore nominale Frequenza: + / -2%

Dettagli

SERIE 500 TRASMETTITORE PNEUMATICO DI PRESSIONE DIFFERENZIALE A CAMPO VARIABILE

SERIE 500 TRASMETTITORE PNEUMATICO DI PRESSIONE DIFFERENZIALE A CAMPO VARIABILE Man500n 09/2006 Istruzioni d'installazione Uso e Manutenzione SERIE 500 TRASMETTITORE PNEUMATICO DI PRESSIONE DIFFERENZIALE A CAMPO VARIABILE INDICE 1. MONTAGGIO 2. COLLEGAMENTO ALLA RETE ARIA COMPRESSA

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

GRUPPI DI ALLARME. - Campana idraulica di allarme - art.902. - Camera di ritardo - art.901 (solo per impianti a pressione variabile)

GRUPPI DI ALLARME. - Campana idraulica di allarme - art.902. - Camera di ritardo - art.901 (solo per impianti a pressione variabile) GRUPPI DI ALLARME Art. 925 Gruppo di allarme ad UMIDO Firelock serie 751 preassemblato omologato VdS/CE/LPCB per impianti antincendio a sprinkler ove non sussiste il rischio di gelo, applicazioni tipiche:

Dettagli

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio

SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio SymCAD/C.A.T.S. modulo Antincendio Potente ed aggiornato strumento di progettazione di reti idranti e sprinkler secondo le norme UNI EN 12845, UNI 10779 e NFPA 13 - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Informazioni generali Certificazioni ed Approvazioni Funzionamento

Informazioni generali Certificazioni ed Approvazioni Funzionamento Informazioni generali Le valvole a diluvio Reliable Modello DDX sono valvole differenziali con funzionamento idraulico progettate per l uso come valvole di controllo principale in sistemi antincendio a

Dettagli

Art.S001-S002 MODULO SOLARE CON ATTACCHI DI MANDATA E RITORNO

Art.S001-S002 MODULO SOLARE CON ATTACCHI DI MANDATA E RITORNO Art.S001-S002 MODULO SOLARE CON ATTACCHI DI MANDATA E RITORNO FUNZIONE I gruppi di circolazione serie S001- S002, vengono applicati sul circuito primario degli impianti solari e presiedono alla gestione

Dettagli

CONTRO LE ESPLOSIONI

CONTRO LE ESPLOSIONI DISPOSITIVI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ETEA Sicurezza s.r.l. con S.U. CONTROLLO ELETTROSTATICO MESSA A TERRA DELLE AUTOCISTERNE MESSA A TERRA DEI FUSTI MESSA A TERRA DEI BIG-BAG MESSA

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI

SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Da consegnare ai collaboratori scolastici perché segnino l intervento delle ditte esterne che sarà poi riportato sul registro antincendio SCHEDE PREVENZIONE INCENDI Scuola ESTINTORI PORTATILI ESTINTORI

Dettagli

Istruzioni d uso Stazione di filtrazione

Istruzioni d uso Stazione di filtrazione Stazione di filtrazione Costruttore: deconta GmbH Im Geer 20, 46419 Isselburg N del tipo.: 406 N di serie.:... Indice 1 Indicazioni fondamentali per la sicurezza 3 pagina 2 Descrizione tecnica 4 2.1 Modo

Dettagli

Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1.

Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1. Cambio del contenitore Rhino XD2H per sistemi a uretano con controllo a due mani Posizione dei componenti Vedi figura 1 e fare riferimento alla tabella 1. 1 6 5 2 4 3 Figura 1 Posizione dei componenti

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 5 m 3 /h Prevalenza max: 50 mc.a. Pressione d esercizio max: 8 bar Altezza d aspirazione max: 8 m Temperatura fluido max: +35 C Temperatura ambiente max: +40 C DN Attacchi:

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

GRUPPI DI ALLARME. - Campana idraulica di allarme - art.902. - Camera di ritardo - art.901 (solo per impianti a pressione variabile)

GRUPPI DI ALLARME. - Campana idraulica di allarme - art.902. - Camera di ritardo - art.901 (solo per impianti a pressione variabile) GRUPPI DI ALLARME Art. 925 Gruppo di allarme ad UMIDO Firelock serie 751 preassemblato omologato VdS/CE/LPCB per impianti antincendio a sprinkler ove non sussiste il rischio di gelo, applicazioni tipiche:

Dettagli

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA INDICE 1. Prefazione 2 2. Precauzioni di sicurezza 3 3. Struttura.. 4 4. Modo d uso. 5 a) Controllo ausiliario e display LED... 5 b) Telecomando.. 6 c) Modo d uso 7 5. Manuale operativo.. 11 6. Manutenzione.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE

GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE GLI APPARECCHI A PRESSIONE 1. TIPOLOGIE DEGLI APPARECCHI A PRESSIONE Generatore di vapore (fissi e semifissi, a tubi d acqua o tubi da fumo, grande o piccolo volume d acqua, con uno o più corpi cilindrici,

Dettagli

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO Milano, Febbraio 2012 LA MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI POMPAGGIO ANTINCENDIO La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di

Dettagli

IMPIANTI SPRINKLERS. impianti a umido. impianti a secco

IMPIANTI SPRINKLERS. impianti a umido. impianti a secco IMPIANTI SPRINKLERS impianti a umido Quello a umido è il sistema sprinkler più semplice e diffuso. E installato di frequente in stabilimenti, depositi e centri direzionali dove non esiste alcun rischio

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

impurità e magnetite separatore di Novità: LA GAMMA TACOVENT VALVOLE DI SFIATO, SEPARATORE DI IMPURITÀ E MAGNETITE

impurità e magnetite separatore di Novità: LA GAMMA TACOVENT VALVOLE DI SFIATO, SEPARATORE DI IMPURITÀ E MAGNETITE Novità: separatore di impurità e magnetite LA GAMMA TACOVENT VALVOLE DI SFIATO, SEPARATORE DI IMPURITÀ E MAGNETITE ARIA, GAS E IMPURITÀ IN SISTEMI PER IMPIANTI IDRAULICI La presenza di particelle all'interno

Dettagli

file: OSIN1.ITA ver 2.1 [090600] OSIN1 DESCRIZIONE GENERALE

file: OSIN1.ITA ver 2.1 [090600] OSIN1 DESCRIZIONE GENERALE file: OSIN1.ITA ver 2.1 [090600] OSIN1 DESCRIZIONE GENERALE L'OSIN1 è uno strumento che permette di controllare e comandare un impianto di osmosi inversa. La sezione di controllo analizza i segnali provenienti

Dettagli

KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400

KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO, ESERCIZIO E MANUTENZIONE KESSEL- Filtro per acqua piovana Sistema 400 Filtro per acqua piovana Sistema 400 da installare in condotte di scolo all aperto Filtro per acqua piovana

Dettagli

9 gennaio 2014 26a_Umido DATI TECNICI

9 gennaio 2014 26a_Umido DATI TECNICI 9 gennaio 2014 26a_Umido 1. DESCRIZIONE La valvola di allarme Viking Modello J-1 funziona da valvola di ritegno trattenendo l'acqua in pressione a valle dell'otturatore ed evitando il riflusso dell'acqua

Dettagli

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30 Scheda N 1 Estintori Tipo di controllo Sorveglianza 30 A1 Verificare i seguenti aspetti: a) l estintore sia presente e segnalato con apposito cartello, secondo quanto prescritto dalla legislazione vigente;

Dettagli

Serie ECO 3T. Disconnettore filettato a zona di pressione ridotta controllabile. made in. Campi di applicazione. Protezione. 174 www.brandoni.

Serie ECO 3T. Disconnettore filettato a zona di pressione ridotta controllabile. made in. Campi di applicazione. Protezione. 174 www.brandoni. erie ECO T Disconnettore filettato a zona di pressione ridotta controllabile made in Campi di applicazione ACQUA ANTINCENDIO ACQUA POTABILE 74 www.brandoni.it erie ECO T I disconnettori filettati ECOT

Dettagli

Manuale d uso. SSH-1 Pressa a membrana per cappelli

Manuale d uso. SSH-1 Pressa a membrana per cappelli Manuale d uso SSH-1 Pressa a membrana per cappelli 1 Parametri tecnici Tipo: SSH-1 pressa a caldo con menbrana per cappelli Potenza: 230 V 50 Hz Collegamento pneomatico: max 10 bar Consumo: 450 W Consumo

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO. 8C.52.59.00/09.09 Modifiche riservate.

ISTRUZIONI PER L USO. 8C.52.59.00/09.09 Modifiche riservate. ISTRUZIONI PER L USO 8C.52.59.00/09.09 Modifiche riservate. Sommario 1 Introduzione...3 2 Sicurezza...4 3 Descrizione della caldaia...5 4 Display e tasti...6 4.1 Tasto Reset...6 4.2 Impostazione della

Dettagli

Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione

Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione Gli impianti di scarico Indicazioni, vincoli e requisiti di progettazione Riferimento normativo Per la progettazione degli impianti di scarico si fa riferimento alla normativa europea composta da 5 parti.

Dettagli

Impianti di estinzione incendi

Impianti di estinzione incendi Impianti di estinzione incendi La nuova norma Uni EN 12845 andrà a sostituire la Uni 9490 e la Uni 9489 E' in atto un importante cambiamento normativo nel settore delle alimentazioni antincendio, che compirà

Dettagli

FILTRO PER LA DISAREAZIONE AUTOMATICA DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

FILTRO PER LA DISAREAZIONE AUTOMATICA DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO CB AQA THERM FILTRO PER LA DISAREAZIONE AUTOMATICA DI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI MACCHINA PRODUTTRICE DI GHIACCIO

LIBRETTO D ISTRUZIONI MACCHINA PRODUTTRICE DI GHIACCIO LIBRETTO D ISTRUZIONI MACCHINA PRODUTTRICE DI GHIACCIO 1 Gent.li clienti, grazie per aver acquistato la macchina produttrice di ghiaccio portatile. Per un uso corretto e sicuro vi preghiamo di leggere

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LECCO POMPE

PROVINCIA DI LECCO COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LECCO POMPE PROVINCIA DI LECCO COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LECCO POMPE Per il sollevamento di notevoli quantità di acqua si usano le pompe.

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Prevenzione degli incendi

Prevenzione degli incendi STANDARD LME-12:001905 Uit Rev A Indice 1 Introduzione... 3 2 Requisiti... 3 3 Norme operative di sicurezza... 4 3.1 Procedure di evacuazione in caso di incendio... 4 3.2 Percorsi di esodo predisposti...

Dettagli

ANDERSON GREENWOOD. Valvole di scarico di sicurezza azionate tramite pilota Serie 700 ad apertura istantanea Per alte temperature

ANDERSON GREENWOOD. Valvole di scarico di sicurezza azionate tramite pilota Serie 700 ad apertura istantanea Per alte temperature Serie 7 ad apertura istantanea Per alte temperature ANDERSON GREENWOOD La valvola di sicurezza azionata tramite pilota Serie 7 è unica nel suo genere, in quanto costituita da una valvola principale e da

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur

Protezione dal Fuoco. Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Protezione dal Fuoco Linee Guida per l Installazione e la Movimentazione dei Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Indice 1.0 Informazioni Generali sul Prodotto pag. 3 2.0 Sistemi

Dettagli

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE

OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE OPERAZIONI SVOLTE DAL NOSTRO PERSONALE ESTINTORI PORTATILI E CARRELLATI SERVIZIO DI CONTROLLO E MANUTENZIONI (ART.4 D.M. 10 MARZO 1998) UNI 9994-1 IL CONTROLLO AVVIENE TRAMITE L EFFETUAZIONE DEI SEGUENTI

Dettagli

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C antincendio art. 139 Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile ESTINTORI Kg. 6 34 A 233 BC Kg. 9 55 A 233 BC Kg. 12 55 A 233 BC art. 139/A Estintore omologato CO 2, UNI-EN 3-7 portatile Kg. 2

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

7214 0100 02/2005 IT(IT)

7214 0100 02/2005 IT(IT) 7214 0100 02/2005 IT(IT) Per l operatore Istruzioni per l uso Caldaia a gas a condensazione Logamax plus GB022-24/24K Leggere attentamente prima dell uso Importanti indicazioni d uso di carattere generale

Dettagli

PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI

PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI PRODUTTORE AUTOMATICO DI GHIACCIO A CUBETTI MANUALE DI PULIZIA E SANITIZZAZIONE RISERVATO AL MANUTENTORE AUTORIZZATO 24847 ed. 10-2007 È vietata la riproduzione, anche solo parziale, del presente manuale.

Dettagli

SIR 900-1100. STAZIONI INTERMEDIE DI DRENAGGIO Acque cariche collettive 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

SIR 900-1100. STAZIONI INTERMEDIE DI DRENAGGIO Acque cariche collettive 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Volume utile fino a: 1100 00 L 900 60 L Temperatura ambiente: da 0 a + 0 C Temperatura max fluido: + 40 C* Passaggio libero pompa: 6 mm Ø entrata: 10 mm DN Ø uscita: 1 1/2 Ø ventilazione:

Dettagli

RECUPERATORI DI CALORE

RECUPERATORI DI CALORE RECUPERATORI DI CALORE Serie HRE-ECO MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE Istruzioni originali UTEK srl. Via provinciale, 30 23030 Mazzo di Valtellina (So) Tel. + 39 0342 862031 Fax + 30 0342 862029

Dettagli

Piano di manutenzione della struttura dell opera 1. Premessa manuale d uso manuale di manutenzione programma di manutenzione delle strutture

Piano di manutenzione della struttura dell opera 1. Premessa manuale d uso manuale di manutenzione programma di manutenzione delle strutture Piano di manutenzione della struttura dell opera.- Cap.10 delle Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14 gennaio 2008) e Circolare Esplicativa 2 febbraio 2009, 617 1. Premessa Il piano di manutenzione

Dettagli

Montaggio impianto solare a Circolazione Naturale Collegamento Acqua Fredda Acqua calda e Kit scambio

Montaggio impianto solare a Circolazione Naturale Collegamento Acqua Fredda Acqua calda e Kit scambio Montaggio impianto solare a Circolazione Naturale Collegamento Acqua Fredda Acqua calda e Kit scambio -2- Alimentazione Monofase 230Vac Neutro Fase - 3 - Passo 1 MONTAGGIO SISTEMA 3 PANNELLI Per regolare

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli