INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE"

Transcript

1 INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE LE ORIGINI, LA STORIA, L EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEL COMPARTO DELLE DEMOLIZIONI IN ITALIA E NEL MONDO

2 LE ORIGINI DELLA DEMOLIZIONE La filosofia di demolire per ricostruire o ristrutturare ha assunto un ruolo sempre più rilevante man mano che si è incominciato a valorizzare lo spazio o più precisamente il volume. Nell antichità queste esigenze erano praticamente inesistenti e prevaleva in concetto del riadattare volumi già esistenti o abbandonare le vecchie costruzioni per edificare in nuovi spazi. Questo è il motivo per cui oggi possiamo ancora godere del nostro immenso patrimonio archeologico.

3 LE PRIME GRANDI OPERE DI DEMOLIZIONE Le prime grandi opere di demolizione di cui si ha traccia documentata risalgono al 1330, dove per fare spazio alla Piazza del Duomo si sono demolite numerose abitazioni risalenti al medio evo. Dalle testimonianze degli archivi storici pare che questa estesa demolizione abbia reso la futura Piazza del Duomo simile a molte zone di Milano dopo i bombardamenti del Uno dei primi esempi di demolizione di grande portata dell età moderna fu quella dei borghi di Castel S.Angelo commissionata dal regime fascista e finalizzata alla creazione di un ingresso al maggior tempio della cristianità degno dell Urbe che divenne poi su progetto degli architetti Piacentini e Spaccarelli, via della Conciliazione. Significativa fu la cerimonia di inaugurazione per l inizio dei lavori a cui partecipò Benito Mussolini, che sferrò il primo colpo con un robusto piccone, segno che ai tempi gli strumenti per la demolizione non erano altro che banalissimi attrezzi manuali presi in prestito da altre attività come quella di scavo. I lavori iniziati il 28 ottobre 1936 si sono conclusi l 8 ottobre 1937 per un totale di metri cubi di edifici demoliti in un anno di lavoro.

4 DA DOVE NASCONO LE IMPRESE DI DEMOLIZIONE Le prime imprese operanti in questo settore nascono a cavallo tra gli anni 50 e 60, ma la vera e propria svolta verso la demolizione come attività specializzata la si ha tra gli anni 70 ed 80. Le radici delle imprese di demolizione si possono ricondurre a tre grandi tipologie di attività che singolarmente hanno determinato lo sviluppo tecnologico della demolizione e l attuale stato dell arte, esse sono: Da ogni tipologia di attività sono scaturite le idee, le esigenze, i contesti che hanno determinato la moderna demolizione.

5 LE ATTIVITA EDILI Le imprese edili convertite alla demolizione o che hanno creato vere e proprie divisioni con specializzazione nella demolizione hanno portato innovazione nelle tecniche che vengono denominiate a bassa invasività dove cioè risulta determinante demolire porzioni ridotte di fabbricato preservandone le strutture portanti. Questo tipo di tecniche risulta utile nella ristrutturazione degli edifici

6 LE ATTIVITÀ DI SCAVO E MOVIMENTO TERRA Dalle attività di scavo e movimento terra è derivato l impulso alla meccanizzazione della demolizione finalizzata alla produzione di grandi volumi da cui appunto sono stati mutuati i primi escavatori specificatamente attrezzati. Allo stesso modo dalle imprese di scavo è stato appreso anche l impiego dell esplosivo nelle fasi della demolizione

7 ATTIVITÀ DI RECUPERO DEI MATERAILI FERROSI Dalle imprese di recupero e commercio dei materiali ferrosi, sono state apprese le tecniche di taglio a caldo e a freddo dei metalli e la filosofia del trattamento e del recupero dei materiali.

8 LE ATTUALI IMPRESE DI DEMOLIZIONE Le attuali imprese di demolizione hanno radici in queste tre attività e nella quasi totalità dei casi nascono proprio come imprese edili, imprese di movimento terra e commercianti di rottami che evolvendosi assumono l attuale identità di azienda di demolizione sfruttando le specifiche conoscenze. La miscellanea di tutte queste esperienze ha portato allo scenario attuale della moderna impresa di demolizione in grado di svolgere demolizioni selettive, meccanizzate, in quota e garantire il recupero della maggior parte dei materiali

9

10 L EVOLUZIONE TECNICA DELLE IMPRESE La spinta alla specializzazione e soprattutto all evoluzione tecnologia delle imprese di demolizione si è determinata, quando sono stati appaltati i primi lavori di demolizione estesi e con importi economici tali da giustificare cospicui investimenti in queste attività. Tutte le imprese di demolizione attualmente presenti sul mercato hanno affrontato un percorso che le ha portate gradualmente a raggiungere dimensioni e organizzazione tali da poter affrontare le prime grandi commesse. Risulta quindi fondamentale, come per tutte le altre attività economiche, l importanza delle grandi commesse per spingere le imprese ad investire in ricerca ed evoluzione tecnologica.

11 L EVOLUZIONE TECNICA DELLE IMPRESE Le prime demolizioni soprattutto nel campo edile avvenivano con tecniche rudimentali e con un altissima componente di manodopera. Le demolizioni edili si facevano prevalentemente con mazze e picconi; per i primi abbattimenti si utilizzavano inoltre rudimentali binde. Di questo vi è addirittura traccia nell attuale ordinamento legislativo italiano in cui si descrive la tecnica di demolizione come un attività di progressiva erosione della struttura attraverso lo scalzamento dei materiali lapidei dall alto verso il basso. In un secondo tempo sono comparse le prime gru dotate di palla metallica (quelle dei film americani degli anni 40-50), ma come ben si può immaginare siamo lontani da macchine specialistiche e dal concetto di demolizione organizzata, selettiva e soprattutto sicura

12 L EVOLUZIONE TECNICA DELLE IMPRESE L evoluzione del tessuto economico nel mondo occidentale, l applicazione dei principi di qualità totale, sicurezza e tutela ambientale si conciliavano poco con l attività di demolizione rudimentale che dava la netta impressione di un processo di disgregazione casuale, incurante degli aspetti ambientali (rumore, polveri, vibrazioni, ecc.) e soprattutto incontrollabile e quindi poco sicuro. La volontà di perseguire gli obbiettivi di qualità totale, tutela ambientale e sicurezza sia da parte delle committenti che da parte delle imprese ha determinato un forte impulso alla specializzazione giustificando quindi sforzi per investimenti notevoli nella creazione di tecnologie, macchine e figure professionali specifiche per la demolizione ed in grado di raggiungere elevate performances operative.

13 L EVOLUZIONE TECNICA DELLE IMPRESE L evoluzione tecnologica ha giocato un ruolo fondamentale nell attuale assetto delle moderne imprese di demolizione, lo sviluppo delle macchine operatrici, nella parte idraulica ed elettronica e la collaborazione delle imprese di demolizione con i costruttori di macchine ha portato ad oggi a brillanti risultati. Basti pensare che sono presenti sul mercato escavatori con bracci di altezze operative che superano i 60 metri. Gli stessi possono essere dotati di radiocomandi e telecamere per eseguire demolizioni in zone a rischio senza la presenza fisica dell operatore. Sono stati ideati i sistemi di demolizione aerea (Fly Demolition System), il taglio dei materiali metallici non avviene più solo con cannello ossipropanico ma con speciali cesoie installate su escavatori di tutte le taglie

14 L EVOLUZIONE TECNICA DELLE IMPRESE L evoluzione tecnologica inoltre ha portato anche notevoli miglioramenti nel campo ambientale mettendo a disposizione delle imprese efficaci sistemi di abbattimento delle polveri, dei fumi da taglio, tecnologie per il controllo delle vibrazioni. In ultima analisi, ma primo in ordine di importanza è stato anche l apporto tecnologico alla sicurezza degli operatori.

15 L EVOLUZIONE TECNICA DELLE IMPRESE Lo sviluppo di una cultura sempre più ingeneristica nelle imprese di demolizione, la necessità di dare risposte concrete a committenze sempre più esigenti e a precisi disposti normativi, ha creato i presupposti per un forte impulso alla ingegnerizzazione delle attività e quindi alla progettazione. Questo ha portato a indiscutibili risultati in termini di sicurezza, organizzazione del lavoro, pianificazione e controllo delle commesse. Oggi le moderne imprese di demolizione non possono prescindere da una rigorosa progettazione delle commesse

16 LE IMPRESE DI DEMOLIZIONE OGGI Le moderne imprese di demolizione sono attualmente in grado di affrontare qualsiasi problema di demolizione partendo da un processo di analisi, passando alla scelta delle tecnologie, alla progettazione, per poi approdare alla realizzazione dell opera con personale e macchine altamente specializzate e performanti. Ovviamente, come avviene in qualsiasi comparto dell economia moderna, lo sviluppo tecnologico e gli investimenti nella ricerca non devono mai fermarsi; occorrono sempre menti in crescita e idee brillanti per sviluppare un settore che, anche dal punto di vista tecnologico, si può ancora ritenere abbastanza giovane. NAD oggi raggruppa le più importanti imprese di demolizione italiane, le rappresenta e le supporta con attività di studio, ricerca e formazione per alimentare e far crescere la cultura della sicurezza, qualità e etica, fattori imprescindibili per lo viluppo economico e sociale di un impresa

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T.

ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO I.S.P.E.S.L. REGIONI PROGETTO SI.PRE. COMPARTO CANTIERI EDILI DEMOLIZIONE EDIFICI C.P.T. TORINO 1 PROFILO DI RISCHIO NEL COMPARTO COSTRUZIONI

Dettagli

LA SICUREZZA TECNOLOGIE

LA SICUREZZA TECNOLOGIE LA SICUREZZA SI COSTRUISCE SULLA FLOTTA DI MACCHINE, SUGLI UOMINI, SUL SERVIZIO A 360, SUL COORDINAMENTO DEL CANTIERE E SULL ESPERIENZA DEI PROTAGONISTI DI FEDERICA DELUCCHI 110 Demolizione &RICICLAGGIO

Dettagli

GIGANTE IN CITTÀ RIQUALIFICAZIONE. È INIZIATA LA MEDIAGROUP A MILANO. ATTRICE DEMOLIZIONI SPECIALI. RAS DEMOLITION ESCAVATORI CINGOLATI

GIGANTE IN CITTÀ RIQUALIFICAZIONE. È INIZIATA LA MEDIAGROUP A MILANO. ATTRICE DEMOLIZIONI SPECIALI. RAS DEMOLITION ESCAVATORI CINGOLATI ESCAVATORI CINGOLATI GIGANTE RIQUALIFICAZIONE. È INIZIATA LA DEMOLIZIONE DI ALCUNI FABBRICATI DELLA RCS MEDIAGROUP A MILANO. ATTRICE PROTAGONISTA, LA VITALI DEMOLIZIONI SPECIALI. RAS DEL CANTIERE, IL NUOVO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG69U ATTIVITÀ 45.25.0 ATTIVITÀ 45.21.2 DEMOLIZIONE DI EDIFICI E SISTEMAZIONE DEL TERRENO TRIVELLAZIONI E PERFORAZIONI

STUDIO DI SETTORE TG69U ATTIVITÀ 45.25.0 ATTIVITÀ 45.21.2 DEMOLIZIONE DI EDIFICI E SISTEMAZIONE DEL TERRENO TRIVELLAZIONI E PERFORAZIONI STUDIO DI SETTORE TG69U ATTIVITÀ 45.11.0 DEMOLIZIONE DI EDIFICI E SISTEMAZIONE DEL TERRENO ATTIVITÀ 45.12.0 TRIVELLAZIONI E PERFORAZIONI ATTIVITÀ 45.21.1 LAVORI GENERALI DI COSTRUZIONE DI EDIFICI ATTIVITÀ

Dettagli

AZIENDA Erano gli anni 20 quando Angelo Guardafigo iniziò ad operare nel settore del recupero dei rottami metallici e del riciclaggio di materiali ferrosi. I due figli, Roberto e Valentino, continuarono

Dettagli

Demolire in città è sempre una questione complessa, per la sensibilità del contesto

Demolire in città è sempre una questione complessa, per la sensibilità del contesto demolizioni e bonifiche Una calda estate di demolizioni Armofer ha completato la demolizione dell edificio multipiano lungo viale Boezio a Milano, demolendo con mezzi di grande potenza anche a filo strada,

Dettagli

SERREMAR S.r.l. Costruzioni Generali. La migliore tecnologia al Vostro servizio IT

SERREMAR S.r.l. Costruzioni Generali. La migliore tecnologia al Vostro servizio IT SERREMAR S.r.l. Costruzioni Generali La migliore tecnologia al Vostro servizio IT LA MIGLIORE TECNOLOGIA AL VOSTRO SERVIZIO Forte di una consolidata esperienza, SERREMAR opera nel settore edile e delle

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio.

Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Al servizio dell ambiente, al vostro servizio. Tutte le risposte che cercate, in un unico Partner Da 50 anni operiamo al fianco di Aziende, Enti e Comuni, fornendo servizi di recupero e trattamento di

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

ESPERIENZA E PROFESSIONALITÀ AL VOSTRO SERVIZIO

ESPERIENZA E PROFESSIONALITÀ AL VOSTRO SERVIZIO CORPORATE BROCHURE Impresa Edile Barzon Stefano - 2013 Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta in qualsiasi forma e con qualsiasi altro mezzo elettronico o meccanico

Dettagli

Anagrafica SI.GE.CO Costruzioni S.r.l. P. I.V.A. C.F.

Anagrafica SI.GE.CO Costruzioni S.r.l. P. I.V.A. C.F. INDICE SI.GE.CO Costruzioni S.r.l. pag. Anagrafica 2 Attestato SOA 4 Certificato ISO 5 Cenni Storici 6 Organigramma 8 Attività 9 Mercato 13 Modello Business 14 Elenco lavori eseguiti ultimo decennio 15

Dettagli

SCAVI E MOVIMENTO TERRA

SCAVI E MOVIMENTO TERRA STORIA DELL IMPRESA L azienda ha le sue origini nell anno 1960, quando il padre dell attuale titolare si trasferì in territorio Lainatese dal Piacentino e per primo inizia ad eseguire scavi mediante l

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

Il mercato delle ristrutturazioni a Roma

Il mercato delle ristrutturazioni a Roma CRESME RICERCHE SPA Il mercato delle ristrutturazioni a Roma La cifra di affari realizzata nel 2003 dal settore delle costruzioni nella provincia di Roma ammonta a 7,4 miliardi di, di cui 2,8 miliardi

Dettagli

LE DEMOLIZIONI CORSO DI COSTRUZIONI EDILI. Prof. Maurizio Nicolella

LE DEMOLIZIONI CORSO DI COSTRUZIONI EDILI. Prof. Maurizio Nicolella LE DEMOLIZIONI CORSO DI COSTRUZIONI EDILI Demolizione tradizionale La tecnica di demolizione tradizionale è quella più diffusa in Italia. Viene effettuata con l ausilio di mezzi meccanici quali: escavatori

Dettagli

I fabbricati industriali

I fabbricati industriali I fabbricati industriali Fabbricati industriali 1 Generalità La scelta di un tipo di fabbricato è determinata dal plant layout, ossia dalla sistemazione dei macchinari, dei reparti dei servizi e quant

Dettagli

Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile

Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2011 Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile Ing. Marco Frigerio Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile La sicurezza degli operatori e dell

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Si demolisce nel cuore di Milano, fra il traffico, le attività economiche, la residenza,

Si demolisce nel cuore di Milano, fra il traffico, le attività economiche, la residenza, Demolizioni e bonifiche Armofer demolisce a Milano, CityLife La gestione coordinata di un cantiere complesso in ambito urbano. Armofer demolisce gli ultimi lotti della ex Fiera Campionaria della città,

Dettagli

MOBILE FLESSIBILE POTENTE BLUE SHARK. Mulino a Martelli mobile. www.zato.it

MOBILE FLESSIBILE POTENTE BLUE SHARK. Mulino a Martelli mobile. www.zato.it Mulino a Martelli mobile BLUE SHARK MOBILE RECYCLING FLESSIBILE POTENTE www.zato.it LA SOLUZIONE IDEALE PER LA TRASFORMAZIONE DI ROTTAMI METALLICI MEDIO PESANTI IN PROLER DI ELEVATA QUALITÀ, IN VERSIONE

Dettagli

Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie

Codici ATECO (2007) aziende beneficiarie Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo 11, comma 5, del d.lgs.

Dettagli

SQUADRA SPECIALE BONIFICHE AMBIENTALI. 4 Qui vengono fatti i prelievi per valutare la salubrità dell aria in cantiere. dell intero edificio.

SQUADRA SPECIALE BONIFICHE AMBIENTALI. 4 Qui vengono fatti i prelievi per valutare la salubrità dell aria in cantiere. dell intero edificio. SQUADRA SPECIALE Confinamento 2 1 statico dell intero edificio. Prese d aria passive sigillate con pre filtri per il corretto flusso d aria interno. Estrattore d aria da 50.000 m 3 per il confinamento

Dettagli

50 Anni e non sentirli

50 Anni e non sentirli 50 Anni e non sentirli A un anno dal terremoto che ha colpito gravemente l Emilia, siamo stati a Mirandola per vedere a che punto è la ricostruzione della Mantovanibenne srl, che si prepara a festeggiare

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VK18U ATTIVITÀ 71.11.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA

STUDIO DI SETTORE VK18U ATTIVITÀ 71.11.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA STUDIO DI SETTORE VK18U ATTIVITÀ 71.11.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA Febbraio 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UK18U Studi di architettura - è stata condotta analizzando i modelli

Dettagli

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA Il nostro migliore investimento è il tempo dedicato a comprendere e soddisfare le esigenze della clientela, mettendo a disposizione della medesima servizi di consulenza e prodotti finanziari di alta qualità.

Dettagli

il progresso industriale e culturale

il progresso industriale e culturale Pag. 1 L'IMPRESA EDILE ABBADESSE S.R.L. nasce nel 1975 come ditta individuale su iniziativa del geom. Mario Marangoni. e si sviluppa in un unico insediamento di circa 5.000 mq in cui sorgono la sede ed

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA Dopo le misure per l efficienza energetica contenute in finanziaria arriva un decreto legislativo che spinge l industria italiana

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. CIRCOLARE N. 22 DEL 15/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. 2 IN SINTESI: Come noto, a decorrere dall

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

!!! J/T/M/F/N/!t/s/m/! Jmpresa Tcarpa Mavori Fdili e Narittimi

!!! J/T/M/F/N/!t/s/m/! Jmpresa Tcarpa Mavori Fdili e Narittimi J/T/M/F/N/t/s/m/ Jmpresa Tcarpa Mavori Fdili e Narittimi J/T/M/F/N/t/s/m/ è presente nel settore delle costruzioni fin dal 1960. La lunga esperienza maturata nel corso di più di cinquant anni di attività

Dettagli

Aprile 2006: Numero 7

Aprile 2006: Numero 7 Aprile 2006: Numero 7 NEWSLETTER FINANZIARIA POLIGRAFICA SAN FAUSTINO La Newsletter è disponibile online all indirizzo www.psf.it Alberto Frigoli In questo numero: - Lettera del Presidente - Evoluzione

Dettagli

LE ALIQUOTE IVA DA APPLICARE

LE ALIQUOTE IVA DA APPLICARE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: AGGIORNAMENTO SULL AGEVOLAZIONE FISCALE LE ALIQUOTE IVA DA APPLICARE Relatore: Consulente del Collegio dei Geometri di Treviso Treviso 19 marzo 2013 interventi di recupero del

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

Oggetto: ANCORA MOLTI DUBBI NELL APPLICAZIONE DELLE NUOVE IPOTESI DI REVERSE CHARGE GIÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015

Oggetto: ANCORA MOLTI DUBBI NELL APPLICAZIONE DELLE NUOVE IPOTESI DI REVERSE CHARGE GIÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 Firenze, 26/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: ANCORA MOLTI DUBBI NELL APPLICAZIONE DELLE NUOVE IPOTESI DI REVERSE CHARGE GIÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 La Legge di Stabilità per l anno 2015

Dettagli

RIFACIMENTI REFRATTARI - COSTRUZIONI INDUSTRIALI

RIFACIMENTI REFRATTARI - COSTRUZIONI INDUSTRIALI Chi siamo COGEN 2000 SRL è una realtà societaria oramai affermata sul territorio nazionale e non solo, è una ditta altamente specializzata nella costruzione e rifacimento di forni in refrattario. La società

Dettagli

Fiscal News N. 168. Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata. La circolare di aggiornamento professionale 18.06.2014

Fiscal News N. 168. Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata. La circolare di aggiornamento professionale 18.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 168 18.06.2014 Manutenzione immobili e aliquota IVA agevolata Categoria: IVA Sottocategoria: Aliquota applicabile Nell ambito degli interventi

Dettagli

DOSSIER D.Lgs 311 e 192. Schermature Solari

DOSSIER D.Lgs 311 e 192. Schermature Solari DOSSIER D.Lgs 311 e 192 Schermature Solari Governo italiano Presidenza del Consiglio dei Ministri È stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri di oggi, il decreto legislativo che modifica

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

Comunicazione: Le politiche provinciali per l efficienza energetica e la sostenibilità

Comunicazione: Le politiche provinciali per l efficienza energetica e la sostenibilità Incontri di informazione sulla riforma istituzionale Comunicazione: Le politiche provinciali per l efficienza energetica e la sostenibilità arch. Giacomo Carlino arch. Felicia Galeotafiore Agenzia Provinciale

Dettagli

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico;

stabilire che gli edifici immessi nel mercato immobiliare dichiarino il proprio consumo energetico; BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA I l 22 dicembr e 2006, il Consiglio dei minist ri ha approvat o in via definit iva un decreto legislat ivo che spinge l industria it aliana delle costr uzioni verso

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Oggetto: Estensione del reverse charge Primi orientamenti ANCE.

Oggetto: Estensione del reverse charge Primi orientamenti ANCE. CIRCOLARE N. 039 Bergamo, 30 gennaio 2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Estensione del reverse charge Primi orientamenti ANCE. Dal 1 gennaio 2015, è operativa l estensione del meccanismo dell

Dettagli

01pessot AMADA MACHINE TOOLS EUROPE SEGATRICI ORIZZONTALI A NASTRO

01pessot AMADA MACHINE TOOLS EUROPE SEGATRICI ORIZZONTALI A NASTRO 01pessot AMADA MACHINE TOOLS EUROPE SEGATRICI ORIZZONTALI A NASTRO > Technical Center di Amada Italia I AMADA GROUP Le tecnologie AMADA Il Gruppo AMADA con oltre 6000 dipendenti ed un fatturato di 2 miliardi

Dettagli

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATI SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SCUOLA SUPERIORE DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE La Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze (SSEF) è la Scuola nazionale per la formazione del personale

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto

Dettagli

Diamo vita alle idee.

Diamo vita alle idee. Diamo vita alle idee. 1 Lo staff delle nostre quattro sedi in Svizzera si occupa di architettura, ingegneria, rappresentanza di committenti, risparmio energetico, direzione lavori e finanze con un unico

Dettagli

Viale Belforte, 273 info@scavideluis.it Tel. 0332 333078 21100 VARESE (VA) www.scavideluis.it Fax 0332 333616

Viale Belforte, 273 info@scavideluis.it Tel. 0332 333078 21100 VARESE (VA) www.scavideluis.it Fax 0332 333616 1951 2016 Viale Belforte, 273 info@scavideluis.it Tel. 0332 333078 21100 VARESE (VA) www.scavideluis.it Fax 0332 333616 1951 2016 L impresa Scavi De Luis Srl, realtà consolidata da sessantacinque anni,

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

CON 336E H SI APRE UNA NUOVA FILOSOFIA

CON 336E H SI APRE UNA NUOVA FILOSOFIA Il costruttore americano ha progettato l 336E H con l obiettivo di garantire la medesima durevolezza e affidabilità che contraddistingue tutti i macchinari Cat, inclusi gli escavatori di grandi dimensioni

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 14/E del 27 marzo 2015 (la Circolare ), ha

Dettagli

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA)

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) 1 - Descrizione dell intervento a difesa del suolo1 Lo scopo dell intervento è quello di realizzare un drenaggio a bassa profondità in trincea

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

DELLA BORSA già Piazza della Dogana

DELLA BORSA già Piazza della Dogana DELLA BORSA già Piazza della Dogana Piazza della Borsa è una delle piazze principali di Trieste : non nasce a tavolino ma è uno spazio urbano che si delinea gradualmente, senza una pianificazione ma in

Dettagli

Macchine Mezzi d Opera Attrezzature

Macchine Mezzi d Opera Attrezzature Macchine Mezzi d Opera Attrezzature Casa editrice la fiaccola srl Costruzioni N 692 anno LXIV 7_luglio 2015 Macchine&Componenti SOLLEVATORI TELESCOPICI TRE MANITOU HEAVY IN ANTEPRIMA ASSOLUTA Riciclaggio&Demolizione

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

re-building sicurezza anti-sismica innovazione materiali & tecnologie comfort sostenibilità efficienza energetica impianti

re-building sicurezza anti-sismica innovazione materiali & tecnologie comfort sostenibilità efficienza energetica impianti anti-sismica sostenibilità impianti sicurezza comfort materiali & tecnologie innovazione re-building efficienza energetica costruire e rinnovare in modo sostenibile e sicuro il maxi-evento di MADE expo

Dettagli

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA 1) Potenziamento e riassetto degli Organi di Vigilanza 2) Formazione e promozione della cultura della prevenzione. Inserimento

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5)

Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5) Riferimento giuridico: Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. n.81/2008 Art.11 comma 5) FINALITA Con il Bando FIPIT l INAIL mette a disposizione 30 Milioni di euro al fine

Dettagli

COSTRUZIONI EDILI RISTRUTTURAZIONI CARPENTERIA IN LEGNO

COSTRUZIONI EDILI RISTRUTTURAZIONI CARPENTERIA IN LEGNO COSTRUZIONI EDILI RISTRUTTURAZIONI CARPENTERIA IN LEGNO CHI SIAMO La Società Zanettin Mirco Srl è una ditta artigiana che opera nel settore dell edilizia, conta sulla pluriennale esperienza dei soci, infatti

Dettagli

FORUM SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NORMATIVA E CRITICITA IRRISOLTE. Il Coordinatore della Sicurezza e le recenti modifiche legislative

FORUM SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NORMATIVA E CRITICITA IRRISOLTE. Il Coordinatore della Sicurezza e le recenti modifiche legislative Ing. Marco CONTI FORUM SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NORMATIVA E CRITICITA IRRISOLTE Il Coordinatore della Sicurezza e le recenti modifiche legislative INTRODUZIONE Legge 1 ottobre 2012, n. 177 Modifiche

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE EDIL R.E.M. COSTRUZIONI S.R.L. Località Borgo San Martino 62 12042 Bra (CN) - Tel.0172 478289 - Fax 0172 478128 P.Iva e Cod.Fiscale : 03188050045 - R.E.A. nr. 270189 E-MAIL : info@edilremcostruzioni.it

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

Geberit dà spazio alle idee con un draft.

Geberit dà spazio alle idee con un draft. Geberit dà spazio alle idee con un draft. Praticamente ridisegnare il bagno, la proposta che Geberit ha rivolto ad una selezione di architetti di Roma chiamati a tracciare un veloce ed essenziale draft

Dettagli

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server SYSTEM LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server MONTAIR è il marchio che rappresenta l eccellenza sul mercato per la produzione di prodotti per applicazioni

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Reverse charge: pubblicata la Circolare ministeriale

Reverse charge: pubblicata la Circolare ministeriale Reverse charge: pubblicata la Circolare ministeriale Finalmente è stata pubblicata dall Agenzia delle Entrate la circolare n. 14/E del 27 marzo che chiarisce alcuni punti in merito all estensione del meccanismo

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

CONGIUNTURA EDILE 2013 INDAGINE SUL SETTORE EDILE DELLA PROVINCIA DI BIELLA. A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con

CONGIUNTURA EDILE 2013 INDAGINE SUL SETTORE EDILE DELLA PROVINCIA DI BIELLA. A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con CONGIUNTURA EDILE 2013 INDAGINE SUL SETTORE EDILE DELLA PROVINCIA DI BIELLA A CURA DELL UFFICIO STUDI in collaborazione con CONGIUNTURA EDILE 2013 Costruzioni: è ancora crisi, ma con qualche timido segnale

Dettagli

CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO

CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO CON NOI IL FUTURO È SOTTO CONTROLLO PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA, TELECOMUNICAZIONI E CONTROLLO UNA SOLUZIONE A OGNI ESIGENZA Operiamo da molti anni nel

Dettagli

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30.

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Proto Tilocca Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Intanto permettetemi di ringraziare, a nome del CTM, la Regione non solo per averci

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. progettazione e realizzazione opere edili

S.G.M. geologia e ambiente. progettazione e realizzazione opere edili S.G.M. geologia e ambiente progettazione e realizzazione opere edili SCAVI E MOVIMENTI TERRA, DEMOLIZIONI, OPERE DI URBANIZZAZIONE, ACQUEDOTTI E FOGNATURE, TRATTAMENTO ACQUE REFLUE, IMPIANTI ELETTRICI,

Dettagli

La Dexplo è una delle. Quando conta la sostanza. P tecnologie

La Dexplo è una delle. Quando conta la sostanza. P tecnologie Quando conta la sostanza La Dexplo è una piccola realtà italiana che, forte di una ottima esperienza tecnica maturata nei maggiori cantieri di demolizione italiani, realizza interventi chiavi in mano dall

Dettagli

La tradizione incontra il digitale PAZZINI EDITORE. Canon Italia. Case Study

La tradizione incontra il digitale PAZZINI EDITORE. Canon Italia. Case Study La tradizione incontra il digitale PAZZINI EDITORE Canon Italia Case Study Pazzini è in grado di soddisfare tutte le esigenze di stampa, dalle pre-tirature alle elevate quantità Pazzini Stampatore Editore

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

Nuovo ampliamento per l Ospedale di Venezia

Nuovo ampliamento per l Ospedale di Venezia Progetti Roberto Gamba Il progetto di un nuovo ospedale per Venezia fu ideato nel 1964 da Le Corbusier; non fu realizzato, ma è rimasto a testimoniare la possibilità di incidere con la nuova architettura

Dettagli

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Nell ultimo decennio, nei paesi OCSE, le imprese nate da cinque anni o meno hanno generato quasi la metà di tutti i nuovi posti di lavoro, mentre

Dettagli

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n.23.1 P.TA A MARE VIA DI VIACCIA D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

Gamberame Nord Vaiano, Prato

Gamberame Nord Vaiano, Prato Gamberame Nord Vaiano, Prato NON FAR SCORRERE L ACQUA INUTILMENTE L IMPIANTO IDROELETTRICO DI GAMBERAME E IL SUO GIARDINO DELLE RINNOVABILI Roberto Gualtieri - presidente di H2E srl In questi periodi dove

Dettagli

Fiscal News N. 105. Aliquota IVA 10% e beni significativi. La circolare di aggiornamento professionale 26.03.2015 R.M. 25/E/2015

Fiscal News N. 105. Aliquota IVA 10% e beni significativi. La circolare di aggiornamento professionale 26.03.2015 R.M. 25/E/2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 105 26.03.2015 Aliquota IVA 10% e beni significativi R.M. 25/E/2015 Categoria: IVA Sottocategoria: Aliquote applicabili Nell ambito degli interventi

Dettagli

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A...pag. 2 E345 Le regole tecniche per la formazione

Dettagli

L ATTIVITÀ FORMATIVA DI NAD

L ATTIVITÀ FORMATIVA DI NAD L ATTIVITÀ FORMATIVA DI NAD Ivan Poroli Responsabile Commissione Tecnica 10 ANNI DI IMPEGNO GUARDANDO AL FUTURO IV Convegno NAD Associazione Nazionale Demolitori Italiani Sabato 22 giugno 2013 - Milano

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

INDICE. Articolo 2 SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALL ART. 24, COMMA 3, E DALL ART. 25, COMMA 1, DEL D.P.R. 380/2001

INDICE. Articolo 2 SANZIONI AMMINISTRATIVE PREVISTE DALL ART. 24, COMMA 3, E DALL ART. 25, COMMA 1, DEL D.P.R. 380/2001 COMUNE DI AGUGLIANO PROVINCIA DI ANCONA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE A TITOLO DI OBLAZIONE PREVISTE DAGLI ARTT. 24, 25 E 37 DEL

Dettagli